per una migliore qualita dell aria a adova

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "per una migliore qualita dell aria a adova"

Transcript

1 OTTOBRE 2008 Il Progetto LIFE -PARFUM P per una migliore qualita dell aria a adova L'inquinamento dell'aria è oggi una delle problematiche più sentite a livello europeo; gli ambienti urbani sono i più colpiti dalle pressioni negative dell'inquinamento atmosferico in termini di qualità della vita dei cittadini, salute umana e danni causati a piante, monumenti ed edifici. Il principale ambito di incidenza è quello legato al trasporto su strada, responsabile da solo di oltre il 40% delle emissioni nocive in atmosfera. Nelle città europee, l'auto privata continua ad essere il principale mezzo di trasporto urbano con circa l'82% degli spostamenti, mentre solo il 12% delle percorrenze avviene utilizzando i mezzi pubblici e il 6% con la bicicletta (Fonte: Dipartimento Politiche Comunitarie - Gli impatti generati dal traffico sulla qualità dell'aria e la crescente preoccupazione sugli effetti che esso ha per la salute sono sottolineati dai risultati del programma CAFE (Clean Air for Europe) che stima in circa le morti premature annue in Europa a causa del solo PM. 2,5 La complessità del problema richiede che il controllo delle emissioni sia esercitato attraverso l'attuazione di opportune politiche di settore. In quest'ottica, i regolamenti e le linee guida UE relativi alla qualità dell'aria pongono obiettivi gradualmente più restrittivi e perciò più difficili da raggiungere: entro breve verrà stabilito un nuovo standard di emissione per i PM 2.5 (attualmente è in vigore il solo standard per il PM 10) e per l' NO 2. A Padova, le strategie Comunitarie sono state tradotte con la realizzazione di piani e programmi mirati alla riduzione delle emissioni di inquinanti atmosferici. Fra di esse sono certamente da ricordare le misure integrate per la riduzione dell'inquinamento atmosferico, che indicano le azioni di medio e lungo periodo da realizzare in relazione a 15 aree di intervento: Zona a Traffico Limitato (ZTL), Metrotram, Piste Ciclabili, Ammodernamento degli autobus che svolgono servizio urbano, Interventi di moderazione del traffico Padova partecipa anche, insieme ad altri partner locali (ARPAV e Provincia di Padova), al Progetto Europeo Life-Parfum cui obiettivo principale è l'individuazione di nuovi strumenti politici e finanziari volti all'introduzione di tecnologie e di processi innovativi per migliorare la qualità dell'aria a livello cittadino, affrontando in particolare i problemi di inquinamento generati dal trasporto urbano. Inoltre, il progetto prevede localmente il rafforzamento di azioni vincenti, come il Progetto Cityporto, che attraverso una nuova logistica delle merci collabora significativamente alla riduzione delle emissioni. Attraverso l'integrazione, in sinergia fra azioni strutturali potenziamento del tram, aumento e sicurezza delle piste ciclabili, miglioramento del trasporto pubblico, ingrandimento della Zona a Traffico limitato - iniziative di educazione, formazione, informazione e partecipazione a Progetti europei e non, il Comune cerca la propria strada per migliorare la qualità dell'ambiente urbano. I Deliverable D.E.3 Con il contributo della Comunità Europea

2 IL PROGETTO LIFE-PARFUM Cresce in tutta Europa la preoccupazione per gli impatti ambientali legati alle emissioni originate dal settore dei trasporti e sulle conseguenze dirette e indirette dell'inquinamento sulla salute della popolazione. Brema, Padova e Rotterdam cooperano nel progetto europeo Life-Parfum per ridurre tali emissioni, allo scopo di migliorare la qualità dell'ambiente urbano e della vita dei propri cittadini. Attraverso le seguenti soluzioni integrate le tre città Partner forniranno il loro contributo per una migliore qualità dell'aria a livello locale:! Monitoraggi e modelli che consentano una migliore pianificazione urbana e della mobilità;! Una efficiente organizzazione dei trasporti, ad es. attraverso un miglioramento della logistica delle merci e dell'attrattività dei trasporti pubblici;! Strumenti efficaci per promuovere l'uso di mezzi meno inquinanti. In ambito locale il problema dell'inquinamento atmosferico riguarda, in particolare, le questioni relative al traffico veicolare e al riscaldamento degli edifici, oltre che gli impianti industriali ed energetici. Le città sono infatti i luoghi dove maggiormente si concentrano le fonti di squilibrio per l'ambiente con conseguenze dirette anche sulla salute dei cittadini. La complessità di tale questione richiede di ricercare soluzioni integrate di politica e tecnologia: nell'ambito delle soluzioni che si possono annoverare ci sono la realizzazione di progetti pilota e l'esplorazione di nuovi strumenti economico-finanziari volti alla possibilità di introdurre innovazioni (trasporti sostenibili, produzione di energie pulite, ecc). In quest'ottica, e considerando il bisogno di trovare una continuità nell'applicazione di strumenti che vadano oltre le possibilità di budget delle Amministrazioni pubbliche, il Comune di Padova, attraverso il Progetto LIFE-PARFUM, ha avviato una serie di attività volte principalmente a sviluppare nuovi strumenti di finanziamento per investimenti in tecnologie non inquinanti per i settori pubblico e privato. La definizione di strumenti economici per finanziare investimenti sui trasporti sostenibili, costituisce una delle più importanti modalità attraverso cui perseguire il miglioramento della qualità dell'aria in città. Tale strumento permette di investire sia in tecnologie di trasporti a basso impatto sull'ambiente sia su altri campi concernenti l'abbattimento degli inquinanti atmosferici. In effetti, insieme alle misure regolative, quelle economico-finanziarie sono oggigiorno ritenute le più efficaci nel promuovere un uso più responsabile dell'auto, incentivando l'utilizzo di veicoli meno inquinanti e/o di mezzi di trasporto pubblici favorendo così la riduzione del traffico urbano. La loro efficienza risiede nel meccanismo di responsabilizzazione economica dell'individuo sul costo sociale della sua scelta. Le misure regolative sono a loro volta necessarie per ridurre livelli d'inquinamento drasticamente alti. I Programmi di incentivazione Il progetto intende facilitare l'incontro fra le necessità di miglioramento delle performance ambientali delle Pubbliche Amministrazioni e gli interessi dei privati, per ottenere una crescita degli investimenti in tecnologie pulite; ovvero, riuscire a strutturare programmi di incentivazione a medio e lungo termine che consentano di ridurre l'impatto delle attività urbane, in particolare della mobilità, sull'ambiente. 2

3 Obiettivi del progetto Life-PARFUM! trovare nuovi strumenti finanziari, sia per le aziende sia per i singoli cittadini, per investimenti in tecnologie di trasporto pulite;! Identificare modalità di investimenti continui nel tempo;! Identificare nuovi strumenti economici per finanziare investimenti sui trasporti sostenibili;! Identificare modalità più efficaci per ottimizzare gli investimenti con fondi pubblici. Nell'ambito delle attività del progetto Padova ha attivato e coordina un tavolo di lavoro con lo scopo di identificare programmi di incentivi finanziari per l'attuazione di comportamenti volti a migliorare la qualità dell'aria nell'ambiente urbano. I programmi di incentivo riguardano sia gli utenti pubblici sia quelli privati. Il lavoro del tavolo si è concentrato principalmente sui mezzi di trasporto come generatori di inquinamento atmosferico, senza però trascurare anche le altre fonti inquinanti, quali ad esempio gli impianti di riscaldamento e di raffreddamento. L'analisi dei fattori di successo di tali programmi di incentivazione renderà possibile l'esportazione dei risultati ottenuti a realtà italiane e straniere con problematiche simili a quelle della città di Padova. Le partnership pubblico-private IL TAVOLO STRUMENTI FINANZIARI Il tavolo di lavoro ha l'obiettivo di individuare potenziali partnership pubblico-private, che consentano di utilizzare efficacemente i fondi pubblici che sono investiti per migliorare la qualità dell'aria nell'ambiente urbano. Altro proposito primario è definire una nuova partnership pubblico-privata con gli Istituti Bancari per la predisposizione di programmi mirati di micro-credito. I partecipanti al tavolo di lavoro Per favorire l'interazione tra pubblico e privato il tavolo è costituito sia da rappresentanti delle Istituzioni pubbliche - Comune di Padova e Università di Padova sia da mandatari dalle banche - in particolare, Cassa di Risparmio del Veneto (ex CARIPARO), Banca di Credito Cooperativo di Piove di Sacco, Banca Etica e Banca Antonveneta. Inoltre, hanno partecipato attivamente un rappresentante del Cityporto e due rappresentanti delle Università di Parma (Facoltà di Economia) e di Venezia (Facoltà di Scienze Ambientali). Le attività del tavolo In una prima fase, il gruppo ha discusso la questione degli strumenti finanziari forniti dal mercato, analizzando alcuni esempi di contributi e incentivi offerti a livello internazionale, nazionale e locale. Dalla discussione è emerso come già oggi esistono numerosi prodotti finanziari offerti dalle banche, e che la problematica da affrontare nell'immediato è legata alla difficoltà di fornire una informazione chiara e fruibile ai cittadini e alle aziende private. Sono state approfondite le proposte finanziarie attuate dagli Istituti Bancari che hanno aderito al gruppo, in particolare quelle rivolte alla sostituzione dei veicoli inquinanti, all'acquisto di mezzi di trasporto sostenibili (biciclette e motorini elettrici, auto a metano/gpl) e all'installazione di panelli fotovoltaici in abitazioni private. Inoltre sono state discusse sia la possibilità di nuove forme di finanziamento attuabili da subito nel mercato sia le forme di pubblicizzazione di questi strumenti. Sono presentate di seguito, in sintesi, le proposte di finanziamento emerse dal Tavolo: 3

4 GLI STRUMENTI FINANZIARI PROPOSTI DALLE BANCHE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI PIOVE DI SACCO FINANZIAMENTO LIFE-PARFUM Partner Informazioni e contatti Efficienza Energetica, Mobilità Sostenibile Sostituzione di veicoli inquinanti per il rinnovo del parco mezzi funzionali all'attività commerciale e/o artigiana per ridurre le emissioni di agenti inquinanti nell'atmosfera in conformità al piano predisposto dal Comune di Padova. Comune di Padova Commercianti Artigiani residenti nella provincia di Padova Sostituzione dei mezzi di trasporto (Autovetture/autocarri) utilizzati esclusivamente per l'attività del richiedente aventi le caratteristiche previste dal progetto Life-Parfum del Comune di Padova B.C.C. di Piove di Sacco Succursali di: v. San Crispino Padova Tel. 049/ Via Romana Aponense, Padova Mandria tel CASSA DI RISPARMIO DEL VENETO * FINANZIAMENTO ENERGIA BUSINESS Partner Efficienza Energetica. Il finanziamento è volto alla realizzazione/acquisto di impianti destinati alla produzione/vendita di energia da pannelli fotovoltaici. Mentre il prestito personale è finalizzato a favorire la realizzazione e l'installazione di pannelli fotovoltaici in abitazioni private. Comune di Padova Il Finanziamento è rivolto alle imprese, PMI e ai professionisti Il prestito è invece destinato alle persone fisiche Informazioni e contatti Realizzazione/acquisto di impianti destinati alla produzione/vendita di energia da pannelli fotovoltaici. Qualsiasi filiale della Banca * ex CARIPARO 4

5 BANCA POPOLARE ETICA MUTUO EFFICIENZA ENERGETICA Efficienza Energetica (termica, elettrica), Risparmio idrico, Mobilità Sostenibile Finanziamento dedicato ai soci che necessitino di dilazionare nel tempo la spesa sostenuta per interventi di efficienza energetica, compresi i costi di progettazione. Soci di Banca Popolare Etica, sia persone fisiche che giuridiche Energia termica (Sistema di contabilizzazione del calore, Sostituzione della caldaia, Sistema di climatizzazione a bassa temperatura, Isolamento termico) Energia elettrica (Lampade a basso consumo, Lavastoviglie, Lavatrice, Frigorifero e congelatore, Asciugatrice, Scalda acqua a gas) Cogenerazione (Impianto di micro - cogenerazione) Acqua (Recupero e riciclo acque meteoriche, Rompigetto e Riduttori di flusso, Doppio cassetto WC) Mobilità (Bicicletta elettrica, Impianto a GPL / metano, Automobili nuove, Automobili usate, Ciclomotori e Motocicli nuovi, Ciclomotori e Motocicli usati). Acquisto e installazione impianto a panelli fotovoltaici MUTUO FOTOVOLTAICO 100 Informazioni e contatti Fotovoltaico Finanziamento per l'installazione di un impianto fotovoltaico, compresi i costi di progettazione, estensione garanzie, assicurazione. Soci di Banca Popolare Etica, sia persone fisiche che giuridiche Installazione di impianto a panelli fotovoltaici Per diventare socio e/o richiedere informazioni sui suddetti prodotti finanziari per l efficienza energetica contattare la Rete commerciale di Banca Popolare Etica (vedi alla voce «Contatti») 5

6 MUTUO MICRO RINNOVABILE Informazioni e contatti Energie Rinnovabili (escluso fotovoltaico) Finanziamento di installazioni di impianti a fonti rinnovabili compresi i costi di progettazione. Soci di Banca Popolare Etica, sia persone fisiche che giuridiche - Energia eolica - Energia geotermica - Energia da biomasse legnose o vegetali - Energia idroelettrica -Energia solare termica vedi alla voce «Contatti» 6

7 LA LOGISTICA DELLE MERCI Nel proseguimento del lavoro, i partecipanti hanno affrontato un'altra importante questione relativa al trasporto delle merci in città, nello specifico del trasporto merci nelle Zone a Traffico Limitato. Un'analisi eseguita dal Comune sui flussi del traffico commerciale evidenzia le tratte, gli orari, l'origine e la destinazione dei trasporti che partono e che giungono in città. La maggior parte delle merci arriva dalla Zona Industriale di Padova (ZIP), evidenziando la necessità di un'organizzazione logistica più razionale nell'attuale sistema di trasporto delle merci. In quest'ottica il Tavolo di Lavoro ha approfondito e discusso delle possibili azioni per potenziare il Progetto Cityporto. Tale progetto operativo da aprile 2004, ha come obiettivi: la razionalizzazione della consegna delle merci nel Centro di Padova e la riduzione delle emissioni di inquinanti atmosferici. Cityporto fa uso di sette furgoni a metano ed a breve anche del primo furgone elettrico. Un accordo stipulato con il Comune di Padova consente al servizio di consegnare in città 24 ore su 24 nella Zona a Traffico Limitato, utilizzando anche le corsie preferenziali. La cooperazione con il Comune e le banche attraverso il Tavolo di Lavoro è ritenuto un aspetto fondamentale per il potenziamento del progetto Cityporto nella direzione di ricercare nuove tipologie merceologiche e nuovi clienti, non solo fra gli operatori del settore commercio ma anche fra i privati cittadini. L'aumento e la diversificazione dei servizi e dei clienti consentirà una riduzione delle tariffe attualmente applicate e un aumento dei mezzi utilizzati. CITYPORTO NUOVE PROSPETTIVE Il Progetto Cityporto ha concluso la sua fase sperimentale nei primi mesi del 2007 e, considerati i positivi obiettivi raggiunti, i promotori hanno deciso di sostenere l'iniziativa durante il biennio per la sua integrazione e completamento. L'obiettivo è estendere il servizio ad una più ampia area urbana (finora limitata in prevalenza alle aree pedonali e di traffico limitato del Centro Storico), oltre che a raggiungere nuovi utenti. Il primo periodo sperimentale ha permesso la creazione di una struttura logistica (Centro di Distribuzione Urbana), l'implementazione dei servizi di gestione e di rintracciabilità delle merci, l'attivazione e l'ampliamento dei mezzi ecologici della flotta ed il rafforzamento del servizio consegna tramite corrieri. Il ruolo di Interporto Padova è stato fondamentale per il successo dell'iniziativa, in particolare grazie alla posizione strategica della sua piattaforma logistica localizzata a ridosso della città, nonché della possibilità di offrire un valido supporto tecnologico e organizzativo. Grazie al successo del progetto, Interporto ha avviato un'attività specifica di consulenza ad altri Comuni che hanno espresso l'interesse in attivare il servizio, o soltanto a conoscerlo: il Progetto Cityporto è già stato attivato a Modena e a breve ne è prevista l'attivazione ad Aosta e Como. I nuovi obiettivi di Cityporto Per ampliare la tipologia di utenti raggiunti, Cityporto ha identificato nuovi obiettivi di riferimento in grado di consentire un incremento ancora maggiore degli effetti positivi sull'ambiente: a. Settore alimentare (che rappresenta 1/4 delle consegne quotidiane al dettaglio a Padova); b. Grandi servizi pubblici urbani - Università, Ospedale, ecc (che ricevono la maggior parte dei materiali di uso interno da più fornitori provenienti dalla ZIP), che per le loro caratteristiche diventando un importante obiettivo per la razionalizzazione logistica della consegna delle merci in città; c. Privati cittadini, che divengono obiettivo fondamentale per la diffusione della funzione sociale del servizio. 7

8 Un monitoraggio durato 15 mesi (settembre 2004-dicembre 2005) ha permesso di determinare la diminuzione della concentrazione dei seguenti inquinanti atmosferici: Anidride Carbonica (CO 2) Monossido di Carbonio (CO) Ossidi di Azoto (NOX) Ossidi di Zolfo (SOX) Residui Organici Volatili Particolati 38,4 Ton 202 Kg 163 Kg 16,3 Kg 58,8 Kg 41,4 Kg Per l'implementazione dei servizi proposti è prevista la realizzazione delle seguenti iniziative: 1. gestione della distribuzione delle merci a temperatura controllata questo servizio richiederà l'attivazione di nuove zone di stoccaggio refrigerate e di veicoli ecologici a temperatura controllata. Il programma di intervento prevede la definizione di un accordo fra i gruppi commerciali, il MAAP (Mercato Agroalimentare di Padova) ed il Centro Grossisti, per rendere lo sviluppo del servizio più facile, grazie alla collaborazione ed ai servizi integrativi che questi partner sosterranno. Il servizio permetterà di prenotare online le consegne, e quindi i commercianti potranno richiedere direttamente l'intervento di Cityporto, che raccoglierà le merci il primo mattino, ed ottimizzerà la distribuzione dei prodotti verso ogni settore specifico. 2. gestione della distribuzione delle merci verso importanti centri di attrazione cittadini il servizio permetterà di aumentare velocemente la massa critica dei movimenti favorendo l'unificazione dei punti di partenza e di destinazione. Il Comune di Padova fornirà agevolazioni attraverso specifici accordi, in funzione del livello di traffico merci generato da ciascun centro attrattore (Enti pubblici, ospedali, centri direzionali ). La prenotazione online delle consegne verrà stimolata. 3. servizi dedicati ai cittadini due saranno i servizi sperimentali dedicati ai singoli cittadini, volti alla diffusione dell'iniziativa e all'intercettazione delle singole consegne. L'organizzazione del servizio richiede la definizione di un accordo di programma tra Associazioni di categoria, APS Mobilità, Comune di Padova ed Interporto S.p.A. I servizi sono: a. Consegna a domicilio delle spese del sabato in Centro Città consegna agli utenti del trasporto pubblico e dei parcheggi scambiatori, nonché di mezzi di trasporto collettivo (la pianificazione è già iniziata tra il Comune di Padova e le Associazioni di Categoria, grazie al Progetto Padova mycity ); b. Consegna a domicilio per le fasce deboli della popolazione. 4. Per il consolidamento del servizio dei corrieri di Cityporto (che alla fine del 2006 avevano intercettato consegne dall'inizio dell'attività), sono state progettate nuove offerte di servizio complementari, in particolare volte a dare informazioni in tempo reale, attraverso un nuovo portale internet in grado di fornire notizie specifiche sul traffico in città, confrontando online le migliori opportunità di accesso. Tale servizio rende possibile, inoltre, la rintracciabilità dei prodotti da parte dei clienti di Cityporto. 8

1. ZONA TRAFFICO LIMITATO Ridotti del 37% gli ingressi medi giornalieri in centro storico da novembre 2005 a dicembre 2006

1. ZONA TRAFFICO LIMITATO Ridotti del 37% gli ingressi medi giornalieri in centro storico da novembre 2005 a dicembre 2006 Francesco Bicciato - Comune di Padova 1. ZONA TRAFFICO LIMITATO Ridotti del 37% gli ingressi medi giornalieri in centro storico da novembre 2005 a dicembre 2006 2. METROTRAM In funzione da marzo 2007 (8

Dettagli

Linee guida. per la stesura dei Piani di. Azione e dei Piani di. Risanamento

Linee guida. per la stesura dei Piani di. Azione e dei Piani di. Risanamento Linee guida per la stesura dei Piani di Azione e dei Piani di Risanamento 1 Il Piano Regionale di Tutela e Risanamento dell'atmosfera, approvato dal Consiglio Regionale con deliberazione n. 57 dell'11

Dettagli

www.cityporto.it www.interportopd.it Cityporto Padova La mobilità delle merci nelle aree urbane Un modello di successo

www.cityporto.it www.interportopd.it Cityporto Padova La mobilità delle merci nelle aree urbane Un modello di successo www.cityporto.it www.interportopd.it Cityporto Padova La mobilità delle merci nelle aree urbane Un modello di successo Comune di Padova Provincia di Padova Regione del Veneto Cos è Cityporto E un servizio

Dettagli

SMOG IN Val Padana. 25 febbraio 2010

SMOG IN Val Padana. 25 febbraio 2010 SMOG IN Val Padana 25 febbraio 2010 Risultati dell'indagine realizzata da Cittalia e SWG su un campione di 1000 cittadini, rappresentativo della popolazione maggiorenne residente nelle regioni del Nord

Dettagli

Il Piano della Provincia di Modena : prime indicazioni

Il Piano della Provincia di Modena : prime indicazioni Provincia di Modena Assessorato Ambiente e Sviluppo Sostenibile Il Piano della Provincia di Modena : prime indicazioni Verso il Piano di Risanamento della qualità dell aria Modena, 21 febbraio 2006 Sviluppo

Dettagli

PIANO DI EFFICIENZA ENERGETICA DEL COMUNE DI PADOVA

PIANO DI EFFICIENZA ENERGETICA DEL COMUNE DI PADOVA PIANO DI EFFICIENZA ENERGETICA DEL COMUNE DI PADOVA Ente Locale Promotore Comune di Padova - Settore Ambiente Ufficio Agenda 21 c/o Informambiente via vlacovich 4-35126 Padova Tel. 049 8022488 Fax. 049

Dettagli

Programma Opera+vo Nazionale Governance e Azioni di sistema 2007-2013 (PON GAS) ASSE E - Capacità is+tuzionale, ObieGvo specifico 5.

Programma Opera+vo Nazionale Governance e Azioni di sistema 2007-2013 (PON GAS) ASSE E - Capacità is+tuzionale, ObieGvo specifico 5. Programma Opera+vo Nazionale Governance e Azioni di sistema 2007-2013 (PON GAS) ASSE E - Capacità is+tuzionale, ObieGvo specifico 5.5 Rafforzare ed integrare il sistema di governance ambientale Azione

Dettagli

E un'iniziativa sottoscritta dai Comuni europei che si impegnano a contribuire agli obiettivi della politica energetica comunitaria.

E un'iniziativa sottoscritta dai Comuni europei che si impegnano a contribuire agli obiettivi della politica energetica comunitaria. COS E IL PATTO DEI SINDACI? E un'iniziativa sottoscritta dai Comuni pei che si impegnano a contribuire agli obiettivi della politica energetica comunitaria. La ratifica del Patto impegna i Comuni a: Ridurre

Dettagli

FASE PARTECIPATIVA. INTERVISTA Cittadini / Turisti / Studenti. L impegno verso un futuro sostenibile. Arch. Lea Quintavalle

FASE PARTECIPATIVA. INTERVISTA Cittadini / Turisti / Studenti. L impegno verso un futuro sostenibile. Arch. Lea Quintavalle Piano d azione per l energia sostenibile FASE PARTECIPATIVA INTERVISTA Cittadini / Turisti / Studenti Progettista Consulente R.U.P. Coordinamento Ing. Bartolomeo Sciannimanica Arch. Lea Quintavalle Arch.

Dettagli

ZEC ZERO EMISSION CITY

ZEC ZERO EMISSION CITY ZEC ZERO EMISSION CITY PIANO DI MOBILITÀ ELETTRICA PER LA CITTÀ DI PARMA Carlo Iacovini, Responsabile Progetto Comune di Parma Caratteristiche del progetto ZEC 2 Il progetto ZEC intende implementare un

Dettagli

Corso di aggiornamento

Corso di aggiornamento REGIONE LOMBARDIA - Accompagnamento e formazione degli Enti Locali nella predisposizione di Piani d Azione Locali per l attuazione del Protocollo di Kyoto nell ambito dei processi di Agenda 21 Locale AZIONI

Dettagli

LA BANCA E L'AMBIENTE

LA BANCA E L'AMBIENTE LA BANCA E L'AMBIENTE LA BANCA E L'AMBIENTE Abbiamo maturato negli anni una sempre maggiore sensibilità verso le tematiche ecologiche e verso la tutela dell ambiente, nonostante la nostra organizzazione

Dettagli

! " # $% $ & % & " #" # & "!"! ' $ (" ( # " )# ) $) $ " ) "!"! ( " * % &" & +

!  # $% $ & % &  # # & !! ' $ ( ( #  )# ) $) $  ) !! (  * % & & + ! " #$%& "#"&!"'$("# )#$)"!" ("*%&"+ + ,-. 2003 2004 2010 Valori limite OSSIDI DI AZOTO 36 ug/mc 39 ug/mc 40 ug/mc POLVERI PM10 34 ug/mc 36 ug/mc 20 ug/mc OZONO 54 ug/mc 50 ug/mc 40 ug/mc Sorgenti fisse:

Dettagli

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1

Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Benefici ambientali del GPL per autotrazione - Sintesi 1 Introduzione Il traffico è la causa principale dell inquinamento urbano. Nelle aree urbane e metropolitane si sviluppa circa il 70 per cento di

Dettagli

BANDO PER SOSTITUZIONE E TRASFORMAZIONE VEICOLI INQUINANTI

BANDO PER SOSTITUZIONE E TRASFORMAZIONE VEICOLI INQUINANTI La Giunta regionale ha varato un "pacchetto" di undici provvedimenti per la qualità dell'aria che comprende uno stanziamento complessivo di 50 milioni di euro ("una cifra veramente significativa", come

Dettagli

SMART CITY PER CRESCERE

SMART CITY PER CRESCERE Centrostudi.Net SMART CITY PER CRESCERE Il modello Unindustria per l integrazione funzionale delle aree urbane del Lazio Viterbo, 9 luglio 2013 SMART CITY PER CRESCERE La Smart City è una città intelligente,

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES -

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Smart City Comuni in classe A 1 Indice 1. Il Patto dei Sindaci 2. Il Piano di Azione per l Energia Sostenibile PAES 3. Il progetto

Dettagli

COMUNE DI AGNONE (IS)

COMUNE DI AGNONE (IS) COMUNE DI AGNONE (IS) CARATTERISTICHE EDIFICIO 1. Quanti sono i piani fuori terra dell edificio in cui vive? 2. Sono presenti piani interrati (cantine, garage, magazzini, ecc.)? SI NO 3. Qual è l altezza

Dettagli

COMITATO DI CONCILIAZIONE PARLAMENTO - CONSIGLIO IL PROGRAMMA "AUTO/OIL" È SULLA LINEA DI PARTENZA!

COMITATO DI CONCILIAZIONE PARLAMENTO - CONSIGLIO IL PROGRAMMA AUTO/OIL È SULLA LINEA DI PARTENZA! Bruxelles, 29 giugno 1998 9924/98 (Presse 230) C/98/230 COMITATO DI CONCILIAZIONE PARLAMENTO - CONSIGLIO IL PROGRAMMA "AUTO/OIL" È SULLA LINEA DI PARTENZA! IL PARLAMENTO ED IL CONSIGLIO RAGGIUNGONO UN'INTESA

Dettagli

I risultati del primo Piano Triennale di attuazione del PER

I risultati del primo Piano Triennale di attuazione del PER I risultati del primo Piano Triennale di attuazione del PER LA POLITICA ENERGETICA DELLA REGIONE La Regione Emilia-Romagna (in attuazione del nuovo art. 117 della Costituzione che definisce l energia materia

Dettagli

Dossier sulle linee di finanziamento degli Istituti bancari dedicate all'efficienza energetica

Dossier sulle linee di finanziamento degli Istituti bancari dedicate all'efficienza energetica Area sviluppo economico e valorizzazione dei servizi Servizio Sviluppo Economico Dossier sulle linee di finanziamento degli Istituti bancari dedicate all'efficienza energetica Raccolta documenti a cura

Dettagli

IL PATTO DEI SINDACI LE SCHEDE AZIONI Seconda riunione del gruppo di lavoro Lunedi 4 marzo2013

IL PATTO DEI SINDACI LE SCHEDE AZIONI Seconda riunione del gruppo di lavoro Lunedi 4 marzo2013 IL PATTO DEI SINDACI LE SCHEDE AZIONI Seconda riunione del gruppo di lavoro Lunedi 4 marzo2013 Elenco argomenti Inventario delle emissioni 1998 e 2011 Obiettivo minimo di riduzione al 2020 Principi ed

Dettagli

Dati ambientali nelle città

Dati ambientali nelle città Dati ambientali nelle città A.Ferruzza I numeri che non ti aspetti. La funzione statistica dei comuni tra riforma e qualità dei servizi, Messina 26-27 settembre 2013 Dati ambientali nelle città: fabbisogni

Dettagli

Metano e trasporti per il governo della mobilità

Metano e trasporti per il governo della mobilità Parma, 16 marzo 2010 Metano e trasporti per il governo della mobilità Lo stato dell arte delle più recenti azioni di mobilità sostenibile promosse dal Ministero dell ambiente Arch. Giovanna Rossi Ministero

Dettagli

Interporto Padova SpA

Interporto Padova SpA Interporto Padova SpA AREA INTERPORTUALE 2 Interporto Padova S.P.A. Superficie fondiaria in proprietà: mq 1.040.000 Magazzini in proprietà: mq 270.000 (di cui 116.000 mc = 23.000 mq a temperatura controllata)

Dettagli

SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO E RISCHI INDUSTRIALI

SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO E RISCHI INDUSTRIALI SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO E RISCHI INDUSTRIALI VISTA la legge 8 luglio 1986, n. 349, che ha istituito il Ministero dell'ambiente e ne ha definito le funzioni; VISTA la legge 3 marzo 1987, n. 59,

Dettagli

IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE. Stili di vita, consumi e mobilità urbana. 1 sessione del Tavolo di lavoro

IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE. Stili di vita, consumi e mobilità urbana. 1 sessione del Tavolo di lavoro IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Stili di vita, consumi e mobilità urbana 1 sessione del Tavolo di lavoro COS È IL PAES Impegno volontario e unilaterale per contribuire al superamento degli

Dettagli

BANCA POPOLARE ETICA La finanza di progetto a supporto di investimenti nel settore energetico. Ing. Andrea D Ascanio

BANCA POPOLARE ETICA La finanza di progetto a supporto di investimenti nel settore energetico. Ing. Andrea D Ascanio BANCA POPOLARE ETICA La finanza di progetto a supporto di investimenti nel settore energetico Ing. Andrea D Ascanio lunedì 11 Dicembre 14 dicembre 2009 2009 La storia di Banca Etica Anni 80: prime esperienze

Dettagli

Piano di Azione per la qualità dell ARIA

Piano di Azione per la qualità dell ARIA Piano di Azione per la qualità dell ARIA Comune di Verona Comuni in tempi che cambiano. Qualità dell aria in Pianura Padana ed effetto serra Verona, 28 febbraio 2007 ANNI 2003-2004 CARTA DI PADOVA I Comuni

Dettagli

GREEN GLOBE BANKING AWARD 2008 C È UN PATRIMONIO CHE CI STA PARTICOLARMENTE A CUORE.

GREEN GLOBE BANKING AWARD 2008 C È UN PATRIMONIO CHE CI STA PARTICOLARMENTE A CUORE. GREEN GLOBE BANKING AWARD 2008 C È UN PATRIMONIO CHE CI STA PARTICOLARMENTE A CUORE. 1 Una Banca attenta all ambiente: la Politica Ambientale Nel quadro delle attività di responsabilità sociale e ambientale,

Dettagli

In allegato trovi il numero di Ottobre di MyNews, la newsletter periodica di Myenergy con informazioni sulle energie rinnovabili.

In allegato trovi il numero di Ottobre di MyNews, la newsletter periodica di Myenergy con informazioni sulle energie rinnovabili. Mynews Ottobre 2008 In questo numero Gentile lettore, In allegato trovi il numero di Ottobre di MyNews, la newsletter periodica di Myenergy con informazioni sulle energie rinnovabili. Ecco le ultime novità:

Dettagli

NAOHG LIVING WATER www.naohg.com

NAOHG LIVING WATER www.naohg.com NAOHG LIVING WATER www.naohg.com LE GRANDI TRASFORMAZIONI ECONOMICHE DELLA STORIA AVVENGONO QUANDO UNA NUOVA TECNOLOGIA DI COMUNICAZIONE CONVERGE CON UN NUOVO SISTEMA ENERGETICO www.naohg.com COMPANY Registrata

Dettagli

PIANO D AZIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AGGLOMERATO TORINESE PROPOSTA DI SCENARI DI LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE

PIANO D AZIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AGGLOMERATO TORINESE PROPOSTA DI SCENARI DI LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE Servizio Qualità dell Aria e Risorse Energetiche PIANO D AZIONE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AGGLOMERATO TORINESE PROPOSTA DI SCENARI DI LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE INVERNO

Dettagli

INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio

INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio In collaborazione con Comune di Villa di Serio Comune di Nembro Comune di Pradalunga INSIEME PER LA SOSTENIBILITÀ Strategie per il territorio 2011-2020: Prospettive di sostenibilità per la nostra città

Dettagli

Motilità Elettrica l energia che sposta le persone. Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini

Motilità Elettrica l energia che sposta le persone. Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini Motilità Elettrica l energia che sposta le persone Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini Motilità ecologica? L automazione elettrica delocalizza l inquinamento? polveri

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO CANTONALE (PEC)

IL PIANO ENERGETICO CANTONALE (PEC) IL PIANO ENERGETICO CANTONALE (PEC) Il ruolo dei Comuni nell attuazione del PEC Pomeriggio SvizzeraEnergia sui nuovi mezzi finanziari per la politica energetica comunale 10.9.2014 Giovanni Bernasconi Sezione

Dettagli

Responsible Care 2010 Come l industria Energetica può supportare l efficienza energetica delle imprese

Responsible Care 2010 Come l industria Energetica può supportare l efficienza energetica delle imprese Responsible Care 2010 Come l industria Energetica può supportare l efficienza energetica delle imprese Daniele Agostini Roma, 23 giugno 2010 Obiettivi al 2020 per l Europa Gas serra - 20% rispetto al 1990

Dettagli

FINANZIARIA 2007. Energia. www.governo.it

FINANZIARIA 2007. Energia. www.governo.it FINANZIARIA 2007 Energia www.governo.it 1 Risparmio energetico per la bolletta e per l ambiente Agevolazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici Fondo per l incentivazione di edifici

Dettagli

PROGETTO BIT-Air Focus Group sulla Gestione della Qualità dell Aria negli Enti Locali

PROGETTO BIT-Air Focus Group sulla Gestione della Qualità dell Aria negli Enti Locali Focus Group sulla Gestione della Qualità dell Aria negli Enti Locali EMERGENZA SMOG: QUADRO NORMATIVO, RESPONSABILITÀ, COMPETENZE E STRATEGIE DEGLI ENTI LOCALI Brindisi,18 marzo 2010 Paolo Lecca lecca@ea.ancitel.it

Dettagli

Scadenziario Friuli Venezia Giulia

Scadenziario Friuli Venezia Giulia EU Azzano Anno 0 Numero 0 N. 1 (Gennaio Febbraio 2008) Periodico di informazione a favore dei cittadini e delle imprese sulle opportunità di finanziamento Comunitarie Nazionali Regionali L Amministrazione

Dettagli

Come la pubblica amministrazione governa il risparmio energetico

Come la pubblica amministrazione governa il risparmio energetico Come la pubblica amministrazione governa il risparmio energetico Pubblica Amministrazione e risparmio Le Pubbliche Amministrazioni possono essere un modello per i cittadini anche in termini di efficienza

Dettagli

UNO SGUARDO SUL NOSTRO FUTURO. www.fenenergia.com

UNO SGUARDO SUL NOSTRO FUTURO. www.fenenergia.com UNO SGUARDO SUL NOSTRO FUTURO www.fenenergia.com Essere sostenibili significa creare valore per gli stakeholder utilizzando le risorse in modo da non compromettere i fabbisogni delle generazioni future

Dettagli

II report monitoraggio anno 2008 Piano di Gestione della Qualità dell'aria

II report monitoraggio anno 2008 Piano di Gestione della Qualità dell'aria II report monitoraggio anno 2008 Piano di Gestione della Qualità dell'aria Scopo del report Il monitoraggio del piano presentato in questo rapporto ha lo scopo di fornire alla Conferenza dei Sindaci un

Dettagli

SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico

SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico Ottimizzare o disperdere risorse? La mobilità e il trasporto pubblico della città metropolitana Venerdì

Dettagli

I nostri impegni per l ambiente

I nostri impegni per l ambiente I nostri impegni per l ambiente Il Sole e la Luna ha scelto di impegnarsi quotidianamente per l ambiente, puntando sull eccellenza ambientale del marchio Ecolabel europeo per ridurre gli impatti generati

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010

MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010 Mobilità e competitività ità le azioni della Camera di Commercio di Varese MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010 I FLUSSI DI LAVORATORI

Dettagli

SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO, ACUSTICO E RISCHI INDUSTRIALI

SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO, ACUSTICO E RISCHI INDUSTRIALI SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO, ACUSTICO E RISCHI INDUSTRIALI VISTA la legge 8 luglio 1986, n. 349, che ha istituito il Ministero dell Ambiente e ne ha definito le funzioni; VISTA la legge 3 marzo 1987,

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Roma 17 settembre 2013

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Roma 17 settembre 2013 Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Roma 17 settembre 2013 Smart Mobility per città più vivibili L innovazione della mobilità elettrica in Italia Arch. Giovanna Rossi Responsabile

Dettagli

Perché finanziare una mobilità urbana alternativa. Eleonora Pieralice

Perché finanziare una mobilità urbana alternativa. Eleonora Pieralice Perché finanziare una mobilità urbana alternativa Eleonora Pieralice Mobilità urbana sostenibile: lo squilibrio modale Il sistema dei trasporti italiano è dominato dalla crescita della domanda di mobilità

Dettagli

IDROMETANO per autobus

IDROMETANO per autobus EU LIFE+ Mhybus IDROMETANO per autobus del trasporto pubblico urbano Layman s Report Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile Progetto finanziato nell ambito

Dettagli

Test Finale / Power Point realizzato da: Teresa Frisone, Miriam Depalo, Marianna Belligero, Pamela Nuovo, Valentina Grillo, Dominga Frisone

Test Finale / Power Point realizzato da: Teresa Frisone, Miriam Depalo, Marianna Belligero, Pamela Nuovo, Valentina Grillo, Dominga Frisone Anno scolastico 2012/2013 PON C-4-FSE-2011-259 Dirigente Scolastico: Prof. Emanuele M. F. Morea FILOSOFIA, CHE PASSIONE! Tutor: Prof. Nicola Fiorino Tucci Argomento: Filosofia ecologica Esperto: Prof.

Dettagli

Programmazione e azioni propositive della Regione Veneto in tema di qualità dell aria

Programmazione e azioni propositive della Regione Veneto in tema di qualità dell aria Programmazione e azioni propositive della Regione Veneto in tema di qualità dell aria Ing. Roberto Morandi Unità Complessa Tutela Atmosfera Regione del Veneto Programmazione della Regione Veneto PIANO

Dettagli

Progetto di legge regionale Norme per la prevenzione e la riduzione delle emissioni in atmosfera a tutela della salute e dell ambiente

Progetto di legge regionale Norme per la prevenzione e la riduzione delle emissioni in atmosfera a tutela della salute e dell ambiente Progetto di legge regionale Norme per la prevenzione e la riduzione delle emissioni in atmosfera a tutela della salute e dell ambiente Regione Lombardia Milano LOMBARDIA: UNA REGIONE IN EUROPA Ridurre

Dettagli

Il prodotto. Taglia la bolletta. Rispetta l ambiente. Partecipa alla rivoluzione energetica. Chi siamo

Il prodotto. Taglia la bolletta. Rispetta l ambiente. Partecipa alla rivoluzione energetica. Chi siamo IL TandEM PERCHE New! Taglia la bolletta Installando il TandEM di asjagen puoi generare contemporaneamente energia elettrica e calore (cogenerazione ad alto rendimento) utilizzando un unico combustibile.

Dettagli

LA DECISIONE POLITICA COME ELEMENTO PROPULSORE

LA DECISIONE POLITICA COME ELEMENTO PROPULSORE Roma, 5 marzo 2015 LA DECISIONE POLITICA COME ELEMENTO PROPULSORE Una città non può essere amministrata e basta. Non è niente amministrare una città, bisogna darle un compito, altrimenti muore Giorgio

Dettagli

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO Riccardo Tardiani Coordinamento Ambiente Comune di Verona Smart Energy Expo - Sala Smart City y & Communities

Dettagli

area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE

area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE Tabella A. area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Consistente pendolarismo caratterizzato da uno scarso uso del mezzo pubblico (gli

Dettagli

MOBILITA ED ENERGIA in provincia di Rimini

MOBILITA ED ENERGIA in provincia di Rimini MOBILITA ED ENERGIA in provincia di Rimini Alberto Rossini ANCI ER Novafeltria 3 dicembre EMERGENZA INQUINAMENTO ATMOSFERICO UN PROBLEMA PER AREE URBANE ED INDUSTRIALI Il riscaldamento globale. +0,8 gradi

Dettagli

Laboratorio di Informatica per il Corso di laurea triennale in Chimica Prova pratica di HTML. L?ambiente in città

Laboratorio di Informatica per il Corso di laurea triennale in Chimica Prova pratica di HTML. L?ambiente in città Laboratorio di Informatica per il Corso di laurea triennale in Chimica Prova pratica di HTML Data:Thu Jun 13 14:02:01 GMT+0200 (ora legale Europa occ.) 2002 L?ambiente in città Statistiche in breve - 10

Dettagli

ENPLUS L ENERGIA CHE VUOI

ENPLUS L ENERGIA CHE VUOI ENPLUS L ENERGIA CHE VUOI ENPLUS è una realtà aziendale italiana, con sistema di qualità certificato ISO 9001:2008, che opera nell impiantistica meccanica e termoelettrica industriale, realizza costruzioni

Dettagli

Come funziona una centrale a ciclo combinato? Aggiungere l immagine sotto e fare un mix dei due testi di spiegazione del funzionamento

Come funziona una centrale a ciclo combinato? Aggiungere l immagine sotto e fare un mix dei due testi di spiegazione del funzionamento LA TECNOLOGIA DEL CICLO COMBINATO A GAS NATURALE La maggiore quantità di energia elettrica generata da Edison è prodotta da 28 centrali termoelettriche. Edison sviluppa, progetta e costruisce interamente,

Dettagli

L Assessore all Ambiente Gianluigi Bentoglio

L Assessore all Ambiente Gianluigi Bentoglio La conservazione ambientale e le sue problematiche spesso causate dall uomo hanno un qualcosa di positivo e stimolante, e mi spiego meglio: Tutti vorremmo un ambiente bello, pulito ed intatto, ma questo

Dettagli

Il Coordinamento d Area dei Mobility Manager Aziendali e le attività del Comune di Catania

Il Coordinamento d Area dei Mobility Manager Aziendali e le attività del Comune di Catania Il Coordinamento d Area dei Mobility Manager Aziendali e le attività del Comune di Catania Il Mobility Management è un approccio ai problemi della mobilità; non si occupa della modifica della rete stradale

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FINANZIAMENTO REGIONALE PER LA PROSECUZIONE INTERVENTI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA APPROVATI CON D.G.C. N.

OGGETTO: RICHIESTA DI FINANZIAMENTO REGIONALE PER LA PROSECUZIONE INTERVENTI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA APPROVATI CON D.G.C. N. OGGETTO: RICHIESTA DI FINANZIAMENTO REGIONALE PER LA PROSECUZIONE INTERVENTI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA APPROVATI CON D.G.C. N. 924 DEL 28.09.2006 IN ATTUAZIONE AL PIANO REGIONALE (D.C.R.

Dettagli

Nel contesto dei trasporti

Nel contesto dei trasporti Consumi: La mobilità 4.3 La mobilità Nel contesto dei trasporti la mobilità può essere definita come la capacità dell uomo di muovere e mettere in contatto merci e persone nello spazio e nel tempo: tale

Dettagli

PROGRAMMA AMBIENTALE TERRITORIALE DISTRETTO TESSILE DI PRATO SETTEMBRE 2014. Obiettivo Traguardo Scadenza Azioni Indicatore Risorse

PROGRAMMA AMBIENTALE TERRITORIALE DISTRETTO TESSILE DI PRATO SETTEMBRE 2014. Obiettivo Traguardo Scadenza Azioni Indicatore Risorse PROGRAMMA AMBIENTALE TERRITORIALE DISTRETTO TESSILE DI PRATO SETTEMBRE 2014 N 2010_ 45,72% 2011_ 48,55% 2012_ 48,52% 2013_ 51,32% 2014_ 53,02% 1 Incremento raccolta differenziata nella Provincia di Prato

Dettagli

RACCOLTA DIFFERENZIATA. Quanto si recupera. Percentuale di rifiuti differenziati sul totale dei rifiuti prodotti

RACCOLTA DIFFERENZIATA. Quanto si recupera. Percentuale di rifiuti differenziati sul totale dei rifiuti prodotti Pubblicati oggi i risultati della ricerca Ecosistema Urbano, promossa da Legambiente e Ambiente Italia, che ha indagato sulle diverse situazioni ambientali nelle città: trasporto pubblico, verde, riciclo,

Dettagli

Business idea. Informazioni: network@bluecalore.it

Business idea. Informazioni: network@bluecalore.it Guida al Network Business idea Il progetto nasce dall idea di creare un sistema professionale integrato - network - che operi ad alti standard qualitativi, contraddistinto da un marchio che divenga un

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA. tra il Comune di Calolziocorte e la Banca Popolare di Bergamo

PROTOCOLLO D'INTESA. tra il Comune di Calolziocorte e la Banca Popolare di Bergamo PROTOCOLLO D'INTESA tra il Comune di Calolziocorte e la Banca Popolare di Bergamo Nel contesto degli obiettivi di miglioramento della qualità dell'ambiente e di sostegno ad una cultura di sviluppo sostenibile,

Dettagli

Università degli Studi di Perugia

Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia AGGIORNAMENTO DEL PIANO ENERGETICO E AMBIENTALE DEL COMUNE DI PERUGIA Allegato C TABELLA DELLA POTENZIALITÀ DEGLI INTERVENTI Committente Comune di Perugia Luogo e Data

Dettagli

Adria Energy. risparmiare, naturalmente

Adria Energy. risparmiare, naturalmente Adria Energy risparmiare, naturalmente Le soluzioni ottimali per ottenere energia: cogenerazione, fotovoltaico, solare termico, biomasse, geotermico, idroelettrico, eolico. Adria Energy risparmiare, naturalmente

Dettagli

Sostenibilità energetica nei Comuni: esperienze innovative

Sostenibilità energetica nei Comuni: esperienze innovative Sostenibilità energetica nei Comuni: esperienze innovative Fabrizio Tollari, ERVET Workshop progetto IPA Alterenergy Bologna, 22 novembre 2012 COMUNITÀ SOSTENIBILI NEL SISTEMA URBANO L Europa ha sviluppato

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

5.3.3.1.1 Misura 311 - Diversificazione in attività non agricole. Diversificazione in attività non agricole. Codice di Misura 311

5.3.3.1.1 Misura 311 - Diversificazione in attività non agricole. Diversificazione in attività non agricole. Codice di Misura 311 5.3.3.1.1 Misura 311 - Diversificazione in attività non agricole Misura Diversificazione in attività non agricole Codice di Misura 311 Reg CE 1698/05 art. 52, lettera a) punto i); art. 53 Orientamenti

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013. Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO

Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013. Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013 Gentile famiglia Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO Il Comune di Brivio ha sottoscritto il Patto dei Sindaci, iniziativa Europea nata

Dettagli

Le città intelligenti per rilanciare produttività e ambiente

Le città intelligenti per rilanciare produttività e ambiente Le città intelligenti per rilanciare produttività e ambiente L Autodromo di Monza ospiterà dal 23 al 26 maggio 2013 una manifestazione dedicata alla qualità dell ambiente, allo sviluppo di nuove tecnologie

Dettagli

RIQUALIFICARE FA RISPARMIARE

RIQUALIFICARE FA RISPARMIARE RIQUALIFICARE FA RISPARMIARE Riqualificare il patrimonio, contenere e ottimizzare la spesa Federico Della Puppa Università IUAV di Venezia Theorema sas Bergamo, 13 dicembre 2013 Imparare a farsi le giuste

Dettagli

ANNO SCOLASTICO ANNO SCOLASTICO 2012 2013. LEZIONE n. 3 ENERGIE RINNOVABILI 1

ANNO SCOLASTICO ANNO SCOLASTICO 2012 2013. LEZIONE n. 3 ENERGIE RINNOVABILI 1 ANNO ANNO SCOLASTICO SCOLASTICO 2012 2013 2012 2013 1 INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Energie rinnovabili caratteristiche energia eolica energia idrica energia elettrica energia geotermica biomassa energia solare

Dettagli

AGENDA 21 Locale della Provincia di Pesaro e Urbino Quarto Workshop Venerdì 28 Novembre 2003 GRUPPO ENERGIA

AGENDA 21 Locale della Provincia di Pesaro e Urbino Quarto Workshop Venerdì 28 Novembre 2003 GRUPPO ENERGIA AGENDA 21 Locale della Provincia di Pesaro e Urbino Quarto Workshop Venerdì 28 Novembre 2003 GRUPPO ENERGIA PROGRAMMA INCONTRO 14.45 Presentazione dei partecipanti. 14.55 Illustrazione degli Obiettivi

Dettagli

Benefici ambientali dell utilizzo del Dual Fuel rispetto al gasolio nel trasporto pesante Una componente verso la low carbon economy ma non solo

Benefici ambientali dell utilizzo del Dual Fuel rispetto al gasolio nel trasporto pesante Una componente verso la low carbon economy ma non solo Benefici ambientali dell utilizzo del Dual Fuel rispetto al gasolio nel trasporto pesante Una componente verso la low carbon economy ma non solo Sebastiano Serra Ministero dell Ambiente della tutela del

Dettagli

1 RAPPORTO DI MONITORAGGIO. Piano d Azione Energia Sostenibile Comune di Teolo. -Marzo 2014-

1 RAPPORTO DI MONITORAGGIO. Piano d Azione Energia Sostenibile Comune di Teolo. -Marzo 2014- 1 RAPPORTO DI MONITORAGGIO Piano d Azione Energia Sostenibile Comune di Teolo -Marzo 2014- COMUNE DI TEOLO SUPPORTO TECNICO: CONSORZIO UNIVERSITARIO DI RICERCA APPLICATA C/O UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA. Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE

GUIDA ALLA LETTURA. Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE GUIDA ALLA LETTURA Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE 1) Indicazioni generali 2) Spiegazione singole schede dalla n. 15 a seguire INDICAZIONI GENERALI

Dettagli

cosa sifa... a livello comunitario PARTE III È ora di cambiare aria 13

cosa sifa... a livello comunitario PARTE III È ora di cambiare aria 13 PARTE III È ora di cambiare aria 13 cosa sifa... a livello comunitario L Unione Europea combatte l inquinamento atmosferico in aumento fissando obiettivi per ridurre le emissioni di agenti inquinanti,

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Come si fa un audit energetico dei consumi pubblici

Come si fa un audit energetico dei consumi pubblici COMUNE DI POLVERARA Come si fa un audit energetico dei consumi pubblici relatore: ing. Davide Fraccaro IL CONCETTO DI ENERGIA ENERGIA: capacità di un corpo di compiere lavoro ENERGIA E LAVORO SONO CONCETTI

Dettagli

4.4 Energia. 4.4.1 Indicatori

4.4 Energia. 4.4.1 Indicatori 1 Rapporto sullo Stato dell Ambiente nel Comune di Padova - 2002 91 4.4 Energia Negli ultimi 10 anni le politiche energetiche italiane ed europee si sono indirizzate verso scenari legati alle diffusioni

Dettagli

Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato

Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato Scheda R Azione R.1 Fabbisogni energetici dell edilizia residenziale esistente Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato Obiettivi

Dettagli

Il Patto dei Sindaci E un importante accordo europeo che vede le Autorità locali (i Sindaci dei Comuni) impegnate a ridurre le emissioni di CO2

Il Patto dei Sindaci E un importante accordo europeo che vede le Autorità locali (i Sindaci dei Comuni) impegnate a ridurre le emissioni di CO2 Il Patto dei Sindaci E un importante accordo europeo che vede le Autorità locali (i Sindaci dei Comuni) impegnate a ridurre le emissioni di CO2 tramite l efficienza energetica e l utilizzo di fonti energetiche

Dettagli

Installazione valvole termostatiche c/o scuola elementare Battisti.

Installazione valvole termostatiche c/o scuola elementare Battisti. CODICE SCHEDA DESCRIZIONE AZIONE AZIONE INTRAPRESA DA (uffici) AP 28A (nuova) Criteri per la riduzione dei consumi energetici Inserimento nel contratto di manutenzione del verde della tecnica del mulching

Dettagli

Politiche energetiche e Comuni. Maurizio Mangialardi

Politiche energetiche e Comuni. Maurizio Mangialardi Politiche energetiche e Comuni Maurizio Mangialardi 1 L eccellenza del nostro territorio marchigiano è fatta di sapiente equilibrio tra la sua crescita, la necessaria innovazione, e la curadel suo prezioso

Dettagli

Centro specializzato per l installazione di impianti GPL e METANO per auto INFORMAZIONI GENERALI

Centro specializzato per l installazione di impianti GPL e METANO per auto INFORMAZIONI GENERALI Centro specializzato per l installazione di impianti GPL e METANO per auto EBOOK - 1 di 4 IMPIANTI GPL E METANO INFORMAZIONI GENERALI Tel. (+39)051 531791 - Fax (+39)051 6010103 Email: info@baldiegovoni.it

Dettagli

ESERCITAZIONE PRATICA: L INVENTARIO DELLE EMISSIONI E L ELABORAZIONE DEL BILANCIO ENERGETICO LOCALE

ESERCITAZIONE PRATICA: L INVENTARIO DELLE EMISSIONI E L ELABORAZIONE DEL BILANCIO ENERGETICO LOCALE ESERCITAZIONE PRATICA: L INVENTARIO DELLE EMISSIONI E L ELABORAZIONE DEL BILANCIO ENERGETICO LOCALE Confini, campo di applicazione e settori Comune Residenza Industria Terziario pubblico QUALI SETTORI

Dettagli

1 PREMESSA. 1.2 La definizione delle Azioni. 1.1 Obiettivo minimo del PAES

1 PREMESSA. 1.2 La definizione delle Azioni. 1.1 Obiettivo minimo del PAES ALLEGATO - Piano d per l Energia Sostenibile LE AZIONI COMUNE DI GUASTALLA Detto ciò, a partire dal suddetto valore emissivo al 2007 verranno valutate nella presente Fase 2 le azioni già messe in atto

Dettagli

Comune di Cernusco sul Naviglio AZIONI PER UNA CITTÀ SOSTENIBILE: COSA FA IL COMUNE, COSA POSSIAMO FARE TUTTI

Comune di Cernusco sul Naviglio AZIONI PER UNA CITTÀ SOSTENIBILE: COSA FA IL COMUNE, COSA POSSIAMO FARE TUTTI In collaborazione con Comune di Cernusco sul Naviglio AZIONI PER UNA CITTÀ SOSTENIBILE: COSA FA IL COMUNE, COSA POSSIAMO FARE TUTTI 2011-2020: Prospettive di sostenibilità per la nostra città Emanuele

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

Nella Mia Città si Respira!

Nella Mia Città si Respira! Nella Mia Città si Respira! Un Programma Scolastico per le Scuole Medie Superiori della Provincia di Torino Unità didattica 11 La Pianificazione della Mobilità in città: misure di sostegno alla mobilità

Dettagli

A.R.P.A.V. - OSSERVATORIO REGIONALE ARIA. Regione del Veneto UNITA COMPLESSA TUTELA ATMOSFERA

A.R.P.A.V. - OSSERVATORIO REGIONALE ARIA. Regione del Veneto UNITA COMPLESSA TUTELA ATMOSFERA Piano Progressivo di Rientro del Piano Regionale di Tutela e Risanamento dell Atmosfera (P.R.T.R.A.) relativo alle polveri PM 10 (DGR n. 1408 del 16/05/2006) A.R.P.A.V. OSSERVATORIO REGIONALE ARIA e Regione

Dettagli

Seminario tecnico GESTIONE DELL ENERGIA: SOLUZIONI AZIENDALI E TECNOLOGICHE

Seminario tecnico GESTIONE DELL ENERGIA: SOLUZIONI AZIENDALI E TECNOLOGICHE Ottimizzare la gestione dell energia: soluzioni tecnologiche per le aziende Ivano Olivetti - Ricercatore ENEA Seminario tecnico GESTIONE DELL ENERGIA: SOLUZIONI AZIENDALI E TECNOLOGICHE Vicenza 01 febbraio

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli