FOGLIO INFORMATIVO in vigore dal 01/04/2011 Prestito contro cessione del quinto dello stipendio/pensione e delegazione di pagamento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FOGLIO INFORMATIVO in vigore dal 01/04/2011 Prestito contro cessione del quinto dello stipendio/pensione e delegazione di pagamento"

Transcript

1 FOGLIO INFORMATIVO in vigore dal 01/04/2011 Prestito contro cessione del quinto dello stipendio/pensione e delegazione di pagamento Ai sensi della delibera C.I.C.R. del e successivo provvedimento di attuazione della Banca d Italia del INFORMAZIONI SUGLI INTERMEDIARI MANDANTI Intermediario che offre il prestito Intermediario incaricato dell offerta Agente/Mediatore FINANZIARIA FAMILIARE S.p.A. Sede Legale in Via Barberini, Roma Tel fax Cap. Soc ,00 i.v. Cod. Fisc., P.Iva e Reg. Imprese di Roma REA Iscritta nell elenco generale degli intermediari finanziari al n ABI Gruppo Starmond Holding S.r.l. Sede Legale in Viale Erminio Spalla, Roma Cod. Fisc. e P. IVA INFORMAZIONI SUGLI INTERMEDIARI MANDANTI CONSUMIT S.p.A. Sede Legale e Operativa: Via Vittorio Emanuele, Calenzano (FI) Tel.: Iscrizione Registro delle Imprese n 14359/1998 R.E.A. n Gruppo Bancario Monte dei Paschi di Siena Cod. Gruppo Cod. Fisc. e P. IVA Aderente ASSOFIN DESCRIZIONE SINTETICA DEI PRODOTTI Cessione del Quinto dello stipendio E un prestito personale non finalizzato ed a tasso fisso, destinato a lavoratori dipendenti (sia pubblici che privati, detti anche cedenti o mutuatari ), che si attua mediante cessione fino ad un quinto dello stipendio per un periodo massimo di 120 mesi. L erogazione del prestito avviene in un'unica soluzione iniziale ed il rimborso avviene mediante trattenute mensili di importo costante sulla busta paga da parte del datore di lavoro, che provvede poi a versarli alla società finanziatrice. Il finanziamento deve essere assistito da garanzie. Per tale contratto trova applicazione la normativa sul credito al consumo ed è disciplinata dal D.P.R. n. 895 del 28/07/1950 e successive modifiche ed integrazioni. Cessione del Quinto della pensione E un prestito personale non finalizzato ed a tasso fisso, concesso ai pensionati pubblici e privati ed estinguibili con cessione di quote della pensione fino ad un quinto della stessa, valutato al netto delle ritenute fiscali e per periodi non superiori a dieci anni. Possono essere cedute le pensioni o le indennità che tengono luogo di pensione corrisposte dallo Stato o dai singoli enti, gli assegni equivalenti a carico di speciali casse di previdenza, le pensioni e gli assegni di invalidità e vecchiaia corrisposti dall'istituto nazionale della previdenza sociale, gli assegni vitalizi e i capitali a carico di istituti e fondi in dipendenza del rapporto di lavoro. I prestiti devono avere la garanzia dell'assicurazione sulla vita che ne assicuri il recupero del residuo credito in caso di decesso del mutuatario. Le condizioni particolari di erogazione sono stabilite dalla specifica normativa e in particolare, dalla dal D.P.R. 5 gennaio 1950, n. 180 e successive modifiche ed integrazioni (tra cui l art. 13-bis della legge n. 80 del 14/05/2005, di conversione del d.l. 14/3/2005 n. 35, con cui è stato modificato ed integrato l art. 1 commi 2-bis e ss. del DPR n. 180/1950), dal relativo Regolamento esecutivo di cui al D.P.R. 28 luglio 1950 n. 895 e dal D.M. 27/12/2006 n Per tale contratto trova applicazione la normativa sul credito al consumo. Prestito con Delegazione di Pagamento E un prestito personale estinguibile a favore del mutuante mediante delegazione di pagamento pro-solvendo da parte del Delegante al proprio Datore di lavoro. Il Delegante conferisce mandato irrevocabile al proprio Datore di lavoro a prelevare mensilmente dalla propria retribuzione la quota convenuta. La delegazione di pagamento per essere efficace deve essere accettata dal Datore di lavoro. E disciplinata dalle disposizioni del codice civile in materia di delegazione di pagamento, delle vigenti disposizioni di legge con riguardo al Testo Unico approvato con il DPR 05/01/1950 n. 180 e relativo regolamento di cui al DPR 28/07/1950 n. 895 e successive modifiche ed infine delle circolari del Ministero del Tesoro n. 46 del , n. 63 del , n. 29 del e del Ministero dell Economia e delle Finanze n. 37 del , n. 21 del e n. 13 del Valgono, per questa operazione, tutte le condizioni esposte per il prestito contro cessione di quote dello stipendio al quale il prestito rimborsabile mediante delegazione di pagamento è stato assimilato, giusta risoluzione della Banca d Italia del 31 marzo RISCHI TIPICI. Considerato che il prestito personale contro cessione del quinto dello stipendio è un finanziamento a tasso fisso, esiste un generico rischio di interesse derivante dall impossibilità di beneficiare delle eventuali fluttuazioni dei tassi a ribasso. Si possono, inoltre, manifestare generici rischi legati all incremento di commissioni e/o spese a carico del Cedente non imposte dalla Società Cessionaria, a fronte di variazioni di costi bancari, postali, assicurativi, etc. SERVIZI ACCESSORI. A garanzia del prestito, il Finanziato si obbliga a stipulare, a beneficio di Finanziaria Familiare e con una Compagnia di Assicurazioni gradita a quest ultima, polizze assicurative a garanzia dei rischi morte e impiego, o equivalente malleveria, a copertura dell ammontare complessivo delle quote cedute e con durata pari al periodo di ammortamento del finanziamento. Per quanto attiene la copertura del rischio morte e del rischio impiego, se praticata nell ambito delle Perdite Pecuniarie, in caso di indennizzo non è prevista per la Compagnia la possibilità di rivalersi nei confronti del Finanziato che ha sostenuto integralmente l onere del premio unico anticipato. Nei casi in cui Finanziaria Familiare avesse invece contratto, su sua iniziativa e a sue spese, una copertura Credito contro il rischio di mancato rimborso per cause diverse dalla premorienza, il Finanziato prende atto che la Compagnia, per le somme corrisposte a Finanziaria Familiare, resterà surrogata in ogni diritto, ragione ed azione di Finanziaria Familiare potendosi così rivalere sul Finanziato. Per tutte le condizioni assicurative si rimanda comunque alla modulistica contrattuale e di trasparenza fornita dalla compagnia assicurativa. Versione n.1 valida dal 01/04/2011 Mod.FINF.010 pag. 1 di 6

2 PRINCIPALI CONDIZIONI ECONOMICHE DELL OPERAZIONE TASSO ANNUO EFFETTIVO GLOBALE ( T.A.E.G. ) Massimo applicabile Per operazioni fino ad euro 5.000,00 di finanziato: 19,56 % Per operazioni oltre 5.000,00 di finanziato: 15,77 % CONDIZIONI MASSIME APPLICABILI ALLA CESSIONE DEL QUINTO - DELEGAZIONE DI PAGAMENTO Tasso Annuo Nominale ( T.A.N. ) 5,00 % Commissione a favore di Finanziaria Familiare Per operazioni di rinnovo Commissione di intermediazione Per operazioni di rinnovo (calcolata sull importo finanziato lordo) 8,00 % 7,00 % 9,00 % 7,00 % Spese di attivazione del finanziamento 300,00 Spese di incasso quote 5,00 pro rata Imposta sostitutiva Premio della polizza di assicurazione rischio vita (calcolato sull importo finanziato lordo) Premio della polizza di assicurazione rischio impiego (calcolato sull importo finanziato lordo) Spese gestione post-vendita (da rimborsare in caso di estinzione anticipata per numero rate non maturate) Esente. Il prestito sarà erogato al netto dell imposta di bollo nella misura di legge. 12 % 20 % 2,00 pro rata Spese per emissione ed invio documenti richiesti dal cliente 20,00 Commissione di estinzione anticipata 1 % del capitale residuo Spese di recupero stragiudiziale del credito 20 % dell importo scaduto e non corrisposto Interessi di mora T.A.N più % max applicabile per legge TASSI EFFETTIVI GLOBALI MEDI ( T.E.G.M.) Di seguito si riportano il Tasso Effettivo Globale Medio in vigore (T.E.G.M.), relativo alla tipologia di operazione descritta in questo foglio informativo, oggetto di rilevazione trimestrale da parte del Ministero dell Economia e delle Finanze, nonché il Tasso Soglia, che costituisce il limite al di sopra del quale si configura il reato di usura. Il Tasso Soglia è calcolato, ai sensi dell art. 2 della Legge N. 108/96, aumentando della metà il Tasso Effettivo Globale Medio. TEGM (Tasso Effettivo Globale Medio) Soglia Tasso Usurario Fino a 5.000,00 13,71 % 20,56 % Oltre 5.000,00 11,18 % 16,77 % SINTESI DELLE PRINCIPALI CLAUSOLE CONTRATTUALI Cessione del Quinto dello Stipendio EFFICACIA DELLA PROPOSTA CONTRATTUALE Il Cliente prende atto che la presente proposta di contratto, dallo stesso sottoscritta e trasmessa alla FINANZIARIA FAMILIARE SpA, con sede legale in Roma, Via Barberini n. 50, Cod.Fisc./P.IVA (in seguito per brevità Finanziaria Familiare) in qualità di Rappresentante di CONSUMIT S.p.A. (in seguito denominata Cessionaria ), avrà efficacia al momento in cui riceverà da Finanziaria Familiare la comunicazione formale dell'accettazione della presente proposta e comunque non prima che la stessa Finanziaria Familiare abbia ricevuto la Dichiarazione di Benestare da parte dell'ente di appartenenza del Cliente. In ogni caso, il Cliente assumerà la qualità di debitore nei confronti di Finanziaria Familiare fin dal momento dell'erogazione del finanziamento. CONFERIMENTO DELLA CESSIONE DI PAGAMENTO CON TRATTENUTE MENSILI DI QUOTE DELLA RETRIBUZIONE. Il Cliente autorizza fin d'ora l'ente a trattenere mensilmente dalla retribuzione l'importo ceduto ed a versarlo alla Finanziaria Familiare, a cominciare dal mese indicato dall'ente nell'atto di Dichiarazione di Benestare alla cessione, con frequenza mensile che non superi il 5 del mese successivo a quello cui si riferiscono le ritenute medesime. Finanziaria Familiare ha facoltà di indicare all'ente in qualunque momento un nuovo numero di conto corrente bancario o postale. Per espressa deroga all'art c.c. l'atto di cessione non potrà essere dal Cliente revocato prima dell'estinzione delle obbligazioni assunte con il presente contratto salvo che alla revoca esplicitamente acconsenta Finanziaria Familiare. L'atto di Cessione del Cliente e Benestare dell'ente forma parte integrante e sostanziale a tutti gli effetti della proposta contrattuale. EVENTUALE RIDUZIONE O SOSPENSIONE DELLA RETRIBUZIONE. Qualora la retribuzione del Cliente per qualsiasi causa fosse temporaneamente ridotta, lo stesso Cliente autorizza sin d'ora l'ente ad effettuare le trattenute nella misura suesposta, senza variazione alcuna a condizione che al Cliente sia garantita la conservazione della metà della retribuzione come previsto dal DPR 180/50. Qualora, per qualsiasi causa, il Cliente restasse temporaneamente con totale privazione della retribuzione, del pari autorizza l'ente a trattenere -dalla prima liquidazione delle sue spettanze conseguente alla riammissione le suesposte quote mensili ancora da corrispondere. CAMBIAMENTO DEL DATORE DI LAVORO. Nel caso in cui venga a trovarsi alle dipendenze di altra Amministrazione statale, parastatale oppure di azienda privata il Finanziato dà facoltà ed autorizza sin da ora Finanziaria Familiare a notificare il presente contratto alla stessa perché questa operi sulla retribuzione che a qualsiasi titolo gli corrisponderà la ritenuta della quota mensile suddetta, nonché su quanto all art. 22 del presente contratto. Agli effetti di cui sopra il Cliente si Versione n.1 valida dal 01/04/2011 Mod.FINF.010 pag. 2 di 6

3 obbliga a comunicare ogni variazione della sua residenza a Finanziaria Familiare, nonché all Amministrazione da cui si allontana, perché questa possa inviare a quella ove assumerà servizio, anche se non compresa tra quelle indicate all art. 1 del D.P.R. n 180/50, il conto della presente cessione, assumendo in difetto ogni responsabilità a norma di legge. Tutte le spese, gli oneri e le perdite di valuta a cui Finanziaria Familiare potrà eventualmente andare incontro per la notifica e per il fatto stesso del trasferimento saranno a carico del Cliente. INTERESSI DI MORA. Nel caso di ritardo nel pagamento delle Rate, a qualsiasi causa attribuibile, saranno dovuti sull intero importo di ciascuna rata scaduta e non pagata, gli interessi di mora in misura pari alla percentuale massima applicabile per legge. Gli interessi decorreranno di pieno diritto, senza necessità di alcuna intimazione o messa in mora, ma per la semplice scadenza del termine previsto per il pagamento. POLIZZA DI ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA. A garanzia del prestito, il Finanziato si obbliga a stipulare, a beneficio di Consumit e con una Compagnia di Assicurazioni gradita a quest ultima, polizze assicurative a garanzia dei rischi morte e impiego, o equivalente malleveria, a copertura dell ammontare complessivo delle quote cedute e con durata pari al periodo di ammortamento del finanziamento. Per quanto attiene la copertura del rischio morte e del rischio impiego, se praticata nell ambito delle Perdite Pecuniarie, in caso di indennizzo non è prevista per la Compagnia la possibilità di rivalersi nei confronti del Finanziato che ha sostenuto integralmente l onere del premio unico anticipato. Nei casi in cui Consumit avesse invece contratto, su sua iniziativa e a sue spese, una copertura Credito contro il rischio di mancato rimborso per cause diverse dalla premorienza, il Finanziato prende atto che la Compagnia, per le somme corrisposte a Consumit, resterà surrogata in ogni diritto, ragione ed azione di Consumit potendosi così rivalere sul Finanziato. Per tutte le condizioni assicurative si rimanda comunque alla modulistica contrattuale e di trasparenza fornita dalla compagnia assicurativa DECADENZA DAL BENEFICIO DEL TERMINE E CLAUSOLA RISOLUTIVA ESPRESSA. II Cliente accetta che tra le ipotesi previste dall 'art c.c. rientra anche il caso di eventuale sospensione o riduzione della retribuzione fermo restando quanto indicato al precedente articolo 5 di risoluzione del rapporto di lavoro per qualsiasi causa. Pertanto, al verificarsi anche di una delle cause di cui al comma precedente, il Cliente potrà essere considerato decaduto dal beneficio del termine e Finanziaria Familiare potrà considerare risolto con effetto immediato il contratto, ai sensi e per gli effetti dell'art del codice civile. In conseguenza della risoluzione del contratto, il Cliente dovrà rimborsare immediatamente a semplice richiesta tutto quanto dovuto per l'estinzione del finanziamento, ivi compresi gli interessi moratori ed altre eventuali spese. Qualora Finanziaria Familiare intenda avvalersi della facoltà di risoluzione anticipata, ne darà comunicazione al Cliente a mezzo raccomandata AR senza peraltro essere tenuta ad eventuale diffida o messa in mora QUIETANZA DELL EROGAZIONE Il ricevimento dell assegno o del bonifico di erogazione costituiscono quietanza ed esecuzione del Contratto da parte di Finanziaria Familiare. SPESE E ONERI FISCALI. Ogni onere fiscale, diretto o indiretto, presente o futuro che fosse dovuto per qualsiasi atto dipendente dal finanziamento, ivi compresi tutti gli importi richiesti dagli uffici fiscali, le spese postali e di notifica, sono a carico del Cliente il quale autorizza - ora per allora - l'ente a trattenere dalla retribuzione la somma che - a tale titolo venisse richiesta da Finanziaria Familiare. Tale trattenuta dovrà avvenire, in ogni caso, anche in eccedenza del quinto della retribuzione, adottando per analogia quanto disposto dall'art.37 del DPR 180/50 menzionato. Il presente contratto è assoggettato all'imposta di bollo ai sensi del DPR. 642/72 che verrà trattenuta al momento dell'erogazione del finanziamento. ESTINZIONE ANTICIPATA. Il Cliente ha sempre facoltà di estinguere anticipatamente il prestito. Nel caso di estinzione anticipata del contratto, saranno restituiti i seguenti costi indicati nelle Principali Condizioni Economiche : lettera a) (TAN) 100% del residuo; 2,00 (pro-rata) per n. rate non maturate, lettere g) (Assicurazione per il Rischio Vita), h) (Assicurazione per il Rischio Perdita d Impiego, Copertura Perdite Pecuniarie) secondo quanto previsto nelle condizioni di polizza, lettera i) (Spese incasso quote) limitatamente alle rate non maturate COMMISSIONE ESTINZIONE ANTICIPATA. Pari all 1% del capitale residuo alla data di estinzione. DIVIETO DI CESSIONE. II presente contratto e le obbligazioni insorgenti dallo stesso non sono cedibili a terzi ad opera del Cliente. Per converso il credito derivante dal finanziamento è in ogni momento cedibile a terzi da parte di Finanziaria Familiare con le eventuali garanzie; la semplice comunicazione al Cliente del trasferimento del credito equivale a notifica agli effetti dell'articolo 1264 del codice civile. RECLAMI. Competente nella definizione di eventuali reclami è l "Ufficio Reclami di Finanziaria Familiare S.p.A. Via Barberini, Roma Di conseguenza il Cliente dovrà proporre il reclamo scritto presso la predetta sede di Finanziaria Familiare stessa che darà risposta entro 30 gg. dal ricevimento. Qualora il Cliente non dovesse ritenersi soddisfatto della risposta al reclamo presentato o non avesse ricevuto risposta entro il suddetto termine di 30 gg., potrà rivolgersi all'arbitro Bancario Finanziario - Sistema di risoluzione stragiudiziale delle controversie tra consumatori e sistema bancario e finanziario - ABF. A tal fine è possibile scaricare dal sito internet di Finanziaria Familiare la guida concernente l'accesso all' ABF. TRATTAMENTO DATI. Ai sensi dell'art.13 DLgs 196/2003, in tema di protezione dei dati personali, il Cliente riceve contestualmente alla sottoscrizione della presente proposta,l'informativa e la richiesta di consenso previsti dalla normativa. In particolare, il Cliente prende atto che i dati personali dallo stesso fomiti, se raccolti da soggetto incaricato da Finanziaria Familiare, vengano trasmessi a Finanziaria Familiare stessa per l'istruttoria e, in caso di accoglimento della proposta, per la gestione dei rapporti contrattuali. FACOLTA DELLA CESSIONARIA NELL IPOTESI DI PROCEDURE CONCORSUALI A CARICO DEL DATORE DI LAVORO. Nell ipotesi di procedure concorsuali a carico dell amministrazione, Finanziaria Familiare potrà richiedere al fallimento la liquidazione, nei limiti del residuo credito vantato nei confronti del Cliente, delle somme ad esso dovute per l ammissione allo stato passivo del fallimento stesso, in quanto vincolate all estinzione del credito per effetto del presente Contratto. Finanziaria Familiare potrà esercitare il medesimo diritto anche nei confronti del Fondo di Garanzia previsto dalla legge 29 maggio 1982 n.297. Il cliente autorizza e cessione irrevocabilmente, ora per allora, Finanziaria Familiare ad esercitare tali diritti nei confronti del fallimento e del Fondo di Garanzia, senza necessità di ulteriore manifestazione di volontà. MODIFICA UNILATERALE DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI. Fermo il carattere fisso ed invariabile del TAN quale indicato nel prospetto del Finanziamento e Modalità del Rimborso per tutta la durata del finanziamento, la Cessionaria di riserva la facoltà di modificare unilateralmente le condizioni contrattuali applicate al finanziamento qualora sussista un giustificato motivo. In caso di variazioni, la Cessionaria, ai sensi dell art.118 D.Lgs. n. 385/1993 e successive integrazioni e/o modificazioni, invia una comunicazione scritta al cliente presso l ultimo indirizzo da questi comunicato, con un preavviso minimo di 30 giorni. In caso di esercizio del diritto di recesso, al cliente verranno applicate, in sede di liquidazione del rapporto, le condizioni precedentemente applicate, senza penalità e senza spese di chiusura. DIRITTO DI RECESSO. Il Cliente ha facoltà di recedere dal presente contratto dandone comunicazione scritta a mezzo raccomandata A/R che pervenga a Finanziaria Familiare entro 14 giorni dalla conclusione del contratto. In caso di recesso, se avvenuto nei tempi previsti dal presente articolo, non sarà addebitata al Cliente alcuna spesa, fatta salva la restituzione di importi eventualmente già ottenuti dal Cliente stesso quali prefinanziamenti e/o anticipazioni e/o acconti riferiti all operazione di cui ha volontà di esercitare il diritto di recesso. CESSAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO, TFR E PENSIONE la Cessione estenderà i suoi effetti sull assegno di quiescenza qualora, una volta cessato il servizio, sussista diritto al trattamento pensionistico e l ente previdenziale risulti obbligato per legge ad operare le necessarie trattenute. Nel caso in cui tale obbligo non sussista, a seguito della cessazione del rapporto di lavoro, la cessione si estenderà sul trattamento di fine rapporto, sull eventuale liquidazione della prestazione, ai sensi di legge (artt. 7 e 10 D.lgs. 124/93) e sulle somme dovutegli a qualunque titolo e sotto qualsiasi denominazione; a tal fine il Cliente consente che l amministrazione, trattenga da tali somme l importo necessario per l estinzione della cessione e che parimenti la trattenuta venga effettuata da qualsiasi ente di previdenza o di assicurazione ai quali il finanziato medesimo si è iscritto per legge, per regolamento o per contratto di lavoro. Il cliente inoltre, per la durata del prestito, si impegna a non avvalersi del diritto di cui al comma 6 dell art c.c. come modificato dalla legge 29/ n.297 se ed in quanto a lui applicabile. COMUNICAZIONI PERIODICHE Finanziaria Familiare invia al Cliente, alla scadenza del contratto, e comunque almeno una volta all anno, apposita comunicazione analitica che contiene le informazioni complete sullo stato del rapporto e sulle condizioni economiche applicate. Le informazioni in essa contenute si intendono tacitamente approvate dal cliente, in mancanza di opposizione scritta, che pervenga a Finanziaria Familiare entro 60 gg dalla data di avvenuto ricevimento della comunicazione analitica da parte del cliente. Il mutuatario può scegliere le modalità di invio delle comunicazioni periodiche, modalità che includono in ogni caso la forma cartacea e quella elettronica. In caso di impiego dello strumento informatico, i termini per il diritto di recesso o per la contestazione dell estratto conto decorrono dalla ricezione della comunicazione, intesa quale possibilità per il cliente di accedere al contenuto della comunicazione. In ogni momento del rapporto il finanziato ha diritto di cambiare la tecnica di comunicazione utilizzata, salvo che ciò sia incompatibile con la natura dell operazione e/o servizio. FORO COMPETENTE ED ELEZIONE DI DOMICILIO. Per ogni controversia che potesse sorgere fra Finanziaria Familiare e il Cliente relativamente al presente rapporto si applica l'articolo 18 del codice di procedura civile in quanto il Cliente riveste la qualità di "consumatore" ai sensi del DLgs 206/2005 ( Codice del Consumo"). Il Cliente dichiara che ai fini della eventuale notifica di atti giudiziari nonché per tutta la corrispondenza inerente il presente finanziamento, elegge il proprio domicilio presso l'indirizzo riportato all'inizio della presente proposta e si impegna a comunicare tempestivamente a Finanziaria Familiare per iscritto l'eventuale successiva variazione del medesimo. SINTESI DELLE PRINCIPALI CLAUSOLE CONTRATTUALI Delegazione di pagamento EFFICACIA DELLA PROPOSTA CONTRATTUALE Il Cliente prende atto che la presente proposta di contratto, dallo stesso sottoscritta e trasmessa alla FINANZIARIA FAMILIARE SpA, con sede legale in Roma, Via Barberini n.50, Cod.Fisc./P.IVA (in seguito per brevità Finanziaria Familiare) in qualità di Rappresentante di CONSUMIT S.p.A. (in seguito denominata Cessionaria ), avrà efficacia al momento in cui riceverà da Finanziaria Familiare la comunicazione formale dell'accettazione della presente proposta e comunque non prima che la stessa Finanziaria Familiare abbia ricevuto la Dichiarazione di Benestare da parte Versione n.1 valida dal 01/04/2011 Mod.FINF.010 pag. 3 di 6

4 dell'ente di appartenenza del Cliente. In ogni caso, il Cliente assumerà la qualità di debitore nei confronti di Finanziaria Familiare fin dal momento dell'erogazione del finanziamento. CONFERIMENTO DELLA DELEGA DI PAGAMENTO CON TRATTENUTE MENSILI DI QUOTE DELLA RETRIBUZIONE. Il Cliente autorizza fin d'ora l'ente a trattenere mensilmente dalla retribuzione l'importo ceduto ed a versarle alla Finanziaria Familiare a cominciare dal mese indicato dall'ente nell'atto di Dichiarazione di Benestare alla delega, con frequenza mensile che non superi il 5 del mese successivo a quello cui si riferiscono le ritenute medesime. Finanziaria Familiare ha facoltà di indicare all'ente in qualunque momento un nuovo numero di conto corrente bancario o postale. Per espressa deroga all'art c.c. l'atto di delega non potrà essere dal Cliente revocato prima dell'estinzione delle obbligazioni assunte con il presente contratto salvo che alla revoca esplicitamente acconsenta Finanziaria Familiare. L'atto di Delega del Cliente e Benestare dell'ente forma parte integrante e sostanziale a tutti gli effetti della presente proposta contrattuale. EVENTUALE RIDUZIONE O SOSPENSIONE DELLA RETRIBUZIONE. Qualora la retribuzione del Cliente per qualsiasi causa fosse temporaneamente ridotta, lo stesso Cliente autorizza sin d'ora l'ente ad effettuare le trattenute nella misura suesposta, senza variazione alcuna a condizione che al Cliente sia garantita la conservazione della metà della retribuzione come previsto dal DPR 180/50. Qualora, per qualsiasi causa, il Cliente restasse temporaneamente con totale privazione della retribuzione, del pari autorizza l'ente a trattenere -dalla prima liquidazione delle sue spettanze conseguente alla riammissione le suesposte quote mensili ancora da corrispondere. Nel caso in CAMBIAMENTO DEL DATORE DI LAVORO. Nel caso in cui venga a trovarsi alle dipendenze di altra Amministrazione statale, parastatale oppure di azienda privata il Delegante dà facoltà ed autorizza sin da ora Finanziaria Familiare a notificare il presente contratto alla stessa perché questa operi sulla retribuzione che a qualsiasi titolo gli corrisponderà la ritenuta della quota mensile suddetta, nonché su quanto all art. 22 del presente contratto. Agli effetti di cui sopra il Delegante si obbliga a comunicare ogni variazione della sua residenza a Finanziaria Familiare, nonché all Amministrazione da cui si allontana, perché questa possa inviare a quella ove assumerà servizio, anche se non compresa tra quelle indicate all art. 1 del D.P.R. n 180/50, il conto della presente delega, assumendo in difetto ogni responsabilità a norma di legge. Tutte le spese, gli oneri e le perdite di valuta a cui Finanziaria Familiare potrà eventualmente andare incontro per la notifica e per il fatto stesso del trasferimento saranno a carico del Delegante. INTERESSI DI MORA. Nel caso di ritardo nel pagamento delle Rate, a qualsiasi causa attribuibile, saranno dovuti sull intero importo di ciascuna rata scaduta e non pagata, gli interessi di mora in misura pari alla percentuale massima applicabile per legge. Gli interessi decorreranno di pieno diritto, senza necessità di alcuna intimazione o messa in mora, ma per la semplice scadenza del termine previsto per il pagamento. POLIZZA DI ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA. A garanzia del prestito, il Delegante si obbliga a stipulare, a beneficio di Finanziaria Familiare e con una Compagnia di Assicurazioni gradita a quest ultima, polizze assicurative a garanzia dei rischi morte e impiego, o equivalente malleveria, a copertura dell ammontare complessivo delle quote cedute e con durata pari al periodo di ammortamento del finanziamento. Per quanto attiene la copertura del rischio morte e del rischio impiego, se praticata nell ambito delle Perdite Pecuniarie, in caso di indennizzo non è prevista per la Compagnia la possibilità di rivalersi nei confronti del Delegante che ha sostenuto integralmente l onere del premio unico anticipato. Nei casi in cui Finanziaria Familiare avesse invece contratto, su sua iniziativa e a sue spese, una copertura Credito contro il rischio di mancato rimborso per cause diverse dalla premorienza, il Delegante prende atto che la Compagnia, per le somme corrisposte a Finanziaria Familiare, resterà surrogata in ogni diritto, ragione ed azione di Finanziaria Familiare potendosi così rivalere sul Delegante. Per tutte le condizioni assicurative si rimanda comunque alla modulistica contrattuale e di trasparenza fornita dalla compagnia assicurativa DECADENZA DAL BENEFICIO DEL TERMINE E CLAUSOLA RISOLUTIVA ESPRESSA. II Cliente accetta che tra le ipotesi previste dall 'art c.c. rientra anche il caso di eventuale sospensione o riduzione della retribuzione fermo restando quanto indicato al precedente articolo 5 di risoluzione del rapporto di lavoro per qualsiasi causa. Pertanto, al verificarsi anche di una delle cause di cui al comma precedente, il Cliente potrà essere considerato decaduto dal beneficio del termine e Finanziaria Familiare potrà considerare risolto con effetto immediato il contratto, ai sensi e per gli effetti dell'art del codice civile. In conseguenza della risoluzione del contratto, il Cliente dovrà rimborsare immediatamente a semplice richiesta tutto quanto dovuto per l'estinzione del finanziamento, ivi compresi gli interessi moratori ed altre eventuali spese. Qualora Finanziaria Familiare intenda avvalersi della facoltà di risoluzione anticipata, ne darà comunicazione al Cliente a mezzo raccomandata AR senza peraltro essere tenuta ad eventuale diffida o messa in mora QUIETANZA DELL EROGAZIONE Il ricevimento dell assegno o del bonifico di erogazione costituiscono quietanza ed esecuzione del Contratto da parte di Finanziaria Familiare. SPESE E ONERI FISCALI. Ogni onere fiscale, diretto o indiretto, presente o futuro che fosse dovuto per qualsiasi atto dipendente dal finanziamento, ivi compresi tutti gli importi richiesti dagli uffici fiscali, le spese postali e di notifica, sono a carico del Cliente il quale autorizza - ora per allora - l'ente a trattenere dalla retribuzione la somma che - a tale titolo venisse richiesta da Finanziaria Familiare. Tale trattenuta dovrà avvenire, in ogni caso, anche in eccedenza del quinto della retribuzione, adottando per analogia quanto disposto dall'art.37 del DPR 180/50 menzionato. Il presente contratto è assoggettato all'imposta di bollo ai sensi del DPR. 642/72 che verrà trattenuta al momento dell'erogazione del finanziamento. ESTINZIONE ANTICIPATA. Il Cliente ha sempre facoltà di estinguere anticipatamente il prestito. Nel caso di estinzione anticipata del contratto, saranno restituiti i seguenti costi indicati nelle Principali Condizioni Economiche : lettera a) TAN 100% del residuo; 2,00 (pro-rata) per n. rate non maturate, lettere g) (Assicurazione per il Rischio Vita), h) (Assicurazione per il Rischio Perdita d Impiego, Copertura Perdite Pecuniarie) secondo quanto previsto nelle condizioni di polizza, lettera i) (Spese incasso quote) limitatamente alle rate non maturate. COMMISSIONE ESTINZIONE ANTICIPATA. Pari all 1% del capitale residuo alla data di estinzione. DIVIETO DI CESSIONE. II presente contratto e le obbligazioni insorgenti dallo stesso non sono cedibili a terzi ad opera del Cliente. Per converso il credito derivante dal finanziamento è in ogni momento cedibile a terzi da parte di Finanziaria Familiare con le eventuali garanzie; la semplice comunicazione al Cliente del trasferimento del credito equivale a notifica agli effetti dell'articolo 1264 del codice civile. RECLAMI. Competente nella definizione di eventuali reclami è l "Ufficio Reclami di Finanziaria Familiare S.p.A. Via Barberini, Roma Di conseguenza il Cliente dovrà proporre il reclamo scritto presso la predetta sede di Finanziaria Familiare stessa che darà risposta entro 30 gg. dal ricevimento. Qualora il Cliente non dovesse ritenersi soddisfatto della risposta al reclamo presentato o non avesse ricevuto risposta entro il suddetto termine di 30 gg., potrà rivolgersi all'arbitro Bancario Finanziario -Sistema di risoluzione stragiudiziale delle controversie tra consumatori e sistema bancario e finanziario - ABF. A tal fine è possibile scaricare dal sito internet di Finanziaria Familiare la guida concernente l'accesso all' ABF. TRATTAMENTO DATI. Ai sensi dell'art.13 DLgs 196/2003, in tema di protezione dei dati personali, il Cliente riceve contestualmente alla sottoscrizione della presente proposta,l'informativa e la richiesta di consenso previsti dalla normativa. In particolare, il Delegante prende atto che i dati personali dallo stesso fomiti, se raccolti da soggetto incaricato da Finanziaria Familiare, vengano trasmessi a Finanziaria Familiare stessa per l'istruttoria e, in caso di accoglimento della proposta, per la gestione dei rapporti contrattuali. FACOLTA DELLA CESSIONARIA NELL IPOTESI DI PROCEDURE CONCORSUALI A CARICO DEL DATORE DI LAVORO. Nell ipotesi di procedure concorsuali a carico dell amministrazione, Finanziaria Familiare potrà richiedere al fallimento la liquidazione, nei limiti del residuo credito vantato nei confronti del Cliente, delle somme ad esso dovute per l ammissione allo stato passivo del fallimento stesso, in quanto vincolate all estinzione del credito per effetto del presente Contratto. Finanziaria Familiare potrà esercitare il medesimo diritto anche nei confronti del Fondo di Garanzia previsto dalla legge 29 maggio 1982 n.297. Il cliente autorizza e delega irrevocabilmente, ora per allora, Finanziaria Familiare ad esercitare tali diritti nei confronti del fallimento e del Fondo di Garanzia, senza necessità di ulteriore manifestazione di volontà. MODIFICA UNILATERALE DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI. Fermo il carattere fisso ed invariabile del TAN quale indicato nel prospetto del Finanziamento e Modalità del Rimborso per tutta la durata del finanziamento, la Cessionaria di riserva la facoltà di modificare unilateralmente le condizioni contrattuali applicate al finanziamento qualora sussista un giustificato motivo. In caso di variazioni, la Cessionaria, ai sensi dell art.118 D.Lgs. n. 385/1993 e successive integrazioni e/o modificazioni, invia una comunicazione scritta al cliente presso l ultimo indirizzo da questi comunicato, con un preavviso minimo di 30 giorni. In caso di esercizio del diritto di recesso, al cliente verranno applicate, in sede di liquidazione del rapporto, le condizioni precedentemente applicate, senza penalità e senza spese di chiusura. DIRITTO DI RECESSO. Il Cliente ha facoltà di recedere dal presente contratto dandone comunicazione scritta a mezzo raccomandata A/R che pervenga a Finanziaria Familiare entro 14 giorni dalla conclusione del contratto. In caso di recesso, se avvenuto nei tempi previsti dal presente articolo, non sarà addebitata al Cliente alcuna spesa, fatta salva la restituzione di importi eventualmente già ottenuti dal Cliente stesso quali prefinanziamenti e/o anticipazioni e/o acconti riferiti all operazione di cui ha volontà di esercitare il diritto di recesso. CESSAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO, TFR E PENSIONE la Delegazione estenderà i suoi effetti sull assegno di quiescenza qualora, una volta cessato il servizio, sussista diritto al trattamento pensionistico e l ente previdenziale risulti obbligato per legge ad operare le necessarie trattenute. Nel caso in cui tale obbligo non sussista, a seguito della cessazione del rapporto di lavoro, la delegazione si estenderà sul trattamento di fine rapporto, sull eventuale liquidazione della prestazione, ai sensi di legge (artt. 7 e 10 D.lgs. 124/93) e sulle somme dovutegli a qualunque titolo e sotto qualsiasi denominazione; a tal fine il delegante consente che l amministrazione delegata, trattenga da tali somme l importo necessario per l estinzione della delegazione e che parimenti la trattenuta venga effettuata da qualsiasi ente di previdenza o di assicurazione ai quali il delegante medesimo si è iscritto per legge, per regolamento o per contratto di lavoro. Il delegante inoltre, per la durata del prestito, si impegna a non avvalersi del diritto di cui al comma 6 dell art c.c. come modificato dalla legge 29/ n.297 se ed in quanto a lui applicabile. COMUNICAZIONI PERIODICHE Finanziaria Familiare invia al Cliente, alla scadenza del contratto, e comunque almeno una volta all anno, apposita comunicazione analitica che contiene le informazioni complete sullo stato del rapporto e sulle condizioni economiche applicate. Le informazioni in essa contenute si intendono tacitamente approvate dal delegante, in mancanza di opposizione scritta, che pervenga a Finanziaria Familiare entro 60 gg dalla data di avvenuto ricevimento della comunicazione analitica da parte del delegante. Il mutuatario può scegliere le modalità di invio delle comunicazioni periodiche, modalità che includono in ogni caso Versione n.1 valida dal 01/04/2011 Mod.FINF.010 pag. 4 di 6

5 la forma cartacea e quella elettronica. In caso di impiego dello strumento informatico, i termini per il diritto di recesso o per la contestazione dell estratto conto decorrono dalla ricezione della comunicazione, intesa quale possibilità per il cliente di accedere al contenuto della comunicazione. In ogni momento del rapporto il delegante ha diritto di cambiare la tecnica di comunicazione utilizzata, salvo che ciò sia incompatibile con la natura dell operazione e/o servizio. FORO COMPETENTE ED ELEZIONE DI DOMICILIO. Per ogni controversia che potesse sorgere fra Finanziaria Familiare e il Cliente relativamente al presente rapporto si applica l'articolo 18 del codice di procedura civile in quanto il Cliente riveste la qualità di "consumatore" ai sensi del DLgs 206/2005 ( Codice del Consumo"). Il Cliente dichiara che ai fini della eventuale notifica di atti giudiziari nonché per tutta la corrispondenza inerente il presente finanziamento, elegge il proprio domicilio presso l'indirizzo riportato all'inizio della presente proposta e si impegna a comunicare tempestivamente a Finanziaria Familiare per iscritto l'eventuale successiva variazione del medesimo. SINTESI DELLE PRINCIPALI CLAUSOLE CONTRATTUALI Cessione del Quinto della Pensione EFFICACIA DELLA PROPOSTA CONTRATTUALE Il Cliente prende atto che la presente proposta di contratto, dallo stesso sottoscritta e trasmessa alla FINANZIARIA FAMILIARE SpA, con sede legale in Roma, Via Barberini n.50, Cod.Fisc./P.IVA (in seguito per brevità Finanziaria Familiare) in qualità di Rappresentante di CONSUMIT S.p.A. (in seguito denominata Cessionaria ), avrà efficacia al momento in cui riceverà da Finanziaria Familiare la comunicazione formale dell'accettazione della presente proposta e comunque non prima che la stessa Finanziaria Familiare abbia ricevuto la Dichiarazione di Benestare da parte dell'ente di appartenenza del Cliente. In ogni caso, il Cliente assumerà la qualità di debitore nei confronti di Finanziaria Familiare fin dal momento dell'erogazione del finanziamento. CONFERIMENTO DELLA CESSIONE DI QUOTA DELLA PENSIONE. Il Cliente autorizza fin d'ora l'ente a trattenere mensilmente dalla pensione l'importo delle summenzionate rate ed a versarle alla Finanziaria Familiare sul c/c identificato dal codice IBAN IT06C , a questa intestato, a cominciare dal mese indicato dall'ente nell'atto di Dichiarazione di Benestare alla cessione, con frequenza mensile che non superi il 5 del mese successivo a quello cui si riferiscono le ritenute medesime. Finanziaria Familiare ha facoltà di indicare all'ente in qualunque momento un nuovo numero di conto corrente bancario o postale. EVENTUALE RIDUZIONE O SOSPENSIONE DELLA PENSIONE. Nei casi di eventuale riduzione per qualsiasi causa della pensione mensile del Cliente qualora la pensione stessa subisca una riduzione non superiore al terzo, la trattenuta continuerà ad essere effettuata nella misura stabilita dal presente contratto; ove la riduzione sia superiore al terzo la trattenuta non potrà eccedere il quinto della pensione ridotta, in analogia con quanto previsto ai sensi di legge (artt. 35 e 55 del D.P.R. n. 180/50). CAMBIAMENTO DELL ENTE PENSIONISTICO. Nel caso in cui venga a mutare l Ente erogante della pensione del Finanziato, lo stesso da facoltà ed autorizza sin da ora Finanziaria Familiare a notificare il presente contratto al nuovo Ente erogatore della pensione perché questo operi sulla pensione le ritenute della suddetta quota mensile. Agli effetti di cui sopra il Cliente si obbliga a comunicare il suo trasferimento a Finanziaria Familiare affinché quest ultima possa inviare al nuovo Ente il conto della presente cessione assumendo in difetto ogni responsabilità a norma di legge. Tutte le spese, gli oneri e le perdite di valuta a cui Finanziaria Familiare potrà eventualmente andar incontro per la notifica e per il fatto stesso del trasferimento saranno a carico del Cliente. INTERESSI DI MORA. Nel caso di ritardo nel pagamento delle Rate, a qualsiasi causa attribuibile, saranno dovuti sull intero importo di ciascuna rata scaduta e non pagata, gli interessi di mora in misura pari alla percentuale massima applicabile per legge. Gli interessi decorreranno di pieno diritto, senza necessità di alcuna intimazione o messa in mora, ma per la semplice scadenza del termine previsto per il pagamento. POLIZZA DI ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA. A garanzia del prestito contratto con il presente atto il Cliente si obbliga a stipulare polizze assicurative che vengono emesse ad esclusivo beneficio di Finanziaria Familiare. I costi delle polizze saranno a totale carico del Cliente e i relativi premi verranno trattenuti e versati alla compagnia di assicurazione direttamente da Finanziaria Familiare al momento dell erogazione del prestito. In caso di morte del Cliente la polizza vita estingue il debito previa presentazione della documentazione richiesta dalla compagnia di assicurazione. Per tutte le condizioni assicurative si rimanda comunque alla modulistica contrattuale e di trasparenza fornita dalla compagnia assicurativa. DECADENZA DAL BENEFICIO DEL TERMINE E CLAUSOLA RISOLUTIVA ESPRESSA. II Cliente accetta che tra le ipotesi previste dall 'art c.c. rientra anche il caso di eventuale sospensione o riduzione della pensione fermo restando quanto indicato al precedente articolo 5 di risoluzione del rapporto pensionistico per qualsiasi causa. Pertanto, al verificarsi anche di una delle cause di cui al comma precedente, il Cliente potrà essere considerato decaduto dal beneficio del termine e Finanziaria Familiare potrà considerare risolto con effetto immediato il contratto, ai sensi e per gli effetti dell'art del codice civile. In conseguenza della risoluzione del contratto, il Cliente dovrà rimborsare immediatamente a semplice richiesta tutto quanto dovuto per l'estinzione del finanziamento, ivi compresi gli interessi moratori ed altre eventuali spese. Qualora Finanziaria Familiare intenda avvalersi della facoltà di risoluzione anticipata, ne darà comunicazione al Cliente a mezzo raccomandata AR senza peraltro essere tenuta ad eventuale diffida o messa in mora. QUIETANZA DELL EROGAZIONE Il ricevimento dell assegno o del bonifico di erogazione costituiscono quietanza ed esecuzione del Contratto da parte di Finanziaria Familiare. SPESE E ONERI FISCALI. Ogni onere fiscale, diretto o indiretto, presente o futuro che fosse dovuto per qualsiasi atto dipendente dal finanziamento, ivi compresi tutti gli importi richiesti dagli uffici fiscali, le spese postali e di notifica, sono a carico del Cliente il quale autorizza - ora per allora - l'ente a trattenere dalla pensione la somma che - a tale titolo venisse richiesta da Finanziaria Familiare. Tale trattenuta dovrà avvenire, in ogni caso, anche in eccedenza del quinto della pensione, anche adottando per analogia quanto disposto dall'art.37 del DPR 180/50 menzionato. Il presente contratto è assoggettato all'imposta di bollo ai sensi del DPR. 642/72 che verrà trattenuta al momento dell'erogazione del finanziamento. ESTINZIONE ANTICIPATA. Il Cliente ha sempre facoltà di estinguere anticipatamente il prestito. Nel caso di estinzione anticipata del contratto, saranno restituiti i seguenti costi indicati nelle Principali Condizioni Economiche : lettera a) (TAN) 100% del residuo; 2,00 (pro-rata) per n. rate non maturate, lettere g) (Assicurazione per il Rischio Vita), h) (Assicurazione per il Rischio Perdita d Impiego, Copertura Perdite Pecuniarie) secondo quanto previsto nelle condizioni di polizza, lettera i) (Spese incasso quote) limitatamente alle rate non maturate. COMMISSIONE ESTINZIONE ANTICIPATA. Pari all 1% del capitale residuo alla data di estinzione. DIVIETO DI CESSIONE. II presente contratto e le obbligazioni insorgenti dallo stesso non sono cedibili a terzi ad opera del Cliente. Per converso il credito derivante dal finanziamento è in ogni momento cedibile a terzi da parte di Finanziaria Familiare con le eventuali garanzie; la semplice comunicazione al Cliente del trasferimento del credito equivale a notifica agli effetti dell'articolo 1264 del codice civile. RECLAMI. Competente nella definizione di eventuali reclami è l "Ufficio Reclami di Finanziaria Familiare S.p.A. Via Barberini, Roma Di conseguenza il Cliente dovrà proporre il reclamo scritto presso la predetta sede di Finanziaria Familiare stessa che darà risposta entro 30 gg. dal ricevimento. Qualora il Cliente non dovesse ritenersi soddisfatto della risposta al reclamo presentato o non avesse ricevuto risposta entro il suddetto termine di 30 gg., potrà rivolgersi all'arbitro Bancario Finanziario - Sistema di risoluzione stragiudiziale delle controversie tra consumatori e sistema bancario e finanziario - ABF. A tal fine è possibile scaricare dal sito internet di Finanziaria Familiare la guida concernente l'accesso all' ABF. TRATTAMENTO DATI. Ai sensi dell'art.13 DLgs 196/2003, in tema di protezione dei dati personali, il Cliente riceve contestualmente alla sottoscrizione della presente proposta, l'informativa e la richiesta di consenso previsti dalla normativa. In particolare, il Cliente prende atto che i dati personali dallo stesso forniti, se raccolti da soggetto incaricato da Finanziaria Familiare, vengano trasmessi a Finanziaria Familiare stessa per l'istruttoria e, in caso di accoglimento della proposta, per la gestione dei rapporti contrattuali. MODIFICA UNILATERLE DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI. Fermo il carattere fisso ed invariabile del TAN quale indicato nel prospetto del Finanziamento e Modalità del Rimborso per tutta la durata del finanziamento, la Cessionaria di riserva la facoltà di modificare unilateralmente le condizioni contrattuali applicate al finanziamento qualora sussista un giustificato motivo. In caso di variazioni, la Cessionaria, ai sensi dell art.118 D.Lgs. n. 385/1993 e successive integrazioni e/o modificazioni, invia una comunicazione scritta al Cliente presso l ultimo indirizzo da questi comunicato, con un preavviso minimo di 30 giorni. In caso di esercizio del diritto di recesso, al cliente verranno applicate, in sede di liquidazione del rapporto, le condizioni precedentemente applicate, senza penalità e senza spese di chiusura. DIRITTO DI RECESSO. Il Cliente Pensionato ha facoltà di recedere dal presente contratto dandone comunicazione scritta a mezzo raccomandata A/R che pervenga a Finanziaria Familiare entro 14 giorni dalla conclusione del contratto. In caso di recesso, se avvenuto nei tempi previsti dal presente articolo, non sarà addebitata al Cliente Pensionato alcuna spesa, fatta salva la restituzione di importi eventualmente già ottenuti dal Cliente Pensionato stesso quali prefinanziamenti e/o anticipazioni e/o acconti riferiti all operazione di cui ha volontà di esercitare il diritto di recesso. COMUNICAZIONI PERIODICHE. Finanziaria Familiare invia al Cliente, alla scadenza del contratto, e comunque almeno una volta all anno, apposita comunicazione analitica che contiene le informazioni complete sullo stato del rapporto e sulle condizioni economiche applicate. Le informazioni in essa contenute si intendono tacitamente approvate dal Cliente, in mancanza di opposizione scritta, che pervenga a Finanziaria Familiare entro 60 gg dalla data di avvenuto ricevimento della comunicazione analitica da parte del Cliente. Finanziaria Familiare può scegliere le modalità di invio delle comunicazioni periodiche, modalità che includono in ogni caso la forma cartacea e quella elettronica. In caso di impiego dello strumento informatico, i termini per il diritto di recesso o per la contestazione dell estratto conto decorrono dalla ricezione della comunicazione, intesa quale possibilità per il cliente di accedere al contenuto della comunicazione. In ogni momento del rapporto il Cliente ha diritto di cambiare la tecnica di comunicazione utilizzata, salvo che ciò sia incompatibile con la natura dell operazione e/o servizio. FORO COMPETENTE ED ELEZIONE DI DOMICILIO. Per ogni controversia che potesse sorgere fra Finanziaria Familiare e il Cliente relativamente al presente rapporto si applica l'articolo 18 del codice di procedura civile in quanto il Cliente riveste la qualità di "consumatore" ai sensi del DLgs 206/2005 ( Codice del Consumo"). Il Cliente dichiara che ai fini della ventuale notifica di atti giudiziari nonché per tutta la corrispondenza inerente il presente finanziamento, elegge il Versione n.1 valida dal 01/04/2011 Mod.FINF.010 pag. 5 di 6

6 proprio domicilio presso l'indirizzo riportato all'inizio della presente proposta e si impegna a comunicare tempestivamente a Finanziaria Familiare per iscritto l'eventuale successiva variazione del medesimo. LEGENDA Arbitro Bancario Finanziario ( ABF ) E un sistema di risoluzione delle controversie tra i clienti e le banche e gli altri intermediari finanziari. Il cliente può rivolgersi all Arbitro solo dopo aver tentato di risolvere il problema direttamente con la banca o l intermediario, presentando ad essi un reclamo. Se non rimane soddisfatto delle decisioni dell Arbitro, può comunque rivolgersi al giudice. Capitale Residuo Ammontare del prestito ( in linea capitale non comprensivo degli interessi ) che il Cedente deve ancora versare alla società Cessionaria Estinzione anticipata Facoltà da parte del Cliente di estinguere anticipatamente il debito, rispetto al termine contrattuale concordato, eventualmente dietro pagamento di un onere aggiuntivo. Commissione estinzione anticipata Spesa aggiuntiva eventualmente chiesta al debitore per l estinzione anticipata di un prestito, comunque per la normativa sul credito al consumo non superiore all 1% del capitale residuo. Interessi di mora Penale, espressa in termini percentuali e concordata in fase contrattuale, corrisposta dal debitore al creditore in caso di mancato o ritardato pagamento di una o più rate di rimborso Netto ricavo del prestito Somma che effettivamente rimane a disposizione del mutuatario, al netto delle commissioni corrisposte alla banca committente ed alla società finanziaria, delle spese di istruttoria (ove applicate), dei costi assicurativi (o di garanzia) e delle spese di bollo ed oneri fiscali. Tale somma potrà essere anche sensibilmente inferiore al capitale lordo preso a prestito. Capitale lordo mutuato Somma complessiva finanziata, comprensiva di tutti gli oneri previsti contrattualmente, per la quale è stabilito il rimborso mensile. T.A.E.G. (Tasso Annuo Effettivo Globale) ISC ( indice sintetico di costo ) Indice, espresso in termini percentuali, con due cifre decimali e su base annua, del costo complessivo del finanziamento. Comprende gli oneri accessori quali spese di istruttoria, spese di apertura pratica, spese di incasso delle rate e spese assicurative e oneri erariali (l inclusione di queste ultime due voci può essere opzionale). T.A.N. ( tasso annuo nominale ) E il tasso di interesse, espresso in percentuale e su base annua, applicato dalla Società Cessionaria all importo totale del finanziamento. Nel computo del TAN non entrano oneri accessori quali provvigioni, spese e imposte. Corrisponde al Prezzo (interesse) che il Cedente paga alla Società Cessionaria per la fruizione del prestito nell intervallo di tempo di un anno. T.E.G.M. ( tasso effettivo globale medio ) Arbitro Bancario Finanziario ( ABF ) E l indice di riferimento usato per stabilire se il tasso di interesse applicato è più alto rispetto al tasso soglia legalmente fissato dal Governo. Il Ministero del tesoro, in base alla Legge n. 108/1996 in materia di usura, è chiamato e rilevare, ogni tre mesi, il tasso effettivo globale medio degli interessi praticati dalle banche e dalle società finanziarie nel corso del trimestre precedente, per operazioni della stessa natura. Detto tasso, aumentato della metà, costituisce il limite oltre il quale gli interessi sono usurari. La rilevazione dei tassi medi viene pubblicata, ogni tre mesi, nella Gazzetta Ufficiale con decreto del Ministero del Tesoro ed è esposta presso ogni sede o dipendenza aperta al pubblico degli intermediari bancari e finanziari. E un sistema di risoluzione delle controversie tra i clienti e le banche e gli altri intermediari finanziari. Il cliente può rivolgersi all Arbitro solo dopo aver tentato di risolvere il problema direttamente con la banca o l intermediario, presentando ad essi un reclamo. Se non rimane soddisfatto delle decisioni dell Arbitro, può comunque rivolgersi al giudice. Capitale Residuo Ammontare del prestito ( in linea capitale non comprensivo degli interessi ) che il Cedente deve ancora versare alla società Cessionaria Estinzione anticipata Facoltà da parte del Cliente di estinguere anticipatamente il debito, rispetto al termine contrattuale concordato, eventualmente dietro pagamento di un onere aggiuntivo. Commissione estinzione anticipata Spesa aggiuntiva eventualmente chiesta al debitore per l estinzione anticipata di un prestito, comunque per la normativa sul credito al consumo non superiore all 1% del capitale residuo. Luogo e data sottoscrizione... Firma del Cedente/Delegante per ricevuta... Si precisa che il presente foglio informativo, così come gli altri documenti previsti dalla normativa sulla trasparenza, sono già stati consegnati al cedente/delegante anche al momento della sottoscrizione della richiesta di prestito. Versione n.1 valida dal 01/04/2011 Mod.FINF.010 pag. 6 di 6

PRESTITO PERSONALE CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO

PRESTITO PERSONALE CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO Aggiornato al 01 APRILE 2011 Pag. 1/ 4 Foglio Informativo Aggiornamento n. 8 PRESTITO PERSONALE CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO Consum.it S.p.A. Sede Legale e

Dettagli

PRESTITO PERSONALE CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE

PRESTITO PERSONALE CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE Aggiornato al 01 APRILE 2011 Pag. 1/ 4 Foglio Informativo Aggiornamento n. 7 PRESTITO PERSONALE CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO Consum.it S.p.A. Sede Legale e

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO. Redatto secondo le istruzioni di vigilanza di Banca d Italia

FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO. Redatto secondo le istruzioni di vigilanza di Banca d Italia Pagina 1 di 5 FOGLIO INFORMATIVO Redatto secondo le istruzioni di vigilanza di Banca d Italia Documento n 05 - data ultimo aggiornamento APRILE 2010 NOTA BENE: le parti evidenziate in giallo sono state

Dettagli

PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO

PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO Informazioni sulla Banca B@nca 24-7 S.p.A. Società per azioni avente socio unico Sede legale: Piazza Vittorio Veneto 8-24122 Bergamo - Sede operativa:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA

FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA Normativa sulla Trasparenza Bancaria (T.U. Leggi Bancarie D.Lgs. 385/93 e norme di attuazione) FINANZIAMENTI CON CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO O DELLA PENSIONE E CON DELEGA DI PAGAMENTO MEDIANTE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Prestito Personale ConTanti Cessione del quinto dello stipendio / Delegazione di pagamento

FOGLIO INFORMATIVO Prestito Personale ConTanti Cessione del quinto dello stipendio / Delegazione di pagamento FOGLIO INFORMATIVO Prestito Personale ConTanti Cessione del quinto dello stipendio / Delegazione di pagamento Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari D.Lgs. n. 385/1993

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PER CESSIONE DEL QUINTO - N. 3 DEL 01 luglio 2010 -

FOGLIO INFORMATIVO PER CESSIONE DEL QUINTO - N. 3 DEL 01 luglio 2010 - FOGLIO INFORMATIVO PER CESSIONE DEL QUINTO - N. 3 DEL 01 luglio 2010 - LE CONDIZIONI DI SEGUITO PUBBLICIZZATE NON COSTITUISCONO OFFERTA AL PUBBLICO INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO GE Capital Servizi Finanziari

Dettagli

PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE

PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE Informazioni sulla Banca B@nca 24-7 S.p.A. Società per azioni avente socio unico Sede legale: Piazza Vittorio Veneto 8-24122 Bergamo - Sede operativa:

Dettagli

Foglio Informativo Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari (D.LGS. 385 del 1/9/93 Delibera C.I.C.R.

Foglio Informativo Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari (D.LGS. 385 del 1/9/93 Delibera C.I.C.R. Aggiornato al 01 GENNAIO 2010 Pag. 1 / 6 INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO Foglio Informativo Aggiornamento n. 1 PRESTITO PERSONALE E CARTA DI CREDITO TUTTOFARE PENSIONATI E M HONEY CARD Consum.it S.p.A.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA

FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA Normativa sulla Trasparenza Bancaria (Testo Unico Bancario D.Lgs. 385/93 e norme di attuazione) FINANZIAMENTI CON CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI

Dettagli

PRESTITO PERSONALE E CARTA DI CREDITO TUTTOFARE PENSIONATI E M HONEY CARD

PRESTITO PERSONALE E CARTA DI CREDITO TUTTOFARE PENSIONATI E M HONEY CARD Aggiornato al 01 LUGLIO 2010 Pag. 1/ 6 INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO Foglio Informativo Aggiornamento n. 2 PRESTITO PERSONALE E CARTA DI CREDITO TUTTOFARE PENSIONATI E M HONEY CARD Consum.it S.p.A. Sede

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA

FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA Normativa sulla Trasparenza Bancaria (Testo Unico Bancario D.Lgs. 385/93 e norme di attuazione) FINANZIAMENTI CON CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RELATIVA AL CONTRATTO DI PRESTITO CON RITENUTA DELEGATA

FOGLIO INFORMATIVO DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RELATIVA AL CONTRATTO DI PRESTITO CON RITENUTA DELEGATA FOGLIO INFORMATIVO Pagina 1 di 5 RELATIVA AL CONTRATTO DI PRESTITO CON RITENUTA DELEGATA Redatto secondo le istruzioni di vigilanza di Banca d Italia Documento n 05 - data ultimo aggiornamento APRILE 2010

Dettagli

FIDES S.p.A. Società a socio unico e soggetta a direzione e coordinamento di Banco di Desio e della Brianza S.p.A.

FIDES S.p.A. Società a socio unico e soggetta a direzione e coordinamento di Banco di Desio e della Brianza S.p.A. Foglio informativo n 84 Data ultimo aggiornamento 31/03/2011 FOGLIO INFORMATIVO - Prestito contro cessione del quinto dello stipendio Ai sensi della delibera C.I.C.R. del 04.03.2003 e successivo provvedimento

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA

FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA Normativa sulla Trasparenza Bancaria (Testo Unico Bancario D.Lgs. 385/93 e norme di attuazione) FINANZIAMENTI CON CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI

Dettagli

RICHIESTA DI FINANZIAMENTO ESTINGUIBILE MEDIANTE "CESSIONE DEL QUINTO"

RICHIESTA DI FINANZIAMENTO ESTINGUIBILE MEDIANTE CESSIONE DEL QUINTO DATI CONSEL S.p.A. Direzione Generale: Via Bellini, 2 10121 Torino Tel. 011.50.61.111 Fax 011.50.61.113 info@e-consel.it www.e-consel.it Capitale sociale deliberato: euro 22.666.668,99; sottoscritto e

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO n. 2/2011 del 1 Aprile 2011 CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE

FOGLIO INFORMATIVO n. 2/2011 del 1 Aprile 2011 CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE FOGLIO INFORMATIVO n. 2/2011 del 1 Aprile 2011 (redatto ai sensi della Delibera C.I.C.R. 4 marzo 2003 e del Provvedimento della Banca d Italia 29 luglio 2009) CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE INFORMAZIONI

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA

FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA Normativa sulla Trasparenza Bancaria (Testo Unico Bancario D.Lgs. 385/93 e norme di attuazione) FINANZIAMENTI CON DELEGA DI PAGAMENTO MEDIANTE TRATTENUTE SULLO STIPENDIO FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO SU CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO E PRESTITO CON DELEGAZIONE DI PAGAMENTO AL DATORE DI LAVORO

FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO SU CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO E PRESTITO CON DELEGAZIONE DI PAGAMENTO AL DATORE DI LAVORO Sede legale e Direzione Amministrativa : Via Sferracavallo, 8 (Condominio Acacia) 03043 CASSINO (FR) ITALIA Tel. / Fax 0776 21108 C.F./P.I. 02422400602 C.C.I.A.A. Frosinone - R.E.A. n 151181 Capitale Sociale:

Dettagli

PREFINANZIAMENTO - INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI. 1. Identità e contatti del finanziatore /intermediario del credito

PREFINANZIAMENTO - INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI. 1. Identità e contatti del finanziatore /intermediario del credito PREFINANZIAMENTO - INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI Finanziatore 1. Identità e contatti del finanziatore /intermediario del credito ATLANTIDE SPA Via De Carracci,93 40131 Bologna

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. MUTUO FINALIZZATO ASSISTITO DA GARANZIA FIDEIUSSORIA (Contratto Capitale 5) Aggiornamento del 1 aprile 2007

FOGLIO INFORMATIVO. MUTUO FINALIZZATO ASSISTITO DA GARANZIA FIDEIUSSORIA (Contratto Capitale 5) Aggiornamento del 1 aprile 2007 FOGLIO INFORMATIVO Mod.01/07 MUTUO FINALIZZATO ASSISTITO DA GARANZIA FIDEIUSSORIA (Contratto Capitale 5) Aggiornamento del 1 aprile 2007 Sezione 1 - Informazioni sull Intermediario finanziario Denominazione

Dettagli

PRESTITO PERSONALE E CARTA DI CREDITO TUTTOFARE AZIENDE E M HONEY CARD

PRESTITO PERSONALE E CARTA DI CREDITO TUTTOFARE AZIENDE E M HONEY CARD Aggiornato al 01 LUGLIO 2010 Pag. 1/ 6 Foglio Informativo Aggiornamento n. 3 PRESTITO PERSONALE E CARTA DI CREDITO TUTTOFARE AZIENDE E M HONEY CARD INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO Consum.it S.p.A. Sede

Dettagli

RICHIESTA DI FINANZIAMENTO ESTINGUIBILE MEDIANTE CESSIONE DI QUOTE DELLA RETRIBUZIONE

RICHIESTA DI FINANZIAMENTO ESTINGUIBILE MEDIANTE CESSIONE DI QUOTE DELLA RETRIBUZIONE CONSEL S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Via V. Bellini 2 10121 Torino Tel. 011.50.61.111 Fax 011.57.32.578 info@e-consel.it www.e-consel.it Cod. Fisc./Part. IVA 02007340025 Capitale sociale e riserve:

Dettagli

PRESTITO FINALIZZATO

PRESTITO FINALIZZATO Aggiornato al 01 APRILE 2011 Pag. 1/ 5 Foglio Informativo Aggiornamento n. 6 PRESTITO FINALIZZATO INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO Consum.it S.p.A. Sede Legale ed operativa: Via Vittorio Emanuele, 10 50041

Dettagli

CARTA DI CREDITO REVOLVING M HONEY CARD CLASSIC

CARTA DI CREDITO REVOLVING M HONEY CARD CLASSIC Aggiornato al 01 APRILE 2011 Pag. 1/ 5 Foglio Informativo Aggiornamento n. 7 CARTA DI CREDITO REVOLVING M HONEY CARD CLASSIC INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO Consum.it S.p.A. Sede Legale e Operativa: Via

Dettagli

FINFAMILY S.P.A. FinfamilyS.p. Soluzioni Finanziarie

FINFAMILY S.P.A. FinfamilyS.p. Soluzioni Finanziarie FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO/DELEGAZIONE DI PAGAMENTO (redatto ai sensi della Delibera C.I.C.R. 4 marzo 2003 e del Provvedimento della Banca d Italia 29 luglio

Dettagli

CARTA DI CREDITO CARTA UNICA CLASSIC MONOFUNZIONE

CARTA DI CREDITO CARTA UNICA CLASSIC MONOFUNZIONE Aggiornato al 15 LUGLIO 2010 Pag. 1/ 5 INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO Foglio Informativo Aggiornamento n. 3 CARTA DI CREDITO CARTA UNICA CLASSIC MONOFUNZIONE Consum.it S.p.A. Sede Legale e Operativa:

Dettagli

CARTA DI CREDITO REVOLVING M HONEY CARD CLASSIC

CARTA DI CREDITO REVOLVING M HONEY CARD CLASSIC Aggiornato al 01 LUGLIO 2010 Pag. 1/ 5 Foglio Informativo Aggiornamento n. 2 CARTA DI CREDITO REVOLVING M HONEY CARD CLASSIC INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO Consum.it S.p.A. Sede Legale: Piazza Salimbeni,

Dettagli

PROPOSTA DI FINANZIAMENTO ESTINGUIBILE MEDIANTE CESSIONE PRO SOLVENDO DI QUOTE DI PENSIONE - Mod. CQP 01/10

PROPOSTA DI FINANZIAMENTO ESTINGUIBILE MEDIANTE CESSIONE PRO SOLVENDO DI QUOTE DI PENSIONE - Mod. CQP 01/10 Cod. Fisc./Part. IVA 02007340025 - R.E.A. n. 176931 - Trib. di Biella n. n. 13478/2000 - Iscritta nell'elenco Generale art. 106 T.U. n. 32042 e nell'elenco Speciale art. 107 T.U. n. 32494 Imposta di bollo:

Dettagli

GUIDA CESSIONE DEL QUINTO / DELEGAZIONE DI PAGAMENTO

GUIDA CESSIONE DEL QUINTO / DELEGAZIONE DI PAGAMENTO GUIDA CESSIONE DEL QUINTO / DELEGAZIONE DI PAGAMENTO Sommario LE DOMANDE DI BASE... 2 QUALI SONO I PRINCIPALI DIRITTI DEL CONSUMATORE?... 4 COS E IL SECCI (Standard European Consumer Credit Information

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI (di seguito SECCI : Standard European Consumer Credit Information)

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI (di seguito SECCI : Standard European Consumer Credit Information) Aggiornamento numero 1 del 31/05/2016 - Codice Modulo S_PREV CQ Distanza Agos Ducato S.p.A. - Via Bernina, 7-20158 Milano - www.agosducato.it - Capitale Sociale Euro 638.655.160,00 I.V. Registro delle

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO n. 1/2011 del 1 Gennaio 2011 CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO

FOGLIO INFORMATIVO n. 1/2011 del 1 Gennaio 2011 CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO FOGLIO INFORMATIVO n. 1/2011 del 1 Gennaio 2011 (redatto ai sensi della Delibera C.I.C.R. 4 marzo 2003 e del Provvedimento della Banca d Italia 29 luglio 2009) CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO INFORMAZIONI

Dettagli

Foglio informativo n. 1 Aggiornamento n. 7 Data ultimo aggiornamento: 01/01/2010 FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO PERSONALE. Informazioni sulla banca

Foglio informativo n. 1 Aggiornamento n. 7 Data ultimo aggiornamento: 01/01/2010 FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO PERSONALE. Informazioni sulla banca Foglio informativo n. 1 Aggiornamento n. 7 Data ultimo aggiornamento: 01/01/2010 FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO PERSONALE Informazioni sulla banca SANTANDER CONSUMER BANK S.p.A. (da ora SCB) è una Banca,

Dettagli

PRESTITO PERSONALE PRS

PRESTITO PERSONALE PRS Aggiornato al 01 APRILE 2011 Pag. 1/ 5 Foglio Informativo Aggiornamento n. 6 PRESTITO PERSONALE PRS INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO Consum.it S.p.A. Sede Legale e Operativa: Via Vittorio Emanuele, 10 50041

Dettagli

GUIDA ALLA CESSIONE DEL QUINTO E ALLA DELEGAZIONE DI PAGAMENTO

GUIDA ALLA CESSIONE DEL QUINTO E ALLA DELEGAZIONE DI PAGAMENTO GUIDA ALLA CESSIONE DEL QUINTO E ALLA DELEGAZIONE DI PAGAMENTO Sommario LE DOMANDE DI BASE QUALI SONO I PRINCIPALI DIRITTI DEL CONSUMATORE? COS E IL SECCI (Standard European Consumer Credit Information

Dettagli

CESSIONE DEL QUINTO BANCOPOSTA (concessa da Deutsche Bank SpA) Pensionati INPDAP e INPS (denominato anche Quinto BancoPosta)

CESSIONE DEL QUINTO BANCOPOSTA (concessa da Deutsche Bank SpA) Pensionati INPDAP e INPS (denominato anche Quinto BancoPosta) FOGLIO INFORMATIVO AI SENSI DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI (Istruzioni di vigilanza della Banca d Italia) CESSIONE DEL QUINTO BANCOPOSTA (concessa da Deutsche

Dettagli

NUMERO: DATA: Pagina 1 di 7

NUMERO: DATA: Pagina 1 di 7 NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI CQP IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE FLA SpA FINANZIATORE REA/Pescara n 137769 - C.F./P. IVA: 01520400696 - Cap. Soc. Euro

Dettagli

RICHIESTA DI FINANZIAMENTO ESTINGUIBILE MEDIANTE CESSIONE DI QUOTE DELLA PENSIONE

RICHIESTA DI FINANZIAMENTO ESTINGUIBILE MEDIANTE CESSIONE DI QUOTE DELLA PENSIONE COPIA PER CONSEL Mod. CQP - 09/15 CONSEL S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Via V. Bellini 2 10121 Torino Tel. 011.50.61.111 Fax 011.57.32.578 info@e-consel.it www.e-consel.it Cod. Fisc./Part. IVA

Dettagli

PRESTITO PERSONALE CONTRO CESSIONE PRO SOLVENDO DI QUOTE DELLO STIPENDIO WORLD

PRESTITO PERSONALE CONTRO CESSIONE PRO SOLVENDO DI QUOTE DELLO STIPENDIO WORLD PRESTITO PERSONALE CONTRO CESSIONE PRO SOLVENDO DI QUOTE DELLO STIPENDIO WORLD SEZ. I) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA POPOLARE DELL EMILIA ROMAGNA (codice ABI 5387.6) Società cooperativa con sede legale

Dettagli

PRESTITO PERSONALE TUTTOFARE

PRESTITO PERSONALE TUTTOFARE Aggiornato al 01 OTTOBRE 2010 Pag. 1/ 5 Foglio Informativo Aggiornamento n. 4 PRESTITO PERSONALE TUTTOFARE INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO Consum.it S.p.A. Sede Legale e Operativa: Via Vittorio Emanuele,

Dettagli

PRESTITO con DELEGAZIONE di PAGAMENTO al datore di lavoro CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DELL OPERAZIONE

PRESTITO con DELEGAZIONE di PAGAMENTO al datore di lavoro CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DELL OPERAZIONE 1 FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi delle disposizioni di cui alla Delibera CICR 04.03.2003 e successivo provvedimento di attuazione della Banca d Italia 29.07.2003 INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO IDEA

Dettagli

Assicurato/Beneficiario: il soggetto cui l Impresa deve corrispondere l indennizzo in caso di sinistro.

Assicurato/Beneficiario: il soggetto cui l Impresa deve corrispondere l indennizzo in caso di sinistro. Condizioni di Assicurazione della Polizza per l Assicurazione sul Credito a garanzia delle perdite patrimoniali derivanti dalla Contraente in caso di perdita dell impiego del mutuatario relativa a prestiti

Dettagli

PRESTITO PERSONALE TUTTOFARE

PRESTITO PERSONALE TUTTOFARE Aggiornato al 01 APRILE 2011 Pag. 1/ 5 Foglio Informativo Aggiornamento n. 8 PRESTITO PERSONALE TUTTOFARE INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO Consum.it S.p.A. Sede Legale e Operativa: Via Vittorio Emanuele,

Dettagli

Che cos è un prestito contro la cessione del quinto dello stipendio o della pensione.

Che cos è un prestito contro la cessione del quinto dello stipendio o della pensione. Foglio Informativo n. 5300/17 Data ultimo aggiornamento: 01 Aprile 2011 Dati e qualifica del soggetto che entra in rapporto con il cliente (in caso di offerta fuori sede) Timbro Filiale/Agenzia Foglio

Dettagli

Foglio informativo n. 3 Aggiornamento n. 35 Data ultimo aggiornamento:03/12/2010 FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO PERSONALE

Foglio informativo n. 3 Aggiornamento n. 35 Data ultimo aggiornamento:03/12/2010 FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO PERSONALE 03191 Foglio informativo n. 3 Aggiornamento n. 35 Data ultimo aggiornamento:03/12/2010 INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO PERSONALE SANTANDER CONSUMER BANK S.p.A. (da ora anche SCB) Via

Dettagli

Foglio informativo n. 1 CBU Aggiornamento n. 3 Data ultimo aggiornamento: 01/09/2010 FOGLIO INFORMATIVO CONTRATTO PER LA RINEGOZIAZIONE DEL DEBITO

Foglio informativo n. 1 CBU Aggiornamento n. 3 Data ultimo aggiornamento: 01/09/2010 FOGLIO INFORMATIVO CONTRATTO PER LA RINEGOZIAZIONE DEL DEBITO 03191 Foglio informativo n. 1 CBU Aggiornamento n. 3 Data ultimo aggiornamento: 01/09/2010 FOGLIO INFORMATIVO CONTRATTO PER LA RINEGOZIAZIONE DEL DEBITO INFORMAZIONI SULLA SOCIETÀ SANTANDER CONSUMER FINANZIA

Dettagli

Foglio informativo n. 1 Aggiornamento n. 16 FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO PERSONALE

Foglio informativo n. 1 Aggiornamento n. 16 FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO PERSONALE Foglio informativo n. 1 Aggiornamento n. 16 Data ultimo aggiornamento: 01/04/2011 INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO PERSONALE SANTANDER CONSUMER BANK S.p.A. (da ora anche SCB) Via Nizza

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI - 0515 Consumatore. CONTRATTO DI CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE N.. INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. Identità e contatti del finanziatore/ intermediario del credito FINANZIATORE

Dettagli

Che cos è un prestito contro la cessione del quinto dello stipendio o della pensione.

Che cos è un prestito contro la cessione del quinto dello stipendio o della pensione. Foglio Informativo n. 5300/15 Data ultimo aggiornamento: 01 Ottobre 2010 Dati e qualifica del soggetto che entra in rapporto con il cliente (in caso di offerta fuori sede) Timbro Filiale/Agenzia Foglio

Dettagli

CONVENZIONE TIPO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI ENASARCO

CONVENZIONE TIPO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI ENASARCO CONVENZIONE TIPO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI ENASARCO L anno, il giorno del mese di in Roma Via TRA La FONDAZIONE ENASARCO, con sede in Roma, Via Antoniotto Usodimare

Dettagli

Foglio informativo n. 2 Aggiornamento n. 12 Data ultimo aggiornamento:01/10/2010 FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO PERSONALE

Foglio informativo n. 2 Aggiornamento n. 12 Data ultimo aggiornamento:01/10/2010 FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO PERSONALE 03191 Foglio informativo n. 2 Aggiornamento n. 12 Data ultimo aggiornamento:01/10/2010 INFORMAZIONI SULLA SOCIETÀ FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO PERSONALE SANTANDER CONSUMER FINANZIA S.r.l. Piazza Derna,

Dettagli

Foglio informativo n. 1 Aggiornamento n. 11 Data ultimo aggiornamento:01/09/2010 FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO PERSONALE

Foglio informativo n. 1 Aggiornamento n. 11 Data ultimo aggiornamento:01/09/2010 FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO PERSONALE 03191 Foglio informativo n. 1 Aggiornamento n. 11 Data ultimo aggiornamento:01/09/2010 INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO PERSONALE SANTANDER CONSUMER BANK S.p.A. Via Nizza n. 262-10126

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI FINANZIARIA FAMILIARE S.p.A. Sede Legale ed Operativa - Viale Erminio Spalla, 9-00142 Roma Tel. 0651294800 Fax 0651294870 C. F. e P. IVA 07971341008 R.E.A. 1065264 Capitale sociale euro 3.440.820 i.v.

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE RELATIVE AL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE RELATIVE AL CREDITO AI CONSUMATORI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE RELATIVE AL CREDITO AI CONSUMATORI Contratto di prestito rimborsabile attraverso cessione pro solvendo di quote della pensione Contratto di cessione n. 1. Identità e contatti

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Prestito Personale a Privati

FOGLIO INFORMATIVO. Prestito Personale a Privati FOGLIO INFORMATIVO Prestito Personale a Privati INFORMAZIONI SULLA BANCA SANFELICE 1893 BANCA POPOLARE Soc. Coop. p. a. Piazza Matteotti, 23-41038 San Felice sul Panaro (MO) Tel.: 0535/89811 Fax: 0535/83112

Dettagli

Cliente. CONTRATTO DI CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE N.. INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

Cliente. CONTRATTO DI CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE N.. INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI . Cliente. CONTRATTO DI CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE N.. INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. Identità e contatti del finanziatore/ intermediario del credito FINANZIATORE Indirizzo

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI . - 1214 Consumatore CONTRATTO DI DELEGAZIONE DI PAGAMENTO N.. INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. Identità e contatti del finanziatore/ intermediario del credito FINANZIATORE Indirizzo

Dettagli

1. Identità e contatti del Finanziatore/Intermediario del credito

1. Identità e contatti del Finanziatore/Intermediario del credito Imposta di bollo assolta in modo virtuale. Autorizzazione Agenzia delle Entrate di Roma Provvedimento n. 008655/10 del 16/03/2010 RACES FINANZIARIA S.p.A. Sede legale: (00161) Roma, via A. Torlonia, 16/18,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Prestito Personale a Privati TASSO FISSO

FOGLIO INFORMATIVO. Prestito Personale a Privati TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO Prestito Personale a Privati TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA SANFELICE 1893 BANCA POPOLARE Soc. Coop. p. a. Piazza Matteotti, 23-41038 San Felice sul Panaro (MO) Tel.: 0535/89811

Dettagli

GUIDA ALLA CESSIONE DEL QUINTO E ALLA DELEGAZIONE DI PAGAMENTO

GUIDA ALLA CESSIONE DEL QUINTO E ALLA DELEGAZIONE DI PAGAMENTO GUIDA ALLA CESSIONE DEL QUINTO E ALLA DELEGAZIONE DI PAGAMENTO Sommario LE DOMANDE DI BASE QUALI SONO I PRINCIPALI DIRITTI DEL CONSUMATORE? COSʼEʼ IL SECCI (Standard European Consumer Credit Information

Dettagli

NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI (D.LGS 385 DEL 01/09/1993 e successivi aggiornamenti) INFORMAZIONI SULLA BANCA

NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI (D.LGS 385 DEL 01/09/1993 e successivi aggiornamenti) INFORMAZIONI SULLA BANCA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI (D.LGS 385 DEL 01/09/1993 e successivi aggiornamenti) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.p.A. GRUPPO BANCARIO CASSA

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE FINANZIATORE INDIRIZZO IBL Banca

Dettagli

Cliente CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI. Corso Buenos Aires, 79 20124 Milano

Cliente CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI. Corso Buenos Aires, 79 20124 Milano Cliente CONTRATTO DI CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO N. INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. Identità e contatti del finanziatore/ intermediario del credito FINANZIATORE Indirizzo

Dettagli

Foglio Informativo PRESTITO PERSONALE

Foglio Informativo PRESTITO PERSONALE Foglio Informativo n. 5000/37 Data ultimo aggiornamento: 01 Luglio 2010 Dati e qualifica del soggetto che entra in rapporto con il cliente (in caso di offerta fuori sede) Istituto Bancario del Lavoro S.p.A.

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO ALLE FAMIGLIE CREDITO AMICO

MUTUO CHIROGRAFARIO ALLE FAMIGLIE CREDITO AMICO Il presente foglio informativo non costituisce offerta al pubblico ai sensi dell art. 1336 Cod.Civ. MUTUO CHIROGRAFARIO ALLE FAMIGLIE CREDITO AMICO Riservato a Soci persone fisiche (alla data richiesta

Dettagli

CONTRATTO DI FINANZIAMENTO CONTRO DELEGAZIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO E CESSIONE TFR INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

CONTRATTO DI FINANZIAMENTO CONTRO DELEGAZIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO E CESSIONE TFR INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI CONTRATTO DI FINANZIAMENTO CONTRO DELEGAZIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO E CESSIONE TFR INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE Finanziatore Indirizzo

Dettagli

Cognome Nome Matricola

Cognome Nome Matricola A IL CHIODO SOCIETA COOPERATIVA fra gli addetti alla Cassa di Risparmio di Firenze Il Socio sottoscritto: Cognome Nome Matricola Dipendente Pensionato di Banca CR Firenze S.p.A. * Ente Cassa di Risparmio

Dettagli

indirizzo e n. civico:

indirizzo e n. civico: Imposta di bollo assolta in modo virtuale. Autorizzazione Agenzia delle Entrate di ROMA. Provvedimento n. 008655/10 del 16/03/2010 RACES FINANZIARIA S.p.A. Sede legale: (00161) Roma, via A. Torlonia, 16/18,

Dettagli

MODELLO STANDARD CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE

MODELLO STANDARD CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. Identità e contatti del finanziatore/ intermediario del credito Finanziatore Mandataria Telefono Email Fax Sito web Conafi Prestitò S.p.A. Via

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO PERSONALE (PrestoSì CASALINGHE) Versione 2.0 (data ultimo aggiornamento 10 Novembre 2010)

FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO PERSONALE (PrestoSì CASALINGHE) Versione 2.0 (data ultimo aggiornamento 10 Novembre 2010) FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO PERSONALE (PrestoSì CASALINGHE) Versione 2.0 (data ultimo aggiornamento 10 Novembre 2010) Informazioni sull intermediario finanziario. Denominazione sociale: T&T Finanziaria

Dettagli

Foglio Informativo PRESTITO PERSONALE

Foglio Informativo PRESTITO PERSONALE Foglio Informativo n. 5000/39 Data ultimo aggiornamento: 01 Gennaio 2011 Dati e qualifica del soggetto che entra in rapporto con il cliente (in caso di offerta fuori sede) Foglio Informativo PRESTITO PERSONALE

Dettagli

Foglio informativo n. 3 Aggiornamento n. 38 FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO PERSONALE

Foglio informativo n. 3 Aggiornamento n. 38 FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO PERSONALE Foglio informativo n. 3 Aggiornamento n. 38 Data ultimo aggiornamento: 01/04/2011 INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO PRESTITO PERSONALE SANTANDER CONSUMER BANK S.p.A. (da ora anche SCB) Via Nizza

Dettagli

Foglio Informativo PRESTITO PERSONALE

Foglio Informativo PRESTITO PERSONALE Foglio informativo n. 1/2011 Aggiornamento n 1 Data ultimo aggiornamento: 01 Aprile 2011 INFORMAZIONI SUL SOGGETTO COLLOCATORE Ragione Sociale del soggetto collocatore (timbro del dealer) DATI E QUALIFICA

Dettagli

Foglio Informativo FINANZIAMENTO

Foglio Informativo FINANZIAMENTO Foglio Informativo n. 5800/04 Data ultimo aggiornamento: 01 Ottobre 2012 Dati e qualifica del soggetto incaricato dell offerta (in caso di offerta fuori sede) Foglio Informativo FINANZIAMENTO CONDOMINIO

Dettagli

Cliente CONTRATTO DI DELEGAZIONE DI PAGAMENTO N «TableID_PRATICA»..

Cliente CONTRATTO DI DELEGAZIONE DI PAGAMENTO N «TableID_PRATICA».. Cliente CONTRATTO DI DELEGAZIONE DI PAGAMENTO N «TableID_PRATICA».. INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. Identità e contatti del finanziatore/ intermediario del credito FINANZIATORE

Dettagli

Prestito Personale CreditExpress Giovani

Prestito Personale CreditExpress Giovani Foglio informativo n CL37 aggiornamento n 004 data ultimo aggiornamento 02.03.2011 Norme per la trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari ai sensi degli artt. 115 e segg. T.U.B. FOGLIO

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO FINANZIAMENTO A TERMINE PRESTITO PERSONALE FIDIAMO

FOGLIO INFORMATIVO FINANZIAMENTO A TERMINE PRESTITO PERSONALE FIDIAMO FOGLIO INFORMATIVO Redatto secondo le istruzioni di vigilanza di Banca d Italia Documento n 07 - data ultimo aggiornamento GENNAIO 2011 INFORMAZIONI SULL INTERMEDIARIO FINANZIARIO Denominazione Legale:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Foglio informativo n. 2/10 Data ultimo aggiornamento: Febbraio 2010

FOGLIO INFORMATIVO. Foglio informativo n. 2/10 Data ultimo aggiornamento: Febbraio 2010 IMPOSTA DI BOLLO ASSOLTA IN MODO VIRTUALE SU ORIGINALE AUT. AGENZIA DELLE ENTRATE UFFICIO DI BORGOMANERO N. 1/2006 DEL 07/06/2006 FOGLIO INFORMATIVO Foglio informativo n. 2/10 Data ultimo aggiornamento:

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI CESSIONE DEL QUINTO DELLa pensione

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI CESSIONE DEL QUINTO DELLa pensione Copia originale per Sig./Sig.ra Cognome e Nome INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI CESSIONE DEL QUINTO DELLa pensione 1. identità e contatti del finanziatore / INTERMEDIARIO DEL CREDITO

Dettagli

Foglio Informativo PRESTITO PERSONALE

Foglio Informativo PRESTITO PERSONALE Foglio Informativo n. 5000/40 Data ultimo aggiornamento: 01 Aprile 2011 Dati e qualifica q del soggetto che entra in rapporto con il cliente (in caso di offerta fuori sede) Foglio Informativo PRESTITO

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI .. - 0815 Consumatore. CONTRATTO DI CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO N. INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. Identità e contatti del finanziatore/ intermediario del credito FINANZIATORE

Dettagli

Informazioni europee di base sul credito ai consumatori Prestito rimborsabile mediante cessione del quinto della retribuzione

Informazioni europee di base sul credito ai consumatori Prestito rimborsabile mediante cessione del quinto della retribuzione ProFamily S.p.A. a socio unico. Sede legale in Milano, Via Massaua 6, 20146. Capitale sociale Euro 50.000.000 i.v. Codice fiscale, P. lva e iscrizione Registro lmprese di Milano n. 09646131004. Società

Dettagli

CONTRATTO DI FINANZIAMENTO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE/STIPENDIO E TFR INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

CONTRATTO DI FINANZIAMENTO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE/STIPENDIO E TFR INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI CONTRATTO DI FINANZIAMENTO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE/STIPENDIO E TFR INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE Finanziatore Indirizzo

Dettagli

CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO

CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO INFORMATIVA GENERALE SUL CONTRATTO DI PRESTITO A DIPENDENTI DI AZIENDE PRIVATE RIMBORSABILE MEDIANTE CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO CREDITO AL CONSUMO Informazioni pubblicitarie con finalità promozinali

Dettagli

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE Copia Copia originale per il per UNICREDIT Sig./Sig.ra Cognome e Nome INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI CESSIONE DEL QUINTO DELLa pensione 1. identità e contatti del finanziatore

Dettagli

INFORMATIVA GENERALE SUL CONTRATTO DI PRESTITO A PENSIONATI RIMBORSABILE MEDIANTE CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE-CREDITO AL CONSUMO

INFORMATIVA GENERALE SUL CONTRATTO DI PRESTITO A PENSIONATI RIMBORSABILE MEDIANTE CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE-CREDITO AL CONSUMO INFORMATIVA GENERALE SUL CONTRATTO DI PRESTITO A PENSIONATI RIMBORSABILE MEDIANTE CESSIONE DEL QUINTO DELLA PENSIONE-CREDITO AL CONSUMO Informazioni pubblicitarie con finalità promozionali ai sensi del

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO FARMACIE BT (breve termine) Aggiornato al 29/10/2015 PER CLIENTI NON CONSUMATORI

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO FARMACIE BT (breve termine) Aggiornato al 29/10/2015 PER CLIENTI NON CONSUMATORI FOGLIO INFORMATIVO MUTUO FARMACIE BT (breve termine) Aggiornato al 29/10/2015 PER CLIENTI NON CONSUMATORI INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA IFIS S.P.A. Sede Legale: via Terraglio 63-30174 Venezia Mestre Direzione

Dettagli

APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE PER SCONTO O ANTICIPAZIONE EFFETTI/FATTURE 1

APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE PER SCONTO O ANTICIPAZIONE EFFETTI/FATTURE 1 FOGLIO INFORMATIVO APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE PER SCONTO O ANTICIPAZIONE EFFETTI/FATTURE Data aggiornamento: 08/02/2011 } {_Documento} INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa Centrale Banca Credito Cooperativo

Dettagli

PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO/DELEGAZIONE DI PAGAMENTO FOGLIO INFORMATIVO

PRESTITO CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO/DELEGAZIONE DI PAGAMENTO FOGLIO INFORMATIVO NEOS BANCA SpA Via Indipendenza 2 40121 Bologna Tel. 051.21181, Fax 051.7450430 www.neosbanca.com Capitale sociale Euro 89.818.181,70 i.v. Iscrizione Registro Imprese Bologna Codice Fiscale e Partita IVA

Dettagli

Copia idonea per la stipula

Copia idonea per la stipula (segue sul retro) INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE Finanziatore Indirizzo Telefono/Email/Fax/Sito web Futuro S.p.A. Sede Legale via Caldera

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO Copia originale per UNICREDIT Sig./Sig.ra Cognome e Nome INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. identità e contatti del finanziatore / INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore UniCredit

Dettagli