Sommario: Questionario Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europe ; Versione pag 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sommario: Questionario Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europe 2010-2011 ; Versione 06.03.2012 pag 1"

Transcript

1 Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea Questionario per l indagine sulle istituzioni di microfinanza Sommario: I. Caratteristiche istituzionali chiave della IMF... 2 II. Clientela Obiettivo... 4 III. Prodotti... 5 IV. Performance Sociale... 6 V. Performance Finanziaria... 7 Questionario Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europe ; Versione pag 1

2 I. Caratteristiche istituzionali chiave della IMF 1. In quale anno avete iniziato l attività di microcredito? 2. A quale livello operate? (possibile risposta multipla) Anno [1] Internazionale [2] Nazionale [3] Regionale [4] Locale 3. Quale tipologia di organizzazione rappresentate?: [1] ONG o Fondazione [2] Associazione di Microfinanza [3] Istituzione finanziaria non bancaria [4] Istituzione finanziaria per lo sviluppo della comunità (CDFI) [5] Banca di Credito Cooperativo/Coopera tiva [6] Cassa di Risparmio [7] Banca [8] Agenzia statale [9] Istituzione religiosa [10] Altro (specificare) 4. La vostra organizzazione si occupa ESCLUSIVAMENTE di microcredito? [1] Sì [2] No 5. Quali sono le altre attività principali di cui vi occupate? (possibile risposta multipla) [1] Attività bancaria [2] Servizi di supporto all impresa (BDS) [3] Programmi di educazione finanziaria [4] Incubatori di impresa [5] Formazione all imprenditorialità [6] Altro (specificare, es. Programmi culturali, ambientali o abitativi) _ Questionario Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europe ; Versione pag 2

3 6. Se erogate servizi di supporto all impresa (BDS), qual è il vostro approccio? [1] Obbligatori per tutti i clienti [2] Obbligatori in taluni casi [3] Erogati solo se i clienti li richiedono [4] Mettiamo in contatto i clienti con organizzazioni che li erogano [5] Altro, (specificare) _ 7. Che tipologia di servizi di supporto all impresa erogate (BDS)? (far riferimento alla nota a piè di pagina per le definizioni 1 ) [1] Mentoring [2] Coaching [3] Consulenza [4] Educazione e formazione [5] Altro, (specificare) _ 8. Quale percentuale del vostro portafoglio di microprestiti è diretta a: [a] fini strettamente imprenditoriali Rispondere ad a e b [b] fini personali o di consumo 9. Tra il personale retribuito, quante persone si dedicano ESCLUSIVAMENTE all erogazione e monitoraggio dei microcrediti (agenti di credito a tempo pieno)? 1 L attività di mentoring consiste per definizione nello sviluppo di un rapporto tra un mentore (tutor) con più esperienza o bene informato e un partner con meno esperienza o meno informato, e tipicamente implica la condivisione di consigli direzionali. Si basa principalmente sulla relazione personale tra il mentore e il partner e sui processi intuitivi di problem solving. I processi di coaching sono invece più strutturati e formali del mentoring. Contrariamente al coaching, la consulenza consiste nell erogazione di consigli professionali in una particolare area di competenza, come ad esempio il management o la contabilità. Educazione e formazione fanno invece riferimento all offerta di specifici programmi educativi, ad esempio di educazione finanziaria. Questionario Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europe ; Versione pag 3

4 II. Clientela Obiettivo 10. Come definirebbe la missione del vostro programma di microcredito? (possibile risposta multipla) [1] Inclusione sociale e riduzione della povertà [2] Creazione di impiego [3] Promozione della microimpresa [4] Promozione della piccola e media impresa (PMI) [5] Inclusione finanziaria [6] Empowerment femminile [7] Empowerment delle minoranze [8] Altro (specificare) 11. Nel periodo 2010/11, qual è approssimativamente la proporzione di prestiti erogati esclusivamente per fini imprenditoriali rispettivamente a clienti bancabili e non-bancabili 2? [1] clienti bancabili [2] clienti non bancabili Rispondere ad a e b 12. Nel periodo 2010/11, qual è approssimativamente la proporzione di prestiti erogati esclusivamente per fini personali o di consumo rispettivamente a clienti bancabili e non-bancabili? [1] clienti bancabili [2] clienti non-bancabili 13. Per quanto riguarda il microcredito destinato a favorire la nascita o lo sviluppo di attività imprenditoriali, che tipo di clienti servite? (possibile risposta multipla specificando la percentuale per ciascuna risposta ) [1] Settore informale/economia sommersa % [2] Imprenditori in fase di pre-avvio dell attività di impresa per studi di fattibilità o altro [3] Imprese in fase di avvio dell attività economica (start-up) [4] Imprese già avviate [5] Attività economiche regolamentate con meno di 5 dipendenti Dopo aver selezionato tutte le risposte appropriate, specificare la percentuale ESCLUSIVAMENTE per le risposte selezionate 2 Ai fini di questa ricerca, con il termine non-bancabili ci si riferisce a clienti che non hanno accesso al credito nel tradizionale sistema finanziario, al conto corrente bancario e ad altri servizi finanziari. Questionario Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europe ; Versione pag 4

5 [6] Attività economiche regolamentate con 5 9 dipendenti [7] Lavoratore autonomo senza dipendenti % [8] Imprese sociali [9] Altro (specificare) III. Prodotti 14. Che tipo di metodologia di erogazione dei prestiti utilizzate? (possibile risposta multipla) [1] Prestiti di gruppo [2] Prestiti sequenziali di gruppo [4] Prestiti sequenziali individuali [5] Altro (specificare) Per la definizione di prestito sequenziale 3 far riferimento alla nota a piè di pagina [3] Prestiti individuali 15. A quanto ammontano (in ) i prestiti erogati per la creazione e lo sviluppo di attività imprenditoriali? (si prega di fornire gli importi interi, senza virgole o decimali, es. 101, etc.) [a] prestito massimo [b] prestito minimo [c] prestito medio Se erogate più di una tipologia di prodotto di microcredito, siete pregati di fornire alla fine del questionario una lista con i termini e le condizioni 16. Qual è la durata media dei prestiti offerti ai clienti (in mesi)? (e.g. 6, 6.5,, 12, etc.) mesi 17. Qual è il tasso d interesse corrente che applicate? (Average Percentage Rate; APR) (fornire una percentuale % e NON includere costi addizionali) 3 Con prestiti sequenziali si intendono finanziamenti ripetuti ad importi crescenti: prima viene dato un prestito di piccolo ammontare; se il cliente lo rimborsa, é eleggibile per un prestito di importo maggiore: si costruisce così una storia creditizia per il cliente e allo stesso tempo si minimizza il rischio per l istituzione. Questionario Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europe ; Versione pag 5

6 18. Fornite altri servizi finanziari alle persone economicamente e socialmente escluse? Se sì, quali? (possibile risposta multipla) [1] Prestiti personalizzati 4 [2] Prodotti di risparmio [3] Assicurazioni [4] Conto corrente [6] Mutui [7] Consulenza sul debito [8] ND [9] Altro (specificare) Se no, saltare questa domanda [5] Servizi di trasferimento di denaro/rimesse Prestiti erogati IV. Performance Sociale (si prega di fornire gli importi interi, senza virgole o decimali, es.. 101, 10010, etc.) Valore in Numero di prestiti Periodo considerato: da gennaio a dicembre Quanti prestiti sono stati erogati in totale? 20. Quanti prestiti sono stati erogati a donne? 21. Quanti prestiti sono stati erogati a clienti rurali? 22. Quanti prestiti sono stati erogati a clienti al di sotto della soglia di povertà 5? Per la definizione, fare riferimento alla note a piè di pagina 23. Quanti prestiti sono stati erogati a imprese in fase di avviamento (start-up)? 24. Quanti prestiti sono stati erogati a imprenditori appartenenti a minoranze etniche o immigrati 6? 4 Ai fini di questa ricerca, con prestiti personali ci si riferisce a quei prestiti erogati a fini non strettamente imprenditoriali. 5 Ai fini di questa ricerca, con individui al di sotto della soglia di povertà ci si riferisce a quelle persone il cui reddito è pari o inferiore al 60% del reddito del nucleo familiare medio. 6 Ai fini di questa ricerca, con individui appartenenti a minoranze etniche ci si riferisce a quelle persone che non fanno parte del gruppo etnico nazionale di maggioranza. I loro stili di vita e le origini possono differire da quelli della maggioranza. Possono provenire da migranti, indigeni o comunità di nomadi. Gli immigrati sono quegli individui che non sono nati nel paese di residenza. Questionario Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europe ; Versione pag 6

7 25. Quale percentuale di clienti riceve sussidi? (si prega di specificare per entrambi gli anni) [a] 2010: [b] 2011: 26. Quale percentuale di clienti ha avuto accesso al sistema finanziario tradizionale 7? (si prega di specificare per entrambi gli anni) [a] 2010: [b] 2011: 27. A quale percentuale del Reddito Nazionale Lordo (RNL) pro capite corrisponde l ammontare mediano del prestito erogato? (si prega di specificare per entrambi gli anni) [a] 2010: [b] 2011: V. Performance Finanziaria 28. La vostra istituzione misura sistematicamente il portafoglio di crediti attivo o la percentuale di ritardi nei pagamenti? (es. misure di Portafoglio a Rischio; PAR)? [a] Sì [b] No 29. Portafoglio a Rischio (PAR 30) (Saldo del capitale dei prestiti in ritardo da più di trenta (30) giorni / Portafoglio attivo lordo al 31 dicembre 2011) x Percentuale prestiti cancellati (Valore dei prestiti riconosciuti come irrecuperabili nel periodo/ Portafoglio attivo lordo medio del periodo) x Rendimento del Portafoglio Ricavi ottenuti (da interessi attivi e altre commissioni addizionali sui prestiti) / Portafoglio attivo lordo medio del periodo 7 Ai fini di questa ricerca, con individui aventi accesso al sistema tradizionale di credito ci si riferisce a persone solvibili e che hanno accesso a prestiti disponibili sul mercato. Questionario Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europe ; Versione pag 7

8 32. Redditività del capitale proprio (ROE) (Reddito netto ante imposte e sovvenzioni / Capitale proprio medio dell esercizio) x Redditività dell attivo (ROA) (Reddito netto ante imposte e sovvenzioni / Attivo medio dell esercizio) x Valore complessivo di attivo e passivo Dimensioni delle Attività di Microcredito Periodo considerato: da gennaio a dicembre (si prega di fornire gli importi interi, senza virgole o decimali, es. 101, 10010, etc) Qual era il numero dei clienti attivi al 31 dicembre? (sono considerati clienti attivi coloro i quali devono ancora concludere il rimborso del prestito, sono perciò esclusi coloro i quali hanno già rimborsato l intero ammontare del prestito e coloro che hanno interrotto il pagamento da più di 90 giorni) clienti clienti 36. Qual era il valore del portafoglio attivo lordo al 31 dicembre (l importo dei finanziamenti erogati e non ancora rimborsati)? 37. Rapporto Debito/ Capitale netto 38. Costo medio dell indebitamento Questionario Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europe ; Versione pag 8

9 39. Coefficiente costi operativi (Costi operativi del periodo / Portafoglio attivo lordo medio del periodo) x Coefficiente di accantonamento (Spese di accantonamento per rischi su crediti del periodo/ Portafoglio attivo lordo medio del periodo) x Prestiti di rifinanziamento (Prestiti attivi rifinanziati o ristrutturati nel periodo / Portafoglio prestiti lordo medio in corso del periodo) x Costo per beneficiario Costi operativi del periodo / Numero medio di beneficiari attivi del periodo 43. Produttività degli agenti di credito Numero dei beneficiari attivi / Numero degli agenti di credito 44. Produttività dello staff Numero dei beneficiari attivi / Numero totale degli impiegati 45. Numero di lamentele fatte da richiedenti, clienti attivi e passati 46. Numero di lamentele fatte da richiedenti, clienti attivi e passati come percentuale rispettivamente del totale dei richiedenti, clienti attivi e passati rispettivamente Obiettivo: Valutazione del grado di soddisfazione del cliente Richiedenti..Clienti attivi Clienti passati Percentuale per richiedenti Percentuale per clienti attivi 47. Percentuale di costo sussidiato per prestito Sussidio medio per prestito / costo medio per prestito Percentuale x clienti passati Questionario Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europe ; Versione pag 9

10 48. Aggiustamento degli indicatori di sostenibilità tenendo conto dei sussidi (aggiustamento per sussidi) Approccio: 1.) Sussidio in natura (in-kind) = Costo stimato di mercato nel periodo Costo effettivamente pagato nel periodo 2.) Costo Sussidiato dei Finanziamenti = {(Ammontare medio prestiti a breve termine + Ammontare medio prestiti a lungo termine) x Tasso di mercato sui prestiti} Interesse e tasse sui prestiti Sussidio in natura (in-kind): Differenza tra il prezzo effettivo che una IMF paga per un bene o servizio e il prezzo che pagherebbe per lo stesso bene o servizio se lo acquistasse sul mercato. Costo Sussidiato dei Finanziamenti: Differenza tra le spese finanziarie di una IMF e le spese finanziarie che pagherebbe se i finanziamenti fossero concessi a tasso di mercato 49. Reddito finanziario 2011: 50. Reddito operativo 2011: 51. Costi finanziari 2011: 52. Costi amministrativi 2011: 53. Costi del personale 2011: 54. Accantonamenti svalutazione crediti 2011: Questionario Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europe ; Versione pag 10

11 55. Conosce il Codice Europeo di Buona Condotta per l Offerta di Microcredito? [1] Sì [2] No 56. Intende aderire al codice in un immediato futuro? [1] Sì [2] No, perché _ 57. Acconsente alla pubblicazione dei dati dell organizzazione sul sito web della Rete Europea di Microfinanza? [1] Sì [2] No 58. I dati forniti saranno utilizzati ai fini di uno studio sull evoluzione del microcredito in Europa che sarà pubblicato nell autunno del La Rete Europea di Microfinanza è consapevole del fatto che alcuni dati forniti possono essere riservati. Pertanto, nella pubblicazione in programma, la Rete Europea di Microfinanza non divulgherà le informazioni delle singole istituzioni ma saranno pubblicati esclusivamente dati individuali in forma anonima e dati aggregati. Le informazioni individuali relative alle istituzioni partecipanti non saranno rese note senza il consenso delle parti interessate. [1] Sì. Il nome dell organizzazione può essere reso noto nella presentazione dei risultati dell indagine. [2] No. Le informazioni devono rimanere anonime. 59. Con la presente, si conferma che le informazioni fornite sono corrette. Firma (Nome): Data: Organizzazione: Questionario Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europe ; Versione pag 11

Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea 2010 2011

Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea 2010 2011 Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea 2010 2011 Questionario per l indagine sulle istituzioni di microfinanza Sommario: I. Caratteristiche istituzionali chiave

Dettagli

Questionario. Best practice exchange on microfinance for migrants in the EU

Questionario. Best practice exchange on microfinance for migrants in the EU Questionario Best practice exchange on microfinance for migrants in the EU Il questionario è sviluppato nell ambito di un progetto promosso e finanziato dal "Fondo Europeo per l integrazione di cittadini

Dettagli

LE ESPERIENZE DI MICROCREDITO IN EMILIA ROMAGNA

LE ESPERIENZE DI MICROCREDITO IN EMILIA ROMAGNA «Il Microcredito: la buona economia» Dal denaro alla cura. Lo strumento Microcredito sul territorio Carpi, 12 Aprile 2013 LE ESPERIENZE DI MICROCREDITO IN EMILIA ROMAGNA Realizzazione di una Guida pratica

Dettagli

La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore

La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore Un indagine esplorativa condotta dalla Fondazione Giordano Dell Amore e dalla Rete Italia America Latina sulle sfide attuali

Dettagli

Microcredito. La soluzione di Intesa Sanpaolo per il microcredito imprenditoriale

Microcredito. La soluzione di Intesa Sanpaolo per il microcredito imprenditoriale Microcredito La soluzione di Intesa Sanpaolo per il microcredito imprenditoriale Gennaio 2016 Normativa relativa al Microcredito in Italia. Il Microcredito è stato oggetto negli anni di continue evoluzioni

Dettagli

Opportunità d impresa ed esclusione dal credito: il caso italiano

Opportunità d impresa ed esclusione dal credito: il caso italiano Opportunità d impresa ed esclusione dal credito: il caso italiano Rapporto RITMI (Rete Italiana della Microfinanza) Francesco Terreri, Microfinanza srl Luigi Galimberti Faussone, Microfinanza srl Con il

Dettagli

Il quinto e ultimo capitolo quinto è dedicato al caso italiano. Nel nostro paese, la domanda di

Il quinto e ultimo capitolo quinto è dedicato al caso italiano. Nel nostro paese, la domanda di I SINTESI Questo numero di Osservatorio monetario viene interamente dedicato all analisi delle implicazioni derivanti dallo sviluppo della microfinanza. Il primo capitolo descrive le ragioni del successo

Dettagli

per micro PERCORSI DI MICROCREDITO

per micro PERCORSI DI MICROCREDITO per micro PERCORSI DI MICROCREDITO Siamo nati per accompagnare, fianco a fianco, con competenza ed entusiasmo, chi ha deciso di investire su se stesso, di intraprendere un attività di impresa un percorso

Dettagli

La nuova iniziativa sarà denominata Sostegno prima Impresa mentre l iniziativa in essere sarà denominata Sostegno Sociale

La nuova iniziativa sarà denominata Sostegno prima Impresa mentre l iniziativa in essere sarà denominata Sostegno Sociale Allegato alla convenzione del 4/11/2011, modificato in data 25 settembre 2014 e in data 19 marzo 2015 FONDO DI GARANZIA FINALIZZATO A SOSTENERE LA NASCITA DI NUOVE IMPRESE E DI NUOVE ATTIVITÀ DI LAVORO

Dettagli

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci.

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Debiti verso fornitori Importi dovuti ai fornitori. Crediti

Dettagli

4. LA MICROFINANZA IN EUROPA

4. LA MICROFINANZA IN EUROPA 45 4. LA MICROFINANZA IN EUROPA 4.1 La situazione attuale La microfinanza in Europa si sta progressivamente dimostrando uno strumento essenziale delle politiche sociali; un importante mezzo di promozione

Dettagli

Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato

Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Analisi della sostenibilità dell indebitamento finanziario nelle piccole e medie imprese Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Introduzione La situazione della finanza mondiale versa oggi

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Viene confermata la focalizzazione della Banca sulla concessione del credito e sulla gestione delle

Viene confermata la focalizzazione della Banca sulla concessione del credito e sulla gestione delle COMUNICATO STAMPA Il Consiglio d Amministrazione di Banca del Mezzogiorno MedioCredito Centrale approva il nuovo Piano Industriale Triennale 2015 2017 e la Relazione Semestrale al 30 giugno 2015 Roma,

Dettagli

Gli Approfondimenti della Fondazione Studi

Gli Approfondimenti della Fondazione Studi ANNO 2015 Gli Approfondimenti della Fondazione Studi Approfondimento del 31.03.2015 A cura di Saverio Nicco MICROCREDITO: ISTRUZIONI PER L USO In attesa che il Mise dirami disposizioni operative e modulistica,

Dettagli

Microfinanza. Impegno, strategia e modalità operative

Microfinanza. Impegno, strategia e modalità operative Microfinanza Impegno, strategia e modalità operative Microfinanza - Impegno, strategia e modalità operative Aprile 2014 Coordinamento del Progetto e contenuti: Cristian Bevacqua Progettazione grafica:

Dettagli

LA BANCA COME UN IMPRESA

LA BANCA COME UN IMPRESA . Direzione crediti LA BANCA COME UN IMPRESA La legislatura italiana definisce la Banca come un impresa autorizzata a raccogliere il risparmio, tramite forme diverse, presso il pubblico ed a erogare il

Dettagli

Bilancio di previsione 2012-2014 del Consorzio Grosseto Lavoro. (redatto ai sensi dell art. 18 comma 2 dello Statuto)

Bilancio di previsione 2012-2014 del Consorzio Grosseto Lavoro. (redatto ai sensi dell art. 18 comma 2 dello Statuto) Bilancio di previsione 2012-2014 del Consorzio Grosseto Lavoro (redatto ai sensi dell art. 18 comma 2 dello Statuto) Sommario Premessa... 2 1. La missione e gli obiettivi... 3 2. Il rapporto con gli Enti

Dettagli

PROGETTO A.MI.CI. ACCESSO AL MICROCREDITO DEGLI IMMIGRATI

PROGETTO A.MI.CI. ACCESSO AL MICROCREDITO DEGLI IMMIGRATI PROGETTO A.MI.CI. ACCESSO AL MICROCREDITO DEGLI IMMIGRATI Il microcredito: tendenze e prospettive applicative Prof. Leonardo Becchetti Grameen bank: : il caso più noto 1974 Yunus insegna a Chittagong;

Dettagli

Microcredito Under 35

Microcredito Under 35 Microcredito Under 35 Modello Operativo Mission La Fondazione Welfare Ambrosiano ha sottoscritto una Convenzione con il Comune di Milano per la costituzione di un apposito Fondo di Garanzia per consentire

Dettagli

Gli Approfondimenti della Fondazione Studi

Gli Approfondimenti della Fondazione Studi ANNO 2015 Gli Approfondimenti della Fondazione Studi Approfondimento del 16.03.2015 IL MICROCREDITO ALLE PMI PASSA DAI CONSULENTI DEL LAVORO Il Microcredito passa dai Consulenti del Lavoro. In attesa del

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Capitolo 6 L intermediazione creditizia

Capitolo 6 L intermediazione creditizia Capitolo 6 L intermediazione creditizia Esercizio 1 Quali sono gli elementi centrali negli scambi creditizi? a. Le informazioni. b. La conoscenza reciproca degli scambisti. c. I contratti personalizzati.

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI. Rapporto fiduciario

SCHEMA DI SINTESI. Rapporto fiduciario GESTIONED IMPRESA ACCESSO AL CREDITO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI APPROFONDIMENTI ESEMPI FASCICOLO BANCHE COME NUOVO STRUMENTO DI COMUNICAZIONE FINANZIARIA (valutazione del merito creditizio) La crescente

Dettagli

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO 1 COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO E UNO STRUMENTO CHE INDIVIDUA LE DINAMICHE DEL CAPITALE METTENDO IN

Dettagli

LE ESPERIENZE DI MICROCREDITO IN ITALIA. I dati più aggiornati

LE ESPERIENZE DI MICROCREDITO IN ITALIA. I dati più aggiornati LE ESPERIENZE DI MICROCREDITO IN ITALIA I dati più aggiornati Regioni e sistema creditizio Roma, 2 dicembre 2014 Il Microcredito in Italia al 2013 2 Numero programmi: 297 Numero complessivo dei prestiti:

Dettagli

Credito alle famiglie 2009. Giuseppe Zadra Direttore Generale

Credito alle famiglie 2009. Giuseppe Zadra Direttore Generale Credito alle famiglie 2009 Giuseppe Zadra Direttore Generale Roma, 23 giugno 2009 Gli impieghi alle famiglie consumatrici in Italia 400.000 350.000 300.000 250.000 200.000 150.000 100.000 50.000-366.898

Dettagli

Microcredito e microfinanza, tra teoria e pratica. Dall estero all Italia, differenze, opportunità e criticità per sfidare la crisi locale e globale.

Microcredito e microfinanza, tra teoria e pratica. Dall estero all Italia, differenze, opportunità e criticità per sfidare la crisi locale e globale. Microcredito e microfinanza, tra teoria e pratica. Dall estero all Italia, differenze, opportunità e criticità per sfidare la crisi locale e globale. Relazione della dottoressa Simona Lanzoni Chi è Fondazione

Dettagli

MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito da Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a.

MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito da Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a. Offerta al pubblico e ammissione alle negoziazioni di quote del fondo comune di investimento immobiliare chiuso ad accumulazione ed a distribuzione dei proventi denominato MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito

Dettagli

Le economie evolute, la micro-finanza e l accesso al credito Spunti di riflessione fra modelli metodologici e opportunità di applicazione

Le economie evolute, la micro-finanza e l accesso al credito Spunti di riflessione fra modelli metodologici e opportunità di applicazione Le economie evolute, la micro-finanza e l accesso al credito Spunti di riflessione fra modelli metodologici e opportunità di applicazione Massimo Carrozzo Roma, 4 maggio 2010 1 Agenda Contesto economico

Dettagli

AI SOCI DELLA SEZIONE LOMBARDIA

AI SOCI DELLA SEZIONE LOMBARDIA AI SOCI DELLA SEZIONE LOMBARDIA Milano, 22 marzo 2011 MT/dg Caro Socio, un gruppo di ricercatori dell area Finanza dell Università di Ferrara (facoltà d economia) in collaborazione con il Master CFO ANDAF-UNIFE

Dettagli

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006 Contenuti, logiche ed effetti di Basilea 2 sulle PMI Le informazioni qualitative rilevanti ai fini del rating qualitativo: il controllo di gestione aziendale come elemento importante dei dati qualitativi

Dettagli

La gestione delle ristrutturazioni e delle crisi aziendali

La gestione delle ristrutturazioni e delle crisi aziendali La gestione delle ristrutturazioni e delle crisi aziendali Ermanno Dalla Libera Istituto Poster www.performancemonitor.eu 1 Introduzione Che cos è la ristrutturazione? La ristrutturazione, nell ampia accezione

Dettagli

Studio Canti srl Consulenza del Lavoro- Gestione del personale. Daniela Canti Ordine Consulenti del lavoro di Roma n. 1844

Studio Canti srl Consulenza del Lavoro- Gestione del personale. Daniela Canti Ordine Consulenti del lavoro di Roma n. 1844 Circolare Microcredito 2015 Siamo a fornire una serie di chiarimenti sul Bando Microcredito PMI, in attesa del click day di inizio aprile e del nuovo decreto attuativo,contenente una serie di novità, in

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 146,6 milioni (ex Euro 134,3 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 146,6 milioni (ex Euro 134,3 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: LA COMPARAZIONE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005.

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005. COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005. In data 3 aprile u.s. la Banca d Italia ha emanato una circolare a tutti gli intermediari creditizi con cui disciplina

Dettagli

Microcredito per il territorio. Rassegna stampa

Microcredito per il territorio. Rassegna stampa Microcredito per il territorio Rassegna stampa PerMicro - Microcredito in Italia PerMicro è il primo (e ad oggi unico) operatore professionale di microcredito sociale in Italia, iscritto all'albo degli

Dettagli

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti La funzione finanziaria Prof. Arturo Capasso ARGOMENTI Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti Una premessa Funzione Finanziaria e Finanza Aziendale.

Dettagli

EMERGENZA LAVORO E MICROCREDITO

EMERGENZA LAVORO E MICROCREDITO EMERGENZA LAVORO E MICROCREDITO il LAVORO: la più grande emergenza del nostro tempo!!! Parte 2, Allegati PROGETTO DISTRETTUALE 2060 A.R. 2014-2015, 2015-2016, 2016-2017 Allegati 1. Il microcredito nel

Dettagli

BANCA POPOLARE CALABRE DELLE PROVINCE. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL microcredito

BANCA POPOLARE CALABRE DELLE PROVINCE. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL microcredito BANCA POPOLARE DELLE PROVINCE CALABRE REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL microcredito PREMESSA La Banca Popolare delle Province Calabre Società Cooperativa per Azioni, esaltando, quale ragion d essere della

Dettagli

Microcredito a favore di micro imprese e privati cittadini: pronte le nuove regole

Microcredito a favore di micro imprese e privati cittadini: pronte le nuove regole FAZIO ANNA Ragioniere commercialista Iscritta all O.D.C.E C. di Prato Revisore dei conti VIA TINTORI 31-59100 PRATO PO Telefono: 0574 23889 3394342747 fax :057429790 e-mail: annafazio@wmail.it pec: annafazio@odcecprato.legalmail.it

Dettagli

La semestrale 2012 dei gruppi assicurativi italiani quotati in borsa

La semestrale 2012 dei gruppi assicurativi italiani quotati in borsa La semestrale 2012 dei gruppi assicurativi italiani quotati in borsa Roma, 24 ottobre 2012 A cura di F. Ierardo Coordinamento di N. Maiolino L andamento di borsa 30/06/2011-30/06/2012 Problematico l andamento

Dettagli

Sportello Informativo e di Orientamento IMPRESA E LAVORO

Sportello Informativo e di Orientamento IMPRESA E LAVORO Sportello Informativo e di Orientamento IMPRESA E LAVORO Accesso al credito, opportunità di finanziamento e inserimento lavorativo Lo sportello informativo Impresa e Lavoro della Pro Loco di Itri offre

Dettagli

Denominazione Società. Business Plan

Denominazione Società. Business Plan Denominazione Società Business Plan 20 20 Analisi effettuata il XX.XX.XX A cura di: Schema di Business Plan Università degli Studi di Trento Sommario del Business Plan 0. NO DISCLOSURE E DISCLAIMER...3

Dettagli

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Abstract La relazione sulla gestione costituisce uno dei principali documenti allegati al bilancio d esercizio, il

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi

Le Circolari della Fondazione Studi ANNO 2015 CIRCOLARE NU MERO 5 Le Circolari della Fondazione Studi n.5 del 06.03.2015 Microcredito: istruzioni per l uso Partito il bando del Mise, che mette a disposizione circa 40 milioni di euro per

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET Il sistema di pianificazione aziendale integrato. 1. Scenari ambientali, previsionali generali, bilanci passati Riferimenti ambientali Posizionamento strategico

Dettagli

Prestiti per studenti condizionati al reddito: Finanza pericolosa o gioco a somma positiva?

Prestiti per studenti condizionati al reddito: Finanza pericolosa o gioco a somma positiva? Prestiti per studenti condizionati al reddito: Finanza pericolosa o gioco a somma positiva? Andrea Ichino università di bologna Daniele Terlizzese eief e banca d italia 29 febbraio 2012 1 Gli obiettivi

Dettagli

Il microcredito per lo sviluppo delle microimprese turistiche nelle Regioni Calabria, Campania, Puglia, Sicilia

Il microcredito per lo sviluppo delle microimprese turistiche nelle Regioni Calabria, Campania, Puglia, Sicilia Il microcredito per lo sviluppo delle microimprese turistiche nelle Regioni Calabria, Campania, Puglia, Sicilia POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento

Dettagli

Microcredito alle porte della Lombardia: BCC di Creta Cred. Coop. Piacentino

Microcredito alle porte della Lombardia: BCC di Creta Cred. Coop. Piacentino Microcredito alle porte della Lombardia: BCC di Creta Cred. Coop. Piacentino Bologna, 21 maggio 2010 premessa: la popolazione sotto il livello di povertà L'ISTAT conduce annualmente una analisi delle condizioni

Dettagli

In corso di pubblicazione le procedure per accedere agli interventi del Fondo di Garanzia in favore del microcredito

In corso di pubblicazione le procedure per accedere agli interventi del Fondo di Garanzia in favore del microcredito Fabio Mora Dottore Commercialista Revisore Contabile partita iva 01520610443 Cod. Fisc. MROFBA66B10G920A A mezzo fax / e.mail Circolare n. 6/2015 A tutti i signori clienti loro sedi Porto San Giorgio,

Dettagli

Prestiti Ordinari: La Gestione dei Residui

Prestiti Ordinari: La Gestione dei Residui Prestiti Ordinari: La Gestione dei Residui Roadshow aprile-maggio 2012 Indice CDP e la gestione del debito degli Enti Locali 3 Pag. La gestione dei residui non erogati 8 La trasformazione in prestito flessibile

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

GIUSEPPE TARDIVO IL MICROCREDITO. Relazione in occasione dell inaugurazione della Mostra fotografica Ndithini, sguardi da una missione

GIUSEPPE TARDIVO IL MICROCREDITO. Relazione in occasione dell inaugurazione della Mostra fotografica Ndithini, sguardi da una missione GIUSEPPE TARDIVO IL MICROCREDITO Relazione in occasione dell inaugurazione della Mostra fotografica Ndithini, sguardi da una missione 28 febbraio 2013 Salone d Onore del Comune di Cuneo 1.CHE COS È IL

Dettagli

Il finanziamento alle imprese

Il finanziamento alle imprese Il finanziamento alle imprese Alberto Balestreri Corso di Economia ed organizzazione aziendale II ING-IND/35 Laurea Specialistica in Biotecnologie Industriali Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e

Dettagli

INTERPUMP GROUP APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2015

INTERPUMP GROUP APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2015 COMUNICATO STAMPA INTERPUMP GROUP APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE 2015 VENDITE NETTE: 222,6 milioni (+39,0%) - 160,2 milioni nel primo trimestre 2014 EBITDA: 43,5 milioni (+35,8%) pari al 19,5%

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 30 Informazioni richieste nel bilancio delle banche e degli istituti finanziari Ambito di applicazione

Principio contabile internazionale n. 30 Informazioni richieste nel bilancio delle banche e degli istituti finanziari Ambito di applicazione Principio contabile internazionale n. 30 (rivisto nella sostanza nei 1994) Informazioni richieste nel bilancio delle banche e degli istituti finanziari Il presente Principio contabile internazionale così

Dettagli

VI Corso Multidisciplinare UNICEF di Educazione allo Sviluppo

VI Corso Multidisciplinare UNICEF di Educazione allo Sviluppo VI Corso Multidisciplinare UNICEF di Educazione allo Sviluppo Microcredito: una strategia per ridurre la povertà? Veronica Polin Università degli Studi di Verona 1 Esclusione finanziaria: dimensione 3

Dettagli

Capitolo XV. La gestione della finanza: investimenti e finanziamenti

Capitolo XV. La gestione della finanza: investimenti e finanziamenti Capitolo XV La gestione della finanza: investimenti e finanziamenti La funzione finanziaria Nella funzione finanziaria si comprende il complesso di decisioni e di operazioni volte a reperire e ad impiegare

Dettagli

Nuove Relazioni tra Piccole Industrie e Banca per uscire dalla crisi

Nuove Relazioni tra Piccole Industrie e Banca per uscire dalla crisi Nuove Relazioni tra Piccole Industrie e Banca per uscire dalla crisi Rosella Sciolla Responsabile Direzione Crediti Regionale Piemonte Nord Valle d Aosta di UniCredit Banca Torino, 27 Maggio 2010 2 Basilea

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015

Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015 Comunicato Stampa Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015 Utile netto consolidato a 7,6 milioni di Euro (+52,3% a/a) Ricavi consolidati a 44,8 milioni di Euro (+2,1% a/a) Risultato della gestione

Dettagli

Collocamento delle Azioni Tercas. 21 e. domande risposte

Collocamento delle Azioni Tercas. 21 e. domande risposte Collocamento delle Azioni Tercas 21 e domande risposte Prima dell adesione leggere attentamente il prospetto informativo Il 21.08.2006 ha inizio il collocamento del 15% delle Azioni Tercas. 21 e domande

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario Gli indici di bilancio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie

Dettagli

Facoltà di scelta. Andrea Ichino università di bologna. Daniele Terlizzese eief e banca d italia

Facoltà di scelta. Andrea Ichino università di bologna. Daniele Terlizzese eief e banca d italia Facoltà di scelta L università salvata dagli studenti Una modesta proposta Andrea Ichino università di bologna Daniele Terlizzese eief e banca d italia Marzo 2013 1 Gli obiettivi della proposta Reperire

Dettagli

ALLEGATO 1 Servizi di Microcredito

ALLEGATO 1 Servizi di Microcredito ALLEGATO 1 Servizi di Microcredito 19.06.2013 PREMESSA La considerazione delle attuali condizioni del mondo economico nella nostra regione e più specificamente nel territorio provinciale, porta alla luce

Dettagli

Regolamento 1083/2006 (Disposizioni generali)

Regolamento 1083/2006 (Disposizioni generali) Regolamento 1083/2006 (Disposizioni generali) Ingegneria finanziaria Articolo 44 Strumenti di ingegneria finanziaria Nell'ambito di un programma operativo, i Fondi strutturali possono finanziare spese

Dettagli

a) le finalità, gli obiettivi, gli ambiti di applicazione, i beneficiari dell intervento e i requisiti richiesti per l accesso al microcredito;

a) le finalità, gli obiettivi, gli ambiti di applicazione, i beneficiari dell intervento e i requisiti richiesti per l accesso al microcredito; Allegato alla Delib.G.R. n. 56/7 del 29.12.2009 Criteri e modalità di gestione del fondo di garanzia etica. Art. 3, comma 2, lett. e), della L.R. n. 1/2009. PREMESSA. Questa direttiva definisce i criteri

Dettagli

Elementi di finanza pubblica (IV parte)

Elementi di finanza pubblica (IV parte) Elementi di finanza pubblica (IV parte) a cura di Monica Montella - montella.monica@gmail.com Franco Mostacci - frankoball@hotmail.com Indice 1) La procedura dei deficit eccessivi (EDP): analisi degli

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A

COMUNICATO STAMPA CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A Raccolta da clientela (1) +11,8% a/a a 56.235 milioni di euro, con un incremento in valore assoluto di circa sei miliardi di euro a/a; raccolta

Dettagli

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10%

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% Utile netto consolidato a 100,3 milioni di euro, +11,2% a/a; investimenti per lo sviluppo dei canali di

Dettagli

Randazzo, 9 Novembre 2015

Randazzo, 9 Novembre 2015 Randazzo, 9 Novembre 2015 L'INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA SULLE OPERAZIONI DI MICROCREDITO divenuto operativo con circolare n. 8 del 26 maggio 2015 1 Il Fondo di Garanzia per le PMI è uno strumento

Dettagli

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione.

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione. Veneto Banca rafforza il patrimonio promuovendo un operazione di aumento di capitale in opzione ai soci fino ad un massimo di 500 milioni di euro e la conversione del prestito obbligazionario convertibile

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Premessa La redazione del bilancio da parte degli amministratori rappresenta un attività di valutazione, ma soprattutto di

Dettagli

FONDO MICROCREDITO FSE

FONDO MICROCREDITO FSE FONDO MICROCREDITO FSE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE Art. 1- OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI Il presente documento costituisce il riferimento e la base per l attuazione del Fondo Microcredito FSE, che ha l obiettivo

Dettagli

Va ricordato a questo proposito che le grandi banche americane, cartolarizzando i propri portafogli crediti, hanno trasferito, attraverso l'emissione

Va ricordato a questo proposito che le grandi banche americane, cartolarizzando i propri portafogli crediti, hanno trasferito, attraverso l'emissione Michele Bagella: Cercherò di fare alcuni commenti riferendomi a ciò che ho ascoltato partecipando a questa tavola rotonda. Sono tra coloro che sono convinti che il microcredito e la microfinanza possano

Dettagli

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 114 2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 2.2.7.1 Gerarchia del fair value 2. Bilancio consolidato Le tabelle di seguito forniscono una ripartizione delle attività e passività per

Dettagli

CIRCOLARE N. 983 DEL 2 DICEMBRE 2014. Oggetto: Disciplina del microcredito Decreto del Ministero dell Economia e delle Finanze.

CIRCOLARE N. 983 DEL 2 DICEMBRE 2014. Oggetto: Disciplina del microcredito Decreto del Ministero dell Economia e delle Finanze. CIRCOLARE N. 983 DEL 2 DICEMBRE 2014 Oggetto: Disciplina del microcredito Decreto del Ministero dell Economia e delle Finanze. Si informa che la Gazzetta Ufficiale n. 279 di ieri 1 dicembre 2014 ha pubblicato

Dettagli

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE (RIVISTO NELLA SOSTANZA NEL 1993) Effetti delle variazioni dei cambi delle valute estere Il presente Principio

Dettagli

Piano Base CAP di Tasso Multiopzione Piano Bilanciato. Rientro Libero

Piano Base CAP di Tasso Multiopzione Piano Bilanciato. Rientro Libero Abitativo e Surroga MUTUO DOMUS VARIABILE Finalità abitativa e portabilità tramite surroga Piano Base CAP di Tasso Multiopzione Piano Bilanciato Rientro Libero Scheda informativa ad esclusivo uso interno

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Gli intermediari finanziari: banche Intermediazione finanziaria, tipologie di intermediari e imperfezioni di mercato (Fonte: Corigliano, 2004, Intermediazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009 SOCIETÀ PER AZIONI Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale Euro 155.247.762,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz. al Registro

Dettagli

Benvenuti in Banca di San Marino. Welcome to Banca di San Marino

Benvenuti in Banca di San Marino. Welcome to Banca di San Marino Benvenuti in Banca di San Marino Welcome to Banca di San Marino INDICE / CONTENTS LE FILIALI / THE BRANCHES IL GRUPPO / THE GROUP N. Azionisti 1.987 9,87% N. Soci 399 90,13% Cap. Sociale 114.616.800

Dettagli

Tabella di sintesi/1

Tabella di sintesi/1 SCHEDE SINTETICHE Tabella di sintesi/1 Digitalizzazione R&S Start up innovative e PMI innovative Turismo digitale Incentivo Finanziamenti per progetti di R&S (settore ICT Agenda Digitale) Finanziamenti

Dettagli

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali

Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Il fido bancario quale forma di finanziamento delle imprese industriali Traccia di Economia aziendale di Emanuele Perucci Il candidato, dopo aver sinteticamente illustrato le varie forme di finanziamento

Dettagli

Lo studio di fattibilità di un programma di MF

Lo studio di fattibilità di un programma di MF Lo studio di fattibilità di un programma di MF Georgia Bertagna 18 e 19 novembre 2009 L identificazione Fase di IDENTIFICAZIONE le idee per la creazione o variazione del progetto e le azioni necessarie

Dettagli

REGOLAMENTO. 1.1. le Banche - anche in qualità di capofila di pool di banche con sede nel territorio della Provincia di Rimini;

REGOLAMENTO. 1.1. le Banche - anche in qualità di capofila di pool di banche con sede nel territorio della Provincia di Rimini; REGOLAMENTO PARTE I DEFINIZIONI Nelle presenti disposizioni l espressione: Fondo, indica il Fondo di garanzia a favore dei privati cittadini dipendenti delle aziende aventi sede nella Provincia di Rimini

Dettagli

BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1

BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1 COMUNICATO STAMPA BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1 Performance commerciale: +20% turnover factoring nei primi nove mesi 2015 a/a Outstanding CQS/CQP al 30 settembre 2015 pari

Dettagli

MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche

MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche A cura di: Dott. Antonio Fortarezza MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche Il 3 agosto 2009 il Ministro dell'economia e delle finanze, il Presidente

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

La legge "Salva Suicidi" Legge n. 3 del 2012 UN NUOVO START-UP DELLA FAMIGLIA

La legge Salva Suicidi Legge n. 3 del 2012 UN NUOVO START-UP DELLA FAMIGLIA La legge "Salva Suicidi" Legge n. 3 del 2012 UN NUOVO START-UP DELLA FAMIGLIA Se sei un commerciante, un artigiano, un piccolo imprenditore oppure un semplice C ittadino imossibilitato a far fronte ai

Dettagli

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013)

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2014 GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) Il risultato è influenzato dagli oneri

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Il Fondo di garanzia per le PMI, gestito dal Medio Credito Centrale-Unicredit e istituito con la L. 662/96 ha conosciuto

Dettagli