L innovazione è una componente chiave per la crescita economica

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L innovazione è una componente chiave per la crescita economica"

Transcript

1 L innovazione è una componente chiave per la crescita economica Fonte: The European House - Ambrosetti su dati OCSE e FMI,

2 Oggi il modello di innovazione è collaborativo Il premio competitivo è legato alla capacità di massimizzare le connessioni (qualità e quantità) tra attori diversi all interno di ecosistemi di innovazione integrati, operanti su scale e ambiti geografici differenziati 2

3 Tutti i Paesi più dinamici stanno puntando a costruire dei cluster innovativi di eccellenza Fonte: The European House - Ambrosetti,

4 Dallo scorso anno abbiamo analizzato molti casi di successo Canada e il cluster high-tech di Toronto Cile e il programma Start Up Chile Corea del Sud e piano cluster industrial tematici Finlandia e il distretto innovativo di Tempere Francia e il campus di Parigi-Saclay Israele e area della Silicon Wadi (Tel Aviv) Regno Unito e il cluster tecnologico di Cambridge Singapore e l Agenzia Astar per l innovazione Stati Uniti e la Silicon Valley Svezia-Danimarca con la Medicon Valley di Malmo Svizzera e le università EPFL Losanna e ETH Zurigo 4

5 Un caso di interesse: la Francia 1/2 Dal 2004 la Francia ha lanciato il progetto pôles de compétitivité Focus: progetti di R&S finalizzati allo sviluppo di nuovi prodotti e processi con precisa connotazione territoriale e con coinvolgimento di grandi imprese e PMI, centri di ricerca e autorità locali Ad oggi creati 71 poli di competitività con aziende coinvolte (di cui l 86% PMI) Dal 2005 al 2013, finanziamento pubblico di progetti di R&S per 2,4 mld, con una spesa totale attivata in R&S di oltre 6 mld e ricercatori coinvolti A dicembre 2013, lanciato concorso mondiale per generare innovazioni strategiche per l avvenire della Francia (focus su: stoccaggio energia, riciclo materie, economia marina, chimica verde, sanità e ageing society, big data) 5

6 Un caso di interesse: la Francia 2/2 Nel 2008 è stato avviato il cluster dell innovazione di Paris-Saclay Investimento pubblico di 5 mld all interno del progetto di sviluppo territoriale «Grand Paris» (investimento di 30 mld ) Obiettivo: riunire le Università e centri di ricerca della periferia di Parigi in uno dei primi campus globali a schema pubblico-privato Ad oggi Parigi-Saclay ha: 2 Università, 10 grande écoles e 6 istituti di ricerca con 60mila studenti e 20mila ricercatori; 7 dei 23 centri di tech transfer (Carnot Institute); 3 incubatori d impresa e aziende Lo sviluppo del cluster è governato dalla Paris-Saclay Development Authority (PDA), autorità pubblica sotto il controllo del Ministero dell Istruzione e della Ricerca che raccoglie tutti gli stakeholder Il Presidente e CEO della PDA è deciso dal Presidente della Repubblica Francese 6

7 Non esiste un modello di riferimento per l ecosistema dell innovazione 7

8 Esistono però delle «invarianti» per il successo dell ecosistema Governance chiara e coordinamento efficace delle relazioni tra i diversi attori (anche con Agenzie/organizzazioni preposte) Policy pubbliche di indirizzo e supporto ad hoc (spesso collegate a piani più ampi di sviluppo territoriale) Centri di eccellenza e/o imprese leader presenti (o attratte) sul territorio Sistema finanziario e risorse adeguate (spesso con schemi integrativi pubblico-privati per attivare risorse con un effetto leva) Ambiente innovativo e network relazionale 8

9 La Commissione Europea colloca anche per il 2014 l Italia tra i Paesi «innovatori moderati» European Innovation Scoreboard 2014 Fonte: The European House - Ambrosetti su dati Commissione Europea,

10 La Community TITT ha individuato 5 "cantieri di lavoro" prioritari per l Italia 10

11 La Community TITT ha sviluppato 10 proposte operative 1. Strategia nazionale dell innovazione 2. National Innovation Group 3. Agevolazioni per la R&S e sblocco debiti non commerciali della PA 4. Nuovi schemi di intervento pubblico-privati nel Venture Capital 5. Università tematiche per l Italia 6. TransferLab nazionale e autonomia per gli uffici di tech transfer 7. Cultura del trasferimento tecnologico e razionalizzazione dei processi 8. Regime di proprietà intellettuale per la ricerca pubblica 9. Crash Program per la valorizzazione dei giovani talenti della ricerca 10. Educazione per l innovazione e l imprenditorialità 11

12 1. Strategia nazionale dell innovazione 12

13 Nell attuale scenario occorre una forte capacità di gestione strategica dell innovazione 1. Occorrono 3 elementi chiave: 1. Visione di medio-lungo periodo chiara, condivisa e comunicata Dimensione temporale di riferimento Intento strategico (il sogno da condividere) Obiettivi di risultato associati all intento strategico e con esso coerenti 2. Risorse, strumenti e politiche/normative coerenti e funzionali agli obiettivi 3. Orientamento culturale diffuso verso l innovazione 13

14 L innovazione è sempre più vista come un «programma d azione nazionale» 1. Paese Strategia Anno Austria Austria Road to innovation leader strategy Danimarca Land of Solutions: the National Innovation Strategy 2012 Finlandia Government Statement on Innovation Policy 2007 Francia National Strategy for Research and Innovation 2012 Germania High-tech strategy 2020 Giappone 4 th science and technology plan ( ) of Japan 2011 Spagna Science, Technology and Innovation Strategy 2013 Svezia The Swedish Innovation Strategy 2012 Regno Unito Innovation and Research Strategy for Growth 2011 Stati Uniti Strategy for American Innovation 2006 (rev 2010) (rev 2011) 14

15 Strategia nazionale dell innovazione per l Italia 1. Formulare una strategia nazionale dell innovazione che: 1. Definisca la visione del progetto di innovazione del Paese (almeno a 10 anni) e individui gli ambiti tecnologici e della ricerca prioritari, con un forte orientamento al mercato e alla competitività industriale (da Survey TITT: tecnologie innovative per l'energia; nuovi materiali; mobile Internet; nanotecnologie; tecnologie per le piattaforme Smart City) 2. Leghi in maniera organica, coerente e vincolante, le politiche della ricerca, del lavoro, della formazione e dello sviluppo industriale Rendere efficace la governance per l implementazione della strategia con un referente governativo univoco, con ruolo permanente e potere di indirizzo, coordinamento e spesa ( Mr. Innovazione ) 15

16 L Italia deve puntare ad aumentare le risorse dedicate alla ricerca e allo sviluppo 1. Spesa per la ricerca e sviluppo in % del PIL nei Paesi UE-28, 2012 Allinearsi all attuale media EU attiverebbe oltre 32 mld di spesa in R&S pubblica e privata, contro gli attuali 20 mld Fonte: The European House - Ambrosetti su dati Eurostat,

17 2. National innovation group 17

18 National Innovation Group 2. Creare un organismo permanente consultivo-propositivo, non burocratico, con regole di ingaggio molto chiare e meritocratiche, composto da imprenditori, aziende innovative ed esperti (massimo 15/20 che operano senza compenso), con l obiettivo di: Stimolare le modalità più efficaci di valorizzare l ecosistema dell innovazione italiano e formulare proposte di policy Lanciare idee per progetti pilota Proporre iniziative/strumenti per potenziare l'attrattività dell'ecosistema Paese 18

19 Smart London Board per la capitale della Digital Nation 2. Visione Governo: Regno Unito come «digital nation» leader mondiale Londra (sfruttando le Olimpiadi 2012) è al centro di questa visione - Modernizzazione del sistema dei servizi pubblici ( Smart city a 360 ) - Iniziative pubblico-private per creare cluster di industrie digitali avanzate* - Open data pubblici (ad oggi database disponibili sul sito della città) - Creazione dell Open Data Institute per studiare e proporre azioni di policy per rafforzare il legame tra imprenditorialità e open data) Il Sindaco Boris Johnson ha lanciato (marzo 2013) un board di esperti, tra personalità accademiche, businessman e imprenditori per produrre pensiero innovativo su come trasformare Londra nella città capofila dell economia digitale nel mondo (*) Es. progetto I-city in East London con collaborazione tra settore industriale, immobiliare e Università per creare un polo che attragga aziende della digital and information economy 19

20 3. Agevolazioni per la R&S e sblocco debiti con commerciali della PA 20

21 La leva degli incentivi fiscali in Italia è poco utilizzata 3. Supporto pubblico alle attività di R&S delle aziende; % sul PIL, 2013 Fonte: The European House - Ambrosetti su dati OECD,

22 Proposta 3. Agevolazioni per la ricerca privata e sblocco dei debiti non commerciali della PA 3. Introdurre misure strutturali per le imprese che fanno R&S; tra cui: Regime fiscale agevolato (detassazione o riduzione della tassazione) sui redditi che originano dallo sfruttamento della proprietà intellettuale (cessione o trasferimento dei diritti) Credito di imposta stabile ed automatico sugli investimenti di R&S in house e in collaborazione con importi di detrazione significativi (come le best practice internazionali) e senza tetti di spesa massima Semplificazione delle procedure di finanziamento della R&S e revisione del periodo di perenzione (attualmente di 3 anni, da riportare a 7) per i fondi pubblici erogati per attività di ricerca (inoltre) Sbloccare urgentemente i crediti non commerciali nei confronti della PA per le attività di ricerca (circa 1 mld *) (*) Fonte: stime Confindustria 22

23 Credito d imposta: Francia una best practice internazionale Criterio d accesso Tetti e massimali Spese ammissibili Francia (periodo di applicazione ) Nessun vincolo 30% spese in R&S fino ad un max annuale di 100 mln ; oltre, il 5% delle spese in R&S 5 mld di beneficio fiscale 2013 Personale impiegato in R&S Quote di ammortamento investimenti Costi della ricerca svolta in collaborazione con enti esterni o internamente Spese per la difesa proprietà intellettuale Italia (periodo di applicazione ) Fatturato <500 mln di 50% degli incrementi annuali di spesa nelle attività R&S con limite massimo annuale per azienda di 2,5 mln 600 mln nel triennio come stanziamento massimo Personale impiegato nelle attività di R&S Quote di ammortamento investimenti Costi della ricerca svolta in collaborazione con enti esterni o internamente 23 3.

24 Le raccomandazioni del Junior Chapter per il credito d imposta 3. Oltre a stabilizzare la misura secondo quanto prima proposto: Introdurre aliquote diversificate, più alte per le PMI (fra il 30 e il 40%), con un premio per costi del personale rispetto ad altri asset/ macchinari e una differenziazione in aumento nel caso di spese R&S incrementali Insieme a una definizione molto stringente delle spese in R&S, ancorata a fattori osservabili, introdurre un aliquota di detrazione progressiva, rispetto all incertezza dei ritorni del progetto (o al livello di radicalità dell innovazione), con un focus su pool specifici di imprese in settori o cluster con priorità strategiche a livello nazionale Rendere fruibile il credito anche per imprese con utili nulli o negativi, purché si tratti di start-up o piccole imprese, e collegare lo sgravio all investimento sul territorio nazionale, per attrarre investimenti esteri 24

25 4. Nuovi schemi di intervento pubblico-privati nel Venture Capital 25

26 Il mercato italiano del Venture Capital ha volumi ridotti Investimenti di Venture Capital ($ per milione di PIL; anno 2012) 4. Fonte: The European House - Ambrosetti su dati Eurostat,

27 Nuovi schemi di intervento pubblico-privati nel Venture Capital 4. Promuovere schemi di pubblico-privato con le seguenti caratteristiche: Quota pubblica non superiore al 60% Soglia massima di rendimento per il soggetto pubblico (per generare rendimenti superiori per gli investitori privati nel caso di buona performance del fondo) Assenza di clausole di down side protection (attraverso le quali il soggetto pubblico si accolla una quota predefinita delle eventuali perdite di capitale del fondo con il rischio di generare incentivi indesiderati nei gestori del fondo stesso) Presenza di buy-out options (possibilità per gli investitori privati di comprare la quota detenuta dal soggetto pubblico prima della fine della vita del fondo ad un prezzo predeterminato, ottenendo ritorni superiori e consentendo al soggetto pubblico di reinvestire le risorse in altri fondi) 27

28 Si propone inoltre di rivalutare il modello di Banca per lo sviluppo industriale 4. Rilanciare il modello dell istituto di credito speciale, stimolando proattivamente il sistema bancario a dotarsi di apposite divisioni e/o gemmare iniziative ad hoc, con focalizzazione su innovazione e ricerca e sviluppo L offerta degli strumenti/canali di finanziamento all innovazione deve essere (condizione necessaria) accompagnata da professionisti adeguatamente formati per fare una valutazione competente del progetto innovativo È possibile prevedere la collaborazione con il sistema universitario per l assessment delle tecnologie e per accedere, sulla base di tali valutazioni certificate, al credito agevolato 28

29 Un esempio: British Business Bank-BBB (UK) 4. Banca di proprietà statale costituita nel 2013 (piena operatività a fine 2014; a dicembre 2013 vi avevano fatto ricorso già imprese) Missione: offrire credito alle imprese inglesi (focus particolare sulle PMI con fatturato fino a 25 milioni ) Capitale sociale di 1,25 mld e gestione diretta di 2,9 mld di finanziamenti già erogati alle imprese da altre istituzioni pubbliche Tra i filoni di attività: - Finanziamento di start up - Matching di fondi di business angel (da 100mila a 1 mln ) - Investimenti in fondi di venture capital (530 mln in 16 fondi) - Gestione dello UK Innovation Investment Fund-UKIIF (159 mln ) focalizzato su investimenti in imprese high-tech 29

30 5. Università tematiche per l Italia 30

31 L Italia ha molte Università sul territorio, ma pochi «aggregatori di innovazione» 5. Le Università italiane sono tipicamente generaliste, tranne pochi esempi costituiti dai Politecnici e da alcune Università non statali con vocazione economica e sociale Le Università generaliste non definiscono una propria «vocazione» identitaria e hanno obiettivi essenzialmente di erogazione di formazione Vi è il rischio di disallineamento tra le risorse e le potenzialità presenti sul territorio (specialmente in presenza di una specializzazione industriale specifica) e l offerta universitaria con ripercussioni sulla competitività 31

32 Università tematiche per l Italia 5. Lanciare un piano d azione per studiare le migliori modalità (condizioni e fattibilità) per stimolare la trasformazione di alcune Università generaliste in Università territoriali tematiche, fortemente specializzate, anche con modelli cross-regionali a rete con altri Atenei e condivisione di laboratori di ricerca e strutture di trasferimento tecnologico Task force congiunta MIUR e MiSE per studiare il progetto Adesione volontaria delle Università, con fondi aggiuntivi per quelle che raggiungano determinati obiettivi di sviluppo (pre-definiti) Maggiore libertà per gli Atenei nella gestione delle risorse umane e finanziarie (togliere il comparto della ricerca dai vincoli della PA) 32

33 6. TransferLab nazionale e autonomia per gli uffici di tech transfer 33

34 In Italia il trasferimento tecnologico è critico 6. In Italia strutture di trasferimento tecnologico a vario titolo (in Francia e Germania circa 200) Sottodimensionamento di personale e risorse (in media gli Uffici di Trasferimento Tecnologico in Italia hanno 3,8 addetti) Frammentazione e difficoltà di coordinamento tra le strutture (l 87% circa degli uffici di trasferimento tecnologico (UTT) offrono i propri servizi ad una unica università) Professionalità e competenze di tipo legale/amministrativo, carenti dal punto di vista di conoscenze di tipo tecnologico e di business Fonte: The European House - Ambrosetti su fonti varie,

35 TransferLab nazionale e modelli di governance non tradizionali per il tech transfer Realizzare (o attivare in strutture di eccellenza già presenti nel Paese) un TransferLab nazionale che: Operi senza duplicazione di attività e in logica di sussidiarietà a supporto del sistema di trasferimento tecnologico locale Abbia professionalità specifiche con profilo internazionale (Technology Transfer Office manager) assunte con meccanismi aperti e competitivi, anche dall estero 2. (Inoltre) Permettere l organizzazione separata e autonoma degli Uffici per il Trasferimento Tecnologico all interno delle Università, con la possibilità di dotarli di autonomia giuridica e amministrativa 35

36 Un esempio di transfer lab nazionale: National Technology Transfer Center (USA) 6. Istituito nel 1989 per volontà del Congresso per essere il catalizzatore del tech transfer tra agenzie di ricerca, università e mercato 3 ambiti di specializzazione: aerospazio, salute, energia Tra i servizi del centro: - Technology/market assessment (oltre tecnologie valutate) - Training (quasi professionisti di tech transfer formati) Il centro copre competenze interdisciplinari: proprietà intellettuale, ingegneria, ICT, analisi di mercato, supporto alla partecipazione ai bandi, messa a punto di contratti, consulenze di business/ industriali, formazione 36

37 Le considerazioni del Junior Chapter sull autonomia degli Uffici di Tech Transfer 6. Il tema deve essere posto all ordine del giorno degli organi centrali di governo del sistema universitario nazionale (CRUI e MIUR) Le opzioni di governance (da autonoma a semi-autonoma) devono essere valutate in modo condiviso con gli Atenei secondo tre criteri alternativi: - Fare wholly owned subsidiary (Università che detengono al 100% la proprietà dell UTT) - Agire in partnership con altri Atenei o con organizzazioni private già esistenti - Costituire organizzazioni autonome, di proprietà condivisa tra Università e altri investitori 37

38 Un esempio: Imperial Innovations PLC il primo ufficio di tech transfer universitario quotato in UK 6. Nato nel 1986 come ufficio per il tech transfer dell Imperial College Nel 1997 diviene una sussidiaria controllata dall Università e nel 2006 è quotata al London Stock Exchange (31 mln raccolti in IPO); oggi la sua capitalizzazione è di oltre 420 milioni Imperial Innovations ha un accordo con Imperial College che ne sancisce il ruolo di ufficio di trasferimento tecnologico fino al 2020 Dalla quotazione Imperial Innovations ha investito nelle aziende in portfolio 195 mln (focus su settori high tech come healthcare, energia, ingegneria, biotech) e raccolto oltre 900 mln di capitali Tra le attività, Imperial Innovations, offre finanziamenti per lo sviluppo commerciale di idee per un budget compreso tra i 30mila e 30 milioni - I finanziamenti sono erogati dopo uno studio di fattibilità che Imperial Innovation finanzia con investimenti fino a

39 7. Cultura del trasferimento tecnologico e razionalizzazione dei processi 39

40 Cultura del trasferimento tecnologico e razionalizzazione dei processi 1/2 7. Adottare dei quick fix (1/2): Breve periodo: Bloccare la moltiplicazione degli enti di trasferimento tecnologico a vario titolo e ridare centralità alle Università Professionalizzare le figure dedicate al tech transfer e assumere gli indicatori della ricerca come strumenti di segnalazione dell efficienza degli enti per la generazione, la gestione e il trasferimento della conoscenza Introdurre appositi strumenti (es. valutazione nel cv del ricercatore delle attività di TT svolte) e spingere sui percorsi di dottorato applicati alla ricerca industriale Istituzionalizzare programmi di scambio ricerca-industria per PhD con defiscalizzazione degli oneri per gli enti che li mandano e che li ospitano oppure per chi li assume (se start up) 40

41 Cultura del trasferimento tecnologico e razionalizzazione dei processi 2/2 7. Adottare dei quick fix (2/2): Medio periodo: Favorire le aggregazioni (di Università, strutture di TT, ecc.) secondo tre principi: One in, one out (per creare un nuovo ente di trasferimento tecnologico deve eliminarsene uno esistente) Sussidiarietà invertita (anche modificando il Titolo V della Costituzione, prevedere politiche dell innovazione decise a livello statale e attuate a livello regionale, secondo una logica di strumentalità; no a centri decisionali autonomi) Misurazione (definizione della missione, degli obiettivi e dei risultati dell ente, preventiva rispetto alla sua creazione) 41

42 Alcune best practice internazionali a cui ispirarsi 7. La Finlandia ha ridotto da 21 a 15 il numero delle Università, decretandone autonomia, indipendenza dallo Stato e responsabilità finanziaria (Riforma del 2010, Vision2020) L Austria ha realizzato il Science Park Graz, un incubatore unico per i tre Atenei della città Gli USA, dove il National Technology Transfer Center è un modello di riferimento per il TransferLab nazionale La Francia, che con la riforma del 2010 ha avviato una politica di lungo periodo, creando 12 poli in tutto il Paese, che gestiscono proof-of-concept funds e creano masse critiche a partire dalle 80 Università territoriali 42

43 8. Regime di proprietà intellettuale per la ricerca pubblica 43

44 Regime di proprietà intellettuale per la ricerca pubblica 8. Recepire l esperienza degli altri Paesi e attribuire la titolarità dei brevetti all Università e i diritti morali agli inventori con un equo premio Incentivare le Università a trasferire i brevetti alle imprese partecipando allo sviluppo delle invenzioni Rivedere quindi il codice della proprietà industriale anche individuando un diritto di ripresa del brevetto da parte dell inventore nel caso in cui l Università non sia in grado di valorizzarlo 44

45 9. Crash Program per la valorizzazione dei giovani talenti della ricerca 45

46 L Italia non è un Paese attrattivo per i talenti, in genere nei settori dell innovazione 9. Global Talent Competitiveness Index, 2013 Fonte: The European House - Ambrosetti su dati INSEAD,

47 C è anche un tema di salari offerti ai ricercatori in Italia 9. Salario annuale lordo in ingresso (ricercatori) in PPS, 2012 Fonte: The European House - Ambrosetti su dati Commissione Europea,

48 C è anche un tema di salari offerti ai ricercatori in Italia 9. Produttività della ricerca* aggiustata per stipendio lordo annuo (numero indice, 2012) (*) Citazioni per ricercatore Fonte: The European House - Ambrosetti su dati Commissione Europea, OCSE e Scimago,

49 Crash Program per la valorizzazione dei giovani talenti della ricerca in Italia 9. Lanciare un programma nazionale con interventi integrati, tra cui : Direct recruiting nel sistema della ricerca pubblica con bandi internazionali (superando i concorsi a livello nazionale) Visti/permessi di soggiorno per ricercatori extra-comunitari veloci Salario base dei ricercatori allineato alle best practice internazionali e bonus per risultati/incarichi con negoziazione salariale individuale Finanziamenti con modalità a «burocrazia zero per i progetti proposti da giovani talenti (es. fino ai 35 anni) e selezionati con bandi internazionali e criteri trasparenti meritocratici, coerenti con gli ambiti e i settori strategici per l Italia Tax holiday (3-5 anni) per le imprese fondate da giovani ricercatori 49

50 10. Educazione per l innovazione e l imprenditorialità 50

51 Sempre più Paesi inseriscono l imprenditorialità e l innovazione nei propri modelli educativi Strategie educative per l imprenditorialità nei Paesi europei 10. Fonte: The European House - Ambrosetti su dati Eurydice e Commissione Europea,

52 Educazione per l innovazione e l imprenditorialità Inserire nei programmi scolastici, sin dalle elementari con criteri di modularità e gradualità l'insegnamento di temi/materie trasversali e funzionali all'innovazione e all imprenditorialità, anche integrandole, per le scuole superiori, nei programmi di materie obbligatorie come economia e scienze sociali Tra gli elementi di insegnamento: team working, creatività (creative thinking), elementi di psicologia, leadership, comunicazione (communication skills), problem solving, ecc. 2. (inoltre) Prevedere, dalle scuole superiori, percorsi di alternanza scuola-lavoro (crediti formativi e apprendistato), con progetti sperimentali in imprese e centri di ricerca che ingaggino gli studenti in attività collegate ai processi di ricerca e innovazione 52

53 «I tempi corrono e se tu non corri con i tempi, i tempi correranno senza di te»

Dalla Community del Club Ambrosetti le Dieci Proposte. per far crescere l Italia attraverso l innovazione

Dalla Community del Club Ambrosetti le Dieci Proposte. per far crescere l Italia attraverso l innovazione Dalla Community del Club Ambrosetti le Dieci Proposte per far crescere l Italia attraverso l innovazione Cison di Valmarino (TV), 24 maggio - Si chiude in questi minuti, con la Tavola Rotonda Innovare

Dettagli

VALERIO DE MOLLI PRESENTATION BY/PRESENTAZIONE DI

VALERIO DE MOLLI PRESENTATION BY/PRESENTAZIONE DI Main Partner PRESENTATION BY/PRESENTAZIONE DI VALERIO DE MOLLI Partner Le proposte della community Ambrosetti Club Tecnologia, Innovazione e Trasferimento Tecnologico per il Paese TECHNOLOGY FORUM THE

Dettagli

Guido Guidi Head Pharma Region Europe Novartis Milano, 9 Dicembre 2013

Guido Guidi Head Pharma Region Europe Novartis Milano, 9 Dicembre 2013 La Ricerca in Italia La rilevanza della ricerca biomedica Guido Guidi Head Pharma Region Europe Novartis Milano, 9 Dicembre 2013 Ricerca e Sistema Paese Le innovazioni non seguono una sequenza lineare

Dettagli

INNOVARE? Si deve, si può, si fa:

INNOVARE? Si deve, si può, si fa: come ottenere i finanziamenti ed i contributi per fare ricerca & sviluppo MILANO 27 APRILE 2015 RICERCA & SVILUPPO Cos è la Ricerca & Sviluppo nel Nostro tessuto imprenditoriale? INNOVAZIONE DI PRODOTTO

Dettagli

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014 AUDIZIONE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi X Commissione del Senato - X Commissione della Camera Roma, 27 marzo 2014 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO 2 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO

Dettagli

Vision e obiettivi di Confindustria Digitale

Vision e obiettivi di Confindustria Digitale Vision e obiettivi di Confindustria Digitale Nicola Ciniero Consigliere Incaricato, Confindustria Digitale Presidente e Amministratore Delegato IBM Italia 13 Maggio 2013 1 Problemi ben noti limitano la

Dettagli

Finanziare l innovazione in Italia. Relatore: Prof. Ing. Carlo Mammola

Finanziare l innovazione in Italia. Relatore: Prof. Ing. Carlo Mammola Finanziare l innovazione in Italia Relatore: Prof. Ing. Carlo Mammola 25 settembre 2015 Innovazione in Italia IUS 2015 L Italia è definito come innovatore moderato dal report dell Innovation Union Scoreboard

Dettagli

Dal Brain Drain al Brain Circulation

Dal Brain Drain al Brain Circulation Dal Brain Drain al Brain Circulation Il caso Italiano nel contesto globale Simona Milio London School of Economics and Political Science Introduzione Il problema e La sfida Le cause Le politiche adottate

Dettagli

Prof. Luigi Nicolais. Consiglio Nazionale delle Ricerche

Prof. Luigi Nicolais. Consiglio Nazionale delle Ricerche Prof. Luigi Nicolais Consiglio Nazionale delle Ricerche Cambiamenti Negli ultimi 10 anni l orizzonte concorrenziale è stato profondamente trasformato da Asia, America Latina, Africa per Disponibilità risorse

Dettagli

Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia

Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia http://poloinnovazione.cc-ict-sud.it Luciano Mallamaci, ICT-SUD Direttore Tecnico ICT Sud Program Manager Polo

Dettagli

Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura

Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura @bollettinoadapt, 2 maggio 2016 Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura di Chiara Mancini Tag: #ricerca #PNR #PianoNazionaleRicerca #innovazione #Horizon2020 #MIUR Lo scorso Primo

Dettagli

FONDO NAZIONALE INNOVAZIONE

FONDO NAZIONALE INNOVAZIONE DIPERTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E MARCHI FONDO NAZIONALE INNOVAZIONE Direzione Generale Lotta alla Contraffazione

Dettagli

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI OTTO AZIONI MISURABILI PER L UNIVERSITA, LA RICERCA E L INNOVAZIONE Premessa Nella comune convinzione che Università, Ricerca e Innovazione costituiscano una priorità per il

Dettagli

UNA NUOVA TAPPA DI SMAU A FIRENZE TECHNOLOGY DAYS EXPO: UNA FIERA IN CONTEMPORANEA A SMAU FIRENZE PER FAR INCONTRARE RICERCA E IMPRESA

UNA NUOVA TAPPA DI SMAU A FIRENZE TECHNOLOGY DAYS EXPO: UNA FIERA IN CONTEMPORANEA A SMAU FIRENZE PER FAR INCONTRARE RICERCA E IMPRESA a smau firenze 014 la nuova dimensione espositiva dedicata a cluster, laboratori, spin-off e startup indice UNA NUOVA TAPPA DI SMAU A FIRENZE TECHNOLOGY DAYS EXPO: UNA FIERA IN CONTEMPORANEA A SMAU FIRENZE

Dettagli

CLUSTER ALISEI, SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE E INTEGRAZIONE DELLE RISORSE

CLUSTER ALISEI, SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE E INTEGRAZIONE DELLE RISORSE CLUSTER ALISEI, SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE E INTEGRAZIONE DELLE RISORSE Anna Allodi Rappresentante pro tempore del Cluster Alisei e Direttore Generale CIRM Le Scienze della vita (1/2) Il settore "Scienze

Dettagli

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali Bando/Agevolazione: Beni strumentali ("Nuova Sabatini") Obiettivo: incrementare la competitività e migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l acquisto di nuovi macchinari,

Dettagli

L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA

L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA Programma Strategico Regionale per la Ricerca, l Innovazione ed il Trasferimento Tecnologico per la IX legislatura 2011-2013 L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA Cinzia Felci Direttore Programmazione Economica Ricerca

Dettagli

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO Roma, 28 giugno 2013 Luigi Tommasini Senior Partner Funds-of-Funds CONTENUTO Il Fondo Italiano di Investimento: fatti e

Dettagli

Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi. Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020.

Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi. Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020. Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020 Roma, 27 V 2011 Europa 2020 Nuovo contesto ed orientamenti sull innovazione

Dettagli

Startup innovative: opportunità fiscali e strumenti di gestione e finanziamento

Startup innovative: opportunità fiscali e strumenti di gestione e finanziamento Università degli Studi di Sassari Sassari, 15 Maggio 2014 Startup innovative: opportunità fiscali e strumenti di gestione e finanziamento Dottore Commercialista- Revisore legale dei conti La fase di start

Dettagli

Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital

Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital Quando ricorrere al capitale di rischio Sostegno alla crescita Ricambio generazionale Internazionalizzazione Riorganizzazione

Dettagli

Quali risorse dalle attività di ricerca e di trasferimento tecnologico

Quali risorse dalle attività di ricerca e di trasferimento tecnologico Quali risorse dalle attività di ricerca e di trasferimento tecnologico Giuseppe Colpani Direttore Generale, AREA Science Park IV Convegno Codau, Venezia, 22-23 settembre 2006 Spunti relazione La Torre

Dettagli

Create new Connections, Improve, Grow

Create new Connections, Improve, Grow Consulting Strategy Business Requirement Investment MILANO VENTURE COMPANY Group Create new Connections, Improve, Grow We are Milano Venture Company Agenda Chi siamo I nostri servizi Servizio di Funding

Dettagli

Executive summary della nuova normativa sulle startup

Executive summary della nuova normativa sulle startup Executive summary della nuova normativa sulle startup Dicembre 2012 2 Fare dell Italia la prossima startup nation Il 4 ottobre 2012 il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto Legge contenente Ulteriori

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni Agenda Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria Consulenza globale Ambiti d intervento Conferma e arricchimento soluzioni 1 Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria Un impegno

Dettagli

LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE

LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE 1. Linee guida per il Progetto di legge per il rilancio della competitività lombarda 2. Aggiornamento dei criteri attuativi di Credito Adesso: 3.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3752 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MOSCA, LORENZIN Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Presentata

Dettagli

Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna. Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR

Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna. Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR Il POR FESR Emilia Romagna ASSE 1 Ricerca industriale e trasferimento tecnologico 115 milioni

Dettagli

HOW CLUSTERS CONTRIBUTE TO THE SMART SPECIALIZATION STRATEGIES

HOW CLUSTERS CONTRIBUTE TO THE SMART SPECIALIZATION STRATEGIES HOW CLUSTERS CONTRIBUTE TO THE SMART SPECIALIZATION STRATEGIES Dr. Giorgio Martini New cluster concepts for cluster policies in Europe 18th September 2014 Scuola Grande San Giovanni Evangelista, Venice

Dettagli

PRESENTAZIONE del DISTRETTO GREEN & HIGH TECH

PRESENTAZIONE del DISTRETTO GREEN & HIGH TECH PRESENTAZIONE del DISTRETTO GREEN & HIGH TECH Dicembre 2011 Fondazione Distretto Green & High Tech Monza Brianza 1 Un po di storia... Chi: I Soci Fondatori del Distretto Green and High Tech Monza Brianza

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

Dall idea all impresa: il ruolo degli incubatori. Anna Gervasoni Aosta, 11 Marzo 2005

Dall idea all impresa: il ruolo degli incubatori. Anna Gervasoni Aosta, 11 Marzo 2005 Dall idea all impresa: il ruolo degli incubatori Anna Gervasoni Aosta, 11 Marzo 2005 1 I servizi offerti dagli incubatori 97% 100% 93% 90% 91% 84% 86% 87% 88% 80% 60% 40% 20% 64% 0% 26% 2 Spazi logistici

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

Gli assetti a popolazione

Gli assetti a popolazione Gli assetti a popolazione Lo strategic network (mercato auto) L industrial network (filiera, distretto) I business network (eterarchia-relazione) Il policy network (politica pubblica) Le filiere IL SETTORE

Dettagli

La cooperazione tra PMI e Centri di Ricerca per l innovazione.

La cooperazione tra PMI e Centri di Ricerca per l innovazione. La cooperazione tra PMI e Centri di Ricerca per l innovazione. Treviso, 24 febbraio 2015 Smart Specialisation Strategy Rappresenta il rafforzamento delle specializzazioni del territorio e la promozione

Dettagli

Obiettivo: EQUITY! Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese

Obiettivo: EQUITY! Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese Obiettivo: EQUITY! 0 Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese Settembre 2012 IL PROGRAMMA Il Consorzio Camerale per il credito e la finanza

Dettagli

Una politica industriale per l innovazione

Una politica industriale per l innovazione Una politica industriale per l innovazione Focus PMI innovative Stefano Firpo Ivrea, 18 novembre 2015 MiSE DG Politica Industriale, Competitività e PMI Da 3 anni il Governo sta costruendo una politica

Dettagli

L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles

L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles n 4 Marzo/Aprile 2014 in collaborazione con S O M M A R I O A C C E S S O A I F I N A N Z I A M E N T I Horizon 2020 Operativo lo strumento PMI N E W S D A L L E I

Dettagli

BSC Brescia Smart City

BSC Brescia Smart City BSC Brescia Smart City Ruolo, programma, obiettivi 2014 > 2020 Smart City : di cosa parliamo Con il termine Smart City/Community (SC) si intende quel luogo e/o contesto territoriale ove l'utilizzo pianificato

Dettagli

Startup. Da: «Fondatori» Luca De Biase / Luca Tremolada Hoepli 2014

Startup. Da: «Fondatori» Luca De Biase / Luca Tremolada Hoepli 2014 Da: «Fondatori» Luca De Biase / Luca Tremolada Hoepli 2014 Nell ultimo decennio, nei paesi OCSE, le imprese nate da cinque anni o meno hanno generato quasi la metà di tutti i nuovi posti di lavoro, mentre

Dettagli

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la REGIONE PIEMONTE BOLLETTINO UFFICALE N. 40 DEL 8/10/2009 Finpiemonte S.p.A. - Torino Avviso ad evidenza pubblica - Progetto Sovvenzione Globale "Percorsi integrati per la creazione di imprese innovative

Dettagli

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

Terza Missione e Dottorati Industriali: nuove partnership fra Imprese e Università

Terza Missione e Dottorati Industriali: nuove partnership fra Imprese e Università Terza Missione e Dottorati Industriali: nuove partnership fra Imprese e Università ANDREA BAIRATI Direttore Area Politiche Industriali, Innovazione, Education di Confindustria 5 giugno 2014 SCENARIO Le

Dettagli

Finanza per la Crescita

Finanza per la Crescita #perfarsiunidea Finanza per la Crescita Un piano per aumentare il credito e far crescere le imprese Misure organiche, non estemporanee, in una visione di lungo periodo Agevolare l accesso delle imprese

Dettagli

Economia sociale e impresa sociale

Economia sociale e impresa sociale Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali DG Terzo settore e formazioni sociali Economia sociale e impresa sociale Intervento di Anna Chiara Giorio 9 gennaio 2014 Indice dell intervento Terzo settore,

Dettagli

Licenza d uso: Associazione BRAINS - Imprese per giovani menti

Licenza d uso: Associazione BRAINS - Imprese per giovani menti 2 CHE COS È BOB? BOB è la prima Banca Internazionale del Capitale Intellettuale per Giovani Menti. 3 CHE COS È BOB? La Banca BOB ha due casseforti, una per le business ideas e una per i profili professionali

Dettagli

La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale

La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale Il Consiglio dell Unione europea ha adottato a dicembre 2013 il Regolamento relativo al Quadro Finanziario Pluriennale per il periodo

Dettagli

Belgrado, 29 Aprile 2014

Belgrado, 29 Aprile 2014 CONFERENZA SULLA PIATTAFORMA DI COLLABORAZIONE ITALIANA- SERBA NELLE TECNOLOGIE DEL MANIFATTURIERO AVANZATO Belgrado, 29 Aprile 2014 LE NUOVE TECNOLOGIE COME LEVA STRATEGICA PER LA COMPETITIVITA AZIENDALE

Dettagli

Strumenti Finanziari: VEXA ex art. 37 Reg. 1303/2013

Strumenti Finanziari: VEXA ex art. 37 Reg. 1303/2013 Strumenti Finanziari: VEXA ex art. 37 Reg. 1303/2013 Comitato di Sorveglianza - 12 maggio 2015 Gli Strumenti Finanziari nella Programmazione 2014-2020 (1/2) Il Contesto Europeo La Programmazione 2014-2020

Dettagli

Impatto territoriale e settoriale della crisi economica

Impatto territoriale e settoriale della crisi economica Punto 4 dell ordine del giorno Impatto territoriale e settoriale della crisi economica e attività di contrasto poste in essere nel Programma Operativo Le dimensioni i i globali li della crisi i La crisi

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Gli strumenti finanziari co-finanziati dal Fondo Sociale Europeo permettono di investire, in modo sostenibile ed efficiente, per rafforzare

Dettagli

Innovare per competere

Innovare per competere Strettamente riservato Roma, 4 giugno 2015 Valerio De Molli Managing Partner The European House - Ambrosetti 2015 The European House - Ambrosetti S.p.A. TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Questo documento è stato

Dettagli

INNOVAZIONE E RICERCA AL SERVIZIO DELLE AZIENDE E DELLE PERSONE

INNOVAZIONE E RICERCA AL SERVIZIO DELLE AZIENDE E DELLE PERSONE INNOVAZIONE E RICERCA AL SERVIZIO DELLE AZIENDE E DELLE PERSONE OD&M Consulting è una società di consulenza specializzata nella gestione e valorizzazione delle persone e nella progettazione di sistemi

Dettagli

Sinergie e risultati nel settore del farmaco. Massimo Boriero Gruppo Biotecnologie Farmindustria

Sinergie e risultati nel settore del farmaco. Massimo Boriero Gruppo Biotecnologie Farmindustria Sinergie e risultati nel settore del farmaco Massimo Boriero Gruppo Biotecnologie Farmindustria Roma, 22 maggio 2007 Dalle Biotecnologie per la Salute nuove possibilità di cura settore Science-based le

Dettagli

Ottobre 2009 Le risposte alle domande più frequenti sulla Francia

Ottobre 2009 Le risposte alle domande più frequenti sulla Francia Ottobre 2009 Le risposte alle domande più frequenti sulla Francia La France en questions 2 1 La Francia ha un economia aperta? 5 grande potenza economica mondiale, nel cuore di un mercato europeo di 500

Dettagli

Research & Strategy Projects & Fund Raising Marketing Technology Education

Research & Strategy Projects & Fund Raising Marketing Technology Education Research & Strategy Projects & Fund Raising Marketing Technology Education Territoria è una società di consulenza specializzata in marketing territoriale e sviluppo locale. Elaboriamo e applichiamo metodologie

Dettagli

FORMAZIONE*PROFESSIONALE*E*STARTUP0

FORMAZIONE*PROFESSIONALE*E*STARTUP0 Scuola di Formazione Politica - III a Ed. FORMAZIONE*PROFESSIONALE*E*STARTUP0 Prof. Stefano Pighini Roma, 28 Aprile 2014 TRADIZIONE*VS*INNOVAZIONE0 La situazione a cui oggi assistiamo non è solo a una

Dettagli

AVVISO START - UP. (D.D n. 436 del 13 marzo 2013) Presentazione di progetti per il sostegno delle Start Up

AVVISO START - UP. (D.D n. 436 del 13 marzo 2013) Presentazione di progetti per il sostegno delle Start Up AVVISO START - UP (D.D n. 436 del 13 marzo 2013) Presentazione di progetti per il sostegno delle Start Up Priorità di intervento Il contesto Le risorse PAC e l Avviso Start - up Il Piano di Azione e Coesione

Dettagli

BERGAMO SMART CITY VERSO EXPO 2015. Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso - 26 novembre 2013

BERGAMO SMART CITY VERSO EXPO 2015. Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso - 26 novembre 2013 BERGAMO SMART CITY VERSO EXPO 2015 Start Up Innovative -Le imprese fanno sistema Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso - 26 novembre 2013 START UP E INCUBATORI Il Decreto Sviluppo (179/2012), introducendo

Dettagli

Il gruppo di lavoro Laura Bovone - Cattolica, facoltà di Scienze Politiche Roberto Conti già dirigente Fiat Marco Carcano Università di Parma Enrico

Il gruppo di lavoro Laura Bovone - Cattolica, facoltà di Scienze Politiche Roberto Conti già dirigente Fiat Marco Carcano Università di Parma Enrico Il gruppo di lavoro Laura Bovone - Cattolica, facoltà di Scienze Politiche Roberto Conti già dirigente Fiat Marco Carcano Università di Parma Enrico Ioli Architetto e già Consigliere Comunale ad Arese

Dettagli

Il supporto alle startup innovative in Emilia Romagna Ledi Halilaj Dipartimento Startup - Aster

Il supporto alle startup innovative in Emilia Romagna Ledi Halilaj Dipartimento Startup - Aster Il supporto alle startup innovative in Emilia Romagna Ledi Halilaj Dipartimento Startup - Aster Reggio Emilia, 04 Luglio 2014 ASTER Chi siamo ASTER è la società regionale che, dal 1985, promuove e supporta:

Dettagli

Industrial Liaison Office Università di Sassari. Organizzazione dei servizi di Trasferimento Tecnologico e collegamento Università-Imprese

Industrial Liaison Office Università di Sassari. Organizzazione dei servizi di Trasferimento Tecnologico e collegamento Università-Imprese Industrial Liaison Office Università di Sassari Organizzazione dei servizi di Trasferimento Tecnologico e collegamento Università-Imprese In un'economia basata sulla conoscenza l Università, è chiamata

Dettagli

Elementi introduttivi

Elementi introduttivi Progetto Spin off Il marketing territoriale e il ruolo dei distretti industriali Elementi introduttivi Obiettivo La relazione intende delineare le opportunità imprenditoriali legate alla professione del

Dettagli

L Austria un vicino conosciuto?

L Austria un vicino conosciuto? Austria * L Austria un vicino conosciuto? Gerlinde Gahleitner ABA-Invest in Austria 2015 Folie 2 L Austria è conosciuto. Folie 3 Piazza economica moderna Settore produttivo nel PIL in %, 2013 Turismo 15%

Dettagli

Circolare N.140 del 19 Settembre 2013

Circolare N.140 del 19 Settembre 2013 Circolare N.140 del 19 Settembre 2013 Smart & Start. Incentivi ed agevolazioni fino a 500.000 euro per i progetti innovativi al sud Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che Smart & Start

Dettagli

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI?

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Il piano di investimenti per l Europa consisterà in un pacchetto di misure volte a sbloccare almeno 315 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati

Dettagli

Ricerca e Innovazione nelle imprese. Misure di sostegno immediato alle attività innovative e di ricerca delle imprese

Ricerca e Innovazione nelle imprese. Misure di sostegno immediato alle attività innovative e di ricerca delle imprese Ricerca e Innovazione nelle imprese Misure di sostegno immediato alle attività innovative e di ricerca delle imprese OBIETTIVI DELL INTERVENTO Rafforzare la ripresa economica con azioni qualificate per

Dettagli

Idee per la prosecuzione del Progetto CSR Veneto

Idee per la prosecuzione del Progetto CSR Veneto Idee per la prosecuzione del Progetto CSR Veneto Valentina Montesarchio Vice Segretario Generale Unioncamere del Veneto Unioncamere del Veneto e Regione del Veneto stanno definendo le attività per la prosecuzione

Dettagli

Finanziamento e politiche per l innovazione

Finanziamento e politiche per l innovazione BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A Finanziamento e politiche per l innovazione Banca d Italia, Sede di Genova 19 Novembre 2013 Le politiche per l innovazione: motivazione economica Tipologia ed effetti

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

2 Giornata sul G Cloud Introduzione

2 Giornata sul G Cloud Introduzione Roberto Masiero Presidente THINK! The Innovation Knowledge Foundation 2 Giornata sul G Cloud Introduzione Forum PA Roma, 18 Maggio 2012 THINK! The Innovation Knowledge Foundation Agenda Cloud: I benefici

Dettagli

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA Parte III : R&S nella piccola e media impresa Angelo Bonomi PICCOLE E MEDIE IMPRESE E R&S Esistono varie definizioni di piccole e

Dettagli

STUDIO ORAZI Dottori Commercialisti Revisori Contabili

STUDIO ORAZI Dottori Commercialisti Revisori Contabili STUDIO ORAZI Dottori Commercialisti Revisori Contabili Dott. Marco Orazi Dott. Michele Archetti Dott.ssa Paola Porcellana Dott.ssa Mara Zanatta Dott.ssa Francesca Lodrini Dott. Massimo Colombo Dott.ssa

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Il Progetto: SOS Giovani Lavoro Progetto Coordinato da Comune di Livorno

Il Progetto: SOS Giovani Lavoro Progetto Coordinato da Comune di Livorno Il Progetto: SOS Giovani Lavoro Progetto Coordinato da Comune di Livorno Data inizio: Marzo 2013 Data fine: Giugno 2014 1 Il progetto è suddiviso in 5 WorkPackage (WP) WP1 La Scuola e il Sistema produttivo

Dettagli

Innovazione e Proprietà Industriale. Vantaggi competitivi e Incentivi per le imprese

Innovazione e Proprietà Industriale. Vantaggi competitivi e Incentivi per le imprese Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Innovazione e Proprietà Industriale. Vantaggi competitivi e Incentivi per le imprese Jesi, 11 ottobre 2013 Il quadro strategico

Dettagli

i giovani non sono soggetti da integrare ma parte della comunità con propri ruoli, potenzialità e responsabilità

i giovani non sono soggetti da integrare ma parte della comunità con propri ruoli, potenzialità e responsabilità Chiara Criscuoli chiara.criscuoli@giovanisi.it Il Progetto Giovanisì: i motivi I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: -Il prolungamento della

Dettagli

Politiche educative e iniziative di elearning in Europa

Politiche educative e iniziative di elearning in Europa 1 Politiche educative e iniziative di elearning in Europa Handimatica, 30 novembre 2006 2 Società della Informazione in Europa 1999 eeurope- An Information Society for all 2000 eeurope Action Plan 2002

Dettagli

FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30

FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30 PROGRAMMAZIONE 2014-2020 DEI FONDI SIE PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE GOVERNANCE E CAPACITA ISTITUZIONALE FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30 Il PON Governance e capacità istituzionale

Dettagli

PROGETTO USIENA OPEN COSTRUIRE LE COMPETENZE DEL FUTURO IL LIAISON OFFICE A SUPPORTO DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE

PROGETTO USIENA OPEN COSTRUIRE LE COMPETENZE DEL FUTURO IL LIAISON OFFICE A SUPPORTO DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE PROGETTO USIENA OPEN COSTRUIRE LE COMPETENZE DEL FUTURO IL LIAISON OFFICE A SUPPORTO DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE www.unisi.it/liaison Cosa èil Progetto USIENA OPEN? USIENA OPEN èun progetto innovativo

Dettagli

PIANO D AZIONE PER LA SOCIETA DELL INFORMAZIONE (Roma, 16 giugno 2000)

PIANO D AZIONE PER LA SOCIETA DELL INFORMAZIONE (Roma, 16 giugno 2000) PIANO D AZIONE PER LA SOCIETA DELL INFORMAZIONE (Roma, 16 giugno 2000) In coerenza con l iniziativa eeurope (Feira 19-20 Giugno) il Governo ha oggi varato il PIANO D AZIONE PER LA SOCIETA DELL INFORMAZIONE

Dettagli

ASSOCIAZIONE FABBRICA INTELLIGENTE LOMBARDIA. Presentazione. Associazione Fabbrica Intelligente Lombardia

ASSOCIAZIONE FABBRICA INTELLIGENTE LOMBARDIA. Presentazione. Associazione Fabbrica Intelligente Lombardia ASSOCIAZIONE FABBRICA INTELLIGENTE LOMBARDIA Presentazione Associazione Fabbrica Intelligente Lombardia AFIL, per crescere insieme SUPPORTARE la crescita del MANIFATTURIERO lombardo e la sua competitività

Dettagli

IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE OINT. Percorsi e servizi per nuove imprese innovative. www.trentinosviluppo.it

IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE OINT. Percorsi e servizi per nuove imprese innovative. www.trentinosviluppo.it IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE i OINT Percorsi e servizi per nuove imprese innovative www.trentinosviluppo.it IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE Trentino Sviluppo è l agenzia creata

Dettagli

Fiera del Levante. La comunicazione in una strategia di Marketing territoriale. Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002

Fiera del Levante. La comunicazione in una strategia di Marketing territoriale. Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Fiera del Levante La comunicazione in una strategia di Marketing territoriale Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 L agenzia E tra le prime 10 del mercato secondo la classifica Assorel, la seconda

Dettagli

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI Convegno «LE PMI INNOVATIVE - LEGGE SULLE AGEVOLAZIONI» Pordenone, 28 aprile 2015 1 Obiettivi della Riforma

Dettagli

Gruppo di lavoro Italia-Israele su startup e trasferimento tecnologico

Gruppo di lavoro Italia-Israele su startup e trasferimento tecnologico Gruppo di lavoro Italia-Israele su startup e trasferimento tecnologico 1 In occasione del vertice bilaterale con Israele tenutosi a Gerusalemme e Tel Aviv il 24 e 25 ottobre 2012, i due governi hanno firmato

Dettagli

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE:

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: VALORI PER SOCIETÀ SICURE ED INTERCULTURALI di Giovanna Spagnuolo Ci manca la comunità perché ci manca la sicurezza Z. Bauman (Voglia di comunità, Laterza, Bari-Roma,

Dettagli

Manifesto delle Città Metropolitane italiane

Manifesto delle Città Metropolitane italiane Manifesto delle Città Metropolitane italiane Le aree metropolitane sono il motore delle economie nazionali e hanno un ruolo sempre più rilevante negli scenari economici, sociali e istituzionali globali.

Dettagli

Start up e innovazione: novità è opportunità per il 2015

Start up e innovazione: novità è opportunità per il 2015 Start up e innovazione: novità è opportunità per il 2015 Mercoledì 11 febbraio Dott. Matteo Farina Progetti di Sviluppo Banco Popolare Confindustria Firenze Banco Popolare e innovazione tecnologica: un

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

Il FAR - Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca

Il FAR - Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca Il FAR - Fondo per le Agevolazioni alla Ricerca Pisa, 8 febbraio 08 Aula Magna Polo didattico Carmignani, Il nuovo sistema di sostegno alla ricerca industriale dal 2001 è operativo il Decreto Ministeriale

Dettagli

La Learning Organisation in UCB

La Learning Organisation in UCB La Learning Organisation in UCB CONVEGNO ABI HR 2008 Banche e Risorse Umane Giorgio Ballotta Responsabile Formazione UniCredit Banca Manlio Rizzo Partner e Amministratore Delegato AchieveGlobal Italia

Dettagli

Convegno ANFIA. Torino, 7 maggio 2013

Convegno ANFIA. Torino, 7 maggio 2013 Convegno ANFIA Torino, 7 maggio 2013 Scaletta presentazione Dott. Bonomi INTRODUZIONE anche se il momento è difficile e carico di incertezze bisogna cercare di capire quali sono le occasioni per migliorare

Dettagli

23 Febbraio 2016. State Street Asset Owners Survey

23 Febbraio 2016. State Street Asset Owners Survey 23 Febbraio 2016 State Street Asset Owners Survey Introduzione Il sistema pensionistico globale si trova di fronte a sfide di enorme portata I fondi pensione devono evolversi e svilupparsi per riuscire

Dettagli

Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013

Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013 Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013 La Piattaforma europea dedicata ai professionisti dell edilizia sostenibile Iscriviti ed entra a far parte del nostro network www.construction21.eu Unioncamere del Veneto

Dettagli

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni Agenda Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria Consulenza globale Ambiti d intervento Conferma e arricchimento soluzioni 1 Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria Un impegno

Dettagli

ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI

ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI La Regione Emilia-Romagna giunge all appuntamento con il nuovo periodo di programmazione dei

Dettagli

Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno. Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro

Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno. Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro Contesto della proposta (1) La conoscenza costituisce il fulcro dell Agenda di

Dettagli

Il processo di generazione di start-up in ARCA

Il processo di generazione di start-up in ARCA Il processo di generazione di start-up in ARCA Chi siamo ARCA è un consorzio partecipato da: Università di Palermo Associazione Sintesi (che associa le Università di Palermo, Catania e Messina) Easy Integrazione

Dettagli