L innovazione è una componente chiave per la crescita economica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L innovazione è una componente chiave per la crescita economica"

Transcript

1 L innovazione è una componente chiave per la crescita economica Fonte: The European House - Ambrosetti su dati OCSE e FMI,

2 Oggi il modello di innovazione è collaborativo Il premio competitivo è legato alla capacità di massimizzare le connessioni (qualità e quantità) tra attori diversi all interno di ecosistemi di innovazione integrati, operanti su scale e ambiti geografici differenziati 2

3 Tutti i Paesi più dinamici stanno puntando a costruire dei cluster innovativi di eccellenza Fonte: The European House - Ambrosetti,

4 Dallo scorso anno abbiamo analizzato molti casi di successo Canada e il cluster high-tech di Toronto Cile e il programma Start Up Chile Corea del Sud e piano cluster industrial tematici Finlandia e il distretto innovativo di Tempere Francia e il campus di Parigi-Saclay Israele e area della Silicon Wadi (Tel Aviv) Regno Unito e il cluster tecnologico di Cambridge Singapore e l Agenzia Astar per l innovazione Stati Uniti e la Silicon Valley Svezia-Danimarca con la Medicon Valley di Malmo Svizzera e le università EPFL Losanna e ETH Zurigo 4

5 Un caso di interesse: la Francia 1/2 Dal 2004 la Francia ha lanciato il progetto pôles de compétitivité Focus: progetti di R&S finalizzati allo sviluppo di nuovi prodotti e processi con precisa connotazione territoriale e con coinvolgimento di grandi imprese e PMI, centri di ricerca e autorità locali Ad oggi creati 71 poli di competitività con aziende coinvolte (di cui l 86% PMI) Dal 2005 al 2013, finanziamento pubblico di progetti di R&S per 2,4 mld, con una spesa totale attivata in R&S di oltre 6 mld e ricercatori coinvolti A dicembre 2013, lanciato concorso mondiale per generare innovazioni strategiche per l avvenire della Francia (focus su: stoccaggio energia, riciclo materie, economia marina, chimica verde, sanità e ageing society, big data) 5

6 Un caso di interesse: la Francia 2/2 Nel 2008 è stato avviato il cluster dell innovazione di Paris-Saclay Investimento pubblico di 5 mld all interno del progetto di sviluppo territoriale «Grand Paris» (investimento di 30 mld ) Obiettivo: riunire le Università e centri di ricerca della periferia di Parigi in uno dei primi campus globali a schema pubblico-privato Ad oggi Parigi-Saclay ha: 2 Università, 10 grande écoles e 6 istituti di ricerca con 60mila studenti e 20mila ricercatori; 7 dei 23 centri di tech transfer (Carnot Institute); 3 incubatori d impresa e aziende Lo sviluppo del cluster è governato dalla Paris-Saclay Development Authority (PDA), autorità pubblica sotto il controllo del Ministero dell Istruzione e della Ricerca che raccoglie tutti gli stakeholder Il Presidente e CEO della PDA è deciso dal Presidente della Repubblica Francese 6

7 Non esiste un modello di riferimento per l ecosistema dell innovazione 7

8 Esistono però delle «invarianti» per il successo dell ecosistema Governance chiara e coordinamento efficace delle relazioni tra i diversi attori (anche con Agenzie/organizzazioni preposte) Policy pubbliche di indirizzo e supporto ad hoc (spesso collegate a piani più ampi di sviluppo territoriale) Centri di eccellenza e/o imprese leader presenti (o attratte) sul territorio Sistema finanziario e risorse adeguate (spesso con schemi integrativi pubblico-privati per attivare risorse con un effetto leva) Ambiente innovativo e network relazionale 8

9 La Commissione Europea colloca anche per il 2014 l Italia tra i Paesi «innovatori moderati» European Innovation Scoreboard 2014 Fonte: The European House - Ambrosetti su dati Commissione Europea,

10 La Community TITT ha individuato 5 "cantieri di lavoro" prioritari per l Italia 10

11 La Community TITT ha sviluppato 10 proposte operative 1. Strategia nazionale dell innovazione 2. National Innovation Group 3. Agevolazioni per la R&S e sblocco debiti non commerciali della PA 4. Nuovi schemi di intervento pubblico-privati nel Venture Capital 5. Università tematiche per l Italia 6. TransferLab nazionale e autonomia per gli uffici di tech transfer 7. Cultura del trasferimento tecnologico e razionalizzazione dei processi 8. Regime di proprietà intellettuale per la ricerca pubblica 9. Crash Program per la valorizzazione dei giovani talenti della ricerca 10. Educazione per l innovazione e l imprenditorialità 11

12 1. Strategia nazionale dell innovazione 12

13 Nell attuale scenario occorre una forte capacità di gestione strategica dell innovazione 1. Occorrono 3 elementi chiave: 1. Visione di medio-lungo periodo chiara, condivisa e comunicata Dimensione temporale di riferimento Intento strategico (il sogno da condividere) Obiettivi di risultato associati all intento strategico e con esso coerenti 2. Risorse, strumenti e politiche/normative coerenti e funzionali agli obiettivi 3. Orientamento culturale diffuso verso l innovazione 13

14 L innovazione è sempre più vista come un «programma d azione nazionale» 1. Paese Strategia Anno Austria Austria Road to innovation leader strategy Danimarca Land of Solutions: the National Innovation Strategy 2012 Finlandia Government Statement on Innovation Policy 2007 Francia National Strategy for Research and Innovation 2012 Germania High-tech strategy 2020 Giappone 4 th science and technology plan ( ) of Japan 2011 Spagna Science, Technology and Innovation Strategy 2013 Svezia The Swedish Innovation Strategy 2012 Regno Unito Innovation and Research Strategy for Growth 2011 Stati Uniti Strategy for American Innovation 2006 (rev 2010) (rev 2011) 14

15 Strategia nazionale dell innovazione per l Italia 1. Formulare una strategia nazionale dell innovazione che: 1. Definisca la visione del progetto di innovazione del Paese (almeno a 10 anni) e individui gli ambiti tecnologici e della ricerca prioritari, con un forte orientamento al mercato e alla competitività industriale (da Survey TITT: tecnologie innovative per l'energia; nuovi materiali; mobile Internet; nanotecnologie; tecnologie per le piattaforme Smart City) 2. Leghi in maniera organica, coerente e vincolante, le politiche della ricerca, del lavoro, della formazione e dello sviluppo industriale Rendere efficace la governance per l implementazione della strategia con un referente governativo univoco, con ruolo permanente e potere di indirizzo, coordinamento e spesa ( Mr. Innovazione ) 15

16 L Italia deve puntare ad aumentare le risorse dedicate alla ricerca e allo sviluppo 1. Spesa per la ricerca e sviluppo in % del PIL nei Paesi UE-28, 2012 Allinearsi all attuale media EU attiverebbe oltre 32 mld di spesa in R&S pubblica e privata, contro gli attuali 20 mld Fonte: The European House - Ambrosetti su dati Eurostat,

17 2. National innovation group 17

18 National Innovation Group 2. Creare un organismo permanente consultivo-propositivo, non burocratico, con regole di ingaggio molto chiare e meritocratiche, composto da imprenditori, aziende innovative ed esperti (massimo 15/20 che operano senza compenso), con l obiettivo di: Stimolare le modalità più efficaci di valorizzare l ecosistema dell innovazione italiano e formulare proposte di policy Lanciare idee per progetti pilota Proporre iniziative/strumenti per potenziare l'attrattività dell'ecosistema Paese 18

19 Smart London Board per la capitale della Digital Nation 2. Visione Governo: Regno Unito come «digital nation» leader mondiale Londra (sfruttando le Olimpiadi 2012) è al centro di questa visione - Modernizzazione del sistema dei servizi pubblici ( Smart city a 360 ) - Iniziative pubblico-private per creare cluster di industrie digitali avanzate* - Open data pubblici (ad oggi database disponibili sul sito della città) - Creazione dell Open Data Institute per studiare e proporre azioni di policy per rafforzare il legame tra imprenditorialità e open data) Il Sindaco Boris Johnson ha lanciato (marzo 2013) un board di esperti, tra personalità accademiche, businessman e imprenditori per produrre pensiero innovativo su come trasformare Londra nella città capofila dell economia digitale nel mondo (*) Es. progetto I-city in East London con collaborazione tra settore industriale, immobiliare e Università per creare un polo che attragga aziende della digital and information economy 19

20 3. Agevolazioni per la R&S e sblocco debiti con commerciali della PA 20

21 La leva degli incentivi fiscali in Italia è poco utilizzata 3. Supporto pubblico alle attività di R&S delle aziende; % sul PIL, 2013 Fonte: The European House - Ambrosetti su dati OECD,

22 Proposta 3. Agevolazioni per la ricerca privata e sblocco dei debiti non commerciali della PA 3. Introdurre misure strutturali per le imprese che fanno R&S; tra cui: Regime fiscale agevolato (detassazione o riduzione della tassazione) sui redditi che originano dallo sfruttamento della proprietà intellettuale (cessione o trasferimento dei diritti) Credito di imposta stabile ed automatico sugli investimenti di R&S in house e in collaborazione con importi di detrazione significativi (come le best practice internazionali) e senza tetti di spesa massima Semplificazione delle procedure di finanziamento della R&S e revisione del periodo di perenzione (attualmente di 3 anni, da riportare a 7) per i fondi pubblici erogati per attività di ricerca (inoltre) Sbloccare urgentemente i crediti non commerciali nei confronti della PA per le attività di ricerca (circa 1 mld *) (*) Fonte: stime Confindustria 22

23 Credito d imposta: Francia una best practice internazionale Criterio d accesso Tetti e massimali Spese ammissibili Francia (periodo di applicazione ) Nessun vincolo 30% spese in R&S fino ad un max annuale di 100 mln ; oltre, il 5% delle spese in R&S 5 mld di beneficio fiscale 2013 Personale impiegato in R&S Quote di ammortamento investimenti Costi della ricerca svolta in collaborazione con enti esterni o internamente Spese per la difesa proprietà intellettuale Italia (periodo di applicazione ) Fatturato <500 mln di 50% degli incrementi annuali di spesa nelle attività R&S con limite massimo annuale per azienda di 2,5 mln 600 mln nel triennio come stanziamento massimo Personale impiegato nelle attività di R&S Quote di ammortamento investimenti Costi della ricerca svolta in collaborazione con enti esterni o internamente 23 3.

24 Le raccomandazioni del Junior Chapter per il credito d imposta 3. Oltre a stabilizzare la misura secondo quanto prima proposto: Introdurre aliquote diversificate, più alte per le PMI (fra il 30 e il 40%), con un premio per costi del personale rispetto ad altri asset/ macchinari e una differenziazione in aumento nel caso di spese R&S incrementali Insieme a una definizione molto stringente delle spese in R&S, ancorata a fattori osservabili, introdurre un aliquota di detrazione progressiva, rispetto all incertezza dei ritorni del progetto (o al livello di radicalità dell innovazione), con un focus su pool specifici di imprese in settori o cluster con priorità strategiche a livello nazionale Rendere fruibile il credito anche per imprese con utili nulli o negativi, purché si tratti di start-up o piccole imprese, e collegare lo sgravio all investimento sul territorio nazionale, per attrarre investimenti esteri 24

25 4. Nuovi schemi di intervento pubblico-privati nel Venture Capital 25

26 Il mercato italiano del Venture Capital ha volumi ridotti Investimenti di Venture Capital ($ per milione di PIL; anno 2012) 4. Fonte: The European House - Ambrosetti su dati Eurostat,

27 Nuovi schemi di intervento pubblico-privati nel Venture Capital 4. Promuovere schemi di pubblico-privato con le seguenti caratteristiche: Quota pubblica non superiore al 60% Soglia massima di rendimento per il soggetto pubblico (per generare rendimenti superiori per gli investitori privati nel caso di buona performance del fondo) Assenza di clausole di down side protection (attraverso le quali il soggetto pubblico si accolla una quota predefinita delle eventuali perdite di capitale del fondo con il rischio di generare incentivi indesiderati nei gestori del fondo stesso) Presenza di buy-out options (possibilità per gli investitori privati di comprare la quota detenuta dal soggetto pubblico prima della fine della vita del fondo ad un prezzo predeterminato, ottenendo ritorni superiori e consentendo al soggetto pubblico di reinvestire le risorse in altri fondi) 27

28 Si propone inoltre di rivalutare il modello di Banca per lo sviluppo industriale 4. Rilanciare il modello dell istituto di credito speciale, stimolando proattivamente il sistema bancario a dotarsi di apposite divisioni e/o gemmare iniziative ad hoc, con focalizzazione su innovazione e ricerca e sviluppo L offerta degli strumenti/canali di finanziamento all innovazione deve essere (condizione necessaria) accompagnata da professionisti adeguatamente formati per fare una valutazione competente del progetto innovativo È possibile prevedere la collaborazione con il sistema universitario per l assessment delle tecnologie e per accedere, sulla base di tali valutazioni certificate, al credito agevolato 28

29 Un esempio: British Business Bank-BBB (UK) 4. Banca di proprietà statale costituita nel 2013 (piena operatività a fine 2014; a dicembre 2013 vi avevano fatto ricorso già imprese) Missione: offrire credito alle imprese inglesi (focus particolare sulle PMI con fatturato fino a 25 milioni ) Capitale sociale di 1,25 mld e gestione diretta di 2,9 mld di finanziamenti già erogati alle imprese da altre istituzioni pubbliche Tra i filoni di attività: - Finanziamento di start up - Matching di fondi di business angel (da 100mila a 1 mln ) - Investimenti in fondi di venture capital (530 mln in 16 fondi) - Gestione dello UK Innovation Investment Fund-UKIIF (159 mln ) focalizzato su investimenti in imprese high-tech 29

30 5. Università tematiche per l Italia 30

31 L Italia ha molte Università sul territorio, ma pochi «aggregatori di innovazione» 5. Le Università italiane sono tipicamente generaliste, tranne pochi esempi costituiti dai Politecnici e da alcune Università non statali con vocazione economica e sociale Le Università generaliste non definiscono una propria «vocazione» identitaria e hanno obiettivi essenzialmente di erogazione di formazione Vi è il rischio di disallineamento tra le risorse e le potenzialità presenti sul territorio (specialmente in presenza di una specializzazione industriale specifica) e l offerta universitaria con ripercussioni sulla competitività 31

32 Università tematiche per l Italia 5. Lanciare un piano d azione per studiare le migliori modalità (condizioni e fattibilità) per stimolare la trasformazione di alcune Università generaliste in Università territoriali tematiche, fortemente specializzate, anche con modelli cross-regionali a rete con altri Atenei e condivisione di laboratori di ricerca e strutture di trasferimento tecnologico Task force congiunta MIUR e MiSE per studiare il progetto Adesione volontaria delle Università, con fondi aggiuntivi per quelle che raggiungano determinati obiettivi di sviluppo (pre-definiti) Maggiore libertà per gli Atenei nella gestione delle risorse umane e finanziarie (togliere il comparto della ricerca dai vincoli della PA) 32

33 6. TransferLab nazionale e autonomia per gli uffici di tech transfer 33

34 In Italia il trasferimento tecnologico è critico 6. In Italia strutture di trasferimento tecnologico a vario titolo (in Francia e Germania circa 200) Sottodimensionamento di personale e risorse (in media gli Uffici di Trasferimento Tecnologico in Italia hanno 3,8 addetti) Frammentazione e difficoltà di coordinamento tra le strutture (l 87% circa degli uffici di trasferimento tecnologico (UTT) offrono i propri servizi ad una unica università) Professionalità e competenze di tipo legale/amministrativo, carenti dal punto di vista di conoscenze di tipo tecnologico e di business Fonte: The European House - Ambrosetti su fonti varie,

35 TransferLab nazionale e modelli di governance non tradizionali per il tech transfer Realizzare (o attivare in strutture di eccellenza già presenti nel Paese) un TransferLab nazionale che: Operi senza duplicazione di attività e in logica di sussidiarietà a supporto del sistema di trasferimento tecnologico locale Abbia professionalità specifiche con profilo internazionale (Technology Transfer Office manager) assunte con meccanismi aperti e competitivi, anche dall estero 2. (Inoltre) Permettere l organizzazione separata e autonoma degli Uffici per il Trasferimento Tecnologico all interno delle Università, con la possibilità di dotarli di autonomia giuridica e amministrativa 35

36 Un esempio di transfer lab nazionale: National Technology Transfer Center (USA) 6. Istituito nel 1989 per volontà del Congresso per essere il catalizzatore del tech transfer tra agenzie di ricerca, università e mercato 3 ambiti di specializzazione: aerospazio, salute, energia Tra i servizi del centro: - Technology/market assessment (oltre tecnologie valutate) - Training (quasi professionisti di tech transfer formati) Il centro copre competenze interdisciplinari: proprietà intellettuale, ingegneria, ICT, analisi di mercato, supporto alla partecipazione ai bandi, messa a punto di contratti, consulenze di business/ industriali, formazione 36

37 Le considerazioni del Junior Chapter sull autonomia degli Uffici di Tech Transfer 6. Il tema deve essere posto all ordine del giorno degli organi centrali di governo del sistema universitario nazionale (CRUI e MIUR) Le opzioni di governance (da autonoma a semi-autonoma) devono essere valutate in modo condiviso con gli Atenei secondo tre criteri alternativi: - Fare wholly owned subsidiary (Università che detengono al 100% la proprietà dell UTT) - Agire in partnership con altri Atenei o con organizzazioni private già esistenti - Costituire organizzazioni autonome, di proprietà condivisa tra Università e altri investitori 37

38 Un esempio: Imperial Innovations PLC il primo ufficio di tech transfer universitario quotato in UK 6. Nato nel 1986 come ufficio per il tech transfer dell Imperial College Nel 1997 diviene una sussidiaria controllata dall Università e nel 2006 è quotata al London Stock Exchange (31 mln raccolti in IPO); oggi la sua capitalizzazione è di oltre 420 milioni Imperial Innovations ha un accordo con Imperial College che ne sancisce il ruolo di ufficio di trasferimento tecnologico fino al 2020 Dalla quotazione Imperial Innovations ha investito nelle aziende in portfolio 195 mln (focus su settori high tech come healthcare, energia, ingegneria, biotech) e raccolto oltre 900 mln di capitali Tra le attività, Imperial Innovations, offre finanziamenti per lo sviluppo commerciale di idee per un budget compreso tra i 30mila e 30 milioni - I finanziamenti sono erogati dopo uno studio di fattibilità che Imperial Innovation finanzia con investimenti fino a

39 7. Cultura del trasferimento tecnologico e razionalizzazione dei processi 39

40 Cultura del trasferimento tecnologico e razionalizzazione dei processi 1/2 7. Adottare dei quick fix (1/2): Breve periodo: Bloccare la moltiplicazione degli enti di trasferimento tecnologico a vario titolo e ridare centralità alle Università Professionalizzare le figure dedicate al tech transfer e assumere gli indicatori della ricerca come strumenti di segnalazione dell efficienza degli enti per la generazione, la gestione e il trasferimento della conoscenza Introdurre appositi strumenti (es. valutazione nel cv del ricercatore delle attività di TT svolte) e spingere sui percorsi di dottorato applicati alla ricerca industriale Istituzionalizzare programmi di scambio ricerca-industria per PhD con defiscalizzazione degli oneri per gli enti che li mandano e che li ospitano oppure per chi li assume (se start up) 40

41 Cultura del trasferimento tecnologico e razionalizzazione dei processi 2/2 7. Adottare dei quick fix (2/2): Medio periodo: Favorire le aggregazioni (di Università, strutture di TT, ecc.) secondo tre principi: One in, one out (per creare un nuovo ente di trasferimento tecnologico deve eliminarsene uno esistente) Sussidiarietà invertita (anche modificando il Titolo V della Costituzione, prevedere politiche dell innovazione decise a livello statale e attuate a livello regionale, secondo una logica di strumentalità; no a centri decisionali autonomi) Misurazione (definizione della missione, degli obiettivi e dei risultati dell ente, preventiva rispetto alla sua creazione) 41

42 Alcune best practice internazionali a cui ispirarsi 7. La Finlandia ha ridotto da 21 a 15 il numero delle Università, decretandone autonomia, indipendenza dallo Stato e responsabilità finanziaria (Riforma del 2010, Vision2020) L Austria ha realizzato il Science Park Graz, un incubatore unico per i tre Atenei della città Gli USA, dove il National Technology Transfer Center è un modello di riferimento per il TransferLab nazionale La Francia, che con la riforma del 2010 ha avviato una politica di lungo periodo, creando 12 poli in tutto il Paese, che gestiscono proof-of-concept funds e creano masse critiche a partire dalle 80 Università territoriali 42

43 8. Regime di proprietà intellettuale per la ricerca pubblica 43

44 Regime di proprietà intellettuale per la ricerca pubblica 8. Recepire l esperienza degli altri Paesi e attribuire la titolarità dei brevetti all Università e i diritti morali agli inventori con un equo premio Incentivare le Università a trasferire i brevetti alle imprese partecipando allo sviluppo delle invenzioni Rivedere quindi il codice della proprietà industriale anche individuando un diritto di ripresa del brevetto da parte dell inventore nel caso in cui l Università non sia in grado di valorizzarlo 44

45 9. Crash Program per la valorizzazione dei giovani talenti della ricerca 45

46 L Italia non è un Paese attrattivo per i talenti, in genere nei settori dell innovazione 9. Global Talent Competitiveness Index, 2013 Fonte: The European House - Ambrosetti su dati INSEAD,

47 C è anche un tema di salari offerti ai ricercatori in Italia 9. Salario annuale lordo in ingresso (ricercatori) in PPS, 2012 Fonte: The European House - Ambrosetti su dati Commissione Europea,

48 C è anche un tema di salari offerti ai ricercatori in Italia 9. Produttività della ricerca* aggiustata per stipendio lordo annuo (numero indice, 2012) (*) Citazioni per ricercatore Fonte: The European House - Ambrosetti su dati Commissione Europea, OCSE e Scimago,

49 Crash Program per la valorizzazione dei giovani talenti della ricerca in Italia 9. Lanciare un programma nazionale con interventi integrati, tra cui : Direct recruiting nel sistema della ricerca pubblica con bandi internazionali (superando i concorsi a livello nazionale) Visti/permessi di soggiorno per ricercatori extra-comunitari veloci Salario base dei ricercatori allineato alle best practice internazionali e bonus per risultati/incarichi con negoziazione salariale individuale Finanziamenti con modalità a «burocrazia zero per i progetti proposti da giovani talenti (es. fino ai 35 anni) e selezionati con bandi internazionali e criteri trasparenti meritocratici, coerenti con gli ambiti e i settori strategici per l Italia Tax holiday (3-5 anni) per le imprese fondate da giovani ricercatori 49

50 10. Educazione per l innovazione e l imprenditorialità 50

51 Sempre più Paesi inseriscono l imprenditorialità e l innovazione nei propri modelli educativi Strategie educative per l imprenditorialità nei Paesi europei 10. Fonte: The European House - Ambrosetti su dati Eurydice e Commissione Europea,

52 Educazione per l innovazione e l imprenditorialità Inserire nei programmi scolastici, sin dalle elementari con criteri di modularità e gradualità l'insegnamento di temi/materie trasversali e funzionali all'innovazione e all imprenditorialità, anche integrandole, per le scuole superiori, nei programmi di materie obbligatorie come economia e scienze sociali Tra gli elementi di insegnamento: team working, creatività (creative thinking), elementi di psicologia, leadership, comunicazione (communication skills), problem solving, ecc. 2. (inoltre) Prevedere, dalle scuole superiori, percorsi di alternanza scuola-lavoro (crediti formativi e apprendistato), con progetti sperimentali in imprese e centri di ricerca che ingaggino gli studenti in attività collegate ai processi di ricerca e innovazione 52

53 «I tempi corrono e se tu non corri con i tempi, i tempi correranno senza di te»

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto Urban Farming: Second Use of Public Spaces Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking Scheda progetto CSAVRI - Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e Incubatore

Dettagli

Programma Nazionale della Ricerca 2011-2013

Programma Nazionale della Ricerca 2011-2013 Programma Nazionale della Ricerca 2011-2013 Marzo 2011 1 INDICE INTRODUZIONE... 4 EXECUTIVE SUMMARY... 7 1 LO SCENARIO DI RIFERIMENTO... 14 1.1. IL CONTESTO SCIENTIFICO-TECNOLOGICO INTERNAZIONALE... 14

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

5 fondata sul lavoro

5 fondata sul lavoro 5 fondata sul lavoro In Italia abbiamo 700 mila disoccupati tra i 15-24enni, e 4 milioni 355 mila ragazzi che non studiano, non lavorano, non sono in formazione (c.d. NEET), in grossa parte alimentati

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Smart Specialisation Strategy della Provincia Autonoma di Trento. Esempi e strumenti di attuazione. A. A Beccara I. Pilati Trento RISE

Smart Specialisation Strategy della Provincia Autonoma di Trento. Esempi e strumenti di attuazione. A. A Beccara I. Pilati Trento RISE Smart Specialisation Strategy della Provincia Autonoma di Trento Esempi e strumenti di attuazione A. A Beccara I. Pilati Trento RISE S3 PAT ICT Micro nano-elett. Qualità della vita Agrifood Nanotech. Fotonica

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto 4 Gruppo di lavoro 5

Dettagli

BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0

BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0 BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0 Concorso di idee per iniziative imprenditoriali innovative Che cosa è Valore Assoluto è un iniziativa della Camera di Commercio di Bari, giunta al terzo anno di attività e finalizzata

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione Bando Fondazione Cariplo Promuovere la Formazione di Capitale Umano di Eccellenza 2012-2014 soggetti coinvolti Libera Università di

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Mobile Enterprise: produttività recuperata per 9 miliardi di nel 2014

Mobile Enterprise: produttività recuperata per 9 miliardi di nel 2014 Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano www.osservatori.net COMUNICATO STAMPA Osservatorio Mobile Enterprise Mobile Enterprise: produttività recuperata per 9 miliardi di nel 2014 Il mercato

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Il progetto CONFINDUSTRIA per l ITALIA: crescere si può, si deve

Il progetto CONFINDUSTRIA per l ITALIA: crescere si può, si deve Il progetto CONFINDUSTRIA per l ITALIA: crescere si può, si deve Roma, 23 gennaio 2013 Il progetto CONFINDUSTRIA per l ITALIA: crescere si può, si deve Roma, 23 gennaio 2013 SOMMARIO 05 LE PRIORITÀ 07

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 07.04.1998 COM (98) 222 PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO I. LO SPIRITO IMPRENDITORIALE:

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI OPUSCOLO Opportunità di ricerca transnazionale Vi interessa la ricerca europea? Research*eu è il mensile della direzione generale della Ricerca per essere

Dettagli

Università di Camerino

Università di Camerino Università di Camerino FONDO DI ATENEO PER LA RICERCA Bando per il finanziamento di Progetti di Ricerca di Ateneo Anno 2014-2015 1. Oggetto del bando L Università di Camerino intende sostenere e sviluppare,

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei.

Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei. Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei. Alessia Amighini (Università del Piemonte Orientale) Versione preliminare Intervento al convegno Innovare per

Dettagli

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Un economia sana e con buone prospettive di crescita deve saper cogliere i frutti del progresso tecnico, che solo adeguati investimenti in ricerca

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi:

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi: I costi della crisi In Italia, dall inizio della crisi: Licia Mattioli abbiamo perso 9 punti di PIL abbiamo perso il 25% della produzione industriale il reddito disponibile è calato dell 11% in termini

Dettagli

La start-up innovativa

La start-up innovativa La start-up innovativa Guida sintetica per utenti esperti sugli adempimenti societari Per maggiori informazioni: http://startup.registroimprese.it Adempimenti amministrativi ed informazioni sulle nuove

Dettagli