Buona lettura. Valerio De Molli Managing Partner The European House - Ambrosetti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Buona lettura. Valerio De Molli Managing Partner The European House - Ambrosetti"

Transcript

1

2 Prefazione Quest anno The European House - Ambrosetti celebra i suoi 50 anni di storia. In occasione di questo importante traguardo, desideriamo mettere a disposizione le nostre competenze, attività e relazioni a supporto di un tema di cui l Italia, e in generale, l Europa hanno un disperato bisogno: l imprenditorialità. L imprenditorialità, di qualunque tipo e ad ogni livello, rappresenta il più potente propulsore della crescita economica. Senza imprenditori non c è crescita. Senza crescita non c è occupazione e senza lavoro non c è futuro. Per uscire da questa crisi l Italia ha bisogno di una rivoluzione culturale. Piuttosto che cercare un lavoro, le nuove generazioni devono entrare nella prospettiva di crearsi un lavoro. Purtroppo, ad oggi, in Italia solo il 5% degli imprenditori ha meno di 40 anni, mentre ben il 20% ha più di 70 anni. Il Paese ha bisogno, anche in questo campo, di uno scarto generazionale che faccia ripartire la propulsione che negli anni ha trasformato il nostro Paese in una potenza economica mondiale. The European House - Ambrosetti, che da cinquant anni lavora a fianco degli imprenditori per aiutarli a crescere, attraverso questo documento di ricerca ed una serie di altre attività, si fa dunque promotrice del rilancio della voglia di fare impresa con l obiettivo di stimolare le giovani generazioni ad assumere un atteggiamento più proattivo e di indurle a non avere il timore di tradurre le proprie idee in nuove imprese. Abbiamo realizzato, con la regia di Andrea Pezzi, un filmato emozionale che verrà diffuso in tutte le scuole d Italia, e stiamo portando avanti numerose iniziative concrete volte a favorire una cultura imprenditoriale diffusa tra i giovani. In particolare il programma Golden Gate: un progetto sviluppato ad hoc per creare un ponte di contatto tra oltre 25 mila start up innovative in tutta Europa e le aziende più consolidate a livello nazionale e internazionale, all interno del nostro Ambrosetti Club che riunisce quasi 400 dei più importanti Presidenti ed Amministratori Delegati del Paese.

3 Inoltre, gli effetti positivi della formazione all imprenditorialità sono sempre più evidenti e il ruolo dell istruzione nel promuovere atteggiamenti e comportamenti imprenditoriali virtuosi è oggi ampiamente riconosciuto. L imprenditorialità, infatti, non dipende solo da un atteggiamento mentale propositivo e aperto ma anche da un forte impegno delle istituzioni nella sfida educativa e nella creazione di un ecosistema adatto alla nascita, alla crescita e allo sviluppo di nuove imprese. A tale proposito, attraverso la nostra associazione no profit DOT - Do One Thing, abbiamo l orgoglio e il piacere di collaborare con il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Italiano - MIUR affinché questo messaggio per il futuro venga divulgato ai giovani maturandi di tutte le scuole superiori italiane. Durante l anno accademico , DOT e MIUR si faranno promotori di un progetto volto a stimolare e sostenere la collaborazione tra l istituzione scolastica, l Università, la Ricerca e il settore imprenditoriale italiano. Crediamo fortemente che solo attraverso iniziative sinergiche e di sistema si possano implementare una serie di azioni efficaci, volte a sbloccare le capacità imprenditoriali e innovative del nostro Paese. La mia stima e riconoscenza vanno a tutto il gruppo di The European House - Ambrosetti che oggi vede circa 200 persone la cui competenza, professionalità, passione e dedizione hanno reso grande la nostra impresa. Non è certo un caso se, per il secondo anno consecutivo, The European House - Ambrosetti è stato nominato tra i migliori Global Think Tanks privati del Global To Go Think Tanks Report dell Università della Pennsylvania. Più nello specifico siamo il primo Think Tank privato italiano riconosciuto, il quarto europeo e nella top 20 a livello mondiale. Certamente, anche per agli anni a venire The European House - Ambrosetti rimarrà al fianco degli uomini e della donne che vorranno costruire un idea di impresa sempre più grande. Buona lettura Valerio De Molli Managing Partner The European House - Ambrosetti

4 Indice 1. INTRODUZIONE L imprenditore come motore di sviluppo La situazione occupazionale dei giovani italiani Il gap di imprenditorialità in Italia IL VALORE DELL IMPRENDITORIALITÀ Cos è l imprenditorialità? I valori dell imprenditorialità a b c d e Visione sul futuro...13 Pianificazione strategica...14 Innovatività e creazione di valore...14 Rischio e responsabilità...15 Valore etico della concorrenza Imprenditorialità: casi di successo che hanno trasformato il mondo a b c d e f Innovazione come opportunità imprenditoriale: Thomas Edison...17 L imprenditore nella società del consumo di massa: Henry Ford...19 Dalla gomma agli pneumatici da corsa: Giovanni Battista Pirelli...20 Il pioniere dell informatica: Adriano Olivetti...21 La frontiera imprenditoriale di internet: Mark Zuckerberg...22 Tecnologia e design: Steve Jobs L ECOSISTEMA IMPRENDITORIALE La definizione di un ecosistema imprenditoriale Le componenti di un ecosistema imprenditoriale Casi di ecosistemi di successo a b c d e Austin: non (solo) più la Silicon Valley...31 Piccoli stati e grandi ecosistemi: il caso di Israele...32 Singapore: la crescita a doppia cifra di un ecosistema pro-business e PMI...33 Imprenditoria e apertura per uscire dalla crisi: il caso irlandese...34 Grandi governi per grandi progetti: l ecosistema cinese...35

5 4. IL DNA DELL IMPRENDITORE CASI DI IMPRENDITORI DI SUCCESSO Magatte Wade (Dakar, Senegal) Pietro Parisi (Palma Campania, Italia) Fabrizio Rigolio (Busto Arsizio, Italia) Daniele Ferrero (Cuneo, Italia) Hugh Evans (Melbourne, Australia) Christine Chua (Milano, Italia) L EDUCAZIONE ALL IMPRENDITORIALITÀ Educare all imprenditorialità: casi di successo a Junior Achievement, Young Enterprise (JA-YE)...49 b Northern Ireland Centre for Entrepreneurship (NICENT)...50 c Catapult LE NOSTRE PROPOSTE... 52

6 1. Introduzione 1.1. L IMPRENDITORE COME MOTORE DI SVILUPPO Gli imprenditori sono il più importante motore dell economia e rappresentano la principale forza propulsiva che produce crescita, innovazione e occupazione. Questa è la tesi che pervade il presente documento di ricerca, che ha l ambizione di sviluppare un analisi seria, fattuale e scientifica dell argomento, fornendo inoltre una serie di proposte concrete per rilanciare lo spirito imprenditoriale dell Italia e dell Europa. 1. Commissione Europea, Rapporto Annuale sulle PMI 2013/2014. In Europa la maggior parte della nuova occupazione è creata da imprese di nuova fondazione. Tra il 2002 e l inizio della crisi economica nel 2009, le PMI hanno creato ogni anno oltre 1,1 milioni di posti di lavoro in Europa (oltre l 85% dei nuovi posti di lavoro complessivi). Di questi, oltre tre quinti sono stati creati da imprese come meno di cinque anni di vita, e in particolare da imprese che operano nel campo dei servizi (27% sul totale). Anche tra il 2009 e il 2014, nonostante la crisi e un aumento della disoccupazione di tre punti percentuali in Europa, le PMI hanno creato quasi due milioni di nuovi posti di lavoro 1. Un panorama simile emerge anche volgendo lo sguardo fuori dall Europa. Il 40% del PIL statunitense è prodotto da imprese che non esistevano prima degli anni 80. Le imprese con meno di dodici mesi di vita creano circa tre milioni di posti di lavoro The European House - Ambrosetti 5

7 2. Dane Stangler e Jordan Bell-Masterson, The return to business creation, Kaufmann Foundation, Salim Furth, Research Review: Who Creates Jobs? Start up Firms and New Businesses, The Heritage Foundation, Issue Brief # Alexander S. Kritikos, Entrepreneurs and their impact on jobs and economic growth, IZA Policy Brief, l anno, mentre le imprese con più di cinque anni di vita perdono nel complesso circa un milione di occupati ogni anno 2. Viene poi così finalmente sfatato il mito che le start up non creano occupazione stabile: più del 60% dei posti di lavoro creati da nuove imprese negli Stati Uniti viene mantenuto oltre i cinque anni 3. Sfidando lo status quo i nuovi imprenditori obbligano tanto le neonate imprese quanto quelle già consolidate a trasformare i propri modelli produttivi e le proprie soluzioni tecnologiche, trasferendo risorse e capitale umano verso i settori più competitivi dell economia 4. Un recente studio dell OCSE condotto su 23 Paesi mostra una diretta correlazione positiva tra il grado di turbolenza del mercato (il tasso di ingresso e uscita di nuove imprese) e il livello di produttività complessivo dell economia. Una società dinamica ha quindi un assoluto bisogno di una forte cultura imprenditoriale e di un ecosistema di supporto strutturato ed efficiente che ne favorisca lo sviluppo LA SITUAZIONE OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI ITALIANI Nonostante i primi segni di ripresa, l Italia soffre ancora un altissimo tasso di disoccupazione che è cresciuto dal 6,8% al 12,3% tra il 2008 e il 2014, con picchi oltre il 40% tra i giovani tra i 18 e i 24 anni. Basse qualificazioni professionali ed educative, limitate esperienze di lavoro e lunghi periodi di inattività stanno creando una spirale negativa da cui molti giovani trovano difficile uscire. Quello dei giovani senza lavoro è uno dei più grandi sprechi di capitale umano di questa epoca, e richiede risposte immediate da parte delle istituzioni e del mondo imprenditoriale. 6 The European House - Ambrosetti

8 2008 giugno ,5 4,7 5,6 5,6 22,5 3,4 6,0 6,4 9,5 7,0 9,6 7,4 10,2 6,8 12,7 11,3 Germania Regno Unito Danimarca Finlandia UE 28 Francia Italia Spagna Figura 1. Tasso di disoccupazione nei principali Paesi europei, Eurostat, The European House - Ambrosetti, Labour Scenario in Europe. Key facts and best labour market policies, L Employability Index è un indice proprietario sviluppato da The European House - Ambrosetti tenendo in considerazione tre fattori essenziali nella formazione del capitale umano e professionale: tasso di abbandono scolastico, durata del periodo di transizione tra scuola e lavoro, tasso di giovani NEET (Not in Education, Employment or Training) sotto 25 anni. Alla radice del problema della disoccupazione italiana ci sono complesse cause strutturali, a cui si aggiunge purtroppo un basso tasso di occupabilità di molti giovani. L Employability Index sviluppato da The European House - Ambrosetti, mostra con chiarezza il netto gap dell Italia rispetto agli altri Paesi europei 5. Il tasso di occupabilità dei giovani italiani è tra i più bassi d Europa, a causa soprattutto di alti tassi di abbandono scolastico e di lunghi periodi di inattività tra la conclusione del percorso formativo e l inizio della carriera lavorativa, con un conseguente rapido invecchiamento delle skill acquisite 6. Danimarca Germania 9,5 Finlandia 8,9 Francia 8,0 Regno Unito 7,8 UE- 28 6,7 9,7 Spagna 2,9 Italia 2,2 Figura 2. Tasso di Occupabilità nei principali Paesi europei (10=alto; 1= basso), The European House - Ambrosetti su Eurostat, The European House - Ambrosetti 7

9 7. Dati Istat, Per uscire da questa crisi l Italia ha bisogno di una rivoluzione culturale. Piuttosto che cercare un lavoro, le nuove generazioni devono entrare nella prospettiva di crearsi un lavoro. Purtroppo, ad oggi, in Italia solo il 5% degli imprenditori ha meno di 40 anni, mentre ben il 20% ha più di 70 anni. Il Paese ha bisogno, anche in questo campo, di uno scarto generazionale che faccia ripartire la propulsione imprenditoriale che negli anni ha trasformato l Italia in una potenza economica mondiale 7. 5 % 15 % 60 % 20 % anni anni anni 70 anni Figura 3. Imprenditori in Italia per classe d età, The European House - Ambrosetti su dati Istat, Rilanciare l imprenditorialità deve diventare quindi una priorità assoluta per l Italia e, più in generale per l Europa, per far ripartire crescita economica e dinamismo sociale IL GAP DI IMPRENDITORIALITÀ DELL ITALIA Soltanto una minoranza della popolazione svolge attività imprenditoriali. 8. Alexander S. Kritikos, Entrepreneurs and their impact on jobs and economic growth, IZA Policy Brief, Il Global Entrepreneurship Index è calcolato sulla base di 34 indicatori (sia di percezione che di dati oggettivi) che misurano le Nei Paesi OCSE le persone che iniziano un attività imprenditoriale ogni anno sono appena tra l 1 e il 2% della popolazione 8. L Italia, in particolare, soffre un netto gap di imprenditorialità rispetto alle altre economie sviluppate. Secondo l Entrepreneurship Index 2015, sviluppato dal Global Entrepreneurship and Development Institute di Washington D.C., l Italia è al 49 posto nel mondo per tasso di imprenditorialità 9. L indice di imprenditorialità dell Italia in termini assoluti è di 41,3 punti, circa la metà degli Stati Uniti (85,0) e al di sotto di Spagna (49,3), Germania (67,4), e Regno Unito (71,7). 8 The European House - Ambrosetti

10 aspirazioni imprenditoriali, le opportunità e le attitudini alla creazione di imprese, e l ecosistema di supporto. Il lavoro di ricerca è condotto dal Global Entrepreneurship Development Institute. Rank / Punteggio Paese # 1 (85,0) Stati Uniti # 2 (81,5) Canada # 3 (77,6) Australia # 4 (72,7) Regno Unito # 5 (71,8) Svezia # 6 (71,4) Danimarca Rank / Punteggio Paese # 7 (70,4) Islanda # 8 (69,1) Taiwan # 9 (68,6) Svizzera # 10 (68,1) Giappone # 11 (67,4) Germania # 49 (41,3) Italia Figura 4. Global Entrepreneurship Index, Eurobarometer, Entrepreneurship in Europe 2012, Flash Eurobarometer 354. La principale causa di questo gap dell Italia sta nella mancanza di attitudine imprenditoriale del nostro Paese, a dispetto di una storia di grande intraprendenza dal dopoguerra a qualche decennio fa. Secondo l ultima indagine sull imprenditorialità svolta da Eurobarometro nel 2012, solo l 11% degli italiani sta concretamente valutando di aprire un impresa, contro il 28% degli ungheresi, il 20% dei danesi, il 16% dei francesi, il 10% dei tedeschi, e l 8% degli spagnoli e dei britannici 10. Al contrario, il 68% degli italiani non ha mai neppure pensato alla possibilità di mettersi in proprio, la più alta percentuale in Europa (subito dopo Malta). Non ha mai pensato di aprire un impresa Ha l opportunità di prendere l azienda famiglia Non so Ha pensato o iniziato a aprire un impresa ma ha poi abbandonato l idea Figura 5. Indagine sull attitudine ad aprire un business, Eurobarometro The European House - Ambrosetti 9

11 Per quale ragioni gli italiani sono tra i più restii in Europa a iniziare una attività imprenditoriale? Le survey realizzate dal Global Entrepreneurship Monitor offrono una prima spiegazione. Gli italiani hanno una visione estremamente positiva della carriera imprenditoriale a cui fa però da contrappeso un diffuso senso di pessimismo sulle proprie opportunità di successo. Il 65% degli italiani trova desiderabile e appetibile la carriera imprenditoriale, ma l 83% non vede effettive opportunità imprenditoriali da poter cogliere. Figura 6. Attitudine e percezione della carriera imprenditoriale, GEM, GEM, Generation Entrepreneur? The state of global youth entrepreneurship, Anche tra chi dichiara di avere un idea imprenditoriale da sviluppare, quasi la metà dichiara di non volersi impegnare in prima persona per paura di fallire. Questa paura e questa percezione di stigma legata al fallimento rappresenta un pesante ostacolo culturale allo sviluppo dell imprenditorialità, specialmente in Italia e in Europa. Ad oggi soltanto il 17,3% dei giovani europei tra i 18 e i 34 anni crede che una nuova impresa possa avere buone opportunità di successo, contro il 60% dei giovani nell Africa Sub Sahariana, il 40% in America Latina, il 30% in Medio Oriente, e il 24% degli statunitensi 11. Tra le grandi economie sviluppate, solo i giovani giapponesi sono meno fiduciosi degli europei sulle possibilità di successo di nuove attività imprenditoriali (appena il 7,8% degli intervistati è fiducioso). L Europa e l Italia hanno bisogno di uno sforzo di sistema per promuovere la cultura dell imprenditorialità, specialmente tra le nuove generazioni. 10 The European House - Ambrosetti

12 2. Il valore dell imprenditorialità 2.1. COS È L IMPRENDITORIALITÀ? Il termine imprenditorialità, dal punto di vista etimologico, deriva dal verbo latino prahendere che vuol dire prendere sopra di se, scegliere, e farsi carico. 1. J. Say, A treatise on political economy, Neeley and Jones, Londra, Joseph Schumpeter, Teoria dello sviluppo economico, Harvard University Press, Non esiste però una definizione univoca di imprenditorialità. Anche dal punto di vista della dottrina economica, l imprenditorialità è un terreno su cui si confrontano diversi approcci che riflettono la natura multidimensionale di questa. La prima definizione di imprenditorialità la dobbiamo all economista e filosofo Jean-Baptiste Say ( ), che nel 1816 definiva imprenditorialità come la capacità di orientare risorse da un attività economica a basso profitto ad attività economiche ad alto profitto 1. In questo senso, il concetto di imprenditorialità era strettamente legato a due caratteristiche: l essere proprietari di un capitale, e l essere capaci di investirlo in modo produttivo, invece di trasformarlo - come era tipico nell Europa prima della Rivoluzione Industriale - in pura rendita latifondista. La scuola austriaca di inizio novecento, in particolare grazie al contributo di Joseph Schumpeter, pone al centro dello sviluppo economico l imprenditore e la sua azione creatrice. Per Schumpeter l abilità dell imprenditore sta nel creare innovazione e sviluppo economico trasformando processi di produzione e prodotti, e creando nuovi usi e mercati per prodotti già esistenti. In questo senso, l imprenditore non è tanto chi possiede l impresa ma chi la gestisce e trasforma il mercato in modo innovativo 2. The European House - Ambrosetti 11

13 3. L. V. Mises, Human Action, Yale University Press New Haven, CT, P. Drucker, Innovation and Entrepreneurship, Harper Perennial, New York, NY, L imprenditore veniva quindi identificato con il manager capace di gestire un impresa che soddisfi bisogni di mercato portando in equilibrio domanda e offerta 3. Gli ultimi trent anni del novecento, hanno profondamente trasformato il nostro modo di capire cosa sia l imprenditorialità e quale valore abbia per la società. Dall osservatorio privilegiato di The European House Ambrosetti, che da cinquant anni lavora a fianco degli imprenditori per aiutarli a crescere, emerge che l imprenditorialità è essenzialmente una attitudine mentale che non dipende deterministicamente né dalla posizione lavorativa dell individuo, né dalla proprietà di aziende o di capitali 4. L attitudine imprenditoriale è piuttosto una capacità di vedere e pianificare il futuro, e la voglia di prendersi in prima persona la responsabilità dei rischi necessari a realizzare la propria visione. Il senso di responsabilità, la voglia di farsi carico e realizzare un sogno, sono le motivazioni che mobilitano un imprenditore. L imprenditorialità è uno stato mentale e un processo volto a creare e sviluppare l attività economica combinando disponibilità a rischiare, creatività o innovazione con una gestione nell ambito di un organizzazione nuova o esistente. Commissione Europea, I VALORI DELL IMPRENDITORIALITÀ L essere individui imprenditoriali significa quindi avere una attitudine a farsi carico delle opportunità che si presentano nella vita professionale. Questa attitudine ha un valore che va al di là delle qualità specifiche dell imprenditore e dell attività di impresa. I valori dell imprenditorialità hanno un profondo significato come motore di sviluppo economico, etico e sociale per tutta la società. In altre parole, l imprenditore ha una funzione sociale chiave, come il medico, l insegnante, l avvocato, ecc. Il ruolo dell imprenditore è quello di chi, nel perseguire egoisticamente il suo disegno imprenditoriale per il benessere proprio e della propria impresa, contribuisce a realizzare il bene comune e 12 The European House - Ambrosetti

14 5. Tratto dalla prolusione di Valerio de Molli, 39 a edizione del forum The European House - Ambrosetti, Lo scenario di oggi e di domani per le strategie competitive, 6 settembre 2013 trasformare positivamente la società 5. Ma quali sono i valori dell imprenditorialità e in che modo influiscono sulla società? Una società ad alta attitudine imprenditoriale è caratterizzata innanzitutto da una forte prospettiva verso il futuro, è capace di pianificare strategicamente i propri obiettivi sul lungo periodo, è innovativa, dinamica, concorrenziale, e valorizza chi assume su di sé le responsabilità dei propri rischi. a. Visione sul futuro 6. Richard Norman, Ridisegnare l impresa, Etas, Milano, Una società ad alto tasso di imprenditorialità è una società orientata al futuro. Richard Normann ha dato una brillante definizione di come l imprenditore dovrebbe rapportarsi con il tempo in cui vive, essendo contemporaneamente nel presente e nel futuro 6. L imprenditore dovrebbe vivere qui e ora, essendo contemporaneamente visitatore del futuro ed esule del passato. Richard Normann L imprenditore è quindi chi imprende, cioè chi pone in essere una nuova iniziativa ed è disposto ad affrontarne le difficoltà e i rischi. Essere imprenditori è una duplice attitudine mentale: un forte senso di missione nel presente e uno slancio di visione sul futuro. Il senso di missione di un imprenditore è sempre guidato da una motivazione personale. Ciascun individuo è mosso da valori e motivazioni profonde che lo spingono ad impegnarsi della propria vita personale, sociale e professionale. La visione invece è l attitudine a costruire sulla missione, guardare al futuro con spirito creativo. L essenza dell attitudine imprenditoriale è infatti cercare di vedere e anticipare opportunità nel futuro. Questo continuo sforzo è mosso non dall obiettivo di prevedere il futuro, ma dal desiderio di proiettare nel futuro la propria missione, ovvero la voglia di esprimersi, i propri valori, gli ideali e le aspirazioni. The European House - Ambrosetti 13

15 La visione del futuro è la sintesi di tre concetti: primo, l orizzonte temporale di riferimento; secondo, l intento strategico; e terzo, le dimensioni numeriche, i parametri e l obbiettivo con i quali possiamo misurare il raggiungimento del sogno nel tempo. L attitudine a pensare con prospettiva, a capire e immaginarsi le esigenze del contesto in cui si opera è l essenza della visione imprenditoriale. Questo orientamento alla visione e al futuro è un valore fondamentale che gli imprenditori disseminano nella società, nelle imprese e nella vita politica. b. Pianificazione strategica 7. Valerio De Molli, I riferimenti fondamentali della gestione strategica, IPSOA, Una società ad alto tasso di imprenditorialità è una società dove si pensa strategicamente 7. Un mondo permeato da spirito imprenditoriale non è un mondo di sognatori. Non c è attitudine imprenditoriale senza una forte capacità di progettazione da parte dell imprenditore. Per trasformare in successo una visione imprenditoriale è infatti indispensabile combinare creatività o innovazione con una sana gestione e saper adattare un impresa per ottimizzarne lo sviluppo in tutte le fasi del suo ciclo di vita. È un processo che va ben oltre la gestione quotidiana e richiede un attitudine mentale alla pianificazione, alla strategia, e alla creazione di relazioni di lungo periodo. La capacità di progettare e pianificare è un valore essenziale per tutti gli ambiti della vita sociale, ed è un attitudine che va al di là dell attività di impresa in senso stretto. c. Innovatività e creazione di valore Una società ad alto tasso di imprenditorialità è una società dove si innova e si crea valore. Gli imprenditori sono gli agenti del cambiamento e hanno un ruolo cruciale nell accelerare la generazione, lo sviluppo e l applicazione di idee, innovazioni tecnologiche e sociali. Gli imprenditori sono i veri protagonisti dello sviluppo economico in quanto, creando vero valore aggiunto per la propria attività, producono attorno a se stessi un sistema economico più dinamico e creano network in cui l innovazione procede su scala esponenziale. Per esempio la commercializzazione e distribuzione dell energia 14 The European House - Ambrosetti

16 elettrica è stata uno degli sviluppi imprenditoriali di maggiore impatto sulla società: ha creato nuove domande di prodotti (per esempio gli elettrodomestici) e trasformato filiere di prodotti già esistenti (con gli elettrodomestici è nata l industria dei surgelati). L individuo con attitudine imprenditoriale è motore di cambiamento nel contesto in cui opera. Utilizzando l immagine di Schumpeter, l imprenditore-innovatore è seguito da uno sciame di imitatori attratti da quel valore aggiunto creato come le api dal nettare, i quali entrando nei settori nei quali si sono verificate le innovazioni fanno sì che presto il prezzo di mercato di quel dato prodotto diminuisca fino ad assorbire interamente il profitto generato dall innovazione. Il valore creato dall imprenditore è tipicamente di natura economica ma può egualmente essere non economico, come nel caso dell imprenditoria sociale e del no-profit. L attività dell imprenditore-innovatore produce un triplice beneficio per la società: 1. Aumenta la disponibilità di un ampia gamma di prodotti grazie ad un processo di continua innovazione dell offerta; 2. Riduce i costi dei prodotti come risultato di un costante processo di innovazione delle modalità di produzione; 3. Offre delle opportunità economiche per individui e imprese grazie all allargamento e creazione di nuovi mercati. Il mondo vive di innovazioni. Ma se il nostro solo strumento è un martello, ogni problema assomiglierà ad un chiodo da battere. Bill Gates d. Rischio e responsabilità Una società ad alto tasso d imprenditorialità è una società capace di rischiare con responsabilità. Gli imprenditori non sono scommettitori: non amano il rischio fine a se stesso ma sono disposti a farsene carico quando è necessario per portare avanti i propri progetti. The European House - Ambrosetti 15

17 L imprenditorialità è la capacità di prendere rischi calcolati per portare un idea sul mercato e creare valore aggiunto. Yongmin Kim - Presidente, POSTECH-Pohang University of Science and Technology (South Korea) Il processo imprenditoriale ha come componente fondamentale l assunzione del rischio d insuccesso in un ambiente caratterizzato da incertezza. La maggior parte delle attività imprenditoriali di successo nasce, infatti, da uno o più precedenti fallimenti. L esperienza di ogni imprenditore, anche di quelli che hanno ottenuto grandi successi, è invariabilmente segnata da alcuni insuccessi, dal loro superamento e dalla continuazione del percorso (mettendo a frutto l esperienza). Chi ha paura degli insuccessi limita le proprie attività. Per me l insuccesso è semplicemente un opportunità per iniziare di nuovo, questa volta in modo più intelligente. Henry Ford e. Valore etico della concorrenza Una società ad alto tasso di imprenditorialità è una società carica di spirito competitivo. La competizione e la concorrenza sono i motori dell economia: un mercato competitivo è la precondizione per garantire un efficiente allocazione delle risorse, prevenire l emergere di rendite di posizione, abusi e monopoli. La rimozione degli ostacoli al commercio e alla concorrenza permette ai beni e ai servizi di accedere a nuovi mercati, favorisce la creazione di nuovi prodotti e a mantenere prezzi competitivi a beneficio dei consumatori. La concorrenza è però non solo un valore economico ma anche un valore etico e sociale. In una società basata sui valori della concorrenza leale e fondata sul rispetto delle regole, tutti gli individui, a prescindere dalla provenienza sociale, hanno le stesse possibilità di affermarsi economicamente, di esprimersi e di contribuire al progresso sociale. 16 The European House - Ambrosetti

18 2.3. IMPRENDITORIALITÀ: CASI DI SUCCESSO CHE HANNO TRASFORMATO IL MONDO Negli ultimi centocinquant anni, dall inizio della seconda rivoluzione industriale, la società si è trasformata radicalmente e ha creato nuove opportunità imprenditoriali. Per mostrare questa trasformazione abbiamo scelto sei imprenditori che hanno colto le opportunità del loro tempo trasformandole in successo imprenditoriale: Thomas Edison, che tra i primi ha saputo commercializzare le innovazioni tecnologiche su scala industriale; Henry Ford, l uomo che ha saputo trasformare un idea commerciale in un prodotto di massa; Giovanni Battista Pirelli, un uomo che è stato punto di riferimento nell industrializzazione dell Italia a fine ottocento; Adriano Olivetti, che è stato tra i primi pionieri della rivoluzione dell elettronica informatica; Mark Zuckerberg, l imprenditore che più di ogni altro ha capito le potenzialità commerciali dei nuovi strumenti social ; Steve Jobs, l uomo che ha rivoluzionato il nostro modo di usare la tecnologia nella vita quotidiana unendola al design. a. Innovazione come opportunità imprenditoriale: Thomas Edison Thomas Edison è noto principalmente per l invenzione della lampadina, ma fu anche e soprattutto un grande imprenditore, tra i primi a essere in grado di trasformare un invenzione tecnologica in una straordinaria opportunità di successo imprenditoriale. Nato nel 1847 da una famiglia povera, è costretto ad abbandonare la scuola dopo pochi mesi di frequenza a causa di problemi finanziari; riceve una sommaria istruzione dalla madre e, a soli dodici anni, inizia a vendere giornali sui treni della Grand Trunk Railway, dedicando il tempo libero ai suoi The European House - Ambrosetti 17

19 primi esperimenti con apparecchiature elettriche e meccaniche. La vendita degli apparecchi telegrafici, via via perfezionati, gli procura ingenti somme che nel 1876 utilizza per aprire un piccolo laboratorio privato. Nell ambito delle trasmissioni telegrafiche, estremamente significativa fu l invenzione dei sistemi duplice e quadruplice che consentivano di trasmettere più messaggi contemporaneamente su una sola linea. Importante per lo sviluppo del telefono, inventato indipendentemente dall italiano Antonio Meucci e dallo statunitense Alexander Graham Bell, fu il suo progetto del microfono a carbone (1876). Nel 1877 annuncia l invenzione del fonografo, apparecchio mediante il quale il suono poteva essere registrato meccanicamente. Costituito da un semplice cilindro sul quale è avvolta della carta stagnola, che viene fatto girare manualmente mediante una manovella, l invenzione costituisce un fondamentale passo avanti nel settore. Due anni dopo, Edison presenta pubblicamente la prima lampada elettrica, che ottiene notevole successo. Concorrente di Edison è J.W. Swan, ma la concorrenza fra i due termina poco dopo, con la costituzione della società Edison & Swan United Light Company, alla quale arriverà un proficuo futuro. Nel periodo seguente si dedica invece al perfezionamento della dinamo per generare la corrente elettrica necessaria all alimentazione dei nuovi dispositivi progettando, fra l altro, la prima grande centrale elettrica della città di New York. Nel 1882 la Edison Electric Light Company produrrà oltre 100 mila lampadine l anno, trasformando in maniera radicale lo stile di vita di tutta la società. Nello stesso anno, prima a Londra e New York, e poi a Milano (Santa Radegonda) entreranno in funzione le prime centrali elettriche per la distribuzione dell elettricità nelle strade e nelle case. Nel 1887 Edison trasferisce il laboratorio da Menlo Park a West Orange (entrambi nel New Jersey), dove prosegue esperimenti e ricerche. L anno successivo inventa il cinetoscopio, il primo apparecchio con cui era possibile realizzare filmati per rapida successione di singole immagini. Edison non conquista tutti i mille e oltre brevetti da solo: 18 The European House - Ambrosetti

20 intelligentemente si avvale di molti validi collaboratori e delle loro idee per poi perfezionarle e trasformarle in oggetti utili e commerciabili, rivelandosi in ciò, oltre che un ottimo tecnologo, anche un lungimirante uomo d affari, precorrendo di molto i suoi tempi, cogliendo il nesso vincente tra innovazione tecnologica e opportunità imprenditoriale. b. L imprenditore nella società del consumo di massa: Henry Ford La storia di Henry Ford è la vicenda di un imprenditoreorganizzatore che ha saputo trasformare un idea commerciale in un fenomeno di consumo di massa, non tanto inventando nuovi prodotti ma trasformando il modo in cui i prodotti stessi venivano creati. Industriale, ingegnere e progettista, Henry Ford nasce negli Stati Uniti in Michigan il 30 luglio Figlio di agricoltori di origine irlandese, dopo aver ricevuto soltanto una formazione elementare, inizia a lavorare come macchinista tecnico in un industria di Detroit. Non appena i tedeschi Daimler e Benz cominciano a immettere sul mercato le prime automobili (verso il 1885), Ford s interessa all invenzione e incomincia a costruire i propri relativi prototipi. Tuttavia, i primi falliscono in fase di sperimentazione, a causa di un iniziale scarsa conoscenza della meccanica. Il suo successo arriva solo con il suo terzo progetto, introdotto nel 1903: la Ford Motor Company; l idea nuova è quella di costruire automobili semplici e poco costose destinate al consumo voluminoso della famiglia media americana; fino ad allora l automobile era considerata un oggetto di fabbricazione artigianale e dal costo proibitivo, destinato a un pubblico molto limitato. Con il relativo modello T, Ford rende l automobile un oggetto alla portata della classe media, introducendola nell era del consumo di massa; con essa contribuisce ad alterare drasticamente le abitudini di vita e a mutare l aspetto delle città, dando vita a quella che da molti è stata definita la civilizzazione dell automobile del secolo XX. Ford si ritira infine a vita privata nel 1945 e muore nella notte The European House - Ambrosetti 19

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala.

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala. Fo oto Erio Piccaglian ni Teatro alla S Scala L opera italiana nel panorama mondiale Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014 ASK: CHI, PERCHE, COSA Siamo

Dettagli

5 fondata sul lavoro

5 fondata sul lavoro 5 fondata sul lavoro In Italia abbiamo 700 mila disoccupati tra i 15-24enni, e 4 milioni 355 mila ragazzi che non studiano, non lavorano, non sono in formazione (c.d. NEET), in grossa parte alimentati

Dettagli

IDEE & SOLUZIONI PER L'OCCUPAZIONE E LA RIPRESA IN EUROPA MERIDIONALE

IDEE & SOLUZIONI PER L'OCCUPAZIONE E LA RIPRESA IN EUROPA MERIDIONALE IDEE & SOLUZIONI PER L'OCCUPAZIONE E LA RIPRESA IN EUROPA MERIDIONALE L INIZIATIVA COLLABORA CON NOI! Offriamo varie opportunità per prendere parte a questa grande iniziativa per il cambiamento. Solo col

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo.

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo. C è una Parma che funziona: è, prima di ogni altra cosa, la Parma delle imprese industriali esposte pienamente alla concorrenza internazionale. Questo risultato non è un accidente della storia, bensì il

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente.

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. Solar Impulse Revillard Rezo.ch Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. La visione di ABB ABB è orgogliosa della sua alleanza tecnologica e innovativa con Solar Impulse, l aereo

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO 1 Esistono difficoltà di accesso degli studenti all Università rilevate dagli esiti dei test di ingresso. 2 A ciò si aggiunge il ritardo negli studi universitari

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

NUVOLA ROSA: 1.500 RAGAZZE ARRIVANO A MILANO DALL ITALIA E DAL MONDO PER ACCRESCERE LE PROPRIE COMPETENZE TECNICO-SCIENTIFICHE

NUVOLA ROSA: 1.500 RAGAZZE ARRIVANO A MILANO DALL ITALIA E DAL MONDO PER ACCRESCERE LE PROPRIE COMPETENZE TECNICO-SCIENTIFICHE NUVOLA ROSA: 1.500 RAGAZZE ARRIVANO A MILANO DALL ITALIA E DAL MONDO PER ACCRESCERE LE PROPRIE COMPETENZE TECNICO-SCIENTIFICHE Oggi aprono le pre-iscrizioni sul sito www.nuvolarosa.eu 150 corsi gratuiti,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della GENOVA 2015-2030 UNA FINESTRA SUL FUTURO Ricerca tipo Delphi a cura della Sezione Terziario di Confindustria Genova Coordinamento della ricerca Sergio Di Paolo PERCHÉ IL FUTURO Immaginare il futuro aiuta

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 07.04.1998 COM (98) 222 PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO I. LO SPIRITO IMPRENDITORIALE:

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

SE MI LASCI NON CRESCI

SE MI LASCI NON CRESCI F.S.E. Fai Scuola con l'europa Evento di lancio del nuovo POR FSE 2014-2020 REGOLAMENTO CONCORSO VIDEO SE MI LASCI NON CRESCI RIVOLTO AGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE SECONDARIA DI II GRADO Regolamento del

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

La Banca europea per gli investimenti in sintesi

La Banca europea per gli investimenti in sintesi La Banca europea per gli investimenti in sintesi Come banca dell Unione europea (UE), forniamo finanziamenti e consulenza per progetti d investimento validi e sostenibili situati in Europa e nei Paesi

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale?

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? HELPDESK PER LE AZIENDE AZIENDE OSPITANTI 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? E un tipo di formazione sul lavoro che si realizza in aziende di un Paese diverso da quello nel quale il giovane

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli