MANUALE D USO SHAREBOT Next Generation

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUALE D USO SHAREBOT Next Generation"

Transcript

1

2

3 Questo manuale è stato scritto da Aquarius Edizioni Srl per Sharebot Srl. Copyright 2013 Il manuale può essere riprodotto e distribuito con mezzi elettronici purché non sia alterato in alcun suo contenuto e venga fornito nella sua interezza, senza rimuovere alcun testo o immagine. Tutti i marchi citati sono dei rispettivi proprietari. MANUALE D USO SHAREBOT Next Generation

4

5 ATTENZIONE - ESTRUSORE Il sistema di fusione ed estrusione del filamento termoplastico richiede la presenza di una testina riscaldata fino a temperature di 250 gradi e più. Il contatto, anche per un tempo molto limitato con la parte riscaldata, provoca ustioni. Evitate quindi di mettere le mani o altre parti del corpo nell area di stampa durante le operazioni di stampa e per i minuti successivi al termine della stampa stessa. La temperatura corrente dell estrusore è indicata sullo schermo LCD. ATTENZIONE PIATTO RISCALDATO Tutto il piatto di stampa è in metallo, con l aggiunta di una lastra di vetro. Se previsto dalla configurazione da voi acquistata, Shartebot NG può aver nella parte inferiore del piatto un riscaldatore. Questo dispositivo viene riscaldato elettricamente e serve a portare alla temperatura desiderata l intero piatto di stampa, compresa la lastra di vetro fissata con le mollette. La temperatura viene misurata direttamente sul piatto riscaldante e quindi la temperatura della lastra di vetro sarà inferiore a quella indicata per diversi minuti dall avvio del riscaldamento, ma allo stesso modo potrà essere più calda di quanto indicato sul display per diversi minuti dopo il termine della stampa per il fenomeno dell inerzia termica. Se avete il piano riscaldato, ricordate che può essere impostato in casi particolari per temperature di gradi, mentre la temperatura consigliata per le stampe è solitamente di gradi. A queste temperature il contatto involontario non produce danni e ustioni se si ritrae immediatamente la parte entrata in contatto, mentre a temperature più elevate si riduce molto il tempo di contatto necessario a creare ustioni. Vi raccomandiamo quindi cautela, controllando sempre la temperatura indicata sul display prima di avviare manovre come il distacco del pezzo stampato o la rimozione della lastra in vetro sul piatto di stampa. 5

6

7 Avvertenze 5 Sommario 7 Capitolo 1 - Caratteristiche tecniche 12 Apriamo la confezione Posizionamento della stampante Montaggio del porta bobine Sblocco dell estrusore Driver per la stampante Accensione della stampante e collegamento al computer Capitolo 2 - Il processo della stampa 3D 19 Il modello Scaricare da Internet Da modello 3D a file per la stampa Il file di stampa Conservate i file Capitolo 3 - Il pannello LCD 24 Modalità informativa La manopola Accesso al menu principale Il menu Prepara Il menu Adatta 7

8 Capitolo 4 - Regoliamo la stampante 28 Carichiamo il filamento Prepariamo il piano di stampa Impariamo a regolare il piano Capitolo 5 - La nostra prima stampa da SD 31 La scheda SD Avviamo la stampa Fermiamo la stampa Modifichiamo i parametri di stampa Stacchiamo il pezzo stampato Capitolo 6 - Stampiamo da PC 36 Repetier-host Slic3r Installiamo il software Impostazioni di Slic3r Carichiamo il modello da stampare Lo slicing Il G-Code è pronto Il Controllo Manuale Proviamo a comunicare con la stampante Via alla stampa! Cosa cambiare durante la stampa Capitolo 7 - I materiali e il piano di stampa 47 Come si comporta l ABS Come si comporta il PLA 8

9 Il piatto riscaldato Trattamenti alternativi al piatto Capitolo 8 - Utilizzo avanzato 50 L orientamento Un pezzo solo? I supporti Dettagli nelle stampe NOTE 55 9

10 10

11 Tecnologia di stampa: Fused Filament Fabrication Volume di stampa mono estrusore: 250 x 200 x 200 mm Volume di stampa bi estrusore: 230 x 200 x 200 mm Velocità di stampa tipica consigliata: 60 mm/sec Velocità di stampa massima consigliata: 400 mm/sec Risoluzione X e Y: 0,06 mm Risoluzione Z: 0,0025 mm Diametro foro di estrusione: 0,35 mm Diametro filamento da estrudere: 1,75 mm Temperature ottimali di estrusione PLA: Temperature ottimali di estrusione ABS: Filamenti di stampa testati e supportati: PLA, ABS, ABS Plus, Nylon, Gomma, Poliuretano Termoplastico (TPU), Polistirene, Cristal Flex, PLA Wood, PLA Sand Temperatura massima piatto riscaldato (opzionale): 100 Dimensioni esterne: 450 x 450 x 500 mm Peso: 14 kg Consumo: 250 watt Scheda elettronica compatibile Arduino Mega 2560 con Firmware Open Source Marlin (https://github.com/cgiussani/marlin) Schermo LCD da 20 x 4 e rotella scorri e clicca 11

12 Capitolo 1 Anatomia di Sharebot NG La vostra stampante personale 3D Sharebot NG è una macchina di precisione, progettata, sviluppata e assemblata in Italia da personale qualificato. Prima di lasciare la fabbrica, è stata sottoposta a controllo di qualità e a un collaudo che ne garantisce il funzionamento. Prima di metterla in funzione, è importante imparare la terminologia utilizzata in questo manuale e riconoscere le varie parti che compongono Sharebot NG Carrello asse Z 2. Piano di stampa in vetro 3. Mollette di fissaggio piatto di stampa 4. Viti di regolazione piatto di stampa 5. Pannello LCD 6. Manopola ruota e clicca 7. Cavi dell estrusore 12

13 Estrusore 2. Cavi dell estrusore 3. Foro di alimentazione del filo di stampa 4. Ventola di raffreddamento blocco estrusore 5. Viti di regolazione piatto di stampa 13

14 1 1. Fessura per l inserimento della scheda SD 14

15 Presa cavo di alimentazione 2. Interruttore di alimentazione 3. Etichetta con Codice Identificativo 15

16 Apriamo la confezione La vostra Sharebot NG è fornita con una serie di accessori che vi permettono di renderla immediatamente operativa, ad esclusione del software che essendo open source e in continuo aggiornamento - va scaricato dal sito di Sharebot per avere sempre la versione più recente. Con cura e senza danneggiare la confezione estraete le varie parti e gli elementi che fissano la stampante all interno del cartone, quindi afferrandola per la cornice metallica interna, estraetela. NON tirate il cavo nero morbido che parte dal lato sinistro e arriva al blocco estrusore in quanto è un cavo elettrico e NON una maniglia. Procedete con il recupero dalla confezione di tutte le parti e controllate che sia presente il materiale sotto elencato. Nella confezione oltre alla stampante: 1. Porta bobine per Sharebot NG con barra filettata e 4 bulloni 2. Cavo alimentazione 3. SD CARD con pre caricati oggetti campione da costruire 4. Cavo USB per collegamento al computer, già collegato alla stampante 5. Campione di filamento (circa 100 gr)(abs o PLA) 6. Bomboletta lacca 7. Volantino 8. Lettera di benvenuto Il piano di stampa in vetro è già fissato con le quattro mollette o tre mollette in caso di doppio estrusore, al carrello in metallo e su di esso trovate la stampa di prova che è stata fatta durante la fase di collaudo. Prima di provare a staccare il pezzo, vi consigliamo di eseguire tutte le operazioni di preparazione alla stampa, iniziando da quella della sistemazione della stampante sul piano che avrete scelto, facendo attenzione a NON tirare mai il grosso cavo nero che va dal lato all estrusore: ribadiamo che è delicato e non è una maniglia. Posizionamento della stampante Nella parte posteriore si trova l interruttore di accensione e quindi deve essere facilmente accessibile, mentre nella parte frontale in basso a sinistra - si trova la bocchetta d areazione della parte elettronica da cui dipende il corretto raffreddamento dei circuiti e che per questo deve essere senza ostruzioni. Ricordate che il filo è solitamente in un rocchetto e che questo va posizionato sull apposito porta bobine fornito. La sua posizione consigliata è dietro alla stampante, appoggiato sul medesimo piano, ma esistono posizioni alternative che di- 16

17 pendono dalla presenza di eventuali pareti o mensole vicine alla stampante stessa. L importante è che il filo sia facilmente accessibile, che possiate mettere anche più rocchetti sul porta bobine e che non ci siano intralci al trascinamento del filo dal rocchetto all estrusore. Per questo motivo, la stampante non può essere posizionata su un ripiano che non abbia attorno almeno 35 cm di spazio sul lato posteriore o uno dei due laterali. Montaggio del porta bobine Le due fiancate del porta bobine hanno forma triangolare e sono identiche; iniziate con l avvitare un bullone su un lato della barra filettata, lasciando circa 15 mm di filetto e ripetete l operazione anche dall altro lato. Ora inserite la barra filettata sulla spalla utilizzando il foro sul vertice del triangolo e fissatela con il bullone. Non stringete troppo per non rompere il plexiglass. Inserite la bobina di filo fornita e fissate la seconda spalla. Posizionate il porta bobine dietro o a lato della stampante ricordano che il filo si deve svolgere senza ostacoli e nella direzione dell estrusore. Sblocco dell estrusore Per evitare danneggiamenti della stampante durante il trasporto, il blocco dell estrusore è fissato con delle fascette. Con cura queste fascette vanno tagliate e rimosse per consentire all estrusore di muoversi liberamente. NON alimentate la stampante prima di aver fatto questa operazione altrimenti potete danneggiare motori e meccanica. Driver per la stampante La scheda di controllo della vostra Sharebot NG è basata su un Arduino Mega 2560 e con esso condivide i driver necessari al colloquio fra computer e la stampante. PRIMA di collegarla al vostro computer è necessario procurarsi i driver. Se avete un sistema operativo precedente a Windows 8, è sufficiente scaricare l IDE di Arduino all indirizzo ed estrarlo in una cartella; quando collegherete la stampante al computer, questo chiederà di individuare i driver che 17

18 sono già a questo punto sul computer, nel percorso dove avete estratto il software di Arduino. Nel caso abbiate dubbi, le istruzioni dettagliate sulla procedura sono documentate sul sito di Arduino all indirizzo Chi intende utilizzare la propria Sharebot NG con un computer con sistema operativo OS X di Apple, non deve installare driver, ma semplicemente confermare con apply la presenza di una nuova interfaccia di rete quando il computer presenterà la finestra di dialogo al primo collegamento della stampante. Per coloro che infine dispongono di un computer con Windows 8 o 8.1, la procedura di installazione dei driver è più semplice in quanto i driver sono già presenti nel sistema operativo e la scheda viene montata automaticamente fra i dispositivi quando viene collegato per la prima volta il cavo USB al computer. Accensione della stampante e collegamento al computer La vostra Sharebot NG ha una scheda di controllo che pilota a 12 volt la parte di potenza e i motori attraverso un alimentatore interno, mentre la parte a 5V può essere alimentata con la sola tensione che arriva dalla porta USB del computer a cui è collegato. Questo significa che se collegate la sola porta USB, vedrete accendersi il display e il computer comunicherà con la stampante come se questa fosse pienamente funzionante. Allo stesso modo potete accedere ai vari menu e avviare anche la stampa da SD senza che succeda nulla. Ricordatevi quindi di ACCENDERE la stampante con l interruttore posteriore (indicato come 2 a pagina 15) nello schema di riferimento della stampante anche se collegandola al computer sembra essere funzionante. Con la stampante correttamente alimentata dalla rete elettrica si accendono le strip LED e la ventola interna di raffreddamento fa un minimo di rumore a conferma che sta funzionando tutto con l alimentazione necessaria. 18

19 Capitolo 2 Il processo della stampa 3D Prima di iniziare a stampare con la vostra Sharebot NG, è importante capire come si arriva a un oggetto finito. Questo vi permette non solo di sapere cosa dovete fare per dare forma e sostanza alle vostre idee, ma vi aiuta a individuare eventuali limiti e vincoli della tecnologia utilizzata da questa stampante. Il modello Tutto comincia con la creazione o il download di un modello tridimensionale dell oggetto che si desidera stampare in 3D. La creazione avviene attraverso uno dei tanti programmi di modellazione che sono disponibili su Internet come freeware, shareware o software a pagamento. Ne esistono veramente parecchi e ciascuno di essi ha caratteristiche specifiche. Al proposito vale la pena notare che si possono avere esigenze di modellazione molto diverse e questo si riflette nella varietà delle applicazioni. Alcune sono più adatte alla progettazione meccanica, altre alla mo-dellazione artistica, altre ancora all architettura. Ricordate poi che la modellazione 3D è stata principalmente utilizzata per creare progetti o per fare dei rendering. Nel primo caso il modello è stato pensato per essere realizzato fisicamente e quindi è conforme a una serie di specifiche e vincoli che permettono al progetto di essere trasformato in qualcosa di reale. Nel secondo caso lo scopo è quello di poter creare un immagine sintetica che soddisfa determinate esigenze; il modello potrebbe essere quindi impeccabile come visualizzazione, ma impossibile da realizzare fisicamente. Quando scegliete il programma che volete utilizzare per creare i vostri modelli dovete quindi assicurarvi che sia in grado di realizzare file adatti alla produzione, o più esplicitamente alla stampa 3D, evitando invece quelli che principalmente offrono caratteristiche di animazione e rendering spinti. 19

20 Scaricare da Internet La Rete è il luogo migliore dove cercare modelli 3D già pronti, ma anche in questo caso esistono sostanziali differenze fra i modelli che si vedono bene e quelli che si stampano bene. Un buon indicatore della possibilità di stampare il modello è il suo formato: quello più diffuso per la stampa 3D è STL e i siti che intendono offrire oggetti stampabili offrono proprio questo formato. Se non c è il formato STL, è probabile che la destinazione d uso del modello sia diversa e il risultato su una stampante 3D non è quindi garantito. 20

21 Da modello 3D a file per la stampa Il vero segreto della stampa tridimensionale è la trasformazione dell oggetto tridimensionale in una sequenza di fettine bidimensionali che, una sopra l altra, ricostruiscono l oggetto. Immaginate una serie di fette di pane: se le sovrapponete ricostruirete la pagnotta originale. Nel caso della stampa 3D, ogni fettina può essere composta da forme bidimensio-nali anche non connesse fra loro in quanto è la loro somma a creare l oggetto finito. Sempre grazie a questa scomposizione in fette bidimensionali, l oggetto può essere complesso a piacere perché la stampante si limiterà a disegnare con il materiale plastico uno strato dopo l altro sovrapponendoli; un quadrato o un ghirigoro sono per la stampante della medesima difficoltà. Il lavoro più importante lo fa quindi il software che parte dal modello 3D - solitamente un reticolo di triangoli nello spazio chiamato anche mesh e lo trasforma nella sequenza di fette secondo una serie di parametri (in inglese slicing ). Perché il processo si concluda correttamente, la mesh deve essere chiusa e non avere triangoli che sono orientati in modo errato confondendo il dentro e fuori. Capita che qualche modello non sia realizzato ad arte e quindi o il software che fa lo slicing riesce a riparare la mesh, o il risultato sarà con degli errori che impediscono la corretta riproduzione dell oggetto. Le fettine da stampare sono in un formato specifico, detto G-Code; questo formato non è altro che la serie di istruzioni per lo spostamento dello strumento (fresa, testa di estrusione o laser) lungo un percorso su tre assi X, Y e Z. Nel caso delle stampanti 3D come Sharebot NG, ogni fettina contiene gli spostamenti sui due assi, lo spostamento del piano di stampa e i comandi del motore che estrude la plastica fusa per generare uno dopo l altro gli strati che comporranno l oggetto. Al termine di ogni strato i comandi nel file spostano l asse Z abbassando il piano di stampa di quel tanto che basta per aggiungere il nuovo strato. Ogni oggetto 3D può essere trasformato con il processo di slicing in una varietà di file G-Code, ciascuno diverso dall altro perché generati usando parametri di slicing diversi: ad esempio le fettine hanno l interno pieno, parzialmente vuoto o vuoto, oppure le pareti sono fatte con una, due, tre o più passate. Anche lo spessore di ciascuno strato è uno dei parametri. Un medesimo oggetto può quindi essere stampato pieno, vuoto, con 100 o 200 fettine e più o meno robusto e rigido, pur avendo tutte le versioni un aspetto esteriore simile. 21

22 Il file di stampa Il file G-Code, contenendo le istruzioni per lo spostamento delle varie parti meccaniche della stampante secondo parametri e impostazioni specifiche, ha una limitata compatibilità fra stampanti diverse. Mentre il file STL del modello può essere utilizzato da chiunque abbia una stampante 3D per generare un G-Code di stampa, un file G-Code è sicuramente funzionante per la stampante per cui è stato creato, ma potrebbe essere inutilizzabile con altre stampanti. Se non è chiaramente indicata la compatibilità con Sharebot NG, non vi consigliamo di provare a stampare file che trovate in Rete perché potrebbero far fare movimenti dannosi alla vostra stampante non per qualche premeditazione, ma per la varietà di formati e meccaniche suppor-tati dal progetto Open Source RepRap da cui anche Sharebot deriva. Nel file si trovano anche le temperature del piatto di stampa riscaldato e quelle dell estrusore, legando il file non solo alla stampante, ma anche al materiale da usare. Come vedremo nelle prossime pagine, con il pannello LCD è comunque possibile intervenire su alcuni parametri durante la stampa, mentre gli utenti più esperti possono anche modificare il file G-Code per adattarlo a materiali diversi senza dover rifare il processo di slicing. 22

23 Conservate i file Come abbiamo visto, il processo si compone delle fasi di modellazione, creazione del file STL, slicing in un file G-Code e infine stampa. È opportuno conservare il file del modello 3D nel formato nativo del programma di modellazione, così da mantenere le eventuali primitive che compongono l oggetto. Allo stesso modo, il file STL va conservato per poter fare degli slicing con parametri diversi e infine vi suggeriamo di salvare il G-Code, anche in diverse versioni per lo stesso modello, così da poter ripetere una stampa con caratteristiche specifiche usando il file G-Code di cui già conoscete il risultato finale. 23

24 Capitolo 3 Il Pannello LCD Sharebot NG è una stampante 3D che supporta sia il funzionamento autonomo, sia il pilotaggio da un computer (OS X, windows o Linux). In entrambi i casi, il display LCD svolge delle funzioni che sono sia di consultazione, sia di modifica. Modalità informativa Quando la stampante è accesa, che stia stampando o sia in attesa di un lavoro, presenta sulle sue 4 righe da 20 caratteri le seguenti informazioni: La prima riga contiene la temperatura dell estrusore attuale seguita da quella impostata; se gli estrusori sono due, il primo è a sinistra e il secondo è a destra. Quello che viene utilizzato come estrusore principale è quello a destra. La temperatura è in gradi centigradi. La seconda riga indica a sinistra la temperatura del piatto riscaldato se presente, sempre con a sinistra della barra la temperatura corrente e a destra quella impostata; a destra nella seconda riga c è la posizione attuale del piatto di stampa, ovvero dell asse Z. Il valore è in millimetri, con due decimali che sono i centesimi di millimetro. La terza riga ha a sinistra la percentuale di Feed Rate, ovvero di quanto la velocità di stampa prevista all interno del file G-Code e quindi impostata come parametro di slicing, è aumentata o diminuita in percentuale. Il 100% non altera la velocità di movimento impostata; valori inferiori rallentano la velocità e valori superiori aumentano la velocità. 24

25 Sulla stessa riga in centro si trova la percentuale di stampa relativamente a un file presente su scheda SD: si parte da 00% all inizio della stampa per arrivare a 100% quando la stampa è ultimata. A destra di questo dato si trova il tempo trascorso dall avvio della stampa, espresso in ore e minuti. La quarta riga contiene dei messaggi che possono essere generati dal file G-Code con un apposito comando, o dal firmware della scheda al verificarsi di specifiche situazioni. La manopola Alla destra del display si trova una manopola che ruota con piccoli scatti e può essere premuta come un pulsante. Con questa manopola è possibile interagire con Sharebot NG sia che questa sia collegata al computer, sia che stia funzionando autonomamente. Ruotandola in senso orario, si diminuisce il valore corrente selezionato, come se si chiudesse un rubinetto; ruotandola in senso antiorario si aumenta il valore come se si aprisse un rubinetto. Durante lo scorrimento delle voci di menu, la rotazione antioraria scorre verso il basso e quella oraria verso l alto. Quando il display è nella schermata informativa, descritta all inizio di questo capitolo, la rotazione della manopola agisce sulla percentuale del Feed Rate, aumentando o diminuendo la velocità di tutti i movimenti e quindi la velocità di stampa. Accesso al menu principale Premendo la manopola dalla schermata informativa, si accede al menu principale. È molto importante ricordare che il menu visualizzato dipende dallo stato della stampante: se è in attesa di eseguire un lavoro, offre il menu Prepara, mentre se sta stampando da SD o da computer offre il menu Adatta. Le voci e le funzioni disponibili in queste due modalità sono diverse ed è importante sapere la modalità in cui ci si trova per evitare di perdere tempo a cercare funzioni che sono dell altra modalità. 1 livello stampante inattiva Menu principale Prepara Settaggi SD card menu Reset 25

26 1 livello stampante in stampa Menu principale Adatta Settaggi SD Card Menu Reset Il menu Prepara Questo menu serve a predisporre e a gestire la stampante per successive operazioni come la stampa o lo spegnimento. Da qui si può caricare e scaricare il filo di stampa, preriscaldare gli estrusori, eseguire il posizionamento dell estrusore a 0,0 o effettuare degli spostamenti dell estrusore sul piano. In pratica si ha il controllo completo e si possono eseguire tutte le operazioni di gestione e manutenzione. Nel prossimo capitolo utilizzeremo proprio questo menu per regolare il piano di stampa. Menu Principale Disabilita motori Auto Home Preriscalda DX Preriscalda SX Raffredda Muovi Assi Calib. Piano Auto Calib. Piano Man. Cambia Filo DX Cambia Filo SX Il menu Adatta La voce compare solo quando la stampante sta eseguendo un lavoro interpretando il G-Code proveniente dal computer via USB o direttamente dalla scheda di memoria SD. Solo con la stampa in corso, questa voce appare come prima dell elenco quando si schiaccia la manopola. Menu Principale Velocità Ugello 26

27 Ugello 2 Piatto Ventola Flusso Cambia Filamento Al suo interno troviamo un ulteriore menu che ci permette di variare la velocità globale di stampa, espressa in percentuale ed identica a quella presente come feed rate nella schermata informativa (la velocità è il parametro che viene variato ruotando la manopola dalla schermata informativa). Segue la temperatura impostata per l ugello (due ugelli nel caso di stampante con doppio estrusore): il valore è in gradi centigradi e ogni cambiamento va confermato premendo la manopola. Stessa cosa per il piatto riscaldato (se presente). La voce successiva riguarda la velocità della ventola, regolabile da 0 a 255; con valori molto bassi la ventola potrebbe non iniziare neppure a girare. Il valore del flusso è invece relativo alla percentuale di incremento o decremento nel flusso di materiale in fase di estrusione: il software di slicing calcola esattamente quanto materiale va estruso per realizzare i singoli strati, ma variazioni impreviste o non dichiarate nel diametro del filo rispetto al valore dato come parametro per lo slicing potrebbe quindi richiedere delle compensazioni e questa voce serve proprio a questo. Il valore 100 corrisponde a nessuna variazione del flusso di materiale, valori inferiori a 100 riducono l apporto di materiale e valori superiori aumentano il materiale estruso rispetto al valore previsto nel G-Code. In tutti i casi, si tratta di una percentuale. L ultima voce riguarda infine il cambio del filamento durante la stampa; questo può servire per cambiare il colore del filamento o anche il tipo stesso di filamento, mantenendo la possibilità di proseguire nella stampa senza avere difetti nell oggetto. La procedura inizia con lo spostamento dell estrusore nella zona di parcheggio, quindi il motore espelle il filo corrente e si attiva il cicalino interno non appena l estrusore è scarico ed è in grado di ricevere il nuovo filamento di stampa. Quando avete posizionato il nuovo filo nel foro d ingresso e avete fatto in modo che questo tocchi la ruota dentata di trascinamento dovete premere la manopola per avviare il trascinamento e l estrusione che ricarica la camera di fusione e permette anche di espellere gli eventuali rimasugli del materiale precedente. Quando il flusso del nuovo filo è soddisfacente, premete nuovamente la manopola per far riprendere la stampa. 27

28 Capitolo 4 Regoliamo la stampante La vostra Sharebot NG è un dispositivo meccanico realizzato con cura sia nella progettazione, sia nell assemblaggio. Per mantenerla in uno stato di funzionamento ottimale è però necessario compensare alcuni normali processi di assestamento dovuti, ad esempio, ai ripetuti cicli termici di estrusore, motori e se installato piatto di stampa riscaldato. Ad ogni stampa, l intera meccanica è soggetta a vibrazioni e movimenti che possono allentare le quattro viti a brugola che sostengono il vetro di stampa. Questo porta a non avere più una distanza precisa ed uniforme del piatto in vetro rispetto all estrusore che, inevitabilmente, non riesce più a stendere il primo strato con la precisione e l uniformità necessarie ad una stampa di qualità. Appena uscita dalla confezione, Sharebot NG dovrebbe essere ancora con l esatta regolazione fatta in fabbrica, ma un viaggio lungo o un po di vibrazioni nel trasporto potrebbero aver fatto spostare qualche vite di regolazione. Carichiamo il filamento Per poter stampare è necessario caricare nell estrusore il filo in materiale termoplastico che, una volta spinto nella camera riscaldata, diventa fluido e può essere estruso. 28

29 Sharebot NG dispone di una voce di menù specifica per caricare il filamento e si trova sotto la voce Prepara. Quando la attivate, si avvia il riscaldamento dell estrusore e quando la temperatura è stata raggiunta potete caricare o scaricare il filamento. A estrusore freddo il filamento è bloccato e non va forzato tirandolo o spingendolo nell estrusore. Per caricare il filamento, tagliare in obliquo l estremità del filo plastico di modo da formare una punta, ed inserirlo nello spintore assicurandosi che il filo scorra, superando la ruota dentata ed inserendosi nel tubo di teflon che porta all ugello. Prepariamo il piano di stampa Togliamo le mollette dal vetro ed estraiamolo dalla stampante. Spruzziamoci sopra un velo di lacca uniforme fino a ricoprire tutta la superficie (in controluce si avrà un effetto lucido). Ora attendiamo il completo essiccamento della lacca e riposizioniamo il vetro sul piano di stampa fissandolo con le mollette. È importante non spruzzare mai la lacca all interno della stampante. Dopo una serie di stampe o quando il piatto avrà asperità o sporcizia dato dai residui delle varie stampe, estraiamo il vetro e laviamolo sotto acqua tiepida, così da riportarlo alle condizioni pari al nuovo. 29

30 Impariamo a regolare il piano Questa operazione, anche se inizialmente un po laboriosa, diventerà per voi un abitudine che vorrete fare prima di ogni stampa di pregio, senza che questa vi impegni per più di qualche decina di secondi. Con l esperienza riuscirete anche a fare degli interventi al volo durante la stampa del primo strato nel caso si evidenzi qualche irregolarità negli spessori. In generale, acquisire la giusta sensibilità per la regolazione del piano di stampa, anche solo guardando frontalmente e a livello il piano e l estrusore, sarà per voi un vantaggio e potenziale garanzia di stampe sempre ottimali. Si comincia le prime volte utilizzando le due apposite funzioni che trovate nel menu Prepara, verso il fondo. Una è definita manuale, mentre l altra è automatica. Quella manuale ha lo scopo di fare una regolazione macroscopica del piano con un foglietto di carta che va posizionato fra il piano e l estrusore. Quando si attiva la funzione, il piano si posiziona al livello 0 teorico e l estrusore si posiziona in sequenza nei quattro angoli del piano di stampa. Regolate la vite a brugola ruotandola in senso orario per abbassare il piano e antiorario per alzarlo. Fate in modo che il foglietto di carta (ad esempio un pezzetto ritagliato da un foglio A4 da stampante laser) si infili con fatica fra il piano di vetro e l estrusore. Ripetete la cosa premendo sulla manopola per spostare l estrusore sul angolo successivo e ricordate che ogni regolazione su un angolo influisce, anche se di poco, sugli altri. Quando le regolazioni saranno ultimate, la punta dell estrusore dovrà sfiorare il piano di stampa in tutti i suoi punti, senza mai toccarlo. La calibrazione definita come automatica stampa dei rettangoli fatti con un solo strato sul piano, permettendo di valutare l adesione del materiale al piano di stampa e di capire se il piano è livellato correttamente osservando la larghezza di estrusione che deve essere uguale in tutti i punti del perimetro. Un tratto più stretto indica una maggiore distanza fra piano di stampa ed estrusore (piano troppo basso), mentre un tratto molto largo e scolorito indica un piano troppo alto. Questa procedura di taratura prevede un ingresso nella funzione, quindi con un clic inizia il riscaldamento e l azzeramento delle varie coordinate; quando l estrusore è a 230 gradi inizia il disegno del primo rettangolo. Valutando il risultato si può intervenire sulle quattro viti agli angoli e dopo i ritocchi si preme sulla manopola per verificare il risultato attraverso il tracciamento di un secondo rettangolo. Secondo giro di ritocchi e al successivo viene disegnato un + in centro al rettangolo per verificare il risultato. 30

31 Capitolo 5 La nostra prima stampa da SD Se avete seguito le istruzioni di questo manuale, avete già messo a punto la vostra Sharebot NG posizionandola su un tavolo assieme al reggi bobina, avete collegato l alimentazione di rete e avete acceso la stampante, quindi avete fatto l allineamento del piano di stampa e avete anche caricato il filamento di stampa. Ora potete procedere alla vostra prima stampa. Se avete invece saltato qualcuno dei passaggi appena elencati, è il caso di farlo prima di procedere. La scheda SD Nell imballo avete trovato il contenitore di plastica con all interno la vostra scheda di memoria SD. Su questa scheda potete scrivere i file in G-Code (vedi Cap. 2) che volete stampare senza utilizzare un computer. In fabbrica sono stati memorizzati alcuni file di esempio, pronti per la stampa, per consentirvi di effettuare la vostra prima stampa sapendo che il file utilizzato è già con i parametri ottimali per ottenere il risultato migliore. Ciascun file ha le proprie caratteristiche e, soprattutto, richiede un materiale specifico, come indicato in tabella. Non utilizzare il filamento indicato per il file comporta dei problemi principalmente sulla temperatura di estrusione e sull eventuale piano riscaldato. Se il PLA viene estruso a una temperatura troppo elevata, sarà eccessivamente liquido e tenderà a non essere sufficientemente solido prima che l estrusore depositi il nuovo strato con evidenti deformazioni e poca tenuta della forma. Se l ABS viene estruso a una temperatura troppo bassa, può non essere sufficientemente fluido per essere estruso, oppure non riesce a fondersi con lo strato sottostante, creando un oggetto che si sfalda. 31

32 Avviamo la stampa Premete la manopola per accedere al menu, quindi scegliete SD Card Menu ruotando la manopola e poi premendola quando il simbolo > sarà alla sua sinistra. Ora viene visualizzato il contenuto della SD sia a livello di file, sia di cartelle. Ruotando a manopola potete scorrere l elenco fino al file che vi interessa, quindi se premete la manopola lo selezionate per la stampa. In base al contenuto del file, la vostra Sharebot NG inizierà con la fase di riscaldamento o con il posizionamento all origine degli assi, quindi al raggiungimento della temperatura si posizionerà in una zona centrale del piano di stampa e inizierà con il primo strato. Controllate che il filamento aderisca al piano di stampa senza essere né troppo schiacciato, né solo appoggiato e quindi tondo. Se avete eseguito correttamente la taratura, non dovreste avere problemi, se invece il primo strato è con spessori diversi fra un estremo e l altro, è il caso di interrompere e rifare la taratura. Fermiamo la stampa Durante la stampa da SD potete mettere la stampa in pausa o abbandonarla. Le due opzioni sono disponibili direttamente nel menu principale come Pausa e Arresta Stampa. Ricordate che nel primo caso viene solo bloccato il processo di creazione degli strati, tenendo fermo l estrusore nel punto in cui si trova in attesa del comando 32

33 Riprendi, mentre nel secondo caso non è più possibile continuare e l estrusore si posiziona alle origini delle coordinate X e Y. Purtroppo, in caso di pausa, il punto in cui è fermo l estrusore può risentire del calore e quindi deformarsi, come è anche possibile che si crei in quel punto una goccia di materiale che è colato per gravità dal foro di estrusione. La pausa, quindi, va usata solo se necessario e per brevi periodi, altrimenti lascerà un segno nel modello. Come consiglio, vi possiamo suggerire di attivarla solo quando l estrusore sta tracciando un riempimento: in questo modo l eventuale goccia rimarrà nascosta all interno del pezzo stampato. Modifichiamo i parametri di stampa Una delle caratteristiche di Sharebot NG, grazie al firmware Marlin derivato utilizzato, è la possibilità di intervenire su una serie di parametri mentre la stampa è in corso. Il menu Adatta diventa disponibile al posto di Prepara non appena la stampa è avviata e selezionandolo si accede alla regolazione in tempo reale dei parametri elencati nel Capitolo 3. Intervenendo ad esempio sul feed rate potrete rallentare o accelerare la velocità complessiva di stampa per gestire eventuali situazioni impreviste 33

34 come un materiale che richiede più tempo per raffreddarsi (e quindi va stampato più lentamente) o un modello che può essere realizzato a velocità più elevata rispetto alle impostazioni. Un altro importante parametro è il flow rate che aumenta o diminuisce in percentuale la quantità di materiale estruso, compensando eventuali variazioni nel diametro del filo rispetto a quello dichiarato dal produttore. Il flow rate permette anche di ispessire o assottigliare le pareti del modello. Sempre fra le voci disponibili trovate Ventola, utile se vi rendete conto che il motore dell estrusore sta diventando eccessivamente caldo e per regolare il flusso d aria sul pezzo di stampa. Stacchiamo il pezzo stampato A stampa ultimata, la vostra Sharebot NG posiziona il piano di stampa in basso e parcheggia l estrusore. In questa posizione potete accedere facilmente al piano di stampa per staccare da esso l oggetto finito. Questa operazione è delicata e inevitabile: perché l oggetto venga stampato, è necessario che il suo primo strato aderisca bene e resti aggrappato al piano di stampa per tutta la durata della stampa stessa. Se non ci fosse una buona tenuta, le sollecitazioni meccaniche e solo un piccolo urto della punta dell estrusore sul modello lo farebbe saltare via, rovinando irrimediabilmente la stampa. Staccare il modello richiede quindi una certa perizia e una spatola sottile o un taglierino a lama larga. In entrambi i casi dovete cercare di infilare la lama di qualche millimetro sotto un lato del pezzo stampato, quindi con movimento orizzontale, senza cercare di sollevare il pezzo, dovete far affondare la lama verso il lato opposto. Solitamente il pezzo salta via senza troppa forza e senza che si debba arrivare dall altra parte. Se il modello ha zampette o parti sottili, cercate prima di staccare queste senza però sollevarle, per poi staccare la parte con l appoggio più ampio. In questo modo eviterete di rompere le parti sottili. Nel caso di vasi o parti con una unica base larga, iniziate da un lato, cercando di infilare la lama sempre più in profondità, senza però spingere direttamente, ma con un movimento oscillatorio per fare avanzare la lama. 34

35 Come consiglio, evitate di utilizzare il pezzo stesso come elemento per fare forza (tirandolo) o leva (piegandolo) perché potrebbe spezzarsi. Se l oggetto stampato ha una superficie di appoggio elevata potete rimuovere il piatto di stampa e ponetelo sotto dell acqua tiepida, permettendo così lo scioglimento della lacca e un distaccamento facilitato del pezzo. Ricordate che a stampa appena ultimata potreste avere il piatto di stampa (se montato) e sicuramente l estrusore a temperature elevate. Il blocchettino di ottone dell estrusore rimane per diversi minuti a temperature tali da causare un ustione; guardate la sua temperatura sul display ed evitate assolutamente qualsiasi contatto con esso se il valore indicato è superiore a 60 gradi. Nel dubbio, evitate di staccare il pezzo finché la temperatura è scesa a livelli sicuri prima di metter le mani all interno dell area di stampa. 35

36 Capitolo 6 Stampiamo da PC Per utilizzare un computer assieme a Sharebot NG dovete installare il programma che invia il G-Code alla stampante e che ne controlla le funzionalità, come se si stesse intervenendo sulla stampante tramite manopola e menu a display LCD. Oltre a questo, il computer permette di partire da un modello 3D in formato OBJ o STL e di trasformarlo con il processo di slicing nel file da stampare. In rete esistono varie soluzioni, ma con la nostra esperienza diretta e le numerose prove fatte, possiamo consigliarvi Repetier-Host e Slic3r. Questa abbinata è più che sperimentata ed è utilizzata da una larga fetta della community di utenti delle stampanti 3D. Repetier-host Questo pacchetto è distribuito con licenza gratuita Apache 2.0 e viene aggiornato con una certa frequenza, apportando migliorie e risolvendo i problemi che la comunità segnala. È scaricabile in versioni Windows, OS X e Linux all indirizzo com, scegliendo la voce Download e poi Host & Firmware Downloads. Vi consigliamo di scaricare la versione 0.90c per Windows, 0.90D per Linux o 0.56 per Mac OS X. Queste sono le versioni più recenti al momento in cui viene redatto il manuale. Se ci saranno aggiornamenti, sarà nostra cura pubblicare sul nostro sito un addendum a questo documento con la segnalazione delle eventuali modifiche all operatività del programma qui descritta. Slic3r Realizzato da Alessandro Ranellucci, questo programma è già presente all interno del pacchetto di distribuzione e installazione di Repetier-Host, ma vogliamo comunque segnalare che tutte le informazioni e la versione più recente sono disponibili sul sito dell autore all indirizzo Anche Slic3r non costa nulla e si basa sulle donazioni volontarie fatte da aziende e da utenti. Installiamo il software Dopo aver scaricato Repetier-host dal sito, lanciate la sua installazione e attendete che arrivi al termine. Ciascuno dei tre sistemi operativi ha le sue procedure d installazione e per questo fate riferimento alle note sul sito. Una volta che avrete la vostra icona dell applicazione a portata di mouse, sul desktop, nella barra delle applicazioni o nella finestra delle applicazioni, potrete lanciarlo con un doppio clic. Al primo avvio, il programma richiede la configurazione della stampante attraverso 36

37 la compilazione di una serie di campi nelle quattro schede dell Impostazione Stampante. Di seguito le schede con evidenziati i cambiamenti dia effettuare sui valori di preset delle singole schede. Da notare che la porta seriale è diversa da computer a computer e nei casi di Macintosh, questa è sostituita da una scheda di rete. In particolare, vogliamo evidenziare la pagina con le Opzioni piatto di stampa nella quale viene impostata la dimensione dell area su cui è possibile posizionare i modelli e successivamente stamparli. Si tratta quindi della larghezza, della profondità e dell altezza disponibili. Se avete una Sharebot NG a singolo estrusore, la larghezza dell area stampabile è di 250 millimetri, mentre se avete anche il secondo estrusore, la larghezza diminuisce a 230 millimetri. Il secondo estrusore non ha effetto sull altezza e sulla profondità. Impostare dati superiori a quelli indicati non porta ad uno spostamento dell estrusore oltre i limiti fisici previsti in quanto il firmware contiene per sicurezza - i valori massimi oltre ai quali non viene spostato l estrusore. In fabbrica sono ovviamente impostati i valori corretti per il modello di stampante che vi è stato consegnato. Impostazioni di Slic3r Anche per questo programma è necessario definire dei parametri relativi alla stampante. Per semplificare la procedura, abbiamo reso disponibile sul nostro sito, nella sezione download, il profilo della stampante Sharebot NG che vi invitiamo a scaricare prima di procedere. Per accedere all interfaccia di Slic3r dovete selezionare la scheda Slic3r in Repetier-Host (la seconda da sinistra) e cliccare sul pulsante Configura che trovate in alto a destra nel riquadro con l etichetta Slic3r. Dopo qualche istante si aprirà l interfaccia del programma, indipendente da quella di Repetier-Host. Scegliete Load Config dal menu File. Scegliete il file relativo al vostro modello e una volta caricato, fate clic sull icona a forma di dischetto accanto alla casella con il nome del profilo che avete appena caricato. Dovete ripetere l operazione di salvataggio per ciascuna delle tre schede. Solo dopo il salvataggio il profilo sarà disponibile nelle sessioni future, altrimenti sarà visualizzato e utilizzabile solo temporaneamente, fino alla chiusura di Slic3r. Nel file di configurazione abbiamo inserito i parametri relativi a tutte e tre le schede per consentirvi di avere un punto di partenza certo e sperimentato. Se vorrete creare profili di stampa diversi, dovete riaprire Slic3r con il pulsante Configura in Repetier- Host e poi salvarlo dandogli un nome riconoscibile. Solo dopo questa operazione lo ritroverete nell elenco di quelli disponibili per lo slicind in Repetier-Host. 37

38 Carichiamo il modello da stampare Dopo aver predisposto il software al funzionamento con i parametri della vostra Sharebot NG, potete iniziare con il primo passo nel processo di stampa. Scaricate il modello di prova dal nostro sito (Sharebot_Stampa_Test.stl), quindi caricatelo in Repetier-Host facendo clic sull icona con l etichetta Carica. Al termine dell analisi, la rotella sarà posizionata in centro all area di stampa. Con le icone poste sul lato sinistro potete ingrandire o rimpicciolire la vista sul piano di stampa. Ogni quadretto corrisponde a un centimetro e la visualizzazione 3D è di tipo prospettico; se volete evitare le deformazioni prospettiche dovete fare clic sull icona a sinistra che rappresenta due barre oblique parallele: se attivata non c è più prospettiva, mentre se è del colore della barra laterale, la prospettiva è attiva. Provate a muovervi con le varie funzioni di spostamento della vesta e dell oggetto, ricordando che tasto sinistro e destro hanno effetti diversi: il sinistro applica la funzione dell icona attivata, mentre il destro permette di spostare sul piano l oggetto sotto il puntatore del mouse. 38

39 Sul lato destro della finestra di visualizzazione, si trova l area dedicata alle quattro schede Posizione Oggetto, Slicer, G-Code editor e Controllo Manuale. Quando caricate il file, il programma si posiziona automaticamente sulla prima scheda. Vi invitiamo a sperimentare un po con le funzioni Traslazione, Scala e Rotazione dove potete inserire dei valori per gestire le proporzioni e la posizione dell oggetto. Lo slicing Cliccando sulla scheda Slicer, passate alla fase in cui l oggetto tridimensionale viene trasformato in una serie di fettine bidimensionali che, sovrapposte, ricostruiscono l oggetto tridimensionale. 39

40 Prima di premere sul pulsante Slice con Slic3r dovete scegliere i tre profili corretti relativi a Impostazioni stampa, Impostazioni stampante ed Estrusore 1. Se è la vostra prima stampa e non avete creato profili di stampa diversi, dovrebbe già essere tutto impostato come nell immagine. A questo punto premete sul pulsante Slice con Slic3r e notate come appaia una piccola finestra che indica il tempo trascorso dall inizio dell attività di slicing. Solo quando la finestrella scompare, il processo è terminato. Automaticamente la visualizzazione passa alla scheda G-Code Editor e quello che vedete nella finestra 3D è la sequenza di layer o strati - sovrapposti. Il G-Code è pronto Il testo che si può vedere nella finestra a destra è il G-Code generato da Slic3r per ricreare con la vostra Sharebot NG, in base ai suoi parametri funzionali e alle sue caratteristiche meccaniche, il modello che avete caricato. 40

41 Se osservate la finestra di consolle nella parte bassa dell interfaccia, noterete che riporta alcune informazioni. Le più importanti sono le ultime due righe che riportano il tempo che è stato impiegato per lo slicing e il filamento richiesto per stampare il pezzo. Se volete capire cosa sia in pratica il G-Code, potete utilizzare la funzione di Repetier- Host che visualizza l effetto di ciascuna istruzione. Cliccate su Vedi Singolo Layer nella scheda Visualizzazione, quindi selezionate come Primo Layer 1. Ora fate clic nella finestra contenente il testo del G-Code e utilizzando sulla vostra tastiera il tasto del cursore verso il basso guardate come allo scorrere del testo corrisponda l accensione in giallo di un segmento che si sposta lungo il percorso del layer visualizzato. Il primo strato del vostro oggetto verrà creato dall estrusore con quella sequenza di segmenti e spostamenti. 41

42 Osservare i singoli strati è anche un modo per capire come si svolgerà la stampa e se ci sono delle criticità. Nel caso di questo modello, siamo comunque certi che non ci siano criticità e che la stampa potrà creare un pezzo di buona qualità. Il Controllo Manuale Il nome di questa scheda serve a evidenziare la sua funzione principale, ovvero il controllo della stampante da computer. 42

43 Per poter utilizzare tutte le funzioni è però necessario che la stampante sia connessa a Repetier-Host, ovvero che il computer abbia aperto il canale di comunicazione sulla porta seriale/usb. Questa operazione va effettuata ogni volta che si lancia il programma, che si accende la stampante o che la si scollega e ricollega alla porta USB. Per motivi di sistema operativo, è consigliabile inserire prima il cavetto nella porta USB e poi lanciare Repetier-Host, altrimenti è probabile che la porta di comunicazione non figuri fra quelle disponibili. Il collegamento avviene premendo sull icona Connetti in alto a sinistra, rossa quando il collegamento non è attivo e verde quando invece il collegamento è stabilito. Da notare come cambino le icone fra stampante connessa e disconnessa. Allo stesso modo, le funzioni della scheda di Controllo manuale restano inattive fino all avvenuta connessione. 43

44 Proviamo a comunicare con la stampante Per verificare se tutto è a posto potete cliccare sull icona a forma di casetta che si trova nell angolo in basso a sinistra rispetto alle quattro freccie, appena sopra il pulsante Power. Con questa funzione portate l estrusore nella sua posizione iniziale, che per Sharebot NG è ai valori massimi dei tre assi, in opposizione al pallino nero che Repetier-Host visualizza come 0,0,0 nella finestra 3D. Se l estrusore si è spostato e posizionato nell angolo sul fondo, a destra e il piatto di stampa è sceso in basso, allora è tutto pronto per iniziare la stampa. Via alla stampa! Dopo questo lungo percorso fatto da prove e presa di confidenza con l interfaccia, possiamo avviare la stampa cliccando sull icona che si trova nella barra superiore. Non vi aspettate che succeda immediatamente qualcosa perché fra le prime istruzioni si trova quella che accende il piano riscaldato e il riscaldatore dell estrusore. Se non avete il piatto riscaldato, la stampante azzera gli assi, quindi attiva il riscaldamento dell estrusore per poi iniziare a muoversi nuovamente solo a temperatura raggiunta. Potete leggere i valori delle temperature nella scheda del Controllo Manuale, oppure nella riga in basso della finestra di Repetier-Host. Durante una stampa i pulsanti della barra cambiano come nell immagine. Il pulsante Ferma Lavoro, anche se grigio, è attivo e interrompe in modo irreversibile la stampa in corso, inviando alla stampante l eventuale codice previsto per la fine della stampa (ad esempio lo spegnimento dell estrusore e lo spostamento in una posizione precisa). Da usare solo se qualcosa è andato storto, come ad esempio il distacco del pezzo dal piatto di stampa. La Pausa è invece una funzione che vi permette di svolgere una serie di attività al termine delle quali potrete riprendere la stampa esattamente da dove è stata interrotta, purché abbiate usato solo ed esclusivamente i controlli del pannello Controllo Manuale. 44

45 Durante la pausa, appare una finestra all esterno dell interfaccia per consentire l accesso ai controlli manuali. Solitamente non si utilizza questa funzione in quanto è richiesta una certa esperienza prima di poter manovrare la stampante per il cambio filo o per il recupero di una stampa dopo un blocco all alimentazione del filo. Cosa cambiare durante la stampa A parte la pausa per interventi impegnativi, con il Controllo manuale si ha l accesso in tempo reale a tre parametri molto importanti: la temperatura di estrusione, la velocità di stampa e il flusso di materiale estruso. Agendo su uno o più valori di questi parametri, si può migliorare la qualità di stampa e cambiare la solidità del pezzo in fase di stampa. La temperatura è impostata in base a quanto specificato nel profilo del Filamento, ma a parità di materiale, è abbastanza normale che il risultato migliore possa richiedere qualche grado in più o in meno e anche la temperatura ambiente può alterare le caratteristiche del materiale. Le variazioni per vedere se c è un miglioramento sono nell ordine di qualche grado per ogni modifica ed è anche necessario attendere il completamento di un paio di strati prima di decidere se la modifica ha portato all effetto sperato. Con l esperienza capirete quando la temperatura è troppo alta o troppo bassa e quindi potrete agire sulla temperatura con una certa confidenza. La velocità di stampa (feedrate), in linea di massima, permette di rendere più precisa o affidabile la stampa di oggetti con moltissimi piccoli dettagli o pareti molto inclinate all interno o all esterno. La variazione fatta aggiungendo o togliendo 10 punti percentuali vi permette di avere un riscontro veloce sul cambiamento nella qualità di stampa. Il parametro percentuale del flow rate, o flusso, vi permette di cambiare la quantità di materiale plastico estruso rispetto a quanto previsto dal software di slicing. Questa quantità è calcolata presupponendo che il filamento abbia esattamente il diametro previsto e inserito come parametro. Nel caso di Sharebot NG il filamento è da 1,75 45

Sharebot NG. Guida rapida d'uso di Repetier Host

Sharebot NG. Guida rapida d'uso di Repetier Host Sharebot NG Guida rapida d'uso di Repetier Host PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO La stampante 3d SHAREBOT NG stampa oggetti fondendo filamenti in pla, abs, nylon, gomma, tpu, polistirene e molto altro ancora.

Dettagli

ERA3dPrinter USER GUIDE

ERA3dPrinter USER GUIDE ERA3dPrinter Contenuto della confezione ERA 3D PRINTER UGELLO ALIMENTATORE WI FI UP-GRADE basic version dual extruder 0.50 0.35 eu usa wi fi cmos camera PIATTO IN VETRO FILO PLA DI PROVA FILO PULIZIA UGELLO

Dettagli

MANUALE D USO. SHAREBOT Next Generation

MANUALE D USO. SHAREBOT Next Generation Copyright 2013 Il manuale può essere riprodotto e distribuito con mezzi elettronici purché non sia alterato in alcun suo contenuto e venga fornito nella sua interezza, senza rimuovere alcun testo o immagine.

Dettagli

MANUALE D USO. SHAREBOT Kiwi-3D

MANUALE D USO. SHAREBOT Kiwi-3D Copyright 2013 Il manuale può essere riprodotto e distribuito con mezzi elettronici purché non sia alterato in alcun suo contenuto e venga fornito nella sua interezza, senza rimuovere alcun testo o immagine.

Dettagli

Sommario Indietro >> Aggiungi Rimuovi Lingua? Informazioni su questa Guida... Navigazione nella Guida

Sommario Indietro >> Aggiungi Rimuovi Lingua? Informazioni su questa Guida... Navigazione nella Guida Sommario Indietro >> Informazioni su questa Guida... Navigazione nella Guida Personalizzazione Apertura del pannello di controllo Funzioni del pannello di controllo Schede Elenchi del pannello di controllo

Dettagli

Sharebot KIWI-3D manuale d'uso. SHAREBOT Kiwi-3D

Sharebot KIWI-3D manuale d'uso. SHAREBOT Kiwi-3D SHAREBOT Kiwi-3D PERSONAL 3D PRINTER REV1.3 17/11/2014 pagina 1 Indice generale ATTENZIONE - ESTRUSORE... 4 Politiche di assistenza... 5 Caratteristiche tecniche... 6 Capitolo 1 Operazioni preliminari...

Dettagli

MANUALE D USO ARDUINO MATERIA 101

MANUALE D USO ARDUINO MATERIA 101 MANUALE D USO ARDUINO MATERIA 101 REVISIONE 03 13 OTTOBRE 2014 2 Manuale d uso WELCOME TO 3D PRINTING ARDUINO.CC/MATERIA101 2011-2015 Arduino LLC. All rights reserved. The Arduino name and logo are trademarks

Dettagli

Sharebot Next Generation manuale d'uso

Sharebot Next Generation manuale d'uso Versione del 17/11/2014 numero 1.3 pagina 1 Attenzione estrusore Sharebot Next Generation Il sistema di fusione ed estrusione del filamento termoplastico richiede la presenza di una testina riscaldata

Dettagli

Sharebot Next Generation manuale d'uso

Sharebot Next Generation manuale d'uso Sharebot Next Generation manuale d'uso Versione del 27/03/2015 numero 1.4 Sharebot srl Nibionno Italia Il presente manuale non e' riproducibile né in parte o totale. Tutti i diritti riservati pagina 1

Dettagli

Witbox. Manuale di Repetier-Host. Witbox

Witbox. Manuale di Repetier-Host. Witbox Manuale di Repetier-Host Manuale di Repetier-Host Italiano SOMMARIO 3 Installazione e Configurazione di Repetier-Host 4 Installazione 4 Installazione su Linux 5 Installazione in MacOS 5 Installazione in

Dettagli

Simplyfy3D è un software in grado di supportare più sistemi operativi? 3

Simplyfy3D è un software in grado di supportare più sistemi operativi? 3 INDICE Simplyfy3D è un software in grado di supportare più sistemi operativi? 3 C'è qualche attenzione particolare che devo avere se installo il software su Mac OS X? 3 Che tipo di formati supporta Simplyfy3D?

Dettagli

foglio di calcolo celle Lotus 1-2-3 celle macro.

foglio di calcolo celle Lotus 1-2-3 celle macro. Fogli di calcolo Un foglio di calcolo è composto da celle nelle quali è possibile inserire dati. Il programma consente di effettuare calcoli complessi utilizzando valori inseriti nelle celle dalle quali

Dettagli

Iniziare da qui. Verificare il contenuto della confezione. Il contenuto della confezione potrebbe variare. *Può essere incluso. CD di installazione

Iniziare da qui. Verificare il contenuto della confezione. Il contenuto della confezione potrebbe variare. *Può essere incluso. CD di installazione Iniziare da qui 1 Utenti con cavo USB : non collegare il cavo USB fino a quando non viene richiesto. Le istruzioni per le configurazioni delle connessioni cablate e wireless sono fornite dopo le istruzioni

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file Uso del computer e gestione dei file Sommario Uso del computer e gestione dei file... 3 Sistema Operativo Windows... 3 Avvio di Windows... 3 Desktop... 3 Il mouse... 4 Spostare le icone... 4 Barra delle

Dettagli

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 3 Elaborazione testi Word Argomenti del Syllabus 5.0

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 3 Elaborazione testi Word Argomenti del Syllabus 5.0 Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 3 Elaborazione testi Word Argomenti del Syllabus 5.0 G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 2 Modulo 3 Elaborazione testi Word G. Pettarin ECDL

Dettagli

Scheda 1 Miglioramento della visualizzazione degli elementi del desktop

Scheda 1 Miglioramento della visualizzazione degli elementi del desktop Scheda 1 Miglioramento della visualizzazione degli elementi del desktop 1A - USO DEL PROFILO UTENTI Quando si procede all adattamento di un pc per le esigenze di una persona ipovedente, è utile sfruttare

Dettagli

Guida dell utente QL-700. Stampante di etichette

Guida dell utente QL-700. Stampante di etichette Guida dell utente Stampante di etichette QL-700 Prima di usare l apparecchio, leggere e comprendere bene la presente guida. Consigliamo di tenere la guida a portata di mano come riferimento futuro. www.brother.com

Dettagli

I tracciati sono contorni che potete trasformare in selezioni o a cui potete applicare un riempimento o una traccia di colore. tracciato temporaneo

I tracciati sono contorni che potete trasformare in selezioni o a cui potete applicare un riempimento o una traccia di colore. tracciato temporaneo Disegnare Il disegno (1) Quando si disegna in Adobe Photoshop si creano forme vettoriali e tracciati. Per disegnare potete usare gli strumenti: Forma Penna Penna a mano libera Le opzioni per ogni strumento

Dettagli

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Pagina 1 di 32 USARE WORD - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu pag.

Dettagli

USARE WORD - non solo per scrivere -

USARE WORD - non solo per scrivere - GUIDA WORD USARE WORD - non solo per scrivere - corso Word Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu

Dettagli

MANUALE UTENTE. Versione 1.2. Versione a cura di Newcom Data Srl Via Bobbio 14 Torino Tel. 0039-11-3851820

MANUALE UTENTE. Versione 1.2. Versione a cura di Newcom Data Srl Via Bobbio 14 Torino Tel. 0039-11-3851820 MANUALE UTENTE Versione 1.2 INDICE 1. Introduzione 1.1 Contenuto della confezione 1.2 Descrizione dell Hardware 1.3 Contenuto del CD 1.4 Informazioni generali 1.5 Caratteristiche del sistema ospite 2.

Dettagli

L interfaccia di P.P.07

L interfaccia di P.P.07 1 L interfaccia di P.P.07 Barra Multifunzione Anteprima delle slide Corpo della Slide Qui sotto vediamo la barra multifunzione della scheda Home. Ogni barra è divisa in sezioni: la barra Home ha le sezioni

Dettagli

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE 1 MICROSOFT WORD INTRODUZIONE Word è il programma più diffuso per elaborazione di testi, il cui scopo fondamentale è assistere l utente nelle operazioni di digitazione, revisione e formattazione di testi.

Dettagli

Manuale d istruzioni My Custom Design

Manuale d istruzioni My Custom Design Manuale d istruzioni My Custom Design Leggere questo documento prima di utilizzare la macchina. Si consiglia di conservare questo documento nelle vicinanze per un eventuale riferimento futuro. Introduzione

Dettagli

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Pagina 29 di 47 3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Come abbiamo già detto in precedenza, l informatica si divide in due grandi mondi : l hardware

Dettagli

Manuale di Plasma. Sebastian Kügler Claus Christensen Traduzione in italiano: Vincenzo Reale Traduzione in italiano: Federico Zenith

Manuale di Plasma. Sebastian Kügler Claus Christensen Traduzione in italiano: Vincenzo Reale Traduzione in italiano: Federico Zenith Sebastian Kügler Claus Christensen Traduzione in italiano: Vincenzo Reale Traduzione in italiano: Federico Zenith 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Usare Plasma 6 2.1 Componenti di Plasma...................................

Dettagli

CORSO AUTOCAD CENNI PRELIMINARI

CORSO AUTOCAD CENNI PRELIMINARI CORSO AUTOCAD CENNI PRELIMINARI Benvenuti a tutti al corso sull utilizzo di Autocad, in questa prima lezione voglio quali sono i principi base del funzionamento di Autocad. Autocad non è nient altro che

Dettagli

11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica

11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica 11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica a cura di Gian Piero Benente Le competenze necessarie al docente di tecnologia e informatica della scuola elementare e della

Dettagli

CONTROLLER PER STAMPANTE 3DRAG

CONTROLLER PER STAMPANTE 3DRAG ISTRUZIONI D USO CONTROLLER PER STAMPANTE 3DRAG (con driver cod. 3DCONTR-DRIVER, senza driver cod. 3DCONTROLLER) 1. Descrizione Realizzata completamente in SMD (eccetto i connettori) e basata sul microcontrollore

Dettagli

Virtual meeting istruzioni per l uso v 1.0 del 10 aprile 2012 - by LucioTS

Virtual meeting istruzioni per l uso v 1.0 del 10 aprile 2012 - by LucioTS Qui di seguito le istruzioni per partecipare ai virtual meeting 3rotaie. Il software (ad uso gratuito per scopi non commerciali) scelto è TeamViewer (scaricabile da http://www.teamviewer.com) che la momento

Dettagli

1. DESCRIZIONE DI CIASCUN COMPONENTE

1. DESCRIZIONE DI CIASCUN COMPONENTE 1. DESCRIZIONE DI CIASCUN COMPONENTE 1.1 Stativo 1. Regolazione della messa a fuoco 2. Vite di bloccaggio 3. Anello di fissaggio 1.2 Microscopio digitale Tasto x fotografare Linea di indicazione dell ingrandimento

Dettagli

Grazie per aver scelto bq. Questo manuale vi aiuterà a utilizzare correttamente la vostra nuova stampante 3D. Benvenuti nel mondo di Witbox.

Grazie per aver scelto bq. Questo manuale vi aiuterà a utilizzare correttamente la vostra nuova stampante 3D. Benvenuti nel mondo di Witbox. Guida rapida Firmware 1.1 INTRODUZIONE Grazie per aver scelto bq. Questo manuale vi aiuterà a utilizzare correttamente la vostra nuova stampante 3D. Benvenuti nel mondo di Witbox. Come usare questo manuale?

Dettagli

Manuale d istruzioni

Manuale d istruzioni Kummert CompactPlus Manuale d istruzioni vers. 04/04/203 . Operazioni iniziali Equipaggiamento protettivo: guanti di protezione NOTA BENE Danni materiali a causa di procedure o utilizzo errati! Una messa

Dettagli

Guida rapida a ReplicatorG

Guida rapida a ReplicatorG Guida rapida a ReplicatorG 2013 Sharebot S.r.l. Indice Impostazioni iniziali...2 Usare PyPy per velocizzare la generazione del gcode...3 La barra degli strumenti...5 Stampare un oggetto...5 Impostazioni

Dettagli

3.3 Formattazione. Formattare un testo. Copyright 2008 Apogeo. Formattazione del carattere

3.3 Formattazione. Formattare un testo. Copyright 2008 Apogeo. Formattazione del carattere 3.3 Formattazione Formattare un testo Modificare la formattazione del carattere Cambiare il font di un testo selezionato Modificare la dimensione e il tipo di carattere Formattazione del carattere In Word,

Dettagli

Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign

Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign Credo sia utile impostare fin da subito le unità di misura. InDesign > Unità e incrementi Iniziamo poi creando un nuovo documento. File

Dettagli

Witbox. Manuale Slic3r. Witbox

Witbox. Manuale Slic3r. Witbox Manuale Slic3r Manuale di Slic3r Italiano SOMMARIO 3 Creazione di un file per la stampa 6 Selezione dei parametri in Slic3r 2 Italiano Manuale di Slic3r CREAZIONE DI UN FILE PER LA STAMPA Per stampare

Dettagli

Sharebot Next Generation XXL manuale d'uso

Sharebot Next Generation XXL manuale d'uso Versione del 27/03/2015 numero 0.2 pagina 1 Attenzione estrusore Il sistema di fusione ed estrusione del filamento termoplastico richiede la presenza di una testina riscaldata fino a temperature di 250

Dettagli

Light controller PRO Manuale utente Cod. 112955/112956

Light controller PRO Manuale utente Cod. 112955/112956 Centralina di controllo di luci programmabile per applicazioni RC! 2. Introduzione Light controller è una scheda elettronica per sistemi RC programmabile che controlla fino a sei canali indipendenti ed

Dettagli

Versione 1.0 del documento Maggio 2014. Soluzione di scansione Xerox Wide Format 7742 Guida per l'utente

Versione 1.0 del documento Maggio 2014. Soluzione di scansione Xerox Wide Format 7742 Guida per l'utente Versione 1.0 del documento Maggio 2014 Soluzione di scansione Xerox Wide Format 7742 BR9918 Indice generale 1 Panoramica del prodotto...1-1 Panoramica degli strumenti software...1-1 Componenti dello scanner...1-1

Dettagli

Test: cinque stampanti 3D per la scuola

Test: cinque stampanti 3D per la scuola Test: cinque stampanti 3D per la scuola Lorenzo Guasti, Jessica Niewint, Luca Bassani (Area tecnologica Indire) Introduzione I ricercatori dell area tecnologica dell Indire stanno conducendo una ricerca

Dettagli

L.I.M. Lavagna Interattiva Multimediale INTRODUZIONE

L.I.M. Lavagna Interattiva Multimediale INTRODUZIONE Liceo G. Cotta Corso L.I.M. a.s. 2011-12 Marco Bolzon L.I.M. Lavagna Interattiva Multimediale INTRODUZIONE 1 OPERAZIONI PRELIMINARI Prenotare l aula (registro vicino fotocopiatore 1 piano). Provare prima

Dettagli

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail. Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.com Indice: La finestra di Word Barra del titolo Barra dei menu Barra degli

Dettagli

Controllo del contenuto della confezione

Controllo del contenuto della confezione 4012881-00 C01 Controllo del contenuto della confezione supporto carta vassoio di uscita software della stampante e Guida di riferimento CD-ROM confezione cartuccia d'inchiostro (contiene entrambe le cartucce

Dettagli

Guida per l utente dello Scanner

Guida per l utente dello Scanner Guida per l utente dello Scanner Capitolo 1: Esercitazione di scansione Capitolo 2: La finestra di dialogo TWAIN Appendice Indice 2 Esercitazione di scansione Attivazione (Acquisizione) ed utilizzo della

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

IRISPen Air 7. Guida rapida per l uso. (Windows & Mac OS X)

IRISPen Air 7. Guida rapida per l uso. (Windows & Mac OS X) IRISPen Air 7 Guida rapida per l uso (Windows & Mac OS X) La Guida rapida per l'uso viene fornita per aiutarvi a iniziare a usare IRISPen Air TM 7. Leggere la guida prima di utilizzare lo scanner e il

Dettagli

EPSON AcuLaser CX11 Series Guida d uso generale Sommario Componenti del prodotto Informazioni fondamentali per l esecuzione di copie

EPSON AcuLaser CX11 Series Guida d uso generale Sommario Componenti del prodotto Informazioni fondamentali per l esecuzione di copie Sommario Componenti del prodotto Vista anteriore.............................................................. 3 Vista posteriore............................................................. 3 All interno

Dettagli

APPARECCHIO PER LA MISURAZIONE DI GRANDI DIAMETRI MANUALE D USO MOD. HR

APPARECCHIO PER LA MISURAZIONE DI GRANDI DIAMETRI MANUALE D USO MOD. HR APPARECCHIO PER LA MISURAZIONE DI GRANDI DIAMETRI MANUALE D USO MOD. HR www.micropla NOMENCLATURA COMPONENTI ARCHIMEDE HR 11 9 13 10 1 14 7 4 8 1 Braccio sinistro in titanio 2 Braccio destro in titanio

Dettagli

Iniziare CAPITOLO 1. Obiettivi

Iniziare CAPITOLO 1. Obiettivi CAPITOLO 1 Iniziare Obiettivi Richiamare i comandi di AutoCAD tramite menu, menu di schermo, digitalizzatore, riga di comando o barre degli strumenti Comprendere il funzionamento delle finestre di dialogo

Dettagli

Disco rigido ATA. Nota: Le istruzioni online sono disponibili all indirizzo http://www.apple.com/support/doityourself/.

Disco rigido ATA. Nota: Le istruzioni online sono disponibili all indirizzo http://www.apple.com/support/doityourself/. Italiano Istruzioni per la sostituzione Disco rigido ATA AppleCare Attenersi rigorosamente alle istruzioni contenute nel presente documento. Il mancato rispetto delle procedure indicate può causare danni

Dettagli

6 Pulsante Stop Interrompere tutte le attività delle stampante. Tornare alla schermata principale. Per tornare alla schermata iniziale.

6 Pulsante Stop Interrompere tutte le attività delle stampante. Tornare alla schermata principale. Per tornare alla schermata iniziale. Guida rapida Informazioni sulla stampante Utilizzare Per 6 Pulsante Stop Interrompere tutte le attività delle stampante. 7 Pulsante Indietro 8 Pulsante di pagina iniziale Tornare alla schermata principale.

Dettagli

Spostamento della stampante

Spostamento della stampante Spostamento della stampante Spostamento della stampante 1 Per spostare la stampante, è necessario rimuovere i materiali di consumo e le opzioni collegate per evitare eventuali danni. Per rimuovere le opzioni

Dettagli

DeeControl Manuale dell'utente

DeeControl Manuale dell'utente Impostazione, manutenzione e funzionalità del software di taglio DeeControl DeeControl Manuale dell'utente Versione 1.1 - 2 - Contenuto Introduzione... - 4 - Requisiti minimi... - 4 - Installazione...

Dettagli

INDICE DEGLI ARGOMENTI

INDICE DEGLI ARGOMENTI INDICE DEGLI ARGOMENTI Importanti istruzioni di sicurezza Uso corretto 3 Assemblaggio 4 KRANKcycle: specificazioni, strumenti e assemblaggio Specificazioni modello 4 Strumenti per l assemblaggio 5 Assemblaggio

Dettagli

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR UTILIZZO DI WORD PROCESSOR (ELABORAZIONE TESTI) Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

Prima dell avvio Prima di utilizzare la telecamera assicuratevi che la batteria sia completamente carica (vedere caricamento batteria )

Prima dell avvio Prima di utilizzare la telecamera assicuratevi che la batteria sia completamente carica (vedere caricamento batteria ) Descrizione La foto illustra la posizione degli elementi funzionali della videocamera, visibili all esterno. I due elementi metallici a forma di triangolo sono i dissipatori di calore e possono diventare

Dettagli

Guida per l utente dello Scanner

Guida per l utente dello Scanner Guida per l utente dello Scanner Capitolo 1: Esercitazione di scansione Capitolo 2: La finestra di dialogo TWAIN Appendice Indice 2 Esercitazione di scansione Attivazione (Acquisizione) ed utilizzo della

Dettagli

Guida per l utente. Versione 2.5.4 - gennaio 2011 info@fotostampadiscount.it. FotoMax editor è il software gratuito di

Guida per l utente. Versione 2.5.4 - gennaio 2011 info@fotostampadiscount.it. FotoMax editor è il software gratuito di Guida per l utente Versione 2.5.4 - gennaio 2011 info@fotostampadiscount.it FotoMax editor è il software gratuito di Indice Contenuti Introduzione... pag. 1 Copyright e contenuti... 2 Privacy... 2 Download

Dettagli

Capitolo 26: schemi di installazione

Capitolo 26: schemi di installazione Capitolo 26: schemi di installazione Avviate MasterChef dall icona presente sul vostro Desktop. Nota: Se state utilizzando una versione dimostrativa, una volta caricato il programma, un messaggio vi comunicherà

Dettagli

Stampare e digitalizzare

Stampare e digitalizzare Stampare e digitalizzare In questa sezione: Stampare un file Specificare una stampante predefinita Controllare la stampa Stampare fotografie Stampare pagine Web Creare un documento XPS Acquisire un immagine

Dettagli

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto Applicare bordi e sfondi ai paragrafi Word permette di creare un bordo attorno ad un intera pagina o solo attorno a paragrafi selezionati. Il testo risulta incorniciato in un rettangolo completo dei quattro

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL USO DI EXCEL

GUIDA RAPIDA ALL USO DI EXCEL GUIDA RAPIDA ALL USO DI EXCEL I fogli elettronici vengono utilizzati in moltissimi settori, per applicazioni di tipo economico, finanziario, scientifico, ingegneristico e sono chiamati in vari modi : fogli

Dettagli

Introduzione all uso della LIM

Introduzione all uso della LIM Introduzione all uso della LIM ACCENDERE CORRETTAMENTE LA LIM 1. Accendi il video proiettore con il telecomando (tasto rosso); 2. Accendi il computer; 3. Accendi lateralmente l interruttore delle casse

Dettagli

Manuale Utente. Indice. Your journey, Our technology. 1. Introduzione 2. 6. Come aggiornare le mappe 6. 2. Installazione di Geosat Suite 2

Manuale Utente. Indice. Your journey, Our technology. 1. Introduzione 2. 6. Come aggiornare le mappe 6. 2. Installazione di Geosat Suite 2 Manuale Utente Indice 1. Introduzione 2 2. Installazione di Geosat Suite 2 3. Prima connessione 2 4. Operazioni Base 3 4.1 Come avviare la Suite 3 4.2 Come chiudere la Suite 4 4.3 Come cambiare la lingua

Dettagli

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3 Foglio elettronico OpenOffice.org Calc 1.1.3 PRIMI PASSI CON IL FOGLIO ELETTRONICO Aprire il programma Menu Avvio applicazioni Office OpenOffice.org Calc. Chiudere il programma Menu File Esci. Pulsanti

Dettagli

SCUOLA, COOPERAZIONE & STAMPA 3D FARE INNOVAZIONE A SCUOLA E IMMAGINARE L IMPRESA DI DOMANi GUIDA AL SOFTWARE CURA PER LA STAMPA 3D CURA 14.

SCUOLA, COOPERAZIONE & STAMPA 3D FARE INNOVAZIONE A SCUOLA E IMMAGINARE L IMPRESA DI DOMANi GUIDA AL SOFTWARE CURA PER LA STAMPA 3D CURA 14. SCUOLA, COOPERAZIONE & STAMPA 3D FARE INNOVAZIONE A SCUOLA E IMMAGINARE L IMPRESA DI DOMANi GUIDA AL SOFTWARE CURA PER LA STAMPA 3D CURA 14.01 COS È? DOVE TROVARLO? GUIDA AL SOFTWARE CURA PER LA STAMPA

Dettagli

FlukeView Forms Documenting Software

FlukeView Forms Documenting Software FlukeView Forms Documenting Software N. 5: Uso di FlukeView Forms con il tester per impianti elettrici Fluke 1653 Introduzione Questa procedura mostra come trasferire i dati dal tester 1653 a FlukeView

Dettagli

Guida all opera STAMPANTE 3D. Tutto quello che puoi immaginare, lo puoi fare! La tecnologia 3D è finalmente disponibile per tutti!

Guida all opera STAMPANTE 3D. Tutto quello che puoi immaginare, lo puoi fare! La tecnologia 3D è finalmente disponibile per tutti! Compatibile con Windows 7 & 8 Mac OS X COSTRUISCI LA TUA STAMPANTE 3D Guida all opera Tutto quello che puoi immaginare, lo puoi fare! La tecnologia 3D è finalmente disponibile per tutti! TM La mia stampante

Dettagli

lo 2 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000

lo 2 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000 Capittol lo 2 Visualizzazione 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000 Nel primo capitolo sono state analizzate le diverse componenti della finestra di Word 2000: barra del titolo, barra dei menu,

Dettagli

1 Generale Questo manuale è sempre in fase di miglioramento e potrà essere aggiornat Puoi inviare via e mail qualunque suggerimento per migliorarlo

1 Generale Questo manuale è sempre in fase di miglioramento e potrà essere aggiornat Puoi inviare via e mail qualunque suggerimento per migliorarlo MANUALE (ITA) 1 Generale Questo manuale è sempre in fase di miglioramento e potrà essere aggiornat Puoi inviare via e mail qualunque suggerimento per migliorarlo 2 Setup ATTENTION: seguire correttamente

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Caratteristiche principali Telefono piccolo e leggero con interfaccia USB per la telefonia VoIP via internet. Compatibile con il programma Skype. Alta qualità audio a 16-bit. Design compatto con tastiera

Dettagli

3D SIMO. Stampante 3D per creazioni a mano libera

3D SIMO. Stampante 3D per creazioni a mano libera 3D SIMO Stampante 3D per creazioni a mano libera La 3D Simo è la nuova generazione di penna stampante 3D. Design ergonomico, completo controllo su display dei parametri di stampa, stesso filo di stampa

Dettagli

Introduzione a Microsoft Word 2007

Introduzione a Microsoft Word 2007 Introduzione a Microsoft Word 2007 Autore: Alessandra Salvaggio Tratto dal libro: Lavorare con Word 2007 Non ostante che Microsoft Office 2007 sia uscito da un po di tempo, molte persone ancora non sono

Dettagli

Presentazione di. Mustek Systems, Inc.

Presentazione di. Mustek Systems, Inc. Presentazione di Mustek Systems, Inc. Le informazioni contenute in questo documento sono soggette a modifica senza preavviso. Società, nomi e dati utilizzati negli esempi sono fittizi a meno che non sia

Dettagli

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico 1 Finestra principale di Excel 2 Finestra principale di Excel Questi pulsanti servono per ridurre ad icona, ripristinare e chiudere la finestra dell applicazione.

Dettagli

GUIDA RAPIDA. NOTES DIGITALE DOPPIA FUNZIONE AUTO DV 640 x 480 / VIDEO NOTES 320 x 240 REGISTRA SU MEMORIE MICRO SD Monitor LCD TFT 2,5

GUIDA RAPIDA. NOTES DIGITALE DOPPIA FUNZIONE AUTO DV 640 x 480 / VIDEO NOTES 320 x 240 REGISTRA SU MEMORIE MICRO SD Monitor LCD TFT 2,5 GUIDA RAPIDA NOTES DIGITALE DOPPIA FUNZIONE AUTO DV 640 x 480 / VIDEO NOTES 320 x 240 REGISTRA SU MEMORIE MICRO SD Monitor LCD TFT 2,5 9240003 Leggere attentamente il presente manuale e conservarlo per

Dettagli

www.informarsi.net MODULO 6 ECDL - EIPASS STRUMENTI DI PRESENTAZIONE - PRESENTATIONS Microsoft PowerPoint http://www.informarsi.net/ecdl/powerpoint/

www.informarsi.net MODULO 6 ECDL - EIPASS STRUMENTI DI PRESENTAZIONE - PRESENTATIONS Microsoft PowerPoint http://www.informarsi.net/ecdl/powerpoint/ MODULO 6 ECDL - EIPASS STRUMENTI DI PRESENTAZIONE - PRESENTATIONS Microsoft PowerPoint http:///ecdl/powerpoint/ INTERFACCIA UTENTE TIPICA DI UN SOFTWARE DI PRESENTAZIONE APERTURA E SALVATAGGIO DI UNA PRESENTAZIONE

Dettagli

EasyRun-Light 3.5. Supervisore PC-DMIS e TutoRun

EasyRun-Light 3.5. Supervisore PC-DMIS e TutoRun EasyRun-Light 3.5 Supervisore PC-DMIS e TutoRun 1. Descrizione del programma * Permette di eseguire programmi PC-DMIS o Tutor utilizzando interfaccia semplificata. * Permette di eseguire le misure su pallet

Dettagli

Congratulazioni per l acquisto del nuovo EasyPad 700. Seguite attentamente le istruzioni di questo manuale.

Congratulazioni per l acquisto del nuovo EasyPad 700. Seguite attentamente le istruzioni di questo manuale. Guida per l Utente Congratulazioni per l acquisto del nuovo EasyPad 700. Seguite attentamente le istruzioni di questo manuale. Precisazione: Se la versione definitiva di questo prodotto contiene delle

Dettagli

Foglio elettronico. Foglio elettronico EXCEL. Utilizzo. Contenuto della cella. Vantaggi EXCEL. Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.

Foglio elettronico. Foglio elettronico EXCEL. Utilizzo. Contenuto della cella. Vantaggi EXCEL. Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio. Foglio elettronico Foglio elettronico EXCEL Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.it Il foglio elettronico è un programma interattivo, che mette a disposizione dell utente una matrice di righe

Dettagli

G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 84

G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 84 G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 84 La scheda vai a La scheda Vai è probabilmente la meno utilizzata delle tre: permette di spostarsi in un certo punto del documento, ad esempio su una determinata pagina

Dettagli

Prof. ssa Rossella D Imporzano 1

Prof. ssa Rossella D Imporzano 1 È il momento di cominciare a disegnare con il PC; grazie ad un programma di grafica molto semplice Paint. È fornito con tutte le versioni di Windows, il sistema operativo commercializzato da Microsoft

Dettagli

Capitolo 9. Figura 104. Tabella grafico. Si evidenzia l intera tabella A1-D4 e dal menù Inserisci si seleziona Grafico. Si apre la seguente finestra:

Capitolo 9. Figura 104. Tabella grafico. Si evidenzia l intera tabella A1-D4 e dal menù Inserisci si seleziona Grafico. Si apre la seguente finestra: Capitolo 9 I GRAFICI Si apra il Foglio3 e lo si rinomini Grafici. Si crei la tabella seguente: Figura 104. Tabella grafico Si evidenzia l intera tabella A1-D4 e dal menù Inserisci si seleziona Grafico.

Dettagli

Microsoft Word 2007 Avanzato Lezione 16. Dimensione delle immagini

Microsoft Word 2007 Avanzato Lezione 16. Dimensione delle immagini Dimensione delle immagini e Scorrimento del testo Dimensione delle immagini Anche oggi parliamo di immagini. Cominciamo proponendo qualche considerazione circa le dimensioni e il ritaglio dell immagine

Dettagli

Operazioni di base per l inserimento del testo

Operazioni di base per l inserimento del testo Office automation dispensa n.2 su Word Pagina 1 di 13 Operazioni di base per l inserimento del testo Usando un elaboratore di testi è consigliabile seguire alcune regole di scrittura che permettono di

Dettagli

Indice del manuale: Grazie per aver scelto un prodotto Rinnai.

Indice del manuale: Grazie per aver scelto un prodotto Rinnai. Unità di ricircolo Istruzioni per l uso Modello del prodotto: RCD-XH Codice prodotto: RCD-XH(F) Indice del manuale: Grazie per aver scelto un prodotto Rinnai. Componenti... 1 Modalità di utilizzo... 2

Dettagli

Tablet a scuola? Alberto Panzarasa

Tablet a scuola? Alberto Panzarasa Tablet a scuola? Alberto Panzarasa Programma Utilizzo tablet Gmail e googledrive Utilizzo table6t nella didattica Batteria prima del primo utilizzo è consigliabile tenere il dispositivo in carica per almeno

Dettagli

Reference Corso di Excel

Reference Corso di Excel Reference Corso di Excel Copyright 1997-2004, Sperlinga Alessio, tutti i diritti riservati. Questa copia è utilizzabile dallo studente soltanto per uso personale e non puòessere impiegata come guida in

Dettagli

IL PROGRAMMA INSTALLAZIONE

IL PROGRAMMA INSTALLAZIONE INDICE Il Programma... 3 Installazione... 3 La finestra DI AVVIO... 4 Salvare il documento acquisito... 5 MODALITA AVANZATA... 7 Menu File... 8 MENU HOME... 10 MENU MODIFICA... 11 MENU SCANNER... 12 Modalita

Dettagli

Manuale dell utente. Ahead Software AG

Manuale dell utente. Ahead Software AG Manuale dell utente Ahead Software AG Indice 1 Informazioni su InCD...3 1.1 Cos è InCD?...3 1.2 Requisiti per l uso di InCD...3 1.3 Aggiornamenti...4 1.3.1 Suggerimenti per gli utenti di InCD 1.3...4 2

Dettagli

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Crotone, maggio 2005 Windows Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Sistema Operativo Le funzioni software di base che permettono al computer di funzionare formano il sistema operativo. Esso consente

Dettagli

CORSO DI INFORMATICA 1

CORSO DI INFORMATICA 1 CORSO DI INFORMATICA 1 All interno del computer ci sono dei dispositivi che permettono di memorizzare i lavori che vengono creati. Questi dispositivi sono l HARD-DISK (o DISCO FISSO) e il LETTORE E MASTERIZZATORE

Dettagli

Istruzioni per l impostazione del computer per l uso con ExoScan

Istruzioni per l impostazione del computer per l uso con ExoScan Istruzioni per l impostazione del computer per l uso con ExoScan scanner intraorale ITALIANO (lingua originale) IT 3D Progress Software - Impostazioni PC rev01_it - ottobre 2013 Pagina lasciata intenzionalmente

Dettagli

SIGMA Optimization Pro Manuale d istruzioni

SIGMA Optimization Pro Manuale d istruzioni INDICE SIGMA Optimization Pro Manuale d istruzioni INDICE 1 INTRODUZIONE 2 COSA SI PUO FARE CON SIGMA OPTIMIZATION PRO... 2 NOTE E MARCHI REGISTRATI 3 NOTE... 3 MARCHI DEPOSITATI... 3 INSTALLARE IL PROGRAMMA

Dettagli

Risoluzione dei problemi

Risoluzione dei problemi Risoluzione dei problemi Leggimi! 1. Scegliere Impostazioni dal menu Avvio, quindi selezionare Pannello di controllo. 2. Fare doppio clic sull icona Modem. 3. Scegliere la scheda Diagnostica. 4. Selezionare

Dettagli

FASTBACK Document Binder MANUALE DI MANUTENZIONE PER L OPERATORE QUALIFICATO

FASTBACK Document Binder MANUALE DI MANUTENZIONE PER L OPERATORE QUALIFICATO MODELLO FB15xsE FASTBACK Document Binder MANUALE DI MANUTENZIONE PER L OPERATORE QUALIFICATO Indice 1. Introduzione 2 2. Sintomi e soluzioni 3 3. Aprire la copertura 4 4. Rimuovere le strip inceppate 5

Dettagli

MANUALE D USO E MANUTENZIONE

MANUALE D USO E MANUTENZIONE MANUALE D USO E MANUTENZIONE CENTRALINE DI DOSAGGIO DA 1000T È UN ASSOCIATO DAV TECH SAS Via S. Pio X 6/a 36077 Altavilla Vicentina (VI) - ITALIA Tel. 0039 0444 574510 Fax 0039 0444 574324 davtech@davtech.it

Dettagli