I PROCESSI IMPRENDITORIALI NEI DT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I PROCESSI IMPRENDITORIALI NEI DT"

Transcript

1 Capitolo V I PROCESSI IMPRENDITORIALI NEI DT Parole Chiave Valorizzazione della Ricerca Trasferimento Tecnologico Spin-off Accademici & Universitari Venture Capital Gestione della Proprietà Intellettuale Reti, Mercati e Gerarchie 88

2 Territorio, Conoscenza e Reti Hi-Tech In molti DT il territorio ha un minore impatto nella propagazione di conoscenza Interazione face to face minore rispetto ai DI Dal DT al Metadistretto Tecnologico Comunità Virtuali come surrogato del territorio per lo scambio di conoscenza ed informazioni 89

3 Conoscenza Firm-Specific Rispetto alla problematica della creazione e gestione di conoscenza firm-specific, sono almeno due gli aspetti da analizzare: 1. Capitale umano e specializzazione delle imprese hi-tech 2. Sistemi tecnologici locali come bacini di competenze 90

4 Capitale Umano e Specializzazione nei DT (I) CU: un espressione economica della conoscenza firm-specific in quanto esprime il valore del sapere di cui sono dotate le risorse umane (RU) che lavorano nell impresa CU dipende da diverse variabili delle RU: livello d istruzione, esperienze lavorative pregresse, allineamento con i valori e la mission aziendale Importanza della gestione e selezione delle RU 91

5 Capitale Umano e Specializzazione nei DT (II) 2 strategie di approvvigionamento di RU nei DT: 1. Ricerca di RU qualificate dentro il cluster Il caso UppsalaBio: Imprese ed Università pianificano insieme i bisogni di RU specializzate da avere sul territorio 2. Ricerca di RU qualificate fuori il cluster Florida: il successo economico di un territorio dipende dalla sua capacità di attrarre nell area cervelli fortemente creativi e innovativi grazie alla presenza in loco delle cosiddette 3T (tecnologia, talento, tolleranza). 92

6 DT come bacini di competenze I distretti tecnologici sono visti da molti come bacini di competenze (competence pool) La struttura territoriale complessiva del DT rispecchia il modo in cui le competenze distintive possedute da tutte le imprese del cluster si assemblano ed amalgamano Strutture dei DT: Senza Centro oppure Piramidali 93

7 DT Senza Centro Assenza di una impresa che monopolizza i rapporti con il mercato tecnologico finale. Modello di organizzazione del DT di eredità marshalliana Relazioni inter-firm riguardano prevalentemente l innovazione organizzativa, la ricerca, il marketing, l internazionalizzazione Esempio: Silicon Wadi in Israele 94

8 DT Piramidali Tipo di DT che richiama il modello dei sistemi locali di sub-fornitura multilivello. Modello di organizzazione del DT hub and spoke Una sorgente imprenditoriale (grande impresa main contractor) decentrando genera un sistema di subfornitura locale (subcontractor di secondo e terzo livello) Esempio: Cluster aeronautico campano 95

9 DT Piramidali: il caso dell aeronautica I Livello II Livello III Livello Parti e Componenti Elettroniche ed Elettriche Sistemi & Sottosistemi Elettronici Sistemi Avionici di bordo Assemblaggio Velivolo e Vendita Sistemi di Propulsione Motori & Componenti Accessori per Motori Sistemi di Avviamento e Fonti di Energia Elettrica Parti strutturali assemblate e Sottosistemi Parti Strutturali Sistemi e Componenti Interni Sistemi Controllo Ambiente interno Sistemi Gestione Carburante Sistemi Funzionamento Carrelli Sistemi Idraulici

10 Modelli di DT a Confronto Discriminanti tra i due tipi di DT: 1. N. di imprese che hanno rapporti diretti con il mercato finale 2. Complessità/scomponibilità del prodotto tecnologico intorno cui verte il cluster Complessità/scomponibilità aumenta la gerarchia nel DT e la necessità di più conoscenza firm-specific eterogenee 97

11 La Conoscenza Partner-Specific La strategia delle imprese nei DT per acquisire tale conoscenza dipende da: 1. La natura della conoscenza del partner (tecnologica o commerciale) 2. La natura del soggetto partner (pubblica o privata) È quindi centrale affrontare i temi del trasferimento di conoscenza e delle strategie collaborative delle imprese hi-tech 98

12 Trasferimento e Strategie di Acquisizione di Conoscenza Il trasferimento tecnologico (TT) è un processo durante il quale avviene lo spostamento di una tecnologia tra due entità distinte, sorgenti e fruitori (donor e receiver), che di volta in volta possono assumere identità differenti, attraverso appositi canali di comunicazione e in un certo lasso di tempo TT di tipo orizzontale, verticale o diagonale TT tramite consegna, co-development, consulenza o apprendistato (Leonard Barton) 99

13 L efficacia del TT è direttamente proporzionale alla capacità di assorbimento del receiver Le condizioni che favoriscono tale assorbimento sono: 1. Similarità culturale tra le parti 2. Appropriatezza del canale di diffusione della tecnologia 3. Meccanismi di interazione tra imprese 4. Qualità delle risorse umane e finanziarie 100

14 TT nei DT Nei DT, il TT spesso va dalle Università ed EPR verso le imprese (valorizzazione) Vi sono molteplici modalità di trasferimento Relazioni Formali Relazioni Informali Conoscenza Tacita Contratti di ricerca, Mobilità dei ricercatori, Spin-off Consulenza, Network, Community Conoscenza Codificata Cessione brevetti, Licenze Pubblicazioni, Pubblicazioni con ricercatori industriali Fonte: Cfr. Baglieri D., 2006, op. cit. 101

15 Alleanze Cognitive tra imprese nei DT In linea con March, si distinguono: 1. Alleanze explorative: le imprese si impegnano nello sviluppo congiunto di nuove attività, prodotti e competenze non ancora detenute da nessuna delle parti 2. Alleanze exploitative: le imprese sfruttano l altrui conoscenza (anche tecnologica ma prevalentemente di natura commerciale e organizzativa) per i propri obiettivi particolari 102

16 Evidenze dal Bio-tech In questo settore le piccole imprese sviluppano attività di ricerca internamente per poi cedere, dietro remunerazione, i risultati della propria attività alle grandi multinazionali del settore farmaceutico (con competenze manageriali) Alleanze explorative tra piccole imprese nei DT per la R&S (ma talvolta anche con partner esterni) Alleanze exploitative tra multinazionali e piccole imprese per la commercializzazione e marketing 103

17 La Conoscenza Network-Specific La conoscenza network-specific è un sapere potenzialmente utilizzabile da tutti i soggetti presenti nel cluster Crea per l impresa un vantaggio rispetto agli attori esterni DT ma non nei confronti di quelli interni La strategia d acquisizione di questa risorsa cognitiva dipende dallo stadio evolutivo in cui si trova il distretto 104

18 Gli Attori Istituzionali nei DT emergenti Attori istituzionali non necessariamente pubblici Questi attori veicolano nell area conoscenza sia tacita che esplicita, fungendo da vere e proprie sorgenti dell apprendimento per le imprese lì localizzate Le imprese del DT, nella loro fase di start-up e/o consolidamento, acquisiscono da questi soggetti istituzionali conoscenza network-specific legata a: 1. know-how manageriale ed organizzativo 2. nuove conoscenze scientifiche e/o tecnologiche 105

19 I diversi tipi di attori Università Uffici per il trasferimento tecnologico (TTO) Parchi Scientifici e/o Tecnologici Incubatori d impresa Organismi di Governance per i DT 106

20 Le funzioni degli EPR nei DT Ricerca di nuove opportunità tecnologiche; Valutazione e protezione dei diritti di proprietà intellettuale; Selezione dei progetti di spin-off da supportare; Incubazione e sviluppo del business plan; Offerta di risorse finanziarie e individuazione di fonti esterne di finanziamento; Sostegno manageriale nella fase di start-up. 107

21 L incubatore di Città della Scienza INCUBATORE DI CITTA DELLA SCIENZA AREA INDUSTRIA DELLA CULTURA Orientamento Pre-Incubazione Incubazione Post-Incubazione Idea Progetto d Impresa Start-Up Sviluppo Sportello Informativo Tutoraggio: dall idea al progetto Tutoraggio: affiancamento manageriale Sostegno allo sviluppo d impresa 108

22 Capitale Sociale e Conoscenza Localizzata Quando un DT non è composto più in massima parte da start-up ma già vanta una certa longevità, gli enti istituzionali non sono più i principali soggetti in grado di diffondere sul territorio conoscenza In un DT maturo la conoscenza networkspecific è insita nelle relazioni sociali esistenti tra gli individui che operano nei nodi (le imprese) della rete 109

23 Hybrid Nodes Nei DT maturi sono importanti per la diffusione di tale conoscenza le figure ibride : soggetti professionali non esclusivamente vincolati ad un unica organizzazione ma aventi legami sociali, contrattuali e commerciali con più aziende, memorie storiche del cluster da cui attingere utili informazioni Es.: Avvocati e Consulenti a Silicon Valley, ex manager della Acorn a Cambridge 110

24 La nascita di nuove imprese nei DT In un DT si distingue tra Grandi Imprese Guida e Imprese Terze (guidate o autonome) Le grandi imprese sono determinanti per la nascita di un DT. Esse localizzano i loro R&S Lab in territori con specifiche caratteristiche: 1. Possibilità di co-operazione con altri R&S Labs 2. Possibilità di socializzazione tecnologica 3. Attività e servizi economici e finanziari 4. Infrastrutture di base e servizi per le imprese 111

25 Tipi di entrata di nuove imprese in un DT Tipo di entrata 1) Da diversificazione 2) Da attività dell impresa madre - Joint Venture - Parent Spin-off 3) Ex novo - Spin-off Imprenditoriale - Start-up senza esperienza Relazione con un impresa già esistente Stessa impresa Nuova impresa come entità separata Fondata da più imprese pre-esistenti Fondata dall impresa madre Nuova impresa come entità separata L imprenditore è stato precedentemente impiegato nel settore L imprenditore non ha conoscenza né contatti pregressi nel settore Proprietà dell impresa madre Totale Parziale Parziale Nulla Nulla

26 Tipi di Spin-off Industriali: si caratterizzano per la presenza al proprio interno di individui precedentemente impiegati nell impresa-madre e lo sviluppo di una tecnologia nata nell altra organizzazione. Possono essere autonomi o guidati Da Ricerca: fuoriuscita di personale e di conoscenza da un EPR. Possono essere accademici (iniziativa del singolo ricercatore) o universitari (partecipazione societaria dell EPR). 113

27 La creazione di spin-off in un DT S-O IndA DISTRETTO TECNOLOGICO Impresa Guida Hi-Tech S-O IndG Impresa Guida Hi-Tech S-O Univ. Università S-O IndA Ente Istituzionale di ricerca S-O Acc. S-O Acc. S-O Univ. S-O Univ. S-O Acc.: Spin-off Accademico S.O Univ.: Spin-off Universitario (di ricerca) S.O. IndG: Spin-off Industriale Guidato S.O. IndA: Spin-off Industriale Autonomo Titolarità del brevetto Partecipazione Azionaria

28 Conoscenze e creazione di nuove imprese Progetti R&S Conoscenza Network-Specific Orientamento Business Idea, Incubazione, Finanziamenti & VC Business Idea Business Plan Start-Up Brevetti Conoscenza Firm-Specific Business Plan & Accesso al mercato Finanziamenti & VC Conoscenza Partner-Specific 115

29 L Innovazione Intra-Organizzativa Nei DT questa è un attività core per lo sviluppo delle imprese della rete. Si notano nei DT 2 differenze rispetto ai DI: 1. Innovazioni radicali (e non incrementali) 2. Innovazioni basate più sulle risorse finanziarie - La grande impresa è l attore principale nel processo di produzione di nuova conoscenza - Maggiore criticità della protezione legale del sapere - Minore impatto della conoscenza di rete 116

30 Grandi Imprese Hi-Tech e DT Le grandi multinazionali tendono ad insediare i propri R&S Labs in DT per: - Sviluppare nuovi prodotti - Accedere in nuovi mercati Per far ciò le grandi imprese danno vita a numerose partnership con le PMI hi-tech locali Es.: La Novartis nel DT di Shangai (Cina) e la Nokia ad Oulu (Finlandia) 117

31 L evoluzione dei rapporti di Nokia nel DT di Oulu Profondità della collaborazione Fase 4: Partnership in R&S Fase 3: Subfornitura di R&S Fase 2: Partnership nella produzione Fase 1: Subfornitura di produzione Tempo 118

32 Le imprese hi-tech (siano esse guida o terze) in tutte le fasi di sviluppo di nuovi prodotti attuano strategie esplorative per acquisire e/o utilizzare la conoscenza dei propri partner interni o esterni al loro distretto tecnologico Il capitale sociale e la qualità delle informazioni che l impresa hi-tech riesce ad acquisire dai propri partner locali invece sembrano incidere maggiormente sulla innovazione più qualitativa della singola impresa (es. orientamento tecnologico) 119

33 Conoscenze e innovazione intra-organizzativa Conoscenza Firm-Specific Conoscenza Network-Specific Orientamento Tecnologico Iniziazione Conoscenza Network-Specific Competenze per lo Sviluppo di Progetti R&S, Realizzazione Prototipi, Lancio sul Mercato Sviluppo Supporto allo Sviluppo dei nuovi Progetti e/o Prodotti, Commercializzazione Strategia & Marketing Implementazione Conoscenza Partner-Specific 120

34 Valore Economico e Conoscenza Rispetto ai DI, la criticità della risorsa finanziaria è maggiore nei DT a causa del diverso tipo di conoscenza (science-based) e di core business (R&S) su cui si basano queste industrie. Ciò innalza molto le barriere all ingresso nel DT In tutto il mondo i DT si sviluppano anche grazie alla capacità dei policy-makers di reperire risorse finanziarie (es. Silicon Wadi) 121

35 Evoluzione % degli Investimenti in Hi-Tech in Italia ( ) % 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35% 40% Ammontare Numero Fonte: AIFI 122

36 Investire nell Hi-Tech In Italia investire nei settori hi-tech è meno frequente rispetto all estero (problema per i DT nostrani) Vi sarebbero tuttavia diversi tipi di investimenti per gli investitori istituzionali: 1. Early Stage 2. Expansion Financing 3. Replacement 4. Buy-Out VENTURE CAPITAL PRIVATE EQUITY 123

37 Politiche Push e Pull per finanziare i DT Push : le istituzioni spingono le società di Venture Capital (VC) verso imprese tramite l istituzione di fondi speciali Pull : le istituzioni creano strutture (es. incubatori) che supportino le imprese (la domanda di capitali) sino al punto di attirare gli investitori istituzionali (offerta) Torino Wireless: Integrazione delle 2 politiche 124

38 Il CVC nei DT Non meno importante del VC è poi il Corporate Venture Capital (CVC): fondo di investimento interno ad una grande impresa (non specializzata in attività finanziarie) con cui si erogano risorse per iniziative di imprenditorialità interna, specie se legate allo sviluppo ed alla valorizzazione di competenze specialistiche innovative interne Favorisce la nascita di spin-off guidati, la diffusione di conoscenza tecnologica sul territorio e la diversificazione strategica dell impresa madre 125

39 Riflessione su conoscenza e valore economico Vera creazione di valore tramite operazioni di private equity (PE), interessate ai processi imprenditoriali delle imprese nelle loro fasi mature Il PE esprime quantitativamente l effettivo riconoscimento da parte dei mercati e degli investitori della qualità della conoscenza generata dall impresa tramite la propria imprenditorialità Di grande importanza per le imprese hi-tech la protezione della conoscenza (tacita e codificata) 126

40 Conclusioni (I) La scelta della modalità di approvvigionamento di conoscenza (make, buy, network) non dipende solo da fattori economici ma anche (e sopratutto) strategici e competitivi I settori hi-tech, per definizione complessi ed in continuo cambiamento, richiedono alle loro imprese una sempre più accentuata capacità di rigenerare velocemente il proprio patrimonio cognitivo in parallelo con l evoluzione della domanda e della concorrenza. Similitudine tra DI e DT nelle strategie di acquisizione della conoscenza 127

41 Conclusioni (II) Nei DT, la conoscenza firm-specific guidano le imprese hi-tech (come quelle dei settori tradizionali) nell identificazione della strategia tecnologica Nei DT, le conoscenze partner-specific sono utili per lo sviluppo ed il lancio di una nuova tecnologia sia per compensare i gap interni di conoscenza e diminuire il rischio finanziario della R&S La collaborazione interorganizzativa porta con sé tuttavia la problematica (bilaterale) di esporre un impresa al rischio di una parziale replicabilità del proprio sapere da parte del partner 128

42 Conclusioni (III) La vera differenza tra DI e DT risiede invece nella capacità d appropriazione e nell utilizzo delle conoscenze network-specific. Nei DI, queste sono di più facile acquisizione grazie alla industrial atmosphere, e riguardano sia l attività produttiva che la gestione operativa dell impresa. Nei DT, queste riguardano prevalentemente problematiche manageriali ed organizzative, essendo la conoscenza tecnologica molto più protetta e tutelata Per lo sviluppo dei DT sono importanti le figure ibride. 129

43 Conclusioni (IV) Tipo di Conoscenza Meccanismo Coordinamento Costi di Acquisizione Benefici Imprenditoriali Caratteristiche Firm Gerarchia Elevati Business idea valida, Identificazione e sviluppo del processo innovativo Specializzazione, Coerenza con le competenze distintive Partner Mercato Medi Sviluppo e lancio di un processo innovativo Complementarità con la propria conoscenza Network Rete Sociale Bassi Supporto spin-off, VC, Orientamento tecnologico Facile appropriabilità, Poco strategica perché generica Fonte: Nostra elaborazione

44 Conclusioni (V) La principale implicazione manageriale è il Bipolarismo Reticolare : le imprese dei DT, per ottenere conoscenza, devono agire contemporaneamente in network cognitivi: - Locali, in cui la conoscenza è diffusa tramite le relazioni industriali e personali tra gli attori del distretto; - Internazionali, da cui le imprese del cluster reperiscono informazioni sull evoluzione dei mercati e, soprattutto, commesse. 131

45 Conclusioni (VI) Le principali implicazioni di policy sono: - Incentivare l imprenditorialità hi-tech sul territorio; - Creare una valida classe dirigente in loco. - Collegare il DT con la domanda ed i network internazionali gestiti dalle Multinazionali hi-tech... Il tutto affinché il DT non diventi una scatola vuota

I DISTRETTI TECNOLOGICI (DT)

I DISTRETTI TECNOLOGICI (DT) Capitolo IV I DISTRETTI TECNOLOGICI (DT) Parole Chiave Industria Science-based Sistema Nazionale di Innovazione Tripla Elica Conoscenza Tecnologica Incubatore di Imprese Silicon Valley 71 Il modello dei

Dettagli

LA CONOSCENZA NELLE RETI TERRITORIALI

LA CONOSCENZA NELLE RETI TERRITORIALI Capitolo III LA CONOSCENZA NELLE RETI TERRITORIALI Parole Chiave Resource based View Vantaggio Competitivo Know-how, Know-what, Know-who Apprendimento Interorganizzativo Capitale Sociale Processi Imprenditoriali

Dettagli

Avv. Marco De Paolis Brevetto: quali opportunità? Dagli accordi di circolazione delle invenzioni e delle ricerche alla costituzione di startup

Avv. Marco De Paolis Brevetto: quali opportunità? Dagli accordi di circolazione delle invenzioni e delle ricerche alla costituzione di startup Giornata di formazione sui brevetti Brescia, 29 febbraio 2012 Università degli Studi di Brescia Avv. Marco De Paolis Brevetto: quali opportunità? Dagli accordi di circolazione delle invenzioni e delle

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE Private Equity e Venture Capital Il private equity e il venture capital Anni 80 Con venture capital si definiva l apporto di capitale azionario, da parte di operatori

Dettagli

Dall idea all impresa: il ruolo degli incubatori. Anna Gervasoni Aosta, 11 Marzo 2005

Dall idea all impresa: il ruolo degli incubatori. Anna Gervasoni Aosta, 11 Marzo 2005 Dall idea all impresa: il ruolo degli incubatori Anna Gervasoni Aosta, 11 Marzo 2005 1 I servizi offerti dagli incubatori 97% 100% 93% 90% 91% 84% 86% 87% 88% 80% 60% 40% 20% 64% 0% 26% 2 Spazi logistici

Dettagli

CAP 2 Le fonti dell innovazione. Gestione dell innovazione

CAP 2 Le fonti dell innovazione. Gestione dell innovazione CAP 2 Le fonti dell innovazione Gestione dell innovazione 1 La creatività L innovazione può scaturire da molte fonti diverse: Mente degli individui Ricerca universitaria, EPR, incubatori di imprese, fondazioni

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

Il modello di business delle biotecnologie

Il modello di business delle biotecnologie Il modello di business delle biotecnologie Luigi Orsenigo IUSS, Pavia Horizon 2020 Napoli, 1 febbraio 2013 Il modello di business delle biotecnologie Silicon Valley Consensus: mutuato da ICT Scienza imprenditoriale:

Dettagli

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Prof. Alessandro Berti Istituto di studi aziendali Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo alessandro.berti@uniurb.it Urbino, a.a.

Dettagli

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà Economia Corso di Strategia di Impresa A/A 2008-2009 TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE -Robert M. Grant- Peitas Patrizia INDICE 1. Il vantaggio competitivo

Dettagli

Innovazione e territorio: i distretti tecnologici

Innovazione e territorio: i distretti tecnologici Innovazione e territorio: i distretti tecnologici Obiettivi della lezione I distretti tecnologici: definizione e inquadramento normativo Distretti tecnologici e distretti industriali: la dimensione territoriale

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

La delocalizzazione. Corso di Finanza internazionale Doriana Cucinelli 19-marzo-2013

La delocalizzazione. Corso di Finanza internazionale Doriana Cucinelli 19-marzo-2013 La delocalizzazione Corso di Finanza internazionale Doriana Cucinelli 19-marzo-2013 Agenda Cosa si intende per delocalizzazione Internazionalizzazione vs delocalizzazione Le forme di internazionalizzazione

Dettagli

I servizi finanziari per gli investimenti in ricerca e innovazione:

I servizi finanziari per gli investimenti in ricerca e innovazione: I servizi finanziari per gli investimenti in ricerca e innovazione: Il modello Talent Lab di Calabria Innova Il Fondo Equity per le Imprese Innovative L acquisizione di servizi per l innovazione Luca Mannarino

Dettagli

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o CAPITOLO 11 Innovazione e cambiamento Agenda Ruolo strategico del cambiamento Cambiamento efficace Cambiamento tecnologico Cambiamento di prodotti e servizi i Cambiamento strategico e strutturale Cambiamento

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 7 Le strategie dell internazionalizzazione: integrazione con il mercato estero La strategia di integrazione con il mercato estero L impresa

Dettagli

Capitale di rischio VS Capitale di debito

Capitale di rischio VS Capitale di debito FINANZA DELL INNOVAZIONE Il capitale di rischio Capitale di rischio VS Capitale di debito Il Capitale di rischio Finanziamento a medio e lungo termine Non prevede scadenze di rimborso ed il disinvestimento

Dettagli

Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca Programma Operativo per la fase 2 del Progetto ILO2

Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca Programma Operativo per la fase 2 del Progetto ILO2 FESR - FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO IL LAVORO E L INNOVAZIONE Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca Programma Operativo per

Dettagli

Parte 1 La strategia di espansione internazionale

Parte 1 La strategia di espansione internazionale Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore XIII XVI XVIII Parte 1 La strategia di espansione internazionale Capitolo 1 L internazionalizzazione delle imprese: scenari e tendenze

Dettagli

La cooperazione tra PMI e Centri di Ricerca per l innovazione.

La cooperazione tra PMI e Centri di Ricerca per l innovazione. La cooperazione tra PMI e Centri di Ricerca per l innovazione. Treviso, 24 febbraio 2015 Smart Specialisation Strategy Rappresenta il rafforzamento delle specializzazioni del territorio e la promozione

Dettagli

ENTRO IL 30/09/14 4-5 /12/2014 SASSARI ENTRO IL 30/10/14

ENTRO IL 30/09/14 4-5 /12/2014 SASSARI ENTRO IL 30/10/14 ENTRO IL 30/09/14 4-5 /12/2014 SASSARI ENTRO IL 30/10/14 Start CUP UNIME 2014 Start CUP UNIME 2014 Start CUP UNIME 2014 Il Comitato Tecnico Scientifico selezioneràle migliori idee imprenditoriali Accompagnamento

Dettagli

L AVVIO DELL E START UP IN ITALIA PROBLEMI E SOLUZIONI

L AVVIO DELL E START UP IN ITALIA PROBLEMI E SOLUZIONI L AVVIO DELL E START UP IN ITALIA PROBLEMI E SOLUZIONI 10 marzo 2014 UNIVERSITA NICCOLO CUSANO La strumentalità del business plan nella valutazione dei progetti Dott. Thomas Kraicsovits Studio De Vito

Dettagli

Executive summary della normativa sulle startup innovative

Executive summary della normativa sulle startup innovative Executive summary della normativa sulle startup innovative Gennaio 2014 2 Fare dell Italia la prossima startup nation Il 4 ottobre 2012 il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto Legge contenente

Dettagli

INNOVAZIONE E MANAGEMENT PER STARTUP INNOVATIVE CIMS

INNOVAZIONE E MANAGEMENT PER STARTUP INNOVATIVE CIMS INNOVAZIONE E MANAGEMENT PER STARTUP INNOVATIVE CIMS Corsi di Alta Formazione - Innovazione, Finanza e Management per le PMI Premessa Le startup, in special modo quelle caratterizzate da processi, servizi

Dettagli

L ecosistema della nuova industria verde Made in Italy. Data - Luogo

L ecosistema della nuova industria verde Made in Italy. Data - Luogo L ecosistema della nuova industria verde Made in Italy Data - Luogo Ci salverà l industria della sostenibilità Il Made in Italy nel mondo Fonte: il Sole 24 Ore Agosto 2011 2 Ci salverà l industria della

Dettagli

BVA&PARTNERS Crescere nel tuo Business, insieme &PARTNERS

BVA&PARTNERS Crescere nel tuo Business, insieme &PARTNERS BVA&PARTNERS Crescere nel tuo Business, insieme VA &PARTNERS L attività di investimento istituzionale nel capitale di rischio Con il termine investimento istituzionale nel capitale di rischio si intende

Dettagli

Lo start-up d impresa Da un idea ad un business vincente

Lo start-up d impresa Da un idea ad un business vincente Lo start-up d impresa Da un idea ad un business vincente Paolo Gubitta () paolo.gubitta@unipd.it 19 marzo 2007 Modi di vedere Percezione dell innovatore (aspirante!) Valore limitato Valore elevato Percezione

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

Il finanziamento delle start-up

Il finanziamento delle start-up Il finanziamento delle start-up Ing. Diego Viviani MIP - Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale diego.viviani@polimi.it Indice Introduzione Le fonti di finanziamento dell impresa I

Dettagli

Executive summary della nuova normativa sulle startup

Executive summary della nuova normativa sulle startup Executive summary della nuova normativa sulle startup Dicembre 2012 2 Fare dell Italia la prossima startup nation Il 4 ottobre 2012 il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto Legge contenente Ulteriori

Dettagli

Capitolo II L IMPRENDITORIALITA

Capitolo II L IMPRENDITORIALITA Capitolo II L IMPRENDITORIALITA Parole Chiave Strategic Entrepreneurship Imprenditorialità Reticolare Structural Holes Divisione del Lavoro Network Innovation Management Apprendimento Territoriale 20 L

Dettagli

Lezione 4 Formazione delle strategie e strategie basate sulla conoscenza: la Knowledge Based View

Lezione 4 Formazione delle strategie e strategie basate sulla conoscenza: la Knowledge Based View Università degli Studi di Padova Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea Triennale in Discipline della Mediazione Linguistica e Culturale a.a. 2007/08 Economia e Gestione delle Imprese Lezione 4

Dettagli

Il processo di generazione di start-up in ARCA

Il processo di generazione di start-up in ARCA Il processo di generazione di start-up in ARCA Chi siamo ARCA è un consorzio partecipato da: Università di Palermo Associazione Sintesi (che associa le Università di Palermo, Catania e Messina) Easy Integrazione

Dettagli

NGN CATANIA. Catania, Conferenza Stampa Venerdì 29 ottobre 2010. Dr. Franco Bernabè

NGN CATANIA. Catania, Conferenza Stampa Venerdì 29 ottobre 2010. Dr. Franco Bernabè Catania, Conferenza Stampa Venerdì 29 ottobre 2010 Dr. Franco Bernabè 1. Oggetto dell Incontro Vi ringrazio per aver accettato il nostro invito. Lo scopo dell evento di oggi è quello di annunciare l avvio

Dettagli

Gli assetti a popolazione

Gli assetti a popolazione Gli assetti a popolazione Lo strategic network (mercato auto) L industrial network (filiera, distretto) I business network (eterarchia-relazione) Il policy network (politica pubblica) Le filiere IL SETTORE

Dettagli

Italia Startup Visa la politica del Governo italiano per attrarre imprenditori innovativi stranieri

Italia Startup Visa la politica del Governo italiano per attrarre imprenditori innovativi stranieri Italia Startup Visa la politica del Governo italiano per attrarre imprenditori innovativi stranieri 14 febbraio 2014 Ministero dello Sviluppo economico Sommario Contesto giuridico, nozione di startup innovativa

Dettagli

Modelli di sviluppo/incubazione della nuova impresa e strumenti di finanziamento della Provincia Autonoma di Trento per le Start Up

Modelli di sviluppo/incubazione della nuova impresa e strumenti di finanziamento della Provincia Autonoma di Trento per le Start Up Modelli di sviluppo/incubazione della nuova impresa e strumenti di finanziamento della Provincia Autonoma di Trento per le Start Up Luca Capra Trentino Sviluppo S.p.A. Vicedirettore Area Innovazione e

Dettagli

Lezione 4. La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi

Lezione 4. La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi Lezione 4 La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi 1 IL RAGGRUPPAMENTO ORIZZONTALE Il raggruppamento orizzontale indica che i dipendenti vengono raggruppati intorno ai

Dettagli

FINANZIAMENTI PER LE GREEN START UP I vantaggi dell Investimento in Start Up

FINANZIAMENTI PER LE GREEN START UP I vantaggi dell Investimento in Start Up FINANZIAMENTI PER LE GREEN START UP I vantaggi dell Investimento in Start Up 22 Maggio 2013 STARTUP INNOVATIVA LE AGEVOLAZIONI PER LE STARTUP SUMMARY DL CRESCITA 2.0 NOVITÀ PER LE STARTUP FONDO PER START

Dettagli

IEP - ISTUD Entrepreneurship Programme

IEP - ISTUD Entrepreneurship Programme Fondazione ISTUD IEP - ISTUD Entrepreneurship Programme SVILUPPARE E GESTIRE IN MANIERA VINCENTE LA TUA IDEA DI BUSINESS In collaborazione con: I soci della Fondazione ISTUD sono: AMIAT - AZIENDA MULTISERVIZI

Dettagli

POLITICA DI INVESTIMENTO

POLITICA DI INVESTIMENTO POLITICA DI INVESTIMENTO Il presente documento è stato predisposto in osservanza al disposto di cui all'art. 8 del Regolamento Emittenti AIM / Mercato Alternativo del Capitale approvato da Borsa Italiana

Dettagli

La creazione di impresa spin-off al CNR

La creazione di impresa spin-off al CNR Terza Giornata InFormativa Progetto BioTTasa Area della Ricerca del CNR Palermo, 30 giugno 2014 La creazione di impresa spin-off al CNR Relatore: Daniela La Noce Progetto Finanziato dal Ministero dello

Dettagli

Corso di Economia Aziendale ed Estimo Rurale

Corso di Economia Aziendale ed Estimo Rurale Corso di Economia Aziendale ed Estimo Rurale C.so di Laurea STAG O (S.Severo) Lezione n.1: a) Richiami di concetti di teoria dell'impresa; b) Le strategie aziendali; c) Stima delle colture arboree da frutto

Dettagli

La valorizzazione dei risultati Il ruolo degli incubatori tecnologici Un Incubatore è uno strumento di sviluppo economico progettato allo scopo di accelerare la crescita ed il successo di iniziative i

Dettagli

Innovazione e cambiamento

Innovazione e cambiamento ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Innovazione e cambiamento 2 Contenuti del capitolo Innovare o perire: il ruolo strategico del cambiamento Cambiamento tecnologico Nuovi prodotti e servizi Cambiamenti strategici

Dettagli

Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia

Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia http://poloinnovazione.cc-ict-sud.it Luciano Mallamaci, ICT-SUD Direttore Tecnico ICT Sud Program Manager Polo

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo RISOLUZIONE IN COMMISSIONE 7/00574 AUDIZIONE 6 maggio 2015 CONTRATTI DI RETE COME STRUMENTO DI POLITICA ECONOMICA Le organizzazioni

Dettagli

AIFI. Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital. Il capitale di rischio come strumento di sviluppo per le PMI. Lecco, 23 marzo 2011

AIFI. Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital. Il capitale di rischio come strumento di sviluppo per le PMI. Lecco, 23 marzo 2011 AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital Il capitale di rischio come strumento di sviluppo per le PMI Lecco, 23 marzo 2011 Anna Gervasoni Direttore Generale AIFI Agenda Il mercato

Dettagli

JOINT VENTURE USA - ITALIA

JOINT VENTURE USA - ITALIA JOINT VENTURE USA - ITALIA AZIENDA ITALIANA Sul mercato da 50 anni Progetta e produce prodotti metalmeccanici Leader in Europa nel suo settore AZIENDA AMERICANA Distribuisce merci e fornisce servizi Progetta,

Dettagli

Università degli Studi di Palermo

Università degli Studi di Palermo Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia ed Amministrazione Aziendale La finanza di start up: private equity e venture capital Anno accademico 2011 / 2012 Dott.ssa

Dettagli

LUCA CAPRA TRENTINO SVILUPPO. Cooperativa Cramars

LUCA CAPRA TRENTINO SVILUPPO. Cooperativa Cramars LUCA CAPRA TRENTINO SVILUPPO Supportare l innovazione nelle aree montane. Il caso Trentino. Ing. Luca Capra Direttore Area Promozione tecnologica Trentino Sviluppo S.p.A. Chi siamo Trentino Sviluppo Spa

Dettagli

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la REGIONE PIEMONTE BOLLETTINO UFFICALE N. 40 DEL 8/10/2009 Finpiemonte S.p.A. - Torino Avviso ad evidenza pubblica - Progetto Sovvenzione Globale "Percorsi integrati per la creazione di imprese innovative

Dettagli

Spark Fund Italian Science and Technology Parks Venture Fund Seed e start up capital per le imprese innovative dei PST italiani

Spark Fund Italian Science and Technology Parks Venture Fund Seed e start up capital per le imprese innovative dei PST italiani Spark Fund Italian Science and Technology Parks Venture Fund Seed e start up capital per le imprese innovative dei PST italiani Lo SPARK Fund Un fondo in grado di colmare il gap di investimenti in capitale

Dettagli

QUALE MANAGEMENT PER LE IMPRESE SPIN-OFF: MANAGER ESTERNI O MODELLO FAI DA TE?

QUALE MANAGEMENT PER LE IMPRESE SPIN-OFF: MANAGER ESTERNI O MODELLO FAI DA TE? QUALE MANAGEMENT PER LE IMPRESE SPIN-OFF: MANAGER ESTERNI O MODELLO FAI DA TE? Corso Le imprese spin-off della ricerca pubblica: come fare ancora meglio dopo le prime 1000? Università Politecnica della

Dettagli

Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno. Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro

Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno. Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro Contesto della proposta (1) La conoscenza costituisce il fulcro dell Agenda di

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento STRATEGIA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE STRATEGIA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE CONOSCENZE La strategia di espansione internazionale rientra nelle strategie corporate di sviluppo

Dettagli

Giuseppe Lombardo IPCF-CNR, CNR, UOS di Cosenza. Progetto Crescita Programma di Formazione dei Formatori 2011

Giuseppe Lombardo IPCF-CNR, CNR, UOS di Cosenza. Progetto Crescita Programma di Formazione dei Formatori 2011 La valorizzazione dei risultati all interno della ricerca pubblica: il caso del CNR Giuseppe Lombardo IPCF-CNR, CNR, UOS di Cosenza Progetto Crescita Programma di Formazione dei Formatori 2011 IL CONTESTO:

Dettagli

FINAL MEETING. Progettazione e studio di un incubatore per le imprese. Dott. Paolo Papapietro- Dott.Nicola Faccilongo

FINAL MEETING. Progettazione e studio di un incubatore per le imprese. Dott. Paolo Papapietro- Dott.Nicola Faccilongo FINAL MEETING Progettazione e studio di un incubatore per le imprese. Dott. Paolo Papapietro- Dott.Nicola Faccilongo Camera di Commercio Bari, 15 Novembre 2013 Gli Incubatori di Impresa rappresentano un

Dettagli

I soggetti del marketing territoriale

I soggetti del marketing territoriale I soggetti del marketing territoriale Anyway Soggetti Pubblici => legami col governo Privati => fine di lucro Misti Conflitti => Agenzie di marketing territoriale Livelli di ampiezza della responsabilità

Dettagli

Confini del business e supply chain management

Confini del business e supply chain management Confini del business e supply chain management Roberta Bocconcelli a.a. 2011/2012 DESP Dipartimento di Eonomia, Società, Politica 1/27 La soddisfazione del cliente e la qualità totale Il cliente e la sua

Dettagli

Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi

Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi di Enrico Mazza Il 29 novembre scorso sono stati pubblicati sul BURC (n. 48 parte III) i Decreti che riguardano l approvazione degli Avvisi

Dettagli

MUSY BIANCO e ASSOCIATI S T U D I O L E G A L E

MUSY BIANCO e ASSOCIATI S T U D I O L E G A L E Via Luigi Mercantini 5 10121 Torino Via San Pietro all Orto 10 20121 Milano centralino unico T +39 011.540876 F +39 011.5174194 segreteria@musybiancoassociati.it www.musybiancoassociati.it partita IVA

Dettagli

I Business Angels e lo sviluppo delle PMI: il caso Abruzzo For Growth

I Business Angels e lo sviluppo delle PMI: il caso Abruzzo For Growth I Business Angels e lo sviluppo delle PMI: il caso Abruzzo For Growth Le problematiche dei canali tradizionali: il finanziamento bancario Gli intermediari finanziari banche ordinarie, merchant bank sono

Dettagli

Il futuro delle Biotecnologie è nei nuovi investitori

Il futuro delle Biotecnologie è nei nuovi investitori Il futuro delle Biotecnologie è nei nuovi investitori Sommario Con un tasso di crescita di nuove imprese intorno al 50%, l Italia delle biotecnologie sta progressivamente recuperando il ritardo maturato

Dettagli

AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE. sociale. Periodo 2014/2015

AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE. sociale. Periodo 2014/2015 AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE Percorsi integrati per la creazione d imprese innovative spin off della ricerca pubblica estesi anche alle imprese innovative che intendono avviare

Dettagli

Giampio Bracchi Presidente Fondazione Politecnico di Milano

Giampio Bracchi Presidente Fondazione Politecnico di Milano RIGENERARE L INDUSTRIA CREANDO NUOVE IMPRESE TECNOLOGICHE Giampio Bracchi Presidente Fondazione Politecnico di Milano Nel tentativo che l Italia sta compiendo di far ripartire i motori della crescita e

Dettagli

Il Ruolo della Università nella

Il Ruolo della Università nella R&S in ITALIAIA Il Ruolo della Università nella Ricerca e nella Innovazione 1 Trasferimento Tecnologico: il modello del vu cumprà Innovazioni 1. Università e Centri di ricerca sono produttori di conoscenza;

Dettagli

Startup innovative. Bilancio di un anno di Governo, stato dell arte, iniziative recenti

Startup innovative. Bilancio di un anno di Governo, stato dell arte, iniziative recenti Startup innovative Bilancio di un anno di Governo, stato dell arte, iniziative recenti Roma, 13 marzo 2013 1 1. Bilancio di un anno di Governo Il 4 ottobre 2012 il Consiglio dei Ministri ha approvato il

Dettagli

ALLEGATO D - SCHEDA INFORMATIVA FONDO POR I.3

ALLEGATO D - SCHEDA INFORMATIVA FONDO POR I.3 ALLEGATO D - SCHEDA INFORMATIVA FONDO POR I.3 La presente scheda informativa sintetizza le modalità di funzionamento del FONDO POR I.3 gestito da Lazio Innova. La scheda informativa non sostituisce lo

Dettagli

INNOGEST S.G.R. Claudio Giuliano VENTURE CAPITAL: RISCHI ED OPPORTUNITÀ

INNOGEST S.G.R. Claudio Giuliano VENTURE CAPITAL: RISCHI ED OPPORTUNITÀ INNOGEST S.G.R. Claudio Giuliano VENTURE CAPITAL: RISCHI ED OPPORTUNITÀ Aprile 2006 Il seed & early stage capital Definizione: il seed & early stage capital rappresenta l investimento effettuato nella

Dettagli

Scheda Progetto. Nome dell Impresa (o del Progetto) Indirizzo Sede Legale. Indirizzo Sede Amministrativa. Nome del Referente. Telefono del Referente

Scheda Progetto. Nome dell Impresa (o del Progetto) Indirizzo Sede Legale. Indirizzo Sede Amministrativa. Nome del Referente. Telefono del Referente Scheda Progetto Nome dell Impresa (o del Progetto) Indirizzo Sede Legale Indirizzo Sede Amministrativa Nome del Referente Telefono del Referente 1 1. In quale fase si colloca la Tua Impresa? (inserisci

Dettagli

MDA Consulting Srl. Affiancamento e supporto nella gestione d impresa

MDA Consulting Srl. Affiancamento e supporto nella gestione d impresa Affiancamento e supporto nella gestione d impresa Per chi abbiamo lavorato Chi Siamo MDA CONSULTING Srl è una società di consulenza, fondata nel 1991, che offre la propria assistenza alle imprese nella

Dettagli

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO Roma, 28 giugno 2013 Luigi Tommasini Senior Partner Funds-of-Funds CONTENUTO Il Fondo Italiano di Investimento: fatti e

Dettagli

PRIVATE EQUITY & VENTURE CAPITAL: ASPETTI DEFINITORI.

PRIVATE EQUITY & VENTURE CAPITAL: ASPETTI DEFINITORI. PRIVATE EQUITY & VENTURE CAPITAL: ASPETTI DEFINITORI. 1 Private Equity e Venture Capital: una definizione Al contrario di quanto avviene negli USA, dove l attività di investimento nel capitale di rischio

Dettagli

Fondo capitale di rischio per le PMI con sede sul territorio regionale

Fondo capitale di rischio per le PMI con sede sul territorio regionale Fondo capitale di rischio per le PMI con sede sul territorio regionale (POR Puglia 2000-2006) 1 IL FONDO Il Fondo per il capitale di rischio ha come obiettivo l acquisizione di quote temporanee di minoranza

Dettagli

Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati

Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati MECCANICA FINANZIARIA è una società ben strutturata, composta da un team altamente qualificato e dalla pluriennale

Dettagli

PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE

PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE Ricerca e Innovazione: leve prioritarie per la crescita La nuova politica di Europa 2020 richiama il ruolo delle imprese e la

Dettagli

Modelli organizzativi nelle reti di pmi e relazioni di finanziamento

Modelli organizzativi nelle reti di pmi e relazioni di finanziamento Modelli organizzativi nelle reti di pmi e relazioni di finanziamento Milano, 7 marzo 2005 Prof. Fabrizio Cafaggi Istituto Universitario Europeo fabrizio.cafaggi@iue.it 1 Alcune premesse concettuali: (I)

Dettagli

Economia e Gestione delle Imprese

Economia e Gestione delle Imprese Economia e Gestione delle Imprese Esplicazione e Slide Marco D Epifano Liberamente tratto da Economia e gestione delle imprese, McGraw-Hill, Fontana Caroli. L acquisto del lavoro è subordinato a quello

Dettagli

Gli incubatori d impresa A sostegno dell iniziativa imprenditoriale

Gli incubatori d impresa A sostegno dell iniziativa imprenditoriale Gli incubatori d impresa A sostegno dell iniziativa imprenditoriale di Alberto Bandinelli Le origini e gli sviluppi degli incubatori d impresa Gli incubatori d impresa risalgono alla fine degli anni Cinquanta,

Dettagli

Il trasferimento tecnologico. Dott. Irene Martini, Ph.D U.V.R.S.I La Sapienza

Il trasferimento tecnologico. Dott. Irene Martini, Ph.D U.V.R.S.I La Sapienza Il trasferimento tecnologico Dott. Irene Martini, Ph.D U.V.R.S.I La Sapienza Finanziamenti alla ricerca BREVETTO TRASFERIMENTO TECNOLOGICO Il percorso brevettuale presso La Sapienza Il percorso brevettuale

Dettagli

Chi Siamo. Il nostro obiettivo. www.obiettivamente.eu Obiettivamente S. C. StradaCancelloRotto, 3 70125 Bari

Chi Siamo. Il nostro obiettivo. www.obiettivamente.eu Obiettivamente S. C. StradaCancelloRotto, 3 70125 Bari Chi Siamo Il progetto Obiettivamente nasce con lo scopo di offrire una pronta risposta alle mutevoli richieste di credito da parte delle imprese, garantendo un servizio di consulenza sempre attento, innovativo

Dettagli

Retidimpresa.it Retidimpresa.eu. Come fare rete? L ESPERIENZA KEIRION -Roma, 04-06-2010-

Retidimpresa.it Retidimpresa.eu. Come fare rete? L ESPERIENZA KEIRION -Roma, 04-06-2010- Retidimpresa.it Retidimpresa.eu Come fare rete? L ESPERIENZA KEIRION -Roma, 04-06-2010- KEIRION, chi siamo Sito web tra i primi per indicizzazione in Italia sul tema delle reti d impresa Boutique di consulenza

Dettagli

La terza missione delle università e degli enti di ricerca ANVUR, Roma, 12 Aprile 2013 Creazione di start-ups e imprese spin-off

La terza missione delle università e degli enti di ricerca ANVUR, Roma, 12 Aprile 2013 Creazione di start-ups e imprese spin-off La terza missione delle università e degli enti di ricerca ANVUR, Roma, 12 Aprile 2013 Creazione di start-ups e imprese spin-off Politecnico di Milano DEFINIZIONE RBSO: impresa di nuova creazione basata

Dettagli

Confindustria Genova

Confindustria Genova Confindustria Genova La levadel Private Equity nelleacquisizionie nelle cessioni: minoranze e maggioranze Genova, 14 maggio 2015 Raffaele de Courten 1 ARGOMENTI TRATTATI Cosa fanno gli operatori di Private

Dettagli

Capitolo 7 Reti di impresa

Capitolo 7 Reti di impresa Capitolo 7 Reti di impresa Indice Il tema delle reti nella teorie manageriali Le definizioni prevalenti sul concetto di rete Risorse e competenze nei processi di rete Rete e vantaggi competitivo Alcune

Dettagli

INSEDIAMENTO PRODUTTIVO ALL ESTERO E ACCORDI DI COLLABORAZIONE INTERAZIENDALE

INSEDIAMENTO PRODUTTIVO ALL ESTERO E ACCORDI DI COLLABORAZIONE INTERAZIENDALE INSEDIAMENTO PRODUTTIVO ALL ESTERO E ACCORDI DI COLLABORAZIONE INTERAZIENDALE Barbara Francioni 1 MOTIVAZIONI DELL INSEDIAMENTO PRODUTTIVO ALL ESTERO Cogliere le opportunità rese disponibili dall'operatore

Dettagli

Punti dell intervento

Punti dell intervento Punti dell intervento 1. Premessa definitoria 2. Cosa pensa un campione d aziende delle aggregazioni aziendali (ricerca nella Regione Marche) 3. Possibilità/limiti della cooperazione tra aziende 4. Vantaggi

Dettagli

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA Parte III : R&S nella piccola e media impresa Angelo Bonomi PICCOLE E MEDIE IMPRESE E R&S Esistono varie definizioni di piccole e

Dettagli

Corso di Analisi Strategiche Sviluppo delle Risorse e delle Competenze. Prof. V. Maggioni Facoltà di Economia S.U.N.

Corso di Analisi Strategiche Sviluppo delle Risorse e delle Competenze. Prof. V. Maggioni Facoltà di Economia S.U.N. Sviluppo delle Risorse e delle Competenze Facoltà di Economia S.U.N. Vi è comunemente poca conoscenza del legame che intercorre tra risorse e competenze. Numerose ricerche dimostrano come le imprese che

Dettagli

FORMAZIONE*PROFESSIONALE*E*STARTUP0

FORMAZIONE*PROFESSIONALE*E*STARTUP0 Scuola di Formazione Politica - III a Ed. FORMAZIONE*PROFESSIONALE*E*STARTUP0 Prof. Stefano Pighini Roma, 28 Aprile 2014 TRADIZIONE*VS*INNOVAZIONE0 La situazione a cui oggi assistiamo non è solo a una

Dettagli

LA SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO

LA SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO LA SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO Oggetto sociale, capitale e soci La SGR esercita, nell interesse dei sottoscrittori del Fondo (partecipanti) e nel rispetto delle vigenti disposizioni normative e regolamentari

Dettagli

Modena, 14 settembre 2015 AVVISO DI SELEZIONE

Modena, 14 settembre 2015 AVVISO DI SELEZIONE Modena, 14 settembre 2015 AVVISO DI SELEZIONE Democenter-Sipe gestisce e coordina il progetto denominato PROGRAMMA DI ACCELERAZIONE TERRITO- RIALE 2014-15, finanziato dalla Fondazione di Vignola, realizzato

Dettagli

Analisi. finanziaria. Scelte di finanziamento

Analisi. finanziaria. Scelte di finanziamento Scelte di finanziamento Analisi La ricerca della dimensione ottimale per le aziende italiane di Massimo Lazzari (*) Perché oggi crescere è una necessità per le PMI italiane? E soprattutto come va affrontata

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

Strategie e percorsi alternativi di sviluppo aziendale

Strategie e percorsi alternativi di sviluppo aziendale Lezione 7 Strategie e percorsi alternativi di sviluppo aziendale prof. ssa Clara Bassano Corso di Economia e Gestione delle Imprese A.A. 2005-2006 I percorsi di sviluppo: la formulazione delle strategie

Dettagli

Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria. Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A.

Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria. Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A. Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A. Disclaimer Il presente documento è stato elaborato unicamente al fine di fornire generiche

Dettagli

INCUBATORE DI IMPRESE DI CORVIALE

INCUBATORE DI IMPRESE DI CORVIALE INCUBATORE DI IMPRESE DI CORVIALE un vivaio di idee e progetti di impresa per il rilancio economico di Corviale IL PROGETTO INCUBATORE Un incubatore è una struttura fisica, ma è soprattutto un sistema

Dettagli

COMUNICARE L AZIENDA PER REPERIRE

COMUNICARE L AZIENDA PER REPERIRE COMUNICARE L AZIENDA PER REPERIRE CAPITALI UTILIZZANDO AL MEGLIO LE INFORMAZIONI. LE FONTI DI FINANZIAMENTO L attività d impresa, esaminata in un ottica puramente finanziaria, si sviluppa e si concretizza

Dettagli