Italia e Africa, partner nel business

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Italia e Africa, partner nel business"

Transcript

1 Italia e Africa, partner nel business 2012

2 Atti del convegno Italia e Africa, partner nel business 24 novembre 2012, Villa Greppi - Monza Brianza

3

4

5 Indice 01. Introduzione 1. Quadro macroeconomico 2. Caratteristiche economiche generali dell Africa Sub-Sahariana 3. I possibili settori di interesse per l Italia 3.1) Rapporti economici 3.2) Settori di potenziale interesse Dibattito Considerazioni finali Profilo relatori Profilo aziende e enti 110

6

7

8 8

9 01. Introduzione 9

10 Fiducia e disponibilità ad investire nella vasta area dell Africa centrale, come piattaforma mondiale dei commerci esteri. Sono numerosi gli imprenditori, in particolare ne abbiamo avuto riscontro da quelli associati alla Fondazione Costruiamo il futuro, che decidono di affacciarsi per la prima volta al mercato produttivo della vasta area del continente africano, che racchiude diciotto Paesi tutti democraticamente eletti, ospitali e pieni di risorse. Il territorio ha bisogno di infrastrutture e di occupazione, mentre, parallelamente, il sistema produttivo italiano ha bisogno di ricostruire quella fitta rete di rapporti commerciali con le aree strategiche del pianeta, per tornare ad essere quella forza economica che è stata in passato. I nostri imprenditori hanno dimostrato un grande interesse ad intraprendere un business con il continente africano, le difficoltà che spesso vengono riscontrate è la mancanza di un incontro tra la domanda e l offerta e le strutture istituzionali che possono sostenere e agevolare questa nuova avventura. Una mattinata di lavori con esperti conoscitori degli strumenti e delle dinamiche operative potrebbe essere un punto di partenza per nuove e proficue collaborazioni. I dati relativi a crescita demografica, quelli sui dati macroeconomici e sugli investimenti mostrano chiaramente come il Continente sia in ascesa. Permangono certo forti disparità tra i Paesi e la strada verso uno sviluppo equo e sostenibile è ancora lunga. Cionondimeno alcune realtà, come quelle del Mozambico, dell Angola e del Sud Africa ben rappresentano le opportunità e le sfide che caratterizzano questa parte del pianeta. 10

11 1. Quadro macroeconomico La regione dell Africa Sub-Sahariana 1 (SSA) conta una popolazione di circa 820 milioni di abitanti nell anno La Nigeria è lo Stato più popoloso dell Africa Sub Sahariana con una popolazione stimata intorno a 160 milioni di persone che rappresentano circa il 20% della popolosità dell area. Figura 1.1 Popolazione 2012 dei Paesi SSA (peso %) 19,6% Nigeria 31,9% Altri 10,6% Ethiopia 2,7% Mozambique 2,8% Côte d Ivoire 3,0% Ghana 4,3% Uganda 5,0% Kenya 5,1% Tanzania 6,1% South Africa 8,9% Democratic Republic of Congo Fonte: elaborazioni DGSP-I-Sezione Analisi e Studi su dati e stime IMF-WEO April L Africa Sub Sahariana comprende i seguenti paesi: Angola, Benin, Botswana, Burkina Faso, Burundi, Camerun, Capo Verde, Repubblica Centrafricana, Ceuta, Ciad, Comore, Congo, Costa D avorio, Eritrea, Etiopia, Gabon, Gambia, Ghana, Gibuti, Guinea, Guinea Equatoriale, Guinea- Bissau, Kenia, Lesotho, Liberia, Madagascar, Malawi, Mali, Mauritania, Maurizio, Melilla, Mozambico, Namibia, Niger, Nigeria, Repubblica Democratica del Congo, Ruanda, Sao Tomé e Principe, Seicelle, Senegal, Sierra Leone, Sud Africa, Swaziland, Tanzania, Togo, Uganda, Zambia, Zimbabwe. 11

12 Figura 1.2 Andamento popolazione SSA Popolazione (mln) Fonte: elaborazioni DGSP-I-Sezione Analisi e Studi su dati e stime IMF-WEO April Tra gli Stati maggiormente popolosi (Fig. 1.1), segue l Etiopia (11% circa, con quasi 85 milioni di abitanti) e dalla Repubblica Democratica del Congo (9%, con 72 milioni). Le stime del Fondo Monetario Internazionale riportano un tasso di crescita medio della popolazione sub-sahariana del 2,5% tra il 2011 e il 2017 che consentirà di raggiungere i 950 milioni di abitanti nel 2017 (Fig. 1.2). 12

13 Figura 2 Volumi di importazioni di beni e servizi della SSA e principali Paesi* (var %) South Africa Nigeria Angola Kenya Ghana SSA * I Paesi nel grafico sono quelli con il maggior PIL a prezzi correnti ($) nel Fonte: elaborazioni DGSP-I-Sezione Analisi e Studi su dati e stime IMF-WEO April Tale crescita mostra la fase ascendente del ciclo di sviluppo di quest area che tuttavia necessità di una serie di interventi affinché possa interamente esprimersi. 2 La crescita della popolazione si traduce in un aumento della domanda, come mostrato in Fig. 2 in relazione alla componente estera: si stimano tassi reali di crescita della domanda di importazioni pari o superiori al 5% annuo per il prossimo quinquennio. I Paesi che registrano una variazione positiva del volume di importazioni superiore alla media nel periodo sono soprattutto Ghana, Kenya e Nigeria. *L autore ringrazia Adelina Carnevale e Emanuele Galantino per la preziosa assistenza nell elaborazione dati. 2 Tra i paesi dell area, il Sud Africa meriterebbe una trattazione separata. Questo, infatti, è considerato tra i Paesi di maggior potenziale nel traino della crescita globale, non solo dell Africa Sub Sahariana, nei prossimi anni. Il Sud Africa è incluso nel gruppo dei BRICS (Brasile, Russia, India, Cina, Sud Africa), paesi che condividono una popolazione numerosa, un ampio territorio, abbondanti risorse naturali strategiche e, cosa più importante, sono stati caratterizzati da una forte crescita del Pil e della quota nel commercio mondiale, soprattutto agli inizi del XXI secolo. Il paese è inoltre incluso nei CIVETS (Colombia, Indonesia, Vietnam, Egitto, Turchia e Sud Africa), acronimo coniato nel 2009 dall Economist Intelligence Unit e che raggruppa economie considerate diversificate, dinamiche e con una popolazione giovane e crescente. 13

14 Figura 3.1 PIL a prezzi costanti della SSa e dei principali Paesi* (var %) South Africa Nigeria Angola Kenya Ghana SSA Il dinamismo dell economia sub-sahariana è chiaramente riflesso nell andamento del PIL la cui crescita reale media è stimata superiore al 5% nei prossimi cinque anni (Fig. 3.1). I paesi con variazioni del PIL superiori alla media sono Ghana, Nigeria e Angola, tra quelli con il maggior PIL corrente. In relazione a quest ultimo, il Sud Africa risulta il primo paese dell area, con 420 miliardi di dollari (Fig. 3.2), seguito dalla Nigeria con 273 miliardi di dollari e dall Angola con 121,5 miliardi di dollari. 14

15 Figura 3.2 PIL prezzi corretti dei Paesi SSA (mld $) South Africa Nigeria Angola Kenya Ghana Ethiopia Cameroon Côte d Ivoire Tanzania Equatorial Guinea Zambia Uganda Gabon Dem. Rep. Congo Botswana Rep. Congo Mozambique Senegal Namibia * I Paesi mostrati nel grafico sono quelli con il maggior PIL a prezzi correnti ($) nel Fonte: elaborazioni DGSP-I-Sezione Analisi e Studi su dati e stime IMF-WEO April

16 2. Caratteristiche economiche generali dell Africa Sub-Sahariana Seguendo l andamento del commercio mondiale, il commercio dell area sub sahariana è cresciuto nel tempo, in modo particolare negli anni Figura 4.1 Export e Import dell Africa Sub Sahariana (mld $) Esportazioni Importazioni Fonte: elaborazioni DGSP-I-Sezione Analisi e Studi su dati UNCTAD. 16

17 Figura 4.2 Peso dell export e dell import dell Africa Sub Sahariana sui corrispondenti flussi mondiali (%) 6,0 5,0 4,0 3,0 2,0 1,0 0, Peso delle sportazioni dell Africa Sub Sahariana sulle esportazioni mondiali Peso delle importazioni dell Africa Sub Sahariana sulle importazioni mondiali Fonte: elaborazioni DGSP-I-Sezione Analisi e Studi su dati UNCTAD. Le esportazioni dell area nel 2011 sono circa 430 miliardi di dollari mentre le importazioni sono circa 370 (Fig. 4.1). Tuttavia, la crescita dei flussi commerciali in entrata e in uscita è stata più lenta di quella mondiale ed infatti il peso dell export e dell import sub sahariani sui corrispondenti flussi mondiali è diminuito nel tempo, recuperando qualcosa solo negli ultimi dieci anni (Fig. 4.2). L area attrae investimenti dall estero, data la disponibilità di materie prime, più di quanto non investa all estero. Lo stock di investimenti detenuti nell area ha superato i 350 miliardi di dollari mentre lo stock detenuto all estero è intorno ai 100 miliardi (Fig. 4.3). Dopo l arresto degli anni peggiori della crisi, nel 2011 l area ha nuovamente accolto flussi di investimento intorno ai 35 miliardi di dollari mentre i flussi in uscita rimangono abbondantemente sotto i livelli pre-crisi (Fig. 4.4). 17

18 Figura 4.3 Stock di investimenti (mld $) Stock di investimenti esteri detenuti in Africa Sub Sahariana Stock di investimenti dell Africa Sub Sahariana Fonte: elaborazioni DGSP-I-Sezione Analisi e Studi su dati UNCTAD. Figura 4.4 Flussi di investimenti (mld $) Stock di investimenti esteri detenuti in Africa Sub Sahariana Stock di investimenti dell Africa Sub Sahariana Fonte: elaborazioni DGSP-I-Sezione Analisi e Studi su dati UNCTAD. 18

19 Nei paragrafi che seguono, si presentano alcune caratteristiche economiche dei principali paesi dell area sub sahariana, selezionati sulla base del PIL. 3. I possibili settori di interesse per l Italia L Africa Sub Sahariana riveste per l Italia un importanza crescente sia come mercato di sbocco delle nostre esportazioni (oltre 5 miliardi di euro nel 2011) che, soprattutto, come mercato di approvvigionamento (9,8 miliardi di euro, Fig. 10.1). Le nostre imprese, inoltre, detengono nell area attività per oltre 1,5 miliardi di euro (Fig. 10.2). Figura 10.1 Scambi italiani con l Africa Sub Sahariana (mld ) Esportazioni italiane Importazioni italiane Fonte: elaborazioni DGSP-I-Sezione Analisi e Studi su dati ISTAT. 19

20 Figura 10.2 Stock di investimenti italiani in Africa Sub Sahariana (mld ) Fonte: elaborazioni DGSP-I-Sezione Analisi e Studi su dati Eurostat. Quasi il 90% del valore degli investimenti realizzati da aziende italiane nell area sul periodo Gennaio Giugno 2012 è destinato al settore energetico (Fonte: fdimarket). Di seguito si presenta una breve analisi sui possibili settori di interesse per le imprese italiane nell area nel suo complesso e nei principali paesi. 3.1) Rapporti economici L Africa Sub Sahariana ha sempre rappresentato per il nostro paese un area più rilevante come fornitore che non come destinatario dei nostri flussi commerciali e fintantoché non si diffonderà nel sub continente un livello di benessere tale da stimolare la domanda (anche) di prodotti di qualità quali quelli italiani, il quadro non dovrebbe subire sostanziali modifiche (Fig. 10.3). Esportiamo verso l area soprattutto nella meccanica (20% delle nostre esportazioni verso l Africa Sub Sahariana) e riesportiamo prodotti energetici (6%) mentre importiamo in larga misura questi ultimi, in forma non lavorata, (62%) insieme ai prodotti della metallurgia (18%, Figg e 10.5). 20

21 Figura 10.3 Rilevanze dell Africa Sub Sahariana per il commercio italiano 3,0 2,5 2,0 1,5 1,0 0,5 0, Peso dell Africa Sub Sahariana sulle esportazioni mondiali italiane (%) Peso dell Africa Sub Sahariana sulle importazioni mondiali italiane (%) Fonte: elaborazioni DGSP-I-Sezione Analisi e Studi su dati ISTAT. Figura 10.4 Composizione settoriale delle esportazioni italiane in Africa Sub Sahariana (% ) 61,4% Altro 20,1% Macchinari e apparecchiature 6,2% Coke e prodotti derivati dalla raffinazione del petrolio 4,4% Apparecchiature elettriche e apparecchiature ad uso domestico elettriche 4,1% Prodo... 3,8% Prodotti in metallo, esclusi macchinari e attrezzature Fonte: elaborazioni DGSP-I-Sezione Analisi e Studi su dati ISTAT. 21

22 Figura 10.5 Composizione settoriale delle importazioni italiane in Africa Sub Sahariana (% ) 2,7% Articoli in pelle (escluso abbigliamento) e simili 6,0% Prodotti alimentari 6,3% Prodotti dell agricoltura, pesca e silvicoltura 5,0% Altro 18,3% Prodotti della metallurgia 61,7% Prodotti delle miniere e delle cave Fonte: elaborazioni DGSP-I-Sezione Analisi e Studi su dati ISTAT. 3.2) Settori di potenziale interesse Dalla comparazione tra la nostra quota di mercato mondiale e quella in Africa Sub Sahariana (Fig. 10.6), è possibile identificare alcuni settori nei quali sembra possibile migliorare la nostra posizione: tali sono quei settori nei quali la nostra quota nell area è inferiore non solo alla nostra quota media mondiale ma anche alla quota media nell area stessa (riquadro rosso). 22

23 Figura 10.6 Le nostre quote di mercato in Africa Sub Sahariana e nel Mondo (2011) 12,0 10,0 Prodotti in pelle (incluse calzature) Mobili Quota italiana nel Mondo ,0 6,0 4,0 2,0 Vetro, ceramica e materiali Articoli non metallici per l edilizia di abbigliamento Prodotti della metallurgia Prodotti chimici Apparecchi elettrici Prodotti in metallo (esclusi macchinari e attrezzature) Carta e prodotti in carta Macchinari ed apparecchi meccanici 0,0 Autoveicoli, rimorchi e semirimorchi Coke e prodotti petroliferi raffinati -1,0 0 1,0 2,0 3,0 4,0 5,0 6,0 7,0-2,0 Computer, apparecchi elettronici ed ottici Altri mezzi di trasporto Quota italiana in Africa Sub Sahariana Fonte: elaborazioni DGSP-I-Sezione Analisi e Studi su dati UNCOMTRADE. La dimensione delle bolle è proporzionale al peso delle importazioni di ogni settore in Africa Sub Sahariana. Si evidenzia che, a causa dei dati disponibili, la presente figura è costruita su una classificazione merceologica diversa da quella delle figure successive dello stesso tipo. 23

24 Sicuramente, data la dimensione relativamente grande del mercato, è di interesse il settore dei prodotti della metallurgia (che includono i prodotti della siderurgia, tubi, condotti e profilati cavi), i mezzi di trasporto (sia su strada che di altra tipologia) e infine l abbigliamento, ma entrambi gli ultimi due settori, e in particolare l ultimo, richiedono che si diffonda prima un certo livello di benessere e quindi un certo livello di consumo (e di qualità nel consumo). Guardando agli investimenti, dei progetti registrati in Africa da fdimarket sul periodo 2003-giugno 2012 (Figura 10.7), questi si concentrano nell estrattivo ma, in considerazione della domanda di prodotti della metallurgia, è quest ultimo che potrebbe rappresentare un settore di forte interesse per gli investimenti, accompagnato naturalmente dalla lavorazione del prodotto per soddisfare la domanda finale. Il settore energetico resta chiaramente di interesse e acquistano peso il Real Estate e le Costruzioni in senso ampio (infrastrutture ma anche turismo). 24

25 Figura 10.7 Investimenti in Africa tra Gennaio 2003 e Giugno 2012 Industry Sector Projects Capex (min ) AVg Capex (min ) Jobs Created Avg Jobs Companies Coal, Oil and Natural Gas ,2 664, Real Estate ,4 906, Communications ,2 226, Chemicals ,8 102, Hotels & Tourism ,6 169, Alternative/ Renewable energy Building & Construction ,3 101, ,0 228, Matrials ,5 130, Food & Tobacco ,7 56, Automotive OEM ,6 61, Transportation ,6 53, Financial Services ,0 9, Business Services ,2 11, Software & IT Services ,5 12, Minerals ,4 35, Beverages ,2 35, Industrial Machinery, Equipment & Tools Automotive Components ,5 17, ,0 23, Textiles ,7 24, Electronic Components ,4 9, Others ,9 43, Total ,9 140, Fonte: fdimarket. 25

26 Rodolfo Casadei (moderatore) giornalista del settimanale Tempi 26

27 Grazie buongiorno a tutti grazie per aver accettato l invito di Costruiamo il Futuro, a questo convegno che propone un tema di assoluta attualità Italia Africa partner nel business. Ad illustrare l argomento sono stati chiamati dei relatori di assoluto valore competenti di Africa, competenti di internazionalizzazione delle imprese. Presento rapidamente i relatori nell ordine in cui interverranno: Marinella Loddo Dirigente area Collaborazione industriale e rapporti con gli Organismi internazionali del ICE, agenzia per la promozione all estero dell internazionalizzazione delle imprese italiane, da anni si occupa di rapporti con l Africa, seguirà l Ambasciatore Umberto Vattani, che non ha bisogno di presentazioni essendo stato per ben due volte Segretario Generale della Farnesina, Presidente dell ICE (prima della riforma), una carriera diplomatica lunga cinquant anni che lo ha portato ad essere rappresentante dell Italia presso l Unione europea. Dopo di lui interverrà Gloria Targetti direttrice dell ufficio milanese e lombardo della Simest, finanziaria di sviluppo e promozione delle imprese italiane all estero. Seguirà Giuseppe Tripoli da sette mesi Garante per le Piccole e Medie Imprese, una figura prevista dallo Statuto delle Imprese per tutelare gli interessi delle piccole e medie imprese, organico del Ministero dello Sviluppo Economico, ed è anche capo di dipartimento di imprese di internazionalizzazione dello stesso ministero. Dopo di lui passiamo la parola a Dario Speranza Vice Presidente del dipartimento per gli Affari pubblici di Eni. Quest anno come sapete tutti è il cinquantesimo anniversario della morte di Enrico Mattei, colui che fece dell Eni un attore internazionale dell industria dell energia e che letteralmente inventò un concetto di partenariato fra Paesi produttori e Paesi consumatori di idrocarburi, di petrolio. Quindi la parola all Onorevole Raffaello Vignali del Popolo della Libertà Vice Presidente della Commissione Attività Produttive della Camera, padre dello Statuto delle imprese che è diventato legge proprio un anno fa. Io che coordino e modero sono Rodolfo Casadei, l inviato internazionale del settimanale Tempi. Mi sono occupato molte volte di Africa nei miei reportage, di miei libri ce ne sono almeno tre che trattano di temi africani. Introdurrò l argomento molto rapidamente, molto succintamente per poi passare la parola ai relatori. Perché è opportuna una conferenza Italia e Africa, partner nel business? Prima di tutto precisiamo che parleremo principalmente dell Africa Sud Sahariana, l Africa a sud del Sahara, detta Africa nera. Quando parliamo dei Paesi dell Africa sud Sahariana parliamo di 48 stati che hanno una popolazione di oltre 850 milioni di persone, questa parte dell Africa 27

28 cresce a un tasso medio annuo del 5% già da dodici anni. L anno scorso la crescita è stata del 5,3%, quest anno si prevede una crescita attorno al 5%, l anno prossimo attorno al 5,7%. In questi ultimi 12 anni c è stato soltanto un anno di flessione, il 2009, in corrispondenza degli effetti della crisi finanziaria internazionale e in quell anno il Pil crebbe dell 1,7%, comunque molto più di quello che possiamo augurarci qui in Europa. La crescita costante del Pil africano ha già attirato capitali, ha già attirato investimenti. In questi anni le Nazioni Unite hanno calcolato che gli investimenti diretti esteri in Africa sono stati pari a 42,7 miliardi di dollari. Per farsi un idea della portata di questi investimenti si possono paragonare con quelli verso la celebratissima Cina, che nello stesso periodo ha ricevuto 110 miliardi di dollari di investimenti diretti dall estero, quindi due volte e mezzo in più se vogliamo. Tenete però conto che la Cina ha molta più popolazione dell Africa nera, 1350 milioni di abitanti contro 850. A cosa è dovuto il boom economico dell Africa nera? Dal mio punto di vista è dovuto soprattutto al boom del prezzo delle materie prime, accompagnato da alcuni sviluppi politici locali che hanno permesso all Africa di sfruttare economicamente questo boom del prezzo delle materie prime. L Africa è ricca di minerali, di fonti energetiche, di petrolio, di gas. Molte di queste materie sono entrate in produzione negli ultimissimi anni, soprattutto in alcuni paesi, come le materie prime agricole per l esportazione, come ad esempio il cotone. Il boom del prezzo delle materie è dovuto al boom economico dei giganti dell Asia, la Cina, l India e ad altri paesi più piccoli dell Asia. L industrializzazione, l urbanizzazione, la motorizzazione, della Cina e dell India stanno trascinando all insù i prezzi delle materie prime, nonostante la stagnazione dell economia europea e quindi questo determina anche un boom economico dell Africa nera, che è figlio in qualche modo di questo boom d industrializzazione dell Asia. Si sta ripetendo lo schema degli anni 60 e 70 quando i paesi africani che erano appena diventati indipendenti, ebbero due decenni di sviluppo trainato dall alto prezzo delle materie prime, sfruttando l onda lunga della ricostruzione post bellica, della reindustrializzazione dell Europa. Negli anni 80 e 90 si ebbe un crollo delle economie africane che ebbe anche delle conseguenze gravi dal punto di vista della politica di questi stati, all indomani degli shock petroliferi che fecero si che l Europa e l occidente concepissero un economia meno legata alle materie prime. Il minor utilizzo di materie prime e di energia ebbe una forte ricaduta sull Africa (che viveva di esportazioni). Gli anni 80 e 90, purtroppo per l Africa, sono 28

29 stati anni di guerre, di carestie e della pandemia dell AIDS. A partire dal 2003, fortunatamente, molti dei conflitti africani sono stati chiusi o si sono attenuati. Questo processo è stato accompagnato da riforme macro e micro economiche che hanno reso possibile uno sviluppo essenzialmente basato sull export di materie prime. Da questo punto di vista mi prendo la responsabilità di dire, io non sono diplomatico, che ancora non possiamo parlare di un autentico sviluppo e progresso economico sociale in Africa, non c è ancora un modello di sviluppo sano, non c è una vera modernizzazione dell economia e della società. C è però un boom economico, dovuto a questo meccanismo di aumento dei prezzi delle materie prime i cui corsi sono stati sono stati risollevati dall industrializzazione dell Asia. Faccio un esempio. C è un paese, il Ghana, che ha 25 milioni di abitanti, quest anno improvvisamente il suo prodotto interno lordo è aumentato del 14%, in un anno solo, perché? Perché finalmente sono entrati in produzione i suoi pozzi petroliferi, pozzi petroliferi che però non è che diano chissà quanto petrolio, circa 100 mila barili al giorno (pensate che l Italia ne produce 146 mila al giorno di equivalenti di idrocarburi). Eppure basta questa quota di petrolio, che prima non esisteva, per fare sì che un paese di 25 milioni di abitanti improvvisamente aumenti il suo Pil del 14%. Detto questo 29

30 le opportunità per gli imprenditori e per gli investitori esteri ci sono e sono notevoli. Gli ambiti del business sono sostanzialmente, a mio modo di vedere, due: la spesa pubblica per le infrastrutture e per i servizi e la spesa del consumo privato della nascente classe media urbana. L Africa nera è drammaticamente sotto infrastrutturata, mancano le strade, le ferrovie, le centrali elettriche, le raffinerie (quando ci sono non funzionano), gli acquedotti, le fogne, le reti. C è tantissimo da fare e in questo momento ci sono soldi pubblici per intervenire in quasi tutti i paesi. In secondo luogo c è una classe media urbana di colletti bianchi dipendenti del settore pubblico e delle grandi imprese multinazionali con un potere d acquisto crescente. La spesa per consumo nell Africa nera è arrivata a 900 miliardi di dollari e secondo le proiezioni arriverà a 1400 miliardi di dollari nel Nei primi dieci anni del XXI secolo, solo per fare un esempio, in Africa sono stati venduti 316 milioni di telefoni cellulari, in un continente dove i telefoni fissi praticamente non funzionano mai. Secondo le proiezioni del Mc Keene Global Institute nel 2020, 128 milioni di famiglie africane avranno a disposizione reddito per spese voluttuarie e tenete presente che una famiglia africana, anche in città, non ha mai meno di sei componenti, i due genitori e quattro figli. Naturalmente l Africa presenta anche molti ostacoli per gli imprenditori e per gli investitori stranieri, una burocrazia quasi sempre inefficiente e corrotta, alti tassi di criminalità, problemi di mancanza di infrastrutture per la produzione e la presenza di competitori che hanno pochi scrupoli. 30

31 31

32 Marinella Loddo dirigente area Collaborazione industriale Rapporti con gli Organismi internazionali ICE Grazie, ringrazio gli organizzatori, mi fa molto piacere poter essere qui questa mattina, per presentare sia le opportunità che emergono da questo rapido sviluppo dei paesi dell Africa sud Sahariana, ma soprattutto per farmi conoscere e anche per presentare le attività dell ICE a favore di una sempre maggiore collaborazione con le imprese in questi mercati non ampiamente conosciuti. Volevo anticipare che anche noi stiamo pubblicizzando molto questo tema dell Africa sud Sahariana. Proprio la settimana scorsa abbiamo realizzato a Roma un seminario di presentazione e di formazione e per questo 32

33 abbiamo a disposizione un esaustiva presentazione predisposta dall ufficio studi dell ICE, più di cento slide. La mia presentazione di oggi sarà di cinquanta slide, ne taglierò la metà perché molti dei concetti sono già stati detti dal dott. Casadei, ma la versione intera è comunque a disposizione. Come voi sapete l anno scorso l Istituto Nazionale per il Commercio Estero è stato soppresso ed è stato costituito l ICE agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese che è oggi l ente pubblico che, a livello nazionale, ha proprio il compito di promuovere ed accompagnare le imprese all estero. Penso che sia importante da un punto di vista nazionale che ci sia questa istituzione pubblica, in linea con gli altri paesi non soltanto industrializzati ma a livello internazionale. Non mi soffermerò su quello che è la mission dell istituto, però voglio evidenziare il ruolo che svolge nei confronti soprattutto delle Piccole e Medie Imprese. Esse oltre ad essere il nostro tessuto produttivo economico, dato che più del 98% delle nostre esportazioni sono fatte da piccole e medie imprese, sono anche quelle imprese che con grande flessibilità riescono ad adattarsi nelle situazioni di crisi. A volte però mancano di quelle capacità e di quelle conoscenze manageriali che, nei momenti di cambiamento come quelli che stiamo vivendo, sono necessari per capire certi fenomeni e poter attrezzarsi, o addirittura prevenirli. Dobbiamo iniziare a pensare a come sarà il mondo nel 2050, avere già una proprio ottica in merito, perchè anche se noi non ci saremo ci saranno i nostri nipoti e se qui si parla di fare futuro, dobbiamo provare ad immaginare come sarà la vita nel 2050, o nel 2030 se vogliamo rimanere più vicini, altrimenti non riusciremo a costruire quello che sarà. Queste piccole e medie imprese hanno oggi difficoltà ad affermarsi, si parla infatti anche a livello europeo di una crisi dell imprenditorialità, soffocate forse da quello che viene definito come il problema della grande burocrazia. Questi seminari servono anche per facilitare incontri ed eliminare ostacoli. Sviluppare tutte le forme di relazioni, sia tra le imprese sia a livello istituzionale, è importante al fine di riaffermare e riconfermare che l Italia, nell ambito del commercio internazionale e non solo, ha ancora qualcosa da dire. In tutti i settori noi lavoriamo in collaborazione con le altre istituzioni a livello territoriale organizzando attività in comune e questo è molto importante perchè noi siamo l ente che promuove, ma non basta la promozione bisogna anche poi accompagnare con degli strumenti adeguati. Collaboriamo con istituzioni come la Simest (vedo qua vicino la dott.ssa Targetti) che accompagna dal punto di vista dei finanziamenti oppure come la SACE (che non c è) e che si occupa di assicurare le imprese. La nostra attività si esercita essenzialmente su quattro filoni d intervento. 33

34 Attività Informaione: Promozione: seminari, missioni, fiere,... Formazione: corsi per italiani e stranieri L Informazione che è basilare, perché senza conoscere non si può agire oppure se si agisce poi ci possono essere delle ripercussioni. L Assistenza, grazie anche alla rete di uffici che abbiamo all estero e che possono essere considerate le nostre antenne a vostra disposizione per qualsiasi attività. La Promozione che è la nostra attività più conosciuta: noi ci esplichiamo attraverso iniziative che vanno da quelle più tradizionali, come la partecipazione alle fiere, ma anche ad iniziative più innovative. E penso a tutto il lavoro che stiamo facendo con le start-up non soltanto tecnologiche, ma anche startup da un punto di vista tradizionale riportandole sul mercato con metodi innovativi. Infine la Formazione di giovani, con dei corsi di specializzazione in commercio estero, delle imprese ed anche degli stranieri. Perché la formazione agli stranieri, non solo di funzionari ma anche di imprese straniere, è quell investimento a lungo periodo che poi porta grandi ritorni, dato che la classe dirigente sarà così formata su un modello italiano. Noi parliamo sempre di commercio estero però ci piace di più usare la 34

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM SkyTeam Awards è uno dei maggiori vantaggi che ti offre l Alleanza SkyTeam: un solo Biglietto Premio per tante destinazioni nel mondo, anche quando l itinerario che scegli

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

CONVENZIONE DELL'ORGANIZZAZIONE DELL'UNITÀ AFRICANA (OUA) CHE REGOLA GLI ASPETTI SPECIFICI DEI PROBLEMI DEI RIFUGIATI IN AFRICA

CONVENZIONE DELL'ORGANIZZAZIONE DELL'UNITÀ AFRICANA (OUA) CHE REGOLA GLI ASPETTI SPECIFICI DEI PROBLEMI DEI RIFUGIATI IN AFRICA CONVENZIONE DELL'ORGANIZZAZIONE DELL'UNITÀ AFRICANA (OUA) CHE REGOLA GLI ASPETTI SPECIFICI DEI PROBLEMI DEI RIFUGIATI IN AFRICA Adottata dalla Conferenza dei Capi di Stato e di Governo dell'oua riuniti

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Scommettere sull Africa emergente

Scommettere sull Africa emergente Giovanni Carbone, Gian Paolo Calchi Novati, Gianpaolo Bruno, Marta Montanini Scommettere sull Africa emergente Opportunità e scenari della presenza italiana nell Africa Subsahariana Scommettere sull Africa

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Progetto IMPORT STRATEGICO 2015 Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Milano, 10 febbraio 2015 IRAN - dati macroeconomici 2013 2014

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto A cura dell Ufficio Studi Economici EXECUTIVE SUMMARY Il raggiungimento di un accordo sul nucleare iraniano potrebbe aprire interessanti opportunità per le

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI ENERGIA PER L ITALIA A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI 2014 Bompiani / RCS Libri S.p.A. Via Angelo Rizzoli, 8 20132 Milano ISBN 978-88-452-7688-0 Prima edizione Bompiani ottobre 2014 Introduzione

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

L evoluzione delle relazioni tra Europa e Africa

L evoluzione delle relazioni tra Europa e Africa Europa e Africa Focus Intervista a Giovanni Bersani L evoluzione delle relazioni tra Europa e Africa a cura di Matteo Montanari Europarlamentare per quasi trent anni (1960-1989), lei ha ricoperto anche

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

GUIDA ALLA NOTIFICA ALL ESTERO DEGLI ATTI GIUDIZIARI ED EXTRAGIUDIZIARI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE

GUIDA ALLA NOTIFICA ALL ESTERO DEGLI ATTI GIUDIZIARI ED EXTRAGIUDIZIARI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE DIREZIONE GENERALE PER GLI ITALIANI ALL ESTERO E LE POLITICHE MIGRATORIE Ufficio IV GUIDA ALLA NOTIFICA ALL ESTERO DEGLI ATTI GIUDIZIARI ED EXTRAGIUDIZIARI IN MATERIA CIVILE E COMMERCIALE (Maggio 2014)

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Costituzione dell Organizzazione mondiale della Sanità

Costituzione dell Organizzazione mondiale della Sanità Traduzione 1 Costituzione dell Organizzazione mondiale della Sanità 0.810.1 Firmata a Nuova York il 22 luglio 1946 Approvata dall Assemblea federale il 19 dicembre 1946 2 Strumenti di ratificazione depositati

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

L Italia nell economia internazionale

L Italia nell economia internazionale Sistema Statistico Nazionale L Italia nell economia internazionale Rapporto ICE 2012-2013 ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Sistema Statistico

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita?

Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita? Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita? Mauro Caselli 1 Paolo Falco 2 1 School of Economics Australian School of Business The University of New South Wales m.caselli@unsw.edu.au

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

FAR INCONTRARE LE PERSONE. OGNI VOLTA UNA SFIDA UNICA

FAR INCONTRARE LE PERSONE. OGNI VOLTA UNA SFIDA UNICA FAR INCONTRARE LE PERSONE. OGNI VOLTA UNA SFIDA UNICA La Nuova Frontiera Meetings & Events: un area di spesa che secondo le nostre indagini si attesta, a livello globale, intorno ai 300 miliardi di dollari.

Dettagli

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata?

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata? CON-TRA S.p.a. Tel. +39 089 253-110 Sede operativa Fax +39 089 253-575 Piazza Umberto I, 1 E-mail: contra@contra.it 84121 Salerno Italia Internet: www.contra.it D. Che cosa è la ISPM15? R. Le International

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Se non siamo in grado di misurare non abbiamo alcuna possibilità di agire Obiettivo: Misurare in modo sistematico gli indicatori

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese RAPPORTO ANNUALE2014 La situazione del Paese Rapporto annuale 2014. La situazione del Paese. Presentato mercoledì 28 maggio 2014 a Roma presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio RAPPORTO ANNUALE2014

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Capitolo 17 Commercio con l estero e internazionalizzazione 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Le statistiche sul commercio con l estero e sulle attività internazionali delle imprese

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Cooperazione internazionale. e sviluppo. La lotta alla povertà in un mondo che cambia LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA

Cooperazione internazionale. e sviluppo. La lotta alla povertà in un mondo che cambia LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA Cooperazione internazionale La lotta alla povertà in un mondo che cambia e sviluppo Sappiamo tutti che con le risorse tecnologiche, finanziarie e materiali in nostro possesso

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE Procedure per il controllo e la gestione delle irregolarità Lunedì 17 giugno 2013 Unioncamere Sala Convegni De Longhi Horti Sallustiani, Piazza

Dettagli

with out FAME E SPRECHI:

with out FAME E SPRECHI: with out FAME E SPRECHI: Il Paradosso della Scarsità nell Abbondanza Rapporto a cura di Daniela Bonardo Hanno collaborato: Elena Avenati, Chiara Damen, Giusy De Loiro, Marco Guadagnino, Save the Children

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7 Rapporto annuale n. 7 Direzione Studi e Ricerche Dicembre 214 Dicembre 214 Executive Summary 3 Introduzione 5 1. I bilanci dei distretti industriali italiani nel quinquennio 28-13 19 2. Internazionalizzazione,

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali

Presidenza del Consiglio dei Ministri Commissione per le Adozioni Internazionali Allegato A Legenda Elenco degli enti autorizzati per paese straniero: L asterisco (*) sta ad indicare l obbligo di accreditamento nel Paese straniero secondo una specifica procedura. In questo caso e stato

Dettagli

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE giugno 2013 Il presente rapporto è stato elaborato con le informazioni disponibili al 14 giugno 2013 da: Giulia

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

Esportare la dolce vita. Il bello e ben fatto italiano nei nuovi mercati Ostacoli, punti di forza e focus Cina

Esportare la dolce vita. Il bello e ben fatto italiano nei nuovi mercati Ostacoli, punti di forza e focus Cina Esportare la dolce vita Il bello e ben fatto italiano nei nuovi mercati Ostacoli, punti di forza e focus Cina Il rapporto è stato realizzato da: Alessandro Gambini, Manuela Marianera, Luca Paolazzi (Centro

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della GENOVA 2015-2030 UNA FINESTRA SUL FUTURO Ricerca tipo Delphi a cura della Sezione Terziario di Confindustria Genova Coordinamento della ricerca Sergio Di Paolo PERCHÉ IL FUTURO Immaginare il futuro aiuta

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE

CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE Il più grande evento del mondo. Un brand universale (4 expo ogni 10 anni in 5 Continenti). Un evento nazionale e non locale. Un organizzazione non-profit degli Stati Nazionali

Dettagli

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Inaugurazione Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan 29 gennaio 2013 Venezia www.unioncamereveneto.it

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO)

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) La presente raccolta comprende solo le voci principali della classificazione di Ratisbona relativa all arte (LH LO) INDICE LD 3000 - LD 8000

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

TRASPORTO MERCI SU STRADA

TRASPORTO MERCI SU STRADA TRASPORTO MERCI SU STRADA Analisi economico-statistica delle potenzialità e criticità di un settore strategico per lo sviluppo sostenibile Trasporto merci su strada è una pubblicazione a cura di: ANFIA

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Leimportazioni italianedimaterieprime

Leimportazioni italianedimaterieprime Leimportazioni italianedimaterieprime Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Francesco Livi

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli