LE ASSOCIAZIONI CHE FANNO LA DIFFERENZA. Guida alle associazioni che agiscono per le pari opportunità uomo e donna in provincia di Trento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE ASSOCIAZIONI CHE FANNO LA DIFFERENZA. Guida alle associazioni che agiscono per le pari opportunità uomo e donna in provincia di Trento"

Transcript

1 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Assessorato alla solidarietà internazionale e alla convivenza LE ASSOCIAZIONI CHE FANNO LA DIFFERENZA Guida alle associazioni che agiscono per le pari opportunità uomo e donna in provincia di Trento Osservatorio per le politiche di pari opportunità

2 Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla solidarietà internazionale e alla convivenza Redazione del testo e raccolta dati: dott.ssa Elena Bizzotto, dott.ssa Chiara Sartori, dott.ssa Elisa Fait Progettazione e coordinamento: dott.ssa Lucia Trettel, dott.ssa Sabrina Zanoni Le ASSOCIAZIONI che fanno la differenza: guida alle associazioni che agiscono per le pari opportunità fra uomo e donna in provincia di Trento. [Trento] : Provincia autonoma di Trento. Giunta, p. ; 24 cm. (Osservatorio per le politiche di pari opportunità ; 7) In testa al front.: Provincia autonoma di Trento, Assessorato alla solidarietà internazionale e alla convivenza 1. Enti senza scopo di lucro Trentino - Guide

3 LE ASSOCIAZIONI CHE FANNO LA DIFFERENZA Guida alle associazioni che agiscono per le pari opportunità uomo e donna in provincia di Trento Giunta della Provincia Autonoma di Trento Trento 2009 Osservatorio per le politiche di pari opportunità

4 indice Premessa 5 Nota metodologica 7 1 ASSOCIAZIONI ATTIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 9 1 A.C.I.S.J.F. Casa Tridentina della Giovane 11 2 ADMI Associazione Donne Musulmane d Italia 12 3 ALFID Associazione Laica Famiglie in Difficoltà 13 4 ArciLesbica L Altra Venere Trentino-Alto Adige 14 5 ATAS Onlus 15 6 BANCA DEL TEMPO DI ROVERETO 17 7 CENTRO ITALIANO FEMMINILE 18 8 CGIL DEL TRENTINO 19 9 COORDINAMENTO DONNE PENSIONATE SPI-CGIL COLDIRETTI DONNE IMPRESA CONFARTIGIANATO DONNE IMPRESA CONFESERCENTI DEL TRENTINO CISL DEL TRENTINO COORDINAMENTO DONNE CISL DEL TRENTINO COORDINAMENTO DONNE DI TRENTO COORDINAMENTO PROVINCIALE DONNE ACLI DONNE IMMIGRATE AGORà DONNE IN CAMPO DONNE IN COOPERAZIONE FIDAPA Federazione Italiana Donne Arti Professioni e Affari FONDAZIONE FAMIGLIA MATERNA GRUPPO DONNE RENDENA IL GIOCO DEGLI SPECCHI LA VOCE DELLE DONNE 42

5 25 MAFALDA Associazione Donne Trento MO.I.CA. Movimento Italiano Casalinghe OSSERVATORIO DI CARA CITTà PROGETTIO A.D.ELE. Associazione Donne Elettrici PUNTO D APPRODO Società Cooperativa Sociale Onlus SILLABARIA-Scrittura di donne SOCIETà ITALIANA DELLE LETTERATE - Gruppo di Trento SOROPTIMIST INTERNATIONAL - Club di Trento TERZIARIO DONNA Confcommercio della Provincia di Trento TEUTA Associazione Culturale Donne Albanesi in Trentino UIL del Trentino 57 2 BUONE PRASSI 59 1 CEAL Circolo del cinema EFFETTO NOTTE 62 3 CITTà APERTA Ponti fra persone Lingue e Culture 63 4 Gruppo Vocale CONCENTUS CLIVI 64 5 OLTRE Cooperativa Sociale 65 6 KALEIDOSCOPIO Società Cooperativa Sociale 67 7 LA CASA DI FELTRO Laboratori sperimentali di ricerca 68 8 LILA TRENTINO 69 9 MORE Associazione di promozione sociale 70 3 SOGGETTI ISTITUZIONALI 71 1 ASSESSORATO alla solidarietà internazionale e alla convivenza 73 2 COMMISSIONE PROVINCIALE PARI OPPORTUNITà TRA UOMO E DONNA 76 3 CONSIGLIERA DI PARITà 79 4 CENTRO DI STUDI INTERDISCIPLINARI DI GENERE 83

6 LE ASSOCIAZIONI CHE FANNO LA DIFFERENZA

7 Premessa Il principio di pari opportunità tra uomo e donna, a partire dalle sollecitazioni europee, è un valore che si deve tradurre in azioni concrete di attenzione, sensibilizzazione e promozione ma anche di vere e proprie iniziative di riduzione delle eventuali disuguaglianze dovute all appartenenza di genere. E evidente che si tratta di agire a più livelli, con varie modalità, utilizzando diversi strumenti, nella consapevolezza che nessuna azione è esaustiva, ma allo stesso tempo che è necessario un impegno costante. Per questo diventano importanti e preziose le competenze e le iniziative di tutti, perché ogni idea, ogni sollecitazione, ogni iniziativa riesce a cogliere un diverso punto di vista e contribuisce allo sviluppo e al processo che conduce alla piena cittadinanza. Ecco il perché di questa piccola guida che raccoglie in un unico contenitore i soggetti che sul territorio della provincia di Trento si occupano di pari opportunità tra uomo e donna. Ecco perché riteniamo fondamentale mettere insieme in primo luogo le associazioni che hanno tra i propri fini statutari, anche con sfumatura diversa, il principio delle pari opportunità tra uomini e donne, espresso anche come attenzione e consapevolezza della differenza tra i generi. Si tratta di un primo passo per costruire una rete ed una collaborazione tra chi agisce per un obiettivo comune. Accanto a queste associazioni è importante valorizzare le esperienze e le iniziative di qualità ideate e messe in campo anche da chi non ha, in modo esplicito, individuato le pari opportunità tra i propri fini statutari: è nella seconda parte di questa guida che si ritrovano queste buone prassi che possono costituire un ottimo esempio di cosa può essere fatto per costruire insieme la parità sostanziale. Infine abbiamo ritenuto utile riportare i soggetti pubblici che istituzionalmente si occupano di pari opportunità tra uomini e donne a livello provinciale, quale contesto di riferimento e sostegno permanente nei confronti della società civile che si esprime attraverso le associazioni. L idea è che non si tratti di una semplice pubblicazione, e tantomeno di una pubblicazione statica e definitiva, anzi. L obiettivo è di gettare le basi per costruire insieme una rete di soggetti la cui singola azione possa inserirsi in un percorso comune per raggiungere la pari dignità sociale e la vera uguaglianza di cui parla la nostra Costituzione. Lia Giovanazzi Beltrami 5

8 Nota metodologica La legge provinciale n. 41 del 1993 istituisce la Commissione provinciale pari opportunità e prevede che i 12 componenti nominati dalla Giunta provinciale vengano designati dalle associazioni e dai movimenti femminili che abbiano come fine istituzionale la promozione di iniziative a favore della condizione femminile (art. 2, comma 2, lettera a). In provincia di Trento però non esiste un Albo delle associazioni per le pari opportunità o delle associazioni femminili. Per disporre di un riferimento costante dell espressione della società civile a supporto del governo provinciale sulla questione di genere e delle pari opportunità tra uomo e donna, è nata perciò l idea di questa pubblicazione, risultato tangibile di un attività di ricognizione e raccolta delle associazioni che sul territorio provinciale agiscono a vario livello per le pari opportunità tra uomo e donna. La prima sezione della guida raccoglie quelle che, per i nostri fini, abbiamo denominato Associazioni attive per le pari opportunità, ovvero quelle associazioni che, tra i propri fini statutari, hanno esplicitato le pari opportunità tra uomo e donna. Per costruire l insieme di queste associazioni abbiamo percorso due strade: la prima ha previsto l inclusione delle associazioni che hanno presentato la propria candidatura per l elezione dei componenti della Commissione provinciale delle pari opportunità: dato che secondo l art. 2 della l.p. 41/1993 tali associazioni devono avere tra i propri fini istituzionali la promozione di iniziative a favore della condizione femminile rientrano con certezza tra le Associazioni attive per le pari opportunità. La presentazione della candidatura per l elezione della Commissione è però volontaria, per cui non possiamo essere certi di conoscere tutte le associazioni del territorio. E stata pertanto percorsa una seconda strada, che ci ha permesso di verificare il più possibile tutte le associazioni presenti sul territorio provinciale nell intento di completare la ricognizione; a tal fine sono state contattate le associazioni iscritte all elenco del Centro Servizi Volontariato della provincia di Trento, alle quali è stato chiesto di restituire i propri dati nel caso in cui le pari opportunità rientrassero tra gli scopi statutari. L insieme delle associazioni della prima e della seconda fonte costituisce così la prima sezione di questa pubblicazione, la sezione delle Associazioni attive per le pari opportunità. Trattandosi di una guida riguardante le associazioni non sono stati presi in considerazione i movimenti politici. 6

9 Abbiamo ritenuto però che potesse essere interessante rendere visibile anche la progettualità e le iniziative realizzate da associazioni diverse dalle prime, ossia senza finalità esplicite di pari opportunità nello statuto. Le protagoniste della seconda sezione sono diventate quindi le azioni interessanti per le pari opportunità, le cosiddette buone prassi che hanno ricevuto, per la loro realizzazione, il contributo concesso dalla Provincia. La concessione del finanziamento presuppone infatti che l idea progettuale sia stata verificata nella sua pertinenza nell ambito delle pari opportunità e che sia stata valutata meritevole del finanziamento. In questa seconda sezione sono stati riportati i progetti innovativi e replicabili realizzati da associazioni che possano essere d esempio anche per altre realtà indipendentemente dal periodo di realizzazione. La terza sezione, infine, riporta i soggetti che, a livello provinciale, hanno come fine istituzionale prioritario il principio delle pari opportunità tra uomo e donna. Per ogni soggetto delle tre sezioni sono riportate alcune informazioni utili: indirizzo, telefono ed orari, una breve descrizione dell attività e degli obiettivi e, se presenti, le buone prassi attivate. Tutti i dati qui pubblicati sono altresì inseriti sul sito L intenzione è di mantenere monitorato ed aggiornato l archivio dei soggetti attivi per le pari opportunità che per la prima volta viene qui divulgato: l attività di ricognizione non va infatti considerata conclusa ma, al contrario, l obiettivo è di permettere ad altri soggetti o ad altre buone esperienze, non contattate in questa prima fase, di rendersi visibili e di entrare a far parte di questa rete. 7

10

11 ASSOCIAZIONI ATTIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ

12

13 1 Orario A.C.I.S.J.F Casa Tridentina della Giovane Via della Prepositura, Trento - entrata Piazza Leonardo da Vinci Tel Mail Sito 24 ore su 24 per l intero anno comprese le festività La Casa Tridentina della Giovane A.C.I.S.J.F è un centro di accoglienza che ospita in un clima di conoscenza e integrazione reciproca, giovani e donne senza distinzione di religione, nazionalità ed estrazione sociale. A.C.I.S.J.F ospita inoltre, in appositi spazi, un gruppo di studenti di Scuola Media Superiore e delle Facoltà Universitarie. La struttura offre un servizio di pronta emergenza 24 ore su 24 e l accoglienza di utenti con progetti strutturati in collaborazione con i servizi socio-sanitari. 11

14 2 Orario ADMI Associazione Donne Musulmane d Italia Via Pranzelores, 58/ Trento Tel Mail Sito Buone prassi L obiettivo centrale dell A.D.M.I è quello di informare le donne musulmane sui loro diritti e sui servizi di cui possono usufruire. Più specificatamente, l associazione si impegna a salvaguardare l identità delle donne islamiche, combattendo la discriminazione e la violenza e promuovendo un integrazione positiva e attiva tramite la conoscenza reciproca e il dialogo a più livelli (interreligioso, interculturale ). L associazione opera, inoltre, per migliorare la situazione della donna musulmana immigrata e per aiutare le famiglie musulmane. Tali obiettivi si concretizzano attraverso la conoscenza e la collaborazione con altre associazioni locali, nazionali ed europee; ascoltando i bisogni e le proposte delle donne; realizzando attività di vario genere (incontri, convegni, conferenze, corsi, laboratori, feste...). Punto d ascolto Una o più donne residenti da decenni in Trentino, presso la sede dell associazione Comunità Islamica in Via Vivaldi 14/1, danno la disponibilità ad ascoltare le donne immigrate per dare sostegno morale e fornire informazioni utili circa i loro diritti, i servizi offerti sul territorio, i recapiti di altre associazioni o enti a cui può essere utile rivolgersi. Lo scopo principale di questa prassi è dare la possibilità a molte donne (che altrimenti non saprebbero a chi rivolgersi) di essere ascoltate e di ricevere informazioni utili a risolvere le loro problematiche, un servizio che, inoltre, aiuta a creare fiducia nei confronti delle istituzioni. Periodo di realizzazione:

15 3 ALFID Associazione Laica Famiglie in Difficoltà Viale S. Francesco D Assisi, Trento Tel Orario / Mail Sito L ALFID svolg di orientamento e consulenza, in particolare nella crisi di coppia, e fornisce: informazioni e consulenza sui diritti e doveri reciproci dei coniugi e nei confronti dei figli; consulenza nelle crisi familiari, soprattutto in rapporto a un eventuale separazione; informazioni e indicazioni sulla rete dei servizi pubblici e del privato sociale; mediazione familiare e/o sostegno genitoriale (supporto al genitore separato, eventualmente sostegno psicologico e/o supporto pedagogico, mediazione familiare); ospitalità temporanea (alloggio temporaneo in struttura protetta per adulti singoli o con minori). L ALFID offre questi servizi ai singoli (uomini e donne) e alla coppia, con particolare attenzione ai componenti deboli delle famiglie e quindi ai figli. L associazione svolge l attività con operatori propri e con collaboratori esterni, in rete con servizi sociali, enti del privato sociale, tribunali, professionisti. 13

16 4 ArciLesbica L Altra Venere Trentino Alto-Adige Largo Nazario Sauro, Trento Tel Orario Consulenza telefonica: 1 e 3 mercoledì del mese dalle alle Altro: da consultare sul sito dell associazione. Mail Sito Buone prassi L associazione promuove l affermazione dell identità e la diffusione della cultura lesbica attraverso varie iniziative (cineforum, mostre, conferenze, presentazione libri a tematica, partecipazione a corsi di formazione). Agisce, inoltre, per superare ogni forma di discriminazione e pregiudizio nei confronti dell orientamento sessuale e dell identità di genere, offre uno spazio per incontrare, comunicare, divertirsi e riflettere e un servizio di consulenza telefonica rivolto alle donne. Guarda in faccia la Violenza Sagome di donne e uomini a grandezza naturale, inserite in alcuni luoghi chiave del territorio, hanno raccontato storie di violenza subita da donne lesbiche e da uomini gay. L evento/esibizione di sperimentazione culturale e di animazione sociale ha ricorso allo spazio pubblico nella sua dimensione sociale, allo scopo di far emergere in contesti diversi e rivolgendosi a pubblici differenziati, il tema della violenza di genere nella sua declinazione per orientamento sessuale. Tale iniziativa ha voluto informare, sensibilizzare e incrementare la consapevolezza ed il senso civico dei cittadini/e sull argomento, con particolare attenzione ai/alle giovani. Periodo di realizzazione: settembre

17 5 ATAS Onlus Associazione Trentina Accoglienza Stranieri Via Madruzzo, Trento Tel Orario Trento: lunedì-venerdì: ; mercoledì: Rovereto: martedì, ; giovedì Via Bezzi, 29 Cles: mercoledì c/o Comprensorio C 6 Mail Sito ATAS Onlus opera per favorire tra gli stranieri la conoscenza e la consapevolezza dei propri diritti e doveri di cittadinanza, sostenendoli in particolare nei rapporti con lo Stato, nell accesso ai servizi pubblici, nella ricerca dell alloggio e del lavoro, nel processo di inclusione sociale e culturale nel territorio trentino; far conoscere alla comunità locale le potenzialità positive del fenomeno migratorio in modo da facilitare una convivenza pacifica e prevenire fenomeni di xenofobia e razzismo. Diverse e ad ampio raggio sono le modalità di sostegno agli stranieri da parte di ATAS Onlus: offre consulenza, alloggi temporanei, servizi immobiliari al privato (affinché possa cedere in affitto un immobile all associazione stessa che ne garantisce la gestione immobiliare), interviene presso le Case Circondariali trentine, promuov di volontariato al suo interno (ente accreditato presso il Servizio Civile Nazionale), offre un servizio di microcredito agli immigrati che hanno difficoltà ad accedere al prestito bancario e, inoltre, si occupa della progettazione e della realizzazione di attività formative. 15

18 5 ATAS Onlus Buone prassi Casa accoglienza femminile La Casa di Accoglienza Femminile (CAF) gestita da ATAS Onlus ha lo scopo di offrire a donne immigrate che si trovano in situazione di difficoltà un accoglienza temporanea (6+6 mesi) in vista di un inserimento nella società. Dalla condivisione di spazi comuni tra le donne straniere possono nascere scambi interculturali, legami di amicizia e supporto, momenti di convivialità. All interno della Casa sono presenti giornalmente le operatrici di ATAS onlus e una volontaria che sostengono le ospiti nella gestione della convivenza e negli eventuali problemi o difficoltà personali. Periodo di realizzazione: Tutti i colori delle donne 1 e 2 Percorso formativo volto ad offrire alle partecipanti straniere competenze applicabili fin da subito nella vita quotidiana, atte a favorire l inserimento nella società trentina. Uno dei punti di forza è risultato essere il fatto che non si è trattato di un corso che si può trovare preconfezionato sul mercato, ma di un progetto che ha tenuto conto delle esigenze reali delle donne straniere che quotidianamente si rivolgono ad Atas. Ha inoltre contribuito a meglio inserire la CAF presso la quale si sono tenute le sessioni formative nel tessuto cittadino e urbano. La seconda edizione si terrà a Rovereto, fuori dal contesto protetto della CAF. Periodo di realizzazione: gennaio - marzo 2009 / agosto - dicembre

19 6 BANCA DEL TEMPO DI ROVERETO Via Vicenza, Rovereto Tel Orario Mercoledì Mail / Sito Si tratta di un sistema di mutuo aiuto basato sul principio dello scambio: io offro un po del mio tempo per qualcosa che sono in grado di fare e chiedo il tempo di un altra persona per una mia necessità. Il tempo diventa una risorsa, una ricchezza che si può offrire per migliorare, nelle piccole cose, la qualità della vita e le relazioni umane. La Banca del tempo può offrire a figure femminili trentine, capaci in campo letterario ed in altri settori, spazio e opportunità di trasmettere le loro conoscenze e saperi. Inoltre, anche alle donne esperte in campi non riconosciuti ufficialmente può essere data l occasione di farsi conoscere. 17

20 7 CENTRO ITALIANO FEMMINILE Via Suffragio, Trento Tel Orario martedì e venerdì Mail Sito Il Centro Italiano Femminile opera per la promozione sociale e culturale delle donne: si occupa di prevenzione per la salute della donna, attraverso l attivazione di corsi di formazione, e collabora con l associazione Donne Albanesi A.C.D.A.I.T. Il Centro Italiano Femminile di Trento è promotore di progetti volti a sostenere azioni di contrasto allo sfruttamento della prostituzione; realizza corsi di classi di esercizi di Bioenergetica per la prevenzione della salute della donna; collabora con l Associazione A.C.D.A.I.T. per la reciproca conoscenza e l approfondimento delle esperienze di pari opportunità nei rispettivi paesi (Albania-Italia); sostiene Progetti di formazione ed educazione all Ascolto e alla Comunicazione per la diffusione delle Pari Opportunità. 18

21 8 CGIL del Trentino Via Muredei, Trento Tel Fax Orario / Mail Sito La CGIL è un organizzazione sindacale generale che promuove la libera associazione e l autotutela solidale e collettiva delle lavoratrici e dei lavoratori dipendenti o eterodiretti, di quelli occupati in forme cooperative e autogestite, dei parasubordinati, dei disoccupati, inoccupati o comunque in cerca di prima occupazione, delle pensionate e dei pensionati, delle anziane e degli anziani. Promuove nella società, anche attraverso la contrattazione, una politica di pari opportunità tra donne e uomini ed uniforma il suo ordinamento interno al principio della non discriminazione tra i sessi. Tutela inoltre il diritto di tutte le lavoratrici/lavoratori a rapporti corretti e imparziali, in riferimento all eventualità di molestie e ricatti sessuali. 19

22 9 Coordinamento Provinciale DONNE SPI-CGIL TRENTINO Via Muredei, Trento Tel Fax Orario lunedì-venerdì / Mail Sito Il Coordinamento provinciale donne SPI-CGIL Trentino svolg di formazione per favorire l entrata delle donne nel gruppo dirigente, elabora piattaforme per la contrattazione di genere e propone iniziative culturali. 20

23 10 COLDIRETTI DONNE IMPRESA Via Giusti, Trento Tel Fax Orario lunedì e giovedì / venerdì Mail Sito Buone prassi Coldiretti Donne Impresa si impegna a promuovere lo sviluppo dell imprenditoria femminile in agricoltura e nel mondo rurale e ad elaborare indicazioni e proposte in materia di politiche sociali - a partire dalla analisi della realtà femminile agricola e del mondo rurale - in tutti i suoi cicli di vita. Coldiretti Donne Impresa affianca all attività culturale e di comunicazione verso i consumatori e la società, la promozione della partecipazione femminile all azione sindacale, anche attraverso programmi di formazione delle donne, da realizzare nel quadro dell formative dell organizzazione. Tra gli altri obiettivi: rappresentare Coldiretti nelle istituzioni di parità e negli organismi per le politiche femminili, a livello nazionale, europeo e internazionale; collaborare alla concreta attuazione dell impegno sulle pari opportunità. Donne e agricoltura. La situazione in Trentino. è stata realizzata una pubblicazione in collaborazione con l Assessorato Pari Opportunità della Provincia autonoma di Trento per porre l attenzione sulla presenza femminile in agricoltura in quanto fattore chiave di uno sviluppo rurale sostenibile ed equilibrato. 21

24 11 Confartigianato donne impresa Via Brennero, Trento Tel Fax Orario / Mail Sito Confartigianato Donne Impresa, gruppo che rappresenta le donne imprenditrici dell Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento è finalizzato a promuovere obiettivi di carattere sociale, a incentivare lo sviluppo e il consolidamento dell imprenditoria femminile e a tutelare gli interessi sociali ed economici delle donne iscritte. In particolare, si propone di favorire lo sviluppo dell imprenditorialità femminile e delle pari opportunità; promuovere la presenza delle imprenditrici presso Enti ed Organismi economici, sociali e culturali, pubblici e privati, nazionali ed internazionali; sostenere la diretta partecipazione delle donne imprenditrici all attività sindacale, economica e sociale nel sistema Confartigianato nonché il loro accesso alle cariche elettive nell ottica di una politica di pari opportunità; promuovere azioni di formazione professionale, manageriale, culturale, capaci di incrementare l affermazione dello specifico femminile nel mondo del lavoro; essere attivamente presente con proprie proposte e iniziative nell ambito delle tematiche sociali, per un consesso civile in cui siano prioritari i valori della solidarietà, del rispetto, della dignità dell essere umano. 22

25 12 CONFESERCENTI DEL TRENTINO Via Maccani, Trento Tel Fax Orario / Mail Sito Buone prassi Confesercenti del Trentino da 35 anni rappresenta le piccole e medie imprese del terziario e si impegna per promuovere gli interessi delle aziende associate con un intensa attività sindacale. Nell ultimo decennio ha rafforzato anche il proprio impegno nella promozione delle pari opportunità svolgendo attività di consulenza fiscale e normativa alle donne che intendono diventare imprenditrici (o che già hanno una micro-impresa) e partecipando a convegni e gruppi di lavoro provinciali e nazionali. In questo ambito, si tenta di dare le maggiori informazioni possibili per adottare particolari forme di flessibilità del lavoro, così da favorire l occupazione femminile. Albo provinciale Co-manager Il progetto Albo delle CoManager è stato attivato e progettato in collaborazione tra Associazione Artigiani e Piccole Imprese della provincia di Trento, Confesercenti del Trentino, Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla convivenza ed alla solidarietà internazionale (Ufficio pari opportunità). Si tratta di un REGISTRO in cui sono memorizzati nominativi e caratteristiche professionali delle Co-manager, ossia potenziali sostitute delle imprenditrici, disponibili a sostituire le imprenditrici totalmente o parzialmente. E uno strumento che può essere utilizzato dalle imprenditrici donne che necessitino di essere sostituite temporaneamente nella propria attività in momenti in cui è necessaria un assenza prolungata (maternità; malattia e/o cure mediche; cura dei figli; cura degli anziani e in genere della famiglia allargata; studio e formazione). 23

26 13 CISL DEL TRENTINO Via S.Croce, Trento Tel Orario / Mail Sito La CISL è da sempre impegnata a sostenere le donne lavoratrici nel pieno riconoscimento dei diritti fondamentali di parità, di trattamento e di opportunità nel mercato del lavoro e in tutte le articolazioni della vita sociale e civile, favorendo azioni d inclusione lavorativa consapevole della necessità di affiancare ad esse politiche di conciliazione e condivisione dei tempi di cura e dei tempi di lavoro con iniziative efficaci e concrete per conciliare lavoro e famiglia, partendo dal rafforzamento dei servizi per l infanzia e per gli anziani insieme alla promozione d iniziative politiche per l adozione di misure contro tutte le discriminazioni di genere. La CISL, in coerenza con i propri valori, è consapevole che, promuovere l occupazione femminile è diventata un urgenza non solo per ragioni di pari opportunità e di giustizia sociale, ma soprattutto perché le donne sono le risorse fondamentali di cui sviluppo, innovazione ed economia del Paese, non possono fare a meno. Ciò nella consapevolezza che la promozione, l inclusione e la permanenza delle donne nel mercato del lavoro, insieme all affermazione dell uguaglianza di genere sono i pre-requisiti per il raggiungimento degli obiettivi di Lisbona per il

27 14 COORDINAMENTO DONNE CISL DEL TRENTINO Via S.Croce, Trento Tel Fax Orario / Mail Sito Con particolare riferimento al genere l associazione si occupa di coordinare l e le proposte interne al sindacato; avanza sia proposte alle federazioni in ordine alla contrattazione che pareri alla segreteria in ordine a proposte politiche; progetta ed attiva iniziative di formazione; progetta ed attiva iniziative interne e/o rivolte alla cittadinanza in ordine a tematiche d interesse generale e/o specifico. 25

28 15 COORDINAMENTO DONNE di Trento Via Stoppani, 3/ Trento Tel ; Orario martedì e giovedì Mail Sito Buone prassi Il Coordinamento donne di Trento si impegna affinché vengano realizzate le pari opportunità tra uomo e donna in tutti i campi. L associazione svolge azioni concrete di contrasto alla violenza contro le donne; azioni formative nei confronti delle donne straniere; azioni di sostegno alla creatività e alla crescita culturale delle donne; pressioni sulle istituzioni, anche in rete con altre associazioni, perché vengano difese le leggi volute dalle donne a salvaguardia della loro salute, della loro autodeterminazione e dei loro diritti. Centro antiviolenza Via Dogana Trento Tel Orario lunedì, martedì, giovedì e venerdì ; mercoledì Mail Sito Servizio rivolto a donne che nel rapporto di coppia, in famiglia, nelle relazioni interpersonali e in ogni altro contesto sociale sono minacciate o hanno esperienza di violenza fisica e/o sessuale e/o psicologica e/o economica. Il servizio consiste principalmente nello svolgimento di percorsi personalizzati finalizzati a permettere un incremento della consapevolezza da parte della donna vittima di violenza rispetto al rischio che comporta, 26

29 15 COORDINAMENTO DONNE DI TRENTO per sé e per i propri eventuali figli/e, vivere in una situazione di violenza e/ o maltrattamento e di sostenerla nell intraprendere percorsi di messa in sicurezza e di uscita dalla situazione di violenza (empowerment). Il servizio ha anche l obiettivo di aumentare l attenzione a tale problematica da parte dei servizi operanti sul territorio e di diffondere competenze e conoscenze sul tema della violenza sulle donne che favoriscano quel cambiamento culturale indispensabile a superare il fenomeno. Il servizio è referente per il Trentino del numero nazionale 1522 contro la violenza sulle donne. Progetto Donne Pachistane 15 incontri per un totale di 30 ore che hanno offerto, con l aiuto costante dell intermediatrice culturale e di donne volontarie che si sono occupate dei figli/e mentre le madri erano impegnate nel corso, un opportunità di integrazione e di scambio culturale ad un gruppo di donne pachistane di Trento. Gli incontri hanno visto la partecipazione di donne italiane professionalmente competenti in vari settori, quali le pari opportunità, la comunicazione, la facilitazione linguistica, la sanità, la scuola, l ambiente all interno di corsi di alfabetizzazione/conversazione mirata e di riflessione di gruppo. Il percorso ha permesso di utilizzare gli argomenti ed i termini degli interventi di settore per la facilitazione linguistica ed ha favorito l incontro ed il confronto. Periodo di realizzazione: gennaio - aprile 2009 Sul filo della memoria In dieci incontri, tenuti da un esperta in scrittura autobiografica seguendo gli stimoli derivati dal pensiero della filosofa Maria Zambrano, sono stati usati codici espressivi diversi (scrittura, manipolazione plastica, disegno, immagini, suoni) per esprimere quei pensieri che, legati al sentimento e alle emozioni, da sempre rendono possibile alle donne tenere uniti vita e senso della vita. Il percorso ha permesso di creare nella propria esperienza e dentro di sé i motivi di conferma del proprio valore e del valore della propria vita. Periodo di realizzazione: febbraio - marzo

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di di Vicenza e Verona quamproject Caritas Diocesana Bellunese, Veronese, Vicentina IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Guida 2014 Attività & Progetti

Guida 2014 Attività & Progetti Guida 2014 Attività & Progetti Sommario pag. Premessa... 4 Obiettivo di questa GUIDA... 4 Lista Progetti... 4 Referenti Progetti... 5 I. Progetto UN FIOCCO IN AZIENDA... 6 Benefici del Programma II. Progetto

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI

IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI 0 IMMAGIN(AR)IE RECLUSIONI progetto Immaginari - Esodo con il contributo di Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Vicenza e Verona

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW)

Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW) Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW) Adottata dall Assemblea generale delle NU il 18.12.1979, in vigore internazionale dal 3.9.1981.

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN NOI CON GLI ALTRI CAMERUN Solidarietà e cooperazione come valori fondanti per le nuove generazioni Promosso da: Fondazione Un cuore si scioglie onlus, in collaborazione con la Regione Toscana e Mèta cooperativa

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità

La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità Questa pubblicazione è stata realizzata con il contributo della Commissione europea, in occasione del 2007 - Anno europeo delle

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli