IL MODELLO EMILIANO SFIDE ISTITUZIONALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL MODELLO EMILIANO SFIDE ISTITUZIONALI"

Transcript

1 Ash Amin 01 IL MODELLO EMILIANO SFIDE ISTITUZIONALI Bologna, 1998

2

3 INTRODUZIONE N egli ultimi dieci anni, la letteratura sui distretti industriali e sui sistemi di produzione decentrati in genere ha fatto crescere un interesse che tende ad andare oltre la loro significatività empirica. Una serie di fattori spiega questa peculiarità. All inizio, l interesse serviva a ricreare fiducia nella percorribilità del modello delle piccole imprese e delle relazioni locali in un mondo di grandi imprese e reti globali. Più avanti, i numerosi casi raccolti dagli esempi regionali come i distretti artigianali e i sistemi tecnologicamente avanzati, fino ad esempi di organizzazione decentrata o di impresa rete aiutarono ad illustrare i fondamenti sociali ed istituzionali della vita economica. Abbiamo così imparato che il successo economico aveva poco a che fare con le virtù imprenditoriali dell uomo economico razionale autoreferente come postulato dall economia neoclassica, ma con determinate istituzioni collettive come l interdipendenza tra gli attori economici, la presenza di sistemi di sostegno alle imprese, consuetudini al dialogo e alla reciprocità e, in alcuni casi, una cultura di solidarietà sociale e civica (vedi, per esempio, Aoki, 1988 e Sabel, 1994 sul Giappone; Trigilia, 1988 e Putnam, 1993 sull Italia; Saxenian, 1994 su Silicon Valley; Herrigel, 1995 sul Baden Wuttenberg). Più recentemente, e in coincidenza con lo sviluppo dell economia evoluzionista (Hodgson, 1993; Metcalfe, 1998), l interesse in questi casi di successo economico ha incominciato a rivolgersi verso ciò che essi ci possono dire sui meccanismi e le fonti dell apprendimento e dell adattamento economico. Sembra che nel contesto attuale di rapidi cambiamenti tecnologici, crescente obsolescenza dei prodotti, e mercati fortemente contendibili, una condizione essenziale per la sopravvivenza economica sia la capacità delle imprese di mantenere un vantaggio apprendendo continuamente nuovi segreti e adattandosi, o conformandosi, alle mutevoli circostanze. Una convinzione sempre più diffusa è che l economia contemporanea sia meno standardizzata e prevedibile del passato, valorizzando così l innovazione e la capacità di adattamento come una fonte di competitività. Quello che sembra meno chiaro dalla letteratura concettuale disponibile, riguarda, innanzitutto, l esatta natura di ciò che influenza l apprendimento e l adattamento, e in secondo luogo, se l innovazione e l apprendimento in generale facilitino automaticamente l adattamento, e infine, se c è una differenza tra le proprietà necessarie per l adattamento graduale (path-dependent) e quello radicale (path-breaking). Questo articolo rivisita il famoso esempio dell Emilia-Romagna in Italia per aggiungerlo alla conoscenza attuale su quest ultima fase di interesse sui sistemi di produzione decentrati. Esso si domanda se lo stretto abbinamento che si è formato tra il modello imprenditoriale di specializzazione flessibile della regione e il vasto insieme delle istituzioni che hanno supportato questo modello sia conformato al meglio per favorire i necessari aggiustamenti istituzionali di fronte alle nuove sfide economiche. Viene analizzato che, proprio nel momento del consolidamento di queste istituzioni dalle co-operative e dal movimento artigianale, alle scuole tecniche e ai centri di servizio settoriali sono emerse nuove domande economiche che mettono in discussione la loro efficacia e rilevanza. Ad esempio, le imprese tecnologicamente avanzate della regione ora, al fine di competere sul mercato globale, sembrano richiedere dalle Università inputs più formalizzati di ricerca scientifica, mentre nelle meno prospere aree orientali della regione, le comunità locali stanno ricercando nuove soluzioni per far fronte al problema delle insufficienti opportunità occupazionali locali. L eredità istituzionale della regione sembra, in qualche modo, male attrezzata per queste sfide. 3

4 Il mio proposito nel sollevare questo problema non è di parteggiare per una attuale moda dell economia evoluzionista, ma di mettere l accento sul fatto che la varietà è una fonte di innovazione (vedi Saviotti, 1996; Grabher e Stark, 1997). Perciò il mio obiettivo non è di suggerire se il problema in Emilia-Romagna abbia qualcosa a che fare con la sua base istituzionale monoculturale o con la singolarità di propositi del suo sistema industriale. Al contrario, desidero suggerire che la capacità di cogliere nuove domande è strettamente legata alla natura della razionalità collettiva delle azioni e dei comportamenti che permeano il sistema economico. Per esempio, di una disposizione collettiva verso la sperimentazione e la riflessività si può dire che incoraggia l innovazione continua e il cambiamento, in contrasto con una razionalità procedurale (Simon, 1982) che tende a incoraggiare un aggiustamento di reazione verso un ambiente economico che è considerato difficile da conformare e influenzare. Secondo Capecchi e Pesce (1993), nel caso dell Emilia-Romagna, la presenza di intermediari che attraversano i confini tra economia/stato/società civile per alimentare solidarietà e comprensione, storicamente ha giocato un ruolo importante nel facilitare una particolare cultura dell apprendimento e dell adattamento. Questo paper si domanda se questa cultura è oggi minacciata dalla scomparsa di questi intermediari, insieme con l evidenziazione dei limiti di una razionalità di tipo artigianale. Alla luce dell enfasi che desidero attribuire al ruolo dell intermediazione nel processo di apprendimento e di adattamento, il paper inizia con una descrizione delle istituzioni socio-culturali e politiche che sono venute a puntellare il dinamismo imprenditoriale del sistema produttivo regionale. Data la numerosa e ben conosciuta letteratura sulla regione, molta della prima parte del paper sarà familiare ai lettori che hanno seguito lo stato dell arte del dibattito sulla regione. Tuttavia, il ritorno alla letteratura già nota viene fatto per ragioni che sono diverse dalla semplice tendenza di descrivere l evoluzione del modello emiliano o spiegare la sua base istituzionale (formale e informale; sociale, politica ed economica). 4

5 L INTERMEDIAZIONE NEL MODELLO EMILIANO Con una popolazione vicina ai 4 milioni di residenti (il 7% della popolazione italiana), la regione conta l'8,3% dell occupazione nazionale e quasi il 9% del P.I.L., superata solo da Lombardia e Lazio. La regione ha il terzo più alto tasso di occupazione e il terzo più basso tasso di disoccupazione (6%, a confronto con la media nazionale del 12%) tra le 20 regioni italiane, superata in entrambi gli indici solo dalla Valle d Aosta e dal Trentino-Alto Adige nell estremo Nord, che insieme raggiungono solo il 2% del P.I.L. Il dinamismo economico della regione è confermato dalla quota dell 11% dell export nazionale, che la colloca al quarto posto dietro Piemonte, Veneto e Lombardia. In netto contrasto con la tendenza verso una crescita trainata dai servizi nelle regioni centrali delle economie avanzate, l agro-industria e le industrie manifatturiere rimangono estremamente importanti nell economia emiliana. Sebbene l agricoltura ora impieghi meno del 9% della forza lavoro regionale, settori come i cereali, l ortofrutticoltura, e specialmente la carne e i prodotti lattiero-caseari, collocano ampiamente la regione tra le principali produttrici italiane di prodotti agro-alimentari e assicurano un considerevole volume di ricavi, anche dall export. L industria manifatturiera (edilizia esclusa), continua ad impiegare circa il 30% della forza lavoro regionale e realizza più del 10% della produzione nazionale. Essa raggiunge oltre l 80% delle esportazioni regionali, dominate dalla meccanica ed elettronica (51%), ceramica ed altri prodotti da minerali non metallici (13%), abbigliamento e calzature (11%), mobili, chimica, carta ed editoria. La forza trainante dell economia manifatturiera emiliana, come ben noto, sono i suoi sistemi decentrati di piccole imprese flessibilmente specializzati. Il 98% delle imprese della regione impiegano meno di 100 addetti, e tra queste, il 41% è classificato come ditte individuali, organizzate lungo linee artigianali e con meno di 15 addetti. Il settore manifatturiero include anche quasi il 20% delle 7400 co-operative della regione, la maggioranza delle quali sono piccole imprese. A grandi linee, le piccole imprese possono essere classificate in tre tipi di sistemi decentrati: i tipici distretti industriali marshalliani come Carpi e Sassuolo, che sono specializzati in singole nicchie di mercato come la maglieria e le ceramiche; i sistemi artigianali in settori di consumo tradizionali come l abbigliamento, le scarpe, i mobili e vari prodotti agro-industriali, che sono presenti lungo la regione ma non dominano le singole aree; e, un po in contrasto con altre regioni della Terza Italia, reti di subfornitura centrate attorno ad imprese leader di media dimensione, specializzate in produzioni su commessa ad alta intensità progettuale (ad esempio, macchine agricole, attrezzature da ufficio, auto di serie e motociclette, macchine per l imballaggio). La sola eccezione che è atipica al modello emiliano (Brusco, 1982) è rappresentata dal settore chimico, localizzato nelle province orientali della regione a seguito di investimenti pubblici, e dominato da grandi imprese verticalmente integrate (Bianchi e Gualtieri, 1991). Tornando alle questioni istituzionali, la letteratura sull economia del Modello Emiliano (o sui distretti industriali in genere) ha fatto del ruolo delle esternalità collettive, normalmente trascurate dall impresa autoreferente, un punto da sottolineare (Brusco, 1992). L analisi ha teso a concentrarsi sulle caratteristiche delle reti a cui le singole imprese appartengono e sui servizi finalizzati e i supporti istituzionali forniti dall esterno che le imprese possono utilizzare. Così abbiamo appreso della influenza decisiva sulla concorrenza dinamica di fattori come le economie di specializzazione, la flessibilità e la disintegrazione verticale, le economie di agglomerazione, le conoscenze locali 5

6 sedimentate, l apprendimento e le opportunità di innovazione, generati dalla condivisione di informazioni e dall interdipendenza tra le imprese, dall accesso istituzionalizzato al credito, dall informazione e da altri servizi per le imprese. Un filone di letteratura parallelo si è concentrato sul ruolo delle subculture politiche locali a carattere coesivo, per evidenziare i vantaggi economici associati con l efficienza dell amministrazione e la democrazia civica. Questo filone segue il percorso di ricerca di Arnaldo Bagnasco (1988) e Carlo Trigilia (1986) e, più recentemente, il lavoro di Robert Putnam (1993) e i suoi collaboratori di ricerca (Nanetti, 1988; Leonardi e Nanetti, 1990). Si è insistito sulla comunanza di obiettivi derivanti dalla presenza di una cultura politica storicamente sedimentata, trasversale alle classi sociali, alle divisioni di genere, alle divisioni istituzionali. E stato anche evidenziato lo stretto equilibrio tra una amministrazione pubblica responsabile e una società civile attiva basata su organizzazioni associative di vario tipo una configurazione richiesta per avere una responsabilità collettiva assicurata, verifiche e bilanci tra strutture di autorità pluraliste. La mia impressione è che non appena la conoscenza sull Emilia-Romagna e sui distretti industriali in genere è divenuta progressivamente approfondita, sono state perse di vista le connessioni tra le istituzioni che supportano i sistemi produttivi e le subculture politiche locali. Per esempio, mentre in una precedente pubblicazione Phil Cooke (1984) insisteva sulle tradizioni comunali e artigianali del modello emiliano, nel suo libroagenda scritto con Kevin Morgan (1998), l enfasi cade decisamente sul ruolo delle istituzioni di supporto, quali associazioni di gruppi di interesse e agenzie che offrono servizi alla produzione. Forse, involontariamente, il risultato è stata una relativa disattenzione all interattività delle istituzioni della specializzazione flessibile e delle subculture della democrazia associativa (Hirst, 1994) o delle politiche policentriche (che Locke, 1995, distingue dalle politiche gerarchiche o polarizzate). Questa disattenzione ha teso a minimizzare il ruolo di questa interazione, non solo nel sottolineare il fattore dell imprenditorialità, ma anche nell ingenerare una cultura dell innovazione e della sperimentazione. L interazione tra le istituzioni Tra il 1950 e il 1970 l Emilia fu testimone del consolidamento e dell espansione dei suoi sistemi di piccole imprese essenzialmente intorno a due vettori. In primo luogo, la graduale industrializzazione della campagna vide la crescita delle agro-industrie, dal momento che i prodotti della terra venivano trasformati in prodotti di qualità esportabili (ad esempio, il prosciutto di Parma, il Parmigiano-Reggiano). Questo processo condusse le piccole imprese industriali e agricole, spesso raggruppate in co-operative di acquisto o di vendita, a cogliere i benefici delle economie di scala e ad accedere a servizi comuni. Allo stesso tempo, le aree rurali della regione e le piccole città generarono la crescita delle piccole imprese manifatturiere e dei distretti industriali che assumevano i caratteri della specializzazione flessibile e dei distretti marshalliani. Al centro di questo modello di imprenditorialità sta una serie di convenzioni e consuetudini sociali interconnesse, che Giulio Sapelli (1995), in una dettagliata sociologia storica dell imprenditoria artigiana nella rossa provincia di Reggio Emilia, elenca essere: l affidarsi al lavoro esteso familiare; i ritmi di lavoro non standardizzati, propri dell unità familiare; il riorientamento dei valori e delle competenze rurali; l ideologia del lavoro (al di là dell etica del profitto), e l orgoglio imprenditoriale. Questi valori tipicamente artigianali nel senso che sono distinti dal geloso individualismo di molte piccole imprese vennero ad essere consacrati istituzionalmente in una più vasta ideologia comunitaria di co-operazione e consenso, attraverso la definizione di una comunità politica che collegava una varietà di organizzazioni sociali. I Partiti Comunista e Socialista, 6

7 eccezionalmente a favore dei lavoratori e delle piccole imprese conquistarono una influenza maggioritaria sia tra i sindacati che tra le associazioni artigiane e le co-operative in cui le piccole imprese si aggregavano. A loro volta, queste associazioni divennero importanti centri di potere economico, utilizzato non solo ulteriormente a favore degli interessi dei piccoli imprenditori, ma anche per fornire assistenza alla creazione e alla gestione delle imprese. Di conseguenza, come dice Capecchi (1990a: 28): si formò un tipo di comunità politica Comunista e Socialista laddove persone della stessa esperienza politica vennero ad assumere ruoli nel governo locale e regionale, nei sindacati, nelle associazioni industriali e delle piccole imprese, e le imprese si organizzarono come co-operative. Questa potente comunità politica guardò ai bisogni delle piccole imprese, ma, importante, al tempo stesso aiutò ad inculcare una cultura associazionistica nell elité regionale, così come a legare questa elité con la più vasta massa della popolazione della regione. L ideologia politica dominante incoraggiò una cultura della partecipazione nella politica di massa e nella azione collettiva attraverso associazioni di gruppi di interesse, mentre la sua diffusione all interno dello spettro istituzionale generava un insieme di convinzioni eccezionalmente comuni. Sapelli (1995: 19) spiega: la diffusione di idee riformiste, insieme con l associazionismo culturale, sociale, ricreativo e religioso, ha giocato un ruolo decisivo nel formare generazioni di potenziali leader, politici o industriali. Dopo la metà degli anni settanta, il livello di supporto istituzionale formalizzato per le reti di specializzazione flessibile della regione aumentò. Tra le regioni della Terza Italia, come è ben noto dalla letteratura, l Emilia-Romagna è stata unica in termini di varietà, densità ed efficienza del supporto per l economia delle piccole imprese fornito dal settore pubblico (Leonardi e Nanetti, 1990; Brusco, 1992; Cooke e Morgan, 1998). Notoriamente, questo include la realizzazione nel 1974 dell ERVET da parte della giunta regionale. Il successo dell ERVET sta nell aver realizzato centri di servizio settorialmente e funzionalmente specifici e con facile accesso per le piccole imprese, i quali fornivano, ad esempio, informazioni finalizzate e formazione in modo flessibile e orientato ai bisogni delle imprese (Brusco, 1992; Bandini, 1995; Bellini, Giordani e Pasquini, 1990; Bonaretti, 1995; Morgan, 1997). Ma anche qui, il ruolo delle politiche sociali e infrastrutturali progressiste, legate alla cultura politica comunitaria della regione, non deve essere sottostimato. Capecchi e Pesce (1993), per esempio, insistono sul fatto che l impegno permanente della sinistra progressista nel modernizzare le infrastrutture fisiche ai più elevati standard europei aiutò a generare un ambiente imprenditoriale favorevole ed efficiente, mentre l impegno eccezionale del settore pubblico per servizi pubblici di alta qualità, particolari bisogni assistenziali (ad esempio, dei pensionati, delle donne lavoratrici, degli handicappati), ed iniziative culturali popolari come feste e concerti, facilitarono la riproduzione sociale e al tempo stesso accrebbero la qualità della vita e, conseguentemente, rafforzarono l identità locale. La letteratura ricorda anche che, in contrasto con molte altre regioni, il supporto alle piccole imprese emiliane fu fornito dalle associazioni di rappresentanza locali, provinciali e regionali e in diverse forme (Cooke e Morgan, 1998). Concretamente, la Lega delle Cooperative e la CNA hanno svolto un ruolo essenziale per i loro appartenenti, premendo per leggi e politiche favorevoli, definendo programmi di formazione settoriali, fornendo un ampia gamma di servizi di base (dall assistenza legale alle informazioni tecniche), aiutando a formare consorzi per acquisti e vendite collettive, o per garanzie crediti. Contemporaneamente, i Sindacati, le Associazioni Industriali, le Associazioni delle Piccole Imprese, le Camere di Commercio, le organizzazioni di ricerca e consulenza svilupparono un sistema di informazioni a favore dei loro membri e sponsors, ma contribuirono anche, attraverso frequenti conferenze e seminari pubblici 7

8 ampiamente seguiti, a costruire una riserva comune di conoscenze, opinioni, dibattiti e credibilità. 8

9 L intermediazione Concettualmente è importante osservare che il considerevole pluralismo e sovrapposizione istituzionale che venne a caratterizzare il secondo vettore dell industrializzazione urbana diffusa non condusse alla frammentazione istituzionale. Questo fu largamente dovuto al senso di comunità trasversale che derivava dall ideologia localista e comunitaria dominante nella regione e da una forte cultura di intermediazione tra le organizzazioni politiche, economiche e civili della regione. Il ruolo del Partito Comunista al governo fu critico da entrambi i punti di vista. La struttura delle alleanze costruite dal Partito raccolse insieme, all interno di una coalizione eterogenea, la classe lavoratrice urbana, i contadini e i lavoratori dell agricoltura, una classe media urbana imprenditoriale conquistata dall efficienza amministrativa e dai buoni servizi. Intorno a questa coalizione, il Partito fu capace di raccogliere consenso su un modello di sviluppo economico e sociale basato su un governo progressista, l integrazione sociale, il successo imprenditoriale (Bellini, 1990). Inoltre, in misura significativa, fu capace di esercitare una influenza a rete (Bellini, op.cit), attraverso il comune sistema di valori e convinzioni condiviso dai suoi elettori e attivisti, lettori di giornali, membri di associazioni ricreative (i centri ARCI) praticamente in ogni quartiere, e partecipanti alle feste e ai raduni popolari. L influenza a rete del Partito aiutò anche ad assicurare consenso a tutti i livelli gerarchici delle potenti organizzazioni economiche rosse della regione, dai commessi dei negozi e i sindacati, alla CNA e alla Lega delle Cooperative. Inoltre, le appartenenze trasversali, le relazioni inter-personali e la frequente rotazione dell elité del Partito attraverso posizioni elevate in queste organizzazioni servì a sedimentare una agenda comune, così come ad alimentare una diffusa cultura organizzativa di consultazione e compromesso. Ma, come ci ricorda Robert Putnam, questa cultura di intermediazione era anche il prodotto della cultura democratica delle regioni civiche che si trovarono magnificamente collocate tra un sistema pubblico efficiente e le forti tendenze associazioniste nella società civile. La società emiliana è densa di associazioni di volontariato che mostrano elevati livelli di partecipazione in ogni area della vita pubblica, dalle attività ricreative, sportive e culturali, fino all educazione, i servizi sociali e la casa. Il delicato equilibrio tra Stato e società è servito per inculcare, innanzitutto, una tradizione di governo associativo in cui l autorità effettiva è posta nelle mani dei gruppi autonomi (per esempio, il ruolo attivo delle organizzazioni volontarie e caritatevoli nella fornitura dei servizi sociali). In secondo luogo, esso ha coltivato una cultura regionale ferocemente repubblicana, che difende le prerogative, i diritti e le responsabilità individuali e di gruppo, una arena pubblica estesa e condivisa e un processo decisionale consultativo e democratico. Capecchi e Pesce (1993) parlano di uno stile di vita emiliano che è tirato da diversi fili, compresa una forte tradizione femminista, una preferenza per la soluzione collettiva dei problemi, un desiderio per l innovazione culturale, la produzione e il consumo, un ardente desiderio di differenziarsi dal resto d Italia, un apertura agli stranieri, uno sviluppato senso di cittadinanza. L economia emiliana, perciò, si è disegnata su un intricato reticolo di istituzioni formali e informali che si sono reciprocamente rafforzate, raccolte intorno a un particolare stile di vita che combinava successo imprenditoriale, buon governo e coesione sociale. Trascurare questo aspetto sarebbe offrire un resoconto incompleto del successo della specializzazione flessibile in Emilia- Romagna. 9

10

11 I CONFLITTI ISTITUZIONALI EMERGENTI Durante gli anni settanta e ottanta, le reti di imprese a specializzazione flessibile e la loro più ampia rete di sostegno istituzionale divennero interrelati in un sistema coerente il modello emiliano, così come viene coscientemente presentato dai suoi divulgatori. Senza dubbio, buona parte del successo economico della regione può essere rintracciato in questo modello. Tuttavia, una questione importante emersa è se lo sforzo conscio di sviluppare un discorso di politica coerente da parte della comunità politica della regione non abbia finito per servire a trascurare problemi che non si conformavano al modello, o peggio, per ostacolare l adattamento istituzionale di fronte alle più radicali sfide che richiedevano di guardare oltre la cultura industriale della perfezionismo artigianale del modello emiliano (Bertini, 1995). Su quest ultimo punto, Gernot Grabher e David Stark (1997), nel discutere l adattamento istituzionale nei paesi post-comunisti, sostengono che la dissonanza contribuisce all apprendimento organizzativo e all evoluzione economica (p. 4), mentre i meccanismi che sono favorevoli all adattamento dell economia in un contesto specifico, possono, al tempo stesso, minare l adattabilità complessiva dell economia (di fronte a cambiamenti di scenario) (p. 11). A comprendere se questi pericoli sono affrontati dal modello emiliano è indirizzata questa sezione. Il sistema di regolazione economica che si è perfezionato in Emilia-Romagna comprendente la fornitura pubblica di servizi e le istituzioni dell associazionismo e dell intermediazione si è evoluto a sostegno di un sistema di produzione artigianale decentrato. La razionalità istituzionale dominante, per integrare i tratti comportamentali delle reti produttive decentrate della regione, è stata quella dell adattamento incrementale, dell apprendimento per interazione e della mobilitazione di conoscenze tacite sedimentate. Questa lettura è coerente con l enfasi attribuita nella letteratura emergente sulle fonti di apprendimento e innovazione all interno dei distretti industriali e dei sistemi di produzione locali (Asheim, 1997; Maskell e Malmberg, in corso di pubblicazione; Becattini e Rullani, 1993; Bellandi, 1996; Brusco, 1995; Lombardi, 1997; Belussi, 1995; Gottardi, 1995). La convinzione comune sembra essere che, mentre le reti di imprese tecnologicamente avanzate tendono a far derivare la loro competitività dinamica dall accesso ai risultati della conoscenza scientifica, da regole codificate, progressi tecnologici e leadership strategica, le reti di piccole imprese approssimativamente raggruppate, tendono a puntare più sulla conoscenza informale, non scientifica e interattiva come fonte di vantaggio competitivo. Il successo a livello individuale e collettivo si sostiene che sia il prodotto della conoscenza e dell esperienza artigianale, dell apprendistato, della condivisione e diffusione delle informazioni, dell imitazione, dell innovazione e dell adattamento incrementale, dei meccanismi endogeni e della flessibilità operativa. Una implicazione è che mentre le ultime proprietà possono fornire vantaggi considerevoli associati con l adattamento incrementale all interno di mercati di nicchia in cui il successo commerciale è basato su continue modificazioni del prodotto, esse possono essere meno favorevoli per cambiamenti radicali nel prodotto o nella traiettoria tecnologica (Bertini, 1994 e 1995; Nomisma, 1993; Bianchi e Bellini, 1991). Inoltre, la razionalità istituzionale dominante dell azione rivolta verso l adattamento a cambiamenti guidati dall esterno può impedire lo sviluppo di una razionalità più strategica e riflessiva, rivolta verso obiettivi di conformazione e cambiamento dell ambiente (Lombardi, 1994). D accordo con questa interpretazione, Charles Sabel (1995: 4) confronta il coordinamento per compiti nel modello artigianale italiano con il coordinamento per obiettivi tra le imprese decentrate giapponesi, per commentare: forme di coordinamento, derivate dall esperienza giapponese, che incoraggiano revisioni deliberate e sperimentali nella definizione e distribuzione dei compiti 11

12 all interno delle e tra le istituzioni economiche, hanno risultati inferiori a quelle basate sulle nozioni di artigianalità e imprenditorialità, che perseguono la reintegrazione della concezione del prodotto e l esecuzione dei compiti all interno di una divisione del lavoro assunta come naturale e senza elaborazione strategica. Questo sistema di coordinamento lo chiamerò learning by monitoring ( apprendimento per tentativi ), per il modo in cui lega la valutazione dei risultati alla ridefinizione degli obiettivi. Per Sabel il sistema artigianale tende a generare una interdipendenza tra le imprese basata sulle competenze, in grado di reagire con rapidità ed eccellenza artigianale ai cambiamenti del mercato. Qui l apprendimento è una questione di adattamento incrementale di fronte ad un ambiente a quanto si dice non modificabile e ampiamente dipendente da una razionalità procedurale che favorisce un aggiustamento a posteriori ai cambiamenti dell ambiente esterno. Al contrario, il sistema per obiettivi consente alle singole unità di sperimentare e adattarsi non appena il sistema oscilla tra il determinare una divisione del lavoro in se stessa e il riconsiderare questa determinazione alla luce dell esecuzione (op.cit.: 9). In questo contesto, il learning by monitoring consiste nello sviluppare una razionalità riflessiva e strategica attraverso il sistema delle imprese, ma soprattutto tra le organizzazioni leader, progettate per anticipare, influenzare e modificare l ambiente economico (vedi Amin e Hausner, 1997, per una più dettagliata analisi dei meriti delle diverse razionalità di azione). Altri commentatori, comunque, hanno osservato che le reti di piccole imprese e i distretti industriali che sono stati spinti ad affrontare una intensa concorrenza internazionale, standard produttivi frequentemente mutevoli e imprese dominanti particolarmente aggressive, necessitano di comportamenti strategici, innovazione radicale e, in generale, apprendimento. Per esempio, nei sistemi caratterizzati da considerovoli fenomeni di entrata e uscita di imprese e legami deboli tra di esse, l obiettivo del cambiamento nel mix dei prodotti e nella tecnologia si considera che viene rafforzato dalla maggiore varietà di capacità disponibili e dall attrito tra di esse (Bellandi,1996; Grabher, 1994). Allo stesso modo, i sistemi dominati da una impresa che cerca di sviluppare e conservare la leadership tecnologica e di mercato e gestire complesse relazioni di subfornitura e collaborazione, sembrano capaci di sviluppare una razionalità strategica, almeno tra i leader del sistema, anche se le imprese specialiste di fase rimangono a carattere meno sperimentale (Lombardi, 1997; Bellandi, 1996; Ferrucci e Varaldo, 1993). Le esigenze delle nuove sfide imprenditoriali C è una gran quantità di evidenze sull affermazione delle imprese leader nell economia emiliana, che mostrano segni di learning by monitoring, specialmente nei settori a maggiore intensità tecnologica come le macchine automatiche o la meccanica agricola, e nei settori ad alta intensità di ricerca come i prodotti biomedicali (Bertini, 1995; Scuolaofficina, 1993; Capecchi, 1990b; Ferrucci e Varaldo, 1993; Lipparini e Lomi, 1996; Lorenzoni, 1992). Queste sono imprese medie ( addetti), guidate da imprenditori altamente qualificati o creativi, con decenni di esperienza imprenditoriale e di leadership in uno specifico settore, e che spesso esercitano una considerevole influenza sulla comunità imprenditoriale regionale e le relative organizzazioni (ad esempio, le scuole tecniche, i centri di ricerca, le amministrazioni locali). In contrasto con le imprese a specializzazione flessibile del passato, esse operano come integratori del sistema, offrendo una gamma di prodotti correlati, modulati e assemblati attraverso una serie di reti di subfornitura specifiche ai diversi prodotti, ognuna con la sua impresa leader e le sue imprese follower. Il loro ruolo è quello di fornire accesso ai mercati internazionali, guida strategica e risorse, rispettivamente 12

13 attraverso la loro vasta esperienza e presenza commerciale, l investimento in appropriate competenze tecniche e manageriali, e il dominio delle risorse finanziarie o di altro tipo. La loro sopravvivenza sembra dipendere in modo cruciale dallo sviluppo di capacità strategiche e da ben assortite capacità adattive, di modo che i mercati possono essere anticipati e condizionati, e l architettura organizzativa e la cultura della loro rete esterna può divenire propensa alla sperimentazione e alla ricerca dei problemi. Così, alla frontiera del sistema produttivo emiliano, vi sono segni di evoluzione e adattamento per rimodellatura. Le ricerche disponibili suggeriscono che questi obiettivi si stanno in parte raggiungendo a seguito dei cambiamenti nelle competenze di base e nell autovalutazione delle imprese leader sia rispetto alle reti che rispetto al prodotto, dal momento che esse si muovono verso una focalizzazione sulle competenze strategiche. In parte, essi sono il risultato di uno slittamento verso legami più ampi e reciproci con fornitori specializzati e subfornitori che sono ora chiamati a sperimentare col prodotto (piuttosto che solo con compiti particolari), progetti e mercati. Da questo punto di vista, le imprese leader stanno diventando sempre più come le più grandi imprese avanzate, da altre parti alla guida di intricate reti di subfornitura e in grado di gestire i benefici di forme di organizzazione aziendale basate su alleanze strategiche. Non c è nessuna carenza di apprezzamento, nell ambito del mondo imprenditoriale, del bisogno di una innovazione che vada al di là della cultura industriale dominante della regione, basata sul learning by doing. Nel corso di alcune interviste dirette tra l inverno del 95 e la primavera del 96, questo si rivelò chiaro sia tra gli imprenditori leader che tra gli esperti di ingegneria ed elettronica. Ad esempio, la Confindustria regionale, nel riconoscere il calo nella formazione di nuove imprese, ha iniziato a sviluppare progetti di incubazione con l Università di Bologna per facilitare lo sviluppo di competenze imprenditoriali e manageriali tra i laureati in materie scientifiche, con elevate qualifiche tecniche e di ricerca. Meno informalmente, il Museo del Patrimonio Industriale di Bologna (realizzato dal Comune con notevole supporto da parte di imprenditori illuminati, accademici universitari e altri professionisti, e dalla famose scuole tecniche Aldini-Valeriani la fonte storica della maggior parte delle imprese meccaniche) è divenuto un importante forum di scambi informativi e innovazione tra le imprese meccaniche ed elettroniche. La sua missione culturale ed educativa, le sue mostre suggestive che legano la memoria storica con i più recenti sviluppi industriali, la sua rivista Scuolaofficina orientata alla ricerca, e le sue splendide strutture per gli incontri d affari, hanno contribuito a rivitalizzare un interesse calante nella scienza e nella tecnologia tra le generazioni più giovani, per unificare una comunità di interessi industriali e far scambiare idee agli imprenditori sulle nuove sfide e opportunità. L assetto istituzionale della regione, come suggerito sopra, è stato più rivolto all adattamento graduale ai bisogni delle imprese a specializzazione flessibile, piuttosto che all anticipazione di nuove sfide economiche e organizzative. La storia istituzionale della regione non è stata quella di sviluppare una riflessività critica, attraverso cui, come dice Sabel (1995: 20), la comunità politica, allo stesso modo dell impresa che apprende by monitoring, diviene capace di rivalutare e rivisitare i suoi propositi sostanziali e di sviluppare una cultura dello sperimentalismo regionale in cui il compito centrale è quello di aiutare gli attori economici regionali a padroneggiare nuove discipline di decentramento coordinato che informino la politica dello sperimentalismo stesso. Invece, l eredità è stata quella di partire dal presupposto che gli artigiani e le piccole imprese conoscono il loro business meglio di chiunque altro, al punto che il compito della politica pubblica doveva essere quello di facilitare l accesso ai fattori di produzione (credito, servizi per le imprese, lavoro, ecc ). Non è immediatamente evidente che il bisogno per uno slittamento qualitativo nei propositi e nel comportamento istituzionale sia stato afferrato dalla comunità politica della regione. Ci sono segni di una insufficiente comprensione, da parte degli attori delle politiche pubbliche, delle nuove sfide affrontate dalla comunità imprenditoriale, che può 13

14 richiedere nuove modalità di offrire supporto pubblico. I tre esempi che seguono indicano che sembra esservi un crescente bisogno di iniziative che rompono con le tradizionali politiche della regione basate sui settori e sui fattori produttivi. Mentre può essere solamente una questione di tempo prima che questi problemi siano affrontati, ciò che è preoccupante è che le iniziative possono venire fuori come risposte alle pressioni delle imprese e di altre parti interessate (disegnando così una razionalità procedurale), piuttosto che come il risultato di una deliberazione riflessiva all interno della comunità politica delle future sfide e opportunità economiche. Un esempio riguarda il riconoscimento della centralità delle imprese leader dei sistemi produttivi. Questo può richiedere una promozione esplicita delle imprese leader e delle loro filiere allargate di fornitori e subfornitori. Questo può coinvolgere azioni per facilitare la ricerca da parte delle imprese di partners dentro e fuori dalla regione, di fornire formazione sulle dinamiche di coordinamento, gestione e rinnovamento delle reti, per rendere in grado di accedere ai più recenti avanzamenti tecnici e scientifici, per aiutare le imprese leader a cercare fornitori fuori dalla regione per attenuare l attuale scarsità di offerta in Emilia-Romagna e fornire supporto per la promozione dell export e dell internazionalizzazione in generale. Se l importanza dell impresa sperimentale è elevata come qualcuno afferma, il bisogno di una risposta appropriata di politica è probabilmente di rilevanza simile all azione intrapresa negli anni 80 per realizzare i centri di servizio per determinati settori e distretti industriali. Data l esperienza avanzata offerta dai numerosi centri di servizio della regione nel fornire le piccole imprese, il riorientamento degli sforzi verso il riconoscimento dell importanza strategica delle imprese leader potrebbe dimostrarsi meno difficile che altrove. Un altro ritardo politico laterale riguarda una ricorrente preoccupazione sulla continuità generazionale e rinnovamento tra gli imprenditori che hanno avviato la loro attività tra gli anni 50 e 60. Sembra vi sia un declino nell offerta di nuovi imprenditori, in parte perché le nuove generazioni preferiscono una maggiore istruzione, lavoro retribuito e carriere professionali allo stile di vita artigianale o professionale; un problema esacerbato dalla mancanza di interesse nell impresa tra i figli degli imprenditori. Una soluzione potrebbe stare nell incoraggiare nuova imprenditorialità ad alta intensità di ricerca tra i laureati universitari (Cooke, 1996). La regione si vanta dell eccellenza internazionale e dell eccesso di offerta in numerosi campi universitari. Programmi di formazione per migliorare le competenze economiche dei laureati, con sforzi per stimolare un mercato virtualmente non esistente per il venture capital rivolto a progetti innovativi potrebbe aiutare ad alimentare la crescita di una nuova generazione imprenditoriale. Queste sono soluzioni che necessitano azioni che sono molto diverse dalla fiducia storica della regione nelle scuole tecniche, nei risparmi personali, nell esperienza artigianale, nei contatti personali e nella cultura di emancipazione attraverso il lavoro e il sacrificio familiare, come fonte di imprenditorialità. La terza area di riforma delle politiche intersettoriali che è particolarmente necessaria per le molte piccole imprese individuali della regione che non sono situate nell ambito di reti di cooperazione e desiderano rimanere indipendenti riguarda la disponibilità di sistemi di finanziamento di lungo periodo per l industria da parte del sistema bancario. Storicamente le banche hanno teso ad offrire solo crediti a breve termine basati sulla performance finanziaria immediata delle imprese, con accesso ampiamente condizionato dalla conoscenza personale (specialmente nelle aree rurali e nei distretti industriali) o dal potere di persuasione degli intermediari finanziari (commercialisti) normalmente utilizzati dalle imprese per ottenere prestiti dalle banche. Così, al di là degli sforzi degli accordi di finanziamento offerti dalle associazioni cooperative o artigiane sensibili all imprenditorialità, la tradizione della banca commerciale o industriale e quella del capitale di rischio per sostenere nuove imprese rimane rudimentale. Il problema dell accesso alla finanza si è intensificato negli ultimi anni, a causa della profonda trasformazione del sistema finanziario italiano nel contesto dell internazionalizzazione, 14

15 deregolamentazione, privatizzazione e più stringenti direttive europee e italiane sui buoni comportamenti tra le banche. La conseguente ondata di fusioni e acquisizioni, rimpiazzamento delle casse di risparmio con banche commerciali, e ristrettezze finanziarie, ha considerevolmente ammaccato la propensione al credito delle piccole imprese non appena le banche sono divenute sempre più guidate dall imperativo di alimentare le riserve e concedere solo prestiti commerciali sicuri. Le difficoltà finanziarie delle piccole imprese sono state attivamente esaminate nell ambito della comunità politica e della ricerca negli ultimi dieci anni, ma ciò non ha avuto risvolti in termini di interventi di politica. Un gap di politica è la fornitura adeguata di capitale intelligente dalle banche alle imprese nuove o già esistenti (una volta che la finanziabilità di un impresa è stabilita dalle banche sulla base di un appropriato accordo). Un opzione potrebbe essere la disponibilità di capitale per investimenti di lungo periodo o partecipazioni azionarie, basata su un esame del business plan dell impresa e delle sue prospettive di mercato non solo le sue performance finanziarie di breve periodo. Tale ipotesi potrebbe anche coinvolgere una quota di investimento azionario da parte del settore pubblico, per ridurre il rischio finanziario sia per le banche che per le imprese. La Cassa di Risparmio di Bologna, ad esempio, ha iniziato ad offrire capitale di rischio partecipativo, tentando di rompere la tradizionale sfiducia e divisione di compiti tra banche e imprese attraverso incontri regolari. Comunque, la sua azione rimane per ora una eccezione alla regola. Spaccature istituzionali La reazione istituzionale è stata duplice rispetto al citato cambiamento nelle sfide economiche che affronta l economia di piccole imprese della regione. I tradizionalisti che hanno sposato il modello di specializzazione flessibile (dalle associazioni artigiane, la Lega delle Cooperative, le associazioni di piccole imprese e le organizzazioni dei distretti industriali, fino agli ideologi, intellettuali e politici conservativi (yeoman)) sembrano i meno turbati dai nuovi sviluppi. Il loro impegno continua a stare nel perfezionare e nel diffondere il Modello Emiliano e nel cercare il modo di rafforzare, tra l altro, la fornitura di servizi alle piccole imprese, sostegni specifici all industria, legami locali di fronte alle acquisizioni dall esterno e rapporti di produzione extra-regionali, e alla penetrazione commerciale internazionale. Al contrario, i modernizzatori, che includono le organizzazioni e le autorità a carattere più metropolitano, le associazioni e unioni industriali, le imprese leader, il governo regionale, l ERVET, e i sostenitori dell avanzamento tecnologico e culturale, sembrano aver afferrato il significato delle nuove sfide, ma senza una chiara convergenza sulla direzione che dovrebbe prendere un riorientamento radicale nei ruoli e nelle razionalità istituzionali. Una buona illustrazione è fornita dalle riforme introdotte dai primi anni novanta per rifocalizzare il ruolo dell ERVET e della sua ampia rete di centri di servizio. Nel 1993, dopo una consistente pressione da parte della Federazione Regionale degli Industriali che stava cercando di guadagnare una più ampia influenza politica, il governo regionale introdusse una serie di riforme per cambiare l ERVET in una organizzazione più orientata al mercato, lontano dal suo ruolo tradizionale di agenzia di sviluppo regionale in grado di radunare informazioni e competenze. Il consiglio di amministrazione fu ridimensionato, il numero dei dipendenti fu ridotto di un terzo, il finanziamento pubblico venne tagliato, il grado di controllo dell ERVET sui centri di servizio settoriali come il CITER (tessile), o su agenzie tematiche trasversali come l ASTER (trasferimento tecnologico) diminuì, le filiali locali dei centri di servizio furono chiuse o razionalizzate con preferenza per i livelli centrali regionali, e sia l ERVET che i centri di servizio vennero posti sotto pressione per inseguire finanziamenti su progetto da una varietà di fonti, tra cui l Unione Europea. Una conseguenza di queste riforme nella direzione delle iniziative su progetto (per migliorare l efficienza e la responsabilità) è 15

16 stata quella di una minore attenzione per una strategia di politica basata sui programmi (dovuta ai tagli nella struttura, alla frammentazione per singoli progetti e alla legittimazione di mercato). Questo, per alcuni osservatori (Bellini, 1996) ha teso a minare il ruolo dell agenzia come think-tank della regione e a recidere il suo ruolo vitale come intermediaria chiave tra le istituzioni regionali (dovuto al suo ridotto consiglio direttivo che un tempo rappresentava un ampia rete di interessi). Questo esempio, illustra geograficamente le contraddizioni di una reazione sottodeliberata e sotto-negoziata al bisogno di modernizzazione istituzionale. Sembra che stia emergendo una stretta rete di azioni connesse all erogazione di progetti basati sull efficacia dei costi e determinati dal cliente, coerentemente con la generale tendenza mondiale neoliberista verso istituzioni snelle e focalizzate per compiti. Tale specializzazione, vista in termini di efficienza di mercato di breve periodo, basata sulla fornitura di servizi ai clienti può naturalmente essere vista come un passaggio verso organizzazioni più specializzate ed efficaci. Ma, proprio nel momento in cui andrebbe presa in considerazione una più ampia agenda per obiettivi (volendo, con la rivendicazione che uno slittamento paradigmatico è in corso nella base industriale), questo snellimento rischia di erodere la capacità strategica e il potere di intermediazione tra i diversi interessi. Questo deficit ha implicazioni piuttosto serie per sviluppare la cultura del regionalismo sperimentale di Sabel, dal momento che contribuisce a minare la capacità di delineare e orientare la formulazione delle politiche e l adattamento istituzionale. Se il regionalismo sperimentale e le sue concomitanti razionalità istituzionali forniscano una chiave al continuo successo di lungo periodo è una questione da giudicare in una prospettiva storica, così come la questione se questa particolare regione sia in qualche modo carente a questo riguardo. I recenti sviluppi, comunque, tendono a suggerire che la questione dell adattamento radicale non occupa la prima posizione nella comunità politica. Le imprese leader e le loro associazioni hanno una chiara comprensione della necessità di adattamento dinamico in un mercato concorrenziale e in rapida evoluzione, ma esse non costituiscono una effettiva comunità politica nella regione. Infatti, la loro preoccupazione primaria per i loro obiettivi commerciali limita l orizzonte entro cui essi possono divenire il principale agente per diffondere una cultura del learning by monitoring. Al tempo stesso, c è il pericolo che anche la ricca tradizione associativa dell'emilia stia diventando più autoreferenziale e burocratica. Certamente, fino a poco fa, l innovazione istituzionale era fondamentalmente affidata agli intermediari, che condividevano principi culturali e politici comuni e filtravano gli scambi di informazione e gli accordi attraverso i diversi attori istituzionali e sociali della regione. Qualcuno ritiene che questa eredità sia minacciata sia dal sorgere di una nuova tecnocrazia professionale attraverso le istituzioni pubbliche regionali, sia dalla gestione burocratica nelle singole organizzazioni di rappresentanza (Vittorio Capecchi, comunicazione). Il rischio è che i legami orizzontali tra le organizzazioni si indeboliscano e che i leader delle organizzazioni di rappresentanza diventino distaccati dai loro membri e fondatori. L innovazione oltre il modello emiliano Si può sostenere che la positiva evocazione di Capecchi sull intermediazione in passato sia più appropriata per processi di apprendimento e adattamento incrementali e graduali, che non per nuove traiettorie di sviluppo di rottura. La logica dell argomentazione qui sarebbe che mentre l intermediazione aiuta a costruire il consenso e a velocizzare i flussi di informazioni attraverso l assetto istituzionale, essa non incoraggia necessariamente la diversità di opzioni e la ricerca al di là del contesto dominante. In linea con ciò, Patrizio Bianchi, presidente del Comitato Scientifico di Nomisma a Bologna, ritiene che le nuove sfide economiche che la regione deve 16

17 affrontare richiedano qualcosa in più che un attaccamento alla cultura artigianale e istituzionale associativa del modello emiliano (comunicazione). Il suo punto di vista è che nel perseguire l innovazione radicale, il cambiamento istituzionale dovrebbe essere diretto non verso le soluzioni tecnocratiche proposte dai modernizzatori, ma verso l apprendimento attraverso iniziative di politica top-down o bottom-up in giro per la regione, che vanno oltre il concetto dominante della specializzazione flessibile e che, importante, hanno dovuto far fronte a shocks che richiedevano risposte non convenzionali. In altre parole, un regionalismo sperimentale basato sull apprendimento attraverso alternative anticonformiste (ben prima che le circostanze forzino una tale ricerca). In Emilia-Romagna, esempi di tale innovazione possono essere trovati nelle parti meno prospere della regione, ad Est di Bologna, nelle località meno caratterizzate dalla specializzazione flessibile. Le esperienze di due esempi sono qui sinteticamente illustrate. Queste sono interessanti non solo per la loro differenza dal discorso dominante sul sistema manifatturiero e istituzionale emiliano, ma anche perché rappresentano nuove soluzioni per le località stesse, stimolate da grossi shocks economici. Gli esempi non sono offerti per il loro merito intrinseco, né per dimostrare che la regione abbia qualcosa in più delle imprese flessibilmente specializzate e dei distretti industriali. Invece, lo scopo è quello di illustrare alcuni aspetti di sperimentazione; in questo caso una sperimentazione idiosincratica forzata dagli eventi, distinta da una cultura dello sperimentalismo basata su comportamenti di routinario monitoraggio degli obiettivi. Il primo esempio viene dalla piccola città di Copparo nella provincia di Ferrara, in cui l industrializzazione è stata tradizionalmente dominata dalle grandi imprese. Copparo è una città-monoimpresa dominata da una grande manifattura di macchine movimento terra, recentemente acquistata da una grande impresa tedesca. Storicamente, la cultura di negoziazione tra l impresa, i lavoratori e il governo locale è stata fredda e spesso conflittuale. Così, la reazione iniziale all acquisizione fu quella della sfiducia e dell opposizione. La comunità locale temeva una chiusura post-acquisizione o le esigenti richieste del nuovo management tedesco, mentre i nuovi proprietari temevano il conflitto. Questa cultura, grazie soprattutto all immaginazione e allo sforzo del sindaco e dei suoi consulenti indipendenti, è stata rotta, con considerevole progresso verso una cultura di aperto dialogo e negoziazione tra gli attori sociali. Il sindaco cercò di persuadere la comunità locale che l arrivo del nuovo management doveva essere preso come un opportunità per migliorare i rapporti locali di questa impresa verticalmente integrata e chiusa, al fine di ridurre le prospettive future di chiusura e di facile trasferimento degli impianti. Per facilitare questo cambiamento, il governo locale introdusse diverse innovazioni progettate per accrescere la qualità dell offerta locale. Queste includevano migliori servizi di formazione per i lavoratori esistenti, un programma di infrastrutture locali e di miglioramento ambientale, un incubatore per incoraggiare imprenditorialità giovanile basata sulla subfornitura con l impresa principale (già un successo, con un intero sub-assemblaggio di parti subcontrattato ad una nuova cooperativa di lavoratori), e un centro di informazione economica gestito da una squadra di giovani laureati energici e creativi, al fine di identificare nuove opportunità imprenditoriali locali e fabbisogni di formazione, formulare politiche economiche e fare da intermediari tra le nuove iniziative di politica. A livello locale, queste iniziative sono state giudicate di successo, anche se è troppo presto per anticipare i loro risultati economici. La loro più ampia rilevanza di politica, comunque, va trovata in due ambiti. Il primo è la capacità dei protagonisti chiave di vedere e afferrare la possibilità di una razionalità di azione di rottura, coinvolgendo un nuovo tipo di relazioni e divisione del lavoro tra le parti sociali. Era richiesto un cambiamento considerevole nell atteggiamento e nell approccio, al fine di avviare un positivo programma di ristrutturazione centrato intorno all impresa dominante. Il secondo è l incoraggiamento di nuove competenze sociali attraverso nuove organizzazioni, attori e 17

18 intermediari, a sostegno delle azioni di politica industriale sviluppate dal basso e attraverso un dialogo democratico. Parte del processo di cambiamento del discorso di politica ereditato è stata la decisione coraggiosa in questo caso ampiamente grazie all assenso del sindaco di assegnare responsabilità nelle mani di una giovane generazione con nuove idee ma nessuna vera esperienza (l incubatore e il centro informazioni). Il secondo esempio di innovazione radicale riguarda il rilevante cambiamento di politica introdotto dal comune di Forlì, 60 chilometri ad est di Bologna. Nei primi anni novanta, colpita da periodiche crisi industriali e crescente disoccupazione scatenata dalla deindustrializzazione delle grandi imprese, il governo locale lanciò un ambizioso piano di rilancio economico basato su politiche e pratiche non ortodosse. Fu intrapresa una analisi sistematica sulla natura della crisi, sui punti deboli del territorio, sugli ostacoli al cambiamento e sugli andamenti sociali e demografici di lungo periodo. Sulla base di questa analisi, e consultazione con il più ampio raggio possibile di attori sociali, il sindaco, come strategia elettorale, presentò all elettorato, con una lista di consiglieri, un programma centrato sulle strategie di politica pubblica locale. Questa innovazione da sola ruppe con la normale tradizione del voto basato sulla lealtà di partito e di programmi e giunte non dichiarati. Inoltre, una volta al potere, la nuova amministrazione, con i suoi consiglieri tecnici, più che politici, scelse di abbandonare la struttura gestionale funzionale tradizionale basata sulla fornitura routinaria di servizi (ad esempio, trasporti, sviluppo economico, servizi sociali) preferendo un insieme di progetti scelti sulla base delle priorità e gestiti dai singoli consiglieri all interno del normale consiglio comunale presieduto dal sindaco. Ogni progetto poi raccoglieva una task force di consulenti esterni, le proposte venivano sottoposte all esame del pubblico e di altri gruppi di interesse, e seminari sulle idee-guida venivano organizzati periodicamente per far nascere innovazioni di politica. In altre parole, il governo locale prese la leadership nell abbracciare un nuovo modello di gestione basato sulla visione, sull orientamento per problemi, su procedure di interazione, partnership e legittimazione sociale. Questo cambiamento procedurale è stato accompagnato da una decisione conscia di perseguire soluzioni innovative di politica. Per esempio, divenne presto chiaro al Consiglio che dal settore privato non venivano offerti nuovi posti di lavoro e che le risorse per stimolare la creazione di lavoro erano limitate. Così fu presa la decisione di privilegiare progetti di incubatore che potevano servire a sviluppare capacità economiche di lungo periodo e soluzioni a costo relativamente basso orientate verso i gruppi più vulnerabili del mercato del lavoro. Un esempio del primo è l apertura di una nuova Università per compensare il livello al di sotto della media nel raggiungimento di livelli di istruzione superiore della provincia. L Università non è stata concepita come ordinaria istituzione di insegnamento accademico; essa pone una forte enfasi sulla realizzazione di centri di ricerca applicata tra le facoltà, nella speranza che nuove competenze e iniziative imprenditoriali di beneficio all economia locale possono essere incoraggiate. L Università ha anche lanciato lauree brevi in aree come Economia e Commercio e in Economia Sociale, al fine di stimolare rispettivamente la formazione di nuove imprese e attività nel terzo settore tra i laureati. Un esempio della decisione del Consiglio di concentrarsi sui gruppi vulnerabili è il lancio di un programma per reintegrare nel mercato del lavoro i disoccupati di lungo periodo, i giovani, i disabili e i pre-pensionati fuori dal lavoro, attraverso lavori socialmente utili. Una iniziativa offre lavoro estivo per disoccupati laureati per fornire formazione o nuovi progetti (ad esempio, restauro architettonico), o ai gruppi meno qualificati per aiutarli nella fornitura di servizi sociali o programmi di miglioramento ambientale. Un altra iniziativa è la fornitura di un sussidio salariale alle molte organizzazioni volontarie e no profit, per impiegare individui da gruppi vulnerabili 18

19 selezionati, molti dei quali sono stati preparati attraverso appropriati programmi di formazione finanziati dal comune. L amministrazione locale di Forlì, come quella di Copparo, ha usato la sfida della crisi economica per iniziare un programma radicale di cambiamento istituzionale in vista di nuove priorità economiche. In entrambi i casi, solo il tempo dirà se le riforme produrranno la rivitalizzazione economica desiderata. Ciò che è chiaro, comunque, è che vi è un conscio riconoscimento della necessità di sperimentazione, sia in termini di contenuti di politica, sia di una erogazione di servizi basata sull apertura istituzionale, la riflessività, l adattamento (Bianchi, 1995). 19

20 CONCLUSIONE Nelle aree più prospere dell Emilia, specialmente quelle dominate da un certo discorso politico, i segni del regionalismo sperimentale sono meno evidenti. Ad un livello, il discorso tradizionalista di politica rimane quello di migliorare la competitività internazionale del modello emiliano attraverso nuove versioni dei centri di servizio e delle altre istituzioni hard della specializzazione flessibile del passato. Ad un altro livello, il discorso di modernizzazione della politica parla di riforme istituzionali nella direzione dell efficienza di costo, della specializzazione, della responsabilità e del sostegno per le attività economiche basate sulla ricerca scientifica. Le opzioni sono o di perfezionare la graduale evoluzione istituzionale o di abbracciare una politica industriale agile, ma ancora top-down, che sembra fortemente simile ai cambiamenti di politica in altre regioni avanzate e altamente tecnologiche. Nicola Bellini (1996) ha descritto il presente dualismo di politica come un regionalismo ambiguo, caratterizzato, da un lato, dal riconoscimento da parte della comunità politica del bisogno di costruzione di una regione proattiva, ma, dall altro, dalla difficoltà di concettualizzare una nuova strategia industriale così come di riconoscere il valore di una razionalità di azione basata su una intermediazione attiva e orientata agli obiettivi. A questo riguardo, egli è meno convinto di altri che la cultura istituzionale dell Emilia-Romagna sia quella di una regione intelligente o in grado di apprendere (Cooke, 1997; Morgan, 1997). Può essere che le reti di imprese della regione si limitino alla fiducia, la lealtà, il limitato opportunismo, l offerta di servizi reali, l esperienza imprenditoriale e le vaste fonti di informazione e innovazione della regione, per sostenere il continuo apprendimento e adattamento (come sostengono Cooke e Morgan, 1998). Tuttavia, la cultura di politica pubblica della regione sta divenendo quella di una regione ricca di informazioni, che è dotata di una ricca struttura istituzionale per aiutare a raffinare una traiettoria industriale esistente o mettersi alla pari con una nuova, non appena fa sentire la sua domanda. Una cultura di politica pubblica ricca di intelligenza, al contrario, dovrebbe essere capace di formare una nuova traiettoria industriale monitorando gli obiettivi, gli strumenti e i risultati, sviluppando capacità di apprendere e adattarsi e accumulare coscientemente conoscenze e memoria. Solo il tempo dirà se l assetto istituzionale della regione sta divenendo meno sperimentale e se questo veramente importa. Molti che si meravigliano del successo della regione giustamente affermano che la sua forza economica in Europa continua a crescere, il che tende a implicare che l assetto istituzionale non può essere molto sbagliato. Dal lato opposto, i segni di preoccupazione di carenza di apprendimento istituzionale sottolineata nella seconda parte del paper non possono essere semplicemente ignorati, ed essi sollevano un importante punto concettuale riguardante le fonti dei diversi tipi di apprendimento dall adattamento basato su regole e procedure all apprendimento riflessivo o sperimentale e la loro sostenibilità nel tempo. Vittorio Capecchi (comunicazione), riflettendo se l Emilia-Romagna possieda una cultura di politica pubblica ricca di intelligenza sostenibile, conclude che essa la possiede, ma che una sua importante fonte originale potrebbe essere a rischio. Per lui, una cultura istituzionale di apprendimento strategico e adattamento deve essere trovata nell eredità socio-politica della regione discussa nella prima parte del paper, centrata intorno a un meccanismo decisionale progressivo, guidato dai valori, dalla leadership e dall associazionismo e dall intermediazione tra le organizzazioni. Questo ha generato una visione ed una cultura regionale riflessiva. Essa rischia oggi di essere minata dalla crescita della nuova elité regionale tecnocratica e alla ricerca dell efficienza. Una importante implicazione di politica è che la tradizione di associazionismo democratico della regione ha bisogno di tutela e rivitalizzazione, attraverso il riconoscimento cosciente del suo valore economico pratico. Detto questo, nel contesto della crescente pressione di mercato per una azione economica di anticipazione (agenda-

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale

È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale Cos è un piano urbanistico? È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale È uno strumento prima di

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 8 Le strategie dell internazionalizzazione: gli investimenti diretti esteri Che cosa comporta realizzare un IDE? Costituisce di norma la

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 07.04.1998 COM (98) 222 PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO I. LO SPIRITO IMPRENDITORIALE:

Dettagli

Scheda sintetica del progetto arvore da vida

Scheda sintetica del progetto arvore da vida Scheda sintetica del progetto arvore da vida Contesto AVSI collabora con FIAT Brasile dal 2004, con il progetto di responsabilità sociale Arvore da Vida, nelle aree prossime allo stabilimento di Belo Horizonte,

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli