Il Piano Strategico di Rimini e del suo territorio. Laboratorio L8 TASK FORCE INNOVAZIONE. Volume 1 RIMINI INTERNATIONAL TOURISM INCUBATOR

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Piano Strategico di Rimini e del suo territorio. Laboratorio L8 TASK FORCE INNOVAZIONE. Volume 1 RIMINI INTERNATIONAL TOURISM INCUBATOR"

Transcript

1 Il Piano Strategico di Rimini e del suo territorio Laboratorio L8 TASK FORCE INNOVAZIONE Volume 1 RIMINI INTERNATIONAL TOURISM INCUBATOR

2 prodotti e servizi innovativi per il turismo globale Associazione Forum Rimini Venture Direzione del Piano Strategico di Rimini Palazzo del Turismo, Piazzale Fellini Rimini Telefono: Fax: sito: Giugno 2012

3 COMPOSIZIONE DEL LABORATORIO Portavoce Andrea Aureli Coordinamento Maurizio Ermeti Coordinamento Tecnico Filippo Boschi Partecipanti Anconetani Stefania (Ord. Agronomi) Angelini Adriano (Ord. Ing.) Arlotti Giancarlo (Pedalando) Bruno Michele (Ord.Ing.) Gabellini Gianluca (Confindustria) Giovanardi Mauro (Ord. Medici) Guaitoli Matteo (Fond Carim) Gulino Katia (Confcooperative) Masini Claudia (CNA) Mussoni Maurizio (CUD) Panigalli Ivano (CNA) Pari Gianluigi (API) Protti Federica (Legacoop.) Raffi Franco (Confindustria) Rapone Alessandro (CNA) Signorini Luca (CDO) Succi Lorenzo (Dir Unirimini) Temeroli Maurizio (Dir Cam Com) Troina Epifanio (Ord.Ing.) Trevi Umberto (Confindustria) Via Antonio (Ord. Ing.) Zerbini Samuele (Cons.Com Rn)

4 immagine

5 INDICE Presentazione LA MAPPA DELLE RISORSE La situazione prima della crisi I Tecnopoli Spinner Nuove Idee Nuove Imprese I laboratori accreditati IL PROFILO DELLE START UP ITALIANE Start up e fundraising LE POSSIBILI FONTI DI FINANZIAMENTO D.Lgs 185/200: avvio di micro imprese Business Angels Venture Capital SeedLab: il nuovo business accelerator Incentivi del Governo Monti Fondo Ingenium Emilia Romagna Elenco del VC e Seed Capital attivi in Italia GLI INCUBATORI-FINANZIATORI DI START UP H-Farm Incubatore M RIMINI INERNATIONAL TOURISM INCUBATOR Giustificazione Obiettivo Ricadute La costruzione dell Incubatore...45

6 Laboratorio L8 Presentazione 4

7 VOLUME 1 _ RIMINI INTERNATIONAL TOURISM INCUBATOR Sono le imprese innovative, che si aprono ai mercati internazionali, che competono con le idee e la qualità dei prodotti a crescere e creare nuova occupazione. Tra queste sono da includere le start up (nuove imprese) che negli Stati Uniti, pur rappresentando una frazione dell occupazione totale, hanno contribuito a creare il grosso dei nuovi posti di lavoro negli ultimi vent anni. La provincia di Rimini, con una disoccupazione giovanile al 23 per cento e delle giovani donne al 29 per cento (Istat 2010), che si aggiunge ad una domanda di personale laureato strutturalmente debole, ha urgente bisogno di un nuovo agente di sviluppo. Che non serve però solo a creare lavoro ed opportunità imprenditoriali, ma a fare di questa territorio un Distretto turistico a 360 gradi, che non produce cioè solo servizi di ricettività ed accoglienza, ma innovazioni e prodotti (materiali e immateriali) per un turismo globale. O meglio, per i tanti turismi che crescono nel mondo. Questo è il senso e la finalità di costruire a Rimini, mettendo in rete e valorizzando le migliori risorse disponibili, un Incubatore specializzato nel supporto a nuove imprese dedicate alla realizzazione di prodotti e servizi altamente innovativi per il turismo, locale, europeo e mondiale. Parafrasando la più famosa Silicon, una Rimini Valley del turismo, che al momento non esiste da nessun altra parte, non chiusa ma aperta e capace di attrarre le migliori intelligenze nazionali e internazionali, realizzando quel mix di competenze, culture e professionalità che è l essenza stessa dell esperienza turistica. Un vivaio di idee, progetti e creatività che aiuterà l economia locale a ritrovare un nuovo sentiero di sviluppo e il turismo locale ad avere un veicolo promozionale in più, con i nuovi prodotti che potranno girare il mondo col marchio Made in Rimini. Questo documento di fattibilità approfondisce questa ipotesi di lavoro. Apre con una ricognizione delle risorse, le azioni e gli strumenti di innovazione per le imprese (non solo turistiche) disponibili o programmati, poi prosegue concentrandosi sul tema delle start up, sulle opportunità di finanziamento con capitale di rischio delle nuove imprese, sottolineando il grande ritardo dell Italia in questo campo, quindi le opportunità che si aprono potendo raggiungere le posizioni degli altri paesi europei, infine due studi di caso di Venture Incubator all avanguardia in Italia e non solo, e per ultimo una prima valutazione, anche quantitativa, circa la possibilità di far nascere un Incubatore anche a Rimini. Una sfida per questo territorio e per le tante creatività e intelligenze presenti, che richiede grande apertura culturale, ma anche grande voglia di costruire imprese globali, che potranno cambiare il modo di fare turismo non solo a Rimini ma nel mondo. 5

8 Laboratorio L8 1. LA MAPPA DELLE RISORSE Costruire reti e valorizzare le risorse già presenti sul territorio sono, da tutti, considerati gli ingredienti necessari, anche se non sufficienti, per la buona riuscita di un incubatore, come di qualsiasi altra iniziativa di sostegno all innovazione delle imprese e alla nascita di una imprenditorialità giovane ed orientata verso i settori più innovativi. In questo senso l esperienza suggerisce, prima di avviare nuove iniziative, di fare un breve ripasso delle forze in campo. Quella che segue è quindi una breve fotografia della situazione odierna e una rassegna delle strutture e delle iniziative che in qualche modo operano a sostegno delle imprese, vecchie e nuove, presenti in questo territorio. 6

9 VOLUME 1 _ RIMINI INTERNATIONAL TOURISM INCUBATOR 1.1La situazione prima della crisi Rimini, va riconosciuto, è sempre stato piuttosto assente tanto nella richiesta di avere sul proprio territorio qualche Centro di ricerca di carattere nazionale, come per l implementazione di strutture deputate a sostenere il trasferimento tecnologico nelle aziende, in stragrande maggioranza troppo piccole per poter fare da sole. con l unica presenza rappresentata dal Consorzio Studi e Ricerche del principale Gruppo manifatturiero locale. Unico Centro provinciale di ricerca e trasferimento tecnologico, quando le altre province risultano ben più organizzate. Quindi non deve sorprendere se già alla vigilia dello scoppio dell ultima crisi, cominciata nel 2008, troppe caselle di Rimini risultano vuote, Presenza di Istituti di ricerca e trasferimento tecnologico in Emilia Romagna Provincia CNR INAF INFM ENEA INFS TT Bologna Ferrara Ravenna Parma Modena 2 7 Forlì-Cesena 4 Reggio Emilia 5 Rimini 1* Fonte: Aster 2008 CNR = Consiglio Nazionale delle Ricerche INAF = Istituto Nazionale di Astrofisica INFM = Istituto Nazionale Fisica della Materia ENEA = Ente per le Nuove Tecnologie, l'energia e l'ambiente INFS = Istituto Nazionale di Fisica Nucleare TT = Centri per il Trasferimento Tecnologico * CSR Consorzio Studi e Ricerche-SCM Group 7

10 Laboratorio L8 1.2I Tecnopoli La Rete regionale per l Alta Tecnologia Promossi e sostenuti dalla Regione Emilia-Romagna, in partenariato con Università ed Enti di ricerca operanti sul territorio, i Tecnopoli sono parte costitutiva della Rete regionale per l Alta Tecnologia, che si prefigge di estendere l impegno verso la ricerca industriale nelle Università e negli Enti di ricerca medesimi e di radicare, quindi, all interno degli stessi ed in modo permanente strutture espressamente dedicate alla ricerca industriale, con un impegno organizzato e specifico di risorse umane e di attrezzature scientifiche e tecniche. Strutture quindi con una sede propria, una chiara identità, autonomia scientifica, funzionale e organizzativa, continuità di impegno, riconoscibilità ed accessibilità per le imprese. I Tecnopoli si delineano come una rete di infrastrutture dislocate in 10 sedi nel territorio dell Emilia-Romagna che ospitano e organizzano attività, servizi e strutture per la ricerca industriale, lo sviluppo sperimentale ed il trasferimento tecnologico. Promossi dalla Regione Emilia-Romagna assieme a Università di Bologna, Ferrara, Modena e Reggio Emilia, Parma, al Politecnico e all Università Cattolica di Milano sede di Piacenza, il CNR, l ENEA, l Istituto Ortopedico Rizzoli, gli Enti locali dei diversi territori, i Tecnopoli: sono sede dei laboratori di ricerca industriale della Rete Alta Tecnologia dell Emilia-Romagna dotati di moderne strumentazioni di ricerca e personale dedicato ad attività e servizi di interesse per le imprese della regione; includono strutture di servizio per attività di divulgazione, dimostrazione e informazione e strutture di accoglienza per le imprese, spazi per spin off innovativi e per laboratori di ricerca privati; promuovono l incontro tra imprese e ricercatori e l accesso ad attrezzature scientifiche all avanguardia riducendo la distanza fra domanda e offerta di ricerca; fungono, ognuno per il proprio territorio, da porta di accesso a tutta la Rete Alta Tecnologia dell Emilia-Romagna, favorendone anche la proiezione a livello nazionale e internazionale. L accesso al tecnopolo e alla Rete Alta Tecnologia sarà facilitato da un portale dei tecnopoli presente in ognuna delle sedi che si occuperà, anche attraverso la collaborazione con le strutture di collegamento già attivate dalle Università e con i Centri per l innovazione presenti nella Rete, del rapporto con l utenza, in primo luogo l impresa, offrendo servizi per l individuazione di competenze e tecnologie e a supporto delle relazioni ricerca-impresa anche in riferimento agli adempimenti collegati all attivazione di collaborazioni con i soggetti del tecnopolo. I Tecnopoli potranno promuovere, con le aree destinate agli incubatori, lo spin off di nuove imprese da risultati di ricerca e attività formative per il trasferimento tecnologico. Come si noterà (tabella a fianco) a Rimini, già priva di Centri e Parchi per l innovazione, unica in Regione, non è previsto nessun incubatore d impresa. 8

11 VOLUME 1 _ RIMINI INTERNATIONAL TOURISM INCUBATOR Dal 2007 la Rete Alta Tecnologia dell Emilia- Romagna si è organizzata in Piattaforme Tematiche per promuovere un modello di sviluppo delle competenze e garantire un offerta di ricerca sul territorio in grado di rispondere alle richieste di innovazione tecnologica delle imprese. Le Piattaforme Tematiche nascono con gli obiettivi di: Soddisfare i fabbisogni di sviluppo e innovazione delle imprese e aggregare le conoscenze delle Università e degli Enti di ricerca presenti in Emilia-Romagna, avvicinando così la domanda e l offerta di ricerca industriale Sviluppare strategie in cui la crescita, la competitività e la sostenibilità future siano sostenute da importanti progressi tecnologici Definire obiettivi di ricerca e sviluppo tecnologico a medio e lungo termine Identificare le più promettenti traiettorie tecnologiche a cui dare priorità nei programmi di ricerca regionali, nazionali ed europei Interessare l intera catena economica del valore, assicurando che la conoscenza generata dalla ricerca sia convertita prima in tecnologie e processi, quindi in prodotti e servizi commercializzabili Offrire strumenti di marketing e integrazione prodotto per favorire l avvio di contratti di ricerca e di servizio e migliorare le capacità di ricerca collaborativa della Rete. Attivare una capillare azione di informazione e formazione verso le imprese del territorio Attualmente le Piattaforme tematiche sono sei: agroalimentare, costruzioni, energia-ambiente, ICT e design, meccanica-materiali, scienze della vita. Ogni Piattaforma è organizzata in Laboratori o CIRI (Centro Interdipartimentale di Ricerca Industriale) distribuiti, secondo le specializzazioni, su diverse province. I CIRI, a loro volta, attuano tramite Unità Operative. Per ultimo, nella stessa rete sono previsti Centri per il trasferimento tecnologico, al momento presenti solo a Bologna (3 centri), ed uno ciascuno (condiviso) a Modena e Reggio Emilia. 9

12 Laboratorio L8 Il Tecnopolo di Rimini La Rete Alta Tecnologia è presente in provincia con due CIRI, Energia e Ambiente, Meccanica Avanzata e Materiali, attivi con due unità operative, la prima denominata Eco-design industriale, recupero rifiuti e ciclo di vita dei prodotti, la seconda Tecnologie innovative per la moda. nell area dell ex Macello Comunale, in via Dario Campana. In attesa i Laboratori didattici e di ricerca del Polo universitario di Rimini sono dislocati nell ex sede dell Arpa (P.zza Malatesta), nel Palazzo Briolini (Corso d Augusto), nella sede di Navigare Necesse e in un edificio vicino. Particolare importante: Entro il 2013 i CIRI dovranno raggiungere la completa autonomia economica, mantenersi cioè solo con l attività di ricerca industriale su commissione. Fisicamente il Tecnopolo di Rimini dovrebbe sorgere, su una superficie di mq circa, Il Tecnopolo della provincia di Rimini Specifiche Rimini Superficie inpegnata in mq 1400/1.500 Nuovo personale dedicato 16 Personale a tempo parziale 27 CIRI* ENERGIA E AMBIENTE U.O.** Eco-design industriale, recupero rifiuti e ciclo di vita dei prodotti Direttore Luciano Morselli CIRI* MECCANICA AVANZATA E U.O.** Tecnologie innovative per la moda MATERIALI Direttore Alberto Maggiore Aree di specializzazione U.O. Eco-design industriale, recupero rifiuti e ciclo di vita dei prodotti Settori di impatto Soggetti promotori e di supporto Fonte:Regione Emilia Romagna, giugno 2010 * Centro Interdisciplinare di Ricerca Industriale ** Unità Operativa Gestione sostenibile del cilco di vita dei rifiuti, prevenzione e ri-prodotti Ecodesign, ecoefficienza e industrial ecology per la sostenibilità di att.ind. Strumenti di validazione sostenibilità processi (LCA, LCC, LCM) Processi meccanici, chimico-fisici e biologici per recupero di chimicals da biomasse (biorafinerie) Microproduzione di energia a livello locale e ottimizzazione energetica per le industrie Tecniche di "soil washing" U.O. Tecnologie innovative per la moda Studi di cessione e caratterizzazione chimico-tossicologica Studi tossicologici: definizione del profilo tossicologico delle eventuali sostanze rilasciate dai tessuti Studio morfologico e ultrastrutturale di tessuti e materiali e valutazione della biocompatibilità dei tessuti medesimi Sviluppo e caratterizzazione di nuovi materiali dell'industria cosmetica Imprese di servizi; Public Utilities; Industria Manifatturiera; Chimica; Alimentare; di riciclaggio e recupero di materia ed energia dai rifiuti. Industria dei materiali, industria della moda e cosmetica Università degli Studi di Bologna, Polo di Rimini Comune di Rimini Provincia di Rimini 10

13 VOLUME 1 _ RIMINI INTERNATIONAL TOURISM INCUBATOR 11

14 Laboratorio L8 1.3 Spinner Il primo Spinner ha operato nell ambito del POR- FSE Obiettivo della Regione Emilia-Romagna, gestendo le Misure D3, Sviluppo e consolidamento dell imprenditorialità con priorità ai nuovi bacini d impiego, e D4, Miglioramento delle risorse umane nel settore della ricerca e sviluppo tecnologico. L Organismo incaricato della gestione e della realizzazione del progetto è il Consorzio Spinner, costituito da ASTER Scienza Tecnologia Impresa, Fondazione Alma Mater e Invitalia, l Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa (ex Sviluppo Italia S.p.A.). Le attività previste comprendevano tre azioni: la prima, orientata all Economia della conoscenza, che ha rappresentato il cuore del progetto, e due esperienze pilota dedicate rispettivamente alle problematiche del Ricambio generazionale (Azione Pilota 2) e alla ricerca di percorsi sperimentali per l Emersione e la regolarizzazione dell impresa e del lavoro (Azione Pilota 3). Complessivamente, nel primo Spinner, sono state presentate circa richieste di agevolazioni, di cui accolte, per attività che hanno riguardato 200 progetti di imprese innovative (per un migliaio di beneficiari), 400 di trasferimento tecnologico e 107 premi di laurea. Ci sono stati, inoltre, 84 progetti di creazione di impresa andati a buon fine, che hanno cioè portato alla loro effettiva costituzione. Il secondo Spinner 2013 nasce all interno del Programma Operativo Regionale (POR) del Fondo Sociale Europeo (FSE), Asse IV Capitale Umano, Obiettivo 2 Competitività regionale e Occupazione promossa dall Assessorato Scuola, Formazione professionale, Università e ricerca, Lavoro della Regione Emilia-Romagna. Prevede, in collaborazione con università, centri di ricerca e imprese, interventi per la qualificazione delle risorse umane nel settore della ricerca e della innovazione tecnologica e si rivolge a persone interessate a sviluppare: progetti fondati su idee imprenditoriali innovative e/o ad alto contenuto di conoscenza progetti di ricerca industriale, sviluppo precompetitivo, trasferimento tecnologico percorsi di innovazione organizzativa, manageriale e finanziaria piani di riprogrammazione professionale Sostiene, inoltre, la partecipazione di persone a Dottorati di Ricerca regionali, organizzati in rete tra gli Atenei dell Emilia-Romagna, su tematiche strategiche per lo sviluppo e l innovazione del Sistema Regione. Nell ultimo bando Spinner ricerca (febbraio 2012) sono stati selezionati 38 dottorati di ricerca, di cui 13 all Università di Bologna, con un finanziamento di 1 milione e 846 mila euro, pari a euro per ciascuna borsa di dottorato. Possono accedere a Spinner 2013 occupati, inoccupati e disoccupati, persone in cassa integrazione o in mobilità residenti e/o domiciliati in Emilia-Romagna, in particolare: laureandi, laureati, dottorandi e dottori di ricerca, possessori di titoli di formazione post laurea e diplomati con pluriennale esperienza lavorativa di tipo tecnico e/o gestionale e con posizioni di responsabilità, singolarmente o in gruppo. Spinner 2013 propone un sistema integrato di: Agevolazioni finanziarie - borse di ricerca e incentivi economici Assistenza nella fase di messa a punto dell idea progettuale Tutoraggio e assistenza tecnica per lo sviluppo del progetto Voucher per la partecipazione al Master inter-universitario di II livello Percorsi di accompagnamento per la 12

15 VOLUME 1 _ RIMINI INTERNATIONAL TOURISM INCUBATOR crescita delle competenze Servizi di consulenza ad alta specializzazione Attraverso la costituzione di una community, Spinner diventerà inoltre un punto di aggregazione per persone, imprese e istituzioni interessate ai temi dell imprenditorialità, della ricerca industriale e dell innovazione e alla centralità delle risorse umane per la crescita e la qualità del territorio regionale. Nel primo Spinner Rimini non aveva un ufficio di rappresentanza (il più vicino era a Cesena), che invece è stato aperto, presso l URP del Comune di Rimini, per Spinner L avvicinamento di un punto di contatto deve aver contribuito a far crescere il numero delle domande, che nella Quarta call Spinner 2013, che si è chiusa il 1 marzo 2012, su un totale di 123 domande regionali presentate, 12 sono venute da Rimini (nella Terza call, chiusa il 15 dicembre 2011, da Rimini era arrivata solo 1 domanda). Allo spinner sarà dedicato un approfondimento specifico nel Volume 2 del laboratorio L8. 13

16 Laboratorio L8 1.4Nuove Idee Nuove Imprese Col contributo di importanti Istituzioni economiche e pubbliche della provincia di Rimini e della Repubblica di San Marino, prende avvio nel 2002 la competizione Nuove Idee Nuove Imprese con l obiettivo di aiutare la crescita di nuove imprese, con una attenzione particolare per l imprenditorialità giovanile. L edizione 2011, che ha raggiunto un numero record di 280 iscritti candidati, di cui il 63 per cento laureati, e 103 progetti presentati, chiude quindi il primo decennio di attività. In questo periodo la competizione ha contribuito a far nascere 20 nuove imprese, la maggioranza non risultando vincitrice di nessun premio, esaminato 434 progetti, di cui 196 trasformati in business plan. Chiusa la decima edizione, a febbraio 2012 è già aperta la XIma competizione. 14

17 VOLUME 1 _ RIMINI INTERNATIONAL TOURISM INCUBATOR 1.5 I laboratori accreditati I Laboratori, ufficialmente riconosciuti dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (Miur), in genere operano dentro le aziende che ne sono titolari, oppure appartengono a imprese di servizi attive nel campo delle analisi, validazione e certificazione (dall ambiente ai materiali, fino ai processi, ecc.). Certamente un azienda dotata di un Laboratorio interno, incaricato della ricerca, per se ma spesso anche per altri, dimostra una propensione all innovazione, investendoci sopra, particolarmente apprezzabile. Non a caso sono anche le aziende più dinamiche della provincia. All inizio del 2012, i Laboratori accreditati dal Miur in provincia di Rimini sono 9 (erano 8 nel 2006), avanti solo a Piacenza e Ferrara. Ma Rimini scivola all ultimo posto se i Laboratori presenti sono messi in relazione al numero delle imprese attive sul territorio (36 mila): sono appena 0,2 per ogni mille imprese, lontano da Bologna, Modena e Parma, le prime tre in Regione, rispettivamente con 2,8, 1,9 ed 1,4. All assenza di Istituti di ricerca (vedi sopra) va quindi sommata la scarsa presenza di Laboratori di ricerca applicata, fornendo così un quadro piuttosto critico degli strumenti, disponibili per le imprese, a sostegno dell innovazione e della competitività. 15

18 Laboratorio L8 2. IL PROFILO DELLE STURT UP ITALIANE 16

19 VOLUME 1 _ RIMINI INTERNATIONAL TOURISM INCUBATOR Sturt up, secondo la definizione più accreditata, è una impresa appena costituita o un progetto di impresa, operante in ambiti innovativi, con intensi piani di crescita, che ha bisogno di apporto di capitale nella fase iniziale o per crescere. Non è quindi una semplice nuova impresa, ma qualcosa di più. Da non confondere con le spin-off, che è un termine usato di solito per connotare quelle start up i cui fondatori provengono da altre aziende (i cosiddetti corporate spin-off ) o da università o enti di ricerca (gli spin-off accademici). Le start up rappresentano quindi un sottoinsieme delle nuove imprese che vengono censite ogni anno dalle statistiche nazionali. Ma mentre la gran parte delle nuove imprese opera in ambiti tradizionali e senza prospettive di crescita rapida ed intensa e, come tali, non possono essere considerate start up, per quelle vere è diverso. Perché pur rappresentando, le sturt up come sopra definite, una componente numericamente minoritaria, sono connotate da maggiore dinamicità e rilevanza in termini di prospettive. Da queste difatti, come mostrano le analisi più recenti, dipendono le possibilità di crescita economica ed occupazionale di molti sistemi locali e di paese (negli USA le startup sono responsabili della creazione dei due terzi dei nuovi posti di lavoro). Nel Rapporto 2011, dedicato alle start up italiane, la Fondazione Mind the Bridge, con base nella Silicon Valley Californiana (Stati Uniti), ne traccia un profilo che è molto utile per capirne le dinamiche. Delle circa mille start up censite (sono quelle che hanno fatto richiesta di un qualche finanziamento agli investitori) emerge questo profilo dello sturtupper italiano: Ha in media 32 anni, è di sesso maschile nella grande maggioranza dei casi (87%, sebbene la percentuale di donne risulti in aumento, ha un livello di istruzione medio-alto ed ha accumulato esperienze lavorative e imprenditoriali precedenti; La maggior parte delle startup sono localizzate al Nord (39%), al Centro il 35% e per ultimo al Sud col 10 %. Divisi per Regione, al primo posto c è la Lombardia col 25%, seguita dal Lazio col 15%, mentre l Emilia Romagna si ferma al 6%. Le città dove sono state concepite più startup sono, nell ordine: Roma, Milano, Firenze, Torino e Pavia. Si tratta non solo di grandi città ma anche di poli universitari di rilievo. I fattori che maggiormente influenzano la scelta della dislocazione di una startup sono: i luoghi ove viene svolta la formazione di più alto profilo (dottorato e master) e quelli dove hanno avuto luogo le prime esperienze lavorative. Di conseguenza, emerge chiaramente come il potenziamento dei programmi specialistici delle università (sia in ambito tecnico-scientifico che manageriale) sia l investimento più efficace per sostenere la creazione di impresa; Le start up hanno un gruppo di fondatori composto in media da 2/3 persone ed impiegano in media da 3 a 4 dipendenti. Non si tratta quindi di un uomo solo al comando, ma di gruppi imprenditoriali che aggregano competenze differenti; Due terzi degli imprenditori hanno un background scientifico (61%), mentre un terzo ha una educazione 17

20 di impostazione umanistica. Tali dati confermano la trazione scientifico tecnologica delle start up innovative e, al contempo, contribuiscono a spiegare le difficoltà che molte trovano nel costruire un business. Persone con un background tecnico ingegneristico faticano a trasformare la propria idea in impresa, soprattutto se non sono in grado di supplire a competenze manageriali attraverso l ampliamento del nucleo imprenditoriale; Il 90% circa ha una laurea di primo livello, mentre il 60% ha conseguito anche una laurea specialistica; Gli ambiti tecnologici operativi delle start up italiane riguardano principalmente il web, il 60% opera in quest ambito, a seguire l Information and Communication Technologies (ICT) con il 25%, quindi le tecnologie pulite con un altro 10%, per ultimo biotecnologie e scienze della vita con il 5%. E noto, sottolineano gli autori del Rapporto, che far partire un progetto di impresa in ambito web o software sono richiesti investimenti minimi in fase di start up, al contrario di quanto avviene per lo sviluppo di tecnologie in campo biomedicale e biotecnologico o di dispositivi ed hardware. Da segnalare, infine, come una percentuale importante e in crescita (attualmente il 9%) abbia deciso di trasferirsi all estero, dove si ritiene vi siano migliori condizioni ed opportunità. I principali luoghi esteri di attrazione sono: Silicon Valley (US), Delaware (US), Boston (US), London (UK ). La scelta di localizzazione all estero può però essere dettata anche da specifiche strategie aziendali, come l espansione su determinati mercati e per ragioni di fundraising. Il Tecnopolo della provincia di Rimini Specifiche Rimini Superficie inpegnata in mq 1400/1.500 Nuovo personale dedicato 16 Personale a tempo parziale 27 CIRI* ENERGIA E AMBIENTE U.O.** Eco-design industriale, recupero rifiuti e ciclo di vita dei prodotti Direttore Luciano Morselli CIRI* MECCANICA AVANZATA E U.O.** Tecnologie innovative per la moda MATERIALI Direttore Alberto Maggiore Aree di specializzazione U.O. Eco-design industriale, recupero rifiuti e ciclo di vita dei prodotti Settori di impatto Soggetti promotori e di supporto Fonte:Regione Emilia Romagna, giugno 2010 * Centro Interdisciplinare di Ricerca Industriale ** Unità Operativa Gestione sostenibile del cilco di vita dei rifiuti, prevenzione e ri-prodotti Ecodesign, ecoefficienza e industrial ecology per la sostenibilità di att.ind. Strumenti di validazione sostenibilità processi (LCA, LCC, LCM) Processi meccanici, chimico-fisici e biologici per recupero di chimicals da biomasse (biorafinerie) Microproduzione di energia a livello locale e ottimizzazione energetica per le industrie Tecniche di "soil washing" U.O. Tecnologie innovative per la moda Studi di cessione e caratterizzazione chimico-tossicologica Studi tossicologici: definizione del profilo tossicologico delle eventuali sostanze rilasciate dai tessuti Studio morfologico e ultrastrutturale di tessuti e materiali e valutazione della biocompatibilità dei tessuti medesimi Sviluppo e caratterizzazione di nuovi materiali dell'industria cosmetica Imprese di servizi; Public Utilities; Industria Manifatturiera; Chimica; Alimentare; di riciclaggio e recupero di materia ed energia dai rifiuti. Industria dei materiali, industria della moda e cosmetica Università degli Studi di Bologna, Polo di Rimini Comune di Rimini Provincia di Rimini 18

21 2.1Start up e fundraising Le start up basano il proprio sviluppo sul ricorso a finanziamenti esterni da parte di investitori. Lo sviluppo del prodotto e del servizio e la sua immissione sul mercato passano attraverso un periodo (più o meno lungo, in funzione delle caratteristiche delle tecnologie sviluppate e dei mercati di destinazione) connotato da investimenti importanti ed entrate nulle o comunque insufficienti a coprire le uscite. Il fundraising è finalizzato a traghettare la startup lungo le fasi di sole uscite (spese) fino al momento in cui questa incomincerà a generare cassa. Cosa serve alle startup italiane per crescere? Il 69% delle startup italiane è alla ricerca di capitali da venture capitalist; percentuale che sale al 76% se si restringe l analisi alle società maggiormente strutturate. Ma non basta: molte sono anche alla ricerca di partner strategici che possano supportarle nei propri processi di sviluppo. Le forme di finanziamento più comuni sono le seguenti: 1. Capitali raccolti dal gruppo dei fondatori nell ambito delle risorse possedute direttamente o all interno del nucleo familiare o della rete di conoscenti; 2. Grants, ossia finanziamenti in genere destinati al supporto di attività di ricerca in ambito universitario; 3. Seed Financing, finanziamenti ricevuti da fondi di investimento in genere collegati ad attività di incubazione e business development; 4. Business Angels, finanziamenti ricevuti da persone fisiche che in genere effettuano investimenti in forma associata (in rete); 5. Venture Capital, finanziamenti da fondi di investimento specializzati nel capitale di rischio. Il capitale in media raccolto dalle startup ammonta a circa 71 mila euro. Si tratta ovviamente di un dato medio, che sale a 136 mila euro circa se si considerano i migliori progetti. 19

22 Laboratorio L8 3. LE POSSIBILI FONTI DI FINANZIAMENTO 20

23 VOLUME 1 _ RIMINI INTERNATIONAL TOURISM INCUBATOR 3.1D.Lgs 185/2000: Avvio di microimprese Possono beneficiare della legge le Società di persone (snc, sas) che avviano un attività imprenditoriale nella produzione di beni e servizi in tutti i settori, ad esclusione del commercio e trasformazione agricola. Almeno la metà numerica e di capitale dei soci della Nuova Impresa devono, al momento della presentazione della domanda, possedere i seguenti requisiti: essere Non occupati. Per non occupati si intendono tutti quei soggetti che non sono: E concesso un contributo del 100% degli investimenti così strutturato: 50% a fondo perduto e il restante 50% in conto interessi, con un tasso pari al 30% del tasso di riferimento e con un periodo di rimborso di 7 anni. A titolo di esempio: ipotizzando un progetto che comprende Investimenti per e spese di gestione per , per un totale di , il progetto potrà beneficiare di un contributo a fondo perduto pari a e di un finanziamento agevolato per altrettanti I l bando è sempre aperto e i tempi per ottenere il finanziamento, se ammesso, sono di sei-otto mesi circa. lavoratori dipendenti (a tempo determinato, indeterminato, e part-time); titolari di contratti di lavoro a progetto, intermittente o ripartito; soggetti che esercitano una libera professione; titolari di partita IVA anche se non movimentata; imprenditori, e loro familiari nel caso di impresa familiare; artigiani. Sono ammissibili le spese per investimenti (attrezzature, macchinari, impianti ed allacciamenti, beni immateriali ad utilità pluriennale, ecc.) fino ad un massimo di euro e spese di gestione per un massimo di euro. 21

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA

GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA Progetto SPIN OVER Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 27 gennaio 2005 progetto Spin Over, a cura del Gruppo iella Nasini e Sandra

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0

BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0 BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0 Concorso di idee per iniziative imprenditoriali innovative Che cosa è Valore Assoluto è un iniziativa della Camera di Commercio di Bari, giunta al terzo anno di attività e finalizzata

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS

LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS Milano, 29 gennaio 2014 LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS Carissimi Azionisti e Partner, Il 2013 per noi è stato un anno entusiasmante. Abbiamo completato con successo il nostro progetto

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

PREMIO STOR-AGE. Concorso di idee innovative per lo storage energetico REGOLAMENTO

PREMIO STOR-AGE. Concorso di idee innovative per lo storage energetico REGOLAMENTO PREMIO STOR-AGE Concorso di idee innovative per lo storage energetico REGOLAMENTO Art. 1 Oggetto e finalità Il premio STOR-AGE è un iniziativa volta a supportare lo sviluppo di progetti imprenditoriali

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O Il Centro della Innovazione Nato inizialmente per ospitare alcune attività didattiche dell Università di Torino, il complesso polifunzionale di Via

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

La start-up innovativa

La start-up innovativa La start-up innovativa Guida sintetica per utenti esperti sugli adempimenti societari Per maggiori informazioni: http://startup.registroimprese.it Adempimenti amministrativi ed informazioni sulle nuove

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

IL PORTALE DELLE AGEVOLAZIONI

IL PORTALE DELLE AGEVOLAZIONI IL PORTALE DELLE AGEVOLAZIONI - Manuale Operativo - www.finanziamenti-a-fondo-perduto.it COS E COME FUNZIONA Portale di aggiornamenti su agevolazioni ed incentivi che prevede: Servizio di ricerca online

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 Pag. 33 (diffusione:581000) La proprietà intellettuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee IL CONTESTO

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli