PROGETTO "AZIONI SOCIALI"

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO "AZIONI SOCIALI""

Transcript

1 COOPERA SOC.COOP.SOCIALE ONLUS sede legale: Ostra (AN) via San Gregorio, 65 sede amm.va: Senigallia (AN) via Corinaldese, 52 tel. 071/ fax. 071/ codice fiscale e partita i.v.a.: Iscritta ALBO SOCIETA COOP. al n. A PROGETTO "AZIONI SOCIALI" PREMESSA Casa della Gioventù Soc. coop. sociale ONLUS, grazie all'esperienza maturata nel settore sociale del territorio senigalliese e comuni limitrofi in quasi 30 anni di gestione di servizi in convenzione con gli Enti Pubblici a favore di soggetti svantaggiati, presenta una articolata proposta di Azioni Sociali a fianco delle Istituzioni Comunali, condividendone il desiderio di vicinanza alla popolazione fragile già soffocata dalla crisi socio-economica odierna. Perseguire il medesimo obiettivo di benessere della Comunità, significa concretamente, per Noi, rilevare bisogni e conseguentemente progettare e attuare risposte economicamente sostenibili per Comuni già al collasso. L'intento è quello di mettere a diposizione della Comunità, la capacità progettuale maturata, anche attraverso un coordinamento delle varie proposte per i disabili, in particolare per disabili medio lievi, tentando di colmare i vuoti, nella rete di servizi già presenti nel territorio, riguardanti il lavoro protetto e il tempo libero dei disabili lievi, tempo libero dei disabili medi. Le LINEE GUIDA che hanno portato alla presente progettazione sono: costi ridotti per l'intera Comunità; lavorare in un'ottica di rete, formata da maglie concretamente interconnesse tra loro, al fine di prevenire interventi che potrebbero comportare maggiore "disagio" ai singoli utenti, familiari, operatori dei servizi sociali e un maggiore impiego di risorse pubbliche; creazione di un filo conduttore tra le varie offerte di servizi, attraverso il coordinamento generale, per revisionare e razionalizzare e coprogettare i servizi stessi tarandoli, in tempo reale, sulle reali esigenze dell'utenza e delle famiglie offrire ai disabili e alle loro famiglie risposte mirate e differenziate, a seconda delle potenzialità, capacità e bisogni, evitando inutili e a volte dannose aggregazioni di gruppi eterogenei di utenti spesso altamente dispendiosi e, in alcuni casi, meno ricchi di rapporti personalizzati, proponendo altresì attività differenziate, da svolgersi in piccoli gruppi omogenei, che offrano socialità, giusta attenzione ed economicità, oltre ad una rilevante

2 varietà di proposte e stimoli; attivazione delle risorse psico-sociali e soprattutto economiche delle famiglie disincentivando l'ottica "risarcitoria" delle pensioni di invalidità al fine di accompagnarle verso l'acquisizione di una maggiore responsabilità e fiducia nei servizi e collaborazione reciproca mettere a disposizione e ampliare la già numerosissima rete di sostenitori, sponsor, partner che collaborano da anni con la cooperativa per far accedere sempre più persone a più proposte; promuovere e coordinare l'attivazione del volontariato specifico per le varie tipologie di disabilità curandone una specifica formazione a seconda dei gruppi, che siano di aiuto nel monitoraggio e capaci di collaborare nell'attivazione di reti amicali di ulteriore sollievo alle famiglie, se ben gestite promuore servizi dinamici, leggeri, con possibilità di essere corretti in itinere qualora risultino superati o sopravvalutati promuovere servizi legati all'età anagrafica dell'utente, e soprattutto all'emancipazione e non alla mera animazione o al "passare del tempo" BISOGNI ATTUALMENTE INEVASI Osservatori attenti del territorio, in qualità di cooperative di tipo A e B, descriviamo sinteticamente i bisogni/emergenze attualmente inevasi rilevati dalle fonti. Ci sono infatti ad oggi, nella popolazione disabile del nostro territorio, soggetti che per vari motivi faticano a trovare un proprio spazio di azione, protezione e valorizzazione delle proprie potenzialità, ottenendo, nel contesto preso in esame, risposte poco soddisfacenti o solo parzialmente efficaci o, in alcuni casi nessuna risposta a causa di nessuna richiesta da parte loro (o famiglia), spesso per mancanza di consapevolezza sulle propria situazione a sui rischi ad essa connessi. Pensiamo a: - giovani con insufficienza mentale lieve e disagio socio relazionale ormai fuori dal circuito scolastico e a volte anche da quello produttivo, privi di una reale e/o sana rete amicale, isolati, depressi, esposti a rischi come dipendenze, sfruttamento, vessazioni e abusi; - giovani disabili medio lievi a metà tra chi ha maggiori capacità e autonomie e chi più grave frequenta i Centri Diurni, incapaci o non ancora pronti per un inserimento lavorativo vero e proprio e/o privi di una reale e/o sana rete amicale - persone post traumatizzate o con patologie degenerative con ancora buone o discrete capacità relazionali e manuali/lavorative da potenziare o ritrovare È proprio a queste fasce di popolazione che si rivolge in maniera specifica la nostra progettazione. FONTI DI RILEVAMENTO DEI BISOGNI L Asur ha presentato alla Cooperativa:

3 - giovani e adulti affetti da patologie degenerative, richiedendo un aiuto professionale per la valutazione delle loro capacità residue e possibili contesti lavorativi protetti - giovani disabili lievi o medi, anche con lavoro, ma privi di rete amicale e sociale, isolati, depressi o con dipendenze (14 attualmente frequentano Se.Po.Fa. e 5 sono in attesa che si formi un gruppo di medio lievi) - giovani e adulti disabili, con caratteristiche che mal si adattano ai servizi attualmente presenti nel territorio generalmente e istituzionalmente orientati ad utenza grave ma con determinate. Abili Percorsi-Servizio di Orientamento e transizione al Lavoro: negli anni ci sono stati casi difficilmente collocabili in quanto non ancora pronti a confrontarsi con il mondo del lavoro vero e proprio o con una disabilità tale da non essere collocabile nel normale contesto lavorativo ma neanche in centri diurni; alcuni sono rimasti a casa da soli, altri con l assistenza personale, altri ancora sono stati comunque inseriti al lavoro perdendolo poco dopo. Se.po.Fa.-Servizio Educativo di Tempo Libero (attivo dal 2012 ma fino ad ora non convenzionato): al Servizio negli anni si sono presentati giovani che pur necessitando di un gruppo di pari, per uscire e vivere esperienze sane di tempo libero, non possedevano capacità e autonomie tali da essere inseriti e integrati nel gruppo già esistente evidenziando il bisogno di formare un altro gruppo per soggetti con difficoltà maggiori (disabili medi). Il CIOF di Senigallia: attraverso gli sportelli per la legge 68/99 relativa al collocamento mirato dei disabili. S.Stefano Istituto di Riabilitazione di Ancona ha contattato la Coop. per creare insieme dei percorsi di lavoro/occupazione per post traumatizzati, ad oggi in molti casi costretti, finita la riabilitazione, a rimanere a casa o a frequentare centri per disabili in cui non si riconoscono e che faticano ad accettare. Soggetti disabili che si rivolgono direttamente alla Cooperativa Casa della Gioventù o Coopera (di tipo B) alla ricerca di una prima occupazione, o dopo la perdita di lavoro, o alla ricerca di un gruppo di pari con cui uscire e trascorrere il proprio tempo libero.

4 LE AZIONI SOCIALI 1 - PROGETTO - SE.PO.FA. - SEnto POsso FAccio Servizio Educativo di Tempo Libero Tipologia servizio Destinatari Capienza Sede Figure professionali coinvolte Se.Po.Fa. STRUTTURA SERVIZIO Servizio Educativo e di mediazione per il Tempo Libero Aggregazione in gruppo di pari, giovani adulti, omogenei per difficoltà e potenzialità. Il Servizio è attivo da ottobre 2010 e vede la partecipazione di 14 giovani Soggetti con disabilità lieve e/o disagio socio relazionale tra i 18 e i 35 anni e over 35 (gruppo senior) con un elevato grado di autonomia personale e di spostamento, con lavoro o inserimento lavorativo Min 6 Max18 per incontro Non esiste una vera e propria sede (in quanto non è un "centro") ma esistono luoghi di incontro: Uffici della Cooperativa, Cag Bubamara, Bagni Hawaii e altri luoghi pubblici della città a seconda della stagione Educatori, coordinatore. Previsto psicologo per supervisione all equipe da attivare qualora vengano reperiti finanziamenti esterni Rapporto educativo 1: 6 Apertura del 1 volta a settimana (3 ore) e 1 uscita al mese (5 ore) x 12 mesi servizio Totale h settimanali erogate (per servizio base di 6 utenti)per ogni fig. Professionale Retta mensile a carico della Famiglia Punti di Forza Educatore: 3 h settimanali + 5 h mensili Coordinamento Tecnico: 3 h settimanali minime (per servizio base di sei utenti) aumentato di 30 minuti per ogni ulteriore ingresso 63,48 + IVA - Contenimento delle problematiche familiari con l utente e con la famiglia che viene sentita o incontrata periodicamente. - Prevenzione dalle dipendenze, depressioni, ab-uso di farmaci, vessazioni, sfruttamento economico e sessuale -Monitoraggio costante su tali possibili situazioni a rischio e aiuto e sostegno quando si verificano, attraverso il lavoro sul singolo e con la rete entro la quale il soggetto è posto - esperienze sane di aggregazione, tempo libero e divertimento in gruppo di pari omogeneo e aiuto nella mediazione con il resto dei pari e non. - il gruppo fa nascere sottogruppi spontanei che moltiplicano le occasioni di socializzazione e svago -la disabilità lieve rende tali soggetti più vicini alla condizione normale e perciò più desiderosi di libertà e autonomia che potrebbe però esporli maggiormente,

5 Criticità Progetti a breve e lungo temine, collegati al servizio Se.Po.Fa. Tempi e condizioni dell'attivazione senza una reale consapevolezza, a comportamenti distruttivi e autodistruttivi compromettendone il futuro e per questo necessitano di maggiore e continuo monitoraggio nel tempo - tale servizio colma una carenza di offerta per i lievi per i quali attualmente non sono presenti servizi adeguati pur trattandosi di una categoria di soggetti con grandi potenzialità da attivare con risorse minime - il coordinamento sostanzioso permette di organizzare singolarmente o per piccoli sottogruppi occasioni di incontri, gite e altro, oltre al pacchetto orario previsto - Rete di volontari - Ricerca attiva di sostenitori, donazioni, sconti, tariffe agevolate per gravare sempre meno sulla famiglia - Realizzazione di eventi di raccolta fondi - il servizio ha accolto, anche per lunghi periodi soggetti non in grado di pagare, rilevando per loro una grande necessità (uno di loro è stato accompagnato presso i servizi sociali e al percorso per il riconoscimento dell'invalidità e ora è in grado di autofinanziare la sua partecipazione al servizio, ) - Aprire ufficialmente il servizio all'ambito Territoriale Sociale considerando che alcuni degli utenti che già frequentano il servizio, risiedono fuori dal Comune di Senigallia; - Pur avendo instaurato una collaborazione proficua con le assistenti sociali e uno scambio di informazioni e strategie educative con esse, non essendo il servizio presente nella rete ufficiale dei Servizi, non è permesso al coordinatore di partecipare ai Pei degli utenti; - Siamo a conoscenza di diversi casi di soggetti che avrebbero la necessità e la motivazione di partecipare al servizio, ma sono impossibilitati a farlo perchè allontanati o privi della famiglia o in condizioni di grave indigenza. - Attualmente le famiglie, oltre alla quota mensile si fanno carico delle spese extra (ingressi, trasporto, trasferte educatori...) - "Voglio essere indipendente " Corso di autonomia e cucina per disabili lievi - Convivenze di un mese - sepofa appartamento (vedi capitolo Progetti Futuri) Già attivo dal 6 ottobre 2010 Attualmente con 14 utenti

6 Se.Po.Fa. TABELLA COSTI per servizio base di 6 utenti (minimo per attivazione) Descrizione costo Costo Totale mensile Costo ad Utente Mensile Costo Totale Annuo Totale ore frontali (educatore) mensili procapite 360,00 60, ,00 Quota Iscrizione Annuale 5 2,50 0,42 30,00 Quota Assicurazione Annuale 22 11,00 1,83 132,00 Coordinamento tecnico (30 min. ad utente) 287,67 47, ,04 Spese Generali (spese telefoniche, carburante, spese per trasferte) + 80 ogni 6 utenti in più 150,00 25, ,00 Costo totale del Servizio 811,17 135, ,04

7 2 - DI. NA MO - "DIamoci una MOssa Servizio Educativo di Tempo Libero DI. NA MO STRUTTURA SERVIZIO Tipologia servizio Servizio Educativo di aggregazione per il Tempo Libero Incontri settimanali in gruppo di pari, giovani adulti, omogenei per difficoltà e potenzialità. Destinatari Soggetti disabili medi tra i 16 e i 30 anni e over 30 (gruppo senior) con un discreto grado di autonomia personale e di spostamento reale o potenziale Capienza Min 4 Max 12 per sede Sede Locali e sedi dislocate della Cooperativa - luoghi pubblici Figure professionali coinvolte Educatori e coordinatore Rapporto educativo 1: 4 Apertura del servizio Totale h settimanali erogate (per servizio base di 4 utenti)per ogni fig. Professionale Proposta compartecipazione mensile della famiglia Punti di Forza Criticità Tempi e condizioni per l'attivazione 3 pomeriggi a settimana (3 h ad incontro) 9 h educatore Coordinamento Tecnico: 2 h settimanali minime, aumentato di 30 minuti per ogni 2 ulteriori ingressi 259,62 + IVA per il pacchetto di 9 ore settimanali 182,69 + IVA per il pacchetto di 6 ore settimanali - Offrire aggregazione per disabili medi che non trovano risposte amicali nel tempo libero e divengono spesso "personaggi" della cittadina o vagano soli per la città, cercando di fare due chiacchiere con chiunque, a volte anche in maniera inopportuna e/o pesante. - Prevenire l'isolamento di chi oltre alla borsa lavoro o ad un inserimento occupazionale, rimane spesso solo e senza stimoli, o dove la famiglia è costretta, qualora ne abbia la possibilità, a pensare anche al tempo libero del figlio. Spesso infatti è la famiglia stessa a, motivare e sollecitare alcuni dei pari a "uscire col figlio e a passare del tempo con lui per farlo svagare un po'" o semplicemente a lasciarlo in posti frequentati da giovani dove il disabile e l'ambiente non sono vicendevolmente preparati e dove il giovane diventa "uno da sopportare o deridere". Alta compartecipazione della famiglia, eventualmente da abbassare attraverso sistema ISEE Attivato da febbraio 2014 con quattro utenti

8 Di.Na.Mo. TABELLA COSTI per servizio base di 4 utenti (minimo per attivazione) Descrizione costo Costo Totale mensile Costo ad Utente Mensile Costo Totale Annuo Totale ore frontali (educatore) mensili procapite 768,00 192, ,00 Quota Iscrizione Annuale 5 1,67 0,42 20,00 Quota Assicarzione Annuale 22 7,33 1,83 88,00 Coordinamento tecnico (30 min. ad utente dal 5 utente 15 min. ad utente) 191,78 47, ,36 Spese Generali (spese telefoniche, carburante, spese per trasferte) + 80 ogni 4 utenti in più 150,00 37, ,00 Costo totale del Servizio 1.118,78 279, ,36

9 4 - I LAB - Lavoro autonomia e vita per soggetti svantaggiati (disabilità acquisita e invalidità) LAB STRUTTURA SERVIZIO Tipologia servizio Destinatari Laboratori artigianali e di grafica per borse lavoro e tirocini osservativi, in Cooperativa di tipo B (Cooperativa Coopera) con carattere di produttività, seppur minima, e non carattere socio-educativoassistenziale. Persone con svantaggio o stigma sociale che sono fuori dalle logiche competitive e di profitto e non posseggono la flessibilità richiesta negli odierni ambienti di lavoro. In particolare ci rivolgiamo a PERSONE DISABILI in età da lavoro, con discrete autonomie personali, del territorio Senigalliese e di tutto l'ambito Territoriale: 1 che hanno assunto la condizione di disabilità dopo traumi, incidenti sul lavoro, stradali o di altro genere, che hanno leso le capacità fisiche e/o psichiche; 2 affetti da sindromi e patologie degenerative; 3 con una lieve insufficienza mentale ma elevate capacità manuali; 4 invalidi civili. I primi sei mesi dopo l'ingresso sono utilizzati come fase di valutazione al termine dei quali, con l'assistente sociale e la psicologa Umea, sarà creato un progetto individualizzato per valutare e decidere il percorso più idoneo e le condizioni per il mantenimento dello stesso nel tempo. Condizioni per l'accesso dell'utenza Non è previsto l'inserimento di persone: - con disturbi psichiatrici anche se con disabilità congenita o acquisita - problematiche di comportamento non adatto alla vita sociale (intenzionalmente pericoloso o dannoso per sè, gli altri o le cose). - persone che nelle 3 ore di lavoro necessitano di assistenza per le funzioni fisiologiche Capienza Min 6 - Max 12 (6 al mattino e 6 al pomeriggio) Sede Sede cooperativa Casa della Gioventù in edificio separato rispetto al centro diurno, in via di ristrutturazione Figure professionali coinvolte Educatore / tutor coordinatore Rapporto educativo 1: 6 Apertura del servizio Dal lunedì al venerdì 9-12 e Per 12 mesi. Totale h settimanali erogate per ogni fig. Professionale Educatore / tutor : 3h X 5 dì =15h Coordinatore: 3h a settimana (aumenta 1/2 h ogni 2 utenti in più) Proposta compartecipazione Non è prevista della famiglia Punti di Forza - il servizio è al contempo un:

10 Criticità / Progetto Azioni Sociali a cura della Cooperativa Sociale Casa della Gioventù ONLUS luogo di Transizione al lavoro per chi, non ancora pronto, necessita di acquisire competenze e attivare risorse personali o anche recuperare una qualche forma di produttività e partecipazione sociale che a lungo termine potrà poi spendere in contesti lavorativi non protetti; questo per evitare inserimenti parcheggio dove può essere più alta la sensazione di essere tollerato che quella di essere minimamente utile o soddisfatto, rischiando di abbassare il proprio livello attentivo e cognitivo se non un vero fallimento un luogo di Transizione al lavoro per Tirocini osservativi tra un precedente lavoro o borsa lavoro e l'inizio di un altro che, per problematiche varie, tarda ad essere attivato, per evitare pericolosi isolamenti, regressioni psico-fisiche e depressioni (come osservato già in utenti del Sepofa e Abili Percorsi o precedenti lavoratori del Laboratorio di bomboniere SeminaSogni). Laboratorio protetto per chi con patologie degenerative o post trauma non potrà mai essere inserito nei comuni contesti lavorativi (max 2 utenti su 6); - il servizio potrà usufruire degli spazi e delle attività produttive del negozio-laboratorio di Bomboniere ed oggettistica SeminaSogni di Senigallia e Chiaravalle dove verranno commercializzati parte dei prodotti realizzati nei laboratori artigianali durante la settimana - affronta e gestisce in modo integrato e multidisciplinare i deficit e le disabilità cognitive, emotive e comportamentali, le difficoltà sociorelazionali e di inserimento sociale e le conseguenti problematiche psicologiche. - creazione di una ricca rete di collaborazioni tra cooperativa di tipo A e B, altre cooperative, aziende del territorio, fornitori, clienti partner - pur non essendo prevista una compartecipazione economica della famiglia, in questo caso è prevista una maggiore compartecipazione da parte della coopertativa che si fa carico della ristrutturazione e adeguamento di un locale di sua proprietà, che sarà deputato ad accogliere i laboratori e del materiale e della strumentazione specifica. Tempi e condizioni per l'attivazione Tempi e condizioni per l'attivazione Il servizio è attivabile indicativamente da aprile 2014 anche con 3 utenti (solo se previsti altri 3 ingressi nel giro di max 6 mesi) Previsto avvio entro il mese di aprile 2014 con quattro utenti

11 Lavoro Autonomia e Vita TABELLA COSTI per servizio base di 6 utenti o al mattino o al pomeriggio Descrizione costo Costo Totale mensile Costo ad Utente Mensile Costo Totale Annuo Totale ore frontali (educatore) mensili procapite 1.272,59 212, ,02 Coordinamento tecnico (30 min. ad utente dal 5 utente 15 min. ad utente) 287,67 47, ,04 Sede 250,00 41, ,00 Ausili 100,00 16, ,00 Materiali 200,00 33, ,00 Costo totale del Servizio 2.110,26 351, ,06

12 5 - Coordinamento Generale Coordinamento Generale STRUTTURA COORDINAMENTO Tipologia coordinamento Destinatari Figure professionali coinvolte Apertura del servizio Totale h settimanali erogate per ogni fig. Professionale Punti di Forza Criticità Coordinamento generale che unisce e supervisiona i singoli coordinamenti tecnici specifici di ognuno dei tre servizi presentati con l'intento di razionalizzare e condividere risorse, procedure, sistemi e idee così da contenerne i costi, anche attraverso azioni di fund rising. A questo si aggiunge la progettazione e riprogettazione continua in base a nuove esigenze interne ed esterne ai servizi e il mantenimento dei collegamenti di rete (rapporti con EE:PP:, con partner, ecc. ) Tutti gli stakeholder dei servizi compresi nel Progetto "Azioni Sociali": Se.Po.Fa, Di.na.mo. e Lab Pedagogista/coordinatore di sistemi complessi Reperimento attraverso cellulare 4h a settimana - Coordinamento unico di sistemi complessi che permette di contenere costi, razionalizzare, semplificare l'erogazione dei servizi, progettarli e riprogettarli adeguandoli in itinere in base a problematiche, risorse o esigenze emergenti. - Collaborazione con i Servizi Sociali comunali nella progettazione (anche di fundrising), monitoraggio, razionalizzazione ed erogazione dei servizi per la disabilità a Senigallia e nell'ambito. - Svolge azione di informazione, orientamento e mediazione a favore dei soggetti singoli e delle famiglie, in merito ai servizi presenti sul territorio anche non convenzionati (es. Centro di Psicologia Solidale) Tabella Costi di Coordinamento Generale Descrizione costo Costo Totale mensile Costo Totale Annuo Coordinamento Tecnico 4 ore a settimana con Pedagogista a 23,83 /h 409, ,51 - Costo totale del Servizio 409, ,51

13 DETTAGLIO TARIFFE UTILIZZATE PER COSTO DEL PERSONALE Il costo orario relativo al personale utilizzato nelle varie "Azioni " deriva dalle Tabelle Ministeriali del CCNL firmato in data 02/04/2012 (ultima tranche in vigore dal prossimo 1 dicembre 2013), maggiorato dei costi generali per la cooperativa. Esclusivamente per il costo orario del coordinatore generale la tariffa è stata tratta dal tariffario regionale (non più in uso), al netto delle indennità previste. QUALIFICA LIVELLO CONTRIBUTIVO TARIFFA ORARIA O.S.S. OSS/C2 19,15 EDUCATORE C3/D1 19,73 COORDINATORE di servizi singoli D3/E1 22,30 COORDINATORE di servizi complessi (psicologo e pedagogista) E2 23,83 N.B.: i costi inseriti nelle rispettive tabelle sono stati imputati al netto di I.V.A. RIEPILOGO COSTI PROGETTO AZIONI SOCIALI Costo Complessivo Base Annuo Contributo richiesto Costo Azione 1 Servizio Se.Po.Fa. (calcolato sugli attuali 15 utenti) , ,24 Costo Azione 2 Servizio Di.Na.Mo , ,36 Costo Azione 3 L.A.B , ,06 Costo Azione 4 Coordinamento Generale 4.918, ,51 TOTALE COSTO PROGETTO AZIONI SOCIALI , ,17 PROPOSTA COMPARTECIPAZIONE FAMIGLIE Il progetto prevede una grande responsabilizzazione delle famiglia anche attraverso una sostanziosa compartecipazione alla spesa, in particolare per le azioni 1 e 2. Le cifre proposte, per ogni Azione, come compartecipazione delle famiglie, sono da considerare come cifre massime da richiedere alle famiglie, da dimininuire, eventualmente, secondo le fasce di reddito attraverso il sistema ISEE. Il medesimo sistema potrebbe essere applicato, a nostro avviso, anche su servizi esistenti quali i centri diurni per gravi, con aumento, anche in quel caso, della compartecipazione massima. SVILUPPI FUTURI Nuovi progetti sono già in studio e si è attivata la ricerca di fondi per avviarli (bandi di fondazioni bancarie, attivazione del fondrising delle famiglie singoli servizi, creazione eventi, commercializzazione su larga scala): Per gli utenti Lievi del Sepofa si sta attuando il progetto "Voglio essere indipendente" per la preparazione alla Vita Indipendente in Gruppo Appartamento di alcuni giovani del servizio.

14 Tale progetto, prevede diversi step (mini progetti) che si sono avviati nel 2010 con l'attivazione di "FamiliarizziAmo" un supporto psicologico di gruppo, per genitori, nel quale è emerso sia il pensiero del "dopo di noi" sia quello del "durante noi" cioè la preparazione alla vita indipendente. Grazie al contributo ottenuto da una fondazione bancaria, a novembre p.v., si attiverà il miniprogetto di Vita Indipendente - Cucina, alimentazione corretta e autonomia domestica. Grazie all'auto organizzazione di un evento di beneficenza, sono stati raccolti fondi per l'avvio della sperimentazione a giugno delle Convivenze di un mese per delineare le basi per i futuri gruppi di convivenze progressivamente più lunghe e monitorate da educatori e pedagogista. Già da 3 anni si stanno attuando presso i locali del Seminario Vescovile di Senigallia Convivenze di 8 giorni per fare esperienze di gruppo. Sempre per Sepofa, i contatti della Cooperativa, hanno permesso di ottenere costi agevolati, per oltre 10 utenti, per il miniprogetto "Vacanze sulla neve? Si Se.po.fa!" con maestri specializzati per permettere lo sci a persone con disabilità Per il futuro prossimo sarà possibile avviare "I Lab" con una sede, materiali e strumentazione specifica necessaria, grazie alla realizzazione di un evento di raccolta fondi. La commercializzazione dei prodotti poi, attraverso i nostri punti vendita, permetterà di reperire altre risorse per finanziare nuovo materiale e strumenti e la manutenzione dei locali di proprietà. Con il progetto "Aggiorna competenze" grazie a finanziamenti per la formazione del Fon Coop abbiamo potuto contattare il Pedagogista Mario Paolini e la responsabile di Fuond Raising della Lega del Filo d'oro che terranno ripettivamente la loro formazione ai coordinatori del Progetto Azioni Sociali e gli educatori e coordinatori dei servizi della Cooperativa. Grazie alla formazione continua dei coordinatori del Progetto Azioni Sociali si è venuti a conoscenza di due progetti interessanti uno nel bolognese l'altro a Milano di Vita indipendente e tempo libero e, a breve, saranno avviati contatti per vedere dal vivo e trarre spunti dal loro lavoro per migliorare le proposte. Avviare stabilmente una formazione con le famiglie per gruppi omogenei a cura del gruppo di psicologhe del CENTRO PSICOLOGIA SOLIDALE servizio aggiuntivo e afferente a tale progetto (per costruire percorsi di sostegno consapevolezza e ridimensionamento delle pretese, conoscenza delle opportunità, aiuto nel mestiere di genitore di persone disabili) CONCLUSIONI Potremmo sintetizzare che tale progettazione potrebbe apportare i seguenti benefici: Razionalizzazione delle risorse promozione e attuazione di azioni mirate e concordate tra Amministrazione e Cooperativa per un lavoro con le famiglie per permetta loro di apportare un reale contributo ideativo realistico, concreto, economico e coordinabile.

15 azione di prevenzione soprattutto per utenti lievi a breve e medio temine del loro ingresso in servizi più costosi (che, per esperienza diretta, se lasciati a sè stessi perderebbero motivazione al lavoro, potrebbero avviare forme di dependenze patologiche, mettere in pericolo il patrimonio familiare, essere sfruttati) azione di prevenzione per utenti di media gravità che, non peggiorando ovvero mantendo e ampliando le loro potenzialità, tardano o riescono ad evitare l'entrata in centri diurni ben più costosi passaggio di alcuni soggetti disabili da servizi pesanti in termini di risorse e costi (CSER e assistenza domiciliare), a servizi molto più leggeri e sostenibili, riuscendo a rispondere al contempo agli specifici bisogni dei singoli individui in modo maggiormente mirato qualità aggiunta in termini di: maggiori esperienze e attività da svolgere con l'utenza data dalla vastità dei contatti e della rete della cooperativa supervisione dei servizi e del coordinamento generale grazie all'attivazione di una formazione e supervisione di pedagogisti e psicologi qualificata e di una certa rilevanza nazionale gestione delle famiglie, costruire piattaforme comunicative con le famiglie che non prevedano semplicemente l'accontentare al meglio le singole richieste ma che ridimensionino le pretese familiari e permettano la messa in campo delle loro risorse anche dal punto di vista del foundraising e dell'ideazione di servizi più leggeri e maggiormente rispondenti ai loro bisogni. necessità di portare le famiglie dei soggetti disabili ad acquisire fiducia nei servizi e attribuire valore alle risorse che la cittadina attiva anche in considerazione delle differenza di investimenti con le altre cittadine dell'ambito. razionalizzazione reale dei servizi attuazione di servizi dinamici, leggeri, che prevedano un investimento minimo che può essere corretto velocemente in itinere qualora risulti superato o sopravvalutato fare in modo che l'ambito territoriale riconosca e contribuisca ai servizi per la disabilità potendo anche creare dei servizi che possano confluire nel territorio senigalliese più ricco di opportunità si potrebbe avviare una formazione comune tra coordinatori del progetto, rappresentante dei Servizi Sociali comunali e/o dell'asur, con pedagogisti e fundraiser per riflettere e offrire ulteriore qualità aggiunta nei servizi visibilità sociale del Comune e dei Servizi Sociali Azioni sociali concrete, in maggior numero, più mirate e meglio coordinate potrebbero far aumentare la soddisfazione e la visibilità sociale dell'amministrazione Comunale

16 che protrebbe risultare ancora più accurata e sensibile nella gestione delle risorse per il Sociale. Può essere attivata in collaborazione con la Cooperativa, una pubblicizzazione dei servizi attraverso manifesti pubblici che avvisano dell'avvio di nuovi servizi Comunali (valorizzando la gamma delle proposte attivate nel territorio grazie alla collaborazione col Privato Sociale che offre risposta differenziate a seconda delle esigenze) Pubblicità e risonanza potrebbero attrarre benefattori e volontari; a tal proposito si potrebbero veicolare le attenzioni pubbliche negli eventi di medio rilievo della città valorizzando le proposte di gestione di Sociale nel territorio. si potrebbero organizzare convegni o momenti pubblici con il pedagogista di rilievo. gestione della risorsa volontariato non esiste al momento, ma potrebbe essere creata, un'associazione di volontariato specifica per i servizi per la disabilità su ispirazione di un modello milanese, potendo anche accedere a finanziamenti extra per le associazioni oltre che a quello per le Onlus Quanto esposto, è frutto del Team di Progettazione Sociale dell'area Disabili della Cooperativa Casa Gioventù coordinato dalla Dott.ssa Susanna Vecchioni che rimane a disposizione per ulteriori chiarimenti sulle singole proposte e sul Coordinamento Generale del Progetto Azioni Sociali. Senigallia, 12 marzo 2014

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. COMUNE DI CATTOLICA cod. NZ 02255

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. COMUNE DI CATTOLICA cod. NZ 02255 (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI MISANO ADRIATICO (Capofila) COMUNE DI CATTOLICA COMUNE DI BELLARIA-IGEA

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Sono Rosalba, socio-volontaria

Sono Rosalba, socio-volontaria PRIMAVERA 86 E PROGETTO CSERDI Rosalba Mancinelli Socia fondatrice e consigliere di amministrazione dell Organizzazione di volontariato Primavera 86. Pedagogista e insegnante Sono Rosalba, socio-volontaria

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

RELAZIONE a.s. 2009-10

RELAZIONE a.s. 2009-10 per l'innovazione scolastica e l'handicap "Mario Tortello RELAZIONE a.s. 2009-10 a.s. 2009-10 Ampliamento patrimonio librario Aggiornamento sito Seminario Alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Progetto Insieme si può

Progetto Insieme si può Progetto Insieme si può Network dei servizi sociali Lavoro di cura, badanti, politiche dei servizi Milano, 17 aprile 2007 e.mail insieme.roma@libero.it Sito del progetto www.insiemesipuo.net GLI OBIETTIVI

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI CONSORZIO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI (Approvato con Deliberazione dell Assemblea Consortile n. 04 del 28/04/2014)

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO PREMESSA Nelle finalità del progetto riabilitativo complessivo dell

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

ROMA CAPITALE. 1 9 ùi C Z013 31/01/2014.

ROMA CAPITALE. 1 9 ùi C Z013 31/01/2014. ROMA CAPITALE Dipartimento Servizi Educativi e Scolastici. Giovani e Pari Opportunità Direzione de i Se rvizi Educativi e Sco lastici U.O. Serv,zi d, Supporto al sist ema educativo e scolastico RO M A

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Approvato con. D.C.C. n.17/2008

Approvato con. D.C.C. n.17/2008 Approvato con. D.C.C. n.17/2008 REGOLAMENTO UNICO PER L ACCESSO AL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIO -ASSISTENZIALI E PER LA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI E DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

BANDO DI CONCORSO. Soggiorni e Itinerari Ben-Essere

BANDO DI CONCORSO. Soggiorni e Itinerari Ben-Essere BANDO DI CONCORSO Soggiorni e Itinerari Ben-Essere 2015 Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali per i pensionati utenti della Gestione Dipendenti Pubblici, i loro coniugi e figli conviventi

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli