LO SVILUPPO COGNITIVO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LO SVILUPPO COGNITIVO"

Transcript

1 SIGNIFICATO DEL TERMINE CONOSCENZA ( COGNIZIONE, PROCESSI COGNITIVI ) Alcuni processi mentali, patrimonio esclusivo dell uomo, sono universalmente considerati cognitivi: pensiero, ragionamento, soluzione di problemi, formazione di concetti Anche altri processi (che condividiamo con altre specie animali): percezione, memoria, attenzione, apprendimento tutte le azioni attraverso le quali un organismo acquisisce informazioni dall ambiente, le conserva, le riorganizza, ne fa uso nel corso delle proprie azioni

2 Jean Piaget ( ) Studio dello sviluppo cognitivo al fine di costruire un ponte tra biologia ed epistemologia Epistemologia genetica come si passa da forme meno evolute di conoscenza a forme più evolute? origini della conoscenza nell uomo no studio delle modificazioni nel comportamento manifesto MA attraverso lo studio del comportamento manifesto quali trasformazioni nelle strutture mentali sottostanti (strutturalismo)

3 Jean Piaget ( ) Ipotesi innatista Le strutture cognitive hanno un origine esclusivamente interna Piaget respinge Piaget propone Ipotesi ambientalista Le strutture cognitive hanno un origine esclusivamente ambientale Teoria organismica L individuo non è un passivo recettore di influenze ambientali, né un veicolo di idee innate, ma un attivo costruttore delle proprie conoscenze

4 Gli assunti base della teoria di Piaget Lo sviluppo è comprensibile all interno della storia evolutiva delle specie, di cui l organizzazione biologica e psicologica dell uomo costituisce l apice L organismo è attivo e si modifica attraverso gli scambi con l ambiente Lo sviluppo consiste nella trasformazione di strutture che non sono innate, ma si costruiscono grazie all attività dell individuo (Strutturalismo Costruttivistico)

5 L INTELLIGENZA SECONDO PIAGET ASSIMILAZIONE ACCOMODAMENTO Incorpora nei propri schemi i dati dell esperienza Conservazione Modifica i propri schemi per adattarli ai nuovi dati Novità principali responsabili del cambiamento cognitivo ADATTAMENTO DELL ORGANISMO ALL AMBIENTE accordo del pensiero con le cose primo invariante funzionale

6 L INTELLIGENZA SECONDO PIAGET ORGANIZZAZIONE COGNITIVA accordo del pensiero con se stesso secondo invariante funzionale Tendenza dell organismo a integrare, coordinare e organizzare le proprie strutture cognitive in totalità che possiedono proprietà e leggi intrinseche Elevato grado di coerenza, nella fase di sviluppo raggiunta dal bambino, relativamente a diverse abilità e competenze è l intera struttura cognitiva che si adatta e non parti isolate di essa

7 L INTELLIGENZA SECONDO PIAGET EQUILIBRAZIONE terzo invariante funzionale Tendenza dell organismo a raggiungere uno stato di equilibrio con l ambiente e con se stesso La conoscenza del mondo si sviluppa attraverso una serie di stati discreti di disequilibri tra organismo e ambiente l adattamento intellettivo consiste nel mettere in equilibrio il meccanismo assimilatorio e quello di accomodamento

8 IL PROCESSO DI SVILUPPO SECONDO PIAGET PROCESSO DI SVILUPPO Continuità Discontinuità Funzioni invarianti: Adattamento Equilibrio Organizzazione Stadi di sviluppo Strutture variabili

9 GLI STADI DI SVILUPPO SECONDO PIAGET Ciascuno stadio prevede una particolare forma di organizzazione psicologica (è una totalità) Il passaggio da uno stadio al successivo può essere graduale e l età può variare da un bambino all altro, ma la sequenza è invariante e universale Ogni stadio è qualitativamente diverso dal precedente, presenta forma e regole proprie Le acquisizioni di uno stadio non si perdono con il passaggio allo stadio successivo, ma vengono integrate in strutture più evolute (integrazione gerarchica tra stadi)

10 LO STADIO SENSOMOTORIO (fino ai 24 mesi) Il bambino interagisce con l ambiente solo mediante azioni e percezioni L intelligenza consiste di schemi di azione che gradualmente tendono a generalizzarsi e a coordinarsi dando luogo a sequenze comportamentali più ampie a) la risposta del bambino alla realtà è di tipo sensoriale e motorio b) il bambino reagisce al presente immediato no progetti, no scopi c) il bambino non ha una rappresentazione interna della realtà (no parole, no immagini mentali)

11 6 SOTTOSTADI 1. Esercizio dei riflessi (0-1 mese) il neonato si limita a esercitare gli schemi riflessi, alcuni dei quali rimangono immutati nel corso della vita, altri scompaiono, altri si modificano (suzione, prensione, visione, fonazione, audizione) applica le reazioni innate (in modo isolato) a situazioni sempre più numerose (es. suzione) egocentrismo radicale: né consapevolezze di sé, né del mondo esterno considera l immagine che osserva come l estensione, se non il prodotto, del suo sforzo di vedere

12 6 SOTTOSTADI 2. Reazioni circolari primarie (1-4 mesi) l attività sensomotoria si trasforma in funzione dell esperienza ripetizione di azioni (centrate sul proprio corpo) che portano a risultati interessanti costituzione di schemi nuovi (le prime abitudini) inizia la coordinazione di più schemi (es. suzione del pollice, che da fatto occasionale si trasforma in condotta sistematica attraverso la coordinazione tra lo schema di suzione e i movimenti della mano)

13 6 SOTTOSTADI 3. Reazioni circolari secondarie (4-8 mesi) interesse per la realtà esterna la cui esistenza è ancora legata alle azioni del bambino bisogno di ripetizione si formano gli schemi secondari che consentono di produrre effetti sul mondo esterno (ad es. visivi o sonori scuotendo un oggetto) migliore conoscenza degli oggetti il bambino non comprende ancora i nessi causali, quindi utilizza dei procedimenti anche inadeguati per far durare gli spettacoli interessanti compare la reazione circolare differita: riprende l azione su un oggetto dopo averla momentaneamente interrotta coordinazione degli schemi della visione e della prensione

14 6 SOTTOSTADI 4. Coordinazione di schemi secondari e loro applicazione a situazioni nuove (8-12 mesi) compare una differenziazione tra mezzi e fini (intelligenza sensomotoria) gli schemi secondari sono coordinati in modo che uno funga da fine e l altro da mezzo il comportamento si può dire intenzionale il bambino diversi utilizza gli schemi che già possiede per scopi aumento delle condotte esplorative (l oggetto viene assimilato a tutti gli schemi d azione disponibili) il bambino inizia a cercare un oggetto quando qualcuno lo ha nascosto davanti ai suoi occhi, però commette l errore A non B **

15 6 SOTTOSTADI 5. Reazioni circolari terziarie e scoperta di mezzi nuovi mediante sperimentazione attiva (12-18 mesi) il bambino si impegna attivamente nella ricerca di nuovi mezzi e cerca di scoprire nuovi aspetti delle azioni e degli oggetti tramite le reazioni circolari terziarie affina la comprensione dei rapporti spaziali e causali la causalità diventa obiettiva e esteriorizzata (eistenza di cause indipendenti dalla propri azioni) nuove condotte: supporto, cordicella, bastone il bambino non commette più l errore A non B, ma non sa rappresentare gli spostamenti che non vede

16 6 SOTTOSTADI 6. Invenzione di mezzi nuovi mediante sperimentazione mentale (18-24 mesi) compare la funzione simbolica (o rappresentativa) il bambino può evocare mentalmente oggetti o situazioni non presenti ed effettuare azioni non solo corporee, ma anche mentali (azioni interiorizzate) i bambini, posti di fronte a una situazione nuova, risolvono il problema mentalmente, immaginandosi diverse azioni e i loro esiti, per poi realizzare solo quella che ha successo permanenza dell oggetto

17 PERMANENZA DELL OGGETTO I. II. nessun comportamento di ricerca; l oggetto cessa di esistere una volta perso il contatto visivo con esso III. IV. cerca di recuperare l oggetto solo se è parzialmente visibile; interrompe il proprio comportamento se l oggetto viene improvvisamente coperto mentre sta per afferrarlo non sa cercare l oggetto se esso viene nascosto in un nuovo nascondiglio, davanti ai suoi occhi (errore A non B) V. cerca l oggetto nella posizione in cui lo ha visto scomparire VI. cerca l oggetto anche quando è sottoposto a spostamenti non visibili

18 LO STADIO PREOPERATORIO (2-6 ANNI) Conquista della funzione rappresentativa simbolica da azioni manifeste ad azioni interiorizzate Il bambino è in grado di evocare oggetti ed eventi non presenti, attraverso il gioco simbolico, l imitazione differita, il linguaggio tutti questi comportamenti evocano una realtà non percepita ma conosciuta in precedenza dalla coordinazione degli schemi sensomotori sono derivati gli schemi mentali (azioni interiorizzate) che rappresentano oggetti e azioni che possono essere manipolati mentalmente limite: sono isolati, possono essere pensati uno alla volta

19 LO STADIO PREOPERATORIO (2-6 ANNI) Egocentrismo intellettuale tendenza a percepire, capire ed interpretare il mondo dal proprio punto di vista il bambino non può adottare il punto di vista percettivo e concettuale di un altra persona Studi sull egocentrismo prospettive spaziali (egocentrismo percettivo) linguaggio (egocentrismo comunicativo) visione del mondo fisico

20 Compito delle 3 montagne di Piaget Si chiede al bambino di scegliere, tra una serie di figure, quella che rappresenta meglio una prospettiva diversa dalla propria I diversi punti di vista non risultano essere coordinati all interno di un sistema unitario il punto di vista del momento rimane l unico concepibile solo a 9-10 anni compare la capacità di scegliere la figura appropriata

21 LO STADIO PREOPERATORIO (2-6 ANNI) Linguaggio egocentrico Il bambino non è capace di adattare il proprio discorso alle caratteristiche dell ascoltatore e viene data per scontata una conoscenza comune con l interlocutore nella descrizione di eventi e oggetti non sente il bisogno di agire sull interlocutore, di comunicargli veramente qualche cosa: un po come nella conversazione di certi salotti, in cui tutti parlano e nessuno ascolta Piaget (1923). Il linguaggio e il pensiero del fanciullo.

22 LO STADIO PREOPERATORIO (2-6 ANNI) Linguaggio egocentrico Ti piace la mia maglietta, mamma? Cos è questo, mamma?

23 LO STADIO PREOPERATORIO (2-6 ANNI) Visione del mondo fisico Animismo: tendenza a considerare le cose come viventi e dotate di intenzionalità (vita attribuita a: qualunque cosa coinvolta in una qualche azione solo a oggetti mobili solo a oggetti dotati di moto proprio) Finalismo: tendenza ad interpretare tutti i fenomeni come finalizzati ad uno scopo, all interno di un ordine prestabilito di cui l essere umano è il centro Artificialismo: consiste nel considerare le cose come il prodotto della costruzione umana o di un attività divina che opera secondo le regole della costruzione umana

24 LO STADIO PREOPERATORIO (2-6 ANNI) Animismo Hub (6;6) Che cosa fa il sole quando ci sono le nuvole e piove? Va via perché c è brutto tempo Perché? Perché non vuole bagnarsi (Piaget, 1926)

25 Hub (6;6) LO STADIO PREOPERATORIO (2-6 ANNI) Artificialismo La luna è sempre tonda? No Com è? A mezzaluna. E molto consumata. Perché? Perché ha illuminato Come ridiventa tonda? Perché la rifanno (Piaget, 1926)

26 LO STADIO PREOPERATORIO (2-6 ANNI) Artificialismo, animismo e finalismo rispecchiano la confusione (o mancanza di distinzione) tra il mondo interiore e il mondo fisico: le cose del mondo vengono assimilate alla propria esperienza soggettiva L io è il modello di interpretazione dell universo Pensiero prelogico o intuitivo la soluzione a problemi pratici viene raggiunta attraverso un meccanismo di rappresentazione di immagini relative a percezioni e movimenti Pensiero trasduttivo da particolare a particolare relazione causale tra due elementi concreti perché si verificano assieme

27 LO STADIO PREOPERATORIO (2-6 ANNI) Irreversibilità E l esempio più chiaro di rigidità del pensiero di tipo preoperatorio (focalizzato sugli stati più che sulle trasformazioni) Le azioni interiorizzate conservano diverse caratteristiche delle azioni reali fra cui quella di essere legate alla sequenzialità spazio-temporale (la direzionalità) Esse non sono ancora coordinate in sistemi d insieme che consentano di eseguire più azioni mentali in rapida successione o simultaneamente: non è possibile annullare, invertire o compensare l effetto di una di esse mediante l azione opposta

28 LO STADIO PREOPERATORIO (2-6 ANNI) Irreversibilità Esempio: Rapporti parte-tutto DOMANDA: Sono di più le perle di legno o le perle nere? RISPOSTA: le perle nere, perché le bianche sono solo tre

29 LO STADIO PREOPERATORIO (2-6 ANNI) Irreversibilità Esempio: Rapporti parte-tutto I bambini, dopo aver compiuto l azione mentale di dissociare le perle nere da tutte le altre per isolarle e fare il confronto richiesto, non sono più in grado di annullarla mediante l azione di ricongiungerle mentalmente alle altre per ricostruire la fila delle perle di legno. Quindi il confronto viene fatto fra le perle nere e quelle che rimangono dopo la dissociazione iniziale, cioè le perle bianche. Vince un giudizio basato sulla percezione

30 LO STADIO PREOPERATORIO (2-6 ANNI) Acquisizioni che preparano il passaggio allo stadio successivo Identità qualitativa gli oggetti e le persone conservano la propria identità pur subendo delle trasformazioni che ne alterano l aspetto Funzione x = f(y) x è funzione di y se col variare di y varia anche x, seguendo una regola ben definita

31 COMPITO DI CONSERVAZIONE (della sostanza)

32 COMPITO DI CONSERVAZIONE (del volume)

33 COMPITO DI CONSERVAZIONE (del numero)

34 LO STADIO PREOPERATORIO (2-6 ANNI) Acquisizione delle funzioni -esempio- A bambini dai 3 ai 7 anni vengono mostrati tre pesci giocattolo di grandezza: A = 5 cm B = 10 cm C = 15 cm Vengono dati loro dei chicchi di grano con la richiesta di dare a B il doppio del cibo dato ad A ed a C il triplo I bambini più piccoli distribuiscono il cibo a caso Quelli intermedi differenziano le quantità in base alla grandezza dei pesci I più grandi risolvono il compito

35 LO STADIO OPERATORIO CONCRETO (7-12 ANNI) Le azioni mentali isolate si coordinano tra loro e si raggruppano per dar luogo a delle strutture d insieme: le operazioni intellettuali Operazioni Reversibilità Ad ogni operazione corrisponde un operazione inversa (invarianti/nozioni di conservazione) Segna la genesi del pensiero logico in quanto permette la coordinazione dei diversi punti di vista tra loro (sia che originino da individui diversi, sia che consistano in percezioni e intuizioni diverse dello stesso individuo) I bambini ragionano in termini logici davanti a problemi concreti

36 LO STADIO OPERATORIO CONCRETO (7-12 ANNI) Piaget postula l esistenza di 16 strutture operatorie: Raggruppamenti logici riguardano operazioni che si compiono sugli oggetti e sulle relazioni tra gli oggetti (di classe; di relazione) infra-logici riguardano operazioni sulle relazioni spaziotemporali tra oggetti e sulle relazioni parte-tutto negli oggetti

37 LO STADIO OPERATORIO CONCRETO (7-12 ANNI) Operazioni di classificazione Ciò che caratterizza la classe (relazione simmetrica di uguaglianza) come risultato di un operazione è il fatto di essere sempre collocata all interno di un sistema di classi Su un sistema di classi è possibile compiere operazioni di addizione e di moltiplicazione logica Piaget ha studiato lo sviluppo delle operazioni di classificazione riguardo alla capacità: 1. di individuare una proprietà sulla cui base costruire una classe (es. sagome geometriche di diverse forme e colori) Categorization inability 2. di compiere operazioni di addizione e moltiplicazione logica -e le loro inverse- sulle classi (es. perle di legno; classe foglie verdi)

38 Classificazione Moltiplicativa

39 LO STADIO OPERATORIO CONCRETO (7-12 ANNI) Operazioni di seriazione Si possono sommare o moltiplicare anche relazioni asimmetriche, cioè serie insieme in cui una proprietà è posseduta in misura diversa da ciascun elemento Piaget ha studiato lo sviluppo delle operazioni di: 1. seriazione additiva (es. insieme di bastoncini di diversa lunghezza) 2. seriazione moltiplicativa (es. bicchieri di diversa altezza e larghezza)

40 Seriazione Additiva LO SVILUPPO COGNITIVO

41 Seriazione Moltiplicativa

42 LO STADIO OPERATORIO CONCRETO (7-12 ANNI) Operazioni infralogiche a) conservazione della distanza b) conservazione della lunghezza/della superficie c) conservazione ordine temporale Es. 3 palline di diverso colore, ABC, attraversate da un pezzetto di filo di ferro, vengono fatte entrare da DX a SX in un tubo non trasparente; con che ordine usciranno dall estremità sinistra del tubo? E dopo una rotazione di 180? E dopo 16 rotazioni di 180? E dopo 25 rotazioni di 180?

43 LO STADIO OPERATORIO FORMALE (DAI 12 ANNI) Il pensiero diviene ipotetico-deduttivo in quanto consente di compiere operazioni logiche su premesse puramente ipotetiche, esplicitate in modo esclusivamente verbale, senza alcun supporto materiale E ipotetico perché, una volta individuati i fattori coinvolti in un fenomeno, li varia in modo sistematico per verificare quali siano la causa di quel fenomeno E in grado di compiere deduzioni e induzioni, cioè stabilire le appropriate relazioni logiche tra fatti specifici e leggi generali

44 Che cosa si modifica (e come) nel corso dello sviluppo? Modificazione sostanziale delle strutture mentali che il b. utilizza per interagire con la realtà: - Schema d azione - Azioni interiorizzate - Operazioni intellettuali Il passaggio da uno stadio all altro avviene grazie ad una serie di meccanismi generali determinati biologicamente (adattamento, organizzazione, equilibrazione)

45 Lo sviluppo è un processo dominio-generale o dominiospecifico? è determinato da invarianti funzionali innati che agiscono su tutti gli aspetti del sistema cognitivo ogni stadio si caratterizza per la presenza di una specifica struttura cognitiva che controlla ogni aspetto del comportamento e del pensiero del b. Sviluppo dominio-generale

46 Qual è il rapporto tra fattori biologici ed esperienza? il costruttivismo piagetiano rappresenta un punto di contatto tra la visione innatista e quella empirista attraverso l esperienza il b. costruisce il proprio sistema cognitivo a partire da pochi riflessi innati l esperienza è un fattore necessario ma non sufficiente per spiegare il cambiamento Epigenesi costruttivista

47 Lo sviluppo avviene in modo continuo o discontinuo? la presenza di una struttura cognitiva specifica per ogni stadio rende ciascuna fase dello sviluppo qualitativamente diversa dalla precedente e dalla successiva Processo discontinuo MA i meccanismi che rendono possibile la conoscenza rimangono identici nei vari stadi dello sviluppo, anche se vengono espletati da strutture diverse

48 CRITICHE ALLA TEORIA DI PIAGET I compiti piagetiani sono troppo difficili? L analisi dei compiti piagetiani ha consentito di definire in modo preciso le abilità richieste; la modalità di presentazione del compito e il tipo di consegna verbale servono a capire quale significato il bambino attribuisca al problema Modificando aspetti criteriali del compito si ottengono risposte corrette da parte di bambini che avevano fallito alle prove piagetiane standard

49 CRITICHE ALLA TEORIA DI PIAGET Compito del ragazzo e dei poliziotti che cosa una persona vede? come la vede?

50 CRITICHE ALLA TEORIA DI PIAGET Quanto più la formulazione del compito risulta comprensibile (cioè il b. riesce ad inserire tale compito nell ambito delle sue conoscenze del mondo), tanto migliore e affidabile sarà la sua prestazione Problema di natura logica: quali esempi selezionare per verificare se la regola se p allora q sia vera situazione sperimentale delle api ronzanti (Girotto, Blaye, Farioli; 1989) il 70% dei b. di 7 anni controlla correttamente la regola

51 CRITICHE ALLA TEORIA DI PIAGET Il bambino riesce meglio in compiti vicini alla sua esperienza quotidiana utilizzando materiale significativo e situazioni familiari è possibile abbassare l età in cui una determinata competenza si manifesta TUTTAVIA risultati come questi non minano le fondamenta della teoria piagetiana condizioni facilitanti possono anticipare prestazioni corrette ma ciò non toglie che l egocentrismo e il ragionamento intuitivo (pre-logico) siano tipici del periodo pre-operatorio

52 CRITICHE ALLA TEORIA DI PIAGET L esistenza degli stadi Lo stadio è inteso come fase dello sviluppo caratterizzata da una stessa struttura cognitiva sottostante coerenza di tipo orizzontale: omogeneità nei comportamenti e nelle prestazioni cognitive del bambino di una certa età In realtà non esiste stabilità e sistematicità nelle risposte che uno stesso soggetto fornisce a compiti diversi décalage orizzontale Troppo semplicistico l assunto dell esistenza di una singola struttura unitaria la cui evoluzione è responsabile di tutti i cambiamenti

53 Il décalage nell acquisizione della nozione di conservazione

54 CRITICHE ALLA TEORIA DI PIAGET Il ruolo dell esperienza e dell apprendimento Piaget ritiene che il normale corso dello sviluppo sia autogenerativo e che non possa subire modificazioni sostanziali per effetto di esperienze di apprendimento L apprendimento non può modificare il normale andamento evolutivo (tutti gli stadi sono necessari) È possibile indurre l acquisizione di particolari nozioni solo a condizione che le strutture disponibili al momento non siano troppo al di sotto di quelle richieste dal concetto

55 CRITICHE ALLA TEORIA DI PIAGET Il conflitto socio-cognitivo Assunto: le azioni dell individuo si collocano in un contesto sociale lo sviluppo cognitivo è un processo sociale Conflitto interindividuale (sociocognitivo) come fattore di sviluppo più efficace rispetto al conflitto intraindividuale L interazione sociale è in grado di indurre una perturbazione cognitiva capace di innescare la ricerca di un organizzazione mentale di livello superiore

Lo sviluppo cognitivo: Piaget

Lo sviluppo cognitivo: Piaget Lo sviluppo cognitivo: Piaget Jean Piaget(1896-1980) Come si adattano gli organismi viventi al proprio ambiente? Organismo si adatta costruendo nuove forme L intelligenza costruisce nuove strutture mentali

Dettagli

Lo sviluppo cognitivo: la teoria piagetiana (1) Lo sviluppo cognitivo: la teoria piagetiana (2)

Lo sviluppo cognitivo: la teoria piagetiana (1) Lo sviluppo cognitivo: la teoria piagetiana (2) Lo sviluppo cognitivo: la teoria piagetiana (1) Concetti chiave: Continuità fra organizzazione biologica e pensiero Il pensiero è una espressione dell adattamento all ambiente L organismo costruisce tessuti

Dettagli

SVILUPPO COGNITIVO = è UN PROCESSO DI ACQUISIZIONE DELLA CONOSCENZA NELL INFANZIA

SVILUPPO COGNITIVO = è UN PROCESSO DI ACQUISIZIONE DELLA CONOSCENZA NELL INFANZIA SVILUPPO COGNITIVO = è UN PROCESSO DI ACQUISIZIONE DELLA CONOSCENZA NELL INFANZIA Sono implicati: -la comprensione; -il ragionamento; - la soluzione di problemi; - l apprendimento; - la concettualizzazione;

Dettagli

Psicologia dello sviluppo

Psicologia dello sviluppo Psicologia dello sviluppo 11 marzo 2008 Stefano De Vecchi 1 Jean Piaget (1896 1980) 2 Evoluzione determinata (sincronicità) Convergenza biologica Dimensione cognitiva 3 Punti nodali della teoria Piagetiana

Dettagli

Piaget. Università degli studi Roma Foro Italico Anno Accademico 2011/12. Psicologia dello sviluppo e dell educazione 1896-1980

Piaget. Università degli studi Roma Foro Italico Anno Accademico 2011/12. Psicologia dello sviluppo e dell educazione 1896-1980 Università degli studi Roma Foro Italico Anno Accademico 2011/12 Psicologia dello sviluppo e dell educazione Docente : S. De Stasio simona.destasio@uniroma4.it Piaget 1896-1980 Cenni biografici Jean Piaget

Dettagli

Riguarda la descrizione dei processi attraverso i quali nasce e si trasforma la cognizione, riguarda cioè il modo in cui il bambino prima e l adulto

Riguarda la descrizione dei processi attraverso i quali nasce e si trasforma la cognizione, riguarda cioè il modo in cui il bambino prima e l adulto Riguarda la descrizione dei processi attraverso i quali nasce e si trasforma la cognizione, riguarda cioè il modo in cui il bambino prima e l adulto poi conosce il mondo ed interagisce con esso. La psicologia

Dettagli

Prof.ssa Ilaria Castelli

Prof.ssa Ilaria Castelli Dipartimento di Scienze Umane e Sociali Università degli Studi di Bergamo Laurea Triennale in Scienze dell educazione Psicologia delle età della vita A.A. 2015/2016 - Primo semestre Prof.ssa Ilaria Castelli

Dettagli

Luigia Camaioni, Paola Di Blasio, Psicologia dello sviluppo, Il Mulino, 2007 Lo sviluppo cognitivo. La teoria di Piaget. Piaget.

Luigia Camaioni, Paola Di Blasio, Psicologia dello sviluppo, Il Mulino, 2007 Lo sviluppo cognitivo. La teoria di Piaget. Piaget. Ipotesi innatista Le strutture cognitive hanno un origine esclusivamente interna La teoria di Piaget Piaget respinge Piaget propone Ipotesi ambientalista Le strutture cognitive hanno un origine esclusivamente

Dettagli

Lo sviluppo cognitivo e le teorie di riferimento di Jean Piaget Lev Semenovic Vygotskij Jerome Seymour Bruner

Lo sviluppo cognitivo e le teorie di riferimento di Jean Piaget Lev Semenovic Vygotskij Jerome Seymour Bruner Lo sviluppo cognitivo e le teorie di riferimento di Jean Piaget Lev Semenovic Vygotskij Jerome Seymour Bruner 1. Il concetto di sviluppo cognitivo. In Psicologia, per sviluppo cognitivo si intende lo sviluppo

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO. prof.ssa Morena Muzi a.a. 2013-2014

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO. prof.ssa Morena Muzi a.a. 2013-2014 PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO prof.ssa Morena Muzi a.a. 2013-2014 LO SVILUPPO COGNITIVO LA TEORIA DI JEAN PIAGET (1896-1980) Una delle più importanti teorie sullo sviluppo cognitivo del bambino è quella di

Dettagli

Jean Piaget (1896-1980)

Jean Piaget (1896-1980) Jean Piaget (1896-1980) Per sviluppo cognitivo si intende l'acquisizione della conoscenza nell'infanzia, quindi la comprensione, il ragionamento, il pensiero, la soluzione di problemi, l'apprendimento,

Dettagli

IL GIOCO. La natura vuole che i bambini siano bambini prima di diventare adulti. (J.J.ROUSSEAU)

IL GIOCO. La natura vuole che i bambini siano bambini prima di diventare adulti. (J.J.ROUSSEAU) IL GIOCO La natura vuole che i bambini siano bambini prima di diventare adulti. (J.J.ROUSSEAU) Il gioco insegna a muoversi, a immaginare, a pensare (M. LAENG) Lo sport ed il gioco sono elementi fondamentali

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

LO SVILUPPO COGNITIVO

LO SVILUPPO COGNITIVO Università degli Studi di Torino Facoltà di Scienze Politiche Sede di Biella Psicologia dello sviluppo 1. LO SVILUPPO COGNITIVO 2. L INTELLIGENZA 3. IL CONTRIBUTO DI PIAGET Prof. V. Alastra 1 LO SVILUPPO

Dettagli

Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico. Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013

Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico. Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013 Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013 PIAGET VYGOTSKY NELSON Bambino diverso dall adulto Bambino diverso dall adulto Continuità

Dettagli

LA MEDIA FANCIULLEZZA LO SVILUPPO COGNITIVO

LA MEDIA FANCIULLEZZA LO SVILUPPO COGNITIVO LA MEDIA FANCIULLEZZA LO SVILUPPO COGNITIVO 1 Piaget: le operazioni concrete Nello stadio delle operazioni concrete emergono due raggruppamenti di operazioni che si sviluppano contemporaneamente e vengono

Dettagli

SISSIS Sostegno V ciclo MODELLI ORGANIZZATIVI E RETI DI SOSTEGNO PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA E L INCLUSIONE SOCIALE

SISSIS Sostegno V ciclo MODELLI ORGANIZZATIVI E RETI DI SOSTEGNO PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA E L INCLUSIONE SOCIALE SISSIS Sostegno V ciclo MODELLI ORGANIZZATIVI E RETI DI SOSTEGNO PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA E L INCLUSIONE SOCIALE ANALISI DELLO SVILUPPO PSICOMOTORIO ED EMOTIVO/AFFETTIVO PROF. JOSE ALBERTO FREDA ATTO

Dettagli

Attività Motoria Evolutiva e Anziani

Attività Motoria Evolutiva e Anziani Attività Motoria Evolutiva e Anziani Maria Chiara Gallotta Stanza 59 1 piano palazzo IUSM Tel 06 36733211 mariachiara.gallotta@uniroma4.it Ricevimento Martedì 10:00-12:00 Il gioco Giocando s impara e si

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA AMPI DI ESPERIENZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER I BAMBINI DI 5 ANNI ESPERIENZE

Dettagli

Domande chiave per lo sviluppo cognitivo. 1.Qual è la natura del cambiamento? 1.Quali processi causano questo cambiamento?

Domande chiave per lo sviluppo cognitivo. 1.Qual è la natura del cambiamento? 1.Quali processi causano questo cambiamento? Domande chiave per lo sviluppo cognitivo 1.Qual è la natura del cambiamento? 1.Quali processi causano questo cambiamento? 1.Il cambiamento avviene in modo graduale o improvviso e discontinuo? Domande chiave

Dettagli

LA COMUNICAZIONE NELLA MADRELINGUA. Numeri e spazio, fenomeni e viventi (MATEMATICA)

LA COMUNICAZIONE NELLA MADRELINGUA. Numeri e spazio, fenomeni e viventi (MATEMATICA) COMPETENZE EUROPEE INFANZIA CAMPO D ESPERIENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITA E CONTENUTI LA COMUNICAZIONE NELLA MADRELINGUA Numeri e spazio, fenomeni e viventi (MATEMATICA) Ha interiorizzato le nozioni

Dettagli

SICUREZZA E PREVENZIONE

SICUREZZA E PREVENZIONE SICUREZZA E PREVENZIONE 1. AMBIENTE. Adeguatezza di strutture, attrezzature e spazi Rimozione delle cause di possibile incidente/ uso di adeguate misure di sicurezza PROTEZIONE 2. COMPORTAMENTO. Capacità

Dettagli

PROGETTO SCUOLE DELL INFANZIA A.S. 2012-2013

PROGETTO SCUOLE DELL INFANZIA A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD PROGETTO SCUOLE DELL INFANZIA San Carlo Borromeo e H. C. Andersen A.S. 2012-2013 (Laboratorio di logico-matematica) Siamo nati per contare, abbiamo dei circuiti incorporati

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE CURRICOLO delle ATTIVITA EDUCATIVE Della SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2012.13

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI 3 anni IL SÉ E L ALTRO Supera il distacco dalla famiglia Prende coscienza di sé Sviluppa

Dettagli

Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA

Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA MOTIVAZIONE Istituto Comprensivo Gallicano nel Lazio Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA La dimensione del tempo, come quella dello spazio, nella società di oggi è stravolta dalla modalità e dalla

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

Scienze e Tecniche Psicologiche dello Sviluppo della Salute in Età Evolutiva

Scienze e Tecniche Psicologiche dello Sviluppo della Salute in Età Evolutiva Scienze e Tecniche Psicologiche dello Sviluppo della Salute in Età Evolutiva ANNO ACCADEMICO 2007-2008 ROBERTO BAIOCCO Università degli Studi di Roma Sapienza Il corso offre una panoramica delle principali

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA ORGANIZZAZIONE CURRICOLARE

SCUOLA PRIMARIA ORGANIZZAZIONE CURRICOLARE SCUOLA PRIMARIA ORGANIZZAZIONE CURRICOLARE ITALIANO termine della classe L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e adulti. Legge e comprende brevi testi con correttezza e rapidità; dimostra

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE I. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati. II. Sa esprimere e comunicare

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE. Titolo: LOGICAMENTE

PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE. Titolo: LOGICAMENTE PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE Titolo: LOGICAMENTE Destinatari : alunni dell ultimo anno di scuola dell Infanzia e alunni della classe prima di scuola primaria. Risorse professionali:

Dettagli

GIOCHI DIDATTICI ISPEF

GIOCHI DIDATTICI ISPEF FAUSTO PRESUTTI GIOCHI DIDATTICI ISPEF LA METODOLOGIA DEL GIOCO LE CARATTERISTICHE E LE REGOLE DEL GIOCO Le caratteristiche fondamentali delle attività di gioco sono: a) la spontaneità, cioè la mancanza

Dettagli

Elementi di psicologia dello sviluppo: aspetti cognitivi

Elementi di psicologia dello sviluppo: aspetti cognitivi Anno 2011/2012 Elementi di psicologia dello sviluppo: aspetti cognitivi Verrà proposto in questa presentazione il punto di vista genetico che parte dalla interpretazione genetica dell evoluzione intellettiva

Dettagli

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI La progettazione formativa e didattica GLI STILI E LE MODALITA DI DI APPRENDIMENTO: dalle dalle conoscenze alla alla interiorizzazione dei dei comportamenti organizzativi 1 IL IL PERCORSO DELL APPRENDIMENTO

Dettagli

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I CAMPI DI ESPERIENZA Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono le curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA anno scolastico 2013 2014 1 CLASSE PRIMA ITALIANO - Ascoltare, comprendere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO

ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Scuola Primaria classe prima plesso Molinelli a.sc.2013/2014 PREMESSA Gli insegnanti della classe, tenendo conto dell analisi della situazione di partenza,

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Curricolo verticale di matematica

Curricolo verticale di matematica 2 Circolo Didattico Sassari Curricolo verticale di matematica Scuola Infanzia e anno ponte Scuola Primaria F.S.: Loriga Anna Maria Sanna Maria Luisa Anno scolastico 2014/15 Introduzione Tutto il percorso

Dettagli

Appunti di Psicologia

Appunti di Psicologia 2. Piaget e Viygotskij 1 Parte 2 Piaget e Viygotskij Indice dei contenuti Appunti di Psicologia Indice dei contenuti... 1 La Teoria di Piaget... 2 Intelligenza e adattamento... 2 Gli stadi dello sviluppo...

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO Il bambino supera serenamente il distacco con la famiglia Conosce e rispetta le prime regole di convivenza E autonomo nelle situazioni di vita quotidiana (servizi igienici, pranzo, gioco)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO

Dettagli

Collegamento con discipline scuola primaria. Cittadinanza e costituzione. Storia/ cittadinanza e costituzione. Cittadinanza e costituzione

Collegamento con discipline scuola primaria. Cittadinanza e costituzione. Storia/ cittadinanza e costituzione. Cittadinanza e costituzione IL SE e L ALTRO Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. Sviluppa il senso dell identità personale,

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO DI CIRCOLO

PROGETTO FORMATIVO DI CIRCOLO PROGETTO FORMATIVO DI CIRCOLO SCUOLA DELL INFANZIA «Il bambino che non gioca non è un bambino, ma l'adulto che non gioca ha perso per sempre il bambino che ha dentro di sé.» Pablo Neruda GIOCHI PER CRESCERE

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CLASSE PRIMA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE

PROGRAMMAZIONE CLASSE PRIMA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE PROGRAMMAZIONE CLASSE PRIMA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere un messaggio e un testo Conoscere le regole comportamentali della

Dettagli

Università Lumsa di Roma Dipartimento di Scienze Umane. Corso di Psicologia dello sviluppo. Micaela Capobianco

Università Lumsa di Roma Dipartimento di Scienze Umane. Corso di Psicologia dello sviluppo. Micaela Capobianco Università Lumsa di Roma Dipartimento di Scienze Umane Corso di Psicologia dello sviluppo (3 anno Scienze della formazione primaria magistrale) 2015-2016 Docente Micaela Capobianco micaela.capobianco@uniroma1.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE DEI LAGHI PROGRAMMA DI ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE DEI LAGHI PROGRAMMA DI ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE DEI LAGHI PROGRAMMA DI ARTE E IMMAGINE 1 PREMESSA Abbiamo costruito un curricolo verticale di arte-immagine dalla classe prima della scuola primaria fino alla classe terza

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO CLASSI PRIME

PERCORSO FORMATIVO CLASSI PRIME ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TARRA BUSTO GAROLFO Via Correggio 80,- 20020 PERCORSO FORMATIVO CLASSI PRIME SCUOLA PRIMARIA SCUOLE TARRA, MENTASTI, FERRAZZI-COVA A.S. 2014-2015 1 LINGUA ITALIANA 1. ASCOLTO

Dettagli

Scuola dell Infanzia.

Scuola dell Infanzia. Scuola dell Infanzia. PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA-DIDATTICA a.s. 2014/15 La scuola dell infanzia è un luogo di apprendimento, in quanto tale essa si configura come primo grado del sistema scolastico ed è

Dettagli

Programmazione annuale scuola dell infanzia a. s. 2015 / 2016. Periodo : Settembre / Ottobre / Novembre

Programmazione annuale scuola dell infanzia a. s. 2015 / 2016. Periodo : Settembre / Ottobre / Novembre Programmazione annuale scuola dell infanzia a. s. 2015 / 2016 Campi di esperienza coinvolti Periodo : Settembre / Ottobre / Novembre Il sé e l altro Il corpo in movimento Linguaggi,creatività espressione-

Dettagli

Area Antropologica LA STRUTTURA E IL PROCESSO EVOLUTIVO DELLA PERSONA. (Teresa Boi)

Area Antropologica LA STRUTTURA E IL PROCESSO EVOLUTIVO DELLA PERSONA. (Teresa Boi) Catechesi della nuova evangelizzazione Percorso formativo per animatori per la catechesi Area Antropologica LA STRUTTURA E IL PROCESSO EVOLUTIVO DELLA PERSONA (Teresa Boi) Approcci psicologici - Comportamentismo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CLASSE SECONDA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE

PROGRAMMAZIONE CLASSE SECONDA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE PROGRAMMAZIONE CLASSE SECONDA: LINGUA ITALIANA, MATEMATICA, INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere un messaggio e un testo Conoscere le regole comportamentali della

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

Che cos è la psicologia?

Che cos è la psicologia? 1 Che cos è la psicologia? La psicologia può essere definita come lo studio scientifico del comportamento e dei processi mentali 2 Che cos è la psicologia? Comportamento Azioni fisiche osservabili compiute

Dettagli

Cervello, Mente e loro Sviluppo. La metacognizione

Cervello, Mente e loro Sviluppo. La metacognizione Cervello, Mente e loro Sviluppo La metacognizione Il bambino ha nei due emisferi potenziali cerebrali di apprendimento superiori a quelli dell adulto. Pertanto è necessario creare una didattica che permetta

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA OBIETTIVI E COMPETENZE

CURRICOLO MATEMATICA OBIETTIVI E COMPETENZE CURRICOLO MATEMATICA OBIETTIVI E COMPETENZE CLASSE OBIETTIVI COMPETENZE PRIMA Conoscere ed operare con i numeri Contare oggetti o eventi, con la voce e mentalmente, in senso progressivo e regressivo. Leggere

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

Punti essenziali del Piano Triennale di Circolo 2013-2016

Punti essenziali del Piano Triennale di Circolo 2013-2016 Direzione Didattica 2 Circolo San Giuseppe Via Enrico Costa, 63 - telefax 079/233275 - Sassari e-mail ssee00200p@istruzione.it - sito web www.secondocircolosassari.gov.it Cod. Fiscale. 80002320903 Cod.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI TRAMONTI (SA) ARTE E IMMAGINE Classe 1

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI TRAMONTI (SA) ARTE E IMMAGINE Classe 1 ARTE E IMMAGINE - Decodificare una sequenza d immagini; - Discriminare uguaglianze e differenze; - Percepire la figura-sfondo; - Eseguire riproduzioni di figure rispettando le relazioni spaziali; - Discriminare

Dettagli

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C 1 INTRODUZIONE Ai bambini e alle bambine che a tre anni, fanno il loro

Dettagli

CURRICOLO per i bambini di cinque anni Campo di esperienza: Il sé e l altro

CURRICOLO per i bambini di cinque anni Campo di esperienza: Il sé e l altro Campo di esperienza: Il sé e l altro Rafforzare e consolidare la propria identità Rafforzare la stima e la fiducia di sé Riconoscere di avere una storia personale e familiare Comprendere e rispettare le

Dettagli

FINALITA E LINEE EDUCATIVE SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA E LINEE EDUCATIVE SCUOLA DELL INFANZIA FINALITA E LINEE EDUCATIVE SCUOLA DELL INFANZIA LA SCUOLA DELL INFANZIA Concorre all educazione armonica ed integrale dei bambini e delle bambine Contribuisce alla realizzazione del principio dell uguaglianza

Dettagli

PIAGET : stadio senso-motorio

PIAGET : stadio senso-motorio PRIMA INFANZIA (0-2 anni) PIAGET : stadio senso-motorio 0-2 mesi: Il bambino interagisce con l ambiente utilizzando i riflessi (modalità automatiche e stereotipate di reazioni a stimoli particolari es.

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO. Scuola Primaria Anno Scolastico 2014-2015

PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO. Scuola Primaria Anno Scolastico 2014-2015 Maria Ausiliatrice - Luino DI ITALIANO Si fa riferimento al PROFILO IN USCITA della classe. Ascolto e parlato Interagire in modo collaborativo negli scambi comunicativi rispettando i turni di intervento

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini Nella scuola dell'infanzia non si può parlare di vere e proprie "discipline", bensì di CAMPI DI ESPERIENZA educativa. Con questo termine si indicano i diversi ambiti del fare e dell'agire e quindi i settori

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

TABELLE PER LA RILEVAZIONE DEI DATI AI FINI DELLA COMPILAZIONE DEL P.E.I. Aspetti comportamentali

TABELLE PER LA RILEVAZIONE DEI DATI AI FINI DELLA COMPILAZIONE DEL P.E.I. Aspetti comportamentali TABELLE PER LA RILEVAZIONE DEI DATI AI FINI DELLA COMPILAZIONE DEL P.E.I. Aspetti comportamentali Struttura della personalità sociale Affettività sì no data sì no data mostra indifferenza per ciò che sperimenta

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

L ADOLESCENTE E IL PENSIERO

L ADOLESCENTE E IL PENSIERO L ADOLESCENTE E IL PENSIERO Tra i compiti evolutivi che spettano all adolescente vi è quello di acquisire e mettere a frutto competenze mentali che, pur nella continuità delle fasi precedenti, gli permettano

Dettagli

PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA - ITALIANO

PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA - ITALIANO PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA - ITALIANO OBIETTIVI MINIMI 1. ASCOLTARE/PARLARE: Ascoltare e comprendere testi orali di diverso tipo. Esprimersi oralmente in modo corretto (e pertinente), producendo testi

Dettagli

Psicologia dello Sviluppo

Psicologia dello Sviluppo Psicologia dello Sviluppo DESCRIVE i cambiamenti dell essere umano nei comportamenti e nelle competenze (motorie, percettive, sociali, emotive, comunicativo-linguistiche, cognitive) in funzione del trascorrere

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca accorgendosi dei loro cambiamenti.

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca accorgendosi dei loro cambiamenti. Scienze Competenze TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO - Osserva con attenzione il suo corpo, L alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità

Dettagli

COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE

COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE PROGETTO ANNUALE COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE ISTITUTO COMPRENSIVO SCIALOIA SCUOLE DELL INFANZIA SCIALOIA P. ROSSI ANNO SCOLASTICO 20115/2016 IL CURRICOLO NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Il curricolo

Dettagli

Programmazione annuale classi prime

Programmazione annuale classi prime DIREZIONE DIDATTICA STATALE IV CIRCOLO - GELA 1 PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2009-2010 CLASSI PRIME PREREQUISITI PREMESSA La programmazione annuale che viene presentata si muove in un ottica

Dettagli

Università Lumsa di Roma Dipartimento di Scienze Umane. Corso di Psicologia dello sviluppo. Micaela Capobianco

Università Lumsa di Roma Dipartimento di Scienze Umane. Corso di Psicologia dello sviluppo. Micaela Capobianco Università Lumsa di Roma Dipartimento di Scienze Umane Corso di Psicologia dello sviluppo (3 anno Scienze della formazione primaria magistrale) AA 2014-2015 Docente Micaela Capobianco micaela.capobianco@uniroma1.it

Dettagli

Scienze Fisiche, Chimiche e Naturali

Scienze Fisiche, Chimiche e Naturali Scienze Fisiche, Chimiche e Naturali Finalità: 1. Sviluppare un metodo di lavoro scientifico 2. Favorire lo sviluppo di capacità critiche e di autonomia di pensiero 3. Maturare il proprio senso di responsabilità

Dettagli

SCUOLA INFANZIA FONTANELLE

SCUOLA INFANZIA FONTANELLE SCUOLA INFANZIA FONTANELLE PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE A.S. 2014/2015 CAMPO D ESPERIENZA : IL SE E L ALTRO IL CORPO E IL MOVIMENTO IMMAGINI,SUONI,COLORI I DISCORSI E LE PAROLE LA CONOSCENZA DEL MONDO INSEGNANTI

Dettagli

La validità. La validità

La validità. La validità 1. Validità interna 2. Validità di costrutto 3. Validità esterna 4. Validità statistica La validità La validità La validità di una ricerca ci permette di valutare se quello che è stato trovato nella ricerca

Dettagli

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda di valutazione delle classi di Scuola Primaria C. Goldoni

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME

CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME Disciplina Indicatori Descrittori Ascoltare, comprendere e comunicare oralmente Esprimere oralmente le proprie emozioni ed esperienze mediante linguaggi diversi verbali

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

Collegio Arcivescovile A. Castelli Saronno Scuola primaria Anno scolastico 2011/12

Collegio Arcivescovile A. Castelli Saronno Scuola primaria Anno scolastico 2011/12 Collegio Arcivescovile A. Castelli Saronno Scuola primaria Anno scolastico 2011/12 Modulo per la progettazione e la programmazione didattica iniziale Classi : 2 A Insegnante Banfi Gabriella (Discipline:

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE

Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA CONTINUITA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE IMPARARE AD IMPARARE Acquisire un proprio metodo di studio e di lavoro. Scoperta e riconoscimento di regole generali per:

Dettagli

Apprendere al volo con il metodo analogico!

Apprendere al volo con il metodo analogico! Chiavari, 16 novembre 2013 Apprendere al volo con il metodo analogico! dott.ssa Zara Mehrnoosh pedagogista e vicepresidente O.S.Dislessia ONLUS Il 20% circa degli studenti incontrano difficoltà nella matematica

Dettagli

Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Turello

Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Turello Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Lo sviluppo delle abilità numeriche La psicologia genetica (Piaget 1896-1980)

Dettagli

PROGETTO SEGNI IN GIOCO PER...SCRIVERE

PROGETTO SEGNI IN GIOCO PER...SCRIVERE ISTITUTO COMPRENSIVO U.FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA INFANZIA IL GIRASOLE SAN MARTINO IN BELISETO PROGETTO SEGNI IN GIOCO PER...SCRIVERE ANNO SCOLASTICO 2013/14 ISTITUTO COMPRENSIVO U.FERRARI DI CASTELVERDE

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE SCIENZE

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE SCIENZE (AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA) /ESPERIENZE LA CONOSCENZA DEL MONDO L alunno osserva con curiosità lo svolgersi dei più comuni fenomeni, ne immagina e ne verifica le cause, rendendosi sempre più

Dettagli

I DISCORSI E LE PAROLE

I DISCORSI E LE PAROLE I DISCORSI E LE PAROLE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati

Dettagli

INDICATORI STABILITI PER CIASCUNA DISCIPLINA PER LA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE SCUOLA DELL INFANZIA. Età 3 anni

INDICATORI STABILITI PER CIASCUNA DISCIPLINA PER LA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE SCUOLA DELL INFANZIA. Età 3 anni SCUOLA DELL INFANZIA Età 3 anni Ambito espressivo Fruizione e produzione di messaggi Produce semplici messaggi iconici utilizzando tecniche diverse. Manipola plastilina, das, pongo. Memorizza canzoni e

Dettagli

ATTIVITÀ LOGICO MATEMATICHE

ATTIVITÀ LOGICO MATEMATICHE Finalità ATTIVITÀ LOGICO MATEMATICHE La matematica si propone come strumento per modellizzare il mondo e le attività dell uomo e, nello stesso tempo, come costruzione logica, indipendente dalle sue applicazioni

Dettagli

Laboratorio di Didattica Speciale di Logica-Matematica

Laboratorio di Didattica Speciale di Logica-Matematica Laboratorio di Didattica Speciale di Logica-Matematica Claudia Sortino Componente del G.R.I.M., gruppo di Ricerca sull Insegnamento delle Matematiche, Dipartimento di Matematica, Università di Palermo.

Dettagli

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Raggruppare e ordinare Confrontare e valutare quantità Utilizzare semplici

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Mimare testi ascoltati grafica, corporea e audiovisiva

CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Mimare testi ascoltati grafica, corporea e audiovisiva ETA : 4 ANNI Immagini, suoni e colori CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Tecniche di rappresentazione Ascoltare brani musicali Mimare testi ascoltati grafica, corporea

Dettagli

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME A.S. 2014-2015 ITALIANO 1 - Ascoltare e parlare. Ascoltare, comprendere ed

Dettagli