Il rischio di credito

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il rischio di credito"

Transcript

1 Il rischio di credito Componenti e modalità di gestione secondo Basilea 2 1 Il rischio di credito le diverse accezioni Tipologia Rischio di insolvenza Rischio di migrazione Rischio di spread Rischio di recupero Rischio di preregolamento Rischio Paese Fattore causale/natura dell esposizione Rischio connesso all insolvenza della controparte e si esprime in termini di perdita data dal prodotto tra l esposizione e il tasso di perdita in caso di insolvenza Rischio connesso al downgrading dell emittente (se oggetto di rating) Rischio connesso agli spread richiesti dal mercato in termini di differenziale tra i migliori prenditori e i peggiori (premio al rischio) Rischio connesso ai tempi di recupero o al valore di realizzo in caso di insolvenza Rischio connesso alla sostituzione della posizione in derivati a condizioni contrattuali differenti a seguito di insolvenza della controparte sul mercato OTC Rischio connesso ad eventi di natura politica o legislativa che incidono sulla probabilità di default 2 della controparte Le componenti del rischio di credito Probabilità di inadempienza Probability of Default Perdita in caso di insolvenza Loss Given Default Esposizione al momento dell insolvenza Exposure At Default Durata Maturity PD LGD EAD M Probabilità che si manifesti l evento negativo (il credit event) Parte di credito che non è possibile recuperare nel caso di insolvenza Valore del credito utilizzato al momento dell insolvenza Scadenza dell esposizione 3 1

2 Le componenti del rischio di credito Probabilità di inadempienza (PD) Probabilità che l impresa si renda inadempiente nell arco di un dato orizzonte temporale Dipende dalle caratteristiche economicofinanziarie e di business dell impresa Durata del prestito (M) La scadenza economica residua della esposizione Esposizione al rischio di insolvenza (EAD) Perdita in caso di insolvenza (LGD) Stima l ammontare della linea creditizia Parte della accordata, destinato ad essere utilizzato in caso di inadempienza esposizione che andrà perduta all eventuale verificarsi della inadempienza Dipendono dalle caratteristiche tecniche del finanziamento, dalle procedure e dai costi per il recupero in caso di insolvenza 4 La Probability of Default Per poter calcolare autonomamente la probabilità di default occorre che la banca: abbia esperienza di inadempienze (supportate da sufficienti serie storiche) disponga di tabelle di raccordo (mapping) con le fonti esterne di valutazione del credito implementi un modello statistico 5 La Probability of Default Coefficiente di ponderazione 100% Il livello della spezzata dipende dal fatturato dell impresa Probabilità di inadempienza Basilea I: il coefficiente di ponderazione è indipendente dalla probabilità di inadempienza (per la categoria di esposizione considerata nella fattispecie categoria imprese ). Basilea II: alla retta si sostituisce una spezzata con inclinazione positiva: in altri termini, all aumentare della probabilità di insolvenza aumentare il coefficiente di ponderazione. 6 2

3 La Loss Given Default La perdita in caso di default è espressa come complemento ad uno del tasso di recupero del credito. Essa dipende strettamente dall operazione posta in essere oltre che dal debitore. 7 La Loss Given Default LGD = 1 - Valore netto recuperato Esposizione finale recovery rate LGD = 1 - Σ t (somme recuperate) t /(1+i) t Σ t (spese per recupero) t /(1+i) t ) esposizione al momento del default i = tasso di attualizzazione (fisso per tutte le date degli n flussi di recupero) t = date di recupero 8 La Loss Given Default le variabili determinanti E funzione di quattro principali variabili: la percentuale del credito recuperata il costo finanziario connesso al tempo di recupero il tempo di recupero i costi amministrativi interni ed esterni sostenuti per portare a compimento il processo di recupero 9 3

4 La Loss Given Default gli elementi per la stima Caratteristiche tecniche del finanziamento Fattori interni alla banca LGD Caratteristiche del soggetto finanziato Fattori di carattere macroeconomico 10 La Loss Given Default la stima dell Expected Recovery Rate Il tasso di recupero stimato ex ante è funzione di tre variabili aleatorie: Importo che verrà recuperato ER Tasso di interesse i Tempo di recupero t Rischio di recupero: rischio che il tasso di recupero effettivamente conseguito al termine del contenzioso risulti diverso da quello originariamente stimato 11 La Loss Given Default la LGD in Italia Costi amministrativi (AC) Tempi di recupero (t) Tasso medio di recupero (1- LGDR) Tasso medio di recupero assistito da garanzia reale Ricorso a procedure stragiudiziali 2,3% costi operativi 2-8 anni 37,5% ma elevata dispersione attorno alla media della distribuzione dei tassi di recupero 60-70% In un terzo dei casi Fonte: Generale-Gobbi 1996, Banca d Italia

5 La Loss Given Default la relazione tra LGD e PD I modelli per il rischio di credito trattano PD e LGD come due variabili indipendenti Esiste una relazione fra le due? Il rischio di recupero è idiosincratico? oppure rappresenta una fonte di rischio sistematico? Evidenza empirica: limitata a dati relativi ai corporate bonds -0,7 per gli ultimi 13 anni ( ) 13 La Loss Given Default l evidenza empirica in Italia Fonte: Sironi (2004) 14 L Exposure At Default L EAD risulta di difficile quantificazione dal momento che non è facile individuare l evoluzione nella fruizione del credito prestato dalla banca (rapporto credito utilizzato/credito accordato). 15 5

6 L Exposure at Default La EAD è data: dalla quota di ammontare di crediti scaduti e inpagati; dai crediti a scadere, dagli interessi e commissioni contrattualmente riconosciuti. Quota prestito scaduta e non rimborsata Quota prestito a scadere EAD Prestito = + non rimborsato Interessi e commissioni Eccedenze 16 La Maturity Il valore finanziario del tempo implica la considerazione della scadenza dei crediti. Nella maggior parte dei casi sono impiegate la durata media finanziaria (duration) o la vita residua 17 La Expected Loss Rappresenta la perdita che si associa ad una posizione creditizia in funzione della probabilità di default (PD) assegnata e del tasso di recupero del credito concesso in caso di default (RR). E un concetto probabilistico derivante dal prodotto tra: ELR (expected loss rate) = PD * LGD Moltiplicando il tasso di perdita attesa per l esposizione al momento del default (EAD) si ottiene il valore assoluto della perdita attesa: EL = ELR * EAD 18 6

7 La Expected Loss Credito in bonis Stato del credito Esposizione corrente Esposizione a scadenza (EAD) Probabilità di inadempienza (PD) EL = [ PD * EAD * LGD ] Perdita in caso di inadempienza (LGD) 19 La Expected Loss I parametri di riferimento 1% Esposizione al defalut (EAD) 1 - Tasso credito recuperato (RR) = Probabilità default (PD) * Loss Given Default (LGD) = * Tasso perdita Attesa (ELR) = EL = Perdita attesa 55% 45% 0,45% 4,5 20 La Unexpected Loss Ai fini di una efficace quantificazione del rischio di credito occorre tener conto anche della probabilità di uno scostamento tra la perdita attesa, livello stimato ex ante, e la perdita effettiva, livello rilevato ex post. La perdita inattesa (Unexpected Loss) può considerarsi espressione della variabilità della distribuzione delle perdite intorno al loro valore medio (Expected Loss EL). 21 7

8 Le coperture Le fonti destinate alla copertura delle perdite sono di due tipi a seconda del grado di prevedibilità del credit event UL perdita inattesa coperta con Patrimonio (di Vigilanza) EL perdita attesa coperta con accantonamenti e rettifiche di valore 22 Il rischio di credito in Basilea 2 La determinazione del rischio di credito può essere affrontata con tre differenti metodologie, la cui adozione rappresenta un alternativa per la banca Rischio di credito Standard Standard Internal Rating Based (IRB) Foundation Internal Rating Based (IRB) Advanced 23 Il metodo standard I coefficienti di ponderazione sono quelli utilizzati dalle agenzie di rating (ECAI External Credit Assessment Institution) se soddisfano requisiti di: obiettività, indipendenza, trasparenza, credibilità, disponibilità di risorse. Le autorità di vigilanza predispongono tabelle di raccordo (mapping) tra le scale di rating adoperate dalle agenzie e le tabelle previste dal modello standard. Sono previste quattro classi di esposizione verso: imprese private portafoglio al dettaglio soggetti sovrani le banche 24 8

9 Il metodo standard Esposizione verso imprese private Risk weightingda AAA categories a AAda A+ da BBB a A- a BBBda BB+ da B+ a BB- a B- Sotto B- Non rated Corporates 20% 50% 100% 100% 150% 150% 100% Le imprese che non dispongono di rating continueranno ad avere una ponderazione del 100%. La sfida è eliminare le distorsioni derivanti dalla mancanza di interesse a chiedere l attribuzione del rating da parte dei peggiori prenditori. 25 Il metodo standard Esposizione nel portafoglio dettaglio Il coefficiente di ponderazione è pari al 75% Per qualificare un credito come credito del portafoglio retail è necessario che: il credito sia vantato nei confronti di persone fisiche o imprese di piccole dimensioni; lo strumento utilizzato dall affidato sia: linea di credito di tipo rotativo, prestito personale, l esposizione aggregata non sia superiore al 2% del portafoglio e l esposizione assoluta non superi 1 mil 26 Il metodo standard Esposizione verso soggetti sovrani Risk weightingda AAA categories a AAda A+ da BBB a A- a BBBda BB+ da B+ a BB- a B- Sotto B- Non rated Sovereigns 0% 20% 50% 100% 100% 150% 100% Per la definizione del rating dei soggetti sovrani è possibile far ricorso anche ai rating pubblicati dalle agenzie per il credito all esportazione predisponendo un opportuna tabella di raccordo. 27 9

10 Il metodo standard Esposizione verso le banche Risk weightingda AAA categories a AAda A+ da BBB a A- a BBBda BB+ da B+ a BB- a B- Sotto B- Non rated Opzione 1 Opzione 2 Opzione 2* 20% 20% 20% 50% 50% 20% 100% 50% 20% 100% 100% 50% 100% 100% 50% 150% 150% 150% 100% 50% 20% *scadenza = < 3 mesi Esistono due opzioni: Ponderazione immediatamente meno favorevole di quella relativa ai crediti verso lo Stato cui le banche appartengono. Ponderazione conforme a quella delle agenzie esterne. 28 Il metodo standard da Basilea 1 a Basilea 2 0 governi da 0 a imprese da 100 a banche da 20 a retail da non presente a I metodi interni IRB Il metodo fondato sui rating interni (internal rating based) consente di utilizzare come coefficienti di ponderazione delle classi di attivo risultati di analisi condotte internamente. L adozione di questo metodo consente di conferire al presidio patrimoniale elasticità, nel senso che esso si adatta all effettivo profilo di rischio della singola banca. Esistono due versioni del modello: Base (foundation approach) Avanzato (Advanced approach) 30 10

11 I metodi interni Obiettivo classificare le controparti sulla base di classi interne di rating che riportano: - valore minimo e massimo - valore medio calcolati sulla base di: - archivi interni sulle insolvenze; - collegamento con archivi esterni (mapping) o condivisi (pooling) - modelli statistici Le classi sono calcolate su orizzonte annuale ma in una visione di lungo periodo.. 31 Input fornito da banca I metodi interni Probabilità di Default Input fornito da banca IRB di base autorità autorità Loss Given Default Exposure At Default banca banca IRB avanzato autorità Maturity banca 32 I metodi interni Il foundation approach si limita a stimare solo una componente del rischio di credito: la probabilità di inadempienza ad un anno (PD). Le altre componenti di rischio (LGD EAD, M) sono fornite dall autorità di vigilanza. L advanced approach formula internamente tutte le componenti di rischio (PD, LGD ed M). Per le esposizioni del portafoglio crediti al dettaglio non vi è differenza tra i due approcci ed è prevista la specifica interna sia della PD sia della LGD

12 solvente I metodi interni la scala dei rating interni DA una visione binomiale insolvente perdita per downgrading A una visione scalare perdita per default AAA AA A BBB BB B CCC CC C D guadagno per upgrading rischio estremo 34 I metodi interni Requisiti per l adozione Per utilizzare il metodo interno è necessario che esso sia vagliato dall autorità di vigilanza e che la banca soddisfi determinati requisiti in termini di: Diversificazione del portafoglio crediti: il portafoglio deve essere distribuito su un certo numero di classi di rischio. Livello minimo di stima: il modello deve almeno stimare la probabilità di insolvenza quale elemento di rischio. Capacità di differenziazione: il modello deve essere capace di individuare gli elementi sensibili di ciascuna controparte. Timing di valutazione: la valutazione del merito creditizio deve essere fatta prima che sia stato accordato il prestito e rivista periodicamente. 35 I metodi interni I rating interni devono assumere un ruolo essenziale nei processi di approvazione dei crediti, risk management, allocazione del capitale, governo societario della banca. In nessun caso potranno essere autorizzati sistemi di rating implementati esclusivamente per le finalità di calcolo del capitale regolamentare. Le banche devono, inoltre, dimostrare di avere usato un sistema di rating in linea con i requisiti normativi per almeno tre anni prima della richiesta di autorizzazione

13 L assorbimento di capitale le categorie di esposizione Il rating interno va calcolato con riferimento a definite classi di attività imprese enti sovrani banche retail (privati) partecipazioni azionarie 1. Crediti garantiti da ipoteca su immobili residenziali 2. Crediti rotativi dettaglio qualificati 3. Altre esposizioni al dettaglio 37 L assorbimento di capitale Per ogni portafoglio o sottoportafoglio esiste un sistema di formule (motore di calcolo) che determina i coefficienti di ponderazione/requisiti sulla base dei valori delle componenti di rischio immesse: formule per i portafogli bank, sovereign, corporate formule per PMI incluse nel portafoglio corporate formule per ogni sottocategoria di portafoglio retail. Principale strumento di differenziazione delle formule: l asset correlation 38 L assorbimento di capitale Asset correlation = R Indica come variano gli attivi delle imprese in funzione dell andamento economico generale Funzione (ad esempio) diretta del Pil con un coefficiente medio che è stato stimato per gli insiemi degli attivi delle imprese finanziate delle banche pari a circa il 20%. Il mio attivo cresce del 2% (asset correlation pari a 0,20) solo perché il Pil è aumentato del 10%

14 correlata L assorbimento di capitale l asset correlation corregge errore statistico è correlata in funzione (diretta) alla dimensione di impresa. Asset correlation per Basilea 2 Dimensione impresa correlazione inversa con diretta con è il fattore utilizzato per mitigazione della rischiosità con il frazionamento PD correlazione inversa con R 40 L assorbimento di capitale la classificazione delle imprese Fatturato >= 50 mln CORPORATE < 50 e >= 5 mln PMI esposizione <= 1 mln < 5 mln + Gestione in pool RETAIL Differenti funzioni di calcolo dell assorbimento piccole imprese small business 41 L assorbimento di capitale i crediti corporate 1. si calcola il requisito K sulla base di PD, LGD, M 2. K esprime il livello di perdita unitaria inattesa di ciascuna posizione del portafoglio 3. perdita attesa EL = (EAD * PD * LGD) 4. perdita unitaria inattesa K dipende dalla volatilità di PD 5. attività ponderate (RWA) = K * 12,5 * EAD 42 14

15 L assorbimento di capitale PD = 1 LGD = 45 EAD = 100 Corporate Fatturato > 50 mln PMI Fatturato = 5 mln 7,39 5,79 Capitale assorbito Altri dettaglio 3,66 6,92 LGD 85 Ipoteche residenziali 4,51 2,51 LGD 25 Rotativi qualificati 1,38 2,60 LGD Le esposizioni retail Rientrano nell ambito del retail: le esposizioni verso persone fisiche costituite da crediti e linee di credito rotative, prestiti personali e leasing, indipendentemente dal loro ammontare; i mutui ipotecari su immobili residenziali, indipendentemente dal loro ammontare, se il credito è concesso al locatario o al proprietario dell immobile; i prestiti a piccole aziende gestiti come crediti al dettaglio e con esposizione < 1 milione, se la banca li amministra con gli stessi criteri degli altri crediti al dettaglio. La posizione non deve esser gestita singolarmente ma come pool di attività con caratteristiche simili di rischio. Ciò non implica che queste posizioni non possano avere un rating. L esposizione al dettaglio deve rientrare in un ampio pool di attività gestite dalla banca. 44 Le garanzie Per contenere l accantonamento patrimoniale occorrerà mitigare il rischio assunto dal banchiere: le garanzie rappresentano uno strumento di mitigazione del rischio, utilizzabile dal cliente per facilitare l accesso al credito e contenere il costo. GARANZI E Personali Reali Netting Derivati 45 15

16 Le garanzie reali, (contante, titoli di capitale negoziati in borse riconosciute, certificati di investimento, quote di fondi comuni e oro) beni fungibili che la banca utilizza in caso di inadempienza che prescinde dal debitore e tende a far contenere la perdita; personali, di terze persone che garantiscono per l obbligato e che tende a traslare verso terzi o ad associare terzi nella fase di recupero del credito. netting: compensazioni tra crediti e debiti, in presenza di accordi giuridici di compensazione tra posizioni a credito e a debito con la definizione del saldo; derivati su crediti, ove l esposizione è coperta da strumenti quali Credit Default e Total Return Swap. 46 I metodi a confronto Standardised Approach Exposure x Risk Weight x 8% = Capital Requirement EAD x PD x LGD x M +/-Granularity x 8% = Capital Requirement IRB Approach 47 I metodi a confronto I vantaggi dei rating interni Passaggio da logica binomiale a scala valori Precisione prezzament o prestito Vantaggi rating interni Condivisione esperienze aziendali Politica diversificazione portafoglio Migliore funzione allocativa 48 16

17 I metodi a confronto funzione allocativa Con l utilizzo dei rating interni, si ha a disposizione una serie di parametri che consentono di definire il migliore assetto del portafoglio prestiti in funzione della combinazione rischio rendimento cercata ed ottenuta, anche in funzione di una logica di portafoglio. Da qui il concetto di capitale allocato, quale capitale economicamente assorbito dall operazione di impiego in funzione di una selezione individuale e del contributo da essa fornita al rischio e al rendimento dell intero portafoglio aziendale. Si differenzia dal capitale assorbito di vigilanza se i criteri per definire la convenienza ed il volume di capitale a rischio sono diversi. 49 I metodi a confronto le logiche di pricing Né Basilea 1 né Basilea 2 parlano di definizione di prezzo del credito (pricing) ma si limitano a definire i requisiti patrimoniali minimi in funzione dei rischi assunti L effetto sul pricing è un opportunità non un obbligo Con i metodi IRB, la banca è però in grado di: includere nel pricing la remunerazione del rischio orientare le proprie attività commerciali in funzione delle migliori combinazioni rischio/rendimento impostare in modo diverso il portafoglio crediti verso la clientela che crea valore. 50 I metodi a confronto la definizione del prezzo No rating Valutazione individuale Rapporto di forza Prezzo prestito Esigenze cliente Prezzo base Costo raccolta Recupero + perdita attesa + Remunerazione patrimonio impegnato da perdita inattesa Rating 51 17

18 I metodi a confronto il tasso ideale da applicare Tasso globale = Tasso privo di rischio + Premio per rischio Tasso di mercato di un titolo di Stato sovrano con rating elevato Copertura per recupero perdita attesa e inattesa Maggiorazione tasso per perdita attesa da accantonare. Premio netto per il rischio rischio operazione. 52 capitalizzazione flessibile progressiva convenzione Unicredit Banca d impresa Garanzia Italia (Sviluppo Italia) la convenzione prevede uno stanziamento di finanziamento pari a di euro con un impegno massimo per Garanzia Italia pari a di euro. Le imprese destinatarie sono PMI del Mezzogiorno con business innovativi o che, semplicemente, vogliono ristrutturare la loro posizione finanziaria La capitalizzazione flessibile progressiva è un pacchetto di finanziamenti così costituito: 53 capitalizzazione flessibile progressiva finanziamento richiesto dalla PMI del Mezzogiorno=2*impegno ad aumentare i mezzi propri % 50% 50% forma mutui chirografari linea di credito stand by durata 5 anni 7 anni (2 ammortament o) parametro di determinazion e impegno ad aumentare i mezzi propri mezzi propri versati garanzia garanzia tra il 69-80% del finanziamen to (in base alla localizzazio ne geografica) nessuna garanzia 54 18

Il rischio di credito

Il rischio di credito Il rischio di credito Componenti e modalità di gestione secondo Basilea 2 Giuseppe G. Santorsola 1 Il rischio di credito le diverse accezioni Tipologia Rischio di insolvenza Rischio di migrazione Rischio

Dettagli

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO La banca che accorda la concessione di un credito deve effettuare una preventiva valutazione della qualità/affidabilità del cliente nonché quantificare la qualità/rischiosità

Dettagli

Rischi di credito: approccio di vigilanza

Rischi di credito: approccio di vigilanza Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Rischi di credito: approccio di vigilanza Corso di Risk Management Milano, 5 Marzo 2008 Misurazione assorbimenti patrimoniali Basilea I Ai pesi si

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Basilea II Corso di Finanza aziendale Elementi del nuovo accordo di Basilea Basilea II? Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla

Dettagli

I rating interni e Basilea 2. Giuseppe Squeo

I rating interni e Basilea 2. Giuseppe Squeo I rating interni e Basilea 2 Giuseppe Squeo 1 I rating interni Il rating rappresenta un giudizio sintetico (voto) sul grado di affidabilità, ordinato su una base discreta (classi di rating), di un soggetto

Dettagli

Vademecum Accordi di Basilea. Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998)

Vademecum Accordi di Basilea. Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998) Vademecum Accordi di Basilea Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998) Patrimonio di vigilanza per il rischio: 8% dell attivo ponderato [max rischio ponderazione = 100%] Classificazione delle attività rischiose

Dettagli

I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it

I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it L attività creditizia: introduzione I prestiti costituiscono la principale voce dell attivo patrimoniale della banca

Dettagli

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 L attività creditizia: introduzione I prestiti costituiscono la principale voce dell attivo patrimoniale

Dettagli

SECONDA PARTE (Rischio di Credito)

SECONDA PARTE (Rischio di Credito) SECONDA PARTE (Rischio di Credito) RISCHIO DI CREDITO LOSS GIVEN DEFAULT Valutazione del rischio che mi serve per determinare il capitale di vigilanza avviene attraverso la determinazione di queste quattro

Dettagli

Il credito: evoluzione e innovazione dei criteri di valutazione A.A. 2008/2009

Il credito: evoluzione e innovazione dei criteri di valutazione A.A. 2008/2009 Il credito: evoluzione e innovazione dei criteri di valutazione di Ornella Ricci oricci@uniroma3.it Agenda Il rischio di credito e le sue componenti Il pricing del credito e la redditività corretta per

Dettagli

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Il Comitato di Basilea Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi

Dettagli

Corso di CB & F. Basilea II. Basilea II. Ci limitiamo a considerare soltanto un sotto-insieme dell Accordo: il rischio di credito

Corso di CB & F. Basilea II. Basilea II. Ci limitiamo a considerare soltanto un sotto-insieme dell Accordo: il rischio di credito Corso di CB & F Elementi dell Accordo di Basilea (rischio di credito) Basilea II Si tratta della revisione del complesso di norme regolamentari internazionali che dal 1988 sono imposte alle banche dalle

Dettagli

Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito?

Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito? Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito? Introduzione di Andrea Sironi SDA Bocconi Nell aprile 2003 il Comitato di Basilea ha reso pubbliche, nei tempi e nei modi originariamente

Dettagli

Corso di Finanza Aziendale

Corso di Finanza Aziendale Corso di Finanza Aziendale Elementi del Nuovo Accordo di Basilea Basilea II Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla rispettive

Dettagli

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 L attività creditizia: questioni teoriche e pratiche I prestiti costituiscono la principale voce dell

Dettagli

GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012

GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012 GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012 LOSS GIVEN DEFAULT Alcune definizioni della LGD: E la misura del rischio

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2016)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2016) Tecnica Bancaria (Cagliari - 06) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca Argomenti

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca 2 Argomenti

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Corso di Finanza aziendale Elementi del nuovo accordo di Basilea Basilea II Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla rispettive

Dettagli

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II Massimo Buongiorno Convegno ARGI Milano, 27 ottobre 2004 Perché Basilea II, esisteva un Basilea I? Nel 1988 il Comitato di Basilea stabilisce una quota

Dettagli

Il contesto economico abruzzese ed il rapporto banca-impresa alla luce del nuovo accordo di Basilea

Il contesto economico abruzzese ed il rapporto banca-impresa alla luce del nuovo accordo di Basilea SPIN OFF: un impresa possibile Fondi per iniziative e attività culturali e sociali degli studenti Ud A (Decreto Rettorale n. 307 del 23.01.2006, ai sensi della Legge n. 429 del 3 agosto 1985 e al D.M.

Dettagli

Corso di Finanza Aziendale

Corso di Finanza Aziendale Corso di Finanza Aziendale Elementi del Nuovo Accordo di Basilea Basilea 2 - PMI e Retail Il documento pubblicato nel gennaio 2001 non prevedeva un trattamento delle PMI differenziato rispetto al portafoglio

Dettagli

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Giacomo Morri Antonio Mazza Capitolo 6 GLI ACCORDI DI BASILEA E I FINANZIAMENTI IMMOBILIARI STRUTTURATI Il Nuovo Accordo Obiettivi

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle famiglie 2007 Sessione Parallela A2 L efficienza nel credito

Dettagli

LA GESTIONE PRESTITI

LA GESTIONE PRESTITI LA GESTIONE PRESTITI LA MANIFESTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL CONTRATTO DI DEBITO (PRESTITO) PREVEDE DUE PRESTAZIONI NON CONTESTUALI E UNA CONDIZIONE DI INCERTEZZA FINO ALLA DATA DEL RIMBORSO NELL IPOTESI

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Lezione 1. Uniformità sistema creditizio. Basilea 1. Basilea 2, fattori di ponderazione, il concetto di rating

Lezione 1. Uniformità sistema creditizio. Basilea 1. Basilea 2, fattori di ponderazione, il concetto di rating Lezione 1 Basilea 2, fattori di ponderazione, il concetto di rating Uniformità sistema creditizio Il Comitato di Basilea fu istituito nel 1974 tra i governatori delle Banche Centrali del G10. Obiettivo

Dettagli

Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa

Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa Agenda Basilea II: alcune considerazioni e conseguenze I 4 valori dell analisi dinamica I cambiamenti per la banca STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 POLITICA DEI PRESTITI La valutazione dei fidi il controllo dei crediti concessi il recupero dei crediti problematici

Dettagli

BASILEA 2 LA NUOVA SFIDA DI BANCHE E IMPRESE

BASILEA 2 LA NUOVA SFIDA DI BANCHE E IMPRESE Venerdì 23 Aprile 2004 Auditorium di Palazzo Montani-Antaldi BASILEA 2 LA NUOVA SFIDA DI BANCHE E IMPRESE MASSIMO BIANCONI DIRETTORE GENERALE DI BANCA DELLE MARCHE 1 Contenuti del documento BASILEA 2 LA

Dettagli

Basilea 2. Sistema dei rating interni

Basilea 2. Sistema dei rating interni Basilea 2 Sistema dei rating interni Banca Popolare di Novara S.p.A. Domenico De Angelis Amministratore Delegato Fabrizio Marchetti Vice Direttore Generale Bruno Pezzoni Vice Direttore Generale 22 novembre

Dettagli

Il nuovo accordo di Basilea

Il nuovo accordo di Basilea Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione Egea, 2008 AGENDA Il primo pilastro: l approccio standard Il primo pilastro: l approccio basato

Dettagli

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA BASILEA 2 TERZO PILASTRO Informativa al pubblico Anno 2010 INDICE Premessa Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali Tavola

Dettagli

La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale.

La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale. La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale. 1 Rischio di credito: Il Framework Logico di Riferimento Rischio

Dettagli

Corso di Tecnica Bancaria. Anno 2009-2010 Prof. Roberto Malavasi. Parte quarta La gestione dei rischi tipici dell attività bancaria

Corso di Tecnica Bancaria. Anno 2009-2010 Prof. Roberto Malavasi. Parte quarta La gestione dei rischi tipici dell attività bancaria Corso di Tecnica Bancaria. Anno 2009-2010 Prof. Roberto Malavasi Parte quarta La gestione dei rischi tipici dell attività bancaria In questa parte. Il rischio di credito Il rischio di liquidità Il rischio

Dettagli

Basilea 2: Cosa devono fare le banche adesso. Le nuove istruzioni di vigilanza e i processi implementativi in atto. Convegno ABI

Basilea 2: Cosa devono fare le banche adesso. Le nuove istruzioni di vigilanza e i processi implementativi in atto. Convegno ABI Basilea 2: banche adesso. Le nuove istruzioni di vigilanza e i processi implementativi in atto. Convegno ABI Antonio Renzi e Katia Mastrodomenico Banca d Italiad, 1 BASILEA 2 TECNICHE DI RIDUZIONE DEL

Dettagli

Classificazione tipologie di rischio

Classificazione tipologie di rischio Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Classificazione tipologie di rischio Corso di Risk Management Milano, 27 Febbraio 2008 1 Rischi impliciti nell attività bancaria RISCHIO DI CREDITO

Dettagli

La gestione commerciale del rating Da sentenza a strumento di miglioramento della relazione con il cliente

La gestione commerciale del rating Da sentenza a strumento di miglioramento della relazione con il cliente La gestione commerciale del rating Da sentenza a strumento di miglioramento della relazione con il cliente Dott. Antonio Muto Vice Direttore Generale Banca di Roma 23 gennaio 2007 Agenda Basilea II e la

Dettagli

Le regole di Basilea II per il credito immobiliare

Le regole di Basilea II per il credito immobiliare Le regole di Basilea II per il credito immobiliare Convegno ABI Credito alle Famiglie 2008 Mario Marangoni Banca d Italia Roma, 10 giugno 2008 1 Le regole di Basilea II per il credito immobiliare L impatto

Dettagli

www.onetimeconsulting.it www..it

www.onetimeconsulting.it www..it www.onetimeconsulting.it www..it Comune di Fossalta di Piave Basilea 2 Basilea 2 - Indice 1. Il Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria 2. Perché Basilea? 3. I principi base di Basilea 1 e 2 4. Il

Dettagli

IL GRUPPO BANCA POPOLARE DI SONDRIO

IL GRUPPO BANCA POPOLARE DI SONDRIO IL GRUPPO BANCA POPOLARE DI SONDRIO Fondata nel 1871, la Banca Popolare di Sondrio è una delle prime banche popolari italiane ispirate al movimento popolare cooperativo del credito. Nel tempo, grazie all

Dettagli

Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI?

Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI? Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI? relazione di Eugenio Pavarani Dipartimento di Economia Università di Parma Collecchio,

Dettagli

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN Facoltà di Scienze Manageriali Corso di Laurea Specialistica 64/S in Management e sviluppo socioeconomico LABORATORIO DI BUSINESS PLAN La validità del BUSINESS PLAN per le finalità di cui all accordo di

Dettagli

La misura dell utilità distintiva e gli effetti sul rating previsto da Basilea 2

La misura dell utilità distintiva e gli effetti sul rating previsto da Basilea 2 La misura dell utilità distintiva e gli effetti sul rating previsto da Basilea 2 Comunicazione di Simona Caselli Direttore commerciale e sviluppo CCFS www.ccfs.it caselli@ccfs.it Il contesto di riferimento

Dettagli

Modelli e processi di rating in Mediofactoring gruppo Intesa Sanpaolo

Modelli e processi di rating in Mediofactoring gruppo Intesa Sanpaolo Modelli e processi di rating in Mediofactoring gruppo Intesa Sanpaolo Rony Hamaui Brescia 20-21 settembre 2007 Mediofactoring nel perimetro di validazione di Intesa Sanpaolo L ingresso di Mediofactoring

Dettagli

BASILEA 2 IL CONTENUTO DEL NUOVO ACCORDO SULL'ADEGUATEZZA PATRIMONIALE DELLE BANCHE La nuova regolamentazione sull'adeguatezza patrimoniale delle banche persegue l'obiettivo di promuovere la stabilità

Dettagli

MISURAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO E REQUISITI PATRIMONIALI PER LA SUA COPERTURA

MISURAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO E REQUISITI PATRIMONIALI PER LA SUA COPERTURA Dipartimento di Impresa e Management Cattedra Matematica Finanziaria MISURAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO E REQUISITI PATRIMONIALI PER LA SUA COPERTURA RELATORE Prof. Foschini Gabriella CANDIDATO Gaetano

Dettagli

IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni. Raffaele Mazzeo KPMG

IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni. Raffaele Mazzeo KPMG IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni KPMG 0 0 Indice IAS e Basilea 2: i punti di convergenza IAS 39 Il trattamento dei crediti Il nuovo accordo di Basilea sul Capitale

Dettagli

Basilea 2. Prof. Michele Rutigliano

Basilea 2. Prof. Michele Rutigliano Basilea 2 1 Prof. Michele Rutigliano BIS II INDICE - Il Comitato di Basilea - La proposta di Nuovo Accordo sul Capitale - Rischio e Capitale di vigilanza - I tre pilastri - Rischio di credito - Rischio

Dettagli

Misurare e gestire il rischio di credito nelle banche:

Misurare e gestire il rischio di credito nelle banche: Misurare e gestire il rischio di credito nelle banche: una guida metodologica Presentazione del volume Andrea Resti, università di Bergamo andrea@unibg.it Traccia di questa presentazione: Cos è il credit

Dettagli

NUOVO ACCORDO di BASILEA sul CAPITALE. The New Basel Capital Accord

NUOVO ACCORDO di BASILEA sul CAPITALE. The New Basel Capital Accord NUOVO ACCORDO di BASILEA sul CAPITALE The New Basel Capital Accord Area di applicazione Diversified financial Group HOLDING Internationally active bank (banca con operatività internazionale) Domestic bank

Dettagli

Conoscere il Rating. Come viene valutata l affidabilità delle imprese con l Accordo di Basilea

Conoscere il Rating. Come viene valutata l affidabilità delle imprese con l Accordo di Basilea Come viene valutata l affidabilità delle imprese con l Accordo di Basilea In questa fase di difficile congiuntura economica, l accesso al credito da parte del mondo produttivo è un tema di grande attualità

Dettagli

Lezione 3. Ricordiamo i concetti... Esposizione al rischio. Il rating interno e il sistema delle garanzie

Lezione 3. Ricordiamo i concetti... Esposizione al rischio. Il rating interno e il sistema delle garanzie Lezione 3 Il rating interno e il sistema delle garanzie Ricordiamo i concetti... Il modo con cui si combinano: Probabilità di inadempienza (PD) Perdita in caso di inadempienza (LGD) Esposizione all inadempienza

Dettagli

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI Massimo Pacella Dottore Commercialista Revisore Contabile Relazione Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo I CONFIDI alleati delle PMI Premessa Il 26 giugno

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle F1amiglie 2008 Sessione Parallela A2 Gestione dei rischi e

Dettagli

Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca

Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca Agenda Il Gruppo Banca Popolare di Sondrio Il rischio di credito: analisi qualitativa e quantitativa Il Gruppo Banca Popolare di Sondrio

Dettagli

Risk management, gestione del capitale e controlli interni. Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it

Risk management, gestione del capitale e controlli interni. Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it Risk management, gestione del capitale e controlli interni Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it Agenda 1. INTRODUZIONE 2. PRINCIPALI TIPOLOGIE DI RISCHIO 2.1 Il Rischio di Credito

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

Basilea II, PMI e società cooperative

Basilea II, PMI e società cooperative Basilea II, PMI e società cooperative Massimiliano Marzo Dipartimento di Scienze Economiche, Facoltà di Economia-Forlì Università di Bologna Johns Hopkins Univ., SAIS-BC Barbara Luppi Dipartimento di Scienze

Dettagli

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CORSO AVANZATO II

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CORSO AVANZATO II ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CORSO AVANZATO II PRESENTAZIONE DEL CORSO Lezione 1 Laura Viganò, Università degli Studi di Bergamo A.A. 2006-07 STRUTTURA CORSO Primo modulo: rischio di credito

Dettagli

Lezione 2. Il rating. Il rating. Sistemi di rating, il rating esterno

Lezione 2. Il rating. Il rating. Sistemi di rating, il rating esterno Lezione 2 Sistemi di rating, il rating esterno Il rating Il modo con cui si combinano: Probabilità di inadempienza (PD) Perdita in caso di inadempienza (LGD) Esposizione all inadempienza (LGD) Scadenza

Dettagli

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi più industrializzati. Il Comitato non legifera, formula

Dettagli

Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari

Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari Modena, 4 ottobre 2008 Michele Campanardi Vice Direttore Divisione Corporate michele.campanardi@bper.it

Dettagli

Il nuovo accordo di Basilea sui requisiti patrimoniali

Il nuovo accordo di Basilea sui requisiti patrimoniali Il nuovo accordo di Basilea sui requisiti patrimoniali L accordo per i requisiti patrimoniali delle banche ha modificato il rapporto tra imprese e mondo finanziario. L accordo si articola in tre punti

Dettagli

III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013

III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 Premessa IRFIS Finanziaria per lo sviluppo della Sicilia Spa (di seguito anche Società o, in breve, IRFIS

Dettagli

Introduzione ANDREA SIRONI

Introduzione ANDREA SIRONI I Introduzione ANDREA SIRONI I.1 Il rischio di credito: un problema di definizione i.2 Il rischio di credito: una classificazione I.3 Le componenti del rischio di credito I.4 Principali approcci alternativi

Dettagli

RATING ADVISORY: NUOVE PROSPETTIVE PROFESSIONALI PER IL DOTTORE COMMERCIALISTA NEI SERVIZI DI FINANZA ALLE IMPRESE

RATING ADVISORY: NUOVE PROSPETTIVE PROFESSIONALI PER IL DOTTORE COMMERCIALISTA NEI SERVIZI DI FINANZA ALLE IMPRESE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO RATING ADVISORY: NUOVE PROSPETTIVE PROFESSIONALI PER IL DOTTORE COMMERCIALISTA NEI SERVIZI DI FINANZA ALLE IMPRESE DETERMINANTI DEL RATING E SUO UTILIZZO

Dettagli

IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA

IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA Area di interesse FINANZA Oggetto: IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA 2: quali parametri utilizzeranno le banche per valutare il grado di rischio delle aziende? Quali sono gli indicatori cruciali

Dettagli

LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI

LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI Fausto Galmarini Amministratore Delegato UniCredit Factoring Milano, 23 giugno 2009 Key messages Basilea 2 ha introdotto un più stretto legame tra

Dettagli

BASILEA 2, ACCORDO PER LA TUTELA DELL'ADEGUATEZZA PATRIMONIALE DELLE BANCHE LA DISCIPLINA E I RIFLESSI SULLE IMPRESE

BASILEA 2, ACCORDO PER LA TUTELA DELL'ADEGUATEZZA PATRIMONIALE DELLE BANCHE LA DISCIPLINA E I RIFLESSI SULLE IMPRESE BASILEA 2, ACCORDO PER LA TUTELA DELL'ADEGUATEZZA PATRIMONIALE DELLE BANCHE LA DISCIPLINA E I RIFLESSI SULLE IMPRESE L IMPORTANZA DEL CAPITALE Basilea 2 è il nuovo Accordo internazionale sui requisiti

Dettagli

Modelli di portafoglio

Modelli di portafoglio Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Modelli di portafoglio Corso di Risk Management Milano, 26 Marzo 2008 Perchè stimare EL e UL: un esempio Actual Portfolio Loss 2.00% 1.80% 1.60%

Dettagli

Le implicazioni sul processo del credito

Le implicazioni sul processo del credito SETTEMBRE 2006 BASILEA 2 E LE SUE IMPLICAZIONI 9 Le implicazioni sul processo del credito Passiamo qui ad analizzare alcuni degli elementi principali della variazione nei rapporti banca-impresa alla luce

Dettagli

Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche

Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche ROBERTO RIZZO 21 NOVEMBRE 2014 MILANO Agenda Premessa

Dettagli

Modello Interno di Rating del Segmento Retail

Modello Interno di Rating del Segmento Retail Modello Interno di Rating del Segmento Retail Ricerca Newfin FITD Università Bocconi Milano, Framework Piano di lavoro Introduzione Cenni normativi Definizione del segmento Retail Trattamento del segmento

Dettagli

INFORMAZIONI DI NATURA QUALITATIVA. Politiche di gestione del rischio di credito

INFORMAZIONI DI NATURA QUALITATIVA. Politiche di gestione del rischio di credito 1.1. RISCHIO DI CREDITO Le strategie, le facoltà e le regole di concessione e gestione del credito nel Gruppo sono indirizzate: al raggiungimento di un obiettivo di crescita delle attività creditizie sostenibile

Dettagli

1. Le teorie dell intermediazione finanziaria 2. Le banche. Giuseppe G. Santorsola 1

1. Le teorie dell intermediazione finanziaria 2. Le banche. Giuseppe G. Santorsola 1 1. Le teorie dell intermediazione finanziaria 2. Le banche 1 Gli Intermediari nella teoria Modalità alternative attraverso le quali avviene lo scambio 1. Scambio diretto e autonomo: datori e prenditori

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating 18 Dicembre 2014 1 di 10 SOMMARIO 1. MOTIVAZIONE... 3 1.1. Consultazione... 4 1.2. Definizioni... 4 2. SCALE DI VALUTAZIONE...

Dettagli

1. LA PROBLEMATICA DELL ACCESSO AL CREDITO DOPO BASILEA 2

1. LA PROBLEMATICA DELL ACCESSO AL CREDITO DOPO BASILEA 2 1. LA PROBLEMATICA DELL ACCESSO AL CREDITO DOPO BASILEA 2 1.1 Il Comitato di Basilea Il Comitato di Basilea vigila sull'attività bancaria globale, ma non è dotato di potere legislativo 3 : tutto ciò che

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2014 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6 TAVOLA

Dettagli

Le imprese edili bresciane e la sfida del rating. Cinzia Dabrassi Prandi Università degli studi di Brescia Facoltà di Economia

Le imprese edili bresciane e la sfida del rating. Cinzia Dabrassi Prandi Università degli studi di Brescia Facoltà di Economia Le imprese edili bresciane e la sfida del rating Cinzia Dabrassi Prandi Università degli studi di Brescia Facoltà di Economia La sfida per le imprese edili Valorizzare i punti di forza delle imprese edili

Dettagli

Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità

Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità C he cosa si intende per Basilea 2006? Basilea 2006 o più precisamente Basilea 2 è un accordo internazionale volto a determinare i requisiti patrimoniali

Dettagli

GUIDA PRATICA A BASILEA 2

GUIDA PRATICA A BASILEA 2 GUIDA PRATICA A BASILEA 2 GUIDA PRATICA A BASILEA 2 Progetto realizzato da Confcommercio Cosenza Con il contributo della Regione Calabria La gestione del progetto è stata affida al C.A.T. - Centro Assistenza

Dettagli

Valutazione rischio di credito

Valutazione rischio di credito Seminario I rischi ed il loro monitoraggio nella Banche ed i principali aspetti del bilancio bancario Valutazione rischio di credito Gli impatti sulla pratica professionale 1 Seminario I rischi ed il loro

Dettagli

Requisiti patrimoniali sul rischio operativo

Requisiti patrimoniali sul rischio operativo Requisiti patrimoniali sul rischio operativo Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione Egea, 2008 AGENDA Il requisito patrimoniale sul

Dettagli

Informativa al pubblico - Pillar III -

Informativa al pubblico - Pillar III - Informativa al pubblico - Pillar III - Indice Premessa...2 Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale...3 Tavola 2 - Rischio di credito - Informazioni generali...5 Tavola 3 - Rischio di credito - Informazioni

Dettagli

La gestione del rischio di interesse e di mercato. Giuseppe Squeo

La gestione del rischio di interesse e di mercato. Giuseppe Squeo La gestione del rischio di interesse e di mercato Giuseppe Squeo 1 Il rischio di interesse: modalità esposizione Le modalità di esposizione al rischio di interesse sono: rischio di riprezzamento, quando

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012 PREMESSA La Circolare 216 di Banca d Italia del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, al Capitolo V, al fine di rafforzare la disciplina prudenziale per gli Intermediari Finanziari iscritti

Dettagli

La nuova normativa segnaletica in materia di rischio di credito, di controparte e tecniche di attenuazione del rischio di credito

La nuova normativa segnaletica in materia di rischio di credito, di controparte e tecniche di attenuazione del rischio di credito La nuova normativa segnaletica in materia di rischio di credito, di controparte e tecniche di attenuazione del rischio di credito Assilea, Assifact, Assofin Le nuove disposizioni di Vigilanza della Banca

Dettagli

METODO STANDARDIZZATO PER IL CALCOLO DEL REQUISITO PATRIMONIALE A FRONTE DEL RISCHIO DI CREDITO

METODO STANDARDIZZATO PER IL CALCOLO DEL REQUISITO PATRIMONIALE A FRONTE DEL RISCHIO DI CREDITO Vigilanza Creditizia e Finanziaria RECEPIMENTO DELLA NUOVA REGOLAMENTAZIONE PRUDENZIALE INTERNAZIONALE (NUOVO ACCORDO SUL CAPITALE DI BASILEA E NUOVA DIRETTIVA C.E. SUI REQUISITI DI CAPITALE DELLE BANCHE

Dettagli

Alcune applicazioni dei modelli per il rischio di credito

Alcune applicazioni dei modelli per il rischio di credito Alcune applicazioni dei modelli per il rischio di credito Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione Egea, 2008 AGENDA Il pricing delle

Dettagli

Rating e condizioni bancarie

Rating e condizioni bancarie Club della Finanza Confindustria Udine Rating e condizioni bancarie Introduzione di: Alberto Bortolin ed Emanuele Facile - Financial Innovations Udine, 16 ottobre 2012 AGENDA L utilizzo del rating nelle

Dettagli

BASILEA 2: LA NUOVA NORMATIVA SULLA CONCESSIONE DEL CREDITO

BASILEA 2: LA NUOVA NORMATIVA SULLA CONCESSIONE DEL CREDITO BASILEA 2: LA NUOVA NORMATIVA SULLA CONCESSIONE DEL CREDITO Premesse e principi generali La nuova regolamentazione sull adeguatezza patrimoniale delle banche persegue l obiettivo di promuovere la stabilità

Dettagli

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008 FERCREDIT spa Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Pag. 1/12 Premessa La Circolare della Banca d Italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007 al capitolo V ha introdotto

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Corso in Financial Risk Management. Rischio di Controparte Metodo dei Modelli Interni di tipo EPE applicato ad un Portafoglio di derivati OTC

Corso in Financial Risk Management. Rischio di Controparte Metodo dei Modelli Interni di tipo EPE applicato ad un Portafoglio di derivati OTC Corso in Financial Risk Management Rischio di Controparte Metodo dei Modelli Interni di tipo EPE applicato ad un Portafoglio di derivati OTC Relatore: Prof. Giancarlo Giudici Candidato: Dott.ssa Elisabetta

Dettagli

RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO. Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle

RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO. Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO BANCA POPOLARE DI LODI Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle BANCA POPOLARE DI LODI RETI BANCARIE H. SPA BIPIELLE

Dettagli

Sintesi del documento. INTERNATIONAL CONVERGENCE OF CAPITAL MEASUREMENT AND CAPITAL STANDARDS A revised Framework

Sintesi del documento. INTERNATIONAL CONVERGENCE OF CAPITAL MEASUREMENT AND CAPITAL STANDARDS A revised Framework Basel Committee on Banking Supervision Bank for International Settlements Sintesi del documento INTERNATIONAL CONVERGENCE OF CAPITAL MEASUREMENT AND CAPITAL STANDARDS A revised Framework Versione definitiva

Dettagli