I PROCESSI IMPRENDITORIALI NEI DT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I PROCESSI IMPRENDITORIALI NEI DT"

Transcript

1 Capitolo V I PROCESSI IMPRENDITORIALI NEI DT Parole Chiave Valorizzazione della Ricerca Trasferimento Tecnologico Spin-off Accademici & Universitari Venture Capital Gestione della Proprietà Intellettuale Reti, Mercati e Gerarchie 88

2 Territorio, Conoscenza e Reti Hi-Tech In molti DT il territorio ha un minore impatto nella propagazione di conoscenza Interazione face to face minore rispetto ai DI Dal DT al Metadistretto Tecnologico Comunità Virtuali come surrogato del territorio per lo scambio di conoscenza ed informazioni 89

3 Conoscenza Firm-Specific Rispetto alla problematica della creazione e gestione di conoscenza firm-specific, sono almeno due gli aspetti da analizzare: 1. Capitale umano e specializzazione delle imprese hi-tech 2. Sistemi tecnologici locali come bacini di competenze 90

4 Capitale Umano e Specializzazione nei DT (I) CU: un espressione economica della conoscenza firm-specific in quanto esprime il valore del sapere di cui sono dotate le risorse umane (RU) che lavorano nell impresa CU dipende da diverse variabili delle RU: livello d istruzione, esperienze lavorative pregresse, allineamento con i valori e la mission aziendale Importanza della gestione e selezione delle RU 91

5 Capitale Umano e Specializzazione nei DT (II) 2 strategie di approvvigionamento di RU nei DT: 1. Ricerca di RU qualificate dentro il cluster Il caso UppsalaBio: Imprese ed Università pianificano insieme i bisogni di RU specializzate da avere sul territorio 2. Ricerca di RU qualificate fuori il cluster Florida: il successo economico di un territorio dipende dalla sua capacità di attrarre nell area cervelli fortemente creativi e innovativi grazie alla presenza in loco delle cosiddette 3T (tecnologia, talento, tolleranza). 92

6 DT come bacini di competenze I distretti tecnologici sono visti da molti come bacini di competenze (competence pool) La struttura territoriale complessiva del DT rispecchia il modo in cui le competenze distintive possedute da tutte le imprese del cluster si assemblano ed amalgamano Strutture dei DT: Senza Centro oppure Piramidali 93

7 DT Senza Centro Assenza di una impresa che monopolizza i rapporti con il mercato tecnologico finale. Modello di organizzazione del DT di eredità marshalliana Relazioni inter-firm riguardano prevalentemente l innovazione organizzativa, la ricerca, il marketing, l internazionalizzazione Esempio: Silicon Wadi in Israele 94

8 DT Piramidali Tipo di DT che richiama il modello dei sistemi locali di sub-fornitura multilivello. Modello di organizzazione del DT hub and spoke Una sorgente imprenditoriale (grande impresa main contractor) decentrando genera un sistema di subfornitura locale (subcontractor di secondo e terzo livello) Esempio: Cluster aeronautico campano 95

9 DT Piramidali: il caso dell aeronautica I Livello II Livello III Livello Parti e Componenti Elettroniche ed Elettriche Sistemi & Sottosistemi Elettronici Sistemi Avionici di bordo Assemblaggio Velivolo e Vendita Sistemi di Propulsione Motori & Componenti Accessori per Motori Sistemi di Avviamento e Fonti di Energia Elettrica Parti strutturali assemblate e Sottosistemi Parti Strutturali Sistemi e Componenti Interni Sistemi Controllo Ambiente interno Sistemi Gestione Carburante Sistemi Funzionamento Carrelli Sistemi Idraulici

10 Modelli di DT a Confronto Discriminanti tra i due tipi di DT: 1. N. di imprese che hanno rapporti diretti con il mercato finale 2. Complessità/scomponibilità del prodotto tecnologico intorno cui verte il cluster Complessità/scomponibilità aumenta la gerarchia nel DT e la necessità di più conoscenza firm-specific eterogenee 97

11 La Conoscenza Partner-Specific La strategia delle imprese nei DT per acquisire tale conoscenza dipende da: 1. La natura della conoscenza del partner (tecnologica o commerciale) 2. La natura del soggetto partner (pubblica o privata) È quindi centrale affrontare i temi del trasferimento di conoscenza e delle strategie collaborative delle imprese hi-tech 98

12 Trasferimento e Strategie di Acquisizione di Conoscenza Il trasferimento tecnologico (TT) è un processo durante il quale avviene lo spostamento di una tecnologia tra due entità distinte, sorgenti e fruitori (donor e receiver), che di volta in volta possono assumere identità differenti, attraverso appositi canali di comunicazione e in un certo lasso di tempo TT di tipo orizzontale, verticale o diagonale TT tramite consegna, co-development, consulenza o apprendistato (Leonard Barton) 99

13 L efficacia del TT è direttamente proporzionale alla capacità di assorbimento del receiver Le condizioni che favoriscono tale assorbimento sono: 1. Similarità culturale tra le parti 2. Appropriatezza del canale di diffusione della tecnologia 3. Meccanismi di interazione tra imprese 4. Qualità delle risorse umane e finanziarie 100

14 TT nei DT Nei DT, il TT spesso va dalle Università ed EPR verso le imprese (valorizzazione) Vi sono molteplici modalità di trasferimento Relazioni Formali Relazioni Informali Conoscenza Tacita Contratti di ricerca, Mobilità dei ricercatori, Spin-off Consulenza, Network, Community Conoscenza Codificata Cessione brevetti, Licenze Pubblicazioni, Pubblicazioni con ricercatori industriali Fonte: Cfr. Baglieri D., 2006, op. cit. 101

15 Alleanze Cognitive tra imprese nei DT In linea con March, si distinguono: 1. Alleanze explorative: le imprese si impegnano nello sviluppo congiunto di nuove attività, prodotti e competenze non ancora detenute da nessuna delle parti 2. Alleanze exploitative: le imprese sfruttano l altrui conoscenza (anche tecnologica ma prevalentemente di natura commerciale e organizzativa) per i propri obiettivi particolari 102

16 Evidenze dal Bio-tech In questo settore le piccole imprese sviluppano attività di ricerca internamente per poi cedere, dietro remunerazione, i risultati della propria attività alle grandi multinazionali del settore farmaceutico (con competenze manageriali) Alleanze explorative tra piccole imprese nei DT per la R&S (ma talvolta anche con partner esterni) Alleanze exploitative tra multinazionali e piccole imprese per la commercializzazione e marketing 103

17 La Conoscenza Network-Specific La conoscenza network-specific è un sapere potenzialmente utilizzabile da tutti i soggetti presenti nel cluster Crea per l impresa un vantaggio rispetto agli attori esterni DT ma non nei confronti di quelli interni La strategia d acquisizione di questa risorsa cognitiva dipende dallo stadio evolutivo in cui si trova il distretto 104

18 Gli Attori Istituzionali nei DT emergenti Attori istituzionali non necessariamente pubblici Questi attori veicolano nell area conoscenza sia tacita che esplicita, fungendo da vere e proprie sorgenti dell apprendimento per le imprese lì localizzate Le imprese del DT, nella loro fase di start-up e/o consolidamento, acquisiscono da questi soggetti istituzionali conoscenza network-specific legata a: 1. know-how manageriale ed organizzativo 2. nuove conoscenze scientifiche e/o tecnologiche 105

19 I diversi tipi di attori Università Uffici per il trasferimento tecnologico (TTO) Parchi Scientifici e/o Tecnologici Incubatori d impresa Organismi di Governance per i DT 106

20 Le funzioni degli EPR nei DT Ricerca di nuove opportunità tecnologiche; Valutazione e protezione dei diritti di proprietà intellettuale; Selezione dei progetti di spin-off da supportare; Incubazione e sviluppo del business plan; Offerta di risorse finanziarie e individuazione di fonti esterne di finanziamento; Sostegno manageriale nella fase di start-up. 107

21 L incubatore di Città della Scienza INCUBATORE DI CITTA DELLA SCIENZA AREA INDUSTRIA DELLA CULTURA Orientamento Pre-Incubazione Incubazione Post-Incubazione Idea Progetto d Impresa Start-Up Sviluppo Sportello Informativo Tutoraggio: dall idea al progetto Tutoraggio: affiancamento manageriale Sostegno allo sviluppo d impresa 108

22 Capitale Sociale e Conoscenza Localizzata Quando un DT non è composto più in massima parte da start-up ma già vanta una certa longevità, gli enti istituzionali non sono più i principali soggetti in grado di diffondere sul territorio conoscenza In un DT maturo la conoscenza networkspecific è insita nelle relazioni sociali esistenti tra gli individui che operano nei nodi (le imprese) della rete 109

23 Hybrid Nodes Nei DT maturi sono importanti per la diffusione di tale conoscenza le figure ibride : soggetti professionali non esclusivamente vincolati ad un unica organizzazione ma aventi legami sociali, contrattuali e commerciali con più aziende, memorie storiche del cluster da cui attingere utili informazioni Es.: Avvocati e Consulenti a Silicon Valley, ex manager della Acorn a Cambridge 110

24 La nascita di nuove imprese nei DT In un DT si distingue tra Grandi Imprese Guida e Imprese Terze (guidate o autonome) Le grandi imprese sono determinanti per la nascita di un DT. Esse localizzano i loro R&S Lab in territori con specifiche caratteristiche: 1. Possibilità di co-operazione con altri R&S Labs 2. Possibilità di socializzazione tecnologica 3. Attività e servizi economici e finanziari 4. Infrastrutture di base e servizi per le imprese 111

25 Tipi di entrata di nuove imprese in un DT Tipo di entrata 1) Da diversificazione 2) Da attività dell impresa madre - Joint Venture - Parent Spin-off 3) Ex novo - Spin-off Imprenditoriale - Start-up senza esperienza Relazione con un impresa già esistente Stessa impresa Nuova impresa come entità separata Fondata da più imprese pre-esistenti Fondata dall impresa madre Nuova impresa come entità separata L imprenditore è stato precedentemente impiegato nel settore L imprenditore non ha conoscenza né contatti pregressi nel settore Proprietà dell impresa madre Totale Parziale Parziale Nulla Nulla

26 Tipi di Spin-off Industriali: si caratterizzano per la presenza al proprio interno di individui precedentemente impiegati nell impresa-madre e lo sviluppo di una tecnologia nata nell altra organizzazione. Possono essere autonomi o guidati Da Ricerca: fuoriuscita di personale e di conoscenza da un EPR. Possono essere accademici (iniziativa del singolo ricercatore) o universitari (partecipazione societaria dell EPR). 113

27 La creazione di spin-off in un DT S-O IndA DISTRETTO TECNOLOGICO Impresa Guida Hi-Tech S-O IndG Impresa Guida Hi-Tech S-O Univ. Università S-O IndA Ente Istituzionale di ricerca S-O Acc. S-O Acc. S-O Univ. S-O Univ. S-O Acc.: Spin-off Accademico S.O Univ.: Spin-off Universitario (di ricerca) S.O. IndG: Spin-off Industriale Guidato S.O. IndA: Spin-off Industriale Autonomo Titolarità del brevetto Partecipazione Azionaria

28 Conoscenze e creazione di nuove imprese Progetti R&S Conoscenza Network-Specific Orientamento Business Idea, Incubazione, Finanziamenti & VC Business Idea Business Plan Start-Up Brevetti Conoscenza Firm-Specific Business Plan & Accesso al mercato Finanziamenti & VC Conoscenza Partner-Specific 115

29 L Innovazione Intra-Organizzativa Nei DT questa è un attività core per lo sviluppo delle imprese della rete. Si notano nei DT 2 differenze rispetto ai DI: 1. Innovazioni radicali (e non incrementali) 2. Innovazioni basate più sulle risorse finanziarie - La grande impresa è l attore principale nel processo di produzione di nuova conoscenza - Maggiore criticità della protezione legale del sapere - Minore impatto della conoscenza di rete 116

30 Grandi Imprese Hi-Tech e DT Le grandi multinazionali tendono ad insediare i propri R&S Labs in DT per: - Sviluppare nuovi prodotti - Accedere in nuovi mercati Per far ciò le grandi imprese danno vita a numerose partnership con le PMI hi-tech locali Es.: La Novartis nel DT di Shangai (Cina) e la Nokia ad Oulu (Finlandia) 117

31 L evoluzione dei rapporti di Nokia nel DT di Oulu Profondità della collaborazione Fase 4: Partnership in R&S Fase 3: Subfornitura di R&S Fase 2: Partnership nella produzione Fase 1: Subfornitura di produzione Tempo 118

32 Le imprese hi-tech (siano esse guida o terze) in tutte le fasi di sviluppo di nuovi prodotti attuano strategie esplorative per acquisire e/o utilizzare la conoscenza dei propri partner interni o esterni al loro distretto tecnologico Il capitale sociale e la qualità delle informazioni che l impresa hi-tech riesce ad acquisire dai propri partner locali invece sembrano incidere maggiormente sulla innovazione più qualitativa della singola impresa (es. orientamento tecnologico) 119

33 Conoscenze e innovazione intra-organizzativa Conoscenza Firm-Specific Conoscenza Network-Specific Orientamento Tecnologico Iniziazione Conoscenza Network-Specific Competenze per lo Sviluppo di Progetti R&S, Realizzazione Prototipi, Lancio sul Mercato Sviluppo Supporto allo Sviluppo dei nuovi Progetti e/o Prodotti, Commercializzazione Strategia & Marketing Implementazione Conoscenza Partner-Specific 120

34 Valore Economico e Conoscenza Rispetto ai DI, la criticità della risorsa finanziaria è maggiore nei DT a causa del diverso tipo di conoscenza (science-based) e di core business (R&S) su cui si basano queste industrie. Ciò innalza molto le barriere all ingresso nel DT In tutto il mondo i DT si sviluppano anche grazie alla capacità dei policy-makers di reperire risorse finanziarie (es. Silicon Wadi) 121

35 Evoluzione % degli Investimenti in Hi-Tech in Italia ( ) % 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35% 40% Ammontare Numero Fonte: AIFI 122

36 Investire nell Hi-Tech In Italia investire nei settori hi-tech è meno frequente rispetto all estero (problema per i DT nostrani) Vi sarebbero tuttavia diversi tipi di investimenti per gli investitori istituzionali: 1. Early Stage 2. Expansion Financing 3. Replacement 4. Buy-Out VENTURE CAPITAL PRIVATE EQUITY 123

37 Politiche Push e Pull per finanziare i DT Push : le istituzioni spingono le società di Venture Capital (VC) verso imprese tramite l istituzione di fondi speciali Pull : le istituzioni creano strutture (es. incubatori) che supportino le imprese (la domanda di capitali) sino al punto di attirare gli investitori istituzionali (offerta) Torino Wireless: Integrazione delle 2 politiche 124

38 Il CVC nei DT Non meno importante del VC è poi il Corporate Venture Capital (CVC): fondo di investimento interno ad una grande impresa (non specializzata in attività finanziarie) con cui si erogano risorse per iniziative di imprenditorialità interna, specie se legate allo sviluppo ed alla valorizzazione di competenze specialistiche innovative interne Favorisce la nascita di spin-off guidati, la diffusione di conoscenza tecnologica sul territorio e la diversificazione strategica dell impresa madre 125

39 Riflessione su conoscenza e valore economico Vera creazione di valore tramite operazioni di private equity (PE), interessate ai processi imprenditoriali delle imprese nelle loro fasi mature Il PE esprime quantitativamente l effettivo riconoscimento da parte dei mercati e degli investitori della qualità della conoscenza generata dall impresa tramite la propria imprenditorialità Di grande importanza per le imprese hi-tech la protezione della conoscenza (tacita e codificata) 126

40 Conclusioni (I) La scelta della modalità di approvvigionamento di conoscenza (make, buy, network) non dipende solo da fattori economici ma anche (e sopratutto) strategici e competitivi I settori hi-tech, per definizione complessi ed in continuo cambiamento, richiedono alle loro imprese una sempre più accentuata capacità di rigenerare velocemente il proprio patrimonio cognitivo in parallelo con l evoluzione della domanda e della concorrenza. Similitudine tra DI e DT nelle strategie di acquisizione della conoscenza 127

41 Conclusioni (II) Nei DT, la conoscenza firm-specific guidano le imprese hi-tech (come quelle dei settori tradizionali) nell identificazione della strategia tecnologica Nei DT, le conoscenze partner-specific sono utili per lo sviluppo ed il lancio di una nuova tecnologia sia per compensare i gap interni di conoscenza e diminuire il rischio finanziario della R&S La collaborazione interorganizzativa porta con sé tuttavia la problematica (bilaterale) di esporre un impresa al rischio di una parziale replicabilità del proprio sapere da parte del partner 128

42 Conclusioni (III) La vera differenza tra DI e DT risiede invece nella capacità d appropriazione e nell utilizzo delle conoscenze network-specific. Nei DI, queste sono di più facile acquisizione grazie alla industrial atmosphere, e riguardano sia l attività produttiva che la gestione operativa dell impresa. Nei DT, queste riguardano prevalentemente problematiche manageriali ed organizzative, essendo la conoscenza tecnologica molto più protetta e tutelata Per lo sviluppo dei DT sono importanti le figure ibride. 129

43 Conclusioni (IV) Tipo di Conoscenza Meccanismo Coordinamento Costi di Acquisizione Benefici Imprenditoriali Caratteristiche Firm Gerarchia Elevati Business idea valida, Identificazione e sviluppo del processo innovativo Specializzazione, Coerenza con le competenze distintive Partner Mercato Medi Sviluppo e lancio di un processo innovativo Complementarità con la propria conoscenza Network Rete Sociale Bassi Supporto spin-off, VC, Orientamento tecnologico Facile appropriabilità, Poco strategica perché generica Fonte: Nostra elaborazione

44 Conclusioni (V) La principale implicazione manageriale è il Bipolarismo Reticolare : le imprese dei DT, per ottenere conoscenza, devono agire contemporaneamente in network cognitivi: - Locali, in cui la conoscenza è diffusa tramite le relazioni industriali e personali tra gli attori del distretto; - Internazionali, da cui le imprese del cluster reperiscono informazioni sull evoluzione dei mercati e, soprattutto, commesse. 131

45 Conclusioni (VI) Le principali implicazioni di policy sono: - Incentivare l imprenditorialità hi-tech sul territorio; - Creare una valida classe dirigente in loco. - Collegare il DT con la domanda ed i network internazionali gestiti dalle Multinazionali hi-tech... Il tutto affinché il DT non diventi una scatola vuota

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA

GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA Progetto SPIN OVER Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 27 gennaio 2005 progetto Spin Over, a cura del Gruppo iella Nasini e Sandra

Dettagli

GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO

GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO Avviare e sviluppare un impresa con il venture capital e il private equity GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO Indice 1. Perché una guida...4 2. L investimento nel

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 8 Le strategie dell internazionalizzazione: gli investimenti diretti esteri Che cosa comporta realizzare un IDE? Costituisce di norma la

Dettagli

Smart Specialisation Strategy della Provincia Autonoma di Trento. Esempi e strumenti di attuazione. A. A Beccara I. Pilati Trento RISE

Smart Specialisation Strategy della Provincia Autonoma di Trento. Esempi e strumenti di attuazione. A. A Beccara I. Pilati Trento RISE Smart Specialisation Strategy della Provincia Autonoma di Trento Esempi e strumenti di attuazione A. A Beccara I. Pilati Trento RISE S3 PAT ICT Micro nano-elett. Qualità della vita Agrifood Nanotech. Fotonica

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 07.04.1998 COM (98) 222 PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO I. LO SPIRITO IMPRENDITORIALE:

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Reti, Accordi e Cooperazioni interaziendali a.a. 2008-2009 INDICE

Reti, Accordi e Cooperazioni interaziendali a.a. 2008-2009 INDICE INDICE 1. Crescita aziendale e contesto esterno 2. Crescita aziendale e contesto interno 3. Crescita quantitativa e sviluppo qualitativo 4. Le dimensioni rilevanti dello sviluppo qualitativo 5. Le modalità

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS

LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS Milano, 29 gennaio 2014 LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS Carissimi Azionisti e Partner, Il 2013 per noi è stato un anno entusiasmante. Abbiamo completato con successo il nostro progetto

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Garnell Garnell Garnell

Garnell Garnell Garnell Il veliero Garnell è un grande esempio di capacità di uscire dagli schemi, saper valutare il cambio di rotta per arrivare serenamente a destinazione, anche nei contesti più turbolenti Il 14 agosto 1919

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola Europrogettista Il profilo è ricercato in particolare da ONG,

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

Quest: Costruisci la tua idea di Thinkalize

Quest: Costruisci la tua idea di Thinkalize Quest: Costruisci la tua idea di Thinkalize SI PREGA DI LEGGERE ATTENTAMENTE I TERMINI DEL PRESENTE BANDO. PARTECIPANDO, LEI PRESTA IL CONSENSO A ESSERE VINCOLATO AI TERMINI E ALLE CONDIZIONI DESCRITTE

Dettagli

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito:

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito: Autore : Giulio Martino IT Security, Network and Voice Manager Technical Writer e Supporter di ISAServer.it www.isaserver.it www.ocsserver.it www.voipexperts.it - blogs.dotnethell.it/isacab giulio.martino@isaserver.it

Dettagli

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: una sfida avvincente Gestire una propria rete di punti vendita monomarca diretti o in franchising, per molte aziende sta diventando

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

CONCETTO DI INNOVAZIONE DEL PRODOTTO

CONCETTO DI INNOVAZIONE DEL PRODOTTO CONCETTO DI INNOVAZIONE DEL PRODOTTO 1 Prodotto, azienda, cliente Prodotto: bene che viene venduto da un azienda ad un cliente Impresa: attività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0

BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0 BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0 Concorso di idee per iniziative imprenditoriali innovative Che cosa è Valore Assoluto è un iniziativa della Camera di Commercio di Bari, giunta al terzo anno di attività e finalizzata

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

Con l'europa, il Lazio cambia e riparte 45 progetti per lo sviluppo, il lavoro e la coesione sociale

Con l'europa, il Lazio cambia e riparte 45 progetti per lo sviluppo, il lavoro e la coesione sociale Con l'europa, 45 progetti per lo sviluppo, il lavoro e la coesione sociale 1 2 INDICE INTRODUZIONE 6 PARTE A - Quadro unitario della programmazione delle risorse finanziarie per le politiche di sviluppo

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto Urban Farming: Second Use of Public Spaces Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking Scheda progetto CSAVRI - Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e Incubatore

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale?

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? HELPDESK PER LE AZIENDE AZIENDE OSPITANTI 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? E un tipo di formazione sul lavoro che si realizza in aziende di un Paese diverso da quello nel quale il giovane

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

May Informatica S.r.l.

May Informatica S.r.l. May Informatica S.r.l. Brochure Aziendale Copyright 2010 May Informatica S.r.l. nasce con il preciso scopo di dare soluzioni avanzate alle problematiche legate all'information Technology. LA NOSTRA MISSIONE

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Prof.ssa Claudia M. Golinelli Relazioni tra proprietà, gestione

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Quali traiettorie concrete di intervento per far ripartire l Italia? Brevi note sulle politiche industriali locali di rilancio dell imprenditorialità

Quali traiettorie concrete di intervento per far ripartire l Italia? Brevi note sulle politiche industriali locali di rilancio dell imprenditorialità Quali traiettorie concrete di intervento per far ripartire l Italia? Brevi note sulle politiche industriali locali di rilancio dell imprenditorialità Maria Letizia Giorgetti, Luciano Pilotti DEMM, Università

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Oggetto: Stesura definitiva CCNL Metalmeccanico - Aziende Industriali.

Oggetto: Stesura definitiva CCNL Metalmeccanico - Aziende Industriali. INFORMATIVA PAGHE N. 1/14 Assago, 23 Gennaio 2014 Alle Aziende Clienti Settore Metalmeccanico Oggetto: Stesura definitiva CCNL Metalmeccanico - Aziende Industriali. Riferimenti: CCNL Metalmeccanico Aziende

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli