Out of The Loop in Silicon Valley

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Out of The Loop in Silicon Valley"

Transcript

1 Supplemento al numero odierno de la Repubblica Sped. abb. postale art. 1 legge 46/04 del 27/02/2004 Roma MONDAY, APRIL 26, 2010 Copyright 2010 The New York Times Out of The Loop in Silicon Valley THE NEW YORK TIMES By CLAIRE CAIN MILLER SAN FRANCISCO CANDACE FLEMING S RÉSUMÉ lists a double major in industrial engineering and English from Stanford, an M.B.A. from Harvard, a management position at Hewlett-Packard and experience as president of a small software company. But when she was raising money for Crimson Hexagon, a start-up company she co-founded in 2007, she recalls one venture capitalist telling her that it didn t matter that she didn t have business cards, because all they would say was Mom. Another potential backer invited her for a weekend yachting excursion by showing her a picture of himself on the boat without clothes. When a third financier discovered that her husband was also a biking enthusiast, she says, he spent more time asking if riding affected her husband s reproductive capabilities than he did focusing on her business plan. Ultimately, none of the 30 venture firms she pitched financed her company. She finally raised $1.8 million in March 2008 from angel investors including Golden Seeds, a fund that emphasizes investing in start-ups led by women. JIM WILSON/THE NEW YORK TIMES Poornima Vijayashanker, with employees of her start-up company, has had to navigate obstacles that many entrepreneurial women face. I didn t know things like this still happened, says Ms. Fleming, 37. But I know that, especially in risky times like the last couple years, some investors kind of retreat to investing via a template. A company owned by a woman, she adds, is just not the standard template. Though many people say that outright sexism is rare in the technology world these days, the barriers that Ms. Fleming encountered aren t unusual. Tech communities in Silicon Valley and in other hubs like New York, Austin, Texas, and Boston, where Ms. Fleming lives pride themselves on operating as raw meritocracies ready to embrace anyone with a good idea, regardless of education, age or station in life. For women, though, that narrative often unfolds differently. Women own 40 percent of the private businesses in the United States, according to the Center for Women s Business Research. But they create only 8 percent of the venture-backed tech start-ups, according to Astia, a nonprofit group that advises female entrepreneurs. That disparity reaches beyond entrepreneurs. Women account for just 6 per- Con tin ued on Page IV WORLD TRENDS Killings force Mexicans across the border. III V VIII Microloan profits Chronicling the attract big banks. world s chronicler. MONEY & BUSINESS ARTS & STYLES INTELLIGENCE: An ill wind from Iceland, Page II. The conservative Tea Party movement in the United States, marked by anger at what its members perceive as the Obama government s intrusion LENS into their private lives, is not the only rising political phenomenon of In Britain, there is Cleggmania. After Nick Clegg s strong performance in a televised debate on April 15 with the Conservative David Cameron and Labour s Gordon Brown, Robert Mackey wrote on The Times s Lede blog, there is a real possibility that the electorate might just abandon the two For comments, write to major parties for Mr. Clegg s Liberal Democrats in the May 6 election for prime minister. Labour and Conservative supporters first said Mr. Clegg s performance was irrelevant, since his chances of winning were slim. By April 19, though, one poll put his approval rating at 72 percent, more than 50 percentage points ahead of his nearest rival; another showed his party picking up 10 points; and a third suggested that the electorate was now split roughly in three. We are in uncharted territory, John Curtice, a professor of politics at Strathclyde University in Glasgow, told the International Herald Tribune. We have never had this kind of Uncharted Democracy polling during an election campaign. There has never been this kind of surge to the Liberal Democrats. Iraq, a nation with no history of democratic institutions, is also headed for uncharted territory. A hand recount of 2.5 million Baghdad ballots from the March 7 election was ordered on April 19. The results showed the largely secular party of former Prime Minister Ayad Allawi winning 91 seats in Parliament, compared with 89 for the current prime minister, Nuri Kamal al-maliki. Mr. Allawi, a Shiite who won a majority of Sunni votes, has warned that violence could erupt if his victory is nullified. A winning candidate in his alliance, Haidar al-mullah, told The Times that if the results were changed, the country would find itself in a legitimate crisis. Perhaps Mr. Maliki needs to take some lessons in electoral politics from Egypt, where President Hosni Mubarak has ruled for 30 years and routinely captures close to 90 percent of the votes. But even Mr. Mubarak, who has not announced whether he will run for a sixth term as president in 2011, is facing a challenge, The Times reported. A group of academics and young activists have asked Mohamed El- Baradei, the former international nuclear nonproliferation enforcer and Nobel Peace Prize laureate, to make a run for president. But the Egyptian Constitution prevents him or anyone else who is not a member of any party to run as an independent candidate. And in preparation for parliamentary elections in May, the Egyptian police arrested about 300 members of the government s only viable political threat, the Muslim Brotherhood, in March. The Brotherhood is officially outlawed but has always been tolerated; the arrests show the government s determination to limit a strong political opposition, human rights groups and analysts told The Times. The current regime has been in power for 30 years, rigging elections and doing what it wants to do without regard for any pressures or what anyone has to say, Salama Ahmed Salama, who is in charge of the editorial board of an independent newspaper, Shorouk, said. I am not at all optimistic. TOM BRADY

2 II MONDAY, APRIL 26, 2010 OPINION & COMMENTARY Beijing s Currency Is a Global Problem We think President Obama made the right decision for now not to pick too public of a fight with China over its currency manipulation. The administration postponed a report to Congress due in mid-april on Chinese monetary policy. After Mr. Obama met with President Hu Jintao of China in Washington on April 12, the White House made a low-key statement that Mr. Obama had pressed Mr. Hu on the need to move toward a more market-oriented exchange rate and emphasized China s pledge of cooperation on sanctions for Iran. Beijing s aggressive undervaluation of the renminbi is a serious problem for the global economy. The best hope for persuading China to change its ways is with sustained pressure from many countries. It will certainly make it harder for Beijing to hide behind claims of sovereignty and accusations of big power bullying. That means that Mr. Obama will have to work hard to rally others to jointly press the issue. The best forum is coming in June when the leaders of the world s biggest economies gather at the Group of 20 meeting in Toronto. They need to use that occasion to tell China, in no uncertain terms, that it cannot keep building up its own economy by undercutting the rest of the world s exports. They need to leave no doubt in Beijing s mind, that its global standing will suffer if it does not listen. Few countries have benefited as much as China from the open trading system. Under sufficient pressure from its trading partners, Beijing would be likely to relent. It s still not clear how hard they will have to push. At the White House meeting, Mr. Hu reportedly told Mr. Obama that China planned to move away from its fixed currency peg to the dollar. He didn t say when. And according to remarks released by the Foreign Ministry, he EDITORIALS OF THE TIMES also stated that the objective of changing China s currency strategy won t be advanced by any foreign pressure. This is a global problem. The renminbi s fixed and artificially cheap exchange rate is undercutting exporters throughout the developing world. It also is seriously complicating economic policy-making among China s neighbors. So long as the Chinese currency remains so cheap, they cannot afford to combat burgeoning inflation by allowing their own currencies to rise because it could further undercut their exports. China would also benefit from shifting from exports to internal consumption as a source for growth. It would improve the living standards of its citizens. It would ease the job of its central bank in trying to keep inflation at bay. And it would establish China as a more responsible player on the global economic stage. The Chinese bureaucracy is clearly split. Central bank officials have been arguing for some time that a stronger currency would help them combat rising inflation. The Commerce Ministry is adamantly opposed. Ministry officials focused on the fact that China recorded its first monthly trade deficit in six years in March a one-time blip because of fast imports of raw materials for China s export industry to argue that their cheap currency is not the cause of global trade and financial imbalances. It is. China should not be allowed to forget it. Barring a change of exchange rate policy, China s trade surpluses are going to bloat again in the months to come. This is not a problem just between the United States and China. It is a problem between China and most of the world. The challenge for President Obama now is to get the rest of the world s leaders to deliver that message as clearly and urgently as they can. NEW YORK I received a note from a friend in England: The strangest weekend. Cloudless blue skies, no vapour trails, no noise of airplanes. I drove back past one of those illuminated signs. It read, Heathrow Airport Closed. Yes, we were living a moment of volcanic strangeness. The unpronounceable volcano, Eyjafjallajokull, did pronounced damage, marooning millions, costing billions. Ashed out was the phrase doing the rounds in New York to describe those caught by its cloud. That English silence, so striking, is not a bad metaphor for the six million or more lives abruptly stilled, the contracts put on hold, the goods stuck. An eruption caused a suspension. From Ethiopia, where I had one friend who was trying to get to Europe, to Frankfurt, where another was forced to spend several nights, lives were stuck in limbo. I know cots in airport-hostels are nobody s idea of fun. But respites stimulate. There must be a novel call it The Volcano Parenthesis to be written about the romances, the epiphanies, the discoveries that are the work of Iceland s Eyjafjallajokull (don t forget that the two double l s are pronounced t ). I know it was a disaster. There were fewer ripe avocados in London. Last time I was in Brussels I heard that the delectable little gray shrimp used to stuff tomatoes are air-freighted down to Morocco to be peeled by peasant women because removing the shells is so labor-intensive. Shed a tear: those globalized shrimp were stuck in some refrigerated warehouse. We live in a growing frenzy, one measure of which is the power of a single volcano to send up a giant guffaw at our restlessness. Go home, cultivate your garden, is the message from the northern glacier. Meanwhile, the Iceland dilemma festers. What the German question was to the 20th century, the Icelandic question is to the 21st. There s no doubt that this island INTELLIGENCE/ROGER COHEN Time to Invade Iceland of 307,000 inhabitants, or about oneeighth the population of Brooklyn, has done far more damage to the West than Iran over the past two years. The collapse of its banks in 2008 left Icelanders owing about $5.4 billion to British and Dutch depositors; its volcano cost airlines alone upward of $1 billion. The per-capita harm inflicted by Iceland is immense: pocketed cash compounded by dumped ash. In short, the argument for taking out Iceland is growing, although I know of no planning yet for such a mission at the Pentagon. (An invasion would be a simple operation. Iceland maintains no standing army, navy or air force. The chief complication is that Iceland is a NATO member and there is no precedent for one member of the alliance attacking another. But nor is there a precedent for a NATO member doing others so much damage.) Apart from fantasizing about punishment for Iceland thoughts no doubt shared by the 6 million marooned I ve been musing beneath the ash on my favorite novel, Malcolm Lowry s magnificent tale of love and ruin, Under the Volcano. LUCAS JACKSON/REUTERS Between its banking crisis and its volcano, Iceland has much to answer for. Sometimes a drink is indeed the only answer. Certainly, it often was for Lowry s hero, the tormented alcoholic Consul in Mexico: Mescal, said the Consul. The main barroom of the Farolito was deserted. From a mirror behind the bar, that also reflected the door open to the square, his face silently stared at him, with stern, familiar foreboding. Yet the place was not silent. It was filled by that ticking: the ticking of his watch, his heart, his conscience, a clock somewhere. There was a remote sound too, from far below, of rushing water, of subterranean collapse; and moreover he could still hear them, the bitter wounding accusations he had flung at his own misery, the voices as in argument, his own louder than the rest, mingling now with those other voices that seemed to be wailing from a distance distressfully: Borracho, Borrachón, Borraaaacho! Interludes like those caused by Eyjafjallajokull, for as long as they last, can also be an excuse for that great novel unread or unwritten. THOMAS L. FRIEDMAN Learning to Tap a World of Ideas ST. LOUIS You ve heard that saying: As General Motors goes, so goes America. Thank goodness that is no longer true. I mean, I wish the new G.M. well, but the United States s economic future is no longer tied to its fate. No, my new Direttore responsabile: Ezio Mauro Vicedirettori: Gregorio Botta, Dario Cresto-Dina, Massimo Giannini, Angelo Rinaldi Caporedattore centrale: Fabio Bogo Caporedattore vicario: Massimo Vincenzi Gruppo Editoriale l Espresso S.p.A. Presidente: Carlo De Benedetti Amministratore delegato: Monica Mondardini Divisione la Repubblica via Cristoforo Colombo Roma Direttore generale: Carlo Ottino Responsabile trattamento dati (d. lgs. 30/6/2003 n. 196): Ezio Mauro Reg. Trib. di Roma n del 13/10/1975 Tipografia: Rotocolor, v. C. Colombo 90 RM Stampa: Rotocolor, v. C. Cavallari 186/192 Roma; Rotocolor, v. N. Sauro 15 - Paderno Dugnano MI ; Finegil Editoriale c/o Citem Soc. Coop. arl, v. G.F. Lucchini - Mantova Pubblicità: A. Manzoni & C., via Nervesa 21 - Milano Supplemento a cura di: Alix Van Buren, Francesco Malgaroli motto is: As EndoStim goes, so goes America. EndoStim is a little start-up I was introduced to on a recent visit to St. Louis. The company is developing a proprietary implantable medical device to treat acid reflux. I have no idea if the product will succeed in the marketplace. It s still in testing. What really interests me about EndoStim is how the company was formed and is being run today. It is the epitome of the new kind of start-ups we need to propel our economy: a mix of new immigrants, using old money to innovate in a flat world. Here s the short version: EndoStim was inspired by Cuban and Indian immigrants to America and funded by St. Louis venture capitalists. Its prototype is being manufactured in Uruguay, with the help of Israeli engineers and constant feedback from doctors in India and Chile. Oh, and the C.E.O. is a South African, who was educated at the Sorbonne, but lives in Missouri and California, and his head office is basically a BlackBerry. Only by spawning thousands of EndoStims will America generate the kind of good new jobs to keep raising its standard of living. It all started by accident. Dr. Raul Perez, an obstetrician and gynecologist, immigrated to America from Cuba in the 1960s and came to St. Louis, where he met Dan Burkhardt, a local investor. Raul was unique among doctors, recalled Burkhardt. He had a real nose for medical investing and what could be profitable in a clinical environment. So we started investing together. In 1997, they created a medical venture fund, Oakwood Medical A Missouri start-up with links to Uruguay, Chile, India and Israel. Investors. Perez had a problem with acid reflux and went for treatment to the Mayo Clinic in Arizona, where he was helped by an Indian-American doctor, V. K. Sharma. During his follow-ups, Dr. Sharma mentioned those four words every venture capitalist loves to hear: I have an idea use a pacemakerlike device to control the muscle that would choke off acid reflux. Burkhardt, Perez and Sharma were joined by Bevil Hogg a South African and one of the early founders of the Trek Bicycle Corporation who became C.E.O. Together, they raised the initial funds to develop the technology. Two Israelis, Shai Pollicker, a medical engineer, and Dr. Edy Soffer, a prominent gastroenterologist, joined a Seattle-based engineering team (led by an Australian) to help with the design. A company in Uruguay specializing in pacemakers is building the prototype. This kind of very lean start-up, where the principals are rarely in the same office at the same time, and which takes advantage of all the tools of the flat world teleconferencing, , the Internet and faxes to access the best expertise and low-cost, high-quality manufacturing anywhere, is the latest in venture investing. You ve heard of cloud computing. I call this cloud manufacturing. In the aftermath of the banking crisis, access to public markets is offlimits to start-ups, explained Hogg, so start-ups now have to be much leaner, much more capital-efficient, much smarter in accessing worldwide talent and quicker to market in order to do more with less. He added, $20 million is the new $100 million. The clinical trials for EndoStim are being conducted in India and Chile. What they have in common, said Hogg, is superb surgeons with high levels of skill, enthusiasm for the project, an interest in research and reasonable costs. This is also part of the new model, said Hogg: Invented and financed in the West, further developed and tested in the East and rolled out in both markets. What s in it for America? As long as the venture money, core innovation and the key management comes from there a lot. If EndoStim works out, its tiny headquarters in St. Louis will grow much larger. St. Louis is where the best jobs top management, marketing, design and shareholders will be, said Hogg. Where innovation is sparked and capital is raised still matters. You don t hear much about companies like this. America s national debate today is dominated by the ignorant ramblings of Sarah Palin, talkshow lunatics, tea parties and politics as sports. Fortunately, though, we still have risk-takers who are not paying attention to any of this nonsense, who know what world they re living in. Thank goodness! THE NEW YORK TIMES IS PUBLISHED WEEKLY IN THE FOLLOWING NEWSPAPERS: CLARÍN, ARGENTINA DER STANDARD, AUSTRIA LARAZÓN, BOLIVIA FOLHA, BRAZIL LASEGUNDA, CHILE EL ESPECTADOR, COLOMBIA LISTIN DIARIO, DOMINICAN REPUBLIC LE FIGARO, FRANCE 24 SAATI, GEORGIA SÜDDEUTSCHE ZEITUNG, GERMANY ELEFTHEROTYPIA, GREECE PRENSA LIBRE, GUATEMALA THEASIAN AGE,INDIA LAREPUBBLICA, ITALY ASAHI SHIMBUN, JAPAN EL NORTE, MURAL AND REFORMA, MEXICO LA PRENSA, PANAMA MANILA BULLETIN, PHILIPPINES ROMANIA LIBERA, ROMANIA NOVAYA GAZETA, RUSSIA DELO, SLOVENIA EL PAÍS, SPAIN UNITED DAILY NEWS, TAIWAN SABAH, TURKEY THE OBSERVER, UNITED KINGDOM THE KOREA TIMES, UNITED STATES NOVOYE RUSSKOYE SLOVO, UNITED STATES EL OBSERVADOR, URUGUAY Repubblica NewYork

3 MONDAY, APRIL 26, 2010 III WORLD TRENDS We should learn to oppose the regime, how to paralyze them, how to wear them out, but not to be killed, not to be arrested MOSHEN SAZEGARA Exiled Iranian opposition figure BRENDAN SMALOWSKI FOR THE NEW YORK TIMES Challenging Ayatollahs, With YouTube Jeremiads By NEIL MacFARQUHAR VIENNA, Virginia Moshen Sazegara recognizes that nonviolent protest is a tough sell for most Iranians, given that bloodshed is a part of their history and faith. But Mr. Sazegara lists a couple points in its favor. First, the Islamic Republic has disenchanted a wide section of the population. Second, he believes that Iranians harbor a mystic tradition that could be channeled into the kind of nonviolent tide of dissent that bends history. This, by the way, comes from one of the architects of the Revolutionary Guards. In Shiism, we always talk about blood, about sacrificing your blood, he said over tea and sohan, a candy made of pistachios and saffron. Like most conversations with an Iranian intellectual, this one winds around to Rumi, a celebrated 13th century poet and theologian. The ideas of some mystic like Rumi is based on love, is based on loving everybody, to be kind with everybody, he said. Trying to supplant martyrdom with mysticism, and reducing the ideas into the 10-minute videos he beams into Iran nightly, has been Mr. Sazegara s quest since anti-government riots erupted in Tehran last June over the widespread sentiment that the presidential election had been rigged. Mr. Sazegara, 55, who makes frequent appearances on Voice of America s Persian language News Talk, is trying to bring down the system he helped create. When the protests first erupted, with demonstrators turning to him in droves for guidance on confronting the government on the streets of Tehran and other cities, it sometimes seemed as if he might inspire an entire new movement. Thirty-two years ago, he was studying physics at the Illinois In- stitute of Technology in Chicago when he got a call saying Ayatollah Ruhollah Khomeini needed him in Paris. He was there by 9 a.m. the next day, going to work as a press aide. It took another decade for him to swing around 180 degrees and agitate against the Islamic Republic, eventually founding several opposition newspapers. He chose exile in January 2004 with his wife and two grown sons. In the basement of his faux colonial town house here, Mr. Sazegara is updating a ploy from Ayatollah Khomeini s playbook on overthrowing the despotic Shah. The cleric dispatched jeremiads via cassette tape that spread throughout Iran. Mr. Sazegara lacks the same stature, but he records nightly videos about opposing the Iranian government that are flung out into cyberspace through YouTube, Facebook and his own Web site. He has broadcast every night since June 25, making the transition from a borrowed camera and a stiff manner to dashing off short versions with his laptop while traveling. Our strategy is nonviolence, so we should learn how to protest but not to be killed, he said. We should learn to oppose the regime, how to paralyze them, how to wear them out, but not to be killed, not to be arrested. Iran analysts said that in the beginning he fed a real hunger for basic lessons in protesting. But as the killings, arrests and torture mounted, a backlash developed. Our people are still in jail, a viewer inside Iran identified as Nahid Haddidi commented on one of his posts in March. They are being executed, they are being sacrificed. Why? How can they decide for us from outside the country, and what is going to happen to all these people in jail? Mexicans Flee Drug Violence By JAMES C. McKINLEY Jr. FORT HANCOCK, Texas The giant rusty fence along the border here, built in recent years to keep illegal immigrants from crossing into the United States, has a new nickname among local residents: Jurassic Park Gate, a nod to the barrier in a 1993 movie that kept dangerous dinosaurs at bay in a theme park. On the other side, a brutal war between drug gangs has forced dozens of fearful families from the Mexican town of El Porvenir to come to the border seeking political asylum, and scores of other Mexicans have used special visas known as border-crossing cards to flee into the United States. They say drug gangs have laid waste to their town, burning down houses and killing people in the street. Americans are taking in their Mexican relatives, and the local schools have swelled with traumatized children, many of whom have witnessed gang violence, school officials say. It s very hard over there, said Vicente Burciaga, 23, who fled El Porvenir in March with his wife, Mayra, and their infant son after gang members burned down five homes in their neighborhood and killed a neighbor. They are killing people over there who have nothing to do with drug trafficking. They kill you just for having seen what they are doing. The story of Fort Hancock, about 90 kilometers southeast of El Paso on the Rio Grande, is echoed along the Texas border with Mexico, from Brownsville to El Paso. As the drug violence spirals out of control in Mexico, more Mexican citizens are seeking refuge in the United States. The influx has disrupted the peaceful rhythms of Fort Hancock, a town of about 2,000. These days, there are more police cars prowling the dusty streets, and fear runs high among residents. A few children among the refugees belong to families involved in the drug trade, and rival gang members have threatened them, bringing the specter of gang killings to the schools, officials say. Some of the families who are fleeing from Mexico are doing it because they were somehow participating in these acts, said Jose G. Franco, the school superintendent, and if you want to get at somebody, you get at their children. The Hudspeth County Sheriff s Department and the state police are keeping a close eye on unknown vehicles parked near the schools. The school district has hired a law enforcement officer to patrol its three campuses and has installed security cameras. Not everyone coming from El Por- PHOTOGRAPHS BY IVAN PIERRE AGUIRRE FOR THE NEW YORK TIMES Noemi and her daughter have fled Mexico s drug wars, entering the United States at a border gate, left. venir is seeking asylum. Many Mexicans in towns along the river have special border-crossing cards, which let them cross for up to 30 days to do business and shop near the border. But some have used the visas to relocate their families temporarily to the Texas side. Those who have temporary tourist visas or who can obtain business visas because they have enough money to start businesses in the United States are also moving across the border. In El Paso alone, the police estimate that at least 30,000 Mexicans have moved across the border in the past two years because of the violence. So many people have left El Porvenir and nearby Guadalupe Bravos that the two resemble ghost towns, former residents say. People without access to visas are seeking asylum, even at the risk of being detained for months. But few Mexicans are granted asylum. Over the last three federal fiscal years, immigration judges heard 9,317 requests across the country and granted only 183. In Fort Hancock, the influx grew after one drug gang placed a banner The Shaky Planet With yet another devastating earthquake, a 6.9-magnitude jolt in western China on April 14 that killed at least 700 people, many wondered if the earth was in an especially volatile phase. The answer, scientists say, is that there is nothing unusual, so far, about In fact, the planet generally is more volatile than you might think. There have been 66 earthquakes of a magnitude 6 or higher this year, as of midapril, and six of 7-plus magnitude more than strong enough to be catastrophic. Those include the disastrous quakes in Haiti, Chile and one centered in Baja California. The others were offshore tremors that did relatively little damage, which is the case for the great majority of quakes. They strike far from cities, or deep below the surface, or both. This year is roughly on track for an average number of 7-plus magnitude tremors, according to records going back to About 16 such quakes are detected annually, so expect 10 more. Scientists at the United States Geological Survey estimate that several million quakes occur yearly, most unnoticed. The survey does record more than 18,000, about 50 per day, or (depending on how fast you read) two or three in the time you spend with this newspaper. BILL MARSH in El Porvenir s central square threatening death for anyone left in the town on Easter. In response, the Mexican authorities flooded the town with federal police officers, and the promised mayhem was averted. A 23-year-old woman with five children, who asked to be identified only as Noemi because she feared reprisals, crossed the bridge over the Rio Grande the Thursday before Easter. The night before, drug cartel thugs had set fire to four houses. United States customs officers sent the family to El Paso, where, after a night in a jail, Noemi and her children were allowed to enter the country pending an asylum hearing. Her husband, a farm worker, is locked up while officials consider his claim to be in danger. Noemi is staying with her mother-in-law, who has legal residency, in a squalid trailer home. Her oldest son, a boy of 8, clung to her sleeve and refused to speak. Three girls, ages 4, 2 and 1, played at her feet or climbed on a rusted pickup. She held an infant boy of 7 months. All the children, the only thing they know how to play is sicarios, she said, using the Spanish word for hired killers. Magnitude of major 2010 quakes: 7 or greater 6 to 6.9 Near Okinawa: 7 Feb. 26 Baja California: 7.2 April 4 Haiti: 7 Jan. 12 Sumatra: 7.7 April 6 Solomon Is.: 7.1 Jan. 3 Chile: 8.8 Feb. 27 Source: United States Geological Survey THE NEW YORK TIMES Repubblica NewYork

4 IV MONDAY, APRIL 26, 2010 WORLD TRENDS Loyalty of Iraqi Forces Is Uncertain By TIM ARANGO CAMP HABBANIYA, Iraq Iraq s security forces, once mocked for deserting firefights and feared as a sanctuary for rogue death squads, crossed a crucial line of competence during the recent parliamentary elections: With little American help, they kept the nation overwhelmingly safe for voting. But as recruits returned after the election to this dusty training outpost, the army and the police face new questions, not only about remaining gaps in ability, but also about loyalty in an uncertain period. More than a month after the election, there is still no new government, no certain leader that the security forces can look to and few precedents for a peaceful transfer of power. The problem is going to be in the struggle for a new government, said Anthony H. Cordesman, who holds the Arleigh A. Burke chair in strategy at the Center for Strategic and International Studies, which in 2007 prepared a report for an independent commission appointed by Congress to study Iraq s security forces. Who are the armed forces loyal to? Are they going to be loyal to the prime minister, or the Constitution, or what? These questions have taken on new urgency after a spate of violence that is reminiscent of the worst days of Iraq s sectarian and insurgent warfare. Nerves were set on edge here right after the March 7 elections when Prime Minister Nuri Kamal al-maliki raised the specter of violence and invoked his role as commander in chief in calling for a manual recount, a request a judge granted on April 19. Many opponents were already worried that he would use the security forces for his own ends, something he has denied doing. But Ayad Allawi, the former interim prime minister, whose Iraqiya coalition won the most seats, said that if he led the next government, he would overhaul the army and the police, contending they were still riddled with terrorists, despite continuing efforts to rid them of sectarianism. After eight years since the downfall of Saddam Hussein, the people say, We want to be safe, Mr. Allawi said in an interview. The law enforcement agencies are not available to make them safe. We need the coalition forces and the U.S. Army to work with us, especially in the coming days, because we are afraid that we will face inner loyalty problems among the armed forces, said Lieutenant Ahmed Abood, 36, an Iraqi Army officer in Baghdad. Although the Interior Ministry has purged the police force of more than 60,000 officers in recent years in its efforts to build a force loyal to Iraq and not to sectarian identity, the ranks of the police are often still the first place investigators turn after attacks. After pre-election bombings in Baquba, a restive city north of Baghdad, killed more than 30 people, a police officer was among those arrested. Colonel Darrell F. Halse of the Marine Corps, who is advising the Interior Ministry s head of internal affairs, said the ministry opened more than 125,000 cases over the last four years involving its officers. Most are for minor offenses, like being drunk on duty, but others are for terrorist activities. With United States combat troops scheduled to withdraw by the end of August, leaving 50,000 service members in Iraq in an advisory capacity until the end of 2011, much of the historical legacy of America s war here JOAO SILVA FOR THE NEW YORK TIMES Iraqi soldiers, shown training recently in Habbaniya, kept Iraq relatively safe during the recent elections, but questions remain. will depend on whether Iraq s police and army can safeguard their country in the years to come. While the security forces have made steady progress, they are far from ready to do the job alone. Nowadays, the American military relies on the Iraqis for information about the levels of violence in the country. But Iraqi commanders advancement is based partly on the number of violent episodes in their areas of operation, so there is an incentive to underreport those events, said Lieutenant Colonel Jim Maxwell of the First Brigade, Third Infantry Division. Mr. Maliki s much-parsed statement did not go unnoticed within the Iraqi Army. The guys here are cautious, Colonel Maxwell said of his Iraqi counterparts. This is going to be the first successful change in power. They ve never seen it. There is a tendency to believe the guys who are saying, He s not going to give it up. Leaders of 47 nations recently gathered in Washington for a nuclear security meeting, one sign of President Obama s more assertive approach to foreign affairs. By PETER BAKER WASHINGTON When he took office last year, President Obama told his foreign policy advisers that he had two baskets of issues to deal with. The first would be the legacy issues left from his predecessor, like Iraq, Afghanistan and America s image in the world. The second would be his own agenda for the future. Mr. Obama is now aggressively advancing his own vision of foreign policy and defining himself more clearly on the world stage. The 47-nation conference on nuclear security he wrapped up recently represented a chance to assert leadership rather than simply showing that he is not George W. Bush. Now he s beginning to get back to the agenda that he came to office to do, said Nancy E. Soderberg, a former diplomat and now president of The Connect U.S. Fund, a nonprofit group that promotes international engagement. His legacy in domestic policy is likely to be health care. But his legacy in foreign policy is likely to be this nonproliferation agenda. The nuclear summit meeting came after weeks of a more assertive approach to international affairs, as Mr. Obama seeks to demonstrate strength in the face of assumptions overseas that he may be weak. He refused to give in to Russian demands for limits on missile defense and came away with an arms control treaty that, while modest, sets the stage for better relations. He got into high-profile scraps with the leaders of Israel and Afghanistan. And now he faces a critical test of whether he NEWS ANALYSIS Obama Puts His Own Mark on Foreign Policy A president with liberal roots shows his cold-blooded side. DOUG MILLS/THE NEW YORK TIMES can forge a coalition to impose new sanctions on Iran. During his news conference closing the nuclear meeting, Mr. Obama seemed to signal a renewed determination to reinsert himself into the Israeli-Palestinian dispute. By describing the long-running conflict as a threat to American security, he effectively adopted the argument of General David H. Petraeus, his Middle East commander, who recently warned that the region s troubles created a dangerous environment for American troops stationed in nearby Iraq and elsewhere in the area. It is a vital national security interest of the United States to reduce these conflicts because whether we like it or not, we remain a dominant military superpower, he said. And when conflicts break out, one way or another, we get pulled into them. And that ends up costing us significantly in terms of both blood and treasure. Mr. Obama has learned hard lessons about the limits of his powers of persuasion. He has acknowledged that he underestimated just how hard it would be to bring Israelis and Palestinians together, and his engagement with Iran yielded no more cooperation than Mr. Bush s approach. If there is an Obama doctrine emerging, it is one focused on relations with traditional great powers and relegating issues like human rights to second-tier concerns. He has generated much more good will around the world after years of tension with Mr. Bush, and yet he does not seem to have strong personal friendships with many world leaders. Everybody always breaks it down between idealist and realist, said Rahm Emanuel, the White House chief of staff. If you had to put him in a category, he s probably more realpolitik, like Bush 41, the first President George Bush, Mr. Emanuel said. He added, He knows that personal relationships are important, but you ve got to be cold-blooded about the self-interests of your nation. With health care behind him, Mr. Obama has an opportunity to focus on translating his vision for foreign policy into reality. It s both strengthened and liberated him so he could deal with other things with wind in his sails, said Richard N. Haass, a former top official in George W. Bush s State Department who now leads the Council on Foreign Relations. The treaty with Russia, the nuclear meeting and other initiatives, he added, are the beginning for Mr. Obama. These are not transformational developments, he said, but in foreign policy it s important to keep the ball moving down the field in the right direction, and that s what s happening. Female Tech Entrepreneurs Face a Variety of Obstacles From Page I cent of the chief executives of the top 100 tech companies, and 22 percent of the software engineers at tech companies over all, according to the National Center for Women and Information Technology. And among venture capitalists, the population of financiers who control the purse strings for a majority of tech start-ups, just 14 percent are women, the National Venture Capital Association says. That reality is even more complex when race is factored into the mix. Small percentages of workers in information technology are African-American, Asian or Hispanic, and that number is even smaller for women. It s not like people are making an effort to exclude people, but I see very little diversity in the candidate pool, says Aileen Lee, a partner at Kleiner Perkins Caufield & Byers, the big venture capital firm. Research indicates that investing in women as tech entrepreneurs is good for the bottom line, according to a recent white paper by Cindy Padnos, a venture capitalist. When you have gender diversity in an organization, you have better innovation, and I don t know where innovation is more important than in the high-tech world, says Ms. Padnos, who recently founded Illuminate Ventures, which invests in start-ups led by women. Firms like hers, along with nonprofit organizations like Astia, are trying to raise awareness, mentor women and introduce them to investors. The good news is that Silicon Valley will see this change, says Monica Morse, a trustee at Astia. They will chase the person they think will make the money, regardless of whether they wear a skirt. Poornima Vijayashanker, 27, an Indian immigrant, said she was starting her company, BizeeBee, making software for small business, out of her apartment in Palo Alto, California, partly because she wants to have a family in a few years and says the tech start-up lifestyle isn t hospitable to child-rearing. That s why, she says, many young women prefer working at big companies to starting their own. Girls have certain family goals they want to accomplish, she says. Working 60 hours a week is difficult because it requires a life sacrifice. At the age of 27, Karen Watts became chief financial officer at a sports startup called Rivals.com. In that job, she realized the value in automating routine paperwork and dreamed up Corefino, which makes business accounting software. She didn t start it, though, until she had worked at four more companies. I have to know everything; I have to have it all figured out, she recalls thinking. Many analysts and entrepreneurs say that attitude rooted in a lack of confidence is the main reason that when women do pursue start-ups, they often do it later in life than men. Ms. Watts was also aware that the hurdles for financing were higher for women. Before she pitched venture capital firms, she made sure they had a woman as a partner and had backed companies led by women. If they re not used to women in a senior position, she says, you re going to be fighting a bunch of battles, and being an entrepreneur is hard enough. JIM WILSON/THE NEW YORK TIMES Karen Watts, far left, chief of Corefino, said before approaching a venture capital firm she made sure it had financed companies led by women.

5 Immigrazione Presto i lavoratori stranieri potranno ottenere i visti per la Russia più facilmente P. 04 PHOTOXPRESS Danza Finalmente in Italia Il Lago dei cigni e Giselle con Svetlana Zakharova P. 08 ITAR-TASS KOMMERSANT Anniversari A 65 anni dalla fine della guerra mondiale, Stalin incute meno timore P. 05 LUNEDÌ 26 APRILE 2010 Inserto distribuito con The NYT International Weekly L inserto è preparato e pubblicato da Rossiyskaya Gazeta (Russia) e non coinvolge le strutture giornalistiche ed editoriali di e Dalla tragedia la riconciliazione La morte del presidente Lech Kaczynski e di altri rappresentanti dell elite politica polacca nell incidente aereo vicino a Smolensk è stata un ulteriore dura prova per il popolo polacco e per quello russo. I rapporti tra la Polonia e la Russia, due popoli slavi confinanti, non sono mai stati sereni, anzi. Nel corso dei secoli passati si sono accumulate critiche e numerose offese reciproche. Sembrava che una delle ferite più dolorose, ossia il massacro di Katyn dove 70 anni fa su ordine di Stalin furono fucilati oltre 20mila ufficiali polacchi tenuti prigionieri, cominciasse pian piano a rimarginarsi. Da ambedue le parti erano stati compiuti importanti passi avanti verso la riconciliazione. Ed ecco che si verifica una nuova, orribile tragedia... questa volta non per volontà umana ma per un accidente del destino. Cosa cambia? La situazione odierna è molto complicata. Per uscirne esiste una sola soluzione, semplice ma difficile da realizzare. Per superare il macabro simbolismo del passato ci vuole pazienza, maggiore attenzione e rispetto reciproco. Il cordoglio può riavvicinare le persone ma può anche separarle per sempre. SEGUE A PAGINA 7 Tecnologia Il Cremlino ha affidato al miliardario Vekselberg il compito di guidare il nuovo centro hi-tech Una Silicon Valley russa alle porte di Mosca Sarà il magnate della multinazionale Renova a guidare il polo di ricerca che verrà costruito a Skolkovo, nei pressi della capitale. SERGEI BORISOV RUSSIA OGGI I piani per la costruzione di un nuovo centro scientifico e tecnologico a Skolkovo, alla periferia di Mosca, procedono spediti dopo che il presidente russo Dmitri Medvedev ha nominato il magnate Viktor Vekselberg manager del progetto di ricerca e produzione hi-tech. Vekselberg sarà chiamato a portare le sue capacità manageriali nel centro di ricerca che si focalizzerà su energia, informatica, telecomunicazioni, ricerca KONSTANTIN ZAVRAZHIN_RG La croce russo-polacca di Katyn Viktor Vekselberg (a sinistra) e Zhores Alferov (a destra), i responsabili del futuro centro scientifico e tecnologico di Skolkovo YULIA MAYOROVA_RG medica e tecnologia nucleare. Il centro è stato soprannominato la Silicon Valley russa e rappresenterà la prima piattaforma nel Paese dedicata all innovazione delle tecnologie informatiche, come ha spiegato il primo vicepresidente dell amministrazione presidenziale Vladimir Surkov che sta sovrintendendo alla realizzazione del progetto. La nomina di Vekselberg evidenzia anche la volontà di Medvedev di affidare lo sviluppo del centro a imprese private. Il Presidente ha annunciato il progetto lo scorso febbraio come parte del suo programma di modernizzazione del Paese. È speranza condivisa che Skolkovo possa attrarre scienziati e imprenditori di punta non solo russi, ma anche stranieri. Vekselberg, 52 anni, di origine ucraina, presidente del consiglio di amministrazione della multinazionale Renova, è considerato il ventitreesimo uomo più ricco della Russia ed è convinto che quest ambizioso progetto avrà successo se vedrà la partecipazione di aziende straniere. La creazione di un centro autosufficiente di ricerca e produzione hi-tech, secondo lui, richiederà dai 5 ai 7 anni. Intanto Vekselberg dovrà scegliere un condirettore straniero. Renova, la società d investimenti nel settore petrolifero, metallurgico, energetico e delle nanotecnologie guidata da Vekselberg sin dalla sua fondazione nel 1990, ha progettato la costruzione di diversi centri di ricerca in Russia, compreso uno sull energia solare, scrive il quotidiano Vedomosti. Ed è possibile che alcuni di questi progetti verranno trasferiti a Skolkovo. SEGUE A PAGINA 3 MAXIM MALINOVSKY_AFP Dai film al folclore: le nuove tendenze in passerella Sebbene sia difficile immaginare che fino a dieci anni fa non si tenessero sfilate regolari in Russia, la Settimana moscovita della moda ha festeggiato il suo 10 anniversario questo mese. OKSANA NARALENKOVA RUSSIA OGGI Gli stilisti russi sono poco conosciuti al di fuori dei confini nazionali. Ciononostante nel Paese la professione di stilista è molto ambita. Ogni anno al prestigioso concorso per giovani stilisti di moda Russkij siluet (Silhouette russa) arrivano circa 3mila candidature da tutto il Paese.Alcuni nomi, però, sono riusciti a sfondare e a oltrepassare il vuoto mediatico. Si tratta, innanzitutto, dei maestri Vjacheslav Zaitsev e Valentin Judaškin, nonché di vari esponenti della nuova generazione, come Igor Chapurin, Alena Akhmadullina e Denis Simachev, che hanno già presentato più volte le loro collezioni a Milano e Parigi. È stato proprio Denis Simachev ad introdurre in Russia e in Europa la moda dei colbacchi, mentre Igor Chapurin ha dedicato una delle sue prime sfilate parigine al balletto russo. Durante la recente decima edizione della Settimana della moda Russa (stagione autunno-inverno 2010/2011), numerosi giovani stilisti russi hanno giocato sugli elementi dello stile nazionale. La coppia di artisti Anna e Aleksej Borodulin (Borodulin s), ad esempio, si è ispirata al film Solaris di Andrej Tarkovskij, allestendo una specie di spettacolo teatrale sul motivo del film. SEGUE A PAGINA 2 SUL PROSSIMO NUMERO La leggendaria isola di Atlantide? PHOTOXPRESS È probabile che si trovasse al largo del Nord della Russia FATEVI UNA VOSTRA OPINIONE it.rbth.ru politica, affari, economia e cultura 31 MAGGIO SULLA RUSSIA Ogni ultimo lunedì del mese 28 GIUGNO, 26 LUGLIO, 30 AGOSTO... Repubblica NewYork

6 Attualità 02 RUSSIA OGGI SUPPLEMENTO REALIZZATO DA ROSSIYSKAYA GAZETA (RUSSIA) PER LA DISTRIBUZIONE CON NYT INTERNATIONAL WEEKLY Tecnologia Il cinema ha aperto la strada alla terza dimensione. La pay tv va all incasso IN BREVE Rivoluzione in salotto arriva la televisione in 3D ALEXANDR VIKULOV_RIA NOVOSTI Il cartone in 3D Stardogs uscirà nelle sale in occasione del 50 anniversario del volo spaziale dei cani Belka e Strelka ISTRUZIONE TORNA L ORA DI RELIGIONE MA IL 40% SCEGLIE ETICA LAICA Da questo mese nei programmi degli scolari russi di 19 regioni esiste una nuova materia: Fondamenti di cultura religiosa ed etica laica. Per il momento questa materia viene insegnata esclusivamente ai ragazzi tra i 9 e i 10 anni che frequentano la quarta elementare. La scelta della religione da approfondire spetta a ogni scolaro e ai suoi genitori. Secondo i risultati di un indagine demoscopica preliminare, circa il 40% degli alunni interpellati ha scelto di studiare etica laica, un terzo ha dato la preferenza ai fondamenti di cultura ortodossa, mentre il 25% alla storia delle religioni del mondo. Il resto invece esaminerà i fondamenti dell ebraismo, del buddismo e dell Islam. MIKHAIL KLIMENTIEV_RIA NOVOSTI Da Avatar fino a Toy Story, sono tante le novità cinematografiche in 3D dell anno. Ora anche la tv russa aggiunge profondità alla sua offerta catodica. ALEXANDRA PROKOPENKO ITAR-TASS SPECIALE PER RUSSIA OGGI Sulla scia degli incassi al botteghino, anche la televisione russa diventa tridimensionale. La compagnia russa General Satellite e la coreana Samsung Electronics hanno infatti siglato un accordo per lanciare l of- ferta di contenuti in 3D su Platforma Hd, la piattaforma televisiva russa ad alta definizione a pagamento. «Assieme alla americana DirecTv e all inglese SkyUk - spiega Nikolai Gyubbenet, direttore generale di Platforma Hd - il progetto russo si fa pioniere nello sviluppo della televisione in 3D». Secondo la CableTv Association di Mosca il cittadino russo medio guarda molta più televisione rispetto agli europei occidentali o agli americani. L aumento delle entrate assieme allo scetticismo sui canali controllati dallo Stato ha reso la pay tv sempre più popolare. «Varie statistiche - sottolinea ancora Gyubbenet - indicano che il volume del mercato della pay tv nel 2009 ha superato il miliardo di dollari». E secondo la Iks- Consulting, solo un anno fa il numero degli utenti aveva raggiunto i 19 milioni (14% della popolazione russa). A Mosca, quasi una famiglia su tre possiede un televisore hd e il loro costo scende di anno in anno. Oggi la maggior parte degli apparecchi tv venduti in Russia hanno il formato hd. E sembra che l interesse non sia stato intaccato neppure dalla recente crisi economica mondiale. La produzione dell attrezzatura per la televisione 3D è già iniziata nella regione di Kaliningrad. Secondo il vice primo ministro Sergei Ivanov, che di recente ha visitato l impianto, i costi per un televisore 3D, un ricevitore e gli occhiali, sono però ancora piuttosto alti. «Ma quando l economia si svilupperà e l interesse della gente verso la qualità aumenterà, il mercato si espanderà di certo», ha aggiunto lo stesso Ivanov. Moda A Mosca sfilano le nuove tendenze dell autunno-inverno: asimmetrie e colori vivaci In passerella folclore e seduzione ANNIVERSARI LA NATO SULLA PIAZZA ROSSA PER LA PARATA DEL 9 MAGGIO Per la prima volta nella storia, in occasione del 65 anniversario della vittoria nella seconda Guerra mondiale, sulla Piazza Rossa sfileranno reparti militari di Usa, Gran Bretagna, Francia e Polonia, accanto a quelli dei Paesi della Confederazione degli Stati indipendenti (Csi). Il primo vice ministro della Difesa russo, il generale Aleksandr Kolmakov, ha riferito che sono stati invitati a partecipare alla parata i reparti militari dei Paesi che apportarono il maggior contributo alla vittoria sulla Germania di Hitler. Per la Francia sfileranno perciò i piloti della squadriglia Normandie Niemen che combatté sul fronte russo, per gli Usa i militari della 69a divisione di fanteria che incontrò le forze russe a Torgau sul fiume Elba e per la Gran Bretagna i soldati del reggimento del Galles. SEGUE DALLA PRIMA PAGINA RFW.RU La nuova collezione di Yegor Zaitsev, figlio del rinomato Vjacheslav petto o diventano cinture, mentre il colletto della camicia si stacca parzialmente dal corsetto dando un tocco piccante alla creazione. Gli elementi maschili non contraddicono affatto, anzi si sposano perfettamente con l idea di femminilità estrema: tagli asimmetrici, schiene décolletté, Una modella è avvolta da un capo di maglieria con inserti in jersey e pelle, pizzi e ricami di raso e seta, mentre la linea del collo, completamente scoperto, è decorata da accessori che sembrano provenire dallo spazio. I colori principali sono sfumature monocromatiche di grigio, bianco e nero, ma sono presenti anche il viola intenso e il rosso scarlatto. Lo stilista Narciss si è ispirato invece al folclore lettone. Le imprese epiche di Lacplesis, l eroe dalle orecchie d orso, sono diventate il leitmotiv delle sue nuove creazioni, in cui dominano colbacchi, pompon e maniche foderate di pelliccia, cappotti lunghi fatti a maglia con chiusure lampo decorative, guanti con ricami d ambra, stivali di feltro con fiocchi di neve e stampe dell aurora boreale. La nuova collezione di Dasha Gauser racconta una storia di seduzione in cui gli amanti, al mattino, si scambiano i vestiti per errore. In tal modo, i mini abiti tanto amati da Dasha si trasformano in camicie a drappeggi: le maniche reggono il coraddobbi complicati e pieghe a non finire. Sensazionale è stato l effetto suscitato dalla sfilata di Yegor Zaitsev (YeZ), figlio di Vjacheslav Zaitsev, rinomato maestro di moda russo. La sala era gremita di amici di Yegor del club motociclistico Lupi notturni e la sfilata era accompagnata dalle canzoni del noto musicista rock russo Garik Sukachev. Lo stesso stilista ha definito la sua collezione New Glook (dove glook, nel gergo giovanile russo, significa allucinazione, NdT), una sorta di strana antimoda. I presenti sono rimasti stupiti e letteralmente senza parole. AUTOMOBILI NASCERÀ A TOGLIATTIGRAD LA PRIMA VETTURA IBRIDA RUSSA A Togliattigrad, la capitale nazionale dell automobile, presto verrà avviata la produzione delle prime automobili ibride russe. A finanziare il progetto sarà il miliardario russo Mikhail Prokhorov, disposto a investire oltre 100 milioni di euro. La parte tecnica spetterà a Yarovit, azienda produttrice di camion di San Pietroburgo. Le nuove vetture ecologiche saranno dotate di motore elettrico da 70 kilowatt alimentato da batterie agli ioni di litio. Secondo i test, l automobile avrà un autonomia di 400 chilometri, potrà arrivare a una velocità massima di 120 chilometri orari e consumerà in media tre litri e mezzo di carburante ogni 100 chilometri. Potrebbero essere prodotte circa 10mila vetture l anno.

7 RUSSIA OGGI SUPPLEMENTO REALIZZATO DA ROSSIYSKAYA GAZETA (RUSSIA) PER LA DISTRIBUZIONE CON NYT INTERNATIONAL WEEKLY Economia 03 Una Silicon Valley russa alle porte della capitale Finanza Erano stati abbandonati nel 98 Il ritorno di Mosca agli eurobond SEGUE DALLA PRIMA PAGINA Il centro scientifico e tecnologico occuperà 370 ettari vicino alla scuola di management di Skolkovo alle porte di Mosca. Una volta emessi i finanziamenti statali, le aziende private dovrebbero farsi avanti, e non solo quelle russe, scrive il sito web di notizie Gazeta.ru. Secondo Dmitri Abzalov, analista presso il Centro della congiuntura politica russa,vekselberg avrà l incarico di individuare tali aziende e di mettere in piedi un meccanismo effettivo di selezione ed elaborazione dei progetti di innovazione collegando in questo modo ricerca e produzione. «Se Vekselberg riuscirà a risolvere tali problematiche in modo efficace, Skolkovo inizierà presto a operare come ente autonomo senza la partecipazione dello Stato», ha affermato Abzalov. «Vedremo i primi risultati del suo lavoro entro l estate o l autunno». Il progetto venne presentato dal vicecapo dell amministrazione presidenziale, Vladislav Surkov, in un intervista rilasciata a febbraio a Vedomosti e fa parte del piano di modernizzazione previsto dal presidente Medvedev. «La comparsa di grandi idee è ancora considerata un miracolo, come la vita stessa», ha dichiarato. «Nessuno, ovviamente, tra burocrati e imprenditori è in grado di fare miracoli, ma insieme dobbiamo creare un ambiente dove i miracoli sono possibili». Lo scopo della Silicon Valley La Silicon Valley russa spera di competere presto con i migliori centri scientifici e tecnologici del mondo Vogliamo promuovere idee nuove e innovative e un ambiente dove i miracoli sono possibili russa non sarà «distruggere l industria delle materie prime, ma di promuovere idee nuove e innovative che altri Paesi non hanno», spiega Konstantin Simonov, direttore del Fondo nazionale per la sicurezza energetica. «Non importa quale settore sarà interessato da queste innovazioni». Fino a 10 anni di esenzioni fiscali Le aziende che opereranno all interno del Centro di ricerca e innovazione di Skolkovo godranno di agevolazioni fiscali mai viste prima nella Russia moderna. Tra queste, la possibilità di godere di un esenzione dalle tasse per un periodo fino a 10 anni e di partecipare alle gare d appalto pubbliche a condizioni privilegiate. Si tratta, appunto, di un regime fiscale speciale che il governo metterà a punto entro maggio. Si parla anche dell eventualità di abolire le imposte sugli utili, sul patrimonio e sull imposta fondiaria. Il bilancio pubblico di quest anno dovrebbe prevedere lo stanziamento di 4,6 miliardi di rubli (oltre 100 milioni di euro) per la costituzione del Centro di ricerca e innovazione. Secondo il coordinatore del centro Viktor Vekselberg, questi investimenti produrranno un ritorno tangibile nell arco di 5-7 anni. Zhores Alferov, Premio Nobel per la fisica nel 2000 e da vent anni rettore dell Istituto di fisica e tecnologia di San Pietroburgo, è stato nominato direttore scientifico del Centro. BELA SZANDELSZKY_AP I funzionari delle Finanze russe stanno pianificando una visita in Asia, Europa e America per promuovere la vendita della prima eurobbligazione russa dalla crisi di dodici anni fa BEN ARIS RUSSIA OGGI Il mondo è stato rovesciato dalla crisi. Mentre la Grecia soccombe sotto il peso di un ingente debito pubblico, secondo le previsioni di Capital Economics la Russia avrà un debito pari al 9,5% del pil entro la fine dell anno e dispone persino di oltre 400 miliardi di dollari di riserve in valuta forte, cinque volte di più rispetto agli Usa e al Regno Unito. Questo fa della Russia il terzo Paese più ricco al mondo in termini di disponibilità liquide. Nonostante tutto, le finanze pubbliche russe si trovano in una situazione difficile. Bisogna infatti colmare un deficit di bilancio che oscilla tra il 3% e l 8% (a seconda del prezzo del petrolio) e trovare fondi per superare questo periodo di magra. I funzionari russi delle Finanze stanno programmando una visita in Asia, Europa e America per promuovere la vendita della prima Eurobbligazione russa dal 1998, quando il governo risultò insolvente sul debito interno. Questa volta sono certi di riuscire a raccogliere fondi a basso costo sul mercato. «Le condizioni di prestito saranno probabilmente molto vantaggiose», ha dichiarato il ministro delle Finanze Alexei Kudrin alla stampa all inizio del mese, aggiungendo che il mercato è consapevole del fatto che la Russia potrebbe ricorrere al prestito nazionale se le condizioni esterne non fossero «particolarmente favorevoli». Il prezzo dell obbligazione rifletterà l atteggiamento di massima cautela nei confronti della Russia tenuto dalla maggior parte delle agenzie di rating. L obbligazione Sovereign della Russia ha attualmente un rating Bbb, di appena due linee superiore ai cosiddetti titoli spazzatura. Allo stesso tempo Usa e Regno Unito, almeno sinora, hanno mantenuto il rating Aaa, nonostante il peggioramento della situazione economica. Secondo le previsioni di numerosi economisti, il debito estero dell Europa salirà dal 100% del pil al 130% nei prossimi cinque anni, mentre in Russia si prevede una costante riduzione. «In base al modello vigente, non è possibile spiegare perché agli Usa e al Regno Unito venga assegnato il miglior rating possibile (Aaa) e che questi due Paesi, abbiano un rating di due o tre tacche superiore a Paesi che riportano gli stessi dati di base», ha scritto Ingo Jungwirth, analista di Raiffeisen International in uno studio condotto a marzo. Tuttavia, se le agenzie di rating declassassero questi Paesi, il costo dei prestiti subirebbe un impennata e causerebbe una crisi finanziaria a livello internazionale che danneggerebbe l assetto economico globale per decenni. Per competere dobbiamo prepararci alle sfide del futuro Ruben Vardanian - un ottimista che si lamenta, così si definisce - è l ad della più vecchia banca d investimenti russa e uno dei più noti esperti finanziari del Paese ANASTASIA DMITRIEVA RUSSIA OGGI Signor Vardanian, Lei è sempre stato molto ottimista sull economia russa. Lo è tuttora? «Sono molto ottimista nel breve termine.a un anno da oggi possiamo aspettarci un calo dell inflazione e della disoccupazione, una moneta stabile e una crescita prevista del Pil del 5%. Entro cinque anni, comunque, la Russia dovrà affrontare sfide d importanza crescente. Si verificherà una penuria di forza lavoro. Con sempre più individui vicini alla fine della loro carriera lavorativa, il sistema pensionistico sarà messo a dura prova, i prezzi della benzina saranno destinati a scendere se la Shell continuerà a sviluppare i suoi impianti di estrazione correnti e le risorse naturali diventeranno meno importanti». Ruben Vardanian, presidente e amministratore delegato di Troika Dialog URY MARTIANOV_KOMMERSANT Qual è la sua opinione sulla modernizzazione dell economia russa annunciata dal presidente Medvedev? «Si tratta di una delle attività più importanti per il Paese. Dobbiamo capire che essa non dipende solo dal governo, ma anche dalla comunità imprenditoriale. Dobbiamo inevitabilmente diventare una nazione più moderna, tecnologica, innovativa ed efficiente dato che l eterna dipendenza dalle risorse naturali non può funzionare. Per competere su scala globale dobbiamo essere pronti per le nuove sfide. La mia preoccupazione più grande a proposito della Russia è che stiamo perdendo tempo utile per cambiare, per diventare più ambiziosi, più aperti, più creativi e desiderosi di assumersi rischi ed essere competitivi su scala mondiale. Negli anni a venire il maggiore vantaggio concorrenziale non sarà costituito dalle risorse naturali, ma dalle persone. Il Paese che sarà in grado di fornire le migliori condizioni di vita, il miglior sistema scolastico e i maggiori benefici vincerà». Crede che la tendenza alla nazionalizzazione di un numero crescente di aziende in Russia stia danneggiando l economia? «Credo che si tratti di un processo di evoluzione naturale già verificatosi in altri Paesi nel passato. Come riportato nella relazione mensile di Troika Dialog, a partire dal 2004 la diversificazione dell economia è stata principalmente guidata dallo Stato, che ha sostenuto un numero di campioni nazionali che non stavano dando i risultati sperati. Non ho dubbi sul fatto che nei prossimi tre anni assisteremo alla privatizzazione di parte delle aziende pubbliche». Lei è uno dei fondatori di un autorevole scuola internazionale di management, la Skolkovo Moscow business school. In passato si è assistito a un grande scetticismo sulle capacità della Russia di promuovere un programma di formazione manageriale di alta qualità. Quali progressi ci sono stati finora? «Cinque anni fa nessuno credeva che la Russia sarebbe stata in grado di creare una scuola manageriale di massimo livello in grado di ricevere riconoscimenti internazionali. Oggi invece siamo partner dei più importanti istituti mondiali, incluso il Mit, e quest estate inaugureremo il nuovo campus». Leggete l intervista integrale sul nostro sito Repubblica NewYork

8 Società 04 RUSSIA OGGI SUPPLEMENTO REALIZZATO DA ROSSIYSKAYA GAZETA (RUSSIA) PER LA DISTRIBUZIONE CON NYT INTERNATIONAL WEEKLY Carceri I relitti dell era staliniana sono finalmente destinati a scomparire Dopo la morte in cella dell avvocato Sergei Magnitsky, il presidente Dmitri Medvedev ha annunciato una riforma del sistema carcerario. Le nuove misure viste dall Ik-3, la colonia penale femminile numero 3 di Kineshma ANNA NEMTSOVA RUSSIA OGGI La prigione di Kineshma: la maggior parte delle detenute sta scontando una pena per traffico della droga Delitto e mitigato castigo la fine dei campi Gulag DMITRY BELYAKOV L autobus procede su una strada piena di buche e passa accanto a infiniti campi ghiacciati, foreste silenziose e, di tanto in tanto, case diroccate. Infine si ferma davanti a un enorme muro bianco orlato da filo spinato. L edificio sembra un monastero, ma fin dal 1924 ospita la colonia penale femminile numero 3 di Kineshma, una prigione a circa 280 chilometri a nordest di Mosca. Qui per i prigionieri la vita è sempre la stessa, al di là dei decenni. Così come in centinaia di altre prigioni russe negli angoli più remoti del paese, assassini vivono fianco a fianco con ladruncoli o carcerati condannati per la prima volta, tutti in condizioni che suonerebbero familiari a Alexander Solgenitsin così come le descrisse nel suo Arcipelago G u l a g. Nessun sistema, neanche il famoso gulag, resterà uguale. I relitti dell era staliniana, 755 colonie penali per i condannati ai lavori forzati, sono in procinto di scomparire, ha dichiarato Alexander Reimer, capo del Servizio carcerario federale russo, in una recente intervista con la radio Echo of Moscow. Il governo ridurrà la popolazione della seconda più grande prigione al mondo. I recidivi verranno separati da chi è stato condannato per la prima volta, ossia il 40 per cento su 900mila detenuti. I crimini minori verranno punti con gli arresti domiciliari o con la libertà vigilata. Le squadre di carcerati che assistono lo staff dei penitenziari, note per abusare del loro potere, saranno abolite. A dare il via definitivo alla riforma è stata la morte di Sergei Magnitsky, un avvocato di 37 anni che, entrato in perfetta salute nel penitenziario di Mosca per detenuti in attesa di processo, dopo 11 mesi, il 16 novembre 2009, dopo vari giorni di sofferenze, è morto senza aver ricevuto assistenza medica. Magnitsky è una delle 386 persone morte in attesa di processo solo nel Sono molte centinaia di più quelle morte nelle colonie penali a causa di maltrattamenti violenti, torture e mancanza d assistenza medica. Il Presidente Dmitri Medvedev ha annunciato una riforma del sistema carcerario proprio in riposta alla morte di Magnitsky. Per prima cosa ha ordinato una purga dei 20 funzionari al vertice del Servizio carcerario federale. Poi ha chiesto un nuovo approccio ai metodi correttivi. I criminali peggiori sono già stati separati dal resto della popolazione delle colonie penali in tutta la Russia.Alexander Vorobyev, direttore del carcere femminile di Kineshma, ha trasferito 62 donne recidive in contesti più severi lo scorso novembre. L inasprimento delle pene, ha detto, farà da deterrente. Per le altre donne, il giorno nella colonia chiamata Ik-3 comincia alle 7 con la ginnastica mattutina nel cortile innevato. Lavorano tutte 8 ore al giorno: confezionano le uniformi delle guardie carcerarie. Nei momenti liberi possono guardare la televisione, giocare a scacchi e anche suonare o mettere in scena rappresentazioni teatrali. Le giornate delle detenute iniziano alle 7 del mattino. Poi confezionano uniformi per otto ore al giorno Yevgenia Lemekhova, 25 anni, è stata condannata per aver rubato 7mila rubli, (250 dollari) a una conoscente e spera che le riforme la portino al più presto fuori di prigione. Confeziona giacche mimetiche nella sezione abbigliamento, ma potrebbe scontare gli ultimi due anni e mezzo dei cinque a cui è stata condannata in un carcere a condizioni più leggere. Lì potrebbe indossare abiti civili, lavorare e spendere i suoi soldi fuori dai confini carcerari. Potrebbe anche richiedere di fare ritorno al suo appartamento a Murmansk, dato che in Russia gli arresti domiciliari sono stati legalizzati lo scorso 1 gennaio. Nell annunciare le riforme, Medvedev ha dichiarato di aver appreso con tristezza la notizia di una persona condannata a due anni per aver rubato un cappello. «Perché? Di certo non uscirà di lì migliore», ha aggiunto ordinando il rilascio di due donne detenute a Krasnoyarsk, in Siberia, per il furto di una gallina. «Il sistema si sta rinnovando. Lo stato investe in prigioni nuove e moderne», ha detto Maria Kannabikh, membro della Camera Pubblica, gruppo di consulenti nominati dal governo e autrice della riforma, aggiungendo che tagliare di almeno un terzo gli attuali 360mila dipendenti permetterà di migliorare i salari di chi continuerà a lavorare in carcere rendendo la professione più rispettabile. Alcuni carcerati vedono però con preoccupazione l imminente riforma. Come Marina Vysotskaya. Negli ultimi otto anni la sua casa è stata l Ik-3. Ha 27 anni. Quando ne aveva 19 è stata condannata a 10 di carcere per omicidio. Il suo letto, in un angolo sotto a una finestra, è coperto da una piccola tendina per garantire un minimo di privacy. Come tutti i letti è identificato con un etichetta col suo nome e il crimine commesso: Omicidio. «In prigione - dice - il mio carattere è cambiato. Ora guardo alla vita con un atteggiamento differente, più adulto. Mi piace l ordine di questa prigione».vysotskaya teme che la riforma per lei significhi essere trasferita in una prigione più isolata e separarsi dalle compagne con cui ha convissuto per molti anni. La riforma è solo il primo passo della lotta alla criminalità in Russia, secondo il direttore dell Ik-3, Tatyana Vakhromeyeva. «C è un aumento significativo dei crimini di droga e anche di rapine e furti. Succede perché il sistema non assiste i detenuti una volta fuori della prigione». Secondo Vakhromeyeva, detenute come Vysotskaya non dovrebbero essere trasferite perché ciò potrebbe pregiudicare la loro capacità di reinserirsi nella società una volta fuori. All inizio di questo mese c è stato un ballo all Ik-3. Per l occasione la sala pranzo si è trasformata in un teatro e ha assunto un aspetto ordinato e festoso. Due detenute si sono occupate della musica. Le altre hanno ballato il cha-cha a coppie. Donne vestite da donne hanno danzato con donne vestite da uomini. E almeno in quest occasione chi ha commesso crimini minori ha ballato con criminali incallite, le borseggiatrici con le omicide: tutte però lo hanno fatto con grazia, con le proprie minigonne rosso fuoco. Immigrazione Il ministero dello Sviluppo facilita gli ingressi Porte aperte ai cervelli e agli esperti della formazione Per migliorare il clima degli investimenti e modernizzare il Paese, servono specialisti stranieri qualificati e investitori. Per favorire la loro mobilità nel paese, il governo ha deciso di semplificare in maniera radicale le procedure burocratiche EVGENIA PISMENNAJA DMITRI KAZMIN VEDOMOSTI I permessi di lavoro rilasciati su base annuale fanno ridere. Se oggi la prassi per assumere un dipendente straniero richiede dai 12 ai 23 mesi, presto ne basterà uno Tra le proposte varate dal ministero dello Sviluppo Economico russo per migliorare il clima degli investimenti, colpisce che al primo punto appaia la semplificazione delle procedure d immigrazione. «L obiettivo principale è quello di attirare nel paese i migliori cervelli», ha spiegato un funzionario del ministero. Si tratta non solo di quadri destinati a costituire la futura Città delle innovazioni, ma anche di personale destinato al settore della formazione, perché «non è possibile attuare alcuna modernizzazione senza poter contare su menti brillanti». Le proposte sono state elaborate dal Servizio federale dell immigrazione (Fms), afferma il consigliere del direttore dell Fms Oleg Artamonov. «Abbiamo già collaudato questo meccanismo con la Francia, con la quale la Russia ha firmato l accordo sulle preferenze nei confronti di specialisti altamente qualificati, dirigenti, relativi familiari e collaboratori», aggiunge. L abolizione delle limitazioni sul mercato del lavoro e il miglioramento del regime dei visti sono necessari - sostiene Artamov - per far confluire in Russia innovatori, investitori e persone in grado di importare tecnologie. Per queste categorie, i funzionari propongono di eliminare del tutto le quote per il rilascio dei permessi di lavoro e degli inviti per entrare nel Paese, abolendo completamente la richiesta d autorizzazione per l impiego di lavoratori stranieri, nonché la necessità di ratificare la loro assunzione presso l ente preposto all occupazione. Se oggi la prassi per formalizzare i documenti di un dipendente straniero richiede dai 12 ai 23 mesi, dopo i cambiamenti basterà non più di un mese, dichiara il rapporto presentato dal ministero dello Sviluppo economico. Adesso uno straniero può ottenere il permesso di lavoro per un anno, e per di più specificatamente in una regione (se lavora a San Pietroburgo, il permesso non gli consente di lavorare anche a Mosca). Il ministero propone di emettere un autorizzazione unica e di prolungarne la validità fino a tre anni o fino alla scadenza del contratto, introducendo gli stessi limiti temporali anche per i visti di lavoro. «I permessi di lavoro rilasciati agli stranieri su base annuale fanno ridere», dichiara un funzionario del governo. «Come del resto i passaporti, che hanno una validità quinquennale e sembrano addirittura una barzelletta. Ai nostri studiosi, in possesso di passaporti che scadono ogni cinque anni, gli Stati stranieri concedono visti della durata di 10 anni». «Che gli investimenti stranieri siano rallentati in una certa misura dalle barriere d immigrazione e che questa situazione influenzi le decisioni sugli investimenti, è un dato di fatto e lo confermano i giudizi dei nostri clienti», afferma Evgenij Rejzman, partner di Baker & McKenzie. I funzionari del ministero dello Sviluppo economico e del Servizio federale d immigrazione sperano di promuovere le modifiche in modo abbastanza veloce, per farle entrare in vigore a partire dal 1º gennaio del E, aggiunge Rejzman, «è necessario ampliare quanto più possibile la lista delle categorie di lavoratori non contingentate a favore dei manager e tecnici qualificati». it.rbth.ru/letters

9 RUSSIA OGGI SUPPLEMENTO REALIZZATO DA ROSSIYSKAYA GAZETA (RUSSIA) PER LA DISTRIBUZIONE CON NYT INTERNATIONAL WEEKLY Storia 05 Memoria / 1 Il 65 anniversario della vittoria sul nazifascismo I tradimenti delle democrazie Il 9 maggio si celebra la fine della seconda guerra mondiale. Uno dei punti più controversi del conflitto riguarda il patto Molotov-Ribbentrop: perché Stalin ritenne possibile stipulare un alleanza con Hitler e la Germania nazista? ALEKSANDR MEKHANIK SETTIMANALE EXPERT Comunque si giudichi il patto Molotov-Ribbentrop, si trattò di una scelta che rientrava nella logica di comportamento dei Paesi europei nei confronti della Germania nazista. I politici di tutta Europa, dalla Gran Bretagna alla Polonia, dalla Norvegia alla Grecia, assomigliavano a una banda di truffatori dove ognuno cercava di nascosto dall altro di mettersi d accordo con Hitler alle spese dei propri vicini. Per prima cosa, i socialisti e i liberali francesi, insieme ai conservatori e ai laburisti britannici e a tutti i loro colleghi europei tradirono la Repubblica spagnola, a capo della quale stavano i loro compagni socialisti e liberali, lasciandola in pasto ai fascisti tedeschi e italiani. L Unione sovietica fu l unica a prestare aiuto alla Spagna e fu proprio l aiuto russo a consentire alla Spagna di resistere tre anni. In seguito, sempre Inghilterra e Francia, insieme a Polonia e Ungheria, tradirono anche la Cecoslovacchia. In mezzo a questi due tradimenti, chiusero gli occhi pure sull Anschluss dell Austria. Cosa potevano aspettarsi dunque i dirigenti dell Unione Sovietica da simili giocatori se non l ennesimo tradimento? Già nel 1938 Jawaharlal Nehru scriveva: «Il fattore chiave della situazione nascente (in Europa a quei tempi, ndr) fu il ruolo degli stati cosiddetti democratici, soprattutto dell Inghilterra. Il governo britannico incoraggiava il fascismo e il nazismo ovunque e in ogni modo. Per quanto sorprendente, agì così anche quando ciò minacciava la sicurezza dell Impero britannico, tanto questo governo temeva il rafforzamento della vera democrazia e tanta era grande la sua simpatia di classe per i leader fascisti. Se il fascismo è riuscito a diffondersi e a diventare la forza dominante il mondo, lo deve in gran parte al governo britannico». Se questa situazione era evidente a Nehru nella lontana India, cosa dovevano pensare i leader sovietici? Pensavano che, proprio in virtù di queste simpatie di classe, le democrazie occidentali si sarebbero potute unire alla Germania contro l Unione Sovietica in qualsiasi momento. Probabilmente si trattava di Ex SS in marcia a Riga: vergognoso Il 16 marzo a Riga, in Lettonia, si è svolta l ennesima marcia dei veterani della legione lituana Waffen SS, come accade ormai dal Al corteo dei legionari si sono aggiunte organizzazioni nazionaliste e celebri politici lituani affini al movimento per posizione e spirito. Ogni anno cortei di questo tipo hanno un eco enorme in Lettonia e in altri Paesi. Il Ministero degli Esteri russo ha rilasciato una dichiarazione ufficiale definendo il corteo «un vergognoso raduno». Il presidente del comitato per gli Affari internazionali del Senato russo, Mikhail Margelov, ha inoltre affermato che «la marcia delle SS a Riga è uno schiaffo all intera umanità». Ha poi ricordato che durante il processo di Norimberga tutte le sottodivisioni delle Waffen-SS, senza eccezione, furono condannate in quanto organizzazioni criminali. ITAR-TASS paure esagerate, ma non certo campate in aria. Del resto, quando la Francia e l Inghilterra dichiararono guerra alla Germania dopo l invasione tedesca della Polonia lo fecero per scherzo. Non a caso questa guerra venne definita drôle de guerre, guerra buffa. Era proprio questo quel che temeva Stalin stipulando il patto con Hitler: sul fronte occidentale la guerra si sarebbe fatta per scherzo, mentre su quello orientale ci sarebbe stata per davvero. Inoltre, quando dopo un anno di guerra buffa scoppiò la guerra verra, si venne a sapere che non c era nessuno in Occidente ad avere previsto che si sarebbe combattuto per davvero.a quanto pare, lo stesso Stalin non poteva concepire questa situazione. Contava su una guerra lunga in Occidente e non voleva assolutamente ritrovarsi faccia a faccia da solo con Hitler. Non a caso, nonostante il patto stipulato, quando la Yugoslavia fu invasa dalla Germania, l Unione Sovietica cercò di prestarle soccorso.voleva fermare Hitler almeno su qualche fronte. Ma non fece in tempo. Oggi molti storici e politici dei nuovi Paesi sorti sulle macerie dell Unione Sovietica giustificano il fatto che gruppi armati locali, come gli insurrezionisti ucraini o i fratelli della foresta estoni, abbiano combattuto su due fronti - contro i nazisti e contro i comunisti - sostenendo che in quanto rappresentanti di popoli minori non potessero che opporsi alla tirannia e che le due Giugno 1945: soldati russi depongono bandiere naziste sulla Piazza Rossa come segno della vittoria su Hitler parti di quel conflitto di tiranni fossero equivalenti. Non è che un astuzia perché, nella maggioranza dei casi, questo tipo di gruppi si schierarono dalla parte dei nazisti e, solo giunti sull orlo della capitolazione, cercarono di costituire una parvenza di resistenza.abbiamo sotto gli occhi l esempio di un vero movimento di liberazione nazionale che, trovandosi in una situazione in qualche modo analoga, fece invece una scelta dignitosa:il Congresso nazionale indiano che, malgrado le deportazioni di massa e le esecuzioni sanguinarie perpetrate dalla Gran Bretagna, dichiarò sempre in maniera inequivocabile di considerare i nazisti la personificazione dell imperialismo e del razzismo. Memoria / 2 Il 65 anniversario della vittoria sul nazifascismo La Russia si divide sul ruolo di Stalin: despota o capo militare? Fu un eroe della guerra patriottica o un demone delle persecuzioni? Comincia da qui, da una domanda tragica segnata nella storia e nella memoria, la contraddizione della Russia di oggi che si interroga sul passato. E su una data: il 9 maggio 1945 MASSIMILIANO LENZI RUSSIA OGGI Un corteo di veterani russi per le vie di Mosca Il nostro viaggio fatto di passioni, divisioni, senso di identità, differenze - nel dibattito che anima la Russia del XXI secolo parte da quel nove di maggio sul calendario e lo sposta in avanti di 65 anni, all oggi quando - tra poche settimane - in Russia cadrà l anniversario della vittoria nella Grande Guerra Patriottica (per noi italiani il II Conflitto Mondiale) contro la Germania di Adolf Hitler. Mentre il Paese si sta preparando alle celebrazioni di un evento che ha comunque contrassegnato gli esiti della storia moderna, a Mosca e dintorni si discute da tempo sulla figura di Stalin, il capo di allora.volendo sintetizzare la domanda che ricorre è: il suo ruolo fu determinante nella vittoria contro il nazismo oppure i suoi orrendi delitti sono l unico segno della sua parabola terrena? Ed allora, è giusto celebrarlo come un eroe della II guerra mondiale? I russi, nelle memorie del loro sottosuolo e sulla pelle di molte persone che hanno avuto babbi, mamme, zie, parenti, amici, mogli, figli, portati nei gulag, arrivano a questo anniversario profondamente divisi. Il presidente Dmitri Medvedev, in più di un occasione, ha sottolineato che nulla può giustificare le milioni di vittime delle purghe di Stalin, aggiungendo che il ricordo degli immani crimini del dittatore sovietico non si può tacere. La memoria queste le parole del presidente russo - delle tragedie nazionali è sacra tanto ed è molto importante che i giovani siano capaci di provare compassione per una delle più grandi tragedie della storia russa. Una posizione, quella del presidente, condivisa anche dal suo partito, Russia Unita, lo stesso del premier Vladimir Putin. Per i comunisti di Zjuganov (il cui partito è all opposizione), invece, tutti i comandanti del fronte del 1945 riconobbero il talento militare di Stalin e non avrebbero mai immaginato una vittoria militare senza di lui. Su una cosa almeno i russi sembrano essere d accordo: la resistenza e la vittoria contro gli eserciti di Hitler si devono all eroismo quotidiano dei soldati e del popolo. Un punto di condivisione, questo, che non risparmia però il confronto sulla figura del dittatore sovietico, tenuto vivo anche dalla decisione, del comune di Mosca, poi ritirata, di far installare in vista ANDREY STENIN_KOMMERSANT del 65mo anniversario della vittoria del 9 maggio (dove, quest anno, per la prima volta alla parata militare sfileranno anche simbolici contingenti americani, inglesi e francesi) nella capitale foto e pannelli che ricordino lo Stalin della guerra. Nonostante il dietrofront sulla cartellonistica la Russia che dibatte e si divide su Stalin incarna il segno di una nazione che fa i conti con la propria identità e con un passato fatto di imperi, quello zarista prima e quello sovietico poi, sfociato nella decadenza brezneviana e nella fine dell Urss. Questa identità, nei primi anni Novanta, si era trovata stravolta dall avvento di un capitalismo selvaggio e dal trionfo di un modello occidentale verso il quale non c era stato neppure un minuto di adattamento. Anche per questo, oggi, nel 2010, capire il senso del dibattito su Stalin significa cercare di cogliere l identità verso cui si muove la Russia contemporanea. La destalinizzazione non c entra, i conti con quella seppur lentamente ed a singhiozzo la Russia ha cominciato a farli dai tempi di Nikita Krusciov ed oggi la critica dello stalinismo pare un sentire comune. La discussione sul dittatore sovietico e invece sul suo ruolo nella II guerra mondiale eroe o soltanto criminale? ed è un altra cosa, più profonda perché ha a che fare con l identità di un passato. Volendo spingersi in un paragone con l Italia, il dibattito russo di questi mesi rammenta, per certi versi, il rapporto - dopo la II guerra mondiale - tra gli italiani e la figura di Benito Mussolini. Con due differenze enormi: primo, Mussolini era fascista ed alleato di Hitler e, secondo, la guerra l aveva persa insieme alla vita. Detto questo, in Italia quando Renzo De Felice, uno storico laico e antifascista cominciò a scrivere la sua monumentale biografia di Mussolini, mettendoci dentro le luci IL SONDAGGIO Come guarda a Stalin? È LA DOMANDA POSTA ALLA POPOLAZIONE RUSSA IN VISTA DEI FESTEGGIAMENTI PER LA GIORNATA DELLA VITTORIA FONTE: LEVADA CENTER Nell arco di dieci anni, l atteggiamento della società russa nei confronti di Stalin è cambiato radicalmente: sono sempre più numerose le persone che guardano a lui con indifferenza. e non solo le ombre, apriti cielo! Gli antifascisti più intransigenti lo criticarono, nelle Università lo fischiavano e via discorrendo. Eppure De Felice, storiograficamente, aveva colto un dato: nella sua lunga parabola politica Mussolini non fu soltanto l alleato di Hitler ma molte altre cose, alcune della quali positive. Fu ed è volenti o nolenti un pezzo di storia italiana. In Russia in questi mesi sta succedendo il contrario: Stalin, che la II guerra mondiale l aveva vinta, comincia ad essere rivisto anche per quel che riguarda il suo contributo alla vittoria sul nazismo, dopo che in passato ai tempi dell Urss ante-krusciov era stato mitizzato e non soltanto dai comunisti sovietici. Che lo stalinismo sia stato un regime violento e criminale, è un dato. Il punto è che Stalin non fu soltanto quello ma incarna qualcosa di più complesso, fermi restando i suoi delitti. Su questo, laicamente, in Russia, stanno ragionando opinione pubblica compresa. Per conto nostro riteniamo sia impossibile, 65 anni dopo la sua fine, dire se la Guerra patriottica russa contro il nazismo sarebbe stata vinta anche senza Stalin alla guida dello Stato. Sì, no, forse? Di sicuro non sarebbe stata vinta senza l eroismo del popolo russo, i cui sacrifici non possono esser certo sminuiti dai delitti staliniani. Quanto al resto, come recita un antico proverbio italiano, con i se e con i ma non si fa la storia. Tutt al più si fa un dibattito. Repubblica NewYork

10 Opinioni 06 RUSSIA OGGI SUPPLEMENTO REALIZZATO DA ROSSIYSKAYA GAZETA (RUSSIA) PER LA DISTRIBUZIONE CON NYT INTERNATIONAL WEEKLY DISARMO, L ACCORDO RUSSIA-USA Fedor Lukjanov ANALISTA POLITICO Èmolto probabile che l accordo russo-americano per la riduzione delle armi strategiche offensive firmato l 8 aprile passi alla storia come l ultimo patto concluso secondo il modello della guerra fredda. L esito finale della maratona di trattative costituisce, appunto, un esempio di compromesso accettabile sia dal punto di vista militare che da quello politico. Infatti, ognuna delle parti può considerare l accordo un successo senza per questo contraddire le asserzioni analoghe della controparte. La Russia ha tutte le ragioni per affermare che il suo approccio concettuale ha avuto il sopravvento. Erano infatti diversi anni che Mosca esortavawashington a impegnarsi a stendere un accordo che sostituisse il trattato Start-1, ormai prossimo alla scadenza, al fine di preservare il sistema di controllo sugli armamenti nucleari le cui basi furono gettate negli Anni 70. Tuttavia, l amministrazione Bush aveva sempre ignorato le proposte del Cremlino cercando di evitare impegni che potessero limitare in alcun modo la libertà di azione degli Stati Uniti. Barack Obama, invece, oltre ad L intesa dell 8 aprile passerà alla storia come l ultimo patto concluso sul modello della Guerra Fredda accogliere la proposta russa, ha dato la massima priorità al raggiungimento di un accordo con la Russia. La sua entrata in vigore segnerà il rispetto di un livello minimo di trasparenza reciproca, assolutamente indispensabile per garantire un rapporto di fiducia minima. Per la Russia questo costituirà inoltre una prova dell importanza di Mosca sull arena internazionale. Per quanto si ironizzi sui resti dell impero sovietico, gli Usa non firmano con nessun altro stato accordi internazionali bilaterali basati sul principio di piena uguaglianza. Anche se i risultati immediati dell accordo stipulato sono abbastanza chiari, le prospettive a DISEGNO DI DMITRY DIVIN lungo termine del disarmo nucleare e delle relazioni russoamericane restano avvolte nell incertezza. Le aspettative della Casa Bianca, secondo cui il comportamento di Mosca e di Washington potrebbe servire da esempio per gli altri Stati nucleari, sono destinate a non avverarsi. Infatti, i motivi per i quali altri Stati aspiravano e aspirano tuttora ad acquisire un arsenale nucleare non hanno di fatto nulla a che fare con le relazioni tra la Russia e gli Usa. Si tratta di Paesi che devono risolvere problemi a livello regionale (India, Pakistan, Israele, Iran, Cina) oppure necessitano di un mezzo per contenere l espansione di un avversario ben più forte (Corea del Nord, Iran). Non solo, ma questa situazione potrebbe avere un effetto inverso. Se da un lato il disarmo delle superpotenze non è in grado di costringere gli altri Paesi a seguire il loro esempio, la presenza di arsenali relativamente piccoli in una serie di Paesi potrebbe bloccare il processo di disarmo russo-americano. Né gli Usa né la Russia possono permettersi di abbassarsi al livello di Paesi quali la Cina per volume dell arsenale militare. Il disarmo nucleare, qualora si voglia raggiungere seriamente questo obiettivo, è possibile solo attraverso la costituzione di un assetto internazionale qualitativamente diverso nel quale il contenimento, a livello globale e regionale, venga garantito da altri strumenti. A oggi questo assetto non esiste nemmeno in forma di progetto e i diversi Paesi continueranno a tutelare i loro interessi con gli strumenti tradizionali. I tempi in cui il Cremlino e la Casa Bianca avevano una tale autorità da costringere gli altri Paesi a fare quello che volevano sono caduti nell oblio insieme alla guerra fredda. L essenza delle relazioni russoamericane sta nella necessità di reagire, individualmente o congiuntamente, al crescente squilibrio di forze nel mondo, situazione in cui non solo la Russia ma anche gli Stati Uniti perdono il controllo sui processi in atto, a livello regionale prima che globale. In quest ottica, l approccio di Obama al disarmo russo-americano, visto non come fenomeno a sé stante, ma come strumento, è giusto. Il processo di disarmo a cui eravamo abituati dalla fine dagli anni 60 sta per terminare. Il format bilaterale non ha più senso. L idea di includere nelle trattative gli armamenti nucleari tattici, tema su cui oggi si fa un gran parlare, potrebbe provocare una nuova e assurda militarizzazione della discussione politica in Europa, senza contribuire alla creazione di un sistema di sicurezza stabile. Se tra alcuni anni la Russia e gli Usa si ricorderanno del trattato Start, significherà soltanto che gli acerrimi nemici di un tempo non sono riusciti a trovare un linguaggio comune su problematiche realmente scottanti e saranno costretti a resettare ancora una volta le relazioni. Il mio unico timore è che a quel punto tutte queste peripezie non susciteranno più l interesse internazionale e riguarderanno soltanto i partecipanti alle trattative. L autore è il direttore della rivista Rossija v globalnoi politike - La Russia nella politica globale LA COMUNE MINACCIA DEL TERRORISMO UNIAMOCI PER BATTERLA PERICOLO INSTABILITÀ Leonid Radzikhowski GIORNALISTA Le prime reazioni a un attentato terroristico sono prevedibili: confusione, paura e rabbia. Questa rabbia è spesso diretta non solo contro gli attentatori, ma verso il governo. Un attentato, quindi, è sempre un arma potente con profonde ripercussioni per la società: è questo il principale obiettivo degli attacchi psicologici. È impossibile nascondere l immagine di una strage impunita semplicemente con delle statistiche. Gli attentati terroristici dimostrano chiaramente la debolezza delle forze in campo e la vulnerabilità della gente. L obiettivo di un attentato è semplice: mostrare la forza dei terroristi e rendere l intera società una vittima. Anche la logica dei terroristi è semplice: tutto è lecito in guerra. Siamo più deboli in un combattimento diretto, per questo, quindi, portiamo l intero paese in una zona di guerra. È così che funziona il terrorismo in tutto il mondo. Sì, il terrorismo è davvero un fenomeno globale. È ugualmente chiaro che molti degli attentati sono opera di musulmani. Negare questo dato è tanto stupido quanto incolpare degli attentati i milioni di musulmani che invece vivono pacificamente in Paesi a predominanza cristiana. Ma è proprio questo che i terroristi vogliono: che tutti i musulmani siano etichettati come potenziali estremisti. C è chiaramente una mancanza di solidarietà nella lotta contro il terrorismo. I terroristi, al contrario, godono di questa solidarietà. Esiste infatti una rete mondiale del terrore ben organizzata. Questo sistema, entro il quale ci si riconosce per odore ideologico anche da lontano, gli permette di lavorare assieme e coordinarsi in maniera molto efficace. Esiste un internazionale del terrorismo di matrice estremista islamica. Che ci piaccia o no, allora, siamo tutti alleati degli Stati Uniti. In Afghanistan stanno combattendo anche in difesa dei nostri interessi. Proprio come nel Caucaso del Nord, noi difendiamo i loro. Dall altra parte, purtroppo, non esiste una coalizione anti-terrorismo. Cosa la impedisce? Profondi disaccordi politici e ideologici. Sebbene i dissidi tra Usa e Urss nel 1941 fossero più sostanziali degli attuali, la differenza è che all epoca si capiva che una minaccia comune unisce. Oggi quella consapevolezza manca a tutti. Allo stesso tempo sembra che le nostre ambiziose differenze ideologiche siano ormai definite. Non potrei enumerare le volte in cui ho ascoltato conversazioni idiote sulle forze occidentali dietro gli attentati terroristici. A essere onesti, tali voci sembrano aver perso di popolarità di recente. Ma non basta. Non vedere una minaccia comune e confondere i nemici potenziali con gli alleati è il modo migliore per perdere la guerra. In Russia abbiamo un unica visione del terrorismo. Siamo onesti, siamo convinti che terrorismo è ciò che accade in Russia. E concepiamo la Russia non come i territori all interno dei nostri confini, piuttosto tutti i territori eccetto il Caucaso del Nord. Nella mente di molti russi c è una linea di demarcazione tra il Caucaso del Nord e il resto della Russia. Solo attentati su scala impressionante come Beslan sono in grado di aprire un varco in questa percezione che caratterizza il nostro modo di pensare. Gli attentati normali che accadono quasi ogni giorno raramente vengono rilevati come qualcosa al di fuori dell ordinario nel nostro immaginario collettivo. Sì, c abbiamo fatto l abitudine e credo che gli abitanti di quella regione abbiano un atteggiamento simmetrico verso il resto della Russia. Ed è probabile che questi pensieri si ritorcano contro di noi come un boomerang. Radzikhovsky è editorialista della Rossiyskaya Gazeta Duccio Trombadori GIORNALISTA E SINDACALISTA Il tragico attentato alla metropolitana di Mosca eseguito da due donne kamikaze il 29 Marzo scorso non può essere considerato un episodio isolato ma il segnale d allarme di un più complesso gioco interno ed esterno alla Russia, diretto a indebolirne la immagine di paese normale raggiunta finora dal tandem di governo Putin-Medvedev. Il fatto che, a distanza di quasi sette anni da analoghi episodi criminali, l attacco terrorista sia accaduto a ciel sereno e che sia stato rivendicato da un tipo losco come quel Doku Umarov, il cosiddetto Emiro del Caucaso deciso ad esportare la guerriglia nel territorio russo in nome di Allah, non dice ancora tutto sul progetto di destabilizzazione in cui probabilmente s inserisce la violenza separatista-islamica. L infame massacro di civili effettuato nelle due principali stazioni del metrò di Mosca (Piazza Lubianka e Gorky Park) sembra intenzionato piuttosto a mostrare ai russi la impotenza dello Stato di fronte alla geometrica potenza degli attentatori. La scioccante sensazione di vulnerabilità che si è diffusa nella opinione pubblica tende a inficiare da una parte l efficace politica della forza seguita finora da Mosca nei confronti delle violenze indipendentiste del Caucaso, mentre dall altra impone ai governanti una più incisiva repressione con l esigenza di irrigidire gli apparati di sicurezza e il controllo antiterrorista. Il rischio conseguente di una eventuale riduzione dei già fragili spazi di democrazia nella Federazione russa potrebbe così concorrere di fatto a mettere in crisi la produttiva intesa politica, tuttora in piedi, tra i tecnocrati-modernizzatori alla Medvedev e la nomenclatura statale degli uomini di Putin (i cosiddetti siloviki ). Alla rottura di questo equilibrio di potere - con l avvicinarsi delle prossime elezioni presidenziali, previste per il guardano con evidente interesse tutte le forze di opposizione, a partire dall ex campione di scacchi, Garry Kasparov, il quale dopo l attentato ha subito insinuato il possibile ruolo svolto dai servizi segreti in una sorta di strategia della tensione finalizzata a reprimere e far tacere il crescente malcontento popolare. Ma certe accuse sono paragonabili solo alle inconsistenti dicerie di chi dopo l 11 Settembre 2001 giunse ad adombrare il coinvolgimento dei servizi Usa nell attacco alle Due Torri di New York. Ben altro è invece lo scenario in cui si inserisce la mano occulta del terrorismo a impronta islamica nel momento in cui la Federazione Russa, dopo avere rischiato l anarchia e il collasso economico sotto il dominio di Boris Eltsin, è tornata con Putin a dare più forza allo Stato e ad assumere un ruolo di primo piano nella politica internazionale. Non è d altra parte un segreto per nessuno che la tormentata area del Caucaso (Georgia, Cecenia, Daghestan,Azerbaijan) è al centro di un big game intensificato dalle diverse rotte di politica energetica che mettono alla prova interessi vitali del mondo occidentale in una competizione strategica tra Europa, Russia e Usa. In un simile contesto, che va dalle frontiere mediterranee dell Europa fino ai confini dell Afghanistan, si inseriscono le tendenze dell islamismo più aggressivo che nelle crepe della politica russa individuano il ventre molle di cui approfittare soffiando sul fuoco di ogni possibile contrasto esistente tra Mosca e i suoi interlocutori occidentali.anche per questo l attentato del 29 Marzo lascia prevedere una situazione di pericolosa instabilità non limitata ai confini della Federazione Russa. Un grande vecchio del terrorismo come Bin Laden sembra per ora dormire sonni tranquilli, ma non è improbabile che pensi di nuovo a far parlare di sé. Duccio Trombadori è un giornalista e sindacalista italiano

11 RUSSIA OGGI SUPPLEMENTO REALIZZATO DA ROSSIYSKAYA GAZETA (RUSSIA) PER LA DISTRIBUZIONE CON NYT INTERNATIONAL WEEKLY Opinioni 07 RUSSIA E POLONIA PIÙ VICINE DOPO LA SECONDA TRAGEDIA DI KATYN Dmitri Babich ANALISTA POLITICO La recente catastrofe con lo schianto dell aereo del presidente polacco Lech Kaczynski, avvenuto non lontano dall aeroporto di Smolensk nei pressi di Katyn dove sono sepolti i resti di più di 4mila ufficiali polacci fucilati dagli stalinisti nel 1940, ha provocato, inaspettatamente, un disgelo nelle relazioni tra Russia e Polonia. Il riavvicinamento ha colto un po tutti di sorpresa, i semplici cittadini come gli esperti. Sino a oggi, infatti, gravi tragedie come la guerra in Cecenia non avevano suscitato particolari solidarietà. Stavolta invece assistiamo a un reale disgelo... Nelle prime ore dopo l incidente sembrava che tutto andasse come al solito, e cioè male. Il membro della Dieta polacca Artur Gorski aveva definito l incidente come una nuova Katyn e i maggiori osservatori russi, di conseguenza, avevano visto nella tragedia avvenuta nella foresta di Smolensk l inizio di una nuova ondata di odio tra i due popoli. Sorprendentemente però sul luogo della tragedia si è recato immediatamente Vladimir Putin, spesso definito dai mass media polacchi, ma anche dallo stesso Presidente polacco deceduto, un ex agente del Kgb. Successivamente, prima centinaia e poi migliaia di cittadini russi hanno cominciato a portare fiori all ambasciata polacca a Mosca. Non solo: il presidente russo Dmitri Medvedev, che Kaczynski aveva sempre rifiutato di incontrare prima della sua visita ufficiale a Varsavia, ha dichiarato una giornata di lutto in Russia in memoria delle persone decedute nello schianto dell aereo presidenziale polacco. Ai polacchi è sembrato normale, quindi, ricambiare l attenzione e l hanno fatto a modo loro, in maniera emozionale, e con gesti significativi. Molti di quelli noti per avere spesso espresso sui giornali nazionali posizioni critiche nei confronti della Russia hanno cambiato tono, esprimendo, oltre alla riconoscenza, la più sincera aspirazione non solo all amicizia, ma addirittura alla comunione con i russi. «Fa piacere scoprire un volto umano in persone che non pensavi potessero averne uno», ha scritto nel blog del giornale Gazeta Wyborcza un lettore polacco. Questa frase commovente riflette un problema importante. Per molti anni i media polacchi hanno demonizzato la Russia, forse più di quanto lo abbiano fatto i media di qualsiasi altro Per anni i media di Varsavia hanno demonizzato Mosca e viceversa. Ma qualcosa è cambiato stato europeo, ad eccezione dell Estonia e della Lettonia. La tv e i giornali polacchi hanno presentato la Russia come un Paese dove le uniche persone oneste sembravano essere quelle dell organizzazione Memorial, la maggior parte della popolazione era spaventata da parte dei servizi segreti, mentre gli unici politici non corrotti facevano parte della radicale opposizione fuori il sistema. Analogamente, negli ultimi anni, i media russi hanno preferito scrivere della Polonia solo in relazione al mancato collocamento sul suo territorio dello scudo antimissile americanoo altre cose di questo genere. Si è creatocosì un effetto distorto tra la realtà e le aspirazioni delle persone all amicizia da una parte e il mondo della politica, dei mass media e della diplomazia dall altra. Proprio per questo il comportamento di Putin, assolutamente normale dopo il disastro aereo, ha suscitato in Polonia vero stupore. La stampa polacca, infatti, l aveva sempre descritto come un calcolatore politico pericoloso, furbo e disumano. Con una certa meraviglia i polacchi si sono resi conto che la questione della fucilazione degli ufficiali polacchi a Katyn non è più un tabù, in Russia, fin dal 1990 e che i russi compatiscono le vittime polacche delle repressioni staliniane, in quanto loro stessi sono stati vittime delle stesse repressioni. Quelli che negano in Russia l eccidio di Katyn sono una minoranza, come pure in minoranza sono le persone che negano, in Germania, l Olocausto e, magari, esprimono le loro dicerie soprattutto su internet. Essenzialmente la maggioran- za dei russi sono persone oneste e buone.tuttavia la stampa polacca non aveva mai parlato di questa maggioranza, preferendo dedicarsi alle lungaggini burocratiche relative all indagine della causa di Katyn presso la Procura generale militare. Come hanno dimostrato i recenti eventi, in realtà, la maggioranza dei polacchi e dei russi desiderano avere buoni rapporti. Contro la riconciliazione lavora attivamente soltanto una minoranza aggressiva. Purtroppo la maggioranza è inerte e si mobilita solo in momenti drammatici come, ad esempio, il disastro aereo. Al contrario, la minoranza aggressiva è sempre in azione, grazie anche a un facile accesso ai media e alla Duma russa o alla Dieta polacca. Nelle biblioteche di queste minoranze vengono custoditi migliaia di volumi di opere antirusse e antipolacche scritte da persone come lo storico americano Richard Pipes o il poeta russo Stanislav Kuniaev. Come ci insegna l esperienza del 2001, quando gli atti terroristici negli Usa provocarono una viva compassione dalla parte dei russi, i fiori lasciati alla porta dell ambasciata polacca non possono garantire un miglioramento dei rapporti a lungo termine. Passeranno alcuni giorni e la maggioranza benevola si immergerà di nuovo nella vita quotidiana fatta di lavoro, educazione dei figli e di altre cose normali del menage domestico. Ma la minoranza aggressiva non si placherà.anzi sta già lavorando sulle teorie del complotto e cerca errori nel comportamento di Putin e Medvedev. Si è anche indignata quando inizialmente il presidente russo aveva detto che il 18 aprile avrebbe partecipato ai funerali del suo omologo che l aveva spesso criticato. Sarà difficile combattere la minoranza, ma il primo passo, grazie a Dio, è stato fatto. La maggioranza benevola ha dimostrato la forza, almeno per alcuni giorni. Il deputato Gorski ad esempio si è scusato, alcuni giorni dopo, per le parole che aveva indirizzato alle autorità russe spiegando che parlava sotto l effetto di forte disperazione e angoscia. L autore è editorialista dell agenzia di stampa russa Ria Novosti IN FILA PER IL MIO SOGNO ITALIAN0 Niva Mirakyan STUDENTESSA Vivrò e studierò in Italia! Quando mi sono decisa a pronunciare ad alta voce questa frase, ho provato tutto un insieme di emozioni possibili e immaginabili: dall entusiasmo al panico, dalla commozione allo sbalordimento e in qualche misura anche l indignazione. Benché io non abbia mai avuto dubbi sulla decisione di trasferirmi in Italia, che era direttamente legata a piacevoli circostanze della mia vita, ugualmente, nella mia testa moscovita, continuavano a girare domande alle quali in quel momento non riuscivo a trovare una risposta. Ciononostante vivo in Italia già, o soltanto, da sei mesi, dipende da come si vuole misurare Malgrado precedentemente fossi stata molte volte in Italia, e in generale mi fossi già formata una certa impressione sul modo di vivere, il mondo e la cultura di questo popolo ospitale e veramente caldo, prima non avevo mai avuto a che fare con la famosa macchina burocratica italiana, la quale funziona in base a regole e leggi note solamente ad essa stessa e a una velocità decisamente rilassata. Tutto è cominciato con la consegna dei documenti per avere il permesso di soggiorno. Qualsiasi straniero, che non sia cittadino di uno Stato comunitario, deve entro otto giorni depositare all esame delle autorità italiane un pacchetto di documenti abbastanza massiccio. Per presentare questi documenti bisogna prima di tutto andare all ufficio postale per prendere i moduli speciali. Non basta però semplicemente andarci: devi prima capire in quale ufficio delle poste italiane e a quale sportello specifico di questo ufficio reperire questi documenti. Per rispondere a tutte queste domande, potrebbe non bastare una mezza giornata. Grazie, forse, alla mia buona sorte, sono finalmente riuscita a trovare lo sportello postale specifico. A quel punto, ho cercato di spiegare in una miscela inimmaginabile di italiano, inglese e linguaggio gestuale che cosa mi servisse in sostanza e soprattutto perché. Nel mio caso l inizio non è stato per niente semplice. La signora dello sportello, molto probabilmente non troppo amante di potenziali immigrati e anzi infastidita, mi ha buttato in faccia la busta brontolando qualcosa a denti stretti. Mi sono sentita riempita di un sentimento vicino alla disperazione, ma mi sono convinta che la signora fosse semplicemente di cattivo umore e che il problema non fossi io. Ritornata a casa per compilare tutti i moduli, che per ragioni incomprensibili sono disponibili solo in lingua italiana, dopo un ora o due sono ritornata alle Poste. Stavo già per avvicinarmi allo sportello, ma proprio quando toccava a me è iniziata la pausa pranzo che in Italia, per ragioni puramente nazionali e tradizionali, dura più di un ora. La pausa pranzo, come qualsiasi pasto in genere in Italia, è un rito importante che nessuno mai salta o rimanda. Sotto questo aspetto gli italiani sono quanto mai disciplinati. Dopo il lungo intervallo ritorno di nuovo alle Poste (per la terza volta nell arco di una giornata) in uno stato leggermente depresso e, tra me e me, preparata a un nuovo round di scontro con la signora dello DISEGNO DI IGOR DEMKOVSKY L Italia è un Paese del Sud. Qui devi prima di tutto finire nell anima, in qualche modo toccarla sportello. Con mia grande sorpresa, invece di un nuovo atto di resistenza e ostilità, la signora stavolta sfoggia un affabile quanto inaspettato sorriso. Forse ha apprezzato la mia insistenza e il desiderio incrollabile di arrivare alla parola fine. La signora, quindi, accetta i documenti senza alcun problema o eccessivi cavilli. Il nostro scontro iniziale si è trasformato in un incontro tra buoni amici, anche se di veloce conoscenza. Il ghiaccio si è sciolto senza lasciare traccia Uscita dall ufficio postale ho provato una sensazione strana ma deliziosa. Che ha cambiato radicalmente il mio stato d animo. E mi sono sentita un soldato che ha finalmente vinto la sua battaglia! Questa storia non ha fatto altro che convincermi che in Italia il contatto emotivo tra le persone ha probabilmente un importanza nodale nella risoluzione dei problemi, in particolare quelli burocratici. L Italia è una nazione del Sud, e l interazione asettica, affaristica, non è molto ben vista. Gli italiani non ci trovano gusto, perché non li anima e non li commuove. Qui, diversamente dai paesi del Nord europeo, devi prima di tutto finire nell anima, toccare in qualche modo. Gli italiani devono prima assaggiarti per poi decidere come trattarti: giustiziarti o graziarti. L autrice frequenta un master presso la Luiss Guido Carli IL PRESENTE INSERTO DI OTTO PAGINE È STATO REALIZZATO E PUBBLICATO DALLA ROSSIYSKAYA GAZETA (RUSSIA), CHE SI ASSUME LA PIENA RESPONSABILITÀ DEI CONTENUTI. INDIRIZZO WEB: TEL.: +7 (495) FAX: +7 (495) INDIRIZZO POSTALE: 24 ULICA PRAVDY, 4-12 PIANO, MOSCA, RUSSIA, EVGENY ABOV: DIRETTORE ED EDITORE; SVETLANA SMETANINA: CAPOREDATTRICE; VLADISLAV KUZMICHEV: RESPONSABILE DELLA PAGINA D ECONOMIA; SERGEI TSEYTLIN: REDATTORE (ITALIA); MASSIMILIANO LENZI: GUEST EDITOR (ITALIA); ANDREI SHIMARSKY: ART DIRECTOR; SVETLANA TAYLOR: RESPONSABILE DEL DESK FOTOGRAFICO; NICOLAI KOROLEV: PHOTO EDITOR; MILLA DOMOGATSKAYA: DIRETTORE DI PRODUZIONE; IRINA PAVLOVA, ILIYA OVCHARENKO: IMPAGINAZIONE. LA VERSIONE ELETTRONICA DEL PRESENTE INSERTO È DISPONIBILE SU VERSIONE ELETTRONICA A CURA DI: VSEVOLOD PULYA. PER USUFRUIRE DI UNO SPAZIO PUBBLICITARIO SULL INSERTO, CONTATTARE LA RESPONSABILE DELLA PUBBLICITÀ, JULIA GOLIKOVA AL SEGUENTE INDIRIZZO COPYRIGHT 2010, SPA ROSSIYSKAYA GAZETA. TUTTI I DIRITTI RISERVATI. ALEXANDER GORBENKO: DIRETTORE GENERALE; VLADISLAV FRONIN: CAPOREDATTORE CENTRALE. SONO VIETATE LA COPIA, LA DISTRIBUZIONE E LA RIPRODUZIONE DELLA PUBBLICAZIONE O DI UNA PARTE DELLA STESSA SENZA PREVIA AUTORIZZAZIONE SCRITTA DI ROSSIYSKAYA GAZETA, QUALORA QUESTE NON SIANO DA INTENDERSI A USO PRIVATO. PER RICHIEDERE L AUTORIZZAZIONE A RIPRODURRE O COPIARE UN ARTICOLO O UNA FOTO, UTILIZZARE IL SEGUENTE NUMERO DI TELEFONO: +7 (495) O IL SEGUENTE INDIRIZZO LE LETTERE ALL EDITORE, GLI ARTICOLI DEI REDATTORI ESTERNI O LE VIGNETTE CHE RIENTRANO NELLA CATEGORIA OPINIONI, PUNTI DI VISTA O COMMENTI, VENGONO SELEZIONATE IN MANIERA DA FORNIRE UN VENTAGLIO DI POSIZIONI E DA RISPECCHIARE IL PENSIERO DELL AUTORE O DELL ARTISTA. LE LETTERE INVIATE AL GIORNALE PER LA PUBBLICAZIONE DEVONO ESSERE INOLTRATE VIA ALL INDIRIZZO OPPURE INVIATE VIA FAX AL SEGUENTE NUMERO: +7 (495) RUSSIA OGGI DECLINA OGNI RESPONSABILITÀ IN MERITO A MANOSCRITTI E FOTO NON COMMISSIONATI RUSSIA OGGI INTENDE FORNIRE AI LETTORI UNA FONTE D INFORMAZIONE AFFIDABILE PER UNA MIGLIORE COMPRENSIONE DELLA RUSSIA TUTTI GLI ARTICOLI E LE LETTERE PUBBLICATE NELLA RUBRICA OPINIONI NON NECESSARIAMENTE RISPECCHIANO LA POSIZIONE E IL PUNTO DI VISTA DELLA DIREZIONE DELLA ROSSIYSKAYA GAZETA E DI RUSSIA OGGI Repubblica NewYork

12 Cultura 08 RUSSIA OGGI SUPPLEMENTO REALIZZATO DA ROSSIYSKAYA GAZETA (RUSSIA) PER LA DISTRIBUZIONE CON NYT INTERNATIONAL WEEKLY Danza La prima ballerina Zakharova sarà la protagonista di Giselle e Il lago dei cigni Il Bolshoi torna in Italia con due storici capolavori Il celebre corpo di ballo sarà in tournée dal 14 al 26 maggio. Intanto il Grande Teatro moscovita si trova al bivio tra avanguardia e tradizione. ELENA FEDORENKO RUSSIA OGGI ANDREI MELAGNIN _DALL UFFICIO STAMPA DEL BOLSHOI Vladimir Vasilev compie settant anni Gli spettatori italiani vedranno il balletto Giselle messo in scena dal leggendario ballerino e coreografo Vladimir Vasilev che questo mese ha festeggiato il suo settantesimo compleanno. Per cinquant anni la sua vita è stata legata alla grande ballerina Ekaterina Maximova, venuta a mancare l anno scorso. Il famoso balletto Anjuta, frutto di una loro collaborazione e messo in sa più importante è stata un altra mossa inaspettata della direzione del teatro: sono stati invitati a collaborare contemporaneamente cinque direttori d orchestra, i più famosi in Russia. Aleksandr Lazarev,Teodor Currentzis, Vladimir Jurovski, Kirill Petrenko e Vasili Sinajski hanno firmato contratti nei quali sono indicate le loro prime, gli spettacoli e i concerti, ma in cui si nega loro il po- scena da Vasilev nel 1986 fu premiato in Italia come miglior spettacolo di danza. L Italia costituisce di per sé un paese e un atmosfera di particolare rilevanza per Vasilev. In Italia il maestro ha lavorato per lungo tempo e attualmente intende mettere in scena un balletto ispirato a eventi reali che ebbero luogo a Napoli alla fine del XVI secolo. La prima ballerina Svetlana Zakharova durante uno spettacolo di danza A giudicare dalla scelta stessa del repertorio, la tournée italiana del Bolshoi è senza dubbio destinata al successo: allo spettatore viene offerto il repertorio d oro dei brani classici collaudato nel tempo. Il cartellone si apre con Il lago dei cigni, che sin dalla sua prima nel 1895 continua a essere simbolo inconfondibile del balletto russo. Il secondo spettacolo che verrà presentato al pubblico italiano, Giselle, ha esordito ancora prima ma è ancora nei cuori degli spettatori. In entrambi gli spettacoli, la parte principale sarà interpretata dalla prima ballerina del Bolshoi Svetlana Zakharova, la prima tra le danzatrici russe ad aver ricevuto il titolo di diva al teatro La Scala. Il fatto che il Bolshoi porti in Italia due capolavori storici è in perfetta sintonia con l attuale programma della stagione del balletto che punta sui classici. Il coreografo Aleksei Ratmanski, che ha firmato un contratto con l American Ballet Theatre, è stato sostituito da Yuri Burlaka, conoscitore delle più antiche coreografie.yuri, restauratore più che compositore, ha di recente messo in scena l antica piece Esmeralda. Tornato al teatro, ha presentato la sua versione dell allegro balletto classico Precauzione inutile. A breve torneranno in cartellone il Romeo e Giulietta di Grigorovich e il Petrushka, tributo ai 100 anni delle stagioni russe di Sergei Diaghilev. La stagione terminerà con la miniatura Il giovane uomo e la morte di Roland Petit. Gli zelanti assertori delle tradizioni possono tirare un sospiro di sollievo. La serenità però non durerà a lungo, visto che la stagione si preannuncia all insegna della sperimentazione e in contrasto con quella attuale. Sono previste le prime russe di Forsythe, Kylián, McGregor, le prime mondiali dell Apocalisse dell avanguardista Angelin Preljocaj e il balletto Illusioni perdute di Leonid Desjatnikov nella coreografia di Aleksei Ratmanski. È stato il compositore Leonid Desyatnikov a ricevere, sei mesi fa, la carica di direttore musicale del Bolshoi. Ma la sorpretere di prendere decisioni sulla politica del teatro in merito a personale e repertorio. Fino a oggi ha avuto la meglio Teodor Currentzis, che ha messo in scena l opera Wozzeck di Alban Berg, prima assoluta a Mosca. L opera è ambientata in una metropoli moderna, in cui chiunque è a rischio di diventare folle. Le parti principali, però, sono state interpretate ancora una volta da solisti stranieri. La compagnia d opera è uno dei punti dolenti del teatro e deve essere letteralmente ricostituita. L esperienza internazionale dei teatri senza organico fisso non ha alcuna applicazione pratica nel caso del Bolshoi. Il futuro di questo istituto culturale è legato al teatro di repertorio con stelle e personalità di rilievo. Oggi, finalmente, lo hanno riconosciuto e hanno aperto l iscrizione al Programma lirico giovanile, che diventerà una specie di fucina per futuri ballerini del teatro. In marzo è stato messo in scena un altro spettacolo atipico per il Bolshoi: per la prima volta è stato presentato Il pipistrello, operetta di Strauss. Il programma dei prossimi mesi, invece, comprende il Don Giovanni di Mozart e Il gallo d oro di Rimskij-Korsakov. LA TOURNÉE Il lago dei cigni : Bari, maggio; Parma, Giselle : Modena, maggio. Il libro L ultimo romanzo della Ulitskaya Storia vera di Daniel, l orfano ebreo che diventò frate È una relazione pericolosa, quella tra biografia e romanzo, perché di solito seguono strade diverse: una la ricerca di prove testimoniali, l altra la libertà del pensiero creativo. Ma nel nuovo libro di Ludmila Ulitskaya Daniel Stein, traduttore (ed. Bompiani, 558 pagine, 22,00), biografia e romanzo sono due compagni dello stesso viaggio. DANIELA PIZZAGALLI RUSSIA OGGI Conoscere una persona di eccezionale carisma è sempre una grande avventura dell anima, se poi si è scrittori è inevitabile il desiderio di trasformare l esperienza in un libro per condividerla con i lettori. È quello che è accaduto a Ludmila Ulitskaya quando ha incontrato padre Osvald Daniel Rufeisen. La scrittrice russa, notissima a livello internazionale e molto apprezzata anche in Italia, tanto che nel 2008 il suo romanzo Sinceramente vostro, Surik vinse il premio Grinzane Cavour, conduce una personale battaglia contro l intolleranza e l ignoranza: ha iniziato a scrivere romanzi dopo i quarant anni, dopo aver dovuto interrompere la sua carriera di ricercatrice di genetica presso l Università Lomonosov di Mosca perché accusata di diffondere libri proibiti. Istintivamente affine a quanti si battono per valori superiori e universali, rimase profondamente colpita da Rufeisen quando lo incontrò in Russia nel 1992 in occasione del cinquantenario dell attacco nazista al ghetto di Emsk. In 300 si salvarono proprio grazie a Rufeisen, allora giovane orfano assoldato come interprete dai tedeschi che ignoravano fosse ebreo. Li avvertì dell attacco, ma fu scoperto e arrestato. Riuscì a evadere fortunosamente e trovò rifugio in un convento di suore dove si convertì al cattolicesimo. Persuasosi di essere stato salvato per dedicare agli altri la sua nuova vita, si fece frate carmelitano e dopo la guerra si trasferì in Israele per divulgare l ecumenismo profetico della chiesa giudaicocristiana delle origini. La storia di padre Daniel, morto nel 1995, era già tanto romanzesca da fornire materiale strepitoso per delineare non solo un indimenticabile figura di protagonista, ma inedite prospettive sui difficili intrecci della questione mediorientale.tuttavia la Ulitskaya aveva in mente e in cuore qualcosa di più: raccontare la forza di una spiritualità onnicomprensiva, antica come NATALIA KOLESNIKOVA_PHOTOXPRESS Ludmila Ulitskaya, premio Grinzane Cavour 2008 la creazione, genuina come una fonte. «Era un uomo che viveva alla presenza di Dio», scrive l autrice ricordando l ingresso di padre Daniel in casa sua, quando riempì all improvviso tutto lo spazio intorno a sé nonostante l aspetto mingherlino e dimesso. Da allora ha cercato di raccogliere più informazioni che potesse su di lui, inanellando corrispondenze e viaggi per interpellare chi lo aveva conosciuto e da esse ha tratto ispirazione per un romanzo epistolare a più voci, in cui tanti personaggi diversissimi tra loro - alcuni realmente esistenti come il fratello di Daniel, altri di fantasia, come un impareggiabile assistente - raccontano la propria vita trasformata dall incontro con Daniel Stein (nel libro il nome è stato modificato per rispettare la libertà narrativa) in una presa di coscienza a volte scomoda e conflittuale, ma sempre illuminante. In Italia, dove al momento prevale la cultura della polemica, il romanzo potrà suscitare diatribe per la parte vaticana della storia: nel 1984 Rufeisen fu convocato a Roma dal prefetto della Sacra congregazione per la dottrina della fede in seguito a denunce di suoi atteggiamenti eretici, come l omissione del Credo nelle sue messe perché secondo lui di matrice ellenistica e quindi estraneo alle originali concezioni giudaico-cristiane. Il prefetto, descritto come «asciutto, senza emozioni e assai erudito», era l allora cardinale Joseph Ratzinger. Se allora la protezione di Giovanni Paolo II, amico di Rufeisen da quando erano entrambi giovani sacerdoti in una parrocchia di Cracovia, lasciò indenne il carmelitano, nel 1995, al rinnovarsi delle accuse, gli fu interdetta la Messa. Ma padre Daniel non lesse mai la comunicazione, perché nel frattempo era morto. Per la vostra pubblicità su questo inserto mettetevi in contatto con Julia Golikova ph. +7 (495)

13 MONDAY, APRIL 26, 2010 V By NEIL MacFARQUHAR The idea of giving small loans to poor people has become the darling of the development world, hailed as the long elusive formula to propel even the most destitute into better lives. Muhammad Yunus, the economist who pioneered the practice by lending small amounts to basket weavers in Bangladesh, won a Nobel Peace Prize for it in The idea even got its very own United Nations year in But some of its biggest proponents are now dismayed over the direction it has taken. Drawn by the prospect of hefty profits, a raft of banks and financial institutions now dominate the field, with some charging interest rates of 100 percent or more. We created microcredit to fight the loan sharks; we didn t create microcredit to encourage new loan sharks, Mr. Yunus recently said at a gathering of financial officials at the United Nations. Microcredit should be seen as an opportunity to help people get out of poverty in a business way, but not as an opportunity to make money out of poor people. Interest rates vary widely across the globe, but the ones that draw the most concern tend to occur in countries like Nigeria and Mexico, where the demand for small loans from a large population cannot be met by existing lenders. They call it social investing, but nobody has a definition for social investing; nobody is saying, for example, that you have to make less than 10 percent profit, said Chuck Waterfield, who runs mftransparency.org, a Web site that promotes transparency and is financed by big microfinance investors. The microfinance industry, with over $60 billion in assets, has unquestionably outgrown its charitable roots. Elisabeth Rhyne, who runs the Center for Financial Inclusion, said in Congressional testimony this year that banks and finance firms served 60 percent of all clients. Nongovernmental organizations served 35 percent of the clients, she said, while credit unions and rural banks had 5 percent. Private capital first began entering the microfinance arena about a decade ago, but it was not until Compartamos, a Mexican firm that had begun as a tiny nonprofit organization, generated $458 million through a public stock sale in 2007, that investors fully recognized the potential for a windfall, Big Banks and Microfinance Banks and finance firms, rather than nonprofit groups, serve the majority of microfinance clients. Make-up of microfinance institutions: BANKS AND 39% FINANCE FIRMS 60% 36% 25% Source: Center for Financial Inclusion NON- GOVERNMENTAL GROUPS CREDIT UNIONS AND RURAL BANKS Serve this percentage of the clients: 35% 5% THE NEW YORK TIMES experts said. Although the Compartamos founders pledged to plow the money back into development, analysts say the high interest rates and healthy profits of Compartamos, the largest microfinance institution in the Western MONEY & BUSINESS Microloan Borrowers Increasingly Find the Price Is Too High Elizabeth Malkin contributed reporting from Mexico City. Hemisphere with 1.2 million active borrowers, push up interest rates all across Mexico. According to the Microfinance Information Exchange, a Web site known as the Mix, where more than 1,000 microfinance companies worldwide ADRIANA ZEHBRAUSKAS FOR THE NEW YORK TIMES You can get so caught up in work that there is no time to go fill out paperwork in another place. MARIA VARGAS, a T-shirt factory owner in Mexico City. JANE HAHN FOR THE NEW YORK TIMES That is not O.K. by me. It is not fair. They should give you the full money. ANITA EDWARD, a hair salon owner in Nigeria who was required to keep part of her $666 loan in a savings account while she paid interest on all of it. report their own numbers, Compartamos charges an average of nearly 82 percent in interest and fees. The site s global data comes from In Mexico City, Maria Vargas has borrowed from Compartamos over 20 years to expand her T-shirt factory. She is hazy about what interest rate she pays, though she considers it high. The interest rate is important, but to be honest, you can get so caught up in work that there is no time to go fill out paperwork in another place, she said. After several loans, now a simple phone call to Compartamos gets her a check the next day, she said. Occasionally, interest rates spur political intervention. In Nicaragua, President Daniel Ortega, outraged that interest rates there were around 35 percent in 2008, announced that he would back a microfinance institution that would charge 8 to 10 percent, using Venezuelan money. There were scattered episodes of setting aflame microfinance branches before a national We re not paying campaign erupted, which was believed to be mounted secretly by the Sandinista government. After the courts stopped forcing small borrowers to repay, making international financial institutions hesitant to work with Nicaragua, the campaign evaporated. Like Mexico, Nigeria attracts scrutiny for high interest rates. One firm, LAPO, Lift Above Poverty Organization, has raised questions, particularly since it was backed by prominent investors like Deutsche Bank and the Calvert Foundation. LAPO, considered the leading microfinance institution in Nigeria, engages in a contentious industry practice sometimes referred to as forced savings. Under it, the lender keeps a portion of the loan. Proponents argue that it helps the poor learn to save, while critics call it exploitation since borrowers do not get the entire amount up front but pay interest on the full loan. LAPO collected these so-called savings from its borrowers without a legal permit to do so, according to a report by Planet Rating, an independent Paris-based firm that evaluates microlenders. It was known to everybody that they did not have the right license, said Emmanuelle Javoy, Planet Rating s managing director. Under outside pressure, LAPO announced in 2009 that it was decreasing its monthly interest rate, Planet Rating noted, but at the same time compulsory savings were quietly raised to 20 percent of the loan from 10 percent. So, the effective interest rate for some clients actually leapt to nearly 126 percent annually from 114 percent, the report said. The average for all LAPO clients was nearly 74 percent in interest and fees, the report found. Anita Edward, 30, says she has borrowed money three times from LAPO for her hair salon, Amazing Collections, in Benin City, Nigeria. The money comes cheaper than other microloans, and commercial banks are virtually impossible, she said, but she resents the fact that LAPO demanded that she keep $100 of her roughly $ month loan in a savings account while she paid interest on the full amount. That is not O.K. by me, she said. It is not fair. They should give you the full money. The loans from LAPO helped her expand from one shop to two, but when she started she thought she would have more money to put into the business. The overriding question facing the industry, analysts say, remains how much money investors should make from lending to poor people, often at interest rates that are hidden. You can make money from the poorest people in the world is that a bad thing, or is that just a business? asked Mr. Waterfield. At what point do we say we have gone too far? Europe Wants Timber That Follows the Rules By LIZ GOOCH TEMERLOH, Malaysia Huge meranti tree trunks, many of them destined for faraway shores, are piled high along the road in this town about a two-hour drive northeast of Kuala Lumpur, awaiting their date with the saw. Steps away, inside the Maran Road Sawmill, workers nimbly slice lengths of timber into thinner strips, adding to the blanket of ochre dust beneath them. All the logs have numbers scrawled on their ends, indicating the area they came from and the sawmill s license number assuring buyers that the wood was harvested legally and could be traced to its source. As band saws droned on a recent Friday, the mill director, Ng Kay Yip, ushered a potential customer from the Netherlands around the facility, explaining how the trees had been harvested and showing him the nearby factory, where the timber was planed into semifinished pieces for windows and doors. Europe is already an important export market for the company, but Mr. Ng and others in the industry here are hoping that even more buyers from Europe will come. Malaysia wants to become the first country in Asia to sign a voluntary agreement with the European Union guaranteeing that all timber exports to the area have been harvested legally. The European Union says the pact is likely to give Malaysia and other countries that sign similar pacts a competitive advantage as the bloc pushes for tighter regulation of timber imports because of environmental concerns. Last year, countries in the 27-member union imported wood, wood charcoal and cork worth 8.5 billion euros ($11.3 billion) 4.6 percent of it from Malaysia. Uncontrolled logging can destroy animal habitats, cause erosion and increase the risk of natural disasters like floods and landslides, contribute to deforestation and climate change, and deprive governments of tax revenue. A report by the World Wide Fund for Nature estimated that illegally harvested timber accounted for as much as 19 percent of the European Union s wood imports in 2006, with Russia and Indonesia the main culprits. The European Union has no regionwide law preventing the importation of illegally logged wood products, although in response to consumer demand, some companies voluntarily buy timber from sources certified by various groups as sustainable. The union is considering legislation that would require all importers in the bloc to conduct due diligence to show that the timber had been legally harvested. Companies importing from countries that have signed a voluntary agreement, like the one being negotiated with Malaysia, would be given a green lane for entry into European markets and would be exempt from PALANI MOHAN FOR THE INTERNATIONAL HERALD TRIBUNE further checks. There s no doubt that this will create an advantage for the timber traders on the E.U. market, said Vincent Piket, head of the European Union s delegation to Malaysia. Under its Forest Law Enforcement, Governance and Trade plan, the European Union has already signed agreements with Ghana, the Republic of Congo and Cameroon. In addition to Malaysia, negotiations are under way with Indonesia, the Central African Republic, the Democratic Republic of Congo, Gabon and Liberia. Under the voluntary partnership deals, source countries are responsible for determining that the timber has been harvested according to their national laws and the criteria in the Malaysia wants to be the first country to guarantee its timber was harvested legally. Workers sort lumber for export. European agreements. While the agreements may vary among countries, requirements typically include that trees not be cut from protected forests, that endangered species of trees not be logged and that companies comply with trade and customs regulations. A third-party monitor, like an independent auditing company, would conduct spot checks to ensure compliance. It s a very positive step, the idea of introducing these structural changes by requiring companies to use control systems, but we believe that it s not enough, said Sébastien Risso, Greenpeace s European Union forest policy director.

14 VI MONDAY, APRIL 26, 2010 Tuning In to the Potential Of Hallucinogenic Drugs SCIENCE & TECHNOLOGY By JOHN TIERNEY As a retired clinical psychologist, Clark Martin was well acquainted with traditional treatments for depression, but his own case seemed untreatable as he struggled through chemotherapy and other grueling regimens for kidney cancer. Counseling seemed futile. So did antidepressant pills. Nothing had any lasting effect until, at the age of 65, he had his first psychedelic experience. He left his home in Vancouver, Washington, to take part in an experiment at Johns Hopkins medical school involving psilocybin, the psychoactive ingredient found in certain mushrooms. Scientists are taking a new look at hallucinogens, which became taboo among regulators after enthusiasts like Timothy Leary promoted them in the 1960s with the slogan Turn on, tune in, drop out. Now, using rigorous protocols and safeguards, scientists have won permission to study once again the drugs potential for treating mental problems and illuminating the nature of consciousness. After taking the hallucinogen, Dr. Martin put on an eye mask and headphones, and lay on a couch listening to classical music as he contemplated the universe. All of a sudden, everything familiar started evaporating, he said. Imagine you fall off a boat out in the open ocean, and you turn around, and the boat is gone. And then the water s gone. And then you re gone. Today, more than a year later, he credits that six-hour experience with helping him overcome his depression and profoundly transforming his relationships with his daughter and friends. He ranks it among the most meaningful events of his life, which makes him typical of the growing number of experimental subjects. Psychedelics can alter consciousness and might ease depression. Researchers from around the world gathered recently in San Jose, California, for the largest conference on psychedelic science held in the United States in four decades. They discussed studies of psilocybin and other psychedelics for treating depression in cancer patients, obsessive-compulsive disorder, end-of-life anxiety, post-traumatic stress disorder and addictions. The results are encouraging but also preliminary, and researchers caution against reading too much into them. They do not want to repeat the mistakes of the 1960s, when some scientists exaggerated their understanding of the drugs risks and benefits. Because drug reactions can vary so much depending on the setting, experimenters and review boards have developed guidelines to set up a comfortable environment with expert monitors to deal with adverse reactions. They have established standard protocols so the drugs effects can be gauged more accurately, and they have directly observed the drugs effects by scanning the brains of people under the influence of hallucinogens. Scientists are especially intrigued by the similarities between hallucinogenic experiences and the life-changing revelations reported throughout history by religious mystics and those who meditate. These similarities have been identified in neural imaging studies conducted by Swiss researchers and in experiments led by Roland Griffiths, a professor of behavioral biology at Johns Hopkins in Maryland. Dr. Martin s experience is fairly typical, Dr. Griffiths said: an improved outlook on life after an experience in which the boundaries between the self and others disappear. In interviews, Dr. Martin and other subjects described their egos and bodies vanishing as they felt part of some larger state of consciousness. It was a whole personality shift for me, Dr. Martin said. I wasn t any longer attached to my performance and trying to control things. I could ALAN S. WEINER FOR THE NEW YORK TIMES Clark Martin, a retired psychologist, said an experiment with a hallucinogen changed his outlook on life. see that the really good things in life will happen if you just show up and share your natural enthusiasms with people. You have a feeling of attunement with other people. The subjects reports mirrored so closely the accounts of religious mystical experiences, Dr. Griffiths said, that it seems likely the human brain is wired to undergo these unitive experiences, perhaps because of some evolutionary advantage. This feeling that we re all in it together may have benefited communities by encouraging reciprocal generosity, he said. On the other hand, universal love isn t always adaptive, either. Wrestling With a Nuclear Threat Security experts worry that some of the many research reactors worldwide that BELGIUM 1 are fueled by bomb-grade uranium CZECH REPUBLIC 1 GERMANY 1 pose a potential terrorism threat. NETHERLANDS 1 SWITZERLAND 1 UNITED STATES 15 Each symbol ( ) represents one research reactor powered by highly enriched uranium. CANADA 3 JAMAICA 1 Sources: Russian Nuclear Forces Project; Norwegian Radiation Protection Authority By WILLIAM J. BROAD In Cambridge, Massachusetts, at the Massachusetts Institute of Technology, a nuclear reactor emits an eerie blue glow 24 hours a day. Its fuel is 93 percent uranium 235 the highpurity uranium it takes to energize an atom bomb and exactly what the West fears that Iran wants to produce. It is one of some 130 civilian research reactors around the globe that use highly enriched uranium. Nuclear experts say running them takes tons of bomb-grade fuel, enough to build many hundreds of nuclear warheads. And most are lightly guarded. That is one of the challenges that world leaders struggled with during a recent nuclear security summit meeting in Washington. The agenda aimed at bolstering safeguards on the world s nuclear arms, as well as a range of sensitive materials and sites, like the M.I.T. reactor. We must ensure that terrorists never acquire a nuclear weapon, President Obama told cheering crowds in Prague a year ago. So today I am announcing a new international effort to secure all vulnerable nuclear material around the world within four years. The research reactors are seen by BRITAIN 2 FRANCE 8 ITALY 1 GHANA 1 POLAND 1 NIGERIA 1 BELARUS 1 HUNGARY 1 SYRIA 1 ISRAEL 1 RUSSIA 76 IRAN 1 PAKISTAN 1 KAZAKHSTAN 3 Mr. Obama and his aides as particularly vulnerable to terrorist attack. Typically, the civilian sites employ few of the standard military protections, like barbed wire, checkpoints, armed guards and antiaircraft guns. Instead, they tend to encourage easy use by researchers. UZBEKISTAN 1 CHINA 4 11 are nuclearpowered civilian ships JAPAN 4 THE NEW YORK TIMES On College Campuses, Nuclear Safety Risks Using the same fuel the West fears Iran wants to produce. Research reactors that use highly enriched uranium are in part a legacy of the cold war, when Washington and Moscow offered them to woo client states. Today, nations are trying to diminish the threat of terrorist theft by enhancing security, closing obsolete reactors and replacing the bomb-grade fuel with low-enriched varieties. Earlier this year, for example, American experts conducted a sensitive operation in Chile to remove highly enriched fuel from two research reactors. But an 8.8 magnitude earthquake struck amid the delicate endeavor, forcing the nuclear teams to improvise to remove the fuel. Relatively easy security enhancements include adding fuel vaults, motion detectors, security cameras, steel doors, magnetic locks and central alarms. The process of switching to fuel that has little or no bomb use is difficult, costly and time consuming. But in the end it offers a more fundamental fix, virtually eliminating the risk of diverting fuel to make bombs. Most of the world s research reactors that are fueled with bomb-grade uranium are in Russia and, according to nuclear experts, Moscow has resisted pressure from Washington to convert them to low-enriched fuel. Indeed, a new research reactor is being built outside St. Petersburg that is meant to run on highly enriched uranium, to the dismay of American officials. Nobody ever talks about it, said Alexander Glaser, a nuclear specialist at the Woodrow Wilson School of Public and International Affairs at Princeton University in New Jersey. It s quite a significant reactor, a lot of uranium. Able to Grab Gracefully, With Artificial Fingers By ANNE EISENBERG Eric Jones sat in a middle seat on a recent flight from the New York area to Florida, but he wasn t complaining. Instead, he was quietly enjoying actions that many might take for granted, like taking a cup of coffee from the flight attendant or changing the channel on his video monitor. These simple movements were lost to Mr. Jones when the fingers and thumb on his right hand were amputated three years ago. But now he has a prosthetic replacement: a set of motorized digits that can clasp cans or even thin slips of paper. Pouring a can of soda into a cup that is a mundane daily action for most people, but to me it is a very big deal, said Mr. Jones, who lives with his family in Mamaroneck, New York. I slip my bionic fingers on like a glove, and then I have five movable fingers to grasp things. It s wonderful to have regained these functions. Mr. Jones s prosthesis, called ProDigits, is made by Touch Bionics in Livingston, Scotland. The device can replace any or all fingers on a hand; each replacement digit has a tiny motor and gear box mounted at the base. Movement is controlled by a computer chip in the prosthesis. ProDigits was released commercially last December, said Stuart Mead, the chief executive of Touch Bionics. About 60 patients have been Prosthetic fingers can master a variety of tasks. Eric Jones demonstrates his dexterity. fitted worldwide, he said, and some have been wearing it for three or four years. The cost is $60,000 to $75,000, including fitting and occupational therapy. The individual, motorized fingers are a new and promising development in the field, made possible in part by miniaturization of components, said John Miguelez, founder and president of Advanced Arm Dynamics of Redondo Beach, California. More voltage and current can be applied to the motors, he said, creating increased speed and force. Eric Jones has been wearing a ProDigits prosthetic for 18 months. The artificial fingers are slightly larger than the originals, but that is not a problem, he said. The fingers look cool, he said. A switch on the side turns the power on and off, and he charges the digits overnight, as he would a cellphone. Mr. Jones starts the action by flexing or relaxing a muscle in the palm of his hand. Sensors in the prosthesis pick up the signals sent by the muscles and send the message to the computer chip that controls the motor. Mr. Jones said the prosthetic fingers even lent a touch of class. I can grasp a wine glass with my bionic fingers, he said. My pinkie and ring finger curve under the bowl very elegantly. TOUCH BIONICS

15 MONDAY, APRIL 26, 2010 VII HEALTH & FITNESS Last Bastions of Polio Are Finally Falling By DEBORAH SONTAG PORT-AU-PRINCE, Haiti Fabienne Jean, a professional dancer who lost her right leg in the earthquake, hopped on her left leg through the dusty General Hospital compound on her way to a very important X-ray. Once at the radiography clinic, Ms. Jean, 31, wearing a form-fitting black minidress with a chunky lapis-blue necklace, draped herself on the examining table like a fashion model. Then the technician entered and positioned her stump for X-rays bound for New York, where, if things worked out, Ms. Jean would be heading, too. Maybe my luck is changing for the better? she said that day, more than two months after she had survived a raging deadly infection by reluctantly agreeing to an amputation. But then began a tug of war between two health care providers over who would get to rehabilitate Ms. Jean. Would it be the big New York hospital whose director of critical care helped save her life? Would it be the small New England prosthetics company whose foundation has been working since to get her up and about? Or would the two organizations find a way to collaborate? Ms. Jean, who was featured in an article in The New York Times in February, has been singled out for special opportunities because of serendipity, news media attention and her potential as a symbol of Haiti s resilience. The New York hospital, Mount Sinai Medical Center, wants to follow through on its Haiti relief team s involvement with Ms. Jean by offering her corrective surgery and rehabilitation in the United States. The New England Brace Company Foundation, on the other hand, believes that Ms. Jean can and should be treated in Haiti. With its prosthetists preparing to fly to Port-au-Prince to fit her with a temporary new leg, the New Hampshirebased group does not want to lose her as a patient. For Ms. Jean, a dancer with Haiti s National Theater, tragedy has turned into opportunity in a dizzying way. During the January 12 earthquake, a stone wall collapsed on her leg. For days afterward, she lay in a sea of broken bodies on the grounds of the General Hospital, where Dr. Ernest Benjamin, Mount Sinai s director of critical care, arrived with a medical team. Ms. Jean begged Dr. Benjamin, who is Haitian-born, to save her leg. But it was too late. After, Dr. Benjamin lost track of her and when Dennis Acton of the New Hampshire group found her in what he described as a squalid homeless shelter for amputees. Moved, Mr. Acton pledged to help Ms. Jean walk and dance again. Fabienne has a great attitude, he PHOTOGRAPHS BY DAMON WINTER/THE NEW YORK TIMES Working on a Haitian Dancer s Dream Fabienne Jean, at left being carried outside a Portau-Prince hospital, found herself in a tug of war between a New York medical center and a prosthetics company. said. I figured she would be a strong patient who could get back on her feet quickly and be a positive role model to other amputees. At the same time, Dr. Benjamin, finding Ms. Jean again through the Times article, proposed that Mount Sinai bring her to the United States to continue her treatment. Learning of Mount Sinai s initiative, Mr. Acton was initially upset because he had just been counseled by disability experts in Port-au-Prince that their guidelines advocate that Haitians be treated in Haiti. Doctors at Mount Sinai say Ms. Jean needs additional surgery before rehabilitation. While Ms. Jean could get such surgery in Haiti, resources are stretched thin, and Mount Sinai is offering her world-class medical treatment and rehabilitation, Dr. Benjamin said. Mr. Acton, after considering this, hesitantly agreed that going to New York might be in Ms. Jean s best interest. In the end, Mount Sinai decided to keep pursuing permission for Ms. Jean to enter the United States. Separately, Mr. Acton prepared to travel to Haiti with her new limb. And, in the middle, Ms. Jean, appreciative though stressed, does not want to take sides. But she does want to go to New York for treatment if possible. She said in Creole: I want to! I want to! I want to! By CELIA W. DUGGER JOHANNESBURG A decade after the world s original deadline for eradicating polio, the most tenacious bastions of the crippling virus Nigeria and India have recently shown remarkable progress in halting its spread. In Nigeria, Muslim leaders in the north who had allowed the disease to spread by halting polio vaccinations in , based on rumors that the drops were part of a Western plot to sterilize Muslim girls or spread the AIDS virus now embrace the cause. So far this year, only two children have been paralyzed by wild polio virus in Nigeria, compared with 123 during the same period last year, according to Nigerian and international health officials. And in India, the states of Uttar Pradesh and Bihar for the first time have not had a single case caused by the most virulent polio viral type for four months straight, World Health Organization officials said. Globally, the number of new polio cases registered so far this year is down to 56 a 75 percent drop from the same period last year, the W.H.O. said. We ve never had so many things looking so positive across so many areas, said Dr. Bruce Aylward, director of the polio eradication drive for the World Health Organization. Since the polio eradication drive began 22 years ago, more than 10 billion doses of vaccine have been dispensed and some $8.2 billion spent. Millions of cases of paralysis and death have been prevented by the vaccination campaigns, which have reduced the incidence of polio more than 99 percent. The political support in Nigeria and the painstaking progress in India are both compelling turnarounds. International health officials credit much of Nigeria s progress to the leadership of Dr. Muhammad Ali Pate, a Muslim who was raised in the north of the country and recruited in 2008 from the World Bank to lead the agency that manages primary health care and polio immunization. Dr. Pate cultivated a range of political, religious and traditional leaders in the north. He also courted political support from the powerful state governors by deploying Bill Gates, the founder of Microsoft, whose foundation has committed more than $700 million to fight polio globally, to meet them when he visited Nigeria on a polio mission in February We could use him and his celebrity status to draw attention to the cause and get the governors to sign on, Dr. Pate said. But perhaps the most critical factor has been support from the traditional leaders of northern Nigeria. Naveed Sadozai, a medical officer with the World Health Organization, said these traditional structures operate down to the village and ward levels, are often more trusted than politicians, and can deliver results. By year s end, polio cases had plunged. Only 28 of Nigeria s 388 new cases in 2009 occurred in the last six months of that year, Dr. Pate said. In India, polio trackers realized that the most persistent strain of the virus was hiding in a vast flood plain fed by the Kosi River in Bihar. Dr. Hamid Jafari, who leads the BISWARANJAN ROUT/ASSOCIATED PRESS Children were given polio vaccine in January at a health center in Bhubaneswar, India, in Bihar State. World Health Organization s polio effort in India, said the country mounted a complex operation to reach families in more than 200,000 clusters of mud huts there. Polio workers were provided with sleeping bags, water, life jackets and antimalarial bed nets. They traversed the muddy flood plain on foot, by boat and on motorcycles. The antipolio effort also took aim at the shanties and slums where migrants live, to vaccinate the children of poor people who have journeyed to India s metropolises and agricultural areas in search of jobs. Dr. Aylward, who leads the W.H.O. effort, says he is both excited and frustrated now. The effort has regained some of its lost momentum, he says, but it is $1.4 billion short of the $2.6 billion its organizers say is needed through 2012 to finish the job. I spend as much time in donor capitals as I do in infected countries, he said. We re cutting corners and taking risks we should not be taking. Workout Distractions Serve a Purpose By JULIE WEED When Tina Podlodowski, a public affairs consultant in Seattle, goes to the gym to run on a treadmill, she often brings her Kindle and immerses herself in a mystery novel. I hate working out more than just about anything, said Ms. Podlodowski, who visits the gym three or four times a week. I ll use anything I can to distract me a book, a magazine, a friend to talk to. Without my distractions I d never exercise at all. At the opposite extreme is Jonathan F. Katz, a psychologist in Hastings-on- Hudson, New York, who runs ultramarathons 80 kilometers or more without even a music player. To really challenge yourself athletically or train for a big event, you need to focus on your form, your pacing, and that s impossible if you re watching a movie or chatting, Dr. Katz said. I m always thinking about my next mile, my speed, my cadence. Is it helpful or hurtful to use outside stimulation to take your mind off your workout? It depends on the athlete and the distraction. Generally, casual athletes are more likely than serious ones to rely heavily on chatting, viewing, texting or reading to complete an exercise routine. Trainers say that just about anything that gets you into the gym and lengthens your workout can be beneficial. And most people do find that listening to music with a good beat is a motivator. But when it comes to other ways to occupy the mind like watching a movie, listening to a podcast or talking to a friend there are dos and don ts. Listening to music you like while exercising has been shown to help release the endorphins that relieve stress and depression, said Dr. Vijay B. Vad, a sports medicine specialist at the Hospital for Special Surgery in New York. Other distractions haven t been studied as much, but creating that pleasurable feeling in other ways is likely to do the same thing. Yet some activities, like reading or watching a complicated drama, are likely to slow an athlete s pace because the mind is focused on more than one thing. To minimize that, some trainers advise their clients to watch light comedies rather than complicated BRANDON THIBODEAUX FOR THE NEW YORK TIMES Some athletes prefer distractions during their regimen. Darren Webber and Callie Beard read as they bicycled at a gym in Dallas. mysteries or potentially depressing news programs. The rhythm of television shows can also help athletes for example, if they use commercial breaks to do high-intensity interval training. Doctors and trainers say the most common distractions, like listening to music or talking to a companion, can be valuable at just about any level, from beginners trying to persuade themselves to go to the gym, to committed athletes preparing for a race. Everyone performs better when they lessen the aversive nature of their exercise, said Dr. Katz. Some types of exercise require more focus on form. Weight lifting, even with small free weights, demands correct posture and good habits or the athlete won t see results and could even be injured. Trainers recommend stowing the Zune or ipod until those habits are established.

16 VIII MONDAY, APRIL 26, 2010 ARTS & STYLES A Photographer Whose Subject Was the World Rarely has the phrase man of the world been more aptly applied than to the protean photographer Henri Cartier-Bresson, the subject of a handsome and large though surely not large enough HOLLAND COTTER ESSAY retrospective at the Museum of Modern Art in New York. For much of his long career as a photojournalist, which began in the 1930s and officially ended three decades before his death in 2004, Cartier-Bresson was compulsively on the move. By plane, train, bus, car, bicycle, rickshaw, horse and on foot, he covered the better part of five continents in a tangled, crisscrossing itinerary of arcs and dashes. In addition to being exhaustively mobile, he was widely connected. Good-looking, urbane, the rebellious child of French haute bourgeois privilege, he networked effortlessly, and had ready access to, and friendships with, the political and culture beau monde of his time. Nehru, Matisse, Jacqueline Kennedy, T. S. Eliot, Truman Capote, George Balanchine, Coco Chanel and Alberto Giacometti sat for portraits. The third and crucial constant in his career was, of course, a camera: in Cartier-Bresson s case, a handheld Leica, as neat and sleek as a pistol. His working method, so focused on the shutter moment, set a model for modern photojournalism, a field he basically invented. Equally influential was the way he approached that moment: with a Zen combination of alertness and patience that allowed him to be absorbed by unfolding events as they absorbed him. Some of these events were small and sweet: lovers smooching, a kid zooming by on a bike. Others were huge. In 1945 he was in Germany in the aftermath of World War II. (He had spent almost three years as a prisoner of war in German camps.) In 1948 he was in Shanghai when citizens were storming banks for gold in the last frantic days before Communist forces arrived. He witnessed the end of the British Raj. He photographed Gandhi just before he was assassinated, then documented the funeral. There s some of all of this in the Museum of Modern Art retrospective, Henri Cartier-Bresson: The PHOTOGRAPHS BY HENRI CARTIER-BRESSON/MAGNUM PHOTOS, FONDATION HENRI CARTIER-BRESSON Modern Century, which unfolds in 13 thematic sections. All but the first are chronologically mixed, and the pictures in that opening section, almost all from the 1930s, are some of the freshest he ever made. He was in his 20s then. Raised in Paris, he had ambitions to be an artist. He studied with a painter who worked in a late-cubist style, but hung out in the Surrealist circle around André Breton, soaking up leftist politics and heterodox aesthetics. In 1930, with his painting prospects looking dim, he picked up a camera. An early piece in the retrospective, a 1932 shot of a man passed out on a Paris street, might be taken as a formative experiment of street photography. And Surrealism naturally had its impact: his shots of light-bleached plazas and factory walls are pure De Chirico. After seeing photos of Africa by an older colleague, Martin Munkacsi ( ), Cartier-Bresson headed there in By mid-decade he had gone from Africa back to France, then to Italy, Spain, Mexico and the United Henri Cartier-Bresson is the subject of a retrospective in New York. A 1972 photo, left, shows a Georgian family picnicking near a medieval monastery. Above, a woman brings food to cotton workers in a photo taken in Cairo in States. Many of his signature works are from this period: Mexico City prostitutes squeezing through narrow windows; a Spanish child seemingly gripped by an ecstatic fit (he was looking up at a ball thrown out of camera range); a quartet of stout and at-ease French picnickers lounging by a river. He was given gallery shows, though he already knew he wasn t making gallery art. He insisted that he wasn t making art at all. His photographs were what? Social commentary, journalistic illustration, diary keeping? They were certainly ephemeral and unprecious; he meant them for mass publication, for practical use. The brilliantly composed picnic scene was created as part of a campaign to win more vacation time for workers. Stravinsky: Reluctantly Russian By RICHARD TARUSKIN We often assume, or pretend, that categories are there to be transcended, and perhaps some ought to be. Race and nation, both blood soaked, might be nice candidates for elimination. But without categories there would be nothing to help us sort out nature s blooming buzzing confusion, as William James put it. So how to slot Stravinsky, who spent the first 28 years of his life in Russia, the next 29 in Switzerland and France, and the last 32 in America? The New York Philharmonic has no doubts. Its current festival is called The Russian Stravinsky, though it will include works composed in every country he inhabited. Is there some Russian essence that binds his career? Not even Stravinsky could deny the Russianness of his first period. The young Stravinsky rode the crest of a craze for Russian music and scenic art as the protagonist of Sergei Diaghilev s Ballets Russes. Later, during World War I, which Stravinsky waited out in neutral Switzerland, homesickness brought on his most heartfelt bout of musical nationalism, producing Les Noces, the choral ballet that apotheosized a Russian peasant wedding. But after the Bolshevik coup, Stravinsky decided he would never go home. Convinced that he had to stop representing himself as Russian, he declared himself a composer of pure music. After World War II Stravinsky embraced serialism, the most abstract method of composition available at the time. You couldn t get less Russian than that, it seemed. And until relatively recently that was the verdict on the later Stravinsky. Being Russian was a matter of behavior, and we can change that. Can t we? But recent studies have thrown new light on his behavior. Current conceptions of Stravinsky s music date from 1963, when the American composer Arthur Berger published an epoch-making article, Problems of Pitch Organization in Stravinsky. Taking as his starting point a theme from Les Noces, he laid out all of its notes as a scale, and a striking pattern emerged: they were spaced alternately a whole step and a half step apart. Because there were eight notes in the scale, Mr. Berger christened it octatonic. He showed various ways in which harmonies could be derived from this scale: and lo and behold, the same harmonies turned up wherever he looked in the early works of Stravinsky. ANDREA MOHIN/THE NEW YORK TIMES; BELOW, NEW YORK PHILHARMONIC ARCHIVES Les Noces, above, as performed by Les Grands Ballets Canadiens de Montréal, expresses Igor Stravinsky s Russianness. But the composer later renounced his homeland s musical heritage. The octatonic scale had a considerable history in Russia, where it was known as the Rimsky-Korsakov scale, named after Stravinsky s teacher. (Earlier it had been used by Liszt, from whom Rimsky appropriated it, and by Schubert, from whom Liszt took it.) So what makes a Russian a Russian? By citizenship Stravinsky was not Russian after But musically he thought the way he was trained to think; and his training took place in Russia. He went in directions nobody dreamed he d go while he lived at home, but as he told a reporter for Komsomolskaya Pravda in Moscow in 1962, during an 80th-birthday visit to his homeland: I have spoken Russian all my life. I think in Russian, my way of expressing myself is Russian. Perhaps this is not immediately apparent in my music, but it is latent there, a part of its hidden nature. Love, History and Secrets On View in Argentine Film By LARRY ROHTER For The Secret in Their Eyes, the road to this year s Academy Award as best foreign-language film began in the courtrooms of Buenos Aires. Eduardo Sacheri, a writer of the movie s screenplay and the author of the novel on which it is based, spent five years in bureaucratic toil there, collecting stories of injustice and intrigue. When the Argentine director Juan José Campanella read the novel in 2005, he also saw a chance to make a movie that had soft-boiled guys in a hard-boiled story. The Secret in Their Eyes, which is being released internationally this year, is thus both a detective story and a tale of unrequited love. Shuttling between the mid-1970s and the late 1990s, it focuses on the relationship between a judicial investigator from the lower classes and his boss, a refined, feminist judge, as they attempt to solve a grisly rape and murder. When an Argentine film is set in the 1970s, it is usually a signal that the nasty politics of the era will be driving the plot. In this case the investigating team discovers that dark forces have taken control of the judicial system even before the March 1976 coup that overthrew an elected Perónist government and put the military in control. What was especially interesting to me was that we were working in a period little visited by film and literature, the period right before the dictatorship, said Soledad Villamil, who plays Judge Irene Menéndez Hastings. People think that the violence started in 1976 with the coup, but it wasn t that way. The use of state terror really began earlier, when Perón returned to power in Ricardo Darín plays Benjamin Esposito, the investigator who carries the story. For me it s more satisfying to tell stories of people who struggle to survive, to rise above their problems and circumstances, Mr. Darín, 53, said. They are much closer to real life, in flesh and blood, than the winners, if you want to call them that. A third character, who sees Benjamin and Irene falling in love before they realize it themselves and unearths the clue that appears to crack the case, is Sandoval, the judge s alcoholic assistant. He is played by Guillermo Francella, perhaps Argentina s most popular comedian. This was the ideal character: a drunkard who seems to be clueless but is in reality intelligent and observant, and in a certain sense ends up becoming the hero of the movie, said Mr. Francella, 55. The actors and Mr. Campanella lived through the repression of the A screen thriller set in a dark time in Argentina. 1970s themselves and can recount stories of friends who were arrested, tortured or who disappeared. But Ms. Villamil, now 40, had particularly vivid memories. My father was a Trotskyite, though from a party that was never involved in armed struggle, she said. As a result my family was constantly on the move, in the city and all over the country, and my childhood was one of isolation from my surroundings. Nobody could know where we were, not even my grandparents for the longest time.

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34 This week I have been walking round San Marco and surrounding areas to find things that catch my eye to take pictures of. These pictures were of various things but majority included people. The reason

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Trenta

U Corso di italiano, Lezione Trenta 1 U Corso di italiano, Lezione Trenta M Two cousins meet in the street U Due cugini si incontrano in strada M Two cousins meet in the street U Due cugini si incontrano in strada F Hi Osman, what are you

Dettagli

per fare previsioni basate su ciò che si pensa, si crede o si suppone (spesso con verbi come think, expect, believe, suppose, ):

per fare previsioni basate su ciò che si pensa, si crede o si suppone (spesso con verbi come think, expect, believe, suppose, ): Lesson 17 (B1) Future simple / Present continuous / Be going to Future simple Quando si usa Il future simple si usa: per fare previsioni basate su ciò che si pensa, si crede o si suppone (spesso con verbi

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Quindici

U Corso di italiano, Lezione Quindici 1 U Corso di italiano, Lezione Quindici U Buongiorno, anche in questa lezione iniziamo con qualche dialogo formale M Good morning, in this lesson as well, let s start with some formal dialogues U Buongiorno,

Dettagli

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement ITALIAN Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement Female 1: Ormai manca poco al parto e devo pensare alla mia situazione economica. Ho sentito dire che il governo non sovvenziona più il Baby Bonus.

Dettagli

E-Business Consulting S.r.l.

E-Business Consulting S.r.l. e Rovigo S.r.l. Chi siamo Scenario Chi siamo Missione Plus Offerti Mercato Missionedi riferimento Posizionamento Metodologia Operativa Strategia Comunicazione Digitale Servizi Esempidi consulenza Clienti

Dettagli

ICT e Crescita Economica

ICT e Crescita Economica ICT e Crescita Economica Alessandra Santacroce Direttore Relazioni Istituzionali Seminario Bordoni - 12 Febbraio 2009 2005 IBM Corporation Agenda Il peso dell ICT nell economia del Paese Economic Stimulus

Dettagli

NUOVA APERTURA PER GIORGETTI STUDIO

NUOVA APERTURA PER GIORGETTI STUDIO SHOWROOM NUOVA APERTURA PER GIORGETTI STUDIO NEW OPENING FOR GIORGETTI STUDIO a cura di Valentina Dalla Costa Quando si dice un azienda che guarda al futuro. Giorgetti è un eccellenza storica del Made

Dettagli

The Elves Save Th. Il gioco del Villaggio segreto di Babbo Natale

The Elves Save Th. Il gioco del Villaggio segreto di Babbo Natale The Elves Save Th Il gioco del Villaggio segreto di Babbo Natale Bianca Bonnie e and Nico Bud had avevano been working lavorato really hard con making molto impegno per a inventare new board game un nuovo

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Ventinove

U Corso di italiano, Lezione Ventinove 1 U Corso di italiano, Lezione Ventinove U Oggi, facciamo un altro esercizio M Today we do another exercise U Oggi, facciamo un altro esercizio D Noi diciamo una frase in inglese e tu cerca di pensare

Dettagli

I SAPERI (conoscenze, argomenti e contenuti)

I SAPERI (conoscenze, argomenti e contenuti) I SAPERI (conoscenze, argomenti e contenuti) La seguente scansione dei saperi è da considerare come indicazione di massima. Può essere utilizzata in modo flessibile in riferimento ai diversi libri di testo

Dettagli

Summary. Weekly Newsletter 6th November 2015. Dear Parents, We have many activities planned over the next few weeks leading to the winter break.

Summary. Weekly Newsletter 6th November 2015. Dear Parents, We have many activities planned over the next few weeks leading to the winter break. No Images? Click here Weekly Newsletter 6th November 2015 Summary Dear Parents, We have many activities planned over the next few weeks leading to the winter break. However, I will start by the General

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Diciannove

U Corso di italiano, Lezione Diciannove 1 U Corso di italiano, Lezione Diciannove U Al telefono: M On the phone: U Al telefono: U Pronto Elena, come stai? M Hello Elena, how are you? U Pronto Elena, come stai? D Ciao Paolo, molto bene, grazie.

Dettagli

On Line Press Agency - Price List 2014

On Line Press Agency - Price List 2014 On Line Press Agency - Price List Partnerships with Il Sole 24 Ore Guida Viaggi, under the brand GVBusiness, is the official publishing contents supplier of Il Sole 24 Ore - Viaggi 24 web edition, more

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Ventidue

U Corso di italiano, Lezione Ventidue 1 U Corso di italiano, Lezione Ventidue U Oggi, facciamo un altro esercizio M Today we do another exercise U Oggi, facciamo un altro esercizio D Noi diciamo una frase in inglese e tu cerca di pensare a

Dettagli

Comunicare l Europa Il ruolo del Dipartimento Politiche Europee

Comunicare l Europa Il ruolo del Dipartimento Politiche Europee Comunicare l Europa Il ruolo del Dipartimento Politiche Europee Roma, 19 settembre 2014 Massimo Persotti Ufficio stampa e comunicazione Dipartimento Politiche Europee m.persotti@palazzochigi.it Cosa fa

Dettagli

1 1 0 /2 0 1 4. 0 n news

1 1 0 /2 0 1 4. 0 n news news n. 04 10/2011 VICO MAGISTRETTI KITCHEN ISPIRATION VIVO MAGIsTReTTI KITCHen IsPIRATIOn news Il nostro rapporto con il "Vico" è durato per più di quarant anni. era iniziato verso la metà degli anni

Dettagli

ELC LISTENING ASSIGNMENT UNIT 2 HOME TOWN. Write a number 1-6 in the box next to the picture which matches each word you hear.

ELC LISTENING ASSIGNMENT UNIT 2 HOME TOWN. Write a number 1-6 in the box next to the picture which matches each word you hear. Centre : ELC LISTENING ASSIGNMENT UNIT 2 HOME TOWN Entry 1 Understand at least three words spoken in the target language. Write a number 1-6 in the box next to the picture which matches each word you hear.

Dettagli

New, Classic & Old, History, Concept car, Meeting Day, Lifestyle, for fans and members in the world

New, Classic & Old, History, Concept car, Meeting Day, Lifestyle, for fans and members in the world MercedesRoadster.IT New, Classic & Old, History, Concept car, Meeting Day, Lifestyle, for fans and members in the world Newspaper supplement Emmegi Magazine Independent unaffiliated / funded by Daimler

Dettagli

CREATING A NEW WAY OF WORKING

CREATING A NEW WAY OF WORKING 2014 IBM Corporation CREATING A NEW WAY OF WORKING L intelligenza collaborativa nella social organization Alessandro Chinnici Digital Enterprise Social Business Consultant IBM alessandro_chinnici@it.ibm.com

Dettagli

L esperto come facilitatore

L esperto come facilitatore L esperto come facilitatore Isabella Quadrelli Ricercatrice INVALSI Gruppo di Ricerca Valutazione e Miglioramento Esperto = Facilitatore L esperto ha la funzione principale di promuovere e facilitare la

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

Participatory Budgeting in Regione Lazio

Participatory Budgeting in Regione Lazio Participatory Budgeting in Regione Lazio Participation The Government of Regione Lazio believes that the Participatory Budgeting it is not just an exercise to share information with local communities and

Dettagli

ESPERIENZA ITALIA GUIDELINES

ESPERIENZA ITALIA GUIDELINES ESPERIENZA ITALIA GUIDELINES Il 150 dell unità d Italia rappresenta un evento di cruciale importanza per Torino e il Piemonte. La prima capitale d Italia, come già fece nel 1911 e nel 1961 per il Cinquantenario

Dettagli

Scheda dati personali Inserisci i tuoi dati poi formula delle frasi per parlare di te stesso I m My birthday is in I ve got My telephone number is

Scheda dati personali Inserisci i tuoi dati poi formula delle frasi per parlare di te stesso I m My birthday is in I ve got My telephone number is Scuola Elementare Scuola Media AA. SS. 2004 2005 /2005-2006 Unità ponte Progetto accoglienza Scheda dati personali Inserisci i tuoi dati poi formula delle frasi per parlare di te stesso I m My birthday

Dettagli

le mostre che arrivarono in Europa ci furono Twelve Contemporary American Painters and Sculptors (1953), Modern Art in the USA

le mostre che arrivarono in Europa ci furono Twelve Contemporary American Painters and Sculptors (1953), Modern Art in the USA 1 MoMA E GLI AMERICANI MoMA AND AMERICANS Sin dall inizio il MoMA (Museo d Arte Moderna) di New York era considerato, da tutti gli appassionati d arte specialmente in America, un museo quasi interamente

Dettagli

CORSO DI CUCINA A CASA!

CORSO DI CUCINA A CASA! Tour N.12 CORSO DI CUCINA A CASA La classe a lavoro Un fantastico modo per imparare a cucinare le più tipiche pietanze Toscane, senza muoversi da casa vostra Il nostro chef arriverà direttamente nella

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Tre

U Corso di italiano, Lezione Tre 1 U Corso di italiano, Lezione Tre U Ciao Paola, come va? M Hi Paola, how are you? U Ciao Paola, come va? D Benissimo, grazie, e tu? F Very well, thank you, and you? D Benissimo, grazie, e tu? U Buongiorno

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA INGLESE A.S. 2014/2015 PROF.SSA NICOLETTA MELFI

PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA INGLESE A.S. 2014/2015 PROF.SSA NICOLETTA MELFI CLASSE: IG Pronomi personali soggetto Il plurale dei sostantivi: forme regolari e irregolari Nazioni e aggettivi di nazionalità Be: present simple - forma affermativa, negativa, interrogativa e risposte

Dettagli

WELCOME. Go to the link of the official University of Palermo web site www.unipa.it; Click on the box on the right side Login unico

WELCOME. Go to the link of the official University of Palermo web site www.unipa.it; Click on the box on the right side Login unico WELCOME This is a Step by Step Guide that will help you to register as an Exchange for study student to the University of Palermo. Please, read carefully this guide and prepare all required data and documents.

Dettagli

Babaoglu 2006 Sicurezza 2

Babaoglu 2006 Sicurezza 2 Key Escrow Key Escrow Ozalp Babaoglu! In many situations, a secret (key) is known to only a single individual " Private key in asymmetric cryptography " The key in symmetric cryptography or MAC where the

Dettagli

Area 1: storia e cultura politico-istituzionale

Area 1: storia e cultura politico-istituzionale 20 quesiti ripartiti nelle aree: storia e cultura politico-istituzionale, ragionamento logico, lingua italiana, lingua inglese. 5 quesiti supplementari nell area matematica per chi volesse iscriversi in

Dettagli

From HEALTH FOR ALL to UNIVERSAL HEALTH COVERAGE. Gavino Maciocco Centro Regionale Salute Globale www.saluteinternazionale.info

From HEALTH FOR ALL to UNIVERSAL HEALTH COVERAGE. Gavino Maciocco Centro Regionale Salute Globale www.saluteinternazionale.info From HEALTH FOR ALL to UNIVERSAL HEALTH COVERAGE Gavino Maciocco Centro Regionale Salute Globale www.saluteinternazionale.info HEALTH FOR ALL HEALTH FOR SOME HEALTH FOR SOME UNIVERSAL HEALTH COVERAGE World

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

consenso informato (informed consent) processo decisionale condiviso (shared-decision making)

consenso informato (informed consent) processo decisionale condiviso (shared-decision making) consenso informato (informed consent) scelta informata (informed choice) processo decisionale condiviso (shared-decision making) Schloendorff. v. Society of NY Hospital 105 NE 92 (NY 1914) Every human

Dettagli

English-Medium Instruction: un indagine

English-Medium Instruction: un indagine English-Medium Instruction: un indagine Marta Guarda Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari (DiSLL) Un indagine su EMI presso Unipd Indagine spedita a tutti i docenti dell università nella fase

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA - CENTRO LINGUISTICO DI ATENEO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA - CENTRO LINGUISTICO DI ATENEO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA - CENTRO LINGUISTICO DI ATENEO IMPARA LE LINGUE CON I FILM AL CLA Vedere film in lingua straniera è un modo utile e divertente per imparare o perfezionare una lingua straniera.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Conversano, 10 luglio 2014. Prosegue Windows of the World, la rubrica di Master ideata per

COMUNICATO STAMPA. Conversano, 10 luglio 2014. Prosegue Windows of the World, la rubrica di Master ideata per COMUNICATO STAMPA Conversano, 10 luglio 2014 Dott. Pietro D Onghia Ufficio Stampa Master m. 328 4259547 t 080 4959823 f 080 4959030 www.masteritaly.com ufficiostampa@masteritaly.com Master s.r.l. Master

Dettagli

http://www.homeaway.it/info/guida-proprietari Copyright HomeAway INC

http://www.homeaway.it/info/guida-proprietari Copyright HomeAway INC Cambiare il testo in rosso con i vostri estremi Esempi di lettere in Inglese per la restituzione o trattenuta di acconti. Restituzione Acconto, nessun danno all immobile: Vostro Indirizzo: Data

Dettagli

Studio Europeo Zurich Come state affrontando la crisi economica?

Studio Europeo Zurich Come state affrontando la crisi economica? Studio Europeo Zurich Come state affrontando la crisi economica? Media Relations Lo studio Obiettivo del presente studio è ottenere informazioni sulla gestione dell attuale crisi economica da parte dei

Dettagli

User Guide Guglielmo SmartClient

User Guide Guglielmo SmartClient User Guide Guglielmo SmartClient User Guide - Guglielmo SmartClient Version: 1.0 Guglielmo All rights reserved. All trademarks and logos referenced herein belong to their respective companies. -2- 1. Introduction

Dettagli

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the 1 2 3 Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the body scientists say these cells are pluripotent.

Dettagli

software & consulting

software & consulting software & consulting Chi siamo Nimius è un azienda con una forte specializzazione nella comunicazione on-line che opera nel settore dell IT e che intende porsi, mediante la propria offerta di servizi

Dettagli

FRIDAY, 4 MAY 1.30 PM 2.30 PM. Date of birth Day Month Year Scottish candidate number

FRIDAY, 4 MAY 1.30 PM 2.30 PM. Date of birth Day Month Year Scottish candidate number FOR OFFICIAL USE C Total 900/3/0 NATIONAL QUALIFICATIONS 0 FRIDAY, 4 MAY.30 PM.30 PM ITALIAN STANDARD GRADE Credit Level Reading Fill in these boxes and read what is printed below. Full name of centre

Dettagli

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE INDEX: 1. GENERAL INFORMATION 2. REGISTRATION GUIDE 1. GENERAL INFORMATION This guide contains the correct procedure for entering the software page http://software.roenest.com/

Dettagli

Interface. Grammar for All 2. Ripasso sommativo per l Esame di Stato. 1. Completa gli aggettivi di sentimento e stato d animo, poi abbinali alla loro

Interface. Grammar for All 2. Ripasso sommativo per l Esame di Stato. 1. Completa gli aggettivi di sentimento e stato d animo, poi abbinali alla loro Interface Grammar for All 2 Ripasso sommativo per l Esame di Stato 1. Completa gli aggettivi di sentimento e stato d animo, poi abbinali alla loro traduzione. 1 w A contento 2 x d B imbarazzato 3 p s C

Dettagli

CSR. guado imprescindibile GIANLUCA MANCA. Co-Chair Asset Management Working Group UNITED NATIONS ENVIRONMENT PROGRAMME FINANCE INITIATIVE

CSR. guado imprescindibile GIANLUCA MANCA. Co-Chair Asset Management Working Group UNITED NATIONS ENVIRONMENT PROGRAMME FINANCE INITIATIVE CSR guado imprescindibile GIANLUCA MANCA Co-Chair Asset Management Working Group UNITED NATIONS ENVIRONMENT PROGRAMME FINANCE INITIATIVE e Head of Sustainability & Global Non-Profit Business EURIZON CAPITAL,

Dettagli

Contributo per l assistenza all infanzia

Contributo per l assistenza all infanzia ITALIAN Contributo per l assistenza all infanzia Il governo australiano mette a disposizione una serie di indennità e servizi per contribuire ai costi che le famiglie sostengono per l assistenza dei figli

Dettagli

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004 ! VERBI CHE TERMINANO IN... COME COSTRUIRE IL SIMPLE PAST ESEMPIO e aggiungere -d live - lived date - dated consonante + y 1 vocale + 1 consonante (ma non w o y) cambiare y in i, poi aggiungere -ed raddoppiare

Dettagli

LA STORIA STORY THE COMPANY ITI IMPRESA GENERALE SPA

LA STORIA STORY THE COMPANY ITI IMPRESA GENERALE SPA LA STORIA ITI IMPRESA GENERALE SPA nasce nel 1981 col nome di ITI IMPIANTI occupandosi prevalentemente della progettazione e realizzazione di grandi impianti tecnologici (termotecnici ed elettrici) in

Dettagli

Prova finale di Ingegneria del software

Prova finale di Ingegneria del software Prova finale di Ingegneria del software Scaglione: Prof. San Pietro Andrea Romanoni: Francesco Visin: andrea.romanoni@polimi.it francesco.visin@polimi.it Italiano 2 Scaglioni di voto Scaglioni di voto

Dettagli

Easter 2008 Gallery Benucci Rome. October 2008 Taormina Chiesa del Carmine, group picture and Gallery Benucci. December 2008 Benucci Gallery, Rome.

Easter 2008 Gallery Benucci Rome. October 2008 Taormina Chiesa del Carmine, group picture and Gallery Benucci. December 2008 Benucci Gallery, Rome. Nino Ucchino nasce in Sicilia nel 1952. Dall età di otto anni lavora come allievo nello studio del pittore Silvio Timpanaro. Da 14 a 21 anni studia all Istituto Statale d arte di Messina e poi per alcuni

Dettagli

up date basic medium plus UPDATE

up date basic medium plus UPDATE up date basic medium plus UPDATE Se si potesse racchiudere il senso del XXI secolo in una parola, questa sarebbe AGGIORNAMENTO, continuo, costante, veloce. Con UpDate abbiamo connesso questa parola all

Dettagli

TAVOLO DEGLI ENTI LOCALI PER IL CLIMA

TAVOLO DEGLI ENTI LOCALI PER IL CLIMA TAVOLO DEGLI ENTI LOCALI PER IL CLIMA 22 novembre VERSO LA STRATEGIA NAZIONALE DI ADATTAMENTO Responsabilità di Governo e competenze dei territori Sala Palazzo Bologna Senato della Repubblica Via di S.

Dettagli

Innovating in not metropolitan area C2C Final Conference Potsdam, 25/03/2014

Innovating in not metropolitan area C2C Final Conference Potsdam, 25/03/2014 Impact Hub Rovereto Innovating in not metropolitan area C2C Final Conference Potsdam, 25/03/2014 Impact Hub believes in power of innovation through collaboration Impact'Hub'is'a'global'network'of' people'and'spaces'enabling'social'

Dettagli

Programma svolto di Lingua Inglese A.S. 2014-15 Classe: 1F Docente: Federica Marcianò

Programma svolto di Lingua Inglese A.S. 2014-15 Classe: 1F Docente: Federica Marcianò Programma svolto di Lingua Inglese A.S. 2014-15 Classe: 1F Units 1-2 Pronomi personali soggetto be: Present simple, forma affermativa Aggettivi possessivi Articoli: a /an, the Paesi e nazionalità Unit

Dettagli

TAL LIVELLO A1. Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti)

TAL LIVELLO A1. Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) TAL LIVELLO A1 Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo PARTE II: Scelta multipla PARTE III: Comprensione del testo PARTE IV: Preposizioni PARTE

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (2)

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (2) Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (2) dott. Matteo Rossi La politica del prodotto Assume un ruolo centrale e prioritario nelle scelte di marketing. Appare caratterizzata da un elevato

Dettagli

Violenza domestica e famigliare. È tempo di dire basta.

Violenza domestica e famigliare. È tempo di dire basta. ITALIAN Violenza domestica e famigliare. È tempo di dire basta. La violenza domestica e famigliare non è accettabile in alcuna forma. Ha un grave impatto sugli individui, sulle famiglie, sul luogo di lavoro

Dettagli

Security Intelligence e Cloud: la sfida a Botnet, APT e 0-day. Tavola Rotonda - Security Summit Roma 2012

Security Intelligence e Cloud: la sfida a Botnet, APT e 0-day. Tavola Rotonda - Security Summit Roma 2012 Security Intelligence e Cloud: la sfida a Botnet, APT e 0-day Tavola Rotonda - Security Summit Roma 2012 Evento realizzato dal Gruppo LinkedIn Italian Security Professional con il patrocinio di Clusit

Dettagli

ACCESSORI MODA IN PELLE

ACCESSORI MODA IN PELLE ACCESSORI MODA IN PELLE LEMIE S.p.a. Azienda - Company Produzione - Manufacturing Stile - Style Prodotto - Product Marchi - Brands 5 9 13 15 17 AZIENDA - COMPANY LEMIE nasce negli anni settanta come

Dettagli

CI PRENDIAMO C URA DEI TUOI SOGNI.

CI PRENDIAMO C URA DEI TUOI SOGNI. CI PRENDIAMO C URA DEI TUOI SOGNI. We take care of your dreams. Il cuore della nostra attività è la progettazione: per dare vita ai tuoi desideri, formuliamo varie proposte di arredamento su disegni 3D

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

WEB - INTERNET L OGGI DELLA COMUNICAZIONE

WEB - INTERNET L OGGI DELLA COMUNICAZIONE WEB - INTERNET L OGGI DELLA COMUNICAZIONE La dieta mediatica degli italiani Indagine Censis I media personali nell era digitale luglio 2011 1. La dieta mediatica 1. Crolla la TV analogica, esplode la

Dettagli

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Studenti iscritti al I anno (immatricolati nell a.a. 2014-2015 / Students enrolled A. Y. 2014-2015) Piano di studi 17-27 Novembre 2014 (tramite web self-service)

Dettagli

it is ( s) it is not (isn t) Is it? Isn t it? we are ( re) we are not (aren t) Are we? Aren t we?

it is ( s) it is not (isn t) Is it? Isn t it? we are ( re) we are not (aren t) Are we? Aren t we? Lesson 1 (A1/A2) Verbo to be tempo presente Forma Affermativa contratta Negativa contratta Interrogativa Interrogativo-negativa contratta I am ( m) I am not ( m not) Am I? Aren t I? you are ( re) you are

Dettagli

Can virtual reality help losing weight?

Can virtual reality help losing weight? Can virtual reality help losing weight? Can an avatar in a virtual environment contribute to weight loss in the real world? Virtual reality is a powerful computer simulation of real situations in which

Dettagli

Rinnova la tua Energia. Renew your Energy.

Rinnova la tua Energia. Renew your Energy. Rinnova la tua Energia. Renew your Energy. Dai vita ad un nuovo Futuro. Create a New Future. Tampieri Alfredo - 1934 Dal 1928 sosteniamo l ambiente con passione. Amore e rispetto per il territorio. Una

Dettagli

At the airport All aeroporto

At the airport All aeroporto At the airport All aeroporto Can you tell me where the international/ domestic flights are? What time is the next flight due to leave? A return An open return A one-way single ticket for Milan Is there

Dettagli

GCE. Edexcel GCE Italian(9330) Summer 2006. Mark Scheme (Results)

GCE. Edexcel GCE Italian(9330) Summer 2006. Mark Scheme (Results) GCE Edexcel GCE Italian(9330) Summer 006 Mark Scheme (Results) Unit Reading and Writing Question Answer Testo.. B B C - A 4 Testo. a. passione che passione b. attrae c. sicuramemte d. favorito ha favorito

Dettagli

Grammatica: PERIODO IPOTETICO 0-1-2-3

Grammatica: PERIODO IPOTETICO 0-1-2-3 Grammatica: PERIODO IPOTETICO 0-1-2-3 Il periodo ipotetico si distingue in: - periodo ipotetico di tipo 0 (ovvietà) - periodo ipotetico di I tipo (realtà) - periodo ipotetico si II tipo (possibilità) -

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Diciotto

U Corso di italiano, Lezione Diciotto 1 U Corso di italiano, Lezione Diciotto U Scusi, a che ora aprono i negozi a Bologna? M Excuse-me, what time do shops open in Bologna? U Scusi, a che ora aprono i negozi a Bologna? D Aprono alle nove F

Dettagli

PROGRAMMA DI LINGUA INGLESE

PROGRAMMA DI LINGUA INGLESE PROGRAMMA DI LINGUA INGLESE CLASSE IG ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Prof.ssa Rossella Mariani Testo in adozione: THINK ENGLISH 1 STUDENT S BOOK, corredato da un fascicoletto introduttivo al corso, LANGUAGE

Dettagli

Dr Mila Milani. Future tense

Dr Mila Milani. Future tense Dr Mila Milani Future tense Stasera telefonerò alla mia amica. Tonight I ll call my friend. Mio figlio farà l esame domani. My son will take an exam tomorrow. Stasera parlerò con mia moglie. This evening

Dettagli

quali sono scambi di assicurazione sanitaria

quali sono scambi di assicurazione sanitaria quali sono scambi di assicurazione sanitaria Most of the time, quali sono scambi di assicurazione sanitaria is definitely instructions concerning how to upload it. quali sono scambi di assicurazione sanitaria

Dettagli

management industry in Italy

management industry in Italy Financial advice and the future of the asset management industry in Italy Giovanni Siciliano Tutela del Risparmiatore e modelli di Governance nell Asset Management Milano, 20 gennaio 2014 OUTLINE I. Trends

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Dodici

U Corso di italiano, Lezione Dodici 1 U Corso di italiano, Lezione Dodici U Al telefono M On the phone U Al telefono D Pronto, Hotel Roma, buongiorno. F Hello, Hotel Roma, Good morning D Pronto, Hotel Roma, buongiorno. U Pronto, buongiorno,

Dettagli

www.oktradesignal.com SANTE PELLEGRINO

www.oktradesignal.com SANTE PELLEGRINO www.oktradesignal.com SANTE PELLEGRINO Una semplice strategia per i traders intraday Simple strategy for intraday traders INTRADAY TRADER TIPI DI TRADERS TYPES OF TRADERS LAVORANO/OPERATE < 1 Day DAY TRADER

Dettagli

CORSO DI RECUPERO DI INGLESE PER IL BIENNIO CLASSI SECONDE Docente: Prof. Giorgia Lo Cicero

CORSO DI RECUPERO DI INGLESE PER IL BIENNIO CLASSI SECONDE Docente: Prof. Giorgia Lo Cicero 15.01.2016 Durante le due ore di corso sono stati ripetuti e approfonditi collettivamente e individualmente i seguenti argomenti: Question words Who? = chi? Ex.: Who is (Who s) that girl? (Chi è quella

Dettagli

In cooperation with. Master Degree - Managing in Emerging Markets

In cooperation with. Master Degree - Managing in Emerging Markets In cooperation with 1 Cos è Managing in Emerging Markets (MEM) è un Master di primo livello da 80 crediti formativi nato dalla collaborazione fra Università di Modena e Reggio Emilia, Università di Parma

Dettagli

THREE LITTLE PIGS. Contenuti tematici : BODY S PARTS, THE HOUSE, THE FAMILY. Obiettivi linguistici:

THREE LITTLE PIGS. Contenuti tematici : BODY S PARTS, THE HOUSE, THE FAMILY. Obiettivi linguistici: THREE LITTLE PIGS Contenuti tematici : BODY S PARTS, THE HOUSE, THE FAMILY Obiettivi linguistici: - ascoltare - comprendere - memorizzare lessico e strutture attraverso un testo narrativo noto - seguire

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0554-14-2015

Informazione Regolamentata n. 0554-14-2015 Informazione Regolamentata n. 0554-14-2015 Data/Ora Ricezione 12 Giugno 2015 19:26:03 MTA - Star Societa' : FALCK RENEWABLES Identificativo Informazione Regolamentata : 59697 Nome utilizzatore : FALCKN01

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

VINTAGE C O L L E C T I O N A L L P I E C E S A R E U N I Q U E S

VINTAGE C O L L E C T I O N A L L P I E C E S A R E U N I Q U E S VINTAGE C O L L E C T I O N A L L P I E C E S A R E U N I Q U E S Dalla collezione Vintage nasce Sospiri. Qui il tappeto oltre ad avere perso qualunque reminiscenza classica ed assunto colori moderni ha

Dettagli

HOTEL SPADARI AL DUOMO via Spadari, 11 20123 Milano Tel: +39.02.72002371 Fax: +39.02.861184 e.mail: reservation@spadarihotel.com

HOTEL SPADARI AL DUOMO via Spadari, 11 20123 Milano Tel: +39.02.72002371 Fax: +39.02.861184 e.mail: reservation@spadarihotel.com HOTEL SPADARI AL DUOMO via Spadari, 11 20123 Milano Tel: +39.02.72002371 Fax: +39.02.861184 e.mail: reservation@spadarihotel.com It all began with a small building in the heart of Milan that was in need

Dettagli

quali sono scambi di assicurazione sanitaria

quali sono scambi di assicurazione sanitaria quali sono scambi di assicurazione sanitaria These guides have a lot information especially advanced tips such as the optimum settings configuration for quali sono scambi di assicurazione sanitaria. QUALI

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Dieci

U Corso di italiano, Lezione Dieci 1 U Corso di italiano, Lezione Dieci U Ricordi i numeri da uno a dieci? M Do you remember Italian numbers from one to ten? U Ricordi i numeri da uno a dieci? U Uno, due, tre, quattro, cinque, sei, sette,

Dettagli

PROGETTO INTERDISCIPLINARE Scuola Elementare La Sorgente Classe Quinta Anno scolastico 2003-2004 Insegnanti: Barbara Bollini ed Eleonora Bruschi

PROGETTO INTERDISCIPLINARE Scuola Elementare La Sorgente Classe Quinta Anno scolastico 2003-2004 Insegnanti: Barbara Bollini ed Eleonora Bruschi PROGETTO INTERDISCIPLINARE Scuola Elementare La Sorgente Classe Quinta Anno scolastico 2003-2004 Insegnanti: Barbara Bollini ed Eleonora Bruschi Su proposta dell insegnante Barbara Bollini, si è pensato

Dettagli

TITOLO INIZIATIVA DESTINATARI LUOGO DURATA COSTO AMBITO

TITOLO INIZIATIVA DESTINATARI LUOGO DURATA COSTO AMBITO PRESENTAZIONE delle INIZIATIVE di FORMAZIONE ORGANIZZATE dai SOGGETTI ACCREDITATI o RICONOSCIUTI COME QUALIFICATI (DM 177/00 - Direttiva 90/03) Allegato B ENTE: Periodo 2010/2011 Numero iniziative proposte:

Dettagli

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi ÉTUDES - STUDIES Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi Polo Interregionale di Eccellenza Jean Monnet - Pavia Jean Monnet

Dettagli

Strategies for young learners

Strategies for young learners EUROPEAN CLIL PROJECTS CLIl Web 2.0--Indicazioni Strategies for young learners ramponesilvana1@gmail.com S.Rampone(IT) DD Pinerolo IV Circolo ramponesilvana1@gmail.com Indicazioni Nazionali O competenza

Dettagli

ILLY AND SUSTAINABILITY

ILLY AND SUSTAINABILITY ILLY AND SUSTAINABILITY DARIA ILLY BUSINESS DEVELOPMENT - PORTIONED SYSTEMS DIRECTOR NOVEMBER 14 THE COMPANY Trieste 1 9 3 3, I t a l y R u n b y t h e I l l y f a m i l y D i s t r i b u t e d i n m o

Dettagli

ISAC. Company Profile

ISAC. Company Profile ISAC Company Profile ISAC, all that technology can do. L azienda ISAC nasce nel 1994, quando professionisti con una grande esperienza nel settore si uniscono, e creano un team di lavoro con l obiettivo

Dettagli

L AoS avrà validità per l intero periodo anche in caso di interruzione del rapporto tra l'assurer e l assuree.

L AoS avrà validità per l intero periodo anche in caso di interruzione del rapporto tra l'assurer e l assuree. Assurance of Support Alcuni migranti dovranno ottenere una Assurance of Support (AoS) prima che possa essere loro rilasciato il permesso di soggiorno per vivere in Australia. Il Department of Immigration

Dettagli

BLUE. collezioni GRAZIE PER LA FIDUCIA

BLUE. collezioni GRAZIE PER LA FIDUCIA CURA, ATTENZIONE, TECNICHE D'AVAN- GUARDIA, GUSTO, STILE ED ESPERIENZA, SONO GLI INGREDIENTI DELLE COLLEZIONI D'AUTORE BELLOSTA RUBINETTERIE GRAZIE PER LA FIDUCIA CARE, ATTENTION, AVANTGARDE TECHNIQUE,

Dettagli

HIGH PRECISION BALLS. 80 Years

HIGH PRECISION BALLS. 80 Years HIGH PRECISION BALLS 80 Years 80 ANNI DI ATTIVITÀ 80 YEARS EXPERIENCE ARTICOLI SPECIALI SPECIAL ITEMS The choice to look ahead. TECNOLOGIE SOFISTICATE SOPHISTICATED TECHNOLOGIES HIGH PRECISION ALTISSIMA

Dettagli

L uomo è un piccolo mondo. Igor Zanti. Curatore e critico d arte

L uomo è un piccolo mondo. Igor Zanti. Curatore e critico d arte L uomo è un piccolo mondo. Igor Zanti Curatore e critico d arte The World is a book, and those who do not travel read only a page. Each man is a little world The journey beyond our usual places inspired

Dettagli

Cittadini TRASPARENTI? INFORMAZIONE e Internet delle Cose

Cittadini TRASPARENTI? INFORMAZIONE e Internet delle Cose Cittadini TRASPARENTI? INFORMAZIONE e Internet delle Cose Roma, 3 luglio 2015 Giornalismo, diritto di cronaca e privacy Diritto di cronaca e privacy: può succedere che il rapporto si annulli al punto che

Dettagli

Come stai? / Vieni stato (gentile)? Prego!

Come stai? / Vieni stato (gentile)? Prego! English Phrases Frasi Italiane English Greetings Hi! Good morning! Good evening! Welcome! (to greet someone) How are you? I'm fine, thanks! And you? Good/ So-So. Thank you (very much)! You're welcome!

Dettagli