AVALON - Added Value of Local Networking. Promotore Gesellschaft für soziale Unternehmensberatung mbh - gsub mbh

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AVALON - Added Value of Local Networking. Promotore Gesellschaft für soziale Unternehmensberatung mbh - gsub mbh"

Transcript

1

2 Titolo AVALON - Added Value of Local Networking Capo progetto Contatto Dr. Reiner Aster Bettina Papenburg Promotore Gesellschaft für soziale Unternehmensberatung mbh - gsub mbh Indirizzo ufficiale Oranienburger Straße 65 D Berlin Tel: +49 /030/ Fax: +49 /030/ Indirizzi Sito Internet: Neu: Numero di Riferimento Accordo VS/2000/0774 D 59 Data di inizio Data finale Nome del Programma (contrattuale), (reale) (contrattuale), (reale) Preparatory Measures for a Local Commitment for Employment Misura N. 3 Copertura geografica Organizzazioni Partner: Partner associato: Il presente progetto coprirà le seguenti aree: Berlino, Amburgo, Londra, Cantabria e Roma / Catania Sicilia. D Johann-Daniel-Lawaetz-Stiftung UK Haringey Council and the College of North East London E Documenta I CIOFS-FP (Centro Italiano Opere Femminili Salesiane Formazione Professionale) IR Dublin Territorial Employment Pact S Europaforum Stockholm 1

3 Breve presentazione dell'organizzazione a capo del progetto: Dal 1991, la Gsub opera in qualità di società fiduciaria ed ente erogatore di fondi alle imprese con il supporto del Land di Berlino. Attualmente la Gsub sostiene circa posti di lavoro. La Gsub sviluppa e realizza progetti europei, ovvero progetti che rientrano nell'ambito delle iniziative comunitarie ADAPT ed ECOS OVERTURE. La Gsub ha operato in qualità di coordinatore del patto territoriale per l'occupazione di Neukölln fin dal Ha ottenuto la certificazione DIN ISO 9001 e IQNet. 2

4 Indice: Pagina 1. Punto di partenza (Ipotesi) ed obiettivi del Progetto 6 2. Metodologia di autovalutazione Analisi descrittiva e comparativa Studio dei casi Benchmarking Scambio di esperti I partner transnazionali ed i rispettivi territori Londra: lo Haringey Council ed il College of North East London (CONEL) Amburgo: Johann Daniel Lawaetz Stiftung Cantabria: Documenta Instituto Europeo de Estudios Para La Formación y El Desarrollo 3.4. Sicila Catania: CIOFS FP Centro Italiano Opere Femminili Salesiane -Formazione Professionale 3.5. Berlino: Gsub Gesellschaft für soziale Unternehmensberatung mbh Dublino: Patti Territoriali per l'occupazione Stoccolma: Consiglio Municipale Europaforum Analisi comparativa dei territori Esempi di buone prassi mirate al coinvolgimento di imprese in partenariati locali - comprensivi dell'opinione degli esperti Londra-Haringey Il North London Stansted Partnership (NLSP) Runway to Work CREATE Iniziativa di formazione ed occupazione 59 3

5 4.2. Amburgo Round Tables (Tavole Rotonde) Un progetto per imprese in crisi della Camera di Commercio di Amburgo Hep Il programma di Amburgo per l'avviamento di imprese Cantabria Assegno di Servizio (Service Cheque) Spin-off accademico Sicilia Catania INTEGRA Cooperazione per il reinserimento di giovani a rischio di esclusione sociale Il settore della microelecttronica a Catania: il caso della ST Microelectronics Berlino La srategia rappresentata dai Patti del distretto di Berlino Creare la propria impresa Neue GründerZEIT Challenge Sostenere il cambiamentostrtturale a livello aziendale Dublino Il Patto di Dublino per l Occupazione Fastrack in to Technology (FIT) Ltd Stoccolma Kista Matching Handcraft Fattori chiave per il successo - Analisi comparativa degli esempi di buone prassi, comprensiva die pareri a cura degli esperti 5.1. Reti complementari partenariati di tipo pubblico-private e partenariati intersettoriali

6 5.2. Partecipazione attiva delle imprese locali Coinvolgimento delle grandi imprese e delle società controllanti Coinvolgimento delle piccole, medie e microimprese Progetti di avviamento di impresse creare nuove imprese a livello locale Regioni competitive imprese competitive Identità Aziendale (IA) e marketing di una regione Verso i fabbisogni della popolazione conciliare questioni economiche e sociali 5.6. Migliorare le competenze di base a livello locale ed aziendale Il ruolo del finanziamento Il significato della ricerca, della valutazione e degli obiettivi quantitivi Il ruolo dell intermediario Trasferabilità ed innovazione Summario Collaborazione transnazionale Valutazioni, Conclusioni and Raccomandazioni 6.1. Dalla teoria alla practica confronto tra I resultati ottenuti è gli obiettivi iniziali 6.2. Elaborare gli elementi di una strategia locale per l occupazione, di tipo trasferibile 6.3. Riflessioni sul processo di cooperazione transnazionale Valutazioni, Conclusioni and Raccomandazioni 7 Il processo di benchmarking: un confronto tra le regioni rispetto alle strutture del partenariato e agli aspetti innovativi

7 1. Punto di partenza (Ipotesi) ed obiettivi del Progetto Nell'introdurre la presente relazione conclusiva, ci pare opportuno ricordare alcuni degli obiettivi e delle ipotesi iniziali, già indicati nel modulo di domanda. Quindi, nel presente primo capitolo verranno illustrati nel dettaglio i problemi e le ipotesi che sono emerse durante la realizzazione del progetto. Nella domanda si partiva da due ipotesi per AVALON: A)Analizzare il ruolo svolto dal settore privato nei patti locali per l'occupazione, nonché dal sostegno alle micro imprese nei piani di avviamento all'impresa. B) Analizzare il problema delle prospettive occupazionali che si determinano grazie alla cooperazione tra partner diversi in settori che esulano dalla loro consueta sfera di influenza. L'obiettivo del progetto è stato individuato nell'analisi, valutazione e sviluppo dell'esperienza acquisita dal candidato e dai suoi partner in progetti di sviluppo locale, e/o patti territoriali per l'occupazione. Il Progetto AVALON si proponeva di individuare una strategia generale e trasferibile attraverso il raffronto di esempi di buone prassi realizzati nelle diverse regioni. Inoltre, era nostra intenzione pervenire ad individuare un metodo per favorire l'imprenditorialità nelle regioni caratterizzate da un elevato tasso di disoccupazione e da gravi problemi sociali 1. Una delle principali ipotesi proposte dal progetto AVALON è la seguente "Il coinvolgimento di imprese, il sostegno alle imprese per migliori prospettive occupazionali e l'integrazione di partner attivi a livello locale e delle loro risorse, costituiscono fattori chiave per il successo delle reti locali che tendono al miglioramento dell occupazione". La suddetta ipotesi principale necessita tuttavia di alcune note di commento e sotto-ipotesi fondamentali in relazione all'importanza assunta dal livello locale e dall'impegno imprenditoriale a livello locale. Secondo un'ipotesi iniziale, a livello locale vi sarebbero potenziali zone di crescita che presentano prospettive occupazionali positive ancora da identificare; in altre parole, esisterebbe un notevole potenziale di risorse ancora da sviluppare ed opportunità per la creazione di posti di lavoro suscettibili di sviluppo. Si tratta dunque di stimolare l'occupazione non soltanto intervenendo sulle condizioni macroeconomiche generali, ma anche a livello locale, ovvero, in concreto, nei circa comuni europei. 1 Si rimanda a tale proposito al Modulo di Domanda della Gsub Mbh, Progetto AVALON, «Detailed Discription of the project»,

8 Pertanto, ai fini dello sviluppo dell occupazione, si tende oggi ad attribuire grande importanza alle aziende a livello locale, in quanto molto spesso costituiscono i principali datori di lavoro nella zona, e per tale ragione esercitano un'influenza diretta sull'occupazione. Inoltre, nelle competenze degli enti locali ricadono aree in cui è possibile creare nuova occupazione. Tali enti sono evidentemente chiamati a svolgere un ruolo rilevante nello sviluppo dei partenariati per l'occupazione, nell'agire da stimolo e nello strutturare l'occupazione a livello locale, in quanto primo livello democraticamente eletto del sistema statale, quindi più vicino alla gente ed all'economia locale. Di recente, sono il settore sanitario e sociale, i servizi alle imprese, l'industria alberghiera e la ristorazione, le attività del tempo libero, quelle culturali e sportive ad aver registrato il più elevato tasso di crescita occupazionale nell'unione Europea 2. In altre tipologie di attività economiche a livello locale, come il commercio al dettaglio, l'edilizia ed i trasporti pubblici, ad esempio, la crescita occupazionale può essere attribuita al numero di nuovi posti di lavoro creati, piuttosto che ai tassi di crescita. Secondo i dati dell'unione (1998), il 99,8% delle imprese private era costituito da imprese di piccole e medie dimensioni; il 93,1% di queste era costituito da micro imprese (con un massimo di 10 dipendenti). Se considera il complesso delle imprese non-agricole, il 33,9% degli occupati è impiegato in tale tipologia di impresa. Sono inoltre queste le imprese che registrano una forte crescita occupazionale. In particolare, tali imprese si confrontano con problemi e difficoltà che possono venire più facilmente risolti a livello locale. Secondo un'ulteriore ipotesi, l'integrazione delle imprese a livello locale, l'offerta di strutture di sostegno (in particolare per le micro imprese, ma anche per quelle di piccole e medie dimensioni) a favore dell'avviamento di nuove imprese ma anche del consolidamento, della crescita e della sostenibilità, rappresentano fondamentali fattori di successo per una moderna politica occupazionale. Le capacità competitive delle singole imprese dipendono in una certa misura da quelle della rispettiva regione di appartenenza. Si tratta quindi di cercare di incrementare la competitività delle imprese già esistenti e consolidate, e di quelle di più recente creazione attraverso partenariati locali, nonché attraverso attività di "problem solving" a vantaggio delle singole imprese. Al fine di sfruttare appieno il potenziale occupazionale locale, occorre considerare le reali esigenze delle imprese locali. D'altro canto, le imprese locali sono a loro volta chiamate a dare il proprio contributo nella formulazione ed implementazione delle strategie per l'occupazione e lo sviluppo a livello locale, in quanto non è possibile dare una risposta adeguata alle esigenze dei reali destinatari esclusivamente attraverso approcci di natura governativa oppure esterni alle imprese. La partecipazione attiva di imprenditori ed imprenditrici nel campo dei partenariati per l'occupazione deve quindi non solo essere incoraggiata, ma è da considerarsi essenziale. Al fine di affrontare tali questioni in maniera comprensibile per i rappresentanti delle imprese ma anche per un più ampio pubblico, nella prima brochure sono stati formulati i seguenti interrogativi: 2 A tale proposito si rimanda all'avviso della Commission..."Acting locally for Employment", Bruxelles, 7 Aprile 2000, Commissione delle Comunità Europee. 7

9 Come coinvolgere le piccole e medie imprese, i commercianti e gli artigiani, le imprese in fase di avviamento e le aziende di grandi dimensioni nei patti locali e nei piani di azione? Qual è il valore aggiunto per le imprese, e - per converso - cosa possono offrire ai patti? Quale sostegno viene offerto dai patti, nella fattispecie per l avviamento di imprese a livello locale? In senso generale, quali sono gli indicatori del successo dei patti locali per l'occupazione? Inoltre, nella suddetta brochure, è stato definito un ulteriore obiettivo i cui risultati sono destinati alla Commissione: "Il principale obiettivo di AVALON consiste nel formulare raccomandazioni per la Commissione Europea e per le regioni europee in relazione a come coinvolgere e sollecitare l'impegno delle imprese private nei patti locali per l'occupazione in misura maggiore rispetto a quanto non avvenga oggi". Come può configurarsi, a livello locale, il contributo alla creazione di posti di lavoro ed a favore di uno sviluppo economico maggiormente sostenibile? Quali sono i fattori chiave e gli elementi di successo? Quali problemi possono emergere? Quali sono gli ostacoli da superare? 3 2. Metodologia di Autovalutazione Nel modulo di domanda sono stati previste le seguenti fasi in quanto momenti costitutivi dell'approccio metodologico adottato dal progetto AVALON: Workshop di apertura Newsletter Analisi comparativa e sinopsi Conferenza iniziale Scambio transnazionale di esperti Workshop finale Seconda conferenza finale Relazione finale Vario materiale di disseminazione I suddetti momenti si sono svolti secondo il programma prestabilito, fatte salve alcune limitazioni rappresentate dal pubblico invitato agli incontri ed agli scambi di esperti. 3 Brochure «AVALON», Versione inglese, Marzo

10 Non è stato possibile invitare tutti i partecipanti agli incontri pianificati per motivi finanziari. Per lo stesso motivo, il numero e la durata dei soggiorni degli esperti nelle varie regioni sono stati inferiori rispetto a quanto auspicato. Tuttavia, al fine di ottenere risultati di maggiore validità ed affidabilità, in occasione della prima conferenza svoltasi a Roma è stato deciso di introdurre elementi ulteriori quali il "Benchmarking" (analisi comparativa), e lo Studio di casi (Case studies) Analisi descrittiva e comparativa Al fine di comparare le regioni (a tale proposito si rimanda al Capitolo 3), si è ricorso a dati statistici relativi a: Popolazione totale Tassi di disoccupazione Tassi di occupazione Totale disoccupati di lunga durata Tassi di crescita del PIL Principali settori economici Inoltre, descrizioni qualitative di ciascuna regione hanno contribuito a fornire ulteriori informazioni ai fini del raffronto tra le regioni e le aree specifiche in cui sono stati svolti i progetti di buone prassi. In seguito al workshop di apertura, i candidati hanno provveduto a redigere una prima versione dell'analisi comparativa, basata sulle dichiarazioni dei partner e degli altri esperti rilasciate a Berlino in data 22 e 23 marzo, ed arricchita dal contenuto dei verbali del primo incontro. Il contributo di SEYFRIED (2001), presentato in occasione del suddetto workshop di apertura di Berlino ha fornito il quadro di riferimento teorico, come peraltro anche alcuni aspetti dell'opera di PUTNAM 4. L'obiettivo di tale primo raffronto consisteva nell'individuare, attraverso l'analisi di materiali diversi, i fattori chiave di successo delle attività a favore dell'occupazione a livello locale, in particolar modo di quelle legate al coinvolgimento delle imprese o del settore privato. Prima di procedere alla comparazione ed al clustering (raggruppamento) dei diversi temi e proposte, il primo capitolo della presente relazione propone un raffronto tra le regioni interessate dal progetto (a tale proposito si rimanda al capitolo 3). Tale prima analisi comparativa è stata sviluppata durante la fase di elaborazione del progetto sulla base di documentazione aggiuntiva e maggiormente dettagliata inviata dai partner al candidato, e sulla base degli input emersi nel corso degli incontri (workshop e conferenze). Tale metodo ha reso possibile l'identificazione di fattori chiave di successo, di percorsi per coinvolgere le imprese, e di elementi trasferibili nelle diverse regioni europee caratterizzate da profonde differenze. 4 Robert D. Putnam Making Democracy work Civic Traditions in Modern Italy, Princeton University Press

11 2.2. Casi di studio Gli esempi di buone prassi utilizzati come fonte dei dati impiegati per l'analisi comparativa possono essere definiti come classici casi di studio. Ciascun partner ha presentato uno o due esempi considerati esempi di "buone prassi" nella regione di appartenenza, relativi al coinvolgimento di imprese, o al sostegno all avviamento di imprese. Inoltre, nei vari studi è stata fornita una descrizione delle reti locali, delle istituzioni, delle diverse tipologie e qualità dei rapporti tra i partner, ecc., sulla base di esperienze, limiti e raccomandazioni sulla trasferibilità. Al fine di comprendere i principi alla base di tale approccio, può essere opportuno fornire qualche delucidazione sulla metodologia applicata nei casi di studio : In linea di principio, nello studio dei casi è possibile ricorrere indifferentemente ad un approccio qualitativo o quantitativo. Tuttavia, il metodo qualitativo e quello quantitativo non si escludono per natura a vicenda. I metodi qualitativi costituiscono un connubio di approcci razionali ed intuitivi in cui le esperienze personali occupano una posizione essenziale. Tendono a descrivere lo svolgimento di processi sociali, in contrasto con i metodi quantitativi, che invece affrontano le strutture sociali a partire da dati numerici5. Il ricorso congiunto ad entrambi i metodi può consentire di comprendere la realtà in maniera più completa. In generale, lo studio dei casi prevede sei fasi principali6: (1) delimitazione del caso, concettualizzazione dell'oggetto di studio (2) selezione dei fenomeni, temi o problemi (3) individuazione di gruppi di dati atti ad illustrare i temi (4) triangolazione tra osservazioni chiave e basi interpretative (5) selezione di interpretazioni alternative da sviluppare (6) sviluppo di affermazioni o generalizzazioni sul caso Secondo Patton (1990), le aspettative dell'unione Europea (in riferimento al progetto AVALON) possono essere definite come valutazione progettuale di sintesi. Le valutazioni di sintesi verranno giudicate nella misura in cui contribuiscono alle decisioni circa un programma, decisioni che generalmente hanno a che vedere con l'efficacia complessiva, il prosieguo, l'espansione e la riproduzione in altre sedi. Una relazione di valutazione di sintesi dovrà organizzare dati e risultati per la formulazione di raccomandazioni relative ad un programma. 7 Quindi, l'analisi iniziale delle valutazioni di sintesi risulta fortemente facilitata da un'esposizione chiara di come sia più utile presentare i risultati. 5 Van Maanen, J.(1979): Reclaiming Qualitative Methods for Organisational Research, In: Administrative Science Quarterly, Qualitative Methodology, Volume 24, Numero 4, Dicembre, pp Stake, R.E. (1994): Case Studies. In: Denzin, N.K., Lincoln, Y.S. (Ed.): Handbook of qualitative research. Thousand Oaks, London, New Dehli, pp Patton, M.Q. (1990): Qualitative evaluation and research methods. Newbury Park, London, New Dehli. 10

12 Le opzioni disponibili includono le seguenti, e possono venire combinate (a tale proposito si rimanda a pag. 377): Cronologia: Descrizione di ciò che è stato osservato in ordine cronologico, nel suo sviluppo nel tempo, dall'inizio alla fine. Ambientazioni diverse: Descrizione dei vari luoghi, siti, ambientazioni o ubicazioni (con relativo studio di caso per ciascuno), prima di passare ad un'analisi trasversale dei modelli di ambientazione. Tali osservazioni possono venire combinate per far luce su questioni chiave, rappresentando quindi l'equivalente dei quesiti primari di valutazione. Ai fini dell'analisi, la descrizione e l'interpretazione dei dati devono risultare nettamente separate. L'interpretazione prevede la spiegazione dei dati rilevati, la risposa a domande del tipo "perché ", l'attribuzione di importanza a determinati risultati, e la collocazione dei modelli, o andamenti, in un quadro analitico. Tuttavia, tali attività devono venire precedute da un momento descrittivo. La disciplina ed il rigore dell'analisi qualitativa dipende dalla presentazione di solidi dati descrittivi, ciò che viene spesso definita "descrizione particolareggiata", cosicché coloro che prenderanno visione dei risultati ottenuti possano comprenderli e trarre le proprie conclusioni. Sulla base di tali brevi indicazioni sulle questioni metodologiche, è stato raccomandato il seguente piano di azione: Breve descrizione delle buone prassi E opportuno presentare una breve descrizione della storia delle buone prassi. Occorre tuttavia sottolineare che la presentazione dei risultati dovrebbe essere strutturata sulla base del primo quesito di ricerca formulato nella proposta, ovvero: "Quali sono i fattori di successo per il coinvolgimento degli imprenditori nei patti per l'occupazione? Per trovare risposta a tale interrogativo sarà opportuno assicurare che gli esempi di buone prassi - peraltro piuttosto disomogenei per quanto attiene allo sviluppo economico - siano comparabili, almeno in una certa misura. Il Clustering dei casi Il clustering consentirà di identificare problemi tipici per aree diverse caratterizzate da una struttura comparabile. Potrà quindi essere possibile trasferire tali risultati anche ad altre regioni. Sarà dunque opportuno procedere ad un'analisi dei dati, concentrando l'attenzione su fattori di successo e problemi tipici, estrapolando dai dati quali siano le caratteristiche comuni a tutte le regioni e le aree di un determinato cluster, procedendo successivamente a descrivere i tre casi. 11

13 Identificazione dei fattori chiave di successo e dei problemi tipici per i tre clusters I possibili aspetti sui quali concentrare le analisi possono essere costituiti da esperienze positive, negative, ruolo degli occupati, aspettative e contributi degli stessi, problemi organizzativi o giuridici, ruolo delle imprese locali, aspettative e contributi delle stesse quindi, qualsiasi cosa possa contribuire a rispondere all'interrogativo principale. Raccomandazioni fondate sugli esempi di buone prassi Al fine di pervenire alla formulazione delle raccomandazioni, si è reso necessario ricorre a metodi di triangolazione ed ad osservazioni chiave. Lo sforzo principale si è concentrato sulla sintesi delle strutture e dei risultati tipici individuati. Tali sono stati i risultati degli studi condotti sui clusters, e, se del caso, sarà possibile pervenire ad individuare gli indicatori di successo dei patti locali per l'occupazione indipendentemente da condizioni strutturali specifiche. L'obiettivo risiedeva nel sintetizzare situazioni di tipo "win-win". In tale piano di azione è stato fatto ricorso sia ai metodi qualitativi che quantitativi, in combinazione con un approccio multi-metodologico Benchmarking In occasione della conferenza tenutasi a Roma, il Team AVALON ha preso la decisione di avviare un processo di benchmarking in quanto strumento aggiuntivo per valutare i diversi patti territoriali per l'occupazione coinvolti nel progetto. Alcune considerazioni di carattere generale possono contribuire a chiarire tale metodo: è noto come la pratica del benchmarking abbia avuto origine in Giappone, e sia oggi parte integrante di un moderno approccio al miglioramento della competitività. Uno degli approcci più comunemente usati, e forse uno tra i più efficaci, consiste nell'applicazione di un principio definito "Shukko", ovvero il temporaneo distaccamento dei dipendenti presso altre organizzazioni. Si tratta di un approccio di rotazione del lavoro utilizzato per la prima volta in Giappone in cui gli individui sono non solo incoraggiati ad apprendere i processi produttivi interni, ma anche a recarsi all'esterno dell'organizzazione per riportavi nuove prassi che contribuiranno ad aiutare l'organizzazione stessa a progredire. Tali distaccamenti vengono generalmente definiti "incarichi speciali". Negli Stati Uniti il benchmarking è stato per la prima volta introdotto dalla Rank Xerox nel 1979, benché alcuni sostengano che la prassi del "copiare" e lo spionaggio industriale esistano da lungo tempo. Ciò che distingue quest'ultimo dal benchmarking è che questo è legale, laddove l'altro processo non lo è. Mentre il benchmarking veniva prevalentemente utilizzato nel settore privato, è diventato oggi uno strumento comunemente impiegato anche dagli organismi del settore pubblico. 12

14 Il benchmarking è un processo che coadiuva la pianificazione strategica, e contribuisce a fissare obiettivi credibili e facilmente raggiungibili. E' inoltre di supporto all'apprendimento continuo ed al miglioramento della qualità. L'autovalutazione rappresenta un momento importante per un costante miglioramento dell'erogazione di servizi. L'innovazione è da sempre percepita in termini di prodotti e servizi tecnologici. Gli sforzi delle organizzazioni sono sempre stati tesi ad utilizzare le giuste tecnologie per raggiungere un vantaggio competitivo. Verso la fine degli anni '90, le condizioni di concorrenza sono mutate, grazie ad un più ampio accesso ad un know-how tecnologico sempre più economicamente accessibile. Nel contesto di una organizzazione moderna, quindi, l'innovazione ha a che fare con la capacità di fornire la dimensione aggiuntiva della qualità, che consentirà di differenziare un prodotto o un servizio grazie ad elementi quali novità ed originalità. Il grado di novità è legato al fattore temporale, e deve essere rinnovato e ricreato su base costante. Il benchmarking nel quadro del progetto Avalon Il progetto AVALON ha sviluppato un'ipotesi secondo la quale sono due i fattori chiave - tra molti altri - a svolgere un ruolo determinante nel garantire il successo dei patti locali per l'occupazione. In un processo di benchmarking sono i seguenti fattori a venire sottoposti a valutazione: coinvolgimento degli imprenditori gestione professionale attraverso un'azione di mediazione Il progetto ha riconosciuto che le particolari condizioni economiche e sociali di ciascuna area interessata dai patti/partenariati possono avere un impatto sul successo atteso. La forza o la debolezza della struttura organizzativa del partenariato locale rappresentano un fattore da includere nel processo di benchmarking. Il team del progetto doveva prendere una posizione chiara in ordine a cosa sottoporre al processo di benchmarking. Tutti i partner hanno concordato che il benchmarking doveva rappresentare lo strumento per gestire l'innovazione di processo. E' stato concordato che il progetto includesse i risultati dell'attività di benchmarking nella relazione finale, e proponesse raccomandazioni per azioni future. Le aree da sottoporre a benchmarking dovevano includere l'innovazione ed il funzionamento dei partenariati, in quanto caratteristiche chiave dei patti per l'occupazione. Il questionario di benchmarking includeva i seguenti temi: Condizioni occupazionali locali Funzionamento del partenariato/coinvolgimento del settore privato Gestione dell'innovazione/azione di mediazione 13

15 I partner avevano la facoltà di scegliere due modalità per la compilazione dei questionari: 1) i singoli partner erano tenuti a compilare un questionario che quindi veniva discusso in occasione di un incontro di partenariato. 2) i singoli membri del partenariato erano tenuti a riempire il modulo in modo indipendente e quindi restituirlo al manager del progetto Avalon perché fosse analizzato. Indipendentemente dall'approccio adottato, il manager del progetto AVALON doveva garantire che i questionari venissero compilati da rappresentanti di ciascuno dei seguenti settori: Settore privato Piccole e medie imprese (PMI) Organizzazioni non governative (ONG) Enti locali Istituti di formazione Mediatori Uffici/agenzie di collocamento. I questionari venivano riempiti attribuendo un punteggio ad ogni affermazione per livello di importanza, quindi in termini di valutazione di performance, con un valore massimo pari a 5. Questionario Condizioni occupazionali locali Il partenariato ha accesso a dati relativi alle condizioni economiche e sociali. 2 Il partenariato ha effettuato una buona analisi delle condizioni occupazionali locali, ivi compresi i bisogni formativi e la mancanza di competenze. 3 Vi sono gruppi target prioritari chiaramente definiti per le azioni locali a favore dell'occupazione. 4 Le azioni locali a favore dell'occupazione considerano le donne come gruppo prioritario. 5 Le azioni locali a favore dell'occupazione considerano le comunità nere e le minoranze etniche come gruppi prioritari. 6 Le azioni locali a favore dell'occupazione considerano i giovani come gruppo prioritario. 7 Le azioni locali a favore dell'occupazione considerano i profughi come gruppo prioritario. 14

16 8 Sono stati identificati settori occupazionali con un potenziale di crescita occupazionale. 9 La disoccupazione di lunga durata rappresenta un fattore critico, di natura prioritaria indipendentemente dalla performance economica locale. Funzionamento del partenariato / coinvolgimento del settore privato 10 Il partenariato include tutte le agenzie competenti, sia a livello strategico che operativo. 11 Tutte le agenzie inviano una rappresentanza adeguata, su base regolare, sia agli incontri strategici che operativi. 12 Il partenariato possiede una strategia chiara (piano di gioco) compresa da tutti i partner. 13 Il partenariato ha concordato ruolo e responsabilità per ciascuna agenzia. 14 Il partenariato ha sviluppato un sistema interno di comunicazione efficace. 15 Tutte le agenzie hanno impegnato risorse nel piano strategico e di azione concordato. 16 Il settore privato svolge un ruolo attivo negli incontri del partenariato riguardo le azioni locali a favore dell'occupazione. 17 Il coinvolgimento del settore privato vede essenzialmente la partecipazione di imprese di grandi dimensioni. 18 Il coinvolgimento del settore privato vede essenzialmente la partecipazione delle PMI. 19 Il settore privato è coinvolto esclusivamente a livello progettuale nelle azioni locali a favore dell'occupazione. 20 Il settore privato fornisce risorse in natura o in denaro a sostegno di progetti locali

17 Gestione dell'innovazione / azione di mediazione 21 Gli alti dirigenti delle agenzie del partenariato sono impegnati a favore dell'innovazione nelle iniziative locali per l'occupazione. 22 Viene messo a disposizione personale/ore di lavoro a sostegno dell'innovazione nelle azioni locali a favore dell'occupazione. 23 Il personale coinvolto nei progetti per l'occupazione possiede la creatività, la conoscenza e la base di competenze necessarie a sostenere l'innovazione. 24 La comunicazione e la collocazione sul mercato delle attività a favore dell'innovazione sono efficaci. 25 Vi è un elevato coinvolgimento dei partner nelle azioni innovative a favore dell'occupazione. 26 Vi è una chiara strategia destinata a diffondere i progetti innovativi nei programmi locali per l'occupazione. 27 Il ruolo di mediazione è di vitale importanza per il successo delle azioni locali a favore dell'occupazione. 28 Il ruolo di mediatore dovrebbe essere svolto da un'agenzia dotata di personale qualificato a svolgere tale ruolo. 29 Il ruolo di mediatore dovrebbe essere svolto da un'organizzazione partner ritenuta maggiormente in grado di ottenere risultati positivi. 30 I mediatori sarebbero tenuti ad avere una chiara ed ampia percezione della strategia innovativa di un partenariato locale per l'occupazione

18 2.4 Scambio di esperti Lo scambio di esperti è stato previsto al fine di pervenire ad una migliore comprensione del lavoro dei partner. Un esperto inviato da uno dei partner era tenuto a prendere parte alle attività quotidiane svolte da un altro partner, presso il quale era in visita. La visita consentiva agli esperti di acquisire familiarità con la struttura delle reti dei partner, raffrontarle con le strutture del rispettivo paese di appartenenza, e controllare se fosse o meno possibile trasferire l'approccio del partner in questione nella propria regione. Al termine dello scambio, gli esperti erano tenuti a redigere una relazione, indicando le proprie impressioni, e quanto dedotto dall'esperienza fatta, in riferimento agli obiettivi di AVALON. Al fine di garantire che i risultati fossero comparabili, in occasione della conferenza di Roma il team AVALON ha redatto un questionario, obbligatorio per tutti gli esperti: 1.1 Classificazione del caso (progetto) oggetto di studio Di cosa si occupa il progetto in via prioritaria? Quando è stato avviato il progetto? Il progetto è incentrato su un determinato campo/tecnologia/branca economica? Gode di sostegno finanziario pubblico? Chi sono i beneficiari principali? ad esempio Consulenza Trasferimento di know-how / qualificante / Qualificazione Coordinamento/networking Trasferimenti reali (infrastrutture, ovvero uffici) Trasferimenti o incentivi finanziari Statale/nazionale Statale/locale Pubblico (altro) Fondi UE Mezzi privati Individui Imprese Strutture locali Strutture regionali 1.2 Organizzazione del progetto Per quale motivo è stato avviato il progetto: un problema o un potenziale particolare Se sì, quale: 17

19 Quale dei partecipanti, se del caso, si è attivato in maniera particolare? Si è provveduto fin dall'inizio a formulare obiettivi specifici? Sono stati riscontrati problemi seri o condizioni particolarmente favorevoli durante la fase di insediamento del progetto? Se sì, quali: Quali? Come sono stati risolti? 1.3 Descrizione dei partecipanti e (se del caso) dei rispettivi collegamenti a livello locale? Grandi imprese (>250 dipendenti) Imprese/PMI ( dipendenti) Micro imprese (<11 dipendenti) Sindacati Camere Amministrazioni locali Amministrazioni per l'occupazione Istituti di consulenza Organismi di mediazione Istituti di ricerca/università Descrizione del tipo/numero/dimensioni/del collegamento locale? 1.4. Gli attori pubblici (ovvero le amministrazioni locali) svolgono un ruolo particolare tra i partecipanti? 1.5 Come descrivere il metodo di cooperazione tra i partecipanti? Reti Coalizione Più informali, da cooperazione caso per caso tra persone dello stesso livello - partecipanti operanti indipendentemente gli uni dagli altri Cooperazione maggiormente regolare sulla base di interessi definiti 18

20 Associazioni formalmente organizzate/fusioni Forme miste (ibridi) Osservazioni: Responsabilità definite e procedure decisionali 1.6 Quali sono i servizi o le risorse generalmente messe a disposizione del progetto dai partecipanti? Partecipanti/tipologie Servizi/risorse (sarebbe auspicabile una descrizione dettagliata) Grandi imprese (>250 dipendenti) Imprese/PMI ( dipendenti) Micro imprese (<11 dipendenti) Sindacati Camere Amministrazioni locali Amministrazioni per l'occupazione Istituti di consulenza Organismi di mediazione Istituti di ricerca/università 1.7 Quali problemi/obiettivi specifici dovevano venire affrontati dal progetto per conto dei partecipanti? Partecipanti/tipologie Grandi imprese (>250 dipendenti) Imprese/PMI ( dipendenti) Micro imprese (<11 dipendenti) Sindacati Istituti di ricerca/università Camere Amministrazioni locali Amministrazioni per l'occupazione Istituti di consulenza Organismi di mediazione Problemi/obiettivi 1.8 Vi è una situazione di concorrenza tra i partecipanti? Se sì, in quale contesto? 19

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO 20.9.2008 C 241/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 16 maggio

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE 14.6.2014 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea C 183/5 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 20 maggio 2014, su un piano

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2003-2016 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Italia: politiche e aspetti chiave

Italia: politiche e aspetti chiave Studi dell'ocse sulle PMI e sull imprenditorialità Italia: politiche e aspetti chiave La traduzione per estratto della sintesi è stata curata dalla Sezione linguistica italiana. Titolo originale: OECD

Dettagli

PMI : Conferenza Bologna 2000 Business Symposium. TAVOLA ROTONDA 2 : Partenariati locale, Distretti industriali e Globalizzazione delle PMI

PMI : Conferenza Bologna 2000 Business Symposium. TAVOLA ROTONDA 2 : Partenariati locale, Distretti industriali e Globalizzazione delle PMI PMI : Conferenza Bologna 2000 Business Symposium TAVOLA ROTONDA 2 : Partenariati locale, Distretti industriali e Globalizzazione delle PMI TEMI DI DISCUSSIONE Questa nota è destinata a fornire una base

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682. Misure per favorire lo sviluppo della managerialità nelle imprese del Mezzogiorno

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682. Misure per favorire lo sviluppo della managerialità nelle imprese del Mezzogiorno Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BERTUZZI, FIORONI, VITALI e GHEDINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 22 MAGGIO 2008 Misure per favorire

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO

PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO 30.12.2006 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 394/5 II (Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità) PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE Riccardo Cappellin OS.E.L.R. - Osservatorio sulle Economie Locali e Regionali Dipartimento di Economia e Istituzioni Università di Roma "Tor Vergata"

Dettagli

L Agenda Sociale Europea

L Agenda Sociale Europea L Agenda Sociale Europea La politica sociale europea La politica sociale e per l'occupazione dell'unione Europea mira a promuovere l'occupazione, il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L UNIVERSITA, L ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE E PER LA RICERCA Direzione Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo Studio Ufficio IV Il Processo di Bologna Lo Spazio

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Modernizzare l organizzazione del lavoro. - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti. Comunicazione della Commissione

Modernizzare l organizzazione del lavoro. - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti. Comunicazione della Commissione Modernizzare l organizzazione del lavoro - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti Comunicazione della Commissione 1. Introduzione 1.1 Obiettivo della comunicazione L'obiettivo della comunicazione

Dettagli

Perché un altra pubblicazione sulla gestione di progetti?

Perché un altra pubblicazione sulla gestione di progetti? 4 Perché un altra pubblicazione sulla gestione di progetti? Nell agosto 2000, facendo una ricerca in Internet sulla gestione di progetti uno dei principali motori di ricerca ha individuato 579.232 siti

Dettagli

Bergamo, 21 dicembre 2015. Fondi europei

Bergamo, 21 dicembre 2015. Fondi europei Bergamo, 21 dicembre 2015 Fondi europei Fondi europei 1. Il 76% del bilancio dell'ue è gestito attraverso i «Fondi strutturali e di investimento europei» (c.d. fondi indiretti) attraverso piani di sviluppo

Dettagli

Programmi UE di rilevanza per il Settore sociale

Programmi UE di rilevanza per il Settore sociale Programmi UE di rilevanza per il Settore sociale marco mietto L Unione europea si è data cinque obiettivi da realizzare entro la fine del decennio: 1.occupazione: il tasso di occupazione deve essere del

Dettagli

Europa 2020, salute e sociale

Europa 2020, salute e sociale Europa 2020, salute e sociale Breve introduzione L Europa 2020 presenta tre priorità che si rafforzano a vicenda: Crescita intelligente: sviluppare un'economia basata sulla conoscenza e sull'innovazione.

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE PARLAMENTO EUROPEO 2014-2019 Commissione per l'occupazione e gli affari sociali 15.4.2015 2014/2236(INI) PROGETTO DI RELAZIONE sull'imprenditoria sociale e l'innovazione sociale nella lotta alla disoccupazione

Dettagli

EaSI: il programma dell Unione europea per l occupazione e l innovazione sociale*

EaSI: il programma dell Unione europea per l occupazione e l innovazione sociale* EaSI: il programma dell Unione europea per l occupazione e l innovazione sociale* Il programma Occupazione e innovazione sociale (EaSI- Employment and Social Innovation) è il nuovo strumento finanziario

Dettagli

Studio pilota sull'attuazione, a livello nazionale, delle politiche dell'ue a favore dell'occupazione giovanile Il punto di vista della società civile

Studio pilota sull'attuazione, a livello nazionale, delle politiche dell'ue a favore dell'occupazione giovanile Il punto di vista della società civile Comitato economico e sociale europeo Sezione specializzata Occupazione, affari sociali, cittadinanza Osservatorio del mercato del lavoro Studio pilota sull'attuazione, a livello nazionale, delle politiche

Dettagli

Il modello lombardo visto dal Regno Unito

Il modello lombardo visto dal Regno Unito Il modello lombardo Direttore di ResPublica, Londra di Phillip Blond Le ragioni di un interesse 81 Vi sono diverse ragioni alla base del nostro interesse per la Lombardia e il suo modello di sviluppo che,

Dettagli

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona Un Piano Nazionale per lo sviluppo dei SAP in Italia Mario Conclave Italia Lavoro I fenomeni in corso in Italia Fenomeni di medio lungo periodo, che spingono

Dettagli

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO 7.7.2011 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 199/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO del 28 giugno 2011 Youth on the Move Promuovere

Dettagli

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014 I NUOVI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE Milano, 11 Febbraio 2014 CONTESTO DI RIFERIMENTO Nel marzo 2010 la Commissione Europea (CE) lancia la strategia EUROPA 2020 per una crescita intelligente, sostenibile

Dettagli

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010 Assessorato politiche inerenti lo sviluppo sostenibile, l industria, l artigianato, l innovazione produttiva, l università, la scuola, l istruzione, la formazione professionale, coordinamento politiche

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per l'occupazione e gli affari sociali DOCUMENTO DI LAVORO. Commissione per l'occupazione e gli affari sociali

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per l'occupazione e gli affari sociali DOCUMENTO DI LAVORO. Commissione per l'occupazione e gli affari sociali PARLAMENTO EUROPEO 1999 2004 Commissione per l'occupazione e gli affari sociali 28 giugno 2002 DOCUMENTO DI LAVORO sulla valutazione dell'impatto e il futuro della strategia europea in materia occupazionale

Dettagli

DIRETTIVE DI ATTUAZIONE - FASE I PRESENTAZIONE DEI PROGETTI INTEGRATI DEI PICCOLI COMUNI (PICO) fonte: http://burc.regione.campania.

DIRETTIVE DI ATTUAZIONE - FASE I PRESENTAZIONE DEI PROGETTI INTEGRATI DEI PICCOLI COMUNI (PICO) fonte: http://burc.regione.campania. Fondo MICROCREDITO PICCOLI COMUNI CAMPANI-FSE P.O. Campania FSE 2007-2013 Asse I Adattabilità Obiettivo specifico c) Obiettivo Operativo c.2 Asse II Occupabilità Obiettivo specifico e) Obiettivo Operativo

Dettagli

URBIS-518620-LLP-1-2011-1-IT-LEONARDO-LMP. Deliverable 4.2 EXECUTIVE SUMMARY

URBIS-518620-LLP-1-2011-1-IT-LEONARDO-LMP. Deliverable 4.2 EXECUTIVE SUMMARY Deliverable 4.2 EXECUTIVE SUMMARY Selezione di buone prassi in Turchia, UK, Slovenia e in altri paesi europei I pericoli e le forme di violenza attuali rendono oggi giorno la sicurezza una delle più importanti

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

YEPP International Resource Centre (YEPP IRC)

YEPP International Resource Centre (YEPP IRC) YEPP International Resource Centre (YEPP IRC) Introduzione Il termine YEPP si riferisce all approccio e al metodo, riguardanti l empowerment dei giovani e lo sviluppo di comunità, che sono stati sviluppati

Dettagli

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA 28.10.2014 C 382/1 V (Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA INVO A PRESENTARE PROPOSTE EACEA/31/2014 Programma Erasmus+, azione chiave 3: sostegno alle riforme delle politiche Cooperazione

Dettagli

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete FONDO SOCIALE EUROPEO IN SINERGIA CON IL FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE POR 2014 2020 Ob. Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione

Dettagli

Rete di regioni europee per un turismo sostenibile e competitivo

Rete di regioni europee per un turismo sostenibile e competitivo Rete di regioni europee per un turismo sostenibile e competitivo Nota per il convegno Palaunania Fondo 23 luglio 2010 1/ Introduzione e contesto Posizione della Commissione europea Nel marzo 2006, la

Dettagli

Programma volto a migliorare la competitività delle imprese e in particolare delle PMI (2014-2020) (COSME)

Programma volto a migliorare la competitività delle imprese e in particolare delle PMI (2014-2020) (COSME) Programma volto a migliorare la competitività delle imprese e in particolare delle PMI (2014-2020) (COSME) Obiettivo Il passaggio dalla programmazione 2007-13 a quella 2014-2020 porterà molti cambiamenti

Dettagli

Il Programma per la formazione permanente.

Il Programma per la formazione permanente. Anno VII 15 dicembre 2008 Numero speciale a cura di Giuseppe Anzaldi NUMERO SPECIALE: IL PROGRAMMA PER LA FORMAZIONE PERMANENTE Introduzione Obiettivi e struttura I quattro pilastri Comenius Erasmus Leonardo

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Programma Operativo Regionale 2007-2013 Fondo Sociale Europeo 2007IT051PO005

REGIONE PUGLIA. Programma Operativo Regionale 2007-2013 Fondo Sociale Europeo 2007IT051PO005 REGIONE PUGLIA Programma Operativo Regionale 2007-2013 Fondo Sociale Europeo 2007IT051PO005 Approvato con Deliberazione n. 2282 del 29 dicembre 2007 pubblicata nel Bollettino Ufficiale n. 19 del 1 Febbraio

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 16/17/CU02/C8-C9 PARERE SUL DISEGNO DI LEGGE

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 16/17/CU02/C8-C9 PARERE SUL DISEGNO DI LEGGE CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 16/17/CU02/C8-C9 PARERE SUL DISEGNO DI LEGGE DELEGA RECANTE NORME RELATIVE AL CONTRASTO ALLA POVERTÀ, AL RIORDINO DELLE PRESTAZIONI E AL SISTEMA DEGLI

Dettagli

Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260

Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260 Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260 Buone pratiche nell uso di ambienti di apprendimento collaborativo quali strumenti per favorire la creatività ed identificazione di modelli di successo nel settore metalmeccanico

Dettagli

VALUTAZIONE UNITARIA DELLE POLITICHE PER L OCCUPAZIONE. Rapporto di sintesi

VALUTAZIONE UNITARIA DELLE POLITICHE PER L OCCUPAZIONE. Rapporto di sintesi VALUTAZIONE UNITARIA DELLE POLITICHE PER L OCCUPAZIONE Rapporto di sintesi Milano, giugno 2014 Il rapporto di Valutazione Unitaria delle politiche per l occupazione è stato curato dal raggruppamento temporaneo

Dettagli

Fondo Sociale Europeo (FSE) 2007-2013

Fondo Sociale Europeo (FSE) 2007-2013 Fondo Sociale Europeo (FSE) 2007-2013 Base giuridica Descrizione Per l'attuale periodo di programmazione del FSE (2007-2013), nel 2006 e nel 2007 è stato adottato un nuovo pacchetto di regolamenti. REGOLAMENTO

Dettagli

LA MISURA DELLA QUALITA I SISTEMI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA E I MODELLI PER L ECCELLENZA

LA MISURA DELLA QUALITA I SISTEMI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA E I MODELLI PER L ECCELLENZA Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi LA MISURA DELLA QUALITA I SISTEMI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA E I MODELLI PER L ECCELLENZA 1 PROGRAMMA: La misura

Dettagli

Strategia europea dell'occupazione. Investire nelle persone, investire in un maggior numero di posti di lavoro di miglior qualità

Strategia europea dell'occupazione. Investire nelle persone, investire in un maggior numero di posti di lavoro di miglior qualità Strategia europea dell'occupazione Investire nelle persone, investire in un maggior numero di posti di lavoro di miglior qualità La sfida dell'occupazione per l'europa L'Unione europea costituisce attualmente

Dettagli

7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO

7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO Da ALLULLI G., Dalla Strategia di Lisbona a Europa 2020, Tipografia Pio XI, aprile 2015. 7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO 1. Uno strumento per favorire un armonioso sviluppo economico e sociale degli Stati

Dettagli

Piano Sicurezza PMI. Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati

Piano Sicurezza PMI. Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati Elaborazione dati questionario ex post progetti finanziati 1/14 Premessa Il questionario di valutazione ex post è stato somministrato ai soggetti attuatori dei progetti partecipanti al Piano Sicurezza

Dettagli

RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1

RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1 Raccomandazione 202 RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1 La Conferenza generale della Organizzazione Internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio

Dettagli

TEMA DELL OPERAZIONE... 3 IL SOGGETTO PROPONENTE... 4 LE AREE TEMATICHE DI INTERVENTO... 4 FINALITÀ E OBIETTIVI GENERALI... 7

TEMA DELL OPERAZIONE... 3 IL SOGGETTO PROPONENTE... 4 LE AREE TEMATICHE DI INTERVENTO... 4 FINALITÀ E OBIETTIVI GENERALI... 7 DOCUMENTO PROGRAMMATICO PER LA FORMAZIONE CONTINUA L AIM E LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE INDICE TEMA DELL OPERAZIONE... 3 IL SOGGETTO PROPONENTE... 4 LE AREE TEMATICHE DI INTERVENTO... 4 Area Trasversale:

Dettagli

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Il programma di Sviluppo Italia

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

Linee guida in materia di formazione per la esociety

Linee guida in materia di formazione per la esociety Allegato parte integrante Linee guida formazione esociety ALLEGATO ALLA DELIBERA N. DEL 14 LUGLIO 2006 Linee guida in materia di formazione per la esociety La Società dell informazione deve garantire,

Dettagli

Investire efficacemente su Istruzione e Formazione: un imperativo per l'europa Gennaio 2003 - Comunicazione della Commissione

Investire efficacemente su Istruzione e Formazione: un imperativo per l'europa Gennaio 2003 - Comunicazione della Commissione 1.2 Il quadro di riferimento europeo: obiettivi, strategie, raccomandazioni La scelta di inserire un breve approfondimento che estenda l analisi di contesto alla dimensione europea è stata dettata da più

Dettagli

La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche

La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche Sintesi Francesco Berlingieri, Holger Bonin, Maresa Sprietsma Centre for European Economic Research Sintesi 2 3 Oggetto dello studio La

Dettagli

ITE. INCLUSION Through ENTREPRENEURSHIP

ITE. INCLUSION Through ENTREPRENEURSHIP ITE INCLUSION Through ENTREPRENEURSHIP GLI ATTORI DELLA COOPERAZIONE TRANSNAZIONALE La Partnership di Sviluppo Geografica FUTURO REMOTO IT G2 CAM 017, costituita da: CONFORM Consorzio di Formazione Manageriale;

Dettagli

Il Working Partnership

Il Working Partnership Il Working Partnership Il Working Partnership è uno strumento/risorsa per tutti coloro che sono interessati allo sviluppo e al miglioramento del lavoro di partnership. Lo strumento deriva da un precedente

Dettagli

Il programma settoriale LEONARDO DA VINCI

Il programma settoriale LEONARDO DA VINCI Il Programma settoriale Leonardo da Vinci: indicazioni per la progettazione di nuove iniziative a partire dalla presentazione di alcune esperienze di successo Seminario di informazione generale Roma, 27

Dettagli

Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno. Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro

Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno. Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro Contesto della proposta (1) La conoscenza costituisce il fulcro dell Agenda di

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

MODULI FORMAZIONE A DISTANZA 2004 Area Comunicazione e Promozione della Salute Modulo Educazione Sanitaria e Promozione della Salute Unità 1

MODULI FORMAZIONE A DISTANZA 2004 Area Comunicazione e Promozione della Salute Modulo Educazione Sanitaria e Promozione della Salute Unità 1 La dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21secolo, 4 a Conferenza Internazionale sulla Promozione della Salute, nuovi attori per una nuova era: introdurre la promozione della salute

Dettagli

POR FSE SARDEGNA 2007 2013 INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO

POR FSE SARDEGNA 2007 2013 INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO POR FSE SARDEGNA 2007 2013 INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO 1 Di cosa parliamo! 1. Il FSE nella Politica di Coesione 2. Cos è il Fondo Sociale Europeo? 3. Il FSE in Sardegna 4. Le priorità del FSE 2 1. Il

Dettagli

Newsletter Febbraio 2016

Newsletter Febbraio 2016 Newsletter Febbraio 2016 GOOD, SUFFICIENT BUT WHAT WILL THE FUTURE BRING US? 4a TAP Partner Meeting Indice Motivazioni per il curriculum di formazione per persone a rischio di povertà ed esclusione sociale

Dettagli

ACCEDERE ALLA FORMAZIONE PER LO SVILUPPO POSDRU/128/5.1/G/134978. Newsletter nr.1

ACCEDERE ALLA FORMAZIONE PER LO SVILUPPO POSDRU/128/5.1/G/134978. Newsletter nr.1 ACCEDERE ALLA FORMAZIONE PER LO SVILUPPO POSDRU/128/5.1/G/134978 Newsletter nr.1 Indice: Formazione professionale forma di riduzione della disoccupazione Progetto Accedere alla formazione per lo sviluppo

Dettagli

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Allegato La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

I. Partenariato. II. Verifica

I. Partenariato. II. Verifica Lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Raggiungere gli obiettivi Comunicato della Conferenza dei Ministri dell Istruzione Superiore, Bergen, 19-20 Maggio 2005 Noi, Ministri dell Istruzione Superiore

Dettagli

Benchmarking tool (Questionario di valutazione comparativa)

Benchmarking tool (Questionario di valutazione comparativa) Benchmarking tool (Questionario di valutazione comparativa) Questo progetto è stato finanziato con il sostegno della Commissione Europea. Questo portale riflette il punto di vista degli sviluppatori e

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

sistemapiemonte Una rete per il piccolo commercio locale sistemapiemonte.it

sistemapiemonte Una rete per il piccolo commercio locale sistemapiemonte.it sistemapiemonte Una rete per il piccolo commercio locale sistemapiemonte.it BACKGROUND La definizione di una metodologia di studio e l analisi di buone pratiche sull utilizzo delle ICT in ambito regionale

Dettagli

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti!

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! Finanziamenti dell Unione europea: funzionamento e fonti di informazione on-line Perché una strategia per l Europa 2020? La crisi degli ultimi anni ha determinato

Dettagli

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 6 Una cooperativa, come ogni impresa, per stare sul mercato deve remunerare i fattori produttivi in modo da avere un saldo positivo e dunque redigere un bilancio in utile.

Dettagli

PROGETTO DI PARTENARIATO STRATEGICO ERASMUS + MOBILITA GIOVANILE IN EUROPA

PROGETTO DI PARTENARIATO STRATEGICO ERASMUS + MOBILITA GIOVANILE IN EUROPA PROGETTO DI PARTENARIATO STRATEGICO ERASMUS + MOBILITA GIOVANILE IN EUROPA 2014 2016 La mobilità accademica tra i cittadini degli Stati membri è altamente promossa nel quadro giuridico e istituzionale

Dettagli

EQAVET: Quadro di riferimento europeo per la garanzia di qualità dell istruzione e formazione professionale

EQAVET: Quadro di riferimento europeo per la garanzia di qualità dell istruzione e formazione professionale EQAVET: Quadro di riferimento europeo per la garanzia di qualità dell istruzione e formazione professionale In riferimento all obiettivo qualità, nel Documento del Consiglio dell'unione europea del maggio

Dettagli

GENNAIO 2009 Newsletter informativa elaborata da Europe Direct Pesaro. 2009 Anno europeo della creatività e dell innovazione

GENNAIO 2009 Newsletter informativa elaborata da Europe Direct Pesaro. 2009 Anno europeo della creatività e dell innovazione GENNAIO 2009 Newsletter informativa elaborata da Europe Direct Pesaro dopo le Notizie Flash dall'europa, potrete trovare una panoramica sui bandi più interessanti attualmente aperti: - Cooperazione allo

Dettagli

Cambiare il punto di vista Nuove candidature Erasmus + Siracusa 10 Febbraio 2015

Cambiare il punto di vista Nuove candidature Erasmus + Siracusa 10 Febbraio 2015 Seminario interprovinciale Siracusa - Ragusa Cambiare il punto di vista Nuove candidature Erasmus + Siracusa 10 Febbraio 2015 Come migliorare le proposte progettuali Da un lavoro individuale ad un lavoro

Dettagli

Che cosa è la semplificazione? 3. Come è possibile semplificare? 4. Quali sono le proposte della Commissione? 5

Che cosa è la semplificazione? 3. Come è possibile semplificare? 4. Quali sono le proposte della Commissione? 5 Commissione europea Semplificare la politica di coesione per gli anni 2014-2020 Indice Introduzione 2 Che cosa è la semplificazione? 3 Come è possibile semplificare? 4 Quali sono le proposte della Commissione?

Dettagli

Documenti internazionali sulla mobilità, la sicurezza stradale e lo sviluppo sostenibile Raccolta curata dal sito web mobilita&sicurezzastradale

Documenti internazionali sulla mobilità, la sicurezza stradale e lo sviluppo sostenibile Raccolta curata dal sito web mobilita&sicurezzastradale ACCORDO di BRISTOL Incontro informale tra i Ministri europei della Politica Urbana CREARE delle COMUNITA SOSTENIBILI in EUROPA Conclusioni della Presidenza Britannica dell UE BRISTOL Dicembre 2005 Meeting

Dettagli

GARANZIA PER I GIOVANI: LE RISPOSTE DELL UNIONE E DELL ITALIA ALLA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE*.

GARANZIA PER I GIOVANI: LE RISPOSTE DELL UNIONE E DELL ITALIA ALLA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE*. GARANZIA PER I GIOVANI: LE RISPOSTE DELL UNIONE E DELL ITALIA ALLA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE*. (*Il presente articolo è frutto esclusivo del pensiero dell Autore e non impegna in alcun modo l Amministrazione

Dettagli

Progetto YouthLab : strutture e servizi per la promozione dell innovazione nelle politiche giovanili e di accompagnamento allo stiluppo

Progetto YouthLab : strutture e servizi per la promozione dell innovazione nelle politiche giovanili e di accompagnamento allo stiluppo Progetto YouthLab : strutture e servizi per la promozione dell innovazione nelle politiche giovanili e di accompagnamento allo stiluppo Progetto YouthLab: azioni e strumenti per la promozione dell innovazione

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

Piccole e Medie Imprese

Piccole e Medie Imprese Piccole e Medie Imprese Imprenditoria e organizzazione delle piccole e medie imprese ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Corsi di Laurea: Magistrale Ingegneria e Scienze Informatiche Matematica Applicata UNIVERSITÀ

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy Rosanna Laraia 1. Introduzione Tutti gli atti strategici e regolamentari dell Unione Europea, a partire dal VI Programma

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO

PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO 8.7.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 155/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del

Dettagli

MG Strategic Limited cura ed affianca le aziende sviluppando, con soluzioni tecnologiche all avanguardia, le migliori strategie volte

MG Strategic Limited cura ed affianca le aziende sviluppando, con soluzioni tecnologiche all avanguardia, le migliori strategie volte Per una qualsiasi azienda che sceglie di ampliare il proprio raggio d azione, oggi diventa sempre più necessario affermarsi nei mercati internazionali attraverso l arduo percorso di un vasto processo di

Dettagli

Vademecum I 10 principi di base comuni sull inclusione dei Rom

Vademecum I 10 principi di base comuni sull inclusione dei Rom Vademecum I 10 principi di base comuni sull inclusione dei Rom Un iniziativa dell Unione europea apple I 10 principi di base comuni sull inclusione dei Rom sono diretti sia ai politici sia ai professionisti

Dettagli

Descrizione del progetto

Descrizione del progetto Descrizione del progetto Motivazione intervento/rilevazione fabbisogni: Il progetto si rivolge all'area delle "nuove disuguaglianze". Gli anni '90 sono stati contrassegnati da processi sociali, economici

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

Apprendimento permanente nelle Università e volontariato in Europa: riflessioni dai Report Nazionali Ottobre 2011

Apprendimento permanente nelle Università e volontariato in Europa: riflessioni dai Report Nazionali Ottobre 2011 Apprendimento permanente nelle Università e volontariato in Europa: riflessioni dai Report Nazionali Ottobre 2011 Nick Ockenden (IVR) 1. Introduzione: i Report Nazionali Uno dei principali risultati del

Dettagli

Europa 2020 Obiettivi:

Europa 2020 Obiettivi: Europa 2020 Obiettivi: 1. Occupazione 2. R&S innalzamento al 75% del tasso di occupazione (per la fascia di età compresa tra i 20 e i 64 anni) dell'ue aumento degli investimenti in ricerca e sviluppo al

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Lo studio di fattibilità di un programma di MF

Lo studio di fattibilità di un programma di MF Lo studio di fattibilità di un programma di MF Georgia Bertagna 18 e 19 novembre 2009 L identificazione Fase di IDENTIFICAZIONE le idee per la creazione o variazione del progetto e le azioni necessarie

Dettagli

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO COMMISSIONE 3: SERVIZI PER LO SVILUPPO LOCALE DEI TERRITORI Sintesi risultati incontro del 11 Marzo 2009 ASSISTENZA TECNICA A CURA DI: RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO

Dettagli

FRI: Fondo di rotazione per l'internazionalizzazione

FRI: Fondo di rotazione per l'internazionalizzazione FRI: Fondo di rotazione per l'internazionalizzazione Il FRI sostiene investimenti realizzati da imprese lombarde in forma diretta o in joint-venture con altre imprese, finalizzati alla creazione di insediamenti

Dettagli

L UNIONE EUROPEA E LA RESPONSABILITA SOCIALE DELLE IMPRESE. di Michele Colucci

L UNIONE EUROPEA E LA RESPONSABILITA SOCIALE DELLE IMPRESE. di Michele Colucci L UNIONE EUROPEA E LA RESPONSABILITA SOCIALE DELLE IMPRESE di Michele Colucci Sommario: Introduzione. - 1. La definizione comunitaria della RSI. - 2. La Dimensione interna della RSI. - 2.1. Gestione delle

Dettagli

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY 1 Quasi dimezzate rispetto al 2009 le imprese che considerano la Corporate Responsibility come parte integrante della

Dettagli

WP2/D.5. Modello di servizio di consulenza alla carriera del Progetto Docent D. 5 DOC SERVICE. DOCENT Doctors in Enterprise

WP2/D.5. Modello di servizio di consulenza alla carriera del Progetto Docent D. 5 DOC SERVICE. DOCENT Doctors in Enterprise 1 WP2/D.5 Modello di servizio di consulenza alla carriera del Progetto Docent D. 5 DOC SERVICE 2 UN MODELLO PER L EROGAZIONE DI SERVIZI DI CONSULENZA ALLA CARRIERA RISPONDENTE ALLE ESIGENZE DI DOTTORANDI

Dettagli

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA PER IL TRIENNIO 2015/2017

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA PER IL TRIENNIO 2015/2017 PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA PER IL TRIENNIO 2015/2017 Il presente Piano ha durata triennale e si sviluppa in obiettivi suddivisi a loro volta in azioni positive. PREMESSE Il Decreto

Dettagli

L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles

L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles n 4 Marzo/Aprile 2014 in collaborazione con S O M M A R I O A C C E S S O A I F I N A N Z I A M E N T I Horizon 2020 Operativo lo strumento PMI N E W S D A L L E I

Dettagli

PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2014-2020 PON SISTEMI DI POLITICHE ATTIVE PER L OCCUPAZIONE

PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2014-2020 PON SISTEMI DI POLITICHE ATTIVE PER L OCCUPAZIONE PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2014-2020 PON SISTEMI DI POLITICHE ATTIVE PER L OCCUPAZIONE RISORSE PON RIPARTIZIONE RISORSE PER ASSE DI INTERVENTO Asse Risorse Asse Occupazione 1.838.398.081,00 Asse

Dettagli