REPORT DEFINITIVO INDIVIDUAZIONE DI AZIONI POSITIVE DA REALIZZARE IN CINQUE ORGANIZZAZIONI LAVORATIVE NEL COMUNE DI PESCARA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REPORT DEFINITIVO INDIVIDUAZIONE DI AZIONI POSITIVE DA REALIZZARE IN CINQUE ORGANIZZAZIONI LAVORATIVE NEL COMUNE DI PESCARA"

Transcript

1 REPORT DEFINITIVO INDIVIDUAZIONE DI AZIONI POSITIVE DA REALIZZARE IN CINQUE ORGANIZZAZIONI LAVORATIVE NEL COMUNE DI PESCARA 1

2 Indice Capitolo 1 La metodologia di Lavoro Pag Attività n. 1: Costituzione Gruppo di Lavoro Attività n. 2: Individuazione delle Organizzazioni Bersaglio Attività n. 3: Ricognizione delle Azioni Positive Attività n. 4: Selezione di Azioni Positive Attività n. 5: Scelta di Azioni Positive Attività n. 6: Validazione dell Indagine Attività n. 7: Conclusione dell Indagine Attività n. 8: Proposte Migliorative 26 Capitolo 2 Individuazione delle Buone Prassi per le 5 Organizzazioni Pag. 28 di riferimento 2.1 Selezione della Buona Prassi per il Comune di Pescara Selezione della Buona Prassi per l Ospedale Civile di Pescara Selezione della Buona Prassi per la Provincia di Pescara Selezione della Buona Prassi per l Inail di Pescara Selezione della Buona Prassi per Adecco Italia 49 Capitolo 3 Le possibili Linee di Finanziamento Pag. 57 2

3 Capitolo 1 La metodologia di lavoro Il progetto INDIVIDUAZIONE DI AZIONI POSITIVE DA REALIZZARE IN CINQUE ORGANIZZAZIONI LAVORATIVE NEL COMUNE DI PESCARA è nato su iniziativa di Daniela Arcieri Mastromattei, Presidente Commissione Pari Opportunità, e ha dato voce ad una esigenza molto sentita, non solo sul nostro territorio: verificare le effettive richieste, le problematiche, le esigenze delle donne sulle Pari Opportunità nel mondo del lavoro al fine di identificare possibili soluzioni realmente utili per il territorio. L obiettivo è stato quello di individuare azioni concrete in tema di Pari Opportunità sul territorio pescarese promuovendo una modalita di indagine che utilizza due strade: Il Trasferimento di Buone Prassi Nazionali ed Internazionali su contesti omogenei L indagine Bottom-up ossia una attivita che si mette in ascolto di coloro che ogni giorno vivono le reali difficolta sulle quali si promuove l intervento. L attivita iniziata l 8 ottobre si e conclusa il 7 dicembre e ha visto la realizzazione di 8 attivita tra loro complementari e sinergiche che verranno dettagliate piu avanti A conclusione dell attivita di indagine si consegnano 3 out-put di progetto: 1. Elenco delle Buone Prassi nazionali ed internazionali selezionate 2. Risultati dei Focus e delle Interviste realizzate; 3. Report dettagliato sulle conclusioni a cui si e giunti a seguito dell indagine Questi tre out-put insieme consentono il raggiungimento dell obiettivo fissato ossia LA COMPRENSIONE DI QUALI AZIONI POSITIVE POSSONO TROVARE APPLICAZIONE NELLE 5 ORGANIZZAZIONI SELEZIONATE 3

4 L attivita svolta ha visto la realizzazione di n. 8 Attivita tra loro complementari e sinergiche di cui si dettaglia l operato. 4

5 1.1 Attivita n. 1 : COSTITUZIONE GRUPPO DI LAVORO La prima attivita che e stata svolta e stata quella di costituire il Gruppo di Lavoro sulla base delle professionalita individuate quali necessarie all interno del progetto esecutivo. ATTIVITA n. 1 AZIONI TEMPO RISORSE Costituzione del Individuare le 4 Dall 8/10/2010 Responsabile: Gruppo di professionalita che al 10/10/2010 Coordinatore Lavoro (GL) corrispondono a quelle Progetto indicate nel progetto e di seguito definite Out-put: Designazione dei 4 esperti all interno del Gruppo di Al interno del GL si e deciso di inserire le seguenti professionalità: GRUPPO DI LAVORO Coordinatore di Progetto Caratteristiche Esperto Senior di coordinamento gruppi di lavoro di ricerca con comprovata esperienza nella gestione di progetti rivolti alla promozione delle PO Esperto Pari Opportunita N. 2 Esperti in attivita di indagini e Focus Group Esperto Senior sugli interventi di Pari Opportunita all interno di Progetti europei, nazionali e regionali Esperti Middle con esperienza comprovata in indagini e ricerche sul campo Nexus che gia opera da diversi anni nell ambito delle indagini in tema di Pari Opportunita e nell identificazione di Azioni Postive ha potuto provvedere con facilita all individuazione dei membri del gruppo di lavoro. 5

6 Caratteristiche delle professionalità proposte all interno del GL costituito: RISORSA RUOLO CARATTERISTICHE Pina Basti Coordinatore di Progetto Esperto Senior di coordinamento gruppi di lavoro di ricerca con comprovata esperienza nella gestione di progetti rivolti alla promozione delle PO Paola Vione Esperto Pari Opportunita Esperto Senior sugli interventi di Pari Opportunita all interno di Progetti europei, nazionali e regionali Paride Massari Paola Della Marra Esperto in attivita di indagini e Focus Group Esperto in attivita di indagini e Focus Group Esperto Middle con esperienza comprovata in indagini e ricerche sul campo Esperto Middle con esperienza comprovata in indagini e ricerche sul campo Il gruppo di lavoro cosi selezionato ha in primis elaborato un Progetto Esecutivo di dettaglio e poi si e suddiviso i compiti secondo una modalita di Project Management. La sessione di lavoro finale ha portato alla condivisione di tutti gli out-put e alla definitiva individuazione delle Buone Prassi indicate nel presente Report 6

7 1.2 ATTIVITA n. 2 : INDIVIDUAZIONE DELLE ORGANIZZAZIONI BERSAGLIO Successivamente all individuazione del Gruppo di Lavoro si e passati ad individuare le Organizzazioni bersaglio sulle quali sperimentare le Azioni Positive. ATTIVITA n. 2 AZIONI TEMPO RISORSE Individuare insieme al Committente le 5 Organizzazioni su cui sperimentare le Azioni Positive Effettuare una riunione con il Committente per definire le 5 organizzazioni presso le quali svolgere l attivita di indagine 22/10/2010 Responsabile: Coordinatore Committente: Daniela Arcieri Mastromattei Out-put: Individuazione delle 5 Organizzazioni e dei 5 referenti A seguito di una riunione intercorsa tra la coordinatrice del progetto e la Presidente della Commissione PO si e deciso di scegliere le seguenti organizzazioni bersaglio: ORGANIZZAZIONE BERSAGLIO Pubblica amministrazione Mondo sanitario Azienda Privata Ente pubblico ORGANIZZAZIONE SELEZIONATA 1. Comune di Pescara 2. Provincia di Pescara 3. Ospedale Civile di Pescara 4. Fater o altra grande Impresa 5. EQUITALIA o INAIL Si e deciso di scegliere organizzazioni lavorative che raggruppano un numero molto consistente di dipendenti. 7

8 All interno del segmento Pubblica Amministrazione si e deciso di concentrarsi su Comune e Provincia di Pescara. Nel Mondo Sanitario si e deciso di scegliere una struttura molto organizzata e con una presenza significativa femminile quale l Ospedale Santo Spirito di Pescara; Nel Mondo Aziendale si e deciso di concentrarsi su una grande azienda con una presenza femminile rilevante. All interno dell Ente pubblico si e deciso di focalizzare l attenzione su strutture numerose che registrano una presenza femminile importante. Sono state invitate a partecipare le organizzazioni preselezionate e i risultati sono stati i seguenti: - Comune di Pescara e Provincia di Pescara hanno accettato di far parte dell indagine - L Ospedale Civile di Pescara ha accettato di far parte dell indagine - La Azienda FATER SpA non ha accettato di partecipare all indagine in quanto ha ritenuto di attivare al suo interno gia Azioni Positive condivise con i dipendenti; - L INAIL sezione di Pescara ha accettato di partecipare all indagine. A seguito di una selezione sul territorio di grandi aziende con una presenza femminile molto rilevante si e invitata a partecipare la azienda ADECCO SPA in sostituzione della FATER, che ha accettato. A conclusione dell attivita di selezione il Gruppo e risultato cosi composto: di ORGANIZZAZIONI SELEZIONATE ORGANIZZAZIONE BERSAGLIO Pubblica amministrazione Mondo sanitario Azienda Privata ORGANIZZAZIONE SELEZIONATA 6. Comune di Pescara 7. Provincia di Pescara 8. Ospedale Civile di Pescara 9. ADECCO SPA 8

9 Ente pubblico 10. INAIL PESCARA Tutte e 5 le organizzazioni selezionate hanno messo a disposizione dell indagine un gruppo di donne bersaglio sulle quali sviluppare l attivita di ricerca. 9

10 1.3 ATTIVITA N. 3 RICOGNIZIONE DELLE AZIONI POSITIVE ATTIVITA n. 3 AZIONI TEMPO RISORSE Ricognizione delle azioni positive nazionali ed europee 1)Individuazione delle AP nazionali ed europee che sono state realizzate in contesti analoghi al nostro in relazione a due primi parametri di riferimento: Dall 8/10/2010 al 31/10/2010 Responsabile: Coordinatore progetto Esperto PO di Comune con circa abitanti; Contesto lavorativo simile a quello delle organizzazioni selezionate. 2)Processare ogni AP secondo campi di indagine omogenei che consentiranno la comparazione orizzontale secondo i seguenti campi di indagine: Territorio di riferimento / Attivita svolte / Gruppo bersaglio / Risultati raggiunti / Contesto lavorativo di riferimento (se ne potranno aggiungere di specifici) al fine di individuarne le condizioni di applicabilita e gli obiettivi di performances Out-put: Archivio di Buone Prassi catalogate Questa fase del lavoro ha preso le mosse dalla definizione di Buona Prassi/Pratica e conseguentemente degli indicatori che consentono di individuarla. Fissata come ipotesi di partenza una definizione il più possibile ampia come: 10

11 si intende per Buona Prassi/Pratica tutto ciò che, all interno di un determinato contesto, consente il raggiungimento di un risultato atteso, misurato nella sua efficienza e nella sua efficacia e può quindi essere assunto come modello, può essere generalizzato o applicato ad altri contesti e, ai fini di verificarla e confermarla, è stato utilizzato l approccio di superare inizialmente la questione meramente definitoria provando ad analizzare quali sono gli obiettivi e i principi che reggono una buona pratica ovvero, invece di porsi la domanda cos è una buona pratica, ci si è chiesti a cosa serve e da cosa è contraddistinta, attingendo a tal scopo anche alle riflessioni svolte nel contesto delle organizzazioni sovranazionali ed internazionali, governative e non. È infatti evidente come il concetto di buona prassi/ pratica abbia un applicazione saliente in tutte le attività di progettazione sociale, volte, ad esempio, allo sviluppo locale, al rafforzamento dell occupabilità e adattabilità, alle pari opportunità, alla lotta contro l esclusione sociale. In tutti questi ambiti, l Unesco, e più in generale le Nazioni Unite, indicano quali buone pratiche gli interventi che: sono innovativi, ovvero hanno sviluppato soluzioni nuove e creative al problema che affrontano; hanno un impatto tangibile e dimostrabile nel migliorare la qualità della vita dei beneficiari; sono il risultato di partenariati effettivi tra pubblico, privato e settori della società civile; sono sostenibili da punto di vista sociale, culturale, economico ed ambientale; sono potenzialmente riproducibili in altri contesti Nella stessa cornice definitoria, le best practices hanno la finalità di: orientare le scelte pubbliche sull adozione di modelli o strumenti sperimentati con successo, anche sensibilizzando l opinione pubblica e i decisori politici sulle potenzialità, in termini di aumento della qualità della vita, delle soluzioni sperimentate. promuovere la condivisione e il trasferimento di know-how attraverso strategie di apprendimento in rete. 11

12 Tornando al tema della definizione è stato importante in questa sede prendere in considerazione la letteratura esistente in ambito nazionale e in particolare le diverse sistematizzazioni nel campo delle riflessioni Isfol: per buona pratica si assume una costruzione empirica delle modalità di sviluppo delle esperienze che per l efficacia dei risultati, per le caratteristiche di qualità interna e per il contributo offerto alla soluzione di problemi particolari soddisfa il complesso sistema d aspettative dell ambito preso in cosiderazione, ed ancora: una buona pratica ha sia carattere bottom up, in quanto è costruita sulla base di esperienze esemplari e positive che si presuppongono trasferibili in contesti più ampi, sia un carattere top down, in quanto richiede la prefigurazione di un insieme sistematizzato di ipotesi da verificare su base empirica. In riferimento al rapporto tra buone pratica e processo di modellizzazione: una buona pratica è ritenuta efficace solo se è capace di individuare modelli per l azione convenzionalmente ritenuti adatti dagli addetti ai lavori, agendo quindi sul piano del dover essere apprezzato per utilità e fattibilità funzionale. Sempre nella letteratura Isfol, le buone pratiche vengono distinte dalle storie di successo (success stories), infatti: le buone pratiche riflettono l idea che le possibilità di miglioramento della qualità e l introduzione di elementi utili per il cambiamento sono possibili e costituiscono un traguardo facilmente raggiungibile e quindi condivisibile. Una pratica è una costruzione empirica delle modalità di sviluppo di esperienze che per l efficacia dei risultati, per le caratteristiche di qualità interna e per il contributo offerto alle soluzioni di particolari problemi soddisfa il complesso sistema di aspettative nel contesto specifico In questa definizione, non solo viene ribadita la derivazione della buona pratica da un processo di modellizzazione delle soluzioni soddisfacenti sperimentate in un determinato contesto, ma viene anche accennata una declinazione di buona pratica nelle sue caratteristiche definitorie, che ove meglio specificate possono essere definite come criteri ed indicatori di buona pratica. 12

13 Ancora, la buona prassi viene definita, sempre nel contesto della letteratura Isfol, come la risultante dell interazione di quattro elementi costitutivi, così definiti: strategie progettuali; qualità delle azioni; riproducibilità; trasferibilità. Riprendendo la definizione iniziale di Buona Prassi come è tutto ciò che, all interno di un determinato contesto, consente il raggiungimento di un risultato atteso, misurato nella sua efficienza e nella sua efficacia e può quindi essere assunto come modello, può essere generalizzato o applicato ad altri contesti, a questo punto supportata e confermata dalla letteratura ed esperienza nazionale e internazionale, è stata esaminata più in dettaglio questa definizione. La buona prassi/pratica: - Descrive i risultati, i punti di forza, di criticità e i processi di un progetto locale: - nelle sue linee operative, nell efficacia dello svolgimento, nella sua realizzazione. - Presuppone che siano sempre comprensibili le modalità, le risorse, le valutazioni e gli esiti delle azioni. - Richiede, come condizione necessaria, la combinazione fra sapere e fare: non basta saper costruire un progetto, è essenziale farlo e documentare ciò che si è appreso nel processo di interazione fra teoria e pratica. Per questo la buona prassi/pratica funziona in un determinato contesto locale e temporale. Può essere esportata solo se non riproduce se stessa, solo se assume la funzione di supporto e di facilitazione per la produzione di una nuova buona pratica. Ogni pratica traccia un solco, su cui si innestano nuove e diverse opportunità e innovazioni. La buona prassi/ pratica possiede la caratteristica della trasferibilità se è: - concreta; - il risultato di più persone che vivono nella comunità locale e mettono assieme esperienze sia soggettive che collettive; - un percorso di lavoro in cui la fiducia, l attenzione e la comunicazione sono al centro dell agire; 13

14 - portatrice di elementi di novità; - realizzata preferibilmente in rete (reale o virtuale). Costruire una buona prassi/pratica è dunque un esercizio per incrementare: - Competenza progettuale - Autonomia - Responsabilità Gli elementi portanti di un esperienza di buone prassi/pratiche : - Rivisitazione dei saperi - Sviluppo di un processo discorsivo e inter-soggettivo - Sviluppo di una pratica riflessiva - Trasformazione della cultura organizzativa In questa terza attivita ci si e concentrati sulla selezione e analisi delle buone prassi/pratiche. La ricerca, l identificazione e la selezione di esperienze significative (da intendersi come esperienze di eccellenza e/o buone pratiche) ha necessitato di un delicato lavoro di elaborazione concettuale relativo alla definizione dei criteri d eccellenza per poter poi garantire replicabilità e trasferibilità delle esperienze. Sono stati comunque tematizzati criteri relativi alle strategie adottate, alla qualità del contenuto delle azioni, alla riproducibilità e trasferibilità delle buone pratiche, alla soddisfazione dei diversi attori, al rapporto tra azione e contesto, agli impatti delle azioni. Un altro elemento di riflessione importante può essere costituito dall idea che si attribuisce a una esperienza un valore d eccellenza se e nella misura in cui contribuisce alla soluzione di problemi, specifici, situazionali o generali. Caratteristiche fondamentali da ricercare nelle esperienze di eccellenza sono anche il sufficiente grado di trasparenza dei processi realizzativi e l adeguato livello di progettazione e documentazione degli stessi. È evidente come una buona prassi/pratica si identifica per la presenza dei seguenti indicatori: 14

15 - L impatto di un intervento corrisponde ai mutamenti che il progetto causa nella società. Tali mutamenti si riferiscono a condizioni che sono oltre il punto di non ritorno e non a cambiamenti temporanei. - La rilevanza di un intervento viene valutata verificando in quale misura i risultati del progetto sono importanti per i beneficiari, ovvero in che misura l intervento ha costruito soluzioni per i problemi specifici e più salienti dei destinatari. - L efficacia indica il grado in cui i servizi/prodotti/valore aggiunto apportati dall intervento hanno consentito ai beneficiari di raggiungere i benefici previsti. - L efficienza in un intervento viene espressa in termini di qualità e quantità dei servizi offerti in seguito all intervento, in relazione ai costi complessivi sopportati per la loro erogazione. Una buona prassi/ pratica, al termine dell azione progettuale, lascerà sul territorio: Innovatività, declinata non in termini assoluti, o non solo con riferimento a livelli di avanzamento tecnologico, ma in termini relativi a: - le condizioni di partenza del contesto - il target - i modelli adottati in partenza di inserimento lavorativo, formazione, concertazione, comunicazione progettazione, ecc. dei modelli formativi, di orientamento, accoglienza, adottati ai modelli di didattica, di rimotivazione, ecc. - output (figure professionali innovate; nuovi prodotti/servizi) - mainstreaming, ovvero impatto sulle politiche sociali e per il lavoro a livello locale, regionale, nazionale. Sostenibilità: indica la continuità e stabilità dei benefici raggiunti per i destinatari, anche dopo la fine del progetto e del suo finanziamento, nel rispetto delle risorse non rinnovabili e delle pari opportunità. La sostenibilità dipende da: - analisi delle precondizioni e vincoli esterni - coerenza progettuale interna - identificazione trasparente dei compiti e assunzione di responsabilità chiare dei componenti della rete di partenariato. 15

16 Trasferibilità: l azione è suscettibile di essere moltiplicata su uno stesso target (riproducibilità) o con destinatari e contesti differenti. Perveniamo quindi ad una definizione di buona prassi/ pratica che si caratterizza per: sul Piano progettuale Avere impatto Essere rilevante Essere efficace Essere efficiente Sul Piano meta-progettuale Essere innovativa Essere trasferibile Essere sostenibile Sulla base di tali presupposti sono state individuate le buone prassi nazionali ed europee che sono state realizzate in contesti analoghi a quello oggetto di indagine in relazione ai seguenti parametri di riferimento (preferenziale): Comune con circa abitanti; Contesto lavorativo simile a quello delle organizzazioni selezionate. Pertanto nello specifico dell indagine, facendo riferimento a definizioni e indicatori sopradescritti la raccolta di Buone Pratiche è avvenuta secondo due direttrici: con approccio top down: attraverso serbatoi istituzionali di buone pratiche ufficializzate (Equal I e II Fase, POR Regionali, Isitituzioni di Pari Opportunità, Ministeri, Enti Locali, ecc); con approccio bottom up: attraverso referenti del mondo del lavoro pubblico e privato (associazioni datoriali e sindacali, imprese, organizzazioni varie, ecc). Nella prima direttrice l individuazione è stata fatta partendo dai siti istituzionali, nella seconda direttrice sia attraverso i siti delle associazioni, sia attraverso l utilizzo di parole chiave selezionate da utilizzare sul motore di ricerca 16

17 La ricerca è stata finalizzata alla raccolta di tutte le Buone Prassi/Pratiche che consentono, sostengono, agevolano, valorizzano, ottimizzano e potenziano la presenza femminile nel mondo del lavoro fino al raggiungimento delle posizioni apicali, attraverso azioni orientate al genere e/o sistemi di valutazione e promozione delle risorse umane nei settori pubblico e privato. Successivamente, ogni buona prassi/pratica è stata processata e catalogata secondo campi di indagine omogenei che consentono la comparazione orizzontale secondo i seguenti campi di indagine: -Titolo -Area Geografica -Caratteristiche territoriali -Organizzazione pubblica -Organizzazione Privata -Strutture Coinvolte -Modalità Attuative -Destinatari -Criteri Adottati -Dispositivi -Analisi -Condizioni -Fonti 17

18 1.4 ATTIVITA N. 4 SELEZIONE DI AZIONI POSITIVE ATTIVITA n. 4 AZIONI TEMPO RISORSE Selezione di AP che possono trovare maggiore applicabilita sul nostro territorio 1)Selezione delle azioni all interno delle seguenti macroazoni: MACROAZIONE: Mainstreaming di genere MACROAZIONE: Conciliazione tra vita lavorativa e vita familiare MACROAZIONEGender budgeting MACROAZIONE: Empowerment Dal 01/11/2010 Al 05/11/2010 Responsabile: Coordinatore progetto Esperto PO di Out-put: L elenco delle Buone Prassi nazionali ed internazionali selezionate La selezione delle buone prassi dall insieme di quelle individuate, processate e catalogate nell ambito di Attività n 3 è avvenuta sulla base e all interno delle seguenti Macroazioni: MACROAZIONE: Mainstreaming di genere Il mainstreaming di genere può essere definito come una strategia per ridurre le differenze di impatto che le politiche possono avere su uomini e donne. È finalizzata al raggiungimento delle pari opportunità, promuovendo la partecipazione femminile in campi o ruoli precedentemente loro preclusi. Rappresenta una delle principali novità nell ambito dell attuale ciclo di programmazione delle politiche strutturali. È un modello che parte dall analisi della vita quotidiana delle donne e degli uomini, rende visibili le diverse esigenze, problematiche e favorisce lo sviluppo di politiche e prassi non contaminate da stereotipi o presupposti errati. 18

19 MACROAZIONE: Conciliazione tra vita lavorativa e vita familiare Gli effetti prodotti dalla crescita dell occupazione femminile sono stati da un lato la messa in discussione del tradizionale modello di divisione dei ruoli fondato sul genere e dall altro l aumento dell attenzione sulle problematiche legate alla necessità di conciliare tempi e ruoli diversi. Tutti i paesi sviluppati e tutti i lavoratori si trovano a gestire il problema della conciliazione ma, la difficoltà di conciliare vita lavorativa e familiare è avvertita soprattutto dalle donne a causa della diseguale distribuzione del carico di lavoro domestico, in particolare nella fase successiva alla nascita dei figli: le donne devono gestire maggiori responsabilità nella cura della prole e degli altri familiari. MACROAZIONE: Gender budgeting La Gender Budget Analysis rappresenta un modello di analisi delle entrate e delle uscite di un bilancio pubblico in grado di valutare i possibili diversi effetti sulla componente maschile e femminile della popolazione. Si presenta come strumento di trasparenza nella gestione dei fondi pubblici, di innovazione, di democrazia nell allocazione e distribuzione delle risorse. La GBA, quindi, attraverso l analisi delle differenze anagrafiche, economiche, sociali e di reddito permette di prendere decisioni politiche e di bilancio con la consapevolezza del diverso impatto che queste hanno rispetto alle differenze di genere. Gli obiettivi che la teoria della GBA intende perseguire sono: l equità, l efficienza, la trasparenza ed infine la consapevolezza. MACROAZIONE: Empowerment L empowerment, identifica un processo di evoluzione delle esperienze di apprendimento che consentono ad un individuo di superare una condizione di impotenza. Si tratta di un saper fare e di un saper essere caratterizzati da una condizione di fiducia in sé stessi, dalla capacità di sperimentare e di confrontarsi con la realtà circostante. Le diverse azioni e gli interventi centrati sull empowerment, pertanto, mirano a rafforzare il potere di scelta degli individui migliorandone le competenze e le conoscenze in un'ottica di emancipazione Nel contesto delle pari opportunità, infatti, l empowerment definisce il 19

20 processo di attribuzione di potere e responsabilità alle donne in primo luogo attraverso la promozione della presenza femminile nei centri decisionali della vita sociale, politica ed economica e, in secondo luogo sollecitando le donne a valorizzare ed accrescere le proprie abilità e competenze. 20

21 1.5 ATTIVITA N. 5 SCELTA DI AZIONI POSITIVE ATTIVITA n. 5 AZIONI TEMPO RISORSE SCELTA DI AZIONI POSITIVE 1)Progettazione dei Focus Group: predisposizione del testo di indagine e degli strumenti da sottoporre all attenzione degli stakholders 2)Realizzazione di n. 3 Focus Group (10 stakholders + 2 esterni) I Focus Group hanno l obiettivo di verificare la rispondenza delle Azioni Positive selezionate con i desiderata dei beneficiari. Realizzazione: 09/11/ /11/ /11/2010 Responsabile: Coordinatore di progetto Esperto PO 2 Esperti Middle con esperienza comprovata in indagini e ricerche sul campo Out-put: I risultati dei Focus Group Per scegliere le Azioni Positive da attuare nei vari contesti di riferimento si e deciso di promuovere dei Focus Group e delle Interviste immersive. Grazie a questa modalita di indagine di ascolto emergono i reali bisogni delle intervistate. Questo anche grazie alla scelta del campione, alle modalità di conduzione delle interviste sempre garantite da anonimato e alla tipologia delle questioni poste. Il rovesciamento di prospettiva (bottom up), partire cioè dall ascolto delle dirette interessate e solo dopo avviare, su queste basi, azioni concrete per rimuovere gli ostacoli e rendere le Pari Opportunità una realtà e non più solo una intenzione, trova, in questo progetto, pieno accoglimento. La vera grande forza di questo lavoro sta appunto nell assenza di una pre-strutturazione degli interventi positivi: si parte invece dall ascolto, dalla raccolta dei dati, dalla 21

22 catalogazione dei bisogni sul territorio e su questi sarà possibile iniziare un percorso di correzione delle disfunzioni e di valorizzazione delle Pari Opportunità. Il focus group è una tecnica di ricerca che nasce negli Stati Uniti ad opera di due sociologi degli anni 40, K. Levin e R. Merton. E un metodo di ricerca che permette di focalizzare la riflessione su un argomento specifico al fine di far emergere le relazioni tra i partecipanti. Il focus group non è una intervista, ma è una libera discussione che si svolge all interno di un piccolo gruppo (8-10 persone) di stakeholders 1 su un tema o diversi temi proposti da un moderatore. Dal punto di vista metodologico, il Focus Group è una tecnica che permette in maniera efficace anche se ovviamente non statisticamente rappresentativa la raccolta di informazioni rilevanti su un tema. La scelta degli stakeholders diviene quindi fondamentale al fine dell inclusione di tutte le opinioni ragguardevoli sull oggetto della discussione. Il risultato consiste in una sintesi della registrazione della discussione e degli appunti presi manualmente durante la discussione. Obiettivo: nell ambito del presente progetto di ricerca, l obiettivo è stato quello di raccogliere le esperienze delle donne che operano all interno di organizzazioni selezionate per rilevare le difficoltà incontrate in relazione al loro genere di appartenenza e le possibili soluzioni che propongono per il superamento di questi ostacoli. A questo riguardo sono state analizzate 4 Aree di discussione relativamente ai seguenti aspetti: Conciliazione Empowerment Gender Budgeting Mainstreming 1 Gli stakeholders sono quegli attori che detengono una posta in gioco riguardo ad una questione. Tale posta in gioco può essere data da interessi, danni impropri che possono essere subiti, valori. 22

23 Ambito di intervento: Sono stati effettuati 4 Focus Group (1 in più di quelli previsti) nelle seguenti organizzazioni: 1. Provincia di Pescara 2. INAIL 3. Ospedale Civile di Pescara 4. Comune di Pescara Target: 8-10 donne che operano all interno della struttura selezionata di età compresa preferibilmente tra 30 anni e i 45 anni. Metodologia utilizzata: La discussione e avvenuta in forma libera seguendo la tecnica del colloquio di gruppo. Ogni Focus Group ha avuto una durata di circa 120 minuti. Il gruppo di stakeholders selezionato per un FG è stato di circa 10 unità. Il gruppo e stato completato dalla presenza di due membri esterni. Un facilitatore che e intervenuto interviene per sviluppare il dibattito e il coordinatore, che ha organizzato i temi della discussione, fungendo da osservatore esterno e sintetizzando le parti più rilevanti della discussione. Il FG si sono svolti in questo modo. Il coordinatore ha introdotto i temi del dibattito, che sono poi stati sviluppati in maniera autonoma dai partecipanti. Il coordinatore ha potuto intervenire per mantenere la discussione nei termini prefissati o per concedere la parola a tutti i partecipanti. Il facilitatore e intervenuto ogni qualvolta il dibattito languiva o per moderare. La durata media di un FG è stata di 2 ore (in maniera dipendente dal numero effettivo di partecipanti). I documenti prodotti sono il risultato della sintesi delle registrazioni della discussioni e degli appunti presi manualmente durante la discussioni. E stata effettuata una registrazione di tutte le sessioni e si e provveduto a richiedere la liberatoria per l uso consenziente della registrazione audio. Tuttavia le registrazioni integrali, per la normativa sulla privacy, sono state utilizzate esclusivamente ai fini della presente ricerca e non saranno disponibili all esterno per ulteriori utilizzi. Nell out-put specifico sono riportati i dettagli dei 4 FOCUS GROUP. 23

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

L empowerment nei progetti di inclusione sociale

L empowerment nei progetti di inclusione sociale IV Convegno Nazionale di Psicologia di Comunità Psicologia per la politica e l empowerment individuale e sociale. Dalla teoria alla pratica L empowerment nei progetti di inclusione sociale di P. Andreani,

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

PROGETTO PROVINCIALE CONCILIAZIONE TRA TEMPI DI VITA E TEMPI DI LAVORO DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI FORLì-CESENA

PROGETTO PROVINCIALE CONCILIAZIONE TRA TEMPI DI VITA E TEMPI DI LAVORO DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI FORLì-CESENA Servizio Istruzione, Formazione e Politiche del Lavoro Ufficio Pianificazione Azioni di sistema, formazione per utenze svantaggiate e femminili PROGETTO PROVINCIALE CONCILIAZIONE TRA TEMPI DI VITA E TEMPI

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale Lezione 3 La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi informativi Comunicazione Programmazione e controllo

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare

DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare DEFINIZIONE DEL PIANO DI COMUNICAZIONE INTERNA Fare della Vostra Azienda il Miglior Posto in cui Lavorare Creating Your Future Impostazione e Linee Guida Obiettivi Questo documento illustra l approccio

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee IL CONTESTO

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

Livello di. Indice. 1. Premessa ... 6. Pag. 1 a 8

Livello di. Indice. 1. Premessa ... 6. Pag. 1 a 8 Livello di benessere organizzativo, grado di condivisione del sistema di valutazionee e valutazione del superiore gerarchico g Sintesii dei risultati dell indagine 2013 svolta sul s personale ASI ai sensi

Dettagli

Guida alla compilazione

Guida alla compilazione Guida alla compilazione 1 Guida alla compilazione... 1 PARTE I REGISTRAZIONE ORGANIZZAZIONE... 5 LA PRIMA REGISTRAZIONE... 5 ACCESSO AREA RISERVATA (LOGIN)...11 ANAGRAFICA ORGANIZZAZIONE...12 ANAGRAFICA

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

Le competenze professionali dell educatore sociale. Piattaforma concettuale

Le competenze professionali dell educatore sociale. Piattaforma concettuale International Association of Social Educators Association Internationale des Éducateurs Sociaux Asociación Internacional de Educadores Sociales www.aieji.net Le competenze professionali dell educatore

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli