Atti del Convegno Aisvec del

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Atti del Convegno Aisvec del 16-11-2010"

Transcript

1 Atti del Convegno Aisvec del

2 INDICE Introduce i lavori la Presidente AISVEC Patrizia Marte. Modera l On. Dario Antoniozzi, Presidente del Comitato Scientifico AISVEC. 1- FILIPPO CALCIANO: Strumenti finanziari per le PMI ; 2- LUCIANO ROTONDI: Le risorse europee a beneficio di investimenti pubblici e privati ; 3- LUCIA UMILE: L internazionalizzazione delle PMI. Agevolazioni per il MADE IN ITALY ; 4- ALBERTO ZILIO: La Digital Agenda e le opportunità per le PMI ; 5- TOMASO MARZOTTO CAOTORTA: Opportunità per i nuovi progetti d impresa: il capitale di rischio informale dei Business Angels ; 6- PETER JUNGEN: Getting out of the crisis. More Entrepreneurschip and Innovation ; 7- MATTEO FORNARA: La Politica Industriale dell UE e le PMI.

3 Con gli interventi dell ASSESSORE al Comune di Treviso Dr. ZUGNO e del PRESIDENTE della Provincia di Treviso Dr. MURARO. INTRODUZ IONE Patrizia Marte: Presidente A ISV E C Intendiamo fornire una panoramica, la più ampia possibile, agli enti delle possibilità per lo sviluppo dell attività imprenditoriale. Ringraziamenti istituzionali il governatore ha mandato una lettera di augurio scusandosi per essere impossibilitato a partecipare. Il convegno è suddiviso in due sessioni: mattina interventi, lunch, pomeriggio possibilità di relazionarsi direttamente con i relatori. Lascio ora la parola al moderatore di questa giornata, l On. Dario Antoniozzi. On. Dario Antoniozzi: Ringrazio anzitutto chi ha preso l iniziativa: Patrizia Marte. Anche perché è un incontro ricco di spunti e prospettive.i soggetti invitati sul piano formale e sul piano sostanziale a sviluppare prospettive di questo tipo si fa qualcosa di importante e innovativo tanto per l Italia quanto per l Europa. Si fa qualcosa che è congeniale con la realtà socio economica. Anche perché le pmi hanno punti di partenza in comune che vanno oltre il lato speculativo. Non sono gigantesche e quindi hanno un autocontrollo che non creano problemi e creano per il futuro una situazione migliore di quelle che creano altre iniziative di natura economica che non siano pmi. Complimenti per questa impostazione congressuale e grazie a quanti daranno il loro contributo a questo importante convegno.

4 ASSESSORE AL CO MUNE DI TREVISO Dr ZUGNO: Buongiorno a tutti. Grazie da parte del comune di Treviso. Purtroppo il sindaco aveva impegni inderogabili. Mi ha delegato per portare i suoi saluti e porto unitamente quelli della giunta e di tutta l amministrazione. Sono sicuro che in considerazione degli argomenti trattati dai relatori che interverranno nella mattinata e anche nel pomeriggio ci saranno importanti spunti di riflessione sia di mercato che di finanziamento. Ringrazio Patrizia Marte e buon lavoro.

5 Filippo Calciano: Strumenti finanziari per le P M I Buongiorno a tutti e grazie. Credo che la nostra audience sia composta da enti, imprese ed è importante perché sono tutti soggetti che in questo momento condividono gli stessi problemi. Non è sempre stato così, perché gli enti fino a non molto tempo fa ricevevano importanti sovvenzioni dallo stato e le stesse imprese non si trovavano di fronte a un sistema bancario tanto ostile quanto quello di oggi. Infatti, è abbastanza usuale incontrare soggetti privati non indebitati con le banche perché le restrizioni finanziarie sono arrivate ad una regolamentazione che penalizzano quelle che si sono esposte. Lo stesso vale per quelle grandi imprese che fanno buoni prodotti: vale a dire che è importante che gli imprenditori diventino bravi a gestire la parte finanziaria della loro impresa oltre che produrre articoli di buona/alta qualità. Mostrerò un elenco di quegli strumenti finanziari europei che possono venire in aiuto di enti PMI e singoli soggetti. Gli enti pubblici sono divisi in 2 rispetto ai finanziamenti: 1- quelli che si possono indebitare e quelli che non si possono indebitare; 2- quelli che hanno sforato i limiti di indebitamento previsti dal duel e dai patti di stabilità. Quando un ente locale ha margini di indebitamento, può accedere a mutui a tassi molto bassi da parte della banca degli investimenti.

6 Il problema è cosa fare per quegli enti che non si possono indebitare più e sono molti. Per esempio, possono operare quella che si chiama una gestione attiva del debito, senza contrarne uno nuovo. Si tratta di sfruttare le possibilità che offre il mercato e tentare di sostituire i debiti che sono in bilancio con nuovi debiti più efficienti che costano meno. Tentando di utilizzare anche la possibilità di avere un entrata in cassa in parte corrente al momento della sostituzione. Come si sostituisce un debito non efficiente con un debito efficiente? La cosa più immediata è la rinegoziazione dei mutui che gli enti possono operare in un momento come quello attuale, per cui la cosiddetta curva dei tassi d interesse di lungo periodo è fortemente decrescente. Poiché ci sono enti che si sono indebitati prima della crisi finanziaria e che possono rinegoziare questo mutuo a tassi fissi correnti e ottenere attraverso un approccio pro attivo con la banca anche un pagamento a tasso immediato per l operazione di rinegoziazione. Naturalmente, l ente deve porsi in modo paritetico nei confronti della banca, cioè, deve essere in grado di fare proposte adeguate, di usare la stessa strumentazione tecnica che usa la banca per poter dialogare con essa e non ricevere passivamente solo proposte cui rispondere affermativamente o negativamente. Gli enti possono fare cose un po più sofisticate, come l emissione di prestiti obbligazionari: il prestito obbligazionario è consentito quando ( norma del DUEL ) si vuol ristrutturare un debito esistente. L ente o il consorzio di enti, se si tratta di enti piccoli, mettono insieme un pool di loro mutui passivi ed emettono obbligazioni naturalmente, attraverso la scelta di un intermediario finanziario che colloca il debito obbligazionario e si impegna a comprarli. Il prestito obblig. Consente di estinguere i mutui e generare entrata di cassa e sostituire i tassi d interesse negoziabili con tassi decisamente più vantaggiosi che sono quelli passivi dell ente associati al prestito obbligazionari.

7 Questa tecnica è trattata fiscalmente molto bene perché parte della tassazione che pagano i sottoscrittori viene retrocessa all ente emittente o al consorzio. Dunque, il tasso effettivo che l ente paga si abbassa notevolmente ed è possibile ritrovarsi con un debito in termini di tassi passivi che ha generato un entrata in parte corrente. E possibile utilizzare strumenti di copertura dei rischi in termini di tassi d interesse: infatti, c è un regolamento in fase di emanazione da parte del ministero dell economia che elenca dettagliatamente alcuni prodotti finanziari che gli enti possono utilizzare per compiere alcune azioni di copertura sui tassi d interesse. Ora che i tassi d interesse sono al minimo storico possono e anzi devono essere utilizzati, in modo semplice ed efficace. Intanto gli enti territoriali potrebbero iniziare a prepararsi e capire quali rischi presto incontreranno in termini finanziari e come proteggersi. Queste quindi sono tre cose che gli enti che non si possono indebitare possono invece prendere in considerazione: 1- ristrutturare mutui; 2- reperire risorse; 3- coprirsi dai rischi dei tassi d interesse. L ente oltre che gestire attivamente il passivo, può gestire anche l attivo: ovvero può, tramite crediti tributari o extra tributari, cartolarizzare questi debiti tipici della cultura corporate cioè della finanza aziendale, accessibili anche agli enti. Le operazioni di cartolarizzazione specialmente per i piccoli comuni consorziati sono interessanti perché consentono di trasformare il fondo poste poco liquide dell attivo in capitale circolante e generare possibilità di spesa corrente. Come si cartolarizza un credito?

8 Un credito tributario si trasferisce a una società gestita da un intermediario finanziario o una banca selezionata secondo una pubblica gara: l intermediario trasferisce immediatamente il corrispettivo all ente, cioè la somma corrispettiva di questi crediti. L ente deve comunque poter essere in grado di dire quanto valgono questi crediti sul mercato per poter dialogare con l ente cartolarizzatore. Questo ente emette dei titoli che sono garantiti da questi crediti e si ripaga attraverso i flussi che i crediti generano. L ente esce dalla partita nel momento stesso in cui li trasferisce. Può anche rinunciare a un eventuale responsabilità su un possibile default. Gli enti che vengono fuori da questi meccanismi finanziari acquisiranno una mentalità più dinamica e saranno in grado di parlare con le banche di strumenti finanziari, dalle operazioni più semplici a quelle più complesse. E molto importante considerare i prestiti obbligazionari come opportunità concrete per questi enti. La finanza di progetto per molti di loro potrebbe essere fare opere pubbliche attraverso gare di costruzione e gestione che sono cose diverse rispetto alle concessioni. Per contestualizzare l argomento della costruzione della gestione poniamo che si voglia costruire una piscina. Indirò una gara per trovare chi la costruisca per me e l ente non pagherà direttamente, oltre a costruire e gestire, consento di costruire un bar ristorante, in modo che il concessionario possa reperire sul mercato i capitali di rischio necessario a proprio carico basandosi sulla redditività attesa di progetto. Dunque, la funzione dell ente è quella di rendere appetibile un progetto per il privato al di fuori del rapporto di concessione e del pagamento di un canone dall ente al gestore. L ente non paga più nulla. Riceve l opera dopo un periodo di tempo necessario al gestore/costruttore per remunerare in termini privatistici il proprio investimento. Anche gli enti che hanno ancora margine di indebitamento, oltre che indebitarsi a tassi agevolati, potrebbero iniziare a pensare a una

9 ristrutturazione dei mutui esistenti, pensare a consorzi e prestiti obbligazionari e a cartolarizzare il loro credito. Tutti questi strumenti sono a disposizione delle imprese e non solo degli enti. Le imprese inoltre non hanno vincoli restrittivi come gli enti, per esempio nel bilancio, non sono obbligate al pareggio della parte corrente. Non sono soggette a limiti d indebitamento, al patto di stabilità. Le imprese che rientrano nei finanziamenti agevolati da parte della BEI (Banca Europei degli Investimenti) vivono in mercati turbolenti, che pagano costi molto alti dovuti alla variazioni di prezzo delle materie prime dei loro prodotti, come alla poca prevedibilità dei tassi di cambio alla rivalutazione continua dell euro. Queste imprese possono garantirsi da questi rischi con forte impatto sulla loro redditività con strumenti finanziari che si chiamano features e danno la possibilità di fissare il prezzo delle materie prime con un anno o due di anticipo, come pure fissare i tassi di cambio. Per le PM è arrivato il momento di valutare l ingresso di nuovi soci nel capitale di rischio, attraverso fondi che si chiamano the private equity. I Private Equity consentono all impresa di avere un partner finanziario a tempo determinato e con quote di minoranza nel capitale di rischio, che hanno un obiettivo comune ed è quello di generare valore a anni al massimo. In questo periodo, è possibile contrattualizzare una relazione di partenariato prima che inizi a essere operativa. Nel decidere che quote di fondo entreranno nel capitale di rischio, in che condizioni ne uscirebbe l impresa, cosa si potrebbe fare insieme all imprenditore e con quali quote? Ci si scontra or ora con una grande diffidenza da parte degli imprenditori nei confronti di questo strumento. L imprenditore che vive difficoltà finanziaria e di espansione nella crescita della sua azienda può ragionevolmente pensare a far entrare un socio per

10 un periodo di tempo limitato e sulla base di un obiettivo di progetto d investimento ben definito. Quest ultimo a seconda del contratto iniziale spesso rivende le sue quote all imprenditore stesso o si impegna a cercare un socio insieme all imprenditore. Ci sono diversi modi di gestire questa parte contrattuale. In conclusione, anche quando enti e imprese sono ai limiti d indebitamento, è possibile intervenire iniziando a pensare alla propria struttura finanziaria in modo pro attivo, ottimizzando così la propria gestione. Grazie. Luciano Rotondi: Le risorse europee a beneficio di investimenti pubblici e privati Da operatore finanziario altamente specializzato il mio linguaggio sarà tecnico e tuttavia comprensibile. L intervento è diviso in 3 parti: il primo dedicato al nuovo programma 2008/2013 sui fondi europei, quelli di Bruxelles. Il secondo precisa il ruolo delle banche che merita delle precisazioni come paventato dal Prof. Calciano e da ultimo la parte relativa alla finanzi abilità soprattutto da parte dei fondi d investimento della BEI. 1- Secondo il programma 2008/2013, le risorse sfruttate dagli enti locali in Italia sono nettamente inferiori a quelle messe a disposizione. La totalità dei fondi erogati da Bruxelles ammonta a 40miliardi di euro, tutti a fondo perduto. Impegnato e non erogato per il solo 10%. In questo contesto, si possono innocentare quasi completamente le regioni del centro e soprattutto quelle del nord che non sono a obiettivo 1. L obiettivo 1 è l obiettivo di sviluppo per quei Paesi che secondo l UE hanno meno soldi.

11 Per esempio, la regione Veneto fino al 2013 ha a disposizione fino a 400 milioni di euro. La Regione Veneto ha indirizzato questa cifra quasi interamente per infrastrutture stradali. Invece, per quelle zone considerate non obiettivo 1 è interdetto l intervento a fondo perduto di questo finanziamento nei confronti di quelle imprese che invece possono contare su un sistema di fondi regionali che si chiama de minimis. Così, mentre il mezzogiorno e le isole possono avvalersi di questo fondo, le regioni del centro nord no. Il problema è che l Italia, rispetto agli altri paesi dell UE, ha una velocità di crociera di 9miliardi all anno per i finanziamenti a tasso agevolato, finanziamenti che in parte dunque vanno restituiti, invece è scarsamente informata e ancor più ausiliatrice di quelli non rimborsabili. Per esempio la Calabria ha a disposizione fino al 2013 più di 2 miliardi di euro di finanziamenti europei a fondo perduto, così pure la Campania. Fondi che ad oggi non sono stati reperiti e che se non venissero richiesti resterebbero a Bruxelles. Per quanto riguarda le banche, pur avendo la critica del Prof Calciano la sua ragion d essere, la situazione è un po diversa: per esempio UniCredit, San Paolo rilanciano su questi soldi che vi sono e vi sono sempre stati, solo, per avere l accesso al credito, occorre essere conformi ai parametri di Basilea 2. Le imprese relativamente piccole tutt oggi ignorano o poco sanno di Basilea 2. Le banche, rispetto alle imprese, aiutano esclusivamente quei clienti il cui rapporto con loro è consolidato da tempo. Tuttavia, se io sono cliente di una certa banca e ho un idea buona che desidero voler far finanziare, la banca non potrà darmi i soldi della BEI, allora dovrà rilasciarmi un certificato che mi assegni un rating Basilea, in modo che io possa rivolgermi a un altra banca per avere i soldi della BEI. Questo almeno in teoria!

12 La banca di cui si è clienti rilascia difficilmente questo certificato, avendo l impresa verso di lei il rating intero di conformità. E a questo punto che assistiamo a una forte speculazione. Sono nati infatti i grandi certificatori come PWC che studiano come rilasciare questi certificati. Si chiama rating esterno Basilea 2. Questo è il primo ostacolo da superare anche per quelle imprese che devono accedere ad un leasing, un mutuo, un factoring o un fido su un altra banca. 2- Le imprese non hanno solo necessità di una banca che eroghi soldi ma anche necessità di garanzie per l accesso al credito e qui c è poca informazione da parte delle imprese e incuria delle banche. Le banche non riferiscono che esiste una realtà vantaggiosa economicamente che consente alle imprese i confidi per garantire le operazioni finanziarie. Questi meccanismi possono garantire anche fino all 80% delle richieste delle imprese sia per la loro liquidità che per la loro progettualità. Il fondo più importante esistente in Italia è quello dello stato presso il medio credito centrale. Un fondo purtroppo di difficile accesso, perché loro parlano esclusivamente col sistema bancario e non anche con le imprese. E poiché sarebbe anche in questo caso la banca a dover fornire i mezzi e le garanzie suddette, diventa un cane che si morde la coda, non fornendo le banche il supporto descritto. Un handicap delle banche infatti è quello di non essere consulenti delle imprese e riferire la possibilità di accesso anche a questi fondi. Esistono poi le agenzie delle banche alle quali si rivolgono spesso gli imprenditori che non parlano sempre con i direttori generali delle banche. Queste agenzie spesso non sanno nemmeno che esiste un istituto come la BEI pur rientrando nelle sue linee di credito. E perciò necessario che gli istituti di credito italiani vengano educati e qualora lo fossero già, istruiti su tutti i sistemi finanziari che possono offrire alle imprese, di matrice diretta BEI.

13 Uno strumento importantissimo è pure il leasing. Vitale per la finanziabilità dei progetti legati all energia. 3- terzo aspetto: i progetti. Premesso che i finanziamenti della BEI sono compatibili con tutti gli altri strumenti di intervento, compresi gli equity e quelli a fondo a perduto, non è assolutamente vero che eroghi finanziamenti agevolati. Piuttosto, eroga finanziamenti a tasso moderato. Infatti, la Bei, capitalizzata per 100 miliardi di euro, va sul mercato internazionale raccoglie il denaro dei capitali e non essendo una banca a fini di lucro ripercuote questi tassi d interesse bassi sulle banche sue intermediarie e interviene sui contraenti finali del finanziamento. Dunque, fondamentale è il principio di compatibilità della BEI con tutti gli altri strumenti d intervento. La BEI interviene sia per i finanziamenti pubblici che per quelli privati. Per i finanziamenti pubblici, noi distinguiamo due categorie: a) progettualità infrastrutturali fino a 25 milioni di euro. Su questi costi la BEI interviene attraverso il sistema bancario corrispondente che ha le linee di credito BEI. La banca che ha le linee di credito BEI le ha tanto per i privati che il pubblico. Per cui l ente pubblico locale che ha necessità di accesso al credito si rivolge alla banca che ha fondi Bei e nello stesso tempo deve far parte del patto di stabilità. Che significa far rientrare nel patto di stabilità? avere le delegazioni di pagamento nei primi tre capitoli di spesa del bilancio che sono calcolate e lo fanno accedere al mutuo. Rispetto al privato, l ente pubblico non è soggetto a finanziamento parziale, allora su un progetto la BEI darà il 100% rispetto al 50% che darebbe al privato.

14 Il fondo BEI può riguardare dal singolo progetto ai pacchetti di progetti che l ente vuole presentare. Il fondo della BEI tuttavia per gli enti pubblici non supera i 12 anni e il suo tasso è estremamente moderato (intorno a 1.50/60%). Sopra i 25 milioni di euro interviene direttamente, tranne per gli enti pubblici che non hanno accesso diretto alla BEI. In questo caso, non è applicabile la cosiddetta procedura semplificata, che transita attraverso il sistema bancario, si passa invece per il consiglio d amministrazione della BEI e si arriva ai sensi dell art 21 dello statuto BEI e all opinione espressa dal Dg 2 della commissione generale affari economici e monetari di Bruxelles: gli enti che hanno accesso alla Bei per pacchetti di milioni di euro beneficiano da una parte del tasso moderato del mutuo della bei stessa e dall altra di una durata di credito che può arrivare fino a 20/25 anni. Se la provincia di Treviso per esempio, pianificasse un pacchetto di iniziative infrastrutturali in settori ritenuti dall UE e dalla BEI settori primari, come l energia l ambiente la sanità o la scuola, potrebbe avere accesso ai fondi Bei per una durata di 25 anni, quindi per un ammontare di 100/150 milioni di euro. Questo naturalmente può essere possibile sono per determinati comuni come i capoluoghi di provincia o regione, non per comuni più piccoli. Per i privati, salvo casi di enormi aziende come Benetton FIAT ecc per esempio, le imprese transitano per il sistema bancario. Nell ambito della progettualità, se il privato ha un progetto nel settore dell energia e ha interesse a ottenere un finanziamento sul comparto leasing, non è più limitato al 50%, bensì può chiedere l intervento dei fondi BEI attraverso gli istituti di credito che hanno il suo comparto, fino al limite costituito dalla maxi rata iniziale. Per i progetti normali, la regola prevede l accesso fino al 50% per una durata non superiore ai 12 anni. La società più è solida e offre garanzie come i confidi, maggiore è il rating di Basilea 2000, più merita uno spread ridotto. Comunque inferiore rispetto al tasso soprattutto variabile delle banche che speculano maggiormente.

15 Relativamente alla finanziabilità delle iniziative, gli unici settori che la BEI non finanzia sono i mutui edilizi per l acquisto di case private e il tabacco. Per tutto il resto, dall industria al bar, assicura finanziabilità. Per quanto concerne le collateralità, sono disponibili gli equity che subiscono moltiplicatori come quello denunciato sui media e istituito tra banche su iniziativa del ministero dell economia. E sempre vantaggioso accedere agli Equity. L azienda dovrà avere persone esperte per preparare una documentazione completa da Basilea 2 al business plan. Importante è osservare che ci si può rivolgere contemporaneamente alla BEI e alle strutture che danno accesso agli equity. Nel Veneto per esempio esiste Veneto Sviluppo. Naturalmente, questa realtà, come tutte quelle simili ad essa sono soggette a determinati vincoli. Un altro sistema a supporto delle imprese è il sistema dei confidi, conosciuto nell ambito dei confidi di medie dimensioni, tuttavia esistono alcune alleanze che fanno da garanzia sempre in ambito pubblico locale. Attraverso la FEI fondo europeo degli investimenti- figlio della bei che ha la caratteristica di mettere a disposizione fondi per garantire le imprese. Queste strutture agiscono tanto in Piemonte quanto in Lombardia in Toscana in Veneto e in Emilia Romagna. Tutto questo, insieme al sistema dei confidi può arrivare a garantire anche fino all 80% dei fondi BEI. E necessario inoltre fare riferimento a un programma comunitario che si chiama Geremy: un programma varato nel Bruxelles nel passato ha sempre ragionato a livello di contribuzione a fondo perduto, cioè i contributi in conto capitale. Ora si è creato un sistema di cosiddetti fondi a perdere. Geremy appunto, abbinato alla BEI, fornisce capitale equity attraverso sistemi di intermediazione per le imprese che desiderano avere una parte di capitale. L attivazione di Geremy è senza interessi senza pretese di dividendi e senza garanzie.

16 Insomma, si tratta di un capitale nudo che deve essere restituito nudo, nell arco di 7 anni. Se ciò non accade, non essendovi garanzie, il tempo potrà anche superare la data di scadenza fissata. La Regione Veneto, per esempio, ha deciso di usare Jeremy per rifinanziare i confidi, non comprendendo che possono essere usati per fornire capitale alle imprese. Delle 20 regioni cui era destinato Jeremy, solo 3 lo hanno attivato- Lombardia Veneto e Campania - le altre 17 no. In definitiva sarebbe auspicabile sensibilizzare e formare gli enti e soprattutto le regioni delle enormi potenzialità che hanno a disposizioni se non di quelle di cui già dispongono senza saperlo. Grazie. Lucia Umile: L Internazionalizzazione delle PMI. Agevolazioni per il Made in Italy Si è fatto riferimento al fatto che è possibile recuperare dei fondi perduti recandoci a lavorare ad esempio in Romania. Vero sotto il profilo tecnico, ma quale sarebbe la ricaduta sul nostro PIL? perché la ricaduta c è A ben guardare la geografia del cosiddetto MADE IN ITALY, capiremo che oggi di fondamentale importanza è che al di là del marchio che deve connotare una provenienza imprenditoriale, una qualità di prodotto e anche una successione pubblicitaria, genericamente inteso, noi siamo portatori di un altro marchio che è quello nazionale.

17 Portatori del MADE IN ITALY. Per cui la nostra spendibilità e ricaduta sul PIL nazionale si gioca nella difesa equa e non a boomerang di questo concetto. Allora, se si parla direttamente e obiettivamente di finanziamento alle piccole imprese, indipendentemente dai fondi comunitari che comunque passano per le regioni e per altre strutture che prescindono dalle piccole imprese, la piccola impresa può accedere a fondi de minimis (fino a 500mila euro) con un credito d imposta qualora dimostri di lavorare fattivamente per la crescita del brand Made in Italy all interno della sua produzione. I finanziamenti nel processo di internazionalizzazione delle piccole imprese passano attraverso i cosiddetti concetti SIMEST: le categorie finanziabili. Una normativa di cui disponiamo risale al 13 maggio 1998, riguardante contributi e finanziamenti per lo sviluppo e le esportazioni. Facendo più attenzione, ci si accorge che riguardano quelle esportazioni che rechino validamente made in Italy. Un altra recentissima del 24 agosto 2010 riporta che dal 1 dicembre c.m. ci si può catalogare nel sistema dell agenzia delle entrate e prenotare le quote sul credito d imposta qualora si dimostri: 1- di entrare nel sistema Simest, 2- di fare progettualità e creare proposte sul mercato internazionale che individuino una produzione Made in Italy. Per quali motivazioni è veramente complessa l individuazione del MADE IN ITALY? Se il concetto di marchio riguarda l origine e la provenienza di una merce, questo in termini comunitari viene definito secondo determinati parametri. Domande: che cos è la provenienza? E che cos è l origine? La provenienza sta per il luogo o il traffico internazionale dal quale la merce mi giunge.

18 L origine sta nell insieme di prodotti che qualificano quella merce, cioè la filiera che l ha portata a costruirsi in un certo modo. Per esempio, il tessile è composto di tessuti e materie prime, tessuti e materie secondarie, di apporti. All interno della comunità la merce viene definita secondo criteri tarig: una nomenclatura numerica che ne individua la voce merceologica. Passare da una voce merceologica all altra dimostra quale sia stato l apporto in termini di originarietà della lavorazione. Questo è importante, perché il concetto di nazionalità nel mondo globalizzato che viviamo è un concetto relativo. Cioè, viviamo al contempo nel globale e nel glocale. Infatti, come faccio a dire che qualcosa che è stato prodotto a Firenze è assolutamente MADE IN ITALY? Un cinese che vive a Firenze da anni e produce secondo metodologie orientali non produce forse un prodotto italiano? Se ho acquistato materie prime altrove e le ho assemblate compiutamente in Europa questo prodotto è o non è Made in Italy? Siamo di fronte ad una contraddizione rispetto cui il legislatore non è stato generoso di indicazioni. Infatti, se da una parte l articolo 517 del codice penale punisce chiunque introduca beni con marchi fallaci all interno della comunità e li fa circolare, interviene allora introducendo il concetto punibile di contraffazione del MADE IN ITALY che individuo con il marchio, tuttavia crea anche una situazione di disparità. Perché, se possiedo un azienda italiana e produco in Cina, importo in Olanda e vendo in Francia, non soggiaccio ai limiti dell art. 517 pur facendo i miei affari all interno della comunità vendendo il prodotto per potenziale MADE IN ITALY?

19 Guai penali e amministrativi intervengono e ancora una volta il legislatore nell agosto e nel settembre 2009, commina una sanzione amministrativa che arriva fino a 250 mila euro per ogni operazione doganale. Ancora una volta si crea disparità di comportamento rispetto a quello che avviene in Italia, dove è vietato vendere pseudo-made in italy e solo in Italia. Ciò posto, è necessario tutelarci perché siamo portatori di qualcosa di diverso che rappresenta più un come fare, che prescinde da chi come e dove lo fa, in cui del resto è deposta tutta la nostra creatività. E facile immaginare che i limiti di tutela esistenti sul concetto di creatività sono molto ampli. Se mal strutturati, possono stridere anche con i principi comunitari di libera circolazione delle merci e con l art 3 della costituzione che dice- non occorre disparità di trattamento rispetto a beni ugualmente tutelabili. In ogni caso, il concetto di origine e provenienza è nato in termini di gabella in Europa per dare o no delle garanzie preferenziali di detassazione sui dazi e aprire il volano virtuale, cui accennava l on. Antoniozzi, indicandolo come volano virtuale più importante all interno dell Europa. Rilevante è anche individuare la sommatoria delle attività economicamente rilevanti sul territorio italiano, riguardo al come fare dell azienda italiana. A questo proposito porto l esempio di una legge molto criticata legge Reguzzoni-Versace(4 aprile 2010 al numero 55) e non a caso in sede comunitaria non le è stato ancora consentito di entrare in vigore. Questa legge infelice introduce nell individuazione del MADE IN ITALY non solo il cambiamento di voce nella tarig : che vi siano cioè operazioni sensibili a cambiarne la sua definizione doganale, bensì introduce in modo determinato il concetto di filiera e mutua questo concetto dalla parallela e non distinta applicazione del marchietto CE, il marchietto di conformità europea sulla sicurezza dei prodotti. Esso viene conferito solo con la filiera.

20 Mutuando da quest ultima, si può chiamare un prodotto made in italy solo se determinate trasformazioni di filiera e la ricostruibilità totale della filiera consente di ricondurla a un prodotto italiano. Questa normativa sulla carta è entrata in vigore il 1 ottobre, di fatto l agenzia delle dogane ha diramato la sua inapplicabilità nei punti di controllo: le dogane. Perché veniva demandata la sua diretta applicazione a un regolamento sub iudice in sede comunitaria che ancora non c è. In conclusione, occorre sensibilizzare tanto le istituzioni italiane quanto quelle comunitarie perché presto diverrà inapplicabile anche poter accedere ai fondi che per le PMI e il credito d imposta sono previsti. Grazie. Alberto Zilio: La Digital Agenda e le opportunità per le PMI Digital Europe rappresenta la lobby europea delle industrie per l Information&Communication Technology, io rappresento gli interessi politici ed economici di più di 60 multinazionali europee come microsoft, Siemens, nokia, IBM, Alcatel ecc

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Giuseppe Capuano Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Bari, 13 febbraio 2014 1 Struttura delle imprese industriali e dei servizi (anno 2011) Dimensioni

Dettagli

Creazione e sviluppo delle imprese innovative: prospettive per l accesso alla finanza e partnership pubblico-privata

Creazione e sviluppo delle imprese innovative: prospettive per l accesso alla finanza e partnership pubblico-privata Creazione e sviluppo delle imprese innovative: prospettive per l accesso alla finanza e partnership pubblico-privata Elisabetta Gualandri Facoltà di Economia Marco Biagi Università degli studi di Modena

Dettagli

FINANZIAMENTO AGEVOLATO

FINANZIAMENTO AGEVOLATO FINANZIAMENTO AGEVOLATO MICROCREDITO CONTRIBUTO 40 MLN Il Microcredito è un fondo di garanzia istituito dal Ministero dello sviluppo economico ( MISE ), finanziato, per una cifra di 10 milioni di Euro,

Dettagli

PIANO D AZIONE UE. PER MIGLIORARE L ACCESSO DELLE PMI AI FINANZIAMENTI Serie La lente sull Ue n 13 D E L E G A Z I O N E D I B R U X E L L E S

PIANO D AZIONE UE. PER MIGLIORARE L ACCESSO DELLE PMI AI FINANZIAMENTI Serie La lente sull Ue n 13 D E L E G A Z I O N E D I B R U X E L L E S Nota di presentazione del documento pubblicato dalla Commissione europea il 7 dicembre 2011 D E L E G A Z I O N E D I B R U X E L L E S PIANO D AZIONE UE PER MIGLIORARE L ACCESSO DELLE PMI AI FINANZIAMENTI

Dettagli

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Il Fondo di garanzia per le PMI, gestito dal Medio Credito Centrale-Unicredit e istituito con la L. 662/96 ha conosciuto

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza. Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543

COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza. Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543 COMMISSIONE EUROPEA DG Concorrenza Il direttore generale Bruxelles, 01/03/2012 COMP/DG/2012/022543 Modernizzazione degli aiuti di Stato dell UE Documento di discussione Il presente documento espone a grandi

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

Reagire alla crisi: Credito e Liquidità per Imprese e Famiglie 1 2 3 4 5 7 8 9 LE TUE DOMANDE, LE NOSTRE RISPOSTE

Reagire alla crisi: Credito e Liquidità per Imprese e Famiglie 1 2 3 4 5 7 8 9 LE TUE DOMANDE, LE NOSTRE RISPOSTE Reagire alla crisi: 610 Credito e Liquidità per Imprese e Famiglie 1 2 3 4 5 7 8 9 LE TUE DOMANDE, LE NOSTRE RISPOSTE 10 Reagire alla crisi Se sei un imprenditore e hai bisogno di nuovi finanziamenti o

Dettagli

Buon pomeriggio. Grazie per questo invito. E un piacere doppio essere qui a questa tavola rotonda ed in questa splendida città. Tra le cose che vorrei portare alla vostra attenzione, vorrei innanzitutto

Dettagli

Produzione. MANIFATTURA e MERCATI. Le PMI dopo sette anni di crisi

Produzione. MANIFATTURA e MERCATI. Le PMI dopo sette anni di crisi Produzione MANIFATTURA e MERCATI Le PMI dopo sette anni di crisi Produzione MANIFATTURA e MERCATI Le PMI dopo sette anni di crisi Realizzata da CNA Produzione In collaborazione con Centro Studi CNA MANIFATTURA

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo RISOLUZIONE IN COMMISSIONE 7/00574 AUDIZIONE 6 maggio 2015 CONTRATTI DI RETE COME STRUMENTO DI POLITICA ECONOMICA Le organizzazioni

Dettagli

Audizione al Parlamento. ViceMinistro On. Paolo Romani

Audizione al Parlamento. ViceMinistro On. Paolo Romani Audizione al Parlamento ViceMinistro On. Paolo Romani 1 L Italia per la sua crescita economica, in tutti i settori, ha bisogno di un infrastruttura di rete elettronica a banda larga. Le misure di policy

Dettagli

5. Considerazioni conclusive

5. Considerazioni conclusive 5. Considerazioni conclusive Il quadro emerso dallo studio mostra come il sistema creditizio provinciale sia caratterizzato dalla forte presenza di piccole banche e/o di banche locali e da una buona copertura

Dettagli

Michelangelo Nigro. Premessa

Michelangelo Nigro. Premessa Le prospettive extrafiscali della finanza territoriale, con particolare riferimento alle forme associative fra comuni, in tema di reperimento di risorse finanziarie. Michelangelo Nigro Premessa Riforma

Dettagli

ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI

ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI La Regione Emilia-Romagna giunge all appuntamento con il nuovo periodo di programmazione dei

Dettagli

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa.

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa. Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane 12 edizione 60 anni Artigiancassa Abstract SOMMARIO Descrizione sintetica dei risultati del Rapporto 3 Finanziamenti

Dettagli

L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa

L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa La situazione dell accesso al credito per le piccole e medie imprese che costituiscono

Dettagli

Coppola Motta Appunti di finanza aziendale: Quesiti Esami 2010-05-10 QUESITI PROPOSTI NELLE PIU RECENTI PROVE SCRITTE

Coppola Motta Appunti di finanza aziendale: Quesiti Esami 2010-05-10 QUESITI PROPOSTI NELLE PIU RECENTI PROVE SCRITTE QUESITI PROPOSTI NELLE PIU RECENTI PROVE SCRITTE I quesiti per la prova scritta sono suddivisi in tre blocchi : 1. A (parte generale) domande a risposta aperta; 2. B (Intervento del Pubblico nell economia)

Dettagli

ConCredito Consulenti del Credito

ConCredito Consulenti del Credito ConCredito Consulenti del Credito Studio Antognoli Dott. Michele Antognoli Viareggio, Febbraio 2012 Lo scenario di riferimento per le PMI Elementi principali Difficoltà di accesso al credito Le PMI Italiane

Dettagli

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014 AUDIZIONE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi X Commissione del Senato - X Commissione della Camera Roma, 27 marzo 2014 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO 2 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO

Dettagli

LE NUOVE REGOLE EUROPEE PER IL VENTURE CAPITAL: UN «LEVEL PLAYING FIELD» PER IL SOSTEGNO DELLE IMPRESE INNOVATIVE [giugno 2013] * * *

LE NUOVE REGOLE EUROPEE PER IL VENTURE CAPITAL: UN «LEVEL PLAYING FIELD» PER IL SOSTEGNO DELLE IMPRESE INNOVATIVE [giugno 2013] * * * LE NUOVE REGOLE EUROPEE PER IL VENTURE CAPITAL: UN «LEVEL PLAYING FIELD» PER IL SOSTEGNO DELLE IMPRESE INNOVATIVE [giugno 2013] * * * 1. Obiettivi In linea con gli obiettivi del piano d azione europeo

Dettagli

Finanziare le start-up

Finanziare le start-up Stampa Finanziare le start-up admin, Riccardo Ferranti in Bilancio Finanziare le startup Avviare un impresa è il sogno di molte persone che hanno acquisito conoscenze e competenze in un determinato settore

Dettagli

Essere imprenditori Oggi

Essere imprenditori Oggi Essere imprenditori Oggi Siamo in un mondo di competitori Ancona, 28 Novembre 2010 Gaetano Ascenzi LA MIA STORIA 1996 Inizio della storia professionale: decido che il mio hobby deve diventare la professione

Dettagli

Vantaggi fiscali(ace e Super ace ) e Opportunità strategiche dalla quotazione

Vantaggi fiscali(ace e Super ace ) e Opportunità strategiche dalla quotazione Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Vantaggi fiscali(ace e Super ace ) e Opportunità strategiche dalla quotazione Dott. Alfredo Imparato Milano, 23 ottobre 2014 AGENDA Le PMI italiane, lo

Dettagli

Intervento Presidente Roberto Manzoni CONFERENZA REGIONALE SUL TURISMO Modena, 29 novembre 2013

Intervento Presidente Roberto Manzoni CONFERENZA REGIONALE SUL TURISMO Modena, 29 novembre 2013 Intervento Presidente Roberto Manzoni CONFERENZA REGIONALE SUL TURISMO Modena, 29 novembre 2013 La lunga crisi economica che ha colpito pesantemente il nostro Paese e con gradi diversi l economia internazionale

Dettagli

Imprese edili: innovare per crescere

Imprese edili: innovare per crescere Imprese edili: innovare per crescere Peculiarità operative del settore e trend evolutivi Il settore dell edilizia sta attraversando una fase di profonda trasformazione, sia dal punto di vista dell organizzazione

Dettagli

Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa

Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa Lo scenario: Il punto di partenza L isolamento che Castelfranco Veneto soffre da anni è testimoniato anche dalla mancanza di strategia e di progettualità

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI Divisione VIII PMI e Artigianato Indagine

Dettagli

Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista

Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista Convegno ODC Milano Milano 26 gennaio 2006 Intervento di Emanuele Facile e.facile@fin-innovations.com 1 Gli auspici

Dettagli

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento Alberto Balestreri 1. Il tema dovrebbe essere declinato sia in funzione dei settori di attività delle PMI che, più in generale, in funzione di

Dettagli

OPPORTUNITÀ E FUTURO. Glossario

OPPORTUNITÀ E FUTURO. Glossario OPPORTUNITÀ E FUTURO Glossario A Acceleratore d impresa L acceleratore d impresa è una struttura di supporto alle start-up. Simile all incubatore, l acceleratore supporta le imprese nel passaggio dalla

Dettagli

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015 LE NOVITA INDICE 1.Perché fare Qualità 2. Qualità e non-qualità 3. Le potenzialità del Sistema di gestione 4. La ISO 9001:2015 1. PERCHE FARE QUALITA Obiettivo di ogni azienda è aumentare la produttività,

Dettagli

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari EURO 6 L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari Giovanni Berneschi Dopo anni di attesa e di preparazione, a partire dal 1 gennaio 2002 l Euro ha preso il posto di dodici monete nazionali

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo COMUNICATO STAMPA Settimo Rapporto UniCredit sulle Piccole Imprese La ricerca di nuovi mercati: la sfida delle piccole imprese fra cambiamento e tradizione Presentato a Roma, lo studio è stato dedicato

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

PROGETTO CLUB DEGLI ESPORTATORI

PROGETTO CLUB DEGLI ESPORTATORI ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO ECONOMICO E LA COMPETITIVITÀ DEL SISTEMA LOMBARDO Asse 2 Internazionalizzazione misura D PROGETTO CLUB DEGLI ESPORTATORI AVVISO PER LA SELEZIONE DI IMPRESE ANNO 2010

Dettagli

L apprendistato è la locomotiva dell'economia tedesca

L apprendistato è la locomotiva dell'economia tedesca INTERVISTA L apprendistato è la locomotiva dell'economia tedesca Gabriele Catania 10 novembre 2011 L apprendistato è una delle forze dell'economia tedesca, spiega a Linkiesta Klaus F. Zimmermann, uno dei

Dettagli

La Strategia Energetica Nazionale

La Strategia Energetica Nazionale La Strategia Energetica Nazionale La nuova Strategia Energetica Nazionale, diffusa a fini di consultazione pubblica, individua quattro obiettivi principali per il sistema energetico italiano: 1) Ridurre

Dettagli

IL RATING AZIENDALE COME STRUMENTO DI VALUTAZIONE. Confidi Friuli: strumenti per il rilancio delle imprese Udine, 31 marzo 2009

IL RATING AZIENDALE COME STRUMENTO DI VALUTAZIONE. Confidi Friuli: strumenti per il rilancio delle imprese Udine, 31 marzo 2009 IL RATING AZIENDALE COME STRUMENTO DI VALUTAZIONE Confidi Friuli: strumenti per il rilancio delle imprese Udine, 31 marzo 2009 VEDIAMO INSIEME COME LE BANCHE ANALIZZANO UN IMPRESA RATING: IL PUNTO DI VISTA

Dettagli

Una manovra di rigore ed equità.

Una manovra di rigore ed equità. Una manovra di rigore ed equità. Ispirata all'art. 3 della Costituzione: "È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che impediscono il pieno sviluppo della persona".

Dettagli

COUNTRY PAYMENT REPORT 2015

COUNTRY PAYMENT REPORT 2015 COUNTRY PAYMENT REPORT 2015 Il Country Payment Report è uno studio di Intrum Justitia Intrum Justitia raccoglie dati da migliaia di aziende in Europa per acquisire conoscenze sulle abitudini di pagamento

Dettagli

INTERVENTI PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE PROGRAMMA ATTIVITÀ 2012

INTERVENTI PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE PROGRAMMA ATTIVITÀ 2012 INTERVENTI PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE PROGRAMMA ATTIVITÀ 2012 Area Commercio e Promozione Estero Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Treviso www.tv.camcom.it promozione@tv.camcom.it

Dettagli

L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio

L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio 1 L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio L esperienza del Gruppo Cariparma FriulAdria Roma, 5 Maggio 2010 Carlo PIANA Responsabile Direzione Centrale

Dettagli

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Camera dei deputati Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Roma, 1 luglio 2015 www.mef.gov.it 1 Il

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

Parte I FINANZIAMENTI INDIRETTI

Parte I FINANZIAMENTI INDIRETTI Parte I FINANZIAMENTI INDIRETTI L UE utilizza diverse procedure per fornire degli aiuti finanziari alle imprese europee, soprattutto alle PMI. In particolare la Commissione europea è consapevole dei problemi

Dettagli

Advisory Board Liberalizzazione e competizione: lo sviluppo delle infrastrutture e dei servizi ferroviari in Europa e in Italia

Advisory Board Liberalizzazione e competizione: lo sviluppo delle infrastrutture e dei servizi ferroviari in Europa e in Italia Advisory Board Liberalizzazione e competizione: lo sviluppo delle infrastrutture e dei servizi ferroviari in Europa e in Italia I 10 punti chiave del rapporto I 10 PUNTI CHIAVE DEL RAPPORTO 1. L Europa,

Dettagli

CONFIDI, UN SISTEMA DA 21 MILIARDI DI GARANZIE PER LA PRIMA VOLTA IN CONTRAZIONE

CONFIDI, UN SISTEMA DA 21 MILIARDI DI GARANZIE PER LA PRIMA VOLTA IN CONTRAZIONE COMUNICATO STAMPA Il Sistema Confidi al centro dello studio curato da Fondazione Rosselli, Gruppo Impresa, Unicredit in collaborazione con l Università degli Studi di Torino CONFIDI, UN SISTEMA DA 21 MILIARDI

Dettagli

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Paolo Di Benedetto Responsabile Dipartimento Valutazione Investimenti e Finanziamenti 21

Dettagli

L intervento della BEI a sostegno delle Pmi

L intervento della BEI a sostegno delle Pmi Agevolazioni Finanziarie 7 di Tommaso Zarbo (1) Esperto in materia di finanziamenti agevolati Finanziamenti comunitari L intervento della BEI a sostegno delle Pmi Con le recenti turbolenze finanziarie

Dettagli

Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo

Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo 13 FORO DI DIALOGO ITALIA SPAGNA Contributo degli intermediari finanziari italiani, coordinato dal Prof. Rainer Masera, al

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

Dexia Crediop e il Social Housing Fabio Vittorini, Direttore Politiche Commerciali DEXIA Crediop

Dexia Crediop e il Social Housing Fabio Vittorini, Direttore Politiche Commerciali DEXIA Crediop Dexia Crediop e il Social Housing Fabio Vittorini, Direttore Politiche Commerciali DEXIA Crediop Dexia Crediop ed il SOCIAL HOUSING Buongiorno a tutti, oggi abbiamo ascoltato molte cose interessanti; abbiamo

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Fondo Centrale di Garanzia. Sezione speciale per le imprese femminili

Fondo Centrale di Garanzia. Sezione speciale per le imprese femminili Fondo Centrale di Garanzia Sezione speciale per le imprese femminili Aprile 2013 Crisi e imprenditoria femminile: quale risposta Nel momento di difficoltà che il nostro Paese sta attraversando, l imprenditoria

Dettagli

Una rete di agenzie per Arca L INTERVISTA

Una rete di agenzie per Arca L INTERVISTA Giorgio Munari, d.g. di Arca Vita e Arca Assicurazioni Una rete di agenzie per Arca di Maria Rosa Alaggio Da sempre attiva nella distribuzione di prodotti vita e danni attraverso il canale bancario, oggi

Dettagli

L importanza della pianificazione finanziaria come strumento di conoscenza

L importanza della pianificazione finanziaria come strumento di conoscenza L importanza della pianificazione finanziaria come strumento di conoscenza di Fabrizio Masinelli (*) Spesso, nonostante il periodo di crisi, la pianificazione finanziaria viene considerata unicamente nel

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

IBAN ITALIAN BUSINESS ANGELS NETWORK

IBAN ITALIAN BUSINESS ANGELS NETWORK IBAN ITALIAN BUSINESS ANGELS NETWORK "Il capitale di rischio informale: la figura del Business Angel tra manager, imprenditore e finanziatore" **** - ATEMA speaker's corner del 3 ottobre 2005 (Tomaso Marzotto

Dettagli

Financial Community Hub www.fchub.it info@fchub.it. La Commissione europea preferisce i project bond

Financial Community Hub www.fchub.it info@fchub.it. La Commissione europea preferisce i project bond La Commissione europea preferisce i project bond Gli investimenti infrastrutturali possono stimolare crescita e occupazione. Come sostenuto dal neo presidente della Commissione europea Junker. Ma i lavori

Dettagli

Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito.

Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito. Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito. Torino, 18 settembre 2006 Indice Introduzione...p. 3 Le 6 regole fondamentali...p. 3 Introduzione Come abbiamo rilevato nei precedenti articoli

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO

INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO Finanza agevolata, bandi, credito d'imposta INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO Castellanza, LIUC - Università Cattaneo 2 ottobre 2014 INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO PRINCIPI:

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche?

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? Sintesi dei risultati Premessa L internazionalizzazione del sistema produttivo italiano costituisce uno degli obiettivi

Dettagli

Il modello lombardo visto dal Regno Unito

Il modello lombardo visto dal Regno Unito Il modello lombardo Direttore di ResPublica, Londra di Phillip Blond Le ragioni di un interesse 81 Vi sono diverse ragioni alla base del nostro interesse per la Lombardia e il suo modello di sviluppo che,

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

Intervista al dott.fabrizio Tortora Vicepresidente Aper 1. APER e il settore delle energie rinnovabili

Intervista al dott.fabrizio Tortora Vicepresidente Aper 1. APER e il settore delle energie rinnovabili Intervista al dott.fabrizio Tortora Vicepresidente Aper 1 APER e il settore delle energie rinnovabili L APER (Associazione Produttori Energia da Fonti Rinnovabili) è la prima associazione nazionale in

Dettagli

Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione?

Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione? Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione? Prima di provare a rispondere a questa domanda mi pare indispensabile una premessa che contestualizzi l attuale situazione. Perché a

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Comunicato stampa EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Le imprese associate a Eurogroup sono quasi 37 mila (+8,6% rispetto al 2006) L avanzo di gestione ante imposte è di 6,3

Dettagli

La copertura dei rischi nelle imprese: strumenti finanziari e assicurativi

La copertura dei rischi nelle imprese: strumenti finanziari e assicurativi La copertura dei rischi nelle imprese: strumenti finanziari e assicurativi Genova 8 novembre 2012 Pier Giorgio Saladini Dirigente Servizi alle Imprese Banca Carige S.p.A. Agenda I principali rischi connessi

Dettagli

Avvocati: Maria Bonfiglio Francesca Cagnoni Patrizia Crema Antonio Giannotti Matteo Fiori. Responsabile: Bruno Crema. Servizi legali in outsourcing

Avvocati: Maria Bonfiglio Francesca Cagnoni Patrizia Crema Antonio Giannotti Matteo Fiori. Responsabile: Bruno Crema. Servizi legali in outsourcing Avvocati: Maria Bonfiglio Francesca Cagnoni Patrizia Crema Antonio Giannotti Matteo Fiori Responsabile: Bruno Crema Servizi legali in outsourcing Gli avvocati e le PMI 1. Le Tecnologie Le professioni 2.

Dettagli

Legge di stabilità 2016. L impatto della manovra sui comuni

Legge di stabilità 2016. L impatto della manovra sui comuni Note e contributi ISSN 2464-9139 Legge di stabilità 2016. L impatto della manovra sui comuni Claudia Ferretti e Patrizia Lattarulo IRPET N. 7 - Dicembre 2015 1. L esenzione dell abitazione principale dalla

Dettagli

confronto continuo con gli amministratori dei Comuni.

confronto continuo con gli amministratori dei Comuni. Claudio Dossi, segretario Spi Lombardia Pavia, 22 gennaio 2016 Mi sembra che anche oggi con l introduzione di Anna, la presentazione della ricerca, il contributo dei rappresentanti delle amministrazioni

Dettagli

Per quanto riguarda l attenzione alla qualità del prodotto è stato necessario far capire alle persone quale fosse l enorme costo della non qualità.

Per quanto riguarda l attenzione alla qualità del prodotto è stato necessario far capire alle persone quale fosse l enorme costo della non qualità. Anzitutto volevo ringraziare per l opportunità che mi è stata data di presentare qui oggi la mia azienda. Noi imprenditori di solito siamo orgogliosi delle nostre creature, e quindi siamo contenti quando

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

Specialmente nell attuale fase di crisi, la presenza del Confidi al fianco dei soggetti economici, a consolidare la fiducia verso questi ultimi, e l

Specialmente nell attuale fase di crisi, la presenza del Confidi al fianco dei soggetti economici, a consolidare la fiducia verso questi ultimi, e l DOCUMENTO CONGIUNTO Unioncamere Assoconfidi sulle politiche per l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese ***** Il sistema della garanzia è soggetto da alcuni anni a un forte processo evolutivo,

Dettagli

Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding. Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan

Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding. Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan venerdì 25 giugno 2010 Buon pomeriggio. Un cordiale saluto al Ministro

Dettagli

Banche e finanza per la crescita

Banche e finanza per la crescita Banche e finanza per la crescita Corrado Piazzalunga Responsabile Finanza per la Sviluppo Direzione Finanza e Derivati Modena, 2 Aprile 2007 I Temi in Agenda Il sistema produttivo italiano UniCredit Banca

Dettagli

EaSI: il programma dell Unione europea per l occupazione e l innovazione sociale*

EaSI: il programma dell Unione europea per l occupazione e l innovazione sociale* EaSI: il programma dell Unione europea per l occupazione e l innovazione sociale* Il programma Occupazione e innovazione sociale (EaSI- Employment and Social Innovation) è il nuovo strumento finanziario

Dettagli

I nuovi titoli di debito ai sensi dell articolo 32 del Decreto Sviluppo

I nuovi titoli di debito ai sensi dell articolo 32 del Decreto Sviluppo Briefing I nuovi titoli di debito ai sensi dell articolo 32 del Decreto Sviluppo Una nuova era per l accesso al capitale in Italia? Sintesi L articolo 32 del Decreto Sviluppo introduce una nuova disciplina

Dettagli

Focus group di settore Fase di ascolto-confronto Formazione / Saperi

Focus group di settore Fase di ascolto-confronto Formazione / Saperi Focus group di settore Fase di ascolto-confronto Formazione / Saperi Incontro 29 luglio 2010 - Fiorano Valutazione contesto esistente 1. Quali sono in generale i 3 punti di debolezza attuali del distretto

Dettagli

Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014

Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014 Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014 La promozione del sistema industriale italiano all'estero: migliorare efficacia ed efficienza. Le azioni. Grazie dottor

Dettagli

Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria. Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A.

Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria. Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A. Private equity e private debt: le nuove sfide della consulenza finanziaria Philippe Minard Emisys Capital S.G.R.p.A. Disclaimer Il presente documento è stato elaborato unicamente al fine di fornire generiche

Dettagli

LE OPPORTUNITA FINANZIARIE PER LO SVILUPPO DELLE PMI. Lorenzo Alberti Area Manager Credem Milano, 18 novembre 2014

LE OPPORTUNITA FINANZIARIE PER LO SVILUPPO DELLE PMI. Lorenzo Alberti Area Manager Credem Milano, 18 novembre 2014 LE OPPORTUNITA FINANZIARIE PER LO SVILUPPO DELLE PMI Lorenzo Alberti Area Manager Credem Milano, 18 novembre 2014 Contesto di mercato Il PIL italiano è cresciuto a ritmi positivi tra il 2000 e il 2007,

Dettagli

LA STRATEGIA GLOBALE DELL OECD PER INVESTIRE NELLE COMPETENZE SOPRATTUTTO DEI GIOVANI

LA STRATEGIA GLOBALE DELL OECD PER INVESTIRE NELLE COMPETENZE SOPRATTUTTO DEI GIOVANI NOTA ISRIL ON LINE N 40-2012 LA STRATEGIA GLOBALE DELL OECD PER INVESTIRE NELLE COMPETENZE SOPRATTUTTO DEI GIOVANI Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it

Dettagli

RETI DI IMPRESE - Il posizionamento di UniCredit. Livia DAMILANO Region Nord-Ovest

RETI DI IMPRESE - Il posizionamento di UniCredit. Livia DAMILANO Region Nord-Ovest RETI DI IMPRESE - Il posizionamento di UniCredit Livia DAMILANO Region Nord-Ovest Torino, 24 febbraio 2014 EVOLUZIONE DEI MERCATI LE CARATTERISTICHE DEL MERCATO ITALIANO. Oggi le imprese devono affrontare

Dettagli

Emergenza credito anche per le libere professioni

Emergenza credito anche per le libere professioni Lunedì 18 marzo 2013 Emergenza credito anche per le libere professioni È allarmante il quadro economico delle professioni che è emerso nel corso del consiglio di amministrazione di Fidiprof Nord e di Fidiprof

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

Reti d impresa La nuova dimensione delle Imprese che vogliono crescere. Il supporto del Gruppo Intesa Sanpaolo

Reti d impresa La nuova dimensione delle Imprese che vogliono crescere. Il supporto del Gruppo Intesa Sanpaolo Reti d impresa La nuova dimensione delle Imprese che vogliono crescere. Il supporto del Gruppo Intesa Sanpaolo Guidizzolo, 25 novembre Contratto di Rete Descrizione Caratteristiche Obiettivi strategici

Dettagli

OGGETTO: Progetto Scacchi a scuola in Italia

OGGETTO: Progetto Scacchi a scuola in Italia OGGETTO: Progetto Scacchi a scuola in Italia Premessa Negli ultimi anni le attività di diffusione scacchistica nelle Istituzioni scolastiche si sono moltiplicate in molte regioni italiane, Dirigenti Scolastici

Dettagli

GIORNALE INFORMATIVO MONETA INTERA dicembre 2015

GIORNALE INFORMATIVO MONETA INTERA dicembre 2015 GIORNALE INFORMATIVO MONETA INTERA dicembre 2015 Cara Lettrice, caro Lettore, Festeggiamo un evento storico: grazie a più di 110 000 cittadini, la Svizzera potrà decidere in votazione chi ha il diritto

Dettagli

Progetto il Ponte srl si occupa di progettazione e sviluppo di progetti per l internazionalizzazione delle aziende

Progetto il Ponte srl si occupa di progettazione e sviluppo di progetti per l internazionalizzazione delle aziende Company Profile Progetto il Ponte srl si occupa di progettazione e sviluppo di progetti per l internazionalizzazione delle aziende Assistenza alle aziende italiane nel pianificare e attuare un percorso

Dettagli

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Grazie, vi ringrazio molto di avermi invitato. Come Ministro dell Ambiente ho tratto più di uno stimolo dalla

Dettagli

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Convegno su Processi di decentramento e rilancio dello sviluppo. Investimenti pubblici, infrastrutture e competitività Banca Intesa

Dettagli