Innovazione e Direzione delle Imprese AA Parte II I paradigmi emergenti di R&D e le forme di collaborazione AA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Innovazione e Direzione delle Imprese AA. 2014-2015. Parte II I paradigmi emergenti di R&D e le forme di collaborazione AA 2014-2015"

Transcript

1 Innovazione e Direzione delle Imprese AA Parte II I paradigmi emergenti di R&D e le forme di collaborazione Michela Loi

2 Di cosa parleremo oggi? Il processo tradizionale di R&D I paradigmi emergenti Il caso Xerox Le forme di collaborazione

3 Parte II workshop overview

4 Parte II workshop overview

5 Parte II - Overview

6 E possibile schematizzare il processo di R&D?

7 Manca qualcosa?

8 Open innovation Closed in Other firm s market Licence, spin out, divest Our new market Internal technology base Internal/external venture handling Our current market External technology base External technology insourcing

9 Open innovation: l innovazione come un processo aperto che si arricchisce e si fonda su di una complessa combinazione di conoscenze e competenze sia di provenienza interna che esterna alla singola impresa

10 Open innovation is a paradigm that assumes that firms can and should use external ideas as well as internal ideas, and internal and external paths to market, as firms look to advance their technology.

11 Open Innovation Idea Generation Selection Execution Commercialization

12 Open Innovation Idea Generation Selection Execution Commercialization

13 Open Innovation Idea Generation Selection Execution Commercialization

14 Open Innovation Idea Generation Selection Execution Commercialization Selection Execution Commercialization Develop New ideas

15 Open Innovation Idea Generation Selection Execution Commercialization Ideas and innovations from inside the organisation Develop New ideas patents and innovations from outside the organisation

16 Open Innovation Idea Generation Selection Execution Commercialization Ideas and innovations from inside the organisation Develop New ideas patents and innovations from outside the organisation

17 Open Innovation Idea Generation Selection Execution Commercialization Ideas and innovations from inside the organisation Develop New ideas Select Successful Ideas patents and innovations from outside the organisation

18 Open Innovation Idea Generation Selection Execution Commercialization Ideas and innovations from inside the organisation Develop New ideas Select Successful Ideas patents and innovations from outside the organisation Technology Licensing IN

19 Open Innovation Idea Generation Selection Execution Commercialization Ideas and innovations from inside the organisation Develop New ideas Select Successful Ideas patents and innovations from outside the organisation Technology Licensing IN

20 Open Innovation Idea Generation Selection Execution Commercialization Ideas and innovations from inside the organisation Develop New ideas Select Successful Ideas Prototypes and Production patents and innovations from outside the organisation Technology Licensing IN

21 Open Innovation Idea Generation Selection Execution Commercialization Ideas and innovations from inside the organisation Develop New ideas Select Successful Ideas Prototypes and Production patents and innovations from outside the organisation Technology Licensing IN IP Licensing IN IP Licensing OUT

22 Open Innovation Ideas and innovations from inside the organisation Idea Generation Selection Execution Commercialization Develop New ideas Select Successful Ideas Prototypes and Production patents and innovations from outside the organisation Technology Licensing IN IP Licensing IN IP Licensing OUT

23 Open Innovation Idea Generation Selection Execution Commercialization Ideas and innovations from inside the organisation Develop New ideas Select Successful Ideas Prototypes and Production Product brought to market patents and innovations from outside the organisation Technology Licensing IN IP Licensing IN IP Licensing OUT

24 Open Innovation Idea Generation Selection Execution Commercialization Ideas and innovations from inside the organisation Develop New ideas Select Successful Ideas Prototypes and Production Product brought to market patents and innovations from outside the organisation Technology Licensing IN IP Licensing IN IP Licensing OUT Technology Spin-offs

25 Idee a confronto! Closed Innovation Open Innovation Chi ha buone competenze nel settore Non tutta la gente con buone noi. Abbiamo The sharing lavora per of knowledge noi and innovation competenze through lavora per IP noi to foster economic growth and meet bisogno customer di lavorare needscon gente competente interna e esterna all impresa Per fare profitti dalla R&D dobbiamo, scopriere e sviluppare noi la tech External R&D può creare valore; internal R&D è necessaria per appropriarsi di parte di questo valore L impresa che per prima mette sul Costruire un solido business model è da mercato un innovazione vince preferire all essere il first mover Se sviluppiamo la migliore idea nel Se riusciamo a fare l uso migliore delle idee settore superiamo i concorrenti interne ed esterne superiamo i concorrenti Dobbiamo monitorare la proprietà intellettuale Università così di i nostri concorrenti non possono rubarci le idee Innovazione concorrenti e Direzione altridelle della Imprese Possiamo guadagnare dall uso fatto da della nostra proprietà intellettuale

26 Un modo di interpretare la open innovation La conoscenza distribuita all esterno fa si che il nuovo ruolo principale della funzione di R&S sia quello di operare per connettere e sviluppare tutte le conoscenze disperse esternamente all impresa. Dalla Ricerca & Sviluppo Alla Connessione & Sviluppo.

27 Il caso Xerox Anni 70 Palo Alto Silicon Valley L impresa produceva fotocopiatori con l obiettivo primario della ricerca di ottenere la leadership nel trasferimento delle informazioni automatizzate all interno del proprio business I migliori scienziati americani

28 Il caso Xerox Lo sfruttamento di una tale ricchezza intellettuale e tecnologica portò Xerox a conseguire scoperte scientifiche in diversi campi dello scibile umano: Interfacce grafiche che hanno rivoluzionato il mondo dei pc La maggior parte dei protocolli ethernet alla base delle comunicazioni via internet Software per ricerca via web e tecnologie per le conferenze on-line nonché alcune tra le principali nel campo dei semiconduttori e dei laser.

29 Il caso Xerox Le invenzioni generate dal centro di ricerca dimostrano la validità delle teorie secondo le quali la ricerca è difficilmente orientabile ed il concetto di serendipity è ritenuto funzionale. Il panorama delle invenzioni che scaturirono dallo Xerox Parc è estremamente eterogeneo e riguarda diversi mercati di riferimento. Le ricerche sui laser trovarono applicazione nel mercato tradizionale Le tecnologie ethernet rimasero a lungo in attesa di una possibile applicazione ed infine furono sfruttate da altri attori innovativi in mercati estranei all impresa.

30 Il caso Xerox Il meccanismo di funzionamento della closed innovation impedisce ad un elevato numero di nuove idee di essere sviluppate e successivamente implementate. Il budgeting favorisce le idee che generano servizi e prodotti per il mercato di riferimento tralasciando le altre che vengono momentaneamente messe da parte in attesa di sviluppo.

31 Il caso Xerox Fenomeni di inerzia organizzativa e miopia strategica Le teorie di James McGrobby, direttore ricerche IBM, descrivono le differenze nella gestione dell innovazione tecnologica nel caso in cui i nuovi prodotti vengano inseriti nel mercato di riferimento tradizionale oppure in uno diverso

32 Il caso Xerox La metafora Scacchi vs Poker Il problema in questi casi è capire che uso si possa fare della tecnologia inventata. La previsione di tali scenari risulta più difficile. Spesso il consumatore finale usa una tecnologia in maniera completamente diversa da come viene pensata dall inventore Comportamenti strategici come le start-up al contrario rappresentano esperimenti concreti all interno di mercati esistenti e pertanto vicini alle reali esigenze dei consumatori. Dai clienti si ottengono feedback concreti.

33 Il caso Xerox Da uno studio condotto da Chesbrough (2003) risulta che nonostante PARC sia stato un luogo di scoperte cruciali per lo sviluppo della tecnologia del secolo scorso, Xerox si sia impossessata del valore creato da queste ultime solo in minima parte. Nella realtà, piccole start-up, concorrenti e spin-off hanno usufruito degli investimenti in R&D del laboratorio per creare valore a scapito di Xerox. In sostanza hanno percepito e creato valore dalle invenzioni di Xerox in maniera efficiente. Le modalità attraverso cui ciò è accaduto sono state del tutto legali e paradossalmente talvolta favorite da Xerox stessa.

34 Il caso Xerox I ricercatori, le cui idee venivano messe da parte, difficilmente avrebbero mantenuto le stesse motivazioni nel generarne altre Xerox pertanto preferiva sostituire i ricercatori e concedere in licenza non esclusiva il brevetto con una partecipazione minima nel capitale della nuova impresa, di solito il 15%... Le dieci principali spin-off pubbliche derivanti da Xerox generarono il doppio del valore di quest ultima.

35 Il paradigma dell Open Innovation vi ha convinto?

36 E possibile schematizzare il processo di R&D?

37 Alcune riflessioni Il modello tiene conto di questi aspetti? Quanto open? Vantaggi e svantaggi dell apertura: performance; opportunismo e free riding Strategia: le forme di collaborazione Il problema del filtro delle idee Dinamizzazione o aumento del ritmo dell innovazione Absorptive capacity/curve di apprendimento Venture capital e startups La democratizzazione dell innovazione Serendipity

38 Quanto open? Laursen and Salter (2006a) equate openness with the number of external sources of innovation Henkel (2006) focuses on openness as revealing ideas previously hidden inside organizations. Dahlander and Gann (2010) approach is to provide an analytical frame of different forms of openness and the associated advantages and disadvantages for each type.

39 Open Innovation: le forme di collaborazione per lo sviluppo dell innovazione tecnologica Alleanze strategiche Joint venture Licensing Outsourcing Consorzi di ricerca

40 Alleanze strategiche e JVs Relazioni informali e formali Il modello di Doz e Hamel: integrazione/trasferimento di competenze Alleanze diadiche e network

41 Licensing Accordo contrattuale per l ottenimento dei diritti d uso di una tecnologia proprietaria (brevetto, marchio o copyright) Fees and royalties Vantaggi per i contraenti

42 E possibile schematizzare il processo di R&D?

Open Innovation. Valentina Lazzarotti LIUC Università Cattaneo

Open Innovation. Valentina Lazzarotti LIUC Università Cattaneo Open Innovation Valentina Lazzarotti LIUC Università Cattaneo 1 Agenda Definizioni Diversi modi di intendere l apertura- Variabili rilevanti Esempi di posizionamento Rischi e vantaggi Da cosa dipende in

Dettagli

Club dell Innovazione

Club dell Innovazione Club dell Innovazione Introduzione Alberto Di Minin Struttura delle giornate del Club Introduzione (Lunedì Martedì) Introduzione sull Open Innovation Testimonianza Alessandro Bruni Abla Collaborazione

Dettagli

MODELLI DI OPEN INNOVATION. Alberto F. De Toni

MODELLI DI OPEN INNOVATION. Alberto F. De Toni MODELLI DI OPEN INNOVATION Alberto F. De Toni Sommario 1. Dalla Closed Innovation alla Open Innovation 2. Il nuovo ruolo della R&S 3. Gli approcci della Open Innovation Sommario 1. Dalla Closed Innovation

Dettagli

Capitolo 10 Processi di innovazione e reti territoriali

Capitolo 10 Processi di innovazione e reti territoriali Capitolo 10 Processi di innovazione e reti territoriali Indice Il concetto di innovazione e le sue eredità scientifiche L evoluzione del concetto di innovazione e le caratteristiche peculiari emergenti

Dettagli

Obiettivi della lezione. Open Innovation

Obiettivi della lezione. Open Innovation Open Innovation Obiettivi della lezione I modelli di innovazione tradizionale (closed innovation) e le ragioni del loro declino Definire il concetto di open innovation: reti di imprese e mercati della

Dettagli

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA PROF.SSA MARIA ALESSANDRA ROSSI ALESSANDRA.ROSSI@UNISI.IT User Innovation e Open innovation AGENDA/1 La domanda può essere una determinante dell innovazione

Dettagli

OPEN INNOVATION E FINANZIAMENTI PER LE PMI

OPEN INNOVATION E FINANZIAMENTI PER LE PMI OPEN INNOVATION E FINANZIAMENTI PER LE PMI Cosa si intende per Open Innovation Angela Rotellini, LIUC Università Cattaneo Lomazzo, 22 Aprile 2015 Agenda Definizione di Open Innovation I vantaggi dell Open

Dettagli

Technology acquisition. Raffaella Manzini

Technology acquisition. Raffaella Manzini Technology acquisition Raffaella Manzini Scelte per l acquisizione delle risorse A livello strategico, per ogni area tecnologica di investimento e in ogni diversa fase del processo di innovazione occorre

Dettagli

La tutela della proprietà intellettuale oltre al brevetto

La tutela della proprietà intellettuale oltre al brevetto IP Management @ Universities Istanbul, May 16 to 18, 2012 Albert Long Hall, BOGAZICI UNIVERSITY PROGETTO TARGET: START UP E PROPRIETÀ INTELLETTUALE TORINO, 14 MAGGIO 2014 La tutela della proprietà intellettuale

Dettagli

La valorizzazione della proprietà intellettuale e gli attori del trasferimento tecnologico. www.apre.it

La valorizzazione della proprietà intellettuale e gli attori del trasferimento tecnologico. www.apre.it La valorizzazione della proprietà intellettuale e gli attori del trasferimento tecnologico www.apre.it APRE 2013 L IPR in Horizon 2020 RESULTS (artt. 38-41) RISULTATI PROPRIETA : chi genera i risultati

Dettagli

Strumenti di valorizzazione e trasferimento della proprietà intellettuale Cagliari, 23 novembre 2015

Strumenti di valorizzazione e trasferimento della proprietà intellettuale Cagliari, 23 novembre 2015 Strumenti di valorizzazione e trasferimento della proprietà intellettuale Cagliari, 23 novembre 2015 1 copyright 2012 MI.TO. Technology S.r.l. - all rights reserved cover Sommario L utilizzo industriale

Dettagli

Dall idea al business plan

Dall idea al business plan Dall idea al business plan Nicola Mattina Imprenditore Relatore pubblico Consulente Esploratore blog.nicolamattina.it @nicolamattina Chi sono Dall idea al progetto di impresa BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN

Dettagli

CAP 2 Le fonti dell innovazione. Gestione dell innovazione

CAP 2 Le fonti dell innovazione. Gestione dell innovazione CAP 2 Le fonti dell innovazione Gestione dell innovazione 1 La creatività L innovazione può scaturire da molte fonti diverse: Mente degli individui Ricerca universitaria, EPR, incubatori di imprese, fondazioni

Dettagli

EXECUTIVE SUMMARY COME PRESENTARE BREVEMENTE LA PROPRIA IDEA D IMPRESA. Nicola Redi. 2015 Nicola Redi

EXECUTIVE SUMMARY COME PRESENTARE BREVEMENTE LA PROPRIA IDEA D IMPRESA. Nicola Redi. 2015 Nicola Redi EXECUTIVE SUMMARY COME PRESENTARE BREVEMENTE LA PROPRIA IDEA D IMPRESA Nicola Redi Cos è una banca? 26 maggio 2015 Università di Sassari 2 Una cassaforte 26 maggio 2015 Università di Sassari 3 Il tuo consulente

Dettagli

PATENT FOR BEGINNERS. A cura dell avvocato MARIA LUISA MANIS

PATENT FOR BEGINNERS. A cura dell avvocato MARIA LUISA MANIS PATENT FOR BEGINNERS A cura dell avvocato MARIA LUISA MANIS INDICE 1 Che cosa è un Brevetto? 2 Cosa Garantisce un Brevetto d Invenzione? 3 Brevetto o Segreto Aziendale? 4 L imprenditore ha 2 alternative

Dettagli

www.cinnam.com info@cinnam.com Milano, 2015

www.cinnam.com info@cinnam.com Milano, 2015 BASILICON ALLEY LA CONSULENZA PROFESSIONALE PER L AVVIO DELLE (RE)STARTUP SOSTENIBILI ALDEHYDE MOLECULAR BUSINESS SYSTEMS Project in collaborazione con ZIOSTARTUP Milano, 2015 www.cinnam.com info@cinnam.com

Dettagli

Marchi e brevetti: come tutelarsi consapevolmente Cuneo, 8 ottobre 2012

Marchi e brevetti: come tutelarsi consapevolmente Cuneo, 8 ottobre 2012 Marchi e brevetti: come tutelarsi consapevolmente Cuneo, 8 ottobre 2012 Proprietà industriale : strumento di valorizzazione dell innovazione e dell immagine aziendale Giancarlo Revelli revelli@studiotorta.it

Dettagli

ICT E INNOVAZIONE D IMPRESA Casi di successo

ICT E INNOVAZIONE D IMPRESA Casi di successo ICT E INNOVAZIONE D IMPRESA Casi di successo Rubrica a cura di Roberto Bellini, Chiara Francalanci La rubrica ICT e Innovazione d Impresa vuole promuovere la diffusione di una maggiore sensibilità sul

Dettagli

Gestione dell Innovazione tra Open Innovation e Mercati delle Idee

Gestione dell Innovazione tra Open Innovation e Mercati delle Idee OPENINNO 13, 14, 20 Febbraio 2014 Gestione dell Innovazione tra Open Innovation e Mercati delle Idee Antonio Messeni Petruzzelli Politecnico di Bari, Italia Agenda Innovazione & competitività Closed vs.

Dettagli

Avv. Marco De Paolis Brevetto: quali opportunità? Dagli accordi di circolazione delle invenzioni e delle ricerche alla costituzione di startup

Avv. Marco De Paolis Brevetto: quali opportunità? Dagli accordi di circolazione delle invenzioni e delle ricerche alla costituzione di startup Giornata di formazione sui brevetti Brescia, 29 febbraio 2012 Università degli Studi di Brescia Avv. Marco De Paolis Brevetto: quali opportunità? Dagli accordi di circolazione delle invenzioni e delle

Dettagli

Gli assetti a popolazione

Gli assetti a popolazione Gli assetti a popolazione Lo strategic network (mercato auto) L industrial network (filiera, distretto) I business network (eterarchia-relazione) Il policy network (politica pubblica) Le filiere IL SETTORE

Dettagli

LE START UP INNOVATIVE TORINO, 5 NOVEMBRE 2013

LE START UP INNOVATIVE TORINO, 5 NOVEMBRE 2013 IP Management @ Universities Istanbul, May 16 to 18, 2012 Albert Long Hall, BOGAZICI UNIVERSITY LE START UP INNOVATIVE TORINO, 5 NOVEMBRE 2013 Gli strumenti di tutela dell innovazione Titolarità, trasferimento,

Dettagli

INFORMAZIONE E MANAGEMENT STRATEGICO

INFORMAZIONE E MANAGEMENT STRATEGICO INFORMAZIONE E MANAGEMENT STRATEGICO CAP 10 IL SISTEMA DI PERFORMANCE MANAGEMENT DOCENTE: CHIARA DEMARTINI mariachiara.demartini@unipv.it Agenda Dal performance measurement al performance management Il

Dettagli

Il modello di business delle biotecnologie

Il modello di business delle biotecnologie Il modello di business delle biotecnologie Luigi Orsenigo IUSS, Pavia Horizon 2020 Napoli, 1 febbraio 2013 Il modello di business delle biotecnologie Silicon Valley Consensus: mutuato da ICT Scienza imprenditoriale:

Dettagli

Rivoluzione HR. human resource revolution

Rivoluzione HR. human resource revolution Rivoluzione HR human resource revolution L a tecnologia sta modificando le abitudini e lo stile di vita delle persone ma, nel nuovo mondo che verrà sarà il loro modo di pensare che dovrà cambiare. Ogni

Dettagli

Innovation Factory l incubatore certificato di AREA

Innovation Factory l incubatore certificato di AREA Innovation Factory l incubatore certificato di AREA Un idea diventa impresa Dott. Fabrizio Rovatti Managing Director, Innovation Factory srl - 1 - Area Science Park è Parco Scientifico e Tecnologico Ente

Dettagli

Le nuove logiche organizzative e manageriali per l Open Innovation La prospettiva aperta. Luigi Serio Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano

Le nuove logiche organizzative e manageriali per l Open Innovation La prospettiva aperta. Luigi Serio Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano Le nuove logiche organizzative e manageriali per l Open Innovation La prospettiva aperta Luigi Serio Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano Minimal informations 1964, married three sons I teach Business

Dettagli

Business Model Genaration i Pattern.

Business Model Genaration i Pattern. «Camp for Company» Business Model Genaration i Pattern. Marzo 2013 Mario Farias 1 Business Model Generation 2 Business Model Generation 3 I pattern Tutti i modelli di business hanno degli elementi in comune

Dettagli

I DISTRETTI TECNOLOGICI (DT)

I DISTRETTI TECNOLOGICI (DT) Capitolo IV I DISTRETTI TECNOLOGICI (DT) Parole Chiave Industria Science-based Sistema Nazionale di Innovazione Tripla Elica Conoscenza Tecnologica Incubatore di Imprese Silicon Valley 71 Il modello dei

Dettagli

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè #innoviamo Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita Alessandro Frè Non si fa altro che parlare di cambiamento, crescita, innovazione, crisi dei mercati, competizione sempre più

Dettagli

Software Libero. Terra Futura - Firenze

Software Libero. Terra Futura - Firenze Cosa è il Software Libero Terra Futura - Firenze Simone Piccardi: piccardi@softwarelibero.it April 10, 2005 1 L Associazione Software Libero L Associazione Software Libero, è una associazione culturale

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE Prof. MARCO GIULIANI Docente di Economia Aziendale Università Politecnica delle Marche Socio LIVE m.giuliani@univpm.it Jesi, 11 ottobre 2013 1 Prime

Dettagli

Il caso Keyline. Gianni Pelizzo Espedia

Il caso Keyline. Gianni Pelizzo Espedia Il caso Keyline Gianni Pelizzo Espedia Agenda Presentazione azienda cliente: Think Different @ Keyline Obiettivi del progetto e strumento utilizzato Overview SAP PPM Il caso aziendale: demo a sistema Prossimi

Dettagli

PERCORSI DI ACCOMPAGNAMENTO ALL IMPRESA 9 NOVEMBRE 2012. Maurizio Caradonna (Innovation Factory) AREA Science Park

PERCORSI DI ACCOMPAGNAMENTO ALL IMPRESA 9 NOVEMBRE 2012. Maurizio Caradonna (Innovation Factory) AREA Science Park PERCORSI DI ACCOMPAGNAMENTO ALL IMPRESA Programma di aiuti per start up innovative P.O.R. Sardegna 2007 2013 Linea di attività 6.2.1.a - INNOV.ARE 9 NOVEMBRE 2012 Maurizio Caradonna (Innovation Factory)

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

CREATING A NEW WAY OF WORKING

CREATING A NEW WAY OF WORKING 2014 IBM Corporation CREATING A NEW WAY OF WORKING L intelligenza collaborativa nella social organization Alessandro Chinnici Digital Enterprise Social Business Consultant IBM alessandro_chinnici@it.ibm.com

Dettagli

Dall idea al mercato: tutela, valorizzazione e strumenti di agevolazione

Dall idea al mercato: tutela, valorizzazione e strumenti di agevolazione Dall idea al mercato: tutela, valorizzazione e strumenti di agevolazione TRASFERIMENTO TECNOLOGICO, DALLA RICERCA PUBBLICA ALL IMPRESA Alessandro Piras Polo Tecnologico di Pordenone Pordenone, 7 maggio

Dettagli

Business Model. Nonna

Business Model. Nonna 1. clienti 2. valore offerto 3. canali 4. relazione con i clienti 5. ricavi 6. risorse chiave 7. attivita' chiave 8. partnerships Il Business Model spiegato a mia Nonna 9. costi Business Model Canvas info@hugowiz.it

Dettagli

Lo start-up d impresa Da un idea ad un business vincente

Lo start-up d impresa Da un idea ad un business vincente Lo start-up d impresa Da un idea ad un business vincente Paolo Gubitta () paolo.gubitta@unipd.it 19 marzo 2007 Modi di vedere Percezione dell innovatore (aspirante!) Valore limitato Valore elevato Percezione

Dettagli

Lezione 22. Il reporting

Lezione 22. Il reporting Lezione 22 Il reporting Perché i report Orientamento dei comportamenti (You get what you measure) Le distorsioni comportamentali Apprendere dagli errori Il feedback La correzione avviene solo se: 1. gli

Dettagli

LA PROPRIETA INTELLETTUALE

LA PROPRIETA INTELLETTUALE LA PROPRIETA INTELLETTUALE Valutazione economica brevetti e marchi Dott.ssa Elisa Barlocco TEL. 019 8485622 E-mail mail@karaghiosoff.com Copyright 2009-2013 Studio Karaghiosoff e Frizzi srl All rights

Dettagli

L informal learning di Jay Cross

L informal learning di Jay Cross L informal learning di Jay Cross tratto ed adattato da Apprendimento informale e formazione aziendale: perché usare questo sistema di apprendimento? di Jay Cross e Robin Good (link) Premessa di formazione-esperienziale.it

Dettagli

Parte 1 La strategia di espansione internazionale

Parte 1 La strategia di espansione internazionale Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore XIII XVI XVIII Parte 1 La strategia di espansione internazionale Capitolo 1 L internazionalizzazione delle imprese: scenari e tendenze

Dettagli

Lezione 19. Perché i report. Distorsioni comportamentali. Il reporting. what you measure) Le distorsioni comportamentali

Lezione 19. Perché i report. Distorsioni comportamentali. Il reporting. what you measure) Le distorsioni comportamentali Lezione 19 Il reporting Perché i report 1. Orientamento dei comportamenti (You get what you measure) Le distorsioni comportamentali 2. Apprendere dagli errori Il feedback La correzione avviene solo se:

Dettagli

Learning 3 Appunti sugli scenari dell'innovazione nelle strategie per la costruzione della conoscenza in rete e della cittadinanza digitale

Learning 3 Appunti sugli scenari dell'innovazione nelle strategie per la costruzione della conoscenza in rete e della cittadinanza digitale Learning 3 Appunti sugli scenari dell'innovazione nelle strategie per la costruzione della conoscenza in rete e della cittadinanza digitale Si parla di Web 2.0 e relative evoluzioni, di apprendimento integrato

Dettagli

Prefazione Prefazione all edizione italiana Introduzione. PARTE 1 Opportunità imprenditoriali, definizione del business, strategia competitiva 1

Prefazione Prefazione all edizione italiana Introduzione. PARTE 1 Opportunità imprenditoriali, definizione del business, strategia competitiva 1 INDICE Prefazione Prefazione all edizione italiana Introduzione Autori IX XVII XIX XXV PARTE 1 Opportunità imprenditoriali, definizione del business, strategia competitiva 1 Capitolo 1 Sviluppo economico

Dettagli

Perché e (come) brevettare all università

Perché e (come) brevettare all università Perché e (come) brevettare all università Giuseppe Conti Politecnico di Milano A cosa serve un brevetto 2/25 Perchè si deposita un brevetto: per sbaglio 1 Il brevetto per sbaglio 3/25 invenzione utile,

Dettagli

GESTIONE DELLA RICERCA & SVILUPPO ESERCITAZIONE 1. Angelo BONOMI

GESTIONE DELLA RICERCA & SVILUPPO ESERCITAZIONE 1. Angelo BONOMI GESTIONE DELLA RICERCA & SVILUPPO ESERCITAZIONE 1 Angelo BONOMI CASE STUDY IL RISCHIO TECNOLOGICO NELL INNOVAZIONE Tratto da due Workshop organizzati congiuntamente da Harvard-MIT nel quadro dell Advanced

Dettagli

Corso accordi e reti Lezione III Ricevimento venerdì ore 12:00 via Acton michele.simoni@uniparthenope.it. Corso Accordi e Reti Prof.

Corso accordi e reti Lezione III Ricevimento venerdì ore 12:00 via Acton michele.simoni@uniparthenope.it. Corso Accordi e Reti Prof. Corso accordi e reti Lezione III Ricevimento venerdì ore 12:00 via Acton michele.simoni@uniparthenope.it Le reti burocratiche e le reti proprietarie RETI BUROCRATICHE Reti regolate da contratti di scambio

Dettagli

CONFIGURATION MANUAL

CONFIGURATION MANUAL RELAY PROTOCOL CONFIGURATION TYPE CONFIGURATION MANUAL Copyright 2010 Data 18.06.2013 Rev. 1 Pag. 1 of 15 1. ENG General connection information for the IEC 61850 board 3 2. ENG Steps to retrieve and connect

Dettagli

Le imprese spin-off al Politecnico di Milano

Le imprese spin-off al Politecnico di Milano Le imprese spin-off al Politecnico di Milano Ing. Giuseppe Conti Servizio Valorizzazione della Ricerca Technology Transfer Office Indice 2 Obiettivi Definizione Rapporto con l università Presupposti e

Dettagli

Paola Mazzurana. Modulo: Etica ed Innovazione

Paola Mazzurana. Modulo: Etica ed Innovazione MODELLI DI GOVERNANCE DELL INNOVAZIONE: IL RUOLO DEGLI STAKEHOLDERS E LA SOSTENIBILITÀ Etica ed economia. Per un economia intelligente, inclusiva e sostenibile. Modulo: Etica ed Innovazione Paola Mazzurana

Dettagli

Il progetto RIPPI e la nascita di LIUC Innovazione e Brevetti. Raffaella Manzini Facoltà di Ingegneria Università Carlo Cattaneo - LIUC

Il progetto RIPPI e la nascita di LIUC Innovazione e Brevetti. Raffaella Manzini Facoltà di Ingegneria Università Carlo Cattaneo - LIUC Il progetto RIPPI e la nascita di LIUC Innovazione e Brevetti Raffaella Manzini Facoltà di Ingegneria Università Carlo Cattaneo - LIUC La nascita del servizio LIUC Innovazione e Brevetti L occasione Il

Dettagli

INTELLECTUAL PROPERTY RIGHTS

INTELLECTUAL PROPERTY RIGHTS Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 INTELLECTUAL PROPERTY RIGHTS Docente: Prof. Massimo Merlino Intellectual Property Rights (IPR) Imprenditore Business idea L imprenditore che

Dettagli

ACCORDI DI LICENZA E GESTIONE STRATEGICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTI

ACCORDI DI LICENZA E GESTIONE STRATEGICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTI www.bugnion.it Ing. Marco Conti E-mail: marcoconti@bugnion.it ACCORDI DI LICENZA E GESTIONE STRATEGICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTI PROTEGGERE L INNOVAZIONE TUTELA E VALORIZZAZIONE DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE

Dettagli

Progettazione, Sviluppo ed Introduzione di Nuovi Prodotti. Research & Development Department - Michele Ferri -

Progettazione, Sviluppo ed Introduzione di Nuovi Prodotti. Research & Development Department - Michele Ferri - Progettazione, Sviluppo ed Introduzione di Nuovi Prodotti Research & Development Department - Michele Ferri - Progettazione, Sviluppo ed Introduzione di Nuovi Prodotti La finalità è disciplinare il processo

Dettagli

Il Piano di Marketing. alessandra.gruppi@mib.edu

Il Piano di Marketing. alessandra.gruppi@mib.edu Il Piano di Marketing 1 Di cosa parleremo A cosa serve il marketing In cosa consiste Perché scrivere un piano di marketing Come scriverlo...in particolare per new business e innovazioni 2 Because its purpose

Dettagli

Innovation Manager 2.0

Innovation Manager 2.0 Iniziativa promossa e finanziata da Ottobre 2014 Dicembre 2014 Innovation Manager 2.0 Giornate di formazione per portare innovazione nelle PMI Realizzata in collaborazione con Di cosa si tratta? Innovare

Dettagli

Entri con un idea, esci con un impresa

Entri con un idea, esci con un impresa Entri con un idea, esci con un impresa Perché? 2 La disoccupazione in Italia* *(dati dicembre 2011) Disoccupazione giovanile (15-24 anni) 31% Sviluppare nuova Occupabilità L occupazione è una delle emergenze

Dettagli

Schema per la redazione di un business plan high tech

Schema per la redazione di un business plan high tech Schema per la redazione di un business plan high tech 1. Sintesi dell idea 2. Assessment dei fattori di rischio dell iniziativa 3. Strategia competitiva 3.1 Fonti del vantaggio competitivo 3.2 Posizionamento

Dettagli

Modalità e limiti nella protezione del Software

Modalità e limiti nella protezione del Software Modalità e limiti nella protezione del Software Università degli Studi di Verona 14 Maggio, 2012 Dr. Reniero & Associati s.r.l. Verona - Milano Ing. Valentina Bovo Argomenti 1. Perché proteggere il software?

Dettagli

Dalla Ricerca alla Industria: Valorizzazione della Ricerca e Trasferimento Tecnologico

Dalla Ricerca alla Industria: Valorizzazione della Ricerca e Trasferimento Tecnologico Quarta Giornata InFormativa del Progetto BioTTasa Dalla Ricerca al Trasferimento Tecnologico CBM Cluster Tecnologico Regionale di Biomedicina Molecolare Laura Cerni laura.cerni@cbm.fvg.it Dalla Ricerca

Dettagli

NASCE UN NUOVO BENESSERE

NASCE UN NUOVO BENESSERE NASCE UN NUOVO BENESSERE LA DIETA DEL TERZO MILLENNIO SOSTENUTA DA ATTIVITA' FISICA E TRAINING MENTALE PER DIMAGRIRE DEFINITIVAMENTE ED AUMENTARE LA MASSA MUSCOLARE. LO STILE ALIWAY Una nuova idea di benessere

Dettagli

Il Working Partnership

Il Working Partnership Il Working Partnership Il Working Partnership è uno strumento/risorsa per tutti coloro che sono interessati allo sviluppo e al miglioramento del lavoro di partnership. Lo strumento deriva da un precedente

Dettagli

IEP - ISTUD Entrepreneurship Programme

IEP - ISTUD Entrepreneurship Programme Fondazione ISTUD IEP - ISTUD Entrepreneurship Programme SVILUPPARE E GESTIRE IN MANIERA VINCENTE LA TUA IDEA DI BUSINESS In collaborazione con: I soci della Fondazione ISTUD sono: AMIAT - AZIENDA MULTISERVIZI

Dettagli

ENTRO IL 30/09/14 4-5 /12/2014 SASSARI ENTRO IL 30/10/14

ENTRO IL 30/09/14 4-5 /12/2014 SASSARI ENTRO IL 30/10/14 ENTRO IL 30/09/14 4-5 /12/2014 SASSARI ENTRO IL 30/10/14 Start CUP UNIME 2014 Start CUP UNIME 2014 Start CUP UNIME 2014 Il Comitato Tecnico Scientifico selezioneràle migliori idee imprenditoriali Accompagnamento

Dettagli

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà Economia Corso di Strategia di Impresa A/A 2008-2009 TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE -Robert M. Grant- Peitas Patrizia INDICE 1. Il vantaggio competitivo

Dettagli

Indice. Introduzione. Servizi open all innovazione... 1

Indice. Introduzione. Servizi open all innovazione... 1 Indice Introduzione. Servizi open all innovazione... 1 1 La filosofia dell Open Services Innovation... 7 1.1 Lacommoditytrap... 8 1.2 L innovazione nei servizi èlaviad uscitadaquestocaos... 10 1.3 Ilimitidell

Dettagli

Il ruolo dell ICT. Alfonso Fuggetta CEFRIEL - Politecnico di Milano 5 Dicembre 2005. Alfonso Fuggetta - 2005

Il ruolo dell ICT. Alfonso Fuggetta CEFRIEL - Politecnico di Milano 5 Dicembre 2005. Alfonso Fuggetta - 2005 Il ruolo dell ICT Alfonso Fuggetta CEFRIEL - Politecnico di Milano 5 Dicembre 2005 Si parla di crisi di competitività... I nostri prodotti si vendono meno o non interessano più Altri producono a costi

Dettagli

Introduzione ai Web Services Alberto Polzonetti

Introduzione ai Web Services Alberto Polzonetti PROGRAMMAZIONE di RETE A.A. 2003-2004 Corso di laurea in INFORMATICA Introduzione ai Web Services alberto.polzonetti@unicam.it Introduzione al problema della comunicazione fra applicazioni 2 1 Il Problema

Dettagli

Innovhub: : a supporto dell imprenditorialit. imprenditorialità e dell innovazione

Innovhub: : a supporto dell imprenditorialit. imprenditorialità e dell innovazione Innovhub: : a supporto dell imprenditorialit imprenditorialità e dell innovazione Innovhub chi siamo Innovhub è l azienda speciale della Camera di Commercio di Milano per l innovazione. Nata a gennaio

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO IN MATERIA DI INVENZIONI CONSEGUITE DA PERSONALE DELL'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL MOLISE

REGOLAMENTO DI ATENEO IN MATERIA DI INVENZIONI CONSEGUITE DA PERSONALE DELL'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL MOLISE REGOLAMENTO DI ATENEO IN MATERIA DI INVENZIONI CONSEGUITE DA PERSONALE DELL'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL MOLISE ART. 1 Oggetto della disciplina 1. Sono disciplinate dal presente Regolamento le invenzioni

Dettagli

Introduzione all attività di ricerca di informazioni nel settore IP (Proprietà Intellettuale)

Introduzione all attività di ricerca di informazioni nel settore IP (Proprietà Intellettuale) Introduzione all attività di ricerca di informazioni nel settore IP (Proprietà Intellettuale) Indice Pag 2 - Cos è l attività di ricerca di informazioni nel settore della Proprietà Intellettuale? Pag 4

Dettagli

PARTE PRIMA LE DINAMICHE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA

PARTE PRIMA LE DINAMICHE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA 002 (v-xvi)modif II 26-11-2004 18:00 Pagina V Capitolo 1 Introduzione 1 L importanza dell innovazione tecnologica 1 L impatto dell innovazione tecnologica sulla società 2 Innovazione e impresa: l importanza

Dettagli

Intervento di Thomas Delare Ministro Consigliere per gli Affari Economici presso l Ambasciata degli Stati Uniti in Italia

Intervento di Thomas Delare Ministro Consigliere per gli Affari Economici presso l Ambasciata degli Stati Uniti in Italia R&S IN ITALIA: ESPERIENZE, PROBLEMATICHE, POLITICHE ROMA, 9 LUGLIO, 2009 ORE 15:00 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE, 1 PIANO, LATO PASTRENGO, SALA AZZURRA Intervento di Thomas Delare Ministro Consigliere

Dettagli

Il Business Plan: concretizzare un progetto di business

Il Business Plan: concretizzare un progetto di business UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO FACOLTÀ DI INGEGNERIA ANNO ACCADEMICO 2014-2015 CORSO DI MARKETING INDUSTRIALE E DEI SERVIZI Il Business Plan: concretizzare un progetto di business Hello my name is technology

Dettagli

LA DISCIPLINA DELLE INVENZIONI A LIVELLO NAZIONALE. Ferrara, 21 ottobre 2015

LA DISCIPLINA DELLE INVENZIONI A LIVELLO NAZIONALE. Ferrara, 21 ottobre 2015 LA DISCIPLINA DELLE INVENZIONI A LIVELLO NAZIONALE Ferrara, 21 ottobre 2015 DEFINIZIONE INVENZIONE Soluzione nuova e innovativa in risposta a un problema tecnico. Può fare riferimento alla creazione di

Dettagli

MUSY BIANCO e ASSOCIATI S T U D I O L E G A L E

MUSY BIANCO e ASSOCIATI S T U D I O L E G A L E Via Luigi Mercantini 5 10121 Torino Via San Pietro all Orto 10 20121 Milano centralino unico T +39 011.540876 F +39 011.5174194 segreteria@musybiancoassociati.it www.musybiancoassociati.it partita IVA

Dettagli

Capitolo 9. di internazionalizzazione delle PMI. Alessandro Baroncelli, Luigi Serio - Economia e gestione delle imprese

Capitolo 9. di internazionalizzazione delle PMI. Alessandro Baroncelli, Luigi Serio - Economia e gestione delle imprese Capitolo 9 Reti d impresa d e processi di internazionalizzazione delle PMI Indice Le principali teorie e modelli di internazionalizzazione Le esperienze di internazionalizzazione delle pmi italiane La

Dettagli

Service 4 Licensing & Co. Manuale d uso INDICE. La proprietà intellettuale. Brevetti Marchi Disegni Industriali Segreti Industriali Copyright

Service 4 Licensing & Co. Manuale d uso INDICE. La proprietà intellettuale. Brevetti Marchi Disegni Industriali Segreti Industriali Copyright Service 4 Licensing & Co. Manuale d uso INDICE La proprietà intellettuale Brevetti Marchi Disegni Industriali Segreti Industriali Copyright Valorizzare la Proprietà Intellettuale Open innovation o Che

Dettagli

EXTERNAL HR MANAGEMENT

EXTERNAL HR MANAGEMENT EXTERNAL HR MANAGEMENT PER LO SVILUPPO CONTINUO DEI KEY PEOPLE AZIENDALI Dotarsi dei servizi di una moderna Direzione di Sviluppo delle Risorse Umane per la cura dei propri Key People abbattendo i costi

Dettagli

Giuseppe Lombardo IPCF-CNR, CNR, UOS di Cosenza. Progetto Crescita Programma di Formazione dei Formatori 2011

Giuseppe Lombardo IPCF-CNR, CNR, UOS di Cosenza. Progetto Crescita Programma di Formazione dei Formatori 2011 La valorizzazione dei risultati all interno della ricerca pubblica: il caso del CNR Giuseppe Lombardo IPCF-CNR, CNR, UOS di Cosenza Progetto Crescita Programma di Formazione dei Formatori 2011 IL CONTESTO:

Dettagli

startup e business model:

startup e business model: startup e business model: strumenti e metodo per far crescere nel modo giusto un idea Università Politecnica delle Marche Facoltà di Economia G. Fuà ancona, 10 maggio 2013 chi siamo e perchè siamo qui

Dettagli

Innovazione e diritti di proprietà intellettuale

Innovazione e diritti di proprietà intellettuale Innovazione e diritti di proprietà intellettuale Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università degli Studi di Urbino 1. Introduzione Quali sono i Diritti di Proprietà

Dettagli

E.G.I. Executive summary. Economia e Gestione delle Imprese Facoltà di Scienze della Comunicazione - Università di Torino

E.G.I. Executive summary. Economia e Gestione delle Imprese Facoltà di Scienze della Comunicazione - Università di Torino Executive summary L impresa Corporate governance Le strategie d impresa Le politiche di pianificazione e controllo Le politiche organizzative Le politiche finanziarie La valutazione della performance 1

Dettagli

Lo sviluppo professionale dell Ingegnere dell Informazione. L imprenditorialità

Lo sviluppo professionale dell Ingegnere dell Informazione. L imprenditorialità Lo sviluppo professionale dell Ingegnere dell Informazione L imprenditorialità Ing. Francesco Castagna Coordinatore Commissione Informatica Ordine degli Ingegneri di Napoli Mercoledì, 6 Aprile 2011 Aula

Dettagli

Uffici di Trasferimento Tecnologico nelle università italiane ed europee: un confronto dei modelli organizzativi

Uffici di Trasferimento Tecnologico nelle università italiane ed europee: un confronto dei modelli organizzativi Uffici di Trasferimento Tecnologico nelle università italiane ed europee: un confronto dei modelli organizzativi Giuseppe Conti Seminario SISB Milano - 13 giugno 2006 Dicono di noi No soluzioni predefinite

Dettagli

La trasformazione Social-Digital dell impresa

La trasformazione Social-Digital dell impresa La trasformazione Social-Digital dell impresa Ferdinando Castellano - Alessandro Antonini La trasformazione social-digital dell'azienda diferdinando Castellano - Alessandro Antonini è distribuito con Licenza

Dettagli

Accenture Innovation Center for Broadband

Accenture Innovation Center for Broadband Accenture Innovation Center for Broadband Il nostro centro - dedicato alla convergenza e alla multicanalità nelle telecomunicazioni - ti aiuta a sfruttare al meglio il potenziale delle tecnologie broadband.

Dettagli

IL CASO: Hewlett-Packard

IL CASO: Hewlett-Packard IL CASO: Hewlett-Packard Proposta acquisizione Compaq con duplice finalità (Fiorina): 1) conseguimento economie di scala; 2) ingresso nel mercato dei servizi. Pareri sfavorevoli alla fusione (Hewlett e

Dettagli

Camp for Company. Business Model Generation La tela

Camp for Company. Business Model Generation La tela Camp for Company Business Model Generation La tela marzo 2013 Mario Farias 1 Business Model Generation Come creare un Business Model 2 Business Model Generation 3 Business Model Generation 4 I segmenti

Dettagli

INNOVAZIONE E SOSTENIBILITÀ CLEAN BUSINESS. Clean Tech Economy

INNOVAZIONE E SOSTENIBILITÀ CLEAN BUSINESS. Clean Tech Economy INNOVAZIONE E SOSTENIBILITÀ CLEAN BUSINESS sostenibilità Clean Tech Economy innovazione 2 La Strategia Tecnologica aziendale Rieck e Dickson (1993) Networking Brokeraggio INNOVATION PATH (React) Assessment

Dettagli

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 I requisiti per la gestione del rischio presenti nel DIS della nuova ISO 9001:2015 Alessandra Peverini Perugia 9/09/2014 ISO

Dettagli

Appunti di Sistemi Distribuiti

Appunti di Sistemi Distribuiti Appunti di Sistemi Distribuiti Matteo Gianello 27 settembre 2013 1 Indice 1 Introduzione 3 1.1 Definizione di sistema distribuito........................... 3 1.2 Obiettivi.........................................

Dettagli

Le azioni dell ARTI per il TT in Puglia

Le azioni dell ARTI per il TT in Puglia Le azioni dell ARTI per il TT in Puglia Dott.ssa Adriana Agrimi Coordinatore Tecnico ARTI Bari, 18 Febbraio 2009 - Expolavoro ARTI È l Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione l della Puglia

Dettagli

PROPRIETÀ INTELLETTUALE. Antonio Rodriguez Hita 18-03-2015

PROPRIETÀ INTELLETTUALE. Antonio Rodriguez Hita 18-03-2015 PROPRIETÀ INTELLETTUALE Antonio Rodriguez Hita 18-03-2015 Che cos'è la proprietà intellettuale? Norme e principi che mirano a tutelare i frutti dell'inventiva e dell'ingegno umani. La legge attribuisce

Dettagli

2013 corporate presentation. Pat Group: Presentazione Corporate it-1.09

2013 corporate presentation. Pat Group: Presentazione Corporate it-1.09 2013 corporate presentation Garantire soluzioni efficaci per i vostri processi di business. La vostra leadership. La nostra mission. Pat Group è la società italiana che da oltre 20 anni contribuisce al

Dettagli

I brevetti software. Una minaccia per il Software Libero. Simo Sorce. http://softwarelibero.it

I brevetti software. Una minaccia per il Software Libero. Simo Sorce. <simo@softwarelibero.it> http://softwarelibero.it I brevetti software Una minaccia per il Software Libero Simo Sorce http://softwarelibero.it Perchè i brevetti sulle idee sono dannosi per lo sviluppo e la libera impresa Coypright

Dettagli

LA GESTIONE DELLA CONOSCENZA NELLE PMI KNOWLEDGE MANAGEMENT Ing. Obici Roberto 8 / 9 / 10 maggio 2012

LA GESTIONE DELLA CONOSCENZA NELLE PMI KNOWLEDGE MANAGEMENT Ing. Obici Roberto 8 / 9 / 10 maggio 2012 INNOVARE E FARE RETE GLI STRUMENTI DI CONOSCENZA E I PROGRAMMI DI RICERCA DEL DISTRETTO MATERIALI E TECNOLOGIE PER LE COSTRUZIONI LA GESTIONE DELLA CONOSCENZA NELLE PMI KNOWLEDGE MANAGEMENT Ing. Obici

Dettagli

Prevedere eventuali allegati (CV, piani operativi, documenti sulla protezione della P.I., ecc.).

Prevedere eventuali allegati (CV, piani operativi, documenti sulla protezione della P.I., ecc.). Premessa e guida per la compilazione Il Business Plan deve essere riferito al primo triennio di attività, deve essere sintetico (lunghezza massima 20 pagine), chiaro, esaustivo ma, soprattutto, deve convincere

Dettagli