RESPONSABILITA SOCIALE DELL IMPRESA E GOVERNANCE DEL TERRITORIO. Impresa e territorio: verso un nuovo dialogo per lo sviluppo sociale ed economico.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RESPONSABILITA SOCIALE DELL IMPRESA E GOVERNANCE DEL TERRITORIO. Impresa e territorio: verso un nuovo dialogo per lo sviluppo sociale ed economico."

Transcript

1 RESPONSABILITA SOCIALE DELL IMPRESA E GOVERNANCE DEL TERRITORIO MARIA GIUSEPPINA LUCIA Impresa e territorio: verso un nuovo dialogo per lo sviluppo sociale ed economico. ARGOMENTI 1. Gli svolgimenti storici delle interpretazioni delle relazioni tra impresa e territorio 2. Dalla prospettiva a spaziale dell economia al protagonismo del territorio 3. Nuovi legami tra impresa e territorio nello scenario economico del terzo millennio 4. Attori, politiche, strumenti e governance del territorio 1. Gli svolgimenti delle relazioni tra impresa e territorio Per una lunga fase storia il territorio è stato considerato come un supporto indifferenziato su cui si sviluppano dinamiche e comportamenti localizzativi di attività imprenditoriali ipotizzati come razionali, e perciò spiegabili e prevedibili. Tali comportamenti sono condizionati in grande misura dal parametro distanza e le imprese si localizzano secondo regole identificabili (teoria di von Thünen e teoria di Weber). Nel secondo dopoguerra, in seguito allo sviluppo dell industrializzazione, gli studiosi spiegano le scelte delle imprese con i vantaggi localizzativi e le economie di agglomerazione. Tuttavia, il territorio rimane ancora un semplice supporto dell impresa e scarsa o nessuna attenzione è assegnata alle analisi delle relazioni tra le due dimensioni. Il cambiamento del sistema economico (la crisi del fordismo e l affermarsi dell economia della conoscenza) che si manifesta con evidenza con la prima crisi del mercato energetico alla svolta degli anni settanta del ventesimo secolo, ha orientato la riflessione di taluni studiosi verso metodologie sensibili ai fattori sociali e culturali, segnalando l importanza del ruolo che svolgono nelle relazioni tra impresa e territorio. Per comprendere il nuovo orientamento scientifico occorre in primo luogo svolgere qualche riflessione sul concetto di territorio che da supporto

2 passivo delle attività economiche diventa un protagonista capace di attrarre imprese e contribuire al loro sviluppo. 2. Dalla prospettiva a spaziale dell economia al protagonismo del territorio In tempi recenti gli studiosi condividono la funzione attiva del territorio nell organizzazione e nello sviluppo del sistema economico. Considerando il ruolo dei fattori sociali, politici e culturali sui percorsi evolutivi del sistema economico, il territorio è stato osservato come fondamento di reti di relazioni economiche, sociali, culturali, istituzionali. Riflessioni teoriche e prassi empirica hanno conseguito una rigorosa sistematizzazione della nozione del territorio come concetto relazionale e prodotto della storia, costruito e trasformato dall evoluzione delle relazioni che si sono stabilite nel corso del tempo tra i membri della comunità ivi insediata, radicando pratiche, conoscenze e saperi difficilmente trasferibili altrove. Procedendo in questa direzione alcuni studiosi hanno formulano, sulla base dei principi della teoria del sistema generale, il modello del Sistema Locale Territoriale (SLoT), pensato come un ambito territoriale definito dalla rete di relazioni degli attori locali di quel determinato spazio geografico e connesso con reti di attori dell ambiente o degli ambienti esterni. Il territorio così concepito consente di identificare gli asset intangibili utilizzando il concetto di milieu; concetto già presente nella geografia classica francese ma arricchito di nuove valenze applicative nella geografia contemporanea. Il milieu è definito come l interfaccia che si pone tra gli attori locali e l ecosistema. I suoi elementi costitutivi sono formati da sedimenti materiali e immateriali capaci di agire come fattori - prese- che attivano sviluppo se riconosciuti e utilizzati come risorse dai soggetti locali. Il sistema territoriale locale perciò configura il luogo di intersezione di relazioni locali e globali dove si affrontano e si risolvono i problemi posti alle aziende, alle istituzioni, agli attori e alla comunità locale dalla competizione globale, e pertanto luogo dove la conoscenza viene accumulata e trasmessa fra una pluralità di soggetti facilitando il processo innovativo dell impresa. Viene così definitivamente rimossa la visione a spaziale del sistema economico e di conseguenza il territorio è considerato parte integrante dell economia. L area di insediamento dell impresa costituisce in tal senso il luogo dove si selezionano le conoscenze e le informazioni che circolano a differenti scale geografiche.

3 3. Un nuovo legame tra impresa e territorio nello scenario economico del terzo millennio Nella fase storica di affermazione dell economia della conoscenza le strategie delle imprese non sono più guidate dalla realizzazione di economie di scala al loro interno e dallo sfruttamento di economie di agglomerazione e di economie esterne. Pur rimanendo validi e comprovati i vantaggi della vicinanza geografica tra imprese si afferma sempre più la consapevolezza che la conoscenza e l informazione non si diffondono solo in base al fattore prossimità, ma in base all esistenza di capitale relazionale, ossia quel sistema di relazioni tra imprese, istituzioni, comunità con il suo senso di appartenenza a un determinato contesto territoriale e di capitale sociale pensato come il complesso delle reti sociali, delle norme istituzionali e informali, dell attitudine di scambio di differenti competenze, di predisposizione alla cooperazione tra differenti attori e tra questi ed altri soggetti di organizzazioni diverse. La prossimità geografica si arricchisce così di nuove valenze perché non significa soltanto vicinanza fisica (condizione necessaria ma non sufficiente) ma costruzione sociale, determinata dalle relazioni che esistono fra i diversi attori economici e sociali. In tal senso la prossimità geografica si qualifica come prossimità relazionale tra imprese, ma anche tra imprese, fornitori, clienti, associazioni di categorie, forze sociali, riferendosi anche alle relazioni che il sistema locale stabilisce con altri sistemi a varie scale geografiche, facilitando così alle imprese la fruizione della conoscenza codificata che circola nelle reti globali. Infatti, la conoscenza tacita o implicita difficilmente opera in maniera indipendente dalla conoscenza codificata o esplicita, le due tipologie devono essere strettamente correlate per lo sviluppo dell impresa. Nella figura qui di seguito riportata si identificano le condizioni abilitanti del territorio in relazione alle varie tipologie di distanze considerate.

4 3.2 Gli asset intangibili del territorio per lo sviluppo l impresa Se si assume la nozione di contesto territoriale come un complesso di condizioni che possono stimolare le traiettorie di sviluppo, occorre obbligatoriamente svolgere alcune considerazioni sugli asset intangibili del territorio e sulla necessaria integrazione con gli asset intangibili interni all impresa. Gli asset intangibili del territorio sono stati attentamente considerati in modo particolare dalla letteratura sullo sviluppo locale che ha segnalato l importanza di primario rilievo della governance, delle interdipendenze non commerciabili, l «atmosfera» - qualcosa che è nell aria quale esito di regole pratiche presenza di produttori, ricercatori, policy maker, variamente ricompresi nel concetto di capitale sociale, capitale relazionale capitale di conoscenza, atmosfera creativa. In particolare il senso di appartenenza e di identità locale costituiscono elementi fondamenta mentali perché capaci di contribuire alla formazione di una percezione condivisa della realtà economica, all attivazione di processi di sinergia, di cooperazione tra pubblico e privato, di apprendimento collettivo e territorializzato che insieme alla presenza di lavoro qualificato può diventare capacità creativa e innovativa.

5 Non solo il mondo accademico è orientato verso questo indirizzo di pensiero, ma anche le sedi istituzionali hanno recepito concetti e metodi elaborati in ambiente scientifico. Infatti la Commissione europea ha rilevato la specificità e l unicità delle dotazioni intangibili di ciascuna regione, suggerendo la programmazione di politiche capaci di utilizzare tali asset. A sua volta l OECD già nel Territorial Outlook del 2001, ha ricompreso - insieme alle componenti immateriali del territorio - regole, codici di comportamento, sinergie, istituzioni, nel concetto di capitale territoriale, nozione basilare per l elaborazione di politiche territoriali Sinergia tra impresa e territorio per l innovazione e la competitività L impresa non è un attore che opera in separatezza dal luogo di insediamento, ma è essa stessa un elemento costitutivo dell ambito geografico che ne consente il funzionamento. Lo sviluppo dell impresa perciò dipende dalle relazioni che essa intrattiene con l esterno, vale a dire consumatori, clienti, fornitori, istituzioni pubbliche e private che consentono di acquisire nozioni ed esperienze di altri attori (learning by interacting). Il territorio, come si diceva, diventa il luogo che consente ai soggetti coinvolti di coordinarsi e di innovare così come di stabilire rapporti con attori esterni in una logica di integrazione locale/globale (configurandosi come un sistema relazionale aperto). Naturalmente perché tutto ciò sia possibile occorre una efficace azione di multilevel governance capace di sostenere, promuovere e coordinare reti di relazioni tra molteplici attori che operano a scale geografiche diverse. La multilevel governance è determinata dalla complessità riferibile alla compresenza e sovrapposizione delle competenze (contenute nelle diverse forme di governance), e l emergere del ruolo di nuovi attori politici, che operano attraverso reti transcalari. Un esempio emblematico è costituito dal distretto industriale che si configura come una realtà produttiva contrassegnata da pratiche condivise, stabili rapporti sociali, da regole informali che attivano reti corte e consolidate di relazioni e di scambi di informazioni e conoscenze, avviando la formazione di un substrato fertile per i processi di innovazione, vale a dire un milieu innovativo locale. Nel concetto di distretto formulato da Giacomo Becattini, infatti, si riconoscono con evidenza i principi delle teorie economiche e i riferimenti alla filosofia sociale di Alfred Marshall, il quale attribuisce una posizione centrale al lavoro nella vita degli individui come strumento di formazione del carattere, di sviluppo delle capacità umane, ossia di quell insieme di disposizioni necessarie allo svolgimento di un attività produttiva, e quindi strumento di

6 progresso. Al riconoscimento del capitale umano come fattore di sviluppo consegue il valore assegnato alle conoscenze che, attraverso la circolazione agevolata dalla vicinanza, diventano un bene collettivo del luogo, favoriscono lo scambio di nuove idee e perciò la creazione di innovazione. In modo particolare la realtà distrettuale ha rappresentato fino a un passato recente un sistema di valori e di orientamenti normativi condivisi, la presenza di un mercato del lavoro qualificato e formato attraverso l apprendimento sul campo, di reti di cooperazione e di concertazione fra imprese per lo scambio di informazioni, di cultura tecnica. Nell attuale fase di declino della performance produttiva dei distretti numerosi studiosi si sono incaricati di valutare il suo contributo ai processi innovativi. Alcuni assicurano che il distretto come luogo di concentrazione di conoscenze e competenze conserva ancora una forte rilevanza. In particolar modo l affermazione della cultura del prodotto rappresenta un potenziale per la formula distrettuale perché la presenza di reputazione, di relazioni personali, di saperi professionali, costituisce un patrimonio in grado di favorire il dialogo tra la produzione, il mercato, i consumatori per la ricerca di nuove soluzioni, formando un tessuto di collaborazioni tecniche e produttive in grado di avviare meccanismi di innovazione. Il distretto sostengono alcuni studiosi - non è un modello in crisi bensì una realtà in trasformazione che attraverso processi di apertura internazionale e di inserimento nelle catene globali del valore può auto-riprodursi interpretando i cambiamenti del sistema economico mondiale. Si segnala la formazione di business group, processo guidato da un azienda dotata di maggiori capacità di adeguarsi alle nuove forme di produzione transnazionale del valore che determina l evoluzione del l evoluzione del distretto attraverso un processo di aggregazione di imprese a livello verticale e orizzontale. Ne consegue però che le relazioni tra le imprese coinvolte in questo processo non sono più strettamente collegate a quelle caratteristiche già segnalate - prossimità geografica e legami sociali e culturali radicati nel tempo proprie del distretto, bensì ad organizzazioni formali volte al conseguimento, attraverso l inserimento nelle reti lunghe, di migliori performance sulla scena internazionale. Anche in questo caso occorre richiamare l attenzione sulla scala di territorializzazione dei fenomeni di cui si discute. Oltre al distretto sono anche altre realtà che traggono dalle relazioni con il milieu locale forza innovativa. Come è noto, assegnando importanza di primario rilievo al ruolo delle variabili esogene all impresa, Porter ha individuato una particolare realtà, il cluster, formata da un complesso di

7 imprese (interconnesse e specializzate in un settore produttivo) di istituzioni pubbliche e private (centri di ricerca e di formazione, università, associazioni di categoria) geograficamente localizzate. Il fattore che più specificamente distingue il distretto dal cluster è riferibile, alla scala geografica e alla omogeneità delle imprese. Alcuni studiosi si sono soffermati sulle differenze che distinguono le due realtà. Qui è sufficiente ricordare che una situazione di cluster può derivare anche da una particolare evoluzione del distretto. Infatti, seppure il concetto di cluster formulato da Porter attribuisca alla localizzazione nello stesso contesto territoriale la funzione di elemento identificativo, in effetti vengono riconosciute come cluster agglomerazioni produttive a diverse scale, da quella nazionale e regionale a quella urbana. In questo senso per esempio, in base alla scala di osservazione, sono stati identificati sistemi innovativi nazionali, sistemi innovativi regionali e sistemi innovativi locali. Le indicazioni sulla problematica della definizione delle unità territoriali richiama l attenzione sulla multiscalarità delle politiche a cui l impresa deve guardare per interagire con gli assett intangibili del territorio.

8 Fig. 2. Il territorio luogo di interazione tra conoscenza esplicita e conoscenza codificata per l innovazione dell impresa

9 5. Attori, politiche, strumenti e governance del territorio La categoria degli attori coinvolti nell interazione tra impresa e territorio comprende un universo assai variegato e di difficile classificazione per le strette interdipendenze fra le varie tipologie e le loro mission, tanto che, seppure numerose, le tassonomie elaborate dagli studiosi non possono essere esaustive In estrema sintesi possiamo indicare le amministrazioni locali, le università, i centri di ricerca, le agenzie di sviluppo, le camere di commercio, i centri per l innovazione, gli incubatori di imprese innovative, i parchi scientifici e tecnologici. A ciò si aggiungano servizi di consulenza, di progettazione, di formazione, servizi finanziari e strutture di credito locale e, infine, centri di transcodifica e di diffusione della conoscenza in grado di attingere anche ai flussi globali. Naturalmente il successo del sistema degli attori è direttamente collegato al livello di coordinamento, di cooperazione e di sinergia che sono capaci di attivare. Per quanto concerne le politiche si segnaleranno quelle che hanno più stretta attinenza con quelle volte a sostenere l impegno delle imprese verso un rinnovamento continuo dei loro prodotti per fare fronte alle criticità correlate ai fattori di crisi finanziaria e per assicurarsi al tempo stesso migliori condizioni di concorrenza nell incerto scenario economico di questo particolare momento storico. Tali politiche non rappresentano più un settore delle politiche industriali ma azioni rivolte a sostenere l impresa attraverso agevolazioni e finanziamenti diretti, mediante incentivi a settori in grado di creare un ambiente favorevole per i processi innovativi. Negli anni più recenti, in relazione allo sviluppo dell economia dell innovazione, della teoria dello sviluppo tecnologico endogeno e delle teorie evoluzioniste e istituzionaliste, gli studiosi condividono l ampliamento dell ambito di azione dei pubblici poteri a sostegno della produzione di conoscenze scientifiche e tecnologiche. Al tempo stesso, tuttavia, si affermano orientamenti di pensiero divergenti sugli strumenti e sulla scala di operatività delle prassi politiche che si ricollega al più ampio dibattito sulle caratteristiche trans nazionali e globali dell innovazione e sul carattere regionale (più che nazionale) dell apprendimento e della creatività. Infatti, alcuni ricercatori ritengono più efficienti le politiche accentrate a livello nazionale; altri, al contrario, considerano il livello regionale e locale la dimensione più adeguata alla formulazione e all implementazione di politiche per il sostegno dell innovazione dell impresa.

10 Le direttive dell Unione europea raccomandano che le politiche nazionali per l innovazione si impegnino a svolgere svolgere una funzione di primario rilievo, perché anche se l azione nazionale è condizionata alle competenze dei poteri regionali, locali e comunitari, il governo centrale ha facoltà di elaborare provvedimenti in tutti i settori, sia con interventi diretti sia con iniziative indirette. Tuttavia, la crescente decentralizzazione dei poteri statali e il ruolo sempre più determinante della Commissione europea delinea una divisione di compiti nell ambito del sostegno all innovazione. In tal senso al potere nazionale competono finanziamenti della ricerca di base e di quella applicata, rispettivamente svolte nelle università e nei centri di ricerca, così come la realizzazione di infrastrutture e finanziamenti di iniziative promosse a livello locale. Le prime iniziative degli interventi pubblici nel nostro Paese sono state destinate alle imprese tecnologicamente più avanzate al fine di stabilire una connessione tra il mondo accademico e scientifico mediante la predisposizione specifica di un settore di politica per l innovazione, ad analogia di quanto si stava verificando anche a livello comunitario. A ciò si sono aggiunti capitali erogati da istituzioni finanziarie e attori privati attraverso lo strumento del venture capital, del private equity e del business angel (o angel investor). A partire dagli anni novanta del ventesimo è stata elaborata una vera e propria politica dell innovazione, nell intento di rafforzare le connessioni tra la sfera della ricerca pubblica e l imprenditoria. Le iniziative istituzionali più recenti si configurano come forme di intervento integrato che considerano tutte le tipologie di imprese come componenti di un unico sistema innovativo. In generale l azione politica ha spostato gradualmente la sua attenzione dal semplice sostegno dell impresa all attivazione di condizioni in grado di migliorare le potenzialità di tutto il contesto territoriale. Infatti, soprattutto a livello locale, le politiche per l innovazione si avvicinano e si intersecano con le politiche territoriali, definite dagli studiosi di materia strumenti attivati da un azione collettiva per la soluzione delle questioni di interesse comune di un contesto territoriale di riferimento di una comunità, introducendo nei loro settori di intervento azioni rivolte all innovazione e al trasferimento della conoscenza. Infatti al policy maker si attribuisce il compito di promuovere e dirigere la creazione di reti di innovazione tra imprese e tra imprese e territorio, con un approccio alle politiche di innovazione che rimuove l erogazione di incentivi finanziari a favore di una strategia di governance. In tal senso le politiche dell innovazione si connotano per una maggiore presenza di forme partecipative di governance, assegnando un ruolo fondamentale agli attori locali, e non solo agli attori con mandato istituzionale, ma a gruppi di stakeholder e di shareholder, che si confrontano, costruiscono partenariati ed altre forme di associazione per conseguire un obiettivo condiviso. E a questo nuovo scenario, di multilevel governance, che le imprese devono far riferimento; uno scenario movimentato da reti di relazioni in grado di collegare il locale con conoscenze, competenze, innovazioni che avvengono ad

11 altre scale. Ma ancora una volta si deve precisare il riconoscimento del contesto locale quale elemento catalizzatore per l aggregazione dei molteplici attori e come destinatario dei benefici che il network locale costruisce con i network globali. BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO Becattini G. (1997), Mercato e forze locali: il distretto industriale, Il Mulino, Bologna. Becattini G.(2000), Il distretto industriale. Un nuovo modo di interpretare il cambiamento economico, Rosenberg e Sellier, Torino. Beffa J.L. (2005), Pour une nouvelle politique industri elle, La Documentation francaise, Paris. Bellandi M. (1996), Innovation and Change in the Marshallian Industrial District», European Planning Studies, vol. IV, n. 3, pp Bellandi M. (2004), Economie esterne distrettuali, beni pubblici specifici e nessi locali, in Bellanca, Dardi, Raffaelli (a cura di), Economi senza gabbie, Il Mulino, Bologna, pp Berque A. (1990), Médiance de milieux en paysages, Reclus, Montpellier. Bessant J., Alexander A., Tsekouras G., Rush H., Lamming G. (2012), Developping innovation capability through learning networks, Journal of Economic Geography, n.12, pp Boschma R. A. (2005), Proximity and Innovation: A Critical Assessment, Regional Studies, vol.39, n. 1, pp Bramanti A.(1998), From space to territory. Relational development and territorial competitiveness. Paper presented at SMEs and districts: hybrid governance form, knowledge creation technology transfer, Castellanza, 5-7 Novemberhdrnet.org/.../48_From.space.to.territory.brama... Brioschi F., Brioschi M.S., Cainelli G. (2002), From the Industrial District to the District Group. An Insight Into the Evolution of Local Capitalism, in Regional Studies, vol. 36, n.9., pp Camagni R. (2002), Competitività territoriale, milieux locali e apprendimento collettivo: una controriflessione critica, in Camagni R., Capello R. (a cura di), Apprendimento collettivo e competitività territoriale, Franco Angeli, Milano,pp Camagni R. (2009), Per un concetto di capitale territoriale in Borri D. e Ferlaino F. (a cura di), Crescita e sviluppo regionale: strumenti, sistemi, azioni, Franco Angeli, Milano, pp Camagni R., Capello R. (2002 a cura di), Apprendimento collettivo e competitività territoriale, F.Angeli, Milano. Capello R., Faggian A. (2005), Collective learning and relational capital in local innovation processes, in Regional Studies, vol.39, n.1, pp Charles D. (2005), Network and Cluster Policy in Europe: Lessons from RITTS, and New Cluster-Based Regional Innovation Strategies, paper presented to the Conference Innovation Networks in Regions - European Experiences and the German InnoRegio Programme, September 13 th, Berlin. Cicciotti E., Rizzi P. (2005a cura di), Politiche per lo sviluppo territoriale, Carocci, Roma CNEL, CERIS, CNR (1997), Innovazione, piccole imprese e distretti industriali, in Documenti CNEL, n.7, Roma Conti S. (2012), I territori dell economia. Fondamenti di geografia economica, Utet,Torino. Conti S., Giaccaria P. (2006), A Systemic Approach to Territorial Studies: Deconstructing Territorial Competitiveness, in Vertova G., The Changing Economic Geography of Globalization, London, Routledge, pp Dei Ottati G. (2009), An industrial district facing the challenges of globalisation: Prato today, in «European Planning Studies», vol. 17, n. 12, pp Dematteis G. (1996), Progetto implicito, Franco Angeli, Milano

12 Dematteis G. e Governa F. (2005 a cura di), Territorialità, sviluppo locale, sostenibilità: il modello SLoT, Franco Angeli, Milano Dicken P. (2011), Global shift. Mapping the changing contours of the world economy, Guilford Press, New York. Fondazione Adriano Olivetti (2012), innovazione, intangibili, territorio. Analisi e valorizzazione del capitale intellettuale per le politiche di sviluppo locale, Fondazione Olivetti, Ivrea Foray D. (2000), L Economie de la Connaissance, La Découverte, Paris. Lazzarini G. (2010), L asset intangibile dell azienda. Investire sul capitale umano per affrontare le sfide della ripresa, Il Sole 24 Ore, Milano. Micelli e Corò (2007), I distretti industriali come sistemi locali di innovazione: imprese leader e nuovi vantaggi competitivi dell industria italiana, in Economia Italiana, n.1, pp Perulli P. (1998), Neoregionalismo. L economia arcipelago, Bollati e Boringhieri, Torino. Pilotti, L.(1998) L evoluzione dei sistemi industriali del nord-est: un modello «quasi renano», in Finanza,marketing e produzione, vol.16, n.1, pp Pini G., Devolution e politica industriale regionale, ilo.unimo.it/download.aspx?idfile=43&iduniversity=1 Porter M. (1998), Clusters and the new economics of competition, Harvard Business Review, pp Rolfo S., Innovazione, tecnologia e competitività internazionale: quale futuro per i distretti e le economie locali, Ceris-Cnr, Working Paper n.9, 2001, Rolfo S.( 2006), Réflexions en thème de districts, clusters, réseaux: le problème de la gouvernance, Ceris-Cnr, Working Paper n.,6, Rota S. F. (2006), Il territorio come produttore di conoscenza. Reti e processi di apprendimento nelle politiche locali per lo sviluppo dell innovazione, Tesi di dottorato in, Pianificazione territoriale e sviluppo locale, ciclo XVIII, Dipartimento Interateneo Territorio, Politecnico e Università di Torino, Torino. Salone C. (2007), Politiche territoriali. L azione collettiva nella dimensione territoriale, Utet, Torino Rullani E.., Economia della conoscenza. Creatività e valore nel capitalismo delle reti, Carocci, Roma, 2004 Sforzi F., Dal distretto industriale allo sviluppo locale, Testo della lezione inaugurale tenuta ad Artimino 2005, Incontri pratesi sullo sviluppo locale: Dal distretto industriale allo sviluppo locale, organizzati dall IRIS, 12 settembre Torre, A. (2009), Retour sur la notion de proximité géographique, Géographie, Économie, Société, n.11, pp Torre, A., Rallet, A. (2005), Proximity and localization, Regional Studies, n.39 pp Vallega A., Compendio di geografia regionale, Mursia, Milano, 1989 Zimmermann I.B. (2001), The firm/territory relationships in globalization: towards a new rationale, in European Journal of Economic and Social Systems, vol.15, n.1, 2001, pp.57-75

13 RESPONSABILITÀ SOCIALE DELL IMPRESA E GOVERNANCE DEL TERRITORIO

14 ALCUNI DATI OSSERVATORIO PERMANENTE SULLA MICRO E PICCOLA IMPRESA MILANESE (Altis 2006) : evidenzia come l 89% del campione di imprese considerate percepisce la formazione del personale come un investimento. Seconda indagine Le politiche di formazione delle grandi imprese in Italia (Isfol 2008): la formazione produce un aumento della produttività: gli studiosi ipotizzano che un incremento del 10% delle ore di formazione generi un aumento di circa 7900 euro per lavoratore. Ma per la maggior parte delle imprese la formazione non assicura un miglioramento della competitività soprattutto per due motivi: discontinuità nel tempo, aree di intervento che non costituiscono una reale priorità strategica dell azienda (molta formazione dato assolutamente molto positivo si concentra nell area della sicurezza, molto meno nella ricerca e sviluppo). Dott.sa Maurizia Albanese

15 RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA: quali sfide per la formazione RSI CHIEDE ALL IMPRESA DI FARSI CARICO DI: nuovi modelli culturali reputazione rapporto con stakeholder esterni e interni rapporto con territorio Fiducia (Saxenian 1991) Azienda PRIVATA deve rendere conto SOCIETÀ alla CAMBIAMENTO CULTURALE Dott.sa Maurizia Albanese

16 CAMBIAMENTO CAMBIAMENTO E APERTURA AL NUOVO GENERANO RESISTENZE (Blandino e Granieri 1995) CAPACITÀ NEGATIVA (Lanzara 1993) La formazione deve essere capace di ascoltare non solo i bisogni dichiarati, ma anche quelli latenti, riuscendo così a restare in contatto con gli aspetti relazionali ed affettivi presenti nel contesto lavorativo (Tartaglia 1998). Dott.sa Maurizia Albanese

17 PROCESSO FORMATIVO ANALISI DELLA STORIA E DELLA CULTURA AZIENDALE: iniziando dal basso e coinvolgendo il personale 3 obiettivi formativi: SAPERE, DEL SAPER FARE E DEL SAPERE ESSERE Gougelin (1972) FORMATORI come FACILITATORI: elaborazione dell esperienza (Quaglino e Carozzi 1981) Dott.sa Maurizia Albanese

18 PMI E TERZO SETTORE LEGAME CON TERRITORIO E RESPONSABILITÀ Legame come vincolo e RISORSA: bisogno dell altro non come limite e mancanza ma come valore aggiunto Assett intangibili Dott.sa Maurizia Albanese

19 BIBLIOGRAFIA Blandino G., Granieri B. La disponibilità ad apprendere Cortina, Milano 1995 Cinque M. La creatività come innovazione personale: teorie e prospettive educative Giornale Italiano della Ricerca Educativa III 2 Dicembre 2010 De Maio A., Vignali R. Impresa è innovazione Atlandide, Donaddio M. Cultura d'impresa: se ne parla, ma pochi sanno che cosa sia, Ilsole24ore /cultura impresa.shtml?uuid&# Fenoglio M.T., Albanese M., Il punto di vita psicologico, in Storie di ordinaria disoccupazione Ega, Torino Gougelin P. et al. La formazione psicosociale nelle organizzazioni Isedi, Milano, 1972 G. Lanzara, Capacita negativa Il Mulino, Bologna Dott.sa Maurizia Albanese

20 BIBLIOGRAFIA segue Lazzarini G. L asset intangibile dell azienda. Gruppo24ore, Milano 2010 NORMAPME Guida sulla Responsabilità Sociale d Impresa luglio 2011 Piano d azione nazionale sulla responsabilità sociale d impresa a cura di Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e Ministero dello Sviluppo Economico Quaglino G.P., Carrozzi G.P. Il processo di formazione Angeli, Milano 1981 Saxenian A. L. The Origins and Dynamics of Production Networks in Silicon Valley. Research Policy, Tartaglia F. Affetti e management Utet, Torino 1998 Dott.sa Maurizia Albanese

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

3 Sonda: è lo strumento metodologico messo a punto per la rilevazione e l analisi del capitale

3 Sonda: è lo strumento metodologico messo a punto per la rilevazione e l analisi del capitale di Carlo Ronca Il Capitale Intellettuale e il suo report: una nuova cultura per sostenere i processi di innovazione e la competitività delle imprese e dei loro sistemi 1/2012 Working Paper on Knowledge

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

CORSI BREVI. Catalogo formativo 2015. /FitzcarraldoFon

CORSI BREVI. Catalogo formativo 2015. /FitzcarraldoFon CORSI BREVI Catalogo formativo 2015 La svolge attività di formazione dal 1989 ed è stata tra i primi in Italia a introdurre percorsi formativi legati al management e al marketing culturale. L'offerta formativa

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Scuola di Management per le Università, gli Enti di ricerca e le Istituzioni Scolastiche Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Dott. William

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Traduzione 1 Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Conclusa a Parigi il 20 ottobre 2005 La Conferenza generale dell Organizzazione delle Nazioni Unite

Dettagli

La dimensione territoriale dello sviluppo socio-economico locale: dalle economie esterne distrettuali alle componenti

La dimensione territoriale dello sviluppo socio-economico locale: dalle economie esterne distrettuali alle componenti 1 La dimensione territoriale dello sviluppo socio-economico locale: dalle economie esterne distrettuali alle componenti del milieu di Francesca Governa 1. Introduzione L interpretazione tradizionale dei

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli