La crisi del fordismo e i modelli produttivi flessibili. GIORGIO MORGANTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La crisi del fordismo e i modelli produttivi flessibili. GIORGIO MORGANTI morganti.giorgio@alice.it"

Transcript

1 La crisi del fordismo e i modelli produttivi flessibili GIORGIO MORGANTI

2 La crisi del fordismo e i modelli produttivi flessibili Con la political economy comparata si manifesta una ripresa di interesse e di impegno della sociologia economica a livello macroeconomico, stimolata dalle difficoltà e dalle trasformazioni dello stato sociale keynesiano. Contemporaneamente, però, prende forma una problematica teorica e di ricerca che si colloca più a livello microeconomico e si misura con i cambiamenti, non meno rilevanti, nell organizzazione delle imprese e dei processi produttivi. È quanto esamineremo in questo capitolo, partendo dalla crisi del modello «fordista»,e dallo sviluppo delle nuove forme produttive «flessibili».

3 CRISI E TRASFORMAZIONE DEL MODELLO FORDISTA Nel corso del 900 si è affermato un modello di organizzazione economica, spesso definito «fordista», o «fordista taylorista», che ha raggiunto l apice soprattutto nel ventennio successivo alla seconda guerra mondiale. Tale modello si basa su grandi imprese le cui caratteristiche principali si possono cosi sintetizzare: Le IMPRESE SONO INTEGRATE VERTICALMENTE (cioè includono al loro interno diverse fasi produttive che prima erano svolte da aziende distinte), sia a valle anche al momento della distribuzione, sia a monte, nel controllo delle materie prime necessarie alla produzione (in molti casi l integrazione a monte si estende anche ai servizi di ricerca e sviluppo). Ciò fa sì che cresca anche la dimensione complessiva delle imprese;

4 CRISI E TRASFORMAZIONE DEL MODELLO FORDISTA Le IMPRESE SONO IMPEGNATE NELLA PRODUZIONE DI MASSA, cioè nella produzione di beni standardizzati prodotti in grande quantità con macchine specializzate, con minori costi grazie alle economie di scala ed alle nuove tecnologie; La PRODUZIONE È REALIZZATA CON MANODOPERA SCARSAMENTE QUALIFICATA e con un ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO «TAYLORISTICA», cioè fortemente parcellizzata. Il lavoro è diviso in compiti semplici e ripetitivi che limitano l autonomia degli operai. La separazione tra concezione-progettazione dei prodotti ed esecuzione è netta e rigida, e l impresa funziona come una grande organizzazione burocratica basata sul controllo gerarchico. Ruolo del management è coordinare, integrare e controllare il complesso delle attività produttive. Vi è quindi una separazione tra la proprietà dell impresa e gestione delle attività, che è invece affidata a dirigenti specializzati.

5 CRISI E TRASFORMAZIONE DEL MODELLO FORDISTA Non bisogna però immaginare che il modello si affermi uniformemente in tutti i settori produttivi e che si diffonda con la stessa intensità e con gli stessi tempi in tutti i paesi industrializzati. Non è sempre possibile introdurre in tutti i settori produttivi il modello della grande impresa e della produzione di massa: l impiego delle tecnologie necessarie è, infatti, molto costoso e richiede investimenti in macchinari che possono produrre solo determinati prodotti, che danno remunerazione solo se c è un mercato che li assorbe. Ci sono diversi tipi di produzioni (beni non standardizzati o di elevata qualità, macchine speciali) a domanda limitata o estremamente variabile (leggasi: moda) in cui ciò non è possibile, per cui c è uno spazio anche per imprese più piccole, a gestione tradizionale.

6 CRISI E TRASFORMAZIONE DEL MODELLO FORDISTA A ciò è collegato il fenomeno delle subforniture, per cui aziende grandi commercializzano beni in realtà prodotti da imprese minori, attraverso le quali coprono fasce di domanda più instabili, dovute a variazioni cicliche o risparmiano sul costo del lavoro in fasi del processo produttivo più semplici e a elevato impiego di manodopera;

7 CRISI E TRASFORMAZIONE DEL MODELLO FORDISTA Un secondo aspetto da considerare è costituito dai TEMPI DI DIFFUSIONE DEL FORDISMO e il suo RADICAMENTO NEI DIVERSI CONTESTI NAZIONALI, che variano sensibilmente per fattori di natura istituzionale (grado di chiusura dell economia nazionale, differenziazione dei gusti e degli stili di vita legato a sua volta al tipo di stratificazione sociale ed alla cultura nazionale).

8 CRISI E TRASFORMAZIONE DEL MODELLO FORDISTA Non è un caso che il fordismo sia nato in America e si sia radicato più rapidamente in quel contesto, caratterizzato da elevato tasso di immigrazione, carenza di manodopera specializzata, alto livello di infrastrutture di comunicazione (ferrovie). Ciò rendeva le imprese particolarmente favorevoli all introduzione di metodi di produzione come quelli fordisti tayloristi, che consentivano il rapido impiego di manodopera immigrata a bassa qualificazione, con sensibili risparmi di costo.

9 CRISI E TRASFORMAZIONE DEL MODELLO FORDISTA Per l assenza o carenza di questi fattori, il fordismo arriverà più tardi e in forme più limitate in EUROPA, dove persisteranno maggiormente forme di produzione legate a imprese di piccole dimensioni, spesso concentrate territorialmente e tra loro integrate nei c.d. «distretti industriali» Marshalliani. Il fordismo si estese in tempi e gradi diversi fuori dagli Stati Uniti, ma le sue caratteristiche furono segnate dalle esperienze nazionali, (tipologia della proprietà e della gestione delle imprese, rapporti con la finanza, organizzazione interna delle imprese e del lavoro, rapporti con lo stato ).

10 CRISI E TRASFORMAZIONE DEL MODELLO FORDISTA Fordismo a livello micro e stato sociale keynesiano a livello macro sono comunque strettamente legati. È proprio tenendo conto di tale integrazione che si possono meglio cogliere i fattori di crisi del modello fordista a partire dagli anni 70: SATURAZIONE DEL MERCATO DEI BENI DI MASSA; ACCRESCIUTA CONCORRENZA DEI PAESI DI NUOVA INDUSTRIALIZZAZIONE, con più basso costo del lavoro nelle produzioni più semplici e di minore qualità; IMPENNATA DEI PREZZI DEL PETROLIO E DELLE MATERIE PRIME; FINE DEL REGIME DI CAMBI FISSI (e conseguente maggiore instabilità sul mercato internazionale); ESPLOSIONE DELLA CONFLITTUALITÀ INDUSTRIALE NEI PRIMI ANNI 70.

11 CRISI E TRASFORMAZIONE DEL MODELLO FORDISTA La crisi del modello fordista si manifesta diversamente nei vari paesi, a seconda delle capacità del contesto istituzionale di frenare il conflitto industriale e di mantenere una politica di regolazione della domanda tale da garantire condizioni di maggiore stabilità (in ogni caso, anche in contesti di tipo neocorporativo le tendenze di trasformazione del fordismo non sono state frenate).

12 CRISI E TRASFORMAZIONE DEL MODELLO FORDISTA Oltre a quelli elencati, altri motivi che hanno mandato via via in crisi questo modello sono legati alla maggiore domanda di beni di maggiore qualità nei paesi ricchi, vuoi per l aumento dei redditi, vuoi per il formarsi di nuovi gruppi sociali istruiti che sviluppano nuovi stili di vita e modelli di consumo. Ciò contrae ulteriormente lo spazio per il mercato dei beni di massa tradizionali (la domanda è sempre più sostitutiva che aggiuntiva). Un secondo elemento favorisce e incentiva il tentativo di spostarsi verso una produzione più diversificata e di qualità è dato dall introduzione dele NUOVE TECNOLOGIE ELETTRONICHE (calcolatori, macchine a controllo numerico) che permettono di programmare il macchinario in modo da poterlo utilizzare per compiti e prodotti diversi. Ciò consente un sensibile abbassamento dei costi della produzione flessibile, per cui diventa possibile produrre beni non standardizzati di elevata qualità, in serie limitate, a costi più bassi.

13 CRISI E TRASFORMAZIONE DEL MODELLO FORDISTA In tal modo è possibile vendere beni di elevata qualità, prodotti in quantità limitate e soggetti a rapido cambiamento, per i quali i consumatori sono disponibili a pagare prezzi più elevati, sfuggendo anche alla concorrenza dei paesi a più basso costo del lavoro in produzioni di massa, più semplici e di bassa qualità. Naturalmente, questo non vuoi dire che la produzione di massa e il modello fordista siano abbandonati dalle imprese dei paesi più sviluppati. Da questo punto di vista sono da prendere in considerazione due tendenze che possono variamente combinarsi tra loro;1- l uso delle nuove tecnologie per riadattare il modello fordista e 2- la spinta alla multinazionalizzazione (per cui le grandi imprese della produzione di massa, investendo direttamente all estero e specie nei paesi in via di sviluppo, cercano di ritrovare le condizioni di vantaggio prima presenti nei paesi più avanzati: un mercato in crescita e condizioni di più basso costo del lavoro).

14 CRISI E TRASFORMAZIONE DEL MODELLO FORDISTA In conclusione, possiamo dunque rilevare che, specie a partire dagli anni 70, si è assistito a un processo di diversificazione e pluralizzazione dei modelli produttivi. Su questo fenomeno influisce in misura significativa il contesto istituzionale nel quale le imprese operano: per comprendere i motivi per cui alcuni paesi o alcune regioni si sono riadattati più rapidamente e più efficacemente non basta dunque guardare al livello macroeconomico e al ruolo dello stato, ma occorre prendere in considerazione l interazione tra imprese e ambiente sociale nel quale sono inserite. Ed è proprio su questo terreno che si sviluppa una ripresa della sociologia economica anche a livello micro, che analizza in particolare i rapporti tra contesto istituzionale e nuovi modelli produttivi flessibili.

15 MODELLI PRODUTTIVI FLESSIBILI E CONTESTO ISTITUZIONALE I primi ad affrontare in maniera organica il modello della specializzazione flessibile, in contrapposizione a quello fordista della produzione di massa sono stati Piore e Sabel, nel Alla produzione di beni standardizzati di massa, fatta con macchine specializzate e manodopera semi-qualificata, viene contrapposta la SPECIALIZZAZIONE FLESSIBILE, caratterizzata dalla produzione di beni non standardizzati con macchine utilizzabili per modelli diversi, realizzati con manodopera più qualificata. L accento è posto in particolare sulle nuove tecnologie elettroniche che riducono, come abbiamo già notato, il costo della produzione flessibile e diversificata. La specializzazione flessibile coinvolge anche le grandi imprese in trasformazione, specie in paesi come la Germania e il Giappone, anche se le maggiori possibilità che questo processo apre sono per le imprese più piccole.

16 MODELLI PRODUTTIVI FLESSIBILI E CONTESTO ISTITUZIONALE Si possono individuare tre aspetti che gli studi successivi, contribuiranno a mettere meglio a fuoco: 1. Il primo riguarda la possibile persistenza della produzione di massa nei termini prima ricordati del neofordismo; 2. Il secondo aspetto si riferisce alle forme di specializzazione flessibile praticate dalle grandi imprese, oltre che dalle piccole, con la loro trasformazione interna e la maggiore apertura a rapporti di collaborazione con imprese esterne; 3. Il terzo, infine, ha a che fare con l analisi più approfondita e dettagliata dei fattori istituzionali che consentono le forme di cooperazione tra management e lavoratori e quelle tra le imprese, necessarie per l emergenza e il funzionamento dei modelli flessibili a elevata capacità innovativa, buone condizioni di lavoro

17 PICCOLE IMPRESE E DISTRETTI INDUSTRIALI II fenomeno dei distretti di piccole e medie imprese, concentrati in alcune regioni, è stato riscontrato in diversi paesi. In qualche caso si trattava di aree già caratterizzate da strutture produttive di questo tipo, che vengono però coinvolte in una fase di forte dinamismo, in altri emergono invece delle nuove concentrazioni di aziende e specializzazioni produttive. Indipendentemente dal settore («tradizionale» o «moderno»), perché si parli di distretti industriali devono esserci due requisiti essenziali: È necessario che il processo produttivo sia divisibile in fasi diverse, tecnicamente separabili, in modo da consentire la specializzazione delle piccole imprese per fasi o componenti; Si tratta di produzioni soggette a elevata variabilità quantitativa e qualitativa della domanda, che richiede forme di organizzazione flessibile, Particolare interesse ha suscitato il fenomeno in Italia, data la sua diffusione, anche se tendenze simili sono state segnalate anche in alcune regioni tedesche (es. Baden-Württemberg), in Svezia, in alcune zone del Giappone, della Francia, della Spagna, o anche in aree degli Stati Uniti (es. Silicon Valley in California).

18 I DISTRETTI INDUSTRIALI IN ITALIA Nel corso degli anni 70 si nota una forte crescita delle piccole imprese, particolarmente concentrata nelle regioni del centro e del nordest. Quest area verrà definita come Terza Italia, per distinguerla dal nordovest, cioè dalle zone della prima industrializzazione e delle grandi imprese, e dal sud dove il processo di industrializzazione era rimasto fortemente limitato. Queste piccole imprese presentano la particolarità di essere concentrate in sistemi locali di uno o più comuni vicini (e popolazione generalmente < 100 mila ab.). In questi sistemi locali vi è un mercato del lavoro integrato, e un certo grado di specializzazione settoriale. Quando la specializzazione settoriale e l integrazione tra le piccole imprese sono molto elevate e danno luogo a una divisione specialistica del lavoro, si formano i «DISTRETTI INDUSTRIALI».

19 I DISTRETTI INDUSTRIALI IN ITALIA In un distretto sono dunque localizzate molte imprese di piccola dimensione, ciascuna delle quali si specializza in una particolare fase o nella produzione di una particolare componente del processo produttivo. Solo un numero ridotto di aziende ha però rapporti diretti con il mercato finale, e sono quelle che ricevono gli ordini, decidono la quantità e la qualità dei beni da produrre e ne affidano la realizzazione concreta ai produttori di fase, coordinando l intero processo.

20 I DISTRETTI INDUSTRIALI IN ITALIA L indagine sui distretti ha contribuito, in particolare, a evidenziarne due aspetti peculiari: 1. La capacità di rispondere in modo flessibile ai cambiamenti del mercato si basa non solo sull uso delle nuove tecnologie da parte delle singole aziende, ma soprattutto sui rapporti di cooperazione; 2. La capacità di innovare e migliorare la qualità dei beni prodotti è sostenuta dall esistenza di economie esterne alle singole aziende ma interne all area in cui esse sono localizzate: manodopera e collaboratori specializzati, servizi e infrastrutture, ma anche fattori immateriali che influiscono sulla produttività e che Marshall chiama «atmosfera industriale», che si caratterizza per la circolazione e diffusione rapida di conoscenze e informazioni.

21 I DISTRETTI INDUSTRIALI IN ITALIA Un aspetto importante di questo fenomeno è proprio quello costituito dalla DISPONIBILITÀ DI RISORSE COGNITIVE che si formano nel tempo e portano a «conoscenze tacite» o a un «sapere contestuale», cioè a un saper fare diffuso, a un linguaggio condiviso che consente di adattare agli specifici problemi produttivi il «sapere codificato» delle conoscenze scientifico-tecniche. Accanto a queste componenti cognitive, ve ne sono altre di tipo normativo, quali la COOPERAZIONE all interno delle aziende, e tra le diverse imprese.

22 I DISTRETTI INDUSTRIALI IN ITALIA Quanto alle origini, tre fattori istituzionali sono cruciali per lo sviluppo dell economia diffusa e dei distretti: 1) Una RETE DI PICCOLI E MEDI CENTRI nei quali vi erano tradizioni artigianali e commerciali diffuse, dalle quali sono venute in larga misura le risorse di imprenditorialità per le piccole imprese (in molti casi è stato importante il ruolo di buone scuole tecniche locali); 2) Esistenza di RAPPORTI DI PRODUZIONE IN AGRICOLTURA prima dell industrializzazione (mezzadria e piccola proprietà contadina), che ha sostenuto la formazione originaria di un offerta di lavoro flessibile, a costi ridotti, e con conoscenze e motivazioni congruenti con lo sviluppo di piccola impresa; 3) Forte presenza nelle aree in questione di TRADIZIONI E ISTITUZIONI POLITICHE LOCALI legate al movimento cattolico e a quello socialista e comunista, che hanno anzitutto contribuito a rafforzare un tessuto fiduciario molto importante per lo sviluppo di piccola impresa e, in secondo luogo, hanno influenzato le relazioni industriali e l attività dei governi locali. Il modello di relazioni industriali ha cosi assunto un carattere cooperativo e localistico.

23 I DISTRETTI INDUSTRIALI IN ITALIA

24 I DISTRETTI INDUSTRIALI IN ITALIA Gli ENTI LOCALI, a loro volta, hanno garantito quei servizi sociali che hanno favorito la flessibilità del lavoro, e hanno spesso fornito alcuni servizi e infrastrutture essenziali per lo sviluppo. Questo quadro culturale e istituzionale è importante anche per comprenderne la logica di funzionamento. Anzitutto, è evidente che la produzione richiede un elevato grado di cooperazione tra le imprese e tra imprenditori e lavoratori all interno delle unità produttive. Per quel che riguarda per esempio la subfornitura, esiste certo un elevata concorrenzialità all interno delle singole fasi produttive, ma questa è mitigata da meccanismi di cooperazione per cui il committente o il subfornitore non massimizzano l utilità a breve termine. Ciò consente vantaggi reciproci a medio e lungo termine. Queste forme di cooperazione, che integrano i meccanismi concorrenziali, si fondano quindi su un tessuto fiduciario sostenuto dagli elementi culturali e istituzionali prima ricordati.

25 I DISTRETTI INDUSTRIALI IN ITALIA Forme di cooperazione sono presenti anche nel mercato del lavoro: la produzione dei distretti richiede, infatti, un elevata flessibilità interna, in termini di orari e straordinari, ma anche di disponibilità a svolgere compiti diversi e a contribuire alla qualità della produzione, o un elevata mobilità del lavoro tra le imprese. Col tempo, è cresciuta anche una specifica forma di regolazione politica del mercato del lavoro, per cui sia le relazioni industriali che l azione dei governi locali hanno favorito l accettazione sociale del modello di sviluppo attraverso meccanismi di redistribuzione del reddito prodotto, che si affiancano a quelli di reciprocità, legati alla famiglia e alle reti parentali. In questo senso la COSTRUZIONE SOCIALE DEL MERCATO è un aspetto cruciale del successo dei distretti nella specializzazione flessibile.

26 DISTRETTI E ISTITUZIONI I principali tratti comuni ricavabili dalle ricerche sui vari paesi hanno evidenziato che i distretti industriali orientati alla produzione flessibile sono legati a specifiche risorse cognitive e normative. In particolare si possono sottolineare gli aspetti seguenti. Per quel che riguarda gli ASPETTI COGNITIVI, vi sono due ordini di fattori che influiscono sulle conoscenze e sulla formazione dell imprenditorialità: Importanti tradizioni artigianali precedenti, alimentate anche da buone scuole tecniche e da altre istituzioni formative; Vicinanza di istituzioni di ricerca pubbliche o private (legate anche a grandi imprese) e in particolare dalla presenza di importanti università che sviluppano intensi scambi con le imprese.

27 DISTRETTI E ISTITUZIONI Una CAPACITÀ DI COOPERAZIONE E LA DISPONIBILITÀ DI UN TESSUTO FIDUCIARIO, in genere influenzate da identità locali distinte (politiche o di tipo etnico) che si riproducono nel tempo; IMPORTANZA DELLE RISORSE COGNITIVE e normative non solo per lo sviluppo di tipo distrettuale, ma anche per la sua riproduzione nel tempo; Un ELEVATA CAPACITÀ DI COOPERAZIONE E ANCHE UN COINVOLGIMENTO CRESCENTE per migliorare la qualità da parte dei lavoratori, che dà loro forti motivazioni a mettersi in proprio o, in alternativa, un elevata flessibilità più contrattata e compensata. Possiamo dunque concludere che il successo nell adattamento dei distretti industriali alle sfide esterne deriva principalmente dalla capacità degli attori locali di continuare a interagire efficacemente per trovare nuove soluzioni, per produrre nuovi beni collettivi da cui dipende il benessere della società locale.

28 LA TRASFORMAZIONE DELLE GRANDI IMPRESE Come i distretti industriali, anche le grandi imprese, hanno cominciato a trasformarsi sperimentando modelli di produzione flessibile. Sebbene questo processo non si diffonda ovunque e con le stesse caratteristiche, è possibile identificare alcuni tratti idealtipici del nuovo modello. Il PUNTO DI PARTENZA è costituito dalla crescente instabilità e frammentazione dei mercati: mancando la prevedibilità che era un requisito essenziale del modello fordista, l investimento in macchinari specializzati diventa rischioso per i rapidi cambiamenti della domanda e l obsolescenza dei prodotti; si comincia dunque a sperimentare una riorganizzazione per offrire più prodotti e per modificarli rapidamente in funzione di ciò che verrà domandato dal mercato.

29 LA TRASFORMAZIONE DELLE GRANDI IMPRESE Per le grandi imprese che vogliono sopravvivere si fa strada la necessità di RIDURRE LA SEPARAZIONE TRA CONCEZIONE ED ESECUZIONE DEI PRODOTTI (tipica del fordismo), che rende la produzione di nuovi beni lenta, elaborata, e rigida. Si sperimentano così forme di decentramento dell autorità, con unità operative più vicine agli stimoli del mercato ed in grado di operare rapidamente, e strutture centrali (più snelle) lasciate alle sole decisioni strategiche. Dal punto di vista finanziario, la grande impresa, spesso multinazionale, si trasforma in una holding che controlla altre società specializzate nei diversi prodotti; CAMBIA L ORGANIZZAZIONE INTERNA, e in particolare quella DEL LAVORO, e rimettendo in discussione i modelli tayloristi. La possibilità di produrre beni differenziati in serie brevi, con aggiustamenti continui rispetto alla domanda, porta alla necessità di eliminare risorse ridondanti. Si cerca dunque di ridurre gli scarti, i tempi morti e l accumulo di scorte, sincronizzando il più possibile la produzione alla domanda proveniente dal mercato. Ciò richiede, al contrario di quella fordista-taylorista, una più attiva collaborazione e un maggior coinvolgimento della manodopera, che, per poter impiegare macchinari meno specializzati e polivalenti, devono essere più qualificati ed in grado di svolgere mansioni diverse, anche lavorando in gruppi che si compongono e scompongono a seconda delle esigenze produttive;

30 LA TRASFORMAZIONE DELLE GRANDI IMPRESE La grande impresa SI APRE ANCHE MAGGIORMENTE ALL ESTERNO, potenziando la collaborazione con subfornitori (spesso localizzati in aree di specializzazione produttiva) per la produzione di parti complementari, e concentrandosi più sullo sviluppo di alcune tecnologie chiave, sul design e sull assemblaggio complessivo del prodotto finale. Per rendere poi più efficace il ruolo dei subfornitori, si tende a evitare che essi lavorino solo per la sola impresa madre, incoraggiandoli ad andare sul mercato (lavorando per più committenti, la loro capacità di apprendimento aumenta); Come per i distretti, PARTICOLARE RILIEVO ASSUME IL CONTESTO ISTITUZIONALE (sottoforma di fattori cognitivi e normativi), che influisce sulla possibilità delle grandi aziende di adattarsi rapidamente ai modelli produttivi

31 LA TRASFORMAZIONE DELLE GRANDI IMPRESE Vengono introdotte REGOLE ISTITUZIONALIZZATE CHE INCENTIVANO NEI LAVORATORI UN COMPORTAMENTO COOPERATIVO, per cui il potenziamento delle capacità di apprendimento avviene attraverso una più intensa e più efficace cooperazione tra le varie strutture e i vari soggetti che lavorano nell ambito dell impresa. A sostegno della cooperazione, si promuove l impiego a vita nelle grandi imprese (come in Giappone) o si tengono relazioni industriali con sindacati a livello cooperativo e concertativo; per lo stesso motivo vengono fatti investimenti in formazione professionale per più rapide ed efficaci forme di adattamento a nuove produzioni; Un altro aspetto importante della strategia di potenziamento delle risorse cognitive per l innovazione è costituito dall APERTURA MAGGIORE ALLE COLLABORAZIONI ESTERNE, per cui le grandi imprese sono spinte a cercare contatti con reti di subfornitori specializzati, che sono di solito di piccole dimensioni, e sono localizzati in aree di specializzazione produttiva, o in veri e propri distretti, dove fruiscono di ampie economie esterne.

32 LA TRASFORMAZIONE DELLE GRANDI IMPRESE Nella sperimentazione di modelli flessibili c è quindi una certa convergenza tra la variante basata sui distretti e quella centrata sulle grandi imprese. Si allentano insomma i confini tra grandi e piccole imprese. Occorre però tenere presente che il fondamento del nuovo modello flessibile non è solo tecnologico, ma organizzativo. Sia per le grandi come per le piccole imprese, si sviluppa infatti un MODELLO ORGANIZZATIVO A RETE, fondato su un estesa collaborazione tra aziende, che rompe la chiusura e l integrazione verticale del modello fordista. In questo senso, i distretti possono essere visti come reti di piccole e medie imprese che tendono a formalizzarsi maggiormente nel tempo, mentre la grande azienda si trasforma in impresa rete.

33 LA TRASFORMAZIONE DELLE GRANDI IMPRESE

34 LA TRASFORMAZIONE DELLE GRANDI IMPRESE Le reti funzionano come «SISTEMI DI APPRENDIMENTO», cioè come insiemi di relazioni formali e informali che potenziano le capacità di rapido aggiustamento rispetto al mercato: non è più l impresa a decidere i propri obiettivi produttivi e a imporli al mercato, ma è quest ultimo, diventato frammentato e instabile, che impone processi di aggiustamento più rapidi e costosi. Le reti permettono di potenziare la velocità di aggiustamento e le capacità di apprendimento, e insieme di ridurre i costi dei nuovi prodotti, distribuendoli su un più ampio ventaglio di soggetti (e abbassando quindi i rischi). Le reti si possono costruire e possono funzionare più facilmente in questi contesti nei quali vi è un tessuto fiduciario che facilita la cooperazione, e dove vi sono istituzioni che possono generarlo e riprodurlo. Per questo motivo la cooperazione rende le imprese grandi e piccole che vogliono perseguire modelli flessibili più dipendenti dall ambiente sociale nel quale sono inserite (il modello fordista, al contrario, potenziava al massimo l autonomia dell impresa dall ambiente esterno).

35 L ECONOMIA INFORMALE L economia informale, in prima approssimazione essa può essere considerata come l insieme di attività di produzione e distribuzione di beni e servizi che sfuggono in tutto o in parte alla contabilità nazionale; in altre parole, l economia informale si identifica con quella invisibile o poco visibile. Questa definizione generale include però una serie di fenomeni molto diversi tra loro, che possono andare dalla produzione familiare per autoconsumo, alla produzione industriale realizzata con lavoro non registrato, all economia criminale dei traffici di droga. In questo senso, una definizione più specifica dell economia informale, che permette di distinguere meglio le diverse componenti, si può basare su tre dimensioni: le modalità di produzione di beni e servizi, che possono essere legali o meno; il tipo di beni e servizi prodotti, che possono anch essi essere leciti o meno; e infine l orientamento al mercato della produzione.

36 L ECONOMIA INFORMALE Se l economia formale è allora costituita dalla produzione destinata al mercato di beni e servizi leciti, realizzata secondo modalità che non violano la legge, l economia informale è caratterizzata dalla mancanza di uno o più di tali requisiti. In particolare, possiamo definire: ECONOMIA CRIMINALE la componente informale legata alla produzione illecita di beni e servizi (anch essi illegali); ECONOMIA NASCOSTA (o sommersa) quella che produce beni e servizi leciti, ma con modalità che violano in tutto o in parte la legge (es. con lavoro non registrato, evasione fiscale, ecc.); ECONOMIA DOMESTICA (o comunitaria) quella orientata alla produzione legale di beni e servizi leciti, orientata non al mercato ma all autoconsumo familiare, o al consumo di un gruppo sociale, o di una comunità;

37 L ECONOMIA INFORMALE METODI DI PRODUZIONE PRODOTTI ORIENTAMENTO AL MERCATO ECONOMIA FORMALE Legali Legali Si ECONOMIA INFORMALE: nascosta criminale domestica-comunitaria Illegali Legali Si Illegali Illegali Si Legali Legali No Tab Economia formale e informale

38 L ECONOMIA INFORMALE I confini tra la sfera formale e quella informale dell economia sono molto fluidi e variabili: perché la distinzione regga, è necessario che ci sia un economia formale definita da regole giuridiche precise e applicate, che delimitano e organizzano le attività economiche per il mercato (in molti paesi del Terzo Mondo o in regioni arretrate, dove manca questo requisito, risulta difficile distinguere tra le due sfere). Singole componenti dell economia informale possono poi intrattenere relazioni tra loro e/o con pezzi dell economia formale

39 L ECONOMIA INFORMALE A partire dalla seconda metà degli anni 70 l economia informale (in particolar modo quella domestica e quella nascosta), ha cominciato a diffondersi in maniera rilevante nelle regioni e nei paesi meno sviluppati, passando da indicatore di arretratezza e isolamento, ad opportunità di inserimento nei nuovi spazi aperti nella divisione internazionale del lavoro. È però la presenza del fenomeno nelle aree più sviluppate a suscitare l interesse della ricerca. Per la diffusione ed il funzionamento dell economia informale in queste zone, (come nelle aree meno sviluppate), ricopre particolare importanza il ruolo di specifici fattori culturali e istituzionali.

40 L ECONOMIA INFORMALE Non ci sono informazioni e misurazioni precise sull andamento dell economia informale negli ultimi decenni, anche se sembra che il progressivo spostamento di attività informali verso la sfera dell economia formale, verificatosi fino agli anni 70 abbia subito un inversione di tendenza, collegata sia alle difficoltà del fordismo e della produzione di massa che alle difficoltà dei sistemi di protezione sociale pubblici.

41 L ECONOMIA INFORMALE Relativamente al primo aspetto (DIFFICOLTÀ DEL FORDISMO e DELLA PRODUZIONE DI MASSA), l ipotesi è che i problemi e le trasformazioni della produzione di massa alimentino l economia informale: Direttamente per le difficoltà occupazionali legate alle recenti spinte verso la deregolazione dei rapporti di lavoro; Indirettamente, per la tendenza delle aziende a delocalizzare a settori di economia informale fasi o componenti della produzione (per renderla più flessibile a costi più bassi), favorite in questo dal miglioramento delle tecnologie di comunicazione e di trasporto. Oltre che per il diffondersi del fenomeno del doppio lavoro.

LA COSTRUZIONE SOCIALE DELL INNOVAZIONE

LA COSTRUZIONE SOCIALE DELL INNOVAZIONE LA COSTRUZIONE SOCIALE DELL INNOVAZIONE L economista e sociologo Joseph Schumpeter è stato il primo a distinguere chiaramente tra crescita e sviluppo. La crescita è un fenomeno graduale, fatto di continui

Dettagli

CAP 6 RISTRUTTURAZIONE INDUSTRIALE E CRESCITA, 1975-85. La rincorsa frenata

CAP 6 RISTRUTTURAZIONE INDUSTRIALE E CRESCITA, 1975-85. La rincorsa frenata CAP 6 RISTRUTTURAZIONE INDUSTRIALE E CRESCITA, 1975-85 La rincorsa frenata 1 Anni di piombo e solitudini europee Inizio anni Settanta: profonda crisi. Fine della produzione di massa, della domanda pubblica

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA E REGIONALE Economia Urbana 2 TEORIA DELLO SVILUPPO LOCALE Economia Urbana

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

ECONOMIA E DINAMCA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it)

ECONOMIA E DINAMCA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA E DINAMCA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Fino anni '70 modello basato su standardizzazione

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo RISOLUZIONE IN COMMISSIONE 7/00574 AUDIZIONE 6 maggio 2015 CONTRATTI DI RETE COME STRUMENTO DI POLITICA ECONOMICA Le organizzazioni

Dettagli

Sistemi di welfare 6. STRUTTURA, FUNZIONI, MODELLI DI WELFARE. A.A. 2014-2015 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione

Sistemi di welfare 6. STRUTTURA, FUNZIONI, MODELLI DI WELFARE. A.A. 2014-2015 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione A.A. 2014-2015 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione Sistemi di welfare 6. STRUTTURA, FUNZIONI, MODELLI DI WELFARE Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del

Dettagli

PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE

PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE 1.1. PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE A - Il principio di agglomerazione è genetico / fondativo della città Perché? la concentrazione spaziale come scelta di comodità/efficienza

Dettagli

Sistemi di welfare 7. STRUTTURA, FUNZIONI, MODELLI DI WELFARE. A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione

Sistemi di welfare 7. STRUTTURA, FUNZIONI, MODELLI DI WELFARE. A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione Sistemi di welfare 7. STRUTTURA, FUNZIONI, MODELLI DI WELFARE Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del

Dettagli

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Per TECNOLOGIA si intendono i processi, le tecniche, i macchinari e le azioni utilizzati per trasformare gli input organizzativi (materiali,

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

Sintesi dei risultati

Sintesi dei risultati 1 Sintesi dei risultati Il presente documento sintetizza i principali risultati ottenuti dall attività di ricerca e di intervista sviluppata dallo Studio GMB per conto dell Associazione Territorio e Cultura

Dettagli

Le ristrutturazioni aziendali

Le ristrutturazioni aziendali Le ristrutturazioni aziendali Come si conduce uno studio di caso Daniele Zaccaria daniele.zaccaria@unimib.it Le strategie di gestione dei processi di ristrutturazione tendono a mutare perché sta mutando

Dettagli

L impresa e le strategie internazionali

L impresa e le strategie internazionali L impresa e le strategie internazionali Fabio Musso Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Dipartimento di Economia, Società e Politica (DESP) fabio.musso@uniurb.it Premessa Il confronto internazionale

Dettagli

Qual è la Sua posizione di fronte alla crescente richiesta di replicare il nostro modello distrettuale in altri paesi?

Qual è la Sua posizione di fronte alla crescente richiesta di replicare il nostro modello distrettuale in altri paesi? Sempre più forte è l interesse di altri paesi al modello di sviluppo italiano e sempre più spesso si parla di internazionalizzazione dei distretti, se non addirittura di vera e propria clonazione. E evidente

Dettagli

TENDENZE EVOLUTIVE NELLA DISCIPLINA DI MARKETING E RICERCA DI NUOVI PARADIGMI

TENDENZE EVOLUTIVE NELLA DISCIPLINA DI MARKETING E RICERCA DI NUOVI PARADIGMI TENDENZE EVOLUTIVE NELLA DISCIPLINA DI MARKETING E RICERCA DI NUOVI PARADIGMI LO SVILUPPO DELLA DISCIPLINA DI MARKETING 1. Le origini 1920-1940 2. Lo sviluppo 1950-1965 3. La maturità 1965-1980 4. Il riorientamento

Dettagli

MERCATI, STRATEGIE E OSTACOLI ALLA COMPETITIVITÀ

MERCATI, STRATEGIE E OSTACOLI ALLA COMPETITIVITÀ 7 novembre 13 ASSETTI STRUTTURALI E FATTORI DI COMPETITIVITÀ DELLE IMPRESE ITALIANE: MERCATI, STRATEGIE E OSTACOLI ALLA COMPETITIVITÀ UN SISTEMA CHE COMPETE SU PIÙ MERCATI La maggior parte delle imprese

Dettagli

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 La famiglia

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682. Misure per favorire lo sviluppo della managerialità nelle imprese del Mezzogiorno

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682. Misure per favorire lo sviluppo della managerialità nelle imprese del Mezzogiorno Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BERTUZZI, FIORONI, VITALI e GHEDINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 22 MAGGIO 2008 Misure per favorire

Dettagli

CORSO LAVORO E MERCATO SYLLABUS EROGATO IN MODALITÀ BLENDED LEARNING ORGANIZZAZIONE DEL CORSO

CORSO LAVORO E MERCATO SYLLABUS EROGATO IN MODALITÀ BLENDED LEARNING ORGANIZZAZIONE DEL CORSO CORSO LAVORO E MERCATO EROGATO IN MODALITÀ BLENDED LEARNING SYLLABUS Corso di laurea triennale in Sociologia Modulo Lavoro e mercato (parte del modulo Sociologia 2) (codice E4001N047) Anno accademico 2015/2016

Dettagli

Indice. pagina 2 di 8

Indice. pagina 2 di 8 LEZIONE SOURCING, PROCUREMENT E METODOLOGIE PER L'OTTIMIZZAZIONE DELLA CATENA DEL VALORE DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1 Catena del valore e creazione del valore --------------------------------------------------------------

Dettagli

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 LEZIONE 3

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 LEZIONE 3 Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Economia Internazionale Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 MATERIALE DIDATTICO da integrare al libro di testo: Hill C.W.L. International

Dettagli

Puglia: il POR FESR 2007-2013

Puglia: il POR FESR 2007-2013 Agevolazioni Finanziarie 25 di Bruno Pagamici - Dottore commercialista, Revisore contabile, Pubblicista - Studio Pagamici - Macerata Finanziamenti regionali Puglia: il POR FESR 2007-2013 Per il programma

Dettagli

CAP 2 Le fonti dell innovazione. Gestione dell innovazione

CAP 2 Le fonti dell innovazione. Gestione dell innovazione CAP 2 Le fonti dell innovazione Gestione dell innovazione 1 La creatività L innovazione può scaturire da molte fonti diverse: Mente degli individui Ricerca universitaria, EPR, incubatori di imprese, fondazioni

Dettagli

Programma degli interventi

Programma degli interventi Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 46/8 del 22.9.2015 Programmazione Unitaria 2014-2020. Strategia "Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività delle imprese". Programma di intervento 3: Competitività

Dettagli

RUOLO PMA. UN QUADRO VARIABILE E POCO COERENTE

RUOLO PMA. UN QUADRO VARIABILE E POCO COERENTE Milano, 22 marzo 1984 Schede utilizzate durante l intervento al Convegno Cestec: Strategie e strumenti a sostegno dell'innovazione tecnologica nelle piccole e medie imprese. * * * * * Pma 1 RUOLO PMA.

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

ECONOMIA REGIONALE. lo spazio diversificato relazionale. VII. Competitività territoriale e

ECONOMIA REGIONALE. lo spazio diversificato relazionale. VII. Competitività territoriale e ECONOMIA REGIONALE Teorie dello sviluppo locale: lo spazio diversificato relazionale VII. Competitività territoriale e sviluppo esogeno 1 Lo spazio diversificato: gli elementi della competitività territoriale

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

IL SITO PRODUTTIVO NELL ECONOMIA DELLA COMPLESSITA

IL SITO PRODUTTIVO NELL ECONOMIA DELLA COMPLESSITA IL SITO PRODUTTIVO NELL ECONOMIA DELLA COMPLESSITA Prof. 1Corso: Supply chain management Docente: 1 IL SITO PRODUTTIVO L economia fordista di ispirazione taylorista ad un economia post fordista ha contribuito

Dettagli

MATERIALE A SUPPORTO DEL WORKSHOP TERRITORIALE REGIONE PUGLIA WELFARE AZIENDALE. ISTITUTO PER LA RICERCA SOCIALE (IRS) Capofila BRIGHT.

MATERIALE A SUPPORTO DEL WORKSHOP TERRITORIALE REGIONE PUGLIA WELFARE AZIENDALE. ISTITUTO PER LA RICERCA SOCIALE (IRS) Capofila BRIGHT. Direzione generale per le politiche attive, i servizi per il lavoro e la formazione DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITA Promozione di un azione di sistema volta alla programmazione e attuazione degli

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

Cap. 3 L impresa a rete: cultura, istituzioni e organizzazioni dell economia. economia informazionale

Cap. 3 L impresa a rete: cultura, istituzioni e organizzazioni dell economia. economia informazionale Cap. 3 L impresa a rete: cultura, istituzioni e organizzazioni dell economia economia informazionale Definizione di organizzazione e di istituzione L economia informazionale è caratterizzata da cultura

Dettagli

Nel 2014 il vino italiano ha ritoccato verso l alto il proprio record in termini di esportazioni, assestandosi poco sotto a 5,1 miliardi di euro.

Nel 2014 il vino italiano ha ritoccato verso l alto il proprio record in termini di esportazioni, assestandosi poco sotto a 5,1 miliardi di euro. Denis Pantini e Paolo Bono, Nomisma Wine Monitor denis.pantini@nomisma.it paolo.bono@nomisma.it Nel 2014 il vino italiano ha ritoccato verso l alto il proprio record in termini di esportazioni, assestandosi

Dettagli

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan Organizzazione aziendale e sistemi informativi Prof. Luca Gnan Agenda Una definizione Divisione del lavoro e coordinamento Le regole nella progettazione Gli ambiti della progettazione organizzativa Modelli

Dettagli

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Le forme divisionali e i gruppi di imprese

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Le forme divisionali e i gruppi di imprese ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Le forme divisionali e i gruppi di imprese Prof. Armando Urbano - A.A. 2011-2012 Contenuti del capitolo Le caratteristiche di base della forma divisionale Interazioni, interdipendenze

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014. Prof. Forlin Maria Nives AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING INDIRIZZO

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014. Prof. Forlin Maria Nives AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING INDIRIZZO PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 DOCENTE DISCIPLINA CLASSE INDIRIZZO Prof. Forlin Maria Nives Economia Politica 3^ AEM AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING DATA DI PRESENTAZIONE 10 Novembre 2013

Dettagli

Relazione del Presidente Ing. Bruno Tani. Incontro sindacale per il. Roma, 18 gennaio 2010

Relazione del Presidente Ing. Bruno Tani. Incontro sindacale per il. Roma, 18 gennaio 2010 Relazione del Presidente Ing. Bruno Tani Incontro sindacale per il rinnovo del CCNL Gas Acqua Roma, 18 gennaio 2010 Pagina 1 di 11 Buongiorno a tutti, siamo qui per dare l avvio alla trattativa per il

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

1.3. LE POSSIBILITA DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE INDUSTRIALI

1.3. LE POSSIBILITA DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE INDUSTRIALI 1.3. LE POSSIBILITA DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE INDUSTRIALI Il Cobianchi, Verbania 1993, pp. 20-27 (*) INTRODUZIONE La necessità assoluta di innovazione, e in particolare

Dettagli

L evoluzione del sistema monetario internazionale

L evoluzione del sistema monetario internazionale Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali L evoluzione del sistema monetario internazionale Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

Fondi Europei e politiche di sviluppo: nuove strategie sono necessarie Carlo Trigilia 1

Fondi Europei e politiche di sviluppo: nuove strategie sono necessarie Carlo Trigilia 1 Fondi Europei e politiche di sviluppo: nuove strategie sono necessarie Carlo Trigilia 1 ECONOMIA SICILIANA Si pubblica l intervento del Ministro per la coesione territoriale, Carlo Trigilia, in occasione

Dettagli

Lezione 4 Formazione delle strategie e strategie basate sulla conoscenza: la Knowledge Based View

Lezione 4 Formazione delle strategie e strategie basate sulla conoscenza: la Knowledge Based View Università degli Studi di Padova Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea Triennale in Discipline della Mediazione Linguistica e Culturale a.a. 2007/08 Economia e Gestione delle Imprese Lezione 4

Dettagli

Dal welfare al workfare il nuovo ruolo del sistema pubblico dei servizi per l impiego

Dal welfare al workfare il nuovo ruolo del sistema pubblico dei servizi per l impiego Dal welfare al workfare il nuovo ruolo del sistema pubblico dei servizi per l impiego Il workfare (o welfare to work), termine derivante dalla fusione di work e welfare, é un modello alternativo al classico

Dettagli

GLI INVESTIMENTI DELLE ORGANIZZAZIONI MAFIOSE NELL ECONOMIA LEGALE. Reggio Calabria, 5 aprile 2013

GLI INVESTIMENTI DELLE ORGANIZZAZIONI MAFIOSE NELL ECONOMIA LEGALE. Reggio Calabria, 5 aprile 2013 GLI INVESTIMENTI DELLE ORGANIZZAZIONI MAFIOSE NELL ECONOMIA LEGALE Reggio Calabria, 5 aprile 2013 Introduzione L obiettivo della lezione odierna è individuare: i motivi per cui le mafie investono nell

Dettagli

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Gli indirizzi del settore economico fanno riferimento a comparti in costante crescita sul piano occupazionale e interessati a forti innovazioni

Dettagli

PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE

PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE Ricerca e Innovazione: leve prioritarie per la crescita La nuova politica di Europa 2020 richiama il ruolo delle imprese e la

Dettagli

Il sistema monetario internazionale pre 1973

Il sistema monetario internazionale pre 1973 Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali Il sistema monetario internazionale pre 1973 Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà Economia Corso di Strategia di Impresa A/A 2008-2009 TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE -Robert M. Grant- Peitas Patrizia INDICE 1. Il vantaggio competitivo

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE, LA COMPETITIVITA E LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DIV. VII PMI, Startup innovative e reti di impresa Indagine sulle PMI eccellenti

Dettagli

ASSEMBLEA SEZIONE METALMECCANICA, METALLURGICA E COSTRUZIONE MACCHINARI

ASSEMBLEA SEZIONE METALMECCANICA, METALLURGICA E COSTRUZIONE MACCHINARI ASSEMBLEA SEZIONE METALMECCANICA, METALLURGICA E COSTRUZIONE MACCHINARI Nel predisporre le linee guida del prossimo mandato della sezione Metalmeccanica ho ritenuto utile, più che trascrivere un programma

Dettagli

PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI

PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI Il quadro economico del Piemonte Il Piemonte è una delle regioni a più alta concentrazione industriale d Europa, tanto che ancora oggi, nella grave

Dettagli

Sistemi di welfare 9. L ECONOMIA DELLA FAMIGLIA. A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione

Sistemi di welfare 9. L ECONOMIA DELLA FAMIGLIA. A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione Sistemi di welfare 9. L ECONOMIA DELLA FAMIGLIA Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del lavoro mlpruna@unica.it

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE IN GESTIONE DELLE RISORSE UMANE E TEAM BUILDING

CORSO DI FORMAZIONE IN GESTIONE DELLE RISORSE UMANE E TEAM BUILDING CORSO DI FORMAZIONE IN GESTIONE DELLE RISORSE UMANE E TEAM BUILDING Modulo Modelli organizzativi e dinamiche di gruppo nelle organizzazioni complesse Rita Palidda Qualche dato.. Spesa pubblica per il sistema

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

PRINCIPI ISPIRATORI DEL PROCESSO DI COSTRUZIONE DI UN NUOVO SISTEMA DI GOVERNANCE DELLE POLITICHE FORMATIVE IN CALABRIA

PRINCIPI ISPIRATORI DEL PROCESSO DI COSTRUZIONE DI UN NUOVO SISTEMA DI GOVERNANCE DELLE POLITICHE FORMATIVE IN CALABRIA PRINCIPI ISPIRATORI DEL PROCESSO DI COSTRUZIONE DI UN NUOVO SISTEMA DI GOVERNANCE DELLE POLITICHE FORMATIVE IN CALABRIA,QWURGX]LRQH Il processo di sussidiarietà dalla Regione alle Province in materia di

Dettagli

RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE

RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE Sommario: 1. Ruolo economico del risparmio 2. La ricchezza delle famiglie 3. La propensione al risparmio 4. Invecchiamento della popolazione, sistemi pensionistici,

Dettagli

LA STRATEGIA GLOBALE DELL OECD PER INVESTIRE NELLE COMPETENZE SOPRATTUTTO DEI GIOVANI

LA STRATEGIA GLOBALE DELL OECD PER INVESTIRE NELLE COMPETENZE SOPRATTUTTO DEI GIOVANI NOTA ISRIL ON LINE N 40-2012 LA STRATEGIA GLOBALE DELL OECD PER INVESTIRE NELLE COMPETENZE SOPRATTUTTO DEI GIOVANI Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it

Dettagli

Domenico Mauriello Centro Studi Unioncamere. Roma, 10 aprile 2014

Domenico Mauriello Centro Studi Unioncamere. Roma, 10 aprile 2014 Domenico Mauriello Centro Studi Unioncamere Roma, 10 aprile 2014 Osservatorio nazionale distretti italiani RAPPORTO 2014 7,3 6,3 4,7 5,5 4,3 27,0 33,6 21,0 32,0 31,7 23,3 46,4 34,2 27,0 26,6 37,6 12,3

Dettagli

INNOVAZIONE E PARTECIPAZIONE IN AZIENDA: CAMBIAMENTI ORGANIZZATIVI E RELAZIONI INDUSTRIALI IN ALTO ADIGE

INNOVAZIONE E PARTECIPAZIONE IN AZIENDA: CAMBIAMENTI ORGANIZZATIVI E RELAZIONI INDUSTRIALI IN ALTO ADIGE NOTA ISRIL ON LINE N 19-2013 INNOVAZIONE E PARTECIPAZIONE IN AZIENDA: CAMBIAMENTI ORGANIZZATIVI E RELAZIONI INDUSTRIALI IN ALTO ADIGE Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it

Dettagli

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE Dott.ssa Francesca Picciaia Università di Perugia Facoltà di Economia LE FORME AGGREGATIVE NELLE IMPRESE TURISTICHE 2 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Globalizzazione

Dettagli

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1 Milano Sharing City Le sfide globali contemporanee possono, se ben gestite, determinare lo sviluppo di importanti processi di innovazione in grado di portare benessere e crescita economica diffusa. In

Dettagli

Le BCC (Casse Rurali) nascono in Italia circa 120 anni fa, come banche mutualistiche delle comunità locali PER

Le BCC (Casse Rurali) nascono in Italia circa 120 anni fa, come banche mutualistiche delle comunità locali PER Le BCC (Casse Rurali) nascono in Italia circa 120 anni fa, come banche mutualistiche delle comunità locali PER UNIRE PICCOLI RISPARMI E PICCOLI CREDITI BANCARE GLI IMBANCABILI COMBATTERE L USURA Costituzione

Dettagli

Le barriere all entrata

Le barriere all entrata Le barriere all entrata Derivano da: maggiori i costi minori ricavi della nuova entrante rispetto alle imprese già presenti nel settore Le nuove entranti devono considerare: Condizioni d ingresso: ostacoli

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli

Marketing globale e R & S

Marketing globale e R & S EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo sedici Marketing globale e R & S 16-3 Caso di apertura Kodak entrò in Russia agli inizi degli anni Novanta - Il paese stava attraversando una turbolenta transizione

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE

UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE Beirut, dicembre 2013 Il mercato libanese dell IT sta ancora procedendo a piccoli passi verso la piena realizzazione di una tecnologia

Dettagli

Osservatorio del mercato del lavoro di Milano. Un rilevatore dei segnali deboli

Osservatorio del mercato del lavoro di Milano. Un rilevatore dei segnali deboli Osservatorio del mercato del lavoro di Milano. Un rilevatore dei segnali deboli Centro Studi e Ricerche L&S Lavoro & Società Università degli Studi di Milano-Bicocca 24 marzo 2011 Il rilevatore dei segnali

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

PRIMO ROUND: SOSTENIBILITÀ DELL ATTUALE MODELLO DI INTERNAZIONALZZAZIONE DEL WELFARE E IMPATTO CHE ESSO PRODUCE SUL NOSTRO SISTEMA DI WELFARE

PRIMO ROUND: SOSTENIBILITÀ DELL ATTUALE MODELLO DI INTERNAZIONALZZAZIONE DEL WELFARE E IMPATTO CHE ESSO PRODUCE SUL NOSTRO SISTEMA DI WELFARE PRIMO ROUND: SOSTENIBILITÀ DELL ATTUALE MODELLO DI INTERNAZIONALZZAZIONE DEL WELFARE E IMPATTO CHE ESSO PRODUCE SUL NOSTRO SISTEMA DI WELFARE A) Andamento della domanda di lavoro straniero in differenti

Dettagli

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PER LA FAMIGLIA, LA NATALITÀ E LE POLITICHE GIOVANILI FESTIVAL DELLA FAMIGLIA La Famiglia come risorsa per la crisi economica Se cresce la Famiglia, cresce la Società

Dettagli

CONFERENZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ECONOMIA E DEL LAVORO PROF. ANTONIO MARZANO IL BREVE E IL LUNGO PERIODO: IL RUOLO DELLE RIFORME

CONFERENZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ECONOMIA E DEL LAVORO PROF. ANTONIO MARZANO IL BREVE E IL LUNGO PERIODO: IL RUOLO DELLE RIFORME CONFERENZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ECONOMIA E DEL LAVORO PROF. ANTONIO MARZANO IL BREVE E IL LUNGO PERIODO: IL RUOLO DELLE RIFORME SCUOLA DI PERFEZIONAMENTO PER LE FORZE DI POLIZIA

Dettagli

Problemi di definizione e di autonomia economica delle attività basate sui principi del prendersi cura *

Problemi di definizione e di autonomia economica delle attività basate sui principi del prendersi cura * Maurizio Ruzzene (Associazione Decrescita) Problemi di definizione e di autonomia economica delle attività basate sui principi del prendersi cura * *Testo tratto da Behond growth: Problematic Relationships

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

L integrazione commerciale europea e le nuove teorie sul commercio internazionale

L integrazione commerciale europea e le nuove teorie sul commercio internazionale ISTITUTO DI RICERCA SULL'IMPRESA E LO SVILUPPO Via Real Collegio, 30-10024 Moncalieri Italy. L integrazione commerciale europea e le nuove teorie sul commercio internazionale a cura di G.Vitali Appunti

Dettagli

Lezione 6. La microstruttura organizzativa. Il job design e la motivazione

Lezione 6. La microstruttura organizzativa. Il job design e la motivazione Lezione 6 La microstruttura organizzativa Il job design e la motivazione 1 Un modello di progettazione organizzativa d impresa Ambiente Cultura Obiettivi e strategia Macro Struttura 1. Formalizzazione

Dettagli

Marketing mix Prodotto

Marketing mix Prodotto Marketing mix Parlare di marketing mix per il settore pubblico è possibile soltanto prendendo i fattori che lo contraddistinguono ed adattarli al settore. Accanto ai tradizionali quattro fattori: prezzo,

Dettagli

Il sistema di welfare

Il sistema di welfare Il sistema di welfare (pp. 257-348 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale L onda lunga della comunicazione sulla salute Il boom dell informazione sanitaria

Dettagli

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini)

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market I LM sono una delle iniziative più importanti per la politica d innovazione e per la competitività dell Unione

Dettagli

Sociologia dell organizzazione Sociologia economica e dell organizzazione

Sociologia dell organizzazione Sociologia economica e dell organizzazione Corso di laurea SAM Corso di laurea ORU Sociologia dell organizzazione Sociologia economica e dell organizzazione Professor Lorenzo Bordogna Dipartimento di Studi del Lavoro e del Welfare Università degli

Dettagli

La piccola e media impresa

La piccola e media impresa Lezione 11 La piccola e media impresa Censimento industriale 1991 In Italia piccola impresa (

Dettagli

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS TOYOTA Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS 1 1. ANALISI DEL SETTORE 2. TOYOTA 3. LANCIO AYGO 4. CONCLUSIONI 2 INDUSTRIA Più IMPORTANTE PER FATTURATO La rilevanza del settore si

Dettagli

Utopie e pratiche nella produzione 3. Il postfordismo

Utopie e pratiche nella produzione 3. Il postfordismo Utopie e pratiche nella produzione 3. Il postfordismo Premessa La letteratura sul postfordismo, soprattutto quella di fonte imprenditoriale, è assai ricca di neologismi dall apparenza scientifico-tecnica:

Dettagli

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche?

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? Sintesi dei risultati Premessa L internazionalizzazione del sistema produttivo italiano costituisce uno degli obiettivi

Dettagli

IL CREDITO COOPERATIVO DI FRONTE ALLE SFIDE DELLA CRISI SILVIO GOGLIO 1

IL CREDITO COOPERATIVO DI FRONTE ALLE SFIDE DELLA CRISI SILVIO GOGLIO 1 IL CREDITO COOPERATIVO DI FRONTE ALLE SFIDE DELLA CRISI TRENTO 17 GIUGNO 2009 SILVIO GOGLIO 1 1. Il nuovo contesto bancario. Il sistema finanziario europeo ed italiano ha subito profondi cambiamenti negli

Dettagli

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese j l k l d o ^ c f b S o c i e t à Laura Broccardo Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese Pianificazione e controllo nelle PMI Costruzione del budget Reporting Aziende che operano

Dettagli

Le PMI oltre la crisi: le sfide e le risposte

Le PMI oltre la crisi: le sfide e le risposte Le PMI oltre la crisi: le sfide e le risposte Fernando G. Alberti Professore Associato di Strategie Imprenditoriali, LIUC - Università Cattaneo Affiliate Faculty of Microeconomics of Competitiveness, Harvard

Dettagli

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE IL CONCETTO DI QUALITA

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE IL CONCETTO DI QUALITA GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE a.a. 2012-2013 1 IL CONCETTO DI QUALITA QUALITA OGGETTIVA è un concetto strettamente correlato al prodotto e si configura come l insieme di attributi fisici e tecnicofunzionali

Dettagli

Economia e Gestione delle Imprese

Economia e Gestione delle Imprese Economia e Gestione delle Imprese Esplicazione e Slide Marco D Epifano Liberamente tratto da Economia e gestione delle imprese, McGraw-Hill, Fontana Caroli. L acquisto del lavoro è subordinato a quello

Dettagli

CAPITOLO IX L Ingresso sui mercati esteri e la produzione internazionale

CAPITOLO IX L Ingresso sui mercati esteri e la produzione internazionale CAPITOLO IX L Ingresso sui mercati esteri e la produzione internazionale Valutare le differenti forme di ingresso sui mercati esteri, individuando le diverse motivazioni dietro ciascuna di esse Capitolo

Dettagli

APPUNTI E-SKILLS DIFFUSIONE, APPRENDIMENTO, FABBISOGNI LE NUOVE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE COME VOLANO DI SVILUPPO

APPUNTI E-SKILLS DIFFUSIONE, APPRENDIMENTO, FABBISOGNI LE NUOVE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE COME VOLANO DI SVILUPPO 16 a p r i l e. 2012 E-SKILLS DIFFUSIONE, APPRENDIMENTO, FABBISOGNI Le ICT hanno un ruolo crescente nelle imprese e il possesso di competenze digitali sarà sempre più indispensabile per avere maggiori

Dettagli

PROF. GIANFRANCO VIESTI (UNIVERSITY OF BARI - ITALY) g.viesti@scienzepolitiche.uniba.it IN ITALY. (Hanoi, UNIDO, 2010)

PROF. GIANFRANCO VIESTI (UNIVERSITY OF BARI - ITALY) g.viesti@scienzepolitiche.uniba.it IN ITALY. (Hanoi, UNIDO, 2010) PROF. GIANFRANCO VIESTI (UNIVERSITY OF BARI - ITALY) g.viesti@scienzepolitiche.uniba.it CLUSTER DEVELOPMENT POLICIES IN ITALY (Hanoi, UNIDO, 2010) PARTE 1: CHE COSA SONO I CLUSTER? Una concentrazione spaziale

Dettagli

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010 Assessorato politiche inerenti lo sviluppo sostenibile, l industria, l artigianato, l innovazione produttiva, l università, la scuola, l istruzione, la formazione professionale, coordinamento politiche

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital AUDIZIONE SUL DECRETO LEGGE 18 OTTOBRE 2012, N. 179 Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese 10ª Commissione Industria, commercio, turismo Senato della Repubblica Roma, 30 ottobre 2012 AUDIZIONE

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli