COMUNE DI ANZOLA Domenica, 16 febbraio 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI ANZOLA Domenica, 16 febbraio 2014"

Transcript

1 COMUNE DI ANZOLA Domenica, 16 febbraio 2014

2 Domenica, 16 febbraio 2014 Cronaca 16/02/2014 La Repubblica (ed. Bologna) Pagina 16 Eventi 1 16/02/2014 Il Resto del Carlino (ed. Bologna) Pagina 2 Più di cento i forni che si sono messi in gioco 2 Politica locale 16/02/2014 Il Resto del Carlino (ed. Bologna) Pagina 25 Persiceto tra stelle e insetti 3 16/02/2014 Pagina 5 «Meno burocrazia, spending review e /02/2014 Pagina 5 «Si deve accelerare il pagamento dei debiti della Pa» 6 16/02/2014 Pagina 5 LAURA GALVAGNI «Subito le riforme di fisco e lavoro» 8 16/02/2014 Pagina 15 Che cosa insegna Jean Monnet alla Ue 10 16/02/2014 Pagina 4 ANDREA MARINI, CLAUDIO TUCCI Dai debiti Pa alla Cig tutti i dossier «caldi» 13 16/02/2014 Pagina 1 I banchieri al nuovo esecutivo: «Subito la riforma del lavoro» 16 16/02/2014 Pagina 6 VITO LOPS Lo sprint dei mercati dopo la grande paura 17 16/02/2014 Pagina 9 L'ampiezza della visione digitale 19 16/02/2014 Pagina 10 ALESSANDRO LONGO Più semplice la strada per l' Agenda digitale 20 16/02/2014 Pagina 1 ADRIANA CERRETELLI Renzi atteso al varco delle riforme 22 16/02/2014 Pagina 2 Renzi, i nodi Economia e Viminale 24 16/02/2014 Pagina 2 DAVIDE COLOMBO Spending potenziata per tagliare Irap e Irpef 26 16/02/2014 Pagina 6 Taglio investimenti, c' è un rischio conti 28 16/02/2014 Pagina 2 ANDREA MARINI Una Pa più efficiente dell' 1% aumenta il Pil dello 0,9% 30

3 Pagina 16 La Repubblica (ed. Bologna) Cronaca Eventi ESAMI VISTA Dalle 10 alle 19 nella sede Ascom (Strada Maggiore 23), per il mese della vista, esami gratuiti e screening a cura della Commissione Difesa Vista. DOLCE E SALATO Ancora per oggi alla Sala Miceti di Imola, «Dolce e Salato», alla scoperta dei sapori e dell' estetica del cibo, 5 euro. ZARAFA Alle 16 al teatro Comunale di Persiceto, proiezione del film «Zarafa le avventure della giraffa giramondo», a seguire laboratori e letture animate. LUCI DEL LEGNO Alle 16 a Ca' La Ghironda a Zola Predosa, si apre la mostra «Luci e ombre del legno. una mostra che viaggia 2014 dal Trentino una mostra di sculture in legno», fino al 5 marzo. VINO BURSON Dalle 14,30 alle 18,30 all' Enoteca Regionale della Rocca di Dozza, banco d' assaggio del Burson, il vino autoctono della «bassa» ravennate, 6 euro, info e pren CARNEVALE Dalle 14,30 a San Lazzaro, tradizionale sfilata di Carnevale: dalle 16 in Sala di Città animazioni e laboratori per bambini; dalle 14,30 a Ponticella «Carnevale dei bambini». Dalle 14,30 per le vie di Anzola, Carnevale a cura della Pro Loco. 1

4 Pagina 2 Il Resto del Carlino (ed. Bologna) Cronaca L' ELENCO. Più di cento i forni che si sono messi in gioco?pane e Carlino' è un' iniziativa promozionale diffusa in città e provincia. Ecco gli esercizi che aderiscono. IN CITTÀ A.M, via Zamboni 8b 8c; Asta Salvatore e Figli, via De Nicola 1; Bai Luciano e C., via Nosadella 7/a; Benghi Iliana, via Azzurra 29; Bettini Romana e C., via Creti 53; Biagini Rodolfo e C., via Murri 48; C' era Una Volta, via Frassinago 21; Cacciatore Giovanni e C. via Calabria 41 e via della Battaglia 19; Calamelli Otello e C., via Don Sturzo 30; Dal Furner, via di Corticella 19; F.lli Asta, via Pomponia 2; Forno Del Lavino, via Due Portoni 33; Atlas, via Emilia Levante 35 d; Neri Nadia e C., via Saragozza 85 e via Andrea Costa 107; Gandolfi Gabriele e C., via Della Salute 1/4; Garagnani e Pedretti, via San Felice 91/a; Giardini e Mastellini, via Pontevecchio 19/b c; il Forno di Walther Bonvicini; via Massarenti 177; Mafaro Francesco e C., via Lame 160; Matrisciano, via Lame 39/D; Monterumisi, via Pescherie Vecchie 6/b; Nanni, via Clavature 22; Massaria e Furlano, via Massarenti 157; Musolesi, via Tacconi 2l/m; Pallotti Franco, via Del Borgo 59 61; Palma, Strada Maggiore 63/a; Mazzini, via Mazzini 107 G H; Patelli, via San Vitale 54/c; Sacchetti e Susi, via Cherubini 13; Sponghi, via San Mamolo 1 b; Pescari, via Pasubio 41/d; Ranocchi, via Malvasia 16/A; Romano, via Albani 10; Romano F.lli, via Tiarini 4; Romano Vincenzo e C., via Arnaud 30; Tattini, via Piacenza 3/f; Vacca, via Riva Reno 104; Valentini, via Saffi 1/c; Venturoli, via Ferrarese 160/2. IN PROVINCIA F.lli Giusti ad Anzola; Risi, Argelato; Spanazzi, Baricella; Bosi, Budrio; Rubbini, Calderara; Balotta, Lanzoni e Sacanna, Casalecchio; Dalla, Castel Maggiore; Giardini, Castel San Pietro; Poli, Castello di Serravalle; Gazzetti, Castenaso; Pan Caffè, Granarolo; Savelli, Imola; Suppini, Marzabotto; Cortecchia, Medicina; Gadignani, Mezzolara di Budrio; Baker' s Shop e Galletti, Molinella; Gamberini e Lipparini, Monghidoro; Cassari, Monte San Pietro; Torchi, Monteveglio; F.lli Quartieri, Ozzano; Cesari, Pieve di Cento; Corsini e Migliorini e Cavallari, Porretta; Spanazzi, Quarto Inferiore; Zacchini, Sala; Zucchini, San Giorgio di Piano; Al Forno delle Sorelle Bongiovanni, Accatà, Ghelfi, Magic Pasticcio, Persiceto; Tosi, San Lazzaro; Strazzari, Idice; Palladino, Franzaroli, Del Poggetto, San Pietro in Casale; L' Arte nel Buon Pane, San Venanzio di Galliera; Masi, Sasso Marconi; Bentivogli e Gamberini, Valsamoggia; Il Pand' oro, Savigno; Lanzarini, Vergato; Forno di Successori Sabattini snc, Pianoro. 2

5 Pagina 25 Il Resto del Carlino (ed. Bologna) Persiceto tra stelle e insetti Politica locale OGGI alle 15,30 al Planetario?Esperimenti tra le stelle: costruiamo tanti oggetti volanti non identificati!' e alla stessa ora al Laboratorio dell' insetto?storie di insetti'. Alle 16 al teatro comunale la proiezione di?zarafa le avventure della giraffa giramondo' di Rémi Bezançon. E a seguire il laboratorio per bambini dai 6 ai 10 anni. 3

6 Pagina 5 Fabrizio Viola. Amministratore delegato Mps. «Meno burocrazia, spending review e giustizia rapida» «Il nuovo governo Renzi, oltre a contribuire a realizzare la riforma elettorale e istituzionale sulla quale il nuovo premier si è impegnato commenta Fabrizio Viola, amministratore delegato di Mps deve affrontare prioritariamente il problema della crescita economica. Nel fare questo deve agire su due dimensioni temporali: una di breve periodo e una di medio lungo periodo. Quella di breve periodo deve avere evidentemente impatti immediati sull' attività economica, impatti difficilmente sostenibili nel lungo termine (ridistribuzione del reddito attraverso la leva fiscale, investimenti in infrastrutture a livello regionale in grado di migliorare le condizioni di vita di persone ed imprese, privatizzazioni). Mentre quella di medio lungo periodo, deve essere in grado incidere su quelle debolezze strutturali che hanno reso il nostro paese nel suo complesso uno dei meno competitivi e meno attraenti per investimenti esteri a livello mondiale. Oggi la competizione globale si gioca non solo a livello di imprese ma anche e soprattutto a livello di sistema paese. In quest' ottica, diventa prioritario abbattere la burocrazia fine a se stessa, riformare la giustizia soprattutto civile, semplificare il sistema delle regole, creare una macchina amministrativa pubblica più efficiente attraverso una seria spending review, ormai non più procrastinabile. Su tutti questi fronti siamo agli ultimi posti del ranking mondiale. L' altro grave nodo da sciogliere è quello del debito pubblico. Un tema che va affrontato non più solo intervenendo sul deficit ma agendo anche sul debito stesso, esaminando seriamente le diverse proposte che sono state messe recentemente sul tavolo e passando dunque all' azione. Relativamente al sistema bancario la priorità è quella di presidiare nelle sedi istituzionali la costituzione dell' Unione bancaria europea. Ciò per fare in modo che il cosiddetto level playing field sia assicurato e che, a valle del processo di armonizzazione delle regole e della creazione di nuove istituzioni, vengano dunque eliminate quelle asimmetrie competitive esistenti tra banche italiane e banche del resto d' Europa. Asimmetrie che finora non hanno favorito una politica del credito più espansiva nel nostro paese. Da ultimo, certamente non in termini di importanza, è necessaria una riforma della istruzione che parta Continua > 4

7 Pagina 5 < Segue dalla scuola media e arrivi fino all' università. Una riforma che oltre ad alzare la qualità, adegui l' offerta di studio alle nuove esigenze di un mondo che si sta trasformando profondamente». RIPRODUZIONE RISERVATA. 5

8 Pagina 5 Federico Ghizzoni. Ceo di UniCredit. «Si deve accelerare il pagamento dei debiti della Pa» «L' aspettativa nei confronti del nuovo governo commenta Federico Ghizzoni, ceo di UniCredit è innanzitutto quella che vengano date accelerazione e intensità alle riforme chiave di cui il Paese ha bisogno: legge elettorale, fisco, pubblica amministrazione, mercato del lavoro, giustizia civile. Ridurre il cuneo fiscale è determinante insieme a politiche di accompagnamento che possano aiutare le aziende a inserire nei loro organici un numero importante di giovani: occorre favorire il rinnovamento e facilitare un uso più massiccio e naturale delle tecnologie a disposizione. Fondamentale è accelerare davvero il pagamento dei debiti della pubblica amministrazione, un capitolo che vale più di qualsiasi manovra. Un quadro di questo tipo è la premessa concreta per una ripresa non effimera di investimenti e consumi. Banche, imprese e istituzioni possono dar vita a un patto un impegno concreto e reciproco per un forte rilancio del credito sano, quello che serve alla crescita e alla internazionalizzazione delle imprese,soprattutto di quelle piccole e medie. Ma anche una maggiore disponibilità per il credito alle famiglie, con proposte moderne in particolare per la questione, sempre centrale, della casa. In questa sorta di patto penso che un impulso vero vada dato a favorire e a consolidare il mondo delle start up. Le banche possono aiutare questa realtà a trasformare le intuizioni in progetti imprenditoriali sostenibili nel tempo; una piccola riforma mirata delle norme deve rimuovere il rischio che la non riuscita di una start up si trasformi per i protagonisti in una sentenza di fallimento a vita. È questo uno degli insegnamenti più veri che ci vengono dalla storia della Silicon Valley. E può rendere più facile per il sistema bancario essere proattivo nelle attività di venture capital che sostengono queste nuove iniziative. In sintesi, serve una scossa vera, che dia ai vari protagonisti dell' economia motivazioni rinnovate e forti per un gioco di squadra che esprima la voglia e la capacità di vincere. Servono programmi e, come spesso ha detto Matteo Renzi, indicazioni chiare di come si procede e in che tempi. La variabile tempo è quasi sempre fondamentale; lo è in modo molto evidente se pensiamo alle infrastrutture, quelle materiali e quelle immateriali. A fronte di regole chiare e tempi più certi certamente il finanziamento di opere infrastrutturali da parte degli investitori istituzionali sarebbe più semplice e ciò renderebbe più efficace e ampia l' attività delle imprese. Credo che sia giusto chiedere al governo che sta per nascere ciò che riteniamo possa servire al Paese. Ma questa richiesta diventa più credibile e autorevole se si accompagna a impegni precisi da parte delle imprese, delle banche, del mondo del lavoro. Noi di Unicredit, vera banca europea a servizio dell' economia reale, siamo già pronti a fare per intero la Continua > 6

9 Pagina 5 < Segue nostra parte. Per quanto mi riguarda, ad esempio, ho dato precise indicazioni a tutta la struttura della banca perché nel 2014 cresca in modo significativo il nuovo credito per famiglie ed imprese». RIPRODUZIONE RISERVATA. 7

10 Pagina 5 La crisi di governo LE ATTESE DI PIAZZA AFFARI. «Subito le riforme di fisco e lavoro» I banchieri si aspettano dal prossimo governo anche una legge elettorale che dia stabilità PAGINA A CURA DI Laura Galvagni Marco Ferrando Sei dei principali esponenti del mondo della finanza italiana, Federico Ghizzoni (ceo di UniCredit), Luigi Abete (presidente Bnl Bnp Paribas), Fabrizio Viola (amministratore delegato di Mps), Giampiero Maioli (ad di Cariparma Credit Agricole), Aldo Minuccci (presidente Ania) e Alessandro Azzi (presidente Federcasse) hanno risposto all' appello del Sole 24 Ore che chiedeva quali fossero le priorità del paese in vista dell' ascesa di un nuovo governo targato Matteo Renzi. Si tratta di sei interventi che si trasformano in un appello quasi corale quando si tratta di mettere nero su bianco le priorità dell' Italia. Per ciascuno la parola chiave è riforme. Riforme da fare subito. L' attenzione è tutta centrata sulla necessità di dare impulso alla crescita. Tassello chiave per poter far ripartire il Paese. Un vigore che, stando alla logica dominante degli interventi, può arrivare solo dopo una radicale trasformazione di alcuni pilastri fondamentali della società. Legge elettorale, lavoro, fisco, pubblica amministrazione, giustizia civile: queste devono essere le urgenze del prossimo governo secondo la city italiana. Questa è l' agenda che banchieri e assicuratori mettono sul tavolo del futuro esecutivo. Con un occhio rivolto, soprattutto, alla legge elettorale. Riforma che, se compiuta, potrebbe dare al Paese quell' equilibrio strutturale necessario a compiere grandi salti. Certo, nei sei interventi si coglie anche la convinzione che questa spinta propulsiva si potrà realizzare se ci sarà il contributo di tutti, istituzioni e aziende in primis. Ma, come sottolinea Ghizzoni, all' interno di questo scenario «la variabile tempo è quasi sempre fondamentale; lo è in modo molto evidente aggiunge il ceo di UniCredit se si pensa alle infrastrutture, sia quelle materiali e che quelle immateriali». Agire in fretta è dunque l' altro leit motiv che accomuna buona parte dei sei interventi. Si chiede di fatto uno scatto in avanti. Anche su temi specifici. «Per il nuovo governo le priorità assolute sono tre esordisce Abete il credito alla piccola impresa, il rilancio della domanda interna e la semplificazione burocratica». In quest' ottica, il ruolo che potranno svolgere le imprese è un punto fondamentale. Maioli spiega che sono necessari «interventi immediati per riavviare gli investimenti delle aziende» e suggerisce di «allargare il plafond della nuova legge Sabatini al mondo del lavoro». La disoccupazione giovanile, in Continua > 8

11 Pagina 5 < Segue particolare, merita attenzione e Maioli arriva a chiedere che si considerino anche azioni «di rottura come potrebbe essere una fase "no tax" lunga tre anni» per quelle «società che assumono giovani». Azzi di Federcasse affronta il tema auspicando «un fisco che avvantaggi il lavoro rispetto alla rendita, perché è la manifattura, e l' attenzione all' eccellenza del prodotto, che manda avanti il paese». Che l' occupazione sia una priorità lo dice anche Aldo Minucci dell' Ania: «Chiediamo al nuovo governo interventi seri atti a rilanciare l' occupazione e i consumi attraverso la riduzione del costo del lavoro e della fiscalità sui redditi da lavoro dipendente». Mentre Viola non dimentica quello che resta il tallone d' Achille dell' Italia: «L' altro grave nodo da sciogliere è quello del debito pubblico. Un tema che va affrontato non più solo intervenendo sul deficit ma agendo anche sul debito stesso, esaminando seriamente le diverse proposte che sono state messe recentemente sul tavolo e passando dunque all' azione». Per Azzi di Federcasse RIPRODUZIONE RISERVATA. LAURA GALVAGNI 9

12 Pagina 15 Oltre la crisi IL DESTINO DELL' UNIONE. Che cosa insegna Jean Monnet alla Ue Governare dipende dall' assennatezza delle scelte economiche, non solo dall' abilità politica Strobe Talbott Il denaro è uno strumento di governance, oltre che di commercio. Mette i cittadini nelle condizioni di partecipare alla vita economica e rammenta loro dove risiede l' autorità politica. In quasi tutte le 195 nazioni del mondo, monete e banconote sono un' asserzione di sovranità nazionale. Oggi esiste un' eccezione: è l' euro. È il più grande esperimento di cooperazione regionale mai conosciuto. Questo esperimento, negli ultimi cinque anni, non ha avuto vita facile. Sulla scia del tracollo del 2008, l' euro è diventato fonte di sconvolgimenti economici e divisioni politiche, mettendo gli Stati dell' Europa settentrionale e meridionale gli uni contro gli altri. La crisi non è finita, ma la cancelliera tedesca Angela Merkel, il presidente francese François Hollande e gli altri capi di Stato e di Governo sono decisi a non consentire lo sfaldamento dell' Eurozona: rafforzano gli accordi sulle finanziarie nazionali, la spesa pubblica e la regolamentazione finanziaria, vanno avanti con l' unione bancaria e prendono misure contro la disoccupazione. I leader di oggi, come i predecessori della metà del secolo scorso, hanno seguito gli insegnamenti di Jean Monnet, che è morto 35 anni fa, prima che l' euro entrasse in circolazione, ma non avrebbe fatto fatica a comprendere lo scopo dell' unione monetaria: fasciare le ferite del continente più insanguinato della storia e trasformarlo in un' area di pace, democrazia e influenza globale, con valori, politiche e istituzioni comuni. Questo è il Progetto Europeo. Come suo massimo architetto, Monnet non avrebbe fatto fatica nemmeno a comprendere errori, dilemmi e pericoli che oggi lo mettono a rischio. Il metodo della sua vita attribuiva importanza alla necessità di calibrare e scadenzare le innovazioni in materia di politiche economiche, in modo tale da rendere irreversibile il processo di integrazione politica. A differenza di Monnet, i leader responsabili dell' adozione dell' euro, negli anni 90, non riuscirono a garantire le condizioni e le istituzioni politiche necessarie, rendendo inevitabili i nodi che affliggono l' Unione. Monnet è figura chiave nella trasformazione del concetto di Stato. La modernizzazione, secondo lui, non consisteva nello sfruttare le nuove tecnologie per migliorare industria, trasporti e comunicazioni: significava adeguarsi alla matassa sempre più fitta di transazioni economiche tra le nazioni, dove la distanza fisica e i confini nazionali rappresentavano ostacoli via via meno impervi. Una nazione moderna doveva imparare a conservare la sua indipendenza dove necessario, ma al tempo stesso approfittare della sua interdipendenza dove possibile. Secondo Monnet bisognava partire da finanza e commercio, in particolare nel settore delle risorse minerarie, dove indipendenza e sovranità sono concetti relativi e dove l' interdipendenza apporta Continua > 10

13 Pagina 15 < Segue maggiori benefici e risulta più naturale per le parti in causa. Per questo Monnet è stato visto come un economista. Per Monnet, l' insegnamento era che l' arte di governare dipende dall' assennatezza delle politiche economiche, e non solo dall' abilità politica, e dalla capacità di unire le due cose in un unico processo per conseguire l' armonizzazione delle relazioni internazionali. Anche nei giorni cupi dell' Asse, Monnet ragionava su come spezzare il circolo vizioso di guerre totali seguite da false pacificazioni. Nel 1943, in una riunione del Governo francese in esilio ad Algeri, dichiarò: «Non ci sarà pace in Europa se gli Stati si ricostituiranno sulla base della sovranità nazionale. I Paesi europei sono troppo piccoli per garantire ai loro popoli la prosperità e lo sviluppo sociale necessari. Gli Stati europei devono costituirsi in una federazione». Poi, Monnet lavorò su una nuova intesa di lungo periodo da negoziare (non da imporre) con la Germania. L' accordo riduceva dazi e restrizioni sul commercio di carbone e acciaio tra Francia e Germania, unendo due settori fondamentali sotto un' autorità comune sostenuta dai due Stati. Questo accordo bilaterale era l' esempio della strategia di Monnet per superare le sovranità nazionali. Gettava le fondamenta, «lentamente e con concentrazione», per quell'«unica cosa» per un' Europa federata: creare nuovi fatti economici sul terreno. Con il passare del tempo, i leader nazionali avrebbero visto i vantaggi del pensare, decidere, agire, e in ultima analisi governare, a livello paneuropeo. Si dimise dall' Alta autorità della Ceca (Comunità europea del carbone e dell' acciaio) nel 1955 per fondare il Comitato d' azione per gli Stati Uniti d' Europa. Monnet è morto nel marzo 1979, quando fu creato l' Ecu (European Currency Unit), un artificio contabile per rendere più semplici le transazioni internazionali. Nel giugno 1979, i cittadini della Cee, votarono alle prime elezioni parlamentari internazionali della storia. Il trattato di Maastricht, nel 1992, diede alla Comunità europea, il nome di Unione europea, ma non esisteva un embrione di ministero dell' Economia o autorità di bilancio, né era previsto. Nonostante l' entusiasmo, gli Stati si tenevano stretto il controllo sulle proprie economie, in parte perché erano diversi nelle prassi e normative del lavoro, nelle tasse, nelle priorità di bilancio, nell' inflazione. Molti economisti (in particolare americani) erano preoccupati che il treno fosse troppo pesante per quella locomotiva. Questi scettici vedevano le cose da americani ed economisti, mentre i leader europei che puntavano a una moneta comune stavano perseguendo un progetto politico, con vantaggi economici: erano convinti che l' unione monetaria avrebbe potenziato gli scambi nell' Eurozona, facilitato le transazioni commerciali e fatto da catalizzatore per la crescita. La loro strategia presupponeva il proseguimento di una situazione di espansione dell' economia regionale e globale: facevano conto che la fortuna degli ultimi decenni sarebbe durata. L' Eurozona ha prosperato fintanto che il suo "versante Sud" (nonostante colossali disavanzi in Grecia e bolle immobiliari in Spagna e non solo) è stato tenuto a galla dalla marea della crescita globale e dall' afflusso di capitali tedeschi. I leader non erano inconsapevoli del rischio che una moneta comune senza coordinamento delle politiche di bilancio potesse rivelarsi un boomerang, specialmente se l' economia europea si fosse inceppata e le bolle avessero cominciato a scoppiare. Così, a fine anni 90, avevano promulgato il Patto di stabilità e crescita, per garantire che gli Stati si impegnassero a tenere sotto controllo il deficit di bilancio. Il Patto non è mai stato fatto rispettare, e nessuno aveva fretta di rafforzare la Banca centrale europea. Il persistere di una situazione di prosperità rafforzava l' illusione che non ci fosse necessità di prepararsi alla recessione. Poi, nel 2008, uno tsunami ha attraversato l' Atlantico fino ad abbattersi sull' Europa. La contrazione dell' economia e l' esplosione della disoccupazione hanno devastato il "versante Sud", costringendo alcuni Paesi, più l' Irlanda, a negoziare salvataggi. Portoghesi, spagnoli e italiani hanno reagito con irritazione alle richieste di austerity avanzate da Germania e del Nord Europa come prezzo del salvataggio, Continua > 11

14 Pagina 15 < Segue mentre i Governi del Nord Europa hanno ricambiato rampognando i Paesi del Sud per la loro dissipatezza. Quasi tutti pensano che l' Eurozona deve rimanere insieme. La cosa fondamentale è stabilizzare e rafforzare l' unione monetaria; rinunciarvi significherebbe rinunciare all' unione stessa. Possiamo immaginare un' Europa composta da due o tre cerchi concentrici: in quello più esterno i Paesi, primo fra tutti il Regno Unito, che vogliono limitare la condivisione di sovranità; in quello più interno un' Eurozona che consolida e approfondisce l' integrazione, diventando più simile agli Stati Uniti. Né i politici europei né quelli americani si dilungheranno su questa convergenza (forse nemmeno la ammetteranno), ognuno per sue ragioni. Ma Monnet la celebrerebbe. L' America che lui ammirava era il modello per quello che la sua amata Europa poteva diventare un giorno. Il vero "piano Monnet" era progredire verso gli Stati Uniti d' Europa: e forse siamo di nuovo su quella strada. Strobe Talbott è presidente della Brookings Institution (Traduzione di Fabio Galimberti) RIPRODUZIONE RISERVATA La versione integrale dell' articolo VERSO UN' EUROPA UNITA In viaggio negli Stati Uniti d' America Jean Monnet ( ), statista ed economista francese, arriva nel 1940 negli Stati Uniti come rappresentante del governo inglese per negoziare una commessa militare. Diviene consigliere del presidente Roosevelt ed è in questi anni che matura il suo apprezzamento per gli Usa tanto da considerarli modello anche per i futuri Stati Uniti d' Europa. Il progetto Monnet Nel 1955 Jean Monnet si dimette dall' Alta autorità del carbone e dell' acciaio per fondare il Comitato d' azione per gli Stati Uniti d' Europa. Le innovazioni del 1979 Viene creato l' Ecu, l' antesignano dell' euro, e si vota per il Parlamento europeo: sono i prerequisiti di uno Stato federale democratico. Il Trattato di Maastricht Nel 1992, il Trattato di Maastricht dà alla Comunità europea il nome di Unione europea. Non esiste un embrione di ministero dell' Economia o autorità di bilancio, né è previsto di metterlo in piedi. 12

15 Pagina 4 La crisi di governo L' AGENDA DEI MINISTRI. Dai debiti Pa alla Cig tutti i dossier «caldi» Serve subito l' ok del Cipe al Piano nazionale ricerca da 6,3 miliardi. PAGINA A CURA DI Davide Colombo, Carmine Fotina, Andrea Marini e Claudio Tucci Non ci saranno solo le idee del nuovo programma e il pacchetto del Jobs act. Un minuto dopo il giuramento, i neo ministri dovranno sfogliare i dossier acquisiti in eredità, molti dei quali richiederanno scelte urgenti se non addirittura immediate. In alcuni casi il rischio è sciupare un lavoro portato avanti per mesi. Si è forse già oltre i tempi richiesti da Bruxelles per presentare l' aggiornamento su spending review e privatizzazioni ritenuto indispensabile per accedere alla cosiddetta clausola di salvaguardia, ovvero il bonus sugli investimenti scomputabili dal calcolo del disavanzo. Nemmeno il tempo di ambientarsi, inoltre, e il nuovo ministro dell' Economia, insieme al titolare degli Affari europei, dovrà preparare la risposta alla Commissione Ue per evitare la procedura d' infrazione sul mancato rispetto dei tempi di pagamento della Pa. E non solo, perché va sbloccato subito il saldo alle imprese di ulteriori 20 miliardi previsti per il 2014 dal decreto 35/2013. Entro metà aprile, poi, dovrà arrivare il nuovo Def. I tecnici dello Sviluppo economico sono preoccupati (ed è forse un eufemismo) per il rischio che decada il decreto Destinazione Italia: al Senato c' è tempo fino al 21 febbraio, a rischio tra l' altro il credito d' imposta per la ricerca. In bilico anche il decreto carceri varato dal ministro della Giustizia uscente. In Parlamento attende il via libera anche la legge elettorale, all' esame dell' Aula della Camera, ma sul testo vanno sciolti gli ultimi nodi. Un' agenda fittissima attende anche chi arriverà al ministero del Lavoro rifinanziamento della Cig in deroga, partenza del piano Garanzia giovani e del nuovo Isee mentre il nuovo titolare delle Infrastrutture dovrà decidere se recuperare almeno in parte il lavoro dei tecnici che avevano messo a punto una bozza del decreto casa per rilanciare il mercato degli affitti. Non saranno concessi indugi anche a viale Trastevere, dove il nuovo inquilino dovrà assicurarsi che il Cipe approvi rapidamente il Piano nazionale della ricerca , un pacchetto da 6,3 miliardi. Inevitabile, poi, registrare la preoccupazione di chi teme che il passaggio di consegne distragga o rallenti la diplomazia degli Esteri al lavoro per risolvere il delicatissimo caso dei marò. RIPRODUZIONE RISERVATA Possibili titolari e priorità per i ministeri ECONOMIA CHI CORRE Continua > 13

16 Pagina 4 < Segue Partita aperta tra Lorenzo Bini Smaghi, Pier Carlo Padoan, Lucrezia Reichlin e Fabrizio Barca. Spuntano anche Giampaolo Galli e Enrico Morando DOSSIER APERTI 1 Il bonus investimenti In bilico la «clausola di flessibilità» europea che concederebbe la possibilità, nel 2014, di detrarre gli investimenti dal calcolo del disavanzo. Bruxelles attendeva l' invio dei dettagli operativi del piano spending review e di quello sulle privatizzazioni già per questi giorni 2 Pagamenti della Pa In poco più di 3 settimane vanno forniti chiarimenti alla Ue che ha avviato la fase preliminare della procedura d' infrazione per il mancato rispetto dei termini di pagamento previsti a partire dal Inoltre, nel 2014 vanno erogati altri 20 miliardi di pagamenti per debiti al 31 dicembre 2012 LAVORO E SANITÀ CHI CORRE Sarebbero in pista per il ministero che potrebbe accorpare Lavoro e Sanità: Marianna Madia, Pietro Ichino e Tito Boeri DOSSIER APERTI 1 Cig in deroga Vanno trovate le risorse per chiudere il 2013 e dare certezza al Va deciso anche se emanare il decreto che restringe da subito i criteri di concessione del sussidio 2 Garanzia giovani Il piano rivolto agli under25 è stato approvato dall' Ue a gennaio. Ora va fatto partire 3 Isee e piano antipovertà È in corso la preparazione delle modulistiche e gli ultimi atti amministrativi per il debutto del nuovo Isee mentre sul fronte del contrasto alla povertà c' è da gestire la programmazione sperimentale degli interventi messi in campo con la nuova social card nelle 12 maggiori città e nelle 8 regioni del Sud SVILUPPO ECONOMICO CHI CORRE Resta in pista Andrea Guerra, ceo di Luxottica. Spunta anche l' ipotesi di promuovere l' attuale viceministro Claudio De Vincenti DOSSIER APERTI 1 Crisi aziendali Quasi 160 tavoli aperti al ministero. Occorrerà cambiare passo. Electrolux il caso più eclatante. Da verificare gli impegni italiani di Fiat 2 Energia Tante le norme in bilico, da attuare, o da mettere in cantiere, per arrivare a un cospicuo taglio della bolletta, tra le prime urgenze per il settore industriale 3 Destinazione Italia Il decreto Destinazione Italia è al Senato, ma è a rischio la sua conversione in legge entro il 21 febbraio. Se non decadrà, bisognerà lavorare subito sui provvedimenti attuativi BRAND ITALY CHI CORRE Luca Cordero di Montezemolo sembra il candidato numero uno al nuovo ministero. Oscar Farinetti ha già chiarito di non essere in corsa DOSSIER APERTI 1 Internazionalizzazione L' ipotesi di creare un ministero ad hoc per valorizzare i marchi italiani significherebbe anche favorire la crescita delle nostre imprese all' estero. Si calcola che siano oltre 70mila le aziende italiane con potenzialità per esportare, ma bloccate da un contesto non favorevole 2 Turismo La promozione del made in Italy passa anche per un rilancio del turismo nelle nostre località, attraverso una riorganizziamone della pluralità di soggetti che si dividono la competenza a vari livelli. Si studia da tempo un rafforzamento o comunque un riassetto dell' Enit INFRASTRUTTURE CHI CORRE Maurizio Lupi, ministro uscente, dovrebbe restare al suo posto, tra i rappresentanti della pattuglia del Nuovo centro destra DOSSIER APERTI 1 Decreto casa Sul tavolo del nuovo titolare delle infrastrutture ci sarà il decreto casa, la norma che tenta il rilancio del mercato delle locazioni con incentivi ai proprietari che affittano a canone concordato 2 Piccole opere Misura urgente per il nuovo ministro il rilancio delle piccole opere, cui puntare con risorse aggiuntive. Tre i piani sul tavolo: edilizia scolastica, piano città e piano «6mila campanili» 3 Piano aeroporti Il ministro uscente Lupi aveva ottenuto in consiglio dei ministri un sostanziale ok al piano che individua gli scali strategici PUBBLICA AMMINISTRAZIONE CHI CORRE L' ipotesi è di affidare il Pubblico impiego a un sottosegretario alla Presidenza del Consiglio e le Semplificazioni a una task force DOSSIER APERTI 1 Pubblico impiego Confronto aperto con i sindacati sulla gestione degli esuberi derivanti dalla vecchia spending review e sulla parte normativa dei contratti 2 Precari Pa Gestione del reclutamento con concorsi dedicati ai precari di più lungo corso e della possibile mobilità del personale delle partecipate 3 Semplificazioni Il ddl all' esame del Senato dovrebbe diventare il primo veicolo utile per le misure che erano state annunciate, come l' abolizione della responsabilità solidale in materia di versamento delle ritenute fiscali negli appalti SCUOLA UNIVERSITÀ CHI CORRE Al ministero di Viale Trastevere potrebbe arrivare la segretaria di Sc, Stefania Giannini. Si sono fatti anche i nomi di Andrea Romano e Irene Tinagli Continua > 14

17 Pagina 4 < Segue DOSSIER APERTI 1 Apprendistato a scuola Previsto dal decreto Carrozza, non è ancora stato emanato 2 Decreto «Scatti» Il taglio di 150 euro al mese a docenti e Ata è stato stoppato. Ma le Camere devono approvare il decreto. Altrimenti il Tesoro chiederà indietro i soldi 3 Specializzazioni mediche Non è ancora stato bandito il nuovo concorso 4 Piano ricerca Non è ancora arrivato l' ok del Cipe al programma nazionale della ricerca Una partita che vale 6,3 miliardi in sette anni RIFORME CHI CORRE Sembra quasi certa la promozione di Maria Elena Boschi alle Riforme, che dovrà gestire il dossier della legge elettorale DOSSIER APERTI 1 Legge elettorale La riforma, frutto dell' accordo fra maggioranza e una parte dell' opposizione, attende il via libera dell' Aula della Camera, ma non tutti i nodi sono già sciolti 2 Senato e Titolo V In direzione, Renzi ha illustrato la riforma costituzionale che intende presentare in Parlamento: nuovo Senato non elettivo e senza indennità e riassegnazione allo Stato di molte materie di competenza regionale 3 Ddl province Il Ddl Delrio, testo che riduce le province, attende il sì del Senato e dovrebbe essere approvato prima di maggio INTERNO CHI CORRE Angelino Alfano (Ncd), ministro uscente, sta facendo di tutto per essere riconfermato. Anche se Dario Franceschini (Pd) punta a sostituirlo DOSSIER APERTI 1 Immigrazione Nel 2013 sulle coste meridionali sono arrivati 41mila migranti, contro i 13mila del Sotto la lente i centri di identificazione ed espulsione: l' attesa diffusa è per una riduzione della permanenza 2 Criminalità Da individuare una strategia per aggredire i grandi patrimoni criminali: i ricavi dei clan ammonterebbero all' 1,7% del Pil 3 Collegi legge elettorale La riforma elettorale in discussione alla Camera affida al Viminale il compito di ridisegnare i collegi entro 45 giorni GIUSTIZIA CHI CORRE Si fanno i nomi di Michele Vietti e Domenico Manzione. Ma anche di Giovanni Maria Flick. Nelle ultime ore salgono le quotazioni di Livia Pomodoro DOSSIER APERTI 1 Decreto Carceri Ha ricevuto l' ok della Camera il 6 febbraio. Deve essere convertito in legge dal Senato entro il 21 febbraio. Altrimenti decade. Sempre a livello parlamentare sono ancora da approvare in via definitiva i provvedimenti sulla custodia cautelare e sulla messa alla prova 2 Giustizia civile Il provvedimento per ora ha solo avuto l' ok del consiglio dei ministri 3 Geografia giudiziaria Fino a settembre è possibile modificare la geografia giudiziaria. Altro "dossier" per ora rimasto nella penna è la più volte annunciata riforma del sistema penale ESTERI CHI CORRE È data per riconfermata la titolare uscente della Farnesina, la radicale (e ex commissario europeo) Emma Bonino DOSSIER APERTI 1 Marò La procura generale indiana ha presentato un' accusa per i due marò che, pur non evocando la pena di morte, potrebbe comportare fino a 10 anni di carcere. I due fucilieri sono accusati di aver ucciso il 15 febbraio 2012 due pescatori indiani 2 Partita europea Da gestire la difficile partita tra rigore e crescita al tavolo europeo. Anche alla luce del prossimo semestre di presidenza italiana 3 Siria e Iran Da monitorare la situazione nel Mediterraneo, la crisi siriana, il nucleare iraniano e il processo di pace in Medio Oriente CULTURA CHI CORRE Alessandro Baricco frena ma è in pista. Si parla di Maria Elena Boschi (che però punta alle Riforme) e Dario Franceschini (che punta all' Interno) DOSSIER APERTI 1 Riqualificazione Pompei Manca il regolamento che individua la struttura di supporto al direttore generale del Grande progetto Pompei, per riqualificare il sito 2 Coinvolgimento privati Da attuare le misure semplificate per le donazioni private in favore della cultura 3 Coinvolgimento giovani Deve essere definito il decreto sulle modalità di utilizzo dei beni statali concessi ai giovani artisti 4 Riforma del ministero Da varare il decreto che, in ottica spending review, riorganizza le direzioni del dicastero. ANDREA MARINI, CLAUDIO TUCCI 15

18 Pagina 1 LE PROPOSTE DI PIAZZA AFFARI. I banchieri al nuovo esecutivo: «Subito la riforma del lavoro» Fisco e lavoro: sono queste le priorità assolute che la comunità finanziaria pone all' esecutivo in cantiere. Riforme subito: sono soprattutto presidenti e top manager del settore bancario interpellati dal Sole 24 Ore a sollecitare un' accelerazione nell' azione di risanamento e rilancio economico. Ferrando e Galvagni u pagina 5 LUIGI ABETE (BNL BNP PARIBAS) «L' emergenza è sbloccare il credito alle Pmi» FEDERICO GHIZZONI (UNICREDIT) «Sciogliere il nodo dei pagamenti Pa alle imprese» FABRIZIO VIOLA (MPS) «Meno burocrazia e giustizia più efficiente» 16

19 Pagina 6 Borse e titoli di Stato. Anche se lo spread è più alto rispetto al 2009, i rendimenti del BTp sono ora più bassi. Lo sprint dei mercati dopo la grande paura Vito Lops Pil un po' di nuovo al trotto (nel quarto trimestre 2013 è cresciuto dello 0,1%) e miglioramenti di scenario (venerdì Moody' s ha aggiornato il giudizio da "negativo" a "stabile") sono notizie che hanno il colore dell' oro in questa fase per l' Italia che resta, ancora e nonostante tutto, la terza economia dell' Eurozona e seconda per manifattura. Dopo cinque anni di profonda crisi stanno arrivando i primi segnali di un' inversione di tendenza. Sia ben chiaro, è presto per stappare lo champagne. Anche perché, come in qualsiasi scenario post bellico, il conto delle macerie è impietoso: in cinque anni il Pil reale è arretrato di nove punti mentre il tasso di disoccupazione è più raddoppiato dal 6,1% al 12,7% con i Neet (giovani disoccupati che non cercano più lavoro e hanno anche smesso di formarsi) arrivati a quota 21%, peggio del 20% della Grecia. A inizio 2009, quando la crisi bancaria post Lehman e subprime non aveva ancora eroso i debiti pubblici perché gli Stati solo allora iniziavano ad assorbire le perdite del settore privato (processo che farà balzare il debito pubblico dell' Ue dal 60% all' 80% nel range ) l' Italia è un Paese con molti problemi (elevato cuneo fiscale, elevato costo del lavoro per unità di prodotto della pubblica amministrazione, ecc.) ma con indicatori economici e finanziari profondamente migliori. Nessuno al di fuori delle stanze degli operatori conosce il significato del vocabolo "spread" perché questo che poi anche il calzolaio ha scoperto essere il differenziale di rendimento tra BTp e Bund a 10 anni vola basso, a 83 punti. E gli stessi operatori che lo conoscono non avrebbero immaginato che avrebbe toccato un picco a 575 nell' autunno del In quella fase i cds (credit default swaps, derivati che assomigliano a polizze assicurative sul fallimento del titolo sottostante) sul debito italiano superano i 500 punti (150 a inizio 2009) e la preoccupazione di un crac è lampante. Ancor più preoccupante, in termini di rischio default, il segnale che arriva dai titoli di breve durata. I BoT a 12 mesi testano l' 8% con uno spread sui titoli di pari durata germanici superiore a 700 punti. Tra novembre e dicembre il film dello spread documenta così la pericolosa inversione della curva dei rendimenti (quando i titoli a breve pagano più di quelli a lunga) tipica delle fasi che precedono la bancarotta di uno Stato. Sempre lo stesso film ci ha poi guidato verso un miglioramento della situazione, ma solo dopo l' intervento della Bce. Tra dicembre e febbraio 2012 il governatore Mario Draghi sfodera dal cilindro delle misure non Continua > 17

20 Pagina 6 < Segue convenzionali un mega prestito agevolato in due tranche alle banche europee di miliardi (di cui un quarto destinato agli istituti italiani). Lo spread si placa, grazie agli acquisti di titoli di Stato da parte delle banche prestatrici che mettono in cascina anche forti plusvalenze. Ma la festa dura poco. Dal minimo di periodo a 280 toccato a marzo lo spread raddoppia a fine luglio, riportandosi sui livelli d' allarme di fine La paura nell' Eurozona resta alta, dopo i salvataggi di Grecia, Irlanda e Portogallo. A quel punto Draghi interviene in modo poderoso con l' ormai celebre "whatever it takes" («la Bce farà tutto quello è necessario per difendere l' euro e vi assicuro che sarà abbastanza»). È il preludio allo scudo anti spread lanciato poco dopo (settembre) e finora mai utilizzato. Ma l' immagine ripristinata di una Banca centrale forte e coesa è valsa più di qualsiasi operazione. Nel 2012 torna a crescere anche Piazza Affari (+8%) mettendosi alle spalle il 25% del 2011 e il 12% dell' anno prima. Farà meglio (+17%) nel 2013 azzerando le perdite accumulate dal Di conseguenza il +7,7% messo a segno in questo primo scorcio del nuovo anno (migliore performance tra i listini big europei) è tutto guadagno netto nel difficoltoso percorso dell' ultimo lustro. Adesso, quando lo scenario è diventato "stabile" (anche se il rating dell' Italia resta appena due gradini sopra il pericoloso livello del "non investment grade") e l' economia reale ci dice che probabilmente è stato toccato il punto di non ritorno, uno spread in area 200 preoccupa un po' meno. E ci si augura che fra un po' possiamo anche permetterci di tornare indietro, dimenticarcelo e limitandoci a guardare i rendimenti che, se vogliamo proprio dirla tutta, sono oggi più bassi a livello nominale (3,7% BTp a 10 anni) di cinque anni fa (3,93%), quando il film della crisi non era ancora stato tradotto in italiano. RIPRODUZIONE RISERVATA SPREAD E RENDIMENTI CAPITALIZZAZIONE DI PIAZZA AFFARI La «storia» dello spread negli ultimi cinque anni. Cinque anni fa lo spread era sotto i 100 punti ma i rendimenti del BTp a 10 anni erano superiori rispetto a oggi. Il grafico mostra la capitalizzazione (cioè il valore) della Borsa di Milano. Si notano gli alti e i bassi, ma rispetto al Pil, Piazza Affari vale sempre poco. VITO LOPS 18

RASSEGNA STAMPA Domenica,16.02.2014

RASSEGNA STAMPA Domenica,16.02.2014 RASSEGNA STAMPA Domenica,16.02.2014 Il Sole 24 Ore 1 Più semplice la strada per l'agenda digitale 2 Farmaci senza ricetta cedibili online Il Secolo XIX - Ed. Levante 1 Spese riabilitative e disabili: SEL

Dettagli

Global economy. La percezione dei social sui temi economici e finanziari

Global economy. La percezione dei social sui temi economici e finanziari Global economy La percezione dei social sui temi economici e finanziari Salone del Risparmio 2014 Organizzazione dell analisi Canale: Twitter Periodo di analisi: 15 gennaio 2014 20 marzo 2014 Lingue: italiano;

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014 AUDIZIONE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi X Commissione del Senato - X Commissione della Camera Roma, 27 marzo 2014 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO 2 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO

Dettagli

TRADUZIONE NON UFFICIALE ITALIA - ARTICOLO IV 2014 DICHIARAZIONE FINALE DELLA MISSIONE DEL FMI 1 SBLOCCARE IL POTENZIALE DI CRESCITA DELL ITALIA

TRADUZIONE NON UFFICIALE ITALIA - ARTICOLO IV 2014 DICHIARAZIONE FINALE DELLA MISSIONE DEL FMI 1 SBLOCCARE IL POTENZIALE DI CRESCITA DELL ITALIA TRADUZIONE NON UFFICIALE ITALIA - ARTICOLO IV 2014 DICHIARAZIONE FINALE DELLA MISSIONE DEL FMI 1 17 GIUGNO 2014 SBLOCCARE IL POTENZIALE DI CRESCITA DELL ITALIA Il nostro è un paese arrugginito, un paese

Dettagli

Cernobbio, Forum Ambrosetti, 7 settembre 2014

Cernobbio, Forum Ambrosetti, 7 settembre 2014 Cernobbio, Forum Ambrosetti, 7 settembre 2014 I recenti dati sull andamento dell economia dell Italia e della zona Euro ci consegnano uno scenario decisamente più problematico di quello di qualche mese

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

Legge di stabilità 2015. Dipartimento Formazione Cisl ER Versione 1.0

Legge di stabilità 2015. Dipartimento Formazione Cisl ER Versione 1.0 Legge di stabilità 2015 Dipartimento Formazione Cisl ER Versione 1.0 1 Indice L Europa e la legge di stabilità Il DEF La direzione complessiva della manovra Cosa non c è I principali provvedimenti Primo

Dettagli

La crisi del settore bancario in Europa

La crisi del settore bancario in Europa La crisi del settore bancario in Europa 26 ottobre 2011 Christine Lagarde, direttrice del Fondo Monetario Internazionale, già ad agosto aveva dichiarato che occorrevano circa 200 miliardi di Euro per ricapitalizzare

Dettagli

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI 1057 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: Editoriale de Il Giornale, 1 novembre 2015 1 novembre 2015 a cura di Renato Brunetta 2 Era fine agosto e la confusione

Dettagli

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione.

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione. Intervento del Ministro Padoan alla Commissione Affari Economici e Monetari (ECON) del Parlamento Europeo al termine del semestre di presidenza italiana della Ue Presidente, Onorevoli Membri, Strasburgo,

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 06 La crisi dello SME-Sistema Monetario Europeo (capitolo 2) La crisi messicana (capitolo 2) La crisi dello SME - 1 La caduta degli accordi di Bretton

Dettagli

Fondi Europei e politiche di sviluppo: nuove strategie sono necessarie Carlo Trigilia 1

Fondi Europei e politiche di sviluppo: nuove strategie sono necessarie Carlo Trigilia 1 Fondi Europei e politiche di sviluppo: nuove strategie sono necessarie Carlo Trigilia 1 ECONOMIA SICILIANA Si pubblica l intervento del Ministro per la coesione territoriale, Carlo Trigilia, in occasione

Dettagli

Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo

Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo 13 FORO DI DIALOGO ITALIA SPAGNA Contributo degli intermediari finanziari italiani, coordinato dal Prof. Rainer Masera, al

Dettagli

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX 15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX Milano, 21 febbraio 2009 Alessandro Profumo CEO UniCredit Group Relazione Introduttiva In questi ultimi anni il sistema finanziario internazionale è stato caratterizzato

Dettagli

Towards Recovery and Partnership with Citizens: the Call for Innovative and Open Government

Towards Recovery and Partnership with Citizens: the Call for Innovative and Open Government Towards Recovery and Partnership with Citizens: the Call for Innovative and Open Government Intervento del Ministro Renato Brunetta Signori, Signore, Il titolo dell odierna sessione plenaria ci invita

Dettagli

Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore

Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore di Gianni Trovati19 maggio 2015 il sole 24 ore Un rimborso quasi integrale per le più basse fra le pensioni coinvolte dal blocco-monti appena bocciato dalla

Dettagli

Sesto Forum Europeo sulla coesione

Sesto Forum Europeo sulla coesione Sesto Forum Europeo sulla coesione Bruxelles 8 settembre 2014 Intervento del Sottosegretario di Stato, On.Sandro Gozi, nella sessione di apertura Restoring growth and jobs: how can cohesion policy contribute

Dettagli

DEF 2012. Il programma di stabilità e il programma nazionale di riforma. Governo Italiano. 18 Aprile 2012

DEF 2012. Il programma di stabilità e il programma nazionale di riforma. Governo Italiano. 18 Aprile 2012 DEF 2012 Il programma di stabilità e il programma nazionale di riforma Governo Italiano 18 Aprile 2012 Indice Finanze pubbliche in equilibrio verso una crescita più solida Il Programma di Stabilità - Obiettivi

Dettagli

Relazione del Presidente dell ABI Antonio Patuelli

Relazione del Presidente dell ABI Antonio Patuelli ACRI 91ª GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO Risparmio e ripresa in una nuova Europa Relazione del Presidente dell ABI Antonio Patuelli Roma, Palazzo della Cancelleria 28 ottobre 2015. INTERVENTI ABI 2015

Dettagli

IV Forum Confcommercio sul Fisco

IV Forum Confcommercio sul Fisco IV Forum Confcommercio sul Fisco Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan al IV Forum Confcommercio sul Fisco Meno tasse, meno spesa Binomio per la ripresa Roma, 22

Dettagli

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 234 COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 10 luglio 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà

Dettagli

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE Convegno nazionale Senato delle autonomie/federalismo e riforma dell'ordinamento locale Roma, 14 Ottobre 2013 Tempio di Adriano Sala Convegni Piazza di Pietra Ore 9.30/14.00 DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE 2

Dettagli

OCCUPAZIONE E MERCATO DEL LAVORO. Roma, 17 marzo 2015. Auditorium Antonio Nori Confesercenti Nazionale

OCCUPAZIONE E MERCATO DEL LAVORO. Roma, 17 marzo 2015. Auditorium Antonio Nori Confesercenti Nazionale OCCUPAZIONE E MERCATO DEL LAVORO GLI INVISIBILI DEL MONDO DEL LAVORO OCCUPAZIONE E LAVORO AUTONOMO E DI IMPRESA Roma, 17 marzo 2015 Auditorium Antonio Nori Confesercenti Nazionale OLTRE IL JOBS ACT IL

Dettagli

Roma, 31 ottobre 2014. Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan IL RISPARMIO NELL UNIONE BANCARIA EUROPEA

Roma, 31 ottobre 2014. Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan IL RISPARMIO NELL UNIONE BANCARIA EUROPEA 90 a Giornata Mondiale del Risparmio Roma, 31 ottobre 2014 Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan IL RISPARMIO NELL UNIONE BANCARIA EUROPEA Signor Governatore, Presidente

Dettagli

CASA E LAVORO: LE PRIORITÀ CONDIVISE

CASA E LAVORO: LE PRIORITÀ CONDIVISE La trasparenza nelle Istituzioni: FACCIAMO IL PUNTO SULL ATTIVITÀ DI GOVERNO Aggiornato al 28 agosto 2013 IL GOVERNO LETTA E LA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO: CASA E LAVORO: LE PRIORITÀ CONDIVISE Nelle pagine

Dettagli

La penultima spiaggia

La penultima spiaggia 6 Giugno 2014 La penultima spiaggia Come avevamo previsto lo scorso aprile (si veda Solo questione di tempo 4 aprile 2014), la BCE ha deciso di ricorrere ad una serie di misure sia convenzionali che di

Dettagli

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI?

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? Il testo riprende Cozzi T. (2013), La crisi e i moltiplicatori fiscali, in Moneta e credito, n. 262, i dati sono invece aggiornati e resi disponibili

Dettagli

PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE

PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE Ricerca e Innovazione: leve prioritarie per la crescita La nuova politica di Europa 2020 richiama il ruolo delle imprese e la

Dettagli

Tutto quello che avreste voluto sapere su Banca d Italia

Tutto quello che avreste voluto sapere su Banca d Italia Tutto quello che avreste voluto sapere su Banca d Italia Ma non avete mai osato chiedere Un vademecum alla riforma dell assetto proprietario di Banca d Italia A cura di Marco Causi Capogruppo PD in Commissione

Dettagli

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Camera dei deputati Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Roma, 1 luglio 2015 www.mef.gov.it 1 Il

Dettagli

MISURE DELL'UE PER IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLA GRECIA E LA STABILIZZAZIONE DELL AREA EURO

MISURE DELL'UE PER IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLA GRECIA E LA STABILIZZAZIONE DELL AREA EURO Camera dei deputati - XVI Legislatura - Dossier di documentazione (Versione per stampa) Autore: Titolo: Ufficio Rapporti con l'unione Europea Misure dell'ue per il sostegno finanziario alla Grecia e la

Dettagli

IL PERCHÉ DELL INIZIATIVA

IL PERCHÉ DELL INIZIATIVA Roma, 12 febbraio 2014 IL PERCHÉ DELL INIZIATIVA Le imprese, in attesa da troppo tempo di una ripresa che sembra non arrivare mai, chiedono azioni concrete e rapide e non più progetti astratti per la soluzione

Dettagli

Rilevazione 25 Novembre 2013. OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO Le due arene: lo stadio della società contro il ring della politica

Rilevazione 25 Novembre 2013. OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO Le due arene: lo stadio della società contro il ring della politica Rilevazione 25 Novembre 2013 OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO Le due arene: lo stadio della società contro il ring della politica Le notizie della settimana: la Sardegna concentra tutta l attenzione L alluvione

Dettagli

RAPPORTO BANCHE 1/2 0 1 5

RAPPORTO BANCHE 1/2 0 1 5 RAPPORTO BANCHE 1/2015 N. 1-2015 Il Rapporto Cer-Banche è frutto della ricerca in campo bancario svolta in questi anni dall'istituto. Il programma di attività ha condotto alla costruzione di un modello

Dettagli

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura economica Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income Angelo Drusiani Banca Albertini Syz & C. SpA - Milano

Dettagli

Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta

Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta 1-08-2015 Numero 15-11 NOTA DAL CSC Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta Tra il e il gli investimenti fissi lordi si sono contratti

Dettagli

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione 44 FOCUS INVESTIMENTI SOCIALI IL PACCHETTO DI INVESTIMENTI SOCIALI PER LA CRESCITA E LA COESIONE È LO STRUMENTO CREATO DALL UNIONE EUROPEA PER CONTRASTARE LA POVERTÀ E L EMARGINAZIONE SOCIALE. L ARTICOLO

Dettagli

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire di Olivier Blanchard 10 luglio 2015 Gli occhi del mondo sono tutti puntati sulla situazione economica della Grecia e le parti coinvolte continuano

Dettagli

La trappola della stagnazione

La trappola della stagnazione Conversazione con Michael Spence e Kemal Dervis La trappola della stagnazione 52 Aspenia 66 2014 ASPENIA. La crisi finanziaria esplosa nel 2008, divenuta una crisi economica semiglobale, si è negli anni

Dettagli

Crisi finanziaria e politica economica

Crisi finanziaria e politica economica Crisi finanziaria e politica economica * Istituzioni finanziarie e governi I progressi finanziari degli ultimi mesi sono stati piuttosto eclatanti. Essi hanno prodotto dei grandi cambiamenti all interno

Dettagli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli Già si erano visti alcuni segnali preoccupanti prima di Pasqua, con la Borsa di Milano tornata

Dettagli

Eurozona: la moneta unica uscirà rafforzata dalla crisi Grecia

Eurozona: la moneta unica uscirà rafforzata dalla crisi Grecia Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Nota Stampa Barbara Tagliaferri Irene Longhin Ester Gaiani Ufficio Stampa Deloitte Image Building Image Building Tel:

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI

PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI Il quadro economico del Piemonte Il Piemonte è una delle regioni a più alta concentrazione industriale d Europa, tanto che ancora oggi, nella grave

Dettagli

Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding. Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan

Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding. Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan venerdì 25 giugno 2010 Buon pomeriggio. Un cordiale saluto al Ministro

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico EXECUTIVE SUMMARY Ministero dello Sviluppo Economico 2 L Italia deve diventare un luogo più ospitale per le nuove imprese innovative. Questo perché, come dimostrano le esperienze di altri Paesi, l innovazione

Dettagli

Tutti sappiamo che il consumo attuale di energia in Europa dipende largamente

Tutti sappiamo che il consumo attuale di energia in Europa dipende largamente Azioni per il pianeta Focus Verso il 2050 Come e perché decarbonizzare l Europa conviene di Jules Kosternhorst Il messaggio è chiaro: la decarbonizzazione del settore energetico europeo rappresenta una

Dettagli

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA 593 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO 18 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nell ultima riunione Ecofin del

Dettagli

LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013

LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013 LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013 LE COOPERATRICI E I COOPERATORI PROTAGONISTI DEL FUTURO DELL ITALIA UN NUOVO IMPEGNO PER LO SVILUPPO

Dettagli

Sulle prospettive del servizio idrico in Italia. Intervista del Gruppo 183 all Onorevole Mariani

Sulle prospettive del servizio idrico in Italia. Intervista del Gruppo 183 all Onorevole Mariani Sulle prospettive del servizio idrico in Italia. Intervista del Gruppo 183 all Onorevole Mariani 11 novembre 2011 Gruppo 183: onorevole Mariani, come giudica la fase che attraversa l organizzazione dei

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

Considerazioni a confutazione degli argomenti del Comitato d iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull oro)»

Considerazioni a confutazione degli argomenti del Comitato d iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull oro)» Dipartimento federale delle finanze DFF Considerazioni a confutazione degli argomenti del Comitato «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull oro)» Stato: settembre 2014 L oro è stato venduto a seguito

Dettagli

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Dipartimento di Scienze Politiche - Università di Bari Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Modulo 13 Il Patto di Stabilità Per poter usare la moneta unica, occorreva la convergenza

Dettagli

Economia: dal Fisco all Immigrazione, la terapia d urto della Cgil contro la crisi

Economia: dal Fisco all Immigrazione, la terapia d urto della Cgil contro la crisi Economia: dal Fisco all Immigrazione, la terapia d urto della Cgil contro la crisi I 6 punti del manifesto-piattaforma oggi all'assemblea quadri e delegati Roma, 5 novembre - Un vero e proprio manifesto-piattaforma

Dettagli

ASSIOM FOREX. Intervento di Luigi Abete Presidente di BNL-BNP Paribas

ASSIOM FOREX. Intervento di Luigi Abete Presidente di BNL-BNP Paribas ASSIOM FOREX Intervento di Luigi Abete Presidente di BNL-BNP Paribas Roma, 8 febbraio 2014 1 Signor Governatore, Autorità, Signore e Signori delegati, per il Gruppo BNP Paribas, per BNL e per il sottoscritto

Dettagli

La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche

La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche Sintesi Francesco Berlingieri, Holger Bonin, Maresa Sprietsma Centre for European Economic Research Sintesi 2 3 Oggetto dello studio La

Dettagli

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital AUDIZIONE SUL DECRETO LEGGE 18 OTTOBRE 2012, N. 179 Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese 10ª Commissione Industria, commercio, turismo Senato della Repubblica Roma, 30 ottobre 2012 AUDIZIONE

Dettagli

Verso una migliore governance economica nella zona euro: preparativi per le prossime fasi

Verso una migliore governance economica nella zona euro: preparativi per le prossime fasi Verso una migliore governance economica nella zona euro: preparativi per le prossime fasi Nota analitica Jean Claude Junker in stretta collaborazione con Donald Tusk, Jeroen Dijsselbloem e Mario Draghi

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 7 luglio A cura dell

Dettagli

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori E. Un Economia Europea Inclusiva Alla luce delle conseguenze della crisi finanziaria ed economica, c è un urgente bisogno di evitare il deterioramento della coesione sociale e le sue drammatiche ripercussioni,

Dettagli

IL PREMIER GIOCA D AZZARDO

IL PREMIER GIOCA D AZZARDO 855 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com IL PREMIER GIOCA D AZZARDO MA DOVRÀ RIFARE LA MANOVRA Editoriale de Il Giornale, 28 aprile 2014 28 aprile 2014 a cura di Renato Brunetta 2 Il

Dettagli

Paper Economia Reale. Analisi Economica Il peso del Debito e l incubo del Fisco

Paper Economia Reale. Analisi Economica Il peso del Debito e l incubo del Fisco Nessun male sociale può superare la frustrazione e la disgregazione che la disoccupazione arreca alle collettività umane Federico Caffè Analisi Economica Il peso del Debito e l incubo del Fisco I primi

Dettagli

Tavola rotonda CREDITO E PMI Roma, 6 dicembre 2011 Valentina Carlini Fisco, Finanza e Welfare Confindustria

Tavola rotonda CREDITO E PMI Roma, 6 dicembre 2011 Valentina Carlini Fisco, Finanza e Welfare Confindustria Tavola rotonda CREDITO E PMI Roma, 6 dicembre 2011 Valentina Carlini Fisco, Finanza e Welfare Confindustria La crescita economica in Italia (Centro Studi Confindustria Congiuntura flash, Novembre 2011)

Dettagli

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio Bilancia dei pagamenti Registrazione dei flussi di moneta tra i residenti di un paese e il resto del mondo i crediti (segno +): le entrate dall estero i debito

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

Le cicatrici della recessione, gli inciampi della ripresa

Le cicatrici della recessione, gli inciampi della ripresa Le cicatrici della recessione, gli inciampi della ripresa Prometeia ritocca al ribasso la crescita italiana per il primo trimestre 2015 (a +0,1% rispetto a +0,2%) e conferma la crescita del Pil 2015 a

Dettagli

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici:

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici: Random Note 1/2015 OUTLOOK 2015 : VERSO LA NORMALIZZAZIONE? La domanda a cui, con la nostra analisi di inizio anno, cerchiamo di dare una risposta è se nel 2015 assisteremo ad un ritorno alla normalizzazione

Dettagli

Focus On. Grexit? No grazie! Un esempio reale del dilemma del prigioniero. a cura dell Ufficio Analisi e Ricerche Economiche

Focus On. Grexit? No grazie! Un esempio reale del dilemma del prigioniero. a cura dell Ufficio Analisi e Ricerche Economiche Grexit? No grazie! Un esempio reale del dilemma del prigioniero La Grecia è a un punto di stallo. Le elezioni di inizio maggio si sono risolte in un nulla di fatto, non avendo portato alla definizione

Dettagli

BONUS IRPEF: CHI CI GUADAGNA E CHI CI PERDE

BONUS IRPEF: CHI CI GUADAGNA E CHI CI PERDE a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 664 BONUS IRPEF: CHI CI GUADAGNA E CHI CI PERDE 28 aprile 2014 INDICE 2 10 milioni

Dettagli

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 11 15/06/2014 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Pagina 5 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 9 DOSSIER CONFCOMMERCIO

Dettagli

hanno FIRMATO SCUOLE pubbliche DIREZIONE DIDATTICA N. 10 BOLOGNA DIREZIONE DIDATTICA N. 13 BOLOGNA DIREZIONE DIDATTICA N.

hanno FIRMATO SCUOLE pubbliche DIREZIONE DIDATTICA N. 10 BOLOGNA DIREZIONE DIDATTICA N. 13 BOLOGNA DIREZIONE DIDATTICA N. (dato aggiornato al 14 ottobre 2009) SCUOLE pubbliche DIREZIONE DIDATTICA N. 1 BOLOGNA DIREZIONE DIDATTICA N. 3 BOLOGNA DIREZIONE DIDATTICA N. 5 BOLOGNA DIREZIONE DIDATTICA N. 8 BOLOGNA DIREZIONE DIDATTICA

Dettagli

MANIFESTO PER LA BUONA FINANZA

MANIFESTO PER LA BUONA FINANZA CGIL CGIL ISRF FISAC Lab Presentazione alla stampa del: MANIFESTO PER LA BUONA FINANZA Le banche al servizio del paese Conferenza Stampa 03 / 07 / 2013 - ore 12:30 Cgil Nazionale - Sala Santi, Corso d

Dettagli

TRACCIA DELL INTERVENTO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO AL FORUM: LO SCENARIO DI OGGI E DI DOMANI PER LE STRATEGIE COMPETITIVE

TRACCIA DELL INTERVENTO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO AL FORUM: LO SCENARIO DI OGGI E DI DOMANI PER LE STRATEGIE COMPETITIVE TRACCIA DELL INTERVENTO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NAPOLITANO AL FORUM: LO SCENARIO DI OGGI E DI DOMANI PER LE STRATEGIE COMPETITIVE Villa d'este, Cernobbio 2, 3 e 4 settembre 2011 Riprodotto

Dettagli

IV RAPPORTO SULLA FINANZA IMMOBILIARE 2011 Abstract

IV RAPPORTO SULLA FINANZA IMMOBILIARE 2011 Abstract Comunicato stampa IV RAPPORTO SULLA FINANZA IMMOBILIARE 211 VERSO UN NUOVO PROFILO FINANZIARIO DELLE FAMIGLIE ITALIANE La condizione finanziaria delle famiglie italiane, da sempre caratterizzata da un

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682. Misure per favorire lo sviluppo della managerialità nelle imprese del Mezzogiorno

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682. Misure per favorire lo sviluppo della managerialità nelle imprese del Mezzogiorno Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BERTUZZI, FIORONI, VITALI e GHEDINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 22 MAGGIO 2008 Misure per favorire

Dettagli

La Grecia strozzata Lunedì 20 Giugno 2011 23:00. di Ilvio Pannullo

La Grecia strozzata Lunedì 20 Giugno 2011 23:00. di Ilvio Pannullo di Ilvio Pannullo Sembra quasi si nascondano. Le decisioni da prendere sono molto importanti e invece di condividere la responsabilità delle scelte con le popolazioni interessate, i governanti europei

Dettagli

CULTURA & TURISMO Una strategia di sistema per l Italia. Roma, 27 maggio 2014

CULTURA & TURISMO Una strategia di sistema per l Italia. Roma, 27 maggio 2014 CULTURA & TURISMO Una strategia di sistema per l Italia Roma, 27 maggio 2014 Decreto Cultura del 22 maggio 2014 DISPOSIZIONI URGENTI PER LA TUTELA DEL PATRIMONIO CULTURALE, LO SVILUPPO DELLA CULTURA E

Dettagli

La crisi economica globale: gli scenari ed il ruolo delle costruzioni e delle infrastrutture

La crisi economica globale: gli scenari ed il ruolo delle costruzioni e delle infrastrutture TRENTENNALE CNCE La crisi economica globale: gli scenari ed il ruolo delle costruzioni e delle infrastrutture MICHELE BAGELLA Università di Roma Tor Vergata Roma, 29 Gennaio 2009 Indice Nella prima parte

Dettagli

Donne tra passato e futuro in rapporto alla famiglia, il lavoro, la società e la politica

Donne tra passato e futuro in rapporto alla famiglia, il lavoro, la società e la politica Donne tra passato e futuro in rapporto alla famiglia, il lavoro, la società e la politica Il Segretario Confederale Liliana Ocmin Indice I valori delle donne, i valori della Cisl pg. 3 Il sistema di Welfare

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano

Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano Banking Summit 2012 Tra declino e rilancio: la sfida delle banche italiane Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano Gregorio De Felice Servizio Studi e Ricerche Milano,

Dettagli

Audizione al Parlamento. ViceMinistro On. Paolo Romani

Audizione al Parlamento. ViceMinistro On. Paolo Romani Audizione al Parlamento ViceMinistro On. Paolo Romani 1 L Italia per la sua crescita economica, in tutti i settori, ha bisogno di un infrastruttura di rete elettronica a banda larga. Le misure di policy

Dettagli

L Europae la Crisidel DebitoPubblico Cosa funzionerà e cosa non funzionerà. Juergen von Hagen Festival dell Economia di Trento 3 giugno 2011

L Europae la Crisidel DebitoPubblico Cosa funzionerà e cosa non funzionerà. Juergen von Hagen Festival dell Economia di Trento 3 giugno 2011 L Europae la Crisidel DebitoPubblico Cosa funzionerà e cosa non funzionerà Juergen von Hagen Festival dell Economia di Trento 3 giugno 2011 QuadroGenerale: Le PoliticheFiscali nell Eurozona Principi di

Dettagli

Notizie europee dal 30 settembre al 12 ottobre 2013

Notizie europee dal 30 settembre al 12 ottobre 2013 REGIONE TOSCANA Consiglio regionale Commissione Istituzionale per le Politiche dell Unione europea e gli Affari Internazionali Notizie europee dal 30 settembre al 12 ottobre 2013 In questa edizione: Consiglio

Dettagli

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sulla crisi economica e finanziaria in Grecia

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sulla crisi economica e finanziaria in Grecia Senato della Repubblica Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sulla crisi economica e finanziaria in Grecia Roma 9 luglio2015 www.mef.gov. Signor Presidente,

Dettagli

SANITA. Il MIO IMPEGNO PER UNA SANITA ACCESSIBILE A TUTTI

SANITA. Il MIO IMPEGNO PER UNA SANITA ACCESSIBILE A TUTTI Il mio programma elettorale è frutto della voce delle persone che ho incontrato lungo il mio cammino e che sto incontrando nel corso della mia campagna elettorale SANITA Il MIO IMPEGNO PER UNA SANITA ACCESSIBILE

Dettagli

Focus Market Strategy

Focus Market Strategy Valute emergenti: rand, lira e real 30 luglio 2015 Atteso un recupero verso fine anno Contesto di mercato Il comparto delle valute emergenti è tornato nuovamente sotto pressione negli ultimi mesi complice

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Germania: il modello da seguire?

Germania: il modello da seguire? Daniel Gros Germania: il modello da seguire? Negli ultimi dieci anni l economia europea ha visto svariati rovesciamenti di fronte: la Germania, ad esempio, da malato d Europa ne è diventato il modello.

Dettagli

PROVVEDIMENTO A SOSTEGNO SETTORI INDUSTRIALI IN CRISI

PROVVEDIMENTO A SOSTEGNO SETTORI INDUSTRIALI IN CRISI MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO PROVVEDIMENTO A SOSTEGNO SETTORI INDUSTRIALI IN CRISI 6 febbraio 2009 1 Indice 1. Settore automotive Pag. 3 2. Le altre misure del provvedimento Pag. 20 2 1. SETTORE

Dettagli

STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE

STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE, FACOLTÁ DI SOCIOLOGIA A.A. 2008-2009 ANNA TEMPIA 7 LEZIONE IL DECENTRAMENTO FISCALE: IL CASO ITALIANO (ottobre 2008) BIBLIOGRAFIA:

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3752 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MOSCA, LORENZIN Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Presentata

Dettagli

Una manovra di rigore ed equità.

Una manovra di rigore ed equità. Una manovra di rigore ed equità. Ispirata all'art. 3 della Costituzione: "È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che impediscono il pieno sviluppo della persona".

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SINTESI PER LA STAMPA EUROPEAN OUTLOOK 2014 Motori accesi, manca lo "start" SETTEMBRE 2013 Si tratta di un rapporto riservato. Nessuna parte

Dettagli