Regional Advantage Riassunto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regional Advantage Riassunto"

Transcript

1 1 di 6 28/04/ Cash Cow - - Regional Advantage Riassunto Posted By Alberto On 25 febbraio 21:48 In Uncategorized No Comments If you don t tolerate failure, you can t permit success. INTRODUZIONE Anni 70, Route 128, distretto nei pressi di Boston specializzato nella produzione di mini computer, Silicon Valley, distetto industriale nell entroterra di San Francisco, specializzato nella produzione di componenti elettronici (memorie). Crisi dei primi anni 80: Silicon Valley sente la pressione dei concorrenti orientali, Route 128 vede i consumatori spostarsi dai minicomputer ai personal computer. Durante gli anni 80, la sorte dei 2 distretti diverge; In Silicon Valley nascono nuove start up, di dimensioni ridotte, che si affiancano ai colossi dell economia già presenti (Intel e HP). In Route 128 molte grandi imprese subiscono perdite, chiudono o ridimensionano la produzione. A fine anni 80, la Silicon Valley ospita il 40% dell impresa Hi tech americana, incrementa il valore del mercato di 25 miliardi di dollari (rispetto al 1986) e genera nuovi posti di lavoro. Cosa ha determinato il successo di Silicon Valley ed il fallimento di Route 128? La struttura industriale di Silicon Valley è di tipo network, l elevata interconnessione delle imprese, la predominanza di aziende piccole e specializzate e la solidità del social network, ha permesso uno scambio di informazioni orizzontale ed una maggiore reattività al cambiamento. Route 128 al contrario è dominata da poche e grandi imprese verticali, integrate, con scarsi rapporti di collaborazione e con un flusso di informazioni interno all impresa e verticale top down. Le tre dimensioni che determinano il successo di un distretto Istituzioni locali e cultura: Include organizzazioni pubbliche e private come centri ricerca, università, organizzazioni governative come camere di commercio, associazione degli industriali. Queste istituzioni sono fondamentali per la creazione di momenti e luoghi di scambio di informazioni tra le imprese, imprenditori e lavoratori. Per cultura si intende avversione al rischio di imprenditori e lavoratori della zona. Struttura industriale: Il grado di integrazione verticale delle imprese, l intensità delle relazioni tra clienti, fornitori e concorrenti. Organizzazione aziendale: Il grado di integrazione verticale (o orizzontale) delle imprese, la distribuzione delle responsabilità e delle specializzazioni all interno dell impresa. In prima analisi, possiamo individuare alcune macro cause che hanno deteminato le sorti dei 2 distretti: le grandi imprese di Route 128, non hanno saputo reagire prontamente ai cambiamenti del mercato. Avendo effettuato importanti investimenti per internalizzare le risorse produttive, si sono dimostrate restie ad abbandonare la produzione di microcomputer. Allo stesso modo, i lavoratori, formati solamente in un ambito ristretto della produzione, hanno riscontrato difficoltà nel ricollocarsi sul mercato del lavoro dal momento che le loro conoscenze erano incentrate su un business ormai obsoleto. CAPITOLO 1 Storia di Route 128 Il Massachusetts presentava a fine 800 ed inizio 900 una struttura industriale già avviata con imprese specializzate nel tessile e nell automotive. Nel 1861 viene fondato il MIT. A differenza di Harvard, il MIT è orientato alla ricerca ed alla consulenza per l impresa. Il MIT fu subito in grado di stringere accordi con le grandi imprese del Massachusetts: General Electric e Westinghouse in particolare. Durante i primi decenni del 900, il MIT svolse un ruolo di primo piano nel processo di industrializzazione ed ammodernamento della regione. Il personaggio chiave di questo sviluppo fu il professore di Ingegneria Elettronica Vannevar Bush. Allo scoppio della seconda guerra mondiale, Bush divenne direttore deel OSRD, Office of Scientific Research and Development. Bush rivoluzionò i rapporti tra università e governo quando decise di sfruttare i centri di ricerca universitari per condurre lo sviluppo di nuove tecnologi belliche. Il MIT divenne il volano tra il governo e l area industriale di Boston, in grado di veicolare verso le industrie ed i centri ricerca, ingenti investimenti governativi. A beneficiarne furono in primo luogo le imprese di elettronica, nel periodi bellico, registrarono una crescita poderosa la General Electrics, Westinghouse, RCA e Bell Labs. La crescita industriale dell area di Boston diede uno scossa rivitalizzante anche al settore finanziario. Nel 1946, un gruppo di investitori di Boston, tra cui il docente di Harvard George Doriot, si unirono per fondare la ARD, una società di investimento per il supporto delle start up.

2 2 di 6 28/04/ Ha inizio hel 1946 il modello Venture Capital che ancora oggi sostiene buona parte delle nuove imprese tecnologiche americane. Finisce la Guerra Mondiale ma non diminuiscono gli investimenti del governo che, con l inizio della guerra fredda, investe ingenti somme di denaro per lo sviluppo di tecnologie Radar. Nel 1951 viene costruita l autostrada a sei corsie, la Route 128, che darà il nome a questo distretto tecnologico. Durante tutti gli anni 50, 175 starp up nascono all interno dell area delimitata dalla Route 128, grazie soprattutto agli investimenti per la difesa, che ammontavano a 6 miliardi di Dollari durante tutti gli anni 50 e 10 miliardi di Dollari durante tutti gli anni 60. A metà anni 60, la metà della produzione della Route 128 era acquistata dal governo americano. La Route 128 s apprestava ad entrare negli anni 70 come il polo tecnologico degli Stati Uniti, con imprese specializzate nella pruduzione di beni altamente tecnologici. Non erano infatti presenti produttori di beni tecnologici di basso livello come Radio, Televisori ed altra elettronica di consumo. Nei primi anni 70, al termine della guerra del Vietnam, la produzione nella Route 128 subisce un calo drastico, seguito da una riduzione dei posti di lavoro del 40%. Molte imprese, che avevano prosperato in regime di guerra grazie ad investimenti a basso rischio e ritorni assicurati, dovevano ora convertirsi e battagliare nel mercato dell elettronica di consumo. E in questa situazione che il Massachusetts si converte alla produzione di Minicomputer, ovvero calcolatori più economici dei Mainframe e con potenzialità adeguate all utilizzo aziendale. Si cimentano nella produzione di Microcomputer sia imprese pre esistenti (DEC, DG, ecc) sia nuove start up come Prime Computer e Computervision. Verso la fine degli anni 70, il mercato dei Minicomputer fruttava al distretto di Route 128 ben 9 miliardi di Dollari. Se a questi aggiungiamo una rinnovata spesa per la difesa, è facile immaginare lo stato d animo degli imprenditori del Massachusetts Miracle pronti a sbarcare negli anni 80. Storia di Silicon Valley La storia di Silicon Valley comincia da un garage di Palo Alto, quando nel 1937, due studenti di Stanford, sostenuti economicamente dal proprio professore, decisero di commercializzare i loro oscilloscopi. I due studenti erano William Hewlett e David Packard ed il loro professore era Frederick Terman. Grazie al sostegno dell università, i due giovani imprenditori cominciarono a vendere, a dire il vero neanche tanti, oscilloscopi. Nel 1941 i proventi della neonata HP ammontavano a Dollari. Insieme ad HP, nacquero molte altre piccole imprese di elettronica nei dintorni di Palo Alto, tutte sostenute ed incoraggiate dal Prof. Terman. Anche per le imprese californiane, l inizio della seconda guerra mondiale segna un punto di svolta. Grazie alla posizione strategica di San Francisco, porta privilegiata per accedere al Pacifico, numerosi investimenti militari vengono dirottati in California. In termini assoluti, l entità di tali investimenti non è nemmeno paragonabile agli investimenti nell area di Boston. In ogni modo, l effetto positivo del capitalismo di guerra permette alle imprese californiane di trovare nuova linfa vitale. Al termine della guerra, Terman decide di imprimere maggior spinta all industrializzazione della San Francisco Bay. Dopo aver lasciato il suo incarico a Stanford, decide di trasferirsi nella East Coast ed indagare sulle cause del successo della Route 128. Imparando dal maestro Vannevar Bush, Terman capisce che è necessario inserirsi tra i rapporti università governo in modo da poter dirottare su San Francisco il maggior numero di investimenti possibili. Dopo l esperienza in East Coast, Terman decide di infittire i rapporti tra Università ed impresa e lo fa con incontri imprenditori-studenti, con corsi di laurea tenuti direttamente all interno delle imprese, realizzando 50 anni fa quello che oggi chiamiamo Long Life Learning e realizzando lo Stanford Research Park. SRP attrasse subito le principali imprese della zona, che decisero di trasferire i centri di ricerca all interno del parco di ricerca. Nel 1955 erano 25 le imprese ospitate all interno del centro ricerca. I vantaggi erano reciproci, le imprese potevano attingere cervelli da Stanford e l università poteva mettere a disposizione dei suoi studenti i migliori centri di ricerca degli Stati Uniti. La fama di Stanford cresceva in maniera proporzionale alle dimensioni del Parco di Ricerca, tra gli anni 50 e 60 qui vi si stabilirono, tra le altre, Westinghouse, Xerox, IBM e Lockheed. La produzione durante gli anni 60 si orienta verso i semi conduttori. E in questa regione d America che vengono prodotti la stragrande maggioranza di componenti elettronici. Da uno spin off della Fairchild nasce, nel 1968, la Intel. Agli inizi degli anni 70, la valle di Santa Clara venne ribattezzata Silicon Valley, dal nome del materiale (il silicio) utilizzato nella produzione di componenti elettronici. In Silicon Valley, la riduzione degli investimenti bellici ha ricadute meno drammatiche rispetto alla Route 128 dal momento che le imprese avevano già diversificato la loro produzione tra elettronica di consumo e applicazioni militari. Mano a mano che la produzione andava spostandosi verso beni commerciali, gli investimenti in difesa da parte del governo venivano sostituiti da investimenti privati da parte di Venture Capital, in misura maggiore rispetto alla Route 128, dove l importanza dei Venture Capitalists è sempre stata relativa. A fine anni 70, Silicon Valley e Route 128 rappresentavano i poli Hi Tech della produzione Statunitense.

3 3 di 6 28/04/ Il modello della Route 128 venne copiato da Termin e trasferito in Silicon Valley. In questa regione, la politica di sviluppo di Vannevar Bush ha avuto conseguenze inaspettate e, mischiandosi alla cultura locale ed influenzata dall azione di Stanford, ha dato vita ad un distretto profondamente diverso da Route 128. CAPITOLO 2 Istituzioni locali e cultura In Silicon Valley emerge una nuova classe imprenditoriale. L imprenditore tipo della Silicon Valley è Giovane, probabilmente alla prima esperienza imprenditoriale, ha iniziato a lavorare tra i venti ed i trent anni, molti hanno avuto una istruzione comune quindi si conoscono già, molti hanno lavorato per le prime grandi imprese della Silicon Valley, in particolare la FairChild. Elevata mobilità, mercato del lavoro fluido. Spostamenti di lavoratori producono una condivisione di know how tra le imprese. Know how che è condiviso anche grazie a incontri informali tra lavoratori di diverse imprese. Cultura diffusa che è incentivata da momenti di discussione all interno di club, ad esempio lo Homebrew Computer Club, ha raccolto 5000 appassionati di computer ed ha dato le basi ai fondatori di future case di hardware e software. Le imprese si trovano costrette ad attirare le migliori teste con benefits, salari e stock options. Cooperazione / Competizione Venture Capitalists, spesso individuali. Al contrario del pensare comune, sono nate prima le imprese di semiconduttori poi sono arrivati i venture cpitalists. Spesso i venture capitalists sono le stesse imprese di semiconduttori che, per reinvestire gli utili, decidono di finanziare giovani start up. Chi investe ha quindi le capacità per valutare la bontà dei progetti finanziati ed ha la possibilità di intervenire nel caso in cui l impresa finanziata abbia dei problemi. Che il principio di coopetition funzioni, in Silicon Valley, è provato dai rapporti degli avvocati secondo cui il grado di litigiosità all interno del distretto è inferiore rispetto ad altre regioni degli stati uniti. Frammentazione non significa vulnerabilità. In Silicon Valley, la frammentazione delle imprese è alla base della flessibilità del distretto. I rapporti -alla pari- tra le società hanno permesso un mutuo aggiornamento ed apprendimento continuo, rivolto all innovazione. Il ruolo delle università è aumentato di pari passo con lo sviluppo sviluppo economico della Valle. Oltre a Stanford, anche Berkeley negli anni 70 ha raggiunto un livello di preparazione, in termini quali-quantitativi paragonabile a quello di Stanford e del MIT. Leggermente in ritardo la California State University. Di pari passo, sono aumentati i livelli quali quantitativi di tutte le università della zona, posizionandosi tutte tra le migliori università statunitensi. Cross Licensing e Second Source Cross licensing è esempio lampante di Coopetition: imprese si scambiano il permesso -reciprocamente- di utilizzare i brevetti altrui. In questo modo si accelera il processo di innovazione evitando che alcune imprese non possano accedere ad alcuna tecnologia perchè protetta da brevetti. Ecco perchè in un mondo senza brevetti probabilmente avremmo un innovazione maggiore. Il Second Source Arrangements consiste nel nominare due fornitori in modo da riservarsi il diritto di cambiare fornitore nel momento in cui il primo smetta di fornire prodotti o servizi della qualità richiesta. In questo modo si crea competizione tra i 2 fornitori ma anche collaborazione dal momento che i 2 fornitori condividono le stesse specifiche, producono lo stesso bene. Tecnica ereditata dalle commesse militari degli anni Route 128 Indipendenza e gerarchia Le imprese tecnologiche della Boston Area ereditano la struttura industriale del Massachusetts, dove grandi imprese sono presenti già a partire dal diciassettesimo secolo. Gerarchia interna ed isolamento dall esterno. Pochi scambi di informazione tra pari. Questo sistema organizzativo è diffuso in tutta la regione, mitigato solamente, in parte, dalla cultura hacker che dagli anni 60, predica apertura e libero scambio di tecnologie. Tra tutte le imprese tecnologiche, solamente la DEC sperimentò un modello interno non gerarchico. Sotto l aspetto territoriale, l estensione geografica del Massachusetts non ha di certo favorito la coesione e lo scambio di informazioni. Le enormi distanze tra una impresa e l altra, a volte anche tra due sedi della stessa impresa, non hanno favorito lo scambio di informazioni, anche informale, tra i dipendenti. Industria Puritana, ossia legata ed influenzata dalla confessione Puritana, prevede una netta separazione tra lavoro e vita sociale, auto sostentamento, stabilità del posto di lavoro (che determina sia un mercato del lavoro meno fluido, sia un minor scambio di conoscenza), preferenza dei lavoratori a scegliere di lavorare per industrie affermate, infine alta avversione al richio. Avversione al rischio che deriva dalla paura di insuccesso. Avversione al rischio determina scarsa intraprendenza imprenditoriale che ha effetti negativi anche sullo sviluppo di Venture Capitalists. Tutte queste cause portano ad una scarsa iniziativa imprenditoriale. Venture capitalist: Nella West coast sono le imprese affermate che investono in start up, nella East coast, sono le banche ad avere il ruolo di Venture Capitalists. Mentre ad ovest chi investe ha le capacità tecniche per valutare la bontà di un business plan, ad est chi investe tali competenze

4 4 di 6 28/04/ non le ha. Le università in Massachusetts hanno meno rapporti con le imprese. Il MIT offriva programmi di affiliazione, costosi all epoca e quindi riservati alle grandi imprese. Queste affiliazioni non permettevano alle piccole imprese di usufruire dei laboratori e degli studenti del MIT. Stanford, oltre ad offrire programmi di partecipazione più aperti, forniva corsi di laurea telematici cosi da formare in maniera continuativa i dipendenti delle imprese, direttamente dalle loro sedi. Anche l associazione degli industriali del Massachusetts, il MHTC, non si è mai impegnato nella costruzione di una rete sociale tra le imprese ma si è sempre impegnato in attività di lobbing per tutelare gli interessi delle grandi imprese dell area di Boston. Imprese autosufficienti Quelle della East coast. Sia a causa dell ereditarietà del business model, sia a causa degli ingenti investimenti militari da parte del governo, le imprese della Route 128 tendevano ad isolarsi dai concorrenti. L integrazione verticale permetteva di produrre tutto all interno e di evitare fughe di informazioni. Non solo le imprese non si parlavano, ma nella maggior parte dei casi si combattevano, cercando di assumere dirigenti di altre società per acquisire informazioni. Le start up della Route 128 tendevano a replicare la struttura verticale. Per darsi una aria di industria solida ed attrarre gli investimenti Venture Capital, le neonate imprese tendevano a riprodurre in scala il modello verticalmente integrato delle grandi imprese. CAPITOLO 4 LA CRISI DEGLI ANNI 80 Silicon Valley Nel mercato dei componenti integrati, la crescita à poderosa fino alla fine degli anni 70. I grandi margini di profitto del settore attirano nuove imprese, riducendo i prezzi dei componenti elettronici (memorie) e di conseguenza i profitti delle imprese. L abbassamento dei profitti, provoca la reazione delle imprese che tentano di abbattere i costi di produzione. Per abbattere i costi di produzione, si passa da circuiti integrati custom, ovvero personalizzati per il tipo di applicazione, a circuiti integrati general pourpouse, ossia componenti standardizzati compatibili con la maggior parte delle applicazioni. Si passa dalla produzione di un bene differenziato alla produzione di un bene standardizzato. La standardizzazione incentiva la crescita delle imprese che tentano di ridurre i costi grazie a economie di scala statiche e dinamiche (ossia di esperienza). Le imprese della Silicon Valley stavano pian piano abbandonando la struttura a rete che aveva permesso di raggiungere livelli di produzione ai massimi nazionali. Le imprese, tra cui Intel, Advanced Micro Devices, Fairchild e National Semiconductor tendono ad investire in innovazioni incrementali finalizzate ad abbassare i costi di produzione o ad aumentare le prestazioni dei componenti piuttosto che in innovazioni di prodotto. Si realizzano integrazioni verticali, le grandi imprese acquistano le start up, le piccole imprese si vedono tagliate fuori dal mercato a causa degli alti costi di produzione che questi nuovi componenti standard comportano. L industria elettronica diventa una industria intensiva in capitale. L abbandono delle reti Tra i nuovi concorrenti che entrano nel mercato dei circuiti integrati, spiccano le imprese Giapponesi. Nel 1985 il Giappone mette in crisi la Silicon Valley. La pressione concorrenziale provoca un calo del 20% degli occupati. La Silicon Valley risponde esercitando pressioni sul governo affinchè approvi norme anti dumping nei confronti dei prodotti importati dal Giappone. Il Giappone è accusato di utilizzare pratiche commerciale scorrette. La risposta della Silicon Valley alla minaccia giapponese è la classica risposta di un settore non efficiente che tenta di ristabilire condizioni di alta profittabilità fissando politicamente i prezzi. Il vantaggio delle industrie giapponesi non risiedeva nella differenza salariale o nel regime protezionistico in cui operavano ma da una migliore organizzazione industriale. I 3 punti forti dell industria giapponese sono: investimenti, innovazione e larga scala. Maggiore efficienza nella produzione (il numero di pezzi difettosi era inferiore rispetto agli USA) ed una struttura industriale in grado di coniugare economie di scala con flessibilità ai cambiamenti. Organizzazione fondata su una rete tra l impresa produttrice ed i clienti ed i fornitori, che raccoglie i feedback per modificare la produzione. Questa rete di piccoli fornitori permette di ridurre i costi di produzione ed il tempo di sviluppo di nuovi prodotti. Molti lavoratori delle, una volta flessibili, grandi imprese verticali della Silicon Valley, decisero di lasciare il posto e ritornare al job hopping, magari fondando nuove start up. Nei primi anni 80 si osserva lo spostamento dell assemblaggio e di tutte le operazioni a basso valore aggiunto, nelle zone a basso reeiddito sia degli Stati Uniti che oltreoceano. Route 128 Gli anni 70 sono anni di boom economico nella Route 128, grazie soprattutto al successo dei Minicomputer, mercato nato pochi anni prima ad opera di DEC. Come in Silicon Valley, grandi imprese integrate verticalmente producono beni standardizzati.l espansione del mercato porta le imprese a dotarsi di nuova capacità produttiva, aumentando l autarchia aziendale. Autarchia che è rafforzata dalla natura proprietaria dei prodotti venduti. Ogni Minicomputer venduto è proprietario in ogni sua componente, sia hardware che software. Questo crea lock in nei clienti e

5 5 di 6 28/04/ permette alle imprese di guadagnare sulla base clienti acquisita. La crisi arriva a metà anni 80, quando si diffondono i PC che, oltre ad essere più economici dei Minicomputer, evitavano ai clienti il lock in. La minaccia non arriva dal Giappone ma dagli Stati Uniti, da un fronte frammentato di assemblatori, molti dei quali della Silicon Valley. Le imprese di Route 128 non furono in grado di rispondere al cambiamento, essendosi specializzate nella produzione di minicomputer. Semplicemente puntarono sul prodotto sbagliato, atteggiamento tipico di chi non riesce ad osservare fuori dai confini aziendali. CAPITOLO 5 Fine anni 80, l ondata delle nuove start up nate dopo il fallimento della produzione di massa di inizio anni 80, ha risollevato l economia del distretto, portando a superare in termini di produzione la Route 128. Ruote 128 che al contrario non si è mai ripresa dallo shock dell 80. La diversa sorte dei 2 distretti è dovuta dal rifiuto delle nuove start up della Silicon Valley del modello accentrato ed autarchico di inizio anni 80. Dall altro è dovuto alla resistenza al cambiamento delle imprese del Massachusetts. A fine anni 80, la Silicon Valley supera Route 128 in termini di posti di lavoro ( durante gli anni 80 in Silicon Valley, in Route 128), in termini di fatturato delle imprese pubbliche (22 miliardi in Silicon Valley durante gli anni 80, 2 miliardi in Route 128), in termini di investimenti Venture Capital (9 miliardi in Silicon Valley, 3 in Route 128 durante gli anni 80). La crisi non può essere attribuita a minori costi di produzione in Silicon Valley rispetto a Route 128, al contrario i salari erano più alti in nella West coast rispetto alla East. Nemmeno la riduzione degli investimenti in difesa da parte del governo può essere la causa. La riduzione avviene infatti a fine anni 80 e questo può aver accentuato ma non provocato la crisi. La causa può essere individuata nell assenza di produttori di componenti. In Route 128 tutte le imprese producevano, integrando verticalmente, Minicomputer. Nonostante tutte le imprese avessero capacità produttive per la realizzazione di componenti, erano del tutto assenti nel territorio produttori specializzati di beni intermedi, come microprocessori, che sarrebbero stati utili a start up per la produzione di PC. Uno dei vantaggi delle imprese delle Silicon Valley risiede nella riduzione dei costi che intercorrono dalla progettazione alla realizzazione e vendita del prodotto. Un prodotto può essere progettato all interno dell impresa o insieme alle imprese clienti (o fornitori), in modo da assicurare la massima compatibilità. Questo riduce il time to market. Il feedback che deriva da clienti e fornitori è rapido nei distretti dove le comunicazioni sono fluide e questo flusso di informazioni permette di perfezionare i prodotti nel minor tempo possibile. Le nuove start up della Silicon Valley Le nuove start up che nascono a partire dagli anni 80 in Silicon Valley riprendono l idea di rete abbandonata dai produttori di chip su larga scala. In un mercato dominato dai giapponesi, quello dei chip standard, le neonate start up decidono di puntare su un altro mercato, quello dei chip ad alto valore aggiunto prodotti per applicazioni specifiche. Chip specializzati e design intensive (non intensivi in capitale) in grado di uscire dalla guerra dei prezzi con le industrie giapponesi. Molte start up siconcentrano solamente nello sviluppo e nel design dei prodotti, relegando spese e rischi correlati alla produzione di semiconduttori ai sub fornitori. Piuttosto che inseguire economie di scala, le nuove start up cercano di creare valore aggiunto creando differenziazione. Ad esempio, una impresa poteva fatturare un miliardo grazie alla vendita di 10 compnenti. Ogni singolo componente rappresentava un mercato da 100 milioni di dollari, profittevole ma non abbastanza da attrarre altri (e soprattutto grandi) competitori e quindi mettersi al sicuro da eventuali guerre di prezzo. Per evitare che si ripetessero gli errori di inizio anni 80, le imprese decisero di investire gli utili non in ampliamento della capacità produttiva ma in venture capital, aiutando la nascita di imprese fornitrici di beni intermedi. Ad inizio anni 80, il mercato dei semiconduttori era dominato da componenti standard, che rappresentavano 80% del mercato. A fine anni 80, il mercato era dominato dai componenti custom (77%) che erano appannaggio della Silicon Valley. CAPITOLO 6 Standardizzazione e modularizzazione, 2 elementi chiave per lo sviluppo di un network di imprese specializzate. Condizioni necessarie per permettere le divisione della produzione ad un elevato numero di imprese specializzate. La specializzazione ha diminuito la differenza tra piccole e grandi imprese. Con l aumento della specializzazione, si è pareggiato il potere delle grandi e delle piccole imprese. La dimensione non era più un fattore chiave determinante per il successo di un impresa nel mercato. La competizione si è spostata dai prezzi alla capacità di generare valore aggiunto, di inventare nuove applicazioni nuovi componenti. Si trasformano anche i rapporti con i fornitori. Non più rapporti di fornitura a breve termine ma accordi di collaborazione e lungo termine. Non si punta più solo sulla concorrenza di prezzo per la scelta del fornitore ma si sceglie l impresa in grado di offrire il servizio migliore e nei tempi più brevi.

6 6 di 6 28/04/ Da intensità di lavoro a intensità di capitale La rete di imprese hi tech della Silicon Valley ha dato vita a 2 fenomeni: imprese ad alta intensità di lavoro (semplici assemblatori), sono stati stimolati a ristrutturare le proprie attività in produzioni intensive di capitale; interazioni tra imprese di diverse dimensioni portano ad innovazioni in entrambi i sensi. Esempio è quello degli assemblatori di schede elettroniche, produzione ad intensità di lavoro a basso valore aggiunto. Negli anni questa attività era svolta da lavoratori a basso salario, spesso con lavoro a domicilio. Con l aumentare degli scambi, aumenta anche il lavoro per gli assemblatori (anni 80). L aumento delle commesse permette agli assemblatori di rivedere la propria posizione sul mercato. Da semplici assemblatori, si convertono in studi per la progettazione e la realizzazione tecnica di schede elettroniche sulla base di specifiche fornite dalle grandi imprese. Le grandi imprese non si devono più preoccupare di dover scegliere i componenti e di progettare lo schema della scheda elettronica ma questi compiti vengono assunti dall assemblatore. Si passa a un lavoro ad intensità di capitale e si intensificano e saldano i rapporti tra le 2 imprese. Article printed from Cash Cow: URL to article: Copyright 2009 Cash Cow. All rights reserved.

Gli assetti a popolazione

Gli assetti a popolazione Gli assetti a popolazione Lo strategic network (mercato auto) L industrial network (filiera, distretto) I business network (eterarchia-relazione) Il policy network (politica pubblica) Le filiere IL SETTORE

Dettagli

Silicon Valley. Informatica giuridica (corso propedeutico) 1

Silicon Valley. Informatica giuridica (corso propedeutico) 1 Silicon Valley 1 Il suo nome dipende dal fatto che qui si ha la massima concentrazione di silicio al mondo. Con il silicio sono realizzate i chip dei miliardi di calcolatori in funzione nella valle. Il

Dettagli

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA Parte III : R&S nella piccola e media impresa Angelo Bonomi PICCOLE E MEDIE IMPRESE E R&S Esistono varie definizioni di piccole e

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Innovazione e diritti di proprietà intellettuale

Innovazione e diritti di proprietà intellettuale Innovazione e diritti di proprietà intellettuale Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università degli Studi di Urbino 1. Introduzione Quali sono i Diritti di Proprietà

Dettagli

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori Capitolo 7 La mobilità internazionale dei fattori preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Rosario Crinò) 1 Struttura della presentazione Mobilità internazionale del lavoro Prestiti internazionali

Dettagli

GESTIONE KNOW HOW E MANAGEMENT DELLE TECNOLOGIE LEZIONE 4. Angelo BONOMI

GESTIONE KNOW HOW E MANAGEMENT DELLE TECNOLOGIE LEZIONE 4. Angelo BONOMI GESTIONE KNOW HOW E MANAGEMENT DELLE TECNOLOGIE LEZIONE 4 Angelo BONOMI TECNOLOGIA E STRATEGIE INDUSTRIALI La tecnologia è da sempre un fattore importante delle strategie industriali In linea generale

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3752 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MOSCA, LORENZIN Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Presentata

Dettagli

La delocalizzazione. Corso di Finanza internazionale Doriana Cucinelli 19-marzo-2013

La delocalizzazione. Corso di Finanza internazionale Doriana Cucinelli 19-marzo-2013 La delocalizzazione Corso di Finanza internazionale Doriana Cucinelli 19-marzo-2013 Agenda Cosa si intende per delocalizzazione Internazionalizzazione vs delocalizzazione Le forme di internazionalizzazione

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 12 La strategia di espansione globale Caso di apertura 12-3 La Wal-Mart si è rivolta verso altri paesi per tre ragioni - Le opportunità di crescita interna stavano

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE DEFINIZIONE DI QUALITA IL CONCETTO DI QUALITA. Prof.ssa Federica Murmura. a.a. 2014-2015

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE DEFINIZIONE DI QUALITA IL CONCETTO DI QUALITA. Prof.ssa Federica Murmura. a.a. 2014-2015 GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE a.a. 2014-2015 1 DEFINIZIONE DI QUALITA La norma UNI EN ISO 9000: 2005 definisce la qualità come «l insieme delle caratteristiche intrinseche di un prodotto/ servizio che

Dettagli

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE IL CONCETTO DI QUALITA

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE IL CONCETTO DI QUALITA GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE a.a. 2012-2013 1 IL CONCETTO DI QUALITA QUALITA OGGETTIVA è un concetto strettamente correlato al prodotto e si configura come l insieme di attributi fisici e tecnicofunzionali

Dettagli

Imprese multinazionali e outsourcing

Imprese multinazionali e outsourcing Economia Internazionale Alireza Naghavi Capitolo 9 (a) L outsourcing di beni e servizi 1 Imprese multinazionali e outsourcing Gli investimenti diretti all estero rappresentano quegli investimenti in cui

Dettagli

Le economie di scala esterne e la localizzazione della produzione

Le economie di scala esterne e la localizzazione della produzione Capitolo 7 Le economie di scala esterne e la localizzazione della produzione [a.a. 2013/14] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 7-1 Struttura della presentazione

Dettagli

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Introduzione Struttura di mercato e incentivi a investire

Dettagli

CAP 2 Le fonti dell innovazione. Gestione dell innovazione

CAP 2 Le fonti dell innovazione. Gestione dell innovazione CAP 2 Le fonti dell innovazione Gestione dell innovazione 1 La creatività L innovazione può scaturire da molte fonti diverse: Mente degli individui Ricerca universitaria, EPR, incubatori di imprese, fondazioni

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Prof. Antonio Renzi Economia e gestione delle imprese Parte sesta Governo delle imprese e assetti proprietari 1 Argomenti 1. Gli assetti proprietari 2. Proprietà e organo di governo 3. La struttura dell

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

L Area Nord: rispetto a 5 anni fa

L Area Nord: rispetto a 5 anni fa Conclusioni 1 L Area Nord: rispetto a 5 anni fa L Area Nord, nonostante la crisi del 2009 che ha peggiorato le condizioni rispetto al 2008, è comunque cresciuta in termini di ricavi del 25% rispetto al

Dettagli

Gli incentivi non mettono in moto l automobile

Gli incentivi non mettono in moto l automobile 115 idee per il libero mercato Gli incentivi non mettono in moto l automobile di Andrea Giuricin Il rallentamento economico e la crisi finanziaria hanno avuto un forte impatto su uno dei settori più importanti

Dettagli

Cina e India cambiano l economia mondiale. Michela Floris micfloris@unica.it

Cina e India cambiano l economia mondiale. Michela Floris micfloris@unica.it Cina e India cambiano l economia mondiale Michela Floris micfloris@unica.it Una premessa L Asia non è nuova a miracoli economici Giappone, Corea del Sud, Cina e India sono protagonisti di una rapida crescita

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Accompagnare le Start Up nel percorso di sviluppo: esperienze operative e spunti di riflessione Antonio Cavaliere Renato Montedoro

Accompagnare le Start Up nel percorso di sviluppo: esperienze operative e spunti di riflessione Antonio Cavaliere Renato Montedoro Accompagnare le Start Up nel percorso di sviluppo: esperienze operative e spunti di riflessione Antonio Cavaliere Renato Montedoro Napoli, 27 Marzo 2014 Le Start Up Innovative LA START UP INNOVATIVA Impresa

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

REGIONE PUGLIA Assessorato allo Sviluppo Economico Settore Artigianato e PMI UFFICIO III CORSO SONNINO,177 70121 BARI - FAX 080/5406952

REGIONE PUGLIA Assessorato allo Sviluppo Economico Settore Artigianato e PMI UFFICIO III CORSO SONNINO,177 70121 BARI - FAX 080/5406952 REGIONE PUGLIA Assessorato allo Sviluppo Economico Settore Artigianato e PMI UFFICIO III CORSO SONNINO,177 70121 BARI - FAX 080/5406952 Bari 21/11/05 Prot. n. 38/A/7899 Alla Commissione Europea STATEAIDGREFFE@CEC.EU.INT

Dettagli

INCUBATORE FIRENZE DALL IDEA ALL IMPRESA 5 ANNI DI ESPERIENZA

INCUBATORE FIRENZE DALL IDEA ALL IMPRESA 5 ANNI DI ESPERIENZA INCUBATORE FIRENZE DALL IDEA ALL IMPRESA 5 ANNI DI ESPERIENZA L esperienza di Incubatore Firenze, che dal 2004 ha aiutato la nascita e lo sviluppo di start-up di successo in settori tecnologicamente avanzati,

Dettagli

LE IDEE SI METTONO IN RETE: LA REALTA CHE PRECEDE IL FUTURO. Patrizia Malferrari Presidente SEASIDE

LE IDEE SI METTONO IN RETE: LA REALTA CHE PRECEDE IL FUTURO. Patrizia Malferrari Presidente SEASIDE LE IDEE SI METTONO IN RETE: LA REALTA CHE PRECEDE IL FUTURO Patrizia Malferrari Presidente SEASIDE Seaside: Chi siamo Seaside è una E.S.Co. certificata secondo la Norma UNI CEI 11352:2014, specializzata

Dettagli

Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital

Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital Quando ricorrere al capitale di rischio Sostegno alla crescita Ricambio generazionale Internazionalizzazione Riorganizzazione

Dettagli

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato 1 Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato quindi un milione di copie, pari a poco meno del 20% del

Dettagli

NUMERO 1O l esperienza migliora il business

NUMERO 1O l esperienza migliora il business NUMERO 1O l esperienza migliora il business Dal 1986 al vostro fianco NUMERO 1O, a più di vent anni dalla sua nascita, rappresenta il polo di riferimento nell esperienza informatica legata al business.

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

L individuazione del lock-in

L individuazione del lock-in L individuazione del lock-in Docente: Alessandro Minello Savian Dario 808548 1 Lock in Switching cost : costi di transizione da una tecnologia ad un altra Es. compro un Mac e tutto il software associato

Dettagli

PRIVATE EQUITY & VENTURE CAPITAL: ASPETTI DEFINITORI.

PRIVATE EQUITY & VENTURE CAPITAL: ASPETTI DEFINITORI. PRIVATE EQUITY & VENTURE CAPITAL: ASPETTI DEFINITORI. 1 Private Equity e Venture Capital: una definizione Al contrario di quanto avviene negli USA, dove l attività di investimento nel capitale di rischio

Dettagli

Le ristrutturazioni aziendali

Le ristrutturazioni aziendali Le ristrutturazioni aziendali Come si conduce uno studio di caso Daniele Zaccaria daniele.zaccaria@unimib.it Le strategie di gestione dei processi di ristrutturazione tendono a mutare perché sta mutando

Dettagli

Economia Industriale Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale. Antitrust e collusione. Sorge negli US come reazione alla formazione di trusts

Economia Industriale Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale. Antitrust e collusione. Sorge negli US come reazione alla formazione di trusts UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Economia Industriale Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale Antitrust e collusione Anno Accademico 2005/2006 Prof. Gianmaria Martini Prospettiva storica Sorge negli

Dettagli

Economia del Lavoro. Capitolo 8 2 Borjas. La mobilità del lavoro

Economia del Lavoro. Capitolo 8 2 Borjas. La mobilità del lavoro Economia del Lavoro Capitolo 8 2 Borjas La mobilità del lavoro - 1 US paese molto mobile: tra il 2003 e il 2004, il 2,8% della popolazione si è trasferita tra nello stesso stato e un altro 2,6% tra stati

Dettagli

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale)

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio In Oligopolio le imprese possono produrre beni sostanzialmente omogenei, oppure differenziati (automobili, bibite, giornali)

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE Riccardo Cappellin OS.E.L.R. - Osservatorio sulle Economie Locali e Regionali Dipartimento di Economia e Istituzioni Università di Roma "Tor Vergata"

Dettagli

Crescita in economia aperta. Vedi capitolo 11 del volume di David Weil, Crescita economica, Hoepli, 2007

Crescita in economia aperta. Vedi capitolo 11 del volume di David Weil, Crescita economica, Hoepli, 2007 Crescita in economia aperta Vedi capitolo 11 del volume di David Weil, Crescita economica, Hoepli, 2007 1 Globalizzazione= riduzione della rilevanza economica dei confini nazionali (in contrapposizione

Dettagli

Management Game 2011

Management Game 2011 Management Game 2011 La Mobilé Inc 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini che ha sede negli Stati Uniti che si è concentrata sulla produzione di telefonini

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

LA PROPRIETA INTELLETTUALE

LA PROPRIETA INTELLETTUALE LA PROPRIETA INTELLETTUALE Valutazione economica brevetti e marchi Dott.ssa Elisa Barlocco TEL. 019 8485622 E-mail mail@karaghiosoff.com Copyright 2009-2013 Studio Karaghiosoff e Frizzi srl All rights

Dettagli

IL CASO: Hewlett-Packard

IL CASO: Hewlett-Packard IL CASO: Hewlett-Packard Proposta acquisizione Compaq con duplice finalità (Fiorina): 1) conseguimento economie di scala; 2) ingresso nel mercato dei servizi. Pareri sfavorevoli alla fusione (Hewlett e

Dettagli

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 LEZIONE 2

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 LEZIONE 2 Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Economia Internazionale Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 MATERIALE DIDATTICO da integrare al libro di testo: Hill C.W.L. International

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

Fresenius Med Care (FME)

Fresenius Med Care (FME) Fresenius Med Care (FME) Andrea Tironi Andrea Facchini www.moneyriskanalysis.com 15/03/2014 1 Sommario ANALISI FONDAMENTALE... 3 Descrizione e Storia... 3 Analisi Punti di Forza e Debolezza... 8 Rating...

Dettagli

Obiettivi della lezione. Open Innovation

Obiettivi della lezione. Open Innovation Open Innovation Obiettivi della lezione I modelli di innovazione tradizionale (closed innovation) e le ragioni del loro declino Definire il concetto di open innovation: reti di imprese e mercati della

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

FONTI E STRUMENTI PRIVATI PER LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA

FONTI E STRUMENTI PRIVATI PER LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA FONTI E STRUMENTI PRIVATI PER LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA Il ruolo dei Venture Capital (VC) nel finanziamento dello sviluppo industriale e economico è esemplificato da alcuni dati. Nel 2006,

Dettagli

Mercati e industria del solare: scenari economico - finanziari e business model vincenti dopo la revolution

Mercati e industria del solare: scenari economico - finanziari e business model vincenti dopo la revolution Mercati e industria del solare: scenari economico - finanziari e business model vincenti dopo la revolution Antonio Nodari Amministratore Delegato Pöyry Management Consulting Italia Roma, 15 marzo 2011

Dettagli

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE : L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE Definizioni Per lo sviluppo di un impresa sono necessarie sia le abilità dell imprenditore che quelle dei manager * Le abilità imprenditoriali sono

Dettagli

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti 10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti Nel 2013 hanno chiuso in Italia oltre 50.000 aziende, con un aumento di oltre

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

1. Arduino va di moda.

1. Arduino va di moda. 1. Arduino va di moda. Arduino è una piattaforma hardware open source programmabile, interamente realizzata in Italia, che permette la prototipazione rapida e l'apprendimento veloce dei principi fondamentali

Dettagli

INTELLECTUAL PROPERTY RIGHTS

INTELLECTUAL PROPERTY RIGHTS Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 INTELLECTUAL PROPERTY RIGHTS Docente: Prof. Massimo Merlino Intellectual Property Rights (IPR) Imprenditore Business idea L imprenditore che

Dettagli

Le trasformazioni del tessile abbigliamento: Quale spazio per il lavoro nella subfornitura?

Le trasformazioni del tessile abbigliamento: Quale spazio per il lavoro nella subfornitura? Le trasformazioni del tessile abbigliamento: Quale spazio per il lavoro nella subfornitura? Rapporto di ricerca Ires Emilia-Romagna a cura di Gianluca De Angelis Bologna, 19 giugno 2013 1 quale spazio

Dettagli

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 1 Regione Campania 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 Il saldo tra iscrizioni e cessazioni Il secondo trimestre del 2014 mostra un deciso rafforzamento numerico del sistema imprenditoriale

Dettagli

IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE OINT. Percorsi e servizi per nuove imprese innovative. www.trentinosviluppo.it

IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE OINT. Percorsi e servizi per nuove imprese innovative. www.trentinosviluppo.it IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE i OINT Percorsi e servizi per nuove imprese innovative www.trentinosviluppo.it IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE Trentino Sviluppo è l agenzia creata

Dettagli

FACTORY@EVERYWHERE REPORT N II

FACTORY@EVERYWHERE REPORT N II FACTORY@EVERYWHERE REPORT N II CASI STUDIO DI VECTOREALISM E THIN-GK LEZIONE DEL 29 NOVEMBRE GRUPPO ORBIT Gli interventi delle due giovani realtà imprenditoriali, Thin-gk e Vectorealism hanno offerto un

Dettagli

PARTE II: IMPRENDITORI ESTERNI. Cap. 8: GLI INCUBATORI D IMPRESA

PARTE II: IMPRENDITORI ESTERNI. Cap. 8: GLI INCUBATORI D IMPRESA PARTE II: IMPRENDITORI ESTERNI Cap. 8: GLI INCUBATORI D IMPRESA Introduzione «Imprenditori di imprenditori» Definizione incubatore Per INCUBATORE D IMPRESA si intende un istituzione che interagisce con

Dettagli

UNIVERSITA G. D ANNUNZIO - CHIETI E PESCARA & VIENNA UNIVERSITY OF ECONOMICS AND BUSINESS

UNIVERSITA G. D ANNUNZIO - CHIETI E PESCARA & VIENNA UNIVERSITY OF ECONOMICS AND BUSINESS UNIVERSITA G. D ANNUNZIO - CHIETI E PESCARA & VIENNA UNIVERSITY OF ECONOMICS AND BUSINESS Questionario sulle strategie aziendali per entrare nei Paesi dell Europa Centro-Orientale (CEO) L Università degli

Dettagli

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione Perché e come scegliere un master in Affari e Finanza, i master universitari

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere gli uomini e le donne poveri che vivono nelle aree rurali in condizione di raggiungere

Dettagli

L analisi per la sopravvivenza del sistema vitale

L analisi per la sopravvivenza del sistema vitale Lezione L analisi per la sopravvivenza del sistema vitale prof. ssa Clara Bassano Corso di Economia e Gestione delle Imprese A.A. 2006-2007 Le attività d impresa Il portafoglio prodotti è l insieme delle

Dettagli

dal Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria

dal Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Progetto Approvato dal Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Cassa dele Ammende Il marchio Sigillo E possibile accompagnare un Ministero ad abbandonare le logiche del

Dettagli

Competere nei mercati internazionali

Competere nei mercati internazionali Corso di Strategie d impresa A.A. 2009/2010 Prof. Tonino Pencarelli - Dott. Simone Splendiani Competere nei mercati internazionali A cura di: Martina Fiordigigli Silvia Gardini Cap. 7, Thompson A., Strickland

Dettagli

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti 1-1 Dipartimento di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti Modulo 1 Introduzione Hill, capitolo 1 molto integrato C.W.L. Hill, International

Dettagli

ECONOMIA DEI SISTEMI INDUSTRIALI

ECONOMIA DEI SISTEMI INDUSTRIALI ECONOMIA DEI SISTEMI INDUSTRIALI Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it 0776/2994353 XII LEZIONE 22/10/2012 Perche le imprese si diversificano? La diversificazione può avvenire a beneficio dei proprietari

Dettagli

Analisi di esperienze Open Source in ambito PA

Analisi di esperienze Open Source in ambito PA Analisi di esperienze Open Source in ambito PA Andrea Montemaggio Concreta-Mente a.montemaggio@gmail.com www.concreta-mente.it OSPA 2009 in sintesi Il concetto Open Source (Studies) nella Pubblica Amministrazione

Dettagli

Investimenti Diretti Esteri

Investimenti Diretti Esteri Investimenti Diretti Esteri Daniele Mantegazzi IRE, Università della Svizzera Italiana 14 novembre 2013 Daniele Mantegazzi Economia Internazionale 14 novembre 2013 1 / 24 Contenuti e struttura della lezione

Dettagli

LE STRATEGIE CORPORATE IN UN IMPRESA MULTIBUSINESS

LE STRATEGIE CORPORATE IN UN IMPRESA MULTIBUSINESS UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTÀ DI ECONOMIA Corso di Laurea Specialistica in Marketing e Comunicazione per le Aziende LE STRATEGIE CORPORATE IN UN IMPRESA MULTIBUSINESS G. Pellicelli

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

Innovazione tecnologica. Innovazione tecnologica. Incentivi ad innovare

Innovazione tecnologica. Innovazione tecnologica. Incentivi ad innovare Innovazione tecnologica efinizione Come si misura ati Innovazione:motore di crescita economica Cause: Incentivi di mercato (imprese) Politiche per l innovazione Innovazione tecnologica Innovazione nuova

Dettagli

Venture Capital: esperienze dal fronte

Venture Capital: esperienze dal fronte Venture Capital: esperienze dal fronte 3 6 0 CAPITAL PARTNERS Investing in Innovation, full scale Massimiliano D Amico, 360 Capital Partners Cos è il Venture Capital? Il Venture Capital é strutturato con

Dettagli

EDUCATION EXECUTIVE. Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale. Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE

EDUCATION EXECUTIVE. Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale. Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE EXECUTIVE EDUCATION Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE fondazione cuoa business school dal 1957 Il punto di riferimento qualificato

Dettagli

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini Vicenza, 5 marzo 2013 Relatore: FABIO VENTURI Consulente di direzione e formatore. Testimonianza:

Dettagli

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione - 26 maggio 2015 - Continua a crescere il numero di start-up innovative nel nostro Paese: a fine aprile avevano

Dettagli

Virgin: un impresa diversificata. Fonte: Grant (2005)

Virgin: un impresa diversificata. Fonte: Grant (2005) Virgin: un impresa diversificata Fonte: Grant (2005) 1 Le motivazioni alla base della diversificazione Mancanza di opportunità nel settore di origine Sfruttamento di attuali risorse e competenze eccellenti

Dettagli

La globalizzazione ci renderà tutti uguali?

La globalizzazione ci renderà tutti uguali? La globalizzazione ci renderà tutti uguali? Suzanne Berger insegna Scienze Politiche al MIT di Boston ed è l autrice di How We Compete. Questo libro riporta i risultati di un indagine condotta, con altri

Dettagli

Economia degli intermediari finanziari 2/ed Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1

Economia degli intermediari finanziari 2/ed Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1 Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1 Volendo rappresentare il settore dei servizi finanziari fate riferimento: a. ai tre tipi di intermediazione

Dettagli

I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane

I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane La presente pubblicazione si rivolge ai dirigenti del settore sanitario e ha come obiettivo

Dettagli

CAPITOLO IX L Ingresso sui mercati esteri e la produzione internazionale

CAPITOLO IX L Ingresso sui mercati esteri e la produzione internazionale CAPITOLO IX L Ingresso sui mercati esteri e la produzione internazionale Valutare le differenti forme di ingresso sui mercati esteri, individuando le diverse motivazioni dietro ciascuna di esse Capitolo

Dettagli

Diventa un professionista delle aste e del mercato extragiudiziario. Nuovi strumenti per un nuovo mercato

Diventa un professionista delle aste e del mercato extragiudiziario. Nuovi strumenti per un nuovo mercato Diventa un professionista delle aste e del mercato extragiudiziario Nuovi strumenti per un nuovo mercato Le aste immobiliari: un mercato in forte crescita Nonostante la crisi il crollo del mercato immobiliare

Dettagli

Economia dell'organizzazione

Economia dell'organizzazione Economia dell'organizzazione Capitolo 1 L'importanza dell'organizzazione Ennio Bilancini email: bilancini@unisi.it Sommario Esempi della rilevanza dell'organizzazione nei problemi economici Il grado di

Dettagli

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE Sintesi dei risultati della seconda edizione dell Osservatorio Realizzato da: In collaborazione con: RISKGOVERNANCE 1 INDICE DEI CONTENUTI Copyright

Dettagli

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o CAPITOLO 11 Innovazione e cambiamento Agenda Ruolo strategico del cambiamento Cambiamento efficace Cambiamento tecnologico Cambiamento di prodotti e servizi i Cambiamento strategico e strutturale Cambiamento

Dettagli

Intervento di Thomas Delare Ministro Consigliere per gli Affari Economici presso l Ambasciata degli Stati Uniti in Italia

Intervento di Thomas Delare Ministro Consigliere per gli Affari Economici presso l Ambasciata degli Stati Uniti in Italia R&S IN ITALIA: ESPERIENZE, PROBLEMATICHE, POLITICHE ROMA, 9 LUGLIO, 2009 ORE 15:00 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE, 1 PIANO, LATO PASTRENGO, SALA AZZURRA Intervento di Thomas Delare Ministro Consigliere

Dettagli

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Facoltà di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Modulo 15 La bilancia dei pagamenti e il mercato valutario Hill, cap. 10 (prima parte) La bilancia

Dettagli

La piccola e media impresa

La piccola e media impresa Lezione 11 La piccola e media impresa Censimento industriale 1991 In Italia piccola impresa (

Dettagli

Progetto di turnaround piccola-media impresa nel Nord est Raccontando degustando 2010

Progetto di turnaround piccola-media impresa nel Nord est Raccontando degustando 2010 Progetto di turnaround piccola-media impresa nel Nord est Raccontando degustando 2010 A partire da una serie di turnaround di successo realizzati in P.M.I. del Nord est si cercherà di delineare una metodologia

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

L attività brevettuale dei docenti universitari: L Italia in un confronto internazionale

L attività brevettuale dei docenti universitari: L Italia in un confronto internazionale L attività brevettuale dei docenti universitari: L Italia in un confronto internazionale Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università degli Studi di Urbino 1. Introduzione

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro.

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Henry Hansmann Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Prima di tutto è bene iniziare da una distinzione

Dettagli

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati Indagine su imprese e assicurazioni Report dei risultati ITA045 Maggio 2012 Management summary_1 BACKGROUND E OBIETTIVI Il Giornale delle Assicurazioni, in occasione del convegno Assicurazioni e Sistema

Dettagli