Atti del Convegno Aisvec del

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Atti del Convegno Aisvec del 16-11-2010"

Transcript

1 Atti del Convegno Aisvec del

2 INDICE Introduce i lavori la Presidente AISVEC Patrizia Marte. Modera l On. Dario Antoniozzi, Presidente del Comitato Scientifico AISVEC. 1- FILIPPO CALCIANO: Strumenti finanziari per le PMI ; 2- LUCIANO ROTONDI: Le risorse europee a beneficio di investimenti pubblici e privati ; 3- LUCIA UMILE: L internazionalizzazione delle PMI. Agevolazioni per il MADE IN ITALY ; 4- ALBERTO ZILIO: La Digital Agenda e le opportunità per le PMI ; 5- TOMASO MARZOTTO CAOTORTA: Opportunità per i nuovi progetti d impresa: il capitale di rischio informale dei Business Angels ; 6- PETER JUNGEN: Getting out of the crisis. More Entrepreneurschip and Innovation ; 7- MATTEO FORNARA: La Politica Industriale dell UE e le PMI.

3 Con gli interventi dell ASSESSORE al Comune di Treviso Dr. ZUGNO e del PRESIDENTE della Provincia di Treviso Dr. MURARO. INTRODUZ IONE Patrizia Marte: Presidente A ISV E C Intendiamo fornire una panoramica, la più ampia possibile, agli enti delle possibilità per lo sviluppo dell attività imprenditoriale. Ringraziamenti istituzionali il governatore ha mandato una lettera di augurio scusandosi per essere impossibilitato a partecipare. Il convegno è suddiviso in due sessioni: mattina interventi, lunch, pomeriggio possibilità di relazionarsi direttamente con i relatori. Lascio ora la parola al moderatore di questa giornata, l On. Dario Antoniozzi. On. Dario Antoniozzi: Ringrazio anzitutto chi ha preso l iniziativa: Patrizia Marte. Anche perché è un incontro ricco di spunti e prospettive.i soggetti invitati sul piano formale e sul piano sostanziale a sviluppare prospettive di questo tipo si fa qualcosa di importante e innovativo tanto per l Italia quanto per l Europa. Si fa qualcosa che è congeniale con la realtà socio economica. Anche perché le pmi hanno punti di partenza in comune che vanno oltre il lato speculativo. Non sono gigantesche e quindi hanno un autocontrollo che non creano problemi e creano per il futuro una situazione migliore di quelle che creano altre iniziative di natura economica che non siano pmi. Complimenti per questa impostazione congressuale e grazie a quanti daranno il loro contributo a questo importante convegno.

4 ASSESSORE AL CO MUNE DI TREVISO Dr ZUGNO: Buongiorno a tutti. Grazie da parte del comune di Treviso. Purtroppo il sindaco aveva impegni inderogabili. Mi ha delegato per portare i suoi saluti e porto unitamente quelli della giunta e di tutta l amministrazione. Sono sicuro che in considerazione degli argomenti trattati dai relatori che interverranno nella mattinata e anche nel pomeriggio ci saranno importanti spunti di riflessione sia di mercato che di finanziamento. Ringrazio Patrizia Marte e buon lavoro.

5 Filippo Calciano: Strumenti finanziari per le P M I Buongiorno a tutti e grazie. Credo che la nostra audience sia composta da enti, imprese ed è importante perché sono tutti soggetti che in questo momento condividono gli stessi problemi. Non è sempre stato così, perché gli enti fino a non molto tempo fa ricevevano importanti sovvenzioni dallo stato e le stesse imprese non si trovavano di fronte a un sistema bancario tanto ostile quanto quello di oggi. Infatti, è abbastanza usuale incontrare soggetti privati non indebitati con le banche perché le restrizioni finanziarie sono arrivate ad una regolamentazione che penalizzano quelle che si sono esposte. Lo stesso vale per quelle grandi imprese che fanno buoni prodotti: vale a dire che è importante che gli imprenditori diventino bravi a gestire la parte finanziaria della loro impresa oltre che produrre articoli di buona/alta qualità. Mostrerò un elenco di quegli strumenti finanziari europei che possono venire in aiuto di enti PMI e singoli soggetti. Gli enti pubblici sono divisi in 2 rispetto ai finanziamenti: 1- quelli che si possono indebitare e quelli che non si possono indebitare; 2- quelli che hanno sforato i limiti di indebitamento previsti dal duel e dai patti di stabilità. Quando un ente locale ha margini di indebitamento, può accedere a mutui a tassi molto bassi da parte della banca degli investimenti.

6 Il problema è cosa fare per quegli enti che non si possono indebitare più e sono molti. Per esempio, possono operare quella che si chiama una gestione attiva del debito, senza contrarne uno nuovo. Si tratta di sfruttare le possibilità che offre il mercato e tentare di sostituire i debiti che sono in bilancio con nuovi debiti più efficienti che costano meno. Tentando di utilizzare anche la possibilità di avere un entrata in cassa in parte corrente al momento della sostituzione. Come si sostituisce un debito non efficiente con un debito efficiente? La cosa più immediata è la rinegoziazione dei mutui che gli enti possono operare in un momento come quello attuale, per cui la cosiddetta curva dei tassi d interesse di lungo periodo è fortemente decrescente. Poiché ci sono enti che si sono indebitati prima della crisi finanziaria e che possono rinegoziare questo mutuo a tassi fissi correnti e ottenere attraverso un approccio pro attivo con la banca anche un pagamento a tasso immediato per l operazione di rinegoziazione. Naturalmente, l ente deve porsi in modo paritetico nei confronti della banca, cioè, deve essere in grado di fare proposte adeguate, di usare la stessa strumentazione tecnica che usa la banca per poter dialogare con essa e non ricevere passivamente solo proposte cui rispondere affermativamente o negativamente. Gli enti possono fare cose un po più sofisticate, come l emissione di prestiti obbligazionari: il prestito obbligazionario è consentito quando ( norma del DUEL ) si vuol ristrutturare un debito esistente. L ente o il consorzio di enti, se si tratta di enti piccoli, mettono insieme un pool di loro mutui passivi ed emettono obbligazioni naturalmente, attraverso la scelta di un intermediario finanziario che colloca il debito obbligazionario e si impegna a comprarli. Il prestito obblig. Consente di estinguere i mutui e generare entrata di cassa e sostituire i tassi d interesse negoziabili con tassi decisamente più vantaggiosi che sono quelli passivi dell ente associati al prestito obbligazionari.

7 Questa tecnica è trattata fiscalmente molto bene perché parte della tassazione che pagano i sottoscrittori viene retrocessa all ente emittente o al consorzio. Dunque, il tasso effettivo che l ente paga si abbassa notevolmente ed è possibile ritrovarsi con un debito in termini di tassi passivi che ha generato un entrata in parte corrente. E possibile utilizzare strumenti di copertura dei rischi in termini di tassi d interesse: infatti, c è un regolamento in fase di emanazione da parte del ministero dell economia che elenca dettagliatamente alcuni prodotti finanziari che gli enti possono utilizzare per compiere alcune azioni di copertura sui tassi d interesse. Ora che i tassi d interesse sono al minimo storico possono e anzi devono essere utilizzati, in modo semplice ed efficace. Intanto gli enti territoriali potrebbero iniziare a prepararsi e capire quali rischi presto incontreranno in termini finanziari e come proteggersi. Queste quindi sono tre cose che gli enti che non si possono indebitare possono invece prendere in considerazione: 1- ristrutturare mutui; 2- reperire risorse; 3- coprirsi dai rischi dei tassi d interesse. L ente oltre che gestire attivamente il passivo, può gestire anche l attivo: ovvero può, tramite crediti tributari o extra tributari, cartolarizzare questi debiti tipici della cultura corporate cioè della finanza aziendale, accessibili anche agli enti. Le operazioni di cartolarizzazione specialmente per i piccoli comuni consorziati sono interessanti perché consentono di trasformare il fondo poste poco liquide dell attivo in capitale circolante e generare possibilità di spesa corrente. Come si cartolarizza un credito?

8 Un credito tributario si trasferisce a una società gestita da un intermediario finanziario o una banca selezionata secondo una pubblica gara: l intermediario trasferisce immediatamente il corrispettivo all ente, cioè la somma corrispettiva di questi crediti. L ente deve comunque poter essere in grado di dire quanto valgono questi crediti sul mercato per poter dialogare con l ente cartolarizzatore. Questo ente emette dei titoli che sono garantiti da questi crediti e si ripaga attraverso i flussi che i crediti generano. L ente esce dalla partita nel momento stesso in cui li trasferisce. Può anche rinunciare a un eventuale responsabilità su un possibile default. Gli enti che vengono fuori da questi meccanismi finanziari acquisiranno una mentalità più dinamica e saranno in grado di parlare con le banche di strumenti finanziari, dalle operazioni più semplici a quelle più complesse. E molto importante considerare i prestiti obbligazionari come opportunità concrete per questi enti. La finanza di progetto per molti di loro potrebbe essere fare opere pubbliche attraverso gare di costruzione e gestione che sono cose diverse rispetto alle concessioni. Per contestualizzare l argomento della costruzione della gestione poniamo che si voglia costruire una piscina. Indirò una gara per trovare chi la costruisca per me e l ente non pagherà direttamente, oltre a costruire e gestire, consento di costruire un bar ristorante, in modo che il concessionario possa reperire sul mercato i capitali di rischio necessario a proprio carico basandosi sulla redditività attesa di progetto. Dunque, la funzione dell ente è quella di rendere appetibile un progetto per il privato al di fuori del rapporto di concessione e del pagamento di un canone dall ente al gestore. L ente non paga più nulla. Riceve l opera dopo un periodo di tempo necessario al gestore/costruttore per remunerare in termini privatistici il proprio investimento. Anche gli enti che hanno ancora margine di indebitamento, oltre che indebitarsi a tassi agevolati, potrebbero iniziare a pensare a una

9 ristrutturazione dei mutui esistenti, pensare a consorzi e prestiti obbligazionari e a cartolarizzare il loro credito. Tutti questi strumenti sono a disposizione delle imprese e non solo degli enti. Le imprese inoltre non hanno vincoli restrittivi come gli enti, per esempio nel bilancio, non sono obbligate al pareggio della parte corrente. Non sono soggette a limiti d indebitamento, al patto di stabilità. Le imprese che rientrano nei finanziamenti agevolati da parte della BEI (Banca Europei degli Investimenti) vivono in mercati turbolenti, che pagano costi molto alti dovuti alla variazioni di prezzo delle materie prime dei loro prodotti, come alla poca prevedibilità dei tassi di cambio alla rivalutazione continua dell euro. Queste imprese possono garantirsi da questi rischi con forte impatto sulla loro redditività con strumenti finanziari che si chiamano features e danno la possibilità di fissare il prezzo delle materie prime con un anno o due di anticipo, come pure fissare i tassi di cambio. Per le PM è arrivato il momento di valutare l ingresso di nuovi soci nel capitale di rischio, attraverso fondi che si chiamano the private equity. I Private Equity consentono all impresa di avere un partner finanziario a tempo determinato e con quote di minoranza nel capitale di rischio, che hanno un obiettivo comune ed è quello di generare valore a anni al massimo. In questo periodo, è possibile contrattualizzare una relazione di partenariato prima che inizi a essere operativa. Nel decidere che quote di fondo entreranno nel capitale di rischio, in che condizioni ne uscirebbe l impresa, cosa si potrebbe fare insieme all imprenditore e con quali quote? Ci si scontra or ora con una grande diffidenza da parte degli imprenditori nei confronti di questo strumento. L imprenditore che vive difficoltà finanziaria e di espansione nella crescita della sua azienda può ragionevolmente pensare a far entrare un socio per

10 un periodo di tempo limitato e sulla base di un obiettivo di progetto d investimento ben definito. Quest ultimo a seconda del contratto iniziale spesso rivende le sue quote all imprenditore stesso o si impegna a cercare un socio insieme all imprenditore. Ci sono diversi modi di gestire questa parte contrattuale. In conclusione, anche quando enti e imprese sono ai limiti d indebitamento, è possibile intervenire iniziando a pensare alla propria struttura finanziaria in modo pro attivo, ottimizzando così la propria gestione. Grazie. Luciano Rotondi: Le risorse europee a beneficio di investimenti pubblici e privati Da operatore finanziario altamente specializzato il mio linguaggio sarà tecnico e tuttavia comprensibile. L intervento è diviso in 3 parti: il primo dedicato al nuovo programma 2008/2013 sui fondi europei, quelli di Bruxelles. Il secondo precisa il ruolo delle banche che merita delle precisazioni come paventato dal Prof. Calciano e da ultimo la parte relativa alla finanzi abilità soprattutto da parte dei fondi d investimento della BEI. 1- Secondo il programma 2008/2013, le risorse sfruttate dagli enti locali in Italia sono nettamente inferiori a quelle messe a disposizione. La totalità dei fondi erogati da Bruxelles ammonta a 40miliardi di euro, tutti a fondo perduto. Impegnato e non erogato per il solo 10%. In questo contesto, si possono innocentare quasi completamente le regioni del centro e soprattutto quelle del nord che non sono a obiettivo 1. L obiettivo 1 è l obiettivo di sviluppo per quei Paesi che secondo l UE hanno meno soldi.

11 Per esempio, la regione Veneto fino al 2013 ha a disposizione fino a 400 milioni di euro. La Regione Veneto ha indirizzato questa cifra quasi interamente per infrastrutture stradali. Invece, per quelle zone considerate non obiettivo 1 è interdetto l intervento a fondo perduto di questo finanziamento nei confronti di quelle imprese che invece possono contare su un sistema di fondi regionali che si chiama de minimis. Così, mentre il mezzogiorno e le isole possono avvalersi di questo fondo, le regioni del centro nord no. Il problema è che l Italia, rispetto agli altri paesi dell UE, ha una velocità di crociera di 9miliardi all anno per i finanziamenti a tasso agevolato, finanziamenti che in parte dunque vanno restituiti, invece è scarsamente informata e ancor più ausiliatrice di quelli non rimborsabili. Per esempio la Calabria ha a disposizione fino al 2013 più di 2 miliardi di euro di finanziamenti europei a fondo perduto, così pure la Campania. Fondi che ad oggi non sono stati reperiti e che se non venissero richiesti resterebbero a Bruxelles. Per quanto riguarda le banche, pur avendo la critica del Prof Calciano la sua ragion d essere, la situazione è un po diversa: per esempio UniCredit, San Paolo rilanciano su questi soldi che vi sono e vi sono sempre stati, solo, per avere l accesso al credito, occorre essere conformi ai parametri di Basilea 2. Le imprese relativamente piccole tutt oggi ignorano o poco sanno di Basilea 2. Le banche, rispetto alle imprese, aiutano esclusivamente quei clienti il cui rapporto con loro è consolidato da tempo. Tuttavia, se io sono cliente di una certa banca e ho un idea buona che desidero voler far finanziare, la banca non potrà darmi i soldi della BEI, allora dovrà rilasciarmi un certificato che mi assegni un rating Basilea, in modo che io possa rivolgermi a un altra banca per avere i soldi della BEI. Questo almeno in teoria!

12 La banca di cui si è clienti rilascia difficilmente questo certificato, avendo l impresa verso di lei il rating intero di conformità. E a questo punto che assistiamo a una forte speculazione. Sono nati infatti i grandi certificatori come PWC che studiano come rilasciare questi certificati. Si chiama rating esterno Basilea 2. Questo è il primo ostacolo da superare anche per quelle imprese che devono accedere ad un leasing, un mutuo, un factoring o un fido su un altra banca. 2- Le imprese non hanno solo necessità di una banca che eroghi soldi ma anche necessità di garanzie per l accesso al credito e qui c è poca informazione da parte delle imprese e incuria delle banche. Le banche non riferiscono che esiste una realtà vantaggiosa economicamente che consente alle imprese i confidi per garantire le operazioni finanziarie. Questi meccanismi possono garantire anche fino all 80% delle richieste delle imprese sia per la loro liquidità che per la loro progettualità. Il fondo più importante esistente in Italia è quello dello stato presso il medio credito centrale. Un fondo purtroppo di difficile accesso, perché loro parlano esclusivamente col sistema bancario e non anche con le imprese. E poiché sarebbe anche in questo caso la banca a dover fornire i mezzi e le garanzie suddette, diventa un cane che si morde la coda, non fornendo le banche il supporto descritto. Un handicap delle banche infatti è quello di non essere consulenti delle imprese e riferire la possibilità di accesso anche a questi fondi. Esistono poi le agenzie delle banche alle quali si rivolgono spesso gli imprenditori che non parlano sempre con i direttori generali delle banche. Queste agenzie spesso non sanno nemmeno che esiste un istituto come la BEI pur rientrando nelle sue linee di credito. E perciò necessario che gli istituti di credito italiani vengano educati e qualora lo fossero già, istruiti su tutti i sistemi finanziari che possono offrire alle imprese, di matrice diretta BEI.

13 Uno strumento importantissimo è pure il leasing. Vitale per la finanziabilità dei progetti legati all energia. 3- terzo aspetto: i progetti. Premesso che i finanziamenti della BEI sono compatibili con tutti gli altri strumenti di intervento, compresi gli equity e quelli a fondo a perduto, non è assolutamente vero che eroghi finanziamenti agevolati. Piuttosto, eroga finanziamenti a tasso moderato. Infatti, la Bei, capitalizzata per 100 miliardi di euro, va sul mercato internazionale raccoglie il denaro dei capitali e non essendo una banca a fini di lucro ripercuote questi tassi d interesse bassi sulle banche sue intermediarie e interviene sui contraenti finali del finanziamento. Dunque, fondamentale è il principio di compatibilità della BEI con tutti gli altri strumenti d intervento. La BEI interviene sia per i finanziamenti pubblici che per quelli privati. Per i finanziamenti pubblici, noi distinguiamo due categorie: a) progettualità infrastrutturali fino a 25 milioni di euro. Su questi costi la BEI interviene attraverso il sistema bancario corrispondente che ha le linee di credito BEI. La banca che ha le linee di credito BEI le ha tanto per i privati che il pubblico. Per cui l ente pubblico locale che ha necessità di accesso al credito si rivolge alla banca che ha fondi Bei e nello stesso tempo deve far parte del patto di stabilità. Che significa far rientrare nel patto di stabilità? avere le delegazioni di pagamento nei primi tre capitoli di spesa del bilancio che sono calcolate e lo fanno accedere al mutuo. Rispetto al privato, l ente pubblico non è soggetto a finanziamento parziale, allora su un progetto la BEI darà il 100% rispetto al 50% che darebbe al privato.

14 Il fondo BEI può riguardare dal singolo progetto ai pacchetti di progetti che l ente vuole presentare. Il fondo della BEI tuttavia per gli enti pubblici non supera i 12 anni e il suo tasso è estremamente moderato (intorno a 1.50/60%). Sopra i 25 milioni di euro interviene direttamente, tranne per gli enti pubblici che non hanno accesso diretto alla BEI. In questo caso, non è applicabile la cosiddetta procedura semplificata, che transita attraverso il sistema bancario, si passa invece per il consiglio d amministrazione della BEI e si arriva ai sensi dell art 21 dello statuto BEI e all opinione espressa dal Dg 2 della commissione generale affari economici e monetari di Bruxelles: gli enti che hanno accesso alla Bei per pacchetti di milioni di euro beneficiano da una parte del tasso moderato del mutuo della bei stessa e dall altra di una durata di credito che può arrivare fino a 20/25 anni. Se la provincia di Treviso per esempio, pianificasse un pacchetto di iniziative infrastrutturali in settori ritenuti dall UE e dalla BEI settori primari, come l energia l ambiente la sanità o la scuola, potrebbe avere accesso ai fondi Bei per una durata di 25 anni, quindi per un ammontare di 100/150 milioni di euro. Questo naturalmente può essere possibile sono per determinati comuni come i capoluoghi di provincia o regione, non per comuni più piccoli. Per i privati, salvo casi di enormi aziende come Benetton FIAT ecc per esempio, le imprese transitano per il sistema bancario. Nell ambito della progettualità, se il privato ha un progetto nel settore dell energia e ha interesse a ottenere un finanziamento sul comparto leasing, non è più limitato al 50%, bensì può chiedere l intervento dei fondi BEI attraverso gli istituti di credito che hanno il suo comparto, fino al limite costituito dalla maxi rata iniziale. Per i progetti normali, la regola prevede l accesso fino al 50% per una durata non superiore ai 12 anni. La società più è solida e offre garanzie come i confidi, maggiore è il rating di Basilea 2000, più merita uno spread ridotto. Comunque inferiore rispetto al tasso soprattutto variabile delle banche che speculano maggiormente.

15 Relativamente alla finanziabilità delle iniziative, gli unici settori che la BEI non finanzia sono i mutui edilizi per l acquisto di case private e il tabacco. Per tutto il resto, dall industria al bar, assicura finanziabilità. Per quanto concerne le collateralità, sono disponibili gli equity che subiscono moltiplicatori come quello denunciato sui media e istituito tra banche su iniziativa del ministero dell economia. E sempre vantaggioso accedere agli Equity. L azienda dovrà avere persone esperte per preparare una documentazione completa da Basilea 2 al business plan. Importante è osservare che ci si può rivolgere contemporaneamente alla BEI e alle strutture che danno accesso agli equity. Nel Veneto per esempio esiste Veneto Sviluppo. Naturalmente, questa realtà, come tutte quelle simili ad essa sono soggette a determinati vincoli. Un altro sistema a supporto delle imprese è il sistema dei confidi, conosciuto nell ambito dei confidi di medie dimensioni, tuttavia esistono alcune alleanze che fanno da garanzia sempre in ambito pubblico locale. Attraverso la FEI fondo europeo degli investimenti- figlio della bei che ha la caratteristica di mettere a disposizione fondi per garantire le imprese. Queste strutture agiscono tanto in Piemonte quanto in Lombardia in Toscana in Veneto e in Emilia Romagna. Tutto questo, insieme al sistema dei confidi può arrivare a garantire anche fino all 80% dei fondi BEI. E necessario inoltre fare riferimento a un programma comunitario che si chiama Geremy: un programma varato nel Bruxelles nel passato ha sempre ragionato a livello di contribuzione a fondo perduto, cioè i contributi in conto capitale. Ora si è creato un sistema di cosiddetti fondi a perdere. Geremy appunto, abbinato alla BEI, fornisce capitale equity attraverso sistemi di intermediazione per le imprese che desiderano avere una parte di capitale. L attivazione di Geremy è senza interessi senza pretese di dividendi e senza garanzie.

16 Insomma, si tratta di un capitale nudo che deve essere restituito nudo, nell arco di 7 anni. Se ciò non accade, non essendovi garanzie, il tempo potrà anche superare la data di scadenza fissata. La Regione Veneto, per esempio, ha deciso di usare Jeremy per rifinanziare i confidi, non comprendendo che possono essere usati per fornire capitale alle imprese. Delle 20 regioni cui era destinato Jeremy, solo 3 lo hanno attivato- Lombardia Veneto e Campania - le altre 17 no. In definitiva sarebbe auspicabile sensibilizzare e formare gli enti e soprattutto le regioni delle enormi potenzialità che hanno a disposizioni se non di quelle di cui già dispongono senza saperlo. Grazie. Lucia Umile: L Internazionalizzazione delle PMI. Agevolazioni per il Made in Italy Si è fatto riferimento al fatto che è possibile recuperare dei fondi perduti recandoci a lavorare ad esempio in Romania. Vero sotto il profilo tecnico, ma quale sarebbe la ricaduta sul nostro PIL? perché la ricaduta c è A ben guardare la geografia del cosiddetto MADE IN ITALY, capiremo che oggi di fondamentale importanza è che al di là del marchio che deve connotare una provenienza imprenditoriale, una qualità di prodotto e anche una successione pubblicitaria, genericamente inteso, noi siamo portatori di un altro marchio che è quello nazionale.

17 Portatori del MADE IN ITALY. Per cui la nostra spendibilità e ricaduta sul PIL nazionale si gioca nella difesa equa e non a boomerang di questo concetto. Allora, se si parla direttamente e obiettivamente di finanziamento alle piccole imprese, indipendentemente dai fondi comunitari che comunque passano per le regioni e per altre strutture che prescindono dalle piccole imprese, la piccola impresa può accedere a fondi de minimis (fino a 500mila euro) con un credito d imposta qualora dimostri di lavorare fattivamente per la crescita del brand Made in Italy all interno della sua produzione. I finanziamenti nel processo di internazionalizzazione delle piccole imprese passano attraverso i cosiddetti concetti SIMEST: le categorie finanziabili. Una normativa di cui disponiamo risale al 13 maggio 1998, riguardante contributi e finanziamenti per lo sviluppo e le esportazioni. Facendo più attenzione, ci si accorge che riguardano quelle esportazioni che rechino validamente made in Italy. Un altra recentissima del 24 agosto 2010 riporta che dal 1 dicembre c.m. ci si può catalogare nel sistema dell agenzia delle entrate e prenotare le quote sul credito d imposta qualora si dimostri: 1- di entrare nel sistema Simest, 2- di fare progettualità e creare proposte sul mercato internazionale che individuino una produzione Made in Italy. Per quali motivazioni è veramente complessa l individuazione del MADE IN ITALY? Se il concetto di marchio riguarda l origine e la provenienza di una merce, questo in termini comunitari viene definito secondo determinati parametri. Domande: che cos è la provenienza? E che cos è l origine? La provenienza sta per il luogo o il traffico internazionale dal quale la merce mi giunge.

18 L origine sta nell insieme di prodotti che qualificano quella merce, cioè la filiera che l ha portata a costruirsi in un certo modo. Per esempio, il tessile è composto di tessuti e materie prime, tessuti e materie secondarie, di apporti. All interno della comunità la merce viene definita secondo criteri tarig: una nomenclatura numerica che ne individua la voce merceologica. Passare da una voce merceologica all altra dimostra quale sia stato l apporto in termini di originarietà della lavorazione. Questo è importante, perché il concetto di nazionalità nel mondo globalizzato che viviamo è un concetto relativo. Cioè, viviamo al contempo nel globale e nel glocale. Infatti, come faccio a dire che qualcosa che è stato prodotto a Firenze è assolutamente MADE IN ITALY? Un cinese che vive a Firenze da anni e produce secondo metodologie orientali non produce forse un prodotto italiano? Se ho acquistato materie prime altrove e le ho assemblate compiutamente in Europa questo prodotto è o non è Made in Italy? Siamo di fronte ad una contraddizione rispetto cui il legislatore non è stato generoso di indicazioni. Infatti, se da una parte l articolo 517 del codice penale punisce chiunque introduca beni con marchi fallaci all interno della comunità e li fa circolare, interviene allora introducendo il concetto punibile di contraffazione del MADE IN ITALY che individuo con il marchio, tuttavia crea anche una situazione di disparità. Perché, se possiedo un azienda italiana e produco in Cina, importo in Olanda e vendo in Francia, non soggiaccio ai limiti dell art. 517 pur facendo i miei affari all interno della comunità vendendo il prodotto per potenziale MADE IN ITALY?

19 Guai penali e amministrativi intervengono e ancora una volta il legislatore nell agosto e nel settembre 2009, commina una sanzione amministrativa che arriva fino a 250 mila euro per ogni operazione doganale. Ancora una volta si crea disparità di comportamento rispetto a quello che avviene in Italia, dove è vietato vendere pseudo-made in italy e solo in Italia. Ciò posto, è necessario tutelarci perché siamo portatori di qualcosa di diverso che rappresenta più un come fare, che prescinde da chi come e dove lo fa, in cui del resto è deposta tutta la nostra creatività. E facile immaginare che i limiti di tutela esistenti sul concetto di creatività sono molto ampli. Se mal strutturati, possono stridere anche con i principi comunitari di libera circolazione delle merci e con l art 3 della costituzione che dice- non occorre disparità di trattamento rispetto a beni ugualmente tutelabili. In ogni caso, il concetto di origine e provenienza è nato in termini di gabella in Europa per dare o no delle garanzie preferenziali di detassazione sui dazi e aprire il volano virtuale, cui accennava l on. Antoniozzi, indicandolo come volano virtuale più importante all interno dell Europa. Rilevante è anche individuare la sommatoria delle attività economicamente rilevanti sul territorio italiano, riguardo al come fare dell azienda italiana. A questo proposito porto l esempio di una legge molto criticata legge Reguzzoni-Versace(4 aprile 2010 al numero 55) e non a caso in sede comunitaria non le è stato ancora consentito di entrare in vigore. Questa legge infelice introduce nell individuazione del MADE IN ITALY non solo il cambiamento di voce nella tarig : che vi siano cioè operazioni sensibili a cambiarne la sua definizione doganale, bensì introduce in modo determinato il concetto di filiera e mutua questo concetto dalla parallela e non distinta applicazione del marchietto CE, il marchietto di conformità europea sulla sicurezza dei prodotti. Esso viene conferito solo con la filiera.

20 Mutuando da quest ultima, si può chiamare un prodotto made in italy solo se determinate trasformazioni di filiera e la ricostruibilità totale della filiera consente di ricondurla a un prodotto italiano. Questa normativa sulla carta è entrata in vigore il 1 ottobre, di fatto l agenzia delle dogane ha diramato la sua inapplicabilità nei punti di controllo: le dogane. Perché veniva demandata la sua diretta applicazione a un regolamento sub iudice in sede comunitaria che ancora non c è. In conclusione, occorre sensibilizzare tanto le istituzioni italiane quanto quelle comunitarie perché presto diverrà inapplicabile anche poter accedere ai fondi che per le PMI e il credito d imposta sono previsti. Grazie. Alberto Zilio: La Digital Agenda e le opportunità per le PMI Digital Europe rappresenta la lobby europea delle industrie per l Information&Communication Technology, io rappresento gli interessi politici ed economici di più di 60 multinazionali europee come microsoft, Siemens, nokia, IBM, Alcatel ecc

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 Verso un utilizzo più strategico imparando dall esperienza maturata Roberto D Auria Mario Guido Gruppo di lavoro Competitività Roma, 28 ottobre 2013 L esperienza

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 Il sistema monetario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 La moneta Il ruolo della moneta nell economia Effetti sulle variabili macroeconomiche

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Assemblea 17 giugno, ore 11.30 Date: 2011-06-17 1 (11) Ericsson Internal Premessa La Sezione Elettronica ed Elettrotecnica intende rappresentare un importante elemento

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali COMUNICATO STAMPA CREDITO, CATANIA: NUOVI STRUMENTI PER L AGRICOLTURA ITALIANA Il nostro Paese sta attraversando una congiuntura difficile ed uno

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con il Consiglio Regionale dell Economia

Dettagli

Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1. Il Gruppo e le sue attività pag. 2. L organizzazione del network pag.

Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1. Il Gruppo e le sue attività pag. 2. L organizzazione del network pag. DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1 Il Gruppo e le sue attività pag. 2 L organizzazione del network pag. 5 Le partnership commerciali pag.

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

A volte il risultato della revisione è l'attribuzione di un rating peggiorativo, che può portare alla revoca in tronco degli affidamenti!

A volte il risultato della revisione è l'attribuzione di un rating peggiorativo, che può portare alla revoca in tronco degli affidamenti! Accade spesso che la banca vada a visitare l azienda solo quando deve acquisirne la relazione o, successivamente, per collocare nuovi prodotti o chiedere maggiori flussi di lavoro o relazioni indotte,

Dettagli

CONFERENZA DEL TURISMO ITALIANO GENOVA 20-21 SETTEMBRE 2004 CENTRO CONGRESSI MAGAZZINI DEL COTONE AUDITORIUM

CONFERENZA DEL TURISMO ITALIANO GENOVA 20-21 SETTEMBRE 2004 CENTRO CONGRESSI MAGAZZINI DEL COTONE AUDITORIUM CONFERENZA DEL TURISMO ITALIANO GENOVA 20-21 SETTEMBRE 2004 CENTRO CONGRESSI MAGAZZINI DEL COTONE AUDITORIUM INTERVENTO DELL'ASSESSORE REGIONALE ALLE POLITICHE DEL TURISMO E DELLA MONTAGNA DELLA REGIONE

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli - Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli Roma 04 Dicembre 2012 1 Signor Ministro Passera, a nome mio e

Dettagli

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 Approvazione delle modalità di attuazione degli Interventi di garanzia per gli investimenti POR CreO

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3752 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MOSCA, LORENZIN Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Presentata

Dettagli

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014 AUDIZIONE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi X Commissione del Senato - X Commissione della Camera Roma, 27 marzo 2014 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO 2 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2158 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MOSCA Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di temporary manager da parte

Dettagli

IL CONSORZIO STABILE. Consorzio Valori Servizi Vantaggi Adesione Certificazioni. Agoraa.it

IL CONSORZIO STABILE. Consorzio Valori Servizi Vantaggi Adesione Certificazioni. Agoraa.it IL CONSORZIO STABILE Consorzio Valori Servizi Vantaggi Adesione Certificazioni Agoraa.it indice Cos è un consorzio pag. 4 Il Consorzio Stabile Agoraa pag. 5 Valori pag. 6 Servizi pag. 8 Vantaggi pag.

Dettagli

Coppola Motta Appunti di finanza aziendale: Quesiti Esami 2010-05-10 QUESITI PROPOSTI NELLE PIU RECENTI PROVE SCRITTE

Coppola Motta Appunti di finanza aziendale: Quesiti Esami 2010-05-10 QUESITI PROPOSTI NELLE PIU RECENTI PROVE SCRITTE QUESITI PROPOSTI NELLE PIU RECENTI PROVE SCRITTE I quesiti per la prova scritta sono suddivisi in tre blocchi : 1. A (parte generale) domande a risposta aperta; 2. B (Intervento del Pubblico nell economia)

Dettagli

Milano, via Savona 15. Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè

Milano, via Savona 15. Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè EVENTO OLIVETTI Milano, via Savona 15 Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè Buon giorno a tutti, è per me un piacere oggi partecipare a questo evento organizzato per la presentazione della nuova

Dettagli

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Paolo Di Benedetto Responsabile Dipartimento Valutazione Investimenti e Finanziamenti 21

Dettagli

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI Matteo ARPE: Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad intervenire a questo Convegno, al quale, come

Dettagli

Un nuovo strumento per promuovere crescita e investimenti sostenibili nelle aree urbane con i finanziamenti dell UE. Che cos è JESSICA?

Un nuovo strumento per promuovere crescita e investimenti sostenibili nelle aree urbane con i finanziamenti dell UE. Che cos è JESSICA? JESSICA Un nuovo strumento per promuovere crescita e investimenti sostenibili nelle aree urbane con i finanziamenti dell UE Che cos è JESSICA? JESSICA (Joint European Support for Sustainable Investment

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

IL MERCATO ITALIANO DEL CAPITALE DI RISCHIO INFORMALE

IL MERCATO ITALIANO DEL CAPITALE DI RISCHIO INFORMALE IL MERCATO ITALIANO DEL CAPITALE DI RISCHIO INFORMALE (Sintesi dei dati raccolti da IBAN, con questionario on line, nel periodo 13 gennaio/25 marzo 2010) Variazione % Anno 2009 su 2008 Campione (di cui

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report IL RECENTE STUDIO DELLA SVIMEZ CONFERMA NOTEVOLI DIFFERENZE TERRITORIALI ED EVIDENZIA SVANTAGGI COMPETITIVI ANCE SALERNO: CREDITO, CONFIDI A DUE VELOCITA Nel 2013 su oltre 22 miliardi

Dettagli

Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005

Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005 Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005 slide 1 Introduzione Lo scopo di questo intervento è di presentare un iniziativa che sta muovendo i primi passi in queste settimane e che mira

Dettagli

Èuna situazione complessa e per

Èuna situazione complessa e per LE RISORSE PER IL VOLONTARIATO NELLA CRISI: COME QUADRARE IL CERCHIO? Investire nella qualità della progettazione, ricerca di nuovi potenziali finanziatori, ricorso a campagne di sottoscrizione popolare.

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione Forum P.A. - ROMA, 6 Maggio 2003 Vorrei utilizzare questo tempo a mia disposizione

Dettagli

www.internetbusinessvincente.com

www.internetbusinessvincente.com Come trovare nuovi clienti anche per prodotti poco ricercati (o che necessitano di essere spiegati per essere venduti). Raddoppiando il numero di contatti e dimezzando i costi per contatto. Caso studio

Dettagli

Il ruolo dei Consulenti del Credito nel rapporto Banca Cliente. Samuele Lupidii Vice Presidente Nazionale FIAIP Mediazione Creditizia

Il ruolo dei Consulenti del Credito nel rapporto Banca Cliente. Samuele Lupidii Vice Presidente Nazionale FIAIP Mediazione Creditizia Il ruolo dei Consulenti del Credito nel rapporto Banca Cliente Samuele Lupidii Vice Presidente Nazionale FIAIP Mediazione Creditizia DI COSA PARLIAMO Il mercato del Credito: Scenario ante crisi Scenario

Dettagli

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Comunicato stampa EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Le imprese associate a Eurogroup sono quasi 37 mila (+8,6% rispetto al 2006) L avanzo di gestione ante imposte è di 6,3

Dettagli

La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa

La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa Intervista alla dottoressa Barbara Lunghi, responsabile Mercato Expandi di Borsa Italiana Il percorso di quotazione in borsa consente oggi, anche alle

Dettagli

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Non aspettare, il tempo non potrà mai essere " quello giusto". Inizia da dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento di cui disponi, troverai

Dettagli

c o m u n i c a t o s t a m p a Resoconto

c o m u n i c a t o s t a m p a Resoconto 5 milioni di euro per aiutare le imprese e il territorio ad agganciare la ripresa Bandi ed iniziative della CCIAA per il 2014 Quasi 5 milioni di euro per aiutare le imprese e il territorio barese ad agganciare

Dettagli

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100%

SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% SEGRETO N.2 Come usare l'effetto leva per ritorni del 100% Risparmiare in acquisto è sicuramente una regola fondamentale da rispettare in tutti i casi e ci consente di ottenere un ritorno del 22,1% all

Dettagli

INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO

INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO Finanza agevolata, bandi, credito d'imposta INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO Castellanza, LIUC - Università Cattaneo 2 ottobre 2014 INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO PRINCIPI:

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

Tabella 1 - Immatricolazioni Autocarri Pesanti (>16 t) EST Europeo - Fonte ACEA

Tabella 1 - Immatricolazioni Autocarri Pesanti (>16 t) EST Europeo - Fonte ACEA Crollo del Mercato Autocarri e del Trasporto Merci su strada in Italia, quali le cause? Rapporto 2015 Cabotaggio, concorrenza sleale, dimensioni delle Aziende di trasporto, scarsa produttività, costi del

Dettagli

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370 Buongiorno a tutti. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Rettore che questa mattina ci ha onorato

Dettagli

IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL

IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL SOSTEGNO DELLA CRESCITA? S I R I N G R A Z I A P E R L A C O L L A B O R A Z I O N E 2 7 G E N N A I O 2 0 1 4 C O R S O C O N C O R D I A 1 M I L A N O Programma Apertura

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

FACTORING E PROBLEMATICHE RELATIVE AL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE. ringrazio gli organizzatori di questo convegno per avermi dato l opportunità di

FACTORING E PROBLEMATICHE RELATIVE AL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE. ringrazio gli organizzatori di questo convegno per avermi dato l opportunità di FACTORING E PROBLEMATICHE RELATIVE AL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE Gentili Signore, Egregi Signori, ringrazio gli organizzatori di questo convegno per avermi dato l opportunità di esprimere, come imprenditore

Dettagli

Linee guida per l accesso al Fondo di Garanzia PMI da parte dei liberi professionisti

Linee guida per l accesso al Fondo di Garanzia PMI da parte dei liberi professionisti Linee guida per l accesso al Fondo di Garanzia PMI da parte dei liberi professionisti Premessa Indice 1. A cosa serve il Fondo di Garanzia 2 2. Quali operazioni possono essere garantite ad un libero professionista

Dettagli

L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio

L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio 1 L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio L esperienza del Gruppo Cariparma FriulAdria Roma, 5 Maggio 2010 Carlo PIANA Responsabile Direzione Centrale

Dettagli

Roberto Ciompi VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE FINANZIARIA DELLA TUA IMPRESA?

Roberto Ciompi VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE FINANZIARIA DELLA TUA IMPRESA? Roberto Ciompi VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE FINANZIARIA DELLA TUA IMPRESA? 7+1 suggerimenti per preparare una richiesta di ristrutturazione finanziaria dell impresa. 1 CIOMPI ROBERTO VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa

L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa La situazione dell accesso al credito per le piccole e medie imprese che costituiscono

Dettagli

Nuove Misure per il Credito alle PMI

Nuove Misure per il Credito alle PMI Seminario 10 maggio 2012 Nuove Misure per il Credito alle PMI In collaborazione con: Confapi Padova Viale dell Industria, 23 Padova Tel. 049 80 72 273 Powered by info@confapi.padova.it www.confapi.padova.it

Dettagli

PIANO NUOVI INVESTIMENTI FILIERA AGROALIMENTARE 2015-2017

PIANO NUOVI INVESTIMENTI FILIERA AGROALIMENTARE 2015-2017 PIANO NUOVI INVESTIMENTI FILIERA AGROALIMENTARE 2015-2017 2 MILIARDI PER IL RILANCIO 2 miliardi di euro di investimenti per le imprese agroalimentari italiane. Queste le risorse del Piano 2015-2017 messo

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO Lo schema del conto del patrimonio previsto dal D.P.R n. 194/96 è strutturato a sezioni divise e contrapposte e presenta un impostazione in cui le attività sono

Dettagli

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale IL CAPITALE 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale CAPITALE FINANZIARIO E CAPITALE REALE Col termine capitale i si può riferire a due concetti differenti Il capitale finanziario è costituito dalla

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA 1 PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 Premessa Le recenti iniziative varate dal Governo per il riordino del sistema camerale

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA

COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA 61 di TEODORO FULGIONE * Intervista ad Alessandro Luciano capo del progetto Monitoraggio delle politiche del lavoro con le politiche di sviluppo locale dei sistemi

Dettagli

INSIEME PER L IMPRESA. La forma e la sostanza.

INSIEME PER L IMPRESA. La forma e la sostanza. INSIEME PER L IMPRESA La forma e la sostanza. 2 La cultura d impresa è un patrimonio prezioso come i capitali e le buone consulenze. BANCA D IMPRESA SI NASCE ESPERIENZA, SPECIALIZZAZIONE E ORGANIZZAZIONE

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito Onorevoli Colleghi! - Negli ultimi anni il settore della microfinanza

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA 00187 Roma Via di San Basilio, 72 Tel. +39 06.42.00.84 Fax +39 06.42.00.84.44/5 www.cnpi.it

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

L Area Nord: rispetto a 5 anni fa

L Area Nord: rispetto a 5 anni fa Conclusioni 1 L Area Nord: rispetto a 5 anni fa L Area Nord, nonostante la crisi del 2009 che ha peggiorato le condizioni rispetto al 2008, è comunque cresciuta in termini di ricavi del 25% rispetto al

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

Economia, lavoro e società

Economia, lavoro e società 1 importanza delle micro, piccole e medie imprese in Europa, sia in termini economici che sociali, negli ultimi anni ha trovato la sua principale affermazione con la Comunicazione della Commissione europea

Dettagli

Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su. Infrastrutture, crescita e competitività

Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su. Infrastrutture, crescita e competitività Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su Infrastrutture, crescita e competitività Piero Casadio Confindustria, 15 dicembre 2011 1 Introduzione Il capitolo del Rapporto di Confindustria

Dettagli

29 Il Sistema Monetario

29 Il Sistema Monetario 29 Il Sistema Monetario LA MONETA Si definisce moneta l insieme dei valori utilizzati in un sistema economico dagli individui (famiglie, imprese) per acquistare beni e servizi. La moneta ha tre funzioni

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO Lo schema del conto del patrimonio previsto dal D.P.R 194/96 è strutturato a sezioni divise e contrapposte e presenta un impostazione in cui le attività sono

Dettagli

Capitolo 10. Il mercato valutario. La strategia di copertura della Volkswagen

Capitolo 10. Il mercato valutario. La strategia di copertura della Volkswagen EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 10 Il mercato valutario La strategia di copertura della Volkswagen 10-3 La Volkswagen, il più grande produttore europeo di autovetture, ha comunicato una diminuzione

Dettagli

Quello che vogliamo esportare è ciò che siamo da sempre, ciò che vogliamo continuare ad essere.

Quello che vogliamo esportare è ciò che siamo da sempre, ciò che vogliamo continuare ad essere. Quello che vogliamo esportare è ciò che siamo da sempre, ciò che vogliamo continuare ad essere. L idea Il Consorzio Il Made in Italy, conosciuto ovunque nel mondo, ha nei PRODOTTI AGROALIMENTARI una delle

Dettagli

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future European Payment Index 2013 Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future Intrum Justitia è il gruppo leader in Europa nei servizi di Credit Management Unica

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 Duro l impatto della crisi, ma anche dalle PMI del Sud arrivano primi segnali di ripartenza. Servono più imprese gazzelle per trainare ripresa. Più di

Dettagli

ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA BTP DAY

ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA BTP DAY ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA BTP DAY 28 NOVEMBRE e 12 DICEMBRE DOMANDE E RISPOSTE DOMANDE GENERALI Che cos è il Btp day? Il BTP-day è una iniziativa che ha l obiettivo di agevolare temporaneamente i

Dettagli

66 UNA NUOVA CHANCE PER I PROFESSIONISTI

66 UNA NUOVA CHANCE PER I PROFESSIONISTI 66 UNA NUOVA CHANCE PER I PROFESSIONISTI di FRANCESCO VERBARO Èdifficile trovare dei legami immediati tra microcredito e libere professioni. Eppure non è impossibile. Come ben sintetizzato dal Presidente

Dettagli

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014)

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) A cura dell Ente Nazionale per il Microcredito, Team di monitoraggio Il monitoraggio condotto dall Ente

Dettagli

Mercati, Banche e Imprese verso Basilea3. Antonio Marzano

Mercati, Banche e Imprese verso Basilea3. Antonio Marzano Mercati, Banche e Imprese verso Basilea3 XLII GIORNATA DEL CREDITO Antonio Marzano Presidente CNEL Roma, 22 giugno 2010 1. Nel corso del 2009, ci informa la Banca d Italia, il credito bancario alle imprese

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

Il fare impresa dei migranti in Italia

Il fare impresa dei migranti in Italia Il fare impresa dei migranti in Italia Natale Forlani direttore generale immigrazione ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali L Italia è stata per quasi un secolo e mezzo un Paese a forte emigrazione.

Dettagli

Convegno ANFIA. Torino, 7 maggio 2013

Convegno ANFIA. Torino, 7 maggio 2013 Convegno ANFIA Torino, 7 maggio 2013 Scaletta presentazione Dott. Bonomi INTRODUZIONE anche se il momento è difficile e carico di incertezze bisogna cercare di capire quali sono le occasioni per migliorare

Dettagli

Strumenti finanziari CIP. Programma per l innovazione e l imprenditorialità. Commissione europea Imprese e industria CIP

Strumenti finanziari CIP. Programma per l innovazione e l imprenditorialità. Commissione europea Imprese e industria CIP Strumenti finanziari CIP Programma per l innovazione e l imprenditorialità Commissione europea Imprese e industria CIP Strumenti finanziari CIP Programma per l innovazione e l imprenditorialità Quasi un

Dettagli

I FINANZIAMENTI PER AVVIARE L IMPRESA. Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa

I FINANZIAMENTI PER AVVIARE L IMPRESA. Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa I FINANZIAMENTI PER AVVIARE L IMPRESA Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa I finanziamenti per avviare l impresa il sistema bancario L avvio di un attività imprenditoriale richiede

Dettagli

Data xx/xx/xxxx. Cliente: ESEMPIO/09/03/1. Piano di Intervento

Data xx/xx/xxxx. Cliente: ESEMPIO/09/03/1. Piano di Intervento Data xx/xx/xxxx Piano di Intervento Cliente: ESEMPIO/09/03/1 Gentile CLIENTE, Il presente elaborato è stato redatto sulla base di quanto emerso durante i nostri precedenti incontri e costituisce uno strumento

Dettagli

«Confidi 2.0»: il nuovo corso dei Confidi

«Confidi 2.0»: il nuovo corso dei Confidi «Confidi 2.0»: il nuovo corso dei Confidi #1] Premessa, scenario #2] Missione: «Confidi 2.0» #3] Sintesi delle nuove attività Milano, Lunedi 5 ottobre 2015 Leonardo Marseglia - Fidicomet Milano 1 Premessa

Dettagli

Progetto il Ponte srl si occupa di progettazione e sviluppo di progetti per l internazionalizzazione delle aziende

Progetto il Ponte srl si occupa di progettazione e sviluppo di progetti per l internazionalizzazione delle aziende Company Profile Progetto il Ponte srl si occupa di progettazione e sviluppo di progetti per l internazionalizzazione delle aziende Assistenza alle aziende italiane nel pianificare e attuare un percorso

Dettagli

Meeting 2012. Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza

Meeting 2012. Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza Meeting 2012 Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza Mezzogiorni d Europa e Mediterraneo nella bufera. I giovani, Nuovi Argonauti Intervento del Presidente del Consiglio Nazionale dell

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini)

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market I LM sono una delle iniziative più importanti per la politica d innovazione e per la competitività dell Unione

Dettagli

FONDO NAZIONALE INNOVAZIONE

FONDO NAZIONALE INNOVAZIONE DIPERTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E MARCHI FONDO NAZIONALE INNOVAZIONE Direzione Generale Lotta alla Contraffazione

Dettagli