Italia e Africa, partner nel business

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Italia e Africa, partner nel business"

Transcript

1 Italia e Africa, partner nel business 2012

2 Atti del convegno Italia e Africa, partner nel business 24 novembre 2012, Villa Greppi - Monza Brianza

3

4

5 Indice 01. Introduzione 1. Quadro macroeconomico 2. Caratteristiche economiche generali dell Africa Sub-Sahariana 3. I possibili settori di interesse per l Italia 3.1) Rapporti economici 3.2) Settori di potenziale interesse Dibattito Considerazioni finali Profilo relatori Profilo aziende e enti 110

6

7

8 8

9 01. Introduzione 9

10 Fiducia e disponibilità ad investire nella vasta area dell Africa centrale, come piattaforma mondiale dei commerci esteri. Sono numerosi gli imprenditori, in particolare ne abbiamo avuto riscontro da quelli associati alla Fondazione Costruiamo il futuro, che decidono di affacciarsi per la prima volta al mercato produttivo della vasta area del continente africano, che racchiude diciotto Paesi tutti democraticamente eletti, ospitali e pieni di risorse. Il territorio ha bisogno di infrastrutture e di occupazione, mentre, parallelamente, il sistema produttivo italiano ha bisogno di ricostruire quella fitta rete di rapporti commerciali con le aree strategiche del pianeta, per tornare ad essere quella forza economica che è stata in passato. I nostri imprenditori hanno dimostrato un grande interesse ad intraprendere un business con il continente africano, le difficoltà che spesso vengono riscontrate è la mancanza di un incontro tra la domanda e l offerta e le strutture istituzionali che possono sostenere e agevolare questa nuova avventura. Una mattinata di lavori con esperti conoscitori degli strumenti e delle dinamiche operative potrebbe essere un punto di partenza per nuove e proficue collaborazioni. I dati relativi a crescita demografica, quelli sui dati macroeconomici e sugli investimenti mostrano chiaramente come il Continente sia in ascesa. Permangono certo forti disparità tra i Paesi e la strada verso uno sviluppo equo e sostenibile è ancora lunga. Cionondimeno alcune realtà, come quelle del Mozambico, dell Angola e del Sud Africa ben rappresentano le opportunità e le sfide che caratterizzano questa parte del pianeta. 10

11 1. Quadro macroeconomico La regione dell Africa Sub-Sahariana 1 (SSA) conta una popolazione di circa 820 milioni di abitanti nell anno La Nigeria è lo Stato più popoloso dell Africa Sub Sahariana con una popolazione stimata intorno a 160 milioni di persone che rappresentano circa il 20% della popolosità dell area. Figura 1.1 Popolazione 2012 dei Paesi SSA (peso %) 19,6% Nigeria 31,9% Altri 10,6% Ethiopia 2,7% Mozambique 2,8% Côte d Ivoire 3,0% Ghana 4,3% Uganda 5,0% Kenya 5,1% Tanzania 6,1% South Africa 8,9% Democratic Republic of Congo Fonte: elaborazioni DGSP-I-Sezione Analisi e Studi su dati e stime IMF-WEO April L Africa Sub Sahariana comprende i seguenti paesi: Angola, Benin, Botswana, Burkina Faso, Burundi, Camerun, Capo Verde, Repubblica Centrafricana, Ceuta, Ciad, Comore, Congo, Costa D avorio, Eritrea, Etiopia, Gabon, Gambia, Ghana, Gibuti, Guinea, Guinea Equatoriale, Guinea- Bissau, Kenia, Lesotho, Liberia, Madagascar, Malawi, Mali, Mauritania, Maurizio, Melilla, Mozambico, Namibia, Niger, Nigeria, Repubblica Democratica del Congo, Ruanda, Sao Tomé e Principe, Seicelle, Senegal, Sierra Leone, Sud Africa, Swaziland, Tanzania, Togo, Uganda, Zambia, Zimbabwe. 11

12 Figura 1.2 Andamento popolazione SSA Popolazione (mln) Fonte: elaborazioni DGSP-I-Sezione Analisi e Studi su dati e stime IMF-WEO April Tra gli Stati maggiormente popolosi (Fig. 1.1), segue l Etiopia (11% circa, con quasi 85 milioni di abitanti) e dalla Repubblica Democratica del Congo (9%, con 72 milioni). Le stime del Fondo Monetario Internazionale riportano un tasso di crescita medio della popolazione sub-sahariana del 2,5% tra il 2011 e il 2017 che consentirà di raggiungere i 950 milioni di abitanti nel 2017 (Fig. 1.2). 12

13 Figura 2 Volumi di importazioni di beni e servizi della SSA e principali Paesi* (var %) South Africa Nigeria Angola Kenya Ghana SSA * I Paesi nel grafico sono quelli con il maggior PIL a prezzi correnti ($) nel Fonte: elaborazioni DGSP-I-Sezione Analisi e Studi su dati e stime IMF-WEO April Tale crescita mostra la fase ascendente del ciclo di sviluppo di quest area che tuttavia necessità di una serie di interventi affinché possa interamente esprimersi. 2 La crescita della popolazione si traduce in un aumento della domanda, come mostrato in Fig. 2 in relazione alla componente estera: si stimano tassi reali di crescita della domanda di importazioni pari o superiori al 5% annuo per il prossimo quinquennio. I Paesi che registrano una variazione positiva del volume di importazioni superiore alla media nel periodo sono soprattutto Ghana, Kenya e Nigeria. *L autore ringrazia Adelina Carnevale e Emanuele Galantino per la preziosa assistenza nell elaborazione dati. 2 Tra i paesi dell area, il Sud Africa meriterebbe una trattazione separata. Questo, infatti, è considerato tra i Paesi di maggior potenziale nel traino della crescita globale, non solo dell Africa Sub Sahariana, nei prossimi anni. Il Sud Africa è incluso nel gruppo dei BRICS (Brasile, Russia, India, Cina, Sud Africa), paesi che condividono una popolazione numerosa, un ampio territorio, abbondanti risorse naturali strategiche e, cosa più importante, sono stati caratterizzati da una forte crescita del Pil e della quota nel commercio mondiale, soprattutto agli inizi del XXI secolo. Il paese è inoltre incluso nei CIVETS (Colombia, Indonesia, Vietnam, Egitto, Turchia e Sud Africa), acronimo coniato nel 2009 dall Economist Intelligence Unit e che raggruppa economie considerate diversificate, dinamiche e con una popolazione giovane e crescente. 13

14 Figura 3.1 PIL a prezzi costanti della SSa e dei principali Paesi* (var %) South Africa Nigeria Angola Kenya Ghana SSA Il dinamismo dell economia sub-sahariana è chiaramente riflesso nell andamento del PIL la cui crescita reale media è stimata superiore al 5% nei prossimi cinque anni (Fig. 3.1). I paesi con variazioni del PIL superiori alla media sono Ghana, Nigeria e Angola, tra quelli con il maggior PIL corrente. In relazione a quest ultimo, il Sud Africa risulta il primo paese dell area, con 420 miliardi di dollari (Fig. 3.2), seguito dalla Nigeria con 273 miliardi di dollari e dall Angola con 121,5 miliardi di dollari. 14

15 Figura 3.2 PIL prezzi corretti dei Paesi SSA (mld $) South Africa Nigeria Angola Kenya Ghana Ethiopia Cameroon Côte d Ivoire Tanzania Equatorial Guinea Zambia Uganda Gabon Dem. Rep. Congo Botswana Rep. Congo Mozambique Senegal Namibia * I Paesi mostrati nel grafico sono quelli con il maggior PIL a prezzi correnti ($) nel Fonte: elaborazioni DGSP-I-Sezione Analisi e Studi su dati e stime IMF-WEO April

16 2. Caratteristiche economiche generali dell Africa Sub-Sahariana Seguendo l andamento del commercio mondiale, il commercio dell area sub sahariana è cresciuto nel tempo, in modo particolare negli anni Figura 4.1 Export e Import dell Africa Sub Sahariana (mld $) Esportazioni Importazioni Fonte: elaborazioni DGSP-I-Sezione Analisi e Studi su dati UNCTAD. 16

17 Figura 4.2 Peso dell export e dell import dell Africa Sub Sahariana sui corrispondenti flussi mondiali (%) 6,0 5,0 4,0 3,0 2,0 1,0 0, Peso delle sportazioni dell Africa Sub Sahariana sulle esportazioni mondiali Peso delle importazioni dell Africa Sub Sahariana sulle importazioni mondiali Fonte: elaborazioni DGSP-I-Sezione Analisi e Studi su dati UNCTAD. Le esportazioni dell area nel 2011 sono circa 430 miliardi di dollari mentre le importazioni sono circa 370 (Fig. 4.1). Tuttavia, la crescita dei flussi commerciali in entrata e in uscita è stata più lenta di quella mondiale ed infatti il peso dell export e dell import sub sahariani sui corrispondenti flussi mondiali è diminuito nel tempo, recuperando qualcosa solo negli ultimi dieci anni (Fig. 4.2). L area attrae investimenti dall estero, data la disponibilità di materie prime, più di quanto non investa all estero. Lo stock di investimenti detenuti nell area ha superato i 350 miliardi di dollari mentre lo stock detenuto all estero è intorno ai 100 miliardi (Fig. 4.3). Dopo l arresto degli anni peggiori della crisi, nel 2011 l area ha nuovamente accolto flussi di investimento intorno ai 35 miliardi di dollari mentre i flussi in uscita rimangono abbondantemente sotto i livelli pre-crisi (Fig. 4.4). 17

18 Figura 4.3 Stock di investimenti (mld $) Stock di investimenti esteri detenuti in Africa Sub Sahariana Stock di investimenti dell Africa Sub Sahariana Fonte: elaborazioni DGSP-I-Sezione Analisi e Studi su dati UNCTAD. Figura 4.4 Flussi di investimenti (mld $) Stock di investimenti esteri detenuti in Africa Sub Sahariana Stock di investimenti dell Africa Sub Sahariana Fonte: elaborazioni DGSP-I-Sezione Analisi e Studi su dati UNCTAD. 18

19 Nei paragrafi che seguono, si presentano alcune caratteristiche economiche dei principali paesi dell area sub sahariana, selezionati sulla base del PIL. 3. I possibili settori di interesse per l Italia L Africa Sub Sahariana riveste per l Italia un importanza crescente sia come mercato di sbocco delle nostre esportazioni (oltre 5 miliardi di euro nel 2011) che, soprattutto, come mercato di approvvigionamento (9,8 miliardi di euro, Fig. 10.1). Le nostre imprese, inoltre, detengono nell area attività per oltre 1,5 miliardi di euro (Fig. 10.2). Figura 10.1 Scambi italiani con l Africa Sub Sahariana (mld ) Esportazioni italiane Importazioni italiane Fonte: elaborazioni DGSP-I-Sezione Analisi e Studi su dati ISTAT. 19

20 Figura 10.2 Stock di investimenti italiani in Africa Sub Sahariana (mld ) Fonte: elaborazioni DGSP-I-Sezione Analisi e Studi su dati Eurostat. Quasi il 90% del valore degli investimenti realizzati da aziende italiane nell area sul periodo Gennaio Giugno 2012 è destinato al settore energetico (Fonte: fdimarket). Di seguito si presenta una breve analisi sui possibili settori di interesse per le imprese italiane nell area nel suo complesso e nei principali paesi. 3.1) Rapporti economici L Africa Sub Sahariana ha sempre rappresentato per il nostro paese un area più rilevante come fornitore che non come destinatario dei nostri flussi commerciali e fintantoché non si diffonderà nel sub continente un livello di benessere tale da stimolare la domanda (anche) di prodotti di qualità quali quelli italiani, il quadro non dovrebbe subire sostanziali modifiche (Fig. 10.3). Esportiamo verso l area soprattutto nella meccanica (20% delle nostre esportazioni verso l Africa Sub Sahariana) e riesportiamo prodotti energetici (6%) mentre importiamo in larga misura questi ultimi, in forma non lavorata, (62%) insieme ai prodotti della metallurgia (18%, Figg e 10.5). 20

21 Figura 10.3 Rilevanze dell Africa Sub Sahariana per il commercio italiano 3,0 2,5 2,0 1,5 1,0 0,5 0, Peso dell Africa Sub Sahariana sulle esportazioni mondiali italiane (%) Peso dell Africa Sub Sahariana sulle importazioni mondiali italiane (%) Fonte: elaborazioni DGSP-I-Sezione Analisi e Studi su dati ISTAT. Figura 10.4 Composizione settoriale delle esportazioni italiane in Africa Sub Sahariana (% ) 61,4% Altro 20,1% Macchinari e apparecchiature 6,2% Coke e prodotti derivati dalla raffinazione del petrolio 4,4% Apparecchiature elettriche e apparecchiature ad uso domestico elettriche 4,1% Prodo... 3,8% Prodotti in metallo, esclusi macchinari e attrezzature Fonte: elaborazioni DGSP-I-Sezione Analisi e Studi su dati ISTAT. 21

22 Figura 10.5 Composizione settoriale delle importazioni italiane in Africa Sub Sahariana (% ) 2,7% Articoli in pelle (escluso abbigliamento) e simili 6,0% Prodotti alimentari 6,3% Prodotti dell agricoltura, pesca e silvicoltura 5,0% Altro 18,3% Prodotti della metallurgia 61,7% Prodotti delle miniere e delle cave Fonte: elaborazioni DGSP-I-Sezione Analisi e Studi su dati ISTAT. 3.2) Settori di potenziale interesse Dalla comparazione tra la nostra quota di mercato mondiale e quella in Africa Sub Sahariana (Fig. 10.6), è possibile identificare alcuni settori nei quali sembra possibile migliorare la nostra posizione: tali sono quei settori nei quali la nostra quota nell area è inferiore non solo alla nostra quota media mondiale ma anche alla quota media nell area stessa (riquadro rosso). 22

23 Figura 10.6 Le nostre quote di mercato in Africa Sub Sahariana e nel Mondo (2011) 12,0 10,0 Prodotti in pelle (incluse calzature) Mobili Quota italiana nel Mondo ,0 6,0 4,0 2,0 Vetro, ceramica e materiali Articoli non metallici per l edilizia di abbigliamento Prodotti della metallurgia Prodotti chimici Apparecchi elettrici Prodotti in metallo (esclusi macchinari e attrezzature) Carta e prodotti in carta Macchinari ed apparecchi meccanici 0,0 Autoveicoli, rimorchi e semirimorchi Coke e prodotti petroliferi raffinati -1,0 0 1,0 2,0 3,0 4,0 5,0 6,0 7,0-2,0 Computer, apparecchi elettronici ed ottici Altri mezzi di trasporto Quota italiana in Africa Sub Sahariana Fonte: elaborazioni DGSP-I-Sezione Analisi e Studi su dati UNCOMTRADE. La dimensione delle bolle è proporzionale al peso delle importazioni di ogni settore in Africa Sub Sahariana. Si evidenzia che, a causa dei dati disponibili, la presente figura è costruita su una classificazione merceologica diversa da quella delle figure successive dello stesso tipo. 23

24 Sicuramente, data la dimensione relativamente grande del mercato, è di interesse il settore dei prodotti della metallurgia (che includono i prodotti della siderurgia, tubi, condotti e profilati cavi), i mezzi di trasporto (sia su strada che di altra tipologia) e infine l abbigliamento, ma entrambi gli ultimi due settori, e in particolare l ultimo, richiedono che si diffonda prima un certo livello di benessere e quindi un certo livello di consumo (e di qualità nel consumo). Guardando agli investimenti, dei progetti registrati in Africa da fdimarket sul periodo 2003-giugno 2012 (Figura 10.7), questi si concentrano nell estrattivo ma, in considerazione della domanda di prodotti della metallurgia, è quest ultimo che potrebbe rappresentare un settore di forte interesse per gli investimenti, accompagnato naturalmente dalla lavorazione del prodotto per soddisfare la domanda finale. Il settore energetico resta chiaramente di interesse e acquistano peso il Real Estate e le Costruzioni in senso ampio (infrastrutture ma anche turismo). 24

25 Figura 10.7 Investimenti in Africa tra Gennaio 2003 e Giugno 2012 Industry Sector Projects Capex (min ) AVg Capex (min ) Jobs Created Avg Jobs Companies Coal, Oil and Natural Gas ,2 664, Real Estate ,4 906, Communications ,2 226, Chemicals ,8 102, Hotels & Tourism ,6 169, Alternative/ Renewable energy Building & Construction ,3 101, ,0 228, Matrials ,5 130, Food & Tobacco ,7 56, Automotive OEM ,6 61, Transportation ,6 53, Financial Services ,0 9, Business Services ,2 11, Software & IT Services ,5 12, Minerals ,4 35, Beverages ,2 35, Industrial Machinery, Equipment & Tools Automotive Components ,5 17, ,0 23, Textiles ,7 24, Electronic Components ,4 9, Others ,9 43, Total ,9 140, Fonte: fdimarket. 25

26 Rodolfo Casadei (moderatore) giornalista del settimanale Tempi 26

27 Grazie buongiorno a tutti grazie per aver accettato l invito di Costruiamo il Futuro, a questo convegno che propone un tema di assoluta attualità Italia Africa partner nel business. Ad illustrare l argomento sono stati chiamati dei relatori di assoluto valore competenti di Africa, competenti di internazionalizzazione delle imprese. Presento rapidamente i relatori nell ordine in cui interverranno: Marinella Loddo Dirigente area Collaborazione industriale e rapporti con gli Organismi internazionali del ICE, agenzia per la promozione all estero dell internazionalizzazione delle imprese italiane, da anni si occupa di rapporti con l Africa, seguirà l Ambasciatore Umberto Vattani, che non ha bisogno di presentazioni essendo stato per ben due volte Segretario Generale della Farnesina, Presidente dell ICE (prima della riforma), una carriera diplomatica lunga cinquant anni che lo ha portato ad essere rappresentante dell Italia presso l Unione europea. Dopo di lui interverrà Gloria Targetti direttrice dell ufficio milanese e lombardo della Simest, finanziaria di sviluppo e promozione delle imprese italiane all estero. Seguirà Giuseppe Tripoli da sette mesi Garante per le Piccole e Medie Imprese, una figura prevista dallo Statuto delle Imprese per tutelare gli interessi delle piccole e medie imprese, organico del Ministero dello Sviluppo Economico, ed è anche capo di dipartimento di imprese di internazionalizzazione dello stesso ministero. Dopo di lui passiamo la parola a Dario Speranza Vice Presidente del dipartimento per gli Affari pubblici di Eni. Quest anno come sapete tutti è il cinquantesimo anniversario della morte di Enrico Mattei, colui che fece dell Eni un attore internazionale dell industria dell energia e che letteralmente inventò un concetto di partenariato fra Paesi produttori e Paesi consumatori di idrocarburi, di petrolio. Quindi la parola all Onorevole Raffaello Vignali del Popolo della Libertà Vice Presidente della Commissione Attività Produttive della Camera, padre dello Statuto delle imprese che è diventato legge proprio un anno fa. Io che coordino e modero sono Rodolfo Casadei, l inviato internazionale del settimanale Tempi. Mi sono occupato molte volte di Africa nei miei reportage, di miei libri ce ne sono almeno tre che trattano di temi africani. Introdurrò l argomento molto rapidamente, molto succintamente per poi passare la parola ai relatori. Perché è opportuna una conferenza Italia e Africa, partner nel business? Prima di tutto precisiamo che parleremo principalmente dell Africa Sud Sahariana, l Africa a sud del Sahara, detta Africa nera. Quando parliamo dei Paesi dell Africa sud Sahariana parliamo di 48 stati che hanno una popolazione di oltre 850 milioni di persone, questa parte dell Africa 27

28 cresce a un tasso medio annuo del 5% già da dodici anni. L anno scorso la crescita è stata del 5,3%, quest anno si prevede una crescita attorno al 5%, l anno prossimo attorno al 5,7%. In questi ultimi 12 anni c è stato soltanto un anno di flessione, il 2009, in corrispondenza degli effetti della crisi finanziaria internazionale e in quell anno il Pil crebbe dell 1,7%, comunque molto più di quello che possiamo augurarci qui in Europa. La crescita costante del Pil africano ha già attirato capitali, ha già attirato investimenti. In questi anni le Nazioni Unite hanno calcolato che gli investimenti diretti esteri in Africa sono stati pari a 42,7 miliardi di dollari. Per farsi un idea della portata di questi investimenti si possono paragonare con quelli verso la celebratissima Cina, che nello stesso periodo ha ricevuto 110 miliardi di dollari di investimenti diretti dall estero, quindi due volte e mezzo in più se vogliamo. Tenete però conto che la Cina ha molta più popolazione dell Africa nera, 1350 milioni di abitanti contro 850. A cosa è dovuto il boom economico dell Africa nera? Dal mio punto di vista è dovuto soprattutto al boom del prezzo delle materie prime, accompagnato da alcuni sviluppi politici locali che hanno permesso all Africa di sfruttare economicamente questo boom del prezzo delle materie prime. L Africa è ricca di minerali, di fonti energetiche, di petrolio, di gas. Molte di queste materie sono entrate in produzione negli ultimissimi anni, soprattutto in alcuni paesi, come le materie prime agricole per l esportazione, come ad esempio il cotone. Il boom del prezzo delle materie è dovuto al boom economico dei giganti dell Asia, la Cina, l India e ad altri paesi più piccoli dell Asia. L industrializzazione, l urbanizzazione, la motorizzazione, della Cina e dell India stanno trascinando all insù i prezzi delle materie prime, nonostante la stagnazione dell economia europea e quindi questo determina anche un boom economico dell Africa nera, che è figlio in qualche modo di questo boom d industrializzazione dell Asia. Si sta ripetendo lo schema degli anni 60 e 70 quando i paesi africani che erano appena diventati indipendenti, ebbero due decenni di sviluppo trainato dall alto prezzo delle materie prime, sfruttando l onda lunga della ricostruzione post bellica, della reindustrializzazione dell Europa. Negli anni 80 e 90 si ebbe un crollo delle economie africane che ebbe anche delle conseguenze gravi dal punto di vista della politica di questi stati, all indomani degli shock petroliferi che fecero si che l Europa e l occidente concepissero un economia meno legata alle materie prime. Il minor utilizzo di materie prime e di energia ebbe una forte ricaduta sull Africa (che viveva di esportazioni). Gli anni 80 e 90, purtroppo per l Africa, sono 28

29 stati anni di guerre, di carestie e della pandemia dell AIDS. A partire dal 2003, fortunatamente, molti dei conflitti africani sono stati chiusi o si sono attenuati. Questo processo è stato accompagnato da riforme macro e micro economiche che hanno reso possibile uno sviluppo essenzialmente basato sull export di materie prime. Da questo punto di vista mi prendo la responsabilità di dire, io non sono diplomatico, che ancora non possiamo parlare di un autentico sviluppo e progresso economico sociale in Africa, non c è ancora un modello di sviluppo sano, non c è una vera modernizzazione dell economia e della società. C è però un boom economico, dovuto a questo meccanismo di aumento dei prezzi delle materie prime i cui corsi sono stati sono stati risollevati dall industrializzazione dell Asia. Faccio un esempio. C è un paese, il Ghana, che ha 25 milioni di abitanti, quest anno improvvisamente il suo prodotto interno lordo è aumentato del 14%, in un anno solo, perché? Perché finalmente sono entrati in produzione i suoi pozzi petroliferi, pozzi petroliferi che però non è che diano chissà quanto petrolio, circa 100 mila barili al giorno (pensate che l Italia ne produce 146 mila al giorno di equivalenti di idrocarburi). Eppure basta questa quota di petrolio, che prima non esisteva, per fare sì che un paese di 25 milioni di abitanti improvvisamente aumenti il suo Pil del 14%. Detto questo 29

30 le opportunità per gli imprenditori e per gli investitori esteri ci sono e sono notevoli. Gli ambiti del business sono sostanzialmente, a mio modo di vedere, due: la spesa pubblica per le infrastrutture e per i servizi e la spesa del consumo privato della nascente classe media urbana. L Africa nera è drammaticamente sotto infrastrutturata, mancano le strade, le ferrovie, le centrali elettriche, le raffinerie (quando ci sono non funzionano), gli acquedotti, le fogne, le reti. C è tantissimo da fare e in questo momento ci sono soldi pubblici per intervenire in quasi tutti i paesi. In secondo luogo c è una classe media urbana di colletti bianchi dipendenti del settore pubblico e delle grandi imprese multinazionali con un potere d acquisto crescente. La spesa per consumo nell Africa nera è arrivata a 900 miliardi di dollari e secondo le proiezioni arriverà a 1400 miliardi di dollari nel Nei primi dieci anni del XXI secolo, solo per fare un esempio, in Africa sono stati venduti 316 milioni di telefoni cellulari, in un continente dove i telefoni fissi praticamente non funzionano mai. Secondo le proiezioni del Mc Keene Global Institute nel 2020, 128 milioni di famiglie africane avranno a disposizione reddito per spese voluttuarie e tenete presente che una famiglia africana, anche in città, non ha mai meno di sei componenti, i due genitori e quattro figli. Naturalmente l Africa presenta anche molti ostacoli per gli imprenditori e per gli investitori stranieri, una burocrazia quasi sempre inefficiente e corrotta, alti tassi di criminalità, problemi di mancanza di infrastrutture per la produzione e la presenza di competitori che hanno pochi scrupoli. 30

31 31

32 Marinella Loddo dirigente area Collaborazione industriale Rapporti con gli Organismi internazionali ICE Grazie, ringrazio gli organizzatori, mi fa molto piacere poter essere qui questa mattina, per presentare sia le opportunità che emergono da questo rapido sviluppo dei paesi dell Africa sud Sahariana, ma soprattutto per farmi conoscere e anche per presentare le attività dell ICE a favore di una sempre maggiore collaborazione con le imprese in questi mercati non ampiamente conosciuti. Volevo anticipare che anche noi stiamo pubblicizzando molto questo tema dell Africa sud Sahariana. Proprio la settimana scorsa abbiamo realizzato a Roma un seminario di presentazione e di formazione e per questo 32

33 abbiamo a disposizione un esaustiva presentazione predisposta dall ufficio studi dell ICE, più di cento slide. La mia presentazione di oggi sarà di cinquanta slide, ne taglierò la metà perché molti dei concetti sono già stati detti dal dott. Casadei, ma la versione intera è comunque a disposizione. Come voi sapete l anno scorso l Istituto Nazionale per il Commercio Estero è stato soppresso ed è stato costituito l ICE agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese che è oggi l ente pubblico che, a livello nazionale, ha proprio il compito di promuovere ed accompagnare le imprese all estero. Penso che sia importante da un punto di vista nazionale che ci sia questa istituzione pubblica, in linea con gli altri paesi non soltanto industrializzati ma a livello internazionale. Non mi soffermerò su quello che è la mission dell istituto, però voglio evidenziare il ruolo che svolge nei confronti soprattutto delle Piccole e Medie Imprese. Esse oltre ad essere il nostro tessuto produttivo economico, dato che più del 98% delle nostre esportazioni sono fatte da piccole e medie imprese, sono anche quelle imprese che con grande flessibilità riescono ad adattarsi nelle situazioni di crisi. A volte però mancano di quelle capacità e di quelle conoscenze manageriali che, nei momenti di cambiamento come quelli che stiamo vivendo, sono necessari per capire certi fenomeni e poter attrezzarsi, o addirittura prevenirli. Dobbiamo iniziare a pensare a come sarà il mondo nel 2050, avere già una proprio ottica in merito, perchè anche se noi non ci saremo ci saranno i nostri nipoti e se qui si parla di fare futuro, dobbiamo provare ad immaginare come sarà la vita nel 2050, o nel 2030 se vogliamo rimanere più vicini, altrimenti non riusciremo a costruire quello che sarà. Queste piccole e medie imprese hanno oggi difficoltà ad affermarsi, si parla infatti anche a livello europeo di una crisi dell imprenditorialità, soffocate forse da quello che viene definito come il problema della grande burocrazia. Questi seminari servono anche per facilitare incontri ed eliminare ostacoli. Sviluppare tutte le forme di relazioni, sia tra le imprese sia a livello istituzionale, è importante al fine di riaffermare e riconfermare che l Italia, nell ambito del commercio internazionale e non solo, ha ancora qualcosa da dire. In tutti i settori noi lavoriamo in collaborazione con le altre istituzioni a livello territoriale organizzando attività in comune e questo è molto importante perchè noi siamo l ente che promuove, ma non basta la promozione bisogna anche poi accompagnare con degli strumenti adeguati. Collaboriamo con istituzioni come la Simest (vedo qua vicino la dott.ssa Targetti) che accompagna dal punto di vista dei finanziamenti oppure come la SACE (che non c è) e che si occupa di assicurare le imprese. La nostra attività si esercita essenzialmente su quattro filoni d intervento. 33

34 Attività Informaione: Promozione: seminari, missioni, fiere,... Formazione: corsi per italiani e stranieri L Informazione che è basilare, perché senza conoscere non si può agire oppure se si agisce poi ci possono essere delle ripercussioni. L Assistenza, grazie anche alla rete di uffici che abbiamo all estero e che possono essere considerate le nostre antenne a vostra disposizione per qualsiasi attività. La Promozione che è la nostra attività più conosciuta: noi ci esplichiamo attraverso iniziative che vanno da quelle più tradizionali, come la partecipazione alle fiere, ma anche ad iniziative più innovative. E penso a tutto il lavoro che stiamo facendo con le start-up non soltanto tecnologiche, ma anche startup da un punto di vista tradizionale riportandole sul mercato con metodi innovativi. Infine la Formazione di giovani, con dei corsi di specializzazione in commercio estero, delle imprese ed anche degli stranieri. Perché la formazione agli stranieri, non solo di funzionari ma anche di imprese straniere, è quell investimento a lungo periodo che poi porta grandi ritorni, dato che la classe dirigente sarà così formata su un modello italiano. Noi parliamo sempre di commercio estero però ci piace di più usare la 34

Africa subsahariana: verso un futuro di sviluppo?

Africa subsahariana: verso un futuro di sviluppo? Africa subsahariana: verso un futuro di sviluppo? intende realizzare una serie di analisi per il provvedono alla strutturazione all andamento e alle prospettive Nel decennio tra il 1995 e il 2004, la produzione

Dettagli

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo

Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo esiste oggi un problema di fame nel mondo? com è cambiato nel tempo? è oggi più grave o meno grave che in passato? le aree del

Dettagli

Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo

Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo esiste oggi un problema di fame nel mondo? com è cambiato nel tempo? è oggi più grave o meno grave che in passato? le aree del

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

Elementi di interesse economico sull Africa Sub-Sahariana. Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese Ufficio I Sezione Analisi e Studi

Elementi di interesse economico sull Africa Sub-Sahariana. Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese Ufficio I Sezione Analisi e Studi Elementi di interesse economico sull Africa Sub-Sahariana di Eleonora Iacorossi Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese Ufficio I Sezione Analisi e Studi Direzione Generale Promozione Sistema

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ Se confrontata con i principali paesi europei, l Italia si colloca nella fascia bassa, per quanto riguarda la presenza di imprese estere sul proprio territorio.

Dettagli

Conferenze sugli investimenti nei Trasporti e Servizi Pubblici (acqua & energia)

Conferenze sugli investimenti nei Trasporti e Servizi Pubblici (acqua & energia) Conferenze sugli investimenti nei Trasporti e Servizi Pubblici (acqua & energia) Africa Occidentale e Centrale (Febbraio 2006) Africa Orientale ed Oceano Indiano (Giugno 2006) Roma, 23 Febbraio 2005 Alessandro

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI Mercoledì 18 marzo 2015, ore 17.00 Camera di Commercio, Sala Arancio, Via Tonale 28/30 - Lecco Materiale a cura di: Direzione Studi e Ricerche,

Dettagli

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Antonio

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo

Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo Giovanni Anania Università della Calabria 28 novembre 2013 ...il piano della lezione esiste oggi un problema di fame nel mondo?

Dettagli

Il problema dell accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo: un introduzione

Il problema dell accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo: un introduzione Il problema dell accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo: un introduzione esiste oggi un problema di fame nel mondo? com è cambiato nel tempo? è oggi più grave o meno grave che negli anni passati?

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014 FEDERAZIONE NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DEI PRODUTTORI DI BENI STRUMENTALI E LORO ACCESSORI DESTINATI ALLO SVOLGIMENTO DI PROCESSI MANIFATTURIERI DELL INDUSTRIA E DELL ARTIGIANATO IL SETTORE DEI BENI

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Alessandro Nova Università L. Bocconi Roma, 18 febbraio 2014 Filiera della carta 2014 - Alessandro Nova 1 La Filiera della

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Roma, 13 ottobre 2015 Focus internazionalizzazione Nei primi mesi del 2015 si rafforzano i primi segnali positivi per l economia italiana,

Dettagli

America Latina protagonista del XXI secolo: incontri e opportunità

America Latina protagonista del XXI secolo: incontri e opportunità America Latina protagonista del XXI secolo: incontri e opportunità Brasile, Colombia, El Salvador, Nicaragua Min. Plen. Inigo Lambertini Direttore Centrale per l Internazionalizzazione e le Autonomie Territoriali

Dettagli

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Paolo Di Benedetto Responsabile Dipartimento Valutazione Investimenti e Finanziamenti 21

Dettagli

Costa Rica Congiuntura Economica

Costa Rica Congiuntura Economica Costa Rica Congiuntura Economica Il PIL del Costa Rica è cresciuto del 3.8% durante il 2011, dato inferiore alla crescita del 4.2% registrato tra il 2009 ed il 2010. Per quanto riguarda il 2012 si prevede

Dettagli

Dalla lettura dei dati pubblicati lo scorso primo

Dalla lettura dei dati pubblicati lo scorso primo LE ESPORTAZIONI ITALIANE A LIVELLO TERRITORIALE Nel corso dei primi nove mesi del 2015, l 80% delle regioni italiane ha conosciuto incrementi su base tendenziale delle proprie esportazioni. % 150 130 110

Dettagli

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY Istituto nazionale per il Commercio Estero Nota Congiunturale URUGUAY Maggio 2011 L'economia uruguaiana, nel 2010, ha registrato una significativa crescita del PIL dell 8,5% rispetto al 2009 e, nel primo

Dettagli

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l Riassunto L India è uno dei paesi più grandi del mondo, il secondo in quanto a popolazione e uno di quelli in via di sviluppo che negli ultimi anni ha mostrato le maggiori potenzialità di crescita economica

Dettagli

Un analisi storica e comparativa dell apertura internazionale delle imprese venete

Un analisi storica e comparativa dell apertura internazionale delle imprese venete Il modello di internazionalizzazione del Veneto Gli argomenti trattati Il commercio estero le esportazioni e le importazioni Gli investimenti diretti esteri le partecipazioni delle imprese venete all estero

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

Internazionalizzazione delle imprese

Internazionalizzazione delle imprese Internazionalizzazione delle imprese italiane: contesto ed opportunità 3 Marzo 2015 Business Analysis Pio De Gregorio, Responsabile Anna Tugnolo, Senior Analyst Dopo un 2013 difficile, le esportazioni

Dettagli

Capitolo 19. Crescita economica, produttività e tenore di vita. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 19. Crescita economica, produttività e tenore di vita. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 19 Crescita economica, produttività e tenore di vita Crescita economica prima di tutto Fino a 100 anni fa, la ricchezza delle nazioni (anche di quelle più sviluppate) era assai modesta rispetto

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro...

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro... Indice Situazione economica internazionale... 2 Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4 Regional Competitiveness Index... 6 Mercato del Lavoro... 7 Cassa Integrazione Guadagni... 10 Il credito alle imprese...

Dettagli

SWISSCHAM-AFRICA: il Suo partner per ogni attività economica nell'africa. Disponiamo di una valente rete di contatti nei differenti paesi africani.

SWISSCHAM-AFRICA: il Suo partner per ogni attività economica nell'africa. Disponiamo di una valente rete di contatti nei differenti paesi africani. SWISSCHAM-AFRICA: il Suo partner per ogni attività economica nell'africa. Disponiamo di una valente rete di contatti nei differenti paesi africani. Siamo membro dell'ebcam (European Business Council for

Dettagli

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale Import/export La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale di Alfonso Ghini (*) Un analisi della situazione di importazione ed esportazione dei paesi più importanti, mette in

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

SRI LANKA. A cura di: Ambasciata d'italia - SRI LANKA. Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri.it

SRI LANKA. A cura di: Ambasciata d'italia - SRI LANKA. Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri.it A cura di: Ambasciata d'italia - Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri.it Con la collaborazione di: Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese

Dettagli

nuovo millennio. Roberto Sensi Right to Food policy Officer ActionAid Italia Roberto.sensi@actionaid.org

nuovo millennio. Roberto Sensi Right to Food policy Officer ActionAid Italia Roberto.sensi@actionaid.org La corsa alla terra: risorse, diritti e mercati nell agricoltura del nuovo millennio. Roberto Sensi Right to Food policy Officer ActionAid Italia Roberto.sensi@actionaid.org La nuova corsa alla terra La

Dettagli

La Cassa Depositi e Prestiti viene da lontano ed il suo lungo percorso storico è caratterizzato da tre

La Cassa Depositi e Prestiti viene da lontano ed il suo lungo percorso storico è caratterizzato da tre (bozza non corretta) Accesso al credito: il ruolo di Cassa depositi e prestiti. Gli strumenti di sostegno alle PMI ed alle Pubbliche Amministrazioni" GIOVEDI' 14 GIUGNO 2012 FERMO (Sala dei Ritratti -

Dettagli

Riccardo Monti. Presidente ICE

Riccardo Monti. Presidente ICE Riccardo Monti Presidente ICE Le reti lean per la promozione del Made in Italy L export italiano: importante traino per l economia del Paese I rapporti con l estero costituiscono una componente primaria

Dettagli

IL PRESENTE RAPPORTO E STATO ELABORATO CON LE INFORMAZIONI DISPONIBILI AL 16 dicembre 2004 DA:

IL PRESENTE RAPPORTO E STATO ELABORATO CON LE INFORMAZIONI DISPONIBILI AL 16 dicembre 2004 DA: Istituto nazionale per il Commercio Estero PROMETEIA S.R.L. Evoluzione del commercio con l estero per aree e settori Gennaio 2005 PROMETEIA S.R.L. Via G. Marconi, 43 40122 Bologna 051-6480911 fax 051-220753

Dettagli

FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013

FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013 ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013 A cura dell Ufficio Studi Euler Hermes Italia FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013

Dettagli

CUBA Congiuntura Economica

CUBA Congiuntura Economica CUBA Congiuntura Economica Durante il 2011 l economia cubana ha avviato graduali riforme del sistema economico. Il tasso annuale di crescita del prodotto interno lordo dovrebbe attestarsi al 2.7% nel 2011.

Dettagli

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese Capitolo 24 Risultati economici delle imprese 24. Risultati economici delle imprese Per saperne di più... Eurostat. http://europa. eu.int/comm/eurostat. Imf. World economic outlook. Washington: 2012.

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

Rapporto sulla presenza delle imprese di costruzioni italiane nel mondo - 2015

Rapporto sulla presenza delle imprese di costruzioni italiane nel mondo - 2015 Rapporto sulla presenza delle imprese di costruzioni italiane nel mondo - 2015 Roma, 5 ottobre 2015 Direzione Affari Economici e Centro Studi Ufficio Lavori all Estero Relazioni Internazionali Le 38 imprese

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia)

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia) L Italia in Russia I numeri della presenza italiana in Russia Esportazioni (2008): 10, miliardi (3% del totale export Italia) La Russia è il 7 paese cliente dell Italia (dopo Germania, Francia, Spagna,

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la Migranti nel mondo Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la popolazione immigrata periodo 2000/2001

Dettagli

Progetto Integrato di Mercato PIM America Latina. Cile Presentazione del Paese Relatore : Stefania Turco Jones. Forum d Area America Latina

Progetto Integrato di Mercato PIM America Latina. Cile Presentazione del Paese Relatore : Stefania Turco Jones. Forum d Area America Latina Progetto Integrato di Mercato PIM America Latina Cile Presentazione del Paese Relatore : Stefania Turco Jones Forum d Area America Latina Dove siamo? Superficie: 756.626 km² (cui si aggiungono 1.250.000

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009 LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 9 "Non importa quante volte cadi. Quello che conta è la velocità con cui ti rimetti

Dettagli

Università di Macerata. L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive

Università di Macerata. L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive Università di Macerata Facoltà di Giurisprudenza Dipartimento di Studi Giuridici ed Economici L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive Francesca Spigarelli spigarelli@unimc.it Tecnologia,

Dettagli

Rientro dei dividendi a titolo degli investimenti diretti marocchini in africa

Rientro dei dividendi a titolo degli investimenti diretti marocchini in africa Gli Investimenti Diretti del Regno del Marocco in Africa Il flusso degli investimenti diretti marocchini in africa Il portafoglio commerciale degli investimenti diretti marocchini in africa Rientro dei

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Le aree di Innovazione per la crescita

Le aree di Innovazione per la crescita Le aree di Innovazione per la crescita I Sistemi nazionali di Innovazione vengono caratterizzati dal grado di specializzazione tecnologica dei diversi settori produttivi: la capacità di sviluppare innovazione

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

MILANO PER IL CO-SVILUPPO

MILANO PER IL CO-SVILUPPO MILANO PER IL CO-SVILUPPO Contributi a favore della solidarietà e della cooperazione internazionale 2009-2010 Comune di Milano Il Bando Milano per il co-sviluppo del Comune di Milano Obbiettivi chiave

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Roma 28 novembre 2013 - Nel 2012 il volume economico generato dal sistema italiano delle costruzioni, compresi i servizi, è stato

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita Facoltàdi Economia, Università degli studi di Trento 19 novembre 2009 Anagni, Istituto Tecnico Commerciale G. Marconi IL MONDO E CAMBIATO

Dettagli

Strategie di internazionalizzazione nei mercati tradizionali ed emergenti

Strategie di internazionalizzazione nei mercati tradizionali ed emergenti Strategie di internazionalizzazione nei mercati tradizionali ed emergenti Tiziano Bursi Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Convegno Competitività e internazionalizzazione Camera di Commercio

Dettagli

REPUBBLICA DEL CONGO (BRAZZAVILLE)

REPUBBLICA DEL CONGO (BRAZZAVILLE) REPUBBLICA DEL CONGO (BRAZZAVILLE) A cura di: Ambasciata d'italia - Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri.it Con la collaborazione di: Agenzia per la promozione all'estero

Dettagli

Le gare di appalto degli Organismi Internazionali: Opportunità per le imprese. Ancona, 19 giugno 2013

Le gare di appalto degli Organismi Internazionali: Opportunità per le imprese. Ancona, 19 giugno 2013 Le gare di appalto degli Organismi Internazionali: Opportunità per le imprese PARTE PRIMA Introduzione Gli attori coinvolti nelle procedure internazionali Le gare di appalto internazionali I settori di

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

AMBASCIATA D ITALIA A LUANDA 2013

AMBASCIATA D ITALIA A LUANDA 2013 Investire in Angola AMBASCIATA D ITALIA A LUANDA 2013 Contesto economico Crescita PIL dal 2001 al 2010 del 10% medio anno Previsione crescita PIL per 2013-2014 fra il 5 e il 6% Bilancio statale 2013 di

Dettagli

La presenza italiana in Africa subsahariana: opportunità e criticità

La presenza italiana in Africa subsahariana: opportunità e criticità La presenza italiana in Africa subsahariana: opportunità e criticità Venezia, 27 aprile 2015 Raffaele de Lutio Direttore Centrale per i Paesi dell Africa sub-sahariana Attenzione del MAECI verso l Africa

Dettagli

Gli incentivi non mettono in moto l automobile

Gli incentivi non mettono in moto l automobile 115 idee per il libero mercato Gli incentivi non mettono in moto l automobile di Andrea Giuricin Il rallentamento economico e la crisi finanziaria hanno avuto un forte impatto su uno dei settori più importanti

Dettagli

VARIABILI MACROECONOMICHE Graf. 2.1 La provincia di Modena è notoriamente caratterizzata da una buona economia. Ciò è confermato anche dall andamento del reddito procapite elaborato dall Istituto Tagliacarne

Dettagli

Capitolo 13. Crescita economica, produttività e tenore di vita

Capitolo 13. Crescita economica, produttività e tenore di vita Capitolo 13 Crescita economica, produttività e tenore di vita Crescita economica prima di tutto Fino a 100 anni fa la ricchezza delle nazioni (anche di quelle più sviluppate) era assai modesta rispetto

Dettagli

IL MINISTRO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE D.M. 28 gennaio 2009 Attuazione disposizioni di cui al comma 9, dell'art. 38, della legge n. 289/2002, concernente la determinazione del livello di reddito equivalente per ciascun Paese straniero, al reddito

Dettagli

Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane. Consulenza strategica all impresa

Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane. Consulenza strategica all impresa Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane PREMESSA L economia italiana attraversa una fase di acuta recessione. Conseguentemente, le attività industriali produttive, eccetto quelle

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

Corso televisivo di Alfabetizzazione: Presentazione di un prototipo

Corso televisivo di Alfabetizzazione: Presentazione di un prototipo Giornata Nazionale dell Alfabetizazione in Marocco Rabat 13 ottobre 2008 Corso televisivo di Alfabetizzazione: Presentazione di un prototipo di Maria Amata Garito Professore Psicotecnologie nell Università

Dettagli

RICICLO ECO EFFICIENTE

RICICLO ECO EFFICIENTE RICICLO ECO EFFICIENTE L industria italiana del riciclo tra globalizzazione e sfide della crisi Duccio Bianchi Istituto di ricerche Ambiente Italia I temi del rapporto L industria del riciclo e la green

Dettagli

1.3. La nuova geografia economica mondiale

1.3. La nuova geografia economica mondiale 28 A cavallo della tigre 1.3. La nuova geografia economica mondiale Internet, elettronica, auto: da Occidente a Oriente Negli ultimi tre-cinque anni si sono verificati mutamenti molto profondi nell importanza

Dettagli

OSM 6 COMBATTERE L HIV E L AIDS, LA MALARIA E ALTRE MALATTIE

OSM 6 COMBATTERE L HIV E L AIDS, LA MALARIA E ALTRE MALATTIE 6 COMBATTERE L HIV E L AIDS, LA MALARIA E ALTRE MALATTIE Traguardo : arrestare entro il 5 la diffusione del virus HIV e dell AIDS e cominciare a invertirne la diffusione Indicatore : il tasso di prevalenza

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Le imprese e il rischio di violazioni dei diritti umani: l approccio di ActionAid

Le imprese e il rischio di violazioni dei diritti umani: l approccio di ActionAid Le imprese e il rischio di violazioni dei diritti umani: l approccio di ActionAid Un po di dati Operiamo da oltre trent anni a fianco delle comunità p iù svantaggiate per garantire loro migliori condizioni

Dettagli

Annuario Istat-Ice 2008

Annuario Istat-Ice 2008 Le informazioni statistiche sul Commercio estero e sulle Attività Internazionali delle imprese Luigi Biggeri 1 Struttura della presentazione 1. L Annuario e lo sviluppo delle informazioni statistiche sul

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

IL PROCESSO DI BARCELLONA E LA STRATEGIA DI LISBONA: UN BILANCIO A META DEL PERCORSO 1

IL PROCESSO DI BARCELLONA E LA STRATEGIA DI LISBONA: UN BILANCIO A META DEL PERCORSO 1 IL PROCESSO DI BARCELLONA E LA STRATEGIA DI LISBONA: UN BILANCIO A META DEL PERCORSO 1 1. Un bilancio del processo d integrazione alla luce dei dati La strategia di Lisbona e il processo di Barcellona

Dettagli

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Associazione Nazionale Demolitori Italiani LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Parma, 26 novembre 2005 Trascrizione dell intervento dal titolo: IL MERCATO DELLE DEMOLIZIONI ANNI 2000: DAL RECUPERO ALLA

Dettagli

Modelli di innovazione a confronto Italia vs. Europa. Francesco Daveri Università di Parma

Modelli di innovazione a confronto Italia vs. Europa. Francesco Daveri Università di Parma Modelli di innovazione a confronto Italia vs. Europa Francesco Daveri Università di Parma Perché il modello di innovazione italiano è ad un bivio Lezioni da due modelli di innovazione stranieri Schema

Dettagli

1. Orientamento alle esportazioni. 2. Esperienza turistica. 3. Impegno verso l ambiente. 4. Comunicazioni di livello mondiale. 5.

1. Orientamento alle esportazioni. 2. Esperienza turistica. 3. Impegno verso l ambiente. 4. Comunicazioni di livello mondiale. 5. 1. Orientamento alle esportazioni Oggi il Cile detiene il primato mondiale per quanto riguarda la rete di trattati di libero scambio commerciale: oltre venti accordi sottoscritti con sessanta paesi, e

Dettagli

L Africa tra sviluppo e sottosviluppo Il ruolo dell acqua. ISPI, 25 Marzo 2009 Giorgio Cancelliere

L Africa tra sviluppo e sottosviluppo Il ruolo dell acqua. ISPI, 25 Marzo 2009 Giorgio Cancelliere L Africa tra sviluppo e sottosviluppo Il ruolo dell acqua ISPI, 25 Marzo 2009 Giorgio Cancelliere L accesso all acqua potabile in Africa Dei 1,2 miliardi di persone che nel mondo non hanno ancora accesso

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 6 febbraio 2007 L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 Ufficio della comunicazione Tel. +39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673.3106 Informazioni

Dettagli

REQUISITO ISCRIZIONE*** (lo studente deve essere iscritto a tempo pieno) II anno (L, LM, LM5) 200,00. III anno (L, LM5) 200,00. V anno (LM5) 200,00

REQUISITO ISCRIZIONE*** (lo studente deve essere iscritto a tempo pieno) II anno (L, LM, LM5) 200,00. III anno (L, LM5) 200,00. V anno (LM5) 200,00 DOMANDA RIDUZIONE TASSE A.A. 2015/2016 Gli studenti iscritti ad un corso di laurea, laurea specialistica/magistrale e laurea magistrale a ciclo unico possono ottenere la riduzione delle tasse universitarie

Dettagli

LO SVILUPPO UMANO NEL MONDO E IN AFRICA Lucia Forte Medici con l Africa Cuamm

LO SVILUPPO UMANO NEL MONDO E IN AFRICA Lucia Forte Medici con l Africa Cuamm LO SVILUPPO UMANO NEL MONDO E IN AFRICA Lucia Forte Medici con l Africa Cuamm Convegno Cooperazione internazionale a sostegno dello sviluppo umano e sanitario nei Paesi con risorse limitate Siena, 28 novembre

Dettagli

La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014

La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014 La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014 Una emergenza? L estrema diseguaglianza economica, rapidamente crescente, è stata citata dal World Economic Forum s Global Risk Report

Dettagli

Il mondo prima della crisi. Francesco Daveri

Il mondo prima della crisi. Francesco Daveri Il mondo prima della crisi Francesco Daveri 1 Il Pil mondiale nei 30 anni prima della crisi 6 5 4 3 2 1 0 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 00 01 02 03 04 05 06 07 Crescita

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere gli uomini e le donne poveri che vivono nelle aree rurali in condizione di raggiungere

Dettagli