A.I.F.I. INCUBATORI PRIVATI: REALTÀ INTERNAZIONALE E MODELLO ITALIANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A.I.F.I. INCUBATORI PRIVATI: REALTÀ INTERNAZIONALE E MODELLO ITALIANO"

Transcript

1 A.I.F.I. INCUBATORI PRIVATI: REALTÀ INTERNAZIONALE E MODELLO ITALIANO Collana Capitale di rischio e impresa Quaderno n.10 ASSOCIAZIONE ITALIANA DEGLI INVESTITORI ISTITUZIONALI NEL CAPITALE DI RISCHIO

2 2

3 COLLANA CAPITALE DI RISCHIO E IMPRESA QUADERNO N.10 3

4 4

5 INCUBATORI PRIVATI: REALTÀ INTERNAZIONALE E MODELLO ITALIANO Collana Capitale di rischio e impresa Quaderno n.10 5

6 6

7 Indice Premessa L attività d incubazione: aspetti definitori Introduzione La classificazione degli incubatori di impresa secondo il modello Nordamericano L attività di incubazione svolta dalle società di venture capital Gli incubatori non-profit Gli incubatori universitari Gli incubatori promossi da wealthy individual Gli incubatori promossi da società con centri di ricerca e sviluppo interni Gli incubatori promossi da holding companies Gli incubatori promossi da grandi società di consulenza Gli incubatori promossi da società di prodotto I facilitatori L attività di incubazione in USA L attività di incubazione in Italia Considerazioni iniziali Gli incubatori profit oriented Gli incubatori non-profit Gli incubatori universitari La ricerca sugli incubatori profit oriented Metodologia e criteri seguiti nel corso della ricerca L origine, la dimensione e la portata del fenomeno Le principali caratteristiche strutturali degli incubatori I settori di investimento, le modalità di ricavo e i modelli di riferimento...51 Bibliografia selezionata

8 8

9 PREMESSA Il presente lavoro si pone l obiettivo di fornire un primo quadro sull attività di incubazione di impresa cosiddetta profit oriented, rappresentante una realtà in forte evoluzione nel nostro Paese e in gran parte dell Europa continentale. A partire dalla seconda metà del 1999, infatti, per lo più sulla scia di una sempre maggior diffusione delle nuove tecnologie e applicazioni informatiche Internet related e sulla base di esperienze già sperimentate con successo negli Stati Uniti, anche in Italia sono state lanciate diverse iniziative, di diversa matrice, finalizzate al sostegno di imprese di nuova costituzione o, molte volte, al supporto di aspiranti neo-imprenditori per la trasformazione della loro idea di business in impresa. Nell ambito della sua attività, A.I.F.I., rappresentando fin dalla sua fondazione gli interessi degli operatori di venture capital presenti nel nostro Paese, ha da sempre prestato particolare attenzione ai contesti istituzionali e di mercato relativi al supporto per la nascita di nuove imprese. L attività di incubazione, sia essa svolta da soggetti pubblici o privati, rientra negli sviluppi che interessano A.I.F.I. Proprio al fine di approfondire l argomento e affrontarne, in chiave istituzionale, le problematiche, A.I.F.I. ha costituito al suo interno una commissione di studio. È in tale ambito che si è deciso di approfondire le caratteristiche dell attività di incubazione profit oriented, i cui attori si sono recentemente affacciati nel nostro sistema. Pur consapevoli del ruolo dominante che in questo campo compete alle istituzioni pubbliche e universitarie, la volontà di approfondimento degli attori privati e orientati al profitto è nata dall esigenza di meglio comprendere una realtà del tutto nuova per il nostro Paese, e valutarne la complementarietà con gli altri attori del mercato. Inoltre, nell ambito di un sistema in continua evoluzione, tanto concettuale, quanto strategica e, ancor più, terminologica, attraverso questo primo studio sugli incubatori privati attivi in Italia, si è voluto proporre un tentativo di descrizione delle attività svolte da tali operatori, indipendentemente dalle diverse denominazioni attribuite, spesso derivanti da un eccessivo tentativo di segmentazione di un mercato ancora molto giovane. Analizzare il ruolo e le attività svolte dai singoli operatori, prima che il modello di business, è infatti stato l obiettivo primario della ricerca, che sarà con ogni probabilità replicata a cadenza periodica e con riferimento, speriamo, ad una sempre maggiore pluralità di 9

10 soggetti. A questo proposito, anche il fatto che questo studio venga pubblicato in un momento in cui le condizioni di base, con riferimento al mondo Internet in quanto tale, risultino radicalmente modificate rispetto al periodo di analisi, vuole essere stimolo per aiutare ad individuare coloro che, più degli altri, sapranno o hanno saputo,adattarsi ai cambiamenti di un sistema dinamico per definizione, quale quello della nuova imprenditorialità. È importante sottolineare come quanto analizzato con riferimento all Italia, corrisponda, in modo coerente, con quanto verificatosi a livello Europeo, quando, a partire dagli ultimi mesi del 1999, le iniziative private di società specializzate in attività di incubazione, prima in forma cosiddetta indipendente e, subito dopo, come emanazione di strutture industriali, di consulenza, o finanziarie, sono andate moltiplicandosi. Il presente studio, è dunque partito da un analisi degli aspetti definitori dell attività di incubazione, prendendo spunto sia dalla più recente letteratura internazionale, che da uno studio della società canadese Microforum, orientato a classificare ed esaminare i diversi attori del cosiddetto ecosistema di incubazione di impresa. Successivamente, per meglio comprendere il fenomeno, si è fatto riferimento alla realtà senza dubbio più evoluta quale quella statunitense. Anche in questo caso, l accostamento non si è posto l obiettivo di giungere ad un mero confronto o tentativo di classificazione dei diversi attori, di fatto oggi resa impossibile dal diverso grado di maturità del sistema, ma di fornire una chiave di lettura di quali potrebbero essere gli elementi comuni, quelli di strutturale diversità, e le possibili evoluzioni. Da ultimo, è stata esaminata l attività di incubazione realizzata nel nostro Paese, con un approccio sintetico per ciò che riguarda il ruolo e le caratteristiche operative degli incubatori pubblici e universitari e focalizzandosi maggiormente, attraverso l esposizione dei risultati della ricerca condotta sul campo, sul sistema degli incubatori profit oriented. Ringraziamo tutti coloro che hanno partecipato alla realizzazione del presente Quaderno e all elaborazione dei contenuti sia empirici che teorici: dallo staff di IdeaUp, che, in particolar modo nella persona di Andrea Elestici, ha promosso e collaborato alla realizzazione della ricerca sul contesto italiano, a Diego Dall Orto 10

11 e Matteo Facoetti, che hanno lavorato con impegno sia nella raccolta delle informazioni sul campo, sia nella stesura dei testi definitivi. Milano, aprile

12 12

13 1. L ATTIVITÀ D INCUBAZIONE: ASPETTI DEFINITORI 1.1 Introduzione Il deficit nella nascita di nuove iniziative imprenditoriali high tech costituisce uno dei principali vincoli alla diffusione di nuove ondate tecnologiche, in grado di creare nuova ricchezza e nuova occupazione. A livello di problematiche istituzionali o, comunque, di carattere macro, le ragioni di questo ritardo vanno ricercate in una serie di motivi: la distanza tra il mondo della ricerca e il sistema delle imprese; la carenza di servizi per l innovazione; l assenza di un reale mercato del trasferimento di tecnologie; la difficoltà del mercato del venture capital di intervenire nelle fasi di seed capital. Trovare i capitali necessari per portare una neo-azienda ad affacciarsi con solidità sul mercato, soprattutto per le start up che operano esclusivamente o prevalentemente con le nuove tecnologie, presenta problemi molto particolari, ai quali le strutture finanziarie tradizionali difficilmente possono far fronte. Le imprese tecnologiche, infatti, sono caratterizzate da peculiarità strutturali, che necessitano di una assistenza mirata ed intensa, soprattutto nelle primissime fasi di vita delle stesse. In prima analisi si può affermare che affinché si possano sviluppare iniziative imprenditoriali ad elevato contenuto tecnologico o, più semplicemente, iniziative che utilizzino la tecnologia esistente per inventare nuovi prodotti e processi (aziende innovative), è soprattutto necessario un ecosistema imprenditoriale, che sia flessibile, dinamico e preparato. Nei sistemi anglosassoni, le relazioni virtuose tra il mondo della ricerca, il sistema imprenditoriale e le esternalità necessarie alla nascita delle nuove iniziative imprenditoriali sono largamente diffuse sul territorio e si sono concretizzate in spazi urbani o locali specializzati, nei quali sono presenti tutte le condizioni necessarie allo sviluppo della nuova imprenditorialità: tecnologie, capacità imprenditoriali, spazi attrezzati, servizi avanzati, capitali. 13

14 Al contrario, ove i mercati non sono in grado di creare autonomamente le esternalità necessarie si rende opportuna la creazione sia di luoghi istituzionali ad hoc 1 che fungano da elementi catalizzatori (in grado di attrarre e sviluppare le risorse, le expertise e le reti di sistema capaci di avviare il circolo virtuoso che va dall opportunità tecnologica all attività imprenditoriale), sia di infrastrutture dedicate alla disseminazione delle tecnologie innovative 2. Sostenere economicamente un progetto che possa diventare un impresa solida e redditizia richiede, infatti, competenze nuove, profonda conoscenza delle tecnologie utilizzabili e, soprattutto, quella visione imprenditoriale indispensabile per selezionare, tra le molte iniziative possibili, quelle che effettivamente possono garantire qualche chance di successo. A tal fine, già da qualche anno, operano società focalizzate nel supportare neo imprese e società innovative nella generazione del proprio spazio sul mercato, impegnate a seguire le start up fin dalle prime fasi del loro ciclo di vita, aiutandole a sviluppare il proprio business, fino ad accompagnarle alla quotazione in Borsa. Queste specifiche realtà vengono definite incubatori e il loro scopo è proprio quello di fornire alle nuove iniziative imprenditoriali tutto ciò che possa aiutarle per nascere e crescere, offrendo spazi fisici dove poter muovere i primi passi, servizi amministrativi ed organizzativi, reclutando il personale più qualificato, fornendo assistenza nella redazione del business plan e, al momento opportuno, offrendo quei contatti e quella credibilità indispensabile per attrarre gli investimenti dei venture capitalist. Un vero incubatore, infatti, non si occupa primariamente di fornire capitali, ma di aiutare un progetto a concretizzarsi in un impresa. Occorre pertanto evitare di sovrapporre queste due figure chiave, incubatori e venture capitalist, per non confondere due ambiti di attività molto diversi tra loro. Mentre gli incubatori operano prevalentemente nella fase immediatamente precedente il finanziamento vero e proprio, dallo sviluppo del business plan ai primi cinque, sei mesi di attività, 1 D. Siniscalco, Gli incubatori, veri talent scout alle spalle dei nuovi imprenditori, Il Sole 24 ore, 6/6/ M. Marinazzo, Science parks and local technology infrastructures: demand driver approaches from SME s point of view, in Campo dall Orto S. (a cura di) Managing technological knowledge transfer, Cost/European Union,

15 i venture capitalist intervengono successivamente, per supportare tutte quelle iniziative che necessitano di finanziamenti maggiori e a più lungo termine. A livello finanziario, un incubatore fornisce il seed money, ossia il capitale per far nascere l attività imprenditoriale e, solo quando l attività si è ormai consolidata, lascia al venture capital il secondo round di finanziamento. Tutto ciò ha contribuito a rendere la figura dell incubatore complementare a quella dell investitore nel capitale di rischio, tanto che oggi risulta assai frequente che un venture capitalist si presti a finanziare un idea precedentemente seguita da un incubatore. Grafico 1.1: Stadi di sviluppo dell impresa e ruolo degli operatori finanziari VALORE DELL IMPRESA Mercato/Operatori strategici Venture Capitalist Incubatori 1 round di finanziamento 2 round di finanziamento 3 round di finanziamento IPO Tempo Fonte: M. Livian, Valutazioni.com, EGEA, Milano 2000 Caratteristica comune ad entrambi gli operatori risulta essere, invece, la naturale assunzione del rischio, ma secondo le prime stime, mentre le aziende che ricevono 15

16 il seed money hanno successo all incirca una volta su tre, il second round fa registrare successi intorno al 50% dei casi. Una delle principali differenze tra incubatori 3 e venture capitalist sta dunque nel diverso stadio di vita delle imprese finanziate. Nel primo caso si è ancora a livello di seed financing (quindi di finanziamento delle idee), mentre nel secondo caso generalmente si tratta di start up o expansion financing 4 (e quindi di imprese già nate o in fase di sviluppo). Le due tipologie di operatori si assumono anche rischi diversi. Volendo prendere il caso statunitense come esempio, in genere un incubatore finanzia un nuovo business investendo mediamente fino a un milione di dollari in cambio di circa il 50% delle quote della società, mentre i venture capitalist investono in media da 3 a 8 milioni di dollari con partecipazioni intorno al 20-40%. In Italia esistono oggi società di venture capital specializzate negli investimenti in start up tecnologici. Fino al 1997, tuttavia, il mercato italiano del capitale di rischio, pur disponendo di ingenti quantità di risorse finanziarie, si è affidato ad un criterio altamente selettivo nella scelta delle operazioni da effettuare. Esso escludeva aprioristicamente buona parte degli start up tecnologici, privilegiando le imprese che, rafforzate dalle immissioni di capitale, si sarebbero sviluppate velocemente attraverso nuove acquisizioni, oppure incrementando la propria capacità produttiva. La New Economy, tuttavia, ha imposto all improvviso regole di valutazione e reazione molto più veloci e ha richiesto, agli stessi operatori, di cambiare strategia e attività in maniera repentina. Il mercato ha così conosciuto, dapprima, la nascita di società di venture capital specializzate e, successivamente, l ingresso di nuovi investitori e di nuovi operatori, quali gli incubatori e le società di corporate venture capital. Questi ultimi rappresentano generalmente divisioni specializzate di aziende industriali di grandi dimensioni. Sono pertanto costituti da operatori altamente specializzati nei vari settori tecnologici, quali biotecnologie, informatica e 3 Noti anche come venture catalysts. 4 Per una più completa comprensione delle differenti fasi di intervento nel capitale di rischio delle imprese si veda A. Gervasoni, F.L. Satin, Private equity e Venture Capital, Guerini e Associati, Milano

17 telecomunicazioni. Le modalità di intervento possono essere le più diverse, la partecipazione può essere sia di minoranza che di maggioranza e quasi sempre viene effettuata tramite aumento di capitale. Nel caso specifico di investimenti effettuati da corporate venture capitalist, non è infrequente una clausola che riconosce alla società cui fa capo l investitore il diritto di avere una sorta di right of first refusal nel momento del disinvestimento della partecipazione. Nelle partecipazioni di minoranza possono essere adottate invece clausole di put & call che hanno come obiettivo quello di garantire all investitore una via d uscita alternativa nel caso di rifiuto da parte dell azionista di maggioranza di accedere ad un mercato regolamentato, o di vendere la società a terzi. L obiettivo finale di questo particolare investitore è comunque l acquisto da parte della casa madre dell iniziativa finanziata e il periodo di investimento è generalmente molto lungo, quasi sempre superiore ai cinque anni 5. Negli Stati Uniti, si tratta, nella maggior parte dei casi, di grandi imprese fornitrici di tecnologia/infrastrutture o società telefoniche, entrate nell arena competitiva del venture capital per sostenere lo sviluppo della rete e la diffusione globale, al fine di accrescere il mercato dei futuri potenziali clienti 6. Altre volte, invece, le big corporations cercano alleati tra le società di venture capital, come nel caso dei 35 milioni di dollari stanziati da Microsoft, Lucent, Compaq e Nortel per costituire l Internet Technology Fund II gestito da Accel Partners. In Italia gli esempi più noti di corporate venture capital riguardano invece società come: Enel, Telecom e Seat, che pur non perdendo di vista le loro attività tradizionali e istituzionali, hanno dato vita, attraverso i loro gruppi, a strutture di venture capital, con l obiettivo di investire in aziende high tech. 5 A. Gervasoni (a cura di), Finanziare l impresa, Guida pratica agli strumenti a disposizione dell azienda, Il Sole24 ore, Milano Tra le aziende più aggressive nell investire nelle start up della Silicon Valley c è ad esempio Intel, che dalla metà degli anni 90 ha già impiegato oltre 2,5 miliardi di dollari in circa 200 giovani imprese. 17

18 Grafico 1.2: Il corporate venture capital Società con programmi di corporate venture capital Destinazione di fondi al corporate venture capital ($ bn) Europa Resto del mondo Europa Resto del mondo Fonte: Asset Alternative Inc. - The Corporate Venturing Report Tornando al focus del presente studio, è necessario sottolineare come, almeno in Italia, rispetto alla presenza non certo nuova di soggetti che svolgono attività di incubazione, si sia recentemente affermato il concetto di Business Incubator, trasformandosi l operatore da semplice luogo fisico destinato ad offrire spazi e consulenza, a vero e proprio conglomerato virtuale (come lo definiscono i venture capitalist statunitensi), che offre tutti gli ingredienti necessari per creare nuovi business: spazi, consulenza ad ampio raggio, network, know how, risorse finanziarie, expertise e management. Secondo la N.B.I.A. National Business Incubation Association (USA) l attività di incubazione rappresenta un processo dinamico di creazione e sviluppo 18

19 d impresa. Gli incubatori forniscono, infatti, risorse fresche a giovani imprese aiutandole a sopravvivere e a crescere durante il periodo di start up, in cui sono maggiormente vulnerabili. Gli incubatori forniscono assistenza manageriale attiva, accesso a canali privilegiati di finanziamento ed un supporto nell utilizzo di servizi tecnici e di business, altamente critici. La funzione dell incubatore è dunque quella di monitorare la crescita del progetto e offrire supporto logistico a costi contenuti, per consentire al neo-imprenditore di implementare l attività di business. Tuttavia una definizione di questo tipo non consente di poter classificare le sempre più numerose tipologie di incubatori, rendendo così difficile potersi orientare in un mondo nuovo e costantemente in evoluzione. Uno studio di Microforum, una società canadese che opera nel campo dei servizi tecnologici a supporto delle aziende che vogliono trasformarsi in web company, fa un po di chiarezza sull argomento 7. Lo studio prende in esame i soggetti che svolgono attività di incubazione d impresa degli Stati Uniti e in generale del Nord America e li classifica in dieci categorie: università, centri di sviluppo per aree depresse, venture capitalist, ricchi imprenditori, aziende di ricerca e sviluppo, società di consulenza, aziende di prodotti, facilitatori, holding e incubatori di start up (se veda la figura di seguito proposta). 1.2 La classificazione degli incubatori di impresa secondo il modello Nordamericano L attività di incubazione svolta dalle società di venture capital 8 L attività di incubazione svolta direttamente dalle società di venture capital (soprattutto quelle high-tech oriented), o da soggetti di loro emanazione, contribuisce, da un lato, al finanziamento di aziende promettenti e, dall altro, allo sviluppo di quella struttura indispensabile per poter superare le fasi critiche connaturate alla loro stessa nascita. 7 G. Dickson, The New Entrepreneurial Ecosystem: Accelerating Time to Market and Facilitating Innovation Through Strategic Partnership, Microforum, 1/6/ AIFI, Yearbook 2000, pubblicazione interna, Milano, maggio 2000; AIFI, Capitali per lo sviluppo, Il Sole 24 Ore, Milano

20 L investimento effettuato dal venture capitalist riceve come contropartita quote di partecipazione all attività d impresa, ed è estremamente frequente che esponenti del fondo di venture capital possano entrare nel CdA dell azienda. Chi finanzia la crescita, quindi, prende parte alle decisioni strategiche anche in virtù del fatto che, oltre al finanziamento, il venture capitalist si preoccupa di fornire servizi tecnologici, nonché contatti con partner che possono essere utili allo sviluppo del business. In Italia le società di venture capital che si sono focalizzate su aziende tecnologiche e Internet based non sono ancora molto numerose. Tuttavia, una delle peculiarità del venture capital in generale è quella del rapido adattamento a nuove strategie di sviluppo che determina una grande capacità di adattamento al cambiamento. Alcune delle strutture più tradizionali si stanno, infatti, riconvertendo per poter realizzare investimenti nei settori tecnologici, quasi dimenticati fino a soli tre anni addietro. Questa modalità di affiancamento delle imprese partecipate, non può però estendersi fino a raggiungere anche idee de-strutturate che presentano un rischio strategico e finanziario eccessivamente elevato né, tantomeno, a iniziative imprenditoriali che nascono in aree in particolare ritardo di sviluppo difficilmente presidiate dalle società di venture capital. Questa è la prima spiegazione che può essere data alla nascita di una seconda tipologia di soggetti che svolgono attività di incubazione, tra i primi ad affermarsi negli Stati Uniti: i centri di sviluppo per aree depresse finalizzate allo sviluppo di iniziative imprenditoriali, che stanno infatti assumendo la veste di incubatori d impresa. 20

21 VENTURE CAPITAL Universities Universities can create Product Companies. Ex: NCSA, Mosaic, Netscape. They can offer: - Facilities - Alumni - I.P. - Faculty Product Company Product Companies can be VC. Ex: HP dot.com They can offer: -Credibility -Industry knowledge -Rapid execution -Patent -Capital reduction Corporate R&D Corporate R&D can be VC. Ex: Casio R&D Center. They can offer: - Capital - Industry knowledge - Client Base - Credibility Wealthy Individual Wealthy Individual can be VC. Ex: Paul Allen. They can offer: - Business Acumen - Capital - Industry knowledge - Credibility CAPITAL Holding Companies Holding Company can be VC. Ex: Softbank. They can offer: - Synergies - Capital - Credibility Service Companies Services Companies can be VC. Ex: Anderson Consulting Ventures. They can offer: - Industry knowledge - Rapid execution - Credibility - Capital Non Profit Non Profit Companies can be VC. Ex: Divine Interventures. They can offer: - Local Networks - Capital - Minimal support Facilitators Facilitators don t put in capital but rework business plans and make introductions. They can offer: - Credibility - Business relations New Entrepreneurial Ecosystem Fonte:MICROFORUM Much faster, more professional, easier, greater returns, safer. 21

22 1.2.2 Gli incubatori non-profit Finanziati con capitali statali o regionali a fondo perduto, sono strutture non profit e hanno lo specifico compito di creare nuovi posti di lavoro in zone ad alto tasso di disoccupazione. Sono, generalmente, le amministrazioni locali (comunali, provinciali o regionali) o quelle statali a promuovere lo sviluppo di questo tipo di incubatori, che possono essere accomunati alle nostre cittadelle tecnologiche ; essendo poi, spesso, situati in aree altamente industrializzate ormai in disuso e riconvertite per lo sviluppo di nuove tecnologie, tali incubatori possono usufruire di finanziamenti e di servizi creati appositamente per le loro esigenze. Le aziende che vengono incubate in queste strutture sono, il più delle volte, obbligate a rimanere nella zona in cui sono state create, poiché l obiettivo di lungo periodo è quello di combattere la disoccupazione. Tali strutture, offrono l opportunità, a chi è in possesso di brillanti idee, di fruire di un ambiente tutorato e protetto per ciò che riguarda l avvio di un iniziativa imprenditoriale, e si pongono come luogo di raccordo delle competenze tecnicoscientifiche utili per supportare la trasformazione di un idea in attività innovativa. Frequenti sono, inoltre, i collegamenti con centri di ricerca pubblici, che, se da un lato offrono un nuovo percorso di crescita per gli aspiranti imprenditori, dall altro forniscono le competenze per l affinamento dei prodotti e dei processi della neoimpresa Gli incubatori universitari Anche le università rappresentano un centro importante di in cubazione, ma con un focus differente rispetto ai centri di sviluppo per aree depresse ed ai venture capitalist analizzati in precedenza. Il grande potenziale intellettuale che viene sviluppato in questi ambienti può infatti essere utilizzato attivamente per fare impresa e gli incubatori possono divenire gli strumenti attraverso i quali le università riescono a monetizzare i brevetti di ricerca messi a punto all interno dei propri laboratori. Le aziende che vengono incubate all interno delle università dovr anno poi pagare i diritti per l utilizzo di questi brevetti, denaro che le università potranno reinvestire per assicurarsi i migliori 22

23 professori e i migliori studenti, che permetteranno a loro volta di sviluppare ancora di più la ricerca scientifica e i nuovi brevetti 9. Il fatto stesso di ospitare la propria start up all interno dell ateneo fornisce agli imprenditori l opportunità di crescere in un ambiente culturalmente stimolante, con un ottima visibilità verso il mondo esterno ed il mercato. La stessa università non è di per sé un venture capitalist, quindi il suo ruolo di incubatore è focalizzato sulla fornitura di spazi e servizi, e, soprattutto, di consulenza estremamente qualificata; ciò non toglie che le aziende incubate, se hanno bisogno di capitali per sostenere le proprie attività, grazie all università possono entrare in contatto con finanziatori, fondi istituzionali nazionali ed internazionali, nonché venture capitalist privati. Non va infatti dimenticato che i fondi di investimento sono gestiti da persone che provengono dal settore finanziario e bancario, con advisor che, per quanto qualificati, possono essere in difficoltà a cogliere immediatamente le questioni più squisitamente tecnologiche e innovative dei progetti che gli aspiranti imprenditori sottopongono alla loro attenzione Gli incubatori promossi da wealthy individual Un ulteriore categoria di incubatori nasce, invece, in seguito al recente successo del mercato azionario legato a Internet. Molti imprenditori di successo hanno, infatti, dato vita a loro propri incubatori, e così stanno facendo altre persone che dispongono di ingenti risorse private, imprenditori e non. Sono i cosiddetti business angels, rappresentati in genere da ex-dirigenti benestanti che hanno a disposizione notevoli risparmi e che sono disponibili ad effettuare investimenti rischiosi. Le somme messe a disposizione vanno, generalmente, dai ai dollari per cui, mettendo insieme un gruppo di angels, è possibile raccogliere somme consistenti senza per questo dover sottostare alla rigida due-diligence di un investitore istituzionale. 9 K.Balazas, Small firms at University emerging from crisis, Cost/European Union,

24 1.2.5 Gli incubatori promossi da società con centri di ricerca e sviluppo interni Le società, invece, il cui sviluppo è maggiormente legato all'innovazione tecnologica cercano di incoraggiarla investendo in nuovi business tecnologici con lo scopo di inglobare quelli con il potenziale più elevato nel gruppo societario. Queste società sostengono spesso progetti lanciati da tecnici che appartengono al loro stesso team di ricerca, investendo in maniera consistente nell analisi scientifica e nello sviluppo di nuovi prodotti. Tali operatori hanno in seguito cominciato ad esternalizzare i progetti di ricerca creando degli incubatori all'interno dei quali forniscono, in cambio di quote azionarie, tecnologia e servizi a start up. Queste società sfruttano gli eventuali brevetti registrati dalle società incubate e nel caso i prodotti sviluppati siano particolarmente interessanti, non è raro che possano arrivare ad acquisire le start up create Gli incubatori promossi da holding companies Una delle realtà più strutturate nel mondo degli incubatori, anch'essa emersa in seguito all affermarsi della New Economy, è quella degli incubatori che adottano una strategia di acquisizione di partecipazioni in diverse società, in un'ottica strettamente finanziaria. Questi incubatori assumono la configurazione di vere e proprie holding, i cui membri ottengono, dall'appartenenza al circuito, una serie di vantaggi competitivi derivanti dall'esistenza di economie di scala: non solo quindi liquidità, ma maggior credibilità, cross promotion, alleanze e accordi a condizioni più vantaggiose di quelle ottenibili normalmente sul mercato. Le holding incubator, a loro volta, sfruttano i vantaggi che l'esistenza di un circuito di aziende può portare dal punto di vista finanziario. Numerosi gli esempi in USA: Net Value Holdings, ICG, CMGI Gli incubatori promossi da grandi società di consulenza Tra gli ultimi incubatori sbarcati sul mercato molti fanno capo a grandi nomi sulla consulenza internazionale. Le grandi società globali di consulenza si stanno rendendo conto che l'attività di consulenza tradizionale rappresenta solo una delle 24

25 potenziali fonti di revenues. L impegno che queste stanno mettendo nel lancio di incubatori di impresa è guidato principalmente dalla volontà di creare start up di successo che resteranno legati alle stesse per un periodo sufficientemente lungo da garantire alle società di consulenza di recuperare i costi attraverso la ris cossione di fees da consulenza. Questo modello, in alcuni casi, è addirittura salvaguardato da accordi contrattuali tra le parti. Le società di consulenza mantengono una quota azionaria delle aziende incubate che viene poi utilizzata anche per offrire piani di stock option ai migliori talenti, al fine di farli permanere all'interno della struttura. Incubare start up di successo contribuisce, inoltre, a rafforzare l'immagine delle società che le hanno assistite. Tale modello di business è tuttavia caratterizzato dal fatto che le società di consulenza sono sottoposte a restrizioni di cash flow che impediscono loro di competere sul mercato allo stesso livello dei venture capitalist Gli incubatori promossi da società di prodotto Alle società di servizio si contrappongono quelle di prodotto. Queste ultime, generalmente appartenenti al macro settore dell ICT, producono software o hardware, ed aiutano le start up offrendo loro prodotti e servizi a costo zero o con fortissimi sconti. Ne ottengono in cambio, oltre al ritorno finanziario sull'investimento, l'espansione della loro rete di clienti (esempi eccellenti in questo campo sono Oracle e Hewlett Packard) I facilitatori Ultima categoria individuata dallo studio di Microforum è quella dei facilitatori, termine molto in voga il cui significato rimane tuttavia spesso dubbio. Sempre più numerosi sul mercato, i facilitatori non offrono capitale, ma aiutano le start up nella stesura del business plan e nella realizzazione dei progetti che queste apportano, offrendo contatti, suggerimenti, competenze. Come contropartita, generalmente, i facilitatori richiedono una partecipazione azionaria nelle start up che si servono dei loro servizi. 25

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA

GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE DI UNO SPIN OFF DA RICERCA Progetto SPIN OVER Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 27 gennaio 2005 progetto Spin Over, a cura del Gruppo iella Nasini e Sandra

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO

GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO Avviare e sviluppare un impresa con il venture capital e il private equity GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO Indice 1. Perché una guida...4 2. L investimento nel

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS

LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS Milano, 29 gennaio 2014 LETTERA AGLI AZIONISTI E AI PARTNER DI DIGITAL MAGICS Carissimi Azionisti e Partner, Il 2013 per noi è stato un anno entusiasmante. Abbiamo completato con successo il nostro progetto

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Prof.ssa Claudia M. Golinelli Relazioni tra proprietà, gestione

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

Garnell Garnell Garnell

Garnell Garnell Garnell Il veliero Garnell è un grande esempio di capacità di uscire dagli schemi, saper valutare il cambio di rotta per arrivare serenamente a destinazione, anche nei contesti più turbolenti Il 14 agosto 1919

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso White Paper In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso Executive Summary Una volta stabilito il notevole impatto positivo che la Unified Communication (UC) può avere sulle aziende,

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

La nostra storia, il vostro futuro.

La nostra storia, il vostro futuro. La nostra storia, il vostro futuro. JPMorgan Funds - Corporate La nostra storia, il vostro futuro. W were e wer La nostra tradizione, la vostra sicurezza Go as far as you can see; when you get there, you

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 07.04.1998 COM (98) 222 PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO I. LO SPIRITO IMPRENDITORIALE:

Dettagli

Smart Specialisation Strategy della Provincia Autonoma di Trento. Esempi e strumenti di attuazione. A. A Beccara I. Pilati Trento RISE

Smart Specialisation Strategy della Provincia Autonoma di Trento. Esempi e strumenti di attuazione. A. A Beccara I. Pilati Trento RISE Smart Specialisation Strategy della Provincia Autonoma di Trento Esempi e strumenti di attuazione A. A Beccara I. Pilati Trento RISE S3 PAT ICT Micro nano-elett. Qualità della vita Agrifood Nanotech. Fotonica

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0

BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0 BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0 Concorso di idee per iniziative imprenditoriali innovative Che cosa è Valore Assoluto è un iniziativa della Camera di Commercio di Bari, giunta al terzo anno di attività e finalizzata

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli