La funzione orientativa della didattica semplessa The Orientating Function of the Simplex Didactics. Maurizio Sibilio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La funzione orientativa della didattica semplessa The Orientating Function of the Simplex Didactics. Maurizio Sibilio"

Transcript

1 INTERSEZIONI

2

3 La funzione orientativa della didattica semplessa The Orientating Function of the Simplex Didactics Maurizio Sibilio L'orientamento, inteso come processo dinamico e trasversale caratterizzato da interventi diacronico-formativi e da un'organizzazione flessibile e modulare della didattica, ha come fine ultimo quello di facilitare i meccanismi decisionali di consentire l'adattamento all'ambiente, di anticipare ed affrontare positivamente la transizione ed il cambiamento, di decifrare e di fronteggiare la complessità delle dinamiche sociali e culturali. In tal senso, emergono interessanti spunti di riflessione sulla valenza orientativa della didattica semplessa, che può, dunque, configurarsi come una possibile strategia orientativa che, attraverso la declinazione didattica delle proprietà, concepite come "strumenti di semplessità", e dei principi semplessi, definiti quali "regole semplici", consente di decifrare e fronteggiare la complessità dei contesti scolastici e delle dinamiche socio-culturali, e di giungere ad un'organizzazione didattica realmente orientativa e finalizzata al successo formativo di tutti i discenti. The ultimate goal of orientation, understood as a dynamic and transversal process and characterized by diachronic training interventions and a flexible and modular didactic organisation, is to facilitate the decision-making mechanisms to enable environmental adaptation, to anticipate and deal with transition and change positively, as well as to decipher and cope with the complexity of social and cultural dynamics. In this sense, interesting insights emerge on the value of simplex didactics for orientation. By applying the properties, conceived as "simplex tools ", and the principles defined as "simple rules" on a didactic level, simplex didactics can be considered as a possible strategy to decode and deal with the complexity of school contexts and socio-cultural dynamics and to create a didactic organization aimed at providing real orientation and at guaranteeing educational success to all learners. Parole chiave: Orientamento, Semplessità Keywords: Orientation, Simplexity Articolo ricevuto: 3 gennaio 2015 Versione finale: 2 marzo CONSIDERAZIONI PRELIMINARI La tematica dell'orientamento, nella sua dimensione educativa, ha coinvolto numerosi domini disciplinari ed è stata avvalorata da una ricca letteratura scientifica nazionale ed internazionale (Berzonsky& Ferrari, 1996; Blanchard, 1996; Domenici, 2009; Fraunfelder, 1999; Fraunfelder&Sarracino, 2002; Santoianni 1998; Striano, 1999; Vertecchi, 1993; Wattset al., 1994; Zanniello, 1997).In tal senso, l'azione orientativa, sempre più diretta verso lo sviluppo di processi diempowerment, è intesacome una modalità formativo-educativa che, tenendo conto dei mutamentiin fieri, ha l'obiettivo di facilitare i meccanismi decisionali, di consentire l'adattamentoall'ambiente, dianticipareed affrontare positivamente la transizione ed il cambiamento,didecifraree difronteggiarela complessità delle dinamiche sociali e culturali.l'obiettivo formativo dell'azione orientativa è, dunque, la capacitàdi esprimere modalità intenzionali edi utilizzarestrategie di facilitazione della conoscenza di sé e del contesto,in grado di sviluppare un aciesintentionis e di co- 327

4 struire il proprio progetto di vita per il raggiungimento dell'autonomia personale e decisionale. Tale concezione formativa dell'orientamento, nel corso del tempo, è derivatadal passaggio da un'interpretazione statica ed etero-orientativa, cui corrisponde una visione deterministica e meccanicista dell'individuo e del suo contesto, ad una prospettiva pedagogico-sociale ed auto-orientativa, secondo una visione dinamica, complessa e sistemica della realtà; in tal senso, la flessibilità, l'adattamento, la dinamicità, il rapido cambiamento, la maturità decisionale, la capacità di progettare su traiettorie non lineari si configurano come emergenzedel sistema socio-culturale e formativo-educativo. Rispetto alla prospettiva delineata, interessanti suggestioniprovengono dall'analisi dei più recenti documenti ministeriali nazionali relativamente all'orientamento. Nel Piano Nazionale di Orientamento: "Linee guida in materia di orientamento lungo tutto l'arco della vita". Indicazioni nazionali (C.M. n. 43/09Prot.n. 2156)si fa riferimento al «passaggio da una prassi di orientamento di tipo quasi esclusivamente informativa e limitata ai momenti di transizione e di decisione, ad un approccio olistico» che,tenendo conto del contesto personale, sociale, culturale ed economico della persona, costituisce un continuum. L'orientamento, quindi, è inteso come processo educativo permanente e trasversale che investe la persona nella sua globalità e che attraversa tutti gli ordini e gradi di scuola e tutte le discipline, ed è presente sin dalla scuola primaria.tale concezione si colloca in continuità con l'impostazione concettuale della Direttiva Ministeriale del 6 agosto 1997, n. 487 (Reti regionali dei servizi per l'orientamento) dalla quale emerge la funzione orientativa della scuola dell'infanzia, già chiaramente espressa negliorientamenti dell'attività educativa nelle scuole materne statali(d.m. 3 giugno 1991) e confermata anche nel Piano Nazionale di Orientamento: "Linee guida in materia di orientamento lungo tutto l'arco della vita". Indicazioni nazionali (C.M. n. 43/09 Prot. n. 2156). L'orientamentolifelong, riconosciuto come diritto di ogni individuo nelle politiche europee e nazionali per la realizzazione degli obiettivi e delle strategie di "Lisbona 2010" e di "Europa 2020", non è più solo «lo strumento per gestire la transizione tra scuola, formazione e lavoro, ma ha [...] l'obiettivo di promuovere l'occupazione attiva, la crescita economica e l'inclusione sociale»(nota 19 febbraio 2014 Prot. n. 4232, Linee guida nazionali per l'orientamento permanente). Dalle Linee guida nazionali per l'orientamento permanente del 2014 emerge la necessità, già avvertitanelle Linee guida in materia di orientamento lungo tutto l'arco della vita del 2009,di sostenere, di consolidare edi ampliare un insieme di azioni coerenti, condivise ed unitarie, volte alla collaborazione e alla compartecipazione di tutte le Istituzioni e di tutti i Soggetti pubblici «uniti consapevolmente in uno sforzo di integrazione» al fine di rendere strategico il ruolo dell'intervento orientativo. In una prospettiva teorica di carattere interazionista e sistemico, dunque, l'orientamento può essere definito come un processo complesso e multidimensionale che coinvolgeil singolo e la collettività. 328

5 Il punto di partenza è, dunque, rappresentato dalla scuola alla quale è riconosciuto un ruolo di centralità nei processi di orientamento e alla quale«spetta il compito di realizzare, autonomamente e/o in rete con gli altri Soggetti pubblici e privati, attività di orientamento finalizzate alla costruzione e al potenziamento di specifiche competenze orientative» (Nota 19 febbraio 2014 Prot. n. 4232, Linee guida nazionali per l'orientamento permanente). Il sistema scolastico costituisce il luogo insostituibile nel quale ognunopuò acquisire e potenziare le competenze di base e trasversali necessarie a sviluppare la propria identità, la propria autonomia, la propria decisione e la propria progettualità e, in tal modo, realizzare il processo di orientamento permanente. La scuola, dunque, dovrebbe perseguire le finalità orientative attraverso le disciplinedi insegnamento e attraverso le attività interdisciplinari e transdisciplinari, esprimendosiin un'organizzazione dinamica e critica deisaperi, e ripensando, attraverso congrue strategie educative,le prassi dei processi di insegnamentoapprendimento. In tal senso, la strutturazione di strategie metacognitive e di attività didattiche laboratoriali, come suggerito anche dalla normativa nazionale (C.M. n. 43/09 Prot. n. 2156, Piano Nazionale di Orientamento: "Linee guida in materia di orientamento lungo tutto l'arco della vita". Indicazioni nazionali), al fine di educare i discenti ad orientarsi e ad agire nei diversi ambiti e contesti, non solo rappresenta una modalità per realizzare le condizioni ottimali di un apprendimento significativo (Ausubel, 1988; Novak &Gowin, 1989) che diventa uno strumento di progettualità personale, ma consente diriflettere criticamente sulle procedure funzionali all'acquisizione del sapere stesso attraverso la costruzione di competenze di gestione e di monitoraggio dei processi di apprendimento, sollecitando una flessibilità cognitiva ed una trasversalità delle modalità operative. "Imparare ad imparare", quale modalitàdi organizzare l'apprendimento mediante una gestione efficace del tempo e delle informazioni, comporta, infatti,l'elaborazione e l'assimilazione di nuove conoscenze e l'acquisizione di abilità per la ricerca e l'uso delle opportunità di orientamento (Raccomandazioni del Parlamento Europeo e del Consiglio del 18 dicembre 2006; D.M. 16 novembre 2012, n. 254, Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione). Risulta, dunque, strategico e centraleil ruolo del docente che,quale mentor, hala funzione di accompagnare, anche a livello metacognitivo, lo studente nel processo di apprendimento per realizzare un orientamento finalizzato alla crescita e alla maturazione della persona nei vari contesti formativi, sociali e lavorativi. Ne consegue che il docente, oltre a possedere specifiche competenze orientative, acquisibili anche con la partecipazione a Master e a Corsi di perfezionamento ed aggiornamento professionale ad hocpromossi dalle varie Università in accordo con il Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca(Nota 19 febbraio 2014 Prot. n. 4232, Linee guida nazionali per l'orientamento permanente), deve saper utilizzare le discipline in senso orientativo e, attraverso azioni intenzionali, 329

6 potenziare i prerequisiti per la costruzione diun metodo edi una mentalità orientativi in una prospettiva trasversale. 2. LE POTENZIALITÀ ORIENTATIVE DELLA DIDATTICA SEMPLESSA Alla luce del framework teorico-normativo delineato relativamente alla tematica dell'orientamento, inteso come processo dinamico e trasversale caratterizzato da interventi diacronico-formativi e da un'organizzazione flessibile e modulare della didattica (Domenici, 2009), emergono interessanti spunti di riflessione sulla valenza orientativa della didattica semplessa. La teoria dellasemplessità, introdotta da Alain Berthoz, fisiologo della percezione e dell'azione del Collège de France, fondandosi sull'assunto che le soluzioni elaborate dagli organismi viventi per decifrare e perfronteggiare la complessità possano essere considerate applicabili all'intera classe dei sistemi complessi adattivi (Berthoz, 2011), fornisce nuove chiavi interpretative del fenomeno didattico. In Italia, infatti, recuperando le suggestioni emergenti da tale paradigma e proponendo un'analogia tra la didattica (intesa come sistema complesso ed adattivo) e gli organismi viventi, la semplessitàè apparsa come un'importante opportunità di fronteggiamento della complessità del processo di insegnamento-apprendimento, orientato alla formazione globale della persona (Sibilio, 2013). In tal senso, la didattica semplessapuò configurarsi come una possibile strategia orientativa che, attraverso la declinazione didattica delle proprietà, concepite come "strumenti di semplessità", e dei principi semplessi, definiti quali "regole semplici", consente didecifrare e fronteggiarela complessità dei contesti scolastici e delle dinamiche socio-culturali, e di giungere ad un'organizzazione didattica realmente orientativa e finalizzata al successo formativo di tutti i discenti. 2.1 Le proprietà semplesse per una didattica orientativa La separazione delle funzioni e la modularità, definite da Berthoz (2011) come fattori di semplessità dell'organismo e come proprietà che testimoniano l'importanza di una differenziazione funzionale del lavoro, possono configurarsi, nell'ambito di una visioneorientativa della didattica, quali strategie semplesse che favoriscono l'interazione tra le varie Istituzionicoinvolte, condizione necessaria affinché si realizzi il processo di orientamento, come si evince anche dal quadro normativo (C.M. n. 43/09 Prot. n. 2156, Piano Nazionale di Orientamento: "Linee guida in materia di orientamento lungo tutto l'arco della vita". Indicazioni nazionali; Nota 19 febbraio 2014 Prot. n. 4232, Linee guida nazionali per l'orientamento permanente). Attraverso la declinazione di tali proprietà, le differenti funzioni istituzionali vengono modulate in modo armonico determinando il superamento di modelli lineari e consentendo l'affermazione di un sistema reticolare finalizzato all'obiettivo orientativoformativo. 330

7 Larapidità, considerata come una proprietàdegli organismi viventi che «presuppone l'anticipazione, la previsione delle conseguenze dell'azione» (Berthoz, 2011, p. 9),sul piano didattico-orientativo presuppone la fruizione diun ricco inventario di soluzioni chepermette, sia al docente sia al discente, di elaborare celermente decisioni (seguite da azioni didattiche) al fine difronteggiare la complessità sociale, culturale e scolastica. L'affidabilità, intesa da Berthoz (2011) come uno strumento di semplessità che, riducendo la percentuale di errore nel rilevamento di informazioni, aumenta la probabilità di successo nella risoluzione delle situazioni problematiche, risulta fondamentale nell'azione didattico-orientativa chenecessita di continui riscontri in ordine all' efficacia ed alla validità. La flessibilità e l'adattamento al cambiamento, individuate dalla letteratura scientifica di riferimento(domenici, 2009; Fraunfelder, 1999; Striano, 1999) come le principali caratteristiche dell'orientamento formativo, secondo Berthoz (2011) sono soluzioni che, a seconda dei diversi contesti, permettono di affrontare situazioni nuoveattraverso modalità vicarianti, attingendo ad un ricco repertorio di azioni. Si tratta, dunque, di strumenti di semplessitàche, nella prospettiva di una didattica orientativa, consentono difar fronte alle continue e complesse trasformazioni in ambito socio-culturale, normativo ed educativo. Una proprietà che interagisce con la flessibilità e che favorisce l'adattamento al cambiamento è la memoriache, nella proposta teorica del fisiologo del Collège de France, è concepita come «il ricordo di un'esperienza passata che deve poter essere utilizzato nell'azione presente o per prevedere le conseguenze future dell'azione» (Berthoz, 2011, p. 10). In relazione all'azione didattico-orientativa, la memoriasi configura come base fondante di un processo che, attraverso la capitalizzazione delle esperienze pregresse ed attraverso il recupero del proprio vissuto personale, scolastico e professionale, consenteuna previsione consequenziale delle azioni da mettere in atto in futuro, determinando lacontinuità dell'esperienza formativa. Secondo Berthoz (2011), la generalizzazioneè una proprietà che consente di trasporre funzioniin differenti contesti, anche se non perfettamente corrispondenti; in ambito didattico-orientativo, si configura come uno strumento di semplessitàindispensabile per costruire competenze flessibili e dinamiche sì da migliorare l'adattamento al sistema sociale.in una prospettiva di didattica orientativa, come confermato dalla normativa nazionale (C.M. n. 43/09 Prot. n. 2156, Piano Nazionale di Orientamento: "Linee guida in materia di orientamento lungo tutto l'arco della vita". Indicazioni nazionali), la generalizzazione consente di capitalizzare quanto i docenti hanno appreso in precedenza e dalle loro esperienze di vita per usare e applicare conoscenze e abilità in tutta una serie di contesti (D.M. 16 novembre 2012, n. 254, Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione). 331

8 2.2 I principi semplessi per una didattica orientativa Strettamente legati alle proprietà della rapiditàe dell'affidabilità, l'inibizione e il principio del rifiutocostituiscono il presupposto regolativo perfronteggiare la complessità (Berthoz, 2011): attraverso l'esercizio di tale principio, infatti, l'organismo,inibendo e rifiutandosoluzioni automatiche, si orienta verso nuove modalità d'azione. Nella didattica orientativa, il docente ed il discente, investiti di compiti decisionali,si trovano ad operare una selezione tra le possibili azioni e a compiere delle scelte, che inevitabilmente presuppongono forme di inibizione e di rifiuto, per non essere sopraffatti dalla complessità deicontesti sociali ed educativi. Il principio della specializzazione e della selezione, legato alle funzioni dell'attenzione, ai fattori cognitivi, alla memoria ed al contesto, è connesso con l'idea di Umwelt per cui «creiamo mondi in funzione dei nostri bisogni» (Berthoz, 2011, p. 37). Attraverso la declinazione didattica di questo principio e nell'ottica di una didattica orientativa, dunque, si potrebbero individuare delle strategie didattiche che consentano ad ogni discente di costruire attivamente il proprio Umwelt al fine di raggiungere una propria autonomia personale. Il principiosemplesso dell'anticipazione probabilistica, escludendo ogni linearità previsionaleed ogni forma di determinismo puro, è interpretato come una strategia, prospettiva e retrospettiva, che «consente di confrontare i dati dei sensi con le conseguenze delle azioni passate e di prevedere le conseguenze dell'azione in corso» (Berthoz, 2011, p. 18). Nell'ambito di una didattica orientativa, l'esercizio di questo principio regolativo, connesso alle proprietà della memoria e della generalizzazione, rende possibile l'applicazione di strategie e metodologie operative per anticipare e, di conseguenza,per risolvere una serie di situazioni future, problematiche e complesse. Il principio della deviazione è costituito da un insieme di regole semplificative del processo di adattamento degli organismi che, attraverso una complessità accessoria, rende più efficace il controllo del sistema (Berthoz, 2011).Deviare, nell'ottica di una didattica orientativa, consente al docente di individuare, attraverso un percorso risolutivo non lineare, una pluralità di soluzioniefficaci ed una molteplicità di strategie didatticheflessibilied aperte al cambiamento (caratterizzate da una complessità accessoria)per la risoluzione di situazioni problematiche e per favorire il processo di apprendimento-adattamento.in tal senso, un'organizzazione flessibile e modularedella didattica, l'utilizzo di strategie metacognitive e di attività di tipo laboratoriale, come emerge anche dal quadro legislativo nazionale (C.M. n. 43/09 Prot. n. 2156, Piano Nazionale di Orientamento: "Linee guida in materia di orientamento lungo tutto l'arco della vita". Indicazioni nazionali), si configurano qualivalidi percorsi di apprendimento che, inibendo soluzioni immediate,apparentemente semplici o consolidate nella prassi, conducono al successo formativo. La cooperazione e la ridondanza sono descritte da Berthoz (2011) come principi che guidano nella scelta delle informazioni pertinenti ai fini dell'adattamento, riducono la probabilità di errore, forniscono più valutazioni di una medesima va- 332

9 riabile; nell'ambito di una didattica orientativa, la cooperazionegarantisce la collaborazione tra i vari sistemi istituzionali che, come già sottolineato in precedenza, rappresenta una condizione necessaria per la realizzazione del processo di orientamento, e favorisce non solo l'interazione docente-discente, ma anche il rapporto tra tutti docenti e tra tutti i discenti. Tra gli obiettivi principali dell'azione orientativa vi è l'apprendimento significativo: in tal senso, l'esercizio del principio della ridondanza permette di veicolare le medesime informazioni attraverso differenti canali comunicativi e, quindi, di andare incontro ai diversi stili cognitivi dei discenti. Il principio del senso, inteso dal fisiologo del Collège de France quale scopo del processo biologico, costituisce una regola che, incentrandosi sul legame tra senso ed atto e ridefinendone il rapporto, ne rifonda il significato: il fondamento di tale principio è l'atto stesso «visto che le soluzioni semplesse sono guidate da un'intenzione, da un fine, da una funzione» (Berthoz, 2011, p. 21).Il senso, dunque, sintetizzando e comprendendo in sé tutti gli altri principi, colloca in una posizione di rilievo e di centralità la forma corporea che, anche nell'azione orientativa,rappresenta il presupposto per esperire il mondo. 3. RIFLESSIONI CONCLUSIVE L'orientamento, nella sua accezione formativo-educativa, partendo dal potenziamento delle capacità individuali dei discenti, ha come fine ultimo la costruzione di un progetto di vita che conduca alraggiungimentodell'autonomia personale e decisionale; quest'ultima, sollecitata anche dalla normativa nazionale, risulta necessaria per la decifrazione e per il fronteggiamento delle complesse e diverse dinamiche che caratterizzano gli attuali contesti sociali, culturali ed educativi. In questo processo, occupa un posto di rilievo la scuola che, interagendo con le altre Istituzioni in una struttura di tipo reticolare, ha il complesso compito di ripensare le modalità dei processi di insegnamento-apprendimento per realizzare un orientamento lifelonge trasversale. In tal senso, il paradigma della semplessità teorizzato da Alain Berthoz costituisce una nuova chiave interpretativa, consentendo di riconsiderare i possibili significati del processo di insegnamento-apprendimento e, attraverso l'applicazione didattica delle sue proprietà e dei suoi principi, le implicazioni formativenella conquista dell'autonomia personale. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI Ausubel, D.P. (1988). Educazione e processi cognitivi. Milano: Franco Angeli Berthoz, A. (2011). Semplessità. Torino: Codice Edizioni. 333

10 Berzonsky M.D. & Ferrari J.R. (1996). Identity orientation and decisional strategies. In Personality and Individual Differences, 29 (5), pp Blanchard, S. (1996). Decision d'orientation. Modeles et applications. InL'Orientationscolaire et professionnelle, 25 (1), pp Domenici, G. (2009). Manuale dell'orientamento e della didattica modulare. Bari: Editori Laterza. Frauenfelder, E. (1999). L'orientamento come percorso formativo, Atti del Convegno SIPED "Le scienze pedagogiche nell'università: autonomia, orientamento, innovazione", ottobre Fraunfelder, E. &Sarracino, V. (a cura di) (2002). L'orientamento. Questioni pedagogiche. Napoli: Liguori Editore. Novak, J.D. &Gowin, B. (1989). Imparando ad imparare. Torino: SEI. Santoianni, F. (1998). Sistemi biodinamici e scelte formative. Napoli: Liguori Editore. Sibilio, M. (2013). La didattica semplessa. Napoli: Liguori Editore. Striano, M. (1999). Educare al pensare. Percorsi e prospettive. Lecce: Pensa Editore. Vertecchi, B. (1993). Decisione didattica e valutazione. Firenze: La Nuova Italia. Watts, A.G., Guichard, J., Plant, P. &Rodriguez, M.L. (1994). L'orientamento scolastico e professionale nella comunità europea. Lussemburgo: Commissione Europea Zanniello, G. (1997). Educazione ed orientamento professionale. Roma: Armando Editore. RIFERIMENTI NORMATIVI Nota Ministeriale del 19 febbraio 2014 Prot. n. 4232, Linee guida nazionali per l'orientamento permanente. Decreto Ministeriale del 16 novembre 2012, n. 254, Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione. Circolare Ministeriale n. 43/09 Prot. n. 2156, Piano Nazionale di Orientamento: "Linee guida in materia di orientamento lungo tutto l'arco della vita". Indicazioni nazionali. Raccomandazioni del Parlamento Europeo e del Consiglio, 18 dicembre Direttiva Ministeriale del 6 agosto 1997, n. 487, Reti regionali dei servizi per l'orientamento. Decreto Ministeriale del 3 giugno 1991,Orientamenti dell'attività educativa nelle scuole materne statali. 334

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE

DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE LEZIONE: DAI SAPERI ALLE COMPETENZE PROF.SSA ANGELA ELIA Indice 1 DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE ----------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LE COMPETENZE

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Competenze di orientamento a scuola: conoscere ed esplorare le professioni. Sperimentazione del software S.Or.Prendo

Competenze di orientamento a scuola: conoscere ed esplorare le professioni. Sperimentazione del software S.Or.Prendo Sperimentazione promossa dal Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Sperimentazione promossa dal MIUR DG Studente Piano Nazionale Orientamento Direzione Generale per lo Studente, l'integrazione,

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

MISURIAMOCI...CON LE INDICAZIONI Convegno di studio Mestre, 19 ottobre 2013

MISURIAMOCI...CON LE INDICAZIONI Convegno di studio Mestre, 19 ottobre 2013 MISURIAMOCI...CON LE INDICAZIONI Convegno di studio Mestre, 19 ottobre 2013 Oltre le discipline: criteri per la costruzione del curricolo unitario (Simonetta Fasoli) Questo incontro di studio, molto opportunamente

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Torti - Ghisla RSSPSM no. 4-1

Torti - Ghisla RSSPSM no. 4-1 Progettazione didattica e individualizzazione Idee e proposte operative di Luca Torti e Gianni Ghisla Rivista del Servizio di sostegno pedagogico della Scuola Media, no. 4, marzo 1989, pag. 26-32 1. Premesse

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3)

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere riconoscibile

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Per non perdersi. Il percorso di oggi. Prima parte COMPETENZA: DEFINIZIONE DEL COSTRUTTO. Seconda parte PROGETTARE PER COMPETENZE

Per non perdersi. Il percorso di oggi. Prima parte COMPETENZA: DEFINIZIONE DEL COSTRUTTO. Seconda parte PROGETTARE PER COMPETENZE 1 Per non perdersi. Il percorso di oggi Prima parte COMPETENZA: DEFINIZIONE DEL COSTRUTTO Seconda parte PROGETTARE PER COMPETENZE Terza parte VALUTARE LE COMPETENZE 2 COMPETENZA Definizione del costrutto

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Il Problem-Based Learning dalla pratica alla teoria

Il Problem-Based Learning dalla pratica alla teoria Il Problem-Based Learning dalla pratica alla teoria Il Problem-based learning (apprendimento basato su un problema) è un metodo di insegnamento in cui un problema costituisce il punto di inizio del processo

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

ORIENTAMENTO: STRUMENTO CHIAVE PER EDUCARE ALLE SCELTE Strategie per un servizio alla e nella scuola

ORIENTAMENTO: STRUMENTO CHIAVE PER EDUCARE ALLE SCELTE Strategie per un servizio alla e nella scuola ORIENTAMENTO: STRUMENTO CHIAVE PER EDUCARE ALLE SCELTE Strategie per un servizio alla e nella scuola Pina Del Core Qualche premessa Tema centrale, anzi cruciale nella scuola è quello dell orientamento

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

3. LO STAGE INTERNAZIONALE

3. LO STAGE INTERNAZIONALE 3. LO STAGE INTERNAZIONALE 3.1. IL CONCETTO La formazione professionale deve essere considerata un mezzo per fornire ai giovani la conoscenza teorica e pratica richiesta per rispondere in maniera flessibile

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione?

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Scrive Thomas Eliot: Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Interrogativi integrati da: Dov è l informazione che abbiamo perso nei dati?

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI

PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI La formazione docente per l inclusione PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI TE I I European Agency for Development in Special Needs Education La formazione docente per l inclusione PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI

Dettagli

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE SULL INDAGINE OCSE-PISA E ALTRE RICERCHE NAZIONALI E INTERNAZIONALI Seminario provinciale rivolto ai docenti del Primo Ciclo La prova di matematica nelle indagini IEA

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PER UNA SCUOLA DI QUALITÀ LINEE GUIDA PREMESSA La maggior parte dei paesi postmoderni, nel definire i fattori d investimento e gli obiettivi strategici

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

Problemi e metodi della ricerca! educativa sperimentale

Problemi e metodi della ricerca! educativa sperimentale Prof. Benedetto Vertecchi che cosa! impareremo? 1-2 Problemi e metodi della ricerca! educativa sperimentale 1 quali apporti concorrono a definire la conoscenza educativa? 3-4 la pedagogia sperimentale!

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l Autonomia Scolastica L introduzione della metodologia

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

1 O. NEURATH, Il viaggio

1 O. NEURATH, Il viaggio ...Siamo come dei marinai che debbono ricostruire la loro nave in mare aperto... Essi possono usare il legname della vecchia struttura per modificare lo scheletro e il fasciame dell'imbarcazione, ma non

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Premesso che A) IL CONTESTO POLITICO - CULTURALE 1. Col Quarto Programma d azione (1996-2000) la politica europea

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE.

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE. Dipartimento di studi umanistici Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria Modulo di Elementi di Psicometria applicata alla didattica IV infanzia A.A. 2013/2014 LA COMUNICAZIONE NON VERBALE

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

PRIMO INCONTRO INTRODUZIONE ALLA GLOTTODIDATTICA:

PRIMO INCONTRO INTRODUZIONE ALLA GLOTTODIDATTICA: PRIMO INCONTRO INTRODUZIONE ALLA GLOTTODIDATTICA: La glottodidattica è una scienza teorico pratica che ha come scopo la risoluzione dei problemi di insegnamento/apprendimento di una seconda lingua. (da

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

Obiettivi formativi e competenze di Ermanno Puricelli

Obiettivi formativi e competenze di Ermanno Puricelli Obiettivi formativi e competenze di Ermanno Puricelli Questo articolo è apparso sul n.11 della rivista SCUOLA E DIDATTICA del 15 febbraio 2003; viene riprodotto sul nostro sito per gentile concessione

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Rilevazione ed analisi statistica dei dati nazionali

Rilevazione ed analisi statistica dei dati nazionali Castel San Pietro Terme, 9 maggio 2014 Rilevazione ed analisi statistica dei dati nazionali Ruggeri Denis Docente sezione ospedaliera IIS Castelli Brescia, collaboratore MIUR per il portale nazionale della

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Learning 4 All. Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici

Learning 4 All. Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici Learning 4 All Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici Autore/i Data Versione Reviewer Ferrari L., Lovece S. 12/10/2010 1.1 Luigi Guerra, Elena Pacetti, Manuela Fabbri, Enrico

Dettagli