La Politica dei Prestiti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Politica dei Prestiti"

Transcript

1 Corso di Laurea in Amministrazione e Controllo Anno accademico 2009/2010 Tecnica Bancaria La Politica dei Prestiti Gruppo 5 Cognome Nome Matricola Grasso Marialuisa 632/ Naceto Vincenzo 632/ Scavuzzo Alessio 632/001126

2 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 A cura di Alessio Scavuzzo POLITICA DEI PRESTITI... 3 VOLUME DEI PRESTITI... 4 FATTORI CHE INCIDONO SUL VOLUME PRESTITI... 4 A cura di Marialuisa Grasso COMPOSIZIONE DEI PRESTITI... 7 IL CONCETTO Dl RISCHIO NELL ATTIVITA BANCARIA... 8 IL PROBLEMA DEI FIDI IN UTILIZZATI...11 A cura di Vincenzo Naceto I MUTAMENTI NEL SISTEMA BANCARIO ALLA LUCE DEGLI ACCORDI DI BASILEA I NUOVI REQUISITI PATRIMONIALI PER L ESPOSIZIONE AL RISCHIO DI CREDITO VERSO LE PMI...15 EFFETTI DEL RATING NELLA REALTA INDUSTRIALE ITALIANA...16 Bibliografia

3 INTRODUZIONE Fin dalle origini del sistema bancario, il prestito ha costituito la principale forma di impiego per le banche. Si tratta dell attività che ha permesso lo sviluppo del sistema bancario e allo stesso tempo di realizzare le attuali economie avanzate, in quanto mezzo attraverso cui è stato possibile conciliare domanda e offerta di capitale nei mercati nazionali e internazionali. Senza l attività di prestito realizzata dalle banche, infatti, l incontro tra domanda e offerta di capitali potrebbe realizzarsi solo nei mercati ristretti (locali), ossia quei mercati in cui il risparmiatore conosce perfettamente l imprenditore e quindi il rischio a cui è soggetto il proprio capitale. Nei mercati allargati(nazionali ed internazionali) l incontro tra domanda e offerta di capitali avviene necessariamente mediante l attività di prestito bancaria poiché il risparmiatore non conosce l impresa che necessita di capitali. Il prestito bancario ha quindi permesso, insieme ad altri fattori, il passaggio dalle economie rurali alle moderne economie avanzate. POLITICA DEI PRESTITI Per politica dei prestiti s intende il complesso di scelte relative al volume e composizione qualitativa del portafoglio prestiti e ai criteri in base ai quali si realizza la selezione dei crediti ad essi connessi. Obiettivo della politica dei prestiti è la massimizzazione del profitto con minore rischio economico e finanziario possibile. Infatti tale politica ha lo scopo di determinare il volume di impieghi in prestiti che permetta alla banca di avere un grado di liquidità tale da permettergli di potere soddisfare eventuali richieste di capitale da parte dei depositanti, e allo stesso tempo, individuare le regioni geografiche, i settori e le imprese che a parità di prestiti permettono di massimizzare i profitti e di non avere perdite per insolvenza. Una sana politica dei prestiti si pone come garanzia della tutela del risparmiatore e quindi del funzionamento del sistema produttivo ed economico. L attuazione di una politica dei prestiti che mira soltanto alla massimizzazione del profitto, ossia ad aumentare i prestiti a discapito della liquidità e senza fare una selezione delle imprese affidate, porta in crisi il sistema bancario. La crisi del sistema bancario si trasmette in tutto il sistema economico, poiché le imprese a causa di essa non posso ottenere prestiti necessari alla propria attività, pertanto sono costretti a diminuire il livello di produzione con conseguenti licenziamenti del personale, che in tal modo, non può più realizzare risparmi da destinare a depositi. L attuale crisi economica, quindi, è frutto anche di una malsana politica dei prestiti. 3

4 VOLUME DEI PRESTITI Per volume dei prestiti s intende l ammontare assoluto e relativo dei mezzi finanziari disponibili da impiegare in prestiti. Le decisioni relative al volume di prestiti da realizzare dipendono da alcuni fattori che possono essere raggruppati in due distinte categorie: Fattori esterni (attinenti all ambiente esterno alla banca) Fattori interni (attinenti alla gestione interna della banca) FATTORI CHE INCIDONO SUL VOLUME PRESTITI Fattori esterni I fattori esterni che incidono sul volume dei prestiti sono: Andamento generale dell economia Processo di formazione e distribuzione del PIL Grado di sviluppo economico della regione geografica in cui opera la banca Fabbisogno finanziario delle imprese Fabbisogno finanziario della pubblica amministrazione Fabbisogno finanziario delle famiglie Politica monetarie attuata dalla banca centrale L andamento generale dell economia incide sul volume dei prestiti poiché vi è una stretta correlazione tra possibilità di risparmio delle famiglie, fabbisogno finanziario delle imprese e prestiti. Se l andamento generale dell economia è positivo, le famiglie potranno destinare una parte dei loro risparmi a depositi, mentre le imprese aumenteranno la produzione e quindi il loro fabbisogno finanziario. Pertanto in presenza di una congiuntura economica favorevole vi è un elevata offerta e domanda di capitali che permette alle 4

5 banche di realizzare elevati impieghi in prestiti. Se la l andamento generale dell economia è negativo, le famiglie non possono destinare o destinano meno reddito ai risparmi, le imprese diminuiscono la produzione e quindi il loro fabbisogno finanziario, e di conseguenze le banche realizzano bassi impieghi in prestiti. Il processo di formazione e distribuzione del PIL incide sul volume dei prestiti poiché da esso dipendono le decisioni di spese corrente e di investimento delle imprese, famiglie e amministrazioni pubbliche. Da tali decisioni, infatti, dipendono il fabbisogno finanziario delle imprese e i risparmi delle famiglie che, come abbiamo visto in precedenza,incidono sul volume dei prestiti. Anche il grado di sviluppo economico della regione geografica in cui opera la banca incide sul volume dei prestiti. Infatti nelle regioni meno sviluppate economicamente il fabbisogno finanziario delle imprese è relativamente basso, quindi, il volume dei prestiti sarà relativamente basso. In tali regione le banche hanno una disponibilità di depositi tale da potere soddisfare un fabbisogno di capitali superiore a quello delle imprese del posto. Nelle regioni più sviluppate economicamente, il fabbisogno finanziario delle imprese è molto elevato, quindi, il volume dei prestiti sarà molto elevato. In tali regioni le banche hanno un ammontare di depositi inferiore al fabbisogno finanziario delle imprese. Pertanto per potere soddisfare il fabbisogno locale, le banche ricorrono alle risorse finanziare eccedenti raccolte nelle regioni meno sviluppate grazie a sportelli bancari diffusi in tutto il territorio. Tale meccanismo permette di potere equilibrare domanda e offerta di capitali sull intero territorio in cui opera la banca. In Italia ad esempio le banche realizzano volumi di prestiti relativamente bassi al Sud ed elevati al Nord, dove riescono a soddisfare il fabbisogno finanziario delle imprese con la raccolta di capitale realizzata al Sud. Il fabbisogno finanziario delle imprese incide sul volume dei prestiti in quanto da esso dipende la domanda di capitali alle banche. Il fabbisogno finanziario delle imprese e quindi il volume degli investimenti dipende dalla: 1. Forma giuridica e dimensione dell Impresa: il fabbisogno finanziario è tanto maggiore quando maggiori sono le dimensioni dell impresa 2. Tipo di attività esercitata: l entità del fabbisogno è correlata alla durata del ciclo tecnico, economico e finanziario (tempo per ottenere i prodotti, per avere ritorni sul capitale investito e dilazioni al cliente). Tanto maggiore è la durata del ciclo economico, finanziario e tecnico maggiore è il fabbisogno finanziario dell impresa 5

6 3. Elementi extra economici: il fabbisogno finanziario è correlato alla propensione al rischio da parte dell impresa. Maggiore è la propensione al rischio da parte dell impresa, maggiore è il suo fabbisogno finanziario. Il fabbisogno finanziario delle amministrazioni pubbliche incide sul volume degli investimenti poiché tale fabbisogno viene soddisfatto mediante l emissioni di titoli del debito pubblico che vengono acquisiti anche dalle banche. Il fabbisogno finanziario delle famiglie incide sul volume dei prestiti poiché da esso dipende la domanda di capitali delle famiglie e quindi i prestiti erogati. Il fabbisogno finanziario delle famiglie dipende dalla loro propensione ad acquisire attività reali, come ad esempio gli immobili, che a sua volta dipende dall andamento dell economia. Quando l andamento dell economia è positivo, le famiglie hanno un elevata propensione ad acquisire immobili, pertanto il loro fabbisogno finanziario è molto elevato e le banche accrescono il volume dei prestiti. Quando l andamento dell economia è negativo, le famiglie non hanno un elevata propensione ad acquisire immobili, pertanto il loro fabbisogno finanziario è basso e le banche diminuiscono il volume dei prestiti. Il volume dei prestiti dipende anche dalla politica monetaria attuata dalla banca centrale. Infatti, quando la banca centrale attua una politica espansiva, le banche aumentano il volume dei prestiti poichè diminuisce la percentuale di depositi che devono porre presso la banca centrale a titolo di riserve obbligatorie di liquidità. Al contrario, quando la banca attua una politica monetaria restrittiva, le banche riducono il volume dei prestiti poiché aumenta la percentuale di depositi che devono porre presso la banca centrale a titolo di riserve obbligatorie di liquidità. Fattori interni I principali fattori interni che incidono sul volume dei prestiti sono: Obiettivi perseguiti dalla banca Caratteristiche qualitative e quantitative dei mezzi amministrati Caratteristiche strutturali e organizzative dell attività bancaria Gli obiettivi perseguiti dalla banca possono essere di tre tipologie, ognuna delle quali incide in diverso modo sul volume dei prestiti: 6

7 1. Massimo profitto in condizioni di neutralità al rischio: in tal caso le riserve di liquidità sono portate ai livelli minimi, il volume dei prestiti è massimo ed è soddisfatta integralmente la domanda di credito. 2. Massimo profitto in condizioni di avversione al rischio: in tal caso la banca realizza un volume di prestiti tale da avere un livello di liquidità che possa permettergli di soddisfare eventuali richieste di capitale da parte dei depositanti. Quando si persegue tale obiettivo il volume dei prestiti erogato è inferiore a quello erogato quando l obiettivo è il massimo profitto in condizioni di neutralità al rischio. 3. Massimo profitto attribuendo importanza ai rapporti con la clientela: in tal caso la banca realizza principalmente impieghi in prestiti,e poco in titoli, poiché i prestiti permettono di potere creare e mantenere rapporti con la clientela. Le caratteristiche qualitative e quantitative dei mezzi amministrati (depositi e mezzi patrimoniali) incidono sul volume dei prestiti. La quantità dei depositi incide sul volume dei prestiti poiché il volume dei prestiti varia al variare della quantità di depositi. Le caratteristiche qualitative dei depositi quali scadenze e ammontare medio per cliente incidono sul volume dei prestiti perché da essi dipende la quantità di depositi che, tra prelievi e versamenti, rimane in banca, cioè la quantità di depositi che viene impiegata in prestiti. Le caratteristiche strutturali e organizzative dell attività bancaria incidono sul volume dei prestiti. Infatti una struttura organizzativa articolata in tutto il territorio permette impieghi in prestiti più elevati rispetto ad una struttura incentrata in poche zone, poiché permette di raccogliere depositi nelle zone meno sviluppate e di impiegarli nelle zone più sviluppate economicamente. COMPOSIZIONE DEI PRESTITI Una volta determinato il volume ottimo di prestiti che si intende concedere alla clientela, si passa alla determinazione della composizione qualitativa del portafoglio prestiti. Per composizione qualitativa dei prestiti s intendono le imprese a cui concedere prestiti e le condizioni tecniche e giuridiche che li caratterizzano. 7

8 In genere il portafoglio investimenti viene composto in modo tale da minimizzare il rischio economico e finanziario connesso al prestito. Per minimizzare tali rischi le banche ripartiscono il volume dei prestiti stabilito, tra più aree geografiche, settori e imprese. La diversificazione settoriale e territoriale dei prestiti viene realizzata poiché gli andamenti economici di un determinato settore o regione geografica si ripercuotono sulle imprese di quel settore o di quella regione. Pertanto se la banca eroga prestiti alle imprese di un solo settore o regione e si verifica una crisi del settore o della regione, la banca incorrerà a enormi perdite su crediti e/o ritardi nell incasso del capitale dato in prestito. La diversificazione geografica e settoriale permette, quindi, di evitare che la crisi di un settore o di una regione geografica generi una crisi nel sistema bancario, poiché quando viene realizzata, la banca eroga prestiti a imprese di settori o regioni diverse che non hanno alcun collegamento economico-commerciale. I rischi economici e finanziari connessi a prestiti possono ulteriormente essere ridotti mediante la ripartizione dei fidi, associata con tecniche di frazionamento dei rischi. Queste ultime consistono nella fissazione di limiti all importo da concedere alle singole aziende affidate. Il frazionamento dei fidi comporta, quindi, a parità di volume di prestiti, un aumento del numero delle imprese affidate. Le condizioni tecniche e giuridiche che caratterizzano i prestiti vengono stabilite in modo da ridurre ulteriormente il rischio finanziario ed economico connessi ai prestiti. Tali condizioni riguardano i diritti e doveri delle parti, le garanzie reali e personali, le modalità di utilizzo del credito, le scadenze, il tasso d interesse e gli oneri accessori. IL CONCETTO Dl RISCHIO NELL ATTIVITA BANCARIA Prima di affrontare il concetto di rischio è utile fare una breve premessa sulle condizioni essenziali per lo svolgimento di una sana e prudente attività d impresa bancaria. La gestione della banca deve essere sempre rivolta al conseguimento dei seguenti obiettivi: Operare in condizioni di liquidità: concerne l èquilibrio finanziario della banca e discende dal fatto che la banca opera prevalentemente con fondi ricevuti in deposito dai risparmiatori e quindi deve sempre essere in grado di fronteggiare regolarmente e con tempestività le richieste di rimborso e gli altri pagamenti; 8

9 Mantenersi in stato di solvibilità: tale aspetto riguarda l equilibrio patrimoniale e consiste nel fare in modo che il valore delle attività sia sempre superiore a quello delle passività, garantendo in tal modo la capacità di assolvere le obbligazioni assunte in caso di liquidazione; Conseguire un reddito soddisfacente: tale obiettivo riguarda l equilibrio economico della banca; infatti il risultato economico conseguito deve essere positivo per poter remunerare il capitale e potenziare l attività attraverso l autofinanziamento. Con il termine rischio di credito ci si riferisce alla condizione in cui l ipotesi che una variazione inattesa del merito creditizio di una controparte, nei confronti della quale esiste una esposizione (anche solo potenziale), possa provocare una variazione non prevedibile del valore di mercato della posizione creditizia. La definizione chiarisce immediatamente che per rischio di credito non si intende solo la possibilità di insolvenza della controparte, ma ad esso si fa riferimento anche nel caso di deterioramento del merito creditizio. A titolo esemplificativo si consideri un prestito a tasso fisso: è evidente che, in presenza di sopraggiunte difficoltà economiche-finanziarie del debitore o del contesto operativo in cui si trova ad agire, il valore di mercato del credito (ammesso che esista) subisce una diminuzione. Una seconda caratteristica da rilevare nella definizione inizialmente esposta è che il rischio creditizio nasce qualora l origine causale è non prevedibile. Infatti, se una banca si trovasse nella situazione di dover affidare una controparte con scarse prospettive reddituali future, suddetta previsione sarà tenuta in considerazione nel momento della determinazione del tasso attivo, qualora il prestito fosse concesso. Se quanto previsto si manifestasse, l istituto non dovrebbe soffrire alcun rischio in quanto le previsioni di eventuali perdite verrebbero caricate a livello di pricing. Tale incertezza è dovuta al fattore tempo ossia all intervallo che intercorre tra il momento in cui viene effettuata la prestazione (concessione del prestito), e quello in cui avviene la controprestazione (rimborso del prestito). In questo lasso di tempo infatti le condizioni di affidabilità del cliente che stavano alla base della concessione potrebbero deteriorare impedendone la regolare conclusione. 9

10 RISCHI DERIVANTI DALL INTERMEDIAZIONE CREDITIZIA FINANZIARI ECONOMICI IMMOBILIZZO ANELASTICITA FINANZIARIA INSOLVENZA ANELASTICITA ECONOMICA Come si può osservare dallo schema riportato sopra i rischi derivanti dalla intermediazione creditizia si suddividono in due macro-categorie:rischi finanziari e rischi economici. I rischi finanziari sono quelli che gravano sull andamento delle entrate e delle uscite, si tratta principalmente di rischi di immobilizzo dovuti al mancato rispetto delle scadenze da parte dei clienti e rischi di anelasticità finanziaria dovuti all impossibilità di smobilizzare operazioni prima della scadenza (si pensi, ad esempio, all impossibilità sopravvenuta di riscontare effetti già scontati ai propri clienti). I rischi economici, invece, gravano sulla redditività della banca; si tratta di rischi di insolvenza legati ad inadempienze da parte dei clienti ai quali la banca ha accordato dei finanziamenti o, ancora, di rischi di anelasticità economica che si verificano quando variano le condizioni di mercato senza che la banca possa variare le condizioni pattuite (ad esempio in caso di rialzo dei tassi dopo che la banca ha scontato delle cambiali). Nel campo degli investimenti ha assunto notevole rilievo una categoria di rischi legata al mercato dei capitali che può riguardare i tassi di interesse, le oscillazioni della quotazione dei titoli o delle valute estere, ecc. I suddetti rischi economici e finanziari possono essere fronteggiati dalle banche in vari modi: operando con imprese che appartengono a diversi rami produttivi, infatti è ragionevole pensare che le imprese operanti in un determinato settore risentano allo stesso modo, seppur con intensità diversa, degli effetti derivanti dall andamento del settore o del ciclo congiunturale dell economia, quindi la 10

11 concentrazione degli impieghi in un unico settore produttivo comporterebbe per le banche l assunzione del massimo rischio sia dal punto di vista economico che finanziario. Sotto il profilo reddituale infatti eventuali crisi del settore si trasmetterebbero all equilibrio reddituale della banca, mentre sotto il profilo finanziario potrebbe verificarsi che le dinamiche di utilizzo degli affidamenti siano asimmetriche rispetto ai flussi di raccolta, con la grave conseguenza che la banca sarebbe soggetta all alternarsi di periodi con eccesso di liquidità, e periodi in cui questa manchi del tutto; estendendo l attività su un territorio più vasto possibile con un numero elevato di sportelli in modo da contemperare alle varie situazioni congiunturali di carattere locale; contenendo i fidi da realizzarsi concedendo prestiti di importo limitato (ovviamente in misura inferiore alla capacità di reddito ed alla consistenza patrimoniale dell affidato) ad un ampio numero di soggetti operando così una opportuna politica di frazionamento dei rischi. ampliando la composizione del portafoglio prestiti offrendo al cliente varie modalità di utilizzo dei fidi accordati. Quanto al contenimento dei fidi c è da dire che, la banca per attuare una opportuna politica di contenimento dei rischi debba vigilare sul modo in cui questi vengono utilizzati (v. Il problema dei fidi inutilizzati). IL PROBLEMA DEI FIDI IN UTILIZZATI Le caratteristiche di elasticità, proprie delle aperture di credito in c/c e di altre analoghe forme di fido, per cui il cliente può utilizzare in modo variabile il credito ottenuto e pagare gli interessi in via posticipata sulle somme effettivamente utilizzate, possono portare a concessioni creditizie assai superiori rispetto alle effettive esigenze della clientela, con la conseguenza- per la banca - di una redditività insoddisfacente. 11

12 Infatti, la necessità di mantenere dei margini di liquidità, che le consentano di soddisfare eventuali improvvisi utilizzi di fidi in precedenza accordati, porta la banca a non impiegare o comunque a impiegare in modo meno redditizio una parte dei fondi raccolti. Il divario tra i fidi concessi e i fidi utilizzati ha almeno un duplice ordine di cause: da un lato, la tendenza della clientela ad assicurarsi elevati volumi di credito onde cautelarsi contro l incertezza delle previsioni del fabbisogno finanziario; dall altro, la vivace concorrenza tra le banche, le quali - per acquisire nuova clientela - spesso offrono credito con eccessiva generosità. Da un inchiesta promossa dall ABI, è risultato che i fidi concessi sono mediamente utilizzati in misura inferiore al 50%, il che è come dire che il cliente ottiene 1 euro di fido, ma ne utilizza meno di 50 centesimi, mentre per il resto si costituisce un serbatoio di liquidità per il quale non sostiene alcun costo. La banca, invece, percepisce un compenso su circa 50 centesimi, ma deve praticamente tenerne a disposizione altri 50 senza che le sia dovuto alcun compenso aggiuntivo. Il problema dei margini di fido inutilizzati, già sollevato in precedenza dalla Banca d Italia sulla base dei dati rilevati dalla Centrale dei rischi, è stato posto anche dall ABI, che con una circolare ha richiesto alle banche aderenti di segnalare mensilmente l entità del divario fra fidi concessi e fidi utilizzati, in modo da costituire un osservatorio permanente che consenta di cogliere con precisione il suddetto fenomeno. Inoltre, per ridurre tale divario, l ABI raccomanda alle banche associate: di accordare fidi solo su richiesta dei clienti (e non come forma promozionale ); di considerare la possibilità di introdurre delle commissioni di impegno, rapportate all entità del fido, indipendentemente dall utilizzo; di operare frequenti revisioni dei fidi concessi, provvedendo a ridimensionare o a revocare quelli scarsamente utilizzati. 12

13 I MUTAMENTI NEL SISTEMA BANCARIO ALLA LUCE DEGLI ACCORDI DI BASILEA 2 Uno degli scopi del Nuovo Accordo di Basilea 2 è legare più strettamente il capitale delle banche alla rischiosità dei finanziamenti attraverso l uso di rating interni ed esterni. Esso offre una maggiore flessibilità nella misurazione del rischio di credito rispetto ai criteri più meccanicistici previsti nell originario Accordo del Questa data segna l inizio della rinnovata sfida di definire regole comuni internazionali per la competizione bancaria, con I obiettivo di conciliare l efficienza con la sana e prudente gestione. Uno dei principi dell Accordo di Basilea si basava sulla corretta assunzione del rischio, che andava perseguita non limitando l autonomia di scelta delle banche nel definire prezzi e quantità dei servizi, bensì fissando caratteri oggettivi della fisionomia degli intermediari stessi basati sulla loro dotazione minima di capitale. Le nuove disposizioni hanno lo scopo di modificare in maniera significativa l approccio delle banche nella gestione del rischio creditizio con indiscutibili ricadute sulla misura del loro capitale regolamentare, nonché sull intero sistema economico formato prevalentemente da PMI. L adozione di procedure impersonali e standardizzate va quindi a discriminare quelle imprese che non offrono condizioni adeguate di trasparenza e che non dimostrano di saper mettere le banche nelle condizioni di conoscerle effettivamente. Prima che entrasse in vigore Basilea 2 vi è stato un lungo dibattito che poneva l attenzione sul possibile impatto negativo che avrebbe potuto investire le PMI a seguito della sua applicazione. Si temeva in particolare che l applicazione del Nuovo Accordo sul capitale avrebbe implicato particolari penalizzazioni, sotto forma di una minore disponibilità di credito, di un aumento dei tassi di interesse praticati o di entrambe le cose nei confronti delle PMI. In realtà, seppur anche le piccole imprese siano sottoposte a valutazione per l assegnazione dei rating, Basilea 2 tiene conto delle diversità tra queste e le grandi imprese e tra piccoli e grandi prestiti. Nella fattispecie, le imprese minori che richiedono prestiti inferiori a un milione di euro rientrano nel segmento retail che gode di condizioni migliori sia rispetto al segmento corporate, sia rispetto al segmento SME corporate in cui rientrano le PMI con prestiti di entità maggiore. La valutazione del prenditore tiene conto di tre categorie di informazioni: quantitative; 13

14 qualitative; andamentali. Le informazioni quantitative sono informazioni di carattere economico-finanziario reperibili nei bilanci e negli altri documenti contabili delle imprese. Le informazioni reperibili nel bilancio avranno un peso determinante nella valutazione dell impresa. Le banche dovranno comunque tener conto anche degli aspetti qualitativi e andamentali. Gli aspetti qualitativi più importanti sono sicuramente l esistenza di un processo di controllo di gestione, la presenza di una pianificazione pluriennale dell operatività, la struttura dell organizzazione aziendale ed il tipo di governance (amministratore unico, gestione familiare, consiglio di amministrazione, etc.). Molto importanti sono anche i risultati ottenuti dall azienda rispetto alle previsioni e all andamento del settore di appartenenza. Per aspetti andamentali si intendono i rapporti che il cliente ha avuto in precedenza con le banche. In questo caso, la valutazione si baserà su due fonti di informazione: dati desumibili dalla Centrale dei Rischi; rapporti precedenti con le banche di riferimento. I dati della Centrale dei Rischi contribuiranno a formulare il giudizio sul merito del credito delle imprese. Sulla base di questi dati, infatti, si può valutare l andamento dei prestiti delle imprese nel corso del tempo, l eventuale tendenza a sforare rispetto al credito concesso e i tempi di rientro. Si tratta di elementi che concorrono a valutare la rischiosità dell impresa e incidono quindi sul tasso di interesse imposto sui prestiti concessi all impresa. I rapporti precedenti con la banca, insieme ai dati forniti dalla Centrale dei Rischi, contribuiranno, quindi, a determinare il giudizio sul rating dell impresa. Eventuali problemi insorti in passato con la banca potrebbero influire negativamente sulla valutazione dell impresa. D altra parte, un opportuna strategia, eventualmente condivisa con la banca di riferimento, che consenta di correggere le precedenti criticità, potrà senz altro incidere sugli esiti dell analisi qualitativa e quindi influire positivamente sul giudizio complessivo dato dalla banca. 14

15 I NUOVI REQUISITI PATRIMONIALI PER L ESPOSIZIONE AL RISCHIO DI CREDITO VERSO LE PMI Tra i limiti del precedente sistema di adeguatezza patrimoniale vi era certamente il numero assai ridotto di ponderazioni del rischio basate sulla natura della controparte; prevedendo ad esempio la medesima ponderazione nei confronti di tutte le imprese, anziché una valutazione più puntuale in base al rating e alla dimensione del prenditore così come previsto da Basilea 2. In questo contesto le banche sono state indotte a privilegiare gli affidamenti più rischiosi e dunque più redditizi. Il Nuovo Accordo sul capitale tenta di sopperire l esigenza di risolvere l inadeguatezza testé segnalata, nonché, di adeguare il coefficiente patrimoniale all innovazione tecnologica, alla diversificazione dei prodotti e dei canali distributivi, ai progressi nelle tecniche di misurazione e controllo dei rischi ed alla maggiore complessità dei rischi che le banche sono chiamate a fronteggiare. Il documento prevede uno spettro più articolato di coefficienti di ponderazione, maggiormente idoneo a differenziare i diversi profili di solvibilità dei debitori. La differenziazione delle categorie di rischio può discendere dall applicazione di un approccio standardizzato (S.A.), basato sulle valutazioni del mercato creditizio espresse in forma di rating da organismi specializzati (rating esterni), oppure dall utilizzo di stime interne di valutazione della clientela realizzate dalle banche stesse (rating interni di base IRE). Determinato il coefficiente di ponderazione, questo va applicato all esposizione al fine di ottenere l attivo ponderato per il rischio (APR). Le banche che decidono di applicare l approccio standardizzato assegneranno alle imprese le ponderazioni a seconda della classe di rating attribuita secondo il seguente schema: VALUTAZIONE Da AAA a AA- Da A+ a A- Da BBB+ a BB- Inferiore a BB- Senza Rating COEFFICIENTI DI PONDERAZIONE 20% 50% 100% 150% 100% L approccio alternativo (IRE) rappresenta la vera novità del Nuovo Accordo sul capitale rispetto all accordo del 1988, ammettendo stime di rischio di credito sviluppate autonomamente dalle banche (rating interno) si introduce a livello di principio un elemento di flessibilità nella regolamentazione, volendo con ciò designare un modello di regolamentazione fondato su una logica cooperativistica tra vigilanti e vigilati. 15

16 La corretta individuazione dei fattori di rischio costituisce l elemento cruciale per la misurazione del requisito di capitale a fronte del rischio di credito. La definizione dell evento insolvenza necessaria per la determinazione dei fattori di rischio secondo l approccio IRE rappresenta il punto di partenza ed una delle principali innovazioni del Nuovo Accordo sul capitale. Tali innovazioni hanno contribuito a dare maggiore raffinatezza alle misurazioni, a tal punto che le ponderazioni riflettono a pieno il range della qualità dei crediti: viene infatti previsto il ricorso ad una funzione continua di ponderazioni, che per meglio tenere conto delle peculiarità delle PMI varia in funzione delle caratteristiche proprie di ciascuna di esse. EFFETTI DEL RATING NELLA REALTA INDUSTRIALE ITALIANA Questo nuovo sistema di valutazione dell impresa richiedente credito comporta però dei rischi significativi che bisogna tenere in considerazione in una realtà industriale come quella italiana. Il rischio fondamentale è quello di ridurre al minimo le relazioni personali e soggettive facendo riferimento unicamente a sistemi oggettivi e matematici. Questa spersonalizzazione del rapporto banca-impresa impone a quest ultima l adozione di contromisure che hanno sempre assunto carattere di opportunità ma che in Basilea 2 diventano una necessità: capitalizzare l impresa; trasparenza ed, affidabilità del bilancio. E assai frequente che le PMI italiane, al contrario delle consorelle americane, siano sotto capitalizzate (eccessivo peso del rapporto dei debiti finanziari sui mezzi propri) e hanno un altrettanto tendenza a sotto stimare i redditi d esercizio al fine di ridurne l imposizione fiscale, comportando inevitabilmente la sottostima del merito di credito. Nonostante il suo apparente rigorismo e le iniziali polemiche, i nuovi accordi non sono applicati indistintamente a tutto il mondo del credito, ma i metodi di calcolo più avanzati sono prevalentemente utilizzati dalle grandi banche attive anche sui mercati internazionali, mentre le banche di minori dimensioni possono ancora utilizzare un metodo di calcolo semplificato. 16

17 Bibliografia Roncaglia A. (2005). Lineamenti di economia politica. Ed. Laterza. Ruozi, R. (2006). Economia e gestione della banca. Ed. EGEA. Pescaglini, A.; Pescaglini R. (2007). Tecnica bancaria. Economia e gestione delle imprese bancarie. Ed. SIMONE. Cirillo A. (1998). Manuale di tecnica bancaria. Ed. CEDAM. 17

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza chiarezza e trasparenza State progettando un investimento? Oppure desiderate semplicemente conoscere quali possibilità vi

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Parte 2: Primo pilastro Requisiti patrimoniali minimi

Parte 2: Primo pilastro Requisiti patrimoniali minimi Parte 2: Primo pilastro Requisiti patrimoniali minimi I. Calcolo dei requisiti patrimoniali minimi 40. In questa Parte vengono esposte le modalità di calcolo dei requisiti patrimoniali minimi complessivi

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Il presente Documento Informativo (di seguito anche Documento ) rivolto ai Clienti o potenziali Clienti della Investire Immobiliare SGR S.p.A è redatto in conformità a quanto prescritto

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Analisi di Bilancio per indici

Analisi di Bilancio per indici Analisi di Bilancio per indici L analisi di bilancio è una attività complessa svolta con utilizzazione di tecniche prevalentemente quantitative di elaborazione dei dati, con cui si effettuano indagini

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Le agenzie di rating e la crisi finanziaria

Le agenzie di rating e la crisi finanziaria Facoltà di Economia Corso di Laurea in Mercati e intermediari finanziari Le agenzie di rating e la crisi finanziaria RELATORE Prof. Claudio Boido CANDIDATO Greta Di Fabio ANNO ACCADEMICO 2008/2009 Indice

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Documento di discussione Lo schema di regolamentazione: bilanciare sensibilità al rischio, semplicità e comparabilità Termine per la presentazione dei commenti:

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori Documentazione Informativa e Contrattuale Sommario INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA, SUI SERVIZI D INVESTIMENTO E SULLA SALVAGUARDIA

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO BANCA DEGLI ERNICI di Credito Cooperativo SCpA VIA ROMANA SELVA, SNC - 03039 - SORA (FR) Tel. : 07768520 - Fax: 0776852030 Email:info@bancadegliernici.it

Dettagli

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO)

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo Pilastro di Basileaa 2 SITUAZIONE AL 31/12/2 2014 PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) Il primo gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli