Nuovo modello di business per le piccole e medie imprese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nuovo modello di business per le piccole e medie imprese"

Transcript

1 Nuovo modello di business per le piccole e medie imprese Piccolo non è bello: come rimediare agli svantaggi della piccola impresa PMI al bivio: ricette per tornare a crescere Incontro 28 settembre 2010 Arthur D. Little S.p.A. Corso Sempione, 66 A Milan Italy Telephone Fax

2 Indice Bisogna che tutto cambi perché nulla cambi Giuseppe Tomasi di Lampedusa, Il Gattopardo 2

3 Indice Premessa Situazione attuale e problemi delle PMI Come migliorare la competitività delle PMI? Conclusioni 3

4 1 Premessa Per anni asse portante dell economia italiana, il sistema delle piccole e medie imprese è a rischio di sopravvivenza I settori industriali tipici del made in Italy sono costituiti in larga misura da PMI che hanno goduto per anni di vantaggi competitivi legati a flessibilità e creatività... ma la situazione è drammaticamente mutata Gli imprenditori si trovano a dover riconsiderare dalle fondamenta il loro modo di fare business, rimettendo in discussione quanto da loro stessi creato nel corso degli anni... l eccellenza ed unicità del prodotto sono fattori necessari ma non più sufficienti Le possibilità di sopravvivenza e sviluppo saranno legate alla capacità di concepire nuovi modelli di business che sappiano ribaltare gli schemi consueti e di fare leva creativamente su risorse esterne all azienda L evidenza logica e le esperienze sin qui maturate sembrano dimostrare che vi sono vie percorribili con successo... esistono però barriere di natura culturale e strutturale 4

5 Indice Premessa Situazione attuale e problemi delle PMI Come migliorare la competitività delle PMI? Conclusioni 5

6 2 Situazione attuale e problemi delle PMI Le piccole-medie aziende del sistema-italia stanno attraversando una fase di acuta sofferenza I settori industriali trainanti del made in Italy sono costituiti da una quota di piccole e medie aziende di gran lunga superiore agli altri paesi sviluppati Le PMI sono state per decenni il motore dello sviluppo del paese grazie a fattori come Capacità innovativa Prodotti eccellenti Tradizionali punti di forza delle piccole-medie imprese italiane Stretto rapporto con la clientela Strutture specializzate, costi competitivi Leve corte, flessibilità, capacità di risposta al mercato Frequente appartenenza a distretti industriali dove piccole aziende facevano parte di un sistema che le metteva in grado di ampliare il campo d azione e ridurre gli svantaggi della piccola dimensione... ma la situazione negli ultimi anni è drammaticamente mutata 6

7 2 Situazione attuale e problemi delle PMI L impatto delle piccole dimensioni sulla redditività è divenuto devastante, e la situazione appare in via di rapido deterioramento Redditività (EBITDA/Ricavi) Aziende a rischio di default Ipotesi: Fatturato - 20%, Tempo pagamento fornitori + 20% Fonte: Dati AIDA (2008) su un campione di società dll industria leggera 7

8 2 Situazione attuale e problemi delle PMI Nonostante la ripresina in atto, le micro-imprese sono tagliate fuori Classe dimensionale Vendite UE 2 trimestre Vendite extra UE 2 trimestre Prev. ordini esteri 3 trimestre addetti - 1,9-1,4 + 0, addetti + 4,0 + 2,7 + 2,0 Oltre 40 addetti + 8,1 + 11,9 + 5,3 Fonte: Corriere della Sera, 7 Settembre

9 2 Situazione attuale e problemi delle PMI Per mantenere nei prox 10 anni il modesto tasso di crescita del passato decennio, sarà necessario triplicare la crescita della produttività un ipotesi irreale a meno di pesanti interventi strutturali su PMI e servizi Andamento PIL Italia ( % annuo) Simulazione PIL Italia ( % annuo) 1,2% 0,6% 1,2% 1,8% 0,6% Popolazione costante Forza lavoro Totale PIL Produttività Forza lavoro Totale PIL Produttività - 0,6% Fonte: Previsioni demografiche ISTAT 9

10 2 Situazione attuale e problemi delle PMI Il giro di boa: le regole del gioco sono state rivoluzionate nell arco di pochi anni Ad esempio nel sistema moda tra i più colpiti il giro di boa è stato il 1 gennaio 2005 con l abolizione del Trattato Multifibre e delle quote sull import ma tutti i settori sono stati investiti dall allargamento del WTO a paesi come Cina e India, e dalla generale riduzione delle barriere sugli scambi internazionali Sono state inoltre approvate in questi anni dozzine di misure europee sulla produzione e sul commercio che hanno esposto il Sistema Italia ad una concorrenza internazionale senza precedenti La crisi finanziaria iniziata nel 2008 ha solo accentuato i problemi esistenti E del tutto improbabile che si possa tornare indietro Fonte: Arthur D. Little 10

11 2 Situazione attuale e problemi delle PMI La conseguenza pratica è che ciò che ha funzionato fino a qualche anno fa non funziona più Clientela tradizionale, italiana e straniera, sparita o ridimensionata Canali distributivi stravolti Reti di agenti incapaci di portare a casa ordini Feroce selezione in atto anche tra i prodotti di marca Distretti industriali che non assicurano più i vantaggi competitivi di un tempo Aziende italiane obbligate ad approvvigionarsi sempre più lontano, secondo logiche di bassi costi e non più di qualità e innovazione Mutati modelli di business che tagliano fuori le PMI Una cosa è esportare, altra è internazionalizzarsi... e lo stesso dicasi per la produzione Se non ci sono i numeri, internazionalizzarsi è utopia Impresa ardua anche solo mantenere i volumi Fonte: Arthur D. Little 11

12 2 Situazione attuale e problemi delle PMI La legge di Murphy delle PMI A fronte dell erosione del core business, molti imprenditori reagiscono in 3 modi Moltiplicano le linee per coprire nuove fasce di mercato Ampliano la gamma di prodotto per aumentare la penetrazione sulla clientela esistente Tentano l avventura di nuovi mercati Sono scelte che richiedono progetti di lungo termine, da affrontare con risorse adeguate Molti fanno invece queste scelte in modo opportunistico per recuperare fatturato a breve... la ricetta per condurre l azienda alla rovina Le nuove linee cannibalizzano le linee originarie e la redditività si abbassa Le nuove merceologie richiedono sacrifici di margini per rubare quote di mercato ai competitors Idem per l ingresso su nuovi mercati Oltre ai margini industriali, aumentano inevitabilmente i costi fissi, legati alla complessità del business più che ai volumi Last but not least, carenze gestionali e disservizi derivanti da queste scelte distolgono l imprenditore dai suoi compiti fondamentali: come fare migliori prodotti e venderli meglio Risultato netto: deterioramento della produttività e perdita di competitività Fonte: Arthur D. Little 12

13 2 Situazione attuale e problemi delle PMI Le PMI operano in un contesto distorto da regole cervellotiche e incerte Fonte: 13

14 Indice Premessa Situazione attuale e problemi delle PMI Come migliorare la competitività delle PMI? Conclusioni 14

15 3 Come migliorare la competitività delle PMI? Siamo dunque in un circolo vizioso da cui è impossibile uscire? No, se è il modello di business che non funziona, bisogna rivedere il modello di business... che è quello che gli imprenditori sono riluttanti o non riescono a fare, ed è la ragione per cui non ne escono Cambiamento del modello di business significa uscire dagli schemi consueti Proiettare gli orizzonti al di fuori, molto al di fuori, dei ristretti confini aziendali Fare leva creativamente su risorse altrui e liberare l energia innovativa dell impresa La tesi di questo seminario è che le strategie di successo delle PMI debbano andare in due direzioni Attuare strategie di alleanze Attuare modelli organizzativi focalizzati sulle core activities (*) (*) Core activities : attività centrali alla missione dell impresa, quelle che generano il massimo valore aggiunto 15

16 3 Come migliorare la competitività delle PMI? Attuare una strategia di alleanze Motivi per attuare una strategia di alleanze Le aziende sono troppo piccole... anche un azienda da milioni di euro, quasi un gigante nel nostro panorama industriale, è un nano su scala internazionale Pochi imprenditori intraprendono l unica seria alternativa alle acquisizioni: le alleanze strategiche Che cosa si intende esattamente per alleanze strategiche? Le alleanze strategiche sono relazioni di business tra aziende che condividono il comune obiettivo di incremento della competitività attraverso lo scambio di competenze complementari e risorse essenziali per raggiungere un significativo vantaggio reciproco Le alleanze sono una parte fondamentale di questo gioco della competizione globale... Sono critiche per vincere in un mondo globale... La via meno attrattiva per vincere in un mondo globale è pensare di poter fare tutto da soli Jack Welch, CEO General Electric Nessuna azienda è un isola. In un mondo interdipendente ogni azienda deve pensare di dover lavorare con gli altri se vuole competere nel mercato globale Akio Morita, Chairman Sony Le alleanze sono un modo per allargare il proprio campo d azione senza dover allargare l azienda... giocando sulla collaborazione e condivisione di attività ad alto valore Michael Porter, Harward Business School 16

17 3 Come migliorare la competitività delle PMI? Attuare una strategia di alleanze Le alleanze strategiche hanno campi di applicazione vastissimi... attraverso le alleanze piccole imprese con mezzi limitati riescono a competere con successo sul mercato globale Sviluppo di nuovi prodotti e servizi Miglioramento tempi di risposta Riduzione costi Ripartizione rischi Alti Tra fornitori e clienti Tra concorrenti Investimenti congiunti in unità produttive Sviluppo di nuove fonti di approvvigionamento Apertura di nuovi mercati Sviluppo di nuove tecnologie Sviluppo di nuovi servizi Conflitti potenziali Bassi Tra imprese di settori diversi Bassa Tra imprese concorrenti in diversi segmenti di mercato Interazione processi organizzativi Alta Ingresso in nuovi mercati Ampliamento gamma di prodotto Accordi incrociati di produzione e distribuzione Riduzione costi Fonte: Arthur D. Little 17

18 3 Come migliorare la competitività delle PMI? Attuare una strategia di alleanze Alcuni esempi di alleanze strategiche... Tra imprese di settori diversi Tra fornitori e clienti Tra imprese concorrenti in diversi segmenti o diverse aree geografiche Tra imprese direttamente concorrenti Un importante produttore di abbigliamento maschile ed un azienda produttrice di macchine da taglio hanno investito congiuntamente sullo sviluppo del taglio automatico di tessuti a quadri, conseguendo entrambe importanti vantaggi competitivi Un gruppo di produttori lanieri e di produttori di macchine tessili hanno sviluppato una strategia di barter business in paesi in via di sviluppo (produttori di lana), vendendo macchine per filatura e tessitura (e relativa assistenza tecnica) pagate con la fornitura di tessuti greggi Un azienda italiana di abbigliamento uomo ed il principale fornitore di tessuti (turco) hanno investito congiuntamente per ridurre il tempo di risposta al mercato da 3 mesi a 3 settimane, attuando un nuovo modello organizzativo e investendo su tecnologia e integrazione dei processi Un azienda italiana di abbigliamento donna ha sviluppato un piano di cooperazione con dettaglianti indipendenti per lo scambio completo di informazioni e l attuazione di un sistema di rifornimento dei negozi che ha permesso incrementi delle vendite del 20-30%, l aumento degli utili e la riduzione del capitale circolante sia per l azienda che per i negozi clienti Un azienda pratese ed una brasiliana, entrambi produttori di tessuti lanieri cardati, hanno stipulato un alleanza per lo sviluppo di collezioni per il mercato brasiliano, assistenza tecnica, e distribuzione di tessuti importati dall Italia. Le vendite del partner brasiliano sono aumentate del 54% nel primo anno, con buon ritorno per entrambe le aziende Due produttori di telai tessili basati su diversa tecnologia, ciascuno leader nella propria tecnologia, hanno deciso di integrare le rispettive gamme nella propria offerta mantenendo commercializzazione indipendente sui mercati maturi, e investendo congiuntamente sui mercati in via di sviluppo Tre importanti produttori di biancheria per la casa hanno investito in una tessitura comune, conseguendo vantaggi tecnologici e di economie di scala 14 produttori italiani di tessuti per arredamento hanno costituito un consorzio, aperto uffici comuni su tutti i principali mercati, concludendo accordi di fornitura nei paesi a basso costo, attuando strategie comuni di comunicazione ed eventi Fonte: Arthur D. Little 18

19 3 Come migliorare la competitività delle PMI? Attuare una strategia di alleanze Perchè le alleanze tra PMI raramente funzionano? (1/2) Il fattore culturale gioca la sua parte ma viene generalmente sopravvalutato Se l anima stessa della piccola impresa è l indipendenza, tentare di sradicare questa cultura è l approccio perdente... Le alleanze devono salvaguardare l indipendenza degli imprenditori La conseguenza logica è che le alleanze devono essere a scendere e non a salire Azienda A Azienda B Azienda C Soggetto dell alleanza Soggetto dell alleanza Azienda A Azienda B Azienda C Alleanze a scendere Lo schema di cooperazione consiste nella costituzione di un soggetto terzo in qualsiasi forma giuridica o contrattuale che si pone come fornitore di beni e servizi o cliente delle aziende alleate o co-gestore di rami d azienda. Le aziende co-investono in varia forma nel nuovo soggetto che viene gestito in modo indipendente.secondo meccanismi di mercato e regole certe Le aziende costituenti restano indipendenti per tutte le attività non oggetto dell alleanza. Alleanze a salire lo schema di cooperazione consiste nella costituzione di un soggetto terzo a cui vengono conferite quote delle aziende alleate. Il soggetto terzo, oltre a vedersi demandate alcune attività oggetto dell alleanza, esercita funzioni di controllo sulle aziende partecipate in qualche modo limitandone l autonomia. Pur rispondendo ad un esigenza di consolidamento della ns. industria, questo modello rischia di essere difficilmente attuabile Fonte: Arthur D. Little 19

20 3 Come migliorare la competitività delle PMI? Attuare una strategia di alleanze Perchè le alleanze tra PMI raramente funzionano? (2/2) La concezione, negoziazione e implementazione di un alleanza strategica è un processo altamente complesso che richiede preparazione da parte dell imprenditore Idee chiare su obiettivi, schemi di cooperazione, meccanismi operativi, vantaggi reciproci Strategia attentamente elaborata e documentata, in termini di analisi di scenario e azioni necessarie per giungere ad una conclusione positiva Valutazione rischi potenziali e relative contromosse Forte convinzione personale per essere in grado di convincere altri La realtà è che il piccolo imprenditore italiano è maestro di opportunismo e di improvvisazione, ma raramente il pensiero strategico gli è congeniale Non è sufficiente che l intuizione imprenditoriale di base sia ottima abbiamo avuto esperienza di iniziative malamente fallite in fase di approfondimento per impreparazione e malintesi, anche quando c era un vantaggio evidente per le parti Ricordarsi che la firma di un buon contratto è solo il passo iniziale, la parte difficile è far funzionare l alleanza L esperienza è un fattore chiave di successo se non ce l hai, meglio comperare risorse esterne Fonte: Arthur D. Little 20

21 3 Come migliorare la competitività delle PMI? Attuare modelli organizzativi focalizzati sul core business Focalizzazione sul core business... una ricerca internazionale condotta a metà anni 90 sull evoluzione a lungo termine dei modelli di business, giunse a varie conclusioni tra cui In un azienda industriale vi sono 4 core activities Ricerca e sviluppo Branding Produzione e distribuzione Il nuovo millennio vedrà una crescente focalizzazione delle aziende su una, max due core activities Logistica Fonte: The new millennium, ricerca su 200 CEO di aziende del settore design in USA e Europa - Kurt Salmon Associates Inc.,

22 3 Come migliorare la competitività delle PMI? Attuare modelli organizzativi focalizzati sul core business I concetti di base della focalizzazione del business e della delega di attività non core a specialisti esterni sono intuibili Gli specialisti che lavorano in conto terzi beneficiano normalmente di costi di struttura più bassi, ed il limitato numero di passaggi interni riduce i tempi di risposta al mercato L esternalizzazione (outsourcing) dei servizi non comporta necessariamente un deterioramento del livello di servizio avviene spesso il contrario L outsourcing di funzioni aziendali ha evidentemente il vantaggio della flessibilità rispetto a congiunture positive o negative di mercato Le aziende che hanno terziarizzato le attività non core traggono anche il vantaggio difficilmente misurabile ma decisivo di poter focalizzare l attenzione sugli aspetti realmente distintivi della loro attività, dove si concentra il massimo valore aggiunto dell impresa Un altro enorme vantaggio è l apertura alle idee fresche e innovative che vengono dal mondo esterno, particolarmente dove l innovazione tecnologica o il fattore moda hanno un ruolo importante molte organizzazioni aziendali sono invece rinchiuse su se stesse, perdendo slancio e creatività Fattore chiave di successo nell outsourcing è che il terzista non sia gestito come un entità esterna, ma come parte integrante dell azienda L attività gli va conferita in blocco, responsabilizzandolo sui risultati... evitando esiziali duplicazioni di compiti e controlli che peggiorano capacità di risposta e costi La rivoluzione dell informatica e delle telecomunicazioni, oltre all abbattimento delle barriere sugli scambi internazionali, ha costituito un potente motore allo sviluppo dell outsourcing di servizi su scala nazionale e internazionale Fonte: Arthur D. Little 22

23 3 Come migliorare la competitività delle PMI? Attuare modelli organizzativi focalizzati sul core business Il trend di lungo periodo è chiaro: si va verso un mondo sempre più specializzato, e quindi terziarizzato (1/2) Aziende che hanno attuato formule innovative di outsourcing dei servizi basate su Tecnologia Approccio globale al business spuntano risultati economici di gran lunga superiori rispetto alle aziende tradizionali Queste imprese stanno reggendo l impatto della crisi con problemi infinitamente inferiori rispetto alle aziende tradizionali Descrizione Aziende focalizzate su core activities Media confezionisti Fatturato Consumi 46,2 46,0 Costo lavoro 1,0 10,0 Costo servizi 26,6 38,0 Ebitda 26,2 6,0 Amm.ti 1,6 2,0 Ebit 24,6 4,0 CIN (capitale investito netto) Equity 35,0 34,0 PFN (posizione finanziaria netta) 65,0 66,0 ROI % 49,9 7,0 PFN/EBITDA (n. anni rimborso debito) 1,2 7,7 Fatturato/capitale investito netto 2,0 1,8 Fonte: Analisi Arthur D. Little su bilanci 2008 di un campione di imprese di confezione Nota: Il campione non presenta requisiti di rappresentatività, occorrerebbe un supplemento di ricerca, tuttavia i numeri sono reali e fanno riflettere 23

24 3 Come migliorare la competitività delle PMI? Attuare modelli organizzativi focalizzati sul core business Il trend di lungo periodo è chiaro: si va verso un mondo sempre più specializzato, e quindi terziarizzato (2/2) Nelle aree industrializzate c è già una fioritura di aziende di servizi in grado di gestire intere aree di attività con elevata professionalità, tecnologia, costi competitivi Ad esempio Servizi amministrativi, gestione finanziaria, controllo di gestione Servizi logistici CAD Ricerca e sviluppo, progettazione Prototipia Materiali di vendita Customer care Sistemi informativi Pubblicità e comunicazione Fonte: Ricerca Arthur D. Little 24

25 3 Come migliorare la competitività delle PMI? Conclusioni BOZZA In conclusione, l approccio logico alla costruzione del nuovo modello di business può essere riepilogato come segue Riduzione costi di struttura Riduzione costi logistici Efficientamento servizi Riduzione costi della filiera Alta Outsourcing servizi Alleanze strategiche Internazionalizzazione Brand extension Innovazione tecnologica Sviluppo nuovi servizi Miglioramento capacità di risposta al mercato Riduzione costi Bassa Mantenimento/ outsourcing Bassa Rafforzamento interno Creazione di valore Alta Miglioramento prodotti Sviluppo commerciale Servizio al cliente Fonte: Arthur D. Little 25

26 BOZZA 3 Come migliorare la competitività delle PMI? Conclusioni Dov è la novità di questo modello? Sono poche le PMI attive sul fronte delle alleanze strategiche, pochissime quelle che hanno puntato sull outsourcing dei servizi, nessuna a nostra conoscenza ha attuato contemporaneamente le due strategie, che sono sinergiche e perfettamente compatibili La riduzione costi presa di mira dal modello è quella dei costi fissi piuttosto che dei costi variabili del prodotto... la corsa delle PMI alla delocalizzazione produttiva in paesi a basso costo del lavoro ha spesso prodotto risultati deludenti Risparmi effettivi di costo inferiori alle attese, particolarmente quando sono in ballo piccoli volumi Problemi di qualità e consegne, con conseguente scadimento dell immagine aziendale Aumento dei costi fissi per controllare una supply chain più complessa Banalizzazione dell offerta, perdita di quel sapore speciale del prodotto made in Italy Contrariamente all outsourcing produttivo, l outsourcing dei servizi non porta alla perdita di posti di lavoro Posti di lavoro recuperati dalle aziende terziste I servizi sono difficilmente trasferibili all estero Fonte: Arthur D. Little 26

27 Indice Premessa Situazione attuale e problemi delle PMI Come migliorare la competitività delle PMI? Conclusioni 27

28 4 Conclusioni Abbiamo illustrato percorsi divenuti obbligati per gran parte delle PMI... i relatori che seguono mostreranno esempi concreti... tuttavia vale la pena di evidenziare alcuni nodi critici Barriere culturali Difficoltà dell imprenditore verso un approccio progettuale atrutturato Riluttanza a mettere in discussione taluni fondamenti organizzativi dell impresa Sottovalutazione del capitale di conoscenza: un indagine di Kilometro Rosso su 700 PMI lombarde ha rivelato che il 53% ha progetti nel cassetto che potrebbero essere utilizzati su nuovi mercati, di cui l imprenditore è scarsamente consapevole, e che ha scarsi mezzi per sfruttare Il problema generazionale Carenza di risorse umane per istruire un progetto innovativo, avversione verso i consulenti Problemi di natura sociale e sindacale: oggi esistono gli strumenti che consentono alle imprese di ristrutturarsi, ma gli imprenditori sono riluttanti ad utilizzarli, se non quando è troppo tardi Scarsa disponibilità di servizi tecnologicamente avanzati in molte regioni italiane Difficoltà di accesso al mercato dei capitali: nonostante sia il paese con maggior numero di PMI L Italia è il paese con minor numero di PMI quotate (capitalizzazione media della Borsa di Milano 150 milioni contro 34 di Francoforte e 36 di Parigi) L Italia è il paese con il minor numero di Private Equity specializzati nelle PMI Fonte: Arthur D. Little 28

29 4 Conclusioni La competizione globale non consente ad alcun paese di ignorare il ruolo dello Stato... le economie di maggior successo hanno sempre fatto affidamento su politiche industriali volte a favorire la crescita Cina, sviluppo manifatturiero largamente basato su assistenza pubblica a nuove industrie Imprese statali incubatrici di competenze tecniche e talento manageriale Norme sulla difesa dei prodotti nazionali Incentivi all export Centri di ricerca legati alle università pubbliche sparsi in tutto il paese Cile paradiso del libero mercato Affermazione vino cileno supportata da ricerca finanziata dal governo Ingenti sovvenzioni ai prodotti forestali Sviluppo industria salmone finanziata con capitali di rischio pubblici Stati Uniti, primi della classe nel liberismo Ruolo fondamentale del Dipartimento della Difesa per lo sviluppo di Silicon Valley Internet sviluppata da un progetto del Dipartimento della Difesa nel 1969 Governo federale di gran lunga primo venture capitalist del pianeta Sovvenzioni di 40 miliardi di dollari stanziati per sviluppo di fonti innovative di energia, investimenti pubblici oltre quattro volte gli investimenti privati nel 2009 Questi esempi confermano ciò che gli economisti più accorti hanno sempre saputo: per sviluppare nuove industrie, spesso ci vuole una spintarella da parte dello Stato Fonte: Dani Rodrik, Sole 24 Ore, 20 aprile

30 Chi è Arthur D. Little ADL é una delle più note società di consulenza di direzione al mondo Arthur D. Little Fondata nel 1886 a Cambridge, Massachusetts, da Arthur D. Little, professore del MIT... la prima società di consulenza tecnologica al mondo Oggi divenuta una società multinazionale con 1000 consulenti in 31 uffici di 4 continenti presenti in Italia con uffici a Roma e Milano Aiutiamo le aziende ad affrontare le sfide globali attraverso l innovazione e la gestione del cambiamento Disponiamo di esperti con profonda conoscenza dei diversi settori industriali, e dei temi strategici ed organizzativi Arthur D. Little serve oltre il 70% delle 100 aziende top di Financial Times e Fortune La divisione PMI Oscar Marcheggiani Practice Leader PMI Italia Formazione accademica Laurea Ingegneria Meccanica Roma M.Sc. Aerospace Engineering - Atlanta MBA Università Bocconi - Milano Principale focus professionale New Business Development Internazionalizzazione Ristrutturazioni aziendali Background consulenza McKinsey & Co., Manager Kurt Salmon Associates, Partner Gherzi Organisation Zürich, Director Dal 2002 con Arthur D. Little Progetti di consulenza in 27 paesi per oltre 100 aziende Ricoperte posizioni di top management in importanti aziende industriali 30

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte EDIZIONE 16 prima parte SETTEMBRE La voce di Databank 2012 Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata ABBIGLIAMENTO INFANTILE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE

Dettagli

ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE

ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE Il sistema agroalimentare italiano è inserito in un contesto di mercato altamente

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI IL CONTESTO GLOBALE Negli anni recenti, la crescita economica globale si è mantenuta elevata. La principale economia mondiale, cioè gli Stati Uniti, è cresciuta mediamente

Dettagli

PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014. Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014

PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014. Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014 PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014 Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014 Osservatorio PMI 2014 -VI Edizione 1 Obiettivi Individuare le

Dettagli

DATI DI CONTESTO E ALCUNI ELEMENTI DI DISCUSSIONE. 11 Novembre 2013

DATI DI CONTESTO E ALCUNI ELEMENTI DI DISCUSSIONE. 11 Novembre 2013 Indagine sulle aziende di filatura cardata conto terzi DATI DI CONTESTO E ALCUNI ELEMENTI DI DISCUSSIONE Marika Macchi marika.macchi@unifi.it 11 Novembre 2013 Marika Macchi 11 Novembre 2013 1 / 13 Indice

Dettagli

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Con il rapporto di ricerca presentato dalla Filtea al direttivo del 6 maggio

Dettagli

Un gruppo di specialisti al servizio delle imprese, per fornire agli imprenditori e alle loro aziende una consulenza integrata e di qualità,

Un gruppo di specialisti al servizio delle imprese, per fornire agli imprenditori e alle loro aziende una consulenza integrata e di qualità, Un gruppo di specialisti al servizio delle imprese, per fornire agli imprenditori e alle loro aziende una consulenza integrata e di qualità, condividendo il rischio d impresa. Caro Imprenditore, Ho trascorso

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo RISOLUZIONE IN COMMISSIONE 7/00574 AUDIZIONE 6 maggio 2015 CONTRATTI DI RETE COME STRUMENTO DI POLITICA ECONOMICA Le organizzazioni

Dettagli

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche?

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? Sintesi dei risultati Premessa L internazionalizzazione del sistema produttivo italiano costituisce uno degli obiettivi

Dettagli

DA EXPORT MANAGER A PROJECT MANAGER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE

DA EXPORT MANAGER A PROJECT MANAGER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE FORMAZIONE.Upgrading DA EXPORT MANAGER A PROJECT MANAGER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE Come elaborare un strategia e pianificare un progetto per crescere nei mercati internazionali PERCHE La globalizzazione

Dettagli

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Giuseppe Capuano Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Bari, 13 febbraio 2014 1 Struttura delle imprese industriali e dei servizi (anno 2011) Dimensioni

Dettagli

Cina e India cambiano l economia mondiale. Michela Floris micfloris@unica.it

Cina e India cambiano l economia mondiale. Michela Floris micfloris@unica.it Cina e India cambiano l economia mondiale Michela Floris micfloris@unica.it Una premessa L Asia non è nuova a miracoli economici Giappone, Corea del Sud, Cina e India sono protagonisti di una rapida crescita

Dettagli

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Paolo Di Benedetto Responsabile Dipartimento Valutazione Investimenti e Finanziamenti 21

Dettagli

Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento

Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento Da dieci anni, ACTE, Associazione delle Comunità Tessili Europee, ha operato per la difesa e

Dettagli

No Export..No Party!

No Export..No Party! I nuovi voucher per l internazionalizzazione e la figura del Temporary Export Manager No Export..No Party! Scegliere i mercati, pianificare e realizzare le azioni per rafforzare il business estero FAREXPORT

Dettagli

Il ruolo del credito per favorire l integrazione

Il ruolo del credito per favorire l integrazione Il ruolo del credito per favorire l integrazione Corrado Piazzalunga Direttore Regione Commerciale Ovest Forte di Bard, 26 settembre 2008 AGENDA Le caratteristiche delle imprese italiane: struttura finanziaria

Dettagli

Export manager per il settore della nautica da diporto

Export manager per il settore della nautica da diporto PROGETTO COFINANZIATO DALL UNIONE EUROPEA Progetto formativo per Export manager per il settore della nautica da diporto FORMAZIONE SUPERIORE Progetto formativo per Export manager per il settore della nautica

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2158 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MOSCA Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di temporary manager da parte

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE

GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE Nozioni di base In questo modulo: La logistica aziendale Il magazzino Le scorte di magazzino La logistica integrata e la supply chain 2 1 La logistica aziendale Qualsiasi impresa

Dettagli

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Le forme divisionali e i gruppi di imprese

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Le forme divisionali e i gruppi di imprese ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Le forme divisionali e i gruppi di imprese Prof. Armando Urbano - A.A. 2011-2012 Contenuti del capitolo Le caratteristiche di base della forma divisionale Interazioni, interdipendenze

Dettagli

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015 LE NOVITA INDICE 1.Perché fare Qualità 2. Qualità e non-qualità 3. Le potenzialità del Sistema di gestione 4. La ISO 9001:2015 1. PERCHE FARE QUALITA Obiettivo di ogni azienda è aumentare la produttività,

Dettagli

UNA NUOVA VISIONE, UN NUOVO FUTURO CON epower

UNA NUOVA VISIONE, UN NUOVO FUTURO CON epower UNA NUOVA VISIONE, UN NUOVO FUTURO CON epower Made In Italy INTERNAZIONALIZZAZIONE epower Business Solutions & International Consulting Contatto: epower Synergies Europe, Srl Riccardo P. Coles Corso di

Dettagli

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi concorrenti. IL VANTAGGIO COMPETITIVO NASCE DA FONTI ESTERNE E/O

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

SALONE FRANCHISING MILANO MILANO, 7.11.2014 COME ESPORTARE UNA RETE ITALIANA ALL ESTERO. Dott.ssa Valeria Colucci Consultant, RDS & Company

SALONE FRANCHISING MILANO MILANO, 7.11.2014 COME ESPORTARE UNA RETE ITALIANA ALL ESTERO. Dott.ssa Valeria Colucci Consultant, RDS & Company SALONE FRANCHISING MILANO MILANO, 7.11.2014 COME ESPORTARE UNA RETE ITALIANA ALL ESTERO Dott.ssa Valeria Colucci Consultant, RDS & Company 1. Perchè crescere all estero: lo scenario internazionale Integrazione

Dettagli

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Direttori e Commerciali; Tutti coloro che devono gestire un gruppo

Dettagli

Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati

Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati Un team di professionisti esperti a fianco dell imprenditore nelle molteplici sfide dei mercati MECCANICA FINANZIARIA è una società ben strutturata, composta da un team altamente qualificato e dalla pluriennale

Dettagli

Indice. pagina 2 di 8

Indice. pagina 2 di 8 LEZIONE SOURCING, PROCUREMENT E METODOLOGIE PER L'OTTIMIZZAZIONE DELLA CATENA DEL VALORE DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1 Catena del valore e creazione del valore --------------------------------------------------------------

Dettagli

AREACONSULTING & PARTNERS

AREACONSULTING & PARTNERS AREACONSULTING & PARTNERS AREA CONSULTING & PARTNERS Siamo una società attenta e dinamica orientata all attività di marketing, allo sviluppo commerciale nazionale ed internazionale e alla razionalizzazione

Dettagli

Via Leone XIII, 10 20145 MILANO - Tel. +39 02 72 53 71 Fax +39 02 86 55.93 info@chambre.it www.chambre.it E FUTURE) E SUI PERCORSI DEL SETTORE MODA:

Via Leone XIII, 10 20145 MILANO - Tel. +39 02 72 53 71 Fax +39 02 86 55.93 info@chambre.it www.chambre.it E FUTURE) E SUI PERCORSI DEL SETTORE MODA: Via Leone XIII, 10 20145 MILANO - Tel. +39 02 72 53 71 Fax +39 02 86 55.93 info@chambre.it www.chambre.it STUDIO E RICERCA SULLE PROFESSIONI (ATTUALI E FUTURE) E SUI PERCORSI DEL SETTORE MODA: IL CASO

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

Marketing & Sales oltre la crisi: i risultati di un analisi empirica. Relatore Giancarlo Ferrero

Marketing & Sales oltre la crisi: i risultati di un analisi empirica. Relatore Giancarlo Ferrero 1 Marketing & Sales oltre la crisi: i risultati di un analisi empirica Relatore Giancarlo Ferrero AUTORI DELLA RICERCA Università degli Studi di Macerata Elena Cedrola Giacomo Gisti Università Politecnica

Dettagli

Le PMI oltre la crisi: le sfide e le risposte

Le PMI oltre la crisi: le sfide e le risposte Le PMI oltre la crisi: le sfide e le risposte Fernando G. Alberti Professore Associato di Strategie Imprenditoriali, LIUC - Università Cattaneo Affiliate Faculty of Microeconomics of Competitiveness, Harvard

Dettagli

SERVIRE IL CLIENTE NEL CICLO DI VITA DEL PATRIMONIO Competenze per la consulenza nelle nuove filiali

SERVIRE IL CLIENTE NEL CICLO DI VITA DEL PATRIMONIO Competenze per la consulenza nelle nuove filiali SERVIRE IL CLIENTE NEL CICLO DI VITA DEL PATRIMONIO Competenze per la consulenza nelle nuove filiali Aida Maisano Responsabile ABIFormazione FORUM HR 2015, 9 e 10 giugno 2015 Banche e Risorse Umane Le

Dettagli

Nel 2014 il vino italiano ha ritoccato verso l alto il proprio record in termini di esportazioni, assestandosi poco sotto a 5,1 miliardi di euro.

Nel 2014 il vino italiano ha ritoccato verso l alto il proprio record in termini di esportazioni, assestandosi poco sotto a 5,1 miliardi di euro. Denis Pantini e Paolo Bono, Nomisma Wine Monitor denis.pantini@nomisma.it paolo.bono@nomisma.it Nel 2014 il vino italiano ha ritoccato verso l alto il proprio record in termini di esportazioni, assestandosi

Dettagli

ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione. Raffaello Balocco Politecnico di Milano

ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione. Raffaello Balocco Politecnico di Milano ICT nelle medie imprese: la sfida della complessità tra efficienza e innovazione Raffaello Balocco Politecnico di Milano Agenda Investimenti in ICT e competitività Le ICT come reale leva strategica La

Dettagli

LA CRISI E LE BANCHE ITALIANE ALLA RICERCA DI UN EQUILIBRIO SOSTENIBILE. Giancarlo Forestieri (Università Bocconi)

LA CRISI E LE BANCHE ITALIANE ALLA RICERCA DI UN EQUILIBRIO SOSTENIBILE. Giancarlo Forestieri (Università Bocconi) LA CRISI E LE BANCHE ITALIANE ALLA RICERCA DI UN EQUILIBRIO SOSTENIBILE Giancarlo Forestieri (Università Bocconi) AGENDA Un quadro d insieme I fattori di contesto I modelli di business tradizionali sono

Dettagli

Globalizzazione e trend della consulenza strategica

Globalizzazione e trend della consulenza strategica Globalizzazione e trend della consulenza strategica Giorgio Rossi Cairo * Abstract Lo scenario competitivo delle aziende è mutato completamente con la globalizzazione. Le aziende market-driven, orientate

Dettagli

FORMATEX MODA. Programma nazionale di formazione per le aziende del settore tessile, abbigliamento e moda

FORMATEX MODA. Programma nazionale di formazione per le aziende del settore tessile, abbigliamento e moda FORMATEX MODA Programma nazionale di formazione per le aziende del settore tessile, abbigliamento e moda Realizzato in partnership con Sistema Moda Italia Fondimpresa - Avviso 5/2011 Fondimpresa in sintesi

Dettagli

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE. Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE. Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione L Outsourcing Relatore Prof.ssa Concetta Mercurio Candidato Mario

Dettagli

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT POLITECNICO DI MILANO SCHOOL OF MANAGEMENT PERCORSI EXECUTIVE SUPPLY CHAIN MANAGEMENT Gestione Strategica degli Acquisti / Logistica Distributiva 11 EDIZIONE NOVEMBRE 2013 OTTOBRE 2014 PERCORSI EXECUTIVE

Dettagli

The new outsourcing wave: multisourcing

The new outsourcing wave: multisourcing EVOLUZIONE DEI MODELLI DI OUTSOURCING La pratica dell outsourcing, cioè del trasferire all esterno dell azienda singole attività, processi o infrastrutture è in voga da tempo, e negli anni ha dimostrato

Dettagli

Il 2010 è per Fondazione Fiera Milano un anno speciale, il decennale del riconoscimento in fondazione di diritto privato dell Ente Autonomo Fiera

Il 2010 è per Fondazione Fiera Milano un anno speciale, il decennale del riconoscimento in fondazione di diritto privato dell Ente Autonomo Fiera Il 2010 è per Fondazione Fiera Milano un anno speciale, il decennale del riconoscimento in fondazione di diritto privato dell Ente Autonomo Fiera Internazionale di Milano. Con l occasione, oltre alle consuete

Dettagli

Alla ricerca della crescita perduta:

Alla ricerca della crescita perduta: Alla ricerca della crescita perduta: Alla ricerca opportunità della crescita e ritorni perduta: di un Italia opportunità più internazionale. e ritorni di un Italia più internazionale. roma, 19 novembre

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Sales & Marketing. Specialists in sales & marketing recruitment www.michaelpage.it. Sales & Marketing

SALARY SURVEY 2015. Sales & Marketing. Specialists in sales & marketing recruitment www.michaelpage.it. Sales & Marketing SALARY SURVEY 2015 Sales & Marketing Sales & Marketing Specialists in sales & marketing recruitment www.michaelpage.it Sales & Marketing Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi

Dettagli

L AVVIO DELL E START UP IN ITALIA PROBLEMI E SOLUZIONI

L AVVIO DELL E START UP IN ITALIA PROBLEMI E SOLUZIONI L AVVIO DELL E START UP IN ITALIA PROBLEMI E SOLUZIONI 10 marzo 2014 UNIVERSITA NICCOLO CUSANO La strumentalità del business plan nella valutazione dei progetti Dott. Thomas Kraicsovits Studio De Vito

Dettagli

Turnaround e Crisi Aziendali

Turnaround e Crisi Aziendali Turnaround e Crisi Aziendali Agenda > Chi è EOD > Modalità di intervento > Valori Condivisi > Team > Contatti 2 Chi è Executive On Demand Temporary Manager specializzati nella gestione di Crisi Aziendali

Dettagli

Risultati 30 settembre 2010

Risultati 30 settembre 2010 Risultati 30 settembre 2010 Il modello di business Strategia e linee di sviluppo Dati economico-finanziari consolidati Allegati Banca IFIS: innovazione per le PMI In un contesto di mercato ancora difficile,

Dettagli

L impatto della crisi sul mercato elettrico italiano

L impatto della crisi sul mercato elettrico italiano L impatto della crisi sul mercato elettrico italiano di Sergio Portatadino, Pöyry Energy Consulting La sensazione di vivere in un periodo di cambiamento storico pervade anche i mercati energetici e l emblema

Dettagli

Il private equity come asset class strategica per gli investitori previdenziali. Walter Ricciotti Amm. Del. Quadrivio SGR

Il private equity come asset class strategica per gli investitori previdenziali. Walter Ricciotti Amm. Del. Quadrivio SGR Il private equity come asset class strategica per gli investitori previdenziali Walter Ricciotti Amm. Del. Quadrivio SGR PERCHÉ INVESTIRE NEL PRIVATE EQUITY DEDICATO ALLE PMI ITALIANE NEL 2012 / 2013?

Dettagli

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà Economia Corso di Strategia di Impresa A/A 2008-2009 TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE -Robert M. Grant- Peitas Patrizia INDICE 1. Il vantaggio competitivo

Dettagli

Iniziativa Gruppo Poste Italiane Agenzia ICE Luigi Sequino

Iniziativa Gruppo Poste Italiane Agenzia ICE Luigi Sequino Iniziativa Gruppo Poste Italiane Agenzia ICE Luigi Sequino Responsabile Attività e-commerce. Italydock.com è il nuovo marketplace e-commerce per le micro piccole e medie imprese italiane che vogliono vendere

Dettagli

Il mondo del Private Equity

Il mondo del Private Equity Pietro Busnardo Il mondo del Private Equity Obiettivi e modalità di intervento Reggio Emilia, 11 marzo 2014 Cosa si intende per Private Equity Finanza Debito Equity Mercati Corporate Il Private Equity

Dettagli

Marketing strategico per le PMI Alcune riflessioni ed esempi

Marketing strategico per le PMI Alcune riflessioni ed esempi Marketing strategico per le PMI Alcune riflessioni ed esempi Claudio Pitilino Bologna, 17 settembre 2013 www.apricot.it c.pitilino@apricot.it Prima decisione: focalizzazione Su che cosa mi focalizzo, su

Dettagli

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA vision guide line 6 LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA QUANDO SI PARLA DI UN MERCATO COMPLESSO COME QUELLO DELL EDILIZIA E SI DEVE SCEGLIERE UN PARTNER CON CUI CONDIVIDERE L ATTIVITÀ SUL MERCATO, È MOLTO

Dettagli

Imprese chimiche tra crisi e rinnovamento

Imprese chimiche tra crisi e rinnovamento Imprese chimiche tra crisi e rinnovamento Analisi sui cambiamenti realizzati dalle imprese di chimica fine e specialità per affrontare la crisi Centro Studi Federchimica Giugno 2011 Con un questionario

Dettagli

Iniziativa Gruppo Poste Italiane Agenzia ICE Marketplace ItalyDock. Andrea Venturato Responsabile Prevendita Postecom Gruppo Poste Italiane

Iniziativa Gruppo Poste Italiane Agenzia ICE Marketplace ItalyDock. Andrea Venturato Responsabile Prevendita Postecom Gruppo Poste Italiane Iniziativa Gruppo Poste Italiane Agenzia ICE Marketplace ItalyDock Andrea Venturato Responsabile Prevendita Postecom Gruppo Poste Italiane Napoli, 24/09/2014 2 ICE e MPMI: associazioni coinvolte nel progetto

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

Un nuovo pensiero strategico per una rinnovata fase di sviluppo competitivo del

Un nuovo pensiero strategico per una rinnovata fase di sviluppo competitivo del Un nuovo pensiero strategico per una rinnovata fase di sviluppo competitivo del Distretto Murgiano del Mobile Imbottito Prof. Giovanni Schiuma Center for Value Management (CVM) Laboratorio di Ingegneria

Dettagli

HC DUBAI LA SOLUZIONE PER APRIRE E SVILUPPARE I L TUO BUSINESS NEGLI EMIRATI ARABI

HC DUBAI LA SOLUZIONE PER APRIRE E SVILUPPARE I L TUO BUSINESS NEGLI EMIRATI ARABI LA SOLUZIONE PER APRIRE E SVILUPPARE I L TUO BUSINESS NEGLI EMIRATI ARABI SELEZIONA E SVILUPPA OCCASIONI PER ENTRARE NEI MIGLIORI DEPARTEMENT STORE E RETAILS CHI SIAMO CREIAMO OPPORTUNITÀ DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Dettagli

La delocalizzazione. Corso di Finanza internazionale Doriana Cucinelli 19-marzo-2013

La delocalizzazione. Corso di Finanza internazionale Doriana Cucinelli 19-marzo-2013 La delocalizzazione Corso di Finanza internazionale Doriana Cucinelli 19-marzo-2013 Agenda Cosa si intende per delocalizzazione Internazionalizzazione vs delocalizzazione Le forme di internazionalizzazione

Dettagli

Finanza straordinaria & Strategie aziendali

Finanza straordinaria & Strategie aziendali FINSTRATEGY.AVI srl Via Campania, 86-63039 San Benedetto del Tronto (AP) Tel. e Fax 0735 783020 3387417429 E-mail: finstrategy@tin.it Web: www.finstrategy.it Mettiamo in pratica idee di valore FinStrategy.Avi

Dettagli

Collaborative Planning, Forecasting and Replenishment (CPFR) 1

Collaborative Planning, Forecasting and Replenishment (CPFR) 1 Collaborative Planning, Forecasting and Replenishment (CPFR) 1 Il Collaborative Planning, Forecasting and Replenishment (CPFR) è uno approccio di gestione a disposizione delle imprese che ha lo scopo di

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

IL SITO PRODUTTIVO NELL ECONOMIA DELLA COMPLESSITA

IL SITO PRODUTTIVO NELL ECONOMIA DELLA COMPLESSITA IL SITO PRODUTTIVO NELL ECONOMIA DELLA COMPLESSITA Prof. 1Corso: Supply chain management Docente: 1 IL SITO PRODUTTIVO L economia fordista di ispirazione taylorista ad un economia post fordista ha contribuito

Dettagli

NAUTICA: Opportunità nel settore Nautico in Brasile

NAUTICA: Opportunità nel settore Nautico in Brasile Opportunità di investimento per le PMI italiane Il settore della nautica offre oggi grandi opportunità di investimento in Brasile per le imprese italiane grazie al momento estremamente favorevole che l

Dettagli

Retail & Consumer Summit 2011

Retail & Consumer Summit 2011 www.pwc.com/it Retail & Consumer Summit 2011 La gestione della discontinuità e del cambiamento: sfide e opportunità 11 ottobre 2011 1 1 Discontinuità nei consumi: come sta cambiando il comportamento d

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA Parte III : R&S nella piccola e media impresa Angelo Bonomi PICCOLE E MEDIE IMPRESE E R&S Esistono varie definizioni di piccole e

Dettagli

Management Consulting Boutiques e mercati globali

Management Consulting Boutiques e mercati globali Management Consulting Boutiques e mercati globali Antonella Negri Clementi * 1. Un modello distintivo Affiancare l azienda nel momento in cui si trova ad affrontare cambiamenti sostanziali di una o più

Dettagli

Alcune osservazioni in merito alla promozione all estero dei prodotti alimentari di qualità della Regione.

Alcune osservazioni in merito alla promozione all estero dei prodotti alimentari di qualità della Regione. Alcune osservazioni in merito alla promozione all estero dei prodotti alimentari di qualità della Regione. Scegliere i settori su cui sia opportuno investire fondi pubblici a fini promozionali, non è sempre

Dettagli

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE Dott.ssa Francesca Picciaia Università di Perugia Facoltà di Economia LE FORME AGGREGATIVE NELLE IMPRESE TURISTICHE 2 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Globalizzazione

Dettagli

Axioma Business Consultant Program

Axioma Business Consultant Program Axioma Business Consultant Program L esclusivo programma Axioma riservato a Consulenti di Direzione, Organizzazione e Gestione Aziendale Le nostre soluzioni, il tuo valore Axioma da 25 anni è partner di

Dettagli

RETI. di Imprese 3.0

RETI. di Imprese 3.0 RETI di Imprese 3.0 ASSORETIPMI ASSOCIAZIONE RETI DI IMPRESE PMI 2 La rete è composta da 40 imprese di diverse dimensioni e tipologia societaria. Infatti abbiamo sia ditte individuali, sia SNC e SAS, sia

Dettagli

La gestione delle ristrutturazioni e delle crisi aziendali

La gestione delle ristrutturazioni e delle crisi aziendali La gestione delle ristrutturazioni e delle crisi aziendali Ermanno Dalla Libera Istituto Poster www.performancemonitor.eu 1 Introduzione Che cos è la ristrutturazione? La ristrutturazione, nell ampia accezione

Dettagli

Macerata, 2 Dicembre 2005. benvenuti. Le strategie di crescita per il settore della calzatura: l interpretazione di Manas e Alfiere. Benvenuti!!

Macerata, 2 Dicembre 2005. benvenuti. Le strategie di crescita per il settore della calzatura: l interpretazione di Manas e Alfiere. Benvenuti!! benvenuti Le strategie di crescita per il settore della calzatura: l interpretazione di Manas e Alfiere Benvenuti!! 1 in diversi casi l attività agricola mezzadrile precedentemente condotta dalle famiglie

Dettagli

I SERVIZI ASSOCIATIVI: CARATTERISTICHE,

I SERVIZI ASSOCIATIVI: CARATTERISTICHE, I SERVIZI ASSOCIATIVI: CARATTERISTICHE, ORGANIZZAZIONE E SVILUPPO DI GIULIANO NICOLINI PRIMA PARTE: CENNI GENERALI SUI SERVIZI ASSOCIATIVI 1 Le associazioni di rappresentanza delle imprese hanno come funzione

Dettagli

Uzbekistan: Un fiorente mercato per l Italia

Uzbekistan: Un fiorente mercato per l Italia Uzbekistan: Un fiorente mercato per l Italia Programma di training, finanziato dall UNIONE EUROPEA, per le PMI dell Uzbekistan. Giovedì 11 giugno 2015, h 14,00 SALA CONSIGLIO, Palazzo Turati (Milano, via

Dettagli

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl. di Massimo Lazzari (*)

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl. di Massimo Lazzari (*) Turnaround Tecniche Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl di Massimo Lazzari (*) In questo sesto contributo verranno pubblicati i risultati di un osservatorio

Dettagli

Comitato Piccola Industria Confindustria Firenze Programma 2011-2012

Comitato Piccola Industria Confindustria Firenze Programma 2011-2012 Comitato Piccola Industria Confindustria Firenze Programma 2011-2012 Gennaio 2011 1 Premessa: l attuale situazione economica A causa della crisi economico-finanziaria che ha colpito il nostro paese, alla

Dettagli

Presentazione intermediazione finanziaria finanziamenti partecipazioni sostegno di nuovi investimenti e/o di progetti di sviluppo supporto al Mipaaf

Presentazione intermediazione finanziaria finanziamenti partecipazioni sostegno di nuovi investimenti e/o di progetti di sviluppo supporto al Mipaaf Reggio Emilia, 13 febbraio 2014 Presentazione è una società di intermediazione finanziaria, partecipata al 100% dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf), iscritta agli artt.

Dettagli

Per quanto riguarda l attenzione alla qualità del prodotto è stato necessario far capire alle persone quale fosse l enorme costo della non qualità.

Per quanto riguarda l attenzione alla qualità del prodotto è stato necessario far capire alle persone quale fosse l enorme costo della non qualità. Anzitutto volevo ringraziare per l opportunità che mi è stata data di presentare qui oggi la mia azienda. Noi imprenditori di solito siamo orgogliosi delle nostre creature, e quindi siamo contenti quando

Dettagli

Progetto di mappatura della Filiera Tessile Pratese

Progetto di mappatura della Filiera Tessile Pratese in collaborazione con: Progetto di mappatura della Filiera Tessile Pratese Indagine sulla tessitura conto terzi RICERCA SULLA FILIERA TESSILE DEL DISTRETTO PRATESE Indagine sulle aziende di tessitura conto

Dettagli

RICERCA ANDAMENTO SETTORE CALZATURIERO E STRATEGIE FUTURE. Sintesi dell intervento di Carlo Pambianco - 23 novembre 2013

RICERCA ANDAMENTO SETTORE CALZATURIERO E STRATEGIE FUTURE. Sintesi dell intervento di Carlo Pambianco - 23 novembre 2013 RICERCA ANDAMENTO SETTORE CALZATURIERO E STRATEGIE FUTURE Sintesi dell intervento di Carlo Pambianco - 23 novembre 2013 SINTESI Il tema centrale del convegno quest anno è l esame dell andamento del settore

Dettagli

Progetto il Ponte srl si occupa di progettazione e sviluppo di progetti per l internazionalizzazione delle aziende

Progetto il Ponte srl si occupa di progettazione e sviluppo di progetti per l internazionalizzazione delle aziende Company Profile Progetto il Ponte srl si occupa di progettazione e sviluppo di progetti per l internazionalizzazione delle aziende Assistenza alle aziende italiane nel pianificare e attuare un percorso

Dettagli

L industria di trasformazione del pomodoro: le imprese italiane ed i nuovi scenari competitivi

L industria di trasformazione del pomodoro: le imprese italiane ed i nuovi scenari competitivi Giornata di Studio Portici 9 giugno 2005 L industria di trasformazione del pomodoro: le imprese italiane ed i nuovi scenari competitivi V. Sodano, F. Verneau Centro per la Formazione in Economia e Politica

Dettagli

I fattori di successo nell industria dei fondi

I fattori di successo nell industria dei fondi Financial Services Banking I fattori di successo nell industria dei fondi Un marketing ed una commercializzazione strategici sono la chiave per l acquisizione ed il mantenimento dei clienti Jens Baumgarten,

Dettagli

Carpi e i distretti italiani del tessile-abbigliamento: da dove parte il rilancio?

Carpi e i distretti italiani del tessile-abbigliamento: da dove parte il rilancio? La metamorfosi del «modello emiliano»: c è ancora un futuro per i distretti industriali? Una prospettiva economica Carpi e i distretti italiani del tessile-abbigliamento: da dove parte il rilancio? Cristina

Dettagli

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Alessandro Nova Università L. Bocconi Roma, 18 febbraio 2014 Filiera della carta 2014 - Alessandro Nova 1 La Filiera della

Dettagli

TPA ITALIA, un brand per aumentare il vantaggio competitivo delle eccellenze tecnologiche del Made in Italy nei nuovi scenari di mercato.

TPA ITALIA, un brand per aumentare il vantaggio competitivo delle eccellenze tecnologiche del Made in Italy nei nuovi scenari di mercato. TPA ITALIA, un brand per aumentare il vantaggio competitivo delle eccellenze tecnologiche del Made in Italy nei nuovi scenari di mercato. TPA ITALIA, la nuova piattaforma fieristica B2B dedicata ai sistemi

Dettagli

Macro-area tematica: innovazione, progettazione, produzione e commercializzazione per i settori design oriented Settore: Fashion e Design

Macro-area tematica: innovazione, progettazione, produzione e commercializzazione per i settori design oriented Settore: Fashion e Design UNIVERSITA' TELEMATICA SAN RAFFAELE ROMA In collaborazione con DESIGN FOR BUSINESS & BUSINESS FOR DESIGN Design italiano come valore, innovazione e strategia (non solo di prodotto ma anche di processo!)

Dettagli

L'importanza del Fattore Umano:

L'importanza del Fattore Umano: L'importanza del Fattore Umano: Tendenze e testimonianze dalle Eccellenti 2015 7 a Edizione Palazzo Mezzanotte 15 giugno 2015 Agenda 1 Osservatorio PMI Global Strategy PMI Italiane: competitività e eccellenza

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Evoluzione del ruolo professionale nel settore Tessile-Abbigliamento-Calzature

Evoluzione del ruolo professionale nel settore Tessile-Abbigliamento-Calzature 2.5.1.5.2 Specialisti nella commercializzazione di beni e servizi Le professioni comprese in questa Unità Professionale si occupano dell'implementazione delle strategie di vendita delle imprese, dell'efficienza

Dettagli