PROGETTO "AZIONI SOCIALI"

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO "AZIONI SOCIALI""

Transcript

1 COOPERA SOC.COOP.SOCIALE ONLUS sede legale: Ostra (AN) via San Gregorio, 65 sede amm.va: Senigallia (AN) via Corinaldese, 52 tel. 071/ fax. 071/ codice fiscale e partita i.v.a.: Iscritta ALBO SOCIETA COOP. al n. A PROGETTO "AZIONI SOCIALI" PREMESSA Casa della Gioventù Soc. coop. sociale ONLUS, grazie all'esperienza maturata nel settore sociale del territorio senigalliese e comuni limitrofi in quasi 30 anni di gestione di servizi in convenzione con gli Enti Pubblici a favore di soggetti svantaggiati, presenta una articolata proposta di Azioni Sociali a fianco delle Istituzioni Comunali, condividendone il desiderio di vicinanza alla popolazione fragile già soffocata dalla crisi socio-economica odierna. Perseguire il medesimo obiettivo di benessere della Comunità, significa concretamente, per Noi, rilevare bisogni e conseguentemente progettare e attuare risposte economicamente sostenibili per Comuni già al collasso. L'intento è quello di mettere a diposizione della Comunità, la capacità progettuale maturata, anche attraverso un coordinamento delle varie proposte per i disabili, in particolare per disabili medio lievi, tentando di colmare i vuoti, nella rete di servizi già presenti nel territorio, riguardanti il lavoro protetto e il tempo libero dei disabili lievi, tempo libero dei disabili medi. Le LINEE GUIDA che hanno portato alla presente progettazione sono: costi ridotti per l'intera Comunità; lavorare in un'ottica di rete, formata da maglie concretamente interconnesse tra loro, al fine di prevenire interventi che potrebbero comportare maggiore "disagio" ai singoli utenti, familiari, operatori dei servizi sociali e un maggiore impiego di risorse pubbliche; creazione di un filo conduttore tra le varie offerte di servizi, attraverso il coordinamento generale, per revisionare e razionalizzare e coprogettare i servizi stessi tarandoli, in tempo reale, sulle reali esigenze dell'utenza e delle famiglie offrire ai disabili e alle loro famiglie risposte mirate e differenziate, a seconda delle potenzialità, capacità e bisogni, evitando inutili e a volte dannose aggregazioni di gruppi eterogenei di utenti spesso altamente dispendiosi e, in alcuni casi, meno ricchi di rapporti personalizzati, proponendo altresì attività differenziate, da svolgersi in piccoli gruppi omogenei, che offrano socialità, giusta attenzione ed economicità, oltre ad una rilevante

2 varietà di proposte e stimoli; attivazione delle risorse psico-sociali e soprattutto economiche delle famiglie disincentivando l'ottica "risarcitoria" delle pensioni di invalidità al fine di accompagnarle verso l'acquisizione di una maggiore responsabilità e fiducia nei servizi e collaborazione reciproca mettere a disposizione e ampliare la già numerosissima rete di sostenitori, sponsor, partner che collaborano da anni con la cooperativa per far accedere sempre più persone a più proposte; promuovere e coordinare l'attivazione del volontariato specifico per le varie tipologie di disabilità curandone una specifica formazione a seconda dei gruppi, che siano di aiuto nel monitoraggio e capaci di collaborare nell'attivazione di reti amicali di ulteriore sollievo alle famiglie, se ben gestite promuore servizi dinamici, leggeri, con possibilità di essere corretti in itinere qualora risultino superati o sopravvalutati promuovere servizi legati all'età anagrafica dell'utente, e soprattutto all'emancipazione e non alla mera animazione o al "passare del tempo" BISOGNI ATTUALMENTE INEVASI Osservatori attenti del territorio, in qualità di cooperative di tipo A e B, descriviamo sinteticamente i bisogni/emergenze attualmente inevasi rilevati dalle fonti. Ci sono infatti ad oggi, nella popolazione disabile del nostro territorio, soggetti che per vari motivi faticano a trovare un proprio spazio di azione, protezione e valorizzazione delle proprie potenzialità, ottenendo, nel contesto preso in esame, risposte poco soddisfacenti o solo parzialmente efficaci o, in alcuni casi nessuna risposta a causa di nessuna richiesta da parte loro (o famiglia), spesso per mancanza di consapevolezza sulle propria situazione a sui rischi ad essa connessi. Pensiamo a: - giovani con insufficienza mentale lieve e disagio socio relazionale ormai fuori dal circuito scolastico e a volte anche da quello produttivo, privi di una reale e/o sana rete amicale, isolati, depressi, esposti a rischi come dipendenze, sfruttamento, vessazioni e abusi; - giovani disabili medio lievi a metà tra chi ha maggiori capacità e autonomie e chi più grave frequenta i Centri Diurni, incapaci o non ancora pronti per un inserimento lavorativo vero e proprio e/o privi di una reale e/o sana rete amicale - persone post traumatizzate o con patologie degenerative con ancora buone o discrete capacità relazionali e manuali/lavorative da potenziare o ritrovare È proprio a queste fasce di popolazione che si rivolge in maniera specifica la nostra progettazione. FONTI DI RILEVAMENTO DEI BISOGNI L Asur ha presentato alla Cooperativa:

3 - giovani e adulti affetti da patologie degenerative, richiedendo un aiuto professionale per la valutazione delle loro capacità residue e possibili contesti lavorativi protetti - giovani disabili lievi o medi, anche con lavoro, ma privi di rete amicale e sociale, isolati, depressi o con dipendenze (14 attualmente frequentano Se.Po.Fa. e 5 sono in attesa che si formi un gruppo di medio lievi) - giovani e adulti disabili, con caratteristiche che mal si adattano ai servizi attualmente presenti nel territorio generalmente e istituzionalmente orientati ad utenza grave ma con determinate. Abili Percorsi-Servizio di Orientamento e transizione al Lavoro: negli anni ci sono stati casi difficilmente collocabili in quanto non ancora pronti a confrontarsi con il mondo del lavoro vero e proprio o con una disabilità tale da non essere collocabile nel normale contesto lavorativo ma neanche in centri diurni; alcuni sono rimasti a casa da soli, altri con l assistenza personale, altri ancora sono stati comunque inseriti al lavoro perdendolo poco dopo. Se.po.Fa.-Servizio Educativo di Tempo Libero (attivo dal 2012 ma fino ad ora non convenzionato): al Servizio negli anni si sono presentati giovani che pur necessitando di un gruppo di pari, per uscire e vivere esperienze sane di tempo libero, non possedevano capacità e autonomie tali da essere inseriti e integrati nel gruppo già esistente evidenziando il bisogno di formare un altro gruppo per soggetti con difficoltà maggiori (disabili medi). Il CIOF di Senigallia: attraverso gli sportelli per la legge 68/99 relativa al collocamento mirato dei disabili. S.Stefano Istituto di Riabilitazione di Ancona ha contattato la Coop. per creare insieme dei percorsi di lavoro/occupazione per post traumatizzati, ad oggi in molti casi costretti, finita la riabilitazione, a rimanere a casa o a frequentare centri per disabili in cui non si riconoscono e che faticano ad accettare. Soggetti disabili che si rivolgono direttamente alla Cooperativa Casa della Gioventù o Coopera (di tipo B) alla ricerca di una prima occupazione, o dopo la perdita di lavoro, o alla ricerca di un gruppo di pari con cui uscire e trascorrere il proprio tempo libero.

4 LE AZIONI SOCIALI 1 - PROGETTO - SE.PO.FA. - SEnto POsso FAccio Servizio Educativo di Tempo Libero Tipologia servizio Destinatari Capienza Sede Figure professionali coinvolte Se.Po.Fa. STRUTTURA SERVIZIO Servizio Educativo e di mediazione per il Tempo Libero Aggregazione in gruppo di pari, giovani adulti, omogenei per difficoltà e potenzialità. Il Servizio è attivo da ottobre 2010 e vede la partecipazione di 14 giovani Soggetti con disabilità lieve e/o disagio socio relazionale tra i 18 e i 35 anni e over 35 (gruppo senior) con un elevato grado di autonomia personale e di spostamento, con lavoro o inserimento lavorativo Min 6 Max18 per incontro Non esiste una vera e propria sede (in quanto non è un "centro") ma esistono luoghi di incontro: Uffici della Cooperativa, Cag Bubamara, Bagni Hawaii e altri luoghi pubblici della città a seconda della stagione Educatori, coordinatore. Previsto psicologo per supervisione all equipe da attivare qualora vengano reperiti finanziamenti esterni Rapporto educativo 1: 6 Apertura del 1 volta a settimana (3 ore) e 1 uscita al mese (5 ore) x 12 mesi servizio Totale h settimanali erogate (per servizio base di 6 utenti)per ogni fig. Professionale Retta mensile a carico della Famiglia Punti di Forza Educatore: 3 h settimanali + 5 h mensili Coordinamento Tecnico: 3 h settimanali minime (per servizio base di sei utenti) aumentato di 30 minuti per ogni ulteriore ingresso 63,48 + IVA - Contenimento delle problematiche familiari con l utente e con la famiglia che viene sentita o incontrata periodicamente. - Prevenzione dalle dipendenze, depressioni, ab-uso di farmaci, vessazioni, sfruttamento economico e sessuale -Monitoraggio costante su tali possibili situazioni a rischio e aiuto e sostegno quando si verificano, attraverso il lavoro sul singolo e con la rete entro la quale il soggetto è posto - esperienze sane di aggregazione, tempo libero e divertimento in gruppo di pari omogeneo e aiuto nella mediazione con il resto dei pari e non. - il gruppo fa nascere sottogruppi spontanei che moltiplicano le occasioni di socializzazione e svago -la disabilità lieve rende tali soggetti più vicini alla condizione normale e perciò più desiderosi di libertà e autonomia che potrebbe però esporli maggiormente,

5 Criticità Progetti a breve e lungo temine, collegati al servizio Se.Po.Fa. Tempi e condizioni dell'attivazione senza una reale consapevolezza, a comportamenti distruttivi e autodistruttivi compromettendone il futuro e per questo necessitano di maggiore e continuo monitoraggio nel tempo - tale servizio colma una carenza di offerta per i lievi per i quali attualmente non sono presenti servizi adeguati pur trattandosi di una categoria di soggetti con grandi potenzialità da attivare con risorse minime - il coordinamento sostanzioso permette di organizzare singolarmente o per piccoli sottogruppi occasioni di incontri, gite e altro, oltre al pacchetto orario previsto - Rete di volontari - Ricerca attiva di sostenitori, donazioni, sconti, tariffe agevolate per gravare sempre meno sulla famiglia - Realizzazione di eventi di raccolta fondi - il servizio ha accolto, anche per lunghi periodi soggetti non in grado di pagare, rilevando per loro una grande necessità (uno di loro è stato accompagnato presso i servizi sociali e al percorso per il riconoscimento dell'invalidità e ora è in grado di autofinanziare la sua partecipazione al servizio, ) - Aprire ufficialmente il servizio all'ambito Territoriale Sociale considerando che alcuni degli utenti che già frequentano il servizio, risiedono fuori dal Comune di Senigallia; - Pur avendo instaurato una collaborazione proficua con le assistenti sociali e uno scambio di informazioni e strategie educative con esse, non essendo il servizio presente nella rete ufficiale dei Servizi, non è permesso al coordinatore di partecipare ai Pei degli utenti; - Siamo a conoscenza di diversi casi di soggetti che avrebbero la necessità e la motivazione di partecipare al servizio, ma sono impossibilitati a farlo perchè allontanati o privi della famiglia o in condizioni di grave indigenza. - Attualmente le famiglie, oltre alla quota mensile si fanno carico delle spese extra (ingressi, trasporto, trasferte educatori...) - "Voglio essere indipendente " Corso di autonomia e cucina per disabili lievi - Convivenze di un mese - sepofa appartamento (vedi capitolo Progetti Futuri) Già attivo dal 6 ottobre 2010 Attualmente con 14 utenti

6 Se.Po.Fa. TABELLA COSTI per servizio base di 6 utenti (minimo per attivazione) Descrizione costo Costo Totale mensile Costo ad Utente Mensile Costo Totale Annuo Totale ore frontali (educatore) mensili procapite 360,00 60, ,00 Quota Iscrizione Annuale 5 2,50 0,42 30,00 Quota Assicurazione Annuale 22 11,00 1,83 132,00 Coordinamento tecnico (30 min. ad utente) 287,67 47, ,04 Spese Generali (spese telefoniche, carburante, spese per trasferte) + 80 ogni 6 utenti in più 150,00 25, ,00 Costo totale del Servizio 811,17 135, ,04

7 2 - DI. NA MO - "DIamoci una MOssa Servizio Educativo di Tempo Libero DI. NA MO STRUTTURA SERVIZIO Tipologia servizio Servizio Educativo di aggregazione per il Tempo Libero Incontri settimanali in gruppo di pari, giovani adulti, omogenei per difficoltà e potenzialità. Destinatari Soggetti disabili medi tra i 16 e i 30 anni e over 30 (gruppo senior) con un discreto grado di autonomia personale e di spostamento reale o potenziale Capienza Min 4 Max 12 per sede Sede Locali e sedi dislocate della Cooperativa - luoghi pubblici Figure professionali coinvolte Educatori e coordinatore Rapporto educativo 1: 4 Apertura del servizio Totale h settimanali erogate (per servizio base di 4 utenti)per ogni fig. Professionale Proposta compartecipazione mensile della famiglia Punti di Forza Criticità Tempi e condizioni per l'attivazione 3 pomeriggi a settimana (3 h ad incontro) 9 h educatore Coordinamento Tecnico: 2 h settimanali minime, aumentato di 30 minuti per ogni 2 ulteriori ingressi 259,62 + IVA per il pacchetto di 9 ore settimanali 182,69 + IVA per il pacchetto di 6 ore settimanali - Offrire aggregazione per disabili medi che non trovano risposte amicali nel tempo libero e divengono spesso "personaggi" della cittadina o vagano soli per la città, cercando di fare due chiacchiere con chiunque, a volte anche in maniera inopportuna e/o pesante. - Prevenire l'isolamento di chi oltre alla borsa lavoro o ad un inserimento occupazionale, rimane spesso solo e senza stimoli, o dove la famiglia è costretta, qualora ne abbia la possibilità, a pensare anche al tempo libero del figlio. Spesso infatti è la famiglia stessa a, motivare e sollecitare alcuni dei pari a "uscire col figlio e a passare del tempo con lui per farlo svagare un po'" o semplicemente a lasciarlo in posti frequentati da giovani dove il disabile e l'ambiente non sono vicendevolmente preparati e dove il giovane diventa "uno da sopportare o deridere". Alta compartecipazione della famiglia, eventualmente da abbassare attraverso sistema ISEE Attivato da febbraio 2014 con quattro utenti

8 Di.Na.Mo. TABELLA COSTI per servizio base di 4 utenti (minimo per attivazione) Descrizione costo Costo Totale mensile Costo ad Utente Mensile Costo Totale Annuo Totale ore frontali (educatore) mensili procapite 768,00 192, ,00 Quota Iscrizione Annuale 5 1,67 0,42 20,00 Quota Assicarzione Annuale 22 7,33 1,83 88,00 Coordinamento tecnico (30 min. ad utente dal 5 utente 15 min. ad utente) 191,78 47, ,36 Spese Generali (spese telefoniche, carburante, spese per trasferte) + 80 ogni 4 utenti in più 150,00 37, ,00 Costo totale del Servizio 1.118,78 279, ,36

9 4 - I LAB - Lavoro autonomia e vita per soggetti svantaggiati (disabilità acquisita e invalidità) LAB STRUTTURA SERVIZIO Tipologia servizio Destinatari Laboratori artigianali e di grafica per borse lavoro e tirocini osservativi, in Cooperativa di tipo B (Cooperativa Coopera) con carattere di produttività, seppur minima, e non carattere socio-educativoassistenziale. Persone con svantaggio o stigma sociale che sono fuori dalle logiche competitive e di profitto e non posseggono la flessibilità richiesta negli odierni ambienti di lavoro. In particolare ci rivolgiamo a PERSONE DISABILI in età da lavoro, con discrete autonomie personali, del territorio Senigalliese e di tutto l'ambito Territoriale: 1 che hanno assunto la condizione di disabilità dopo traumi, incidenti sul lavoro, stradali o di altro genere, che hanno leso le capacità fisiche e/o psichiche; 2 affetti da sindromi e patologie degenerative; 3 con una lieve insufficienza mentale ma elevate capacità manuali; 4 invalidi civili. I primi sei mesi dopo l'ingresso sono utilizzati come fase di valutazione al termine dei quali, con l'assistente sociale e la psicologa Umea, sarà creato un progetto individualizzato per valutare e decidere il percorso più idoneo e le condizioni per il mantenimento dello stesso nel tempo. Condizioni per l'accesso dell'utenza Non è previsto l'inserimento di persone: - con disturbi psichiatrici anche se con disabilità congenita o acquisita - problematiche di comportamento non adatto alla vita sociale (intenzionalmente pericoloso o dannoso per sè, gli altri o le cose). - persone che nelle 3 ore di lavoro necessitano di assistenza per le funzioni fisiologiche Capienza Min 6 - Max 12 (6 al mattino e 6 al pomeriggio) Sede Sede cooperativa Casa della Gioventù in edificio separato rispetto al centro diurno, in via di ristrutturazione Figure professionali coinvolte Educatore / tutor coordinatore Rapporto educativo 1: 6 Apertura del servizio Dal lunedì al venerdì 9-12 e Per 12 mesi. Totale h settimanali erogate per ogni fig. Professionale Educatore / tutor : 3h X 5 dì =15h Coordinatore: 3h a settimana (aumenta 1/2 h ogni 2 utenti in più) Proposta compartecipazione Non è prevista della famiglia Punti di Forza - il servizio è al contempo un:

10 Criticità / Progetto Azioni Sociali a cura della Cooperativa Sociale Casa della Gioventù ONLUS luogo di Transizione al lavoro per chi, non ancora pronto, necessita di acquisire competenze e attivare risorse personali o anche recuperare una qualche forma di produttività e partecipazione sociale che a lungo termine potrà poi spendere in contesti lavorativi non protetti; questo per evitare inserimenti parcheggio dove può essere più alta la sensazione di essere tollerato che quella di essere minimamente utile o soddisfatto, rischiando di abbassare il proprio livello attentivo e cognitivo se non un vero fallimento un luogo di Transizione al lavoro per Tirocini osservativi tra un precedente lavoro o borsa lavoro e l'inizio di un altro che, per problematiche varie, tarda ad essere attivato, per evitare pericolosi isolamenti, regressioni psico-fisiche e depressioni (come osservato già in utenti del Sepofa e Abili Percorsi o precedenti lavoratori del Laboratorio di bomboniere SeminaSogni). Laboratorio protetto per chi con patologie degenerative o post trauma non potrà mai essere inserito nei comuni contesti lavorativi (max 2 utenti su 6); - il servizio potrà usufruire degli spazi e delle attività produttive del negozio-laboratorio di Bomboniere ed oggettistica SeminaSogni di Senigallia e Chiaravalle dove verranno commercializzati parte dei prodotti realizzati nei laboratori artigianali durante la settimana - affronta e gestisce in modo integrato e multidisciplinare i deficit e le disabilità cognitive, emotive e comportamentali, le difficoltà sociorelazionali e di inserimento sociale e le conseguenti problematiche psicologiche. - creazione di una ricca rete di collaborazioni tra cooperativa di tipo A e B, altre cooperative, aziende del territorio, fornitori, clienti partner - pur non essendo prevista una compartecipazione economica della famiglia, in questo caso è prevista una maggiore compartecipazione da parte della coopertativa che si fa carico della ristrutturazione e adeguamento di un locale di sua proprietà, che sarà deputato ad accogliere i laboratori e del materiale e della strumentazione specifica. Tempi e condizioni per l'attivazione Tempi e condizioni per l'attivazione Il servizio è attivabile indicativamente da aprile 2014 anche con 3 utenti (solo se previsti altri 3 ingressi nel giro di max 6 mesi) Previsto avvio entro il mese di aprile 2014 con quattro utenti

11 Lavoro Autonomia e Vita TABELLA COSTI per servizio base di 6 utenti o al mattino o al pomeriggio Descrizione costo Costo Totale mensile Costo ad Utente Mensile Costo Totale Annuo Totale ore frontali (educatore) mensili procapite 1.272,59 212, ,02 Coordinamento tecnico (30 min. ad utente dal 5 utente 15 min. ad utente) 287,67 47, ,04 Sede 250,00 41, ,00 Ausili 100,00 16, ,00 Materiali 200,00 33, ,00 Costo totale del Servizio 2.110,26 351, ,06

12 5 - Coordinamento Generale Coordinamento Generale STRUTTURA COORDINAMENTO Tipologia coordinamento Destinatari Figure professionali coinvolte Apertura del servizio Totale h settimanali erogate per ogni fig. Professionale Punti di Forza Criticità Coordinamento generale che unisce e supervisiona i singoli coordinamenti tecnici specifici di ognuno dei tre servizi presentati con l'intento di razionalizzare e condividere risorse, procedure, sistemi e idee così da contenerne i costi, anche attraverso azioni di fund rising. A questo si aggiunge la progettazione e riprogettazione continua in base a nuove esigenze interne ed esterne ai servizi e il mantenimento dei collegamenti di rete (rapporti con EE:PP:, con partner, ecc. ) Tutti gli stakeholder dei servizi compresi nel Progetto "Azioni Sociali": Se.Po.Fa, Di.na.mo. e Lab Pedagogista/coordinatore di sistemi complessi Reperimento attraverso cellulare 4h a settimana - Coordinamento unico di sistemi complessi che permette di contenere costi, razionalizzare, semplificare l'erogazione dei servizi, progettarli e riprogettarli adeguandoli in itinere in base a problematiche, risorse o esigenze emergenti. - Collaborazione con i Servizi Sociali comunali nella progettazione (anche di fundrising), monitoraggio, razionalizzazione ed erogazione dei servizi per la disabilità a Senigallia e nell'ambito. - Svolge azione di informazione, orientamento e mediazione a favore dei soggetti singoli e delle famiglie, in merito ai servizi presenti sul territorio anche non convenzionati (es. Centro di Psicologia Solidale) Tabella Costi di Coordinamento Generale Descrizione costo Costo Totale mensile Costo Totale Annuo Coordinamento Tecnico 4 ore a settimana con Pedagogista a 23,83 /h 409, ,51 - Costo totale del Servizio 409, ,51

13 DETTAGLIO TARIFFE UTILIZZATE PER COSTO DEL PERSONALE Il costo orario relativo al personale utilizzato nelle varie "Azioni " deriva dalle Tabelle Ministeriali del CCNL firmato in data 02/04/2012 (ultima tranche in vigore dal prossimo 1 dicembre 2013), maggiorato dei costi generali per la cooperativa. Esclusivamente per il costo orario del coordinatore generale la tariffa è stata tratta dal tariffario regionale (non più in uso), al netto delle indennità previste. QUALIFICA LIVELLO CONTRIBUTIVO TARIFFA ORARIA O.S.S. OSS/C2 19,15 EDUCATORE C3/D1 19,73 COORDINATORE di servizi singoli D3/E1 22,30 COORDINATORE di servizi complessi (psicologo e pedagogista) E2 23,83 N.B.: i costi inseriti nelle rispettive tabelle sono stati imputati al netto di I.V.A. RIEPILOGO COSTI PROGETTO AZIONI SOCIALI Costo Complessivo Base Annuo Contributo richiesto Costo Azione 1 Servizio Se.Po.Fa. (calcolato sugli attuali 15 utenti) , ,24 Costo Azione 2 Servizio Di.Na.Mo , ,36 Costo Azione 3 L.A.B , ,06 Costo Azione 4 Coordinamento Generale 4.918, ,51 TOTALE COSTO PROGETTO AZIONI SOCIALI , ,17 PROPOSTA COMPARTECIPAZIONE FAMIGLIE Il progetto prevede una grande responsabilizzazione delle famiglia anche attraverso una sostanziosa compartecipazione alla spesa, in particolare per le azioni 1 e 2. Le cifre proposte, per ogni Azione, come compartecipazione delle famiglie, sono da considerare come cifre massime da richiedere alle famiglie, da dimininuire, eventualmente, secondo le fasce di reddito attraverso il sistema ISEE. Il medesimo sistema potrebbe essere applicato, a nostro avviso, anche su servizi esistenti quali i centri diurni per gravi, con aumento, anche in quel caso, della compartecipazione massima. SVILUPPI FUTURI Nuovi progetti sono già in studio e si è attivata la ricerca di fondi per avviarli (bandi di fondazioni bancarie, attivazione del fondrising delle famiglie singoli servizi, creazione eventi, commercializzazione su larga scala): Per gli utenti Lievi del Sepofa si sta attuando il progetto "Voglio essere indipendente" per la preparazione alla Vita Indipendente in Gruppo Appartamento di alcuni giovani del servizio.

14 Tale progetto, prevede diversi step (mini progetti) che si sono avviati nel 2010 con l'attivazione di "FamiliarizziAmo" un supporto psicologico di gruppo, per genitori, nel quale è emerso sia il pensiero del "dopo di noi" sia quello del "durante noi" cioè la preparazione alla vita indipendente. Grazie al contributo ottenuto da una fondazione bancaria, a novembre p.v., si attiverà il miniprogetto di Vita Indipendente - Cucina, alimentazione corretta e autonomia domestica. Grazie all'auto organizzazione di un evento di beneficenza, sono stati raccolti fondi per l'avvio della sperimentazione a giugno delle Convivenze di un mese per delineare le basi per i futuri gruppi di convivenze progressivamente più lunghe e monitorate da educatori e pedagogista. Già da 3 anni si stanno attuando presso i locali del Seminario Vescovile di Senigallia Convivenze di 8 giorni per fare esperienze di gruppo. Sempre per Sepofa, i contatti della Cooperativa, hanno permesso di ottenere costi agevolati, per oltre 10 utenti, per il miniprogetto "Vacanze sulla neve? Si Se.po.fa!" con maestri specializzati per permettere lo sci a persone con disabilità Per il futuro prossimo sarà possibile avviare "I Lab" con una sede, materiali e strumentazione specifica necessaria, grazie alla realizzazione di un evento di raccolta fondi. La commercializzazione dei prodotti poi, attraverso i nostri punti vendita, permetterà di reperire altre risorse per finanziare nuovo materiale e strumenti e la manutenzione dei locali di proprietà. Con il progetto "Aggiorna competenze" grazie a finanziamenti per la formazione del Fon Coop abbiamo potuto contattare il Pedagogista Mario Paolini e la responsabile di Fuond Raising della Lega del Filo d'oro che terranno ripettivamente la loro formazione ai coordinatori del Progetto Azioni Sociali e gli educatori e coordinatori dei servizi della Cooperativa. Grazie alla formazione continua dei coordinatori del Progetto Azioni Sociali si è venuti a conoscenza di due progetti interessanti uno nel bolognese l'altro a Milano di Vita indipendente e tempo libero e, a breve, saranno avviati contatti per vedere dal vivo e trarre spunti dal loro lavoro per migliorare le proposte. Avviare stabilmente una formazione con le famiglie per gruppi omogenei a cura del gruppo di psicologhe del CENTRO PSICOLOGIA SOLIDALE servizio aggiuntivo e afferente a tale progetto (per costruire percorsi di sostegno consapevolezza e ridimensionamento delle pretese, conoscenza delle opportunità, aiuto nel mestiere di genitore di persone disabili) CONCLUSIONI Potremmo sintetizzare che tale progettazione potrebbe apportare i seguenti benefici: Razionalizzazione delle risorse promozione e attuazione di azioni mirate e concordate tra Amministrazione e Cooperativa per un lavoro con le famiglie per permetta loro di apportare un reale contributo ideativo realistico, concreto, economico e coordinabile.

15 azione di prevenzione soprattutto per utenti lievi a breve e medio temine del loro ingresso in servizi più costosi (che, per esperienza diretta, se lasciati a sè stessi perderebbero motivazione al lavoro, potrebbero avviare forme di dependenze patologiche, mettere in pericolo il patrimonio familiare, essere sfruttati) azione di prevenzione per utenti di media gravità che, non peggiorando ovvero mantendo e ampliando le loro potenzialità, tardano o riescono ad evitare l'entrata in centri diurni ben più costosi passaggio di alcuni soggetti disabili da servizi pesanti in termini di risorse e costi (CSER e assistenza domiciliare), a servizi molto più leggeri e sostenibili, riuscendo a rispondere al contempo agli specifici bisogni dei singoli individui in modo maggiormente mirato qualità aggiunta in termini di: maggiori esperienze e attività da svolgere con l'utenza data dalla vastità dei contatti e della rete della cooperativa supervisione dei servizi e del coordinamento generale grazie all'attivazione di una formazione e supervisione di pedagogisti e psicologi qualificata e di una certa rilevanza nazionale gestione delle famiglie, costruire piattaforme comunicative con le famiglie che non prevedano semplicemente l'accontentare al meglio le singole richieste ma che ridimensionino le pretese familiari e permettano la messa in campo delle loro risorse anche dal punto di vista del foundraising e dell'ideazione di servizi più leggeri e maggiormente rispondenti ai loro bisogni. necessità di portare le famiglie dei soggetti disabili ad acquisire fiducia nei servizi e attribuire valore alle risorse che la cittadina attiva anche in considerazione delle differenza di investimenti con le altre cittadine dell'ambito. razionalizzazione reale dei servizi attuazione di servizi dinamici, leggeri, che prevedano un investimento minimo che può essere corretto velocemente in itinere qualora risulti superato o sopravvalutato fare in modo che l'ambito territoriale riconosca e contribuisca ai servizi per la disabilità potendo anche creare dei servizi che possano confluire nel territorio senigalliese più ricco di opportunità si potrebbe avviare una formazione comune tra coordinatori del progetto, rappresentante dei Servizi Sociali comunali e/o dell'asur, con pedagogisti e fundraiser per riflettere e offrire ulteriore qualità aggiunta nei servizi visibilità sociale del Comune e dei Servizi Sociali Azioni sociali concrete, in maggior numero, più mirate e meglio coordinate potrebbero far aumentare la soddisfazione e la visibilità sociale dell'amministrazione Comunale

16 che protrebbe risultare ancora più accurata e sensibile nella gestione delle risorse per il Sociale. Può essere attivata in collaborazione con la Cooperativa, una pubblicizzazione dei servizi attraverso manifesti pubblici che avvisano dell'avvio di nuovi servizi Comunali (valorizzando la gamma delle proposte attivate nel territorio grazie alla collaborazione col Privato Sociale che offre risposta differenziate a seconda delle esigenze) Pubblicità e risonanza potrebbero attrarre benefattori e volontari; a tal proposito si potrebbero veicolare le attenzioni pubbliche negli eventi di medio rilievo della città valorizzando le proposte di gestione di Sociale nel territorio. si potrebbero organizzare convegni o momenti pubblici con il pedagogista di rilievo. gestione della risorsa volontariato non esiste al momento, ma potrebbe essere creata, un'associazione di volontariato specifica per i servizi per la disabilità su ispirazione di un modello milanese, potendo anche accedere a finanziamenti extra per le associazioni oltre che a quello per le Onlus Quanto esposto, è frutto del Team di Progettazione Sociale dell'area Disabili della Cooperativa Casa Gioventù coordinato dalla Dott.ssa Susanna Vecchioni che rimane a disposizione per ulteriori chiarimenti sulle singole proposte e sul Coordinamento Generale del Progetto Azioni Sociali. Senigallia, 12 marzo 2014

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE PREMESSA I concetti di cura e territorio sono al centro di iniziative ed interventi realizzati da più enti che aderiscono al sotto tavolo sulla

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA COMUNITA ALLOGGIO DEFINIZIONE DEL SERVIZIO La Comunità Alloggio si propone come soluzione strutturale idonea a rispondere nei casi in cui i genitori

Dettagli

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità

Ufficio di Servizio Sociale BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO. Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità Prot. nr. 1617 BANDO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO Accompagnamento e integrazione sociale di persone con disabilità In esecuzione della Determinazione del Responsabile dell Area Amministrativa

Dettagli

Progetto La casa di Pollicino

Progetto La casa di Pollicino Progetto La casa di Pollicino Un servizio completo per rispondere alle necessità di bambini autistici e delle loro famiglie Mai più soli insieme si può! www.solidarietaeservizi.it 1 L ORIGINE Il progetto

Dettagli

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE PROVINCIA DI PISTOIA PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO Premessa La progettazione di un centro socio educativo sul territorio di Serravalle P.se nasce dall

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

SERVIZIO DI CONSULENZA E ORIENTAMENTO ALLO STAGE

SERVIZIO DI CONSULENZA E ORIENTAMENTO ALLO STAGE SERVIZIO DI CONSULENZA E ORIENTAMENTO ALLO STAGE Lo stage in cooperativa. Un esperienza di lavoro per crescere assieme. IL GRANELLO COOPERATIVA SOCIALE ONLUS Via Amalteo, 74-33078 San Vito al Tagliamento

Dettagli

Erice è. con i diversamente abili: un percorso che continua PROGETTO DI INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVA PER I SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI

Erice è. con i diversamente abili: un percorso che continua PROGETTO DI INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVA PER I SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI Erice è. con i diversamente abili: un percorso che continua PROGETTO DI INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVA PER I SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L art. 3, II comma della Costituzione Italiana recita: è compito

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LA DIMENSIONE DEL BISOGNO: COMUNICAZIONE E DIVERSITÀ Motivazione dell idea progettuale Il nostro Istituto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI PROGETTI EDUCATIVI PER PERSONE DISABILI ULTRADICIOTTENNI

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI PROGETTI EDUCATIVI PER PERSONE DISABILI ULTRADICIOTTENNI Consorzio Intercomunale Socio Assistenziale Comuni di: Rivoli Rosta Villarbasse REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI PROGETTI EDUCATIVI PER PERSONE DISABILI ULTRADICIOTTENNI APPROVATO DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN)

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN) C O M U N E D I P O G G I O R U S C O c. a. p. 46025 T e l. 0386 / 51001 PROVINCIA DI MANTOVA CAP 46025 - Piazza 1 Maggio, 5 SERVIZI SOCIALI P a r t. I V A 0040203 020 9 Fax 0386/733009 Codice Ente 10860

Dettagli

Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego

Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego 2015 Veronica Stumpo Responsabile di posizione organizzativa Centro per l Impiego di Trieste Trieste, 4 novembre 2015 L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO Allegato 1 Art. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO L Amministrazione Comunale regolamenta il servizio di assistenza domiciliare

Dettagli

COOP. SOC. A.S.A.R. carta dei servizi

COOP. SOC. A.S.A.R. carta dei servizi COOP. SOC. A.S.A.R. carta dei servizi edizione anno 2011/2012 Presentazione della Cooperativa Sociale A.S.A.R. A.S.A.R Coop. Sociale Via Principe Nicola, 123 Catania Tel / Fax 095-533980 Cell. 3389273899

Dettagli

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Allegato DGC 110/2015 PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Premessa Negli ultimi anni si sta registrando una presenza di alunni che manifestano, all ingresso della scuola primaria

Dettagli

Regolamento degli interventi educativi territoriali per i minori con disabilità

Regolamento degli interventi educativi territoriali per i minori con disabilità Regolamento degli interventi educativi territoriali per i minori con disabilità Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 35 del 07.07.2014 ed entrato in vigore il 01.10.2014 I 20099 Sesto

Dettagli

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Essere fratelli di Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Contesto di riferimento e obiettivi generali La famiglia è senza dubbio il luogo più importante per la

Dettagli

OCCUPIAMOCI! : SCELTI I PROGETTI PER DARE A 100 GIOVANI IN TUTTA ITALIA NUOVE OPPORTUNITÀ DI LAVORO

OCCUPIAMOCI! : SCELTI I PROGETTI PER DARE A 100 GIOVANI IN TUTTA ITALIA NUOVE OPPORTUNITÀ DI LAVORO OCCUPIAMOCI! : SCELTI I PROGETTI PER DARE A 100 GIOVANI IN TUTTA ITALIA NUOVE OPPORTUNITÀ DI LAVORO AREA TIROCINI FORMATIVI Luogo: Verona Nome progetto: INDIPENDENTI - JOB: azioni per l'inserimento professionale

Dettagli

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE 1 COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE La Scuola dell Infanzia Silvio Moretti offre il servizio di Micro-nido ai bambini residenti e non, in età compresa dai 18 ai 36 mesi. Il nido nasce per far

Dettagli

ASILO NIDO A TEMPO CORTO LA COMETA

ASILO NIDO A TEMPO CORTO LA COMETA ASILO NIDO A TEMPO CORTO LA COMETA Progetto organizzativo - gestionale 1. Descrizione del contesto La cooperativa sociale Istituto San Giuseppe e la cooperativa sociale Sant Agostino hanno individuato

Dettagli

LAVORO PER LA SALUTE MENTALE: dall intrattenimento all impresa sociale. Livorno 31 maggio 2011

LAVORO PER LA SALUTE MENTALE: dall intrattenimento all impresa sociale. Livorno 31 maggio 2011 LAVORO PER LA SALUTE MENTALE: dall intrattenimento all impresa sociale Livorno 31 maggio 2011 1993 PRIMO GRUPPO DI AUTO AIUTO CLINICA PSICHIATRICA OSPEDALE PISA 1999 IL GRUPPO SI SPOSTA SUL TERRITORIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

PROGETTO GLOBALE SPERIMENTALE DISABILI PSICHICI E AUTISTICI. ~._._._._._._._. valutazione e diagnosi

PROGETTO GLOBALE SPERIMENTALE DISABILI PSICHICI E AUTISTICI. ~._._._._._._._. valutazione e diagnosi ARPA Associazione Italiana per la Ricerca sulla Psicosi e l'autismo Viadel~herino,90 00193 Roma Te!. 06 6280728-06 66165298 PROGETTO GLOBALE SPERIMENTALE DISABILI PSICHICI E AUTISTICI Contesto Sociale

Dettagli

LINEE GUIDA DEL SERVIZIO DI

LINEE GUIDA DEL SERVIZIO DI AREA WELFARE SETTORE SERVIZIO SOCIALE E SOCIO-SANITARIO LINEE GUIDA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA EDUCATIVA TERRITORIALE RIVOLTA A MINORI E AD ADULTI IN SITUAZIONE DI DISAGIO, NON AFFETTI DA HANDICAP CERTIFICATO

Dettagli

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 PARTE SECONDA SOTTOMISURA 3.1 Interventi L.R. 20 / 2006 Regione Misura 3.1_Assistenza

Dettagli

Casa della Gioventù dal 1985 Insieme per il Sociale

Casa della Gioventù dal 1985 Insieme per il Sociale CHI SIAMO COSA FACCIAMO Servizi per EVENTI PARTNER CONTATTI Storia Prima Infanzia In programma Organigramma Un anno di CdG Galleria foto Minori Giovani Disabili Laboratori/ Punti vendita Archivio Rassegna

Dettagli

Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. La Carta dei Servizi. Gli orientamenti culturali di riferimento

Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. La Carta dei Servizi. Gli orientamenti culturali di riferimento Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. Ce.Se.A. nasce nel 1999, presso il Centro Servizi Formativi del Comune di Lecco e sullo stimolo dell allora Centro Servizio Adulti (da cui l acronimo Ce.Se.A.)

Dettagli

SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA

SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA 1. NUMERO AZIONE RIPROGRAMMAZIONE PIANO DI ZONA 2 E 3 ANNO DEL 1 TRIENNIO 6 2. TITOLO AZIONE SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Analisi del Contesto Nel piano

Dettagli

Linee guida assistenza domiciliare educativa per disabili

Linee guida assistenza domiciliare educativa per disabili AMBITO TERRITORIALE DI DALMINE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI ZONA DEL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI Comuni di Azzano S.Paolo, Boltiere, Ciserano, Comun Nuovo, Curno, Dalmine, Lallio,

Dettagli

UNA CASA SPECIALE per l accoglienza di famiglie con bambini che necessitano di cure sanitarie presso l ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma

UNA CASA SPECIALE per l accoglienza di famiglie con bambini che necessitano di cure sanitarie presso l ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma UNA CASA SPECIALE per l accoglienza di famiglie con bambini che necessitano di cure sanitarie presso l ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma Anno 2015 CHI SIAMO - SOS Villaggi dei Bambini SOS Villaggi

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Assistenza Anziani 01 Disabili 06 voce 5

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Assistenza Anziani 01 Disabili 06 voce 5 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Partecipi e solidali voce 4 SETTORE e Area di Intervento: Assistenza Anziani 01 Disabili 06 voce 5 OBIETTIVI DEL PROGETTO voce7 Obiettivi

Dettagli

Sostegno e Accompagnamento Educativo

Sostegno e Accompagnamento Educativo Sostegno e Accompagnamento Educativo 1. Definizione La prestazione sostegno e accompagnamento educativo consiste nel fornire sia un supporto e una consulenza ai genitori nello svolgimento della loro funzione

Dettagli

Azienda Speciale Servizi alla Persona

Azienda Speciale Servizi alla Persona Azienda Speciale Servizi alla Persona AREA PSICOLOGI SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI e AFFIDI FAMILIARI DISTRETTUALE SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI Il servizio ha l obiettivo di garantire in sinergia

Dettagli

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO Pagina 2 di 7 Denominazione del presidio: CAD Laboratori via Pio Ubicazione/Indirizzo: via PIO VII, 61 (zona lingotto) Come si raggiunge: linee

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli

Centro di attività extrascolastiche e giovanili per ragazzi fino ai 14 anni

Centro di attività extrascolastiche e giovanili per ragazzi fino ai 14 anni Bellinzona, 24 marzo 2014 PROGETTO 1 Centro di attività extrascolastiche e giovanili per ragazzi fino ai 14 anni Associazione genitori Scuole Sud Piazza Indipendenza 1, cp 1012, 6501 Bellinzona www.lamurata.ch

Dettagli

Essere bambini o ragazzi speciali significa riuscire a fare tante cose lo stesso ma in modo diverso A. B.

Essere bambini o ragazzi speciali significa riuscire a fare tante cose lo stesso ma in modo diverso A. B. Adolescenza e disabilità: una bella avventura è possibile! Essere bambini o ragazzi speciali significa riuscire a fare tante cose lo stesso ma in modo diverso A. B. AIAS Bologna onlus esprime un caloroso

Dettagli

PASSO DOPO PASSO. Progetti per il Reinserimento sociale e lavorativo di persone appartenenti a categorie fragili

PASSO DOPO PASSO. Progetti per il Reinserimento sociale e lavorativo di persone appartenenti a categorie fragili PASSO DOPO PASSO 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi Essenziali Altro 4. Area tematica Esclusione Sociale 5. Macrotipologia Progetti per il Reinserimento sociale

Dettagli

CENTRO RIABILITATIVO PSICOPEDAGOGICO IL TIMONE

CENTRO RIABILITATIVO PSICOPEDAGOGICO IL TIMONE CENTRO RIABILITATIVO PSICOPEDAGOGICO IL TIMONE Centro Riabilitativo Psicopedagogico Il Timone Vico San Luca 4/3 scala sn. 16123 GENOVA tel. 0102467774 P.Iva 03399250103 email: iltimone@libero.it Il Centro

Dettagli

Presentazione 3. Una Panoramica dei Servizi Della Comunità 4. Progetto Borse Lavoro 6

Presentazione 3. Una Panoramica dei Servizi Della Comunità 4. Progetto Borse Lavoro 6 Presentazione 3 Una Panoramica dei Servizi Della Comunità 4 Progetto Borse Lavoro 6 2 Comunità Oklahoma Onlus Milano Buongiorno, Il progetto Borsa Lavoro che vi presentiamo, mira a creare nuove opportunità

Dettagli

AZIENDA SPECIALE CONSORTILE. Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino territoriale per i servizi alla persona ADULTA AUTONOMA ESPERIENZE DI

AZIENDA SPECIALE CONSORTILE. Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino territoriale per i servizi alla persona ADULTA AUTONOMA ESPERIENZE DI AZIENDA SPECIALE CONSORTILE Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino territoriale per i servizi alla persona SCUOLA DI VITA ADULTA AUTONOMA ESPERIENZE DI WEEK END IN AUTONOMIA. OTTOBRE DICEMBRE 2009 COOPERATIVA

Dettagli

INDICE ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI SOCIALIZZANTI ART. 4 - CARATTERISTICHE DELL INSERIMENTO LAVORATIVO

INDICE ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI SOCIALIZZANTI ART. 4 - CARATTERISTICHE DELL INSERIMENTO LAVORATIVO Allegato alla determinazione direttoriale n. 682/000/DIG/14/0025 del 06.06.2014 INDICE PREMESSA ART. 1 - CAMPO DI INTERVENTO ART. 2 - DESTINATARI DELL INTERVENTO LAVORATIVO ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA PASCOLI SCUOLA SECONDARIA BONIFACIO

ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA PASCOLI SCUOLA SECONDARIA BONIFACIO PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA PASCOLI SCUOLA SECONDARIA BONIFACIO TAM TAM Cooperativa Sociale IVia G. Marconi n.978/b 45021 Badia Polesine (RO) Tel.3332736263 e-mail tamtamcoop@

Dettagli

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate D 1 - ANFFAS LABORATORIO IL FARO : interventi per contrastare l isolamento sociale e favorire la partecipazione attiva delle persone disabili e delle loro famiglie alla vita sociale. Pag. 333 ANFFAS Servizi

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

TITOLO IV INTERVENTI DI SOSTEGNO PER IL REINSERIMENTO NELLA VITA DI RELAZIONE

TITOLO IV INTERVENTI DI SOSTEGNO PER IL REINSERIMENTO NELLA VITA DI RELAZIONE Regolamento per l erogazione agli invalidi del lavoro di dispositivi tecnici e di interventi di sostegno per il reinserimento nella vita di relazione TITOLO IV INTERVENTI DI SOSTEGNO PER IL REINSERIMENTO

Dettagli

DISCIPLINARE COMUNALE

DISCIPLINARE COMUNALE COMUNE DI GESICO GESTIONE DEL PROGRAMMA REGIONALE AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA LINEA D INTERVENTO 3 CONCESSIONE DI SUSSIDI PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO CIVICO DISCIPLINARE COMUNALE Programma anno

Dettagli

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 In vista della predisposizione e dell approvazione dei Piani triennali di Ambito territoriale sociale 2010-2012, le Segreterie provinciali

Dettagli

Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI

Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI Contributo per acquisto o adattamento di autoveicoli privati per il trasporto di disabili Legge Regionale n. 29 del 21.08.97 articolo 9 Servizio Trasporto Inserimenti

Dettagli

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI REPORT DI RILEVAZIONE DEL GRADIMENTO DEL SERVIZIO EDUCATIVO 0-3 anni Anno Scolastico 2011/12 A cura della Direzione Servizi Educativi - Affari

Dettagli

PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016. SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine

PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016. SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine TAM TAM Cooperativa Sociale Via G. Marconi n.978/b 45021 Badia Polesine (RO) Tel.3332736263

Dettagli

Servizi e interventi per i disabili

Servizi e interventi per i disabili Servizi e interventi per i disabili Il termine prendere ha in sé diversi significati: portare con sé, interpretare, giungere a una decisione, scegliere, ma anche subire, catturare, pervadere, occupare.

Dettagli

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto:

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto: 1) Titolo del progetto: Pronto Intervento Sociale 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Area: Assistenza Settori: Anziani (A01) Assistenza Disabili (A06)

Dettagli

PROGETTO ULISSE IMMOBILE CONFISCATO VIALE BRIANZA 35 GIOVEDÌ 26 AGOSTO, ORE 16.00

PROGETTO ULISSE IMMOBILE CONFISCATO VIALE BRIANZA 35 GIOVEDÌ 26 AGOSTO, ORE 16.00 PROGETTO ULISSE IMMOBILE CONFISCATO VIALE BRIANZA 35 GIOVEDÌ 26 AGOSTO, ORE 16.00 L ASSOCIAZIONE Il Progetto Ulisse è stato realizzato da PROGETTO ITACA - ONLUS - un'associazione di volontari fondata a

Dettagli

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come:

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come: AREA MINORI PREMESSA Nel Piano Regionale Socio Assistenziale l area dei minori viene definita anche Area dell età evolutiva e del disadattamento, dove l obiettivo primario è quello di fornire elementi

Dettagli

TIPOLOGIA DELLE PRESTAZIONI

TIPOLOGIA DELLE PRESTAZIONI TIPOLOGIA DELLE PRESTAZIONI La Comunità Educativa Casa Carolina Miolli si dispone all accoglienza dei minori momentaneamente fuori dalla famiglia o che si trovano in stato di abbandono. I minori vengono

Dettagli

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer CARTA DEI SERVIZI INDICE 1. PREMESSA 2. PRINCIPI FONDAMENTALI 3. FINALITA DEL SERVIZIO 4. OBIETTIVO 5. DESTINATARI 6. ACCESSO AL SERVIZIO 7. ORARI DI APERTURA 8.

Dettagli

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO Premessa La scuola,oggi, trova la sua ragione di essere nell assicurare ad ogni alunno il successo formativo, inteso come piena formazione della persona umana nel rispetto

Dettagli

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 SETTORE 3: POLITICHE SOCIALI E CULTURALI REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO DISABILI

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 2 FINALITA DEL CENTRO

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 2 FINALITA DEL CENTRO REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 1 IDENTITA DEL CENTRO DISABILI E istituito presso i locali di proprietà dell Ipab Manlio Canepa in V.le Vittoria loc. San Terenzo, un Centro diurno per disabili

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. luogo di accoglienza, nel quale, passata l emergenza, poter riflettere sul proprio PROGETTO GENERALE

CARTA DEI SERVIZI. luogo di accoglienza, nel quale, passata l emergenza, poter riflettere sul proprio PROGETTO GENERALE CARTA DEI SERVIZI PROGETTO GENERALE L associazione, attraverso la comunità educativa mamma-bambino denominata Casa Cinzia e gli alloggi per l autonomia denominati Cinzia 1 e Cinzia 2, collegati a Casa

Dettagli

Cooperativa Sociale ZANZIBAR

Cooperativa Sociale ZANZIBAR Cooperativa Sociale ZANZIBAR PROGETTO SLID WP4. Il Centro Lavoro Guidato come strumento per la Progettazione Professionale Disabili. Dott. Stefano Defendi 17/10/12 CLG Cooperativa Sociale Zanzibar Onlus

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA Allegato alla delibera di C.C. n.32 dell 11/05/07 1 ART.1 (Definizione) Il Centro diurno per disabili

Dettagli

QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE SULL ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA A FAVORE DI DISABILI

QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE SULL ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA A FAVORE DI DISABILI QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE SULL ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA A FAVORE DI DISABILI Il gruppo di lavoro sull assistenza domiciliare educativa per disabili necessita, per poter meglio svolgere il proprio

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE GARANZIA DI UN AMBIENTE DI SOSTEGNO: il ruolo del servizio sociale territoriale

ASSISTENZA DOMICILIARE GARANZIA DI UN AMBIENTE DI SOSTEGNO: il ruolo del servizio sociale territoriale ASSISTENZA DOMICILIARE GARANZIA DI UN AMBIENTE DI SOSTEGNO: il ruolo del servizio sociale territoriale INTRODUZIONE L'orientamento progettuale della domiciliarità: 1. diversificazione di interventi e servizi

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE. Notizie Operative ed Informazioni Pratiche

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE. Notizie Operative ed Informazioni Pratiche CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE Notizie Operative ed Informazioni Pratiche 15/04/2014 ESTRATTO notizie operative ed informazioni pratiche numeri utili Relativi al servizio di Assistenza

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

"Con...Tatto" PROGETTO DI ACCOMPAGNAMENTO ALLA RESIDENZIALITA' PROTETTA per disabili gravi e/o gravissimi e loro famiglie

Con...Tatto PROGETTO DI ACCOMPAGNAMENTO ALLA RESIDENZIALITA' PROTETTA per disabili gravi e/o gravissimi e loro famiglie "Con...Tatto" PROGETTO DI ACCOMPAGNAMENTO ALLA RESIDENZIALITA' PROTETTA per disabili gravi e/o gravissimi e loro famiglie 1 "Con...Tatto" PROGETTO DI ACCOMPAGNAMENTO ALLA RESIDENZIALITA' PROTETTA per disabili

Dettagli

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accogliere e trattenere i volontari in associazione Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accoglienza Ogni volontario dovrebbe fin dal primo incontro con l associazione, potersi sentire accolto e a proprio

Dettagli

PARTE OTTAVA SERVIZIO INTEGRAZIONE LAVORATIVA (SIL) a cura della Dott.ssa Angela Battistella

PARTE OTTAVA SERVIZIO INTEGRAZIONE LAVORATIVA (SIL) a cura della Dott.ssa Angela Battistella PARTE OTTAVA SERVIZIO INTEGRAZIONE LAVORATIVA (SIL) a cura della Dott.ssa Angela Battistella 1. PREMESSA Il SIL è un servizio dell'azienda ULSS 21 di Legnago, in Staff al Dipartimento Distretto che agisce

Dettagli

PROGETTO PER L INSERIMENTO DELLA COOPERATIVA NEL REGISTRO DI ENTI GESTORI ATTI ALLA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI SOSTEGNO IN AMBITO DOMICILIARE

PROGETTO PER L INSERIMENTO DELLA COOPERATIVA NEL REGISTRO DI ENTI GESTORI ATTI ALLA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI SOSTEGNO IN AMBITO DOMICILIARE PROGETTO PER L INSERIMENTO DELLA COOPERATIVA NEL REGISTRO DI ENTI GESTORI ATTI ALLA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI SOSTEGNO IN AMBITO DOMICILIARE ALLA PERSONA CON DISABILITÀ INDICE A FINALITÀ 1 B OBIETTIVI

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste Vita di casa Ambito/settore di intervento

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste Vita di casa Ambito/settore di intervento UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste Vita di casa Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari N. giovani in servizio civile richiesti Descrizione

Dettagli

Bisogni Educativi Speciali la normativa

Bisogni Educativi Speciali la normativa Bisogni Educativi Speciali la normativa 27 DICEMBRE 2012 DIRETTIVA MINISTERIALE «Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi speciali e organizzazione territoriale per l inclusione scolastica»

Dettagli

IL SERVIZIO DI INSERIMENTO LAVORATIVO di ANFFAS TRENTINO ONLUS. CONVEGNO NAZIONALE ANFFAS ONLUS Non discriminazione = pari opportunità

IL SERVIZIO DI INSERIMENTO LAVORATIVO di ANFFAS TRENTINO ONLUS. CONVEGNO NAZIONALE ANFFAS ONLUS Non discriminazione = pari opportunità IL SERVIZIO DI INSERIMENTO LAVORATIVO di ANFFAS TRENTINO ONLUS CONVEGNO NAZIONALE ANFFAS ONLUS Non discriminazione = pari opportunità Bologna, 20 ottobre 2007 Realizzazione delle pari opportunità Gli Stati

Dettagli

La Bussola. 1. Titolo del progetto. 2. Nuovo progetto - No. 3. Progetto già avviato - Si

La Bussola. 1. Titolo del progetto. 2. Nuovo progetto - No. 3. Progetto già avviato - Si 1. Titolo del progetto La Bussola 2. Nuovo progetto - No 3. Progetto già avviato - Si 4. Se il progetto dà continuità a servizi/strutture già attivati, indicare se amplia l ambito territoriale e/o l utenza

Dettagli

"SosteniAmo il sociale"

SosteniAmo il sociale "SosteniAmo il sociale" I tagli continui al Fondo Nazionale dedicato al sociale e la progressiva riduzione delle risorse pubbliche stanno mettendo a rischio i servizi alla persona. A rischio è il patrimonio

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA 2. Nuovo Progetto o Si X 3. Progetto già avviato o Si X 4. Se il Progetto dà continuità a servizi/strutture già attivati, indicare se amplia l ambito territoriale

Dettagli

bilancio sociale 2008-2012

bilancio sociale 2008-2012 ASSOCIAZIONEERCOLEPREMOLI bilancio sociale 2008-2012 dati raccolti al 4 novembre 2012 ercole premoli e l associazione Nata alla fine degli anni 90, l Associazione porta il nome di un volontario impegnato

Dettagli

Viva gli Anziani! Viva gli Anziani! Progetto di coabitazione tra anziani fragili a Milano. Via Mario Bianco 20. Referente per il progetto

Viva gli Anziani! Viva gli Anziani! Progetto di coabitazione tra anziani fragili a Milano. Via Mario Bianco 20. Referente per il progetto Progetto di coabitazione tra anziani fragili a Via Progetto di coabitazione tra anziani fragili a Referente per il progetto Comunità di Sant Egidio ONLUS Via Lanzone 13 20123 cf 97549060156 tel 0286451309

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE. Art. 1 - Finalità

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE. Art. 1 - Finalità REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE Art. 1 - Finalità Il Comune di San Giovanni Lupatoto, in un ottica di politica sociale finalizzata al miglioramento della vita dei cittadini che

Dettagli

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate 12. Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Il problema Uno degli aspetti più preoccupanti del fenomeno della disoccupazione

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

CENTRO LAVORO E ARTE

CENTRO LAVORO E ARTE LIBERA ASSOCIAZIONE PRO-HANDICAPPATI Via 4 novembre 7 Lodi Vecchio Tel :0371 464188 e mail info@centrolavoroearte.it CENTRO LAVORO E ARTE Modulo A 1. SCHEMA GENERALE DEL CENTRO 2. TIPOLOGIA D UTENZA 3.

Dettagli

Una nuova IMPRONTA da realizzare

Una nuova IMPRONTA da realizzare Sintesi del progetto di finanziato dalla Regione Lombardia da realizzarsi in 2 mesi (5 ottobre 2009 4 ottobre 200) Scadenza presentazione domande: 27 luglio 2009 L IMPRONTA Associazione Onlus Ente accreditato

Dettagli

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI DEFINIZIONE ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO Il servizio affidamento anziani e disabili adulti, costituisce un opportunità di alternativa

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori In data 26 Settembre 2008 è stato firmato il seguente protocollo: Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori Tra Solidea, Istituzione di genere femminile

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Firenze CARATTERISTICHE PROGETTO 2) Titolo del progetto: ENEA Interventi

Dettagli

: CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO

: CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO Allegato A Linee generali per la presentazione del progetto di gestione dei servizi di promozione e tutela della donna : CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto AXIA FAMIGLIA - RETE INFORMATIVA Ambito/settore di intervento Settore E: Educazione e promozione culturale Area d intervento:

Dettagli

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training Premessa Le famiglie con un figlio disabile si differenziano dalle altre famiglie a partire dalla nascita del figlio: problemi di accettazione,

Dettagli

PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili

PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Piano d intervento Il piano di lavoro elaborato per l anno scolastico 2011/2012 dallo specialista dell

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ARCI NAPOLI 2) Codice di accreditamento: NZ05738 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

Educando nelle Province di Cremona e Mantova

Educando nelle Province di Cremona e Mantova Scheda progetto Educando nelle Province di Cremona e Mantova Il progetto si sviluppa in cinque comuni delle province di Cremona e Mantova. OBIETTIVI GENERALI La realizzazione del progetto si pone i seguenti

Dettagli

PROGETTO BUTOKU 360 supporto allo studio, ascolto e benessere

PROGETTO BUTOKU 360 supporto allo studio, ascolto e benessere PROGETTO BUTOKU 360 supporto allo studio, ascolto e benessere Il PROGETTO BUTOKU 360: supporto allo studio, ascolto e benessere è un progetto ideato dall A.S.D. BUTOKU KARATE- DO di Solaro, Associazione

Dettagli

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO Prof. Paola Perrone PREMESSA Nell attuale contesto storico, che ha acquisito la tematica europea dell orientamento lungo

Dettagli

Descrizione Normativa Tempi Responsabile procedimento Ufficio Informazionii

Descrizione Normativa Tempi Responsabile procedimento Ufficio Informazionii Procedimenti Settore Servizi alla persona Descrizione Normativa Tempi Responsabile procedimento Ufficio Informazionii Responsabile ufficio Responsabile sostitutivo Assistenza domiciliare Per assistenza

Dettagli