IV Unità didattica La ricerca-azione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IV Unità didattica La ricerca-azione"

Transcript

1 IV Unità didattica La ricerca-azione In questa unità impareremo a conoscere: a. le caratteristiche distintive della ricerca-azione; b. le modalità di realizzazione della ricerca-azione. 1. Definizione La prima definizione che sembra opportuno citare per illustrare cosa sia la ricerca azione risulta essere quella riportata da Cohen et.al. (2000) nella loro introduzione al capitolo dedicato all argomento: Action research may be used in almost any setting where a problem involving people tasks and procedures cries out for solution, or where some change of feature results in a more desirable outcome. It can be undertaken by the individual teacher, a group of teachers working alongside a researcher or researchers in a sustained relationship, possibly with other interested parties like advisers, university departments and sponsors on the periphery 1. La citazione risulta esemplare perchè contiene tutti gli elementi essenziali della ricerca-azione. Innanzitutto il fatto che si origini da una situazione reale nella quale si manifesti la necessità di intervenire, quindi la peculiarità degli autori della ricerca, evidenziando che l azione può essere intrapresa dal singolo docente o da gruppi di docenti che lavorino insieme ai ricercatori in una relazione che li vede impegnati al raggiungimento di obiettivi che convergono verso il medesimo punto finale. Secondo Hopkins (1985) e Ebbutt (1985), così come si legge in Cohen et al. (2000), la combinazione di ricerca e azione rende quell azione una forma di indagine disciplinata nella quale lo sforzo personale viene effettuato per capire, migliorare e riformare una pratica educativa in atto. Cohen et al. (2000) lo definiscono come un intervento su piccola scala che, proprio per la sua natura particolaristica, consente un attento esame degli effetti di tale intervento. La ricerca-azione è uno studio rigoroso, nell ambito del quale i problemi vengono affrontati scientificamente in modo da poter valutare migliorare e dirigere le decisioni e le pratiche educative. In tal senso, risulta efficace l affermazione di Kemmis e McTaggart (1992, p.10) che sostengono: To do action research is to plan, act, observe and reflect more carefully, more sistematically, and more rigorously than one usually does in everyday life 2. La ricerca-azione combina la diagnosi con la riflessione concentrandosi su istanze di ordine pratico che sono state identificate dai partecipanti e che sono problematiche ma che consentono comunque interventi risolutivi. 2. Modalità di realizzazione del la ricerca azione. 1 Cohen et.al.2000, p. : La ricerca-azione può essere usata in quasi ogni contesto dove sia necessario trovare una soluzione ad un problema che coinvolga le persone, i compiti e le procedure e dove sia opportuno inserire modifiche per migliorare i risultati. Può essere intrapresa da un singolo docente, da un gruppo di docenti che lavorino insieme ai ricercatori, in una situazione di sostegno reciproco, possibilmente insieme ad altre parti interessate coem fruitori esterni, dipartimenti universitari e consiglieri. Traduzione a mia cura). 2 Kemmis e McTaggart, 1992, p. 10: Fare ricerca azione significa pianificare, agire, osservare e riflettere più strettamente, più sistematicamente e più rigorosamente di quanto si faccia nella vita quotidiana. Traduzione a mia cura. 1

2 Allo scopo di mettere in atto un progetto di ricerca-azione, occorre innanzitutto che si costituisca un gruppo di ricerca. Una volta fissate le prime regole di organizzazione è necessario stabilire i tempi di azione, nonché un calendario di riunioni durante le quali discutere della situazione nonché dell evolversi della stessa in seguito all intervento dei ricercatori. Il ricercatore che sviluppi progetti di ricerca-azione deve tener presente che la propria esperienza può non essere condivisa dagli altri membri del gruppo, in particolare dagli insegnanti, e quindi deve manifestare doti di persuasione e tolleranza allorché si trova a prospettare determinate linee di azione. Un altro aspetto importante per il ricercatore è quello di cercare di essere sempre costante nel monitoraggio e coinvolgere tutti i partecipanti in modo che ognuno si senta responsabile di ogni passo che viene intrapreso. Ogni progresso va registrato e trascritto sia se strettamente connesso agli obiettivi di ricerca, sia se riguarda i rapporti con lo staff ed ogni persona interessata al processo messo in atto. In tal modo anche la stesura del rapporto finale risulterà più semplice. Nel condurre una ricerca-azione, i partecipanti possono utilizzare svariati strumenti di indagine per la raccolta dati: questionari, diari, interviste, dati frutto di osservazione, disegni sperimentali, note sul campo, fotografie, registrazioni audio e video, scale di valutazione, biografie e resoconti, documenti registrazioni ecc. ecc. Come sostiene Kemmis (1988), la ricerca-azione non si distingue per l utilizzo di particolari strumenti di indagine, anche se sia tipico per chi effettua questo tipo di studi tenere dei diari accurati di quanto viene realizzato quotidianamente, registrare le interazioni in classe o i vari incontri che via via si verificano ecc.ecc. Le tecniche di analisi dei dati, in particolare analisi di contenuto degli scambi verbali registrati, dei materiali prodotti dagli studenti, oppure dei documenti scolastici non sono specificatamente ricollegabili alla sola ricerca-azione. In sostanza, le tecniche adottate nella ricerca-azione sono quelle che più di frequente si rintracciano negli studi di caso, nelle ricerche etnografiche, storiche ecc. Ciò è riconducibile al fatto che, come sostiene Kemmis (1988, p. 46), effettivamente, sono l azione (la pratica), il punto di vista e le circostanze in cui si realizzano i fatti a conferire significato alle azioni sotto indagine. Cito un passo da Kemmis (1988, p. 46) che mi sembra particolarmente esplicativo rispetto alla natura della ricerca-azione ed al modo in cui dovrebbe venire realizzata: What distinguishes action research is its method rather than particular techniques. The method is based on the notion of a spiral self reflection (a spiral of cycles of planning, acting, observing, and reflecting). It is essentially participatory in the sense that it involves participants in reflection on practices. It expresses a commitment to the improvement of practices, practitioners understandings, and the settings of practices. And it is collaborative, wherever possible involving co-participants in the organisation of their own enlightenment in relation to social and political action in their own situations 3. Come è possibile notare nel passo sopra riportato, il carattere partecipativo della ricerca-azione è ciò che meglio la contraddistingue dalle altre tipologie di ricerca. Il fatto, cioè che tutti i soggetti coinvolti nel processo educativo (docenti, ricercatori e studenti) possano prendere parte all azione rende questo tipo di intervento particolarmente efficace ed auspicabile. 3 Kemmis, 1988, p.46: Ciò che distingue la ricerca-azione è il metodo piuttosto che tecniche particolari. Tale metodo si basa su una spirale auto-riflessiva (una spirale di cicli di pianificazione, azione, osservazione e riflessione). È essenzialmente partecipativa nel senso che coinvolge i partecipanti nella riflessione sulle pratiche. Esprime l impegno per il miglioramento della comprensione e della collocazione delle pratiche. È collaborativi e, dove possibile, coinvolge i partecipanti nell organizzazione della loro crescita in relazione all azione sociale e politica dell ambito in cui operano. (traduzione a mia cura). 2

3 La ricerca-azione, come è già stato ricordato, è un tipo di studio molto rigoroso e tale rigore non deriva dall uso di particolari tecniche di osservazione e di analisi, ma dalla uso di coerenza logica ed empirica nell interpretazione dei dati raccolti rispetto all azione che si intende svolgere, seguire e valutare. Il paragrafo successivo, che viene dedicato ad un esempio concreto di ricerca-azione, fornirà chiarimenti ad eventuali dubbi che possono esser sorti nel corso della trattazione e soprattutto consentirà di conoscere da vicino cosa significhi realizzare un tipo di intervento sul campo nell ambito del quale l armonia ed il coinvolgimento di tutti rappresenta la chiave del successo dell iniziativa. Successo che si determina consentendo ad ognuno dei soggetti di raggiungere l obiettivo che, in base alla natura del proprio ruolo, ci si è preposti. 3. Un esempio di ricerca-azione. La ricerca sull impatto della crescita professionale sulla didattica condotta dall IRLTHE Institute for Research into Teaching and Learning della Nottingham University (UK). Il lavoro di cui si tratta in questo paragrafo ha occupato i ricercatori dell IRLTHE per circa un anno (da settembre 2001 a maggio 2002) di attività tese a stabilire se e in che modo la crescita professionale realizzata attraverso strumenti innovativi influisca positivamente sulla didattica. Il lavoro ha riguardato la School of Education della Nottingham University ed una sezione dell Hockerill Anglo European College, una scuola secondaria convenzionata con l Ateneo. Lo strumento innovativo per la formazione dei docenti sotto osservazione era rappresentato dalle applicazioni dei TLO 4, quale mezzo per il monitoraggio, la valutazione e l incremento della qualità, relativamente a due insegnamenti di lingua straniera. I risultati hanno evidenziato che un alta qualità di formazione professionale continua contribuisce ad innalzare il livello di profitto dei discenti che, nel caso specifico, dimostrano risultati migliori rispetto a quanto previsto dagli obiettivi didattici formulati nei curricula nazionali. In particolare il focus dell indagine si basava sull efficacia di strategie volte a sviluppare le abilità di conversazione e comprensione orale di studenti al settimo anno di corso nelle lingue francese e tedesco. La ricerca si è svolta seguendo tre filoni principali: 1. l osservazione e il monitoraggio delle pratiche didattiche in due classi di francese e tedesco dell Hockerill Anglo European College attraverso: registrazioni video nel corso di tutto l anno scolastico; misurazione dell efficacia dello strumento didattico attraverso l analisi dei risultati degli studenti che hanno raggiunto i livelli 5/6 dell Attainment Target 1 (ascolto e reazione allo 4 Una particolare applicazione del VLL Visual Learning Lab, ovvero l uso della pratica visiva nell ambito del corso di formazione dei futuri insegnanti di lingua straniera delle scuole britanniche, attivo presso l Università di Nottingham. L iniziativa nasce nell ambito della cosiddetta Training School Iniziative promossa dal DfES nell anno 2000 ed, inizialmente, ha riguardato l Università di Nottingham ed una scuola secondaria (11-18 anni) ad indirizzo linguistico, l Hockerill Anglo-European College di Bishop s Stortford. Le attività si svolgono, dunque, in due luoghi differenti (l Università dove si trovano i tirocinanti e la scuola dove si svolgono le regolari lezioni quotidiane) collegati tra loro grazie ad una apparecchiatura tecnologica costituita da grandi lavagne luminose situate nelle sedi di istruzione che comunicano tramite una linea ISDN. L efficacia della comunicazione viene, inoltre, incrementata dalla presenza di videocamere dotate di potenti zoom. Le aule dell università attrezzate allo scopo sono dotate di due maxi schermi, uno specificamente dedicato all osservazione ed uno all interazione, dove appunto si possono anche effettuare manipolazioni dei materiali didattici utilizzati in classe. La ragione della presenza di due distinte aree elettroniche di lavoro deriva dal fatto che i tirocinanti necessitano di uno spazio per l osservazione ed uno per la riflessione critica. L attività principale dei tirocinanti è, infatti, l osservazione, quindi il collegamento con l azione didattica deve essere costante; nello stesso tempo è necessario consentire l interazione e la discussione critica che il secondo schermo facilita con efficacia. Nelle scuole, invece, uno schermo che svolga entrambe le funzioni si è rivelato sufficiente. Il suono viene trasmesso attraverso apparecchi microfonici collocati sul soffitto della classe della scuola che partecipa all iniziativa. In sostanza, ogni luogo può osservare l altro e può, in qualsiasi momento, essere messo in comunicazione con l altro. 3

4 stimolo) in confronto con un gruppo di controllo che sottoposto alla medesime prove ha raggiunto solo i livelli 1-4 della stessa classificazione. 2. Sviluppo della formazione professionale attraverso: confronto formale ed informale tra i docenti ed i ricercatori, condotto mediante monitoraggio autonomo e tra pari delle pratiche didattiche adottate e sviluppo professionale generato dall adozione delle buone pratiche constatate. Tale processo ha consentito un dialogo costante tra tutti gli attori coinvolti, compresi gli studenti. 3. Costituzione e sviluppo di comunità di apprendimento reali e virtuali attraverso: la creazione di una comunità composta da rappresentanti della School of Education dell Università di Nottingham e l HAEC; costituzione e rafforzamento di intese costruttive tra ricercatori e docenti. Nel rapporto di ricerca redatto dall IRLTHE al termine dell indagine si legge: Our vision of a research school is one where complex yet high quality research processes are embedded in the shared concept of a learning school and where creative and quality interaction between researchers, teachers (both in research and teaching roles) and learners is promoted, shared and analysed critically 5. L idea alla base del lavoro condotto dai ricercatori di Nottingham risulta fondamentale. Perché la didattica possa migliorare è necessario che tutti i soggetti coinvolti nel processo si adoperino mettendo in atto scambi costruttivi e facilitando l evoluzione dell organizzazione stessa. La ricerca educativa, come dimostra l esperimento messo in atto dall IRLTHE all HAEC, ma che può essere esteso a qualsiasi altra scuola, è utile al miglioramento della qualità, perché rispetta la natura complessa della didattica, tenendo conto di tutte le sue peculiarità, soprattutto se attuata coinvolgendo ogni attore in gioco. Nel caso specifico oggetto del presente studio, i TLO Teaching and Learning Observatories - divengono la chiave per sviluppare un progetto che tende a creare una vera e propria rete di scuole del Regno Unito, e non solo, che, partecipando attivamente a programmi di ricerca collaborativa, hanno l opportunità di far crescere professionalmente i loro docenti, ma anche di incrementare i risultati degli allievi. È interessante notare quali siano gli obiettivi iniziali evidenziati nella ricerca: to improve the quality of collaborative research through observation and analysis of excellent teaching and effective learning in MFL classrooms via the video conferencing (VC) facility; to positively affect the quality of teaching and learning as participants become more aware of articulating their practice; to strengthen the involvement of both researchers and teachers in the collaborative research process; to strengthen the involvement of teachers in research development issues (ref.: monitoring the effectiveness of study visits by trainees, use of interactive whiteboard/iwb); to use innovative methods to achieve the above; to enable teachers and researchers to explore a common understanding strategic MFL classrooms; to lay foundations for continuing professional development (CPD); 5 IRLTHE, Final report of the inquiry into how a professional development tool might effectively contribute to improving classroom practice, 2003, p. 7: La nostra visione di una scuola che fa ricerca è quella in cui processi complessi, ma di alta qualità,fanno parte del concetto condiviso di una scuola che apprende e dove l interazione creativa e di qualità tra ricercatori, docenti (nel loro doppio ruolo di ricercatori e docenti al tempo stesso) e studenti viene promossa, condivisa e analizzata criticamente. (traduzione a mia cura) 4

5 to use the Information and Communication Technology (ICT) and in particular the VC facility as an integral part conduit of the research process; to extend the concept to form a national and international research network. 6 Colpisce come i risultati attesi, in relazione agli obiettivi posti, risultino possibili grazie all introduzione di una pratica raramente adottata, e che quindi voglio definire in tal senso innovativa, quale quella della ricerca in azione, qui definita collaborativa per gli elementi che la caratterizzano, realizzata attraverso l uso della tecnologia che, dunque, non solo facilita i compiti dei ricercatori da un punto di vista pratico, ma stimola la ricerca quale mezzo per il miglioramento della qualità. In che modo sono state realizzate le varie attività? E come è intervenuta la tecnologia nel disegno di ricerca così prefigurato? Occorre soffermarsi su questi aspetti, osservando quanto effettuato per ognuno dei filoni di ricerca intrapresi per comprendere appieno i risultati ottenuti. 1. Osservazione e monitoraggio di pratiche strategiche per una didattica efficace delle lingue straniere in due classi di francese e tedesco dell Hockerill Anglo European College. In tal caso i ricercatori sono stati impegnati nell osservazione di strategie didattiche finalizzate al miglioramento dei livelli di apprendimento delle lingue straniere, fondando le loro analisi sulla considerazione che le tecnologie per le attività di videoconferenza facilitano l individuazione dei modelli didattici tesi a sollecitare la comunicazione in classe, elemento fondamentale per migliorare le abilità di conversazione e comprensione orale. Grazie alle risorse tecnologiche a disposizione è stato possibile rintracciare i tratti fondamentali delle tecniche didattiche che sollecitano i processi interattivi. L uso dei TLO nella ricerca ha dunque consentito di seguire la progressione nell apprendimento linguistico in due diverse classi di lingua straniera nel corso di un anno scolastico. I TLO hanno permesso ai ricercatori di raccogliere una grande quantità di dati, sui quali hanno potuto lavorare loro stessi, nonché i docenti che hanno avuto modo di tarare meglio, in seguito a momenti di confronto tra pari e con i ricercatori stessi, i propri obiettivi didattici. Nel rapporto di ricerca vengono comunque evidenziati anche i lati negativi dell uso della tecnologia visiva i cui limiti hanno richiesto spesso l integrazione delle informazioni grazie al coinvolgimento dei docenti e degli stessi allievi. Si riporta di seguito la sintesi dei problemi evidenziati nel suddetto rapporto di ricerca: Practical Technical Problems and Limitations: Due to the sound quality it is difficult to observe pair and group work via the VC facilities. In order to overcome this problem, we are looking at developing our use of the VC technology further in order to exploit its full potential. Both teachers and researchers involved in the VC research have encountered some problems with both shared and non-shared IWB use in the initial phases of the research. Most of these problems have been overcome successfully. However, this points at the need for training in IWB use for both teachers and researchers involved in the research. 6 IRLTHE, idem, 2003, p. 7. -migliorare la qualità della ricerca collaborativa attraverso l osservazione e l analisi di esempi di didattica eccellente ed efficace nel campo dell insegnamento della lingua straniera attraverso attrezzature di video conferenza; -influenzare positivamente la qualità della didattica man mano che i partecipanti familiarizzano con la pratica adottata; -stimolare il coinvolgimento sia dei ricercatori, sia dei docenti nel processo di ricerca collaborativa; stimolare il coinvolgimento dei docenti nello sviluppo di temi di ricerca (ad es. monitoraggio dell efficacia delle visite di studio dei tirocinanti, uso della lavagna interattiva ecc. ); - adottare metodi innovativi per il raggiungimento degli obiettivi sopraesposti; -facilitare l individuazione da parte di ricercatori e docenti di strategie comuni per le lezioni di lingua straniera; gettare le basi per lo sviluppo della formazione professionale continua (CPD); -usare le ICT e in particolare le attrezzature per la video conferenza come requisito fondamentale per la realizzazione del processo; - estendere il concetto di base per formare una rete di ricerca nazionale ed internazionale. 5

6 The VC facility does not replace the researcher, as it is vital to contextualise the MFL lessons observed and as it is crucial to maintain interaction between the teacher/s and the researcher/s involved in order to develop the research further in a collaborative manner Sviluppo della crescita professionale. Come è possibile evincere dall elenco degli obiettivi iniziali della ricerca, l analisi degli effetti che la crescita professionale ha sulla qualità della didattica risultava centrale fin dall origine. Tale studio è stato effettuato grazie alla tecnologia del TLO e si è realizzato su due livelli di azione denominati dai ricercatori informal e formal feedback (riscontro informale e formale). Se si guarda al riscontro informale : tra ricercatore e insegnante questo è avvenuto tramite contatto diretto con gli insegnanti sia via telefono sia via . tra ricercatore e allievo è stata alimentata dalle discussioni instaurate durante l uso della tecnologia che ha in qualche modo sollecitato la motivazione degli studenti. tra ricercatori stessi durante le osservazioni effettuate grazie al TLO si aveva l opportunità di scambiarsi opinioni e pareri senza disturbare la lezione osservata. In merito al riscontro formale : tra ricercatore e insegnante avveniva in circostanze stabilite, allorché i ricercatori presentavano i loro dati di ricerca e li discutevano con gli insegnanti coinvolti direttamente; tra ricercatori e allievi sono state organizzate delle interviste nella lingua obiettivo tese a stabilire il livello di abilità relativamente alla comprensione orale ed alla conversazione, nonché colloqui a distanza effettuati in modalità di video conferenza in inglese per sondare le loro opinioni sulla didattica delle lingue straniere, allo scopo di sviluppare ulteriormente la capacità di rintracciare i modelli strategici usati per promuovere i momenti di interazione in classe nella lingua obiettivo; tra ricercatori stessi il confronto si realizzava in occasione dell analisi sistematica degli eventi video registrati durante le lezioni di francese e tedesco prese in considerazione. 3. È stato possibile costituire e sviluppare comunità di apprendimento reali e virtuali tramite l uso della tecnologia di video conferenza e video registrazione degli eventi. Grazie alla suddetta tecnologia ogni partecipante ha potuto mettere in atto utili processi di riflessione a posteriori in quanto: nella fase principale di raccolta dati il ricercatore osserva le interazioni docente/allievo e ragiona su di esse; durante le altre fasi i ricercatori discutono delle proprie considerazioni con gli insegnanti e con gli allievi coinvolti che di conseguenza contestualizzano e validano i dati dei ricercatori stessi; nella fase di analisi dei dati il confronto tra ricercatori, docenti ed allievi si realizza a livello sia informale sia formale e permette l applicabilità del processo anche ad altre scuole che intendano sfruttare l occasione di crescita che la ricerca didattica offre. 7 IRLTHE, op.cit., 2003, p. 23: Problemi e limiti di ordine tecnico-pratico: -A causa della qualità del suono è difficile osservare il lavoro a due o di gruppo attraverso le attrezzature di videoconferenza. Al fine di superare questa difficoltà, cerchiamo di sviluppare un uso più adeguato alle nostre esigenze della tecnologia suddetta per sfruttare a pieno il suo potenziale. Sia gli insegnanti sia i ricercatori coinvolti nella ricerca VC hanno incontrato alcuni problemi con l uso della lavagna interattiva condivisa o non condivisa nelle fasi iniziali della ricerca. La maggior parte di questi problemi sono stati risolti con successo. Tuttavia questo evidenzia la necessità di pratica nell uso della lavagna interattiva sia per i docenti, sia per i ricercatori coinvolti nella ricerca. Le attrezzature per la videoconferenza non sostituiscono il riercatore, poiché è fondamentale contestualizzare la lezione di lingua straniera osservata ed è cruciale sostenere l interazione tra il/i docente/i ed il/i ricercatori coinvolti al fine di sviluppare ulteriormente la ricerca in modo collaborativo. 6

7 In sostanza la tecnologia ha permesso lo sviluppo delle interazioni tra tutti i soggetti coinvolti, facilitando la nascita di vere comunità di apprendimento dove c è uno scambio costante di opinioni e viene promossa la discussione sugli argomenti trattati di volta in volta. Il concetto che sta alla base dell esperimento realizzato dall IRLTHE va al di là della domanda di ricerca tesa ad individuare strategie efficaci nella didattica delle lingue straniere, perchè rivela un modello di ricerca didattica collaborativa, applicabile ad ogni settore di istruzione, che si dimostra valido strumento per il miglioramento della qualità della didattica in senso assoluto. L attività oggetto dello studio sopra descritto ha avuto sviluppi molto positivi in quanto la ricerca ha avuto modo di essere sviluppata, coinvolgendo altre scuole del territorio che hanno dimostrato la volontà di partecipare ad ulteriori esperienze di ricerca-azione messe in atto e che hanno riguardato, per esempio, l individuazione delle strategie di classe che generano il pensiero critico degli allievi sempre in merito alla didattica delle lingue straniere 8. Bibliografia Cohen L. et. Al (2000), Research Methods in Education, London and New York, Routledge and Falmer Hopkins K. (1985), A Teacher s Guide to Classroom Research, London, Open University Press. Ebbutt D.(1985), Educational Action Research: some general concerns and specific quibbles in J.P.Keeves, Educational Research, Methodology and Measurement: An International Handbook, Oxford, Elsevier Science Ltd. Kemmis S. e Mctaggart R.(1992), The Action Research planner, Geelong Victoria, Deakin University Press. IRLTHE, 2003, Final report of the inquiry into how a professional development tool might effectively contribute to improving classroom practice, University of Nottingham, Nottingham. 8 I dati relativi agli esiti delle ricerche successive a quella descritta non mi sono stati forniti in quanto non sono ancora disponibili rapporti finali di ricerca ufficiali. 7

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

3. LO STAGE INTERNAZIONALE

3. LO STAGE INTERNAZIONALE 3. LO STAGE INTERNAZIONALE 3.1. IL CONCETTO La formazione professionale deve essere considerata un mezzo per fornire ai giovani la conoscenza teorica e pratica richiesta per rispondere in maniera flessibile

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Computer Mediated Communication (CMC) e Second Life

Computer Mediated Communication (CMC) e Second Life Form@re, ISSN 1825-7321 Edizioni Erickson, www.erickson.it Questo articolo è ripubblicato per gentile concessione della casa editrice Edizioni Erickson. Computer Mediated Communication (CMC) e Second Life

Dettagli

ECTS - Guida per l'utente

ECTS - Guida per l'utente ECTS - Guida per l'utente Ulteriori informazioni sull Unione Europea compaiono nel sito http://europa.eu Titolo originale: ECTS Users Guide edito nel 2009 dalla Commissione Europea Traduzione in Italiano

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto Urban Farming: Second Use of Public Spaces Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking Scheda progetto CSAVRI - Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e Incubatore

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

Tirocini: uno sguardo all Europa

Tirocini: uno sguardo all Europa www.adapt.it, 18 luglio 2011 Tirocini: uno sguardo all Europa di Roberta Scolastici SCHEDA TIROCINI IN EUROPA Francia Spagna Lo stage consiste in una esperienza pratica all interno dell impresa, destinata

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011 Monitoraggio dei processi formativi Genova, 2 dicembre 2011 Premessa: un patto!!! Nel Protocollo d Intesa le organizzazioni formative garantiscono un progressivo miglioramento e innalzamento della qualità

Dettagli

La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12

La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12 La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12 Questo capitolo descrive: A. Le scelte e i passaggi per sviluppare dispositivi per la validazione dei risultati dell

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO

FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO VERSO UN CODICE DEONTOLOGICO DEL DOCENTE Paolo Rigo paolo.rigo@istruzione.it ALCUNE SEMPLICI

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Ragazzi vietnamiti: (VIET L ANIMA HCM USSH) CLASSE 5 C: (21 TORTELLINI) 1. Trần Yến Ngọc 2. Nguyễn Ngọc Bách Châu AUTORI PROGETTO:

Ragazzi vietnamiti: (VIET L ANIMA HCM USSH) CLASSE 5 C: (21 TORTELLINI) 1. Trần Yến Ngọc 2. Nguyễn Ngọc Bách Châu AUTORI PROGETTO: Due mondi, due culture, due storie che si incontrano per dare vita a qualcosa di unico: la scoperta di ciò che ci rende unici ma fratelli. Per andare insieme verso EXPO 2015 Tutt altra storia Il viaggio

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

WEBCONFERENCE. La lezione a casa

WEBCONFERENCE. La lezione a casa WEBCONFERENCE La lezione a casa Fabio Biscaro @ www.oggiimparoio.it capovolgereibes.net 2 Valutazione dei video (1) 1. Video corti 2. Focus su un unico argomento 3. Essere chiari e non dare nulla per scontato

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

UN AMBIENTE OPEN SOURCE PER LA GESTIONE DEL PODCASTING E UNA SUA APPLICAZIONE ALLA DIDATTICA

UN AMBIENTE OPEN SOURCE PER LA GESTIONE DEL PODCASTING E UNA SUA APPLICAZIONE ALLA DIDATTICA Alberto Betella, Marco Lazzari, "Un ambiente open source per la gestione del podcasting e una sua applicazione alla didattica", Didamatica 2007, Cesena, 10-12/5/2007 Abstract UN AMBIENTE OPEN SOURCE PER

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo capitolo Fattori Introduzione suggestopedici alla Suggestopedia La dessuggestione Moderna delle barriere di apprendimento pag. 7 Se vuoi costruire una nave, non raccogliere i tuoi uomini per preparare

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive:

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Dai diritti alla costruzione di un sistema di sostegni orientato al miglioramento della Qualità di Vita A cura di: Luigi

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Tuning Educational Structures in Europe

Tuning Educational Structures in Europe Un introduzione a Tuning Educational Structures in Europe Il contributo delle Università al Processo di Bologna 1 CONTENUTO 1. INTRODUZIONE 2. LA METODOLOGIA TUNING 3. COMPETENZE NEL PROCESSO DI INSEGNAMENTO

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Premesso che A) IL CONTESTO POLITICO - CULTURALE 1. Col Quarto Programma d azione (1996-2000) la politica europea

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli