Le azioni eclisseranno le obbligazioni a fine anno. Dicembre Pictet Asset Management Strategy Unit

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le azioni eclisseranno le obbligazioni a fine anno. Dicembre 2014. Pictet Asset Management Strategy Unit"

Transcript

1 ASSET CLASS GLOBALI Manteniamo un giudizio positivo sulle azioni per via dell accelerazione congiunturale e delle prospettive di un ulteriore sostegno monetario da parte delle banche centrali; abbiamo ridotto a neutrale l assetto sul petrolio. AZIONARIO: REGIONI E STILI DI INVESTIMENTO Confermiamo la preferenza per i titoli azionari europei in previsione dell ulteriore miglioramento delle condizioni di liquidità e della stabilizzazione delle dinamiche di crescita. AZIONARIO: SETTORI Sovrappesiamo i beni voluttuari poiché il calo dei prezzi del petrolio e il consolidamento dei mercati del lavoro dovrebbero stimolare la spesa per consumi; sottopesiamo il settore informatico. REDDITO FISSO Confermiamo la sovraponderazione del debito emergente sia in valuta locale che in valuta forte, in quanto dovrebbe beneficiare della domanda di maggiori rendimenti e del rafforzamento delle economie emergenti. SOTTOPESO Obbligazioni USA Mid & Small Cap NEUTRALE Liquidità Oro Petrolio Giappone Paesi Pacifico Paesi emergenti Value Materiali Azioni USD Paesi Europa Energia Beni voluttuari Beni di prima necessità Sanità Informatica Telecomunicazioni Utilities Industria Finanza Obbligazioni governative EUR Obbligazioni Corp. Invest. Grade EUR Obbligazioni Corp. High Yield EUR Debito Emerg. Hard Curr. (USD) Debito Emerg. Local Currency EM Corporate SOVRAPPESO + VARIAZIONE MENSILE Variazione massima Le azioni eclisseranno le obbligazioni a fine anno Pictet Asset Management Strategy Unit Aggiornamento mensile per gli investitori in euro: prospettive a tre mesi Dicembre 2014

2 Aggiornamento mensile Pictet Asset Management Strategy Unit Pubblicato il 1 dicembre 2014 Il mercato globale Le azioni battono le obbligazioni; il petrolio continua a perdere terreno Asset allocation Conferma del sovrappeso su azioni e USD Le azioni mondiali hanno chiuso il mese in rialzo, sostenute dalle aspettative che le banche centrali globali avrebbero preso le misure necessarie per evitare la deflazione e dare impulso alla crescita. Dopo l allentamento monetario attuato il mese scorso dalla Bank of Japan, la Banca Popolare Cinese ha ridotto i tassi d interesse di riferimento per la prima volta in oltre due anni, indicando altresì di essere pronta a varare ulteriori misure espansive per contrastare il rallentamento dell inflazione. La Banca Centrale Europea ha dichiarato inoltre che avrebbe intensificato gli acquisti di asset per rilanciare la stagnante economia dell Eurozona. Le piazze statunitensi hanno sovraperformato quelle dell Europa, del Giappone e dei mercati emergenti, grazie al vigore della spesa al consumo e dell attività manifatturiera emerso dai dati economici. I mercati emergenti hanno evidenziato un andamento generalmente piatto, in quanto i guadagni in Sudafrica, Turchia e Indonesia sono stati annullati dalle perdite in Russia, Brasile e Corea. I mercati del reddito fisso hanno chiuso il mese invariati o in calo; le emissioni sovrane e le obbligazioni investment grade statunitensi hanno sovraperformato i loro equivalenti high yield e dei mercati emergenti. Nell eurozona la prospettiva di ulteriori misure espansive da parte della BCE ha spinto i rendimenti dei titoli di Stato ai minimi record. Il debito emergente sia in valuta locale che in valuta forte ha subito una flessione, penalizzato AZIONI IN RIALZO, PETROLIO IN RIBASSO Prezzo del petrolio - Brent (ribasato) MSCI ACWI (ribasato) dalla debole crescita nel mondo in via di sviluppo. I prezzi del petrolio hanno continuato a calare, registrando una diminuzione di quasi il 19% sul mese e toccando un minimo quadriennale inferiore a 75 Dollari al barile (si veda grafico). L oro nero ha ceduto quasi il 40% da giugno, per l acuirsi dei timori riguardo alla debolezza della domanda sulla scia della modesta crescita globale e all abbondante offerta. La decisione di astenersi da un taglio della produzione, presa dall OPEC durante la riunione di novembre, non ha fatto che accentuare la correzione. La flessione dei prezzi del petrolio ha spinto al rialzo i titoli del settore dei beni voluttuari, che hanno guadagnato oltre il 5% durante il mese. Nei mercati valutari, il Dollaro statunitense ha registrato un ulteriore apprezzamento rispetto alle principali valute e alle divise dei mercati emergenti, sostenuto dalle aspettative che il vigore della crescita statunitense indurrà la Federal Reserve a cominciare a rialzare i tassi d interesse il prossimo anno. Il Dollaro ha raggiunto un massimo settennale di quasi 119 Yen, dopo che i dati hanno indicato una ricaduta in recessione dell economia giapponese, accrescendo le prospettive di ulteriori misure di allentamento da parte della BoJ nel L Euro ha toccato i minimi degli ultimi 28 mesi a meno di 1,24 Dollari, accumulando una perdita di quasi il 10% da inizio anno. Il Rublo russo, penalizzato dal rallentamento della crescita e dal calo dei prezzi del petrolio, ha evidenziato la peggiore performance nell universo valutario, cedendo oltre il 13% durante il mese Fonte: Thomson Reuters Datastream Confermiamo il sovrappeso sulle azioni, poiché le aspettative di ulteriori politiche di sostegno monetario, la flessione dei prezzi del petrolio e l accelerazione congiunturale negli Stati Uniti e nei mercati emergenti dovrebbero dare impulso alla propensione al rischio nell anno nuovo. Abbiamo ridotto a neutrale l assetto sul petrolio. Manteniamo il sottopeso dei titoli obbligazionari, il sovrappeso del Dollaro statunitense e la posizione neutrale sulla liquidità. I nostri indicatori del ciclo economico segnalano un modesto miglioramento delle dinamiche globali. Un ruolo trainante è svolto dagli Stati Uniti, dove la flessione dei prezzi del petrolio rafforza la fiducia dei consumatori, ai massimi dal 2007 (si veda il grafico a pagina 6). Gli indici dell attività manifatturiera sono parimenti saliti ai livelli più elevati degli ultimi tre anni, mentre il mercato del lavoro ha evidenziato un ulteriore miglioramento. Questo vigore generalizzato suggerisce che l economia statunitense potrebbe registrare una crescita del 3% su base annualizzata nei prossimi 6 mesi, dopo il solido tasso di espansione annua del 3,9% osservato nel terzo trimestre. Tuttavia, anche a fronte di un accelerazione della crescita, è improbabile che la Federal Reserve si affretti ad alzare i tassi d interesse, poiché nel breve periodo le pressioni inflazionistiche rimangono modeste. Ciò è in parte dovuto al fatto che la crescita dei salari che il prossimo anno dovrebbe accelerare rispetto all attuale ritmo del 2% impiegherà del tempo a tradursi in un aumento dell inflazione dei prezzi al consumo (la storia dimostra che questo processo può richiedere fino a 18 mesi). Ci attendiamo che entro la fine del secondo trimestre il PCE core (l indice dei prezzi della spesa per consumi personali) passi dall attuale 1,6% al 2%. 2 BAROMETER DICEMBRE 2014

3 Fonte: Pictet Asset Management, Thomson Reuters Datastream / JPM and BoA Merrill Lynch PRINCIPALI ASSET CLASS PERFORMANCE: ASSET CLASS OBBLIGAZIONI: SPREAD ASSET CLASS MSCI Global Equities equities JPM Global Bonds bonds Indice GSCI Index GSCI USD In punti percentage percentuali points 7 Mercati EM Hard emergenti Currency in vs valuta US Treasuries forte vs Treasury USA Obbligazioni Euro Investment investment Grade vs grade Bunds in euro vs. Bund Obbligazioni Euro High Yield high vs yield Bunds in euro vs. Bund ROTAZIONE DEI SETTORI AZIONARI E PERFORMANCE VALUTARIA ROTAZIONE DEI SETTORI AZIONARI GLOBALI: PERFORMANCE TITOLI CICLICI E DIFENSIVI PERFORMANCE: VALUTE VS USD USA UEM EMU MERCATI EM EMERGENTI GIAPPONE JP EUR GBP CHF JPY BAROMETER DICEMBRE

4 Fonte: Pictet Asset Management, Thomson Reuters Datastream INDICATORI PROPENSIONE AL RISCHIO VARIAZIONE MENSILE Variazione massima AVVERSIONE AL RISCHIO ASSETTO NEUTRALE PROPENSIONE AL RISCHIO + Ciclo economico Liquidità Valutazione Sentiment Strategia PAM CICLO ECONOMICO: MODESTO MIGLIORAMENTO DELLA CRESCITA ECONOMICA MONDIALE INDICE DELL ATTIVITÀ MONDIALE E CRESCITA DEL PIL REALE % Indice Leading index tendenza (Q/Q (Q/Q annualised) an.) Indice Leading index tendenza (Y/Y) (Y/Y) Crescita World GDP PIL growth mondiale (Y/Y) (Y/Y) CRESCITA SEQUENZIALE DELL ATTIVITÀ MONDIALE (M/M) %m/m %m/m World Indicatore World leading leading tendenza indicator indicator mondiale Average Media Average (dal (since 1999) (since 99) 99) ACCELERAZIONE CONGIUNTURALE NEI MERCATI EMERGENTI INDICATORE DI TENDENZA G10: CRESCITA M/M %m/m 0.7 Indicatore World G10 leading tendenza indicator G Media Average (dal (since (since 1999) 99) 99) INDICATORE DI TENDENZA MERCATI EMERGENTI: CRESCITA M/M %m/m %m/m 0.8 %m/m 0.7 World Indicatore EM leading leading tendenza indicator 0.7 World mercati emergenti 0.6 Average leading (since indicator 99) Average Media (dal (since 1999) 99) BAROMETER DICEMBRE 2014

5 Fonte: Pictet Asset Management, Thomson Reuters Datastream VALUTAZIONE: MERCATI E SETTORI AZIONARI PAESI E SETTORI REGIONI MSCI CRESCITA EPS CRESCITA FATTURATO P/E P/BV P/FATTURATO DY M 2014E 2014E 2014E USA 8% 10% 4% 4% % EUROPA 4% 11% 0% 3% % UEM 7% 16% -1% 3% % Svizzera 0% 10% 2% 4% % Regno Unito 0% 4% 0% 1% % Giappone 6% 12% 2% 3% % Mercati Emergenti 3% 11% 6% 7% % Asia ex Giappone 8% 11% 6% 7% % Globale 5% 10% 3% 4% % SETTORI MSCI GLOBAL CRESCITA EPS CRESCITA FATTURATO P/E P/BV P/FATTURATO DY M 2014E 2014E 2014E Energia 2% 0% 0% -1% % Materiali 1% 13% 0% 4% % Industria 8% 14% 3% 4% % Beni voluttuari -2% 16% 4% 6% % Beni di prima necessità 2% 8% 2% 5% % Sanità 12% 10% 9% 6% % Finanza 6% 12% 5% 5% % Informatica 12% 10% 4% 7% % Telecom -2% 6% 2% 3% % Utility 1% 9% 2% 2% % LIQUIDITÀ: LA FED PONE FINE AL QE MA GLI STIMOLI MONETARI CONTINUANO NEL RESTO DEL MONDO L INDICATORE DEL SENTIMENT USA INVIA SEGNALI RIBASSISTI DIMENSIONI DEI BILANCI DELLE BANCHE CENTRALI INDICE DEL CICLO DEL SENTIMENT PICTET Indicizzato Indexed Fed BCE ECB BOE BoE BOJ BoJ BNS SNB Indice Pictet del Sentiment sentiment Index Pictet (lhs) (sx.) S&P 500 COMPOSITE - PRICE INDEX INDEX (RHS) (rhs) +/- 1 STD SEGNALE BUY DI ACQUISTO SIGNAL SEGNALE SELL SIGNAL DI VENDITA BAROMETER DICEMBRE

6 In Europa le dinamiche economiche si sono stabilizzate: l attività manifatturiera rimane stagnante, ma la fiducia dei consumatori ha evidenziato un modesto miglioramento e la contrazione dell offerta di credito è in via di attenuazione. La BCE è chiamata da più parti a incrementare gli stimoli monetari per dare impulso alla crescita e all inflazione, che rimane nettamente inferiore al target del 2%. Ci attendiamo che l istituto di Francoforte ampli il proprio programma di quantitative easing con l acquisto di titoli di Stato e/o obbligazioni corporate. Il Giappone potrebbe essere scivolato in recessione, ma le prospettive sono diventate più promettenti dopo che la BoJ ha rafforzato il suo programma di stimoli monetari e il governo ha rinviato ad aprile 2017 il secondo aumento dell imposta sulle vendite. In effetti, gli indicatori anticipatori hanno nettamente superato la media di lungo periodo per la prima volta da febbraio e anche le vendite al dettaglio evidenziano un miglioramento. Siamo sempre più ottimisti sul Giappone e ci teniamo pronti a incrementare la nostra esposizione non appena i rischi politici diminuiranno dopo le elezioni generali di dicembre, che dovrebbero conferire un nuovo mandato quadriennale al Primo ministro Shinzo Abe e un chiaro sostegno al suo piano di rilancio economico. Un contributo positivo alla crescita mondiale proviene anche dalla Cina. Il nostro indicatore anticipatore della crescita ha superato la media di lungo periodo per la prima volta da ottobre 2013, grazie alla ripresa dell attività edilizia e delle esportazioni, nonché all aumento della spesa per consumi. La riduzione dei tassi operata dalla Banca Popolare Cinese potrebbe rappresentare l inizio di un ciclo di allentamento: nel L ACCELERAZIONE DELLA CRESCITA DÀ IMPULSO AI LISTINI AZIONARI MSCI ACWI (livello dell Indice) Fiducia di consumatori e imprese USA (dx) corso del prossimo anno le autorità monetarie potrebbero effettuare altri due tagli dei tassi e ridurre il coefficiente di riserva obbligatoria nel tentativo di stimolare la crescita. A nostro avviso queste misure contribuirebbero a sostenere altre economie emergenti. I nostri indicatori della liquidità sono moderatamente positivi a livello globale; i segnali più incoraggianti in tal senso provengono da Eurozona, Giappone e Cina. Nell area Euro l offerta complessiva di moneta misurata dall aggregato M3 ha registrato nel trimestre un aumento del 6% su base annualizzata. La liquidità nella regione potrebbe migliorare ulteriormente il prossimo anno a fronte dell espansione del bilancio della BCE e della ripresa dell erogazione di prestiti al settore privato. Le indagini sul credito bancario suggeriscono che sia la domanda di prestiti sia gli standard creditizi sono in miglioramento. Gli indicatori del sentiment sono peggiorati, prefigurando una potenziale Fonte: Thomson Reuters Datastream correzione dei mercati, specialmente negli Stati Uniti e in Giappone, dopo il rally di novembre. Secondo i nostri indicatori, il posizionamento degli investitori nelle azioni statunitensi è eccessivamente rialzista e accresce la probabilità di una correzione. In termini di valutazioni gli Stati Uniti sono la regione più costosa, mentre il Giappone e i mercati emergenti rimangono interessanti. Le valutazioni sono generalmente elevate in tutte le maggiori piazze azionarie del mondo sviluppato, ma questo fenomeno non è inusuale durante la fase di tarda espansione del ciclo economico. Le prospettive per i profitti societari rimangono deludenti, come indicato dal fatto che le revisioni al ribasso delle stime sugli utili si confermano nel complesso più numerose di quelle al rialzo in tutte le regioni fuorché il Giappone. Ciò detto, le azioni rimangono più appetibili delle obbligazioni. 6 BAROMETER DICEMBRE 2014

7 Allocazione azionaria regionale e settoriale L Europa resta la prima scelta; aumenta l attrattiva del Giappone Continuiamo a privilegiare le azioni europee da una prospettiva tattica: l Europa è l unica regione sulla quale siamo sovraponderati, sebbene anche i titoli azionari giapponesi inizino ad apparire interessanti. Malgrado le persistenti difficoltà che pesano sull economia dell Eurozona, riteniamo che il clima di investimento per le azioni europee dovrebbe migliorare, poiché la BCE si dimostra ogni giorno più determinata a evitare la deflazione. In aggiunta, gli effetti positivi della flessione dei prezzi del petrolio e della debolezza dell Euro dovrebbero presto trasmettersi alle imprese europee. In assenza di un escalation delle tensioni fra la Russia e l Europa, le esportazioni delle aziende del continente dovrebbero acquistare slancio, dando impulso agli utili societari. A tal proposito, merita rilevare che il terzo trimestre 2014 ha riservato sorprese positive sul fronte sia del fatturato sia dei profitti, a suggerire che le previsioni di consenso sulla crescita siano troppo pessimistiche. Inoltre, le valutazioni delle azioni europee sono interessanti: il premio al rischio azionario della regione, pari a circa 6 punti percentuali, è più elevato rispetto a quello di tutte le altre maggiori piazze azionarie (mercati emergenti inclusi), ad eccezione del Giappone. Inoltre, dopo un lungo periodo caratterizzato da deflussi, negli ultimi due mesi il posizionamento degli investitori nell asset class è diventato estremamente ribassista, creando i presupposti per un rimbalzo. Le azioni giapponesi, al contempo, sono appetibili sotto diversi punti di vista. In primo luogo, le imprese orientate alle esportazioni dovrebbero beneficiare della debolezza dello Yen, che per la prima volta è sceso al di sotto del tasso di parità dei poteri d acquisto. In secondo luogo, i titoli domestici dovrebbero ricevere un impulso significativo dalla modifica della politica d investimento del maggiore fondo pensione pubblico giapponese, il GPIF, che intende incrementare la propria allocazione in azioni nipponiche dall attuale target del 12% al 25%. In terzo luogo, l ampliamento del programma di acquisto di obbligazioni della BoJ dovrebbe sostenere la crescita. Infine, le riforme avviate dal Primo ministro Shinzo Abe promettono di migliorare la governance delle aziende del Paese. Tuttavia, profilandosi le elezioni generali, riteniamo che sia troppo rischioso investire nel mercato giapponese in questa fase: una volta concluso il processo elettorale, rivedremo sicuramente il nostro orientamento. Anche gli Stati Uniti potrebbero sembrare un mercato interessante: la crescita è in via di accelerazione e diverse grandi società statunitensi sono destinate a beneficiare di un aumento della spesa per consumi indotto dal calo dei prezzi del petrolio. Tuttavia, per quanto gli operatori della vendita al dettaglio abbiano pubblicato solidi risultati trimestrali, le azioni statunitensi sono nel complesso sopravvalutate. Secondo il nostro modello, che aggrega una vasta gamma di parametri di valutazione e mette a confronto i dati correnti con IL CALO DEI PREZZI DEL PETROLIO STIMOLA LA SPESA PER CONSUMI % Vendite al dettaglio reali statunitensi, % su tre mesi, tasso annuo destagionalizzato Prezzo del WTI, % su tre mesi (con un anticipo di 5 mesi, asse invertito, dx) il trend storico, gli Stati Uniti sono la regione di gran lunga più costosa. La principale modifica della nostra allocazione settoriale riguarda l esposizione ai beni voluttuari, passata da neutrale a sovraponderata. I produttori di beni di consumo dovrebbero trarre vantaggio dalla diminuzione dei prezzi del petrolio, poiché i minori costi dell energia stimolano la spesa delle famiglie. Come mostra il grafico, le vendite al dettaglio tendono ad aumentare nei mesi successivi a un brusco calo delle quotazioni petrolifere. I consumatori statunitensi dovrebbero evidenziare l aumento più consistente della spesa, benché sia prevedibile un incremento degli acquisti anche da parte delle famiglie europee e giapponesi. Manteniamo il sovrappeso sull energia; sebbene i prezzi del petrolio siano diminuiti più di quanto avessimo inizialmente previsto, riteniamo che i margini per un ulteriore flessione siano limitati, rendendo nuovamente interessante il settore energetico. Abbiamo ridotto l esposizione alla tecnologia, nonostante i fondamentali solidi, poiché il posizionamento degli investitori nel settore è eccessivamente rialzista Fonte: Thomson Reuters Datastream BAROMETER DICEMBRE

8 Pictet Asset Management Via Fratelli Gabba, 1/A Milano Reddito fisso Confermata la preferenza per il debito emergente Manteniamo un sovrappeso sul debito emergente sia in valuta locale che in Dollari americani. Le prospettive del debito in valuta locale appaiono particolarmente promettenti ora che la Cina ha adottato un orientamento monetario più accomodante, che dovrebbe cominciare a dare supporto all asset class. In effetti, riteniamo che la Cina sia all inizio di un ciclo di riduzione dei tassi. Il differenziale di rendimento fra il debito emergente in valuta locale e i titoli di Stato dei Paesi sviluppati, pari a circa 500 punti base, è superiore alla media storica di circa 100 punti base. Valutazioni a parte, la politica monetaria dovrebbe sostenere l asset class: riteniamo che un numero crescente di banche centrali dei mercati emergenti adotterà una linea più accomodante sulla scia delle misure prese dalla Cina per stimolare la propria economia. Inoltre, le valute dei mercati emergenti dovrebbero iniziare a riguadagnare terreno dopo il recente deprezzamento nei confronti del Dollaro. Secondo il nostro modello, le quotazioni delle divise emergenti sono attualmente inferiori di circa due deviazioni standard rispetto al valore equo, un anomalia che a nostro avviso comincerà a scomparire nei prossimi mesi. Per contro, le valutazioni delle obbligazioni corporate investment grade europee rimangono a nostro giudizio troppo elevate e continuiamo a sottopesare l asset class. Per quanto la BCE non abbia ancora iniziato ad acquistare emissioni societarie nell ambito del suo programma di stimolo monetario, il mercato ha già scontato in larga misura questa possibilità, il che rende il debito investment grade vulnerabile a una correzione nel breve termine. In aggiunta, la performance deludente registrata di recente dai titoli investment grade di nuova emissione rispetto all andamento dei primi mesi dell anno potrebbe essere sintomatica di un calo dell interesse degli investitori per il debito societario. Alcuni mercati dei titoli di Stato europei appaiono ancora più sopravvalutati, specialmente rispetto ai loro equivalenti statunitensi. Ad esempio, riteniamo che il differenziale di rendimento tra i Bund tedeschi e i Treasury USA abbia raggiunto un livello eccessivamente elevato; di conseguenza, ci siamo posizionati in vista di una riduzione di tale differenziale, ridimensionando l esposizione ai primi e incrementando quella ai secondi. Per quanto concerne le valute, siamo inclini a chiudere la nostra posizione corta sullo Yen e lunga sul Dollaro, poiché i nostri indicatori segnalano che il volume delle operazioni ribassiste sulla divisa giapponese è diventato eccessivo, prefigurando un imminente inversione delle recenti tendenze. Potremmo fare altrettanto con la nostra posizione corta sull Euro, giacché il posizionamento degli investitori è simile a quello osservato per lo Yen. Olivier Ginguené, Chairman Pictet Asset Management Strategy Unit Luca Paolini, Chief strategist Pictet Asset Management CALO DEI TASSI E DEI RENDIMENTI OBBLIGAZIONARI CINESI Rendimenti obbligazionari cinesi a 10 anni, % Tasso di finanziamento della PBoC, % Fonte: Thomson Reuters Datastream PICTET STRATEGY UNIT Pictet Asset Management Strategy Unit (PSU) è il gruppo di investimento responsabile delle linee guida di asset allocation in ambito azionario e obbligazionario, nonché in materia di valute e commodity. Ogni mese, la PSU definisce una politica generale in base all analisi dei seguenti fattori: ciclo economico: indicatori di tendenza proprietari, inflazione liquidità: politica monetaria, variabili creditizie/ monetarie valutazioni: premio di rischio azionario, divario di rendimento, multipli e dati storici aspettative: indice del sentiment Pictet (indagini fra gli investitori, indicatori tattici) Il presente materiale è destinato esclusivamente agli investitori professionali. Esso non è comunque concepito per la distribuzione a persone o entità aventi cittadinanza o residenza in una località, Stato, paese o altra giurisdizione in cui tale distribuzione, pubblicazione o utilizzo sono in contrasto con norme di legge o regolamentari. Le informazioni utilizzate per la preparazione del presente documento sono basate su fonti ritenute attendibili, ma non si rilascia alcuna dichiarazione o garanzia in merito alla loro accuratezza o completezza. Tutte le opinioni, stime e previsioni sono suscettibili di modifica in qualsiasi momento senza preavviso. Si invitano gli investitori a leggere il prospetto informativo o il memorandum d offerta prima di effettuare sottoscrizioni nei fondi gestiti da Pictet. Il trattamento fiscale dipende dalla situazione individuale di ciascun investitore e può essere soggetto a cambiamenti in futuro. Le performance del passato non sono indicative dei rendimenti futuri. Il valore degli investimenti e il reddito che ne deriva possono tanto aumentare quanto diminuire, e non sono garantiti. Potete non ottenere in restituzione l importo originariamente investito. Il presente documento è stato emesso in Svizzera da Pictet Asset Management SA, e nel resto del mondo da Pictet Asset Management Limited, società autorizzata e soggetta alla regolamentazione della Financial Conduct Authority, e non può essere riprodotto o distribuito, in tutto o in parte, senza la loro preventiva autorizzazione. Per gli investitori britannici, le SICAV multicomparto Pictet e Pictet Total Return domiciliate in Lussemburgo sono considerate «recognized collective investment schemes» ai sensi della section 264 del Financial Services and Markets Act I fondi svizzeri di Pictet, autorizzati per la distribuzione unicamente in Svizzera ai sensi della Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale, sono considerati «unregulated collective investment schemes» nel Regno Unito. Il Gruppo Pictet gestisce hedge funds, fondi di hedge funds e fondi di fondi di private equity non autorizzati per la distribuzione al pubblico nell ambito dell Unione Europea e considerati «unregulated collective investment schemes» nel Regno Unito. Per gli investitori australiani, Pictet Asset Management Limited (ARBN ) è esonerata dall obbligo di possedere una licenza per i servizi finanziari australiani ai sensi del Corporate Act Per gli investitori statunitensi, la vendita di azioni negli Stati Uniti o a US Persons avverrà unicamente tramite collocamento privato ad «accredited investors» in base all esenzione dalla registrazione presso la SEC ai sensi della section 4(2) e della Regulation D Private placement exemptions della legge del 1933 nonché ai clienti qualificati secondo la definizione della legge del Le azioni dei fondi Pictet non sono state registrate ai sensi della legge del 1933 e pertanto, ad eccezione delle transazioni non in contrasto con la legislazione statunitense in materia di titoli, esse non possono essere offerte o vendute direttamente o indirettamente negli Stati Uniti o a US Persons. Le società di gestione di fondi d investimento del Gruppo Pictet non saranno registrate ai sensi della legge del Copyright 2014 Pictet - Emesso a Novembre BAROMETER DICEMBRE 2014

Mercati azionari più promettenti. Marzo 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit

Mercati azionari più promettenti. Marzo 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit ASSET CLASS GLOBALI Manteniamo una posizione di sovrappeso sul mercato azionario alla luce dell accelerazione congiunturale e degli ingenti stimoli monetari; aumentiamo la ponderazione dei titoli obbligazionari

Dettagli

Pronti per la prossima mossa della Fed. Dicembre 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit

Pronti per la prossima mossa della Fed. Dicembre 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit ASSET CLASS GLOBALI Confermiamo il posizionamento neutrale sull azionario in vista del primo rialzo dei tassi di interesse statunitensi e riduciamo l esposizione obbligazionaria a un sottopeso in ragione

Dettagli

AZIONARIO: SETTORI Abbiamo accentuato il nostro orientamento ciclico sovrappesando industria e informatica.

AZIONARIO: SETTORI Abbiamo accentuato il nostro orientamento ciclico sovrappesando industria e informatica. ASSET CLASS GLOBALI Confermiamo il sovrappeso del mercato azionario alla luce di una ripresa economica sempre più solida in tutti i Paesi avanzati, con effetti positivi per gli utili delle aziende. AZIONARIO:

Dettagli

Fed e Cina pesano sul futuro delle borse. Pictet Asset Management Strategy Unit

Fed e Cina pesano sul futuro delle borse. Pictet Asset Management Strategy Unit ASSET CLASS GLOBALI Riduciamo l esposizione azionaria a livello neutrale e aumentiamo il peso della liquidità poiché i nostri indicatori suggeriscono possibili pressioni sugli asset rischiosi. AZIONARIO:

Dettagli

Il moltiplicarsi dei rischi impone una maggiore cautela. Pictet Asset Management Strategy Unit

Il moltiplicarsi dei rischi impone una maggiore cautela. Pictet Asset Management Strategy Unit SOTTOPESARE NEUTRALE SOVRAPPESARE + CAMBIAMENTO MENSILE Massimo cambiamento ASSET CLASS GLOBALI Ridimensioniamo l esposizione azionaria, passando al sottopeso, e aumentiamo la liquidità. Ci attendiamo

Dettagli

Prudenza nella fase di ripresa del mercato. Novembre 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit

Prudenza nella fase di ripresa del mercato. Novembre 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit ASSET CLASS GLOBALI Nonostante il rimbalzo dei mercati dopo il difficile periodo estivo, per ora abbiamo evitato di aumentare il rischio, in attesa di segnali di migliori prospettive per gli utili aziendali.

Dettagli

Rally azionario sostenuto dalle banche centrali. Maggio 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit

Rally azionario sostenuto dalle banche centrali. Maggio 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit ASSET CLASS GLOBALI Manteniamo la posizione di sovrappeso sull azionario, contando sul proseguimento della ripresa economica alimentata dagli stimoli monetari. AZIONARIO: REGIONI E STILI DI INVESTIMENTO

Dettagli

AZIONARIO: REGIONI E STILI DI INVESTIMENTO Prediligiamo ancora le azioni giapponesi e dei mercati emergenti, che presentano valutazioni allettanti.

AZIONARIO: REGIONI E STILI DI INVESTIMENTO Prediligiamo ancora le azioni giapponesi e dei mercati emergenti, che presentano valutazioni allettanti. ASSET CLASS GLOBALI Manteniamo un posizionamento neutrale nelle asset class rischiose; confermiamo il sottopeso dei bond, poiché il calo dei rendimenti obbligazionari appare insostenibile. AZIONARIO: REGIONI

Dettagli

L intervento della BCE aumenta l appeal dei titoli azionari. Febbraio 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit

L intervento della BCE aumenta l appeal dei titoli azionari. Febbraio 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit ASSET CLASS GLOBALI Confermiamo un giudizio positivo sul mercato azionario dato il continuo miglioramento delle condizioni economiche; i titoli obbligazionari restano sottopesati per motivi di valutazione.

Dettagli

Il sentiment volge a favore dei mercati emergenti. Aprile 2014. Pictet Asset Management Strategy Unit

Il sentiment volge a favore dei mercati emergenti. Aprile 2014. Pictet Asset Management Strategy Unit ASSET CLASS GLOBALI Confermiamo il posizionamento neutrale sulle asset class rischiose; nonostante le previsioni di una ripresa economica, la crescita non è ancora così forte da far decollare gli utili

Dettagli

AZIONARIO: SETTORI Confermiamo un modesto orientamento ciclico con una preferenza per i settori più convenienti come tecnologia e finanza.

AZIONARIO: SETTORI Confermiamo un modesto orientamento ciclico con una preferenza per i settori più convenienti come tecnologia e finanza. ASSET CLASS GLOBALI Dopo il crollo subito in agosto e settembre, le valutazioni ci sembrano allettanti, ma aspettiamo un segnale di acquisto più forte sul mercato azionario. AZIONARIO: REGIONI E STILI

Dettagli

AZIONARIO: SETTORI Confermiamo un modesto orientamento ciclico con una preferenza per i settori più convenienti come tecnologia e finanza.

AZIONARIO: SETTORI Confermiamo un modesto orientamento ciclico con una preferenza per i settori più convenienti come tecnologia e finanza. ASSET CLASS GLOBALI Nel breve termine manteniamo un allocazione neutrale ad azioni e obbligazioni, in attesa della conferma di un graduale rialzo dei tassi di interesse USA e di una ripresa degli utili.

Dettagli

Pictet - MAGO Multi Asset Global Opportunities

Pictet - MAGO Multi Asset Global Opportunities Pictet - MAGO Multi Asset Global Opportunities Marco Piersimoni Roma 30 Settembre 2014 Indice 1. Problema di investimento del risparmiatore italiano 2. Una possibile soluzione: Pictet Multi Asset Global

Dettagli

L OPINIONE DEI COMPETITOR

L OPINIONE DEI COMPETITOR L OPINIONE DEI COMPETITOR 11 A cura della Direzione Studi. L Opinione dei Competitor Sintesi e Indicazioni Tattiche SINTESI MACRO E ASSET ALLOCATION Pictet - AGGIORNATO A SETTEMBRE QUADRO MACRO: Timori

Dettagli

Schroder ISF EURO Short Term Bond

Schroder ISF EURO Short Term Bond Pagina 1 Indice Review su mercato e fondo pag. 2 Il mercato Il fondo Cosa ci aspettiamo dal mercato e dal fondo pag. 3 Uno sguardo al mercato Le scelte strategiche I risultati di pag. 4 Descrizione del

Dettagli

Focus Market Strategy

Focus Market Strategy Valute emergenti: rand, lira e real 30 luglio 2015 Atteso un recupero verso fine anno Contesto di mercato Il comparto delle valute emergenti è tornato nuovamente sotto pressione negli ultimi mesi complice

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 30/04/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

Schroders. Economia e Mercati. Outlook macroeconomico e scelte di asset allocation Primo trimestre 2013

Schroders. Economia e Mercati. Outlook macroeconomico e scelte di asset allocation Primo trimestre 2013 Schroders Economia e Mercati Outlook macroeconomico e scelte di asset allocation Primo trimestre 2013 Introduzione Il rally dei mercati azionari che è iniziato nel terzo trimestre ha proseguito la sua

Dettagli

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10 Alternative Spot Dic 2013 L outlook di Hedge Invest per il 2014 Scenario macroeconomico: la visione per il 2014 EUROZONA Prevediamo ancora pressioni al ribasso sulla crescita a breve termine, a causa di

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie. Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds

ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie. Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds 1 Sintesi Gli attuali squilibri Le prospettive Le strategie nelle varie asset class 2 Gli

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 2012 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Analisi dei Mercati. Reazione esagerata dei mercati

Analisi dei Mercati. Reazione esagerata dei mercati Analisi mensile dei principali eventi e previsioni sui mercati globali 22 ottobre 2014 Analisi dei Mercati Crediamo che i mercati stiano reagendo in modo esagerato considerato lo stato di salute dei fondamentali.

Dettagli

View. Fideuram Investimenti. 12 ottobre 2015

View. Fideuram Investimenti. 12 ottobre 2015 12 ottobre 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 5 Scenario macroeconomico Confermiamo di non aver apportato revisioni significative

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e

Dettagli

1 MESE IN 10 IMMAGINI

1 MESE IN 10 IMMAGINI 1 MESE IN 10 IMMAGINI Con 1 mese in 10 immagini SYZ Wealth Management presenta una panoramica mensile dell attività economica mondiale. Visto che un immagine può valere più di mille parole, selezioniamo

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

Operazione salvataggio internazionale.

Operazione salvataggio internazionale. Operazione salvataggio internazionale. Gli interventi messi in atto per evitare la recessione Keith Wade Capo Economista L economia americana oggi Revisione del rischio Diminuzione del debito Settore finanziario

Dettagli

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo No. 5 - Settembre 2013 2 I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo Con il mercato obbligazionario

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 10 febbraio 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico Il programma di Quantitative Easing finalmente

Dettagli

Portafogli Modello Giugno 2014

Portafogli Modello Giugno 2014 Portafogli Modello Giugno 2014 Investment Advisory 10 Giugno 2014 Milano Indice Commento Generale (p. 3) Portafoglio Obbligazionario (p. 4) Portafoglio Bilanciato (p. 6) Portafoglio Azionario (p. 8) Ranking

Dettagli

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti - Responsabile Strategia Eurizon Capital SGR; Luca Mezzomo - Responsabile

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 13 Gennaio 2014 View Fideuram Investimenti Autori: Enrico Boaretto Flavio Rovida Patrizia Bussoli Ilaria Spinelli Francesca Pini Cristian Gambino Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari

Dettagli

View. Mercati Obbligazionari

View. Mercati Obbligazionari 4 settembre 2015 View Fideuram Investimenti Autori: Enrico Boaretto Flavio Rovida Patrizia Bussoli Ilaria Spinelli Francesca Pini Cristian Gambino Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 8 Luglio 2014 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico La pesante flessione del PIL degli USA nel primo trimestre

Dettagli

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA relatori: Alessandro Stanzini, Fabio Bottani Corso istituzionale - Neo private banking: una prima formazione tecnico relazionale VIEW

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 8 agosto 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Veloce e Fragile. Le dinamiche dell economia britannica

Veloce e Fragile. Le dinamiche dell economia britannica Veloce e Fragile Le dinamiche dell economia britannica 2 maggio, 2011 Rimbalzo nel primo trimestre per il Regno Unito? Come è già stato precedentemente sottolineato, l economia britannica è un economia

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

Outlook dei mercati. I Trimestre 2015 ARCA FOCUS

Outlook dei mercati. I Trimestre 2015 ARCA FOCUS ARCA FOCUS Outlook dei mercati I Trimestre 2015 Ad uso esclusivo dei Soggetti Collocatori, vietata la diffusione alla clientela. Il presente documento ha semplice scopo informativo. 1 Indice Outlook di

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/03/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente Cosa ci dobbiamo aspettare dai mercati obbligazionari nel 2015? Intervista a Paul Read (Co-Head di Invesco Fixed Interest Henley Gestore di Invesco Euro Corporate Bond, Invesco Pan European High Income

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 10 Febbraio 2014 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico Le prime settimane dell anno sono state caratterizzate

Dettagli

Market Focus. Outlook. Un 2015 trainato dagli USA, aspettando l Europa

Market Focus. Outlook. Un 2015 trainato dagli USA, aspettando l Europa Market Focus Outlook 2015 Un 2015 trainato dagli USA, aspettando l Europa Indice Outlook 2015 05 Scenario 10 Asset Allocation 13 Azioni 19 Obbligazioni 25 Materie Prime 27 Real Estate e Alternativi 28

Dettagli

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog Asset allocation: settembre 2015 /blog Come sono andati i mercati? Il rallentamento della Cina, la crisi in Grecia, il crollo delle materie prime e la moderata crescita dell economia americana hanno sollevato

Dettagli

Outlook dei mercati. IV Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo.

Outlook dei mercati. IV Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo. ARCA FOCUS Outlook dei mercati IV Trimestre 2015 1 Indice Outlook di lungo periodo Mercati Azionari 3 Outlook di lungo periodo Mercati Obbligazionari 4 Outlook di medio periodo Opportunità e rischi 5 Outlook

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

STRATEGIA D INVESTIMENTO Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie)

STRATEGIA D INVESTIMENTO Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) STRATEGIA D INVESTIMENTO Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2011 A cura dell ufficio Ricerca e

Dettagli

View. Mercati Obbligazionari

View. Mercati Obbligazionari 12 maggio 2016 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 5 Scenario macroeconomico Dopo la revisione al ribasso apportata alle stime

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 Marzo 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Piccole imprese grandi opportunità. Small Cap

Piccole imprese grandi opportunità. Small Cap Small Cap Piccole imprese grandi opportunità. A sei anni dall inizio della crisi finanziaria internazionale, l economia mondiale sembra recuperare, pur in presenza di previsioni di crescita moderata. In

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Per investitori professionali Strategia d investimento 31 marzo 2013 SINTESI Modesta ripresa economica dopo la debolezza di fine 2012 Nessuna fretta della Fed di porre fine al suo allentamento monetario

Dettagli

Mercati e Valute, 10 aprile 2015. Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee

Mercati e Valute, 10 aprile 2015. Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee Mercati e Valute, 10 aprile 2015 Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee Nel primo trimestre dell anno, il forte calo dell Euro nei confronti del Dollaro USA ha reso più attraenti

Dettagli

Global Asset Allocation

Global Asset Allocation Global Asset Allocation L impatto dell incremento dei rendimenti obbligazionari sul ciclo economico e sulla nostra view Aprile 0 Punti chiave PROSPETTIVE Giordano Lombardo Group CIO, Pioneer Investments

Dettagli

Outlook dei mercati. III Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo.

Outlook dei mercati. III Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo. ARCA FOCUS Outlook dei mercati III Trimestre 2015 1 Indice Outlook di lungo periodo Mercati Azionari 3 Outlook di lungo periodo Mercati Obbligazionari 4 Outlook di medio periodo Opportunità e rischi 5

Dettagli

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici:

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici: Random Note 1/2015 OUTLOOK 2015 : VERSO LA NORMALIZZAZIONE? La domanda a cui, con la nostra analisi di inizio anno, cerchiamo di dare una risposta è se nel 2015 assisteremo ad un ritorno alla normalizzazione

Dettagli

Asset Allocation Mensile

Asset Allocation Mensile Riservato agli investitori professionali Asset Allocation Mensile Aprile 2016 ASSET ALLOCATION IN SINTESI Joost van Leenders, CFA, Chief economist, Multi Asset Solutions joost.vanleenders@bnpparibas.com

Dettagli

AZIONARIO: SETTORI Manteniamo un orientamento ciclico in ragione dell accelerazione della crescita globale e di valutazioni interessanti.

AZIONARIO: SETTORI Manteniamo un orientamento ciclico in ragione dell accelerazione della crescita globale e di valutazioni interessanti. ASSET CLASS GLOBALI Aumentiamo il peso della componente azionaria a un livello neutrale, riduciamo il sovrappeso della liquidità e confermiamo il sottopeso delle obbligazioni. AZIONARIO: REGIONI E STILI

Dettagli

View. Fideuram Investimenti. 9 giugno 2015. Scenario macroeconomico. Mercati Azionari. Mercati Obbligazionari

View. Fideuram Investimenti. 9 giugno 2015. Scenario macroeconomico. Mercati Azionari. Mercati Obbligazionari 9 giugno 2015 View Fideuram Investimenti Scenario macroeconomico Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 5 I dati diffusi nelle ultime settimane mostrano che

Dettagli

Asset Allocation Mensile

Asset Allocation Mensile Asset Allocation Mensile Novembre 2014 CLIMA DI MERCATO IN SINTESI Le banche centrali si muovono in direzioni opposte I mercati azionari rimbalzano dopo la flessione Asset allocation: sovrappeso sulle

Dettagli

Panoramica del terzo trimestre

Panoramica del terzo trimestre Panoramica del terzo trimestre Obbligazioni Tassi Credito Azioni Volatilità Hedge funds USD Oro Petrolio Tendenze degli ultimi 3 mesi Il terzo trimestre ha scavato il differenziale tra l economia statunitense

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 6 giugno 2011 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Aprile 2015 Quo vadis, FED? Ancora una volta un trimestre è stato fortemente influenzato dalle banche centrali.

Dettagli

L economia australiana brilla sulle altre

L economia australiana brilla sulle altre L economia australiana brilla sulle altre 28 marzo 2011 Le stime sulla crescita per molti paesi sviluppati hanno subito una flessione a causa della tragedia che continua a investire il Gippone, uno dei

Dettagli

SCENARIO 2009 PICCOLE E MEDIE IMPRESE MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE. Vicini a voi.

SCENARIO 2009 PICCOLE E MEDIE IMPRESE MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE. Vicini a voi. SCENARIO 2009 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Vicini a voi. Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti, Responsabile Strategia Eurizon

Dettagli

scenario 2009 piccole e medie imprese macroeconomia e mercati Vicini a voi.

scenario 2009 piccole e medie imprese macroeconomia e mercati Vicini a voi. scenario 2009 macroeconomia e mercati AGGIORNAMENTO 1 semestre piccole e medie imprese Vicini a voi. Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti, Responsabile Strategia Eurizon

Dettagli

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Sulla base delle informazioni disponibili al 20 novembre 2004, gli esperti dell Eurosistema hanno elaborato le proiezioni

Dettagli

Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato

Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato No. 10 giugno 2015 N. 10 giugno 2015 2 Le principali Banche Centrali hanno aumentato complessivamente di oltre 6.000 miliardi

Dettagli

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere.

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. 30 Novembre 2015 Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. Tutto è iniziato lo scorso novembre con la riunione dell OPEC (Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio), durante la quale è

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 98 MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il semestre

Dettagli

Aggiornamento sui mercati obbligazionari

Aggiornamento sui mercati obbligazionari Aggiornamento sui mercati obbligazionari A cura di: Pietro Calati 20 Marzo 2015 Il quadro d insieme rimane ancora costruttivo Nello scorso aggiornamento di metà novembre dell anno passato i segnali per

Dettagli

MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO

MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 86 MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il 29 giugno

Dettagli

06/14. Anthilia Capital Partners SGR. Analisi di scenario Maggio Giugno 2014 2011

06/14. Anthilia Capital Partners SGR. Analisi di scenario Maggio Giugno 2014 2011 06/14 Anthilia Capital Partners SGR Analisi di scenario Maggio Giugno 2014 2011 Giugno 2014 Analisi di scenario Mercati 19/06/2014 2 Analisi di scenario Giudizi sintetici Azionario US Europa Giappone Emergenti

Dettagli

Prospettive 2015 - Divergenze

Prospettive 2015 - Divergenze NOVEMBRE 2014 Prospettive 2015 - Divergenze Jean-Sylvain Perrig, CIO Union Bancaire Privée, UBP SA Rue du Rhône 96-98 CP 1320 1211 Ginevra 1, Svizzera Tel. +4158 819 21 11 Fax +4158 819 22 00 ubp@ubp.com

Dettagli

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi No. No. 6 7 - - Dicembre Febbraio 2013 2014 No. 7 - Febbraio 2014 N. 67 Dicembre Febbraio 2014 2013 2 Il presente documento sintetizza la visione

Dettagli

Economia italiana e settori industriali

Economia italiana e settori industriali OPEN DAY ATTIVITÀ INTERNAZIONALI ANIE Economia italiana e settori industriali Stefania Trenti Direzione Studi e Ricerche Milano, 16 dicembre 2015 Italia: il gap con l Eurozona si sta riducendo Su base

Dettagli

Asset Allocation Mensile

Asset Allocation Mensile Asset Allocation Mensile Febbraio 2015 CLIMA DI MERCATO IN SINTESI QE della BCE al momento giusto, economia in miglioramento La crescita USA non è così debole da ritardare il rialzo dei tassi della Fed

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Marzo 2015 Rischio? Quale rischio? Le prime settimane dell anno nuovo sono state caratterizzate dai temi

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 16 marzo 2015 S.A.F.

Dettagli

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net 10 otto, 2010 Visita il nuovo network di social trading di etoro: openbook.etoro.com Il mercato azionario ha avuto un impennata a metà settimana per poi consolidarsi durante gli ultimi giorni dal momento

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 9 settembre 2012 A cura dell Ufficio Ricerca

Dettagli

ILR con. Posizione. attuale.

ILR con. Posizione. attuale. ILR con il gestore G. Spinola del 16/04/15 Trend vs. Msci World Dal lancio ( 15/02/93 ) al 16/04/15. Posizione attuale. 63% %* in Azioni (profilo di rischio teoricoo del portafoglio mediamente in lineaa

Dettagli

1 MESE IN 10 IMMAGINI

1 MESE IN 10 IMMAGINI 1 MESE IN IMMAGINI Con 1 mese in immagini SYZ Asset Management presenta una panoramica mensile dell attività economica mondiale. Visto che un immagine può valere più di mille parole, ogni mese selezioniamo

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 6 giugno A cura dell

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 1 Gennaio 214 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 11 novembre A cura

Dettagli

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net Dopo il forte rally di giovedì nei mercati azionari statunitensi, le azioni si sono consolidate e sono avanzate leggermente. Un risultato sulle Vendite al dettaglio negli USA peggiore delle attese è stato

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Gennaio/Febbraio 2015 Si preferiscono gli USA L inizio dell anno è cautamente positivo se parliamo dei

Dettagli

Per consulenti e investitori qualificati. Economia e Mercati. Analisi economica e di asset allocation Primo trimestre 2016

Per consulenti e investitori qualificati. Economia e Mercati. Analisi economica e di asset allocation Primo trimestre 2016 Per consulenti e investitori qualificati Economia e Mercati Analisi economica e di asset allocation Primo trimestre 2016 Introduzione Per gli asset rischiosi l ultimo trimestre del 2015 è iniziato con

Dettagli

Fonditalia Core MERCATO CARATTERISTICHE. Azionario. Obbligazionario. Valute. Strategia del prodotto

Fonditalia Core MERCATO CARATTERISTICHE. Azionario. Obbligazionario. Valute. Strategia del prodotto 29 Settembre 2015 Fonditalia Core MERCATO Azionario Da metà aprile gli indici azionari hanno corretto al ribasso dopo il rialzo di inizio anno (prima a causa dell acuirsi della crisi greca, poi per via

Dettagli

Aggiornamento sui mercati valutari

Aggiornamento sui mercati valutari 14 novembre 2014 Aggiornamento sui mercati valutari A cura di: Peter Butler, Emanuele Del Monte e Pietro Calati Il quadro di riferimento Il mercato dei cambi resta molto influenzato dalle diverse politiche

Dettagli

Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile

Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile Sviluppo Rete Arca Fund Manager Webinar Fondi Obbligazionari

Dettagli

L INVESTMENT BAROMETER DI J.P. MORGAN PRIVATE BANK RIVELA LE OPINIONI DEGLI INVESTITORI HIGH NET WORTH E LE MINACCE PIÙ TEMUTE NEL 2015

L INVESTMENT BAROMETER DI J.P. MORGAN PRIVATE BANK RIVELA LE OPINIONI DEGLI INVESTITORI HIGH NET WORTH E LE MINACCE PIÙ TEMUTE NEL 2015 COMUNICATO STAMPA L INVESTMENT BAROMETER DI J.P. MORGAN PRIVATE BANK RIVELA LE OPINIONI DEGLI INVESTITORI HIGH NET WORTH E LE MINACCE PIÙ TEMUTE NEL 2015 Le azioni mantengono la fiducia degli investitori

Dettagli