Istituzioni di Diritto Privato II. Indice

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituzioni di Diritto Privato II. Indice"

Transcript

1 INSEGNAMENTO DI ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO II LEZIONE V IL CONTRATTO IN GENERALE: DEFINIZIONE, CLASSIFICAZIONE E STRUTTURA PROF. GIOVANNI SABBATO

2 Indice 1 Il contratto: definizione e caratteri La classificazione dei contratti La struttura del contratto Gli elementi accidentali Gli elementi naturali La causa del contratto: evoluzione del concetto La causa in concreto La causa come limite dell autonomia privata Le distorsioni della causa : negozio indiretto e fiduciario L affidamento contrattuale Il principio di irrilevanza dei motivi Il negozio astratto: nozione La cambiale Le cd. prestazioni isolate L astrazione processuale La causa lecita Norme imperative, ordine pubblico e buon costume I contratti misti I contratti collegati La forma La forma volontaria La forma degli atti risolutori Il problema della sottoscrizione di 2

3 1 Il contratto: definizione e caratteri Tra le fonti di obbligazione il contratto occupa una posizione di primaria importanza, sia per la frequenza con la quale esso ricorre nella vita sociale, sia per la ricchezza della sua disciplina legislativa. Il codice civile definisce il contratto come l accordo di due o più parti per costituire, regolare o estinguere tra loro un rapporto giuridico patrimoniale (art c.c.) 1. Esso costituisce una sottospecie del negozio giuridico; più precisamente è un negozio giuridico bilaterale o plurilaterale di contenuto patrimoniale. Facile è ricollegare l articolo 1321 c.c. al 1173 c.c. - in tema di fonti di obbligazioni, tra le quali il contratto si inserisce - e all art. 1174, in tema di patrimonialità della prestazione. Espressione apparentemente tautologica è quella di accordo, che in realtà ha un significato più ampio rispetto a quella di contratto, proprio perché quest ultimo ha necessariamente contenuto contrattuale. Esempi di accordi non contrattuali : gli accordi sindacali, gli accordi tra i coniugi in materia di rapporti matrimoniali e familiari, il matrimonio. Per quanto attiene il rapporto tra il negozio e il contratto, può quindi ritenersi che il primo sia un genus, il secondo una species. I caratteri del contratto, quindi, sono : la bilateralità o plurilateralità : infatti occorre l accordo tra due o più parti che manifestino la loro volontà su un affare che interessa entrambe, per convalidare i diritti e gli obblighi che ne derivano ; la patrimonialità : il contratto deve avere per oggetto cose o prestazioni suscettibili di valutazione economica. Se due parti si scambiano impegni su materie non economiche, non danno vita ad un contratto ( il matrimonio, negozio giuridico bilaterale, non è un contratto, poiché manca l elemento della patrimonialità) ; la finalità di costituire, regolare o estinguere un rapporto giuridico patrimoniale 2. 1 La dottrina (M.GIORGIANNI, La crisi del contratto nella società contemporanea, in RDA, 1972, I, p. 385 ss) evidenzia come, a fronte del declino del contratto in ambito civilistico, dovuto in primis all erosione del mito della liberta contrattuale, si assiste da alcuni anni ad un rinnovato pancontrattualismo, profilandosi nuove aree applicative dello strumento contrattuale, ad esempio in seno all attività della pubblica amministrazione. 3 di 3

4 Nella maggior parte dei casi i contratti sono rivolti a costituire un rapporto che prima non esisteva, come la vendita, la locazione, la donazione, il mutuo, il mandato; questi contratti si dicono appunto costitutivi. Altre volte sono rivolti a modificare un rapporto giuridico già esistente ( es. la cessione di credito ) o a estinguere un rapporto ( es. la compensazione volontaria ). 2 Alcuni (A.FALZEA, Accertamento, p. 209 ss) suggeriscono di aggiungere, accanto alla classica tripartizione degli effetti in costitutivi, modificativi ed estintivi, le nozioni di effetti cd. preclusivi e dispositivi-novativi. I primi sarebbero prodotti dal negozio di accertamento. 4 di 4

5 2 La classificazione dei contratti Oltre alla distinzione dei contratti in costitutivi, modificativi ed estintivi, abbiamo altre classificazioni, basate sui criteri generali del negozio giuridico: - contratti bilaterali, costituiti dalla manifestazione di volontà di due parti, e contratti plurilaterali, costituiti dalla manifestazione di volontà di più parti (es. la delegazione). Nella nozione di contratto non possono esservi contratti unilaterali, nei quali cioè vi sia una sola parte ( questa espressione ricorre talvolta per indicare i contratti a obbligazioni unilaterali ). Circa il concetto di parte, esso non si identifica con quello di persona in quanto esprime un centro di interessi, che può essere formato da una sola persona come da più persone. - contratti a titolo gratuito, mediante i quali un soggetto tende a procurare un vantaggio a un altro soggetto senza un corrispettivo ( es. la donazione ), e contratti a titolo oneroso, nei quali vi è un corrispettivo ( es. la vendita ). - contratti solenni o formali ( es. la vendita di un immobile ) e contratti non solenni, a seconda che per la esistenza del contratto sia richiesta, oppure no, una forma determinata. Vi sono poi delle classificazioni che sono specifiche del contratto, in quanto prendono in considerazione caratteristiche proprie di tali forme negoziali. Secondo le modalità con le quali si perfezionano : - i contratti possono essere puramente consensuali o reali. I contratti puramente consensuali si perfezionano con il semplice consenso, cioè con l accordo delle parti ( es. la compravendita e la locazione ) 3. I contratti reali sono quelli per il cui perfezionamento è necessario, oltre il consenso, la tradizione o consegna della cosa ( cioè della res ). Sono esempi di contratti reali : il mutuo, il comodato, il deposito, l atto costitutivo di pegno. Secondo gli effetti che il contratto produce, si distinguono : - contratti ad effetti reali e contratti ad effetti obbligatori. I contratti ad effetti reali sono quelli che hanno per oggetto il trasferimento della proprietà o di altro diritto, oppure la costituzione o il trasferimento di un diritto reale su cosa altrui. Tali sono ad esempio, la permuta, il mutuo e, di regola, la compravendita. 3 La distinzione tra contratti consensuali e reali attiene alla perfezione, quella tra contratti ad effetti reali e obbligatori all efficacia. 5 di 5

6 I contratti ad effetti obbligatori, invece, non trasferiscono diritti, ma fanno sorgere delle obbligazioni, ossia rapporti di debito e credito. Tali sono ad esempio la locazione e il comodato. Si distinguono inoltre : - contratti con prestazioni corrispettive o sinallagmatici e contratti a obbligazioni unilaterali; nei primi entrambe le parti assumono obbligazioni reciprocamente ( come nella vendita e nella donazione ), nei secondi una sola parte assume obbligazioni verso l altra, ad esempio nel mutuo, nel quale il mutuatario è obbligato a restituire la somma al mutuante e a pagargli gli interessi, mentre nessun obbligo incombe al mutuante. I contratti con prestazioni corrispettive si distinguono a loro volta in : - contratti commutativi e aleatori. Sono commutativi i contratti nei quali, fin dal momento della conclusione, le parti possono valutare i vantaggi e i sacrifici che ne deriveranno. Sono aleatori i contratti nei quali tale valutazione non è possibile, in quanto i vantaggi o i sacrifici per entrambe le parti dipendono dalla sorte. Così accade nel gioco e nella scommessa, nell assicurazione, nella rendita vitalizia. Si dicono, poi, a esecuzione istantanea i contratti la cui esecuzione si esaurisce in un solo momento (uno actu), come ad esempio la compravendita. Si dicono, infine, contratti di durata quelli la cui esecuzione ha carattere continuativo ( cioè si prolunga per un certo tempo ) o periodico; sono tali i contratti di locazione, di società, di somministrazione. 6 di 6

7 3 La struttura del contratto Poiché il contratto è un negozio giuridico, anche rispetto a esso si distinguono elementi essenziali, accidentali e naturali. Elementi essenziali, ai sensi dell art c.c., sono : a) l accordo o il consenso delle parti. Si parla di accordo o consenso e non di manifestazione di volontà ( come nel negozio giuridico ) perché qui occorrono due o più concordi manifestazioni. La dichiarazione di colui che prende l iniziativa si chiama proposta, l altra, o le altre, prendono il nome di accettazione ; b) la causa, cioè la ragione economico sociale del contratto. Essa è unica per ogni tipo di contratto e perciò è detta tipica. Ad esempio la causa del contratto di compravendita è lo scambio della proprietà della cosa con la proprietà di una somma di danaro, mentre la causa del contratto di deposito è la custodia della cosa. La causa, come vedremo, deve essere tenuta distinta dai motivi individuali, cioè dai moventi o scopi particolari che inducono le parti al compimento di un dato tipo di contratto. Il motivo è irrilevante giuridicamente, tuttavia diventa rilevante nei contratti quando è illecito e comune a entrambe ( o a tutte ) le parti, rendendo il contratto nullo. c) l oggetto, che nel contratto coincide con l oggetto dell obbligazione, cioè consiste nella prestazione a cui sono tenute le parti; deve quindi essere di contenuto patrimoniale, oltre che essere, come in qualsiasi negozio giuridico, possibile, lecito, determinato o determinabile. d) la forma, cioè il mezzo attraverso il quale si manifesta la volontà contrattuale. 7 di 7

8 4 Gli elementi accidentali Gli elementi accidentali sono tutte quelle clausole che le parti sono libere di apporre o meno al contratto al fine di precisarne le modalità o modificarne gli effetti. Fra gli elementi accidentali vi sono la condizione, il termine e il modo, oggetto di disamina nell ambito del negozio giuridico. Altri elementi accidentali specifici del contratto sono la clausola penale, la caparra, la clausola salvo buon fine, la clausola oro, la clausola numeri indici, tutti esaminati a proposito delle obbligazioni. 8 di 8

9 5 Gli elementi naturali Gli elementi naturali sono quelli del negozio giuridico in generale. Più che elementi naturali del contratto sono effetti giuridici denominati naturali perché inerenti alla natura di quel dato tipo di contratto posto in essere dalle parti, e pertanto si producono per norma di legge, anche senza che queste ne facciano espressa dichiarazione. Ad esempio, un elemento, o meglio un effetto naturale, della vendita è che il venditore è tenuto a garantire al compratore che la cosa venduta non risulti di proprietà di altra persona ( garanzia per l evizione - art c.c. ) : a questa garanzia il venditore è obbligato per legge e non occorre che il contratto contenga alcuna clausola al riguardo. 9 di 9

10 6 La causa del contratto: evoluzione del concetto Tra gli elementi essenziali viene in considerazione innanzitutto la causa del contratto. La nozione di causa presenta profili particolarmente problematici, anche in considerazione della evoluzione concettuale della quale essa risulta protagonista. Ogni sistema giuridico, infatti, si trova di fronte al problema di dover decidere se accordare riconoscimento ad ogni ipotesi di accordo o invece subordinare tale riconoscimento ad un ulteriore requisito, che consenta di affermare che quel particolare accordo è meritevole di tutela ad opera dell ordinamento giuridico. A distinguere un accordo giuridicamente rilevante da uno di mera cortesia può essere l intento delle parti di vincolarsi giuridicamente, il che può essere desumibile ad esempio dall interesse patrimoniale che le anima. Ma la causa attiene ad un aspetto diverso : si tratta di vedere se accordi, anche se di carattere patrimoniale, abbiano bisogno di essere ulteriormente caratterizzati, in funzione del loro scopo o contenuto, per meritare tutela da parte dell ordinamento. A tale problema i vari ordinamenti possono rispondere in modo diverso. Il diritto italiano, sul modello di quello francese, risponde menzionando, tra i requisiti del contratto quello della causa ( art c.c. ). Il codice naturalmente non dice che cosa debba intendersi per causa. La mancanza di causa determina, comunque, la nullità del contratto - ai sensi dell articolo 1418 c.c. - e della causa lo stesso codice parla agli articoli 1343 e 1345 per definirla illecita quando è contraria a norme imperative, all ordine pubblico o al buon costume. causa illecita. All articolo 1344 vi è la definizione di contratto in frode alla legge, che è un contratto con L articolo 1345 stabilisce, altresì, le condizioni in presenza delle quali anche un motivo illecito può rendere nullo il contratto. L attuale codice riferisce il requisito della causa al contratto complessivamente inteso come accordo diretto a costituire, regolare od estinguere un rapporto giuridico patrimoniale. Non era questa la visuale del codice civile abrogato del 1865, che invece riferiva la causa all obbligazione. Infatti tra i requisiti essenziali per la validità del contratto il codice del 1865 menzionava una causa lecita per obbligarsi. Tale formulazione riproduceva alla lettera quella del codice civile francese. 10 di 10

11 In realtà, nel modello del codice abrogato, che seguiva il codice francese, la causa aveva una connotazione prevalentemente soggettiva, nel senso di indicare lo scopo in funzione del quale un soggetto si obbligava 4. E così nei contratti cd. sinallagmatici ( o a prestazioni corrispettive ) la causa dell obbligazione dell una parte era nell obbligazione dell altra parte. Nei contratti cd. unilaterali ( mutuo, comodato, deposito ) la causa dell obbligo di restituire ciò che si era ricevuto risiedeva nella preventiva consegna da parte dell altro soggetto. Nei contratti a titolo gratuito tale scopo risiedeva nella volontà di sottoporsi ad un sacrificio senza ricevere contropartita ( c.d. animus donandi ). La concezione soggettiva della causa era in funzione della tutela dell interesse individuale del singolo contraente, quando si accingeva ad assumere un obbligo. Con il codice attualmente vigente la visuale è cambiata. Esso supera le singole obbligazioni che fanno parte del contratto per riferirsi all intero contratto. La causa dunque designa oggettivamente la funzione che contrassegna quel singolo contratto nel contesto più generale delle operazioni contrattuali. E così causa della compravendita è lo scambio di cosa contro prezzo, così come del contratto di appalto è l esecuzione di un opera o di un servizio verso un corrispettivo; causa del contratto di società è l esercizio in comune di un attività economica per dividerne gli utili; causa del contratto di mandato è assicurarsi la collaborazione di altri in ordine all attività giuridica e cioè sia a titolo oneroso che gratuito. Detta funzione è uguale per tutti i contratti appartenenti al tipo che le parti hanno scelto e quali che siano i diversi motivi ( soggettivi ) che hanno spinto il singolo contraente a contrarre. I motivi possono variare, ma ciò non impedisce che la causa di quel singolo contratto resti sempre la stessa. Quindi accentuare della causa l aspetto oggettivo significa contrapporlo ai motivi, che sono invece gli scopi, soggettivi e individuali, che hanno indotto il soggetto a contrarre. Dato che la causa caratterizza oggettivamente l intero contratto, e non le singole obbligazioni che da esso scaturiscono, non è consentito alle parti separare le singole obbligazioni ( ad esempio quelle del venditore e del compratore ), così, ad esempio, da fare in modo che una eventuale causa di nullità che avesse a colpire l una di esse non avesse a travolgere anche l altra. 4 Per eventuali approfondimenti : A.DI MAJO, Causa del negozio giuridico, in Enc. Giur. Treccani, VI, Roma, di 11

12 Cioè, non è consentito al venditore, adducendo l autonomia della promessa del compratore, agire contro di esso ove la promessa di esso venditore fosse per qualche ragione inesistente o nulla. La scelta di una concezione oggettiva della causa e la sua netta distinzione dai motivi non significa che la causa si debba contrapporre alla volontà delle parti, rappresentando un elemento in alternativa a quest ultima. In realtà la causa deve essere oggetto della volontà delle parti, ossia voluta e condivisa da entrambe. Quindi la causa è pur sempre un aspetto della volontà delle parti contraenti, nel senso di designare la funzione verso la quale la volontà si dirige. La causa rappresenta la risposta che dà l ordinamento al problema riguardante il presupposto di ordine sostanziale e non formale, in presenza del quale l accordo delle parti può meritare riconoscimento ad opera dell ordinamento 5. 5 La stessa importanza cui attende la nozione di causa nel nostro ordinamento, in altri sistemi giuridici, ad esempio in quello anglosassone provvedono altri elementi, come quello definito della consideration. Questa rappresenta quell elemento che rende giuridicamente vincolante la singola promessa. La consideration così viene definita in quanto trattasi di un profitto o di un beneficio che riceve colui che promette, o rispettivamente, una perdita o un sacrificio cui va incontro il soggetto cui la promessa è rivolta. L ottica del diritto anglosassone non è quella del contratto, ma della singola promessa in esso contenuta. 12 di 12

13 7 La causa in concreto La causa, quindi, non è altro che la ragione dell affare ovverosia la funzione economica che le parti intendono realizzare attraverso lo schema negoziale adoperato. Ma il concetto ha ricevuto una progressiva soggettivizzazione, nel senso che da alcuni è intesa non come funzione economico sociale, così ricollegando la causa al tipo ( cd. causa tipica ), ma come funzione economico individuale ( cd. causa in concreto). Oggi la dottrina e la giurisprudenza 6 sono fortemente divise tra i sostenitori dell una e dell altra tesi, con conseguenze notevoli per quanto attiene all ampiezza del giudizio di liceità e alla differenza tra causa e motivo. Per quanto riguarda il primo aspetto, i sostenitori della causa in concreto ritengono che il giudizio di liceità debba essere espresso sia con riguardo ai contratti atipici che a quelli tipici, rendendo però particolarmente problematica la differenza con il motivo, quale ragione ulteriore che le parti intendono conseguire attraverso il contratto e che non colora il profilo causale dello stesso, così rimanendo su di un piano di rilevanza giuridica. Il motivo illecito o impossibile non rende nullo il contratto, ma rimane aperto il problema della sua identificazione rispetto alla causa 7. Ma tornando alla distinzione tra causa tipica e causa in concreto, a quale tesi il legislatore ha ritenuto di aderire in sede di redazione del codice? Forse alla tesi della causa tipica, in quanto nel codice è inserita una norma che sembra preludere alla esigenza di concepire la eventuale illiceità anche dei contratti tipici : l art (frode alla legge), ove si prevede la illiceità del contratto ( rectius della causa ) quando questa costituisca il mezzo per eludere una norma imperativa 8. Si discorre al riguardo di illiceità indiretta e si discute se essa abbia natura oggettiva o se sia necessario l elemento soggettivo dell intento fraudolento affinché tale fattispecie possa riverberarsi sulla validità del contratto concluso. 6 Opta per la tesi soggettiva della causa : C.Cassazione, 25 maggio 1973, n. 1552; per quella oggettiva (tesi prevalente) : C.Cassazione, 29 gennaio 1983, n Vedremo che il criterio utilizzato è quello della esteriorizzazione : il motivo rimane implicito, non trasfuso nel testo contrattuale, quindi irrilevante. 8 Secondo questa ricostruzione, quindi, la liceità diretta si confà ai contratti atipici, come la illiceità indiretta ai contratti tipici. 13 di 13

14 8 La causa come limite dell autonomia privata Abbiamo detto che la causa non va confusa con il tipo. Con la configurazione di tipi legali di contratto ( ad esempio compravendita, locazione, mandato ) il legislatore intende apprestare nell interesse delle parti, schemi di disciplina, composta prevalentemente di norme dispositive. Nel caso, ad esempio, del contratto di compravendita, il legislatore stabilisce quelle che sono le obbligazioni di garanzia cui è tenuto il venditore e i relativi effetti. Le parti, quando concludono una compravendita, sanno di dover sottostare a tali effetti, salvo che non intendono ad essi derogare. Con la predisposizione di contratti tipici non si intende porre un limite all autonomia delle parti, ma potenziarla perché si mettono a disposizione delle parti schemi di operazioni contrattuali che esse possono adottare o anche rifiutare, scegliendo invece contratti atipici o anche misti. Con lo stabilire che ogni contratto abbia una causa si intende esigere che le parti, nella conclusione del contratto, perseguono in concreto un interesse meritevole di tutela. La causa rappresenta quindi un limite al principio dell efficacia del puro consenso. Non è sufficiente il mero consenso per creare obbligazioni o disporre di diritti : occorre che alla base di esso figuri un interesse concreto meritevole di tutela. 14 di 14

15 9 Le distorsioni della causa : negozio indiretto e fiduciario Può accadere che le parti intendano conseguire un fine ulteriore o diverso, rispetto a quello cui lo schema contrattuale è destinato. In tal caso le parti ricorreranno alle figure, genericamente indicate, di negozio indiretto e di negozio fiduciario, che poi costituiscono il classico ambito applicativo della frode alla legge. Il negozio indiretto si caratterizza per il fatto che il fine perseguito dalle parti è eccedente rispetto alla causa, per cui le parti ricorrono a più negozi collegati che nel loro insieme siano idonei a perseguire l intento pratico. Nel negozio fiduciario invece è il fine, questa volta, ad essere più ristretto rispetto alla causa, che sarà quella propria di un contratto di mandato o di garanzia; le parti ricorrono a un patto fiduciario, avente natura soltanto obbligatoria e non reale, mediante il quale limitano gli effetti del contratto di compravendita formalmente concluso, imponendo al fiduciario di trasferire il bene una volta cessata la esigenza. 15 di 15

16 10 L affidamento contrattuale Tale argomento si riconnette a quello più generale della natura stessa del negozio giuridico e va inquadrato storicamente : si tratta di stabilire se debba prevalere la volontà interna o quella esterna dell autore del negozio, ossia quella reale o quella dichiarata. La risposta al quesito prelude la configurazione che si voglia dare, in termini soggettivi o oggettivi, del negozio giuridico, cioè se esso vada inteso come manifestazione di volontà, con conseguente sistematica prevalenza della volontà interna, o come autoregolamento impegnativo, con conseguente sistematica prevalenza questa volta della volontà esterna, cioè dichiarata. All epoca di vigenza del codice del 1865 la giurisprudenza ha optato per la visione soggettiva del negozio giuridico, però temperando gli effetti pregiudizievoli per il destinatario della dichiarazione attraverso la teoria dell autoresponsabilità : chi emette una dichiarazione ne sopporta le conseguenze, anche quando, per sua colpa, essa non corrisponda all intimo volere del dichiarante. Ben presto ci si è resi conto, infatti, che la questione non andava posta in termini di astratta tutela della volontà interna o esterna, ma di concreta tutela degli interessi del dichiarante ovvero del destinatario della dichiarazione. La soluzione non poteva essere escogitata in maniera univoca, ma occorreva contemperare gli interessi contrapposti. Di qui la scelta compromissoria del legislatore che richiede la riconoscibilità dell errore affinchè questo possa valere come vizio del volere, nonché il grave pregiudizio e la mala fede perché l incapacità naturale possa comportare l annullabilità dell atto compiuto in tali condizioni 9. 9 La problematica in esame è ben esposta da F.SANTORO-PASSARELLI, Dottrine generali del Diritto Civile, Napoli, 1986, p. 145 ss.. 16 di 16

17 11 Il principio di irrilevanza dei motivi Si è già evidenziato che mentre la causa è un elemento rilevante del contratto, a tal punto che la sua mancanza o illiceità ne determina la nullità, i motivi, in quanto rappresentazioni soggettive del contraente, sono destinati ad essere irrilevanti. Fa eccezione l ipotesi in cui le parti si sono determinate a concludere il contratto per un motivo illecito comune ad entrambe. Il motivo illecito è quello contrario alle norme imperative, all ordine pubblico o al buon costume. Il principio di irrilevanza dei motivi va meglio approfondito. Per esso si intende il principio in base al quale soltanto ciò che ha trovato espressione nel contenuto del contratto ( e nelle singole clausole di esso ) può ottenere riconoscimento giuridico, sia in senso positivo che negativo. Esigenze connesse alla sicurezza degli scambi, alla difesa dell autonomia della volontà, alla diffidenza verso il potere dei giudici, hanno indotto ad esasperare la contrapposizione tra causa e motivi e ad assegnare soltanto alla causa, oggettiva ed astratta, la funzione di circoscrivere l ambito degli interessi rilevanti la cui mancata realizzazione può essere fatta valere dal soggetto. L insufficienza è nel ritenere che detti interessi si possono risolvere nella causa, oggettiva e astratta, del contratto. Ad esempio, accertato che la causa del contratto è lo scambio di cosa contro prezzo, interessi diversi dalla consegna del bene e dal pagamento del prezzo non potrebbero essere tutelati perché non si tratterebbe di interessi rilevanti. I motivi hanno, quindi, la funzione di rendere possibile individuare quale sia in concreto la funzione economico individuale di quel tipo di contratto 10. Ma rimane assolutamente importante capire in cosa consista la differenza tra la causa e i motivi, proprio perché la causa è elemento essenziale del negozio, per cui, se risulta mancante o viziata, ciò avrà conseguenze sulla validità o l efficacia del negozio stesso; il motivo invece è giuridicamente irrilevante, per cui se esso rimane inattuato non vi sarà alcuna conseguenza sul negozio concluso. 10 Ad esempio, il mutuo concesso dalla casa da gioco al giocatore per consentirgli di continuare a giocare. avrà causa illecita come conseguenza della illiceità del motivo, mentre non sarebbe illecito se tale mutuo venisse concesso da un terzo allo stesso giocatore anche nella conoscenza che la somma sarebbe servita per giocare. 17 di 17

18 Si può dire che il motivo attiene al foro interno dei contraenti, nel senso che rappresenta gli obbiettivi ulteriori che le parti intendono realizzare con il contratto, ma che non sono stati esplicitati in alcuna clausola contrattuale. La possibilità di individuare la differenza tra causa e motivo discende anche dalla nozione che di causa viene accolta, per cui la distinzione diviene ancora più difficile ove si opti per la tesi della causa in concreto : se la causa è la funzione economico individuale del contratto ben potrebbero, in teoria, refluire in essa i motivi personali delle parti. Si è detto che tuttora appare sfuggente la differenza ontologica tra le due figure, tanto che le definizioni dottrinali sul motivo e sulla sua rilevanza ai fini della patologia del negozio sono alquanto variegate. Alcuni, ad esempio, distinguono tra motivo impulsivo e motivo finale ovvero tra motivo giuridicamente irrilevante e interesse rilevante, quest ultimo che, rappresentando un interesse obbiettivo nella sfera economica del contraente, colora il profilo causale del contratto. Ecco perché la dottrina preferisce rimanere ancorata ad un criterio empirico che fa leva sulla caratteristica peculiare del motivo, quella di non essere esplicitata in alcuna clausola contrattuale : se le parti vogliono rendere rilevanti i motivi devono esplicitarli in quella clausola che è deputata propria a tale fine, la clausola condizionale. E questo il criterio della esteriorizzazione : è rilevante ai fini della patologia del contratto tutto ciò che sia stato esteriorizzato in clausole contrattuali, anche considerato che la clausola per eccellenza utilizzata dal contraente per consentire ai suoi personali motivi di fare ingresso nel tessuto contrattuale è la condizione, quale classica figura di elemento accidentale del negozio. Ma è possibile che tutto ciò che non sia stato trasfuso in clausole contrattuali sia destituito di ogni rilevanza, così impedendo l esercizio di azioni di annullamento nel caso di loro mancata attuazione? Viene in evidenza l articolo 1345 c.c. ove è statuito che il motivo illecito rende illecito l intero contratto quando sia comune ad entrambe le parti e sia determinante del consenso. Ma qui si tratta di stabilire se non l illiceità del motivo, ma la sua mancata attuazione possa riflettersi sulla validità del contratto concluso. In taluni casi è già la legge che ricollega al venir meno di una circostanza un determinato effetto, come nel caso della sopravvenienza dei figli nel testamento o nella donazione. 18 di 18

19 Ma quando ciò non sia la giurisprudenza 11 ormai è dell avviso che il venire meno di una circostanza rilevante nell assetto di interessi contrattuali, non condizionata dalla volontà di uno dei contraenti e nota anche alla controparte, possa influire sulla validità o sull efficacia del contratto concluso (cd. presupposizione). Naturalmente quando le parti scelgono di concludere un contratto tipico del quale ricorrono astrattamente tutti gli elementi ( ad esempio cosa e prezzo nella compravendita ), il difetto di causa potrà riguardare non l astratta operazione che le parti hanno scelto, ma la presenza di qualche elemento che impedisca al contratto di svolgere la funzione propria. Ad esempio, la compravendita di una cosa già propria o di un contratto di assicurazione in cui manchi l elemento del rischio. Quando invece le parti danno vita ad un contratto atipico, non essendovi alcun parametro al quale poter commisurare la presenza della causa, occorre verificare se l interesse perseguito dalle parti con quel singolo contratto sia o meno meritevole di tutela. In ordine alla distinzione tra causa e tipo di contratto occorre precisare che accertare se un contratto abbia una causa meritevole di tutela racchiude un problema di interpretazione dell accordo delle parti, mentre verificare quale tipo di contratto in concreto ricorra coinvolge un problema di qualificazione dell accordo. Non si può dire cosa debba avvenire prima o dopo, se l interpretazione o la qualificazione; a volte per accertare se sussista una causa, è necessario prima procedere alla qualificazione del contratto. 11 Vi sono appunto dei casi in cui i motivi delle parti, seppure non esteriorizzate nella condizione riescono ad incidere sulla validità o efficacia del negozio concluso : si tratta della cosiddetta presupposizione che secondo la giurisprudenza consiste in circostanze rilevanti nell assetto degli interessi contrattuali che siano note anche alla controparte. Al riguardo valgono anche le esperienze della dottrina tedesca che ha enucleato la nozione di base negoziale soggettiva quale comune rappresentazione delle parti nella fase preliminare al contratto, così distinguendola dalla base negoziale cosiddetta oggettiva, che è costituita dalle circostanze che le parti presuppongono affinchè il contratto concluso abbia ragion d essere. 19 di 19

20 12 Il negozio astratto: nozione I negozi o contratti astratti sono quelli in cui la presenza della causa sarebbe irrilevante. Sicuramente con tale espressione non si può intendere che il negozio sia privo della causa, che non solo è espressamente previsto come requisito essenziale del contratto ma, rappresentando esso la funzione dell atto posto in essere, appare come elemento per sua natura indefettibile. Evidentemente il concetto di astrazione si ricollega non alla esistenza del negozio, bensì alla sua patologia : si tratta cioè di stabilire se i vizi della causa possano influire sulla validità e sulla efficacia del negozio. C è allora da chiedersi se il nostro ordinamento abbia accolto il principio causalista, che vuole ogni attribuzione patrimoniale sorretta da una causa, ovvero quello della astrazione causale fatto proprio dall ordinamento tedesco, ove non vige il principio del consenso traslativo, ma si vuole che il negozio, con il quale le parti si obbligano a trasferire la proprietà di un bene, non sia di per sé idoneo a produrre tale effetto, in quanto il contratto obbligatorio deve essere doppiato da un successivo contratto reale che attui la dazione del bene. Ciò significa che non solo la espressione del consenso non produce alcun effetto traslativo, ma il contratto reale che produce il medesimo effetto è astratto rispetto a quello obbligatorio che lo precorre. Ebbene la natura astratta di tale negozio si evidenzia proprio nelle ipotesi in cui il contratto obbligatorio venga meno senza che ciò possa inficiare l effetto traslativo ormai prodotto dal contratto reale. Nell ordinamento italiano quindi vige il principio causalista, per cui ove la causa di un negozio risulti viziato o assente il negozio non potrà più produrre l effetto al quale esso è preordinato, così come è statuito dal combinato disposto degli articoli c.c.. Dobbiamo allora concludere, in base a queste prime annotazioni, che del negozio astratto nel nostro ordinamento non può parlarsi. Eppure in dottrina si è messo in evidenza che la causa non ha lo stesso peso in tutti i negozi, essendo esso maggiore, ad esempio, nei trasferimenti immobiliari, ove, essendo la forma scritta obbligatoria, la causa deve essere addirittura dichiarata. Ma soprattutto si è sottolineata la facoltà delle parti di aggirare il principio causalista attraverso gli strumenti della confessione, della simulazione o del negozio di accertamento. 20 di 20

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Come è definito il procedimento con cui il diritto viene ad esistenza? a) fonte di cognizione. b) fonte di produzione. c) fonte di obbligazione.

Come è definito il procedimento con cui il diritto viene ad esistenza? a) fonte di cognizione. b) fonte di produzione. c) fonte di obbligazione. DIRITTO CIVILE Come è definito il procedimento con cui il diritto viene ad esistenza? a) fonte di cognizione. b) fonte di produzione. c) fonte di obbligazione. Come si definiscono le norme che regolano

Dettagli

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati Traduzione 1 Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati 0.111 Conclusa a Vienna il 23 maggio 1969 Approvata dall Assemblea federale il 15 dicembre 1989 2 Istrumento d adesione depositato dalla Svizzera

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA articoli 1470/1547 del codice civile

IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA articoli 1470/1547 del codice civile IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA articoli 1470/1547 del codice civile Dott. ENZO ROVERE NOZIONE caratteristiche ed oggetto La compravendita è il contratto con il quale una parte (detta venditore) trasferisce

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

Compravendita di opera d arte non autentica

Compravendita di opera d arte non autentica Compravendita di opera d arte non autentica Nicola Tacente Dottorando di ricerca in Dottrine generali del diritto nell Università di Foggia Sommario: 1. Introduzione. 2. Disciplina applicabile. 3. Stato

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente

La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente CONTRATTO / INADEMPIMENTO La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente Le azioni poste a tutela della parte adempiente nel caso di inadempimento della

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

LA REALIZZAZIONE DELLE OPERE PUBBLICHE COME ATTIVITÀ AMMINISTRATIVA

LA REALIZZAZIONE DELLE OPERE PUBBLICHE COME ATTIVITÀ AMMINISTRATIVA CAPITOLO 1 LA REALIZZAZIONE DELLE OPERE PUBBLICHE COME ATTIVITÀ AMMINISTRATIVA SOMMARIO: 1. L attività contrattuale della pubblica amministrazione. 2. Le opere e i lavori pubblici. 3. I sistemi di realizzazione

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Rent to buy, titolo esecutivo per il rilascio dell immobile ed effettività della tutela giurisdizionale

Rent to buy, titolo esecutivo per il rilascio dell immobile ed effettività della tutela giurisdizionale Studio n. 283-2015/C Rent to buy, titolo esecutivo per il rilascio dell immobile ed effettività della tutela giurisdizionale Approvato dal Consiglio Nazionale del Notariato il 28 maggio 2015 Lo studio

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

Lezione III. Indice. 2 di 11

Lezione III. Indice. 2 di 11 INSEGNAMENTO DI DIRITTO COMMERCIALE I LEZIONE II IMPUTAZIONE DELL ATTIVITÀ D IMPRESA PROF. RENATO SANTAGATA Indice 1 principio generale della spendita del nome ----------------------------------------------------------

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C.

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C. L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 La responsabilità dell appaltatore per i vizi e le difformità dell opera: la verifica e il collaudo Avv. Alessandro SCIOLLA LA

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) 1. I princìpi e i contenuti del presente codice costituiscono specificazioni esemplificative

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

La rinunzia alla proprietà e ai diritti reali di godimento

La rinunzia alla proprietà e ai diritti reali di godimento Studio n. 216-2014/C La rinunzia alla proprietà e ai diritti reali di godimento Approvato dall Area Scientifica Studi Civilistici il 21 marzo 2014 Lo studio in sintesi (Abstract): Il presente studio si

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 CONVALIDA DELLE DIMISSIONI E SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 La Legge n. 92/2012 si occupa sia della questione delle dimissioni della lavoratrice madre (ovvero

Dettagli

STUDIO DE POLI - VENEZIA

STUDIO DE POLI - VENEZIA IL TRUST: COS È, IN BREVE di Ilaria Della Vedova Avvocato dello Studio De Poli Venezia Membro dell organismo Professionisti Accreditati in materia di Trust 1) Che cos è il trust? È un istituto di origine

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo La modulistica nella

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

SOTTOTETTO E QUOTE MILLESIMALI

SOTTOTETTO E QUOTE MILLESIMALI TESINA di DONATA PAOLINI SOTTOTETTO E QUOTE MILLESIMALI 1) LA PROPRIETA DEL SOTTOTETTO NEI CONDOMINI Preme innanzitutto precisare che il sottotetto non rientra tra le parti comuni condominiali come elencate

Dettagli