Regional Advantage Riassunto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regional Advantage Riassunto"

Transcript

1 1 di 6 28/04/ Cash Cow - - Regional Advantage Riassunto Posted By Alberto On 25 febbraio 21:48 In Uncategorized No Comments If you don t tolerate failure, you can t permit success. INTRODUZIONE Anni 70, Route 128, distretto nei pressi di Boston specializzato nella produzione di mini computer, Silicon Valley, distetto industriale nell entroterra di San Francisco, specializzato nella produzione di componenti elettronici (memorie). Crisi dei primi anni 80: Silicon Valley sente la pressione dei concorrenti orientali, Route 128 vede i consumatori spostarsi dai minicomputer ai personal computer. Durante gli anni 80, la sorte dei 2 distretti diverge; In Silicon Valley nascono nuove start up, di dimensioni ridotte, che si affiancano ai colossi dell economia già presenti (Intel e HP). In Route 128 molte grandi imprese subiscono perdite, chiudono o ridimensionano la produzione. A fine anni 80, la Silicon Valley ospita il 40% dell impresa Hi tech americana, incrementa il valore del mercato di 25 miliardi di dollari (rispetto al 1986) e genera nuovi posti di lavoro. Cosa ha determinato il successo di Silicon Valley ed il fallimento di Route 128? La struttura industriale di Silicon Valley è di tipo network, l elevata interconnessione delle imprese, la predominanza di aziende piccole e specializzate e la solidità del social network, ha permesso uno scambio di informazioni orizzontale ed una maggiore reattività al cambiamento. Route 128 al contrario è dominata da poche e grandi imprese verticali, integrate, con scarsi rapporti di collaborazione e con un flusso di informazioni interno all impresa e verticale top down. Le tre dimensioni che determinano il successo di un distretto Istituzioni locali e cultura: Include organizzazioni pubbliche e private come centri ricerca, università, organizzazioni governative come camere di commercio, associazione degli industriali. Queste istituzioni sono fondamentali per la creazione di momenti e luoghi di scambio di informazioni tra le imprese, imprenditori e lavoratori. Per cultura si intende avversione al rischio di imprenditori e lavoratori della zona. Struttura industriale: Il grado di integrazione verticale delle imprese, l intensità delle relazioni tra clienti, fornitori e concorrenti. Organizzazione aziendale: Il grado di integrazione verticale (o orizzontale) delle imprese, la distribuzione delle responsabilità e delle specializzazioni all interno dell impresa. In prima analisi, possiamo individuare alcune macro cause che hanno deteminato le sorti dei 2 distretti: le grandi imprese di Route 128, non hanno saputo reagire prontamente ai cambiamenti del mercato. Avendo effettuato importanti investimenti per internalizzare le risorse produttive, si sono dimostrate restie ad abbandonare la produzione di microcomputer. Allo stesso modo, i lavoratori, formati solamente in un ambito ristretto della produzione, hanno riscontrato difficoltà nel ricollocarsi sul mercato del lavoro dal momento che le loro conoscenze erano incentrate su un business ormai obsoleto. CAPITOLO 1 Storia di Route 128 Il Massachusetts presentava a fine 800 ed inizio 900 una struttura industriale già avviata con imprese specializzate nel tessile e nell automotive. Nel 1861 viene fondato il MIT. A differenza di Harvard, il MIT è orientato alla ricerca ed alla consulenza per l impresa. Il MIT fu subito in grado di stringere accordi con le grandi imprese del Massachusetts: General Electric e Westinghouse in particolare. Durante i primi decenni del 900, il MIT svolse un ruolo di primo piano nel processo di industrializzazione ed ammodernamento della regione. Il personaggio chiave di questo sviluppo fu il professore di Ingegneria Elettronica Vannevar Bush. Allo scoppio della seconda guerra mondiale, Bush divenne direttore deel OSRD, Office of Scientific Research and Development. Bush rivoluzionò i rapporti tra università e governo quando decise di sfruttare i centri di ricerca universitari per condurre lo sviluppo di nuove tecnologi belliche. Il MIT divenne il volano tra il governo e l area industriale di Boston, in grado di veicolare verso le industrie ed i centri ricerca, ingenti investimenti governativi. A beneficiarne furono in primo luogo le imprese di elettronica, nel periodi bellico, registrarono una crescita poderosa la General Electrics, Westinghouse, RCA e Bell Labs. La crescita industriale dell area di Boston diede uno scossa rivitalizzante anche al settore finanziario. Nel 1946, un gruppo di investitori di Boston, tra cui il docente di Harvard George Doriot, si unirono per fondare la ARD, una società di investimento per il supporto delle start up.

2 2 di 6 28/04/ Ha inizio hel 1946 il modello Venture Capital che ancora oggi sostiene buona parte delle nuove imprese tecnologiche americane. Finisce la Guerra Mondiale ma non diminuiscono gli investimenti del governo che, con l inizio della guerra fredda, investe ingenti somme di denaro per lo sviluppo di tecnologie Radar. Nel 1951 viene costruita l autostrada a sei corsie, la Route 128, che darà il nome a questo distretto tecnologico. Durante tutti gli anni 50, 175 starp up nascono all interno dell area delimitata dalla Route 128, grazie soprattutto agli investimenti per la difesa, che ammontavano a 6 miliardi di Dollari durante tutti gli anni 50 e 10 miliardi di Dollari durante tutti gli anni 60. A metà anni 60, la metà della produzione della Route 128 era acquistata dal governo americano. La Route 128 s apprestava ad entrare negli anni 70 come il polo tecnologico degli Stati Uniti, con imprese specializzate nella pruduzione di beni altamente tecnologici. Non erano infatti presenti produttori di beni tecnologici di basso livello come Radio, Televisori ed altra elettronica di consumo. Nei primi anni 70, al termine della guerra del Vietnam, la produzione nella Route 128 subisce un calo drastico, seguito da una riduzione dei posti di lavoro del 40%. Molte imprese, che avevano prosperato in regime di guerra grazie ad investimenti a basso rischio e ritorni assicurati, dovevano ora convertirsi e battagliare nel mercato dell elettronica di consumo. E in questa situazione che il Massachusetts si converte alla produzione di Minicomputer, ovvero calcolatori più economici dei Mainframe e con potenzialità adeguate all utilizzo aziendale. Si cimentano nella produzione di Microcomputer sia imprese pre esistenti (DEC, DG, ecc) sia nuove start up come Prime Computer e Computervision. Verso la fine degli anni 70, il mercato dei Minicomputer fruttava al distretto di Route 128 ben 9 miliardi di Dollari. Se a questi aggiungiamo una rinnovata spesa per la difesa, è facile immaginare lo stato d animo degli imprenditori del Massachusetts Miracle pronti a sbarcare negli anni 80. Storia di Silicon Valley La storia di Silicon Valley comincia da un garage di Palo Alto, quando nel 1937, due studenti di Stanford, sostenuti economicamente dal proprio professore, decisero di commercializzare i loro oscilloscopi. I due studenti erano William Hewlett e David Packard ed il loro professore era Frederick Terman. Grazie al sostegno dell università, i due giovani imprenditori cominciarono a vendere, a dire il vero neanche tanti, oscilloscopi. Nel 1941 i proventi della neonata HP ammontavano a Dollari. Insieme ad HP, nacquero molte altre piccole imprese di elettronica nei dintorni di Palo Alto, tutte sostenute ed incoraggiate dal Prof. Terman. Anche per le imprese californiane, l inizio della seconda guerra mondiale segna un punto di svolta. Grazie alla posizione strategica di San Francisco, porta privilegiata per accedere al Pacifico, numerosi investimenti militari vengono dirottati in California. In termini assoluti, l entità di tali investimenti non è nemmeno paragonabile agli investimenti nell area di Boston. In ogni modo, l effetto positivo del capitalismo di guerra permette alle imprese californiane di trovare nuova linfa vitale. Al termine della guerra, Terman decide di imprimere maggior spinta all industrializzazione della San Francisco Bay. Dopo aver lasciato il suo incarico a Stanford, decide di trasferirsi nella East Coast ed indagare sulle cause del successo della Route 128. Imparando dal maestro Vannevar Bush, Terman capisce che è necessario inserirsi tra i rapporti università governo in modo da poter dirottare su San Francisco il maggior numero di investimenti possibili. Dopo l esperienza in East Coast, Terman decide di infittire i rapporti tra Università ed impresa e lo fa con incontri imprenditori-studenti, con corsi di laurea tenuti direttamente all interno delle imprese, realizzando 50 anni fa quello che oggi chiamiamo Long Life Learning e realizzando lo Stanford Research Park. SRP attrasse subito le principali imprese della zona, che decisero di trasferire i centri di ricerca all interno del parco di ricerca. Nel 1955 erano 25 le imprese ospitate all interno del centro ricerca. I vantaggi erano reciproci, le imprese potevano attingere cervelli da Stanford e l università poteva mettere a disposizione dei suoi studenti i migliori centri di ricerca degli Stati Uniti. La fama di Stanford cresceva in maniera proporzionale alle dimensioni del Parco di Ricerca, tra gli anni 50 e 60 qui vi si stabilirono, tra le altre, Westinghouse, Xerox, IBM e Lockheed. La produzione durante gli anni 60 si orienta verso i semi conduttori. E in questa regione d America che vengono prodotti la stragrande maggioranza di componenti elettronici. Da uno spin off della Fairchild nasce, nel 1968, la Intel. Agli inizi degli anni 70, la valle di Santa Clara venne ribattezzata Silicon Valley, dal nome del materiale (il silicio) utilizzato nella produzione di componenti elettronici. In Silicon Valley, la riduzione degli investimenti bellici ha ricadute meno drammatiche rispetto alla Route 128 dal momento che le imprese avevano già diversificato la loro produzione tra elettronica di consumo e applicazioni militari. Mano a mano che la produzione andava spostandosi verso beni commerciali, gli investimenti in difesa da parte del governo venivano sostituiti da investimenti privati da parte di Venture Capital, in misura maggiore rispetto alla Route 128, dove l importanza dei Venture Capitalists è sempre stata relativa. A fine anni 70, Silicon Valley e Route 128 rappresentavano i poli Hi Tech della produzione Statunitense.

3 3 di 6 28/04/ Il modello della Route 128 venne copiato da Termin e trasferito in Silicon Valley. In questa regione, la politica di sviluppo di Vannevar Bush ha avuto conseguenze inaspettate e, mischiandosi alla cultura locale ed influenzata dall azione di Stanford, ha dato vita ad un distretto profondamente diverso da Route 128. CAPITOLO 2 Istituzioni locali e cultura In Silicon Valley emerge una nuova classe imprenditoriale. L imprenditore tipo della Silicon Valley è Giovane, probabilmente alla prima esperienza imprenditoriale, ha iniziato a lavorare tra i venti ed i trent anni, molti hanno avuto una istruzione comune quindi si conoscono già, molti hanno lavorato per le prime grandi imprese della Silicon Valley, in particolare la FairChild. Elevata mobilità, mercato del lavoro fluido. Spostamenti di lavoratori producono una condivisione di know how tra le imprese. Know how che è condiviso anche grazie a incontri informali tra lavoratori di diverse imprese. Cultura diffusa che è incentivata da momenti di discussione all interno di club, ad esempio lo Homebrew Computer Club, ha raccolto 5000 appassionati di computer ed ha dato le basi ai fondatori di future case di hardware e software. Le imprese si trovano costrette ad attirare le migliori teste con benefits, salari e stock options. Cooperazione / Competizione Venture Capitalists, spesso individuali. Al contrario del pensare comune, sono nate prima le imprese di semiconduttori poi sono arrivati i venture cpitalists. Spesso i venture capitalists sono le stesse imprese di semiconduttori che, per reinvestire gli utili, decidono di finanziare giovani start up. Chi investe ha quindi le capacità per valutare la bontà dei progetti finanziati ed ha la possibilità di intervenire nel caso in cui l impresa finanziata abbia dei problemi. Che il principio di coopetition funzioni, in Silicon Valley, è provato dai rapporti degli avvocati secondo cui il grado di litigiosità all interno del distretto è inferiore rispetto ad altre regioni degli stati uniti. Frammentazione non significa vulnerabilità. In Silicon Valley, la frammentazione delle imprese è alla base della flessibilità del distretto. I rapporti -alla pari- tra le società hanno permesso un mutuo aggiornamento ed apprendimento continuo, rivolto all innovazione. Il ruolo delle università è aumentato di pari passo con lo sviluppo sviluppo economico della Valle. Oltre a Stanford, anche Berkeley negli anni 70 ha raggiunto un livello di preparazione, in termini quali-quantitativi paragonabile a quello di Stanford e del MIT. Leggermente in ritardo la California State University. Di pari passo, sono aumentati i livelli quali quantitativi di tutte le università della zona, posizionandosi tutte tra le migliori università statunitensi. Cross Licensing e Second Source Cross licensing è esempio lampante di Coopetition: imprese si scambiano il permesso -reciprocamente- di utilizzare i brevetti altrui. In questo modo si accelera il processo di innovazione evitando che alcune imprese non possano accedere ad alcuna tecnologia perchè protetta da brevetti. Ecco perchè in un mondo senza brevetti probabilmente avremmo un innovazione maggiore. Il Second Source Arrangements consiste nel nominare due fornitori in modo da riservarsi il diritto di cambiare fornitore nel momento in cui il primo smetta di fornire prodotti o servizi della qualità richiesta. In questo modo si crea competizione tra i 2 fornitori ma anche collaborazione dal momento che i 2 fornitori condividono le stesse specifiche, producono lo stesso bene. Tecnica ereditata dalle commesse militari degli anni Route 128 Indipendenza e gerarchia Le imprese tecnologiche della Boston Area ereditano la struttura industriale del Massachusetts, dove grandi imprese sono presenti già a partire dal diciassettesimo secolo. Gerarchia interna ed isolamento dall esterno. Pochi scambi di informazione tra pari. Questo sistema organizzativo è diffuso in tutta la regione, mitigato solamente, in parte, dalla cultura hacker che dagli anni 60, predica apertura e libero scambio di tecnologie. Tra tutte le imprese tecnologiche, solamente la DEC sperimentò un modello interno non gerarchico. Sotto l aspetto territoriale, l estensione geografica del Massachusetts non ha di certo favorito la coesione e lo scambio di informazioni. Le enormi distanze tra una impresa e l altra, a volte anche tra due sedi della stessa impresa, non hanno favorito lo scambio di informazioni, anche informale, tra i dipendenti. Industria Puritana, ossia legata ed influenzata dalla confessione Puritana, prevede una netta separazione tra lavoro e vita sociale, auto sostentamento, stabilità del posto di lavoro (che determina sia un mercato del lavoro meno fluido, sia un minor scambio di conoscenza), preferenza dei lavoratori a scegliere di lavorare per industrie affermate, infine alta avversione al richio. Avversione al rischio che deriva dalla paura di insuccesso. Avversione al rischio determina scarsa intraprendenza imprenditoriale che ha effetti negativi anche sullo sviluppo di Venture Capitalists. Tutte queste cause portano ad una scarsa iniziativa imprenditoriale. Venture capitalist: Nella West coast sono le imprese affermate che investono in start up, nella East coast, sono le banche ad avere il ruolo di Venture Capitalists. Mentre ad ovest chi investe ha le capacità tecniche per valutare la bontà di un business plan, ad est chi investe tali competenze

4 4 di 6 28/04/ non le ha. Le università in Massachusetts hanno meno rapporti con le imprese. Il MIT offriva programmi di affiliazione, costosi all epoca e quindi riservati alle grandi imprese. Queste affiliazioni non permettevano alle piccole imprese di usufruire dei laboratori e degli studenti del MIT. Stanford, oltre ad offrire programmi di partecipazione più aperti, forniva corsi di laurea telematici cosi da formare in maniera continuativa i dipendenti delle imprese, direttamente dalle loro sedi. Anche l associazione degli industriali del Massachusetts, il MHTC, non si è mai impegnato nella costruzione di una rete sociale tra le imprese ma si è sempre impegnato in attività di lobbing per tutelare gli interessi delle grandi imprese dell area di Boston. Imprese autosufficienti Quelle della East coast. Sia a causa dell ereditarietà del business model, sia a causa degli ingenti investimenti militari da parte del governo, le imprese della Route 128 tendevano ad isolarsi dai concorrenti. L integrazione verticale permetteva di produrre tutto all interno e di evitare fughe di informazioni. Non solo le imprese non si parlavano, ma nella maggior parte dei casi si combattevano, cercando di assumere dirigenti di altre società per acquisire informazioni. Le start up della Route 128 tendevano a replicare la struttura verticale. Per darsi una aria di industria solida ed attrarre gli investimenti Venture Capital, le neonate imprese tendevano a riprodurre in scala il modello verticalmente integrato delle grandi imprese. CAPITOLO 4 LA CRISI DEGLI ANNI 80 Silicon Valley Nel mercato dei componenti integrati, la crescita à poderosa fino alla fine degli anni 70. I grandi margini di profitto del settore attirano nuove imprese, riducendo i prezzi dei componenti elettronici (memorie) e di conseguenza i profitti delle imprese. L abbassamento dei profitti, provoca la reazione delle imprese che tentano di abbattere i costi di produzione. Per abbattere i costi di produzione, si passa da circuiti integrati custom, ovvero personalizzati per il tipo di applicazione, a circuiti integrati general pourpouse, ossia componenti standardizzati compatibili con la maggior parte delle applicazioni. Si passa dalla produzione di un bene differenziato alla produzione di un bene standardizzato. La standardizzazione incentiva la crescita delle imprese che tentano di ridurre i costi grazie a economie di scala statiche e dinamiche (ossia di esperienza). Le imprese della Silicon Valley stavano pian piano abbandonando la struttura a rete che aveva permesso di raggiungere livelli di produzione ai massimi nazionali. Le imprese, tra cui Intel, Advanced Micro Devices, Fairchild e National Semiconductor tendono ad investire in innovazioni incrementali finalizzate ad abbassare i costi di produzione o ad aumentare le prestazioni dei componenti piuttosto che in innovazioni di prodotto. Si realizzano integrazioni verticali, le grandi imprese acquistano le start up, le piccole imprese si vedono tagliate fuori dal mercato a causa degli alti costi di produzione che questi nuovi componenti standard comportano. L industria elettronica diventa una industria intensiva in capitale. L abbandono delle reti Tra i nuovi concorrenti che entrano nel mercato dei circuiti integrati, spiccano le imprese Giapponesi. Nel 1985 il Giappone mette in crisi la Silicon Valley. La pressione concorrenziale provoca un calo del 20% degli occupati. La Silicon Valley risponde esercitando pressioni sul governo affinchè approvi norme anti dumping nei confronti dei prodotti importati dal Giappone. Il Giappone è accusato di utilizzare pratiche commerciale scorrette. La risposta della Silicon Valley alla minaccia giapponese è la classica risposta di un settore non efficiente che tenta di ristabilire condizioni di alta profittabilità fissando politicamente i prezzi. Il vantaggio delle industrie giapponesi non risiedeva nella differenza salariale o nel regime protezionistico in cui operavano ma da una migliore organizzazione industriale. I 3 punti forti dell industria giapponese sono: investimenti, innovazione e larga scala. Maggiore efficienza nella produzione (il numero di pezzi difettosi era inferiore rispetto agli USA) ed una struttura industriale in grado di coniugare economie di scala con flessibilità ai cambiamenti. Organizzazione fondata su una rete tra l impresa produttrice ed i clienti ed i fornitori, che raccoglie i feedback per modificare la produzione. Questa rete di piccoli fornitori permette di ridurre i costi di produzione ed il tempo di sviluppo di nuovi prodotti. Molti lavoratori delle, una volta flessibili, grandi imprese verticali della Silicon Valley, decisero di lasciare il posto e ritornare al job hopping, magari fondando nuove start up. Nei primi anni 80 si osserva lo spostamento dell assemblaggio e di tutte le operazioni a basso valore aggiunto, nelle zone a basso reeiddito sia degli Stati Uniti che oltreoceano. Route 128 Gli anni 70 sono anni di boom economico nella Route 128, grazie soprattutto al successo dei Minicomputer, mercato nato pochi anni prima ad opera di DEC. Come in Silicon Valley, grandi imprese integrate verticalmente producono beni standardizzati.l espansione del mercato porta le imprese a dotarsi di nuova capacità produttiva, aumentando l autarchia aziendale. Autarchia che è rafforzata dalla natura proprietaria dei prodotti venduti. Ogni Minicomputer venduto è proprietario in ogni sua componente, sia hardware che software. Questo crea lock in nei clienti e

5 5 di 6 28/04/ permette alle imprese di guadagnare sulla base clienti acquisita. La crisi arriva a metà anni 80, quando si diffondono i PC che, oltre ad essere più economici dei Minicomputer, evitavano ai clienti il lock in. La minaccia non arriva dal Giappone ma dagli Stati Uniti, da un fronte frammentato di assemblatori, molti dei quali della Silicon Valley. Le imprese di Route 128 non furono in grado di rispondere al cambiamento, essendosi specializzate nella produzione di minicomputer. Semplicemente puntarono sul prodotto sbagliato, atteggiamento tipico di chi non riesce ad osservare fuori dai confini aziendali. CAPITOLO 5 Fine anni 80, l ondata delle nuove start up nate dopo il fallimento della produzione di massa di inizio anni 80, ha risollevato l economia del distretto, portando a superare in termini di produzione la Route 128. Ruote 128 che al contrario non si è mai ripresa dallo shock dell 80. La diversa sorte dei 2 distretti è dovuta dal rifiuto delle nuove start up della Silicon Valley del modello accentrato ed autarchico di inizio anni 80. Dall altro è dovuto alla resistenza al cambiamento delle imprese del Massachusetts. A fine anni 80, la Silicon Valley supera Route 128 in termini di posti di lavoro ( durante gli anni 80 in Silicon Valley, in Route 128), in termini di fatturato delle imprese pubbliche (22 miliardi in Silicon Valley durante gli anni 80, 2 miliardi in Route 128), in termini di investimenti Venture Capital (9 miliardi in Silicon Valley, 3 in Route 128 durante gli anni 80). La crisi non può essere attribuita a minori costi di produzione in Silicon Valley rispetto a Route 128, al contrario i salari erano più alti in nella West coast rispetto alla East. Nemmeno la riduzione degli investimenti in difesa da parte del governo può essere la causa. La riduzione avviene infatti a fine anni 80 e questo può aver accentuato ma non provocato la crisi. La causa può essere individuata nell assenza di produttori di componenti. In Route 128 tutte le imprese producevano, integrando verticalmente, Minicomputer. Nonostante tutte le imprese avessero capacità produttive per la realizzazione di componenti, erano del tutto assenti nel territorio produttori specializzati di beni intermedi, come microprocessori, che sarrebbero stati utili a start up per la produzione di PC. Uno dei vantaggi delle imprese delle Silicon Valley risiede nella riduzione dei costi che intercorrono dalla progettazione alla realizzazione e vendita del prodotto. Un prodotto può essere progettato all interno dell impresa o insieme alle imprese clienti (o fornitori), in modo da assicurare la massima compatibilità. Questo riduce il time to market. Il feedback che deriva da clienti e fornitori è rapido nei distretti dove le comunicazioni sono fluide e questo flusso di informazioni permette di perfezionare i prodotti nel minor tempo possibile. Le nuove start up della Silicon Valley Le nuove start up che nascono a partire dagli anni 80 in Silicon Valley riprendono l idea di rete abbandonata dai produttori di chip su larga scala. In un mercato dominato dai giapponesi, quello dei chip standard, le neonate start up decidono di puntare su un altro mercato, quello dei chip ad alto valore aggiunto prodotti per applicazioni specifiche. Chip specializzati e design intensive (non intensivi in capitale) in grado di uscire dalla guerra dei prezzi con le industrie giapponesi. Molte start up siconcentrano solamente nello sviluppo e nel design dei prodotti, relegando spese e rischi correlati alla produzione di semiconduttori ai sub fornitori. Piuttosto che inseguire economie di scala, le nuove start up cercano di creare valore aggiunto creando differenziazione. Ad esempio, una impresa poteva fatturare un miliardo grazie alla vendita di 10 compnenti. Ogni singolo componente rappresentava un mercato da 100 milioni di dollari, profittevole ma non abbastanza da attrarre altri (e soprattutto grandi) competitori e quindi mettersi al sicuro da eventuali guerre di prezzo. Per evitare che si ripetessero gli errori di inizio anni 80, le imprese decisero di investire gli utili non in ampliamento della capacità produttiva ma in venture capital, aiutando la nascita di imprese fornitrici di beni intermedi. Ad inizio anni 80, il mercato dei semiconduttori era dominato da componenti standard, che rappresentavano 80% del mercato. A fine anni 80, il mercato era dominato dai componenti custom (77%) che erano appannaggio della Silicon Valley. CAPITOLO 6 Standardizzazione e modularizzazione, 2 elementi chiave per lo sviluppo di un network di imprese specializzate. Condizioni necessarie per permettere le divisione della produzione ad un elevato numero di imprese specializzate. La specializzazione ha diminuito la differenza tra piccole e grandi imprese. Con l aumento della specializzazione, si è pareggiato il potere delle grandi e delle piccole imprese. La dimensione non era più un fattore chiave determinante per il successo di un impresa nel mercato. La competizione si è spostata dai prezzi alla capacità di generare valore aggiunto, di inventare nuove applicazioni nuovi componenti. Si trasformano anche i rapporti con i fornitori. Non più rapporti di fornitura a breve termine ma accordi di collaborazione e lungo termine. Non si punta più solo sulla concorrenza di prezzo per la scelta del fornitore ma si sceglie l impresa in grado di offrire il servizio migliore e nei tempi più brevi.

6 6 di 6 28/04/ Da intensità di lavoro a intensità di capitale La rete di imprese hi tech della Silicon Valley ha dato vita a 2 fenomeni: imprese ad alta intensità di lavoro (semplici assemblatori), sono stati stimolati a ristrutturare le proprie attività in produzioni intensive di capitale; interazioni tra imprese di diverse dimensioni portano ad innovazioni in entrambi i sensi. Esempio è quello degli assemblatori di schede elettroniche, produzione ad intensità di lavoro a basso valore aggiunto. Negli anni questa attività era svolta da lavoratori a basso salario, spesso con lavoro a domicilio. Con l aumentare degli scambi, aumenta anche il lavoro per gli assemblatori (anni 80). L aumento delle commesse permette agli assemblatori di rivedere la propria posizione sul mercato. Da semplici assemblatori, si convertono in studi per la progettazione e la realizzazione tecnica di schede elettroniche sulla base di specifiche fornite dalle grandi imprese. Le grandi imprese non si devono più preoccupare di dover scegliere i componenti e di progettare lo schema della scheda elettronica ma questi compiti vengono assunti dall assemblatore. Si passa a un lavoro ad intensità di capitale e si intensificano e saldano i rapporti tra le 2 imprese. Article printed from Cash Cow: URL to article: Copyright 2009 Cash Cow. All rights reserved.

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA

GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA Progetto SPIN OVER Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 27 gennaio 2005 progetto Spin Over, a cura del Gruppo iella Nasini e Sandra

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 Pag. 33 (diffusione:581000) La proprietà intellettuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è

Dettagli

DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI

DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI 2 Introduzione Questa email è una truffa o è legittima? È ciò che si chiedono con sempre maggiore frequenza

Dettagli

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs)

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) Spesso la tecnologia dell informazione assume la forma di un sistema, ovvero un insieme di componenti che hanno valore quando funzionano insieme. Per esempio, hardware

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

Progettazione di sistemi Embedded

Progettazione di sistemi Embedded Progettazione di sistemi Embedded Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded A.S. 2013/2014 proff. Nicola Masarone e Stefano Salvatori Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione

Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione 2013. 12 (Revisione 2.6.) Esclusione di responsabilità legale SAMSUNG ELECTRONICS SI RISERVA IL DIRITTO DI MODIFICARE I PRODOTTI, LE INFORMAZIONI

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

SOMMARIO. 2003 Gruppo 4 - All right reserved 1

SOMMARIO. 2003 Gruppo 4 - All right reserved 1 SOMMARIO STUDIO DEL DOMINIO DI APPLICAZIONE...2 Introduzione...2 Overview del sistema...2 Specificità del progetto 2...2 Utente generico...3 Studente...3 Docente...3 Amministratore di sistema...3 GLOSSARIO...4

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Servizio HP Hardware Support Exchange

Servizio HP Hardware Support Exchange Servizio HP Hardware Support Exchange Servizi HP Il servizio HP Hardware Support Exchange offre un supporto affidabile e rapido per la sostituzione dei prodotti HP. Studiato in modo specifico per i prodotti

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Brochure La verità sull inchiostro

Brochure La verità sull inchiostro Brochure La verità sull inchiostro Sommario Fai clic sui collegamenti per vederne i paragrafi 1 mito: Le cartucce non originali HP sono affidabili tanto quanto le cartucce originali HP. 2 mito: La resa

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

CONCETTO DI INNOVAZIONE DEL PRODOTTO

CONCETTO DI INNOVAZIONE DEL PRODOTTO CONCETTO DI INNOVAZIONE DEL PRODOTTO 1 Prodotto, azienda, cliente Prodotto: bene che viene venduto da un azienda ad un cliente Impresa: attività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio

Dettagli

5 %>"G: (JPWFOU} JO NPWJNFOUP * 08*/>0 Mµ&VSPQB TPTUJFOF J HJPWBOJ -67 6 D3"G: 63 & E"G& > 5J * * 5 6 1G:/ &G& "34 7 / "3*D 83: & in & U 3 OP "

5 %>G: (JPWFOU} JO NPWJNFOUP * 08*/>0 Mµ&VSPQB TPTUJFOF J HJPWBOJ -67 6 D3G: 63 & EG& > 5J * * 5 6 1G:/ &G& 34 7 / 3*D 83: & in & U 3 OP in U OP Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile dell uso che dovesse essere fatto delle informazioni contenute nella presente pubblicazione.

Dettagli

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO La finanziarizzazione dell economia Di Osvaldo Lamperti Per valutare meglio l attuale fase di crisi del capitalismo globalizzato è necessario fare alcune considerazioni sui

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

Gli anni 1920 e l industria dell automobile

Gli anni 1920 e l industria dell automobile Gli anni 1920 e l industria dell automobile Gli anni 20 e l industria dell automobile L economia americana fu colpita nel 1921 da una dura depressione, provocata da una brusca diminuzione delle esportazioni,

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Autodesk Un nuovo modello per la fornitura di software agli istituti didattici Domande frequenti Europa

Autodesk Un nuovo modello per la fornitura di software agli istituti didattici Domande frequenti Europa Autodesk Un nuovo modello per la fornitura di software agli istituti didattici Domande frequenti Europa Un nuovo modello per la fornitura di software agli istituti didattici Europa Nell'ottobre 2014, Autodesk

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Lo Stato innovatore: come funziona e perché ci serve. Recensione a Lo Stato innovatore di Mariana Mazzucato

Lo Stato innovatore: come funziona e perché ci serve. Recensione a Lo Stato innovatore di Mariana Mazzucato Articolo per la Rivista di Politica Economica, marzo 2015 Lo Stato innovatore: come funziona e perché ci serve. Recensione a Lo Stato innovatore di Mariana Mazzucato di Matteo Lucchese e Mario Pianta Matteo

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli