Nuovo modello di business per le piccole e medie imprese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nuovo modello di business per le piccole e medie imprese"

Transcript

1 Nuovo modello di business per le piccole e medie imprese Piccolo non è bello: come rimediare agli svantaggi della piccola impresa PMI al bivio: ricette per tornare a crescere Incontro 28 settembre 2010 Arthur D. Little S.p.A. Corso Sempione, 66 A Milan Italy Telephone Fax

2 Indice Bisogna che tutto cambi perché nulla cambi Giuseppe Tomasi di Lampedusa, Il Gattopardo 2

3 Indice Premessa Situazione attuale e problemi delle PMI Come migliorare la competitività delle PMI? Conclusioni 3

4 1 Premessa Per anni asse portante dell economia italiana, il sistema delle piccole e medie imprese è a rischio di sopravvivenza I settori industriali tipici del made in Italy sono costituiti in larga misura da PMI che hanno goduto per anni di vantaggi competitivi legati a flessibilità e creatività... ma la situazione è drammaticamente mutata Gli imprenditori si trovano a dover riconsiderare dalle fondamenta il loro modo di fare business, rimettendo in discussione quanto da loro stessi creato nel corso degli anni... l eccellenza ed unicità del prodotto sono fattori necessari ma non più sufficienti Le possibilità di sopravvivenza e sviluppo saranno legate alla capacità di concepire nuovi modelli di business che sappiano ribaltare gli schemi consueti e di fare leva creativamente su risorse esterne all azienda L evidenza logica e le esperienze sin qui maturate sembrano dimostrare che vi sono vie percorribili con successo... esistono però barriere di natura culturale e strutturale 4

5 Indice Premessa Situazione attuale e problemi delle PMI Come migliorare la competitività delle PMI? Conclusioni 5

6 2 Situazione attuale e problemi delle PMI Le piccole-medie aziende del sistema-italia stanno attraversando una fase di acuta sofferenza I settori industriali trainanti del made in Italy sono costituiti da una quota di piccole e medie aziende di gran lunga superiore agli altri paesi sviluppati Le PMI sono state per decenni il motore dello sviluppo del paese grazie a fattori come Capacità innovativa Prodotti eccellenti Tradizionali punti di forza delle piccole-medie imprese italiane Stretto rapporto con la clientela Strutture specializzate, costi competitivi Leve corte, flessibilità, capacità di risposta al mercato Frequente appartenenza a distretti industriali dove piccole aziende facevano parte di un sistema che le metteva in grado di ampliare il campo d azione e ridurre gli svantaggi della piccola dimensione... ma la situazione negli ultimi anni è drammaticamente mutata 6

7 2 Situazione attuale e problemi delle PMI L impatto delle piccole dimensioni sulla redditività è divenuto devastante, e la situazione appare in via di rapido deterioramento Redditività (EBITDA/Ricavi) Aziende a rischio di default Ipotesi: Fatturato - 20%, Tempo pagamento fornitori + 20% Fonte: Dati AIDA (2008) su un campione di società dll industria leggera 7

8 2 Situazione attuale e problemi delle PMI Nonostante la ripresina in atto, le micro-imprese sono tagliate fuori Classe dimensionale Vendite UE 2 trimestre Vendite extra UE 2 trimestre Prev. ordini esteri 3 trimestre addetti - 1,9-1,4 + 0, addetti + 4,0 + 2,7 + 2,0 Oltre 40 addetti + 8,1 + 11,9 + 5,3 Fonte: Corriere della Sera, 7 Settembre

9 2 Situazione attuale e problemi delle PMI Per mantenere nei prox 10 anni il modesto tasso di crescita del passato decennio, sarà necessario triplicare la crescita della produttività un ipotesi irreale a meno di pesanti interventi strutturali su PMI e servizi Andamento PIL Italia ( % annuo) Simulazione PIL Italia ( % annuo) 1,2% 0,6% 1,2% 1,8% 0,6% Popolazione costante Forza lavoro Totale PIL Produttività Forza lavoro Totale PIL Produttività - 0,6% Fonte: Previsioni demografiche ISTAT 9

10 2 Situazione attuale e problemi delle PMI Il giro di boa: le regole del gioco sono state rivoluzionate nell arco di pochi anni Ad esempio nel sistema moda tra i più colpiti il giro di boa è stato il 1 gennaio 2005 con l abolizione del Trattato Multifibre e delle quote sull import ma tutti i settori sono stati investiti dall allargamento del WTO a paesi come Cina e India, e dalla generale riduzione delle barriere sugli scambi internazionali Sono state inoltre approvate in questi anni dozzine di misure europee sulla produzione e sul commercio che hanno esposto il Sistema Italia ad una concorrenza internazionale senza precedenti La crisi finanziaria iniziata nel 2008 ha solo accentuato i problemi esistenti E del tutto improbabile che si possa tornare indietro Fonte: Arthur D. Little 10

11 2 Situazione attuale e problemi delle PMI La conseguenza pratica è che ciò che ha funzionato fino a qualche anno fa non funziona più Clientela tradizionale, italiana e straniera, sparita o ridimensionata Canali distributivi stravolti Reti di agenti incapaci di portare a casa ordini Feroce selezione in atto anche tra i prodotti di marca Distretti industriali che non assicurano più i vantaggi competitivi di un tempo Aziende italiane obbligate ad approvvigionarsi sempre più lontano, secondo logiche di bassi costi e non più di qualità e innovazione Mutati modelli di business che tagliano fuori le PMI Una cosa è esportare, altra è internazionalizzarsi... e lo stesso dicasi per la produzione Se non ci sono i numeri, internazionalizzarsi è utopia Impresa ardua anche solo mantenere i volumi Fonte: Arthur D. Little 11

12 2 Situazione attuale e problemi delle PMI La legge di Murphy delle PMI A fronte dell erosione del core business, molti imprenditori reagiscono in 3 modi Moltiplicano le linee per coprire nuove fasce di mercato Ampliano la gamma di prodotto per aumentare la penetrazione sulla clientela esistente Tentano l avventura di nuovi mercati Sono scelte che richiedono progetti di lungo termine, da affrontare con risorse adeguate Molti fanno invece queste scelte in modo opportunistico per recuperare fatturato a breve... la ricetta per condurre l azienda alla rovina Le nuove linee cannibalizzano le linee originarie e la redditività si abbassa Le nuove merceologie richiedono sacrifici di margini per rubare quote di mercato ai competitors Idem per l ingresso su nuovi mercati Oltre ai margini industriali, aumentano inevitabilmente i costi fissi, legati alla complessità del business più che ai volumi Last but not least, carenze gestionali e disservizi derivanti da queste scelte distolgono l imprenditore dai suoi compiti fondamentali: come fare migliori prodotti e venderli meglio Risultato netto: deterioramento della produttività e perdita di competitività Fonte: Arthur D. Little 12

13 2 Situazione attuale e problemi delle PMI Le PMI operano in un contesto distorto da regole cervellotiche e incerte Fonte: 13

14 Indice Premessa Situazione attuale e problemi delle PMI Come migliorare la competitività delle PMI? Conclusioni 14

15 3 Come migliorare la competitività delle PMI? Siamo dunque in un circolo vizioso da cui è impossibile uscire? No, se è il modello di business che non funziona, bisogna rivedere il modello di business... che è quello che gli imprenditori sono riluttanti o non riescono a fare, ed è la ragione per cui non ne escono Cambiamento del modello di business significa uscire dagli schemi consueti Proiettare gli orizzonti al di fuori, molto al di fuori, dei ristretti confini aziendali Fare leva creativamente su risorse altrui e liberare l energia innovativa dell impresa La tesi di questo seminario è che le strategie di successo delle PMI debbano andare in due direzioni Attuare strategie di alleanze Attuare modelli organizzativi focalizzati sulle core activities (*) (*) Core activities : attività centrali alla missione dell impresa, quelle che generano il massimo valore aggiunto 15

16 3 Come migliorare la competitività delle PMI? Attuare una strategia di alleanze Motivi per attuare una strategia di alleanze Le aziende sono troppo piccole... anche un azienda da milioni di euro, quasi un gigante nel nostro panorama industriale, è un nano su scala internazionale Pochi imprenditori intraprendono l unica seria alternativa alle acquisizioni: le alleanze strategiche Che cosa si intende esattamente per alleanze strategiche? Le alleanze strategiche sono relazioni di business tra aziende che condividono il comune obiettivo di incremento della competitività attraverso lo scambio di competenze complementari e risorse essenziali per raggiungere un significativo vantaggio reciproco Le alleanze sono una parte fondamentale di questo gioco della competizione globale... Sono critiche per vincere in un mondo globale... La via meno attrattiva per vincere in un mondo globale è pensare di poter fare tutto da soli Jack Welch, CEO General Electric Nessuna azienda è un isola. In un mondo interdipendente ogni azienda deve pensare di dover lavorare con gli altri se vuole competere nel mercato globale Akio Morita, Chairman Sony Le alleanze sono un modo per allargare il proprio campo d azione senza dover allargare l azienda... giocando sulla collaborazione e condivisione di attività ad alto valore Michael Porter, Harward Business School 16

17 3 Come migliorare la competitività delle PMI? Attuare una strategia di alleanze Le alleanze strategiche hanno campi di applicazione vastissimi... attraverso le alleanze piccole imprese con mezzi limitati riescono a competere con successo sul mercato globale Sviluppo di nuovi prodotti e servizi Miglioramento tempi di risposta Riduzione costi Ripartizione rischi Alti Tra fornitori e clienti Tra concorrenti Investimenti congiunti in unità produttive Sviluppo di nuove fonti di approvvigionamento Apertura di nuovi mercati Sviluppo di nuove tecnologie Sviluppo di nuovi servizi Conflitti potenziali Bassi Tra imprese di settori diversi Bassa Tra imprese concorrenti in diversi segmenti di mercato Interazione processi organizzativi Alta Ingresso in nuovi mercati Ampliamento gamma di prodotto Accordi incrociati di produzione e distribuzione Riduzione costi Fonte: Arthur D. Little 17

18 3 Come migliorare la competitività delle PMI? Attuare una strategia di alleanze Alcuni esempi di alleanze strategiche... Tra imprese di settori diversi Tra fornitori e clienti Tra imprese concorrenti in diversi segmenti o diverse aree geografiche Tra imprese direttamente concorrenti Un importante produttore di abbigliamento maschile ed un azienda produttrice di macchine da taglio hanno investito congiuntamente sullo sviluppo del taglio automatico di tessuti a quadri, conseguendo entrambe importanti vantaggi competitivi Un gruppo di produttori lanieri e di produttori di macchine tessili hanno sviluppato una strategia di barter business in paesi in via di sviluppo (produttori di lana), vendendo macchine per filatura e tessitura (e relativa assistenza tecnica) pagate con la fornitura di tessuti greggi Un azienda italiana di abbigliamento uomo ed il principale fornitore di tessuti (turco) hanno investito congiuntamente per ridurre il tempo di risposta al mercato da 3 mesi a 3 settimane, attuando un nuovo modello organizzativo e investendo su tecnologia e integrazione dei processi Un azienda italiana di abbigliamento donna ha sviluppato un piano di cooperazione con dettaglianti indipendenti per lo scambio completo di informazioni e l attuazione di un sistema di rifornimento dei negozi che ha permesso incrementi delle vendite del 20-30%, l aumento degli utili e la riduzione del capitale circolante sia per l azienda che per i negozi clienti Un azienda pratese ed una brasiliana, entrambi produttori di tessuti lanieri cardati, hanno stipulato un alleanza per lo sviluppo di collezioni per il mercato brasiliano, assistenza tecnica, e distribuzione di tessuti importati dall Italia. Le vendite del partner brasiliano sono aumentate del 54% nel primo anno, con buon ritorno per entrambe le aziende Due produttori di telai tessili basati su diversa tecnologia, ciascuno leader nella propria tecnologia, hanno deciso di integrare le rispettive gamme nella propria offerta mantenendo commercializzazione indipendente sui mercati maturi, e investendo congiuntamente sui mercati in via di sviluppo Tre importanti produttori di biancheria per la casa hanno investito in una tessitura comune, conseguendo vantaggi tecnologici e di economie di scala 14 produttori italiani di tessuti per arredamento hanno costituito un consorzio, aperto uffici comuni su tutti i principali mercati, concludendo accordi di fornitura nei paesi a basso costo, attuando strategie comuni di comunicazione ed eventi Fonte: Arthur D. Little 18

19 3 Come migliorare la competitività delle PMI? Attuare una strategia di alleanze Perchè le alleanze tra PMI raramente funzionano? (1/2) Il fattore culturale gioca la sua parte ma viene generalmente sopravvalutato Se l anima stessa della piccola impresa è l indipendenza, tentare di sradicare questa cultura è l approccio perdente... Le alleanze devono salvaguardare l indipendenza degli imprenditori La conseguenza logica è che le alleanze devono essere a scendere e non a salire Azienda A Azienda B Azienda C Soggetto dell alleanza Soggetto dell alleanza Azienda A Azienda B Azienda C Alleanze a scendere Lo schema di cooperazione consiste nella costituzione di un soggetto terzo in qualsiasi forma giuridica o contrattuale che si pone come fornitore di beni e servizi o cliente delle aziende alleate o co-gestore di rami d azienda. Le aziende co-investono in varia forma nel nuovo soggetto che viene gestito in modo indipendente.secondo meccanismi di mercato e regole certe Le aziende costituenti restano indipendenti per tutte le attività non oggetto dell alleanza. Alleanze a salire lo schema di cooperazione consiste nella costituzione di un soggetto terzo a cui vengono conferite quote delle aziende alleate. Il soggetto terzo, oltre a vedersi demandate alcune attività oggetto dell alleanza, esercita funzioni di controllo sulle aziende partecipate in qualche modo limitandone l autonomia. Pur rispondendo ad un esigenza di consolidamento della ns. industria, questo modello rischia di essere difficilmente attuabile Fonte: Arthur D. Little 19

20 3 Come migliorare la competitività delle PMI? Attuare una strategia di alleanze Perchè le alleanze tra PMI raramente funzionano? (2/2) La concezione, negoziazione e implementazione di un alleanza strategica è un processo altamente complesso che richiede preparazione da parte dell imprenditore Idee chiare su obiettivi, schemi di cooperazione, meccanismi operativi, vantaggi reciproci Strategia attentamente elaborata e documentata, in termini di analisi di scenario e azioni necessarie per giungere ad una conclusione positiva Valutazione rischi potenziali e relative contromosse Forte convinzione personale per essere in grado di convincere altri La realtà è che il piccolo imprenditore italiano è maestro di opportunismo e di improvvisazione, ma raramente il pensiero strategico gli è congeniale Non è sufficiente che l intuizione imprenditoriale di base sia ottima abbiamo avuto esperienza di iniziative malamente fallite in fase di approfondimento per impreparazione e malintesi, anche quando c era un vantaggio evidente per le parti Ricordarsi che la firma di un buon contratto è solo il passo iniziale, la parte difficile è far funzionare l alleanza L esperienza è un fattore chiave di successo se non ce l hai, meglio comperare risorse esterne Fonte: Arthur D. Little 20

21 3 Come migliorare la competitività delle PMI? Attuare modelli organizzativi focalizzati sul core business Focalizzazione sul core business... una ricerca internazionale condotta a metà anni 90 sull evoluzione a lungo termine dei modelli di business, giunse a varie conclusioni tra cui In un azienda industriale vi sono 4 core activities Ricerca e sviluppo Branding Produzione e distribuzione Il nuovo millennio vedrà una crescente focalizzazione delle aziende su una, max due core activities Logistica Fonte: The new millennium, ricerca su 200 CEO di aziende del settore design in USA e Europa - Kurt Salmon Associates Inc.,

22 3 Come migliorare la competitività delle PMI? Attuare modelli organizzativi focalizzati sul core business I concetti di base della focalizzazione del business e della delega di attività non core a specialisti esterni sono intuibili Gli specialisti che lavorano in conto terzi beneficiano normalmente di costi di struttura più bassi, ed il limitato numero di passaggi interni riduce i tempi di risposta al mercato L esternalizzazione (outsourcing) dei servizi non comporta necessariamente un deterioramento del livello di servizio avviene spesso il contrario L outsourcing di funzioni aziendali ha evidentemente il vantaggio della flessibilità rispetto a congiunture positive o negative di mercato Le aziende che hanno terziarizzato le attività non core traggono anche il vantaggio difficilmente misurabile ma decisivo di poter focalizzare l attenzione sugli aspetti realmente distintivi della loro attività, dove si concentra il massimo valore aggiunto dell impresa Un altro enorme vantaggio è l apertura alle idee fresche e innovative che vengono dal mondo esterno, particolarmente dove l innovazione tecnologica o il fattore moda hanno un ruolo importante molte organizzazioni aziendali sono invece rinchiuse su se stesse, perdendo slancio e creatività Fattore chiave di successo nell outsourcing è che il terzista non sia gestito come un entità esterna, ma come parte integrante dell azienda L attività gli va conferita in blocco, responsabilizzandolo sui risultati... evitando esiziali duplicazioni di compiti e controlli che peggiorano capacità di risposta e costi La rivoluzione dell informatica e delle telecomunicazioni, oltre all abbattimento delle barriere sugli scambi internazionali, ha costituito un potente motore allo sviluppo dell outsourcing di servizi su scala nazionale e internazionale Fonte: Arthur D. Little 22

23 3 Come migliorare la competitività delle PMI? Attuare modelli organizzativi focalizzati sul core business Il trend di lungo periodo è chiaro: si va verso un mondo sempre più specializzato, e quindi terziarizzato (1/2) Aziende che hanno attuato formule innovative di outsourcing dei servizi basate su Tecnologia Approccio globale al business spuntano risultati economici di gran lunga superiori rispetto alle aziende tradizionali Queste imprese stanno reggendo l impatto della crisi con problemi infinitamente inferiori rispetto alle aziende tradizionali Descrizione Aziende focalizzate su core activities Media confezionisti Fatturato Consumi 46,2 46,0 Costo lavoro 1,0 10,0 Costo servizi 26,6 38,0 Ebitda 26,2 6,0 Amm.ti 1,6 2,0 Ebit 24,6 4,0 CIN (capitale investito netto) Equity 35,0 34,0 PFN (posizione finanziaria netta) 65,0 66,0 ROI % 49,9 7,0 PFN/EBITDA (n. anni rimborso debito) 1,2 7,7 Fatturato/capitale investito netto 2,0 1,8 Fonte: Analisi Arthur D. Little su bilanci 2008 di un campione di imprese di confezione Nota: Il campione non presenta requisiti di rappresentatività, occorrerebbe un supplemento di ricerca, tuttavia i numeri sono reali e fanno riflettere 23

24 3 Come migliorare la competitività delle PMI? Attuare modelli organizzativi focalizzati sul core business Il trend di lungo periodo è chiaro: si va verso un mondo sempre più specializzato, e quindi terziarizzato (2/2) Nelle aree industrializzate c è già una fioritura di aziende di servizi in grado di gestire intere aree di attività con elevata professionalità, tecnologia, costi competitivi Ad esempio Servizi amministrativi, gestione finanziaria, controllo di gestione Servizi logistici CAD Ricerca e sviluppo, progettazione Prototipia Materiali di vendita Customer care Sistemi informativi Pubblicità e comunicazione Fonte: Ricerca Arthur D. Little 24

25 3 Come migliorare la competitività delle PMI? Conclusioni BOZZA In conclusione, l approccio logico alla costruzione del nuovo modello di business può essere riepilogato come segue Riduzione costi di struttura Riduzione costi logistici Efficientamento servizi Riduzione costi della filiera Alta Outsourcing servizi Alleanze strategiche Internazionalizzazione Brand extension Innovazione tecnologica Sviluppo nuovi servizi Miglioramento capacità di risposta al mercato Riduzione costi Bassa Mantenimento/ outsourcing Bassa Rafforzamento interno Creazione di valore Alta Miglioramento prodotti Sviluppo commerciale Servizio al cliente Fonte: Arthur D. Little 25

26 BOZZA 3 Come migliorare la competitività delle PMI? Conclusioni Dov è la novità di questo modello? Sono poche le PMI attive sul fronte delle alleanze strategiche, pochissime quelle che hanno puntato sull outsourcing dei servizi, nessuna a nostra conoscenza ha attuato contemporaneamente le due strategie, che sono sinergiche e perfettamente compatibili La riduzione costi presa di mira dal modello è quella dei costi fissi piuttosto che dei costi variabili del prodotto... la corsa delle PMI alla delocalizzazione produttiva in paesi a basso costo del lavoro ha spesso prodotto risultati deludenti Risparmi effettivi di costo inferiori alle attese, particolarmente quando sono in ballo piccoli volumi Problemi di qualità e consegne, con conseguente scadimento dell immagine aziendale Aumento dei costi fissi per controllare una supply chain più complessa Banalizzazione dell offerta, perdita di quel sapore speciale del prodotto made in Italy Contrariamente all outsourcing produttivo, l outsourcing dei servizi non porta alla perdita di posti di lavoro Posti di lavoro recuperati dalle aziende terziste I servizi sono difficilmente trasferibili all estero Fonte: Arthur D. Little 26

27 Indice Premessa Situazione attuale e problemi delle PMI Come migliorare la competitività delle PMI? Conclusioni 27

28 4 Conclusioni Abbiamo illustrato percorsi divenuti obbligati per gran parte delle PMI... i relatori che seguono mostreranno esempi concreti... tuttavia vale la pena di evidenziare alcuni nodi critici Barriere culturali Difficoltà dell imprenditore verso un approccio progettuale atrutturato Riluttanza a mettere in discussione taluni fondamenti organizzativi dell impresa Sottovalutazione del capitale di conoscenza: un indagine di Kilometro Rosso su 700 PMI lombarde ha rivelato che il 53% ha progetti nel cassetto che potrebbero essere utilizzati su nuovi mercati, di cui l imprenditore è scarsamente consapevole, e che ha scarsi mezzi per sfruttare Il problema generazionale Carenza di risorse umane per istruire un progetto innovativo, avversione verso i consulenti Problemi di natura sociale e sindacale: oggi esistono gli strumenti che consentono alle imprese di ristrutturarsi, ma gli imprenditori sono riluttanti ad utilizzarli, se non quando è troppo tardi Scarsa disponibilità di servizi tecnologicamente avanzati in molte regioni italiane Difficoltà di accesso al mercato dei capitali: nonostante sia il paese con maggior numero di PMI L Italia è il paese con minor numero di PMI quotate (capitalizzazione media della Borsa di Milano 150 milioni contro 34 di Francoforte e 36 di Parigi) L Italia è il paese con il minor numero di Private Equity specializzati nelle PMI Fonte: Arthur D. Little 28

29 4 Conclusioni La competizione globale non consente ad alcun paese di ignorare il ruolo dello Stato... le economie di maggior successo hanno sempre fatto affidamento su politiche industriali volte a favorire la crescita Cina, sviluppo manifatturiero largamente basato su assistenza pubblica a nuove industrie Imprese statali incubatrici di competenze tecniche e talento manageriale Norme sulla difesa dei prodotti nazionali Incentivi all export Centri di ricerca legati alle università pubbliche sparsi in tutto il paese Cile paradiso del libero mercato Affermazione vino cileno supportata da ricerca finanziata dal governo Ingenti sovvenzioni ai prodotti forestali Sviluppo industria salmone finanziata con capitali di rischio pubblici Stati Uniti, primi della classe nel liberismo Ruolo fondamentale del Dipartimento della Difesa per lo sviluppo di Silicon Valley Internet sviluppata da un progetto del Dipartimento della Difesa nel 1969 Governo federale di gran lunga primo venture capitalist del pianeta Sovvenzioni di 40 miliardi di dollari stanziati per sviluppo di fonti innovative di energia, investimenti pubblici oltre quattro volte gli investimenti privati nel 2009 Questi esempi confermano ciò che gli economisti più accorti hanno sempre saputo: per sviluppare nuove industrie, spesso ci vuole una spintarella da parte dello Stato Fonte: Dani Rodrik, Sole 24 Ore, 20 aprile

30 Chi è Arthur D. Little ADL é una delle più note società di consulenza di direzione al mondo Arthur D. Little Fondata nel 1886 a Cambridge, Massachusetts, da Arthur D. Little, professore del MIT... la prima società di consulenza tecnologica al mondo Oggi divenuta una società multinazionale con 1000 consulenti in 31 uffici di 4 continenti presenti in Italia con uffici a Roma e Milano Aiutiamo le aziende ad affrontare le sfide globali attraverso l innovazione e la gestione del cambiamento Disponiamo di esperti con profonda conoscenza dei diversi settori industriali, e dei temi strategici ed organizzativi Arthur D. Little serve oltre il 70% delle 100 aziende top di Financial Times e Fortune La divisione PMI Oscar Marcheggiani Practice Leader PMI Italia Formazione accademica Laurea Ingegneria Meccanica Roma M.Sc. Aerospace Engineering - Atlanta MBA Università Bocconi - Milano Principale focus professionale New Business Development Internazionalizzazione Ristrutturazioni aziendali Background consulenza McKinsey & Co., Manager Kurt Salmon Associates, Partner Gherzi Organisation Zürich, Director Dal 2002 con Arthur D. Little Progetti di consulenza in 27 paesi per oltre 100 aziende Ricoperte posizioni di top management in importanti aziende industriali 30

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della GENOVA 2015-2030 UNA FINESTRA SUL FUTURO Ricerca tipo Delphi a cura della Sezione Terziario di Confindustria Genova Coordinamento della ricerca Sergio Di Paolo PERCHÉ IL FUTURO Immaginare il futuro aiuta

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Reti, Accordi e Cooperazioni interaziendali a.a. 2008-2009 INDICE

Reti, Accordi e Cooperazioni interaziendali a.a. 2008-2009 INDICE INDICE 1. Crescita aziendale e contesto esterno 2. Crescita aziendale e contesto interno 3. Crescita quantitativa e sviluppo qualitativo 4. Le dimensioni rilevanti dello sviluppo qualitativo 5. Le modalità

Dettagli

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda COMUNICATO STAMPA Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda Al convegno L Italian Style nei paesi emergenti: mito o realtà? - Russia, India e Cina - presentata la quarta

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 8 Le strategie dell internazionalizzazione: gli investimenti diretti esteri Che cosa comporta realizzare un IDE? Costituisce di norma la

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA IL RUOLO STRATEGICO DELLE AZIENDE COME ACCELERATORI DEL SISTEMA ECONOMICO E DELL OCCUPAZIONE: IL CASO " LA CREAZIONE DI VALORE CONDIVISO SI FOCALIZZA SULL

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7 Rapporto annuale n. 7 Direzione Studi e Ricerche Dicembre 214 Dicembre 214 Executive Summary 3 Introduzione 5 1. I bilanci dei distretti industriali italiani nel quinquennio 28-13 19 2. Internazionalizzazione,

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente.

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. Solar Impulse Revillard Rezo.ch Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. La visione di ABB ABB è orgogliosa della sua alleanza tecnologica e innovativa con Solar Impulse, l aereo

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network Di cosa parliamo? La Borsa delle Idee è la soluzione per consentire alle aziende di coinvolgere attivamente le persone (dipendenti, clienti,

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Garnell Garnell Garnell

Garnell Garnell Garnell Il veliero Garnell è un grande esempio di capacità di uscire dagli schemi, saper valutare il cambio di rotta per arrivare serenamente a destinazione, anche nei contesti più turbolenti Il 14 agosto 1919

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Esperienze di successo per un vantaggio competitivo 27 ottobre 2011 Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Raffaella Graziosi Project & Portfolio Manager ACRAF SpA Gruppo Angelini

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 07.04.1998 COM (98) 222 PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO I. LO SPIRITO IMPRENDITORIALE:

Dettagli