MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Rapporto di sintesi sull esito dell indagine campionaria sull opinione pubblica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Rapporto di sintesi sull esito dell indagine campionaria sull opinione pubblica"

Transcript

1 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO POLITICHE DI SVILUPPO E COESIONE SERVIZIO PER LE POLITICHE DEI FONDI STRUTTURALI COMUNITARI Servizio di misurazione dell efficacia delle azioni di comunicazione realizzate allo scopo di diffondere la maggiore conoscenza dei fondi e del QCS nelle regioni italiane dell Obiettivo 1 Rapporto di sintesi sull esito dell indagine campionaria sull opinione pubblica Roma, Maggio 2004

2 Servizio di misurazione dell efficacia delle azioni di comunicazione del MEF mirate a diffondere una maggiore conoscenza dei Fondi Strutturali e del QCS Rapporto di sintesi sull esito dell indagine campionaria sull opinione pubblica INDICE 1. PREMESSA LA METODOLOGIA ADOTTATA L UNIVERSO DI RIFERIMENTO IL DISEGNO CAMPIONARIO LO STRUMENTO DI RILEVAZIONE IL PERIODO DI RILEVAZIONE IL PROFILO DEL CAMPIONE CARATTERISTICHE SOCIO-DEMOGRAFICHE DEGLI INTERVISTATI FRUIZIONE DEI MEDIA L ANALISI DEI RISULTATI LA CONSAPEVOLEZZA DEL RUOLO SVOLTO DALL'UNIONE EUROPEA PER IL SOSTEGNO DELLE AREE IN RITARDO DI SVILUPPO L EFFICACIA DELLA CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE INTEGRATA LA CONOSCENZA E L UTILIZZO DEGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE INTERATTIVI LA CONOSCENZA DELLE CARATTERISTICHE E DEI MECCANISMI DI FUNZIONAMENTO DEI FONDI STRUTTURALI L ATTEGGIAMENTO NEI CONFRONTI DELL'UNIONE EUROPEA CONCLUSIONI E RACCOMANDAZIONI...37 ALLEGATI...39 A.1 QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE A.2 APPENDICE STATISTICA 2

3 Servizio di misurazione dell efficacia delle azioni di comunicazione del MEF mirate a diffondere una maggiore conoscenza dei Fondi Strutturali e del QCS Rapporto di sintesi sull esito dell indagine campionaria sull opinione pubblica 1. PREMESSA Il presente rapporto sintetizza l esito della prima fase di analisi relativa all incarico affidato dal MEF all ATI IPSOS-Ernst & Young Financial Business Advisors, per la valutazione dell efficacia delle azioni di comunicazione attuate dal Ministero allo scopo di dare adeguata pubblicità alle finalità e ai contenuti del Quadro Comunitario di Sostegno e a promuovere l immagine dell UE. Più in particolare, il rapporto contiene i principali risultati dell indagine quantitativa condotta su un campione rappresentativo dell opinione pubblica e costituisce il primo step di una più ampia analisi, che prevede, nella seconda fase, il ricorso ad indagini di campo di carattere qualitativo. Le considerazioni espresse nel presente rapporto costituiscono pertanto un primo output e, pur fornendo già indicazioni di carattere strategico ed operativo, sono suscettibili, in quanto non definitive, di essere arricchite e anche, parzialmente, di essere modificate alla luce di quanto emergerà dai focus group regionali previsti. Obiettivo specifico di tale documento è stato, quindi, quello di: consentire al Ministero di acquisire una conoscenza approfondita della capacità della campagna di comunicazione attuata di: - diffondere una più larga conoscenza tra i cittadini, in special modo di quelli residenti nelle regioni interessate dall intervento del QCS , del ruolo dell UE nella promozione dello sviluppo regionale; - raggiungere, attraverso la campagna pubblicitaria e gli altri strumenti di comunicazione attivati, i diversi target e di veicolare i messaggi e le informazioni che si intendevano far arrivare ai destinatari; - stimolare l accesso ai canali di informazione esistenti per promuovere una più ampia e profonda conoscenza dei meccanismi e delle caratteristiche di funzionamento operativo dei fondi strutturali; - promuovere l acquisizione della consapevolezza di appartenenza, da parte dei cittadini all UE fornire al Ministero suggerimenti e raccomandazioni sulle modalità attraverso cui migliorare ulteriormente l efficacia delle nuove azioni di comunicazione. 3

4 Servizio di misurazione dell efficacia delle azioni di comunicazione del MEF mirate a diffondere una maggiore conoscenza dei Fondi Strutturali e del QCS Rapporto di sintesi sull esito dell indagine campionaria sull opinione pubblica 2. LA METODOLOGIA ADOTTATA 2.1. L universo di Riferimento L universo di riferimento è stato costituito dall opinione pubblica (popolazione italiana adulta dai 18 ai 70 anni residente su tutto il territorio italiano). Inoltre, è stato realizzato un approfondimento sull opinione pubblica della popolazione italiana adulta dai 18 ai 70 anni residente nelle regioni Obiettivo Il disegno campionario Per quanto riguarda l estrazione delle unità del campione da intervistare, la tecnica utilizzata è stata quella del campionamento stratificato proporzionale. Il campione stratificato, da costruirsi dopo aver suddiviso la opinione pubblica in gruppi o strati, equivale ad una serie di campioni casuali corrispondenti ad altrettante sottopopolazioni, ciascuna costituente uno strato. Le variabili di stratificazione utilizzate sono di tipo geografico: - regione e ampiezza del comune e di tipo demografico: - sesso ed età Nella tabella riportata nella pagina successiva viene descritta la distribuzione percentuale della popolazione italiana adulta (dai 18 ai 70 anni) per le variabili regione ed ampiezza comune, e sesso ed età, così come desunto dal 14 Censimento Generale della popolazione e delle abitazioni anno

5 Servizio di misurazione dell efficacia delle azioni di comunicazione del MEF mirate a diffondere una maggiore conoscenza dei Fondi Strutturali e del QCS Rapporto di sintesi sull esito dell indagine campionaria sull opinione pubblica Tab. 1 Distribuzione percentuale della popolazione italiana adulta per le variabili Regione e Ampiezza Comune Fino a Da a Da a ab ab ab. Da a ab. Da a ab. Oltre Totale ab. complessivo Piemonte 3.1% 1.4% 1.2% 0.2% 0.0% 1.5% 7.4% Val D'Aosta 0.2% 0.0% 0.1% 0.0% 0.0% 0.0% 0.2% Lombardia 6.8% 3.5% 2.7% 0.7% 0.0% 2.1% 15.8% Trentino Alto Adige 1.0% 0.2% 0.3% 0.2% 0.0% 0.0% 1.7% Veneto 3.3% 2.5% 0.8% 1.0% 0.5% 0.0% 8.0% Friuli Venezia Giulia 1.0% 0.4% 0.3% 0.4% 0.0% 0.0% 2.1% Liguria 0.8% 0.5% 0.4% 0.0% 0.0% 1.1% 2.8% Emilia Romagna 2.0% 1.8% 0.9% 1.7% 0.7% 0.0% 7.0% Toscana 1.4% 1.7% 1.8% 0.6% 0.6% 0.0% 6.1% Umbria 0.4% 0.4% 0.3% 0.4% 0.0% 0.0% 1.4% Marche 1.0% 0.6% 0.8% 0.2% 0.0% 0.0% 2.6% Lazio 1.5% 1.2% 1.5% 0.2% 0.0% 4.4% 8.8% Abruzzo 1.0% 0.5% 0.5% 0.2% 0.0% 0.0% 2.2% Molise 0.4% 0.1% 0.1% 0.0% 0.0% 0.0% 0.6% Campania 2.4% 2.3% 3.3% 0.3% 0.0% 1.8% 10.0% Puglia 1.2% 2.4% 2.4% 0.6% 0.6% 0.0% 7.1% a 0.6% 0.2% 0.2% 0.0% 0.0% 0.0% 1.1% Calabria 1.8% 0.7% 0.8% 0.3% 0.0% 0.0% 3.5% Sicilia 2.0% 2.3% 2.1% 0.6% 0.5% 1.2% 8.6% Sardegna 1.4% 0.6% 0.4% 0.5% 0.0% 0.0% 2.8% Totale complessivo 33.1% 23.1% 20.9% 8.1% 2.9% 12.0% 100.0% Fonte: ISTAT - 14 Censimento Generale della popolazione e delle abitazioni Anno 2001 Tab. 2 Distribuzione percentuale della popolazione italiana adulta per le variabili Sesso ed Età Da 18 a 24 Da 25 a 29 Da 30 a 34 Da 35 a 44 Da 45 a 54 Da 55 a 64 Da 65 a Totale 70 complessivo Donne 5.8% 5.4% 5.7% 11.1% 9.8% 8.9% 4.1% 50.7% Uomini 6.0% 5.4% 5.8% 11.0% 9.5% 8.3% 3.4% 49.3% Totale complessivo 11.8% 10.7% 11.5% 22.1% 19.3% 17.2% 7.4% 100.0% Fonte: ISTAT - 14 Censimento Generale della popolazione e delle abitazioni Anno

6 Servizio di misurazione dell efficacia delle azioni di comunicazione del MEF mirate a diffondere una maggiore conoscenza dei Fondi Strutturali e del QCS Rapporto di sintesi sull esito dell indagine campionaria sull opinione pubblica La numerosità campionaria è stata pari a interviste totali. Tale numerosità è stata così suddivisa: interviste per il campione rappresentativo dell opinione pubblica (popolazione italiana adulta residente su tutto il territorio); interviste per il campione rappresentativo dell opinione pubblica meridionale (popolazione adulta residente nelle regioni Obiettivo 1). Suddividendo le interviste complessive in questo modo è stato possibile leggere i risultati a livello di totale Italia e, grazie al sovra-campionamento a livello di regioni dell Obiettivo 1, con una buona attendibilità statistica. Nella pagina che segue viene riportata la distribuzione delle interviste, relative al campione Totale Italia, stratificate proporzionalmente per le variabili di tipo geografico (regione e ampiezza comune) e di tipo demografico (sesso ed età). 6

7 Servizio di misurazione dell efficacia delle azioni di comunicazione del MEF mirate a diffondere una maggiore conoscenza dei Fondi Strutturali e del QCS Rapporto di sintesi sull esito dell indagine campionaria sull opinione pubblica Tab. 3 Distribuzione delle interviste (Totale Italia) per le variabili Regione e Ampiezza Comune Fino a ab. Da a ab. Da a ab. Da a ab. Da a ab. Oltre Totale ab. complessivo Distrib. Percent. Piemonte % Val D'Aosta % Lombardia % Trentino Alto Adige % Veneto % Friuli Venezia Giulia % Liguria % Emilia Romagna % Toscana % Umbria % Marche % Lazio % Abruzzo % Molise % Campania % Puglia % a % Calabria % Sicilia % Sardegna % Totale complessivo % Tab. 4 Distribuzione delle interviste (Totale Italia) per le variabili Sesso ed Età Da 18 a 24 Da 25 a 29 Da 30 a 34 Da 35 a 44 Da 45 a 54 Da 55 a 64 Da 65 a Totale 70complessivo Distrib. Percent. Donne % Uomini % Totale complessivo % Le altre interviste sono state ripartite proporzionalmente nelle regioni appartenenti all Obiettivo 1 (Molise, Campania, Puglia, a, Calabria, Sicilia e Sardegna) come illustrato nelle due tabelle seguenti. 7

8 Servizio di misurazione dell efficacia delle azioni di comunicazione del MEF mirate a diffondere una maggiore conoscenza dei Fondi Strutturali e del QCS Rapporto di sintesi sull esito dell indagine campionaria sull opinione pubblica Tab. 5 Distribuzione delle interviste (regioni Obiettivo 1) per le variabili Regione e Ampiezza Comune Fino a Da a Da a ab ab ab. Da a ab. Da a ab. Oltre ab. Totale complessivo Distrib. Percent. Molise % Campania % Puglia % a % Calabria % Sicilia % Sardegna % Totale complessivo % Tab. 6 Distribuzione delle interviste (regioni Obiettivo 1) per le variabili Sesso ed Età Anni Molise Campania Puglia a Calabria Sicilia Sardegna Totale Distrib. Percent % % % % % % % % % % % % % % Totale complessivo % Donne Uomini 2.3. Lo strumento di rilevazione La tecnica di rilevazione adottata è stata l intervista telefonica C.A.T.I. (Computer Aided Telephone Interviewing) in quanto ritenuta più idonea per questa fase. Tale tecnica coniuga l'uso della tecnologia informatica e dei sistemi di telecomunicazione, eliminando i tradizionali questionari cartacei. 8

9 Servizio di misurazione dell efficacia delle azioni di comunicazione del MEF mirate a diffondere una maggiore conoscenza dei Fondi Strutturali e del QCS Rapporto di sintesi sull esito dell indagine campionaria sull opinione pubblica In concreto, le interviste sono state condotte al telefono leggendo direttamente le domande dallo schermo del computer, mentre il software controllava automaticamente il rispetto di filtri e salti logici nella sequenza delle domande e la gestione delle rotazioni in presenza di batterie di items. I vantaggi del sistema C.A.T.I. sono, quindi, legati a: il livello di controllo che si può esercitare già durante la fase di conduzione dell'intervista (eliminando, così, la possibilità di errore da parte dell'intervistatore); la possibilità di gestire e controllare efficacemente sequenze anche complesse di domande; la possibilità di elaborare immediatamente e con frequenza anche giornaliera i dati raccolti; la possibilità di gestire un ampia dispersione territoriale del campione senza che questo comporti un aggravio dei costi. Le interviste sono state effettuate presso il centro telefonico di Ipsos-Explorer (coordinato e controllato centralmente), dove sono attualmente disponibili circa 180 postazioni C.A.T.I.. La nostra rete di intervistatori è attualmente costituita da circa 350 unità. Tale struttura è in grado di effettuare contatti mensili e di realizzare interviste mensili. Le unità da intervistare sono state selezionate casualmente all interno dei database in nostro possesso (SEAT Pagine Bianche, Gruppo Piramide, ecc.) contenenti i nominativi di tutte le circa 20 milioni di famiglie italiane intestatarie di un contratto di telefonia fissa. All interno della famiglia selezionata, l unità finale a cui è stata somministrata l intervista, è stata scelta con criteri di assoluta casualità utilizzando tecniche di randomizzazione quali, ed esempio, quella denominata del last birthday 1. Utilizzando il metodo C.A.T.I., è stato possibile monitorare in tempo reale l andamento delle interviste concludendo la rilevazione nei tempi stabiliti in fase di pianificazione. Il questionario di rilevazione ha avuto una durata complessiva di circa 18 minuti. Al fine di mettere a punto lo strumento di rilevazione, prima di iniziare la rilevazione sono state realizzate 50 interviste pilota allo scopo di valutare la somministrabilità del questionario e la sua comprensibilità. Tale fase pilota non ha evidenziato criticità e non è stato necessario apportare modifiche al questionario Il periodo di rilevazione Le interviste, inclusive della fase pilota, si sono svolte tra il 3 e il 29 febbraio Al fine di garantire la miglior rappresentatività del campione le interviste sono state realizzate nell arco di tutta la giornata: mattino, pomeriggio e sera. 1 Tale tecnica consiste nel chiedere di parlare con la persona all interno della famiglia che ha compiuto per ultimo il compleanno. Se tale individuo soddisfa le condizioni di eleggibilità, verrà intervistato. 9

10 Servizio di misurazione dell efficacia delle azioni di comunicazione del MEF mirate a diffondere una maggiore conoscenza dei Fondi Strutturali e del QCS Rapporto di sintesi sull esito dell indagine campionaria sull opinione pubblica 3. IL PROFILO DEL CAMPIONE 3.1. Caratteristiche socio-demografiche degli intervistati Sesso Il campione rispetta perfettamente le quote per sesso prefissate dal disegno campionario. A totale Italia gli italiani adulti risultano per il 49,3% uomini e per il 50,7% donne. Per le Regioni Obiettivo 1 nel complesso si ha un dato pressoché identico. Età Il campione rispetta perfettamente le quote per età prefissate dal disegno campionario. A totale Italia gli italiani adulti risultano avere un età media pari a 42,6 anni. Per le Regioni Obiettivo 1 nel complesso si ha un dato inferiore (41,2 anni). Titolo di studio Tra gli italiani adulti intervistati il 12,6% è in possesso di un diploma di laurea, il 48% possiede un diploma di scuola superiore, il 28% possiede la licenza di scuola media inferiore mentre il 9,5 possiede la licenza elementare. Per le Regioni Obiettivo 1 nel complesso si ha un dato pressoché identico a quello nazionale. Condizione lavorativa Il 51,2% degli italiani adulti intervistati si dichiara occupato: il 42% a tempo pieno ed il 9,2% a tempo parziale. Nelle Regioni Obiettivo 1 nel complesso gli occupati risultano essere meno (46,3%). Mentre all interno di queste regioni il dato è uniforme. 10

11 Servizio di misurazione dell efficacia delle azioni di comunicazione del MEF mirate a diffondere una maggiore conoscenza dei Fondi Strutturali e del QCS Rapporto di sintesi sull esito dell indagine campionaria sull opinione pubblica Professione Tab. 7 Professione degli intervistati (Totale Italia e Regioni Obiettivo 1) Italia Obiettivo 1 Dirigente/ Quadro intermedio 2.6% 2.3% Impiegato/ Insegnante/ Operaio specializzato/ generico 33.0% 27.4% Imprenditore/ Libero professionista/ Lavoratore autonomo/ Commerciante/ Esercente/ Artigiano/ Agricoltore 12.2% 12.5% Casalinga 15.6% 19.1% Pensionato 16.5% 11.8% Studente 8.6% 11.3% In cerca di prima occupazione 1.4% 2.0% Disoccupato 6.2% 8.6% Altro / non indica 4.0% 5.0% Fonte: indagine campionaria IPSOS EYFBA Tra gli italiani adulti intervistati il 2,6% dichiara di essere dirigente o quadro intermedio, il 33% impiegato, insegnate o operaio, il 12,2% svolge una attività di lavoro autonomo, il 15,6% è casalinga, il 16,5% è pensionato, l 8,6% è studente e il 6,2% è disoccupato. Per le Regioni Obiettivo 1 nel complesso si registra una percentuale di casalinghe e di disoccupati superiore al dato medio nazionale (rispettivamente 19,1% e 8,6%), mentre per quanto riguarda gli impiegati ed i pensionati si ha un dato inferiore (rispettivamente 27,4% e 11,8%). Regione di residenza Il campione rispetta perfettamente le quote per regione prefissate dal disegno campionario. Ampiezza del comune Il campione rispetta perfettamente le quote per ampiezza del comune prefissate dal disegno campionario. 11

12 Servizio di misurazione dell efficacia delle azioni di comunicazione del MEF mirate a diffondere una maggiore conoscenza dei Fondi Strutturali e del QCS Rapporto di sintesi sull esito dell indagine campionaria sull opinione pubblica 3.2. Fruizione dei media Tab. 8 Fruizione dei media per regione Radio Internet Televisione Quotidiani Periodici Italia Obiettivo 1 Molise Campania Puglia a Calabria Sicilia Sardegna 69.6% 72.2% 50.8% 73.8% 70.9% 70.4% 70.4% 74.3% 70.6% 41.6% 39.9% 44.3% 38.9% 39.1% 35.7% 39.5% 42.7% 38.4% 96.9% 97.7% 96.7% 97.9% 97.0% 100.0% 98.2% 97.6% 97.4% 69.8% 66.6% 54.1% 68.7% 64.9% 59.1% 65.5% 64.7% 75.5% 50.7% 49.6% 42.6% 48.6% 49.2% 51.3% 56.6% 45.9% 57.1% Fonte: indagine campionaria IPSOS EYFBA Tab. 9 Fruizione dei media per fascia d età Italia Obiettivo anni anni anni anni anni anni Radio 86.9% 69.4% 54.1% 87.6% 71.9% 54.6% Internet 66.7% 44.0% 13.2% 67.5% 37.7% 12.2% Televisione 97.6% 95.8% 98.4% 97.4% 97.2% 99.0% Quotidiani 66.5% 70.6% 71.1% 67.0% 68.6% 61.3% Periodici 53.7% 52.8% 43.5% 56.1% 50.1% 40.5% Fonte: indagine campionaria IPSOS EYFBA Radio Il 69,6% degli italiani adulti dichiara di ascoltare la radio. Per le persone di età anni si ha una percentuale di ascolto sensibilmente più elevata (86,9%). Nelle Regioni Obiettivo 1 si ha una percentuale (72,2%) superiore rispetto alla media nazionale. Va tuttavia segnalato il dato del Molise, che risulta avere una percentuale ascoltatori abituali della radio sensibilmente inferiore alla media (50,8%). Internet Il 41,6% degli italiani adulti si collega ad Internet. Tale percentuale è superiore per le fasce di età (66,7%), e (44,0%). In riferimento alle regioni Obiettivo 1, si hanno percentuali superiori alla media dell area per la Sicilia (42,7%) e per la fascia di età (67,5%), 12

13 Servizio di misurazione dell efficacia delle azioni di comunicazione del MEF mirate a diffondere una maggiore conoscenza dei Fondi Strutturali e del QCS Rapporto di sintesi sull esito dell indagine campionaria sull opinione pubblica mentre per la fasce e si rileva una percentuale sensibilmente inferiore alla media (rispettivamente 37,7% e 12,2%). Televisione La quasi totalità (96,9%) degli italiani adulti dichiara di vedere la TV. Tale percentuale è inoltre superiore per la fascia di età (98,4%). La percentuale per il totale regioni Obiettivo 1 è superiore a quella dell opinione pubblica nazionale ed è pari al 97,7%. Nel dettaglio delle regioni Obiettivo 1 per la fascia di età si rileva una percentuale superiore pari cioè al 99,0%. Quotidiani Il 69,8% dell opinione pubblica nazionale legge quotidiani. Tale percentuale è inferiore per il totale regioni Obiettivo 1 per cui si ha un valore pari al 66,6%. Risulta inoltre superiore rispetto al dato relativo al Molise (54,1%) e a quello della fascia (61,3%) Sempre tra le regioni Obiettivo 1 la Sardegna è quella con percentuale più elevata 75,5% e per la fascia di età tale valore è ancora superiore alla media (68,6%). Periodici Il 50,7% degli italiani adulti legge periodici, in particolare la percentuali di quelli relativi alla fascia anni è più elevata e pari al 52,8%. Per quanto riguarda le regioni Obiettivo 1, si hanno valori superiori al totale (49,6%) per la Calabria (56,6%) per la Sardegna (57,1%) e per la fascia di età (56,1%), mentre valori inferiori per la Sicilia (45,9%) e la fascia di età (40,5%). 13

14 Servizio di misurazione dell efficacia delle azioni di comunicazione del MEF mirate a diffondere una maggiore conoscenza dei Fondi Strutturali e del QCS Rapporto di sintesi sull esito dell indagine campionaria sull opinione pubblica 4. L ANALISI DEI RISULTATI In relazione ai risultati dell indagine si è proceduto ad un analisi centrata sui temi in grado di fornire un valore aggiunto interpretativo rispetto agli obiettivi della campagna di comunicazione del MEF, vale a dire: la consapevolezza del ruolo svolto dall UE per il sostegno alle aree in ritardo di sviluppo; l efficacia della campagna pubblicitaria e degli strumenti della campagna di comunicazione interattivi e il loro relativo utilizzo; la conoscenza delle caratteristiche e dei meccanismi di funzionamento dei fondi strutturali; l atteggiamento nei confronti dell UE e la modifica di tale atteggiamento come effetto della campagna pubblicitaria La consapevolezza del ruolo svolto dall'unione Europea per il sostegno delle aree in ritardo di sviluppo Un primo elemento positivo desumibile dagli esiti dell indagine riguarda il dato secondo cui ad oggi, anche in seguito alla campagna pubblicitaria, la maggioranza dell opinione pubblica (57,6%) è a conoscenza dell esistenza di finanziamenti erogati da enti e/o istituzioni a sostegno dello sviluppo economico e sociale delle regioni italiane. Occorre poi segnalare positivamente che tale valore risulta superiore in maniera significativa se si guarda al complesso delle regioni Obiettivo 1 (63,4%), e come in tale area vi siano sensibili scostamenti positivi ulteriori nelle fasce d età (66,3%) e (67,1%), che sono in effetti quelle più attive nel ricorso al sostegno pubblico allo sviluppo. Un secondo dato positivo si riferisce al fatto che tra gli intervistati che sono a conoscenza dell esistenza dei finanziamenti e fondi per le regioni italiane, quasi un quarto indica l UE come ente che mette a disposizione i fondi necessari, il 22,0% le Regioni, il 14,1% il Governo italiano e il 5,7% le Province. Inoltre, il 41,8% non indica nessun ente o istituzione. Sebbene la quota di coloro che non sanno indicare l ente che mette a disposizione i fondi sia quella maggioritaria si può comunque affermare che il ruolo dell UE è chiaramente riconosciuto come centrale da una quota rilevante dell opinione pubblica. Dalla domanda tesa a valutare la conoscenza dell esistenza di specifici fondi di provenienza europea scaturisce una ulteriore conferma del riconoscimento del ruolo dell UE dal fatto che il 61,7% dell opinione pubblica, considerando anche coloro che hanno risposto su sollecito, afferma di essere a conoscenza dell esistenza di specifici fondi di provenienza europea che finanziano in Italia iniziative per lo sviluppo socioeconomico regionale. In questo caso, tuttavia, va segnalato come la conoscenza dell esistenza di fondi europei sia significativamente sotto la media nella fascia d età anni (56,9%) e più elevata per gli appartenenti alla fascia di età (64,4%). Ciò sembrerebbe indicare una certa superficialità informativa da parte delle nuove generazioni: se nel complesso, infatti, i giovani denotano una più ampia 14

15 Servizio di misurazione dell efficacia delle azioni di comunicazione del MEF mirate a diffondere una maggiore conoscenza dei Fondi Strutturali e del QCS Rapporto di sintesi sull esito dell indagine campionaria sull opinione pubblica conoscenza di base 2 rispetto alla media delle altre fasce di popolazione, con riferimento specifico ai fondi strutturali il loro grado di attenzione scende sensibilmente. Questo elemento potrebbe essere interpretato alla luce di un atteggiamento più pragmatico da parte dei giovani o tenendo conto del fatto che in tale fascia d età si viene probabilmente meno a contatto in maniera diretta con gli aspetti connessi alla gestione dei fondi e quindi alla loro precisa provenienza; tale chiave di lettura sembrerebbe confermata dal fatto che in relazione alla provenienza UE dei fondi la maggiore conoscenza si rileva tra coloro che hanno una più consolidata presenza nel mondo del lavoro e degli affari e che, probabilmente in virtù di tale più lunga esposizione, hanno avuto il tempo di acquisire una più approfondita conoscenza dei meccanismi di finanziamento delle iniziative mirate allo sviluppo. Graf. 1a - Conoscenza dell'esistenza dei fondi europei per fascia d età 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 66,0% 61,7% 61,5% 56,4% 62,3% 69,3% 64,4% 63,8% Totale Totale Italia Totale Obiettivo 1 Fonte: indagine campionaria IPSOS EYFBA 2 Il riferimento è alla quota di giovani che sono al corrente dell esistenza di fondi pubblici destinati allo sviluppo regionale. 15

16 Servizio di misurazione dell efficacia delle azioni di comunicazione del MEF mirate a diffondere una maggiore conoscenza dei Fondi Strutturali e del QCS Rapporto di sintesi sull esito dell indagine campionaria sull opinione pubblica Graf. 1b - Conoscenza dell'esistenza dei fondi europei per sesso ed età (Totale Italia) 90% 80% 70% 71,2% 64,0% 71,9% 76,8% 60% 50% 52,3% 49,8% 52,9% 53,3% 40% 30% 20% 10% 0% Totale Uomini Donne Fonte: indagine campionaria IPSOS EYFBA Graf. 1c - Conoscenza dell'esistenza dei fondi europei per sesso ed età (Totale Obiettivo 1) 90% 80% 74,7% 79,4% 74,3% 70% 66,0% 60% 57,3% 56,9% 59,0% 54,1% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Totale Uomini Donne Fonte: indagine campionaria IPSOS EYFBA Per quanto riguarda le regioni Obiettivo 1, la percentuale complessiva di coloro che sono a conoscenza del ruolo di finanziatore dello sviluppo regionale dell UE, come era lecito attendersi, risulta superiore rispetto a quella registrata a livello nazionale (66%), sebbene non manchino casi di regioni in cui si verifica un deficit conoscitivo preoccupante. Il riferimento è nello specifico alla regione Molise, per la quale la quota 16

17 Servizio di misurazione dell efficacia delle azioni di comunicazione del MEF mirate a diffondere una maggiore conoscenza dei Fondi Strutturali e del QCS Rapporto di sintesi sull esito dell indagine campionaria sull opinione pubblica di rispondenti che hanno dichiarato di sapere che l UE finanzia lo sviluppo regionale è sensibilmente inferiore alla media (54,1%). Va comunque tenuto conto che la regione Molise rappresenta l universo di riferimento più piccolo e che, in valore assoluto, la quota di popolazione che non è al corrente dell esistenza dei fondi europei in Campania e in Sicilia è molto più rilevante, come è facile desumere dalla lettura del grafico 2b. Risulta poi coerente con le aspettative il fatto che in tali regioni vi sia una più ampia conoscenza del ruolo dell UE nella fascia d età (69,3%), all interno della quale si trovano coloro che sono maggiormente impegnati nella conduzione di attività economiche che possono beneficiare degli aiuti dei fondi strutturali. 17

18 Servizio di misurazione dell efficacia delle azioni di comunicazione del MEF mirate a diffondere una maggiore conoscenza dei Fondi Strutturali e del QCS Rapporto di sintesi sull esito dell indagine campionaria sull opinione pubblica Graf. 2a - Conoscenza dell'esistenza dei fondi europei Tot. Italia Tot. Obiettivo 1 Calabria Sardegna Puglia a Campania Sicilia Molise 61,7% 66,0% 69,4% 69,4% 66,6% 66,1% 65,3% 64,7% 54,1% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% Fonte: indagine campionaria IPSOS EYFBA Graf. 2b - Conoscenza dell esistenza dei fondi europei in relazione all universo di riferimento (popolazione anni) Campania 65,1% 34,9% Sicilia 64,7% 35,3% 3.448,200 Puglia 66,6% 33,4% Calabria 69,4% 30,6% Sardegna 69,4% 30,6% Popolazione nella regione a 66,1% 33,9% Conoscono Molise 54,1% 45,9% Non conoscono Fonte: indagine campionaria IPSOS EYFBA 18

19 Servizio di misurazione dell efficacia delle azioni di comunicazione del MEF mirate a diffondere una maggiore conoscenza dei Fondi Strutturali e del QCS Rapporto di sintesi sull esito dell indagine campionaria sull opinione pubblica Suggerimenti/Raccomandazioni: Emerge la necessità di dedicare una maggiore attenzione alla fascia d età più giovane, con azioni di comunicazione che li raggiungano direttamente nei luoghi in cui trascorrono buona parte della loro giornata (scuola e università) L efficacia della campagna pubblicitaria Il secondo step dell analisi è stato finalizzato, in primo luogo, a comprendere in che misura la conoscenza del ruolo di finanziatore dell UE è cresciuta grazie alla campagna diretta all opinione pubblica realizzata dal MEF. A tale proposito è emerso che tra coloro che dichiarano spontaneamente di essere a conoscenza dei fondi europei (61,7%), a livello di opinione pubblica nazionale ben il 42,9% ne è venuto a conoscenza mediante le attività di comunicazione dirette all opinione pubblica o mediante la campagna pubblicitaria, percentuale che cresce ulteriormente nelle regioni Obiettivo 1 (45,9%). Questo dato mostra una buona capacità di penetrazione della campagna pubblicitaria sull opinione pubblica, evidenziando che quasi una persona su due, tra gli informati, ha acquisito consapevolezza dell azione di sostegno dei fondi strutturali proprio grazie all attuazione delle iniziative progettate e realizzate dal MEF. Spunti di riflessione interessanti scaturiscono poi dalla lettura dei dati relativi ai canali attraverso cui si è venuti a conoscenza dei fondi strutturali. In tal senso si rileva che più di ⅓ dell opinione pubblica nazionale ne è venuto a conoscenza attraverso le Tv nazionali e locali (in particolare attraverso lo spot mandato sulle Tv nazionali il 24,7%). Quasi ⅓ di coloro che hanno conosciuto i fondi strutturali ne sono venuti a conoscenza attraverso la stampa (in particolare attraverso pubblicità su giornali quotidiani 16%), tutti gli altri canali utilizzati dalla campagna pubblicitaria mostrano un importanza nettamente inferiore (9,7% attraverso contatti personali, un altro 8,4% attraverso i canali lavorativi, l 1,8% attraverso la scuola e solo l 1,7% attraverso Enti ed Associazioni). 19

20 Servizio di misurazione dell efficacia delle azioni di comunicazione del MEF mirate a diffondere una maggiore conoscenza dei Fondi Strutturali e del QCS Rapporto di sintesi sull esito dell indagine campionaria sull opinione pubblica Graf. 3 - Fonti di conoscenza dei fondi europei (totale Italia) 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35% 40% TV Stampa 32,4% 36,3% Contatti personali Lavoro 9,7% 8,4% Internet Studio/scuola Enti/Uffici/Associazioni 1,9% 1,8% 1,7% Non sa/non Indica 10,7% Fonte: indagine campionaria IPSOS EYFBA Per quanto riguarda il dato relativo alle sole regioni Obiettivo 1 si rileva in generale una più forte concentrazione (39,9%) verso il canale Tv nel suo complesso e, dato interessante vista la sua minore diffusione nelle regioni meridionali, verso Internet (2,8% contro l 1,9% del totale Italia). Quest ultimo risultato, infatti, potrebbe essere spiegato con il fatto che in tali regioni esistono siti istituzionali dedicati molto ricchi di informazioni e che hanno ormai un adeguato riconoscimento anche nell opinione pubblica. Graf. 4 - Fonti di conoscenza dei fondi europei (Regioni Obiettivo 1) Tot. Obiettivo 1 39,9 33,3 29,7 2,8 12,1 Sicilia 40,9 31,9 31,5 3,6 11,0 Puglia 41,2 32,8 30,5 1,6 11,1 Campania 41,5 34,0 29,1 2,8 11,8 Calabria 39,7 36,7 25,8 3,4 12,4 a 36,8 36,8 19,7 0,0 14,5 Molise 33,3 21,2 18,2 3,0 27,3 Sardegna 31,6 32,6 34,9 3,3 14,9 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% TV Altro Stampa Internet Non sa Nota: la somma delle percentuali è superiore a 100 in quanto la domanda era a risposta multipla. Le barre del grafico sono costruite riproporzionando i valori a 100. Fonte: indagine campionaria IPSOS EYFBA 20

Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore III Edizione

Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore III Edizione Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore III Edizione Indagine sui fabbisogni finanziari delle fondazioni in Italia Marzo 2014 Con il contributo scientifico di Indice Obiettivi 3 Metodologia 4

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione Numeri del Sud Indicatori regionali del QCS 2-26 Bollettino statistico a cura dell'unità di Valutazione degli

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana

Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana Roma, marzo 2007 Codice Ricerca: 2007-033bf www.formatresearch.com PREMESSA E NOTA METODOLOGICA Soggetto che ha realizzato

Dettagli

I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI

I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI N.57 MARZO 2014 I SERVIZI DI INTEMEDIAZIONE PUBBLICI E PRIVATI AUTORIZZATI OVERVIEW Analizzare i canali attraverso cui i lavoratori trovano un, costituisce un esercizio di grande interesse per la conoscenza

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 4. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 4. FLUSSI DEI REDDITI DERIVANTI DALLE LOCAZIONI DEI FABBRICATI E FLUSSI INTERTERRITORIALI 4.1 ASPETTI GENERALI In questo capitolo si presentano i dati sui canoni di

Dettagli

In collaborazione con:

In collaborazione con: In collaborazione con: Acquirenti prodotti contraffatti Prima fase 2010-2011 Base: 4000 Seconda fase 2012 No 69,4% Si 30,6% Pari a 586 persone Pari a 367 persone CAMPIONE TOTALE Area Geografica ACQUIRENTI

Dettagli

INTERNET E LA FRUIZIONE DELLE OPERE DELL INGEGNO

INTERNET E LA FRUIZIONE DELLE OPERE DELL INGEGNO INTERNET E LA FRUIZIONE DELLE OPERE DELL INGEGNO 27 Gennaio 2014 Quorum www.quorumsas.it Il campione La definizione del campione Nelle prossime pagine si analizza il discostamento del campione analizzato

Dettagli

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti 4 agosto 2003 Telefono e cellulare: comportamenti emergenti La crescente diffusione del telefono cellulare nella vita quotidiana della popolazione ha determinato cambiamenti profondi sia nel numero sia

Dettagli

USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE

USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE 9 maggio 2013 Anno 2012 USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE L Istat, in collaborazione con il Dipartimento per l innovazione tecnologica (Dit), ha svolto a luglio 2012 la seconda indagine

Dettagli

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il campione 2 Chi è stato intervistato? Un campione di 100 soggetti maggiorenni che risiedono in Italia. Il campione

Dettagli

I risultati del sondaggio 'Le opinioni degli italiani sulla caccia' - effettuato da IPSOS per

I risultati del sondaggio 'Le opinioni degli italiani sulla caccia' - effettuato da IPSOS per I risultati del sondaggio 'Le opinioni degli italiani sulla caccia' - effettuato da IPSOS per Enpa, Lav, Legambiente, Lipu, Wwf Italia - sintetizzati in 10 punti. 1. Il 70% degli italiani si dichiara fortemente

Dettagli

La povertà in Italia nel 2009

La povertà in Italia nel 2009 15 luglio 2010 Anno 2009 La povertà in Italia nel 2009 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla povertà relativa e assoluta delle famiglie residenti in Italia, sulla base delle

Dettagli

RAPPORTO MENSILE. Periodo di riferimento Gennaio 14

RAPPORTO MENSILE. Periodo di riferimento Gennaio 14 RAPPORTO MENSILE Periodo di riferimento Gennaio 14 Indice Sezione 1 - Riepilogo mensile Linea Amica... 2 Tab. 1.1 - Numero di contatti gestiti da operatore per canale e destinazione... 2 Graf. 1.2 - Linea

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore - IV EDIZIONE

Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore - IV EDIZIONE Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore - IV EDIZIONE Indagine sui fabbisogni finanziari dell imprenditorialità sociale in Italia Febbraio 2015 Con il contributo scientifico di Indice Obiettivi

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013 Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive summary Febbraio 2013 1 Finalità dell Osservatorio 3 Contenuto e metodologia dell indagine 3 Composizione del campione

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Sondaggio per Legambiente, Lipu e WWF Le opinioni degli italiani sulla caccia

Sondaggio per Legambiente, Lipu e WWF Le opinioni degli italiani sulla caccia Febbraio 2009 Job 09-002012 Ipsos Public Affair Cosa vediamo? SONDAGGIO IPSOS P.A. Sondaggio per Legambiente, Lipu e WWF Le opinioni degli italiani sulla caccia - presentazione dei risultati - Nobody s

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Le biblioteche degli enti territoriali. (anno 2012)

Le biblioteche degli enti territoriali. (anno 2012) Le biblioteche degli enti territoriali (anno 2012) Roma, 11 luglio 2013 L indagine Promossa dal Centro per il Libro e la Lettura e dall Associazione Italiana Biblioteche, in collaborazione con ANCI e ISTAT,

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE Le vacanze dei liguri 2008 - Abstract Aprile 2009 A cura di Sommario Premessa... 3 Le vacanze

Dettagli

Atteggiamenti e percezioni sulla qualità dell aria e dell ambiente

Atteggiamenti e percezioni sulla qualità dell aria e dell ambiente Qualità dell aria e cambiamento climatico: le sfide di fronte a noi Stakeholder meeting 2014 Atteggiamenti e percezioni sulla qualità dell aria e dell ambiente M A R I O B O F F I D i p a r t i m e n t

Dettagli

LA CATTIVA ABITUDINE DELLA SOSTA IN DOPPIA FILA

LA CATTIVA ABITUDINE DELLA SOSTA IN DOPPIA FILA LA CATTIVA ABITUDINE DELLA SOSTA IN DOPPIA FILA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 1 È esperienza di tutti

Dettagli

UTILIZZO DEI DISTRIBUTORI AUTOMATICI. Risultati della ricerca. Milano, 21 marzo 2006. Indagine effettuata per Venditalia a cura di:

UTILIZZO DEI DISTRIBUTORI AUTOMATICI. Risultati della ricerca. Milano, 21 marzo 2006. Indagine effettuata per Venditalia a cura di: UTILIZZO DEI DISTRIBUTORI AUTOMATICI Risultati della ricerca Milano, 21 marzo 2006 Indagine effettuata per Venditalia a cura di: Stefania Farneti Direttore di ricerca METODOLOGIA E CAMPIONE Come premesso,

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Contributo di Laura Chies Esperta dell Agenzia e Dises - Università di Trieste e di Chiara Donati e Ilaria Silvestri Servizio statistica e affari

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA 11 maggio 2011 Anno 2010 LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA Nel 2010 il 46,8% della popolazione di 6 anni e più (26 milioni e 448 mila persone) dichiara di aver letto, per motivi non strettamente scolastici

Dettagli

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere 20 aprile 2007 La italiana, i dialetti e le lingue straniere Anno 2006 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana delle famiglie.

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

FOCUS settembre 2015. Il viaggio dei pugliesi all estero, in base all indagine della Banca d Italia. Fonti: Banca d Italia Turismo internazionale

FOCUS settembre 2015. Il viaggio dei pugliesi all estero, in base all indagine della Banca d Italia. Fonti: Banca d Italia Turismo internazionale struttura. Il confronto dei dati dell Istat con le stime della Banca d Italia sembra evidenziare la presenza di altri fenomeni, oltre quello misurato dalle presenze straniere nelle strutture ricettive.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

Il Portale Web del Comune di Roma

Il Portale Web del Comune di Roma IL PORTALE WEB DEL COMUNE DI ROMA on line PREMESSA Le trasformazioni conseguenti alla diffusione delle tecnologie della comunicazione e dell'informazione (I.C.T.) contribuiscono in maniera sempre più determinante

Dettagli

PICCOLE IMPRESE E TEMPI DI PAGAMENTO NELLE TRANSAZIONI COMMERCIALI IN ITALIA

PICCOLE IMPRESE E TEMPI DI PAGAMENTO NELLE TRANSAZIONI COMMERCIALI IN ITALIA PICCOLE IMPRESE E TEMPI DI PAGAMENTO NELLE TRANSAZIONI COMMERCIALI IN ITALIA Marzo 2011 Indagine sui tempi medi di pagamento nelle transazioni commerciali tra piccole imprese, privati e Pubblica Amministrazione

Dettagli

Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane In collaborazione con UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PADOVA Dipartimento di Processi Chimici dell Ingegneria Centro Studi Qualità Ambiente Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

Il REPORT. I giovani Neet registrati

Il REPORT. I giovani Neet registrati Roma, 7 Novembre 2014 L adesione al programma da parte dei giovani continua. Al 6 novembre 2014 1 si sono registrati a Garanzia Giovani 283.317 giovani, di questi il 52% (146.983 giovani) lo ha fatto attraverso

Dettagli

Università Telematica Internazionale Uninettuno Nucleo di Valutazione. Rilevazione sulle opinioni degli studenti a.a. 2011/12 aprile 2013

Università Telematica Internazionale Uninettuno Nucleo di Valutazione. Rilevazione sulle opinioni degli studenti a.a. 2011/12 aprile 2013 Università Telematica Internazionale Uninettuno Nucleo di Valutazione Rilevazione sulle opinioni degli studenti a.a. 2011/12 aprile 2013 1. IL QUESTIONARIO E LA SOMMINISTRAZIONE AGLI STUDENTI... 2 1.1

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane In collaborazione con UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PADOVA Dipartimento di Processi Chimici dell Ingegneria Centro Studi Qualità Ambiente Costi, benefici e aspettative della certificazione ISO 14001 per le

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

L 82 PER CENTO DEI PROPRIETARI DI PRIMA CASA SONO PENSIONATI, OPERAI E IMPIEGATI

L 82 PER CENTO DEI PROPRIETARI DI PRIMA CASA SONO PENSIONATI, OPERAI E IMPIEGATI L 82 PER CENTO DEI PROPRIETARI DI PRIMA CASA SONO PENSIONATI, OPERAI E IMPIEGATI Con l abolizione della Tasi sulla prima casa, la percentuale di famiglie più interessate dallo sgravio saranno quelle dei

Dettagli

È possibile usare i dati PASSI per monitorare la sicurezza dei bambini in automobile?

È possibile usare i dati PASSI per monitorare la sicurezza dei bambini in automobile? È possibile usare i dati PASSI per monitorare la sicurezza dei bambini in automobile? IV Workshop 2013 Coordinamento Nazionale PASSI Dati PASSI a supporto delle politiche per la sicurezza stradale Gianluigi

Dettagli

Presentazione del progetto di ricerca

Presentazione del progetto di ricerca Roma, 16/01/2012 Codice ricerca: 2011-203fo 2011203fo1 Osservatorio sugli strumenti per la gestione del credito utilizzati dalle imprese italiane 2012 Presentazione del progetto di ricerca Agenda 1 Scheda

Dettagli

Fabbisogni formativi delle Aziende aderenti ad Asstra, Federambiente e FederUtility

Fabbisogni formativi delle Aziende aderenti ad Asstra, Federambiente e FederUtility Fabbisogni formativi delle Aziende aderenti ad Asstra, Federambiente e FederUtility 31 Ottobre 2014 Indice Indice... 2 Indice delle Tabelle Sezione I Trasporto Pubblico Locale... 5 Indice delle Tabelle

Dettagli

Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005

Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005 9 dicembre 2008 Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005 Con l indagine multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari l Istat raccoglie informazioni

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli italiani

I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli italiani I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli ITALIA II trimestre 2009 Ottobre 2009 Livelli retributivi dei in Italia La presenza straniera nel nostro Paese è in continua evoluzione

Dettagli

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato Tab. IS.9.1a - Incidenti per tipo di e - Anni 2001-2013 a) Valori assoluti Anno 2001 o a altri Piemonte 16.953 23.818 19 77 167 146 80 67 1.942 123 254 153 50 59 824 1.920 1.037 653 50 4 23 0 112 31.578

Dettagli

IL PROGRAMMA SOSTIENE I GIOVANI INTERESSATI ALL AUTOIMPIEGO E ALL AUTOIMPRENDITORIALITÀ

IL PROGRAMMA SOSTIENE I GIOVANI INTERESSATI ALL AUTOIMPIEGO E ALL AUTOIMPRENDITORIALITÀ Roma, 26 Giugno 2015 I giovani Neet registrati al Programma Garanzia Giovani sono 641.412, quasi 12 mila in più rispetto alla scorsa settimana SONO OLTRE 361 MILA I GIOVANI PRESI IN CARICO E A QUASI 119

Dettagli

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag.

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag. Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Le retribuzioni dei e i gap retributivi con gli italiani Anno 2011 Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2 L appartenenza di genere pag.

Dettagli

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010 AICEB (Associazione Italiana Centri Benessere) IL MERCATO DEL BENESSERE: IMPRESE E SERVIZI OFFERTI* Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione Rimini Wellness, 14 Maggio

Dettagli

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA Presso la Business Community e presso la popolazione di Brasile Ricerca di mercato condotta da: GPF&A e Ispo Ltd Per conto di: Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento per le Politiche di Sviluppo

Dettagli

1 Coordinatore del Dipartimento Welfare Acli Nazionali

1 Coordinatore del Dipartimento Welfare Acli Nazionali Indagine Link-Marche : ricerca e azione sociale per favorire l inclusione delle persone in condizioni di marginalità e di disagio a cura di David Recchia 1 Link è un progetto nazionale che le Acli hanno

Dettagli

L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego

L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego D.ssa Tiziana Rosolin Servizi ai cittadini e modernizzazione Amministrativa: fatti e numeri sul che cambia FORUM P.A. 12 Maggio 24 L

Dettagli

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015)

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015) Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016 (Settembre 2015) In occasione dell inizio dell anno scolastico si fornisce una breve sintesi dei principali dati relativi alla

Dettagli

L importanza di abitare in periferia

L importanza di abitare in periferia I nuovi colori dell Italia elettorale L importanza di abitare in periferia di Ilvo Diamanti LA GIORNATA DELLE MARCHE TRA IDENTITA E ORGOGLIO Materiali presentati al Teatro Rossini, Pesaro, 10 dicembre

Dettagli

OMNIVISION ITALIA MERCATO LABORATORIO SINTESI

OMNIVISION ITALIA MERCATO LABORATORIO SINTESI OMNIVISION ITALIA MERCATO LABORATORIO SINTESI Febbraio 2013 METODOLOGIA Il campione è di 653 studi dentistici, proporzionalmente suddivisi per aree Nielsen. North West Piemonte, Val d Aosta, Lombardia,

Dettagli

LAVORO E IMMIGRAZIONE NEI SISTEMI LOGISTICI IN ITALIA 3 aprile 2014

LAVORO E IMMIGRAZIONE NEI SISTEMI LOGISTICI IN ITALIA 3 aprile 2014 LAVORO E IMMIGRAZIONE NEI SISTEMI LOGISTICI IN ITALIA 3 aprile 2014 LAVORO E IMMIGRAZIONE NEI SISTEMI LOGISTICI IN ITALIA 3 aprile 2014 PRESENTAZIONE A CURA DI EMANUELE GALOSSI E GIULIANO FERRUCCI I lavoratori

Dettagli

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA Roma, 11 Settembre 2015 I giovani presi in carico sono 441.589. A quasi 159 mila è stata proposta almeno una misura. Il Ministro Poletti ha dato il via al progetto Crescere in Digitale durante la conferenza

Dettagli

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA novembre 04 Introduzione In base ai dati dell VIII Censimento su Industria e Servizi dell ISTAT è stata condotta un analisi dell occupazione femminile nelle

Dettagli

credit risk 2015 osservatorio sugli strumenti per la gestione del credito utilizzati dalle imprese

credit risk 2015 osservatorio sugli strumenti per la gestione del credito utilizzati dalle imprese credit risk 2015 osservatorio sugli strumenti per la gestione del credito utilizzati dalle imprese roma, gennaio 2015 (14287fo-01) agenda 1 scheda tecnica fenomeni osservati aspetti di metodo condizioni

Dettagli

GLI INVESTIMENTI IN OGGETTI PROMOZIONALI DELLE AZIENDE ITALIANE

GLI INVESTIMENTI IN OGGETTI PROMOZIONALI DELLE AZIENDE ITALIANE GLI INVESTIMENTI IN OGGETTI PROMOZIONALI DELLE AZIENDE ITALIANE Presentazione dei risultati Indagine effettuata per PROMOTION MILANO, marzo 2000 1 OBIETTIVI GENERALI Analizzare la domanda di prodotti promozionali

Dettagli

Università Telematica Internazionale Uninettuno Nucleo di Valutazione Rilevazione sulle opinioni degli studenti a.a. 2012/13 aprile 2014

Università Telematica Internazionale Uninettuno Nucleo di Valutazione Rilevazione sulle opinioni degli studenti a.a. 2012/13 aprile 2014 Università Telematica Internazionale Uninettuno Nucleo di Valutazione Rilevazione sulle opinioni degli studenti a.a. 2012/13 aprile 2014 1. Le caratteristiche degli studenti di Uninettuno... 3 2. Il questionario

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari dell imprenditorialità sociale in Italia. Marzo 2015

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari dell imprenditorialità sociale in Italia. Marzo 2015 IV Indagine sui fabbisogni finanziari dell imprenditorialità sociale in Italia Executive summary Marzo 2015 Con il contributo scientifico di 1 Finalità dell Osservatorio 5 Contenuto e metodologia dell

Dettagli

Relazione di analisi Corsi di orientamento 2006

Relazione di analisi Corsi di orientamento 2006 Sintesi dei principali risultati Nel 2006 sono stati organizzati quattro corsi di orientamento universitario tenuti a Camigliatello Silano, Colle Val d Elsa, Rovereto e San Miniato e per la prima volta

Dettagli

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse di Giancarlo Dosi L utilità dei dispositivi di sicurezza L utilità del casco e delle cinture di sicurezza è ormai fuori discussione.

Dettagli

COPERTURA BANDA LARGA IN ITALIA. (in rosso le aree in Digital Divide)

COPERTURA BANDA LARGA IN ITALIA. (in rosso le aree in Digital Divide) COPERTURA BANDA LARGA IN ITALIA (in rosso le aree in Digital Divide) AL VIA BANDI PER 900 MLN DI EURO PER AZZERARE DIGITAL DIVIDE E BANDA ULTRALARGA Internet veloce per 7 mln. di cittadini, 5000 nuovi

Dettagli

L'immagine del Sud Italia nel mondo: i risultati di una indagine demoscopica del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo presso gli operatori

L'immagine del Sud Italia nel mondo: i risultati di una indagine demoscopica del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo presso gli operatori 1 L INDAGINE Nel giugno 2003, il Servizio per le politiche dei Fondi strutturali comunitari del Dipartimento per le politiche di sviluppo del Ministero dell Economia e delle Finanze ha affidato, a seguito

Dettagli

Abstract indagine sulla contraffazione in Italia

Abstract indagine sulla contraffazione in Italia Abstract indagine sulla contraffazione in Italia Roma Palazzo Valentini 1 marzo - 2011 ABSTRACT INDAGINE SULLA CONTRAFFAZIONE IN ITALIA Nell ambito del Progetto IO NON VOGLIO IL FALSO, realizzato da ADICONSUM,

Dettagli

Il rispetto del codice di comportamento per il settore della vendita diretta

Il rispetto del codice di comportamento per il settore della vendita diretta L a n u o v a d i m e n s i o n e Il rispetto del codice di comportamento per il settore della vendita diretta Rapporto realizzato per AVEDISCO Azienda: GIOEL srl Maggio 2010 Obbiettivi dell indagine VERIFICARE

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 2 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 1 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli

Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006. Bollettino statistico a cura dell'unità di Valutazione degli Investimenti Pubblici DPS - MEF

Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006. Bollettino statistico a cura dell'unità di Valutazione degli Investimenti Pubblici DPS - MEF Numeri del Sud Indicatori regionali del QCS -6 Bollettino statistico a cura dell'unità di Valutazione degli Investimenti Pubblici DPS - MEF Novembre I Numeri del Sud segnalano le disparità esistenti tra

Dettagli

Scuola Secondaria I grado

Scuola Secondaria I grado Scuola Secondaria I grado Definizione della disponibilità per TFA e corsi di laurea magistrali per il prossimo anno accademico La tabella 1) che segue calcola le cessazioni dal servizio per i prossimi

Dettagli

Punto tesoreria: dati sull autofinanziamento al 13 febbraio 2009

Punto tesoreria: dati sull autofinanziamento al 13 febbraio 2009 Punto tesoreria: dati sull autofinanziamento al 13 febbraio Nota autofinanziamento Radicali Italiani febbraio 1 I SOSTENITORI DI RADICALI ITALIANI Nelle pagine seguenti verranno analizzate le caratteristiche

Dettagli

CONGIUNTURA. Approfondimenti. Il commercio al dettaglio di articoli di cartoleria, cancelleria e materiali per l ufficio: un profilo statistico

CONGIUNTURA. Approfondimenti. Il commercio al dettaglio di articoli di cartoleria, cancelleria e materiali per l ufficio: un profilo statistico CONGIUNTURA Centro Studi Approfondimenti Il commercio al dettaglio di articoli di cartoleria, cancelleria e materiali per l ufficio: un profilo statistico Premessa Il commercio al dettaglio di articoli

Dettagli

CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE

CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE Edizione 2002 in collaborazione con RAPPORTO SUL CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE - Edizione 2002 RAPPORTO SUL

Dettagli

I risultati del PASSI d Argento per la prevenzione Benedetta Contoli

I risultati del PASSI d Argento per la prevenzione Benedetta Contoli I risultati del PASSI d Argento per la prevenzione Benedetta Contoli Convegno Active and Healthy Ageing: il ruolo della sorveglianza epidemiologica PASSI d Argento Roma - 26 settembre 2013 La prevenzione

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità L integrazione scolastica degli alunni con disabilità dati statistici A.S. 2012/2013 (ottobre 2013) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati a ottobre 2013. I dati elaborati e qui pubblicati

Dettagli

I sintomi del ritardo italiano: un analisi territoriale di dati e di indagini recenti

I sintomi del ritardo italiano: un analisi territoriale di dati e di indagini recenti Seminari del QSN 7 luglio 25 Istruzione I sintomi del ritardo italiano: un analisi territoriale di dati e di indagini recenti Marta Foresti - Aline Pennisi Unità di Valutazione degli Investimenti Pubblici

Dettagli

Gli italiani e i vizi

Gli italiani e i vizi Gli italiani e i vizi UNA RICERCA QUANTITATIVA SVOLTA DA ASTRA RICERCHE PER IL MESSAGGERO DI SANT ANTONIO (settembre 2008) Questa ricerca COMMISSIONATA AD ASTRA RICERCHE DAL MESSAGGERO DI SANT ANTONIO

Dettagli

NEWSLETTER PON AGOSTO 2015. In questo numero... La programmazione 2007-2013. La programmazione 2014-2020. L avviso LAN/WLAN

NEWSLETTER PON AGOSTO 2015. In questo numero... La programmazione 2007-2013. La programmazione 2014-2020. L avviso LAN/WLAN AGOSTO 2015 NEWSLETTER PON In questo numero... La programmazione 2007-2013 La programmazione 2014-2020 L avviso LAN/WLAN LA PROGRAMMAZIONE 2007-2013 Nel 2007 la Commissione Europea ha approvato per l Italia

Dettagli

Il REPORT GARANZIA GIOVANI IN ITALIA E IN EUROPA. Roma, 26 Marzo 2015

Il REPORT GARANZIA GIOVANI IN ITALIA E IN EUROPA. Roma, 26 Marzo 2015 Roma, 26 Marzo 2015 I giovani avviati ad una misura prevista dal Programma Garanzia Giovani sono 49.190, un valore in crescita, nell ultimo mese, del 43,1%. Con la Toscana e la Basilicata continua la presentazione

Dettagli

OSSERVATORIO UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore EDIZIONE. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia

OSSERVATORIO UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore EDIZIONE. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia EDIZIONE OSSERVATORIO UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca per bene. INDICE

Dettagli

La Raccolta Differenziata in Italia

La Raccolta Differenziata in Italia 120 Da una prima quantificazione dei dati relativi all anno 2002, la raccolta differenziata si attesta intorno ai,7 milioni di tonnellate che, in termini percentuali, rappresentano il 19,1% della produzione

Dettagli

L ANDAMENTO DELLO SPETTACOLO NEL PRIMO SEMESTRE 2006

L ANDAMENTO DELLO SPETTACOLO NEL PRIMO SEMESTRE 2006 L ANDAMENTO DELLO SPETTACOLO NEL PRIMO SEMESTRE 2006 CRITERI DI ESPOSIZIONE DEI DATI L analisi che segue espone i dati dello spettacolo relativi alle manifestazioni avvenute nel primo semestre 2006 rilevati

Dettagli

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi Valerio Vacca (Banca d Italia, ricerca economica Bari) Il laboratorio del credito, Napoli, 15 marzo 2012 La struttura del mercato in Cr (2010):

Dettagli