per una migliore qualita dell aria a adova

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "per una migliore qualita dell aria a adova"

Transcript

1 OTTOBRE 2008 Il Progetto LIFE -PARFUM P per una migliore qualita dell aria a adova L'inquinamento dell'aria è oggi una delle problematiche più sentite a livello europeo; gli ambienti urbani sono i più colpiti dalle pressioni negative dell'inquinamento atmosferico in termini di qualità della vita dei cittadini, salute umana e danni causati a piante, monumenti ed edifici. Il principale ambito di incidenza è quello legato al trasporto su strada, responsabile da solo di oltre il 40% delle emissioni nocive in atmosfera. Nelle città europee, l'auto privata continua ad essere il principale mezzo di trasporto urbano con circa l'82% degli spostamenti, mentre solo il 12% delle percorrenze avviene utilizzando i mezzi pubblici e il 6% con la bicicletta (Fonte: Dipartimento Politiche Comunitarie - Gli impatti generati dal traffico sulla qualità dell'aria e la crescente preoccupazione sugli effetti che esso ha per la salute sono sottolineati dai risultati del programma CAFE (Clean Air for Europe) che stima in circa le morti premature annue in Europa a causa del solo PM. 2,5 La complessità del problema richiede che il controllo delle emissioni sia esercitato attraverso l'attuazione di opportune politiche di settore. In quest'ottica, i regolamenti e le linee guida UE relativi alla qualità dell'aria pongono obiettivi gradualmente più restrittivi e perciò più difficili da raggiungere: entro breve verrà stabilito un nuovo standard di emissione per i PM 2.5 (attualmente è in vigore il solo standard per il PM 10) e per l' NO 2. A Padova, le strategie Comunitarie sono state tradotte con la realizzazione di piani e programmi mirati alla riduzione delle emissioni di inquinanti atmosferici. Fra di esse sono certamente da ricordare le misure integrate per la riduzione dell'inquinamento atmosferico, che indicano le azioni di medio e lungo periodo da realizzare in relazione a 15 aree di intervento: Zona a Traffico Limitato (ZTL), Metrotram, Piste Ciclabili, Ammodernamento degli autobus che svolgono servizio urbano, Interventi di moderazione del traffico Padova partecipa anche, insieme ad altri partner locali (ARPAV e Provincia di Padova), al Progetto Europeo Life-Parfum cui obiettivo principale è l'individuazione di nuovi strumenti politici e finanziari volti all'introduzione di tecnologie e di processi innovativi per migliorare la qualità dell'aria a livello cittadino, affrontando in particolare i problemi di inquinamento generati dal trasporto urbano. Inoltre, il progetto prevede localmente il rafforzamento di azioni vincenti, come il Progetto Cityporto, che attraverso una nuova logistica delle merci collabora significativamente alla riduzione delle emissioni. Attraverso l'integrazione, in sinergia fra azioni strutturali potenziamento del tram, aumento e sicurezza delle piste ciclabili, miglioramento del trasporto pubblico, ingrandimento della Zona a Traffico limitato - iniziative di educazione, formazione, informazione e partecipazione a Progetti europei e non, il Comune cerca la propria strada per migliorare la qualità dell'ambiente urbano. I Deliverable D.E.3 Con il contributo della Comunità Europea

2 IL PROGETTO LIFE-PARFUM Cresce in tutta Europa la preoccupazione per gli impatti ambientali legati alle emissioni originate dal settore dei trasporti e sulle conseguenze dirette e indirette dell'inquinamento sulla salute della popolazione. Brema, Padova e Rotterdam cooperano nel progetto europeo Life-Parfum per ridurre tali emissioni, allo scopo di migliorare la qualità dell'ambiente urbano e della vita dei propri cittadini. Attraverso le seguenti soluzioni integrate le tre città Partner forniranno il loro contributo per una migliore qualità dell'aria a livello locale:! Monitoraggi e modelli che consentano una migliore pianificazione urbana e della mobilità;! Una efficiente organizzazione dei trasporti, ad es. attraverso un miglioramento della logistica delle merci e dell'attrattività dei trasporti pubblici;! Strumenti efficaci per promuovere l'uso di mezzi meno inquinanti. In ambito locale il problema dell'inquinamento atmosferico riguarda, in particolare, le questioni relative al traffico veicolare e al riscaldamento degli edifici, oltre che gli impianti industriali ed energetici. Le città sono infatti i luoghi dove maggiormente si concentrano le fonti di squilibrio per l'ambiente con conseguenze dirette anche sulla salute dei cittadini. La complessità di tale questione richiede di ricercare soluzioni integrate di politica e tecnologia: nell'ambito delle soluzioni che si possono annoverare ci sono la realizzazione di progetti pilota e l'esplorazione di nuovi strumenti economico-finanziari volti alla possibilità di introdurre innovazioni (trasporti sostenibili, produzione di energie pulite, ecc). In quest'ottica, e considerando il bisogno di trovare una continuità nell'applicazione di strumenti che vadano oltre le possibilità di budget delle Amministrazioni pubbliche, il Comune di Padova, attraverso il Progetto LIFE-PARFUM, ha avviato una serie di attività volte principalmente a sviluppare nuovi strumenti di finanziamento per investimenti in tecnologie non inquinanti per i settori pubblico e privato. La definizione di strumenti economici per finanziare investimenti sui trasporti sostenibili, costituisce una delle più importanti modalità attraverso cui perseguire il miglioramento della qualità dell'aria in città. Tale strumento permette di investire sia in tecnologie di trasporti a basso impatto sull'ambiente sia su altri campi concernenti l'abbattimento degli inquinanti atmosferici. In effetti, insieme alle misure regolative, quelle economico-finanziarie sono oggigiorno ritenute le più efficaci nel promuovere un uso più responsabile dell'auto, incentivando l'utilizzo di veicoli meno inquinanti e/o di mezzi di trasporto pubblici favorendo così la riduzione del traffico urbano. La loro efficienza risiede nel meccanismo di responsabilizzazione economica dell'individuo sul costo sociale della sua scelta. Le misure regolative sono a loro volta necessarie per ridurre livelli d'inquinamento drasticamente alti. I Programmi di incentivazione Il progetto intende facilitare l'incontro fra le necessità di miglioramento delle performance ambientali delle Pubbliche Amministrazioni e gli interessi dei privati, per ottenere una crescita degli investimenti in tecnologie pulite; ovvero, riuscire a strutturare programmi di incentivazione a medio e lungo termine che consentano di ridurre l'impatto delle attività urbane, in particolare della mobilità, sull'ambiente. 2

3 Obiettivi del progetto Life-PARFUM! trovare nuovi strumenti finanziari, sia per le aziende sia per i singoli cittadini, per investimenti in tecnologie di trasporto pulite;! Identificare modalità di investimenti continui nel tempo;! Identificare nuovi strumenti economici per finanziare investimenti sui trasporti sostenibili;! Identificare modalità più efficaci per ottimizzare gli investimenti con fondi pubblici. Nell'ambito delle attività del progetto Padova ha attivato e coordina un tavolo di lavoro con lo scopo di identificare programmi di incentivi finanziari per l'attuazione di comportamenti volti a migliorare la qualità dell'aria nell'ambiente urbano. I programmi di incentivo riguardano sia gli utenti pubblici sia quelli privati. Il lavoro del tavolo si è concentrato principalmente sui mezzi di trasporto come generatori di inquinamento atmosferico, senza però trascurare anche le altre fonti inquinanti, quali ad esempio gli impianti di riscaldamento e di raffreddamento. L'analisi dei fattori di successo di tali programmi di incentivazione renderà possibile l'esportazione dei risultati ottenuti a realtà italiane e straniere con problematiche simili a quelle della città di Padova. Le partnership pubblico-private IL TAVOLO STRUMENTI FINANZIARI Il tavolo di lavoro ha l'obiettivo di individuare potenziali partnership pubblico-private, che consentano di utilizzare efficacemente i fondi pubblici che sono investiti per migliorare la qualità dell'aria nell'ambiente urbano. Altro proposito primario è definire una nuova partnership pubblico-privata con gli Istituti Bancari per la predisposizione di programmi mirati di micro-credito. I partecipanti al tavolo di lavoro Per favorire l'interazione tra pubblico e privato il tavolo è costituito sia da rappresentanti delle Istituzioni pubbliche - Comune di Padova e Università di Padova sia da mandatari dalle banche - in particolare, Cassa di Risparmio del Veneto (ex CARIPARO), Banca di Credito Cooperativo di Piove di Sacco, Banca Etica e Banca Antonveneta. Inoltre, hanno partecipato attivamente un rappresentante del Cityporto e due rappresentanti delle Università di Parma (Facoltà di Economia) e di Venezia (Facoltà di Scienze Ambientali). Le attività del tavolo In una prima fase, il gruppo ha discusso la questione degli strumenti finanziari forniti dal mercato, analizzando alcuni esempi di contributi e incentivi offerti a livello internazionale, nazionale e locale. Dalla discussione è emerso come già oggi esistono numerosi prodotti finanziari offerti dalle banche, e che la problematica da affrontare nell'immediato è legata alla difficoltà di fornire una informazione chiara e fruibile ai cittadini e alle aziende private. Sono state approfondite le proposte finanziarie attuate dagli Istituti Bancari che hanno aderito al gruppo, in particolare quelle rivolte alla sostituzione dei veicoli inquinanti, all'acquisto di mezzi di trasporto sostenibili (biciclette e motorini elettrici, auto a metano/gpl) e all'installazione di panelli fotovoltaici in abitazioni private. Inoltre sono state discusse sia la possibilità di nuove forme di finanziamento attuabili da subito nel mercato sia le forme di pubblicizzazione di questi strumenti. Sono presentate di seguito, in sintesi, le proposte di finanziamento emerse dal Tavolo: 3

4 GLI STRUMENTI FINANZIARI PROPOSTI DALLE BANCHE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI PIOVE DI SACCO FINANZIAMENTO LIFE-PARFUM Partner Informazioni e contatti Efficienza Energetica, Mobilità Sostenibile Sostituzione di veicoli inquinanti per il rinnovo del parco mezzi funzionali all'attività commerciale e/o artigiana per ridurre le emissioni di agenti inquinanti nell'atmosfera in conformità al piano predisposto dal Comune di Padova. Comune di Padova Commercianti Artigiani residenti nella provincia di Padova Sostituzione dei mezzi di trasporto (Autovetture/autocarri) utilizzati esclusivamente per l'attività del richiedente aventi le caratteristiche previste dal progetto Life-Parfum del Comune di Padova B.C.C. di Piove di Sacco Succursali di: v. San Crispino Padova Tel. 049/ Via Romana Aponense, Padova Mandria tel CASSA DI RISPARMIO DEL VENETO * FINANZIAMENTO ENERGIA BUSINESS Partner Efficienza Energetica. Il finanziamento è volto alla realizzazione/acquisto di impianti destinati alla produzione/vendita di energia da pannelli fotovoltaici. Mentre il prestito personale è finalizzato a favorire la realizzazione e l'installazione di pannelli fotovoltaici in abitazioni private. Comune di Padova Il Finanziamento è rivolto alle imprese, PMI e ai professionisti Il prestito è invece destinato alle persone fisiche Informazioni e contatti Realizzazione/acquisto di impianti destinati alla produzione/vendita di energia da pannelli fotovoltaici. Qualsiasi filiale della Banca * ex CARIPARO 4

5 BANCA POPOLARE ETICA MUTUO EFFICIENZA ENERGETICA Efficienza Energetica (termica, elettrica), Risparmio idrico, Mobilità Sostenibile Finanziamento dedicato ai soci che necessitino di dilazionare nel tempo la spesa sostenuta per interventi di efficienza energetica, compresi i costi di progettazione. Soci di Banca Popolare Etica, sia persone fisiche che giuridiche Energia termica (Sistema di contabilizzazione del calore, Sostituzione della caldaia, Sistema di climatizzazione a bassa temperatura, Isolamento termico) Energia elettrica (Lampade a basso consumo, Lavastoviglie, Lavatrice, Frigorifero e congelatore, Asciugatrice, Scalda acqua a gas) Cogenerazione (Impianto di micro - cogenerazione) Acqua (Recupero e riciclo acque meteoriche, Rompigetto e Riduttori di flusso, Doppio cassetto WC) Mobilità (Bicicletta elettrica, Impianto a GPL / metano, Automobili nuove, Automobili usate, Ciclomotori e Motocicli nuovi, Ciclomotori e Motocicli usati). Acquisto e installazione impianto a panelli fotovoltaici MUTUO FOTOVOLTAICO 100 Informazioni e contatti Fotovoltaico Finanziamento per l'installazione di un impianto fotovoltaico, compresi i costi di progettazione, estensione garanzie, assicurazione. Soci di Banca Popolare Etica, sia persone fisiche che giuridiche Installazione di impianto a panelli fotovoltaici Per diventare socio e/o richiedere informazioni sui suddetti prodotti finanziari per l efficienza energetica contattare la Rete commerciale di Banca Popolare Etica (vedi alla voce «Contatti») 5

6 MUTUO MICRO RINNOVABILE Informazioni e contatti Energie Rinnovabili (escluso fotovoltaico) Finanziamento di installazioni di impianti a fonti rinnovabili compresi i costi di progettazione. Soci di Banca Popolare Etica, sia persone fisiche che giuridiche - Energia eolica - Energia geotermica - Energia da biomasse legnose o vegetali - Energia idroelettrica -Energia solare termica vedi alla voce «Contatti» 6

7 LA LOGISTICA DELLE MERCI Nel proseguimento del lavoro, i partecipanti hanno affrontato un'altra importante questione relativa al trasporto delle merci in città, nello specifico del trasporto merci nelle Zone a Traffico Limitato. Un'analisi eseguita dal Comune sui flussi del traffico commerciale evidenzia le tratte, gli orari, l'origine e la destinazione dei trasporti che partono e che giungono in città. La maggior parte delle merci arriva dalla Zona Industriale di Padova (ZIP), evidenziando la necessità di un'organizzazione logistica più razionale nell'attuale sistema di trasporto delle merci. In quest'ottica il Tavolo di Lavoro ha approfondito e discusso delle possibili azioni per potenziare il Progetto Cityporto. Tale progetto operativo da aprile 2004, ha come obiettivi: la razionalizzazione della consegna delle merci nel Centro di Padova e la riduzione delle emissioni di inquinanti atmosferici. Cityporto fa uso di sette furgoni a metano ed a breve anche del primo furgone elettrico. Un accordo stipulato con il Comune di Padova consente al servizio di consegnare in città 24 ore su 24 nella Zona a Traffico Limitato, utilizzando anche le corsie preferenziali. La cooperazione con il Comune e le banche attraverso il Tavolo di Lavoro è ritenuto un aspetto fondamentale per il potenziamento del progetto Cityporto nella direzione di ricercare nuove tipologie merceologiche e nuovi clienti, non solo fra gli operatori del settore commercio ma anche fra i privati cittadini. L'aumento e la diversificazione dei servizi e dei clienti consentirà una riduzione delle tariffe attualmente applicate e un aumento dei mezzi utilizzati. CITYPORTO NUOVE PROSPETTIVE Il Progetto Cityporto ha concluso la sua fase sperimentale nei primi mesi del 2007 e, considerati i positivi obiettivi raggiunti, i promotori hanno deciso di sostenere l'iniziativa durante il biennio per la sua integrazione e completamento. L'obiettivo è estendere il servizio ad una più ampia area urbana (finora limitata in prevalenza alle aree pedonali e di traffico limitato del Centro Storico), oltre che a raggiungere nuovi utenti. Il primo periodo sperimentale ha permesso la creazione di una struttura logistica (Centro di Distribuzione Urbana), l'implementazione dei servizi di gestione e di rintracciabilità delle merci, l'attivazione e l'ampliamento dei mezzi ecologici della flotta ed il rafforzamento del servizio consegna tramite corrieri. Il ruolo di Interporto Padova è stato fondamentale per il successo dell'iniziativa, in particolare grazie alla posizione strategica della sua piattaforma logistica localizzata a ridosso della città, nonché della possibilità di offrire un valido supporto tecnologico e organizzativo. Grazie al successo del progetto, Interporto ha avviato un'attività specifica di consulenza ad altri Comuni che hanno espresso l'interesse in attivare il servizio, o soltanto a conoscerlo: il Progetto Cityporto è già stato attivato a Modena e a breve ne è prevista l'attivazione ad Aosta e Como. I nuovi obiettivi di Cityporto Per ampliare la tipologia di utenti raggiunti, Cityporto ha identificato nuovi obiettivi di riferimento in grado di consentire un incremento ancora maggiore degli effetti positivi sull'ambiente: a. Settore alimentare (che rappresenta 1/4 delle consegne quotidiane al dettaglio a Padova); b. Grandi servizi pubblici urbani - Università, Ospedale, ecc (che ricevono la maggior parte dei materiali di uso interno da più fornitori provenienti dalla ZIP), che per le loro caratteristiche diventando un importante obiettivo per la razionalizzazione logistica della consegna delle merci in città; c. Privati cittadini, che divengono obiettivo fondamentale per la diffusione della funzione sociale del servizio. 7

8 Un monitoraggio durato 15 mesi (settembre 2004-dicembre 2005) ha permesso di determinare la diminuzione della concentrazione dei seguenti inquinanti atmosferici: Anidride Carbonica (CO 2) Monossido di Carbonio (CO) Ossidi di Azoto (NOX) Ossidi di Zolfo (SOX) Residui Organici Volatili Particolati 38,4 Ton 202 Kg 163 Kg 16,3 Kg 58,8 Kg 41,4 Kg Per l'implementazione dei servizi proposti è prevista la realizzazione delle seguenti iniziative: 1. gestione della distribuzione delle merci a temperatura controllata questo servizio richiederà l'attivazione di nuove zone di stoccaggio refrigerate e di veicoli ecologici a temperatura controllata. Il programma di intervento prevede la definizione di un accordo fra i gruppi commerciali, il MAAP (Mercato Agroalimentare di Padova) ed il Centro Grossisti, per rendere lo sviluppo del servizio più facile, grazie alla collaborazione ed ai servizi integrativi che questi partner sosterranno. Il servizio permetterà di prenotare online le consegne, e quindi i commercianti potranno richiedere direttamente l'intervento di Cityporto, che raccoglierà le merci il primo mattino, ed ottimizzerà la distribuzione dei prodotti verso ogni settore specifico. 2. gestione della distribuzione delle merci verso importanti centri di attrazione cittadini il servizio permetterà di aumentare velocemente la massa critica dei movimenti favorendo l'unificazione dei punti di partenza e di destinazione. Il Comune di Padova fornirà agevolazioni attraverso specifici accordi, in funzione del livello di traffico merci generato da ciascun centro attrattore (Enti pubblici, ospedali, centri direzionali ). La prenotazione online delle consegne verrà stimolata. 3. servizi dedicati ai cittadini due saranno i servizi sperimentali dedicati ai singoli cittadini, volti alla diffusione dell'iniziativa e all'intercettazione delle singole consegne. L'organizzazione del servizio richiede la definizione di un accordo di programma tra Associazioni di categoria, APS Mobilità, Comune di Padova ed Interporto S.p.A. I servizi sono: a. Consegna a domicilio delle spese del sabato in Centro Città consegna agli utenti del trasporto pubblico e dei parcheggi scambiatori, nonché di mezzi di trasporto collettivo (la pianificazione è già iniziata tra il Comune di Padova e le Associazioni di Categoria, grazie al Progetto Padova mycity ); b. Consegna a domicilio per le fasce deboli della popolazione. 4. Per il consolidamento del servizio dei corrieri di Cityporto (che alla fine del 2006 avevano intercettato consegne dall'inizio dell'attività), sono state progettate nuove offerte di servizio complementari, in particolare volte a dare informazioni in tempo reale, attraverso un nuovo portale internet in grado di fornire notizie specifiche sul traffico in città, confrontando online le migliori opportunità di accesso. Tale servizio rende possibile, inoltre, la rintracciabilità dei prodotti da parte dei clienti di Cityporto. 8

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale La Settimana dell Educazione all Energia Sostenibile Dal 6 al 12 novembre si è celebrata la Settimana Nazionale dell Educazione all Energia Sostenibile,

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani relazione del professor Alberto Mirandola direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica all Università degli

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Mobilita' sostenibile nelle aree urbane (GU n. 179 del 3-8-1998) Registrato alla Corte dei conti il 9 luglio 1998 Registro n. 1 Ambiente, foglio n. 212

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Bollette più leggere. Bollette più leggere..aria più pulita.aria più pulita Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Ostellato 28 maggio 2004 A scuola di ecologia

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse ADVANCE Easy Moving www.advanceeasymoving.com Il pellet diventa facile! Caldaia sempre alimentata... senza pensarci! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da

Dettagli

Veicoli più puliti e carburanti alternativi

Veicoli più puliti e carburanti alternativi O2 P o l i c y A d v i C E n ot e s L iniziativa CIVITAS è un azione europea che sostiene le città nell attuazione di una politica integrata dei trasporti sostenibile, pulita ed efficiente in termini energetici.

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Piano di Azione per l'energia Sostenibile del Comune di Padova

Piano di Azione per l'energia Sostenibile del Comune di Padova Piano di Azione per l'energia Sostenibile del Comune di Padova Comune di Padova Settore Ambiente Capo Settore Patrizio Mazzetto Daniela Luise Simone Costantini Cinzia Rinzafri Ilaria Seresin Michele Zuin

Dettagli

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche tradizionali. Il principo dell uso è di deviare energie

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

RAPPORTO AMBIENTALE E RELAZIONE DI SINTESI NON TECNICA DEL PIANO ENERGETICO AMBIENTALE DELLA PROVINCIA DI FIRENZE A CURA DI GREEN TIME SRL

RAPPORTO AMBIENTALE E RELAZIONE DI SINTESI NON TECNICA DEL PIANO ENERGETICO AMBIENTALE DELLA PROVINCIA DI FIRENZE A CURA DI GREEN TIME SRL RAPPORTO AMBIENTALE E RELAZIONE DI SINTESI NON TECNICA DEL PIANO ENERGETICO AMBIENTALE DELLA PROVINCIA DI FIRENZE A CURA DI GREEN TIME SRL 1 Indice della Relazione Tecnico-ambientale Indice delle Tabelle...3

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

Finanziamenti agevolati per investimenti in Italia

Finanziamenti agevolati per investimenti in Italia Finanziamenti agevolati per investimenti in Italia INTRODUZIONE L energia rappresenta una delle principali sfide che l UE è chiamata ad affrontare nei prossimi anni. Se da un lato, vi è la necessità di

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

Nuovi limiti di qualità dell aria

Nuovi limiti di qualità dell aria Nuovi limiti di qualità dell aria DEA - Dipartimento di Energia e Ambiente - CISM http://www.cism.it/departments/energy-and-environment/ Premessa Le emissioni inquinanti si traducono in concentrazioni

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Prot. n. 5140. L'Assemblea legislativa

Prot. n. 5140. L'Assemblea legislativa Progr. n. 156 Oggetto n. 3124: Approvazione atto di indirizzo e coordinamento sui requisiti di rendimento energetico e sulle procedure di certificazione energetica degli edifici. (Proposta della Giunta

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO COMUNALE

IL PIANO ENERGETICO COMUNALE UNIVERSITA MEDITERRANEA DEGLI STUDI DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI ARCHITETTURA CORSO DI LAUREA IN PIANIFICAZIONE TERRITORIALE URBANISTICA ED AMBIENTALE CORSO DI FONDAMENTI DI PIANIFICAZIONE SETTORIALE

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3988 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE Sviluppo dell efficienza energetica e delle fonti rinnovabili per la salvaguardia del clima Presentata

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Federesco Le Energy Service Company La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Seminario Strumenti, opportunità e potenzialità dell efficienza energetica a supporto del sistema locale

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

COMUNE DI PICCO I L E G S I T PER U O D I N O M G I R L O E N M

COMUNE DI PICCO I L E G S I T PER U O D I N O M G I R L O E N M COMUNE DI PICCOLI GESTI PER UN MONDO MIGLIORE La Città di Udine aderisce, con altri 14 enti pubblici europei, al progetto Cyber Display. Lo scopo è aumentare e migliorare la conoscenza nell uso delle risorse

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

La stazione di rifornimento. M. Rea (SOL S.p.A.)

La stazione di rifornimento. M. Rea (SOL S.p.A.) La stazione di rifornimento M. Rea (SOL S.p.A.) Chi è SOL Il Gruppo SOL Fondata nel 1927, SOL è una multinazionale italiana presente in 23 paesi con oltre 2.500 dipendenti. SOL è focalizzata in due aree

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

PIANO ENERGETICO della

PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO 2 Documento di aggiornamento - 2011 Nuove politiche energetiche Offerta e Domanda di energia al 2010 Fonti di Energie Rinnovabili al 2010 Bilancio

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

Andare a scuola da soli

Andare a scuola da soli Bollettino a cura del Progetto di Ricerca "La città dei bambini", Reparto di Psicopedagogia, Istituto Psicologia del CNR di Roma via U. Aldrovandi, 18-00197 Roma, Tel. 06 3221198, Fax 06 3217090, cittbamb@kant.irmkant.rm.cnr.it

Dettagli

PRINCIPI DI BASE. GPL e METANO: l alternativa in movimento. stop allo smog, dai gas al risparmio

PRINCIPI DI BASE. GPL e METANO: l alternativa in movimento. stop allo smog, dai gas al risparmio PRINCIPI DI BASE GPL e METANO: l alternativa in movimento stop allo smog, dai gas al risparmio Con un impianto GPL o Metano la tua auto inquinerà meno, scoprirai un modo di viaggiare più rispettoso dell

Dettagli

Sistemi d informazione innovativi per il trasporto pubblico

Sistemi d informazione innovativi per il trasporto pubblico O9 P o l i c y A d v i C E n ot e s innovativi per il trasporto L iniziativa CIVITAS è un azione europea che sostiene le città nell attuazione di una politica integrata dei trasporti sostenibile, pulita

Dettagli

Dipartimento per l Istruzione Direzione generale per gli Affari Internazionali dell Istruzione Scolastica

Dipartimento per l Istruzione Direzione generale per gli Affari Internazionali dell Istruzione Scolastica Dipartimento per l Istruzione Direzione generale per gli Affari Internazionali dell Istruzione Scolastica PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI II fase 2000-2006 Studio su LA PROMOZIONE DELL AMBIENTE E DELLO SVILUPPO

Dettagli

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10)

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN Costruire il futuro Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) 1 indice Obiettivi dell Unione Europea 04 La direttiva nel contesto della certificazione CE 05

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

EMANA la seguente. (Circolare pubblicata sul Supplemento Straordinario n. 3 alla G.U. n. 51 del 1 marzo 2012)

EMANA la seguente. (Circolare pubblicata sul Supplemento Straordinario n. 3 alla G.U. n. 51 del 1 marzo 2012) Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare di concerto con il Ministero dello Sviluppo Economico e d intesa con la Cassa Depositi e Prestiti EMANA la seguente Circolare del 16

Dettagli