Domotica Arduino. La casa intelligente. A cura di. El hor Younes Classe 5 AN

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Domotica Arduino. La casa intelligente. A cura di. El hor Younes Classe 5 AN"

Transcript

1 Domotica Arduino La casa intelligente A cura di El hor Younes Classe 5 AN 1

2 Domotica Pag. 3 Arduino Uno Pag. 4 a 5 Arduino Shield.Pag. 6 a 7 Sensore DHT 22...Pag. 8 a 9 Circuito di raffreddamento...pag. 10 a 11 Display LCD 16x1 Pag. 12 Circuito di riscaldamento..pag. 13 Circuito di illuminazione..pag. 14 a 15 Sensore PIR...Pag. 16 a 17 Sensore MQ5.Pag. 18 Telecamera IP Pag. 19 a 20 Router Pag. 21 Componenti elettrici..pag. 22 PCB progetto.pag. 23 Comunicazione tra Arduino e un sito Web Pag. 24 a 29 2

3 Domotica La domotica è una scienza interdisciplinare che si occupa dello studio e delle tecnologie atte a migliorare la qualità della vita nella casa. Il termine domotica deriva dal latino domus che significa "casa. Questa area fortemente interdisciplinare richiede l'apporto di molte tecnologie e professionalità, tra le quali ingegneria edile, automazione, elettronica ed elettrotecnica, telecomunicazione ed informatica. Più concretamente, la domotica, e' l'evoluzione tecnica dell' integrazione dei componenti dell' impianto elettrico "tradizionale" comunemente intesi come comandi luce, prese per prelievo energia, impianto citofonico o videocitofonico, impianto antifurto, motorizzazioni tapparelle, tende, finestre, porte, portoni e cancelli, riscaldamento, climatizzazione, irrigazione, prese TV-SAT, prese telefoniche, segnali audio e video, ecc... insomma, qualsiasi aspetto della vita quotidiana in cui è coinvolta l'elettricità. La casa domotica e la domotica stessa non deve essere complicata, ma aiutarci nella semplificazione delle operazioni domestiche della vita quotidiana e gestibile dal proprietario come da un ospite che vi entra per la prima volta e non conosce il sistema. 3

4 Arduino Uno Arduino è una piattaforma hardware programmabile, con cui è possibile creare circuiti "quasi" di ogni tipo per molte applicazioni, soprattutto in ambito di robotica ed automazione. Si basa su un Microcontrollore della ATMega328. Un particolare molto importante è che ogni programma che si scrive su Arduino sarà naturalmente avviato a loop() finché non si toglie l'alimentazione dal dispositivo. Quando lo colleghiamo ad una fonte di alimentazione (ad esempio la USB del PC o anche una comunissima Batteria da 9V) si accende e avvia il programma caricato. La scheda Arduino è in grado di interagire con l'ambiente in cui si trova ricevendo informazioni da una grande varietà di sensori. Ma non si parla solo di sensori, Arduino può comandare luci, LED, motori e altri attuatori. Di seguito sono elencati i pin della scheda Arduino: 4

5 AREF ( Tensione analogica di riferimento) Questo pin regola il voltaggio di massima risoluzione degli input analogici GND - Massa PWM - I pin a disposizione con questa funzionalità sono 6 (Pin3/5/6/9/10/11). Il PWM, o pulse width modulation permette di creare un'onda di corrente regolabile. Questa è molto utile per comandare svariati sistemi elettronici. Un esempio è quello di comandare i servomotori da modellismo. DIGITAL PINS (dal 0 al 1) - Sono i pin TX e RX DIGITAL PINS (dal 2 al 13) Sono i pin del microcontrollore con la possibilità di essere configurati come INPUT o OUTPUT RESET - Questo è un PIN digitale. Se la lettura di questo PIN=HIGH il controller si resetta PIN uscita corrente a 3.3V PIN uscita corrente a 5V Vin - PIN input corrente per alimentazione controller Analog in(0 al 5) - PIN input analogici. Possono percepire molto precisamente una corrente DC tra 0 e 5V, resistuendo un valore da 0 a Caratteristiche della scheda Arduino Uno Clock Speed 16 MHz EEPROM 1 KB (ATmega328) SRAM 2 KB (ATmega328) Memoria flash 32 KB (ATmega328) di cui 2kb usati dal bootloader Corrente DC per il PIN 3.3v 50 ma Corrente DC I/O per PIN 40 ma PIN input analogici 6 PIN I/O digitali 14 (di cui 6 PWM output) Limiti voltaggio alimentazione 6-20V Voltaggio alimentazione 7-12V Voltaggio operativo 5V 5

6 Arduino Shield L' Arduino Ethernet Shield permette ad una scheda Arduino di collegarsi ad internet. Si basa sul chip ethernet Wiznet W5100. Il WIZnet W5100 implementa il protocollo ethernet con tutto lo stack TCP/IP e UDP. Supporta fino a quattro connessioni simultanee. Lo shield è accompagnato dalla libreria Ethernet che consente di scrivere sketch che si collegano a Internet. Lo shield ethernet si collega ad una scheda Arduino tramite dei lunghi header che si estendono attraverso lo shield. Ciò mantiene intatto il layout dei pin e permette di poter montare un altro shield sovrapposto. Grazie alla scheda Ethernet Shield possiamo controllare le cose da un PC, da un cellulare o qualsiasi altro dispositivo che può collegarsi a Internet. Ovviamente la scheda dispone di un MAC address e un indirizzo IP, parametri fondamentali per la comunicazione. IP -( Inetrnet Protocol ) Questo livello gestisce la comunicazione tra una macchina ed un'altra; accetta una richiesta di inoltro di un pacchetto da un livello di trasporto insieme all'identificazione della macchina alla quale il pacchetto deve essere inviato. È il livello più caratteristico di internet che crea il datagramma di base della rete, sostanzialmente, riceve e trasferisce senza garanzie i pacchetti, che gli arrivano, verso la macchina destinataria. 6

7 MAC ( MAC address ) E un indirizzo fisico, rappresenta in sostanza un identificativo per un particolare dispositivo di rete a livello di rete locale: ad esempio due schede di rete in due diversi computer avranno due diversi nomi (e quindi diversi indirizzi MAC), così come avranno nomi diversi una scheda Ethernet ed una scheda wireless posizionate nel stesso computer. Collegamento Ethernet Shield e scheda Arduino Uno 7

8 Sensore DHT22 (Sensore Temperatura e Umidità) Questo sensore utilizza una comunicazione di tipo digitale e grazie a questa cosa interfacciarlo con Arduino Uno è molto più facile. Come si vede dalla foto il sensore DHT22 ha 4 piedini ma solamente 3 di questi devono essere collegati ad Arduino (Vcc, Data, Gnd). Lo svantaggio di questo sensore è la sua lentezza, infatti si parla di circa 2s tra una lettura e l altra. Per fare in modo che il sensore DHT22 venga riconosciuto dalla scheda Arduino bisogna prima aggiungere una libreria (Libreria DHT). Dato che nel progetto la temperatura e l umidità devono essere visualizzate sia su un Display che su una pagina Web, quindi aspettare la conferma di avvenuta ricezione possiamo sfruttare a nostro vantaggio il problema che riguarda la lentezza del sensore per portare avanti più compiti in simultanea. Una volta che Arduino entra in funzionamento, quindi di conseguenza anche il sensore gli errori si possono verificare in 2 occasioni: 1. Durante la misura da parte della circuiteria interna, però questo tipo di errore difficilmente si può eliminare. 2. Durante la trasmissione del dato alla scheda Arduino. Questo tipo di errore non ci deve preoccupare dato che nella comunicazione seriale, il sensore inserisce un byte di CRC per il controllo degli errori. 8

9 Caratteristiche tecniche: Alimentazione : 3.3-6V Assorbimento in Misura : 1-1.5mA Assorbimento in Standby : 40-50uA Umidità : 0 / 100% Relativa Temperatura : -40 / +80 C Precisione Umidità : 0.1% Precisione Temperatura 0.1 C Errore Umidità : +-2% Relativa Errore Temperatura : C Schema di collegamento 9

10 Circuito di raffreddamento Tramite una ventola presa da un PC viene simulato il raffreddamento della casa. Lo scopo della ventola e quello di intervenire nel momento in cui viene superata la temperatura impostata da noi tramite la programmazione di Arduino. Ovviamente la temperatura può essere cambiata ogni volta che si vuole. La ventola, come viene riportato sullo stesso attuatore gira a una tensione di 12V con una corrente di circa 0,14A. Visto che Arduino fornisce una tensione massima di 5V con una corrente di 40mA dobbiamo adattare Arduino con la ventola tramite un transistor che ha la funzione di amplificare la corrente di uscita dal piedino di Arduino. Per essere più precisi prima della BASE del transistor mettiamo una resistenza (RB) che serve per la sicurezza del circuito. Prima di montare il circuito sono state fatte delle prove sulla breadborad e siamo arrivate alla conclusione che la ventola gira a 12V con una corrente di 50mA, ma come è stato detto prima Arduino da in uscita una corrente di 40mA è proprio per questo motivo è fondamentale l utilizzo del transistor. Il transistor ha 3 piedini (BASE, COLLETTORE, EMETTITORE) la base viene collegata in serie alla resistenza (RB) e poi sul piedino della scheda Arduino, l emettitore va direttamente a massa (GND) e infine il collettore va a pilotare la ventola. In parallelo alla ventola è stato messo un diodo di ricircolo in modo che in caso di sbalzi improvvisi la ventola non subisca gravi conseguenze. Per poter dimensionare la corrente di base prima bisogna vedere alcune formule importanti: Per ricavare la corrente IC la formula è la seguente Ic I B * 10

11 Il transistore utilizzato è il 2N1711 e guardando dal suo Datasheet si scopre che ha un β che varia da 100 a 300. A questo punto abbiamo deciso di usare un β intermedio di 200. Per ricavare la corrente IB la formula è la seguente I B I C Nelle proprietà di un transistor la corrente di base deve essere più piccola della corrente di collettore, mentre la corrente dell emettitore è quella più elevata ma in questo caso non ci interessa. Per ricavare la RB bisogna fare un equazione alla maglia Varduino R * I V 0 dove Varduino = 5V, la corrente di base IB = B B BE 0,25mA e la tensione base-emettitotre = 0,6V R B 18K 0.25m La ventola può essere controllata in 2 modi: 1. Controllo manuale cioè può essere accessa e spenta dall utente direttamente da una pagina web. Per poter accedere alla pagina web bisogna immetere l indirizzo corrispondete a quest ultima nella barra degli indirizzi di Internet. Una volta che si ha l accesso alla pagina web caricata dentro Arduino si potrà accendere e spegnere la ventola con un semplice click. 2. Controllo automatico. In questo caso la ventola si accende quando viene superata la temperatura base impostata ad esempio 23 C e si spegnerà quando si scendera al di sotto. Schema di collegamento 11

12 Display LCD 16x1 Tramite il display viene visualizzata la temperatura e l umidità della casa. Il display 16x1 presenta 16 colonne e 1 riga su cui poter scrivere ciò che si desidera. Sul display si possono visualizzare anche le scritte in movimento ma nel nostro caso abbiamo scelto una visualizzazione statica dato che la temperatura e l umidità si devono tenere sotto controllo. I display hanno una interfaccia parallela, ciò significa che il microcontrollore deve controllare contemporaneamente i pin di interfaccia per tenere sotto controllo la visualizzazione. I pin che sono stati utilizzati sono gli seguenti: Pin (RS) Register Select, è il pin che controlla in quale parte del display si stanno scrivendo i dati. Pin (R/W) Read /Write, è il pin che decide se il microcontrollore e nella fase di lettura oppure di scrittura. Pin (V0) Contrast Adjust A questo pin è stato collegato un potenziometro da 10K per poter regolare la luminosità del display. Pin (E) Questo abilità la scrittura dei registri. Pin (DO-D7) Sono i pin dati Ovviamente ci sono i pin di alimentazione per poter alimentare il display. Per questo progetto è stato scelto un display 16x1 soltanto perché si devono visualizzare la temperatura e l umidità. In commercio esistono display molto più grandi e intelligenti, che necessitano di una programmazione delle librerie interne da parte dell utente. 12

13 Circuito di riscaldamento Per simulare il riscaldamento della casa è stata usata una resistenza di riscaldamento. Dato che nel nostro progetto l alimentazione a 12V è già presente abbiamo deciso di utilizzare questa resistenza che ha una resistività di 50 e un alimentazione di 12V. Quando la corrente (I) attraversa una resistenza (R) si ha il riscaldamento di quest ultima. Nonostante le sue piccole dimensioni ha un riscaldamento notevole fino ad arrivare al punto di non poter più tenere la mano appoggiata sopra. Per quanto riguarda l adattamento con la scheda Arduino abbiamo utilizzato lo stesso schema del circuito di raffreddamento con l aggiunta di un relè con un alimentazione a 12V e una corrente di 100mA. Il relè è un dispositivo elettromeccanico costituito da un avvolgimento e da uno o più contatti meccanici, è utilizzato per operazione di interruzione e commutazione di circuiti elettrici. In sostanza il relè è un interruttore che non viene azionato a mano ma da un elettromagnete. Di seguito è illustrato lo schema di un relè: 1. Bobina 2. Ancora 3. Contatto mobile 13

14 Schema di collegamento Circuito di illuminazione Per l illuminazione della casa abbiamo usato 2 LED funzionanti a una tesnione di 12V. I LED possono essere accessi e spenti tramite un PC, un cellulare, un IPOD in poche parole da un qualsiassi dispositivo che permetta il collegamento a Internet. 14

15 Dato che i LED funzionano a 12V anche qui è stato necessario l utilizzo del transistor 2N1711. Di seguito viene riportata una foto di un transistor 2N1711: Schema di collegamento 15

16 Sensore PIR (Passive InfraRes sensor) E un dispositivo elettronico che misura la luce a infrarossi (IR) irradiata dagli oggetti nel suo campo di vista. Il PIR è un sensore di movimento quindi ogni volta che rileva un oggetto o una persona ne segnala subito la presenza. Tutti gli oggetti emettono ciò che è noto come radiazione di corpo nero. Si tratta di radiazioni infrarosse che sono invisibili all'occhio umano, ma possono essere rilevate da dispositivi elettronici progettati per un tale scopo. Il termine passivo in questo caso significa che il dispositivo PIR non emette un fascio di luce a infrarossi, ma semplicemente rileva in ingresso le radiazioni infrarosse. Il sensore fa parte di un circuito integrato in cui figurano un amplificatore differenziale seguito da comparatore e altri circuiti che hanno il compito, durante le misurazioni del PIR di annullare la temperatura media del campo di vista che viene rimosso dal segnale elettrico; un aumento dell'energia IR attraverso il sensore è automaticamente cancellata e non attiverà il dispositivo. In questo modo, il dispositivo resiste a false indicazioni di cambiamento come nel caso di esposizione a luce intensa che potrebbe saturare il materiale del sensore e disabilitare il sensore per altre misurazioni. Allo stesso tempo, questo dispositivo riduce al minimo l' interferenza dovuta a campi elettrici nelle vicinanze. Di seguito è riportato lo schema del sensore PIR: 16

17 Caratteristiche del sensore: Tensione di alimentazione +5V Sensibilità regolabile Angolo di rilevamento 100 Range di rilevamento 3 / 4 metri Corrente di alimentazione 4,7 ma Tempo di ritenzione del livello alto sec. Intervallo tra 2 livelli alti 2-3 sec 17

18 Sensore MQ5 ( Rilevatore di gas ) Il rilevatore di gas è un dispositivo elettronico utilizzato per verificare la presenza di gas nocivi per la salute degli essere viventi all interno delle nostre abitazioni. I rilevatori di gas sono dispositivi che rilevano la presenza di particelle grazie alla ionizzazione prodotta dal passaggio di un fotone o di una particella carica in un gas. Il rilevatore è tecnicamente costituito da un contenitore riempito di un gas facilmente ionizzabile e da due componenti: uno che funge da anodo e uno che funge da catodo. Il sensore MQ5 presenta 6 pin, dove 4 di essi sono utilizzati per andare a prendere i segnali, e altri 2 sono utilizzati per fornire corrente di riscaldamento. Essi sono utilizzati in apparecchiature di rilevamento fughe di gas in famiglia e l'industria, sono adatti per la rilevazione di GPL, gas naturale e gas di città. Caratteristiche tecniche: Alimentazione: 5V DC o AC Richiede una tensione di riscaldamento Temperatura di funzionamento: da -10 C a 50 C Consumo del riscaldatore: meno di 750mW 18

19 Telecamera IP Una telecamera IP o IP cam è un tipo di videocamera che genera un segnale video in forma digitalizzata pronto per la trasmissione diretta su rete dati, senza necessità di conversione analogico-digitale, e in grado di essere controllata direttamente tramite la rete dati stessa. Il campo di utilizzo tipico delle telecamere IP sono i sistemi di telesorveglianza remota. In dotazione alla teleceamera viene fornito un CD che contiene il software da installare sul PC per potere programmare e controllare la telecamera. Dato che la telecamera dispone di un antenna wireless si evita di collegare il cavo ethernet direttamente al router. Per poter accedere alla pagina web della telecamera e visualizzare ciò che sta riprendendo bisogna inserire l indirizzo IP nella barra degli indirizzi corrispondente a quest ultima. La telecamera IP non dipende dalla scheda Arduino come gli altri compnenti del progetto. Con il continuo sviluppo della tecnologia le telecamere IP sono sempre più utilizzate per poter fronteggiare le intrusioni dei malviventi. Caratteristiche tecniche della telecamera IP Interfaccia: RJ-45 Protocollo: TCP/IP, DHCP, SMTP, DDNS Monitoraggio: Internet Explorer browse. Security Password Protection: Si. 19

20 Illuminazione minima: 0 Lux. Bilanciamento: Automatico. Temperatura di lavoro: 0-50 C. Alimentazione: Power Adapter (100V-240V). Consumo: 3W. Distanza di visione: - Giorno: metri. - Notte: 50 metri. Visione e registrazione: - Schermo unico. - Schermo multiplo Operatività: - Controllo a 360 gradi. Risoluzione: x 240, 640 x 480 Specifiche di registrazione: - Formato MJEPG (AVI). Risoluzione: 320 x 240, 640 x Audio: PCM Codec / 8000Hz Sistemi operativi supportati: Windows 2000/2003/XP/Vista/Windows 7. CONTENUTO CONFEZIONE: Telecamera IP. Cablaggi Rete. Accessori per il montaggio. Power Adapter CD con manuale in Inglese ed applicazioni IP Camera. Schema di un possibile collegamento per poter visualizzare le telecamere IP: 20

21 Router Un router (dall'inglese instradatore) è un dispositivo elettronico che, in una rete informatica a commutazione di pacchetto, si occupa di instradare i dati, suddivisi in pacchetti, fra reti diverse. Caratteristica fondamentale dei router è l'utilizzo di indirizzi di livello 3 del modello OSI (corrispondente al livello IP dello stack TCP/IP), a differenza dello switch o del bridge che instradano a livello locale sulla base degli indirizzi di livello 2 detti indirizzi MAC. Dal punto di vista fisico i router non sono altro che sistemi di elaborazione dedicati ad un solo scopo, cioè indirizzamento/instradamento di pacchetti e quindi possono essere normali computer che fanno girare un software apposito (gateway), o sempre più spesso apparati (hardware e software) specializzati a questo solo scopo. In generale i router, in quanto hanno il loro sistema operativo necessitano di essere configurati manualmente da parte dell'amministratore di rete (specifica delle interfacce di rete, abilitazione protocolli e servizi). Il router, per essere configurato fornisce un'interfaccia basata su web (accessibile digitando l'indirizzo del gateway nel browser). Molti router utilizzati nell ambiente domestico incorporano la funzionalità di access point per reti Wi-Fi e modem per l'aggancio alla rete Internet. In questo caso occorre tenere presente che la velocità di connessione ad Internet è non superiore a quella stipulata per contratto. Dal punto di vista della sicurezza il router possiede un firewall incorporato, poiché il punto di ingresso/uscita di una rete verso l'esterno è ovviamente il luogo migliore dove effettuare controlli sui pacchetti in transito. 21

22 Componenti elettrici per la creazione del progetto 1. LCD 16x1 = 6,50 2. Sensore DHT 22 = Scheda Ethernet Shield = Arduino Uno = Router = IP camera = Sensore PIR = Sensore MQ-5 = Ventola PC = recuperata da un pc non funzionante 10. Resistenza riscaldamento = LED a 12V = Panello solare = Relè = 3 22

23 14. 4 transistor 2N1711 = resistenze da 18 K e 2 da 10 K = morsettiere = Potenziometro da 10 K = cavi ethernet UTP RJ-45 = 5 PCB progetto Per realizzare il circuito stampato è stato usato il software Express PCB. Come software non è tanto completo perchè nelle sue librerie non contiene tutti i componenti elettronici. Prima di creare il circuito stampato con Express PCB bisogna prendere bene le misure dei componenti. 23

24 Comunicazione tra Arduino e un sito Web Gli Host Con il nome Host si intende un generico utilizzatore di una rete, che può essere: Un PC Un Router Un Cellulare Una Stampante Lo shield Ethernet di Arduino Ogni host è identificato all'interno di una rete da un indirizzo IP. Un indirizzo IP è formato da 4 byte, quindi identificabile da quattro numeri decimali da 0 a 255 (Es ). Un indirizzo IP da solo non individua un host, ma necessità di una Subnet Mask che ha il compito di individuare le due parti di un indirizzo IP: Identificativo della Rete Identificativo dell'host Una Subnet Mask, a livello binario, si presenta come una serie di 1 seguiti da una serie di 0 che in totale vanno ad occupare 4byte, da notare che una Subnet Mask valida ha una sola serie di 1 e una sola serie di 0, cioè ( ) è valida, ( ) non lo è. Mettendo a confronto a livello binario la maschera con l'ip, la parte con gli 1 identifica la rete, la parte con gli 0 identifica l'host. 24

25 Ad esempio: IP host : Subnet Mask : Identificativo della Rete : Identificativo dell'host : 10 L Host per funzionare correttamente deve comprendere: 1. Un proprio indirizzo IP 2. Una Subnet Mask 3. L'indirizzo del Default Gateway 4. Indirizzo del server DNS primario 5. Indirizzo del server DNS secondario (nel caso il primo non risponda) Configurazione IP statico Configurazione IP dinamico tramite DHCP IP -( Inetrnet Protocol ) Questo livello gestisce la comunicazione tra una macchina ed un'altra; accetta una richiesta di inoltro di un pacchetto da un livello di trasporto insieme all'identificazione della macchina alla quale il pacchetto deve essere inviato. È il livello più caratteristico di internet che crea il datagramma di base della rete, sostanzialmente, riceve e trasferisce senza garanzie i pacchetti, che gli arrivano, verso la macchina destinataria. 25

26 Subnet Mask E il metodo utilizzato per definire il range di appartenenza di un host all'interno di una sottorete IP al fine di ridurre il traffico di rete e facilitare la ricerca e il raggiungimento di un determinato host con relativo indirizzo IP. Esistono 3 tipi di Subnet Mask di un indirizzo IP e sono denominate classi: Classe A Classe B Classe C La Subnet Mask di classe A è compresa tra 0 e 127, un esempio a tal proposito può essere La Subnet Mask di classe B è compresa tra 128 e 191, un esempio La Subnet Mask di classe C è compresa tra 192 e 223 ed un uso più comune: Gateway Il suo scopo principale è quello di veicolare i pacchetti di rete all'esterno della rete locale (LAN). Da notare che gateway è un termine generico che indica il servizio di inoltro dei pacchetti verso l'esterno; il dispositivo hardware che porterà a termine questo compito è tipicamente un router. DNS ( Domani Name System ) Quando accediamo ad un indirizzo di rete (come automaticamente esso viene tradotto in un indirizzo numerico IP, la corrispondenza tra nome e numero si ottiene grazie al servizio DNS. E un servizio di directory distribuito su Internet che permette di convertire i nomi di dominio negli indirizzi IP che le macchine hanno nella rete e controlla l'inoltro della posta su Internet. La corrispondenza tra nome di dominio ed indirizzo IP viene in pratica tenuta in un database distribuito sulla rete. 26

27 DHCP (Dynamic Host Configuration Protocol) Si occupa in una rete di fornire ad ogni host che ne fa richiesta i 5 parametri necessari alla loro configurazione, tenendo conto degli indirizzi già assegnati per non avere casini sulla rete. Per rimanere in tema con il nostro progetto i passi che portano Arduino con il suo Ethernet Shield ad arrivare a comunicare con un sito sono i seguenti: (Nella nostra rete il servizio DHCP è svolto dal router) Accensione Richiesta di un indirizzo IP al DHCP della rete Ricezione della configurazione completa dal DHCP della rete Connessione a Richiesta al DNS di risolvere il nome Il DNS risponde con un IP effettuo la connessione all'ip fornito dal DNS sulla porta che ho specificato nel codice Invio la richiesta http a risponde con il contenuto richiesto (pagina, file, etc.) Alla successiva connessione si riparte dal 4 punto Esempio pratico di come si comanda Arduino da un sito Web Utilizzando la scheda Ethernet Shield possiamo pilotare da remoto le uscite di Arduino. I pc della rete e l Arduino UNO (con Ethernet Shield) sono collegati tra loro tramite uno Router. Il pc eseguirà, usando un browser, delle richieste http. per recuperare, ad esempio, il valore di una tensione applicata su un pin analogico, oppure accendere o spegnere un led, applicato su un pin digitale in uscita. Il collegamento tra la scheda Ethernet Shield e la scheda Arduino UNO avviene tramite dei header, i cosidetti piedini della scheda che permettono il collegamento tra una scheda e l altra. La Ethernet Shield ha un connettore RG-45 dove è possibile collegare il cavo Ethernet da mandare poi a una qualsiasi porta del Router. La scheda Arduino ha una porta USB dove è possibile collegare il cavo USB da mandare al pc 27

28 per dare alimentazione oppure modificare lo sketch che si sta utilizzando. Di seguito sono riportate le istruzioni che permettono il riconoscimento della Ethernet Shield: Apriamo l IDE di Arduino e scriviamo questo codice: //Librerie impiegate per il progetto #include <SPI.h> #include <Ethernet.h> //Creo un array di byte per specificare il mac address byte mac[] = { 0xDE, 0xAD, 0xBE, 0xEF, 0xFE, 0xED }; //creo un array di byte per specificare l'indirizzo ip byte ip[] = {IP Ethernet Shield}; //creo una variabile char per memorizzare i byte letti dal client char Data_RX; //creao un oggetto server che rimane in ascolto sulla porta specificata Server ArduinoServer(80); void setup() { //inizializza lo shield con il mac e l'ip Ethernet.begin(mac, ip); //inizializza l'oggetto server ArduinoServer.begin(); } void loop() { //nel void loop sono comprese tutte le istruzioni necessarie per il funzionamento di tutti i componenti elettronici presenti } delay(10); I commenti nel codice spiegano a grandi linee il funzionamento dello stesso. Dopo aver inserito le due librerie che permettono di interfacciarsi all Ethernet Shield, definiamo due array di byte, uno che contiene l indirizzo fisico della scheda di rete (MAC address) e l altro che contiene l indirizzo IP. Successivamente abbiamo creato un oggetto Server che permette di rimanere in ascolto sulla porta specificata, in 28

29 questo caso la porta 80, proprio quella utilizzata dal protocollo http. La variabile Data_RX verrà impiegata successivamente per memorizzare i byte provenienti dal client. Dentro il blocco setup() ci sono due importanti funzioni, la prima (Ethernet.begin(mac, ip);) serve per inizializzare il chip WIZnet con l indirizzo MAC e l indirizzo IP, la seconda (ArduinoServer.begin();) avvia il server e lo mette in ascolto sulla porta 80 per le avvenutali richieste dei client. Nel blocco loop() viene inserito un ritardo di 10ms, per il momento non eseguiamo altro. Questo è utile per testare, tramite un semplice ping, se l Ethernet Shield è correttamente configurata nella rete e se risponde alle interrogazioni del client. Per eseguire il ping bisogna fare alcuni passaggi: Start Esegui cmd Ping IP scheda Eseguendo questo semplice test ci permette di escludere problemi di alimentazione della board o errori doviti al cavo di collegamento. 29

30 Abbiamo deciso di creare questo progetto per far vedere come la tecnologia di oggi sta avanzando e come può semplificare la vita delle persone specialmente persone con problemi di salute che non si possono muovere per l abitazione e grazie a questa tecnologia queste persone possono avere il pieno controllo della loro abitazione da un punto solo o da un punto mobile che può essere un dispositivo mobile (IPAD TABLET CELLULARE ECT ). In questo progetto vengono illustrate solo alcune delle applicazioni che si possono applicare in una casa intelligente. E incredibile pensare che una piccola scheda come Arduino riesca a gestire tutte queste cose. La nostra intenzione è quella di trasmettere alle persone il campo della Domotica sperando che in un futturo le case diventerano tutte progettate in questo modo per avere una massima sicurezza e facilitare la vita di tutti i giorni. El hor Younes 30

Serduino - SERRA CON ARDUINO

Serduino - SERRA CON ARDUINO Serduino - SERRA CON ARDUINO 1 Componenti Facchini Riccardo (responsabile parte hardware) Guglielmetti Andrea (responsabile parte software) Laurenti Lorenzo (progettazione hardware) Rigolli Andrea (reparto

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it)

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) In una rete TCP/IP, se un computer (A) deve inoltrare una richiesta ad un altro computer (B) attraverso la rete locale, lo dovrà

Dettagli

Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database

Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database PROBLEMA Si vogliono inviare, periodicamente, i dati acquisiti da alcuni sensori ad un database presente su di un server. Arduino con shield Ethernet

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 2ª) ver. Classe 3BN (elettronica) marzo 22 Giorgio Carpignano I.I.S. Primo LEVI - TORINO Il menù per oggi Lettura dei pulsanti Comunicazione

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07 TB-SMS Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso Ver. 1.6.10 31/07/07 MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore TB-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili

Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili 2012 NETGEAR, Inc. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte della presente pubblicazione può essere riprodotta, trasmessa, trascritta,

Dettagli

Telecamera IP Wireless/Wired. Manuale d uso

Telecamera IP Wireless/Wired. Manuale d uso Telecamera IP Wireless/Wired VISIONE NOTTURNA & ROTAZIONE PAN/TILT DA REMOTO Manuale d uso Contenuto 1 BENVENUTO...-1-1.1 Caratteristiche...-1-1.2 Lista prodotti...-2-1.3 Presentazione prodotto...-2-1.3.1

Dettagli

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31 Serie - nterruttore orario 16 A SERE Caratteristiche.01.11.31 nterruttore orario elettromeccanico - Giornaliero * - Settimanale ** Tipo.01-1 contatto in scambio 16 A larghezza 35.8 mm Tipo.11-1 contatto

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

Kit Domotici fai-da-te integrabili fra di loro, semplici da installare e da utilizzare.

Kit Domotici fai-da-te integrabili fra di loro, semplici da installare e da utilizzare. Per una casa più comoda, cura e intelligente, con un solo clic. Kit Domotici faidate integrabili fra di loro, semplici da installare e da utilizzare. www.easydo.it videosorveglianza, controllo carichi

Dettagli

Manuale di installazione e d uso

Manuale di installazione e d uso Manuale di installazione e d uso 1 Indice Installazione del POS pag. 2 Funzionalità di Base - POS Sagem - Accesso Operatore pag. 2 - Leggere una Card/braccialetto Cliente con il lettore di prossimità TeliumPass

Dettagli

Guida alle impostazioni generali

Guida alle impostazioni generali Istruzioni per l uso Guida alle impostazioni generali 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Collegamento della macchina Impostazioni di sistema Impostazioni Copiatrice/Document server Impostazioni fax Impostazioni Stampante

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

Wi-Fi Personal Bridge 150 AP Router Portatile Wireless

Wi-Fi Personal Bridge 150 AP Router Portatile Wireless AP Router Portatile Wireless HNW150APBR www.hamletcom.com Indice del contenuto 1 Introduzione 8 Caratteristiche... 8 Requisiti dell apparato... 8 Utilizzo del presente documento... 9 Convenzioni di notazione...

Dettagli

Nota di applicazione: impostazione della comunicazione

Nota di applicazione: impostazione della comunicazione Nota di applicazione: impostazione della comunicazione Questa nota di applicazione descrive come installare e impostare la comunicazione tra l'inverter e il server di monitoraggio SolarEdge. Questo documento

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI

ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI GUIDA D INSTALLAZIONE E USO Contenuto della Confezione La confezione Alice Business Gate 2 plus Wi-Fi contiene il seguente

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it in modalità compatibile www.dyndns.org Questa semplice guida fornisce le informazioni necessarie per eseguire la registrazione del proprio DVR

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE IN RETE

GUIDA DELL UTENTE IN RETE GUIDA DELL UTENTE IN RETE Memorizza registro di stampa in rete Versione 0 ITA Definizione delle note Nella presente Guida dell'utente viene utilizzata la seguente icona: Le note spiegano come intervenire

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE UN SISTEMA INTEGRATO COMUNICAZIONE VERSO L ESTERNO Istituti di vigilanza Invio allarmi con protocollo CONTACT ID Comunicatore PSTN Espansione GSM Telefono

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE V.00 AGOSTO 2012 CARATTERISTICHE TECNICHE Il modulo TRACER218 485 è un dispositivo con porta di comunicazione RS485 basata su protocollo MODBUS

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano AMICO CI SENTO Manuale di istruzioni - Italiano 1. Per iniziare 1.1 Batteria 1.1.1 Installare la batteria Rimuovere il coperchio della batteria. Allineare i contatti dorati della batteria con i relativi

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

Manuale del fax. Istruzioni per l uso

Manuale del fax. Istruzioni per l uso Istruzioni per l uso Manuale del fax 1 2 3 4 5 6 Trasmissione Impostazioni di invio Ricezione Modifica/Conferma di informazioni di comunicazione Fax via computer Appendice Prima di utilizzare il prodotto

Dettagli

IP Wireless / Wired Camera

IP Wireless / Wired Camera www.gmshopping.it IP Wireless / Wired Camera Panoramica direzionabile a distanza Questo documento è di proprietà di Ciro Fusco ( Cfu 2010 ) e protetto dalle leggi italiane sul diritto d autore (L. 633

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

Access Point WiFi Powerline 500 XWNB5201 - Guida all installazione

Access Point WiFi Powerline 500 XWNB5201 - Guida all installazione Access Point WiFi Powerline 500 XWNB5201 - Guida all installazione Assistenza tecnica Grazie per aver scelto i prodotti NETGEAR. Una volta completata l'installazione del dispositivo, individuare il numero

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

FS-1118MFP. Guida all'installazione dello scanner di rete

FS-1118MFP. Guida all'installazione dello scanner di rete FS-1118MFP Guida all'installazione dello scanner di rete Introduzione Informazioni sulla guida Informazioni sul marchio Restrizioni legali sulla scansione Questa guida contiene le istruzioni sull'impostazione

Dettagli

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com DEFENDER HYBRID Sistema antintrusione ibrido wireless e filare Il sistema Un sistema completamente nuovo e flessibile Impianto filare o wireless? Da oggi Defender Hybrid Defender Hybrid rivoluziona il modo

Dettagli

MANUALE TECNICO 080406 E SMS

MANUALE TECNICO 080406 E SMS IT MANUALE TECNICO 080406 E SMS MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore E-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili a numeri telefonici preimpostati e di attivare uscite

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor NetMonitor Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor Cos è NetMonitor? NetMonitor è un piccolo software per il monitoraggio dei dispositivi in rete. Permette di avere una panoramica sui dispositivi

Dettagli

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Progettazione di sistemi Embedded

Progettazione di sistemi Embedded Progettazione di sistemi Embedded Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded A.S. 2013/2014 proff. Nicola Masarone e Stefano Salvatori Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di

Dettagli

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE Mediatrix 2102 ATA Guida all installazione EUTELIAVOIP Rev1-0 pag.2 INDICE SERVIZIO EUTELIAVOIP...3 COMPONENTI PRESENTI NELLA SCATOLA DEL MEDIATRIX 2102...3 COLLEGAMENTO

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO

SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO SPOSTAMENTO SITEMANAGER DA SERVER DIREL A SERVER PROPRIETARIO La seguente guida mostra come trasferire un SiteManager presente nel Server Gateanager al Server Proprietario; assumiamo a titolo di esempio,

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Istruzioni sull aggiornamento per i modelli di navigazione: AVIC-F40BT, AVIC-F940BT, AVIC-F840BT e AVIC-F8430BT

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Indice Sistemi di citofonia e videocitofonia - Tecnologia e qualità... - Installazione più facile e rapida... 4 - I sistemi

Dettagli

Controllo industriale SE-609

Controllo industriale SE-609 Controllo industriale SE-609 Controllo e visualizzazione uniti come soluzione per l automazione con comandi mediante touch Controlli industriali all avanguardia per impianti per il trattamento termico

Dettagli

ESEMPI APPLICATIVI. esempi di progettazione ed installazione

ESEMPI APPLICATIVI. esempi di progettazione ed installazione lighting management ESEMPI APPLICATIVI esempi di progettazione ed installazione 2 INDICE LIGHTING MANAGEMENT ESEMPI APPLICATIVI 04 L offerta di BTICINO 05 ORGANIZZAZIONE DELLA GUIDA CONTROLLO LOCALE -

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Guida all'installazione del WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili

Guida all'installazione del WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili Guida all'installazione del WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili Sommario Per iniziare............................................ 3 Il WiFi Booster......................................... 4 Pannello

Dettagli

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO / Benvenuto Quando si utilizza la videocamera GoPro nell ambito delle normali attività quotidiane, prestare

Dettagli

Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER

Installazione ed attivazione della SUITE OFFIS versione SERVER Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER Premessa La versione server di OFFIS può essere installata e utilizzata indifferentemente da PC/Win o Mac/Osx e consente l'accesso contemporaneo

Dettagli

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM 1 Stato del combinatore direttamente sul display della Consolle XM Interrogazione credito residuo tramite SMS e inoltro SMS ricevuti Messaggi di allarme pre-registrati Completa integrazione con centrali

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO / Benvenuto Quando si utilizza la videocamera GoPro nell ambito delle normali attività quotidiane, prestare

Dettagli

Determinare la grandezza della sottorete

Determinare la grandezza della sottorete Determinare la grandezza della sottorete Ogni rete IP possiede due indirizzi non assegnabili direttamente agli host l indirizzo della rete a cui appartiene e l'indirizzo di broadcast. Quando si creano

Dettagli

VIP X1/VIP X2 Server video di rete

VIP X1/VIP X2 Server video di rete VIP X1/VIP X2 Server video di rete IT 2 VIP X1/VIP X2 Guida all'installazione rapida Attenzione Leggere sempre attentamente le misure di sicurezza necessarie contenute nel relativo capitolo del manuale

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS www.gmshopping.it TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS MANUALE UTENTE Questo documento è di proprietà di Ciro Fusco ( Cfu 2010 ) e protetto dalle leggi italiane sul diritto d autore (L. 633 del 22/04/1941

Dettagli

Assistenza. Contenuto della confezione. Modem router Wi-Fi D6200B Guida all'installazione

Assistenza. Contenuto della confezione. Modem router Wi-Fi D6200B Guida all'installazione Assistenza Grazie per aver scelto i prodotti NETGEAR. Una volta completata l'installazione del dispositivo, individuare il numero di serie riportato sull'etichetta del prodotto e utilizzarlo per registrare

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Pd10 Dc motor controll

Pd10 Dc motor controll PD Manuale Utente Pd Dc motor controll manuale utente cps sistemi progetti tecnologici Presentazione Congratulazioni per aver scelto Pd, una affidabile scheda elettronica per la movimentazione di precisione

Dettagli

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico ESAME DI STATO PER ISTITUTI PROFESSIONALI Corso di Ordinamento Indirizzo: Tecnico delle industrie elettroniche Tema di: Elettronica, telecomunicazioni ed applicazioni Gaetano D Antona Il tema proposto

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo Gli attuatori Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo ATTUATORI Definizione: in una catena di controllo automatico l attuatore è il dispositivo che riceve

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Videocitofonia a colori con cablaggio a 2 fili

Videocitofonia a colori con cablaggio a 2 fili IT MANUALE TECNICO MT SBC 0 Videocitofonia a colori con cablaggio a fili Assistenza tecnica Italia 046/750090 Commerciale Italia 046/75009 Technical service abroad (+9) 04675009 Export department (+9)

Dettagli

GENERALITA SUI CONVERTITORI DAC E ADC CONVERTITORI DIGITALE-ANALOGICO DAC

GENERALITA SUI CONVERTITORI DAC E ADC CONVERTITORI DIGITALE-ANALOGICO DAC I.T.I. Modesto PANETTI A R I ia Re David, 86-8-54.54. - 75 ARI Fax 8-54.64.3 Internet http://www.itispanetti.it email : ATF5C@istruzione.it Tesina sviluppata dall alunno Antonio Gonnella della classe 5

Dettagli

MICROSPIA GSM PROFESSIONALE. 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2)

MICROSPIA GSM PROFESSIONALE. 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2) MANUALE UTENTE FT607M /FT607M2 MICROSPIA GSM PROFESSIONALE 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2) FT607M /FT607M2 MANUALE UTENTE INDICE 1. Informazioni importanti.......................................4

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli