Lo sviluppo dei settori ad alta intensità di conoscenza

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lo sviluppo dei settori ad alta intensità di conoscenza"

Transcript

1 Lo sviluppo dei settori ad alta intensità di conoscenza Lauretta Rubini Master EMSS 2011

2 I cluster high tech Il caso delle biotecnologie A livello internazionale si sta sviluppando una particolare attenzione verso le agglomerazioni di imprese in settori ad alta intensità di tecnologia e conoscenza, che costituiscono solo una delle tante modalità esistenti a livello mondiale di agglomerazioni fra imprese.

3 I cluster high tech: The Death of Distance Secondo molti studiosi, la diffusione di nuovi mezzi di comunicazione, in particolar modo legati all informatica, porta alla cosiddetta Death of Distance. Per godere di vantaggi legati all agglomerazione di imprese non sarebbe più indispensabile essere localizzati vicino ad altre imprese e quindi la distanza non rappresenterebbe più una variabile rilevante, dal momento che il contenuto di conoscenza dei beni intangibili li rende facilmente disponibili ed accessibili in ogni parte del mondo. Alcuni dei tradizionali vantaggi localizzativi vengono superati. La prossimità a fonti di materie prime difficilmente trasportabili diviene poco importante, anche grazie alla diminuzione dei costi di trasporto. Tuttavia L evidenza empirica mostra che questo non è sempre vero (es. Silicon Valley, Sophia Antipolis).

4 I cluster high tech: perché? 1. Informazione e conoscenza Una delle possibili spiegazioni risiede nella distinzione fra conoscenza e dall innovazione. Informazione: facilmente codificabile, di immediata ed unica interpretazione (es. tasso di cambio o indice di borsa in un determinato momento) Conoscenza: vaga, difficilmente codificabile e soggetta a molteplicità di interpretazioni. DI CONSEGUENZA: Le industrie nelle quali ha rilevanza la conoscenza più che l informazione tendono ad essere spazialmente concentrate

5 I cluster high tech: perché? 2. La conoscenza tacita Nei settori high-tech, la conoscenza è spesso di carattere tacito, ossia altamente specifica ed acquisita in seguito ad un lungo processo di apprendimento, spesso informale. In questo caso, la diffusione della conoscenza tacita è possibile solo se favorita da un interscambio sociale, da rapporti di carattere informale caratterizzati da elevati livelli di fiducia tra i soggetti.

6 I cluster high tech: perché? 3. La complessità del processo innovativo L agglomerazione delle imprese high tech è favorita anche dall aumentata complessità del processo innovativo, che non è più lineare, è sempre più costoso ed è caratterizzato da un grado crescente di interattività fra i soggetti coinvolti. La singola impresa non è in grado di internalizzare l intero processo e di conseguenza interagisce con altre imprese vicine, per diminuire il rischio di dispersione di informazioni strategiche. L accumulazione di conoscenza si verifica perciò tramite scambi inter-organizzativi, accordi di R&S e reti di apprendimento. Nascono così le cosiddette piattaforme tecnologiche che uniscono partner con competenze diverse ma complementari per migliorare la conoscenza in aree tematiche specifiche.

7 I cluster high tech: dove? Una volta definito perché le imprese high tech continuano ad aggregarsi, è importante capire dove tendono a localizzarsi, ossia quali sono i possibili elementi di attrazione. 1) Centri urbani Se è vero che la conoscenza diventa fondamentale, localizzarsi vicino ai centri urbani permette di avvicinarsi alla market knowledge. Essere vicino ai clienti permette una stretta interazione che facilita il processo di innovazione personalizzata del prodotto. Nei centri urbani sono inoltre presenti centri di servizi specializzati, che diventano elemento strategico per il successo del processo innovativo. Nelle città si concentrano poi molte altre attività, con cui i settori high-tech hanno interazioni.

8 I cluster high tech: dove (cont.)? 2) Università La centralità della conoscenza rende la localizzazione presso i centri universitari strategica per le imprese high-tech. Ricerca di base Disponibilità di laureati e ricercatori Processi di spin off. 3) Università research-oriented 4) Altri fattori di agglomerazione specifici di settore

9 Il caso delle biotecnologie - Struttura e localizzazione Definizione: utilizzo di organismi viventi o loro componenti per creare prodotti e servizi di carattere industriale. Principali fasi di sviluppo: 1953: Scoperta della struttura e del funzionamento della molecola del DNA 1973: Stanley Cohen (Stanford) ed Herber Boyer (UCLA) scoprono una tecnica per ricombinare il DNA 1976: viene fondata Genentech, la prima impresa biotech a commercializzare prodotti derivati dall ingegneria genetica 1976: vengono promulgate le prime norme da parte dell NIH sulla ricerca di rdna

10 Il caso delle biotecnologie - Struttura e localizzazione Principali fasi di sviluppo (cont.): 1980: Bayh-Dole Act approvato dal governo federale degli Stati Uniti: assegna a università e altri enti no profit (+ piccole imprese) il diritto di brevettare i risultati di ricerche finanziate con fondi federali. 1980: Chakrabarty Ruling: la Corte Suprema Statunitense concede la brevettabilità di organismi geneticamente modificati. 1982: Genentech riesce a produrre insulina umana 1986: Viene istituito in Francia il Nouveau Marché 1995: viene emanato negli Stati Uniti il Biotechnology Process Patent Act, una legge che ha reso più semplice ottenere una protezione brevettuale per processi biotecnologici

11 Il biotech e le interazioni multi-settoriali Ind. alimentare Biomedicale Agricoltura, zootecnia Farmaci Chimica BIOTECNOLOGIA Biotech industriale Ind. della carta Computer biologici Information Technology Salute digitale Ambiente Elettronica

12 La struttura del settore: piccole imprese Il settore è, in tutto il mondo, composto principalmente di piccole imprese (con qualche ovvia eccezione come Amgen o Genentech). Le spiegazioni che sono state date a questa conformazione settoriale sono molteplici e a volte discordanti: 1. Esistono diseconomie di scala legate al processo burocratico che inibiscono la crescita delle imprese; 2. Le dimensioni limitate garantiscono una maggiore flessibilità e una migliore capacità competitiva in ambiente instabile; 3. Le imprese non riescono a crescere per l elevato rischio che caratterizza la loro attività. A causa di incertezze regolamentari, ritardi nella commercializzazione e contestazioni pubbliche legate all utilizzo del biotech, molte imprese faticano ad effettuare OPA ed acquisire fondi in genere.

13 La struttura del settore: piccole imprese (cont.) 4. Le piccole imprese biotech hanno spesso accordi piuttosto vincolanti con grandi case farmaceutiche, da cui ricevono fondi per ricerche specifiche. Per questo i ricercatori (che sono spesso anche i titolari dell impresa) preferiscono non ampliare il ventaglio delle ricerche effettuate per evitare che l impresa farmaceutica si appropri anche dei risultati di queste ultime in virtù dell accordo che le lega.

14 La struttura del settore: nuovi entranti Una seconda caratteristica del settore biotech è la prevalenza di nuove imprese anziché di imprese farmaceutiche esistenti che estendono la propria attività. Anche in questo caso esistono diverse teorie, riassumibili in due filoni principali: 1. La struttura delle grandi imprese farmaceutiche esistenti non è adatta ad attirare e motivare ricercatori universitari, meglio inseribili in strutture nuove e flessibili (soprattutto grazie al Bayh Dole Act); 2. L emergere di nuove tecnologie come il DNA ricombinante ha introdotto nuove opportunità nel mercato e le imprese farmaceutiche non hanno la flessibilità sufficiente per farvi fronte.

15 La struttura del settore: nuovi entranti (cont.) Emergono perciò due gruppi coesistenti: da un lato piccole imprese biotecnologiche e dall altro grandi gruppi farmaceutici, che cooperano fra loro, con pochissimi casi di integrazione verticale, nonostante la relativa vicinanza delle attività svolte Fonte: Querè, 2003 Anno Numero acquisizioni di imprese biotech da parte di imp. farmaceutiche

16 La struttura del settore: nuovi entranti (cont.) 500 Numero di partnership a livello mondiale tra imprese del farmaco e biotech Fonte: Farmindustria,

17 La struttura del settore: nuovi entranti (cont.) Le cause di questa coesistenza sono per alcuni da ricondurre alla presenza nei due gruppi di assets complementari: Da un lato le imprese biotech mancano della conoscenza e dell esperienza necessarie per ottenere l approvazione del prodotto finale e per commercializzarlo. Tramite accordi di cooperazione con le imprese farmaceutiche possono contare su una fonte di finanziamento stabile, ma anche sull expertise necessaria per accedere al mercato finale; Dall altro le grandi imprese farmaceutiche non hanno la flessibilità e il livello di specializzazione che sarebbero necessari per adottare facilmente le nuove tecnologie. Tramite gli accordi possono perciò contare su strutture di ricerca esterne e flessibili. Fonte: Querè, 2003

18 La struttura del settore: nuovi entranti (cont.) Secondo alcuni questo spiega la frammentazione del settore: Le biotech sono legate alle farmaceutiche dagli accordi e tendono a non espandere il proprio portafoglio di ricerca per evitare che l impresa farmaceutica finisca per appropriarsi dei risultati in virtù dell accordo esistente; Inoltre le piccole imprese biotech sono spesso di proprietà degli stessi ricercatori, che non hanno interesse ad espandere l impresa per paura di perdere il potere decisionale o di causare interferenze da parte di soggetti esterni. Fonte: Querè, 2003

19 La struttura del settore: le dinamiche di localizzazione Un ulteriore peculiarità del settore delle biotecnologie è la compresenza di numerosi accordi di cooperazione anche internazionali e la tendenza delle imprese a localizzarsi in cluster, creando agglomerazioni facilmente identificabili. Nel cercare di dare una spiegazione a questo fenomeno, è necessario distinguere le dinamiche di localizzazione (perché in California piuttosto che in Texas?), da quelle di agglomerazione, che spiegano perché le imprese biotech tendono a localizzarsi le une vicine alle altre. Come già accennato, alcuni autori spiegano la localizzazione in base ai seguenti fattori: 1) Vicinanza alla popolazione 2) Vicinanza alle università 3) Vicinanza alle università ad alta intensità di ricerca Altri invece si riferiscono alla presenza di un impresa locomotiva o di parchi scientifici e tecnologici.

20 La struttura del settore: le dinamiche di agglomerazione Ma cosa spinge le late-comers a localizzarsi vicino alle esistenti? La presenza di conoscenza tacita e non facilmente codificabile che richiede un interazione diretta e molto spesso personale; Poter attingere ad un bacino di personale tecnico e accademico di ricerca altamente specializzato; spesso sono conoscenze legate ad uno specifico laboratorio universitario, che attira perciò le imprese che vogliono accedervi; La presenza di interconnessioni con altri settori (come elettronica o informatica); Condizioni normative particolarmente favorevoli, soprattutto per quanto riguarda la protezione dei diritti intellettuali (oltre la metà del valore dell industria è incorporato nel suo capitale intellettuale); La disponibilità di venture capital o di altri fondi (es. California); La disponibilità di infrastrutture; Altri fattori (clima, qualità di vita, ambiente).

21 Esperienze internazionali: Stati Uniti Gli Stati Uniti sono di gran lunga i leader a livello mondiale nel settore biotech. Qui, il modello prevalente è quello di agglomerazioni di startup formate da professori o ricercatori universitari e finanziate tramite venture capital. Il ruolo del governo consiste nel definire linee guida, quali quelle che regolano la creazione di nuove imprese oppure la protezione dei diritti di proprietà intellettuale. Un ruolo decisivo nello sviluppo del settore, secondo molti, è stato giocato dal Bayh-Dole Act, che nel 1980 ha assegnato ad università e altri enti no profit (+ piccole imprese) il diritto di brevettare i risultati di ricerche finanziate con fondi federali. Altrettanto importante per lo sviluppo del settore è stata la disponibilità di capitale che ha permesso alle imprese di trovare le risorse finanziarie indispensabile per crescere.

22 Numero di brevetti basati sul DNA Brevetti USA basati sul DNA Anni FONTE: Pressman L., 2004

23 OPI a confronto: EU vs. USA, 2001 Fonte: E&Y, 2001

24 Biotech a confronto: EU vs. USA

25 Un confronto fra le imprese biotech europee pubbliche e le leader americane, 2001 FONTE: E&Y, 2001

26 Esperienze internazionali: Francia Il modello francese di promozione dei settori high-tech è anche noto come Colbertismo high-tech, con un ampio ruolo del governo che viene spesso visto come essenziale a causa della limitata dimensione del mercato del venture capital nel paese. Dal momento che l agglomerazione fra imprese viene considerata un risultato altamente desiderabile, la localizzazione delle imprese viene spesso pilotata dal governo. Ne costituiscono un esempio due cluster high-tech francesi: Genopole è stata inizialmente finanziata con fondi provenienti da un organizzazione filantropica e successivamente con fondi pubblici; Futuroscope è nato come parco divertimenti, il cui successo ha da un lato fornito il capitale per il successivo sviluppo del cluster high-tech e dall altro ha incoraggiato il governo ad intervenire con ulteriori finanziamenti a più ampia scala.

27 Esperienze internazionali: Germania Lo sviluppo del settore biotech è in gran parte legato al BioRegio Contest, pianificato all inizio degli anni 90 e presentato nel Si è trattato, in particolare, di una gara tra regioni del paese in cui ciascuna delle partecipanti ha dovuto presentare un progetto in cui descriveva i propri punti di forza nel settore, nonché una proposta articolata di sviluppo futuro. I criteri di scelta dei progetti vincitori sono stati, fra gli altri: numero e dimensione delle biotech esistenti, attività di collaborazione esistenti, piano regionale di supporto alle start up, risorse finanziare disponibili, collaborazione fra imprese, università e strutture ospedaliere, e così via. Le regioni vincenti si sono aggiudicate un consistente finanziamento che ha permesso un notevole sviluppo del settore, se si considera che dal 1995 al 1997 il numero delle imprese biotech è passato da 100 a 465. Si è trattato di un intervento di supporto fortemente regionale, che ha posto l accento sulle collaborazioni fra imprese. Nonostante il successo mostrato dall iniziativa, ci sono state tuttavia critiche legate al fatto che ha supportato le regioni che già erano forti nel settore, discriminando le imprese localizzate al di fuori delle aree vincitrici.

28 Esperienze internazionali: Germania

29 Esperienze internazionali: Italia Il settore biotech in Italia è a uno stadio di sviluppo quasi embrionale, con molte delle imprese esistenti nate in seguito a processi di crisi/ristrutturazione di grandi imprese farmaceutiche. Molti dei problemi di sviluppo del settore sono attribuibili da un lato ad un insufficiente investimento in ricerca, ad uno scarso orientamento verso i settori ad alta tecnologia e a deboli legami fra imprese ed università, come mostrano i dati che seguono.

30 FONTE: Eurostat, 2010

31 Numero di imprese biotech in Europa, 2001 FONTE: E&Y, 2001

32 Lauree in ambiti scientifici, 2007 (% sul totale dei laureati) Fonte: OECD, 2010

33 Personale R&D (per migliaia di addetti totali), 2006 Fonte: OECD, 2008

34 Crescita del personale in settori high tech Fonte: OECD, 2008

35 Fondi pubblici per la R&S (%) Portogallo Italia Grecia Austria Spagna Francia Paesi Bassi Eu-25 Eu-15 Danimarca Germania Regno Unito Israele Stati Uniti Finlandia Svizzera Belgio Irlanda Svezia Giappone 0,0 10,0 20,0 30,0 40,0 50,0 60,0 70,0 Fonte: Schilling, 2008

36 Trattamento fiscale alla R&S, 2008 Fonte: OECD, 2008

37 Spese tot. in biotech R&D delle imprese attive nel settore, 2003 FONTE: OECD 2008

38 Investimento in venture capital come % del PIL (2007) FONTE: OECD 2008

39 Brevetti in nanotecnologie (% sul tot.), FONTE: OECD 2008

40 Tasso di crescita annuo dei brevetti, Fonte: OECD, 2008

41 Articoli scientifici, 2005 (per milione di popolazione) Fonte: OECD, 2008

42 Finland Japan Sweden USA Belgium Denmark Germany France United Kingdom EU-15 Netherlands Ireland Austria Spain Portugal Greece Italy Ricercatori per 1000 addetti, FONTE: EU, 2002

43 Greece Finland Ireland Spain Portugal Belgium USA Netherlands Sweden Denmark EU-15 United Kingdom Japan Germany France Italy Ricercatori 14 per 1000 addetti, saggio di crescita annuale, FONTE: EU, 2002

44 0.8 Indice sintetico di innovazione, Turchia Romania Croazia Polonia Fonte: Schilling, 2008 Slovacchia Portogallo Grecia Ungheria Spagna Italia Repubblica Ceca Norvegia Australia Canada Unione Europea Belgio Francia Paesi Bassi Austria Irlanda Stati Uniti Regno Unito Germania Giappone Danimarca Israele Finlandia Svizzera Svezia

45 Profilo sintetico S&T, Italia (2008) Fonte: OECD, 2010

46 Profilo sintetico S&T, Finlandia (2008) Fonte: OECD, 2010

47 Cluster high tech: implicazioni di politica L analisi dei motivi alla base della localizzazione delle imprese high tech, di cui il settore delle biotecnologie rappresenta un esempio, ha forti implicazioni in termini di politica industriale. Se diventano chiare le forze agglomerative e localizzative dell industria high tech, diventano egualmente chiare le leve da utilizzare per promuoverne lo sviluppo. Se, ad es. emerge che lo sviluppo dei cluster biotech è legato a quello delle università ad alta intensità di ricerca, ne consegue che occorrerà agire su queste ultime per creare benefici alle prime e massimizzare la ricaduta dell intervento. Tutto questo tenendo comunque in considerazione le specifiche problematiche di settore, quali ad es. l opposizione dell opinione pubblica nei confronti della biotecnologia.

48 Alcuni esempi di politiche a supporto del biotech Le politiche a supporto del settore biotech sono sintetizzabili nelle seguenti categorie: Politiche industriali (supporto alla R&S o alla raccolta di investimenti in conto capitale, anche perché le scienze della vita hanno un ciclo di ricerca molto lungo, con forti costi di acquisto di materiali e attrezzature); Approntamento di adeguati contesti normativi e costituzione e regolamentazione di mercati specializzati per imprese ad alto rischio; Protezione dei diritti di proprietà intellettuali, con eventuale promozione della mobilità fra università ed imprese

49 Un nuovo approccio nel supporto ai settori ad alta intensità di conoscenza: il sostegno alla ricerca Lo sviluppo di settori che - come le biotecnologie sono caratterizzati da un elevata intensità di conoscenza, è strettamente legato agli avanzamenti nella ricerca che viene effettuata a monte, spesso al di fuori del contesto industriale. Nel caso delle biotecnologie, tale ricerca è legata soprattutto alla genetica e ai settori ad essa collegati.

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 Secondo i dati forniti dall Eurostat, il valore della produzione dell industria agricola nell Unione Europea a 27 Stati Membri nel 2008 ammontava a circa 377 miliardi

Dettagli

Liberalizzazione del mercato dei capitali

Liberalizzazione del mercato dei capitali Liberalizzazione del mercato dei capitali euros euros Curve del prodotto marginale del capitale K Capital flow Esportazione di capitale r o r MPK* A MPK r r* o K o K*o * K o +K* o 1 Effetti di benessere

Dettagli

CAP 2 Le fonti dell innovazione. Gestione dell innovazione

CAP 2 Le fonti dell innovazione. Gestione dell innovazione CAP 2 Le fonti dell innovazione Gestione dell innovazione 1 La creatività L innovazione può scaturire da molte fonti diverse: Mente degli individui Ricerca universitaria, EPR, incubatori di imprese, fondazioni

Dettagli

è Conoscenza più Servizio più Prodotti

è Conoscenza più Servizio più Prodotti è Conoscenza più Servizio più Prodotti Regolazione e controllo del vapore e dei fluidi industriali CONOSCENZA Quasi un secolo di esperienza a disposizione dei clienti 35 centri di formazione ed addestramento

Dettagli

Finanziamento e politiche per l innovazione

Finanziamento e politiche per l innovazione BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A Finanziamento e politiche per l innovazione Banca d Italia, Sede di Genova 19 Novembre 2013 Le politiche per l innovazione: motivazione economica Tipologia ed effetti

Dettagli

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA Parte III : R&S nella piccola e media impresa Angelo Bonomi PICCOLE E MEDIE IMPRESE E R&S Esistono varie definizioni di piccole e

Dettagli

Gli assetti a popolazione

Gli assetti a popolazione Gli assetti a popolazione Lo strategic network (mercato auto) L industrial network (filiera, distretto) I business network (eterarchia-relazione) Il policy network (politica pubblica) Le filiere IL SETTORE

Dettagli

La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei dati Ocse 2002

La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei dati Ocse 2002 HW Health World Ocse health data 2002 di Mario Coi e Federico Spandonaro Ceis Sanità, Facoltà di Economia, Università degli Studi di Roma Tor Vergata La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita Facoltàdi Economia, Università degli studi di Trento 19 novembre 2009 Anagni, Istituto Tecnico Commerciale G. Marconi IL MONDO E CAMBIATO

Dettagli

IMPRENDITORI SI NASCE O SI DIVENTA? RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITÀ ITALIA E STATI UNITI A CONFRONTO

IMPRENDITORI SI NASCE O SI DIVENTA? RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITÀ ITALIA E STATI UNITI A CONFRONTO IMPRENDITORI SI NASCE O SI DIVENTA? RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITÀ ITALIA E STATI UNITI A CONFRONTO PREMESSE E OBIETTIVI SURVEY DESIGN Periodo di rilevazione: Aprile luglio 2014 Campione: 43.902

Dettagli

dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia

dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia Le dimensioni quantitative del problema In Italia, nel, gli stradali sono stati 230.871. Questi hanno determinato 5.131 e 325.850, con un costo sociale

Dettagli

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino.

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Specializzazione produttiva o SP., competitività internazionale e crescita economica o SP.,

Dettagli

Guido Guidi Head Pharma Region Europe Novartis Milano, 9 Dicembre 2013

Guido Guidi Head Pharma Region Europe Novartis Milano, 9 Dicembre 2013 La Ricerca in Italia La rilevanza della ricerca biomedica Guido Guidi Head Pharma Region Europe Novartis Milano, 9 Dicembre 2013 Ricerca e Sistema Paese Le innovazioni non seguono una sequenza lineare

Dettagli

SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA

SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA Sulle retribuzioni più basse meno tasse fino a 1.700 euro all anno ================================================= Il cuneo fiscale in Italia è in discesa.

Dettagli

CAPITOLO III. Ricerca e Sviluppo nel settore del farmaco

CAPITOLO III. Ricerca e Sviluppo nel settore del farmaco CAPITOLO III Ricerca e Sviluppo nel settore del farmaco RICERCA E SVILUPPO NEL SETTORE DEL FARMACO Dati ed evoluzione temporale Nel 2009 le imprese del farmaco hanno investito in Ricerca e Sviluppo 1.220

Dettagli

L Austria un vicino conosciuto?

L Austria un vicino conosciuto? Austria * L Austria un vicino conosciuto? Gerlinde Gahleitner ABA-Invest in Austria 2015 Folie 2 L Austria è conosciuto. Folie 3 Piazza economica moderna Settore produttivo nel PIL in %, 2013 Turismo 15%

Dettagli

I DISTRETTI TECNOLOGICI (DT)

I DISTRETTI TECNOLOGICI (DT) Capitolo IV I DISTRETTI TECNOLOGICI (DT) Parole Chiave Industria Science-based Sistema Nazionale di Innovazione Tripla Elica Conoscenza Tecnologica Incubatore di Imprese Silicon Valley 71 Il modello dei

Dettagli

Le aree di Innovazione per la crescita

Le aree di Innovazione per la crescita Le aree di Innovazione per la crescita I Sistemi nazionali di Innovazione vengono caratterizzati dal grado di specializzazione tecnologica dei diversi settori produttivi: la capacità di sviluppare innovazione

Dettagli

Convegno nazionale I nostri ricercatori: una ricchezza per il Paese e per l'europa Roma, 30 giugno 2008

Convegno nazionale I nostri ricercatori: una ricchezza per il Paese e per l'europa Roma, 30 giugno 2008 Convegno nazionale I nostri ricercatori: una ricchezza per il Paese e per l'europa Roma, 30 giugno 2008 Intervento di Nicola Catalano, ricercatore ISFOL Introduzione 1. Conosciamo tutti l importanza delle

Dettagli

Mercato lavoro, orari, produttività, salari

Mercato lavoro, orari, produttività, salari Mercato lavoro, orari, produttività, salari Roberto Romano 22 marzo 2012 Sommario Premessa... 2 Rigidità della protezione dell'occupazione... 2 Italia, paese dai bassi salari... 4 Ore lavorate... 5 Costo

Dettagli

LO STATO DELLA RICERCA SANITARIA IN ITALIA

LO STATO DELLA RICERCA SANITARIA IN ITALIA SAS Campus 2011 - Università di Milano-Bicocca, 22 novembre Business Intelligence e Analytics nell università, nel business e nel government per la crescita del Sistema Paese LO STATO DELLA RICERCA SANITARIA

Dettagli

Il sintomatico caso degli stage alla Commissione europea e della massiccia presenza di candidature italiane

Il sintomatico caso degli stage alla Commissione europea e della massiccia presenza di candidature italiane Il sintomatico caso degli stage alla Commissione europea e della massiccia presenza di candidature italiane di Francesca Fazio Uno stage presso la Commissione europea? È il sogno di molti ragazzi italiani

Dettagli

IL LAVORO DELL OCSE SUI SISTEMI SANITARI

IL LAVORO DELL OCSE SUI SISTEMI SANITARI IL LAVORO DELL OCSE SUI SISTEMI SANITARI - analisi, confronto e rafforzamento del sistema sanitario Stefano Scarpetta, Direttore della Direzione del Lavoro, Occupazione e Affari Sociali Il Lavoro dell

Dettagli

L attività brevettuale dei docenti universitari: L Italia in un confronto internazionale

L attività brevettuale dei docenti universitari: L Italia in un confronto internazionale L attività brevettuale dei docenti universitari: L Italia in un confronto internazionale Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università degli Studi di Urbino 1. Introduzione

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ Se confrontata con i principali paesi europei, l Italia si colloca nella fascia bassa, per quanto riguarda la presenza di imprese estere sul proprio territorio.

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

QUANTO INNOVANO REALMENTE LE PMI?

QUANTO INNOVANO REALMENTE LE PMI? QUANTO INNOVANO REALMENTE LE PMI? INFORMAZIONI SULL AZIENDA Pagina 1 1. Dimensione del fatturato in euro (con riferimento al Bilancio 2013) Fino a 2 milioni di euro di fatturato Oltre 2 milioni e fino

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

OPEN INNOVATION E FINANZIAMENTI PER LE PMI

OPEN INNOVATION E FINANZIAMENTI PER LE PMI OPEN INNOVATION E FINANZIAMENTI PER LE PMI Cosa si intende per Open Innovation Angela Rotellini, LIUC Università Cattaneo Lomazzo, 22 Aprile 2015 Agenda Definizione di Open Innovation I vantaggi dell Open

Dettagli

La tassazione del lavoro: l Italia nel contesto europeo

La tassazione del lavoro: l Italia nel contesto europeo Econpubblica - Centre for Research on the Public Sector La tassazione del lavoro: l Italia nel contesto europeo Giampaolo Arachi Università del Salento e Econpubblica Alberto Zanardi, Università di Bologna

Dettagli

ALLARME ROSSO PER LA RICERCA EUROPEA: È URGENTISSIMO ACCELERARE GLI INVESTIMENTI NELLE CONOSCENZE

ALLARME ROSSO PER LA RICERCA EUROPEA: È URGENTISSIMO ACCELERARE GLI INVESTIMENTI NELLE CONOSCENZE ALLARME ROSSO PER LA RICERCA EUROPEA: È URGENTISSIMO ACCELERARE GLI INVESTIMENTI NELLE CONOSCENZE Gli sforzi per la ricerca sono molto minori in Europa di quanto non siano negli Stati Uniti o in Giappone,

Dettagli

Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia

Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia http://poloinnovazione.cc-ict-sud.it Luciano Mallamaci, ICT-SUD Direttore Tecnico ICT Sud Program Manager Polo

Dettagli

Il futuro delle Biotecnologie è nei nuovi investitori

Il futuro delle Biotecnologie è nei nuovi investitori Il futuro delle Biotecnologie è nei nuovi investitori Sommario Con un tasso di crescita di nuove imprese intorno al 50%, l Italia delle biotecnologie sta progressivamente recuperando il ritardo maturato

Dettagli

La Sicurezza delle Macchine. Tecnico della Prevenzione Dott. Tieri Sperduti

La Sicurezza delle Macchine. Tecnico della Prevenzione Dott. Tieri Sperduti La Sicurezza delle Macchine Tecnico della Prevenzione Dott. Tieri Sperduti Passaggio dalla vecchia alla nuova normativa di sicurezza Vecchio sistema : Macchine rivestite di Sicurezza: Si utilizzano le

Dettagli

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

Innovazione e diritti di proprietà intellettuale

Innovazione e diritti di proprietà intellettuale Innovazione e diritti di proprietà intellettuale Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università degli Studi di Urbino 1. Introduzione Quali sono i Diritti di Proprietà

Dettagli

Titoli post-laurea (dottorato, Master) e sbocchi lavorativi

Titoli post-laurea (dottorato, Master) e sbocchi lavorativi Convegno sul tema INGEGNERIA CHIMICA: Percorsi formativi e mercato del lavoro Titoli post-laurea (dottorato, Master) e sbocchi lavorativi Prof. Ing. Angelo Chianese Università di Roma La Sapienza MASTER

Dettagli

Il modello di business delle biotecnologie

Il modello di business delle biotecnologie Il modello di business delle biotecnologie Luigi Orsenigo IUSS, Pavia Horizon 2020 Napoli, 1 febbraio 2013 Il modello di business delle biotecnologie Silicon Valley Consensus: mutuato da ICT Scienza imprenditoriale:

Dettagli

Le piccole ci à. Sociologia dello sviluppo economico locale A.A. 2012/2013 Relazione di Valentina Barbaglia Marta Gallina

Le piccole ci à. Sociologia dello sviluppo economico locale A.A. 2012/2013 Relazione di Valentina Barbaglia Marta Gallina Le piccole ci à Sociologia dello sviluppo economico locale A.A. 2012/2013 Relazione di Valentina Barbaglia Marta Gallina L ogge o di studio Ø Sistemi economici caratterizzati da attività ad alta tecnologia

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

Gli incentivi alle imprese per l innovazione

Gli incentivi alle imprese per l innovazione BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A Gli incentivi alle imprese per l innovazione Raffaello Bronzini Banca d Italia DPS Invitalia - Incontro su: Il ruolo degli strumenti nelle smart specializzation strategy

Dettagli

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o CAPITOLO 11 Innovazione e cambiamento Agenda Ruolo strategico del cambiamento Cambiamento efficace Cambiamento tecnologico Cambiamento di prodotti e servizi i Cambiamento strategico e strutturale Cambiamento

Dettagli

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa.

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. La moneta La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA La moneta e le istituzioni monetarie Le forme fisiche assunte dalla moneta sono diverse,

Dettagli

Innovazione e imprese

Innovazione e imprese Innovazione e imprese Prof. Sandro Trento Facoltà di Economia, Università di Trento Roma, 15 settembre, Innovazione Italia Innovazione Innovazione è sinonimo di nuovo? La novità deve raggiungere il mercato

Dettagli

Può essere migliorato il funzionamento del mutuo riconoscimento?

Può essere migliorato il funzionamento del mutuo riconoscimento? Può essere migliorato il funzionamento del mutuo riconoscimento? Rispondo in qualità di : % Consumatore 41 ( 31.1%) Organizzazione rappresentativa 30 ( 22.7%) Impresa 26 ( 19.7%) Organismo pubblico nazionale/regionale

Dettagli

Il corso di laurea in Ottica e Optometria. Dipartimento di Scienze Università Roma Tre

Il corso di laurea in Ottica e Optometria. Dipartimento di Scienze Università Roma Tre Il corso di laurea in Ottica e Optometria Dipartimento di Scienze Università Roma Tre Ottica: la scienza della visione Ogni azione visuale è costituita da: 1) una fase fisica 2) una fase fisiologica 3)

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

Terza Missione e Dottorati Industriali: nuove partnership fra Imprese e Università

Terza Missione e Dottorati Industriali: nuove partnership fra Imprese e Università Terza Missione e Dottorati Industriali: nuove partnership fra Imprese e Università ANDREA BAIRATI Direttore Area Politiche Industriali, Innovazione, Education di Confindustria 5 giugno 2014 SCENARIO Le

Dettagli

LE VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA FOCUS SULL INDUSTRIA FARMACEUTICA

LE VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA FOCUS SULL INDUSTRIA FARMACEUTICA LE VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA FOCUS SULL INDUSTRIA FARMACEUTICA Non esiste vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare, diceva Seneca. Oggi l Italia, con la crisi quasi alle spalle

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 2013 Presentazione di J.M. Barroso,

Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 2013 Presentazione di J.M. Barroso, Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 213 Presentazione di J.M. Barroso, Presidente della Commissione europea, al Consiglio europeo del 14-1 marzo 213 La ripresa economica

Dettagli

Luoghi comuni sull Università: un confronto Italia paesi OCSE

Luoghi comuni sull Università: un confronto Italia paesi OCSE Luoghi comuni sull Università: un confronto Italia paesi OCSE A. Bertoni, D. Malchiodi, M. Trubian, G. Valentini Università degli Studi di Milano Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Obbiettivi

Dettagli

L ENERGIA E IL FUTURO: IL FUTURO DELL ENERGIA

L ENERGIA E IL FUTURO: IL FUTURO DELL ENERGIA L ENERGIA E IL FUTURO: IL FUTURO DELL ENERGIA Prospettive di sviluppo delle energie rinnovabili per la produzione di energia elettrica. Opportunità per il sistema industriale nazionale. Intervento di Annalisa

Dettagli

Quarta Conferenza Nazionale sull efficienza energetica L EFFICIENZA ENERGETICA: POTENZIALE RICCHEZZA PER L ITALIA

Quarta Conferenza Nazionale sull efficienza energetica L EFFICIENZA ENERGETICA: POTENZIALE RICCHEZZA PER L ITALIA Quarta Conferenza Nazionale sull efficienza energetica CARTE COORDINAMENTO ASSOCIAZIONI RINNOVABILI TERMICHE ED EFFICIENZA L EFFICIENZA ENERGETICA: POTENZIALE RICCHEZZA PER L ITALIA Raffaele Scialdoni

Dettagli

L economia italiana: problemi strutturali e prospettive di crescita. L economia italiana: problemi strutturali e prospettive di crescita 1/37

L economia italiana: problemi strutturali e prospettive di crescita. L economia italiana: problemi strutturali e prospettive di crescita 1/37 L economia italiana: problemi strutturali e prospettive di crescita Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia L economia italiana: problemi strutturali e prospettive di crescita 1/37 Premessa - Nel corso

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

Donne e mercato del lavoro in Italia: tra la grande crisi e ritardi strutturali

Donne e mercato del lavoro in Italia: tra la grande crisi e ritardi strutturali Donne e mercato del lavoro in Italia: tra la grande crisi e ritardi strutturali GIUSEPPE GAROFALO Prof. di Economia Dipartimento di Economia e Impresa Università della Tuscia Occupati in Italia 9,2 milioni

Dettagli

L industria farmaceutica in Italia: un patrimonio per la crescita e l occupazione che il Paese deve valorizzare

L industria farmaceutica in Italia: un patrimonio per la crescita e l occupazione che il Paese deve valorizzare L industria farmaceutica in Italia: un patrimonio per la crescita e l occupazione che il Paese deve valorizzare Massimo Scaccabarozzi, Presidente Farmindustria Milano, 16 Gennaio 2015 Per informazioni:

Dettagli

Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali. Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading

Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali. Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading I cambiamenti climatici. Alcuni dati Negli ultimi 100 anni le temperature media sono aumentate di

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3752 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MOSCA, LORENZIN Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Presentata

Dettagli

Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna. Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR

Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna. Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR Il POR FESR Emilia Romagna ASSE 1 Ricerca industriale e trasferimento tecnologico 115 milioni

Dettagli

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini L educazione e l apprendimento lungo tutto l arco della vita svolgono un ruolo capitale nello sviluppo

Dettagli

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto EUROPA 2020 Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva Eurosportello-Unioncamere del Veneto Cos è è? Una comunicazione della Commissione Europea (Com. 2020 del 3 marzo 2010), adottata

Dettagli

Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi. Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020.

Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi. Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020. Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020 Roma, 27 V 2011 Europa 2020 Nuovo contesto ed orientamenti sull innovazione

Dettagli

L Istituto Galileo GALILEI di Crema

L Istituto Galileo GALILEI di Crema L Istituto Galileo GALILEI di Crema in continuità con la sua proposta formativa propone, a partire dall a.s. 2010/11, corsi quinquennali di: - ISTITUTO TECNOLOGICO, diurni e serali (ex ITIS) - LICEO SCIENTIFICO

Dettagli

FocusReport3. KIBS: il percorso della conoscenza. EBiComLab. nella provincia di Treviso. agosto 2014. Centro studi sul terziario trevigiano

FocusReport3. KIBS: il percorso della conoscenza. EBiComLab. nella provincia di Treviso. agosto 2014. Centro studi sul terziario trevigiano FocusReport3 agosto 2014 KIBS: il percorso della conoscenza Filcams-CGIL Fisascat-CISL Uiltucs-UIL Secondo i dati forniti dall Ufficio Studi e Statistica della Camera di Commercio Industria Artigianato

Dettagli

Prima verifica del sistema europeo di emission trading (EU-ETS)

Prima verifica del sistema europeo di emission trading (EU-ETS) Prima verifica del sistema europeo di emission trading (EU-ETS) Milano, 01-06-06 Per approfondimenti: Sara Faglia, faglia@avanzi.org Tel. 02-36518110 Davide Zanoni, zanoni@avanzi.org Tel. 02-36518113 Cell

Dettagli

sviluppo dell umbria

sviluppo dell umbria L internet economy e il suo contributo allo sviluppo dell umbria Mauro Casavecchia l internet economy crea valore e occupazione Contributo diretto di Internet al PIL 2009 Contributo di Internet alla crescita

Dettagli

Il Ruolo della Università nella

Il Ruolo della Università nella R&S in ITALIAIA Il Ruolo della Università nella Ricerca e nella Innovazione 1 Trasferimento Tecnologico: il modello del vu cumprà Innovazioni 1. Università e Centri di ricerca sono produttori di conoscenza;

Dettagli

SDD ING-IND/35. Ingegneria economico-gestionale

SDD ING-IND/35. Ingegneria economico-gestionale Ingegneria economico-gestionale Il gruppo di ricerca Marco Mutinelli Renato Redondi Francesca Sgobbi Mariasole Bannò Valentina Morandi I temi di ricerca Internazionalizzazione Competenze e cambiamento

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE Riccardo Cappellin OS.E.L.R. - Osservatorio sulle Economie Locali e Regionali Dipartimento di Economia e Istituzioni Università di Roma "Tor Vergata"

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

BERGAMO SMART CITY VERSO EXPO 2015. Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso - 26 novembre 2013

BERGAMO SMART CITY VERSO EXPO 2015. Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso - 26 novembre 2013 BERGAMO SMART CITY VERSO EXPO 2015 Start Up Innovative -Le imprese fanno sistema Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso - 26 novembre 2013 START UP E INCUBATORI Il Decreto Sviluppo (179/2012), introducendo

Dettagli

DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre

DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre Commission européenne Comunicato stampa L autonomia scolastica in Europa Politiche e modalità attuative

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015 LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego Laura Robustini EURES Adviser 04 Marzo 2015 IL LAVORO IN EUROPA EURES promuove la mobilità geografica ed occupazionale sostenendo i

Dettagli

Tendenze del turismo internazionale nelle regioni italiane

Tendenze del turismo internazionale nelle regioni italiane Tendenze del turismo internazionale nelle regioni italiane A. Alivernini, M. Gallo, E. Mattevi e F. Quintiliani Conferenza Turismo internazionale: dati e risultati Roma, Villa Huffer, 22 giugno 2012 Premessa:

Dettagli

Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed

Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed SPIN - Roma, 13 giugno 2005 Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed Renzo Vanetti, Amministratore Delegato 2 Lisbona/Barcellona: lo stesso concetto di cooperazione Lisbona

Dettagli

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 3

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 3 Politiche Sanitarie Comparate Lezione 3 Stefano Neri Corso di Laurea in Servizio Sociale 2009/10 Università degli Studi di Milano Bicocca Modelli di organizzazione di un sistema sanitario (a) Si differenziano

Dettagli

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Costruzioni: all illusione del 2011 fa seguito un nuovo calo produttivo nel 2012 Verona 21 giugno 2012 - Dopo tre anni di profondo declino,

Dettagli

Comunicato stampa. Focus sulle strutture dell'istruzione superiore in Europa 2004/05. La struttura in due cicli: una realtà in Europa

Comunicato stampa. Focus sulle strutture dell'istruzione superiore in Europa 2004/05. La struttura in due cicli: una realtà in Europa Focus sulle strutture dell'istruzione superiore in Europa 2004/05 Tendenze nazionali nel Processo di Bologna Comunicato stampa In occasione della Conferenza dei Ministri dell'istruzione superiore di Bergen

Dettagli

Vision e obiettivi di Confindustria Digitale

Vision e obiettivi di Confindustria Digitale Vision e obiettivi di Confindustria Digitale Nicola Ciniero Consigliere Incaricato, Confindustria Digitale Presidente e Amministratore Delegato IBM Italia 13 Maggio 2013 1 Problemi ben noti limitano la

Dettagli

ANCE Sicilia Smobilizzo crediti con le PP.AA. Ristrutturazione del debito Sistema di Gestione Resp. Amministrativa Il Gruppo Atradius

ANCE Sicilia Smobilizzo crediti con le PP.AA. Ristrutturazione del debito Sistema di Gestione Resp. Amministrativa Il Gruppo Atradius ANCE Sicilia Smobilizzo crediti con le PP.AA. Ristrutturazione del debito Sistema di Gestione Resp. Amministrativa Il Gruppo Atradius Giulio Longobardi Direttore commerciale Atradius Italia Palermo 14

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Informazioni generali/metodologia. Analisi del profilo. Aspettative degli studenti e valutazione dell'università

Informazioni generali/metodologia. Analisi del profilo. Aspettative degli studenti e valutazione dell'università Italian Edition Informazioni generali/metodologia Analisi del profilo Aspettative degli studenti e valutazione dell'università Formazione universitaria e carriera lavorativa trendence radius of action

Dettagli

Le realtà emergenti: le biotecnologie in Italia

Le realtà emergenti: le biotecnologie in Italia Le realtà emergenti: le biotecnologie in Italia Domenico Criscuolo Presidente Genovax Roma, 31 marzo 2014 "La biotecnologia è l'applicazione tecnologica che si serve dei sistemi biologici, degli organismi

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA

LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA di Liana Verzicco L UNIVERSITÀ Il contesto internazionale: lo spazio europeo dell istruzione superiore Nel XXI secolo sarà la conoscenza

Dettagli

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005 Summary in Italian Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005 Riassunto in italiano Sommario Esecutivo Prosegue la tendenza

Dettagli

Ricerca e innovazione

Ricerca e innovazione CAPITOLO 11 Ricerca e innovazione Alla base del progresso Ricerca e innovazione costituiscono una determinante indiretta del benessere. Sono alla base del progresso sociale ed economico e danno un contributo

Dettagli

Sinergie e risultati nel settore del farmaco. Massimo Boriero Gruppo Biotecnologie Farmindustria

Sinergie e risultati nel settore del farmaco. Massimo Boriero Gruppo Biotecnologie Farmindustria Sinergie e risultati nel settore del farmaco Massimo Boriero Gruppo Biotecnologie Farmindustria Roma, 22 maggio 2007 Dalle Biotecnologie per la Salute nuove possibilità di cura settore Science-based le

Dettagli

Capitolo XVII. La gestione del processo innovativo

Capitolo XVII. La gestione del processo innovativo Capitolo XVII La gestione del processo innovativo Il ruolo dell innovazione nell economia dell immateriale L innovazione ha assunto un ruolo particolarmente significativo come variabile esplicativa della

Dettagli

Ricerca, brevetti e nuove tecnologie in Italia: ragioni e conseguenze di un declino

Ricerca, brevetti e nuove tecnologie in Italia: ragioni e conseguenze di un declino Ricerca, brevetti e nuove tecnologie in Italia: ragioni e conseguenze di un declino Alessandro Sterlacchini UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE Dipartimento di Scienze Economiche e Sociali a.sterlacchini@univpm.it

Dettagli

Investimento in formazione e inserimento nel mercato del lavoro

Investimento in formazione e inserimento nel mercato del lavoro Investimento in formazione e inserimento nel mercato del lavoro Le Linee guida per la formazione nel 2010 e il rilancio dei contratti a contenuto formativo Roma, 6 maggio 2010 Emmanuele Massagli Ricercatore

Dettagli

L ecosistema più favorevole all avvio delle start-up. L evidenza del Rapporto RITA 2005

L ecosistema più favorevole all avvio delle start-up. L evidenza del Rapporto RITA 2005 L ecosistema più favorevole all avvio delle start-up. L evidenza del Rapporto RITA 2005 Massimo G. Colombo Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale Le gazzelle high-tech Le gazzelle

Dettagli

IL DIRETTORE DECRETA. Art. 1 Finalità: mobilità per studio e tirocinio

IL DIRETTORE DECRETA. Art. 1 Finalità: mobilità per studio e tirocinio Decreto IMT Rep. 02400(222).V.6.04.07.14 Rep. Albo Online 02401(179).I.7.04.07.14 IL DIRETTORE VISTO lo Statuto di IMT Alti Studi, Lucca (nel seguito denominato IMT o Istituto ), emanato con Decreto Direttoriale

Dettagli

LA RICERCA TI CERCA. Come diventare ricercatore. E perché.

LA RICERCA TI CERCA. Come diventare ricercatore. E perché. LA RICERCA TI CERCA Come diventare ricercatore. E perché. INDICE CHE COS È LA RICERCA FARMACEUTICA? Una lunga storia, in breve 3 COME SI ENTRA NEL MONDO DELLA RICERCA? Un lavoro che guarda lontano, visto

Dettagli

IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE

IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE Di Antonella Della Rovere (luglio 2003) L ambiente accademico sta attraversando un momento di profonda trasformazione: la riforma dei corsi di studio

Dettagli

CENTRO STUDI GILDA. DD Dossier Docenti. GILDA degli Insegnanti Tel. 068845005 - Fax 0684082071 www.gildains.it gildanaz@uni.net

CENTRO STUDI GILDA. DD Dossier Docenti. GILDA degli Insegnanti Tel. 068845005 - Fax 0684082071 www.gildains.it gildanaz@uni.net CENTRO STUDI GILDA DD Dossier Docenti Presentazione Dossier Docenti (DD) intende raccogliere e divulgare in modo sintetico e snello una serie di dati e/o informazioni relativi alla scuola ed ai docenti

Dettagli