A.I.F.I. INCUBATORI PRIVATI: REALTÀ INTERNAZIONALE E MODELLO ITALIANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A.I.F.I. INCUBATORI PRIVATI: REALTÀ INTERNAZIONALE E MODELLO ITALIANO"

Transcript

1 A.I.F.I. INCUBATORI PRIVATI: REALTÀ INTERNAZIONALE E MODELLO ITALIANO Collana Capitale di rischio e impresa Quaderno n.10 ASSOCIAZIONE ITALIANA DEGLI INVESTITORI ISTITUZIONALI NEL CAPITALE DI RISCHIO

2 2

3 COLLANA CAPITALE DI RISCHIO E IMPRESA QUADERNO N.10 3

4 4

5 INCUBATORI PRIVATI: REALTÀ INTERNAZIONALE E MODELLO ITALIANO Collana Capitale di rischio e impresa Quaderno n.10 5

6 6

7 Indice Premessa L attività d incubazione: aspetti definitori Introduzione La classificazione degli incubatori di impresa secondo il modello Nordamericano L attività di incubazione svolta dalle società di venture capital Gli incubatori non-profit Gli incubatori universitari Gli incubatori promossi da wealthy individual Gli incubatori promossi da società con centri di ricerca e sviluppo interni Gli incubatori promossi da holding companies Gli incubatori promossi da grandi società di consulenza Gli incubatori promossi da società di prodotto I facilitatori L attività di incubazione in USA L attività di incubazione in Italia Considerazioni iniziali Gli incubatori profit oriented Gli incubatori non-profit Gli incubatori universitari La ricerca sugli incubatori profit oriented Metodologia e criteri seguiti nel corso della ricerca L origine, la dimensione e la portata del fenomeno Le principali caratteristiche strutturali degli incubatori I settori di investimento, le modalità di ricavo e i modelli di riferimento...51 Bibliografia selezionata

8 8

9 PREMESSA Il presente lavoro si pone l obiettivo di fornire un primo quadro sull attività di incubazione di impresa cosiddetta profit oriented, rappresentante una realtà in forte evoluzione nel nostro Paese e in gran parte dell Europa continentale. A partire dalla seconda metà del 1999, infatti, per lo più sulla scia di una sempre maggior diffusione delle nuove tecnologie e applicazioni informatiche Internet related e sulla base di esperienze già sperimentate con successo negli Stati Uniti, anche in Italia sono state lanciate diverse iniziative, di diversa matrice, finalizzate al sostegno di imprese di nuova costituzione o, molte volte, al supporto di aspiranti neo-imprenditori per la trasformazione della loro idea di business in impresa. Nell ambito della sua attività, A.I.F.I., rappresentando fin dalla sua fondazione gli interessi degli operatori di venture capital presenti nel nostro Paese, ha da sempre prestato particolare attenzione ai contesti istituzionali e di mercato relativi al supporto per la nascita di nuove imprese. L attività di incubazione, sia essa svolta da soggetti pubblici o privati, rientra negli sviluppi che interessano A.I.F.I. Proprio al fine di approfondire l argomento e affrontarne, in chiave istituzionale, le problematiche, A.I.F.I. ha costituito al suo interno una commissione di studio. È in tale ambito che si è deciso di approfondire le caratteristiche dell attività di incubazione profit oriented, i cui attori si sono recentemente affacciati nel nostro sistema. Pur consapevoli del ruolo dominante che in questo campo compete alle istituzioni pubbliche e universitarie, la volontà di approfondimento degli attori privati e orientati al profitto è nata dall esigenza di meglio comprendere una realtà del tutto nuova per il nostro Paese, e valutarne la complementarietà con gli altri attori del mercato. Inoltre, nell ambito di un sistema in continua evoluzione, tanto concettuale, quanto strategica e, ancor più, terminologica, attraverso questo primo studio sugli incubatori privati attivi in Italia, si è voluto proporre un tentativo di descrizione delle attività svolte da tali operatori, indipendentemente dalle diverse denominazioni attribuite, spesso derivanti da un eccessivo tentativo di segmentazione di un mercato ancora molto giovane. Analizzare il ruolo e le attività svolte dai singoli operatori, prima che il modello di business, è infatti stato l obiettivo primario della ricerca, che sarà con ogni probabilità replicata a cadenza periodica e con riferimento, speriamo, ad una sempre maggiore pluralità di 9

10 soggetti. A questo proposito, anche il fatto che questo studio venga pubblicato in un momento in cui le condizioni di base, con riferimento al mondo Internet in quanto tale, risultino radicalmente modificate rispetto al periodo di analisi, vuole essere stimolo per aiutare ad individuare coloro che, più degli altri, sapranno o hanno saputo,adattarsi ai cambiamenti di un sistema dinamico per definizione, quale quello della nuova imprenditorialità. È importante sottolineare come quanto analizzato con riferimento all Italia, corrisponda, in modo coerente, con quanto verificatosi a livello Europeo, quando, a partire dagli ultimi mesi del 1999, le iniziative private di società specializzate in attività di incubazione, prima in forma cosiddetta indipendente e, subito dopo, come emanazione di strutture industriali, di consulenza, o finanziarie, sono andate moltiplicandosi. Il presente studio, è dunque partito da un analisi degli aspetti definitori dell attività di incubazione, prendendo spunto sia dalla più recente letteratura internazionale, che da uno studio della società canadese Microforum, orientato a classificare ed esaminare i diversi attori del cosiddetto ecosistema di incubazione di impresa. Successivamente, per meglio comprendere il fenomeno, si è fatto riferimento alla realtà senza dubbio più evoluta quale quella statunitense. Anche in questo caso, l accostamento non si è posto l obiettivo di giungere ad un mero confronto o tentativo di classificazione dei diversi attori, di fatto oggi resa impossibile dal diverso grado di maturità del sistema, ma di fornire una chiave di lettura di quali potrebbero essere gli elementi comuni, quelli di strutturale diversità, e le possibili evoluzioni. Da ultimo, è stata esaminata l attività di incubazione realizzata nel nostro Paese, con un approccio sintetico per ciò che riguarda il ruolo e le caratteristiche operative degli incubatori pubblici e universitari e focalizzandosi maggiormente, attraverso l esposizione dei risultati della ricerca condotta sul campo, sul sistema degli incubatori profit oriented. Ringraziamo tutti coloro che hanno partecipato alla realizzazione del presente Quaderno e all elaborazione dei contenuti sia empirici che teorici: dallo staff di IdeaUp, che, in particolar modo nella persona di Andrea Elestici, ha promosso e collaborato alla realizzazione della ricerca sul contesto italiano, a Diego Dall Orto 10

11 e Matteo Facoetti, che hanno lavorato con impegno sia nella raccolta delle informazioni sul campo, sia nella stesura dei testi definitivi. Milano, aprile

12 12

13 1. L ATTIVITÀ D INCUBAZIONE: ASPETTI DEFINITORI 1.1 Introduzione Il deficit nella nascita di nuove iniziative imprenditoriali high tech costituisce uno dei principali vincoli alla diffusione di nuove ondate tecnologiche, in grado di creare nuova ricchezza e nuova occupazione. A livello di problematiche istituzionali o, comunque, di carattere macro, le ragioni di questo ritardo vanno ricercate in una serie di motivi: la distanza tra il mondo della ricerca e il sistema delle imprese; la carenza di servizi per l innovazione; l assenza di un reale mercato del trasferimento di tecnologie; la difficoltà del mercato del venture capital di intervenire nelle fasi di seed capital. Trovare i capitali necessari per portare una neo-azienda ad affacciarsi con solidità sul mercato, soprattutto per le start up che operano esclusivamente o prevalentemente con le nuove tecnologie, presenta problemi molto particolari, ai quali le strutture finanziarie tradizionali difficilmente possono far fronte. Le imprese tecnologiche, infatti, sono caratterizzate da peculiarità strutturali, che necessitano di una assistenza mirata ed intensa, soprattutto nelle primissime fasi di vita delle stesse. In prima analisi si può affermare che affinché si possano sviluppare iniziative imprenditoriali ad elevato contenuto tecnologico o, più semplicemente, iniziative che utilizzino la tecnologia esistente per inventare nuovi prodotti e processi (aziende innovative), è soprattutto necessario un ecosistema imprenditoriale, che sia flessibile, dinamico e preparato. Nei sistemi anglosassoni, le relazioni virtuose tra il mondo della ricerca, il sistema imprenditoriale e le esternalità necessarie alla nascita delle nuove iniziative imprenditoriali sono largamente diffuse sul territorio e si sono concretizzate in spazi urbani o locali specializzati, nei quali sono presenti tutte le condizioni necessarie allo sviluppo della nuova imprenditorialità: tecnologie, capacità imprenditoriali, spazi attrezzati, servizi avanzati, capitali. 13

14 Al contrario, ove i mercati non sono in grado di creare autonomamente le esternalità necessarie si rende opportuna la creazione sia di luoghi istituzionali ad hoc 1 che fungano da elementi catalizzatori (in grado di attrarre e sviluppare le risorse, le expertise e le reti di sistema capaci di avviare il circolo virtuoso che va dall opportunità tecnologica all attività imprenditoriale), sia di infrastrutture dedicate alla disseminazione delle tecnologie innovative 2. Sostenere economicamente un progetto che possa diventare un impresa solida e redditizia richiede, infatti, competenze nuove, profonda conoscenza delle tecnologie utilizzabili e, soprattutto, quella visione imprenditoriale indispensabile per selezionare, tra le molte iniziative possibili, quelle che effettivamente possono garantire qualche chance di successo. A tal fine, già da qualche anno, operano società focalizzate nel supportare neo imprese e società innovative nella generazione del proprio spazio sul mercato, impegnate a seguire le start up fin dalle prime fasi del loro ciclo di vita, aiutandole a sviluppare il proprio business, fino ad accompagnarle alla quotazione in Borsa. Queste specifiche realtà vengono definite incubatori e il loro scopo è proprio quello di fornire alle nuove iniziative imprenditoriali tutto ciò che possa aiutarle per nascere e crescere, offrendo spazi fisici dove poter muovere i primi passi, servizi amministrativi ed organizzativi, reclutando il personale più qualificato, fornendo assistenza nella redazione del business plan e, al momento opportuno, offrendo quei contatti e quella credibilità indispensabile per attrarre gli investimenti dei venture capitalist. Un vero incubatore, infatti, non si occupa primariamente di fornire capitali, ma di aiutare un progetto a concretizzarsi in un impresa. Occorre pertanto evitare di sovrapporre queste due figure chiave, incubatori e venture capitalist, per non confondere due ambiti di attività molto diversi tra loro. Mentre gli incubatori operano prevalentemente nella fase immediatamente precedente il finanziamento vero e proprio, dallo sviluppo del business plan ai primi cinque, sei mesi di attività, 1 D. Siniscalco, Gli incubatori, veri talent scout alle spalle dei nuovi imprenditori, Il Sole 24 ore, 6/6/ M. Marinazzo, Science parks and local technology infrastructures: demand driver approaches from SME s point of view, in Campo dall Orto S. (a cura di) Managing technological knowledge transfer, Cost/European Union,

15 i venture capitalist intervengono successivamente, per supportare tutte quelle iniziative che necessitano di finanziamenti maggiori e a più lungo termine. A livello finanziario, un incubatore fornisce il seed money, ossia il capitale per far nascere l attività imprenditoriale e, solo quando l attività si è ormai consolidata, lascia al venture capital il secondo round di finanziamento. Tutto ciò ha contribuito a rendere la figura dell incubatore complementare a quella dell investitore nel capitale di rischio, tanto che oggi risulta assai frequente che un venture capitalist si presti a finanziare un idea precedentemente seguita da un incubatore. Grafico 1.1: Stadi di sviluppo dell impresa e ruolo degli operatori finanziari VALORE DELL IMPRESA Mercato/Operatori strategici Venture Capitalist Incubatori 1 round di finanziamento 2 round di finanziamento 3 round di finanziamento IPO Tempo Fonte: M. Livian, Valutazioni.com, EGEA, Milano 2000 Caratteristica comune ad entrambi gli operatori risulta essere, invece, la naturale assunzione del rischio, ma secondo le prime stime, mentre le aziende che ricevono 15

16 il seed money hanno successo all incirca una volta su tre, il second round fa registrare successi intorno al 50% dei casi. Una delle principali differenze tra incubatori 3 e venture capitalist sta dunque nel diverso stadio di vita delle imprese finanziate. Nel primo caso si è ancora a livello di seed financing (quindi di finanziamento delle idee), mentre nel secondo caso generalmente si tratta di start up o expansion financing 4 (e quindi di imprese già nate o in fase di sviluppo). Le due tipologie di operatori si assumono anche rischi diversi. Volendo prendere il caso statunitense come esempio, in genere un incubatore finanzia un nuovo business investendo mediamente fino a un milione di dollari in cambio di circa il 50% delle quote della società, mentre i venture capitalist investono in media da 3 a 8 milioni di dollari con partecipazioni intorno al 20-40%. In Italia esistono oggi società di venture capital specializzate negli investimenti in start up tecnologici. Fino al 1997, tuttavia, il mercato italiano del capitale di rischio, pur disponendo di ingenti quantità di risorse finanziarie, si è affidato ad un criterio altamente selettivo nella scelta delle operazioni da effettuare. Esso escludeva aprioristicamente buona parte degli start up tecnologici, privilegiando le imprese che, rafforzate dalle immissioni di capitale, si sarebbero sviluppate velocemente attraverso nuove acquisizioni, oppure incrementando la propria capacità produttiva. La New Economy, tuttavia, ha imposto all improvviso regole di valutazione e reazione molto più veloci e ha richiesto, agli stessi operatori, di cambiare strategia e attività in maniera repentina. Il mercato ha così conosciuto, dapprima, la nascita di società di venture capital specializzate e, successivamente, l ingresso di nuovi investitori e di nuovi operatori, quali gli incubatori e le società di corporate venture capital. Questi ultimi rappresentano generalmente divisioni specializzate di aziende industriali di grandi dimensioni. Sono pertanto costituti da operatori altamente specializzati nei vari settori tecnologici, quali biotecnologie, informatica e 3 Noti anche come venture catalysts. 4 Per una più completa comprensione delle differenti fasi di intervento nel capitale di rischio delle imprese si veda A. Gervasoni, F.L. Satin, Private equity e Venture Capital, Guerini e Associati, Milano

17 telecomunicazioni. Le modalità di intervento possono essere le più diverse, la partecipazione può essere sia di minoranza che di maggioranza e quasi sempre viene effettuata tramite aumento di capitale. Nel caso specifico di investimenti effettuati da corporate venture capitalist, non è infrequente una clausola che riconosce alla società cui fa capo l investitore il diritto di avere una sorta di right of first refusal nel momento del disinvestimento della partecipazione. Nelle partecipazioni di minoranza possono essere adottate invece clausole di put & call che hanno come obiettivo quello di garantire all investitore una via d uscita alternativa nel caso di rifiuto da parte dell azionista di maggioranza di accedere ad un mercato regolamentato, o di vendere la società a terzi. L obiettivo finale di questo particolare investitore è comunque l acquisto da parte della casa madre dell iniziativa finanziata e il periodo di investimento è generalmente molto lungo, quasi sempre superiore ai cinque anni 5. Negli Stati Uniti, si tratta, nella maggior parte dei casi, di grandi imprese fornitrici di tecnologia/infrastrutture o società telefoniche, entrate nell arena competitiva del venture capital per sostenere lo sviluppo della rete e la diffusione globale, al fine di accrescere il mercato dei futuri potenziali clienti 6. Altre volte, invece, le big corporations cercano alleati tra le società di venture capital, come nel caso dei 35 milioni di dollari stanziati da Microsoft, Lucent, Compaq e Nortel per costituire l Internet Technology Fund II gestito da Accel Partners. In Italia gli esempi più noti di corporate venture capital riguardano invece società come: Enel, Telecom e Seat, che pur non perdendo di vista le loro attività tradizionali e istituzionali, hanno dato vita, attraverso i loro gruppi, a strutture di venture capital, con l obiettivo di investire in aziende high tech. 5 A. Gervasoni (a cura di), Finanziare l impresa, Guida pratica agli strumenti a disposizione dell azienda, Il Sole24 ore, Milano Tra le aziende più aggressive nell investire nelle start up della Silicon Valley c è ad esempio Intel, che dalla metà degli anni 90 ha già impiegato oltre 2,5 miliardi di dollari in circa 200 giovani imprese. 17

18 Grafico 1.2: Il corporate venture capital Società con programmi di corporate venture capital Destinazione di fondi al corporate venture capital ($ bn) Europa Resto del mondo Europa Resto del mondo Fonte: Asset Alternative Inc. - The Corporate Venturing Report Tornando al focus del presente studio, è necessario sottolineare come, almeno in Italia, rispetto alla presenza non certo nuova di soggetti che svolgono attività di incubazione, si sia recentemente affermato il concetto di Business Incubator, trasformandosi l operatore da semplice luogo fisico destinato ad offrire spazi e consulenza, a vero e proprio conglomerato virtuale (come lo definiscono i venture capitalist statunitensi), che offre tutti gli ingredienti necessari per creare nuovi business: spazi, consulenza ad ampio raggio, network, know how, risorse finanziarie, expertise e management. Secondo la N.B.I.A. National Business Incubation Association (USA) l attività di incubazione rappresenta un processo dinamico di creazione e sviluppo 18

19 d impresa. Gli incubatori forniscono, infatti, risorse fresche a giovani imprese aiutandole a sopravvivere e a crescere durante il periodo di start up, in cui sono maggiormente vulnerabili. Gli incubatori forniscono assistenza manageriale attiva, accesso a canali privilegiati di finanziamento ed un supporto nell utilizzo di servizi tecnici e di business, altamente critici. La funzione dell incubatore è dunque quella di monitorare la crescita del progetto e offrire supporto logistico a costi contenuti, per consentire al neo-imprenditore di implementare l attività di business. Tuttavia una definizione di questo tipo non consente di poter classificare le sempre più numerose tipologie di incubatori, rendendo così difficile potersi orientare in un mondo nuovo e costantemente in evoluzione. Uno studio di Microforum, una società canadese che opera nel campo dei servizi tecnologici a supporto delle aziende che vogliono trasformarsi in web company, fa un po di chiarezza sull argomento 7. Lo studio prende in esame i soggetti che svolgono attività di incubazione d impresa degli Stati Uniti e in generale del Nord America e li classifica in dieci categorie: università, centri di sviluppo per aree depresse, venture capitalist, ricchi imprenditori, aziende di ricerca e sviluppo, società di consulenza, aziende di prodotti, facilitatori, holding e incubatori di start up (se veda la figura di seguito proposta). 1.2 La classificazione degli incubatori di impresa secondo il modello Nordamericano L attività di incubazione svolta dalle società di venture capital 8 L attività di incubazione svolta direttamente dalle società di venture capital (soprattutto quelle high-tech oriented), o da soggetti di loro emanazione, contribuisce, da un lato, al finanziamento di aziende promettenti e, dall altro, allo sviluppo di quella struttura indispensabile per poter superare le fasi critiche connaturate alla loro stessa nascita. 7 G. Dickson, The New Entrepreneurial Ecosystem: Accelerating Time to Market and Facilitating Innovation Through Strategic Partnership, Microforum, 1/6/ AIFI, Yearbook 2000, pubblicazione interna, Milano, maggio 2000; AIFI, Capitali per lo sviluppo, Il Sole 24 Ore, Milano

20 L investimento effettuato dal venture capitalist riceve come contropartita quote di partecipazione all attività d impresa, ed è estremamente frequente che esponenti del fondo di venture capital possano entrare nel CdA dell azienda. Chi finanzia la crescita, quindi, prende parte alle decisioni strategiche anche in virtù del fatto che, oltre al finanziamento, il venture capitalist si preoccupa di fornire servizi tecnologici, nonché contatti con partner che possono essere utili allo sviluppo del business. In Italia le società di venture capital che si sono focalizzate su aziende tecnologiche e Internet based non sono ancora molto numerose. Tuttavia, una delle peculiarità del venture capital in generale è quella del rapido adattamento a nuove strategie di sviluppo che determina una grande capacità di adattamento al cambiamento. Alcune delle strutture più tradizionali si stanno, infatti, riconvertendo per poter realizzare investimenti nei settori tecnologici, quasi dimenticati fino a soli tre anni addietro. Questa modalità di affiancamento delle imprese partecipate, non può però estendersi fino a raggiungere anche idee de-strutturate che presentano un rischio strategico e finanziario eccessivamente elevato né, tantomeno, a iniziative imprenditoriali che nascono in aree in particolare ritardo di sviluppo difficilmente presidiate dalle società di venture capital. Questa è la prima spiegazione che può essere data alla nascita di una seconda tipologia di soggetti che svolgono attività di incubazione, tra i primi ad affermarsi negli Stati Uniti: i centri di sviluppo per aree depresse finalizzate allo sviluppo di iniziative imprenditoriali, che stanno infatti assumendo la veste di incubatori d impresa. 20

21 VENTURE CAPITAL Universities Universities can create Product Companies. Ex: NCSA, Mosaic, Netscape. They can offer: - Facilities - Alumni - I.P. - Faculty Product Company Product Companies can be VC. Ex: HP dot.com They can offer: -Credibility -Industry knowledge -Rapid execution -Patent -Capital reduction Corporate R&D Corporate R&D can be VC. Ex: Casio R&D Center. They can offer: - Capital - Industry knowledge - Client Base - Credibility Wealthy Individual Wealthy Individual can be VC. Ex: Paul Allen. They can offer: - Business Acumen - Capital - Industry knowledge - Credibility CAPITAL Holding Companies Holding Company can be VC. Ex: Softbank. They can offer: - Synergies - Capital - Credibility Service Companies Services Companies can be VC. Ex: Anderson Consulting Ventures. They can offer: - Industry knowledge - Rapid execution - Credibility - Capital Non Profit Non Profit Companies can be VC. Ex: Divine Interventures. They can offer: - Local Networks - Capital - Minimal support Facilitators Facilitators don t put in capital but rework business plans and make introductions. They can offer: - Credibility - Business relations New Entrepreneurial Ecosystem Fonte:MICROFORUM Much faster, more professional, easier, greater returns, safer. 21

22 1.2.2 Gli incubatori non-profit Finanziati con capitali statali o regionali a fondo perduto, sono strutture non profit e hanno lo specifico compito di creare nuovi posti di lavoro in zone ad alto tasso di disoccupazione. Sono, generalmente, le amministrazioni locali (comunali, provinciali o regionali) o quelle statali a promuovere lo sviluppo di questo tipo di incubatori, che possono essere accomunati alle nostre cittadelle tecnologiche ; essendo poi, spesso, situati in aree altamente industrializzate ormai in disuso e riconvertite per lo sviluppo di nuove tecnologie, tali incubatori possono usufruire di finanziamenti e di servizi creati appositamente per le loro esigenze. Le aziende che vengono incubate in queste strutture sono, il più delle volte, obbligate a rimanere nella zona in cui sono state create, poiché l obiettivo di lungo periodo è quello di combattere la disoccupazione. Tali strutture, offrono l opportunità, a chi è in possesso di brillanti idee, di fruire di un ambiente tutorato e protetto per ciò che riguarda l avvio di un iniziativa imprenditoriale, e si pongono come luogo di raccordo delle competenze tecnicoscientifiche utili per supportare la trasformazione di un idea in attività innovativa. Frequenti sono, inoltre, i collegamenti con centri di ricerca pubblici, che, se da un lato offrono un nuovo percorso di crescita per gli aspiranti imprenditori, dall altro forniscono le competenze per l affinamento dei prodotti e dei processi della neoimpresa Gli incubatori universitari Anche le università rappresentano un centro importante di in cubazione, ma con un focus differente rispetto ai centri di sviluppo per aree depresse ed ai venture capitalist analizzati in precedenza. Il grande potenziale intellettuale che viene sviluppato in questi ambienti può infatti essere utilizzato attivamente per fare impresa e gli incubatori possono divenire gli strumenti attraverso i quali le università riescono a monetizzare i brevetti di ricerca messi a punto all interno dei propri laboratori. Le aziende che vengono incubate all interno delle università dovr anno poi pagare i diritti per l utilizzo di questi brevetti, denaro che le università potranno reinvestire per assicurarsi i migliori 22

23 professori e i migliori studenti, che permetteranno a loro volta di sviluppare ancora di più la ricerca scientifica e i nuovi brevetti 9. Il fatto stesso di ospitare la propria start up all interno dell ateneo fornisce agli imprenditori l opportunità di crescere in un ambiente culturalmente stimolante, con un ottima visibilità verso il mondo esterno ed il mercato. La stessa università non è di per sé un venture capitalist, quindi il suo ruolo di incubatore è focalizzato sulla fornitura di spazi e servizi, e, soprattutto, di consulenza estremamente qualificata; ciò non toglie che le aziende incubate, se hanno bisogno di capitali per sostenere le proprie attività, grazie all università possono entrare in contatto con finanziatori, fondi istituzionali nazionali ed internazionali, nonché venture capitalist privati. Non va infatti dimenticato che i fondi di investimento sono gestiti da persone che provengono dal settore finanziario e bancario, con advisor che, per quanto qualificati, possono essere in difficoltà a cogliere immediatamente le questioni più squisitamente tecnologiche e innovative dei progetti che gli aspiranti imprenditori sottopongono alla loro attenzione Gli incubatori promossi da wealthy individual Un ulteriore categoria di incubatori nasce, invece, in seguito al recente successo del mercato azionario legato a Internet. Molti imprenditori di successo hanno, infatti, dato vita a loro propri incubatori, e così stanno facendo altre persone che dispongono di ingenti risorse private, imprenditori e non. Sono i cosiddetti business angels, rappresentati in genere da ex-dirigenti benestanti che hanno a disposizione notevoli risparmi e che sono disponibili ad effettuare investimenti rischiosi. Le somme messe a disposizione vanno, generalmente, dai ai dollari per cui, mettendo insieme un gruppo di angels, è possibile raccogliere somme consistenti senza per questo dover sottostare alla rigida due-diligence di un investitore istituzionale. 9 K.Balazas, Small firms at University emerging from crisis, Cost/European Union,

24 1.2.5 Gli incubatori promossi da società con centri di ricerca e sviluppo interni Le società, invece, il cui sviluppo è maggiormente legato all'innovazione tecnologica cercano di incoraggiarla investendo in nuovi business tecnologici con lo scopo di inglobare quelli con il potenziale più elevato nel gruppo societario. Queste società sostengono spesso progetti lanciati da tecnici che appartengono al loro stesso team di ricerca, investendo in maniera consistente nell analisi scientifica e nello sviluppo di nuovi prodotti. Tali operatori hanno in seguito cominciato ad esternalizzare i progetti di ricerca creando degli incubatori all'interno dei quali forniscono, in cambio di quote azionarie, tecnologia e servizi a start up. Queste società sfruttano gli eventuali brevetti registrati dalle società incubate e nel caso i prodotti sviluppati siano particolarmente interessanti, non è raro che possano arrivare ad acquisire le start up create Gli incubatori promossi da holding companies Una delle realtà più strutturate nel mondo degli incubatori, anch'essa emersa in seguito all affermarsi della New Economy, è quella degli incubatori che adottano una strategia di acquisizione di partecipazioni in diverse società, in un'ottica strettamente finanziaria. Questi incubatori assumono la configurazione di vere e proprie holding, i cui membri ottengono, dall'appartenenza al circuito, una serie di vantaggi competitivi derivanti dall'esistenza di economie di scala: non solo quindi liquidità, ma maggior credibilità, cross promotion, alleanze e accordi a condizioni più vantaggiose di quelle ottenibili normalmente sul mercato. Le holding incubator, a loro volta, sfruttano i vantaggi che l'esistenza di un circuito di aziende può portare dal punto di vista finanziario. Numerosi gli esempi in USA: Net Value Holdings, ICG, CMGI Gli incubatori promossi da grandi società di consulenza Tra gli ultimi incubatori sbarcati sul mercato molti fanno capo a grandi nomi sulla consulenza internazionale. Le grandi società globali di consulenza si stanno rendendo conto che l'attività di consulenza tradizionale rappresenta solo una delle 24

25 potenziali fonti di revenues. L impegno che queste stanno mettendo nel lancio di incubatori di impresa è guidato principalmente dalla volontà di creare start up di successo che resteranno legati alle stesse per un periodo sufficientemente lungo da garantire alle società di consulenza di recuperare i costi attraverso la ris cossione di fees da consulenza. Questo modello, in alcuni casi, è addirittura salvaguardato da accordi contrattuali tra le parti. Le società di consulenza mantengono una quota azionaria delle aziende incubate che viene poi utilizzata anche per offrire piani di stock option ai migliori talenti, al fine di farli permanere all'interno della struttura. Incubare start up di successo contribuisce, inoltre, a rafforzare l'immagine delle società che le hanno assistite. Tale modello di business è tuttavia caratterizzato dal fatto che le società di consulenza sono sottoposte a restrizioni di cash flow che impediscono loro di competere sul mercato allo stesso livello dei venture capitalist Gli incubatori promossi da società di prodotto Alle società di servizio si contrappongono quelle di prodotto. Queste ultime, generalmente appartenenti al macro settore dell ICT, producono software o hardware, ed aiutano le start up offrendo loro prodotti e servizi a costo zero o con fortissimi sconti. Ne ottengono in cambio, oltre al ritorno finanziario sull'investimento, l'espansione della loro rete di clienti (esempi eccellenti in questo campo sono Oracle e Hewlett Packard) I facilitatori Ultima categoria individuata dallo studio di Microforum è quella dei facilitatori, termine molto in voga il cui significato rimane tuttavia spesso dubbio. Sempre più numerosi sul mercato, i facilitatori non offrono capitale, ma aiutano le start up nella stesura del business plan e nella realizzazione dei progetti che queste apportano, offrendo contatti, suggerimenti, competenze. Come contropartita, generalmente, i facilitatori richiedono una partecipazione azionaria nelle start up che si servono dei loro servizi. 25

PARTE II: IMPRENDITORI ESTERNI. Cap. 8: GLI INCUBATORI D IMPRESA

PARTE II: IMPRENDITORI ESTERNI. Cap. 8: GLI INCUBATORI D IMPRESA PARTE II: IMPRENDITORI ESTERNI Cap. 8: GLI INCUBATORI D IMPRESA Introduzione «Imprenditori di imprenditori» Definizione incubatore Per INCUBATORE D IMPRESA si intende un istituzione che interagisce con

Dettagli

Gli incubatori d impresa A sostegno dell iniziativa imprenditoriale

Gli incubatori d impresa A sostegno dell iniziativa imprenditoriale Gli incubatori d impresa A sostegno dell iniziativa imprenditoriale di Alberto Bandinelli Le origini e gli sviluppi degli incubatori d impresa Gli incubatori d impresa risalgono alla fine degli anni Cinquanta,

Dettagli

Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital

Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital Quando ricorrere al capitale di rischio Sostegno alla crescita Ricambio generazionale Internazionalizzazione Riorganizzazione

Dettagli

FONTI E STRUMENTI PRIVATI PER LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA

FONTI E STRUMENTI PRIVATI PER LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA FONTI E STRUMENTI PRIVATI PER LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA Il ruolo dei Venture Capital (VC) nel finanziamento dello sviluppo industriale e economico è esemplificato da alcuni dati. Nel 2006,

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital

Gestione Finanziaria delle Imprese. private equity e venture capital GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE Private Equity e Venture Capital Il private equity e il venture capital Anni 80 Con venture capital si definiva l apporto di capitale azionario, da parte di operatori

Dettagli

IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE OINT. Percorsi e servizi per nuove imprese innovative. www.trentinosviluppo.it

IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE OINT. Percorsi e servizi per nuove imprese innovative. www.trentinosviluppo.it IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE i OINT Percorsi e servizi per nuove imprese innovative www.trentinosviluppo.it IMPRESA INNOVAZIONE MARKETING TERRITORIALE Trentino Sviluppo è l agenzia creata

Dettagli

Capitale di rischio VS Capitale di debito

Capitale di rischio VS Capitale di debito FINANZA DELL INNOVAZIONE Il capitale di rischio Capitale di rischio VS Capitale di debito Il Capitale di rischio Finanziamento a medio e lungo termine Non prevede scadenze di rimborso ed il disinvestimento

Dettagli

L attività d investimento nel capitale di rischio

L attività d investimento nel capitale di rischio Ciclo di seminari sulla finanza d impresa L attività d investimento nel capitale di rischio Finalità e strategie operative Massimo Leone INVESTIMENTO ISTITUZIONALE NEL CAPITALE DI RISCHIO Apporto di risorse

Dettagli

CARTELLA STAMPA. LVenture Group Cristina Marchegiani Responsabile relazioni esterne cristina.marchegiani@lventuregroup.com mob.

CARTELLA STAMPA. LVenture Group Cristina Marchegiani Responsabile relazioni esterne cristina.marchegiani@lventuregroup.com mob. CARTELLA STAMPA IR Top Consulting Media Relations Via C. Cantù, 1 Milano Luca Macario, Domenico Gentile, Maria Antonietta Pireddu Tel. +39 (02) 45.47.38.84/3 ufficiostampa@irtop.com LVenture Group Cristina

Dettagli

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la REGIONE PIEMONTE BOLLETTINO UFFICALE N. 40 DEL 8/10/2009 Finpiemonte S.p.A. - Torino Avviso ad evidenza pubblica - Progetto Sovvenzione Globale "Percorsi integrati per la creazione di imprese innovative

Dettagli

INCUBATORE FIRENZE DALL IDEA ALL IMPRESA 5 ANNI DI ESPERIENZA

INCUBATORE FIRENZE DALL IDEA ALL IMPRESA 5 ANNI DI ESPERIENZA INCUBATORE FIRENZE DALL IDEA ALL IMPRESA 5 ANNI DI ESPERIENZA L esperienza di Incubatore Firenze, che dal 2004 ha aiutato la nascita e lo sviluppo di start-up di successo in settori tecnologicamente avanzati,

Dettagli

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO

RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO RAFFORZARE L'ECOSISTEMA DEL CAPITALE DI RISCHIO: COSA HA FATTO IL FONDO ITALIANO Roma, 28 giugno 2013 Luigi Tommasini Senior Partner Funds-of-Funds CONTENUTO Il Fondo Italiano di Investimento: fatti e

Dettagli

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA Parte III : R&S nella piccola e media impresa Angelo Bonomi PICCOLE E MEDIE IMPRESE E R&S Esistono varie definizioni di piccole e

Dettagli

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre

Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Lezioni di economia degli intermediari finanziari II semestre Prof. Alessandro Berti Istituto di studi aziendali Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo alessandro.berti@uniurb.it Urbino, a.a.

Dettagli

Dall idea all impresa: il ruolo degli incubatori. Anna Gervasoni Aosta, 11 Marzo 2005

Dall idea all impresa: il ruolo degli incubatori. Anna Gervasoni Aosta, 11 Marzo 2005 Dall idea all impresa: il ruolo degli incubatori Anna Gervasoni Aosta, 11 Marzo 2005 1 I servizi offerti dagli incubatori 97% 100% 93% 90% 91% 84% 86% 87% 88% 80% 60% 40% 20% 64% 0% 26% 2 Spazi logistici

Dettagli

Figure Professionali «Smart City» Smart People CONSULENTE PER LE START-UP. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Figure Professionali «Smart City» Smart People CONSULENTE PER LE START-UP. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Figure Professionali «Smart City» Smart People CONSULENTE PER LE START-UP GREEN JOBS Formazione e Orientamento DESCRIZIONE ATTIVITA Come rendere intelligente la tua città? La trasformazione in una smart

Dettagli

Incubatori Tecnologici

Incubatori Tecnologici Incubatori Tecnologici Dal Laboratorio al Mercato Vittorio Palmieri 1 Cos è? L incubazione di impresa è un processo dinamico di sviluppo aziendale. Gli incubatori nutrono le giovani imprese, aiutandole

Dettagli

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione - 26 maggio 2015 - Continua a crescere il numero di start-up innovative nel nostro Paese: a fine aprile avevano

Dettagli

Confindustria Genova

Confindustria Genova Confindustria Genova La levadel Private Equity nelleacquisizionie nelle cessioni: minoranze e maggioranze Genova, 14 maggio 2015 Raffaele de Courten 1 ARGOMENTI TRATTATI Cosa fanno gli operatori di Private

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Gli strumenti finanziari co-finanziati dal Fondo Sociale Europeo permettono di investire, in modo sostenibile ed efficiente, per rafforzare

Dettagli

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl. di Massimo Lazzari (*)

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl. di Massimo Lazzari (*) Turnaround Tecniche Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl di Massimo Lazzari (*) In questo sesto contributo verranno pubblicati i risultati di un osservatorio

Dettagli

Prevedere eventuali allegati (CV, piani operativi, documenti sulla protezione della P.I., ecc.).

Prevedere eventuali allegati (CV, piani operativi, documenti sulla protezione della P.I., ecc.). Premessa e guida per la compilazione Il Business Plan deve essere riferito al primo triennio di attività, deve essere sintetico (lunghezza massima 20 pagine), chiaro, esaustivo ma, soprattutto, deve convincere

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Gli strumenti finanziari co-finanziati dai Fondi Strutturali e di Investimento Europei permettono di investire, in modo

Dettagli

IL MERCATO ITALIANO DEL CAPITALE DI RISCHIO INFORMALE

IL MERCATO ITALIANO DEL CAPITALE DI RISCHIO INFORMALE IL MERCATO ITALIANO DEL CAPITALE DI RISCHIO INFORMALE (Sintesi dei dati raccolti da IBAN, con questionario on line, nel periodo 13 gennaio/25 marzo 2010) Variazione % Anno 2009 su 2008 Campione (di cui

Dettagli

Schema per la redazione di un business plan high tech

Schema per la redazione di un business plan high tech Schema per la redazione di un business plan high tech 1. Sintesi dell idea 2. Assessment dei fattori di rischio dell iniziativa 3. Strategia competitiva 3.1 Fonti del vantaggio competitivo 3.2 Posizionamento

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE Riccardo Cappellin OS.E.L.R. - Osservatorio sulle Economie Locali e Regionali Dipartimento di Economia e Istituzioni Università di Roma "Tor Vergata"

Dettagli

Create new Connections, Improve, Grow

Create new Connections, Improve, Grow Consulting Strategy Business Requirement Investment MILANO VENTURE COMPANY Group Create new Connections, Improve, Grow We are Milano Venture Company Agenda Chi siamo I nostri servizi Servizio di Funding

Dettagli

Finanziare le start-up

Finanziare le start-up Stampa Finanziare le start-up admin, Riccardo Ferranti in Bilancio Finanziare le startup Avviare un impresa è il sogno di molte persone che hanno acquisito conoscenze e competenze in un determinato settore

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 (Aprile 2013) 1/373 Sperimentale secondo le modalità previste dalla Comunicazione

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

dall idea alla startup

dall idea alla startup dall idea alla startup Vademecum sul mondo del Venture Capital IL VENTURE CAPITAL Il venture capital è l attività di investimento in capitale di rischio effettuata da operatori professionali e finalizzata

Dettagli

Startup. Da: «Fondatori» Luca De Biase / Luca Tremolada Hoepli 2014

Startup. Da: «Fondatori» Luca De Biase / Luca Tremolada Hoepli 2014 Da: «Fondatori» Luca De Biase / Luca Tremolada Hoepli 2014 Nell ultimo decennio, nei paesi OCSE, le imprese nate da cinque anni o meno hanno generato quasi la metà di tutti i nuovi posti di lavoro, mentre

Dettagli

Il ruolo del Private Equity e del Venture Capital quali propulsori della valorizzazione e del rilancio delle imprese

Il ruolo del Private Equity e del Venture Capital quali propulsori della valorizzazione e del rilancio delle imprese Il ruolo del Private Equity e del Venture Capital quali propulsori della valorizzazione e del rilancio delle imprese Villa Serra di Comago Comago Sant Olcese (GE), 3 Ottobre 2006 Agenda 1. Storia e sviluppo

Dettagli

Aster - Consorzio tra Regione Emilia Romagna Università. Enti di Ricerca e Imprese Bando di selezione imprese We Tech Off

Aster - Consorzio tra Regione Emilia Romagna Università. Enti di Ricerca e Imprese Bando di selezione imprese We Tech Off Scadenza 31 dicembre 2011 Scadenza intermedia: 30.04.2010 per servizi pre-incubazione Scadenza intermedia: 16.07.2010 per servizi incubazione Aster - Consorzio tra Regione Emilia Romagna Università. Enti

Dettagli

La manualistica di prodotto come elemento di user centered design

La manualistica di prodotto come elemento di user centered design come elemento di user centered design Fondazione la Fornace di Asolo 21 aprile 2009 Asolo, 21 aprile 2009 1 Treviso Tecnologia: Innovazione come missione Treviso Tecnologia èl Azienda Speciale per l innovazione

Dettagli

INCONTRI OBBIETTIVO INNOVATION MANAGEMENT Il 9 giugno presso la Fornace di Asolo, il gruppo di ricerca YEAM (Young European Avantgarde Minds), con la produzione di Giulia Multimedia ed in collaborazione

Dettagli

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia. di Massimo Lazzari (*)

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia. di Massimo Lazzari (*) Tecniche Turnaround Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia Italiana SpA di Massimo Lazzari (*) Prosegue la serie di 10 contributi dedicati al turnaround come

Dettagli

BERGAMO SMART CITY VERSO EXPO 2015. Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso - 26 novembre 2013

BERGAMO SMART CITY VERSO EXPO 2015. Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso - 26 novembre 2013 BERGAMO SMART CITY VERSO EXPO 2015 Start Up Innovative -Le imprese fanno sistema Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso - 26 novembre 2013 START UP E INCUBATORI Il Decreto Sviluppo (179/2012), introducendo

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE. sociale. Periodo 2014/2015

AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE. sociale. Periodo 2014/2015 AVVISO AD EVIDENZA PUBBLICA PROGETTO SOVVENZIONE GLOBALE Percorsi integrati per la creazione d imprese innovative spin off della ricerca pubblica estesi anche alle imprese innovative che intendono avviare

Dettagli

La valorizzazione dei risultati Il ruolo degli incubatori tecnologici Un Incubatore è uno strumento di sviluppo economico progettato allo scopo di accelerare la crescita ed il successo di iniziative i

Dettagli

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3 Prefazione Come mai le imprese multibusiness continuano, nonostante tutto, a esistere? Come mai hanno resistito alla crisi finanziaria scoppiata nel 2007, e hanno, in ogni caso, resistito meglio rispetto

Dettagli

Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity

Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity Capitale di rischio Strumenti per patrimonializzare e sostenere le Pmi: il Private Equity di Amedeo De Luca Le Pmi italiane costituiscono la struttura portante del sistema economico nazionale, sia per

Dettagli

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO COMMISSIONE 3: SERVIZI PER LO SVILUPPO LOCALE DEI TERRITORI Sintesi risultati incontro del 11 Marzo 2009 ASSISTENZA TECNICA A CURA DI: RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO

Dettagli

Sinergie e risultati nel settore del farmaco. Massimo Boriero Gruppo Biotecnologie Farmindustria

Sinergie e risultati nel settore del farmaco. Massimo Boriero Gruppo Biotecnologie Farmindustria Sinergie e risultati nel settore del farmaco Massimo Boriero Gruppo Biotecnologie Farmindustria Roma, 22 maggio 2007 Dalle Biotecnologie per la Salute nuove possibilità di cura settore Science-based le

Dettagli

EDUCATION EXECUTIVE. Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale. Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE

EDUCATION EXECUTIVE. Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale. Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE EXECUTIVE EDUCATION Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE fondazione cuoa business school dal 1957 Il punto di riferimento qualificato

Dettagli

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore)

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) FOCUS: IL POSSIBILE CO-MARKETING Il focus intende coinvolgere i presidenti delle cooperative nell analisi di un possibile co-marketing. Raccogliere

Dettagli

SERVIZI ALL INTERNAZIONALIZZAZIONE

SERVIZI ALL INTERNAZIONALIZZAZIONE SERVIZI ALL INTERNAZIONALIZZAZIONE Per rispondere in modo mirato ed efficace alle esigenze ed agli interrogativi delle imprese interessate ad intraprendere iniziative di varia natura sui mercati esteri,

Dettagli

Il finanziamento alle startup: il ruolo dell investitore Business Angel

Il finanziamento alle startup: il ruolo dell investitore Business Angel Il finanziamento alle startup: il ruolo dell investitore Business Angel Paolo Anselmo - Presidente Roma, 28 Gennaio 2015 www.iban.it Il Network di IBAN L Associazione IBAN è l'istituzione che rappresenta

Dettagli

Sito web: www.fidapa.com; e-mail: fidapa@tin.it BANDO STARTUP

Sito web: www.fidapa.com; e-mail: fidapa@tin.it BANDO STARTUP All.5 BPW Italy FEDERAZIONE ITALIANA DONNE ARTI PROFESSIONI AFFARI FIDAPA - BPW ITALY INTERNATIONAL FEDERATION OF BUSINESS AND PROFESSIONAL WOMEN Via Piemonte, 32 00187 Roma Tel 06 4817459 Fax 06 4817385

Dettagli

PMO: così fanno le grandi aziende

PMO: così fanno le grandi aziende PMO: così fanno le grandi aziende Tutte le grandi aziende hanno al loro interno un PMO - Project Management Office che si occupa di coordinare tutti i progetti e i programmi aziendali. In Italia il project

Dettagli

Aree di inserimento I percorsi di carriera: tante le opportunità quante le

Aree di inserimento I percorsi di carriera: tante le opportunità quante le ACCENTURE SPA Profilo Azienda Accenture è un'azienda globale di Consulenza Direzionale, Servizi Tecnologici e Outsourcing che conta circa 323 mila professionisti in oltre 120 paesi del mondo. Quello che

Dettagli

LE DECISIONI STRATEGICHE DI ACQUISIZIONE- CESSIONE AZIENDALE

LE DECISIONI STRATEGICHE DI ACQUISIZIONE- CESSIONE AZIENDALE LE DECISIONI STRATEGICHE DI ACQUISIZIONE- CESSIONE AZIENDALE Prof. Massimo Saita Direttore Istituto Economia, Amministrazione e Politica Aziendale Università degli Studi di Milano Bicocca Professore ordinario

Dettagli

Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati

Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati MECCANICA FINANZIARIA è una società ben strutturata, composta da un team altamente qualificato e dalla pluriennale

Dettagli

I FONDI CHIUSI: STRUMENTI DI CRESCITA PER LE AZIENDE

I FONDI CHIUSI: STRUMENTI DI CRESCITA PER LE AZIENDE Confindustria Palermo I FONDI CHIUSI: STRUMENTI DI CRESCITA PER LE AZIENDE intervento di AMEDEO GIURAZZA Amministratore Delegato - Vertis SGR SpA Palermo, 6 febbraio 2008 1 I FONDI CHIUSI: CARATTERISTICHE,

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni Agenda Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria Consulenza globale Ambiti d intervento Conferma e arricchimento soluzioni 1 Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria Un impegno

Dettagli

OPPORTUNITÀ E FUTURO. Glossario

OPPORTUNITÀ E FUTURO. Glossario OPPORTUNITÀ E FUTURO Glossario A Acceleratore d impresa L acceleratore d impresa è una struttura di supporto alle start-up. Simile all incubatore, l acceleratore supporta le imprese nel passaggio dalla

Dettagli

Premio internazionale per le idee imprenditoriali con alto valore sociale o ambientale

Premio internazionale per le idee imprenditoriali con alto valore sociale o ambientale Premio internazionale per le idee imprenditoriali con alto valore sociale o ambientale 2013 - Quinta edizione dell Italian Round Ideata e promossa da L idea Si tratta di un concorso internazionale che

Dettagli

BANDO COOPSTARTUP PUGLIA 2014 Incubatore diffuso di impresa cooperativa

BANDO COOPSTARTUP PUGLIA 2014 Incubatore diffuso di impresa cooperativa BANDO COOPSTARTUP PUGLIA 2014 Incubatore diffuso di impresa cooperativa 1. DESCRIZIONE E OBIETTIVO Coopstartup Puglia è un progetto di Legacoop Puglia per la nascita di nuove idee di impresa improntate

Dettagli

Venezia, 13 luglio 2009. Il progetto. Davide Fratini ENEA - Consorzio IMPAT

Venezia, 13 luglio 2009. Il progetto. Davide Fratini ENEA - Consorzio IMPAT Venezia, 13 luglio 2009 Il progetto Davide Fratini ENEA - Consorzio IMPAT Il consorzio IMPAT IMPAT è un consorzio senza scopo di lucro tra ENEA, Università degli Studi di Ferrara e Tecnopolis Parco Scientifico

Dettagli

PIANO D AZIONE UE. PER MIGLIORARE L ACCESSO DELLE PMI AI FINANZIAMENTI Serie La lente sull Ue n 13 D E L E G A Z I O N E D I B R U X E L L E S

PIANO D AZIONE UE. PER MIGLIORARE L ACCESSO DELLE PMI AI FINANZIAMENTI Serie La lente sull Ue n 13 D E L E G A Z I O N E D I B R U X E L L E S Nota di presentazione del documento pubblicato dalla Commissione europea il 7 dicembre 2011 D E L E G A Z I O N E D I B R U X E L L E S PIANO D AZIONE UE PER MIGLIORARE L ACCESSO DELLE PMI AI FINANZIAMENTI

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

La delocalizzazione. Corso di Finanza internazionale Doriana Cucinelli 19-marzo-2013

La delocalizzazione. Corso di Finanza internazionale Doriana Cucinelli 19-marzo-2013 La delocalizzazione Corso di Finanza internazionale Doriana Cucinelli 19-marzo-2013 Agenda Cosa si intende per delocalizzazione Internazionalizzazione vs delocalizzazione Le forme di internazionalizzazione

Dettagli

Startup innovative: opportunità fiscali e strumenti di gestione e finanziamento

Startup innovative: opportunità fiscali e strumenti di gestione e finanziamento Università degli Studi di Sassari Sassari, 15 Maggio 2014 Startup innovative: opportunità fiscali e strumenti di gestione e finanziamento Dottore Commercialista- Revisore legale dei conti La fase di start

Dettagli

La gestione delle risorse immateriali: l'esperienza del Liaison Office dell Area Ricerca dell'università di Verona

La gestione delle risorse immateriali: l'esperienza del Liaison Office dell Area Ricerca dell'università di Verona La gestione delle risorse immateriali: l'esperienza del Liaison Office dell Area Ricerca dell'università di Verona Dott. Luca Guarnieri Responsabile Liaison Office Area Ricerca Università degli Studi di

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3752 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MOSCA, LORENZIN Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Presentata

Dettagli

FINAL MEETING. Progettazione e studio di un incubatore per le imprese. Dott. Paolo Papapietro- Dott.Nicola Faccilongo

FINAL MEETING. Progettazione e studio di un incubatore per le imprese. Dott. Paolo Papapietro- Dott.Nicola Faccilongo FINAL MEETING Progettazione e studio di un incubatore per le imprese. Dott. Paolo Papapietro- Dott.Nicola Faccilongo Camera di Commercio Bari, 15 Novembre 2013 Gli Incubatori di Impresa rappresentano un

Dettagli

DARE VALORE ALLE IMPRESE

DARE VALORE ALLE IMPRESE DARE VALORE ALLE IMPRESE Estero, crescita, nuova imprenditoria Accordo Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria indice 2 UN IMPEGNO COMUNE PER LA CRESCITA 3 I PUNTI CHIAVE DEL NUOVO ACCORDO 4

Dettagli

Le strategie di internazionalizzazione

Le strategie di internazionalizzazione Le strategie di internazionalizzazione Elisabetta Marafioti Il processo di internazionalizzazione delle imprese Brescia, mercoledì 3 marzo 2010 Cos è una strategia di internazionalizzazione? Stiramento

Dettagli

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Competitività, sistema produttivo e infrastrutture. Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Gabriele Ghetti, Presidente Piacenza, 27 ottobre 2005 Profilo Soci SIPRO è una Società per Azioni, con

Dettagli

PROGRAMMA REGIONALE DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE IN VENETO

PROGRAMMA REGIONALE DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE IN VENETO giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2888 del 28 dicembre 2012 pag. 1/11 PROGRAMMA REGIONALE DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE IN VENETO 2012-2013 ALLEGATOA alla Dgr

Dettagli

CAP 2 Le fonti dell innovazione. Gestione dell innovazione

CAP 2 Le fonti dell innovazione. Gestione dell innovazione CAP 2 Le fonti dell innovazione Gestione dell innovazione 1 La creatività L innovazione può scaturire da molte fonti diverse: Mente degli individui Ricerca universitaria, EPR, incubatori di imprese, fondazioni

Dettagli

INNOVAZIONE E MANAGEMENT PER STARTUP INNOVATIVE CIMS

INNOVAZIONE E MANAGEMENT PER STARTUP INNOVATIVE CIMS INNOVAZIONE E MANAGEMENT PER STARTUP INNOVATIVE CIMS Corsi di Alta Formazione - Innovazione, Finanza e Management per le PMI Premessa Le startup, in special modo quelle caratterizzate da processi, servizi

Dettagli

SERVIZIO FONDI EUROPEI, INNOVAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO ENERGY CENTER

SERVIZIO FONDI EUROPEI, INNOVAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO ENERGY CENTER SERVIZIO FONDI EUROPEI, INNOVAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO ENERGY CENTER Progetto di riqualificazione e riconversione dell edificio Ex-Westinghouse in centro di competenza nel campo dell innovazione energetico-ambientale

Dettagli

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo...

Premessa... 1. Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3. Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... Esame e analisi critica di un business plan Premessa... 1 Indagine sul processo di pianificazione del business plan... 3 Verifica dell accuratezza storica di budget e piani di sviluppo... 3 Analisi di

Dettagli

Introduzione all attività di ricerca di informazioni nel settore IP (Proprietà Intellettuale)

Introduzione all attività di ricerca di informazioni nel settore IP (Proprietà Intellettuale) Introduzione all attività di ricerca di informazioni nel settore IP (Proprietà Intellettuale) Indice Pag 2 - Cos è l attività di ricerca di informazioni nel settore della Proprietà Intellettuale? Pag 4

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

Ing. Luca Canepa - Consigliere Delegato IBAN

Ing. Luca Canepa - Consigliere Delegato IBAN Ing. Luca Canepa - Consigliere Delegato IBAN Nato a Milano nel Novembre 1957, Luca è un business leader, executive e advisor con vasta esperienza internazionale. Luca ha supportato con successo varie Aziende

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

LO START UP D IMPRESA INNOVATIVA Vantaggi, agevolazioni fiscali, finanziamenti e incentivi della Regione Toscana. Giovedì 26 novembre 2015

LO START UP D IMPRESA INNOVATIVA Vantaggi, agevolazioni fiscali, finanziamenti e incentivi della Regione Toscana. Giovedì 26 novembre 2015 LO START UP D IMPRESA INNOVATIVA Vantaggi, agevolazioni fiscali, finanziamenti e incentivi della Regione Toscana Giovedì 26 novembre 2015 9:45 Polo Tecnologico e startup innovative Nico Cerri 10:00 Dall

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

Creazione e Start-up di NUOVEIMPRESE

Creazione e Start-up di NUOVEIMPRESE Creazione e Start-up di NUOVEIMPRESE I servizi del sistema camerale emiliano romagnolo per il sostegno alla creazione e allo start up di impresa» Bologna, 14 dicembre 2015 L iniziativa Creazione e start-up

Dettagli

Finanziamento e politiche per l innovazione

Finanziamento e politiche per l innovazione BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A Finanziamento e politiche per l innovazione Banca d Italia, Sede di Genova 19 Novembre 2013 Le politiche per l innovazione: motivazione economica Tipologia ed effetti

Dettagli

Introduzione alla figura del Business Angel. Ing. Paolo Anselmo - Presidente IBAN Milano, 8 Ottobre 2015

Introduzione alla figura del Business Angel. Ing. Paolo Anselmo - Presidente IBAN Milano, 8 Ottobre 2015 Introduzione alla figura del Business Angel Ing. Paolo Anselmo - Presidente IBAN Milano, 8 Ottobre 2015 Introduzione Imprenditorialità: definizione

Dettagli

CARTELLA STAMPA. LVenture Group Responsabile Relazioni Esterne bianca.santillo@lventuregroup.com Via G. Giolitti, 34 00185 Roma, Tel.

CARTELLA STAMPA. LVenture Group Responsabile Relazioni Esterne bianca.santillo@lventuregroup.com Via G. Giolitti, 34 00185 Roma, Tel. CARTELLA STAMPA IR Top Consulting Media Relations Via C. Cantù, 1 Milano Luca Macario, Domenico Gentile, Maria Antonietta Pireddu Tel. +39 (02) 45.47.38.84/3 ufficiostampa@irtop.com LVenture Group Responsabile

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Le opportunità della politica di sviluppo rurale

Le opportunità della politica di sviluppo rurale Le opportunità della politica di sviluppo rurale Fonte Inea Forme innovative di integrazione in agricoltura per favorire l insediamento dei giovani nel settore primario ) La politica di sviluppo rurale

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO

2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO CARTELLA STAMPA di 1. INDICE 2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO pag. 3 3. PERCHÉ NASCE EXPLORA pag. 3 4. LA SUA IDENTITÀ pag. 3 5. MISSION pag. 4 6. APPROCCIO pag. 4 7. ELEMENTI DISTINTIVI

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

CARTELLA STAMPA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE. Milano, 10 Dicembre 2013

CARTELLA STAMPA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE. Milano, 10 Dicembre 2013 CARTELLA STAMPA di CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE Turismo integrato, motore di Expo 2015 Milano, 10 Dicembre 2013 INDICE 1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO pag. 3 2. PERCHÉ NASCE

Dettagli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media INFORMAZIONI Materiale

Dettagli

PRIVATE EQUITY & VENTURE CAPITAL: ASPETTI DEFINITORI.

PRIVATE EQUITY & VENTURE CAPITAL: ASPETTI DEFINITORI. PRIVATE EQUITY & VENTURE CAPITAL: ASPETTI DEFINITORI. 1 Private Equity e Venture Capital: una definizione Al contrario di quanto avviene negli USA, dove l attività di investimento nel capitale di rischio

Dettagli

Incubatore d impresa. Per sostenere le nuove idee imprenditoriali

Incubatore d impresa. Per sostenere le nuove idee imprenditoriali Incubatore d impresa Per sostenere le nuove idee imprenditoriali PRESENTAZIONE DELLA BUONA PRATICA L alta mortalità delle imprese nei primi anni di vita è spesso dovuta a una scarsa programmazione prospettica

Dettagli

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!!

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! MISSION La mission di CSR Solution è quella di supportare soluzioni software avanzate nei settori della progettazione e della produzione industriale per le aziende

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

INNOGEST S.G.R. Claudio Giuliano VENTURE CAPITAL: RISCHI ED OPPORTUNITÀ

INNOGEST S.G.R. Claudio Giuliano VENTURE CAPITAL: RISCHI ED OPPORTUNITÀ INNOGEST S.G.R. Claudio Giuliano VENTURE CAPITAL: RISCHI ED OPPORTUNITÀ Aprile 2006 Il seed & early stage capital Definizione: il seed & early stage capital rappresenta l investimento effettuato nella

Dettagli