La crisi del fordismo e i modelli produttivi flessibili. GIORGIO MORGANTI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La crisi del fordismo e i modelli produttivi flessibili. GIORGIO MORGANTI morganti.giorgio@alice.it"

Transcript

1 La crisi del fordismo e i modelli produttivi flessibili GIORGIO MORGANTI

2 La crisi del fordismo e i modelli produttivi flessibili Con la political economy comparata si manifesta una ripresa di interesse e di impegno della sociologia economica a livello macroeconomico, stimolata dalle difficoltà e dalle trasformazioni dello stato sociale keynesiano. Contemporaneamente, però, prende forma una problematica teorica e di ricerca che si colloca più a livello microeconomico e si misura con i cambiamenti, non meno rilevanti, nell organizzazione delle imprese e dei processi produttivi. È quanto esamineremo in questo capitolo, partendo dalla crisi del modello «fordista»,e dallo sviluppo delle nuove forme produttive «flessibili».

3 CRISI E TRASFORMAZIONE DEL MODELLO FORDISTA Nel corso del 900 si è affermato un modello di organizzazione economica, spesso definito «fordista», o «fordista taylorista», che ha raggiunto l apice soprattutto nel ventennio successivo alla seconda guerra mondiale. Tale modello si basa su grandi imprese le cui caratteristiche principali si possono cosi sintetizzare: Le IMPRESE SONO INTEGRATE VERTICALMENTE (cioè includono al loro interno diverse fasi produttive che prima erano svolte da aziende distinte), sia a valle anche al momento della distribuzione, sia a monte, nel controllo delle materie prime necessarie alla produzione (in molti casi l integrazione a monte si estende anche ai servizi di ricerca e sviluppo). Ciò fa sì che cresca anche la dimensione complessiva delle imprese;

4 CRISI E TRASFORMAZIONE DEL MODELLO FORDISTA Le IMPRESE SONO IMPEGNATE NELLA PRODUZIONE DI MASSA, cioè nella produzione di beni standardizzati prodotti in grande quantità con macchine specializzate, con minori costi grazie alle economie di scala ed alle nuove tecnologie; La PRODUZIONE È REALIZZATA CON MANODOPERA SCARSAMENTE QUALIFICATA e con un ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO «TAYLORISTICA», cioè fortemente parcellizzata. Il lavoro è diviso in compiti semplici e ripetitivi che limitano l autonomia degli operai. La separazione tra concezione-progettazione dei prodotti ed esecuzione è netta e rigida, e l impresa funziona come una grande organizzazione burocratica basata sul controllo gerarchico. Ruolo del management è coordinare, integrare e controllare il complesso delle attività produttive. Vi è quindi una separazione tra la proprietà dell impresa e gestione delle attività, che è invece affidata a dirigenti specializzati.

5 CRISI E TRASFORMAZIONE DEL MODELLO FORDISTA Non bisogna però immaginare che il modello si affermi uniformemente in tutti i settori produttivi e che si diffonda con la stessa intensità e con gli stessi tempi in tutti i paesi industrializzati. Non è sempre possibile introdurre in tutti i settori produttivi il modello della grande impresa e della produzione di massa: l impiego delle tecnologie necessarie è, infatti, molto costoso e richiede investimenti in macchinari che possono produrre solo determinati prodotti, che danno remunerazione solo se c è un mercato che li assorbe. Ci sono diversi tipi di produzioni (beni non standardizzati o di elevata qualità, macchine speciali) a domanda limitata o estremamente variabile (leggasi: moda) in cui ciò non è possibile, per cui c è uno spazio anche per imprese più piccole, a gestione tradizionale.

6 CRISI E TRASFORMAZIONE DEL MODELLO FORDISTA A ciò è collegato il fenomeno delle subforniture, per cui aziende grandi commercializzano beni in realtà prodotti da imprese minori, attraverso le quali coprono fasce di domanda più instabili, dovute a variazioni cicliche o risparmiano sul costo del lavoro in fasi del processo produttivo più semplici e a elevato impiego di manodopera;

7 CRISI E TRASFORMAZIONE DEL MODELLO FORDISTA Un secondo aspetto da considerare è costituito dai TEMPI DI DIFFUSIONE DEL FORDISMO e il suo RADICAMENTO NEI DIVERSI CONTESTI NAZIONALI, che variano sensibilmente per fattori di natura istituzionale (grado di chiusura dell economia nazionale, differenziazione dei gusti e degli stili di vita legato a sua volta al tipo di stratificazione sociale ed alla cultura nazionale).

8 CRISI E TRASFORMAZIONE DEL MODELLO FORDISTA Non è un caso che il fordismo sia nato in America e si sia radicato più rapidamente in quel contesto, caratterizzato da elevato tasso di immigrazione, carenza di manodopera specializzata, alto livello di infrastrutture di comunicazione (ferrovie). Ciò rendeva le imprese particolarmente favorevoli all introduzione di metodi di produzione come quelli fordisti tayloristi, che consentivano il rapido impiego di manodopera immigrata a bassa qualificazione, con sensibili risparmi di costo.

9 CRISI E TRASFORMAZIONE DEL MODELLO FORDISTA Per l assenza o carenza di questi fattori, il fordismo arriverà più tardi e in forme più limitate in EUROPA, dove persisteranno maggiormente forme di produzione legate a imprese di piccole dimensioni, spesso concentrate territorialmente e tra loro integrate nei c.d. «distretti industriali» Marshalliani. Il fordismo si estese in tempi e gradi diversi fuori dagli Stati Uniti, ma le sue caratteristiche furono segnate dalle esperienze nazionali, (tipologia della proprietà e della gestione delle imprese, rapporti con la finanza, organizzazione interna delle imprese e del lavoro, rapporti con lo stato ).

10 CRISI E TRASFORMAZIONE DEL MODELLO FORDISTA Fordismo a livello micro e stato sociale keynesiano a livello macro sono comunque strettamente legati. È proprio tenendo conto di tale integrazione che si possono meglio cogliere i fattori di crisi del modello fordista a partire dagli anni 70: SATURAZIONE DEL MERCATO DEI BENI DI MASSA; ACCRESCIUTA CONCORRENZA DEI PAESI DI NUOVA INDUSTRIALIZZAZIONE, con più basso costo del lavoro nelle produzioni più semplici e di minore qualità; IMPENNATA DEI PREZZI DEL PETROLIO E DELLE MATERIE PRIME; FINE DEL REGIME DI CAMBI FISSI (e conseguente maggiore instabilità sul mercato internazionale); ESPLOSIONE DELLA CONFLITTUALITÀ INDUSTRIALE NEI PRIMI ANNI 70.

11 CRISI E TRASFORMAZIONE DEL MODELLO FORDISTA La crisi del modello fordista si manifesta diversamente nei vari paesi, a seconda delle capacità del contesto istituzionale di frenare il conflitto industriale e di mantenere una politica di regolazione della domanda tale da garantire condizioni di maggiore stabilità (in ogni caso, anche in contesti di tipo neocorporativo le tendenze di trasformazione del fordismo non sono state frenate).

12 CRISI E TRASFORMAZIONE DEL MODELLO FORDISTA Oltre a quelli elencati, altri motivi che hanno mandato via via in crisi questo modello sono legati alla maggiore domanda di beni di maggiore qualità nei paesi ricchi, vuoi per l aumento dei redditi, vuoi per il formarsi di nuovi gruppi sociali istruiti che sviluppano nuovi stili di vita e modelli di consumo. Ciò contrae ulteriormente lo spazio per il mercato dei beni di massa tradizionali (la domanda è sempre più sostitutiva che aggiuntiva). Un secondo elemento favorisce e incentiva il tentativo di spostarsi verso una produzione più diversificata e di qualità è dato dall introduzione dele NUOVE TECNOLOGIE ELETTRONICHE (calcolatori, macchine a controllo numerico) che permettono di programmare il macchinario in modo da poterlo utilizzare per compiti e prodotti diversi. Ciò consente un sensibile abbassamento dei costi della produzione flessibile, per cui diventa possibile produrre beni non standardizzati di elevata qualità, in serie limitate, a costi più bassi.

13 CRISI E TRASFORMAZIONE DEL MODELLO FORDISTA In tal modo è possibile vendere beni di elevata qualità, prodotti in quantità limitate e soggetti a rapido cambiamento, per i quali i consumatori sono disponibili a pagare prezzi più elevati, sfuggendo anche alla concorrenza dei paesi a più basso costo del lavoro in produzioni di massa, più semplici e di bassa qualità. Naturalmente, questo non vuoi dire che la produzione di massa e il modello fordista siano abbandonati dalle imprese dei paesi più sviluppati. Da questo punto di vista sono da prendere in considerazione due tendenze che possono variamente combinarsi tra loro;1- l uso delle nuove tecnologie per riadattare il modello fordista e 2- la spinta alla multinazionalizzazione (per cui le grandi imprese della produzione di massa, investendo direttamente all estero e specie nei paesi in via di sviluppo, cercano di ritrovare le condizioni di vantaggio prima presenti nei paesi più avanzati: un mercato in crescita e condizioni di più basso costo del lavoro).

14 CRISI E TRASFORMAZIONE DEL MODELLO FORDISTA In conclusione, possiamo dunque rilevare che, specie a partire dagli anni 70, si è assistito a un processo di diversificazione e pluralizzazione dei modelli produttivi. Su questo fenomeno influisce in misura significativa il contesto istituzionale nel quale le imprese operano: per comprendere i motivi per cui alcuni paesi o alcune regioni si sono riadattati più rapidamente e più efficacemente non basta dunque guardare al livello macroeconomico e al ruolo dello stato, ma occorre prendere in considerazione l interazione tra imprese e ambiente sociale nel quale sono inserite. Ed è proprio su questo terreno che si sviluppa una ripresa della sociologia economica anche a livello micro, che analizza in particolare i rapporti tra contesto istituzionale e nuovi modelli produttivi flessibili.

15 MODELLI PRODUTTIVI FLESSIBILI E CONTESTO ISTITUZIONALE I primi ad affrontare in maniera organica il modello della specializzazione flessibile, in contrapposizione a quello fordista della produzione di massa sono stati Piore e Sabel, nel Alla produzione di beni standardizzati di massa, fatta con macchine specializzate e manodopera semi-qualificata, viene contrapposta la SPECIALIZZAZIONE FLESSIBILE, caratterizzata dalla produzione di beni non standardizzati con macchine utilizzabili per modelli diversi, realizzati con manodopera più qualificata. L accento è posto in particolare sulle nuove tecnologie elettroniche che riducono, come abbiamo già notato, il costo della produzione flessibile e diversificata. La specializzazione flessibile coinvolge anche le grandi imprese in trasformazione, specie in paesi come la Germania e il Giappone, anche se le maggiori possibilità che questo processo apre sono per le imprese più piccole.

16 MODELLI PRODUTTIVI FLESSIBILI E CONTESTO ISTITUZIONALE Si possono individuare tre aspetti che gli studi successivi, contribuiranno a mettere meglio a fuoco: 1. Il primo riguarda la possibile persistenza della produzione di massa nei termini prima ricordati del neofordismo; 2. Il secondo aspetto si riferisce alle forme di specializzazione flessibile praticate dalle grandi imprese, oltre che dalle piccole, con la loro trasformazione interna e la maggiore apertura a rapporti di collaborazione con imprese esterne; 3. Il terzo, infine, ha a che fare con l analisi più approfondita e dettagliata dei fattori istituzionali che consentono le forme di cooperazione tra management e lavoratori e quelle tra le imprese, necessarie per l emergenza e il funzionamento dei modelli flessibili a elevata capacità innovativa, buone condizioni di lavoro

17 PICCOLE IMPRESE E DISTRETTI INDUSTRIALI II fenomeno dei distretti di piccole e medie imprese, concentrati in alcune regioni, è stato riscontrato in diversi paesi. In qualche caso si trattava di aree già caratterizzate da strutture produttive di questo tipo, che vengono però coinvolte in una fase di forte dinamismo, in altri emergono invece delle nuove concentrazioni di aziende e specializzazioni produttive. Indipendentemente dal settore («tradizionale» o «moderno»), perché si parli di distretti industriali devono esserci due requisiti essenziali: È necessario che il processo produttivo sia divisibile in fasi diverse, tecnicamente separabili, in modo da consentire la specializzazione delle piccole imprese per fasi o componenti; Si tratta di produzioni soggette a elevata variabilità quantitativa e qualitativa della domanda, che richiede forme di organizzazione flessibile, Particolare interesse ha suscitato il fenomeno in Italia, data la sua diffusione, anche se tendenze simili sono state segnalate anche in alcune regioni tedesche (es. Baden-Württemberg), in Svezia, in alcune zone del Giappone, della Francia, della Spagna, o anche in aree degli Stati Uniti (es. Silicon Valley in California).

18 I DISTRETTI INDUSTRIALI IN ITALIA Nel corso degli anni 70 si nota una forte crescita delle piccole imprese, particolarmente concentrata nelle regioni del centro e del nordest. Quest area verrà definita come Terza Italia, per distinguerla dal nordovest, cioè dalle zone della prima industrializzazione e delle grandi imprese, e dal sud dove il processo di industrializzazione era rimasto fortemente limitato. Queste piccole imprese presentano la particolarità di essere concentrate in sistemi locali di uno o più comuni vicini (e popolazione generalmente < 100 mila ab.). In questi sistemi locali vi è un mercato del lavoro integrato, e un certo grado di specializzazione settoriale. Quando la specializzazione settoriale e l integrazione tra le piccole imprese sono molto elevate e danno luogo a una divisione specialistica del lavoro, si formano i «DISTRETTI INDUSTRIALI».

19 I DISTRETTI INDUSTRIALI IN ITALIA In un distretto sono dunque localizzate molte imprese di piccola dimensione, ciascuna delle quali si specializza in una particolare fase o nella produzione di una particolare componente del processo produttivo. Solo un numero ridotto di aziende ha però rapporti diretti con il mercato finale, e sono quelle che ricevono gli ordini, decidono la quantità e la qualità dei beni da produrre e ne affidano la realizzazione concreta ai produttori di fase, coordinando l intero processo.

20 I DISTRETTI INDUSTRIALI IN ITALIA L indagine sui distretti ha contribuito, in particolare, a evidenziarne due aspetti peculiari: 1. La capacità di rispondere in modo flessibile ai cambiamenti del mercato si basa non solo sull uso delle nuove tecnologie da parte delle singole aziende, ma soprattutto sui rapporti di cooperazione; 2. La capacità di innovare e migliorare la qualità dei beni prodotti è sostenuta dall esistenza di economie esterne alle singole aziende ma interne all area in cui esse sono localizzate: manodopera e collaboratori specializzati, servizi e infrastrutture, ma anche fattori immateriali che influiscono sulla produttività e che Marshall chiama «atmosfera industriale», che si caratterizza per la circolazione e diffusione rapida di conoscenze e informazioni.

21 I DISTRETTI INDUSTRIALI IN ITALIA Un aspetto importante di questo fenomeno è proprio quello costituito dalla DISPONIBILITÀ DI RISORSE COGNITIVE che si formano nel tempo e portano a «conoscenze tacite» o a un «sapere contestuale», cioè a un saper fare diffuso, a un linguaggio condiviso che consente di adattare agli specifici problemi produttivi il «sapere codificato» delle conoscenze scientifico-tecniche. Accanto a queste componenti cognitive, ve ne sono altre di tipo normativo, quali la COOPERAZIONE all interno delle aziende, e tra le diverse imprese.

22 I DISTRETTI INDUSTRIALI IN ITALIA Quanto alle origini, tre fattori istituzionali sono cruciali per lo sviluppo dell economia diffusa e dei distretti: 1) Una RETE DI PICCOLI E MEDI CENTRI nei quali vi erano tradizioni artigianali e commerciali diffuse, dalle quali sono venute in larga misura le risorse di imprenditorialità per le piccole imprese (in molti casi è stato importante il ruolo di buone scuole tecniche locali); 2) Esistenza di RAPPORTI DI PRODUZIONE IN AGRICOLTURA prima dell industrializzazione (mezzadria e piccola proprietà contadina), che ha sostenuto la formazione originaria di un offerta di lavoro flessibile, a costi ridotti, e con conoscenze e motivazioni congruenti con lo sviluppo di piccola impresa; 3) Forte presenza nelle aree in questione di TRADIZIONI E ISTITUZIONI POLITICHE LOCALI legate al movimento cattolico e a quello socialista e comunista, che hanno anzitutto contribuito a rafforzare un tessuto fiduciario molto importante per lo sviluppo di piccola impresa e, in secondo luogo, hanno influenzato le relazioni industriali e l attività dei governi locali. Il modello di relazioni industriali ha cosi assunto un carattere cooperativo e localistico.

23 I DISTRETTI INDUSTRIALI IN ITALIA

24 I DISTRETTI INDUSTRIALI IN ITALIA Gli ENTI LOCALI, a loro volta, hanno garantito quei servizi sociali che hanno favorito la flessibilità del lavoro, e hanno spesso fornito alcuni servizi e infrastrutture essenziali per lo sviluppo. Questo quadro culturale e istituzionale è importante anche per comprenderne la logica di funzionamento. Anzitutto, è evidente che la produzione richiede un elevato grado di cooperazione tra le imprese e tra imprenditori e lavoratori all interno delle unità produttive. Per quel che riguarda per esempio la subfornitura, esiste certo un elevata concorrenzialità all interno delle singole fasi produttive, ma questa è mitigata da meccanismi di cooperazione per cui il committente o il subfornitore non massimizzano l utilità a breve termine. Ciò consente vantaggi reciproci a medio e lungo termine. Queste forme di cooperazione, che integrano i meccanismi concorrenziali, si fondano quindi su un tessuto fiduciario sostenuto dagli elementi culturali e istituzionali prima ricordati.

25 I DISTRETTI INDUSTRIALI IN ITALIA Forme di cooperazione sono presenti anche nel mercato del lavoro: la produzione dei distretti richiede, infatti, un elevata flessibilità interna, in termini di orari e straordinari, ma anche di disponibilità a svolgere compiti diversi e a contribuire alla qualità della produzione, o un elevata mobilità del lavoro tra le imprese. Col tempo, è cresciuta anche una specifica forma di regolazione politica del mercato del lavoro, per cui sia le relazioni industriali che l azione dei governi locali hanno favorito l accettazione sociale del modello di sviluppo attraverso meccanismi di redistribuzione del reddito prodotto, che si affiancano a quelli di reciprocità, legati alla famiglia e alle reti parentali. In questo senso la COSTRUZIONE SOCIALE DEL MERCATO è un aspetto cruciale del successo dei distretti nella specializzazione flessibile.

26 DISTRETTI E ISTITUZIONI I principali tratti comuni ricavabili dalle ricerche sui vari paesi hanno evidenziato che i distretti industriali orientati alla produzione flessibile sono legati a specifiche risorse cognitive e normative. In particolare si possono sottolineare gli aspetti seguenti. Per quel che riguarda gli ASPETTI COGNITIVI, vi sono due ordini di fattori che influiscono sulle conoscenze e sulla formazione dell imprenditorialità: Importanti tradizioni artigianali precedenti, alimentate anche da buone scuole tecniche e da altre istituzioni formative; Vicinanza di istituzioni di ricerca pubbliche o private (legate anche a grandi imprese) e in particolare dalla presenza di importanti università che sviluppano intensi scambi con le imprese.

27 DISTRETTI E ISTITUZIONI Una CAPACITÀ DI COOPERAZIONE E LA DISPONIBILITÀ DI UN TESSUTO FIDUCIARIO, in genere influenzate da identità locali distinte (politiche o di tipo etnico) che si riproducono nel tempo; IMPORTANZA DELLE RISORSE COGNITIVE e normative non solo per lo sviluppo di tipo distrettuale, ma anche per la sua riproduzione nel tempo; Un ELEVATA CAPACITÀ DI COOPERAZIONE E ANCHE UN COINVOLGIMENTO CRESCENTE per migliorare la qualità da parte dei lavoratori, che dà loro forti motivazioni a mettersi in proprio o, in alternativa, un elevata flessibilità più contrattata e compensata. Possiamo dunque concludere che il successo nell adattamento dei distretti industriali alle sfide esterne deriva principalmente dalla capacità degli attori locali di continuare a interagire efficacemente per trovare nuove soluzioni, per produrre nuovi beni collettivi da cui dipende il benessere della società locale.

28 LA TRASFORMAZIONE DELLE GRANDI IMPRESE Come i distretti industriali, anche le grandi imprese, hanno cominciato a trasformarsi sperimentando modelli di produzione flessibile. Sebbene questo processo non si diffonda ovunque e con le stesse caratteristiche, è possibile identificare alcuni tratti idealtipici del nuovo modello. Il PUNTO DI PARTENZA è costituito dalla crescente instabilità e frammentazione dei mercati: mancando la prevedibilità che era un requisito essenziale del modello fordista, l investimento in macchinari specializzati diventa rischioso per i rapidi cambiamenti della domanda e l obsolescenza dei prodotti; si comincia dunque a sperimentare una riorganizzazione per offrire più prodotti e per modificarli rapidamente in funzione di ciò che verrà domandato dal mercato.

29 LA TRASFORMAZIONE DELLE GRANDI IMPRESE Per le grandi imprese che vogliono sopravvivere si fa strada la necessità di RIDURRE LA SEPARAZIONE TRA CONCEZIONE ED ESECUZIONE DEI PRODOTTI (tipica del fordismo), che rende la produzione di nuovi beni lenta, elaborata, e rigida. Si sperimentano così forme di decentramento dell autorità, con unità operative più vicine agli stimoli del mercato ed in grado di operare rapidamente, e strutture centrali (più snelle) lasciate alle sole decisioni strategiche. Dal punto di vista finanziario, la grande impresa, spesso multinazionale, si trasforma in una holding che controlla altre società specializzate nei diversi prodotti; CAMBIA L ORGANIZZAZIONE INTERNA, e in particolare quella DEL LAVORO, e rimettendo in discussione i modelli tayloristi. La possibilità di produrre beni differenziati in serie brevi, con aggiustamenti continui rispetto alla domanda, porta alla necessità di eliminare risorse ridondanti. Si cerca dunque di ridurre gli scarti, i tempi morti e l accumulo di scorte, sincronizzando il più possibile la produzione alla domanda proveniente dal mercato. Ciò richiede, al contrario di quella fordista-taylorista, una più attiva collaborazione e un maggior coinvolgimento della manodopera, che, per poter impiegare macchinari meno specializzati e polivalenti, devono essere più qualificati ed in grado di svolgere mansioni diverse, anche lavorando in gruppi che si compongono e scompongono a seconda delle esigenze produttive;

30 LA TRASFORMAZIONE DELLE GRANDI IMPRESE La grande impresa SI APRE ANCHE MAGGIORMENTE ALL ESTERNO, potenziando la collaborazione con subfornitori (spesso localizzati in aree di specializzazione produttiva) per la produzione di parti complementari, e concentrandosi più sullo sviluppo di alcune tecnologie chiave, sul design e sull assemblaggio complessivo del prodotto finale. Per rendere poi più efficace il ruolo dei subfornitori, si tende a evitare che essi lavorino solo per la sola impresa madre, incoraggiandoli ad andare sul mercato (lavorando per più committenti, la loro capacità di apprendimento aumenta); Come per i distretti, PARTICOLARE RILIEVO ASSUME IL CONTESTO ISTITUZIONALE (sottoforma di fattori cognitivi e normativi), che influisce sulla possibilità delle grandi aziende di adattarsi rapidamente ai modelli produttivi

31 LA TRASFORMAZIONE DELLE GRANDI IMPRESE Vengono introdotte REGOLE ISTITUZIONALIZZATE CHE INCENTIVANO NEI LAVORATORI UN COMPORTAMENTO COOPERATIVO, per cui il potenziamento delle capacità di apprendimento avviene attraverso una più intensa e più efficace cooperazione tra le varie strutture e i vari soggetti che lavorano nell ambito dell impresa. A sostegno della cooperazione, si promuove l impiego a vita nelle grandi imprese (come in Giappone) o si tengono relazioni industriali con sindacati a livello cooperativo e concertativo; per lo stesso motivo vengono fatti investimenti in formazione professionale per più rapide ed efficaci forme di adattamento a nuove produzioni; Un altro aspetto importante della strategia di potenziamento delle risorse cognitive per l innovazione è costituito dall APERTURA MAGGIORE ALLE COLLABORAZIONI ESTERNE, per cui le grandi imprese sono spinte a cercare contatti con reti di subfornitori specializzati, che sono di solito di piccole dimensioni, e sono localizzati in aree di specializzazione produttiva, o in veri e propri distretti, dove fruiscono di ampie economie esterne.

32 LA TRASFORMAZIONE DELLE GRANDI IMPRESE Nella sperimentazione di modelli flessibili c è quindi una certa convergenza tra la variante basata sui distretti e quella centrata sulle grandi imprese. Si allentano insomma i confini tra grandi e piccole imprese. Occorre però tenere presente che il fondamento del nuovo modello flessibile non è solo tecnologico, ma organizzativo. Sia per le grandi come per le piccole imprese, si sviluppa infatti un MODELLO ORGANIZZATIVO A RETE, fondato su un estesa collaborazione tra aziende, che rompe la chiusura e l integrazione verticale del modello fordista. In questo senso, i distretti possono essere visti come reti di piccole e medie imprese che tendono a formalizzarsi maggiormente nel tempo, mentre la grande azienda si trasforma in impresa rete.

33 LA TRASFORMAZIONE DELLE GRANDI IMPRESE

34 LA TRASFORMAZIONE DELLE GRANDI IMPRESE Le reti funzionano come «SISTEMI DI APPRENDIMENTO», cioè come insiemi di relazioni formali e informali che potenziano le capacità di rapido aggiustamento rispetto al mercato: non è più l impresa a decidere i propri obiettivi produttivi e a imporli al mercato, ma è quest ultimo, diventato frammentato e instabile, che impone processi di aggiustamento più rapidi e costosi. Le reti permettono di potenziare la velocità di aggiustamento e le capacità di apprendimento, e insieme di ridurre i costi dei nuovi prodotti, distribuendoli su un più ampio ventaglio di soggetti (e abbassando quindi i rischi). Le reti si possono costruire e possono funzionare più facilmente in questi contesti nei quali vi è un tessuto fiduciario che facilita la cooperazione, e dove vi sono istituzioni che possono generarlo e riprodurlo. Per questo motivo la cooperazione rende le imprese grandi e piccole che vogliono perseguire modelli flessibili più dipendenti dall ambiente sociale nel quale sono inserite (il modello fordista, al contrario, potenziava al massimo l autonomia dell impresa dall ambiente esterno).

35 L ECONOMIA INFORMALE L economia informale, in prima approssimazione essa può essere considerata come l insieme di attività di produzione e distribuzione di beni e servizi che sfuggono in tutto o in parte alla contabilità nazionale; in altre parole, l economia informale si identifica con quella invisibile o poco visibile. Questa definizione generale include però una serie di fenomeni molto diversi tra loro, che possono andare dalla produzione familiare per autoconsumo, alla produzione industriale realizzata con lavoro non registrato, all economia criminale dei traffici di droga. In questo senso, una definizione più specifica dell economia informale, che permette di distinguere meglio le diverse componenti, si può basare su tre dimensioni: le modalità di produzione di beni e servizi, che possono essere legali o meno; il tipo di beni e servizi prodotti, che possono anch essi essere leciti o meno; e infine l orientamento al mercato della produzione.

36 L ECONOMIA INFORMALE Se l economia formale è allora costituita dalla produzione destinata al mercato di beni e servizi leciti, realizzata secondo modalità che non violano la legge, l economia informale è caratterizzata dalla mancanza di uno o più di tali requisiti. In particolare, possiamo definire: ECONOMIA CRIMINALE la componente informale legata alla produzione illecita di beni e servizi (anch essi illegali); ECONOMIA NASCOSTA (o sommersa) quella che produce beni e servizi leciti, ma con modalità che violano in tutto o in parte la legge (es. con lavoro non registrato, evasione fiscale, ecc.); ECONOMIA DOMESTICA (o comunitaria) quella orientata alla produzione legale di beni e servizi leciti, orientata non al mercato ma all autoconsumo familiare, o al consumo di un gruppo sociale, o di una comunità;

37 L ECONOMIA INFORMALE METODI DI PRODUZIONE PRODOTTI ORIENTAMENTO AL MERCATO ECONOMIA FORMALE Legali Legali Si ECONOMIA INFORMALE: nascosta criminale domestica-comunitaria Illegali Legali Si Illegali Illegali Si Legali Legali No Tab Economia formale e informale

38 L ECONOMIA INFORMALE I confini tra la sfera formale e quella informale dell economia sono molto fluidi e variabili: perché la distinzione regga, è necessario che ci sia un economia formale definita da regole giuridiche precise e applicate, che delimitano e organizzano le attività economiche per il mercato (in molti paesi del Terzo Mondo o in regioni arretrate, dove manca questo requisito, risulta difficile distinguere tra le due sfere). Singole componenti dell economia informale possono poi intrattenere relazioni tra loro e/o con pezzi dell economia formale

39 L ECONOMIA INFORMALE A partire dalla seconda metà degli anni 70 l economia informale (in particolar modo quella domestica e quella nascosta), ha cominciato a diffondersi in maniera rilevante nelle regioni e nei paesi meno sviluppati, passando da indicatore di arretratezza e isolamento, ad opportunità di inserimento nei nuovi spazi aperti nella divisione internazionale del lavoro. È però la presenza del fenomeno nelle aree più sviluppate a suscitare l interesse della ricerca. Per la diffusione ed il funzionamento dell economia informale in queste zone, (come nelle aree meno sviluppate), ricopre particolare importanza il ruolo di specifici fattori culturali e istituzionali.

40 L ECONOMIA INFORMALE Non ci sono informazioni e misurazioni precise sull andamento dell economia informale negli ultimi decenni, anche se sembra che il progressivo spostamento di attività informali verso la sfera dell economia formale, verificatosi fino agli anni 70 abbia subito un inversione di tendenza, collegata sia alle difficoltà del fordismo e della produzione di massa che alle difficoltà dei sistemi di protezione sociale pubblici.

41 L ECONOMIA INFORMALE Relativamente al primo aspetto (DIFFICOLTÀ DEL FORDISMO e DELLA PRODUZIONE DI MASSA), l ipotesi è che i problemi e le trasformazioni della produzione di massa alimentino l economia informale: Direttamente per le difficoltà occupazionali legate alle recenti spinte verso la deregolazione dei rapporti di lavoro; Indirettamente, per la tendenza delle aziende a delocalizzare a settori di economia informale fasi o componenti della produzione (per renderla più flessibile a costi più bassi), favorite in questo dal miglioramento delle tecnologie di comunicazione e di trasporto. Oltre che per il diffondersi del fenomeno del doppio lavoro.

Le piccole ci à. Sociologia dello sviluppo economico locale A.A. 2012/2013 Relazione di Valentina Barbaglia Marta Gallina

Le piccole ci à. Sociologia dello sviluppo economico locale A.A. 2012/2013 Relazione di Valentina Barbaglia Marta Gallina Le piccole ci à Sociologia dello sviluppo economico locale A.A. 2012/2013 Relazione di Valentina Barbaglia Marta Gallina L ogge o di studio Ø Sistemi economici caratterizzati da attività ad alta tecnologia

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

Fordismo e crisi del fordismo. Le analisi della nuova sociologia economica a livello micro

Fordismo e crisi del fordismo. Le analisi della nuova sociologia economica a livello micro Fordismo e crisi del fordismo Le analisi della nuova sociologia economica a livello micro Trasformazioni del lavoro industriale Artigiano = imprenditore che conduce la sua impresa prevalentemente con il

Dettagli

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE Dott.ssa Francesca Picciaia Università di Perugia Facoltà di Economia LE FORME AGGREGATIVE NELLE IMPRESE TURISTICHE 2 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Globalizzazione

Dettagli

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA Parte III : R&S nella piccola e media impresa Angelo Bonomi PICCOLE E MEDIE IMPRESE E R&S Esistono varie definizioni di piccole e

Dettagli

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini)

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market I LM sono una delle iniziative più importanti per la politica d innovazione e per la competitività dell Unione

Dettagli

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 12 La strategia di espansione globale Caso di apertura 12-3 La Wal-Mart si è rivolta verso altri paesi per tre ragioni - Le opportunità di crescita interna stavano

Dettagli

CAP 2 Le fonti dell innovazione. Gestione dell innovazione

CAP 2 Le fonti dell innovazione. Gestione dell innovazione CAP 2 Le fonti dell innovazione Gestione dell innovazione 1 La creatività L innovazione può scaturire da molte fonti diverse: Mente degli individui Ricerca universitaria, EPR, incubatori di imprese, fondazioni

Dettagli

Convegno "LE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE IN ITALIA: ANALISI E PROSPETTIVE"

Convegno LE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE IN ITALIA: ANALISI E PROSPETTIVE Convegno "LE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE IN ITALIA: ANALISI E PROSPETTIVE" Alcune riflessioni sul tema della diffusione dell'ict nelle imprese Guido Mario Rey Facoltà di Economia

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE DEFINIZIONE DI QUALITA IL CONCETTO DI QUALITA. Prof.ssa Federica Murmura. a.a. 2014-2015

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE DEFINIZIONE DI QUALITA IL CONCETTO DI QUALITA. Prof.ssa Federica Murmura. a.a. 2014-2015 GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE a.a. 2014-2015 1 DEFINIZIONE DI QUALITA La norma UNI EN ISO 9000: 2005 definisce la qualità come «l insieme delle caratteristiche intrinseche di un prodotto/ servizio che

Dettagli

PRODUZIONE E CRESCITA

PRODUZIONE E CRESCITA Università degli studi di MACERATA ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2012/2013 PRODUZIONE E CRESCITA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

PMI : Conferenza Bologna 2000 Business Symposium. TAVOLA ROTONDA 2 : Partenariati locale, Distretti industriali e Globalizzazione delle PMI

PMI : Conferenza Bologna 2000 Business Symposium. TAVOLA ROTONDA 2 : Partenariati locale, Distretti industriali e Globalizzazione delle PMI PMI : Conferenza Bologna 2000 Business Symposium TAVOLA ROTONDA 2 : Partenariati locale, Distretti industriali e Globalizzazione delle PMI TEMI DI DISCUSSIONE Questa nota è destinata a fornire una base

Dettagli

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Gian Carlo Sangalli Presidente Camera di Commercio di Bologna IL SISTEMA ECONOMICO PRODUTTIVO BOLOGNESE E E IN UNA FASE

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo quindici Produzione globale, outsourcing e logistica Caso di apertura 15-3 Quando ha introdotto la console video-ludica X-Box, Microsoft dovette decidere se produrre

Dettagli

Lezione 4. La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi

Lezione 4. La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi Lezione 4 La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi 1 IL RAGGRUPPAMENTO ORIZZONTALE Il raggruppamento orizzontale indica che i dipendenti vengono raggruppati intorno ai

Dettagli

Anno scolastico 2013/2014. Curricolo verticale. Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali

Anno scolastico 2013/2014. Curricolo verticale. Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali Istituto Istruzione Superiore 'Mattei Fortunato' Eboli (SA) Anno scolastico 2013/2014 Curricolo verticale Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali Disciplina: DIRITTO ED ECONOMIA Al termine del percorso

Dettagli

Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico L Associazione Bancaria Italiana (ABI) Il Presidente dell ABI La CONFINDUSTRIA Il Presidente di CONFINDUSTRIA La Conferenza dei

Dettagli

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione Perché e come scegliere un master in Affari e Finanza, i master universitari

Dettagli

CONFRONTO TRA STABILE ORGANIZZAZIONE, SOCIETA E UFFICIO DI RAPPRESENTANZA

CONFRONTO TRA STABILE ORGANIZZAZIONE, SOCIETA E UFFICIO DI RAPPRESENTANZA CONFRONTO TRA STABILE ORGANIZZAZIONE, SOCIETA E UFFICIO DI RAPPRESENTANZA L attuale contesto economico, sempre più caratterizzato da una concorrenza di tipo internazionale e da mercati globali, spesso

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

Indice. pagina 2 di 8

Indice. pagina 2 di 8 LEZIONE SOURCING, PROCUREMENT E METODOLOGIE PER L'OTTIMIZZAZIONE DELLA CATENA DEL VALORE DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1 Catena del valore e creazione del valore --------------------------------------------------------------

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

Le ristrutturazioni aziendali

Le ristrutturazioni aziendali Le ristrutturazioni aziendali Come si conduce uno studio di caso Daniele Zaccaria daniele.zaccaria@unimib.it Le strategie di gestione dei processi di ristrutturazione tendono a mutare perché sta mutando

Dettagli

Capitolo 13. La distribuzione al dettaglio e all ingrosso. Capitolo 13- slide 1

Capitolo 13. La distribuzione al dettaglio e all ingrosso. Capitolo 13- slide 1 Capitolo 13 La distribuzione al dettaglio e all ingrosso Capitolo 13- slide 1 e all ingrosso Obiettivi di di apprendimento La distribuzione al dettaglio. Le decisioni di marketing dell impresa al dettaglio.

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE Riccardo Cappellin OS.E.L.R. - Osservatorio sulle Economie Locali e Regionali Dipartimento di Economia e Istituzioni Università di Roma "Tor Vergata"

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

ECONOMIA E DINAMCA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it)

ECONOMIA E DINAMCA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA E DINAMCA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Fino anni '70 modello basato su standardizzazione

Dettagli

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS TOYOTA Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS 1 1. ANALISI DEL SETTORE 2. TOYOTA 3. LANCIO AYGO 4. CONCLUSIONI 2 INDUSTRIA Più IMPORTANTE PER FATTURATO La rilevanza del settore si

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

"Pure Performance" per i Partner. Una direzione chiara per una crescita comune

Pure Performance per i Partner. Una direzione chiara per una crescita comune "Pure Performance" per i Partner Una direzione chiara per una crescita comune 2 "Pure Performance" per i Partner "Pure Performance" per i Partner 3 Alfa Laval + Partner Valore per il Cliente Partner per

Dettagli

TENDENZE EVOLUTIVE NELLA DISCIPLINA DI MARKETING E RICERCA DI NUOVI PARADIGMI

TENDENZE EVOLUTIVE NELLA DISCIPLINA DI MARKETING E RICERCA DI NUOVI PARADIGMI TENDENZE EVOLUTIVE NELLA DISCIPLINA DI MARKETING E RICERCA DI NUOVI PARADIGMI LO SVILUPPO DELLA DISCIPLINA DI MARKETING 1. Le origini 1920-1940 2. Lo sviluppo 1950-1965 3. La maturità 1965-1980 4. Il riorientamento

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate 12. Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Il problema Uno degli aspetti più preoccupanti del fenomeno della disoccupazione

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

L analisi Competitiva

L analisi Competitiva L analisi Alessandro De Nisco Università del Sannio COSA E L ANALISI COMPETITIVA? Affinchè l impresa possa svolgere con successo la propria attività, è fondamentale che essa svolga un monitoraggio costante

Dettagli

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Assemblea 17 giugno, ore 11.30 Date: 2011-06-17 1 (11) Ericsson Internal Premessa La Sezione Elettronica ed Elettrotecnica intende rappresentare un importante elemento

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

Piccole e Medie Imprese

Piccole e Medie Imprese Piccole e Medie Imprese Imprenditoria e organizzazione delle piccole e medie imprese ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Corsi di Laurea: Magistrale Ingegneria e Scienze Informatiche Matematica Applicata UNIVERSITÀ

Dettagli

Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005

Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005 Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005 slide 1 Introduzione Lo scopo di questo intervento è di presentare un iniziativa che sta muovendo i primi passi in queste settimane e che mira

Dettagli

Famiglie e welfare comunitario. Stefania Mazza 11 febbraio 2015

Famiglie e welfare comunitario. Stefania Mazza 11 febbraio 2015 Famiglie e welfare comunitario Stefania Mazza 11 febbraio 2015 LE COMPETENZE A) Analizzare I bisogni B) Creare C) Progettare D) Realizzare E) Valutare IL FARE QUALE SENSO DELLA PROGETTAZIONE Che cosa ci

Dettagli

LA COSTRUZIONE SOCIALE DELL INNOVAZIONE

LA COSTRUZIONE SOCIALE DELL INNOVAZIONE LA COSTRUZIONE SOCIALE DELL INNOVAZIONE L economista e sociologo Joseph Schumpeter è stato il primo a distinguere chiaramente tra crescita e sviluppo. La crescita è un fenomeno graduale, fatto di continui

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Attività patrimoniali: stock di ricchezza 1. beni materiali e immateriali che partecipano ai processi produttivi, correnti e futuri, e che prospettano un flusso

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca CLASSE 3 INDIRIZZO AFM UdA n. 1 Titolo: SISTEMA ECONOMICO E STORIA DEL PENSIERO ECONOMICO Interpretare il modello di funzionamento del sistema economico attraverso le relazioni tra le categorie di soggetti

Dettagli

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE:

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: VALORI PER SOCIETÀ SICURE ED INTERCULTURALI di Giovanna Spagnuolo Ci manca la comunità perché ci manca la sicurezza Z. Bauman (Voglia di comunità, Laterza, Bari-Roma,

Dettagli

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una ABSTRACT: LA NUOVA POLITICA DEI TRASPORTI NAZIONALE ED EUROPEA A FRONTE DELLA CRESCENTE DOMANDA DI MOBILITA. EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Dal Brain Drain al Brain Circulation

Dal Brain Drain al Brain Circulation Dal Brain Drain al Brain Circulation Il caso Italiano nel contesto globale Simona Milio London School of Economics and Political Science Introduzione Il problema e La sfida Le cause Le politiche adottate

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona Un Piano Nazionale per lo sviluppo dei SAP in Italia Mario Conclave Italia Lavoro I fenomeni in corso in Italia Fenomeni di medio lungo periodo, che spingono

Dettagli

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI Matteo ARPE: Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad intervenire a questo Convegno, al quale, come

Dettagli

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA vision guide line 6 LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA QUANDO SI PARLA DI UN MERCATO COMPLESSO COME QUELLO DELL EDILIZIA E SI DEVE SCEGLIERE UN PARTNER CON CUI CONDIVIDERE L ATTIVITÀ SUL MERCATO, È MOLTO

Dettagli

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE IL CONCETTO DI QUALITA

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE IL CONCETTO DI QUALITA GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE a.a. 2012-2013 1 IL CONCETTO DI QUALITA QUALITA OGGETTIVA è un concetto strettamente correlato al prodotto e si configura come l insieme di attributi fisici e tecnicofunzionali

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Anno accademico 2014/2015 Corso di Politica Economica Docente: Claudio Di Berardino Informazioni sito docente: http://claudiodiberardino.jimdo.com mail: c.diberardino@unich.it 1 lezione - Le teorie degli

Dettagli

Gli assetti a popolazione

Gli assetti a popolazione Gli assetti a popolazione Lo strategic network (mercato auto) L industrial network (filiera, distretto) I business network (eterarchia-relazione) Il policy network (politica pubblica) Le filiere IL SETTORE

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

WP 1. Knowledge Economy e processi di innovazione in Piemonte. Cultura, servizi del lavoro e del welfare

WP 1. Knowledge Economy e processi di innovazione in Piemonte. Cultura, servizi del lavoro e del welfare PROGETTO E.R.I.C.A - regione Piemonte Bando Scienze Umane e Sociali 2008 WP 1 Knowledge Economy e processi di innovazione in Piemonte. Cultura, servizi del lavoro e del welfare Responsabile Scientifico:

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI

TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI SETTORE AGRICOLTURA TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE

Dettagli

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE Prof. Fabio Musso Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia fabio.musso@uniurb.it pagina 1 Fasi del processo di sviluppo della strategia di internazionalizzazione

Dettagli

SINTEMA retail services RETAIL

SINTEMA retail services RETAIL SINTEMA retail services RETAIL Servizi in outsourcing per lo sviluppo e la gestione di una rete di punti vendita: contabilità, paghe, bilanci, adempimenti fiscali e societari, servizi di controlling, legali,

Dettagli

Costo fisso Costo variabile Costo totale Costo medio = CT / Q Costo marginale: costo di una unità addizionale di output

Costo fisso Costo variabile Costo totale Costo medio = CT / Q Costo marginale: costo di una unità addizionale di output Vantaggio di costo Un'impresa ha un vantaggio di costo se i suoi costi cumulati per realizzare tutte le attività generatrici di valore sono più bassi di quelli dei suoi concorrenti" Porter Costo fisso

Dettagli

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms Leonardo Casini Questo è probabilmente l ettaro di terra più costoso del mondo: Burgundy, Vigneto Romanée Conti:

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

Ingegneri, Industria: creazione di valore tecnologico sociale

Ingegneri, Industria: creazione di valore tecnologico sociale Ingegneri, Industria: creazione di valore tecnologico sociale Venezia, 30 settembre 2015 La Tavola Rotonda si pone l obiettivo di analizzare i nuovi orientamenti che il sistema produttivo italiano può

Dettagli

Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti

Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 Con il termine Politica

Dettagli

Belowthebiz idee in rete

Belowthebiz idee in rete Le 5 forze di Porter Nella formulazione di una strategia un passo fondamentale è la definizione e lo studio delle principali caratteristiche del settore in cui si opera. Lo schema di riferimento più utilizzato

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

Modelli e regimi di welfare. Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12

Modelli e regimi di welfare. Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 Modelli e regimi di welfare Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 Storicamente i sistemi di Welfare State si sono caratterizzati

Dettagli

IL NUOVO INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING

IL NUOVO INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING IL NUOVO INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Itis Galilei di Roma - 4 dicembre 2009 - VI CONFLUISCONO GLI INDIRIZZI PREESISTENTI: ISTITUTI TECNICI COMMERCIALI Ragioniere e perito commerciale

Dettagli

xxxxxxxxx xxxxxxxxxx

xxxxxxxxx xxxxxxxxxx xxxxxxxxx xxxxxxxxxx La rete territoriale nel gambling e possibili integrazioni A cura di Arezzo, 11 maggio 2007 1 Obiettivi del contributo fornire alcuni elementi generali sulle reti sociali introdurre

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE b. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: 1. l ambito di

Dettagli

Api Formazione. Dal 2002 più di 18.000 persone hanno partecipato a oltre 1.200 corsi Api Formazione

Api Formazione. Dal 2002 più di 18.000 persone hanno partecipato a oltre 1.200 corsi Api Formazione Api Formazione Dal 2002 più di 18.000 persone hanno partecipato a oltre 1.200 corsi Api Formazione Api Formazione, Società Consortile a Responsabilità Limitata senza scopo di lucro, è nata nel 1992 come

Dettagli

Capitolo II L IMPRENDITORIALITA

Capitolo II L IMPRENDITORIALITA Capitolo II L IMPRENDITORIALITA Parole Chiave Strategic Entrepreneurship Imprenditorialità Reticolare Structural Holes Divisione del Lavoro Network Innovation Management Apprendimento Territoriale 20 L

Dettagli

ANTONELLA LAVAGNINO COMUNICAZIONE & MARKETING

ANTONELLA LAVAGNINO COMUNICAZIONE & MARKETING ANTONELLA LAVAGNINO COMUNICAZIONE & MARKETING CREARE OPPORTUNITÀ PER COMPETERE Oggi le imprese di qualsiasi settore e dimensione devono saper affrontare, singolarmente o in rete, sfide impegnative sia

Dettagli

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 LEZIONE 2

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 LEZIONE 2 Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Economia Internazionale Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 MATERIALE DIDATTICO da integrare al libro di testo: Hill C.W.L. International

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

I servizi di job placement nelle Università italiane

I servizi di job placement nelle Università italiane I servizi di job placement nelle Università italiane Un indagine della Fondazione CRUI Aprile 2010 1 L indagine La partecipazione all indagine La Fondazione CRUI, nel dicembre 2009, ha realizzato un indagine

Dettagli

Economia sociale e impresa sociale

Economia sociale e impresa sociale Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali DG Terzo settore e formazioni sociali Economia sociale e impresa sociale Intervento di Anna Chiara Giorio 9 gennaio 2014 Indice dell intervento Terzo settore,

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

Università degli Studi Guglielmo Marconi

Università degli Studi Guglielmo Marconi I cambi flessibili e le politiche di intervento sui mercati valutari: 1971(-3)-2007 Argomenti 1. Il periodo 1971-2001 2. La globalizzazione e la crescita mondiale nel 1 Il periodo 1971-2001 Gli assetti

Dettagli

Meeting 2012. Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza

Meeting 2012. Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza Meeting 2012 Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza Mezzogiorni d Europa e Mediterraneo nella bufera. I giovani, Nuovi Argonauti Intervento del Presidente del Consiglio Nazionale dell

Dettagli

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Lingue e Cultura per l Impresa Economia e Gestione delle Imprese Turistiche A.A. 2007-2008 Ddr Fabio Forlani

Dettagli

Problematiche, prospettive e interventi

Problematiche, prospettive e interventi Anche gli imprenditori stranieri soffrono la crisi Burocrazia, ritardo dei pagamenti e l accesso al credito i maggiori ostacoli all attività Più difficoltà per le imprese edili e nel Centro Italia La crisi

Dettagli

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti 1-1 Dipartimento di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti Modulo 1 Introduzione Hill, capitolo 1 molto integrato C.W.L. Hill, International

Dettagli

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI LA RESPONSABILITÀ SOCIALE UN VOLANO PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI Lucia Briamonte M. Assunta D Oronzio Villa

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Allegato La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli