MMF - IPO. Francesco Menoncin Lezione 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MMF - IPO. Francesco Menoncin Lezione 1"

Transcript

1 MMF - IPO Francesco Menoncin Lezione 1 Sommario Tutti i dati qui riportati sono tratti da Ritter, J. R. e Welch, I. (2002). A review of IPO Activity, Pricing, and Allocation. The Journal of Finance, 57, Dati interessanti si possono anche trovare su: e 1 Che cosa è una IPO L acronimo significa: Initial Public Offering. Si ha una IPO quando una impresa che non era quotata decide di quotarsi in borsa. L impresa può essere già esistente o crearsi direttamente in occasione della quotazione. Il problema principale, ovviamente, è quello di capire a quale prezzo devono essere collocate le azioni di questa nuova società. 2 Il metodo per la quotazione Vi sono due metodo principali per l immissione di nuovi titoli sul mercato. 1. Il cosiddetto bookbuilding: i consulenti della società indagano per venire a conoscenza delle intenzioni dei principali operatori finanziari ed investitori istituzionali riguardo la nuova emissione di azioni. In particolare si richiede quante azioni essi sono disposti ad acquistare ed a quale prezzo. Questo processo ha inizio alcuni mesi prima dell IPO e può svolgersi secondo le tappe seguenti: (a) 2 mesi prima: la banca collocatrice decide a quali investitori istituzionali indirizzarsi; (b) 1 mese prima: vengono incontrati i potenziali investitori per presentare l IPO e per saggiare il loro grado di interesse; (c) 2 settimane prima: viene richiesto agli interessati quante azioni intendono acquistare a quanto sono disposti a pagare. Se la domanda è debole le banche possono tagliare sulla gamma dei prezzi proposti per l emissione; 1

2 (d) 1 settimana: gli investitori confermano l esatto numero di azioni che desiderano; (e) 1 giorno prima: la banca collocatrice e l emittente prendono la decisione finale sul prezzo ed allocano le azioni. 2. In alternativa vi è l utilizzo del meccansimo dell asta (delle quali sappiamo già tutto!!). Il tipo di asta usato, in particolare, è quello a busta chiusa con prezzo uniforme (tutti i partecipanti pagano lo stesso prezzo che, in genere, è pari all ultimo prezzo di coloro che si sono aggiudicati il bene). Il primo metodo prevale negli USA. Ci si chiede anche se il metodo con cui viene collocata la nuova emissione sia la ragione dei fenomeni che caratterizzano le IPO. Anomalie, tuttavia, sembrano verificarsi per entrambi i collocamenti. 3 Alcuni dati Si possono riassumere i principali dati relativi alle IPO sul mercato USA nella Tabella 1. Tabella 1: Dati sulle IPO Mercato USA Periodo Rendimento del primo giorno 18.8% Rendimento a tre anni 22.6% Rendimento a 3 anni corretto -23.4% Il rendimento corretto è calcolato come differenza tra il rendimento sulle IPO ed il rendimento di un portafoglio formato dagli indici AMEX, Nasdaq e NYSE pesato per il loro valore (dati della CRSP=Centre for Research in Security Prices). Dalla Tabella 1 si osservano immediatamente due fenomeni che hanno ricevuto grandissima attenzione in letteratura: il cosiddetto underpricing (ovvero un rendimento decisamente elevato il primo giorno di quotazione) e la cosiddetta underperformance (ovvero un rendimento di più lungo periodo inferiore a quello del mercato). La letteratura, in particolare, si è concentrata sui punti che evidenzio nelle seguenti sezioni. 2

3 4 Comemisurarel underpricing Il calcolo dell underpricing non appare significativamente diverso dal calcolo del rendimento di un titolo. Chiamiamo P 0 il prezzo del titolo al momento della quotazione. Se indichiamo con P t il prezzo al momento t>0 successivo, allora il rendimento del titolo può essere calcolato come P t P 0 P 0 la cui approssimazione logaritmica è P t P 0 1 ' ln = P t P 0 1, µ Pt Il rendimento del titolo, tuttavia, dovrebbe essere depurato dall andamento dell indice di borsa. In altri termini occorre calcolare quanto ha reso il titolo in questione in più rispetto all indice (che chiamo I). Per osservare la variazione di P relativa alla variazione di I bisogna allora calcolare P I P I = P t P 0 I 0, P 0 I t I 0 la cui approssimazione logaritmica è µ µ µ P t P 0 I 0 Pt I 0 Pt It ' ln =ln ln, P 0 I t I 0 P 0 I t P 0 I 0 che viene presa come misura dell underpricing. Nel caso del rendimento del primo giorno t èpariad1 (espresso in giorni). Si possono, tuttavia, ricavare indici relativi a periodi diversi ottenendo l underpricing ad una settimana (t = 5)adunmese(t = 21)eatremesi (t =63). P 0. 5 Ilvalorediuntitolo Ragioni di assenza di arbitraggio ci conducono ad affermare che il valore di un titolo deve essere pari al valore attuale di tutti i flussi di cassa a cui il titolo darà diritto, scontati con un opportuno tasso. La formula teorica ben nota è la seguente " Z # T S (t) =E Q t D (s) e s t r(u)du ds + F (T ) e T t r(u)du, t dove D (t) è il dividendo pagato in t, F (T ) è il valore di rimborso del titolo ed r (t) è il tasso di interesse privo di rischio. Q è la probabilità di martingala equivalente. 3

4 Assumendo che non vi sia scadenza per il titolo (e neppure rischio di insolvenza) si può scrivere Z S (t) =E Q t D (s) e s t r(u)du ds. t Un risultato interessante (e che qui non si dimostra) è che il valore atteso si può anche prendere rispetto alla misura di probabilità storica ma cambiando il tassoacuisiscontanoiflussi di cassa. In particolare si può scrivere Z S (t) =E t D (s) e s t (r(u)+f(ξ,u))du ds, t dove ξ è il prezzo di mercato del rischio e f (ξ,u) è una funzione che contiene variabili aleatorie. Questa seconda formulazione ci è particolarmente utile per capire che, quando si effettua la valutazione di un titolo sotto la probabilità storica, il tasso a cui i flussi di cassa vanno scontati deve essere più elevato del tasso di interesse privo di rischio poiché il tasso di sconto deve tenere in conto anche della maggiore rischiosità del titolo. Esistono modelli deterministici per la valutazione di un titolo azionario che si basano su ipotesi molto semplificatrici: 1. il dividendo cresce secondo l equazione dove g è il tasso costante di crescita; dd (t) =gd (t) dt, 2. il tasso di interesse privo di rischio è costante e così pure il prezzo di mercato del rischio potendo scrivere r + f (ξ) = k. In questo caso la formula precedente diviene S (t) = Z t D (t) e g(s t) e k(s t) ds, che porge S (t) = D (t) ³1 (k g)(s t) k g lim e, s laqualeconvergeseesolosek>govvero se il tasso di crescita dei dividendi non è troppo elevato (ovvero maggiore del tasso di sconto). Il risultato finale è il seguente S (t) = D (t) k g. Questo tipo di calcoli sono utilizzati dai software che presentano il cosiddetto Dividend Discount Model. 4

5 Tabella 2: IPO con EPS<0 Periodo IPO IPO con Rendimento del primo giorno EPS<0 EPS<0 EPS % 9.1% 6.8% % 10.8% 11.4% % 19.2% 17.4% % 72.0% 43.5% % 13.4% 14.6% Totale % 31.4% 12.5% In base a questi modelli se vi è la previsione di dividendi negativi (ovvero di perdite) il valore di un titolo deve decrescere. L analisi effettuata sui dati delle IPO tuttavia, sembra negare che esista una relazione tra l iniziale underpricing e l andamento del rapporto Earning per share (EPS). I dati sono riportati nella Tabella 2. 6 Lasceltadiquotarsi Perché le imprese dovrebbero quotarsi? essenzialmente in motivi finanziari: Il vantaggio della quotazione risiede 1. la capacità di raccogliere risparmio sotto forma di quote del capitale direttamente sul mercato; 2. la capacità di raccogliere risparmio sotto forma di obbligazioni direttamente sul mercato; 3. le imprese che si quotano, in genere, riescono ad ottenere un costo del credito più basso. Tuttavia esistono anche argomenti più sottili quali: 1. le imprese quotate sono rilevate ad un prezzo più elevato di imprese equivalenti ma non quotate; 2. le imprese quotate sono più facili da individuare quando si desidera effettuare un acquisizione; 3. le IPO facilitano la dispersione della proprietà di un impresa (con vantaggi e svantaggi); 5

6 4. i venture capitalists che detengono le imprese pre-ipo hanno un portafoglio scarsamente diversificato e, dunque, sono disposti a pagare un prezzo più basso di quello degli investitori che, invece, hanno un portafoglio fortemente diversificato; 5. la contrattazione pubblica sulle azioni della società può ispirare negli operatori una fiducia maggiore nei confronti dell impresa stessa. Per quanto riguarda il momento in cui quotarsi, la teoria mostra quanto segue: 1. in caso di asimmetria informativa le imprese ritardano a quotarsi se sanno che sono al momento sottovalutate preferendo periodi di mercato crescente; l evidenza empirica indica che si quotano le imprese con un elevato rapporto market-to-book (confermando un comportamento simile a quello della Q di Tobin); 2. le imprese possono anche evitare periodi in cui si quotano poche imprese di buona qualità (cercando di apparire buone semplicemente comportandosi esternamente come le buone); è infatti comunemente accettato che la qualità delle imprese che si quotano decresce mano a mano che prosegue un periodo di intense quotazioni; 3. occorre tenere presente che esiste un periodo di aggiustamento delle imprese rispetto alle variazioni di valore sui mercati finanziari e, dunque, si può determinare un fenomeno di isteresi. Una delle principali problematiche che riguardano la verifica empirica delle teorie riguardo la quotazione risiede nel fatto che in ogni istante di tempo si possono monitorare le imprese che hanno deciso di quotarsi ma non tutte quelle che, invece, hanno deciso di non quotarsi. 7 LaprezzaturadelleIPO Già nei primi anni Settanta gli economisti si erano accorti del fenomeno per cui i prezzi di collocamento delle IPO era quasi sistematicamente inferiori ai prezzi che si determinavano sul mercato il primo giorno di quotazione. Il fenomeno è stato defenito dell underpicing ovvero del first-day return. Esiste tuttavia una interessante particolarità: le IPO delle imprese operative sono sistematicamente sottovalutate mentre le IPO delle imprese finanziarie non lo sono. In particolare sembrano non avere nessun tipo di anomalia le colloazioni di quote dei fondi chiusi (che, ricordo, sono illegali in Svizzera). Le spiegazioni teoriche più comuni ad un errore di prezzatura sono le seguenti: 1. rischio sistematico (che non può essere diversificato attraverso un opportuno portafoglio); 6

7 2. rischio di liquidità (per attività finanziarie che non possono essere comprateevendutesenonacostimoltoelevati). Ovviamente questi non sono fenomeni che si risolvono in un giorno e, dunque, è improbabile che la spiegazione del fenomeno risieda qui. Ancora, più che sul lato della domanda sembra sia opportuno concentrarsi sul lato dell offerta visto che, attraverso il meccanismo delle IPO, l offerente sopprime il normale funzionamento del mercato. In particolare sembrano più interessanti i modelli sulle asimmetrie informative. 8 Asimmetrie informative L informazione può essere posseduto in quantità (e qualità) maggiore da parte dell investitore o da parte dell emittente. Osserviamo in dettaglio i due casi. 1. L emittente è più informato dell investitore. Si tratta del tipico caso del mercato dei bidoni. In questo caso un segnale da parte delle imprese per indicare che sono di buona qualità è quello di buttare via del denaro, ovvero di quotarsi ad un prezzo basso. Non si capisce tuttavia perché questa forma di pubblicità dovrebbe essere preferita rispetto ad un altra che promettesse di destinare una parte dei profitti dei primi anni ad attività di beneficenza. Il fatto di rinunciare ad una parte del capitale che si potrebbe raccogliere risiede nel fatto, empiricamente registrato, che molte imprese si quotano con l intenzione di effettuare anche emissioni successive di azioni. Il problema, dunque, si situerebbe in un cotesto di gioco dinamico dove bisogna formare una reputazione. 2. Gli investitori sono più informati dell emittente. Questa situazione sembra quasi paradossale. Chi emette un titolo, infatti, dovrebbe conoscere meglio di chiunque altro le qualità del titolo stesso. Tuttavia l ipotesi non è cosi peregrina perché ha solide basi nella teoria dell efficienza dei mercati. Gli investitori, infatti, presi tutti insieme formano un mercato il quale è abituato, per suo stesso mestiere, a valutare titoli. La valutazione, dunque, cisiaspettasiafattainmodopiùefficiente dal mercato! L emittente dei titoli, allora, deve immaginare una funzione di distribuzione delle credenze degli operatori finanziari. Un prezzo troppo elevato potrebbe quindi far ricadere l emissione dei titoli nel problema della maledizione del vincitore. Nell ambito di queste teorie si sono sviluappati anche modelli con tre agenti: l emittente, il sottoscrittore e gli investitori. Il sottoscrittore è l impresa finanziaria che si incarica del collocamento delle azioni sottoscivendole tutte in anticipo. In questi modelli, in genere, l emittente è meno informato del sottoscrittore (il quale è più abituato a trattare con il mercato). Si crea, allora, un problema di princiaple-agente. L emittente funziona da principale ed il sottoscrittore da agente. Il principale non può monitorare senza costi l operato del suo agente. Il costo sarebbe 7

8 rappresentato dal denaro lasciato sul tavolo. Questo modello si scontra co l evidenza empirica secondo cui le azioni delle imprese finanziarie non sono sotto-prezzate e, nel loro caso, non ci sono costi di monitoraggio. Ciò che accomuna tutte le teorie basate sulle asimmetrie informative è la relazione diretta tra il grado di asimmetria sul mercato e l underpricing. Il fenomeno, in altri termini, sparisce completamente quando l asimmetria informativa ènulla. Faccio notare al lettore che la spiegazione dell underpricing basata sull asimmetria informativa richiede che l asimmetria si risolva dopo il primo giorno di quotazione. 9 Collocazione delle azioni Alcuni modelli si basano sull idea che il paradosso di Grossman-Stiglitz operi effettivamente sui mercati finanziari. Come si può, allora, incentivare gli operatori economici a prendere informazioni sulle imprese di nuova emissione? Si può creare allora una sorta di gara tra gli investitori per acquisire informazioni su quale impresa sia la più sottostimata! Ancora, sembra confermato dall evidenza empirica che alcune società abbiano usato la sotto-quotazione per poter pagare, in modo del tutto indiretto, determinate persone qulai finanzieri o politici (alcune fonti sono anche della SEC Security & Exchange Commission). 8

Titoli azionari. Università di Teramo - Teoria del portafoglio finanziario - Prof. Paolo Di Antonio

Titoli azionari. Università di Teramo - Teoria del portafoglio finanziario - Prof. Paolo Di Antonio Titoli azionari I modelli DDM (Dividend Discount Model) Calcolo del rendimento ex-post di un titolo azionario; Modelli basati sulla profittabilità dell impresa; Modello dei flussi di cassa; Gli indici

Dettagli

Lezione 13 Rendimenti conseguibili con l analisi fondamentale

Lezione 13 Rendimenti conseguibili con l analisi fondamentale Lezione 13 Rendimenti conseguibili con l analisi fondamentale Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Introduzione Il principale obiettivo dell analisi fondamentale è di determinare il valore

Dettagli

Indice. Presentazione

Indice. Presentazione Presentazione di Pier Luigi Fabrizi pag. XIII 1 LÕeconomia del mercato mobiliare di Pier Luigi Fabrizi È 1 1.1 Premessa È 1 1.2 LÕesercizio semantico È 1 1.3 La collocazione della disciplina È 4 Bibliografia

Dettagli

I TITOLI AZIONARI LE CATEGORIE DI AZIONI I PRINCIPI DI VALUTAZIONE E I DIVERSI MODELLI UTILIZZABILI CAPITOLO 13. Lezione 7 1

I TITOLI AZIONARI LE CATEGORIE DI AZIONI I PRINCIPI DI VALUTAZIONE E I DIVERSI MODELLI UTILIZZABILI CAPITOLO 13. Lezione 7 1 I TITOLI AZIONARI LE CATEGORIE DI AZIONI I PRINCIPI DI VALUTAZIONE E I DIVERSI MODELLI UTILIZZABILI CAPITOLO 13 1 PUNTI PRINCIPALI DELLA LEZIONE Le categorie di azioni Principi e modelli di valutazione

Dettagli

Indice. Presentazione

Indice. Presentazione Indice Presentazione di Pier Luigi Fabrizi pag. XIII 1 L economia del mercato mobiliare di Pier Luigi Fabrizi» 1 1.1 Premessa» 1 1.2 L esercizio semantico» 1 1.3 La collocazione della disciplina» 4 Bibliogra

Dettagli

Nella prima parte del corso l attenzione è venuta appuntandosi sui problemi inerenti la valutazione di investimenti aziendali e di strumenti

Nella prima parte del corso l attenzione è venuta appuntandosi sui problemi inerenti la valutazione di investimenti aziendali e di strumenti Nella prima parte del corso l attenzione è venuta appuntandosi sui problemi inerenti la valutazione di investimenti aziendali e di strumenti finanziari in un contesto di flussi finanziari certi, tuttavia

Dettagli

Mercati e Investimenti Mobiliari

Mercati e Investimenti Mobiliari Mercati e Investimenti Mobiliari Prof.ssa Giuliana Borello E-mail: giuliana.borello@unicatt.it 1 Orario lezioni Lezione Data Orario 1 Lunedì 30 settembre 15:00-18:00 2 Martedì 1 Ottobre 9:00-11:00 3 Martedì

Dettagli

Dividendi e valore delle azioni

Dividendi e valore delle azioni Dividendi e valore delle azioni La teoria economica sostiene che in ultima analisi il valore delle azioni dipende esclusivamente dal flusso scontato di dividendi attesi. Formalmente: V = E t=0 1 ( ) t

Dettagli

La pianificazione dell offerta

La pianificazione dell offerta La pianificazione dell offerta Una volta individuato il global coordinator (e le altre eventuali figure), ha inizio la procedura per l offerta al pubblico delle azioni. I tempi di realizzazione sono di

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO ED EFFICIENZA DEI MERCATI. Docente: Prof. Massimo Mariani

IL SISTEMA FINANZIARIO ED EFFICIENZA DEI MERCATI. Docente: Prof. Massimo Mariani IL SISTEMA FINANZIARIO ED EFFICIENZA DEI MERCATI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il sistema finanziario I mercati finanziari La comunicazione finanziaria L efficienza dei mercati finanziari Anomalie

Dettagli

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Capitolo 15 Indice degli argomenti 1. Analisi dei rendimenti delle principali attività

Dettagli

Sommario. Prefazione XI PARTE I INTRODUZIONE 1. Capitolo 1 Arbitraggio e decisioni finanziarie 3

Sommario. Prefazione XI PARTE I INTRODUZIONE 1. Capitolo 1 Arbitraggio e decisioni finanziarie 3 Sommario Prefazione XI PARTE I INTRODUZIONE 1 Capitolo 1 Arbitraggio e decisioni finanziarie 3 1.1 Valutazione dei costi e benefici 4 Utilizzo dei prezzi di mercato per determinare valori monetari 4 Quando

Dettagli

IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE.

IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE. IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE. Lezione 5 Castellanza, 17 Ottobre 2007 2 Summary Il costo del capitale La relazione rischio/rendimento

Dettagli

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il rendimento di un attività finanziaria: i parametri rilevanti Rendimento totale, periodale e medio Il market

Dettagli

Lezione 3. Struttura e ruolo del sistema finanziario

Lezione 3. Struttura e ruolo del sistema finanziario Lezione 3. Struttura e ruolo del sistema finanziario Tavoletta di argilla della terza dinastia reale sumera della città di Ur, datata 2046 A.C., con la quale si registra il pagamento al palazzo reale dell

Dettagli

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri 1 Risparmio e investimento Risparmio è l ammontare di reddito che non viene consumato. Si origina nelle famiglie

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Le tipologie di rischio

Le tipologie di rischio Le tipologie di rischio In ambito fi nanziario il rischio assume diverse dimensioni, a diversi livelli. La distinzione principale da delineare è fra rischio generico e rischio specifi co, valida per tutti

Dettagli

Modelli a tempo discreto per il mercato dei futures. Daniele Fiorotto

Modelli a tempo discreto per il mercato dei futures. Daniele Fiorotto Modelli a tempo discreto per il mercato dei futures Daniele Fiorotto anno accademico 2006/2007 1 Indice 1 Introduzione 3 2 Ipotesi e conoscenze preliminari 5 3 Valutazione dei flussi di cassa 8 4 Prezzo

Dettagli

Finanza delle Assicurazioni e della Previdenza

Finanza delle Assicurazioni e della Previdenza Finanza delle Assicurazioni e della Previdenza Francesco Menoncin Le zi one 24 /04/2006 Sommario Si presentano le principali problematiche di gestione dei fondi pensione nei due sistemi Pay-As-You-Go e

Dettagli

Quesiti e soluzioni della prova scritta dell'esame di idoneità per l'iscrizione all'albo dei promotori finanziari del 9 marzo 2007

Quesiti e soluzioni della prova scritta dell'esame di idoneità per l'iscrizione all'albo dei promotori finanziari del 9 marzo 2007 Quesiti e soluzioni della prova scritta dell'esame di idoneità per l'iscrizione all'albo dei promotori finanziari del 9 marzo 2007 1. Ai sensi del dell art. 98, comma 2, del regolamento Consob n. 11522/1998,

Dettagli

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo.

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo. LEZIONE 4 Il Capital Asset Pricing Model 1 Generalità 1 Generalità (1) Il Capital Asset Pricing Model è un modello di equilibrio dei mercati che consente di individuare una precisa relazione tra rendimento

Dettagli

La valutazione dei titoli azionari

La valutazione dei titoli azionari La valutazione dei titoli azionari Azioni e mercato azionario Il rendimento dei titoli azionari IL TRAZ IL TRAZ2 IL TRAZ3 IL TRAZ4 IL TRAZ5 I multipli di borsa 2 AZIONI E MERCATO AZIONARIO / Domande chiave

Dettagli

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 23 Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali In questa lezione Sistema finanziario e allocazione del risparmio a usi produttivi: sistema bancario obbligazioni e azioni Ruolo dei mercati

Dettagli

Il mercato azionazio ed effetto sulle società per azioni

Il mercato azionazio ed effetto sulle società per azioni Il mercato azionazio ed effetto sulle società per azioni Il mercato azionario è quel luogo in cui avviene la compravendita dei titoli mobiliari, composti sia da titoli azionari che da obbligazioni. Originariamente

Dettagli

Indice Banca IMI IMINext Reflex

Indice Banca IMI IMINext Reflex Indice Banca IMI Specialisti per la finanza... pag. 4 IMINext Una linea di prodotti di finanza personale... pag. 5 Reflex Un paniere ufficiale... pag. 6 I mercati a portata di mano... pag. 7 Una replica

Dettagli

XI Autori XIII Presentazione. 3 Parte prima L assetto istituzionale dei mercati finanziari

XI Autori XIII Presentazione. 3 Parte prima L assetto istituzionale dei mercati finanziari INDICE XI Autori XIII Presentazione 3 Parte prima L assetto istituzionale dei mercati finanziari 5 Capitolo primo L intermediazione finanziaria: teoria, organizzazione dei mercati e emissione di strumenti

Dettagli

LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI

LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI Corso di Economia finanziaria LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI Dott.ssa Arianna Moschetti Sommario Cosa si intende per sistema finanziario Sistemi Bank o Market oriented Sistema

Dettagli

Mercati finanziari. Quali funzioni? Quali criteri di classificazione?

Mercati finanziari. Quali funzioni? Quali criteri di classificazione? Mercati finanziari Quali funzioni? Quali criteri di classificazione? Mercati finanziari Rappresentano il luogo di scambio degli strumenti finanziari differenziazione e segmentazione dei mercati classificazioni

Dettagli

TITOLI DI STATO (BTP, CCT, CTZ, BOC)

TITOLI DI STATO (BTP, CCT, CTZ, BOC) TITOLI DI STATO (BTP, CCT, CTZ, BOC) Analisi fondamentale dei Titoli di Stato Prontuario Intervista per l Investitore 2 Titolo Analisi fondamentale dei Titoli di Stato Autore www.proiezionidiborsa.com

Dettagli

Economia dei Mercati Finanziari Secondo Modulo Prof. Luca Malavolta. Il Mercato Azionario

Economia dei Mercati Finanziari Secondo Modulo Prof. Luca Malavolta. Il Mercato Azionario Economia dei Mercati Finanziari Secondo Modulo Prof. Luca Malavolta Il Mercato Azionario Azione Titolo rappresentativo del capitale sociale di un Emittente che conferisce al detentore il diritto patrimoniale

Dettagli

Parte prima I prodotti del mercato monetario e obbligazionario 1

Parte prima I prodotti del mercato monetario e obbligazionario 1 00_caparrelli 20-01-2004 13:10 Pagina VII Prefazione XIII Parte prima I prodotti del mercato monetario e obbligazionario 1 Capitolo 1 I prodotti del mercato monetario 3 1.1 Introduzione al mercato monetario

Dettagli

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari I contratti finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Definizioni I contratti finanziari-detti anche attività finanziarie e strumenti finanziari-sono beni intangibili che costituiscono

Dettagli

RISOLUZIONE N. 72/E. Roma, 12 luglio 2010

RISOLUZIONE N. 72/E. Roma, 12 luglio 2010 RISOLUZIONE N. 72/E Direzione Centrale Normativa Roma, 12 luglio 2010 OGGETTO: Consulenza giuridica Redditi derivanti dagli Exchange Traded Commodities articolo 67, comma 1, lettera c-quater), del TUIR

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO TERZO LE ARTICOLAZIONI DEL MERCATO DEI CAPITALI SOMMARIO: 1. Il mercato dei capitali. - 2. Tipologia dei mercati finanziari. - 3. Il mercato monetario e il mercato dei cambi. - 4. Il mercato mobiliare.

Dettagli

È evidenziata la crescita (in euro e al lordo della tassazione anche per i fondi italiani) realizzata dal

È evidenziata la crescita (in euro e al lordo della tassazione anche per i fondi italiani) realizzata dal Lettura delle schede Giunta alla sua decima edizione, la Guida permette agli investitori di accedere ad analisi indipendenti e nuovi strumenti per la selezione dei fondi, compresi i Morningstar Analyst

Dettagli

HELVETIA PIANO DI VERSAMENTO PORTAFOGLIO DELLE QUOTE GESTIONE INDIVIDUALE DELLA GARANZIA

HELVETIA PIANO DI VERSAMENTO PORTAFOGLIO DELLE QUOTE GESTIONE INDIVIDUALE DELLA GARANZIA PENSION SOLUTIONS 2013 HELVETIA PIANO DI VERSAMENTO PORTAFOGLIO DELLE QUOTE GESTIONE INDIVIDUALE DELLA GARANZIA I prodotti finanziari menzionati nel presente documento sono strumenti finanziari derivati.

Dettagli

Per investitori italiani. Presentazione degli ETF ishares

Per investitori italiani. Presentazione degli ETF ishares Per investitori italiani Presentazione degli ETF ishares Perché scegliere gli ETF? Vantaggi degli ETF Gli Exchange Traded Fund (ETF) hanno rivoluzionato il modo in cui gli investitori gestiscono il proprio

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Milano, 19 marzo 2015

COMUNICATO STAMPA Milano, 19 marzo 2015 FIRST CAPITAL: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 E AVVIA L EMISSIONE DI UN PRESTITO OBBLIGAZIONARIO FINO A EURO 10 MILIONI CONVOCAZIONE ASSEMBLEA ORDINARIA,

Dettagli

L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche

L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche Burton G. Melkiel(2003), The efficientmarket hypothesis and its critics, Journal of Economic Perspectives, Vol.17, No. 1, Winter 2003, p.59-82 Working

Dettagli

Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie

Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie Economia degli Intermediari Finanziari 29 aprile 2009 A.A. 2008-2009 Agenda 1. Il calcolo

Dettagli

FINANZA AZIENDALE. - secondo modulo - anno accademico 2008/2009

FINANZA AZIENDALE. - secondo modulo - anno accademico 2008/2009 FINANZA AZIENDALE - secondo modulo - anno accademico 2008/2009 LEZIONE Rischio e rendimento Alcuni concetti introduttivi 2 Alcuni concetti introduttivi () Nella prima parte del corso l attenzione è venuta

Dettagli

Il prezzo di collocamento delle Ipo venture backed

Il prezzo di collocamento delle Ipo venture backed Il prezzo di collocamento delle Ipo venture backed Antonio Meles Ricercatore in Economia degli intermediari finanziari Università degli studi di Napoli Parthenope Abstract La maggioranza degli studi sul

Dettagli

Data xx/xx/xxxx. Cliente: ESEMPIO/09/03/1. Piano di Intervento

Data xx/xx/xxxx. Cliente: ESEMPIO/09/03/1. Piano di Intervento Data xx/xx/xxxx Piano di Intervento Cliente: ESEMPIO/09/03/1 Gentile CLIENTE, Il presente elaborato è stato redatto sulla base di quanto emerso durante i nostri precedenti incontri e costituisce uno strumento

Dettagli

APPENDICI B. GLOSSARIO SULLA QUOTAZIONE: I 50 TERMINI PIÙ USATI

APPENDICI B. GLOSSARIO SULLA QUOTAZIONE: I 50 TERMINI PIÙ USATI APPENDICI B. GLOSSARIO SULLA QUOTAZIONE: I 50 TERMINI PIÙ USATI B. Glossario sulla quotazione: i 50 termini più utilizzati Termine Aftermarket performance Best practice Blue chip Bookbuilding Capitalizzazione

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI Sintesi Descrizione delle caratteristiche qualitative con l indicazione di: categoria Morningstar, categoria Assogestioni, indice Fideuram. Commenti sulla gestione

Dettagli

Investimenti Diretti Esteri

Investimenti Diretti Esteri Investimenti Diretti Esteri Daniele Mantegazzi IRE, Università della Svizzera Italiana 14 novembre 2013 Daniele Mantegazzi Economia Internazionale 14 novembre 2013 1 / 24 Contenuti e struttura della lezione

Dettagli

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2009/2010 RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@univpm.it

Dettagli

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma

Prof. Carlo Salvatori 1. UNA VISIONE D ASSIEME 5. BANCA VERSUS MERCATO. UniversitàdegliStudidiParma UniversitàdegliStudidiParma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 5. BANCA VERSUS MERCATO 1. Una visione d assieme 2. I mercati: le tipologie 3. I mercati creditizi: gli intermediari 4. Gli intermediari in

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario AREA FINANZA DISPENSA FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA Strumenti

Dettagli

SG CERTIFICATE su FTSE MIB a LEVA FISSA 5

SG CERTIFICATE su FTSE MIB a LEVA FISSA 5 settembre 2012 listed product SG CERTIFICATE su FTSE MIB a LEVA FISSA 5 SG FTSE MIB +5x DAILY LEVERAGE CERTIFICATE Codice ISIN: IT0006723263 - Codice di Negoziazione: S13435 SG FTSE MIB -5x DAILY SHORT

Dettagli

Il Processo Stocastico Martingala e sue Applicazioni in Finanza

Il Processo Stocastico Martingala e sue Applicazioni in Finanza Il Processo Stocastico Martingala e sue Applicazioni in Finanza Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione Scopo principale della presente dispensa é quello di illustrare i concetti matematici fondamentali

Dettagli

ANALISI DELLE PERFORMANCE DELLE IPOS SUL NASDAQ

ANALISI DELLE PERFORMANCE DELLE IPOS SUL NASDAQ Dipartimento di Economia e Management Corso di Laurea Triennale in Economia e Management (L- 18) Area di specializzazione: Economia e Mercati Finanziari Cattedra: Economia dei Mercati e degli Intermediari

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

I fondi. Conoscerli di più per investire meglio. Ottobre 2008. Commissione Nazionale per le Società e la Borsa - Divisione Relazioni Esterne

I fondi. Conoscerli di più per investire meglio. Ottobre 2008. Commissione Nazionale per le Società e la Borsa - Divisione Relazioni Esterne I fondi Conoscerli di più per investire meglio Ottobre 2008 Commissione Nazionale per le Società e la Borsa - Divisione Relazioni Esterne I FONDI: CONOSCERLI DI PIÙ PER INVESTIRE MEGLIO COSA SONO I fondi

Dettagli

BPER INTERNATIONAL SICAV

BPER INTERNATIONAL SICAV BPER INTERNATIONAL SICAV OPEN SELECTION Comparti a profilo di rischio controllato > COSA È UNA SICAV La Sicav è una società per azioni a capitale variabile avente per oggetto l investimento collettivo

Dettagli

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO. Docente: Prof. Massimo Mariani

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO. Docente: Prof. Massimo Mariani TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il costo del capitale: la logica di fondo Le finalità del calcolo del costo del capitale Il costo del capitale

Dettagli

Gli strumenti di base della Finanza

Gli strumenti di base della Finanza 27 Gli strumenti di base della Finanza ECONOMIA FINANZIARIA L Economia Finanziaria studia le decisioni degli individui sulla allocazione delle risorse e la gestione del rischio VALORE ATTUALE Con il termine

Dettagli

CAPITOLO 22. Informazioni nascoste, segnalazione e cernita

CAPITOLO 22. Informazioni nascoste, segnalazione e cernita CAPITOLO 22 Informazioni nascoste, segnalazione e cernita Le informazioni nascoste e la selezione avversa Le informazioni nascoste dalla parte acquirente: le assicurazioni e l esecuzione dei contratti

Dettagli

Il fenomeno dell IPO Underpricing: basi teoriche ed evidenze empiriche

Il fenomeno dell IPO Underpricing: basi teoriche ed evidenze empiriche Corso di Laurea magistrale in Economia e Finanza Tesi di Laurea Il fenomeno dell IPO Underpricing: basi teoriche ed evidenze empiriche Il caso Cina Relatore Ch. Prof. Guido Mantovani Laureanda Katia Guidolin

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e

Dettagli

Mercati finanziari e valore degli investimenti

Mercati finanziari e valore degli investimenti 7 Mercati finanziari e valore degli investimenti Problemi teorici. Nei mercati finanziari vengono vendute e acquistate attività. Attraverso tali mercati i cambiamenti nella politica del governo e le altre

Dettagli

Il mercato primario Le offerte di azioni

Il mercato primario Le offerte di azioni Il mercato primario Le offerte di azioni Tecnicamente le offerte di azioni sono di due tipi: OFFERTE PUBBLICHE DI SOTTOSCRIZIONE (OPS), quando oggetto di offerta sono azioni di nuova emissione provenienti

Dettagli

Il modello binomiale ad un periodo

Il modello binomiale ad un periodo Opzioni Un opzione dà al suo possessore il diritto (ma non l obbligo) di fare qualcosa. Un opzione call (put) europea su un azione che non paga dividendi dà al possessore il diritto di comprare (vendere)

Dettagli

Opzioni americane. Capitolo 5. 5.1 Il modello

Opzioni americane. Capitolo 5. 5.1 Il modello Capitolo 5 Opzioni americane 5. Il modello Consideriamo un modello di mercato finanziario così come descritto nel Paragrafo 4.2. Il mercato è quindi formato da d+ titoli di prezzi S 0 n, S n,..., S d n,

Dettagli

NOTA DI SINTESI. Sintesi dei Fattori di Rischio

NOTA DI SINTESI. Sintesi dei Fattori di Rischio NOTA DI SINTESI La presente nota di sintesi fornisce un sommario di quelle che, ad avviso dell Emittente, sono le principali caratteristiche e rischi associati all Emittente, nonché alle Obbligazioni (Notes)

Dettagli

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario 26 Risparmio Investimenti Sistema Finanziario Il Sistema Finanziario Il sistema finanziario è costituito dalle istituzioni che operano per far incontrare l offerta di denaro (risparmio) con la domanda

Dettagli

Valutazione d Azienda Lezione 5

Valutazione d Azienda Lezione 5 Valutazione d Azienda Lezione 5 1 Le prospettive di valutazione [P.I.V. I.7] Generico operatore partecipante al mercato Specifico soggetto 2 I partecipanti al mercato Si tratta della generalità dei potenziali

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO Per l offerta al pubblico di cui all articolo 34 ter, comma 4 del Regolamento Consob n. 11971/99

PROSPETTO SEMPLIFICATO Per l offerta al pubblico di cui all articolo 34 ter, comma 4 del Regolamento Consob n. 11971/99 PROSPETTO SEMPLIFICATO Per l offerta al pubblico di cui all articolo 34 ter, comma 4 del Regolamento Consob n. 11971/99 Prospetto relativo all offerta pubblica di sottoscrizione delle Obbligazioni Banca

Dettagli

dimostrabilità: tutti i dati utilizzati nel calcolo devono poter trovare un riscontro e una coerenza con le ipotesi a fondamento delle previsioni

dimostrabilità: tutti i dati utilizzati nel calcolo devono poter trovare un riscontro e una coerenza con le ipotesi a fondamento delle previsioni utile alla determinazione del valore economico di un complesso aziendale o di specifiche categorie di beni Premessa La dottrina e la pratica offrono diverse possibilità nelle metodologie di calcolo del

Dettagli

Valutazione di investimenti e finanziamenti: Strumenti matematici

Valutazione di investimenti e finanziamenti: Strumenti matematici Valutazione di investimenti e finanziamenti: Strumenti matematici di Angelo Fiori Prima parte Premessa Di seguito si indicano gli strumenti matematici che ci vengono in aiuto per valutare sia progetti

Dettagli

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1 23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari In uno schema uniperiodale e in un contesto di analisi media-varianza, si consideri un mercato

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV

Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV Cos è un Fondo Comune d Investimento/SICAV Un Fondo Comune può essere paragonato ad una cassa collettiva dove confluiscono i risparmi di una pluralità di risparmiatori. Il denaro che confluisce in questa

Dettagli

IL RISCHIO DI INVESTIRE IN AZIONI DIMINUISCE CON IL PASSARE DEL TEMPO?

IL RISCHIO DI INVESTIRE IN AZIONI DIMINUISCE CON IL PASSARE DEL TEMPO? IL RISCHIO DI INVESTIRE IN AZIONI DIMINUISCE CON IL PASSARE DEL TEMPO? Versione preliminare: 1 Agosto 28 Nicola Zanella E-mail: n.zanella@yahoo.it ABSTRACT I seguenti grafici riguardano il rischio di investire

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Il prezzo delle attività finanziarie: mercati ed intermediari

Il prezzo delle attività finanziarie: mercati ed intermediari Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Il prezzo delle attività finanziarie: mercati ed intermediari Capitolo 9 Indice degli argomenti 1. Sistema finanziario 2. Mercati finanziari:

Dettagli

IL MERCATO OBBLIGAZIONARIO

IL MERCATO OBBLIGAZIONARIO IL MERCATO OBBLIGAZIONARIO LE FUNZIONI, GLI STRUMENTI, I PARTECIPANTI, I SISTEMI DI SCAMBIO Capitolo 12 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTA DOMANDA? La vostra azienda ha bisogno di un nuovo impianto per rispondere

Dettagli

Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI

Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI Slides per il corso di ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI Nicola Meccheri (meccheri@ec.unipi.it) Facoltà di Economia Università di Pisa A.A. 2011/2012 ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI: ASPETTI INTRODUTTIVI

Dettagli

Michele Bagella - Mario Baldassarri - Luigi Paganetto

Michele Bagella - Mario Baldassarri - Luigi Paganetto Michele Bagella - Mario Baldassarri - Luigi Paganetto Università ~Tor Vergatar, Università ala Sapienzam, Università ntor Vergatar, Roma Roma Roma 1. - L'informazione imperfetta e la gestione del rischio

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Dott. Luca Anzola A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Sommario CARATTERISTICHE DEI FONDI IMMOBILIARI IL MERCATO ITALIANO I DRIVER

Dettagli

Banca Centropadana Zero Coupon 03.09.2012-16.12.2019 Serie 342 ISIN: IT0004846694

Banca Centropadana Zero Coupon 03.09.2012-16.12.2019 Serie 342 ISIN: IT0004846694 10. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI A ZERO COUPON Banca Centropadana Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede sociale in Piazza IV Novembre 11 26862 Guardamiglio (LO) Iscritta all

Dettagli

Floored Floater. Questa configurazione le offre i seguenti vantaggi:

Floored Floater. Questa configurazione le offre i seguenti vantaggi: su tasso Libor CHF a 3 mesi con obbligazione di riferimento «Newmont Mining» Floored Floater su tasso EURIBOR EUR a 3 mesi con obbligazione di riferimento «Newmont Mining» Nel contesto attuale di tassi

Dettagli

Il mercato primario ha assistito per il secondo anno consecutivo a una flessione di attività.

Il mercato primario ha assistito per il secondo anno consecutivo a una flessione di attività. La Raccolta di capitale e le Offerte pubbliche di acquisto La Raccolta di capitale e le Offerte Pubbliche di Acquisto Il mercato primario ha assistito per il secondo anno consecutivo a una flessione di

Dettagli

A. Persone soggette alla politica ( Gli individui coperti )

A. Persone soggette alla politica ( Gli individui coperti ) Ottobre 2014 Pagina 1 di 8 I. SCOPO La presente Politica sull Insider Trading ( Politica ) fornisce le linee guida per quanto riguarda le operazioni in titoli di Modine Manufacturing Company (la Società

Dettagli

Fondi comuni versus ETF

Fondi comuni versus ETF Fondi comuni versus ETF Il risparmiatore quando deve effettuare i suoi investimenti ha davanti diverse alternative: - delegare la gestione del proprio patrimonio a dei professionisti del settore; - gestire

Dettagli

PER INVESTITORI ITALIANI PRIMA DELL ADESIONE LEGGERE IL PROSPETTO. Presentazione degli ETF e di ishares

PER INVESTITORI ITALIANI PRIMA DELL ADESIONE LEGGERE IL PROSPETTO. Presentazione degli ETF e di ishares PER INVESTITORI ITALIANI PRIMA DELL ADESIONE LEGGERE IL PROSPETTO Presentazione degli ETF e di ishares Perché scegliere gli ETF? Gli Exchange Traded Fund (ETF) hanno rivoluzionato il modo in cui gli investitori

Dettagli

Marco M. Fumagalli, 2008

Marco M. Fumagalli, 2008 Tutti i documenti di questa presentazione provengono da fonti pubbliche. In particolare dalla società Marazzi S.p.A. (www.marazzigroup.com), Consob (www.consob.it), Borsa Italiana (www.borsaitaliana.it).

Dettagli

Il mercato mobiliare

Il mercato mobiliare Il mercato mobiliare E il luogo nel quale trovano esecuzione tutte le operazioni aventi per oggetto valori mobiliari, ossia strumenti finanziari così denominati per la loro attitudine a circolare facilmente

Dettagli

Quesiti livello Application

Quesiti livello Application 1 2 3 4 Se la correlazione tra due attività A e B è pari a 0 e le deviazioni standard pari rispettivamente al 4% e all 8%, per quali dei seguenti valori dei loro pesi il portafoglio costruito con tali

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

L investimento in obbligazioni bancarie: un caso di anomalia comportamentale?

L investimento in obbligazioni bancarie: un caso di anomalia comportamentale? L investimento in obbligazioni bancarie: un caso di anomalia comportamentale? Nadia Linciano Scelte di investimento e regole di tutela Il ruolo della finanza comportamentale tra economia, psicologia e

Dettagli

L A B O R S A I T AL I AN A S. P. A. H A D I S P O S T O L AM M I S S I O N E AL L A Q U O T AZ I O N E C O N P R O V V E D I M E N T O N.

L A B O R S A I T AL I AN A S. P. A. H A D I S P O S T O L AM M I S S I O N E AL L A Q U O T AZ I O N E C O N P R O V V E D I M E N T O N. Avviso integrativo di emissione. Il presente Avviso va letto congiuntamente alla Nota integrativa al documento informativo sull Emittente depositato presso la Consob in data 19.06.2003, a seguito di nullaosta

Dettagli

Asimmetrie informative e conflitti di interesse nelle operazioni di quotazione (Initial Public Offering IPO)

Asimmetrie informative e conflitti di interesse nelle operazioni di quotazione (Initial Public Offering IPO) Asimmetrie informative e conflitti di interesse nelle operazioni di quotazione (Initial Public Offering IPO) Camilla Mazzoli Ricercatore di Economia degli Intermediari Finanziari Facoltà di Economia Università

Dettagli

TURBO Certificate Long & Short

TURBO Certificate Long & Short TURBO Certificate Long & Short Fai scattare la leva dei tuoi investimenti x NEGOZIABILI SUL MERCATO SEDEX DI BORSA ITALIANA Investi a Leva su indici e azioni! Scopri i vantaggi dei TURBO Long e Short Certificate

Dettagli

gestione patrimoniale Attiva, professionale e responsabile

gestione patrimoniale Attiva, professionale e responsabile gestione patrimoniale Attiva, professionale e responsabile chi siamo e da dove veniamo La Banca Migros apre i battenti nel 1958 come piccola banca senza pretese al 3 piano del palazzo Migros, sulla Limmatplatz

Dettagli

CAC40 16.12.2005 DOW JONES 16.12.2005 EUROSTOXX50 16.12.2005 MIB30 16.12.2005 NIKKEI225

CAC40 16.12.2005 DOW JONES 16.12.2005 EUROSTOXX50 16.12.2005 MIB30 16.12.2005 NIKKEI225 Avviso integrativo di emissione della Nota integrativa al documento informativo sull Emittente depositato presso la Consob in data 03.07.2002, a seguito di nullaosta n. 2045403 del 27.06.2002 relativa

Dettagli

Politiche di pricing e regole interne per la negoziazione di obbligazioni emesse da Banca Popolare di Cortona S.C.p.A

Politiche di pricing e regole interne per la negoziazione di obbligazioni emesse da Banca Popolare di Cortona S.C.p.A Politiche di pricing e regole interne per la negoziazione di obbligazioni emesse da Banca Popolare di Cortona S.C.p.A Marzo 2015 SOMMARIO Premessa... 5 Regole interne per la negoziazione... 5 Politiche

Dettagli