Istituto d istruzione superiore L. Cremona - Milano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituto d istruzione superiore L. Cremona - Milano"

Transcript

1 A cura della classe VG anno scolastico 2012/2013 in collaborazione con l istituto nazionale per la storia del movimento di liberazione in Italia (INSMLI) Istituto d istruzione superiore L. Cremona - Milano

2 LA STORIA NEI DOCUMENTI Attività laboratoriale a.s A partire dall analisi di documenti relativi alla Resistenza ed alla Seconda Guerra Mondiale conservati all Archivio INSMLI sono state elaborate le seguenti schede informative. INDICE Azioni dei partigiani in Lombardia Unità partigiane Gruppi Difesa Donna Guerra di Spagna Avvenimenti post bellici ed epurazioni Prigionia e controversie Osservazioni conclusive

3 AZIONI DEI PARTIGIANI IN LOMBARDIA

4 AZIONI DEI PARTIGIANI IN LOMBARDIA CVL, Busta 6, Fascicolo 19 Doppi divisi per regione (CVL, Corpo Volontari della Libertà: esercito partigiano istituito nel giugno 1944, unisce i vari gruppi partigiani ) Raccolta di estratti del Bollettino delle azioni partigiane del Comando generale per l Italia occupata, regione Lombardia. In seguito all analisi dei fascicoli abbiamo trovato una raccolta di bollettini che riportano, con registrazioni quasi quotidiane, ogni tipologia di azione partigiana: disarmi effettuati a ufficiali tedeschi o fascisti, azioni di volantinaggio clandestino e diversi tipi di sabotaggio (distruzione di autoveicoli, taglio dei fili del telefono, manomissione delle strade, ecc.).riportiamo di seguito alcuni esempi: 06/02/1944 Niguarda; garibaldini della brigata Giani lanciano bombe contro la caserma GNR 17/02/1944 Precotto; taglio fili del telefono 18/02/1944 Greco, Zara, Maggiolina; lancio di volantini 19/02/1944 Sesto S.Giovanni; affissione manifesti stabilimento Falk in via Concordia 24/02/1944 Breda; garibaldini difendono operaio da guardia fabbrica 08/03/1944 Viale Fulvio Testi; scontro armato, uccisione di un sottoufficiale tedesco 30/10/1944 Affori; disarmo di due militi della polizia e di un ufficiale 31/10/1944 Bicocca; vengono attaccati quattro tedeschi, due sottoufficiali, con un morto e nessuna perdita partigiana CVL, Busta 20,Fascicolo 29 Monografie Estremi cronologici : 11/01/ /04/1945 Raccolta di quindici Monografie, alcune con più copie, a cura del Servizio informazioni del Comando generale Cvl In seguito all analisi delle monografie abbiamo potuto visionare cartine dettagliate raffiguranti postazioni militari e resoconti delle produzioni industriali riguardanti i primi mesi del 1945 CLNL, Busta 4, Fascicolo 31 Cln aziendali-relazioni Documentazione dei Cln aziendali di Milano e provincia del periodo clandestino e legale: verbali di riunioni, relazioni tecniche, pratiche d epurazione, corrispondenza. Si segnala la presenza di copie dei seguenti giornali: L Italia libera ; Il Megafono ; La Nostra voce ; L OM tricolore Date: 01/07/ /06/1946 In seguito all analisi della documentazione abbiamo trovato numerosi resoconti aziendali e giornali riguardanti l andamento economico-industriale della regione Lombardia Allegati : Oltre ai tre fascicoli abbiamo preso visione dei seguenti documenti: -manuale del partigiano per la manomissione delle linee ferroviarie -manuale del partigiano per la preparazione, l organizzazione e la buona riuscita di: azioni di disarmo scrittura sui muri lancio di manifesti comizi

5 Seguono alcuni dei documenti presi in esame (Fondo Cvl, b. 29, fasc. 54) : ISTRUZIONI PER ATTI DI SABOTAGGIO

6 PRONTUARIO DEL SAPISTA (SAP: Squadre di Azione Patriottica)

7

8

9

10

11

12 Componenti del gruppo: Livio Pacella, Matteo Villa,Filippo Vinetti

13 Unità Partigiane

14 1. CVL 1 busta 59, FASC 138 Unità Partigiane Fascicolo con materiale molto eterogeneo, in gran parte relazioni sulle attività di due brigate garibaldine: la 107 e la 110, attive in zona Affori-Bicocca. Presenza anche di lettere di comunicazione tra i vari nuclei partigiani e il Comando Piazza di Milano Lettera da parte di un nucleo alla piazza di Milano MI/382 27/11/ Dopo richieste di chiarimenti tecnici, ci si domanda se sia utile effettuare rappresaglie contro i nazi-fascisti se questo poi porta a rappresaglie contro i n/ compagni detenuti - Richiesta di delucidazioni sul fatto se sia meglio o no arrivare ad un unificazione dei nuclei sotto un unica denominazione che indichi lo spirito veramente volontaristico dei loro componenti ecc. Lettera da parte di un commissario garibaldino 17/12/ Commissario del P.A. è assente e ostacola il settore Garibaldi nel prendere parte alle operazioni, questo va contro il popolo Azioni 107 brigata Garibaldi - Il 15/11/1944 la 107 occupa le cucine della PIRELLI BICOCCA e tiene un comizio davanti a 1700 operai - Molte operazioni di depistaggio, recupero armi e prigionieri e operazioni di sabotaggio - Lancio di volantini su Cinisello, Viale Monza, Sarca e Testi Gruppi Garibaldini Lombardia 15/05/ Assalto il 26/04/1945 ad ex sede fascista, requisizione di material e vestiario, tutto ridistribuito tra la popolazione locale. sostenuti da vigili urbani e del fuoco. Il 30/05/1945 il comandante della brigata Mazzini (P.A.), in seguito all ordine del comando di piazza di Milano, decreta sciolte le unità partigiane. 2. CVL busta 61, FASC 151 Anche questo fascicolo è molto eterogeneo, oltre a numerose relazioni relative ad azioni dei vari gruppi partigiani e lettere di comunicazione tra i vari nuclei di combattenti, sono presenti anche documenti riguardanti la strutturazione delle formazioni partigiane di Giustizia e Libertà e dell organizzazione della struttura del Comando Piazza di Milano. 1 CVL Corpo Volontari della Libertà: esercito partigiano istituito nel giugno 1944 unisce i vari gruppi partigiani

15 È inoltre presente un documento che illustra le probabili vie per un invasione alleata della Pianura Padana, questo ci fa capire come ci fosse pochissima o nessuna comunicazione tra gli alleati e le formazioni partigiane. Relazione di un maresciallo in seguito all arresto di Mussolini Lettera dell ufficiale di collegamento G.L. al comando piazza di Milano - Segnala difficoltà nel ricevere informazioni e rimanere collegati, parla di tornare al vecchio metodo Le SS aderiscono a scambio di prigionieri, viene scambiato Bruno Ragazzi con un ufficiale tedesco Organizzazione formazioni Giustizia e Libertà - Comandante - Commissario politico - Segretario - Servizio collegamenti - Servizio armamento - Servizio stampa e propaganda - Intendenza Una squadra è fatta da 4 uomini + caposquadra distaccamento: 40 uomini (8 squadre + ufficiali) brigata: da 200 a 500 uomini (5-9 distaccamenti + ufficiali e comandante) Struttura della Piazza Milano - Comandante Br. Garibaldi - 1 vice comandante Br. Matteotti - Commissario politico DC - 2 vice comandante Br. Risorgimento - 2 vice commissario politico Br. Mazzini - Capo stato maggiore Probabili direttrici dell intervento alleato - Invasione della pianura padana da Rimini - // da Ventimiglia - // da Cuneo - // dalla Val di Susa e Torino

16 3. CVL busta 61, FASC 152 Documenti che illustravano l evoluzione del movimento partigiano; qui sotto viene riportata una tabella con sedi e componente numerica di distaccamenti GAP (Gruppi Azione Patriottica) in Lombardia Distaccamento GAP 14/09/ /10/ MI VA CO BG BS MN CR PV Venivano dati questionari per sapere notizie sui volontari dei nuclei Conferimento attestati alle donne che prestavano servizio al comando 4. CVL busta 60, FASC 143 In questo fascicolo l unico documento degno di nota è quello che riporta un appunto di un partigiano che riporta in ordine gli obbiettivi dei nuclei partigiani Obiettivi dei nuclei partigiani: a) Propaganda tramite manifestini b) Assistenza/espatrio per inglesi, ebrei, deportati c) Falsificazione documenti x espatrio d) Asportazione documenti incriminanti e) Guardia armata alla Certosa di Pavia per evitare io furto di opere d arte f) Sabotaggio treni, rotaie ed infrastrutture in genere g) Individuare i luoghi delle opere di difesa germaniche h) Approvvigionamenti di vitto e armi Si viene a conoscenza che per entrare a far parte dei nuclei bisogna consegnare alla brigata un documento per poter ricevere il lasciapassare. Viene riferita l esistenza di una biblioteca del popolo Componenti gruppo: Alice Mulè, Riccardo Sala, Valeria Vella

17 GRUPPI DIFESA DONNA

18 IL GDD E LE DONNE Gruppi difesa donna CLNL, busta 1, fascicolo 10, Organizzazione di massa Documento: Comitato nazionale dei gruppi di difesa della donna e per l assistenza dei combattenti della libertà. Nel documento sopra citato, abbiamo ritrovato informazioni relative all intera organizzazione e alle attività del GDD gruppo creatosi nel 1943 e diretto da Rita Riccolato, che nel 1945 diventò l Unione delle Donne Italiane. Esso era un gruppo non di indirizzo politico e difatti ne facevano parte donne di diverso orientamento, tra cui appartenenti ai partiti Comunista e Socialista, o all Azione Cattolica o al Partito d Azione ed altri. Era anche riconosciuto dal CDLN come unica organizzazione di massa delle donne. Le principali attività svolte da questo organismo erano: l aiuto ai combattenti tramite la raccolta di somme di denaro, di medicinali o indumenti, e tramite supporto morale inviato attraverso la corrispondenza; la creazione di punti di pronto soccorso e la direzione di corsi di infermieristica; istituzione della settimana del partigiano ( vedi allegato ); visite alle tombe dei martiri (tra cui vengono ricordate quelle svoltesi l 8 marzo 1944); spedizione di petizioni contro la deportazione delle donne; creazione di gruppi di fabbrica per ottenere il soddisfacimento degli 8 punti previsti dal sindacato di Milano e provincia. Le donne appartenenti al GDD erano suddivise in gruppi per compiti e nel documento vengono riportati i seguenti dati: - Aprile gruppi e 100 aderenti -Agosto 60 gruppi e 900 aderenti -Novembre 116 gruppi, 2299 aderenti e 7000 collegate Dove per aderenti si intendono le attiviste che pagavano la quota di iscrizione al gruppo e per collegate si intendono tutte le donne che collaboravano con il gruppo senza pagare la quota di iscrizione o essere ammesse alle riunioni. Il gruppo era inoltre molto attivo sul fronte propagandistico tanto da avere un proprio periodico dal titolo Noi Donne, il giornale trattava gli argomenti più vari: dalla lotta partigiana ai lavori domestici. CLNL, busta 2, fascicolo 19, Commissariato assistenza Documento: Curriculum di Giuseppina Palumbo (commissaria all assistenza del Cln Lombardia) Giuseppina Palumbo nasce a Milano il 6 Gennaio 1906 da padre e madre attivisti nella reazione al nazifascismo agli ideali dei quali ella stessa aderì. Già a nove anni, infatti, prese parte al corpo delle giovani esploratrici (prima associazione scout italiana fondata nel 1912) dove, durante il primo conflitto mondiale, faceva giocare i figli dei soldati al fronte. Si sposò molto giovane con un musicista, ma non per questo interruppe le sue attività. Divenne prima infermiera della Croce Rossa Italiana e poi assistente sanitaria visitatrice negli ospedali militari. Riguardo a ciò il curriculum riporta la sua permanenza a Baveno, terminata dall arrivo delle SS. Viene riportato poi il suo intervento in Val d Ossola dove collabora con i gruppi partigiani ( tra essi vi era anche il fratello della Palumbo, deportato in Germania, ma liberato dai russi nel 1945). Infine le viene assegnato il ruolo di commissaria rappresentante all assistenza dal CLN e nel 1945 entra a far parte del UDI (Unione delle Donne Italiane). Notizie più recenti non vengono riportate.

19 Nei documenti presi in esame, abbiamo trovato la frase che riportiamo di seguito che testimonia la posizione espressa dalle donne nella resistenza: Le donne italiane, che troppo a lungo hanno dovuto soggiacere ad un sistema che le privava di ogni singolo diritto, giovandole solo di un cumulo di doveri (...) ora sopportano come gli uomini sofferenze atroci e partecipano attivamente alla lotta contro il nazifascismo (CLNL, busta 1, fascicolo 10, Organizzazione di massa)

20 Documenti (Fondo Cln regionale Lombardia, b. 1, fasc. 10) :

21

22 Componenti del gruppo: Marta Cannistrà, Silvia Leoni, Francesca Toldi

23 GUERRA DI SPAGNA

24 Guerra di Spagna Dal 1936 al 1939 fu combattuta in Spagna una guerra civili che coinvolse larga parte del paese. Il conflitto si svolse tra i nazionalisti (Nacionales), comandati dal generale filofascista Francisco Franco, e i repubblicani (republicanos), di ispirazione marxista. La guerra suscitò un grande interesse anche all estero tanto che le principali potenze europee decisero di intervenire in tale conflitto inviando truppe a sostegno delle due parti. L Italia, insieme a Germania e Romania, sostenne la fazione filofascista mentre Francia, Unione Sovietica e Polonia aiutarono la fazione repubblicana. E importante ricordare l ingente contributo delle Brigate internazionali che si schierarono contro Franco. Tali reparti militari erano gruppi di volontari stranieri che venivano reclutati soprattutto dai sindacati e dai partiti comunisti; essi erano composti principalmente da liberali, comunisti, anarchici, socialisti, studenti e operai. Analizzando i documenti presenti nell Archivio siamo riusciti a ricavare delle informazioni molto interessanti sul contatto tra la popolazione locale spagnola e le brigate internazionali, in particolare abbiamo deciso di prendere in considerazione documenti relativi a tre volontari italiani, provenienti proprio dalla zona nord di Milano, che dopo essersi opposti al regime fascista hanno deciso di partire per la Spagna e collaborare con l esercito repubblicano. Archivio aicvas, busta 7, Sangiorgio Mario Documento: testimonianza di Mario Sangiorgio: La manifestazione che più mi rimase impressa fu in una stazione dove dovevamo aspettare la coincidenza [...] In un baleno la stazione venne invasa e quando seppero che eravamo della Brigata Internazionale ci circondarono e ci applaudirono mentre taluni corsero a casa a prendere gli strumenti e le bandiere.[...] Ho constatato che il popolo spagnolo è buono, sincero e generoso.[...] Tutte le persone che incontro hanno il sorriso sulle labbra e sono tutti quanto mai decisi a lottare per non tornare più al passato. Sangiorgio, nato a Niguarda, è stato tra i fondatori del PCI e durante l occupazione fascista diede testimonianza diretta delle vicende in qualità di giornalista, sotto lo pseudonimo di Rusconi. Archivio aicvas, busta 52, fascicolo 198, Terramargra Giuseppe: Documento: articolo di giornale in ricordo degli eroi morti (giornale non individuato) Altra testimonianza della partecipazione dei partigiani italiani nella guerra civile spagnola l abbiamo con un breve articolo dedicato a Terramagra Giuseppe. In esso si dice che meccanico dell Alfa Romeo, sposato e con figli, decide di opporsi al regime fascista e nel trentasei decide di partire per la Spagna, nonostante la sua salute cagionevole. Morirà successivamente nel 1937 nell offensiva Brunetta. Archivio aicvas, busta 52, fascicolo 197, Alfredo Terragni: Documento: copia dell articolo dal titolo I nostri martiri comparso sul giornale Italia Libera (data non identificata) Nell articolo si racconta la vita di Alfredo Terragni. Originario del quartiere Niguarda fu un esponente del partito comunista che decise di combattere nella Guerra di Spagna. Fu anche attivo fra le fila dei partigiani F.T.P. in Francia contro i tedeschi e per questo, fatto prigioniero, fu spedito in un campo di concentramento da cui fuggì. Si distinse in numerose azioni militari. Il 6 agosto 1944 trova la morte in un imboscata tesagli a Les Taconnieres. Componenti gruppo: Jovan Minic, Alessandro Pelosini, Paolo Tacchetti

25 AVVENIMENTI POST BELLICI ED EPURAZIONI

26 AVVENIMENTI POST BELLICI ED EPURAZIONI Tra gli argomenti che ci sono stati proposti, abbiamo trovato particolarmente interessante quello relativo agli avvenimenti successivi alla Liberazione. Nei documenti che abbiamo analizzato sono riportati fatti accaduti nella zona nord di Milano che permettono di capire le condizioni di vita in cui si trovavano i cittadini e le cittadine nell immediato periodo post-bellico. Busta CNL rionali di Milano, fascicolo 1 Documento datato 29/04/1945 Nel documento sono descritti i primi giorni della Liberazione a Milano. Durante il 25 aprile 1945 furono organizzate le prime manifestazioni popolari e esposte alle finestre delle caserme bandiere tricolori e rosse. La caserma della Guardia Repubblicana venne occupata da 300 uomini delle SAP (Squadre di Azione Patriottica); gli stessi uomini organizzarono altre azioni di sabotaggio nei confronti dei nazi-fascisti come l occupazione di strade e l assalto di camion. Sono descritti anche scontri cruenti che portarono alla morte due generali tedeschi, una donna, un fascista e un partigiano. Il giorno dopo continuarono gli assalti alle autovetture tedesche: in uno di questi furono fatti prigionieri 17 soldati tedeschi, un altro portò alla cattura di 5 ufficiali nazisti. Nonostante il clima di euforia generale, i cittadini versavano ancora in condizioni di grave indigenza, come è sottolineato nella descrizione dell assalto a un forno effettuato il 27 aprile. Il giorno seguente il CLN decise di distribuire alla popolazione 180 grammi di pane (il documento non specifica a quante persone era assegnata tale quantità). Un altro fatto riportato nel documento è la morte di un tedesco che dopo essere stato giudicato per aver ucciso un partigiano tentò la fuga, e fu ucciso nel tentativo di fermarlo. Documento datato 2/5/1945 Nel documento viene descritta la festa del 1 maggio celebrata il giorno precedente. Viene riportata l'atmosfera di esultanza che coinvolgeva tutta la popolazione. Tale risultato era quello che ci si aspettava poiché erano stati distribuiti manifesti illustrativi dell'evento. Tutti coloro che si rivolsero alla folla durante la festa vennero esaltati. In riferimento alla giornata del 2 maggio si segnala che continuarono gli interrogatori dei prigionieri di guerra. Fascisti e tedeschi vennero portati in parte in carcere a San Vittore, in parte alla stazione di polizia di via Crivelli. Fu inoltre recuperato il cadavere di un 50enne vicino all'autostrada, l ipotesi più accreditata è una vendetta d'amore (non viene specificato il fondamento di questa ipotesi). A far scalpore invece fu il caso di un compagno morto presso la strada bovisasca a causa di un incidente. Documento datato 19/06/1945 Si riferisce che all ordine del giorno dell assemblea del CNL si era trattato del caso Giulio Franesi. L uomo, prima della liberazione, aveva rubato due cavalli ai tedeschi e li aveva rivenduti per conto proprio. Dopo che il comitato di liberazione lo aveva denunciato alla polizia il signor Giulio Franesi si era difeso affermando che lui era tenuto a rispondere solo alla sua Brigata, la Brigata Matteotti. Fu evidenziata la necessità di discutere su chi avrebbe dovuto giudicare questo furto. Fascicolo 2, busta 2 In vari documenti sono più volte registrati problemi relativi alla gestione dell impianto elettrico pubblico. Documento datato 15/10/1945 Si registra un problema di illuminazione nel quartiere di Affori. Si annota l invio di una lettera al sindaco, in cui i cittadini si lamentano del fatto che ad Affori non c è corrente a differenza dei paesini vicini. La popolazione chiede al CLN di sollecitare il sindaco a provvedere. Documento datato 6/11/1945 Un altro problema sociale è relativo alla gestione degli orfani di guerra; nel documento si annota l apertura di un orfanotrofio per i figli delle vittime della guerra di liberazione. Si registrano le

27 condizioni per essere ammessi: i bambini devono avere un età compresa tra i 2 e i 10 anni, possedere un certificato di nascita e il documento del CLN o di un partito di uno dei genitori. Inoltre devono avere il certificato di morte di uno dei genitori che ne conferma l'uccisione, il contesto e il motivo di essa. I documenti evidenziano non solo l esaltazione per la fine della guerra e per la caduta del fascismo ma soprattutto i problemi che questa pagina dolorosa di storia ha comportato. Componenti del gruppo: Francesco Avarello, Giorgio Garbujo, Andrea Maggi

28 Campo di Fossoli PRIGIONIA e CONTROVERSIE

29 Sfasc. 12: Assistenza - Campo di concentramento di Fossoli Dai documenti trovati nello sfascicolato veniamo a conoscenza del fatto che il 15 giugno di un anno di guerra (non segnalato), nel campo sono presenti 3600 tra prigionieri e condannati, sia italiani che tedeschi. Nessuno può parlare coi detenuti politici, o spedire dei pacchi tramite parenti. Si può entrare nel campo solo se si è in possesso di un permesso, da questa regola scaturisce un logico fenomeno di corruzione delle sentinelle. Il campo è molto ben protetto: gli unici sei che sono riusciti fino a quel punto a scappare sono usciti dalla porta. Maurizio Carpi, prigioniero del campo, racconta che durante i caotici trasbordi notturni tra treno e campo, in campagna, molti tentavano la fuga. Nello sfascicolato sono presenti elenchi ordinati di prigionieri, pagine di diari, e contabilità. sfasc. 14: Assistenza - Carcere di San Vittore Anche in questo sfascicolato sono presenti lunghi elenchi di prigionieri. Troviamo anche una lettera di un anonimo che svolge assistenza a tutti i prigionieri politici all interno del campo, e ci racconta come è organizzata tale attività. I prigionieri sono divisi in gruppi, ad ognuno dei quali fa capo un responsabile (un politico anziano ed esperto). Vi è poi la testimonianza del prigioniero Melino, che parla della vita in carcere sottolineando che: cose che fuori sarebbero da ridere, scrive, acquisiscono qui importanza e gravità. RAI Busta 20, Fasc Da documenti presenti nella Busta (una memoria scritta a macchina e fotocopie di articoli di giornali) abbiamo trovato la testimonianza di una persona coinvolta in fatti bellici ed anche di resistenza il cui ruolo è stato però a lungo oggetto di interpretazioni controverse. In sintesi il documento principale, la memoria scritta da A.C., racconta le peripezie da lui vissute nel tempo di guerra e successivamente. Ne diamo qui una breve sintesi Nella città di B., nella scuola dove insegnava storia dell arte, mancava poco alle vacanze, quando all altoparlante annunciano che inizia la guerra anche per l Italia. A.C., figlio di un vigilato speciale e lui stesso vigilato speciale, viene trasferito quindi in zona di guerra, per punizione, perché recidivo del reato di disfattismo. Dopo anni di guerra, in seguito all 8 settembre, scappa e con varie vicissitudini, si trova a compiere una marcia forzata di 47 giorni da F. per ritornare a B., dove trova la famiglia decimata: altri quattro fratelli sparsi per il mondo ; lì viene sottoposto a degli accertamenti in ospedale, per poi tornare ad insegnare con l affidamento della cattedra di matematica alla facoltà di chimica. E Presidente del Circolo Pensiero e Azione del Partito d Azione. Torna ad avere un ruolo nelle vicende di guerra dopo che Benedetto Croce lo accredita presso il comando dell ottava armata: si trova per forza di cose a dover imparare l inglese, ad andare a scuola di sacrificio e di rinuncia che non ha nome. Gli vengono assegnate missioni molto serie e difficili; durante una di queste viene catturato e trasferito ad Auschwitz. All atto dalla liberazione del campo pesava 37,8 chili. Tornato in Italia scrive di avere conosciuto la sua patria ingrata, ed essersi trovato ad essere per essa l affaire Dreyfus della Francia di un secolo fa, con qualcosa di più e di peggio. Tutto questo perché a servizio finito, ad opera conclusa, non gli viene dato nessun riconoscimento pubblico come era in uso. Riuscito, in guerra, a sfuggire a tre sentenze di morte, una volta tornato in patria, ha in mano la promessa da parte di P.R. di far carriera a Milano con lui, ma una volta lì viene messo allo bando. A Milano non ha le cento lire necessarie a pagare il letto nel dormitorio pubblico così è costretto a dormire su una panchina di piazzale Leonardo da

30 Vinci. Passano così otto anni fino a quando una signora distinta, professoressa in belle lettere, sorella di due meravigliosi partigiani, non gli dà la chiave dell odioso ostracismo calato sulla sua esistenza. Ciò è un libro intitolato:" Tutte le strade conducono a Roma" di L.V. dove viene accusato di essere una spia della Gestapo, un lurido criminale al servizio dei nazisti. Ecco che per lui ha inizio un tremendo secondo calvario. Emarginazione, minacce, insomma la morte civile. A questo punto intenta un processo contro L.V. Anno Tutte le autorità, da quelle politiche a quelle ecclesiastiche e militari gli sono ostili. Dopo 40 anni grazie alla grossolana malinconia di un giornalista da strapazzo si riapre il processo. Processo che non ha avuto il coraggio di confessare che il sottoscritto fu un eroe della Resistenza, ma lo dice tra le linee. Epperò, assolve l'autore (del libro), perché, lo ha fatto per così dire, in buona fede. Libro pieno zeppo di calunnie nei suoi riguardi, ma anche all' indirizzo delle Brigate Garibaldine e il tribunale lo condanna alle spese processuali. A questo punto C. si rivolge alla stampa, agli uomini politici più influenti, scrive una supplica a Sandro Pertini e a Francesco Cossiga. Non ottiene nulla, nessuna udienza. Quello che ottiene è un pugno di silenzio Componenti del gruppo: Michele Gay, Mirko Lavarra, Silvia Morini

31 ALCUNE OSSERVAZIONI Le schede informative qui raccolte sono state presentate alla classe da parte dei gruppi che le hanno elaborate. Gli studenti hanno proposto, quindi, alcune osservazioni ed evidenziato aspetti del fenomeno resistenziale che l analisi dei documenti ha permesso di comprendere con maggior puntualità. Il rapporto diretto con il documento ha senza dubbio dato vita ai riferimenti storici incontrati nel percorso di studio imponendosi con la sua realtà. Vengono qui sintetizzati gli elementi più significativi rilevati che hanno o confermato quanto già studiato o lo hanno integrato con la messa a fuoco di temi talvolta lasciati sullo sfondo. Per quanto riguarda le azioni partigiane (molte relative alla zona Niguarda, Affori, Sesto,ecc.) si è notato come non si tratti solo di azioni di disturbo e sabotaggio, ma anche di propaganda (volantinaggio, comizi improvvisati) destinate perciò ad ampliare il consenso ed il sostegno all azione partigiana. Inoltre il doc. Prontuario del Sapista, con indicazioni molto dettagliate circa le modalità da seguire nella preparazione e realizzazione delle azioni, ci fa capire che spesso i partigiani erano giovani volontari senza una specifica preparazione militare ed era perciò necessario sopperire ad un mancato significativo addestramento con indicazioni che formassero all azione questi gruppi. Interessanti anche le considerazioni che emergono dai doc. relativi alle unità partigiane. Vi sono non solo riferimenti alle azioni fatte, ma emergono anche le problematiche circa il rapporto fra le diverse unità. Problemi di collegamento, ma anche dubbi sulla utilità o meno di arrivare ad un unica denominazione. Vi sono indicazioni dettagliate sull organizzazione complessa delle formazioni. Ci si pongono domande di tipo etico circa lo scatenamento delle rappresaglie naziste in seguito alle azioni partigiane. Si fa riferimento ad uno scambio di prigionieri, un partigiano liberato dalle SS in cambio di un ufficiale tedesco. Si nota come un episodio analogo sia raccontato da Fenoglio in Una questione privata. Si deduce che i rapporti con gli alleati evidentemente non sono così facili e i partigiani non sanno da che parte potrebbe arrivare il loro intervento. Si nota un attenzione, anche nel tempo duro della guerra, alla difesa del patrimonio culturale (guardia armata alla Certosa di Pavia per evitare il furto di opere d arte). Si riferisce dell esistenza di una biblioteca del popolo. Per quanto riguarda il contributo delle donne alla resistenza, è interessante notare come al GDD, riconosciuto dal CDLN, facciano riferimento donne di diverso orientamento politico. Molte sono le attività della attiviste o collaboratrici, non solo di sostegno morale o sociale, ma anche di impegno politico e sindacale. Il numero delle donne coinvolte sale rapidamente in modo significativo nel periodo cha va dall aprile al novembre del 44 (da 19 gruppi con 100 aderenti a 116 gruppi con 2299 aderenti e 700 collegate.) Interessante notare come in un doc. si faccia riferimento alla condizione delle donne nel periodo fascista, periodo che le privava di ogni singolo diritto. E evidente la consapevolezza della necessità di cambiamento della condizione della donna e dei suoi diritti anche politici. I documenti relativa alla partecipazione di partigiani alla Guerra di Spagna ed alla resistenza francese ci testimoniano la portata europea del fenomeno ed il forte sentimento di solidarietà internazionale nella lotta contro i sistemi oppressivi.

32 Il clima di euforia per la fine della guerra, ma anche i problemi che permangono risultano dai doc. che testimoniano il perdurare di scontri, anche nei giorni immediatamente successivi alla liberazione, ed il ritrovamento di cadaveri che fanno pensare a morti misteriose, forse vittime di vendette. Nei mesi successivi sono numerose le segnalazioni di problemi che toccano la cittadinanza: la mancanza della luce, la mancanza di pane, la necessità di aiutare gli orfani, in particolare i figli di chi era morto per la guerra di liberazione. Le organizzazioni partigiane continuano dunque anche nell immediato dopoguerra a svolgere un ruolo civile di sostegno alla popolazione e di coordinamento in una situazione ancora precaria. Interessante la segnalazione di un caso che vede coinvolto un partigiano accusato dal CNL di aver trattenuto per sé del denaro ricavato dalla vendita di due cavalli rubati ai tedeschi e per questo denunciato alla polizia, ma l uomo ritiene di dover rispondere solo alla sua brigata. Questo apre una discussione su chi avrebbe dovuto giudicare questo furto. L episodio è interessante in quanto ci fa capire la particolarità del momento di transizione che si vive e la necessità di individuare e riconoscere le autorità di riferimento nel nuovo contesto politico. La complessità della ricostruzione degli anni di guerra, l individuazione dei diversi ruoli svolti da protagonisti più o meno importanti degli avvenimenti, l ambiguità di alcuni contesti in cui le persone si trovarono ad agire ci è parsa evidente da un doc. che abbiamo avuto a disposizione e che presenta la controversa vicenda di una persona accusata, dopo la guerra, di aver fatto la spia per la Gestapo. Un caso difficile che, stando alle affermazioni del protagonista, non ha trovato giustizia nonostante un processo pubblico. Concludiamo le nostre osservazioni proprio con questo ultimo tema che ci ha portato a riflettere sull importanza del ruolo dello storico e del suo lavoro di ricerca basato sulle fonti. Un lavoro che richiede un attenta analisi e valutazione dei materiali a disposizione per ricostruire il passato e rendere possibile la comprensione e l interpretazione della storia.

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

IL RUOLO DELLE DONNE DURANTE LA RESISTENZA. Lavoro a cura della 2^B dell Istituto Comprensivo di Vado Ligure Peterlin

IL RUOLO DELLE DONNE DURANTE LA RESISTENZA. Lavoro a cura della 2^B dell Istituto Comprensivo di Vado Ligure Peterlin IL RUOLO DELLE DONNE DURANTE LA RESISTENZA Lavoro a cura della 2^B dell Istituto Comprensivo di Vado Ligure Peterlin Le donne occuparono un ruolo molto importante durante la seconda guerra mondiale. Prima

Dettagli

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita Costituita in memoria di Piero Salvati, carabiniere e poi funzionario della Pubblica Amministrazione, ottimo maresciallo dell ANC di Tortona, mancato all affetto dei suoi cari e dei suoi tanti amici il

Dettagli

La Resistenza Italiana SPIEGATA DAGLI ALUNNI DELLA 3 E

La Resistenza Italiana SPIEGATA DAGLI ALUNNI DELLA 3 E La Resistenza Italiana SPIEGATA DAGLI ALUNNI DELLA 3 E Cosa è la resistenza? La Resistenza italiana, comunemente chiamata Resistenza, anche detta "Resistenza partigiana" o "Secondo Risorgimento", fu l'insieme

Dettagli

Alle Delegazioni e ai Comandi di brigata. Informazioni su effettivi, armamento, aerodromi, ecc., nemici. s.d., dattiloscr., 2 cc., non f.to.

Alle Delegazioni e ai Comandi di brigata. Informazioni su effettivi, armamento, aerodromi, ecc., nemici. s.d., dattiloscr., 2 cc., non f.to. Fondo 8º brigata Garibaldi "Romagna" 1. Comando generale delle brigate Garibaldi 1.1. Circolari Direttive per l'organizzazione dei servizi di intendenza o d'informazioni. Altre questioni: problemi delle

Dettagli

70 ANNI DEI GRUPPI DI DIFESA DELLA DONNA

70 ANNI DEI GRUPPI DI DIFESA DELLA DONNA 70 ANNI DEI GRUPPI DI DIFESA DELLA DONNA A Ravenna, dal 7 al 21 novembre 2014, si è tenuta la mostra «AL TABÁCHI» per descrivere il ruolo delle donne durante la Seconda Guerra Mondiale e in particolare

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. PERCORSO

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale dura dal 1939 al 1945 ed è una guerra totale, cioè coinvolge tutto il mondo. da un lato i regimi nazifascisti, gli STATI DELL ASSE, cioè Germania,

Dettagli

GIORNATA DELLA MEMORIA 25 GENNAIO 2013

GIORNATA DELLA MEMORIA 25 GENNAIO 2013 GIORNATA DELLA MEMORIA 25 GENNAIO 2013 RACCONTIAMO DI LUOGHI E DI FATTI CHE NON DEVONO ESSERE DIMENTICATI RICORDIAMO COLORO CHE HANNO AVUTO IL CORAGGIO DI SCEGLIERE IL BENE Classe v Scuola Primaria di

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

1930 ECCO IL PRATO SUL QUALE NEGLI ANNI 70 STATA COSTRUITA LA NOSTRA SCUOLA!!!!!!

1930 ECCO IL PRATO SUL QUALE NEGLI ANNI 70 STATA COSTRUITA LA NOSTRA SCUOLA!!!!!! 1930 ECCO IL PRATO SUL QUALE NEGLI ANNI 70 STATA COSTRUITA LA NOSTRA SCUOLA!!!!!! Dalla testimonianza di Alessandro: ho 15 anni, abito a Milano dove frequento il liceo. Vivo con i miei genitori ed una

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici La voce de "Gli Amici" Testo più grande Cerca domenica 2 maggio 2004 Home page News Newsletter Disabili mentali: amici senza limiti Handicap e Vangelo Pagina precedente Gli Amici La mostra di pittura Scarica

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale Il 1 settembre 1939 Hitler attacca la Polonia con il pretesto di occupare il corridoio di Danzica video A questo punto Francia e Inghilterra, decise a non permettere ulteriori

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

LA GUERRA DEI NOSTRI NONNI

LA GUERRA DEI NOSTRI NONNI Il Centro Pastorale C. M. Martini nell Università degli Studi di Milano - Bicocca è lieto di invitare alla presentazione del libro La guerra dei nostri nonni di Aldo Cazzullo che si terrà venerdì 14 novembre

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

STORIA DELLA VIOLENZA. Autori: -Devecchi Francesco -Todini Alberto -Sene Maleye -Pulcher Leonardo -Daniele Giuseppe

STORIA DELLA VIOLENZA. Autori: -Devecchi Francesco -Todini Alberto -Sene Maleye -Pulcher Leonardo -Daniele Giuseppe STORIA DELLA VIOLENZA Autori: -Devecchi Francesco -Todini Alberto -Sene Maleye -Pulcher Leonardo -Daniele Giuseppe Storia della violenza Analisi e utilizzo delle immagini come fonti storiche Nella lezione

Dettagli

In occasione della Giornata della Memoria, Green Cross Italia raccoglie le riflessioni del vicepresidente nazionale dell Aned

In occasione della Giornata della Memoria, Green Cross Italia raccoglie le riflessioni del vicepresidente nazionale dell Aned In occasione della Giornata della Memoria, Green Cross Italia raccoglie le riflessioni del vicepresidente nazionale dell Aned Gli anni della persecuzione nazista Dario Venegoni li ha vissuti attraverso

Dettagli

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi Articolo 1: Il bambino (o bambina) è ogni essere umano fino a 18 anni. Articolo 2: Gli Stati devono rispettare, nel

Dettagli

NON ERA UNA DONNA ERA UN BANDITO

NON ERA UNA DONNA ERA UN BANDITO NON ERA UNA DONNA ERA UN BANDITO Il giorno 16 aprile, noi della classe III H abbiamo avuto la possibilità di poter incontrare la professoressa Nadia Olivieri, dell Istituto della storia della Resistenza

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

GRUPPO DI EBREI ADOTTATI

GRUPPO DI EBREI ADOTTATI GRUPPO DI EBREI ADOTTATI Il 15 giugno 2009, pranzai presso la Villa Immacolata a Torreglia (PD), nello stesso tavolo con la signora Alberoni Angelina detta Imelda di Vigodarzere. In quella circostanza

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

Immagina il maggior numero di usi possibile per una graffetta

Immagina il maggior numero di usi possibile per una graffetta Test di creatività Immagina il maggior numero di usi possibile per una graffetta H. Gardner, Cinque chiavi per il futuro, pag. 89 Cinque chiavi per il tuo futuro - Disciplinare -Sintetica -Creativa Forme

Dettagli

Stage a Barcellona. Diritto internazionale: I diritti umani e il Franchismo

Stage a Barcellona. Diritto internazionale: I diritti umani e il Franchismo Stage a Barcellona Diritto internazionale: I diritti umani e il Franchismo Un gruppo di venticinque alunni del II e III liceo provenienti da tutte le sezioni presenti nel liceo ha partecipato dal 7 Aprile

Dettagli

Diario di bordo Attività Pietre d'inciampo Torino 2015 S.M.S. P. Calamandrei 3H

Diario di bordo Attività Pietre d'inciampo Torino 2015 S.M.S. P. Calamandrei 3H Diario di bordo Attività Pietre d'inciampo Torino 2015 S.M.S. P. Calamandrei 3H Il progetto Pietre d'inciampo Torino 2015 ha lo scopo di ricordare le singole vittime della deportazione nazista e fascista.

Dettagli

Prot. n. 3. A tutte le brigate e i distaccamenti. Recuperi e requisizioni. S.d., dattiloscr., 1 c., f.to: Il Comando militare unico Emilia Romagna.

Prot. n. 3. A tutte le brigate e i distaccamenti. Recuperi e requisizioni. S.d., dattiloscr., 1 c., f.to: Il Comando militare unico Emilia Romagna. Fondo 8º brigata Garibaldi "Romagna" 2. Comando militare unico Emilia Romagna 2.1. Circolari (I) Prot. n.1. A tutte le brigate e distaccamenti. Situazioni ed armamento delle formazioni. s.d., dattiloscr.,

Dettagli

INTERVENTO PER IL 70 ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE E DELLA FINE DEL SECONDO CONFLITTO MONDIALE 25 APRILE 2015.

INTERVENTO PER IL 70 ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE E DELLA FINE DEL SECONDO CONFLITTO MONDIALE 25 APRILE 2015. INTERVENTO PER IL 70 ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE E DELLA FINE DEL SECONDO CONFLITTO MONDIALE 25 APRILE 2015. A tutti gli oggionesi, ai rappresentanti delle Istituzioni, alle autorità militari e di polizia,

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

STORIA. Il Fascismo. Perchè si ha il Fascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra. Chi è Benito Mussolini? il testo:

STORIA. Il Fascismo. Perchè si ha il Fascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra. Chi è Benito Mussolini? il testo: 01 Perchè si ha il ascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra Nel dopoguerra (alla fine della prima Guerra Mondiale, che si chiama anche Grande Guerra) l Italia si trova in una situazione difficile. In

Dettagli

GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE I CAVALLI La prima guerra mondiale sfruttò moltissimo gli animali; cani, asini, muli, cavalli e piccioni vennero largamente usati nelle operazioni militari, in un

Dettagli

Un complotto in Julia Augusta Taurinorum

Un complotto in Julia Augusta Taurinorum Giulia Piovano Un complotto in Julia Augusta Taurinorum I diritti di traduzione, memorizzazione elettronica, riproduzione e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo (compresi i microfilm e

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

Giorno della Memoria. 27 gennaio 1945-2015. Un ricordo per le vittime, gli eroi e gli interpreti.

Giorno della Memoria. 27 gennaio 1945-2015. Un ricordo per le vittime, gli eroi e gli interpreti. Giorno della Memoria 27 gennaio 1945-2015 Un ricordo per le vittime, gli eroi e gli interpreti. Il 27 gennaio 1945 il campo di concentramento di Auschwitz viene liberato dalle truppe russe. Il 27 gennaio

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo L Italia fascista Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo La nascita e l affermazione del Fascismo La prima riunione del movimento dei fasci di combattimento si tenne a Milano nel 1919.

Dettagli

SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA. L esempio di un cittadino nell antichità

SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA. L esempio di un cittadino nell antichità SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA L esempio di un cittadino nell antichità Poiché Socrate non ha lasciato testi scritti, conosciamo la sua vita e il suo pensiero attraverso le opere di Platone, famoso filosofo,

Dettagli

REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA

REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA Principi, obiettivi e istruzioni IL SOSTEGNO A DISTANZA che cos è Con il termine Sostegno a Distanza si vuole convenzionalmente indicare una forma di solidarietà, oggi molto

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

IL FASCISMO 1919-1943

IL FASCISMO 1919-1943 IL FASCISMO 1919-1943 Origini del fascismo 1919-1921 Il fascismo prende il potere 1922-1924 Diventa una regime totalitario di massa (dittatura) 1925-1943 Le origini del Fascismo 1919-1921 Dalla crisi economica

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

all improvviso nella vita la dialisi peritoneale

all improvviso nella vita la dialisi peritoneale all improvviso nella vita la dialisi peritoneale Ivo SaglIettI Un ringraziamento ai medici e infermieri del gruppo della dialisi peritoneale e a tutti i pazienti che con fiducia mi hanno aperto la loro

Dettagli

Il1968 è anno di rottura col passato

Il1968 è anno di rottura col passato Il1968 è anno di rottura col passato Evento chiave: la guerra in Vietnam perché non si riconosce all intervento di Usa quella valenza di tutela della libertà contro i rischi del comunismo Giovani di paesi

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

Storia del campo di concentramento di Mauthausen

Storia del campo di concentramento di Mauthausen Hans Maršálek Storia del campo di concentramento di Mauthausen Documentazione 9. Sono sano sto bene 65 9. Sono sano sto bene A certi prigionieri era permesso, una volta al mese, di scrivere una lettera

Dettagli

MODULO II CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA

MODULO II CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA MODULO II I destinatari del diritto Materiali prodotti nell ambito del progetto I care dalla prof.ssa Giuseppa Vizzini con la collaborazione

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

Proposta di lettura statistica del database

Proposta di lettura statistica del database Proposta di lettura statistica del database Giovanni Aiassa Transiti nel Battaglione dei Cacciatori Franchi dal 1 gennaio 1859 al 31 dicembre 1861 Presentiamo dati e considerazioni che emergono dall analisi

Dettagli

Fondo Cerasi Bruno Buste 5 Fascicoli 29

Fondo Cerasi Bruno Buste 5 Fascicoli 29 Fondo Cerasi Bruno Buste 5 Fascicoli 29 Bruno Cerasi (Nando), militante comunista di origine piombinese, operaio del Tibb, è stato dirigente politico durante la lotta di liberazione nel III settore delle

Dettagli

LA STORIA DELL ANPAS

LA STORIA DELL ANPAS LA STORIA DELL ANPAS Le Pubbliche Assistenze nascono alla metà dell 800 sulla spinta degli ideali risorgimentali SCHEDA 2 Le radici storiche SOCIETÀ OPERAIE DI MUTUO SOCCORSO Sodalizi attivi negli stati

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

NOVE DA FIRENZE. L evoluzione della cartografia militare dai Lorena ai Savoia

NOVE DA FIRENZE. L evoluzione della cartografia militare dai Lorena ai Savoia NOVE DA FIRENZE www.nove.firenze.it http://www.nove.firenze.it/levoluzione-della-cartografia-militare-dai-lorena-ai-savoia.htm L evoluzione della cartografia militare dai Lorena ai Savoia sabato 07 novembre

Dettagli

La vita quotidiana durante la guerra

La vita quotidiana durante la guerra La vita quotidiana durante la guerra 1936: il discorso di Giuseppe Motta Ascoltiamo il discorso pronunciato da Giuseppe Motta, allora Consigliere federale, e quindi leggiamo il testo qui sotto riportato

Dettagli

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo?

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo? Intervista rilasciata su videocassetta dalla Sig.ra Miranda Cavaglion il 17 giugno 2003 presso la propria abitazione in Cascine Vica, Rivoli. Intervistatrice: Prof.ssa Marina Bellò. Addetto alla registrazione:

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

Progetto incontra l autore

Progetto incontra l autore Progetto incontra l autore Il primo aprile la classe 2 C ha incontrato Viviana Mazza, la scrittrice del libro per ragazzi «Storia di Malala». Due nostre compagne l hanno intervistata sul suo lavoro e sul

Dettagli

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI LA STORIA DEI DIRITTI UMANI IL DOCUMENTO CHE SEGNA UNA TAPPA FONDAMENTALE NELL AFFERMAZIONE DEI DIRITTI UMANI È LA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL UOMO SIGLATA NEL 1948. OGNI DIRITTO PROCLAMATO

Dettagli

VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia

VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia VIVERE NELLA PAURA Il circolo vizioso della violenza in Colombia Da oltre 40 anni la vita in Colombia è dominata dalla paura e dai conflitti. Migliaia di colombiani che vivono in zone remote o negli slum

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri.

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) Andare a visitare gli anziani all ospedale 2) Attività in gruppo: vengono proposte diverse immagini sull amore per discutere sui vari tipi di amore

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

Dopo le vacanze natalizie l attenzione dei bambini si è rivolta. prevalentemente nella ricostruzione della propria storia.

Dopo le vacanze natalizie l attenzione dei bambini si è rivolta. prevalentemente nella ricostruzione della propria storia. Dal diario di bordo, relazione lavoro di storia, terzo bimestre. La mia storia, alla ricerca delle fonti. Dopo le vacanze natalizie l attenzione dei bambini si è rivolta prevalentemente nella ricostruzione

Dettagli

I NONNI FANNO LA STORIA. La seconda guerra mondiale

I NONNI FANNO LA STORIA. La seconda guerra mondiale I NONNI FANNO LA STORIA La seconda guerra mondiale In occasione del 25 aprile, giorno della liberazione dal regime nazifascista, abbiamo intervistato i nostri nonni per conoscere la guerra che loro hanno

Dettagli

Strumento didattico: MODULO FORMATIVO: LE MADRI COSTITUENTI Percorso di ricerca storica

Strumento didattico: MODULO FORMATIVO: LE MADRI COSTITUENTI Percorso di ricerca storica Strumento didattico: MODULO FORMATIVO: LE MADRI COSTITUENTI Percorso di ricerca storica Referendum del 2 Giug 1945 Il voto alle donne Le donne elette all assemblea costituente Il ruolo delle donne nella

Dettagli

I bambini vengono costretti a lavorare

I bambini vengono costretti a lavorare Un continente segnato dalle violenze, dai soprusi e dalle ingiustizie. Il destino di schiavitù che nei secoli scorsi ha colpito l'africa non si è esaurito nemmeno nel Terzo millennio. Nell'Ottocento, uomini

Dettagli

La democrazia moderna è nata in Grecia

La democrazia moderna è nata in Grecia 01 Democrazia significa potere del popolo La democrazia è un sistema politico (regole e istituzioni di uno stato) dove tutti i cittadini hanno gli stessi diritti. La democrazia ha queste caratteristiche:

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

La strage di Capaci raccontata da Tina Montinaro

La strage di Capaci raccontata da Tina Montinaro La strage di Capaci raccontata da Tina Montinaro Venerdì 17 aprile, è venuta nella nostra scuola signora Tina Montinaro, vedova di Antonio Montinaro, uno dei tre uomini di scorta che viaggiavano nella

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO

CROCE ROSSA ITALIANA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO CROCE ROSSA ITALIANA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO Perché questa lezione? E compito di ogni volontario di Croce Rossa comprendere e diffondere i principi e gli scopi del Diritto Internazionale Umanitario,

Dettagli

Comune di S. Giuliano Terme. LA GRANDE GUERRA A S. GIULIANO attraverso i documenti dell Archivio Storico Comunale (1915-1918)

Comune di S. Giuliano Terme. LA GRANDE GUERRA A S. GIULIANO attraverso i documenti dell Archivio Storico Comunale (1915-1918) Comune di S. Giuliano Terme UNITA DIDATTICA LA GRANDE GUERRA A S. GIULIANO attraverso i documenti dell Archivio Storico Comunale (1915-1918) S. Giuliano Terme monumento ai caduti della Grande Guerra nei

Dettagli

CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE

CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE 1 CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE La passione per la storia risale ai primi anni della mia vita e ora, che ho dieci anni, continuo ad avere interesse per tutto ciò

Dettagli

Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA

Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA Un altra speranza Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA Autobiografia www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Riccardo Dossena Tutti i diritti riservati Progetto scrivere di Riccardo Dossena. Con il mio

Dettagli

L'Afghanistan della gente: la guerra permanente, l'oppressione e le donne

L'Afghanistan della gente: la guerra permanente, l'oppressione e le donne L'Afghanistan della gente: la guerra permanente, l'oppressione e le donne Che cosa è successo e succede in Afghanistan Che cosa hanno vissuto e vivono le donne Donne speciali: RAWA, HAWCA, OPAWC, Malalai

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

La Scuola a Cinema. I.T.I.S. Antonio Monaco (CS) Coordinatrice e referente: Professoressa Florio Francesca. Classi: 5 Eia, 5 Bet, 5 Ci, 5 Aet, 5 Am

La Scuola a Cinema. I.T.I.S. Antonio Monaco (CS) Coordinatrice e referente: Professoressa Florio Francesca. Classi: 5 Eia, 5 Bet, 5 Ci, 5 Aet, 5 Am La Scuola a Cinema 12 Edizione I.T.I.S. Antonio Monaco (CS) Classi: 5 Eia, 5 Bet, 5 Ci, 5 Aet, 5 Am Coordinatrice e referente: Professoressa Florio Francesca Il progetto La Scuola a Cinema è giunto quest

Dettagli

LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941

LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941 LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941 Alla fine del 1940 l Italia invade la Grecia. L impresa è più difficile del previsto e deve chiedere aiuto ai tedeschi L esercito italiano e quello tedesco combattono

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai:

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai: Unità 6 Al Pronto Soccorso In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso l uso degli

Dettagli

Pronto, qui Prima linea - Cisterna d'asti 13/11/14

Pronto, qui Prima linea - Cisterna d'asti 13/11/14 1 2 1968-1969 la grande contestazione nelle Università 12 dicembre 1969 strage di piazza Fontana 17 morti 88 feriti 28 maggio 1974 strage di piazza della Loggia a Brescia 8 morti e 102 feriti 4 agosto

Dettagli

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE Gli Italiani vogliono essere indipendenti. Gli Italiani cercano di liberarsi dagli austriaci e dagli amici degli austriaci. Questo periodo si chiama RISORGIMENTO. Gli

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente

Ministero della Pubblica Istruzione Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente Prot. n. 3104/P5 Roma, 21 giugno 2007 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di T R E N T O Al Sovrintendente Scolastico per la scuola in

Dettagli

Ogni anno, l 8 Marzo si celebra la "Festa della donna". Ma perché è stata istituita? E perché proprio l 8 Marzo? Questa data ricorda una terribile

Ogni anno, l 8 Marzo si celebra la Festa della donna. Ma perché è stata istituita? E perché proprio l 8 Marzo? Questa data ricorda una terribile Ogni anno, l 8 Marzo si celebra la "Festa della donna". Ma perché è stata istituita? E perché proprio l 8 Marzo? Questa data ricorda una terribile tragedia, avvenuta l 8 Marzo 1908, a New York, negli Stati

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR

PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR Reading del libro a cura dei ragazzi della IIIA della scuola media n. 2 "S. Farina" Con la collaborazione della libreria Il Labirinto di Alghero Un matrimonio combinato,

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Progetto Le vie della Resistenza (1943-1945)

Progetto Le vie della Resistenza (1943-1945) Capellini, Dario, Medaglia d Argento al V.M., piazza Manarola, Comune di Riomaggiore, SP Biografia a cura di M.Cristina Mirabello Nasce nel 1921 a Manarola (Riomaggiore) e rimane orfano di padre a soli

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

AI GENITORI STRANIERI Com è oggi la scuola in Italia

AI GENITORI STRANIERI Com è oggi la scuola in Italia Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate via Codussi, 7 414 Bergamo Tel 03543373 Fax: 0357033- www.darosciate.it e-mail: segreteria@darosciate.it -

Dettagli

Prefazione. Saluto del Commissario Straordinario C.R.I. Saluto del Commissario Regionale C.R.I. Abruzzo

Prefazione. Saluto del Commissario Straordinario C.R.I. Saluto del Commissario Regionale C.R.I. Abruzzo Prefazione Il calendario 2011 della Croce Rossa Italiana della Provincia di Teramo è dedicato agli oltre mille tra Volontarie e Volontari che, dopo aver svolto la loro attività lavorativa, impegnano parte

Dettagli

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese della Riviera. L intervento del nostro leader in 20

Dettagli

IL RISORGIMENTO IN SINTESI

IL RISORGIMENTO IN SINTESI IL RISORGIMENTO IN SINTESI La rivoluzione francese ha rappresentato il tentativo violento, da parte del popolo, ma soprattutto della borghesia francese (e poi anche del resto dei paesi europei) di lottare

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

Ist. Viganò: i ragazzi di 3^ e 4^ G raccontano con una mostra Corleone e la lotta alla mafia di cui sono stati 'testimoni diretti'

Ist. Viganò: i ragazzi di 3^ e 4^ G raccontano con una mostra Corleone e la lotta alla mafia di cui sono stati 'testimoni diretti' Ist. Viganò: i ragazzi di 3^ e 4^ G raccontano con una mostra Corleone e la lotta alla mafia di cui sono stati 'testimoni diretti' Merate Hanno deciso di condividere con studenti, professori, amici e parenti

Dettagli

La quotidianità di Giorgio

La quotidianità di Giorgio Giorgio La Pira La Storia Nella vita di Giorgio La Pira, spicca l'eccezionale personalità di un uomo ispirato dalla vocazione, votato alla pace e alla fratellanza, che seppe coniugare gli ideali del cattolicesimo

Dettagli