1 LE POLITICHE PER L INNOVAZIONE: UN ANALISI COMPARATA DEL FENOMENO DELLE START-UP 1. POLITICHE PER L INNOVAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "www.polics.it 1 LE POLITICHE PER L INNOVAZIONE: UN ANALISI COMPARATA DEL FENOMENO DELLE START-UP 1. POLITICHE PER L INNOVAZIONE"

Transcript

1

2 LE POLITICHE PER L INNOVAZIONE: UN ANALISI COMPARATA DEL FENOMENO DELLE START-UP 1. POLITICHE PER L INNOVAZIONE La globalizzazione, che negli ultimi decenni ha esteso la competizione a livello internazionale creando un unico grande mercato, ha dato impulso ad un processo di modernizzazione e di innovazione da parte dei vecchi Paesi industrializzati e delle nuove nazioni emergenti. Le realtà che da tempo mostrano i maggiori tassi di innovazione e sviluppo sono quelle in cui la burocrazia e l apparato politico sono attenti a non gravare eccessivamente sulle imprese attraverso due distinte modalità d azione: per quanto riguarda le aziende già esistenti, ricorrendo all incentivazione degli investimenti in R&S, ad esempio consentendone la detrazione dall imponibile di imposta di una percentuale dei costi; per incentivare le imprese di nuova costituzione, invece, le soluzioni adottate spaziano dal finanziamento pubblico alle start-up a politiche giuslavoriste agevolate, da programmi territoriali ad agevolazioni fiscali, fino ad arrivare alla progettazione e creazione di incubatori in cui le imprese giovani possano trovare una realtà favorevole alla nascita e allo sviluppo, idonea a supportarle fino allo stato di piena autonomia (cfr. Appendice 1). A fianco al lavoro svolto dalla pubblica amministrazione, è essenziale alla nascita e al successo di nuove start-up l intervento da parte di capitale privato, tipicamente nella figura del venture capitalist, ovvero un soggetto o una società che dispone di grandi capitali e decide di investirli in iniziative imprenditoriali potenzialmente innovative e con elevate revenues prospettiche. Questa prima fase in media ha una durata di circa 3-5 anni, al termine dei quali il finanziatore rileva la start-up per la quota, di norma maggioritaria, come remunerazione del rischio sopportato nell investimento iniziale. L acquisizione della partecipazione avviene solo nel caso in cui l impresa appena avviata sopravviva all ingresso nel mercato. 2. INCENTIVI ALL INNOVAZIONE NEI PRINCIPALI STATI 2.1 USA Gli Stati Uniti sono uno dei Paesi che ha improntato maggiormente la propria competitività e la propria crescita su investimenti in R&S, creando così nuove opportunità lavorative grazie anche alla nascita di start-up, di cui la Silicon Valley è il centro nevralgico. Nel 1982 ha inizio il principale programma governativo (SBIR, Small Business Innovation Research) attivato dall organismo che da sempre è di supporto alle imprese nascenti, noto come SBA (Small Business Administration). I 27 miliardi di dollari finora erogati dall ente federale testimoniano l importanza che il governo americano attribuisce alla ricerca e all innovazione come propulsori dello sviluppo del Paese. Lo SBIR è un programma organizzato sotto forma di concorso a premi, che vengono elargiti alle start-up ritenute più meritevoli sulla base di criteri - quali tecnologia innovativa e potere commerciale - per supportare le fasi di avvio e successivo sviluppo. Un ulteriore iniziativa di sostegno attuata dallo SBA è il programma di assistenza finanziaria denominato SBIC. Le SBICs sono società private che rispettano le regole dettate dall ente governativo e la loro mission è quella di finanziare gli investimenti di ricerca e sviluppo (R&S) delle piccole imprese, con fondi che sono in parte privati e in parte sovvenzionati dallo Stato. Ultima iniziativa attuata dal governo statunitense in ordine temporale è quella del progetto Start-up America, che prevede lo stanziamento di 2 miliardi di dollari per finanziare promettenti idee imprenditoriali. Per quanto riguarda il regime di tassazione, gli Stati Uniti non prevedono trattamenti 1

3 privilegiati per il venture capitalism, in quanto la normativa fiscale del Paese è già competitiva a livello di singolo Stato Federale. 2.2 Germania La Germania è una delle nazioni europee più inclini ad accettare i capitali di investitori stranieri destinati alla creazione di start-up e agevola questo processo grazie alle numerose varianti di forme societarie alle quali è possibile ricorrere per dare inizio al proprio business. L innovativa forma societaria resa disponibile dal parlamento tedesco nel 2008, denominata Mini-GmbH, è quella di maggior successo tra gli startuppers, in quanto permette di avviare un attività senza disporre del capitale di rischio iniziale: è possibile avviare una società di capitali con un solo euro investito, usufruendo di facilitazioni burocratiche, legislative e finanziarie. La tassazione tedesca, nonostante non preveda provvedimenti specifici per le start-up, è una delle più favorevoli d Europa, con un aliquota impositiva media inferiore al 30%. Specificatamente a favore delle giovani imprese sono interventi come: l Exist Business Start-up Grant, di supporto alla preparazione di progetti innovativi con l intervento di università e istituti di ricerca; l Erp Start-up Fund, con cui il Ministero dell Economia tedesca partecipa per un massimo del 50% dell investimento in aziende innovative nate da non più di 10 anni; per ultima Bioregio Initiative, nata per migliorare l uso di biotecnologie e la ricerca in questo ambito con l assegnazione di fondi a livello regionale. 2.3 Israele Le basi per il processo innovativo israeliano vengono poste nel 1968 con la creazione di dipartimenti denominati Offices of the Chief Scientist (OCS) nei principali ministeri, per stimolare investimenti in R&S nei rispettivi ambiti di competenza. L OCS che maggiormente ha favorito lo sviluppo industriale del Paese è stato quello del Ministero dell Industria, affiancato nel corso degli anni 80 da investimenti di multinazionali straniere. Negli stessi anni un primo programma governativo ha portato venture capital stranieri ad investire in Israele, favorendo la creazione di compagnie di finanziatori totalmente autoctone. Oggi, infatti, Israele dispone di 70 fondi di venture capital attivi, 4000 start-up ed è il Paese con la più alta densità di nuove imprese e con la più alta percentuale di PIL investito in R&S: fattori che la rendono una delle più grandi potenze hi-tech a livello mondiale. L OCS del Ministero dell Industria ha da sempre incentivato gli investitori in imprese hi-tech con finanziamenti di 300 milioni di dollari l anno, che sono serviti e serviranno a finanziare fino al 50% dei progetti ritenuti validi (Law for the Encouragement of Industrial Research and Development). Altri incentivi sono: la riduzione delle aliquote fiscali e la creazione dei Binational founds, che consentono di sviluppare progetti con partnership straniere. Nel 1991 è stato lanciato il Technological Incubator Program, per incentivare il lancio di start-up supportate da incubatori e per lo stesso motivo, nel 1993, è stato creato il programma di co-investimento pubblico Yozma, che ha portato investimenti nel settore hi-tech e delle comunicazioni. 2.4 Corea del Sud Il processo di sviluppo e innovazione sud-coreano è iniziato nel 1972 con la Legge per la promozione dello sviluppo tecnologico, tuttavia il governo ha iniziato ad assumere una posizione attiva in questo campo solo negli anni 80 e fino agli anni 90 la gran parte della tecnologia è stata importata dagli Stati Uniti. È in quello stesso periodo che inizia a formarsi il know-how autoctono alla base dello sviluppo tecnologico degli anni successivi. Nel 1999 viene varato un programma a lungo termine detto Vision 2025, con l intento di portare il Paese ad essere - entro il un leader nel settore delle biotecnologie e dell hi-tech 2

4 grazie ad un maggior sfruttamento dei risultati ottenuti dal Governo nell ambito di R&S in un primo momento e, successivamente, attraverso una traslazione dei risultati acquisiti al settore privato come perno dell innovazione. Vi sono una serie di provvedimenti governativi precedenti e posteriori a Vision I precedenti sono: nel 1972 la Technology Promotion Law (incentivi finanziari e fiscali per le imprese che si impegnano in R&S); nel 1989 la Promotion of Basic Science Research Law (supporto economico a istituti e università per R&S); nel 1998 la Dual Use Technology Programme Facilitation (utilizzo dei risultati R&S militari per scopi civili ed economici). Il provvedimento successivo a Vision 2025 è la Science and Technology Frame Work Law del 2001 per promuovere scienza e tecnologia a livello nazionale. Il programma sud-coreano a lungo termine è molto ambizioso, tuttavia presenta il grande difetto di aver incentivato principalmente la creazione di colossi nazionali senza una politica espressamente diretta alle start-up. 2.5 Cina La Cina ha iniziato il suo processo di modernizzazione tecnologica grazie ad una serie di riforme emanate a partire dal 1978, volte a favorire maggior libertà di iniziativa economica. La grande rapidità con cui il Paese ha raggiunto le potenze occidentali è dovuta in parte all importazione di tecnologie e innovazioni (sulla falsa riga di quanto fatto negli stessi anni dalla Corea del Sud) e in parte alla capacità emulativa degli imprenditori. Nel 1983 la Cina si è aperta a investitori stranieri con la creazione delle prime tre Special Economics Zones, ossia aree particolarmente vicine a poli commerciali. Negli anni seguenti sono stati emanati provvedimenti nella stessa direzione, in particolare per dare sostegno agli istituti di ricerca. Nel 1988 con il Programma Torch è stata avviata la trasformazione tecnologica cinese: il programma prevede finanziamenti per la realizzazione di innovazioni attuate ma non ancora commerciate, consulenza per gli imprenditori, aiuto nel reparto marketing e distribuzione e, infine, realizzazione di incubatori di impresa. Questi ultimi hanno l obiettivo di creare un ambiente innovativo per investitori e businessmen locali in ambiti e settori dominati da stranieri. Tutto ciò ha concorso al boom tecnologico cinese, non ancora alla pari, però, con i giganti occidentali. 2.6 Francia Dal 2008 una serie di riforme stanno facilitando la nascita di nuove start-up (JEI). La varietà di forme societarie possibili rende agevole la costituzione di un impresa in base alle esigenze del singolo investitore che, comunque, gode di incentivi fiscali sotto forma di credito d imposta per un massimo del 30% sugli investimenti annuali in R&S. Le tre principali tipologie di società francesi sono la SARL (Società a Responsabilità Limitata), la SAS (Società per Azioni Semplice) e la SA (Società Anonima). Tra queste la SAS è la più rilevante per gli startuppers, in quanto viene eliminato il capitale sociale minimo presente nella SARL e inoltre gode di benefici quali l esenzione di imposta sugli immobili e sulle spese di R&S che costituiscono almeno il 15% dei costi per un periodo di 5 anni. Oltre agli sgravi fiscali il governo francese tramite la OSEO, una holding da questo creata, concede finanziamenti, sovvenzioni, prestiti a interesse zero per spingere alla realizzazione di progetti rischiosi e innovativi anche per i poli di competitività francese (aree specializzate che incorporano imprese, laboratori e istituti di ricerca). 2.7 Cile Come si è verificato per la maggior parte dei Paesi orientali, ad esempio Corea del Sud e Cina, il Cile ha aperto le sue frontiere a investimenti esteri sul territorio nazionale e al commercio 3

5 internazionale. Per stimolare l innovazione, come in tutti gli Stati ad essa favorevoli, nel Paese vi è la possibilità per i nuovi imprenditori di costituire la propria start-up sfruttando diversi tipi di forme societarie che, come incentivo, non richiedono capitale sociale minimo e prevedono basse spese di costituzione (1000 dollari), quali: Sociedad Anonima (SA), Sociedad por Acciones (SPA) e Sociedad de Responsabilidad Limitada (SRL). Inoltre il governo cileno ha disposto incentivi fiscali per le nuove imprese, riguardanti l area di R&S, con detrazioni fino a un massimo del 35% degli investimenti (Research and Development Investment Tax Incentive). Nel 2010 viene lanciato un programma pilota, divenuto dal 2011 un programma ufficiale, che prende il nome di Start-up Chile : strumento utilizzato dal Paese per diventare l hub sudamericano per le start-up, attraendo investitori anche da altre nazioni. Tabella 1: dati Start-up Chile Descrizione MARZO 2013 Richiedenti Paesi richiedenti 72 Progetti 584 Imprenditori 1037 Paesi selezionati 51 ATTIVITA TOTALI Meets-up 533 Workshop e conferenze Attività nelle regioni 425 PARTECIPANTI TOTALI Ore di mentoring POLITICHE PER L INNOVAZIONE IN ITALIA 3.1 Quadro generale L Italia, nell ultimo decennio, si è trovata in una situazione di svantaggio competitivo rispetto ai suoi competitors internazionali: tutto ciò è testimoniato da gap consistenti nei tassi di crescita del PIL pro capite. Le cause sono riconducibili a uno dei più bassi valori percentuali di investimenti in R&S rispetto al PIL (2,8%), fattore che ha minato la crescita di produttività di lavoro e capitale umano. 4

6 Grafico 1: Spesa in R&S % sul PIL dal 1980 al 2010 (in % sul PIL) 5,5 5 4,5 4 3,5 3 2,5 2 1,5 1 0, Israele Corea del Sud USA Germania Francia Italia Cile Fonte: dati OECD Note: i dati fanno riferimento alla GERD, la spesa generale in R&S risultante da investimenti sia pubblici che privati. Il trend negativo rispetto ai concorrenti si riscontra anche nel numero dei brevetti registrati anno dopo anno e nella spesa nel settore della R&S scientifico. Tuttavia il nostro Paese continua a spiccare a livello internazionale per gli eccellenti risultati nell ambito della ricerca scientifica e per i risultati ottenuti dagli accademici italiani a livello di pubblicazioni, che compaiono sempre tra le più citate nelle riviste di settore, evidenziando in tal modo come l Italia sia incapace di valorizzare l enorme capitale umano di cui dispone. Grafico 2: indicatori dei risultati della ricerca scientifica in Italia nel 2009 Italia EU USA 15,3 12,1 11,6 6,9 8,2 1,8 2,11 4 4,32 Ricercatori su 1000 occupati Pubblicazioni scientifiche internazionali tra il 10% più citato in % sul totale delle pubblicazioni scientifiche Brevetti applicativi (PCT) per miliardi di PIL Fonte: dati DG Research e OECD 5

7 Burocrazia lenta e inefficiente e giurisprudenza macchinosa rendono molto rischiosa la spinta innovativa costituita dal brevetto delle nuove idee imprenditoriali, disincentivandone così la registrazione; a ciò, nella realtà italiana, si aggiunge la difficoltà riscontrata dalle piccole e medie imprese, che ne costituiscono la forza trainante, di reperire ingenti capitali nonché know-how strategico per superare le barriere d innovazione. Per quanto attiene al problema della difficoltà di brevetto, passi in avanti si stanno compiendo grazie all adesione dell Italia alla Corte Europea dei Brevetti; in merito alla lentezza dell apparato burocratico-giurisprudenziale si sta operando nella direzione che comporterebbe politiche di abbassamento dei costi di gestione e deroghe a normativa fiscale e giuslavorista per nuove imprese dotate di grande potenziale innovativo, in particolare se provenienti da realtà universitarie o di ricerca. 3.2 Le nuove politiche per l innovazione in Italia L Italia ha risposto alla crisi economica che sta caratterizzando il mercato mondiale già da diversi anni tramite il Decreto Legge denominato Crescita 2.0, che ha assunto piena operatività il 20 Ottobre 2012: si tratta di uno strumento studiato con lo scopo di stimolare l economia attraverso agevolazioni per le nuove imprese. La start-up, per essere considerata tale, deve sottostare a diversi requisiti: essere stata avviata da non più di 2 anni, con grandi spese in R&S, con personale composto da dottorandi di ricerca e persone altamente qualificate, con sede legale in Italia, con produzione annua non superiore ai 5 milioni di euro, senza distribuzione di utili e non nata da operazioni di M&A di altre società. Il programma prevede, oltre alla definizione degli incubatori di start-up, stanziamenti per 110 milioni di euro annui e agevolazioni dal punto di vista normativo, giuslavorista e fiscale tese a semplificare nascita e governance delle nuove realtà imprenditoriali, permettendo, ad esempio, di estendere oltre i 12 mesi il periodo di rinvio a nuovo delle perdite. Altri benefici di cui godranno i giovani imprenditori potranno essere la riduzione delle spese di avvio dell impresa (esonero dai diritti di bollo e segreteria per l iscrizione al registro delle imprese), possibilità di detrazioni e deduzioni dall imponibile - per persone fisiche e giuridiche - di parte degli investimenti di sviluppo nonché utilizzo di contratti atipici per garantire maggiore flessibilità nei rapporti di lavoro (possibilità di assunzione a tempo variabile tra i 6 e i 36 mesi rinnovabili fino ai 48, al termine dei quali il contratto dovrà essere tramutato in uno a tempo indeterminato). 3.3 Confronto internazionale Il nostro Paese, tramite il Decreto Crescita 2.0, ha iniziato a intraprendere un percorso importante per lo sviluppo sulla falsariga degli altri Paesi industrializzati, anche se è ancora lontana da questi e non riesce a sfruttare appieno il grande potenziale di capitale umano presente sul territorio nazionale. Il fattore positivo che accomuna la manovra italiana alle spinte innovative dei suoi concorrenti internazionali è la vasta gamma di forme societarie messe a disposizione degli imprenditori e in particolar modo degli startuppers (fondamentale il capitale minimo ridotto a 1 euro per la nuova SsRL); rimane, però, lontano dagli standard esteri il nostro regime di tassazione fortemente gravoso per le imprese, a differenza di casi come la Germania, con aliquote medie relativamente basse, o la Francia, che adotta misure fiscali ad hoc per spronare l investimento in start-up. Ulteriore discrepanza negativa per l Italia è rappresentata dall assenza di iniziative economiche territoriali. 6

8 Tabella 2: misure per le start-up innovative \ Finanziamenti pubblici per le Imprese Cofinanziamenti in R&S Agevolazioni fiscali Deroghe legislazione societaria Deroghe legislazione giuslavorativa Programmi territoriali Cile Cina Corea del sud Francia - - Germania - Israele Italia USA - La situazione è ben inquadrata da queste ulteriori informazioni: l Italia è il Paese con la più bassa percentuale di imprese innovative di successo (0,17% della capitalizzazione complessiva delle top 150 imprese dei Paesi analizzati) e anche il loro fatturato rispecchia questo trend (0,20% della top 150). 7

9 Appendice 1 - Incubatore di start-up: nascita e funzionamento Il concetto di incubatore nasce nel 1959 negli USA grazie all iniziativa di Joseph Mancuso, che aprì il Batavia Industrial Center a New York. Tale fenomeno si è poi espanso a macchia d olio nel resto degli States, raggiungendo successivamente il vecchio continente negli anni 80. Oggi la NBIA (US National Business Incubation Association) stima che ci siano più di 5000 business incubator a livello globale, che riescono a trovare un ambiente recettivo anche nei Paesi di più recente sviluppo industriale. Usando la definizione dell autorevole NBIA l incubatore è un processo dinamico di sviluppo di impresa. Gli incubatori alimentano le imprese aiutandole a sopravvivere e crescere nella fase in cui sono maggiormente vulnerabili, quella di start-up. Gli incubatori forniscono assistenza manageriale, accesso a finanziamenti, consentono l esposizione ad attività imprenditoriali critiche e l utilizzo di servizi di supporto tecnico. CARATTERISTICHE: Le principali peculiarità degli incubatori sono: la prassi di riunire le start-up incubate nello stesso immobile i cui locali sono concessi in affitto; la fornitura di materiali, macchinari e servizi in condivisione tra le aziende incluse nel progetto per ridurne le spese; la formazione dei nuovi imprenditori attraverso attività di training imprenditoriale; l intermediazione con l ambiente esterno per aiutare le giovani realtà nell accesso a tecnologie, capitale umano e finanziario. SCOPO: Gli incubatori si prefiggono di costituire imprese di successo, in grado di lasciare il progetto in condizioni di autonomia e solidità finanziaria e che possano essere d aiuto all economia locale grazie alle tecnologie e ai servizi sviluppati. TIPOLOGIE: Vi sono tre principali tipologie di incubatori: incubatori in calce e mattoni, incubatori virtuali, hub. I primi si basano principalmente sulla fruizione dell immobile e dei servizi di base per le start-up; i secondi si avvalgono di internet per la fornitura di un vasto pacchetto di servizi e per l intermediazione con il mondo esterno; gli ultimi, i più importanti e completi, sono caratterizzati da un ufficio centrale e varie divisioni specializzate in diverse materie. Il processo di incubazione si articola in tre principali fasi. Nella prima, detta pre-incubazione, l imprenditore viene coadiuvato nello sviluppo della sua business idea e nella preparazione del business plan in modo da incrementare per la start-up le possibilità di creare valore. Di norma gli incubatori affiancati da Istituti Universitari rientrano in questa categoria. Il secondo passo è quello della vera e propria incubazione in cui all imprenditore viene fornito tutto il supporto di cui necessita fino al raggiungimento della piena autonomia; questa fase dura di norma dai tre ai cinque anni. L ultimo step, che conclude il processo di incubazione, è denominato post-incubazione (o accelerazione d impresa) nel quale l azienda, ormai avviata, viene aiutata ad ottimizzare e perfezionare i processi produttivi e ad ottenere una dimensione maggiore, puntando all internazionalizzazione. 8

10 Appendice 2 - Start-up America: peculiarità, partnership e obiettivi Nel 2011 la Casa Bianca ha lanciato un iniziativa in collaborazione con il settore privato finalizzata a stimolare la nascita di start-up innovative e progetti nell area R&S nell ambito di energia rinnovabile e innovazione tecnologica, con il principale obiettivo di riaccendere il motore dell economia americana. Tutto ciò avverrà con finanziamenti di ammontare pari a 2 miliardi di dollari spalmati in cinque anni, divisi equamente tra aziende situate in aree geografiche economicamente arretrate e altre con difficoltà ad ottenere finanziamenti in maniera autonoma. L iniziativa sarà attuata in collaborazione con Steve Case, cofondatore di AOL, e Carl Schramm, e riceverà sovvenzionamenti da associazioni private quali Ewing Marion Kauffman Foundation (di cui Carl Schramm è CEO) e Case Foundation. Altri colossi privati del settore hi-tech affiancheranno il progetto Start-up America con iniziative proprie. Figurano come principali aziende coinvolte: Intel con 200 milioni di dollari stanziati, IBM con 150 e HP con 4 milioni. Anche aziende di altri settori collaboreranno al progetto con iniziative atte alla preparazione e formazione di nuovi entrepeneurs (Facebook, Blackstone Charitable Foundation, NFTE e Pearson Foundation in collaborazione con quest ultima). Start-up America inoltre, per promuovere l attività imprenditoriale del settore, ha introdotto l abolizione della tassazione del capital gain relativo alla dismissione degli investimenti chiave delle piccole medie imprese oltre a velocizzare la concessione di brevetti alle nuove società. Gli obiettivi che il progetto si prefigge sono riassumibili in tre principali punti: 1) Accelerazione e dimensione: emulare e favorire il proliferare di comunità di imprese basate sul modello degli incubatori/acceleratori e favorire la creazione di partnership con grandi compagnie per soddisfare meglio le esigenze del sistema-clienti e quello fornitori. 2) Educazione: individuare le risorse necessarie per l educazione e la formazione di nuovi imprenditori. 3) Commercializzazione: aiutare le aziende a stabilire connessioni più solide con il mercato e con il mondo della ricerca universitaria. 9

11 Appendice 3 Start-up Chile: obiettivi e funzionamento Il governo di Santiago si è posto l ambizioso obiettivo, attraverso Start-up Chile, di dare lustro a idee innovative e con prospettive di crescita, creando una culla per la giovane imprenditoria nel Paese. Lo sforzo profuso dalle istituzioni nazionali a favore dell iniziativa è testimoniato dai 40 milioni di dollari (22 miliardi di pesos) stanziati con l obiettivo di arrivare a lanciare 1000 giovani imprese entro il 2014 (a partire dal 2011). Il progetto è stato avviato sulla base dei buoni risultati ottenuti dal programma pilota del 2010, che ha richiamato in Cile 22 start-up provenienti da 14 Paesi diversi. Il budget totale viene ridistribuito alle migliori idee di business selezionate di anno in anno tramite bandi di gara, concedendo ad ognuna dollari a fondo perduto senza vincolo di spesa per sviluppare l idea di business. In base a questi numeri saranno, in media, 250 le idee finanziate ogni anno. Inoltre questi imprenditori emergenti hanno l opportunità di sviluppare i loro progetti grazie all ottenimento di un visto temporaneo di 6 mesi e alla possibilità di godere di un vasto network reso disponibile dal programma per condividere idee, progetti, know-how e per coinvolgere studenti e imprenditori locali. L unico vincolo di questa straordinaria opportunità è costituito dall obbligo di rimanere sul territorio cileno per i primi 6 mesi di vita dell attività, partecipando a eventi, conferenze e seminari organizzati in modo da condividere le esperienze lavorative accumulate. Il Ministero dell Economia cileno, per dirigere e coordinare i bandi di selezione, ha istituito un nuovo dipartimento chiamato InnovaChile, coadiuvato da rappresentanti governativi riuniti in un ente denominato CORFO (Corporation de Fomento de la Produccion), a sua volta affiancato da esperti della Silicon Valley. Ulteriori collaborazioni provengono da alcune delle più prestigiose università al mondo (Harvard, MIT, Warton, LSE e Stanford). 10

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 07.04.1998 COM (98) 222 PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO I. LO SPIRITO IMPRENDITORIALE:

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS

LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS Milano, 29 gennaio 2014 LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS Carissimi Azionisti e Partner, Il 2013 per noi è stato un anno entusiasmante. Abbiamo completato con successo il nostro progetto

Dettagli

Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI

Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI Introduzione L imposta sul reddito delle persone fisiche Residenza Fiscale Aliquote 2004 L imposta sul reddito delle persone giuridiche (corporate tax) Aliquote 2004

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Prof.ssa Claudia M. Golinelli Relazioni tra proprietà, gestione

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

La start-up innovativa

La start-up innovativa La start-up innovativa Guida sintetica per utenti esperti sugli adempimenti societari Per maggiori informazioni: http://startup.registroimprese.it Adempimenti amministrativi ed informazioni sulle nuove

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione XXI Registro delle Imprese Roma, 29 agosto 2014, prot.

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita?

Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita? Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita? Mauro Caselli 1 Paolo Falco 2 1 School of Economics Australian School of Business The University of New South Wales m.caselli@unsw.edu.au

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

Diversificato, profittevole, senza rischi. Diamond investment asset.

Diversificato, profittevole, senza rischi. Diamond investment asset. Diversificato, profittevole, senza rischi. Diamond investment asset. Indice Chi Siamo Azienda Conte Diamonds 2 Investire in Diamanti 3 Vantaggi dell investimento in Diamanti 5 Il Diamante. Un investimento

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Ordinanza del DFI concernente il Premio del cinema svizzero

Ordinanza del DFI concernente il Premio del cinema svizzero Ordinanza del DFI concernente il Premio del cinema svizzero 443.116 del 30 settembre 2004 (Stato 1 ottobre 2014) Il Dipartimento federale dell interno (DFI), visti gli articoli 8 e 26 capoverso 2 della

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 Pag. 33 (diffusione:581000) La proprietà intellettuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9

Indice. BEST in Europa 3. BEST Rome Tor Vergata 4. ibec 7. Le Giornate 8. Contatti 9 Indice BEST in Europa 3 BEST Rome Tor Vergata 4 ibec 7 Le Giornate 8 Contatti 9 Chi Siamo BEST è un network studentesco europeo senza fini di lucro, di stampo volontario ed apolitico. Gli obiettivi dell

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Un economia sana e con buone prospettive di crescita deve saper cogliere i frutti del progresso tecnico, che solo adeguati investimenti in ricerca

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO La finanziarizzazione dell economia Di Osvaldo Lamperti Per valutare meglio l attuale fase di crisi del capitalismo globalizzato è necessario fare alcune considerazioni sui

Dettagli