IV Unità didattica La ricerca-azione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IV Unità didattica La ricerca-azione"

Transcript

1 IV Unità didattica La ricerca-azione In questa unità impareremo a conoscere: a. le caratteristiche distintive della ricerca-azione; b. le modalità di realizzazione della ricerca-azione. 1. Definizione La prima definizione che sembra opportuno citare per illustrare cosa sia la ricerca azione risulta essere quella riportata da Cohen et.al. (2000) nella loro introduzione al capitolo dedicato all argomento: Action research may be used in almost any setting where a problem involving people tasks and procedures cries out for solution, or where some change of feature results in a more desirable outcome. It can be undertaken by the individual teacher, a group of teachers working alongside a researcher or researchers in a sustained relationship, possibly with other interested parties like advisers, university departments and sponsors on the periphery 1. La citazione risulta esemplare perchè contiene tutti gli elementi essenziali della ricerca-azione. Innanzitutto il fatto che si origini da una situazione reale nella quale si manifesti la necessità di intervenire, quindi la peculiarità degli autori della ricerca, evidenziando che l azione può essere intrapresa dal singolo docente o da gruppi di docenti che lavorino insieme ai ricercatori in una relazione che li vede impegnati al raggiungimento di obiettivi che convergono verso il medesimo punto finale. Secondo Hopkins (1985) e Ebbutt (1985), così come si legge in Cohen et al. (2000), la combinazione di ricerca e azione rende quell azione una forma di indagine disciplinata nella quale lo sforzo personale viene effettuato per capire, migliorare e riformare una pratica educativa in atto. Cohen et al. (2000) lo definiscono come un intervento su piccola scala che, proprio per la sua natura particolaristica, consente un attento esame degli effetti di tale intervento. La ricerca-azione è uno studio rigoroso, nell ambito del quale i problemi vengono affrontati scientificamente in modo da poter valutare migliorare e dirigere le decisioni e le pratiche educative. In tal senso, risulta efficace l affermazione di Kemmis e McTaggart (1992, p.10) che sostengono: To do action research is to plan, act, observe and reflect more carefully, more sistematically, and more rigorously than one usually does in everyday life 2. La ricerca-azione combina la diagnosi con la riflessione concentrandosi su istanze di ordine pratico che sono state identificate dai partecipanti e che sono problematiche ma che consentono comunque interventi risolutivi. 2. Modalità di realizzazione del la ricerca azione. 1 Cohen et.al.2000, p. : La ricerca-azione può essere usata in quasi ogni contesto dove sia necessario trovare una soluzione ad un problema che coinvolga le persone, i compiti e le procedure e dove sia opportuno inserire modifiche per migliorare i risultati. Può essere intrapresa da un singolo docente, da un gruppo di docenti che lavorino insieme ai ricercatori, in una situazione di sostegno reciproco, possibilmente insieme ad altre parti interessate coem fruitori esterni, dipartimenti universitari e consiglieri. Traduzione a mia cura). 2 Kemmis e McTaggart, 1992, p. 10: Fare ricerca azione significa pianificare, agire, osservare e riflettere più strettamente, più sistematicamente e più rigorosamente di quanto si faccia nella vita quotidiana. Traduzione a mia cura. 1

2 Allo scopo di mettere in atto un progetto di ricerca-azione, occorre innanzitutto che si costituisca un gruppo di ricerca. Una volta fissate le prime regole di organizzazione è necessario stabilire i tempi di azione, nonché un calendario di riunioni durante le quali discutere della situazione nonché dell evolversi della stessa in seguito all intervento dei ricercatori. Il ricercatore che sviluppi progetti di ricerca-azione deve tener presente che la propria esperienza può non essere condivisa dagli altri membri del gruppo, in particolare dagli insegnanti, e quindi deve manifestare doti di persuasione e tolleranza allorché si trova a prospettare determinate linee di azione. Un altro aspetto importante per il ricercatore è quello di cercare di essere sempre costante nel monitoraggio e coinvolgere tutti i partecipanti in modo che ognuno si senta responsabile di ogni passo che viene intrapreso. Ogni progresso va registrato e trascritto sia se strettamente connesso agli obiettivi di ricerca, sia se riguarda i rapporti con lo staff ed ogni persona interessata al processo messo in atto. In tal modo anche la stesura del rapporto finale risulterà più semplice. Nel condurre una ricerca-azione, i partecipanti possono utilizzare svariati strumenti di indagine per la raccolta dati: questionari, diari, interviste, dati frutto di osservazione, disegni sperimentali, note sul campo, fotografie, registrazioni audio e video, scale di valutazione, biografie e resoconti, documenti registrazioni ecc. ecc. Come sostiene Kemmis (1988), la ricerca-azione non si distingue per l utilizzo di particolari strumenti di indagine, anche se sia tipico per chi effettua questo tipo di studi tenere dei diari accurati di quanto viene realizzato quotidianamente, registrare le interazioni in classe o i vari incontri che via via si verificano ecc.ecc. Le tecniche di analisi dei dati, in particolare analisi di contenuto degli scambi verbali registrati, dei materiali prodotti dagli studenti, oppure dei documenti scolastici non sono specificatamente ricollegabili alla sola ricerca-azione. In sostanza, le tecniche adottate nella ricerca-azione sono quelle che più di frequente si rintracciano negli studi di caso, nelle ricerche etnografiche, storiche ecc. Ciò è riconducibile al fatto che, come sostiene Kemmis (1988, p. 46), effettivamente, sono l azione (la pratica), il punto di vista e le circostanze in cui si realizzano i fatti a conferire significato alle azioni sotto indagine. Cito un passo da Kemmis (1988, p. 46) che mi sembra particolarmente esplicativo rispetto alla natura della ricerca-azione ed al modo in cui dovrebbe venire realizzata: What distinguishes action research is its method rather than particular techniques. The method is based on the notion of a spiral self reflection (a spiral of cycles of planning, acting, observing, and reflecting). It is essentially participatory in the sense that it involves participants in reflection on practices. It expresses a commitment to the improvement of practices, practitioners understandings, and the settings of practices. And it is collaborative, wherever possible involving co-participants in the organisation of their own enlightenment in relation to social and political action in their own situations 3. Come è possibile notare nel passo sopra riportato, il carattere partecipativo della ricerca-azione è ciò che meglio la contraddistingue dalle altre tipologie di ricerca. Il fatto, cioè che tutti i soggetti coinvolti nel processo educativo (docenti, ricercatori e studenti) possano prendere parte all azione rende questo tipo di intervento particolarmente efficace ed auspicabile. 3 Kemmis, 1988, p.46: Ciò che distingue la ricerca-azione è il metodo piuttosto che tecniche particolari. Tale metodo si basa su una spirale auto-riflessiva (una spirale di cicli di pianificazione, azione, osservazione e riflessione). È essenzialmente partecipativa nel senso che coinvolge i partecipanti nella riflessione sulle pratiche. Esprime l impegno per il miglioramento della comprensione e della collocazione delle pratiche. È collaborativi e, dove possibile, coinvolge i partecipanti nell organizzazione della loro crescita in relazione all azione sociale e politica dell ambito in cui operano. (traduzione a mia cura). 2

3 La ricerca-azione, come è già stato ricordato, è un tipo di studio molto rigoroso e tale rigore non deriva dall uso di particolari tecniche di osservazione e di analisi, ma dalla uso di coerenza logica ed empirica nell interpretazione dei dati raccolti rispetto all azione che si intende svolgere, seguire e valutare. Il paragrafo successivo, che viene dedicato ad un esempio concreto di ricerca-azione, fornirà chiarimenti ad eventuali dubbi che possono esser sorti nel corso della trattazione e soprattutto consentirà di conoscere da vicino cosa significhi realizzare un tipo di intervento sul campo nell ambito del quale l armonia ed il coinvolgimento di tutti rappresenta la chiave del successo dell iniziativa. Successo che si determina consentendo ad ognuno dei soggetti di raggiungere l obiettivo che, in base alla natura del proprio ruolo, ci si è preposti. 3. Un esempio di ricerca-azione. La ricerca sull impatto della crescita professionale sulla didattica condotta dall IRLTHE Institute for Research into Teaching and Learning della Nottingham University (UK). Il lavoro di cui si tratta in questo paragrafo ha occupato i ricercatori dell IRLTHE per circa un anno (da settembre 2001 a maggio 2002) di attività tese a stabilire se e in che modo la crescita professionale realizzata attraverso strumenti innovativi influisca positivamente sulla didattica. Il lavoro ha riguardato la School of Education della Nottingham University ed una sezione dell Hockerill Anglo European College, una scuola secondaria convenzionata con l Ateneo. Lo strumento innovativo per la formazione dei docenti sotto osservazione era rappresentato dalle applicazioni dei TLO 4, quale mezzo per il monitoraggio, la valutazione e l incremento della qualità, relativamente a due insegnamenti di lingua straniera. I risultati hanno evidenziato che un alta qualità di formazione professionale continua contribuisce ad innalzare il livello di profitto dei discenti che, nel caso specifico, dimostrano risultati migliori rispetto a quanto previsto dagli obiettivi didattici formulati nei curricula nazionali. In particolare il focus dell indagine si basava sull efficacia di strategie volte a sviluppare le abilità di conversazione e comprensione orale di studenti al settimo anno di corso nelle lingue francese e tedesco. La ricerca si è svolta seguendo tre filoni principali: 1. l osservazione e il monitoraggio delle pratiche didattiche in due classi di francese e tedesco dell Hockerill Anglo European College attraverso: registrazioni video nel corso di tutto l anno scolastico; misurazione dell efficacia dello strumento didattico attraverso l analisi dei risultati degli studenti che hanno raggiunto i livelli 5/6 dell Attainment Target 1 (ascolto e reazione allo 4 Una particolare applicazione del VLL Visual Learning Lab, ovvero l uso della pratica visiva nell ambito del corso di formazione dei futuri insegnanti di lingua straniera delle scuole britanniche, attivo presso l Università di Nottingham. L iniziativa nasce nell ambito della cosiddetta Training School Iniziative promossa dal DfES nell anno 2000 ed, inizialmente, ha riguardato l Università di Nottingham ed una scuola secondaria (11-18 anni) ad indirizzo linguistico, l Hockerill Anglo-European College di Bishop s Stortford. Le attività si svolgono, dunque, in due luoghi differenti (l Università dove si trovano i tirocinanti e la scuola dove si svolgono le regolari lezioni quotidiane) collegati tra loro grazie ad una apparecchiatura tecnologica costituita da grandi lavagne luminose situate nelle sedi di istruzione che comunicano tramite una linea ISDN. L efficacia della comunicazione viene, inoltre, incrementata dalla presenza di videocamere dotate di potenti zoom. Le aule dell università attrezzate allo scopo sono dotate di due maxi schermi, uno specificamente dedicato all osservazione ed uno all interazione, dove appunto si possono anche effettuare manipolazioni dei materiali didattici utilizzati in classe. La ragione della presenza di due distinte aree elettroniche di lavoro deriva dal fatto che i tirocinanti necessitano di uno spazio per l osservazione ed uno per la riflessione critica. L attività principale dei tirocinanti è, infatti, l osservazione, quindi il collegamento con l azione didattica deve essere costante; nello stesso tempo è necessario consentire l interazione e la discussione critica che il secondo schermo facilita con efficacia. Nelle scuole, invece, uno schermo che svolga entrambe le funzioni si è rivelato sufficiente. Il suono viene trasmesso attraverso apparecchi microfonici collocati sul soffitto della classe della scuola che partecipa all iniziativa. In sostanza, ogni luogo può osservare l altro e può, in qualsiasi momento, essere messo in comunicazione con l altro. 3

4 stimolo) in confronto con un gruppo di controllo che sottoposto alla medesime prove ha raggiunto solo i livelli 1-4 della stessa classificazione. 2. Sviluppo della formazione professionale attraverso: confronto formale ed informale tra i docenti ed i ricercatori, condotto mediante monitoraggio autonomo e tra pari delle pratiche didattiche adottate e sviluppo professionale generato dall adozione delle buone pratiche constatate. Tale processo ha consentito un dialogo costante tra tutti gli attori coinvolti, compresi gli studenti. 3. Costituzione e sviluppo di comunità di apprendimento reali e virtuali attraverso: la creazione di una comunità composta da rappresentanti della School of Education dell Università di Nottingham e l HAEC; costituzione e rafforzamento di intese costruttive tra ricercatori e docenti. Nel rapporto di ricerca redatto dall IRLTHE al termine dell indagine si legge: Our vision of a research school is one where complex yet high quality research processes are embedded in the shared concept of a learning school and where creative and quality interaction between researchers, teachers (both in research and teaching roles) and learners is promoted, shared and analysed critically 5. L idea alla base del lavoro condotto dai ricercatori di Nottingham risulta fondamentale. Perché la didattica possa migliorare è necessario che tutti i soggetti coinvolti nel processo si adoperino mettendo in atto scambi costruttivi e facilitando l evoluzione dell organizzazione stessa. La ricerca educativa, come dimostra l esperimento messo in atto dall IRLTHE all HAEC, ma che può essere esteso a qualsiasi altra scuola, è utile al miglioramento della qualità, perché rispetta la natura complessa della didattica, tenendo conto di tutte le sue peculiarità, soprattutto se attuata coinvolgendo ogni attore in gioco. Nel caso specifico oggetto del presente studio, i TLO Teaching and Learning Observatories - divengono la chiave per sviluppare un progetto che tende a creare una vera e propria rete di scuole del Regno Unito, e non solo, che, partecipando attivamente a programmi di ricerca collaborativa, hanno l opportunità di far crescere professionalmente i loro docenti, ma anche di incrementare i risultati degli allievi. È interessante notare quali siano gli obiettivi iniziali evidenziati nella ricerca: to improve the quality of collaborative research through observation and analysis of excellent teaching and effective learning in MFL classrooms via the video conferencing (VC) facility; to positively affect the quality of teaching and learning as participants become more aware of articulating their practice; to strengthen the involvement of both researchers and teachers in the collaborative research process; to strengthen the involvement of teachers in research development issues (ref.: monitoring the effectiveness of study visits by trainees, use of interactive whiteboard/iwb); to use innovative methods to achieve the above; to enable teachers and researchers to explore a common understanding strategic MFL classrooms; to lay foundations for continuing professional development (CPD); 5 IRLTHE, Final report of the inquiry into how a professional development tool might effectively contribute to improving classroom practice, 2003, p. 7: La nostra visione di una scuola che fa ricerca è quella in cui processi complessi, ma di alta qualità,fanno parte del concetto condiviso di una scuola che apprende e dove l interazione creativa e di qualità tra ricercatori, docenti (nel loro doppio ruolo di ricercatori e docenti al tempo stesso) e studenti viene promossa, condivisa e analizzata criticamente. (traduzione a mia cura) 4

5 to use the Information and Communication Technology (ICT) and in particular the VC facility as an integral part conduit of the research process; to extend the concept to form a national and international research network. 6 Colpisce come i risultati attesi, in relazione agli obiettivi posti, risultino possibili grazie all introduzione di una pratica raramente adottata, e che quindi voglio definire in tal senso innovativa, quale quella della ricerca in azione, qui definita collaborativa per gli elementi che la caratterizzano, realizzata attraverso l uso della tecnologia che, dunque, non solo facilita i compiti dei ricercatori da un punto di vista pratico, ma stimola la ricerca quale mezzo per il miglioramento della qualità. In che modo sono state realizzate le varie attività? E come è intervenuta la tecnologia nel disegno di ricerca così prefigurato? Occorre soffermarsi su questi aspetti, osservando quanto effettuato per ognuno dei filoni di ricerca intrapresi per comprendere appieno i risultati ottenuti. 1. Osservazione e monitoraggio di pratiche strategiche per una didattica efficace delle lingue straniere in due classi di francese e tedesco dell Hockerill Anglo European College. In tal caso i ricercatori sono stati impegnati nell osservazione di strategie didattiche finalizzate al miglioramento dei livelli di apprendimento delle lingue straniere, fondando le loro analisi sulla considerazione che le tecnologie per le attività di videoconferenza facilitano l individuazione dei modelli didattici tesi a sollecitare la comunicazione in classe, elemento fondamentale per migliorare le abilità di conversazione e comprensione orale. Grazie alle risorse tecnologiche a disposizione è stato possibile rintracciare i tratti fondamentali delle tecniche didattiche che sollecitano i processi interattivi. L uso dei TLO nella ricerca ha dunque consentito di seguire la progressione nell apprendimento linguistico in due diverse classi di lingua straniera nel corso di un anno scolastico. I TLO hanno permesso ai ricercatori di raccogliere una grande quantità di dati, sui quali hanno potuto lavorare loro stessi, nonché i docenti che hanno avuto modo di tarare meglio, in seguito a momenti di confronto tra pari e con i ricercatori stessi, i propri obiettivi didattici. Nel rapporto di ricerca vengono comunque evidenziati anche i lati negativi dell uso della tecnologia visiva i cui limiti hanno richiesto spesso l integrazione delle informazioni grazie al coinvolgimento dei docenti e degli stessi allievi. Si riporta di seguito la sintesi dei problemi evidenziati nel suddetto rapporto di ricerca: Practical Technical Problems and Limitations: Due to the sound quality it is difficult to observe pair and group work via the VC facilities. In order to overcome this problem, we are looking at developing our use of the VC technology further in order to exploit its full potential. Both teachers and researchers involved in the VC research have encountered some problems with both shared and non-shared IWB use in the initial phases of the research. Most of these problems have been overcome successfully. However, this points at the need for training in IWB use for both teachers and researchers involved in the research. 6 IRLTHE, idem, 2003, p. 7. -migliorare la qualità della ricerca collaborativa attraverso l osservazione e l analisi di esempi di didattica eccellente ed efficace nel campo dell insegnamento della lingua straniera attraverso attrezzature di video conferenza; -influenzare positivamente la qualità della didattica man mano che i partecipanti familiarizzano con la pratica adottata; -stimolare il coinvolgimento sia dei ricercatori, sia dei docenti nel processo di ricerca collaborativa; stimolare il coinvolgimento dei docenti nello sviluppo di temi di ricerca (ad es. monitoraggio dell efficacia delle visite di studio dei tirocinanti, uso della lavagna interattiva ecc. ); - adottare metodi innovativi per il raggiungimento degli obiettivi sopraesposti; -facilitare l individuazione da parte di ricercatori e docenti di strategie comuni per le lezioni di lingua straniera; gettare le basi per lo sviluppo della formazione professionale continua (CPD); -usare le ICT e in particolare le attrezzature per la video conferenza come requisito fondamentale per la realizzazione del processo; - estendere il concetto di base per formare una rete di ricerca nazionale ed internazionale. 5

6 The VC facility does not replace the researcher, as it is vital to contextualise the MFL lessons observed and as it is crucial to maintain interaction between the teacher/s and the researcher/s involved in order to develop the research further in a collaborative manner Sviluppo della crescita professionale. Come è possibile evincere dall elenco degli obiettivi iniziali della ricerca, l analisi degli effetti che la crescita professionale ha sulla qualità della didattica risultava centrale fin dall origine. Tale studio è stato effettuato grazie alla tecnologia del TLO e si è realizzato su due livelli di azione denominati dai ricercatori informal e formal feedback (riscontro informale e formale). Se si guarda al riscontro informale : tra ricercatore e insegnante questo è avvenuto tramite contatto diretto con gli insegnanti sia via telefono sia via . tra ricercatore e allievo è stata alimentata dalle discussioni instaurate durante l uso della tecnologia che ha in qualche modo sollecitato la motivazione degli studenti. tra ricercatori stessi durante le osservazioni effettuate grazie al TLO si aveva l opportunità di scambiarsi opinioni e pareri senza disturbare la lezione osservata. In merito al riscontro formale : tra ricercatore e insegnante avveniva in circostanze stabilite, allorché i ricercatori presentavano i loro dati di ricerca e li discutevano con gli insegnanti coinvolti direttamente; tra ricercatori e allievi sono state organizzate delle interviste nella lingua obiettivo tese a stabilire il livello di abilità relativamente alla comprensione orale ed alla conversazione, nonché colloqui a distanza effettuati in modalità di video conferenza in inglese per sondare le loro opinioni sulla didattica delle lingue straniere, allo scopo di sviluppare ulteriormente la capacità di rintracciare i modelli strategici usati per promuovere i momenti di interazione in classe nella lingua obiettivo; tra ricercatori stessi il confronto si realizzava in occasione dell analisi sistematica degli eventi video registrati durante le lezioni di francese e tedesco prese in considerazione. 3. È stato possibile costituire e sviluppare comunità di apprendimento reali e virtuali tramite l uso della tecnologia di video conferenza e video registrazione degli eventi. Grazie alla suddetta tecnologia ogni partecipante ha potuto mettere in atto utili processi di riflessione a posteriori in quanto: nella fase principale di raccolta dati il ricercatore osserva le interazioni docente/allievo e ragiona su di esse; durante le altre fasi i ricercatori discutono delle proprie considerazioni con gli insegnanti e con gli allievi coinvolti che di conseguenza contestualizzano e validano i dati dei ricercatori stessi; nella fase di analisi dei dati il confronto tra ricercatori, docenti ed allievi si realizza a livello sia informale sia formale e permette l applicabilità del processo anche ad altre scuole che intendano sfruttare l occasione di crescita che la ricerca didattica offre. 7 IRLTHE, op.cit., 2003, p. 23: Problemi e limiti di ordine tecnico-pratico: -A causa della qualità del suono è difficile osservare il lavoro a due o di gruppo attraverso le attrezzature di videoconferenza. Al fine di superare questa difficoltà, cerchiamo di sviluppare un uso più adeguato alle nostre esigenze della tecnologia suddetta per sfruttare a pieno il suo potenziale. Sia gli insegnanti sia i ricercatori coinvolti nella ricerca VC hanno incontrato alcuni problemi con l uso della lavagna interattiva condivisa o non condivisa nelle fasi iniziali della ricerca. La maggior parte di questi problemi sono stati risolti con successo. Tuttavia questo evidenzia la necessità di pratica nell uso della lavagna interattiva sia per i docenti, sia per i ricercatori coinvolti nella ricerca. Le attrezzature per la videoconferenza non sostituiscono il riercatore, poiché è fondamentale contestualizzare la lezione di lingua straniera osservata ed è cruciale sostenere l interazione tra il/i docente/i ed il/i ricercatori coinvolti al fine di sviluppare ulteriormente la ricerca in modo collaborativo. 6

7 In sostanza la tecnologia ha permesso lo sviluppo delle interazioni tra tutti i soggetti coinvolti, facilitando la nascita di vere comunità di apprendimento dove c è uno scambio costante di opinioni e viene promossa la discussione sugli argomenti trattati di volta in volta. Il concetto che sta alla base dell esperimento realizzato dall IRLTHE va al di là della domanda di ricerca tesa ad individuare strategie efficaci nella didattica delle lingue straniere, perchè rivela un modello di ricerca didattica collaborativa, applicabile ad ogni settore di istruzione, che si dimostra valido strumento per il miglioramento della qualità della didattica in senso assoluto. L attività oggetto dello studio sopra descritto ha avuto sviluppi molto positivi in quanto la ricerca ha avuto modo di essere sviluppata, coinvolgendo altre scuole del territorio che hanno dimostrato la volontà di partecipare ad ulteriori esperienze di ricerca-azione messe in atto e che hanno riguardato, per esempio, l individuazione delle strategie di classe che generano il pensiero critico degli allievi sempre in merito alla didattica delle lingue straniere 8. Bibliografia Cohen L. et. Al (2000), Research Methods in Education, London and New York, Routledge and Falmer Hopkins K. (1985), A Teacher s Guide to Classroom Research, London, Open University Press. Ebbutt D.(1985), Educational Action Research: some general concerns and specific quibbles in J.P.Keeves, Educational Research, Methodology and Measurement: An International Handbook, Oxford, Elsevier Science Ltd. Kemmis S. e Mctaggart R.(1992), The Action Research planner, Geelong Victoria, Deakin University Press. IRLTHE, 2003, Final report of the inquiry into how a professional development tool might effectively contribute to improving classroom practice, University of Nottingham, Nottingham. 8 I dati relativi agli esiti delle ricerche successive a quella descritta non mi sono stati forniti in quanto non sono ancora disponibili rapporti finali di ricerca ufficiali. 7

L università degli Studi del Sannio

L università degli Studi del Sannio La ricerca condotta dall Università degli studi del Sannio e dalla Dida Network s.r.l. in tema di formazione avanzata per persone sorde ed in particolare i risultati del progetto: This project has been

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Joint staff training mobility

Joint staff training mobility Joint staff training mobility Intermediate report Alessandra Bonini, Ancona/Chiaravalle (IT) Based on https://webgate.ec.europa.eu/fpfis/mwikis/eurydice/index.php/belgium-flemish- Community:Overview and

Dettagli

Il progetto Cambridge per la Scuola Secondaria di Secondo grado. La Certificazione Internazionale

Il progetto Cambridge per la Scuola Secondaria di Secondo grado. La Certificazione Internazionale Il progetto Cambridge per la Scuola Secondaria di Secondo grado La Certificazione Internazionale Dall anno scolastico 2012 2013, la nostra scuola secondaria di primo e secondo grado è stata riconosciuta

Dettagli

Il Portfolio Europeo delle Lingue

Il Portfolio Europeo delle Lingue Il Portfolio Europeo delle Lingue Una guida introduttiva per aziende, enti pubblici e associazioni in genere Il Portfolio Europeo delle Lingue propone standard internazionali che permettono di misurare

Dettagli

PROGETTO SCIENZE E LINGUE Percorsi di apprendimento integrato nelle scuole italiane, francesi e tedesche

PROGETTO SCIENZE E LINGUE Percorsi di apprendimento integrato nelle scuole italiane, francesi e tedesche PROGETTO SCIENZE E LINGUE Percorsi di apprendimento integrato nelle scuole italiane, francesi e tedesche ISTITUTO (NOME, COORDINATE, SITO WEB) Via Monte Zovetto, 8 tel. 0171 692906 - fax 0171 435200 Via

Dettagli

Il Working Partnership

Il Working Partnership Il Working Partnership Il Working Partnership è uno strumento/risorsa per tutti coloro che sono interessati allo sviluppo e al miglioramento del lavoro di partnership. Lo strumento deriva da un precedente

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

Situare la formazione dei docenti nel contesto della classe

Situare la formazione dei docenti nel contesto della classe Dove va la pedagogia? V EDIZIONE SUMMER SCHOOL TRENTO 2010 Situare la formazione dei docenti nel contesto della classe Struttura ed esiti del progetto Ambienti di apprendimento inclusivi e tecnologie digitali

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 CORSO DI LAUREA IN Beni Culturali Insegnamento: Applicazioni informatiche all archeologia Docente Giuliano De Felice S.S.D. dell insegnamento L-ANT/10 Anno

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

English-Medium Instruction: un indagine

English-Medium Instruction: un indagine English-Medium Instruction: un indagine Marta Guarda Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari (DiSLL) Un indagine su EMI presso Unipd Indagine spedita a tutti i docenti dell università nella fase

Dettagli

Terzo modulo 2 dicembre 2010 Il progetto èconcluso Valutazione

Terzo modulo 2 dicembre 2010 Il progetto èconcluso Valutazione CORSO DI FORMAZIONE REGIONALE cosa stai cercando? riflessioni sulla ricerca sanitaria dall idea all application: come descrivere un progetto di ricerca e chiedere un finanziamento Regione Liguria Terzo

Dettagli

Creating a Community based on Respect. Learning through Inquiry

Creating a Community based on Respect. Learning through Inquiry Learning through Inquiry Creating a Community based on Respect Demonstrating International Mindedness The International School of Milan is committed to high standards in learning and the promotion of international

Dettagli

Teaching Evidence-based Practice L esperienza di un percorso integrato nel corso di laurea in Fisioterapia

Teaching Evidence-based Practice L esperienza di un percorso integrato nel corso di laurea in Fisioterapia 5 a Conferenza Nazionale GIMBE Dall'Evidence-based Practice alla Clinical Governance Bologna, 5 febbraio 2010 Teaching Evidence-based Practice L esperienza di un percorso integrato nel corso di laurea

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

STRUMENTO DI AUTO VALUTAZIONE DELLA CERTIFICAZIONE DI QUALITA BASATO SULLO STANDARD DI SCUOLA ELOS

STRUMENTO DI AUTO VALUTAZIONE DELLA CERTIFICAZIONE DI QUALITA BASATO SULLO STANDARD DI SCUOLA ELOS Come usare lo strumento di auto-valutazione della Certificazione di Qualità La scuola sarà valutata sulla base della raccolta e dell analisi delle prove scritte seguite o dalla visita della scuola, intervista

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE DEAL PRESSO LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

CORSI DI FORMAZIONE DEAL PRESSO LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE Gruppo di Ricerca DEAL (Dislessia Evolutiva e Apprendimento delle Lingue) Università Ca Foscari Venezia CORSI DI FORMAZIONE DEAL PRESSO LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE Si riporta di seguito l offerta formativa

Dettagli

ORIENTAMENTI OPERATIVI PER LE ATTIVITÀ DI OSSERVAZIONE IN CLASSE

ORIENTAMENTI OPERATIVI PER LE ATTIVITÀ DI OSSERVAZIONE IN CLASSE ORIENTAMENTI OPERATIVI PER LE ATTIVITÀ DI OSSERVAZIONE IN CLASSE La proposta sperimentale di tutoring in classe utilizza principalmente i seguenti due filoni di ricerca: - la peer review intesa come apprendimento

Dettagli

Esperienze di valutazione e autovalutazione nel Corso di Studi in Infermieristica Università degli Studi di Udine

Esperienze di valutazione e autovalutazione nel Corso di Studi in Infermieristica Università degli Studi di Udine Conferenza Permanente dei Corsi di Laurea e Laurea Magistrale delle Professioni Sanitarie Esperienze di valutazione e autovalutazione nel Corso di Studi in Infermieristica Università degli Studi di Udine

Dettagli

Relazione finale. Fasi I fase: attività di brainstorming problematizzazione, formulazione di ipotesi, ricerca di soluzioni

Relazione finale. Fasi I fase: attività di brainstorming problematizzazione, formulazione di ipotesi, ricerca di soluzioni Russi Grazia Classe F1 a.s. 2008/09 Tutor: Silvia Rossi Titolo: Ambiente e territorio Relazione finale Contenuti Il progetto ha lo scopo di sviluppare nei ragazzi il senso di appartenenza nei confronti

Dettagli

IL SISTEMA DEI DESCRITTORI EUROPEI PER LE LAUREE E LE LAUREE MAGISTRALI

IL SISTEMA DEI DESCRITTORI EUROPEI PER LE LAUREE E LE LAUREE MAGISTRALI IL SISTEMA DEI DESCRITTORI EUROPEI PER LE LAUREE E LE LAUREE MAGISTRALI Osservatorio di Ateneo sulla Didattica Università di Siena Servizio Management Didattico Siena, 21 novembre 2006 D.M. sulla disciplina

Dettagli

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822 C.F. 91040770702 E-mail

Dettagli

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I)

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) Istituto Paritario Minerva Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA La legge 62 del 10 Marzo 2000, recante Norme sulla parità scolastica e disposizioni sul diritto allo

Dettagli

Formative Assessment: Improving Learning in Secondary Classrooms. Valutazione formativa: migliorare l apprendimento nella scuola secondaria

Formative Assessment: Improving Learning in Secondary Classrooms. Valutazione formativa: migliorare l apprendimento nella scuola secondaria Formative Assessment: Improving Learning in Secondary Classrooms Summary in Italian Valutazione formativa: migliorare l apprendimento nella scuola secondaria Riassunto La valutazione fa parte integrante

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E a cura di Graziella Pozzo CONTENUTI SCHEDE Presentazione Scheda 1.

Dettagli

Normativa di riferimento. Contesto attuale

Normativa di riferimento. Contesto attuale ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE SILVANO FEDI Via Panconi, 39-51100 - PISTOIA (ITALIA) Tel. +39 0573 37211 FAX.+39 0573 372121 Web: www.itisfedi.pt.it E-Mail :mailto:posta@itisfedi.pt.it Progetto di

Dettagli

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione)

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) CONCORSO DOCENTI Premio nazionale per docenti Didattica del REACH e del CLP Seconda edizione Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) Concorso nazionale per

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

Come favorire la competitività e la sostenibilità con la nuova ISO 9001:2015

Come favorire la competitività e la sostenibilità con la nuova ISO 9001:2015 Come favorire la competitività e la sostenibilità con la nuova ISO 9001:2015 Lucio Galdangelo - Fieramilano 02/10/2014 Come cambierà la norma ISO 9001 2015 ISO 9001:2015 2012 New Work Item Proposal per

Dettagli

Il metodo ASEI SCHOOL mette al centro l allievo.

Il metodo ASEI SCHOOL mette al centro l allievo. ASEI SCHOOL è la prima Smart School di lingue certificata dal sistema ISO 900-2008 e accreditata dall Università di Cambridge per il test online BULATS. THE HIVE è l innovativo metodo didattico ideato

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Genova, 16 marzo 2006 Via Balbi, 1a - 16126 GENOVA Tel. 010/2095962 Fax 010/2095961 e-mail: cared@unige.it Master

Dettagli

Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo. Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica

Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo. Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica Premessa: il contesto di riferimento Il decreto ministeriale 270/2004

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA

DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA Mod. g 2 b - Unità di apprendimento CLASSE: 5^ A TITOLO: Appunti di viaggio: ricordi e racconti delle esperienze della classe Quinta

Dettagli

Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014. Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi

Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014. Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014 Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PER LE INSEGNANTI Al fine di ottenere una valutazione del livello di gradimento delle insegnanti

Dettagli

Come sviluppare e migliorare l insegnamento e l apprendimento delle scienze

Come sviluppare e migliorare l insegnamento e l apprendimento delle scienze Giuseppe Carcano 1 Come sviluppare e migliorare l insegnamento e l apprendimento delle scienze Dal 5 al 10 aprile ho avuto la bella opportunità di partecipare ad una visita di studio CEDEFOP (European

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE

QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE Il presente questionario autovalutativo si pone come strumento per consentire ai docenti della scuola primaria e secondaria di primo grado una rilettura critica

Dettagli

I.I.S.TELESI@ Telese Terme A.S. 2013/2014. Verbale n. 1

I.I.S.TELESI@ Telese Terme A.S. 2013/2014. Verbale n. 1 I.I.S.TELESI@ Telese Terme A.S. 2013/2014 Verbale n. 1 Il presente verbale è frutto del lavoro comune svolto dai docenti del gruppo linguistico dei singoli dipartimenti dell I.I.S. Telesi@: LICEO SCIENTIFICO

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

L osservazione peer to peer: modalità e strumenti

L osservazione peer to peer: modalità e strumenti L osservazione peer to peer: modalità e strumenti Ufficio Scolastico Provinciale di Modena 12 Gennaio 2016 Roberta Cardarello Docente di Didattica e Pedagogia speciale Università di Modena e Reggio Emilia

Dettagli

Progettazione consapevole: riconoscere ed analizzare i propri e gli altrui bisogni

Progettazione consapevole: riconoscere ed analizzare i propri e gli altrui bisogni Curricolo di lingua inglese aa. ss. 2016 2019 L apprendimento della lingua straniera, coerentemente a quanto suggerito dalle Indicazioni Nazionali 2012 (D.M 254/2012), contribuisce a promuovere la formazione

Dettagli

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Hanno risposto 32 insegnanti: 15 insegnano nella scuola secondaria inferiore, 17 in quella superiore. 2. Di questo campione, 23 insegnano

Dettagli

SCEGLI CON IL CUORE. WEB & INTERACTION DESIGN corso triennale post diploma

SCEGLI CON IL CUORE. WEB & INTERACTION DESIGN corso triennale post diploma SCEGLI CON IL CUORE pag. 2 Il corpus del corso, di durata triennale, è costituito da sapere e saper fare legati al mondo del web, delle nuove tecnologie e alla gestione di quelle che definiamo esperienze

Dettagli

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014)

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO la classe 3 A indirizzo

Dettagli

APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA

APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA Tiziana Monticone 1 Tiziana Monticone l emergere di un sé e di un identità professionale è il risultato di un rapporto complesso tra: la formazione la

Dettagli

CLIL. Le norme transitorie e i risultati delle prime sperimentazioni. Maria Torelli USR Piemonte

CLIL. Le norme transitorie e i risultati delle prime sperimentazioni. Maria Torelli USR Piemonte CLIL Le norme transitorie e i risultati delle prime sperimentazioni. Maria Torelli USR Piemonte LA BUONA SCUOLA L obiettivo generale deve essere quello di rafforzare una volta per tutte l insegnamento

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

Gestire un portfolio. Direttive. Anno di studio 2007/08 2 anno di studio

Gestire un portfolio. Direttive. Anno di studio 2007/08 2 anno di studio Reparto Formazione di pratica professionale Gestire un portfolio Direttive Anno di studio 2007/08 2 anno di studio Sommario 1. Introduzione 3 1.1 Storia del portfolio 3 1.2 Portfolio uno strumento d accompagnamento

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

Corso di Laurea in Economia e Gestione delle Amministrazioni Pubbliche Anno Accademico 2015/16

Corso di Laurea in Economia e Gestione delle Amministrazioni Pubbliche Anno Accademico 2015/16 Università degli Studi di Catania - Dipartimento di Economia e impresa Corso di Laurea in Economia e Gestione delle Amministrazioni Pubbliche Anno Accademico 2015/16 Marketing (Anno II, semestre I, n 9

Dettagli

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 4 B IPSC A.S. 2014/ 2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014)

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 4 B IPSC A.S. 2014/ 2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 4 B IPSC A.S. 2014/ 2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe 4 sezione

Dettagli

Dal tutoraggio al coaching Riflessioni ad un anno di distanza

Dal tutoraggio al coaching Riflessioni ad un anno di distanza Dal tutoraggio al coaching Riflessioni ad un anno di distanza dove eravamo rimasti Dal tutoring. Il tutor Il coach Istruttore conoscenze Facilitatore Moderatore (Clive Shepherd) Senza apparire mai in scena

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore)

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) FOCUS: IL POSSIBILE CO-MARKETING Il focus intende coinvolgere i presidenti delle cooperative nell analisi di un possibile co-marketing. Raccogliere

Dettagli

Linee Guida per l Assicurazione di Qualità nell Istruzione e Formazione Professionale nei Paesi Europei

Linee Guida per l Assicurazione di Qualità nell Istruzione e Formazione Professionale nei Paesi Europei Linee Guida per l Assicurazione di Qualità nell Istruzione e Formazione Professionale nei Paesi Europei REVIMP Dalla Revisione al Miglioramento La produzione di questa brochure è stata finanziata dal Programma

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

Cristiano Giorda I GIS per insegnare la geografia

Cristiano Giorda I GIS per insegnare la geografia Cristiano Giorda I GIS per insegnare la geografia Le indicazioni Nazionali richiedono in tutti i gradi di scuola l inserimento dei GIS nella didattica della geografia: primo ciclo di istruzione Il raffronto

Dettagli

DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale. Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa

DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale. Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa Realizzazione di un full adder a due bit 08/11/2010 Premessa A causa di un mancato

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Telecomunicazioni Classe: 1BM A.S. 2015/16 Docenti: Lombino Giuseppe Codocente Gianello Annalisa ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da 16 alunni maschi di cui quattro

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE DEAL PRESSO LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

CORSI DI FORMAZIONE DEAL PRESSO LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE Gruppo di Ricerca DEAL (Dislessia Evolutiva e Apprendimento delle Lingue) Università Ca Foscari Venezia CORSI DI FORMAZIONE DEAL PRESSO LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE A. FORMAZIONE PER LA SCUOLA PRIMARIA FORMAZIONE

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE. Laboratorio Life Skills Education 2007

PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE. Laboratorio Life Skills Education 2007 PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE 200 Programma di lavoro PRIMA PARTE: FONDAMENTI TEORICI la scuola dell autonomia come contesto di promozione della salute e dello sviluppo personale e sociale

Dettagli

La valutazione per l apprendimento e per gli alunni disabili

La valutazione per l apprendimento e per gli alunni disabili LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT La valutazione per l apprendimento e per gli alunni disabili Questo documento intende proporre una sintesi dei temi emersi nei dibattiti del progetto dell Agenzia

Dettagli

Oggetto: Proposta di attività GIOVANI E SOCIAL BUSINESS: DIVENTARE ATTORI DEL CAMBIAMENTO, anno scolastico 2015/2016 INDICE

Oggetto: Proposta di attività GIOVANI E SOCIAL BUSINESS: DIVENTARE ATTORI DEL CAMBIAMENTO, anno scolastico 2015/2016 INDICE Pistoia, 01-09- 2015 Pistoia Social Business City Via Abbi Pazienza, 1-51100 Pistoia Ai soggetti interessati Oggetto: Proposta di attività GIOVANI E SOCIAL BUSINESS: DIVENTARE ATTORI DEL CAMBIAMENTO, anno

Dettagli

Presidio Qualità di Ateneo

Presidio Qualità di Ateneo Premessa Le Commissioni Paritetiche di Scuola (CP) previste dal D.Lgs. 19/2012 e dal DM 47/2013 devono redigere annualmente una Relazione che, attingendo dalle SUA-CdS, dai risultati delle rilevazioni

Dettagli

Art. 2 Struttura, formato e stile della tesi

Art. 2 Struttura, formato e stile della tesi Facoltà di Studi Classici, Linguistici e della Formazione Linee guida per l elaborato di laurea del corso di laurea in Scienze della formazione primaria Art. 1 Introduzione La tesi è parte integrante del

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015 IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015 CLASSE III L Indirizzo Linguistico COORDINATORE: JESSICA NARDO 1. COMPONENTI DEI CONSIGLI DI CLASSE DOCENTE Lanza Saragene Filippo

Dettagli

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O I S T I T U T O C O M P R E N S I V O Scuola Infanzia - Primaria e Secondaria di 1 Grado Via S. Pertini, 1 tel. 0836/817370-73020 UGGIANO LA CHIESA (LE) C.F. 92012650757 C.M. LEIC84300C e-mail: leic84300c@istruzione.it

Dettagli

Recensione di Irith Davidzon Maggio 2007. Abstract. Recensione

Recensione di Irith Davidzon Maggio 2007. Abstract. Recensione Beck Isabel, McKeown Margareth, Improving Comprehension with Questioning the Author: A Fresh and Expanded View of a Powerful Approach, Scholastic, New York, 200, pp. 296 Recensione di Irith Davidzon Maggio

Dettagli

DFQM Dyslexia Friendly Quality Mark. Linee Guida per gli standard

DFQM Dyslexia Friendly Quality Mark. Linee Guida per gli standard DFQM Dyslexia Friendly Quality Mark Linee Guida per gli standard Standard 1 Efficacia della struttura organizzativa 1.1 La dislessia è un problema reale a tutti i livelli dell Organizzazione ed è un elemento

Dettagli

Le competenze professionali per accompagnare il cambiamento

Le competenze professionali per accompagnare il cambiamento Le competenze professionali per accompagnare il cambiamento Modello di accompagnamento al cambiamento professionale e Quadro di riferimento delle competenze professionali per accompagnare il cambiamento

Dettagli

RICONOSCIMENTO, VALIDAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE. CON QUALI COMPETENZE?

RICONOSCIMENTO, VALIDAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE. CON QUALI COMPETENZE? Convegno Nazionale RICONOSCIMENTO, VALIDAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE. CON QUALI COMPETENZE? Padova, 6 Giugno 2014 Con il patrocinio della Convegno Nazionale RICONOSCIMENTO,

Dettagli

Nome TAMBORRA VALERIA INES VALENTINA Indirizzo Via Gramegna, 34, 70037 Ruvo di Puglia (BA) Telefono 392 395 86 79 E-mail valeria.tamborra@gmail.

Nome TAMBORRA VALERIA INES VALENTINA Indirizzo Via Gramegna, 34, 70037 Ruvo di Puglia (BA) Telefono 392 395 86 79 E-mail valeria.tamborra@gmail. F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome TAMBORRA VALERIA INES VALENTINA Indirizzo Via Gramegna, 34, 70037 Ruvo di Puglia (BA) Telefono 392 395 86 79 E-mail valeria.tamborra@gmail.com

Dettagli

influenzano la funzione della scuola

influenzano la funzione della scuola PROGETTO - OBIETTIVO METODO DI STUDIO e CAPACITA CRITICA PREMESSA Scenario sociale: stimoli variegati, molteplici e ambivalenti fonti di apprendimento non formale ed informale influenzano la funzione della

Dettagli

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM)

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) Le note riportate corrispondono ad alcune sezioni estratte dalla documentazione accessibili online all indirizzo www.pqm.indire.it. Le sezioni integralmente riportate

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Gestione del progetto ed organizzazione d impresa Classe: 5BI A.S. 2015/16 Docente: Mattiolo ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è costituita da 21 alunni. 20 alunni provenienti

Dettagli

MIURAOODGOS prot. n. 240/R.U./U Roma, 16 gennaio 2013

MIURAOODGOS prot. n. 240/R.U./U Roma, 16 gennaio 2013 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e MIURAOODGOS prot. n. 240/R.U./U Roma, 16 gennaio 2013 Ai Direttori

Dettagli

NetQues Project Report Speech and Language Therapy Education in Europe United in Diversity

NetQues Project Report Speech and Language Therapy Education in Europe United in Diversity NetQues Project Report Speech and Language Therapy Education in Europe United in Diversity Network for Tuning Standards and Quality of Education Programmes in Speech and Language Therapy/Logopaedics across

Dettagli

Comunità di ricerca a scuola e tecnologie digitali

Comunità di ricerca a scuola e tecnologie digitali IV Congresso di Psicologia e Scuola: A scuola ho un bambino che Firenze 6-7 febbraio 2015 Comunità di ricerca a scuola e tecnologie digitali Stefano Cacciamani Università della Valle d Aosta Il piano del

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

BMS. Welcome to the BILINGUAL MIDDLE SCHOOL OF BRESCIA. Scuola bilingue secondaria di primo grado. Bilingual Middle School Brescia

BMS. Welcome to the BILINGUAL MIDDLE SCHOOL OF BRESCIA. Scuola bilingue secondaria di primo grado. Bilingual Middle School Brescia BMS B Welcome to the BILINGUAL MIDDLE SCHOOL OF BRESCIA Scuola bilingue secondaria di primo grado The partnership between the Marco Polo Institute and Little England Bilingual School has given birth to

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO E. MOROSINI B. DI SAVOIA. Proposta di formazione linguistica per l anno 2015 2016. Alla cortese attenzione: Dott.

ISTITUTO COMPRENSIVO E. MOROSINI B. DI SAVOIA. Proposta di formazione linguistica per l anno 2015 2016. Alla cortese attenzione: Dott. ISTITUTO COMPRENSIVO E. MOROSINI B. DI SAVOIA Proposta di formazione linguistica per l anno 2015 2016 Alla cortese attenzione: Dott. Falessi Roberto Oggetto: Percorsi di formazione linguistica Data: 09

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

EPPUR SI MUOVE PROGETTO PER LA COSTRUZIONE E LA DIFFUSIONE DI MODELLI DI DIDATTICA LABORATORIALE PER LE DISCIPLINE SCIENTIFICHE

EPPUR SI MUOVE PROGETTO PER LA COSTRUZIONE E LA DIFFUSIONE DI MODELLI DI DIDATTICA LABORATORIALE PER LE DISCIPLINE SCIENTIFICHE EPPUR SI MUOVE PROGETTO PER LA COSTRUZIONE E LA DIFFUSIONE DI MODELLI DI DIDATTICA LABORATORIALE PER LE DISCIPLINE SCIENTIFICHE 1. Analisi dei bisogni In un momento nel quale, con il riordino della scuola

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA Il progetto si propone di avvicinare i ragazzi al mondo del cinema con un approccio ludico

Dettagli

PON 2007 IT 05 1 PO 007 F.S.E. AOODGAI / 44621. Annualità 2012 / 2013. Azione: C 1 F.S.E. 2011 2467

PON 2007 IT 05 1 PO 007 F.S.E. AOODGAI / 44621. Annualità 2012 / 2013. Azione: C 1 F.S.E. 2011 2467 PON 2007 IT 05 1 PO 007 F.S.E. AOODGAI / 44621 Annualità 2012 / 2013 Azione: C 1 F.S.E. 2011 2467 Questionari Gradimento Soddisfazione Monitoraggio corsi PON CORSI ANALIZZATI 4 S o g g e t t i I n t e

Dettagli

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione VALUTAZIONE SOMMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA Verifica acquisizione conoscenze Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione SCOPO CARATTERE

Dettagli

LE ICT NELLA SCUOLA ITALIANA Sintesi dei dati e quadro comparativo (EU)

LE ICT NELLA SCUOLA ITALIANA Sintesi dei dati e quadro comparativo (EU) LE ICT NELLA SCUOLA ITALIANA Sintesi dei dati e quadro comparativo (EU) 16 Novembre 2013 Firenze Giuliano Vivanet Università di Cagliari giuliano.vivanet@unica.it Argomenti Indagine OECD: Review of the

Dettagli

Palermo, 9 (I edizione) e 15 (II edizione) dicembre 2014

Palermo, 9 (I edizione) e 15 (II edizione) dicembre 2014 Palermo, 9 (I edizione) e 15 (II edizione) dicembre 2014 L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLA SEDE E DEI CORSI DI STUDIO E LA GESTIONE DELL ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ NELL ATENEO DI PALERMO/L ATTIVITA DI

Dettagli

Materiale elaborato, su incarico del Bologna Follow Up Group, dall apposito Bologna Working Group on Qualifications Frameworks

Materiale elaborato, su incarico del Bologna Follow Up Group, dall apposito Bologna Working Group on Qualifications Frameworks Estratto dal documento A Framework for Qualifications of the European Higher Education Area (Il Quadro dei Titoli dello Spazio Europeo dell Istruzione Superiore), disponibile sul sito www.processodibologna.it/documentieuropei

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli