UNIONE EUROPEA MINISTERO PER LE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI REGIONE PUGLIA REGOLAMENTO (CE) N. 1198/2006

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIONE EUROPEA MINISTERO PER LE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI REGIONE PUGLIA REGOLAMENTO (CE) N. 1198/2006"

Transcript

1 UNIONE EUROPEA MINISTERO PER LE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI REGIONE PUGLIA REGOLAMENTO (CE) N. 1198/2006 FEP - Fondo Europeo per la Pesca MISURA 4.1 Sviluppo sostenibile delle zone di pesca (artt Reg. CE 1198/06) GRUPPO DI AZIONE COSTIERA TERRE DI MARE 1

2 INDICE PRESENTAZIONE DEL GAC COMPAGINE SOCIALE FORMA GIURIDICA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE LA STRUTTURA TECNICO-AMMINISTRATIVA SINTESI SUI COMPITI DEL GAC DESCRIZIONE DELLA ZONA DI PESCA E DELLE SUE PRINCIPALI CARATTERISTICHE DISTINTIVE CONSISTENZA NUMERICA DELLA FLOTTA, CARATTERISTICHE TECNICHE DELLE IMBARCAZIONI E TIPOLOGIA DI ATTREZZI UTILIZZATI NELL AREA DEL GAC TERRE DI MARE PRODUZIONI ANALISI DEL CONTESTO SOCIALE, ECONOMICO E AMBIENTALE DELLA ZONA DI PESCA, COMPRENSIVA DI ANALISI SWOT IL CONTESTO SOCIO ECONOMICO E TERRITORIALE LE CARATTERISTICHE DELL ECONOMIA LOCALE (ANALISI SETTORIALI) IL PATRIMONIO STORICO E NATURALISTICO ANALISI SWOT DESCRIZIONE DEL PROCESSO PARTECIPATIVO DEL PARTENARIATO LOCALE PUBBLICO- PRIVATO NELLO SVILUPPO DELLA STRATEGIA DESCRIZIONE DEL TEMA GENERALE DELLA STRATEGIA E DEI PRINCIPALI OBIETTIVI GENERALI COERENZA E SINERGIA CON ALTRE POLITICHE E INIZIATIVE ATTUATE SUL TERRITORIO SINERGIA CON PSR SINERGIA CON PO FESR SINERGIA CON PO FSE SINERGIA CON ALTRE INIZIATIVE LOCALI, REGIONALI O NAZIONALI ATTUAZIONE DELLA STRATEGIA MISURA 7. MIGLIORAMENTO DELLA GESTIONE E CONTROLLO DELLE CONDIZIONI DI PESCA AZIONE 6.1 PROGETTI DI COOPERAZIONE TRANSNAZIONALE MISURA 8. INTERVENTI DI PREPARAZIONE ALL'ATTUAZIONE DEL PSC AZIONE 7.1 ANIMAZIONE SUL TERRITORIO PER DARE LA MASSIMA PROMOZIONE E CONDIVISIONE DELLA STRATEGIA DI SVILUPPO MISURA 9. ATTUAZIONE DEL PSC AZIONE 8.1 FUNZIONAMENTO DELLA STRUTTURA OPERATIVA DEL GAC DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ DI ANIMAZIONE LOCALE INCONTRI DI ANIMAZIONE A MOLFETTA

3 1.17. INCONTRI DI ANIMAZIONE A GIOVINAZZO INCONTRI DI ANIMAZIONE A BISCEGLIE DESCRIZIONE DELLE SPESE OPERATIVE DEL GAC DESCRIZIONE DELLE AZIONI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE E TRANSNAZIONALE VALORIZZAZIONE SUI MERCATI E MARKETING TERRITORIALE DEI PRODOTTI ITTICI DEI MARI DI PUGLIA. ACRONIMO MAR.IT UN MARE INTEGRATO, DIVERSIFICATO E MULTIFUNZIONALE INCIDENZA DELLA STRATEGIA SULLE QUESTIONI ORIZZONTALI PARI OPPORTUNITÀ INNOVAZIONE E SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE PIANO FINANZIARIO PER ANNO, MISURA E AZIONE, DISTINTO TRA QUOTA PUBBLICA E QUOTA PRIVATA (VEDI ALLEGATO B) CRONOPROGRAMMA DESCRIZIONE DELLA SOSTENIBILITÀ E DELLE PROSPETTIVE FUTURE PIANO DI MONITORAGGIO DELLE PERFORMANCE E VALUTAZIONE DEI RISULTATI PIANO DI COMUNICAZIONE, INFORMAZIONE E PUBBLICITÀ PREMESSA E OBIETTIVO I TARGET LA COMUNICAZIONE INTERNA L INFORMAZIONE E LA PROPAGANDA LA COMUNICAZIONE E LA PUBBLICITÀ IL MIX DI COMUNICAZIONE

4 Presentazione del GAC Il G.A.C. Terre di Mare è una società mista a missione pubblica, rappresentativa del tessuto socio-economico dei Comuni di Molfetta, Bisceglie e Giovinazzo che ha come finalità l attuazione del presente Piano di Sviluppo Costiero, così come è previsto dall Asse IV del PO FEP 2007/2013 e specificato dal bando di attuazione della misura 4.1 della Regione Puglia. Il Fondo Europeo per la Pesca (FEP) è stato istituito dal Regolamento n del 2006 della Comunità Europea ed è il fondo strutturale più importante per il settore della Pesca, volto a garantire la stabilità dell attività di pesca. Il FEP, attraverso l Asse IV, può finanziare azioni in materia di sviluppo sostenibile e miglioramento della qualità della vita nelle zone di pesca, nel quadro di una strategia globale di sostegno all attuazione degli obbiettivi della politica comune della pesca, tenendo conto delle implicazioni socioeconomiche del territorio. Attraverso l Asse IV, il GAC può ottenere finanziamenti per rafforzare la competitività, ristrutturare o riorientare le attività economiche, incentivando l ecoturismo senza incidere sullo sforzo di pesca e promuovendo la diversificazione per innalzare i livelli occupazionali. Il Regolamento UE richiede per questo Asse gruppi composti da rappresentanti del settore della pesca e altri rilevanti settori socioeconomici, in modo che l approccio a creare il partenariato sia il più possibile inclusivo. Il Bando di attuazione della misura 4.1 della Regione Puglia, pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 29 del , in ossequio al criterio di inclusività e a quello di sussidiarietà, ha definito le caratteristiche del partenariato all art 6, prevedendo tre gruppi rappresentativi del territorio: i soggetti pubblici, i soggetti rappresentativi della pesca e i soggetti rappresentativi della realtà sociale, economica ed ambientale, creando, così, le basi per costituire GAC rappresentativi, sinergici ed efficienti, connotati da una forte identità territoriale, significativemente orientati alla creazione di nuovi modelli di sviluppo. A Molfetta, il giorno 08 marzo 2011 è stato siglato il protocollo d intesa tra i soggetti rientranti nelle categorie di cui all art. 6 del Bando della Regione Puglia, per realizzare l idea del GAC Terre di Mare. 4

5 Il giorno 09 agosto 2011 si è costituito il G.A.C. Terre di Mare, in Molfetta, con atto del notaio Mauro Zanna, repertorio 3505, raccolta 2513, con lo scopo sociale di attuare una strategia integrata per lo sviluppo locale Compagine Sociale L art. 6 del Bando misura 4.1 della Regione Puglia (artt. 43/45 Reg. CE 1198/06) disciplina i criteri di ammissibilità della compagine sociale al bando, e testualmente recita: Ai fini di realizzare condizioni di equilibrio tra componente pubblica e componente privata, la società GAC deve comprendere nella compagine sociale e nell Organo decisionale rappresentanti del settore pesca, enti pubblici e altri pertinenti rappresentanti dei settori locali di rilievo socioeconomico e ambientale. Pertanto, la compagine sociale del GAC deve essere composta: 1. dalla componente pubblica, costituita sia in termini di numero di soci che in termini di capitale sociale detenuto, da soggetti pubblici che operano nel territorio di riferimento, per un minimo del 20% e un massimo del 40% e 2. dalla componente privata costituita, sia in termini di numero di soci che in termini di capitale sociale detenuto da: a) soggetti economici rappresentativi del settore della pesca e dell acquacoltura per un minimo del 20% e un massimo del 40% e b) altri soggetti rappresentativi della realtà sociale, economica ed ambientale del territorio per un minimo del 20% e un massimo del 40%. Ogni singolo socio privato non può detenere una quota di capitale sociale superiore al 10%. Il G.A.C. Terre di Mare ha una compagine societaria di 23 soci con capitale sociale di ,00 Ai sensi dell art. 6, appena riportato, si sintetizza la compagine sociale del GAC Terre di Mare, alle pagine seguenti sotto forma tabellare. 5

6 1) SOGGETTI PUBBLICI CHE OPERANO SUL TERRITORIO N Denominazione Indirizzo Città Codice Fiscale Partita Iva Quota di partecipazione % di cap. sociale 1 Comune di Molfetta via Carnicella n.56 Molfetta ,00 9,50% 2 Comune di Bisceglie Via Trento n. 8 Bisceglie ,00 9,50% 3 Comune di Giovinazzo piazza Vittorio Emanuele II n.64 Giovinazzo ,00 9,50% 4 Provincia di Bari via Spalato n.19 Bari ,00 4,50% 5 Provincia Bat piazza San Pio X n.9 Andria ,00 4,50% 6 A.N.C.I. Puglia C.so V. Emanuele n. 68 Bari ,00 0,50% Composizione in termini di numero di soci : 26 % Composizione in termini di capitale detenuto: 38% pari a 7.600,00 6

7 2a) SOGGETTI RAPPRESENTATIVI DELLA PESCA E DELL ACQUACOLTURA N. Denominazione Indirizzo Città Codice Fiscale o Partita Iva Quota di partecipazione % di cap. sociale 1 Federpesca viale Liegi n.41 Roma ,00 7,50% 2 Federcopesca Puglia via Einaudi n.15 Bari ,00 7,50% 3 Lega Pesca Via G. A. Guattani n.9 Roma ,00 7,50% 4 A.G.C.I. AGR.IT.AL. via Angelo Bargoni n.78 Roma ,00 7,50% 5 Consorzio Mercato Ittico Molfetta Banchina San Domenico Molfetta ,00 2,00% 6 Osservatorio Nazionale della Pesca Corso Italia n.92 Roma c. f p.i ,00 2,00% 7 Unci Pesca Puglia via Nicola de Nicolò n.11 Bari ,00 2,00% 8 Coldiretti Puglia Impresa Pesca via Lembo n.19 Bari ,00 2,00% Composizione in termini di numero di soci: 34 % Composizione in termini di capitale detenuto: 38% pari a 7.600,00 7

8 2b) ALTRI SOGGETTI RAPPRESENTATIVI DELLA REALTA SOCIALE, ECONOMICA ED AMBIENTALE DEL TERRITORIO N. Denominazione Indirizzo Città Codice Fiscale Partita Iva Quota di partecipazione % di cap. sociale 1 Molfetta Porto Società via G. Carnicella c/o Palazzo Municipale Molfetta ,00 4,00% 2 Cantieristica Navale Molfettese via Leonardo da Vinci n.2 Molfetta ,00 2,50% Comitato Molfetta Le 3 Nuove Banchine 4 Uila Pesca Puglia Centro Commerciale Fashion District via dei Portuali c/o Confcommercio via A. de Gasperi n.170 Molfetta ,00 2,50% Bari ,00 2,50% 5 S.I.B. Assobalneari via Amendola n. 156 Bari n.a. 500,00 2,50% 6 Centro Velico Giovinazzo piazza Porto n.33 Giovinazzo ,00 2,50% 7 Consorzio di Bisceglie per la tutela e valorizzazione filiera ittica Corso Garibaldi n.23 Bisceglie ,00 2,50% 8 Centro Studi Biscegliese via A. Moro n.99 Bisceglie ,00 2,50% 9 Bisceglie Approdi via Trento n.8 Bisceglie ,00 2,50% Composizione in termini di numero di soci : 39 % Composizione in termini di capitale detenuto : 24% pari a 4.800, Forma giuridica Il GAC Terre di Mare riveste la forma giuridica di società consortile a responsabilità limitata. La scelta della società consortile rispecchia i principi fondamentali che sono alla base della normativa sui GAC, in particolare, il criterio di inclusione, essendo per natura i consorzi aperti all ingresso di nuovi soci e il principio di solidarietà attraverso la valorizzazione delle competenze dei singoli soci al fine di accrescere il benessere di tutta la comunità locale. 8

9 Il capitale sociale è di euro ,00 ed è diviso in quote che possono essere di diverso ammontare, ma ciascuna comunque non inferiore a euro 100,00 (cento/00), o suoi multipli. Lo scopo sociale (art. 3 Statuto) è garantire uno sviluppo sostenibile e un miglioramento della qualità della vita nelle zone di pesca nel quadro di una strategia globale di sostegno all attuazione degli obbiettivi della politica comune. In particolare, tenuto conto delle implicazioni socioeconomiche, il GAC Terre di Mare si occuperà di: a)animazione sul territorio; b) di implementazione di strategie di sviluppo utili alla definizione di approcci innovativi finalizzati all integrazione dell attività di pesca all economia locale; c) di promozione di un approccio partecipativo diffuso su scala locale; d) di migliorare le proprie capacità di analisi programmatica, di organizzazione e gestione di iniziative di sviluppo; e) di favorire l integrazione della filiera ittica e dei suoi operatori. La società, per il perseguimento degli scopi sociali potrà realizzare la propria attività in forma diretta o stipulare convenzioni con professionisti, società specializzate, istituti di credito, enti ed associazioni, potrà anche partecipare ad altre imprese o società aventi oggetto affine o connesso al proprio. L area territoriale di riferimento sono i Comuni di Molfetta, Bisceglie e Giovinazzo Il Consiglio di Amministrazione Lo Statuto prevede all art.16 che il Consiglio di Amministrazione del GAC sia composto da un minimo di cinque ad un massimo di tredici membri, con scelta rimessa all'assemblea che provvede alla nomina. Gli Amministratori possono essere scelti anche tra i non soci, durano in carica per un periodo di tre (3) esercizi e sono rieleggibili. Il consiglio d amministrazione è investito dei più ampi poteri per la gestione ordinaria e straordinaria della Società Consortile, salvo le limitazioni di legge. In base all' art. 6 del Bando misura 4.1 della Regione Puglia (artt. 43/45 Reg. CE 1198/06) che disciplina i criteri di ammissibilità al bando della compagine sociale, la società GAC deve comprendere anche nell Organo decisionale i rappresentanti del settore pesca, degli enti pubblici e di altri settori locali di rilievo socioeconomico e ambientale. I limiti percentuali stabiliti per la composizione della compagine sociale, devono essere rispettati anche nella composizione dell organo decisionale del GAC. 9

10 PRIMO CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE GAC Terre di Mare: dal gruppo 1 4; 40% dal gruppo 2.a 4; 40% dal gruppo 2.b 2; 20% La firma sociale e la rappresentanza della Società Consortile di fronte ai terzi ed in giudizio spettano al Presidente del Consiglio di Amministrazione. Ai sensi dell'art. 20 dello Statuto, il Consiglio di Amministrazione al proprio interno può delegare alcuni dei propri poteri al Presidente, determinando il contenuto, i limiti e le modalità di esercizio della delega. Il consiglio può sempre impartire direttive all organo delegato e avocare a sé operazioni rientranti nella delega. Il presidente, eventualmente investito di deleghe da parte del Consiglio d Amministrazione, può incaricare di determinati affari sociali uno o più consiglieri (art. 20bis Statuto). In sede costituente viene nominato revisore il sig. La Notte Francesco, nato a Bisceglie il 9 marzo 1971, ivi residente via Imbriani n. 403, iscritto nel Registro dei Revisori Contabili al n La Struttura tecnico-amministrativa Per l'assolvimento delle proprie funzioni, il GAC si doterà di una struttura snella ma al tempo stesso altamente qualificata che consentirà di raggiungere con efficienza ed efficacia gli obiettivi del PSC, garantendo allo stesso tempo il rispetto delle disposizioni comunitarie e regionali. La struttura tecnico-amministratva sarà composta da: - Direttore Tecnico - Responsabile Amministrativo e Finanziario (RAF) - Responsabile delle Misure - Responsabile della Cooperazione - Animatore d'area 10

11 - Addetto alla Segreteria/animazione Il Direttore Tecnico, esperto di programmazione ed utilizzazione di fondi previsti da regolamenti comunitari in materia di pesca, nonché esperto nella gestione di interventi integrati, è nominato dal Consiglio di Amministrazione e svolge i seguenti compiti: a) provvede all organizzazione funzionale dell Ufficio tecnico amministrativo del GAC; b) garantisce il perseguimento degli obiettivi generali e specifici del PSC e di altri progetti che dovessero essere finanziati al GAC medesimo; c) predispone gli atti e i provvedimenti per la concessione degli aiuti e per la liquidazione dell aiuto pubblico, da sottoporre alla firma del Presidente; d) interagisce con il Responsabile Amministrativo e Finanziario in ordine al corretto utilizzo delle risorse finanziarie assegnate per la gestione del PSC; e) verifica le modalità di attuazione, informazione e comunicazione del PSC ; f) collabora con il Presidente per la realizzazione delle attività a gestione diretta del GAC, in conformità al contenuto del PSC e alle procedure dettate dalla Regione; g) cura la tenuta del registro di cassa per le spese di importo fino a 500,00 (cinquecento/00) euro; h) relaziona al Consiglio di Amministrazione sullo stato di attuazione del PSC, in sinergia con il RAF, evidenziando i dati rilevati dal monitoraggio fisico e finanziario del PSC medesimo; i) coordina in sinergia con il Responsabile delle Misure tutta la fase di attuazione delle procedure tecnico-amministrative relative alla realizzazione delle singole misure messe a bando; j) coordina in sinergia con il Responsabile della Cooperazione lo svolgimento dei programmi interterritoriali e transnazionali approvati e finanziati dalla Regione nell ambito del PSC; k) coordina in sinergia con il Responsabile della Comunicazione la predisposizione ed implementazione del piano annuale della comunicazione del GAC; 11

12 l) convoca e presiede le riunioni periodiche del personale del GAC per verificare lo stato di attuazione del PSC e valuta con il Presidente del CDA l assunzione delle iniziative in relazione al contenuto del PSC stesso; m) propone d intesa con il RAF al Consiglio di Amministrazione eventuali modifiche ed integrazioni al PSC e al suo Piano Finanziario, nel rispetto delle procedure dettate dai regolamenti; n) partecipa agli incontri presso il Ministero delle Politiche Agricole e la Regione Servizio Caccia e Pesca e i servizi della Commissione europea, in rapporto all attuazione del PSC e della normativa comunitaria sullo sviluppo sostenibile delle zone di pesca; o) predispone, sentito il RAF, i bandi di evidenza pubblica per l attuazione delle Misure e delle Azioni del PSC; p) predispone sentito il RAF i provvedimenti per la formazione degli elenchi dei richiedenti aventi diritto agli aiuti pubblici, prima di sottoporli al CDA e alla pubblicazione nelle modalità stabilite dal Bando pubblico; q) coordina le attività connesse all attuazione dei progetti di cooperazione interterritoriale e transnazionale, d intesa con l unità tecnica preposta alla gestione degli stessi e informa il Consiglio di Amministrazione sullo stato di avanzamento degli stessi progetti; r) predispone le relazioni trimestrali sullo stato di attuazione del PSC, d intesa con il RAF e le unità tecniche, e le sottopone al Consiglio di Amministrazione, prima dell inoltro delle stesse alla Regione e agli altri organi competenti in materia; s) partecipa, d intesa con il RAF, agli audit tenuti dagli organi preposti (ufficio controlli di II livello, organismo pagatore, Commissione Europea, commissioni di accertamento regionali, ecc.). Il Responsabile Amministrativo e Finanziario, esperto in gestione di fondi pubblici e di gestione delle risorse finanziarie comunitarie, è preposto allo svolgimento dei seguenti compiti: a) cura tutti gli aspetti amministrativi e finanziari connessi all attuazione del PSC, in relazione al Piano finanziario e alle disponibilità derivanti da eventuali altri progetti che dovessero essere finanziati al GAC; 12

13 b) garantisce l assistenza contabile, ed amministrativa, in relazione agli adempimenti previsti dal bando regionale e dalla normativa comunitaria; c) assiste il Consiglio di Amministrazione nella redazione del bilancio annuale da sottoporre all approvazione dell Assemblea; d) coordina il personale amministrativo individuato per la redazione della rendicontazione amministrativa e per l implementazione e funzionamento del sistema di monitoraggio fisico e finanziario dell attività di gestione delle Misure e delle Azioni del PSC e) collabora con il Direttore Tecnico nella verifica della procedura di inserimento dei dati nel sistema di monitoraggio dell attività relativa all attuazione delle Misure e delle Azioni del PSC e di eventuali altri programmi gestiti dal GAC, secondo il procedimento informatizzato che sarà messo a disposizione dalla Regione; f) si occupa d intesa con il Direttore Tecnico per la parte finanziaria ad eventuali modifiche ed integrazioni al PSC, nel rispetto delle procedure dettate dai regolamenti g) si occupa, d intesa con il Direttore Tecnico alla verifica degli aspetti amministrativi e contabili conseguenti all attuazione dei progetti di cooperazione; h) collabora con il Direttore Tecnico a tutti gli altri adempimenti amministrativi e finanziari che scaturiscano dall attuazione del PSL, ivi compresi gli adempimenti connessi alle gare e alle procedure per l attuazione del decreto legislativo n. 163/2006 e s.m.i.; i) predispone i materiali necessari e partecipa, d intesa con il Direttore Tecnico, agli audit tenuti dagli organi preposti (ufficio controlli di II livello, organismo pagatore, Commissione Europea, commissioni di accertamento regionali, ecc.); j) si occupa unitamente al Direttore Tecnico nella predisposizione di eventuali provvedimenti di recupero e/o revoca comprensivi del calcolo degli interessi passivi e legali maturati - di importi d finanziamento pubblico concessi al destinatario degli aiuti. Il Responsabile delle Misure svolge le seguenti specifiche funzioni: redazione dei bandi; attuazione 13

14 istruttoria, controllo, approvazione delle domande di aiuto e di finanziamento delle singole domande pervenute a seguito di bando; istruttoria,controllo, approvazione delle offerte pervenute a seguito di avviso/bando per l acquisizione di beni e servizi inerenti le azioni a regia diretta e diretta in convenzione; esame delle domande di pagamento degli anticipi (ove previsto); predisposizione degli elenchi di pagamento; collaudo degli interventi di natura non edile. Il Responsabile della cooperazione svolge le seguenti funzioni: a) cura la predisposizione degli atti relativi all attuazione di ogni singolo progetto di cooperazione; b) cura, d intesa con il Direttore Tecnico ed il RAF i rapporti con gli altri GAC partner dei progetti; c) provvede alla predisposizione dei bandi di evidenza pubblica per la realizzazione delle iniziative previste dai progetti e predispone gli schemi dei provvedimenti per la pubblicazione degli stessi; d) propone al Direttore Tecnico e al Presidente i nominativi per la costituzione delle commissioni di valutazione delle proposte acquisite agli atti a seguito dei bandi; e) acquisisce i verbali della Commissione di gara, predispone i provvedimenti per l attribuzione dell incarico all avente diritto e li sottopone alla verifica e sottoscrizione del Direttore Tecnico e del Presidente per le successive decisioni del Consiglio di Amministrazione; f) cura le iniziative per seminari, workshop, convegni, incontri e attività promozionali connessi con l attuazione dei progetti di cooperazione; g) propone al Direttore Tecnico sentito il RAF, per il successivo inoltro al Consiglio di Amministrazione, di progetti di marketing e promozione territoriale legati all attuazione dei progetti di cooperazione; h) redige la relazione trimestrale di attuazione della Misura cooperazione interterritoriale e transnazionale, e la invia al Direttore Tecnico per il suo inserimento nella relazione periodica generale, al fine di sottoporla al Consiglio di Amministrazione 14

15 L'Animatore d'area svolge le seguenti specifiche funzioni: - organizzazione dell attività di pubblicazione su siti internet e/o bollettini, quotidiani e riviste con stesura del relativo materiale informativo; - redazioni di documenti informativi e diffusione di tutte le informazioni; - organizzazione di incontri/convegni; - organizzazione di ogni altra attività di comunicazione ed animazione idonea a diffondere l attività del GAC. All addetto di segreteria/animazione sono attribuite le seguenti specifiche funzioni: - Protocollo corrispondenza, attività di ricezione del pubblico sia a mezzo sportello front/office che a mezzo telefono/internet; - Tenuta della prima nota di cassa; - Archiviazione documenti con redazione dei relativi fascicoli in forma cartacea e informatica; - Fotocopiatura documenti; - Ogni altra attività attinente alle mansioni di segreteria, compresa l agenda del Presidente. Tutte le attività innanzi indicate saranno espletate sotto la direzione del direttore tecnico, del RAF e del CDA. Le altre figure di personale (esperti per la valutazione tecnica economica delle domande e dei collaudi) potranno essere utilizzate dal GAC per consentire la corretta attuazione del PSC. Le figure di cui al precedente comma sono selezionate a seguito di procedure di evidenza pubblica. La selezione deve essere effettuata attraverso l esame dei curricula. Per approfondimenti sulla ripartizione dei ruoli e delle responsabilità, si rimanda al Regolamento di Funzionamento Interno. 15

16 1.5. Sintesi sui compiti del GAC Il GAC Terre di Mare riveste il ruolo di responsabile dell attuazione del Piano d Azione Costiero, del relativo piano finanziario e degli interventi previsti. Nel rispetto della normativa di riferimento e delle relative procedure d attuazione, la società, in particolare dovrà: coordinare l attuazione del Piano di Sviluppo Costiero; attuare attività di animazione e di sensibilizzazione della popolazione e degli operatori locali; gestire le risorse finanziarie assegnate procedendo prontamente ad eventuali adeguamenti; attuare gli interventi a regia diretta; attuare gli interventi a regia diretta in convenzione; redigere i bandi e seguire l iter di pubblicizzazione degli stessi; istruire dal punto di vista tecnico amministrativo le istanze pervenute con la formazione delle relative graduatorie e pubblicizzazione delle stesse; monitorare l attuazione degli interventi; effettuare una istruttoria tecnico-amministrativa degli interventi conclusi; inviare all Organismo pagatore gli elenchi delle liquidazioni (azioni a Bando e a convenzione); rendicontare le spese degli interventi a regia diretta; controllare e monitorare costantemente tutte le attività previste dal PSC; implementare il sistema di monitoraggio fisico e finanziario. Il GAC, in relazione ai compiti sopra descritti, è investito di una missione pubblica. L attuazione del Piano di Sviluppo Costiero rappresenta un attività senza fini di lucro ed è esercitata con finalità d interesse pubblico. L attività di animazione avrà l obiettivo di comunicare e sensibilizzare la popolazione relativamente a tutte le azioni e interventi previsti dal PSC, di informare sulle attività svolte e sul loro avanzamento e far comprendere che il Piano di Sviluppo Costiero non è semplicemente una fonte di finanziamento, ma uno strumento per lo sviluppo che si fonda sul principio della partecipazione territoriale. 16

17 Descrizione della zona di pesca e delle sue principali caratteristiche distintive 1.6. Consistenza numerica della flotta, caratteristiche tecniche delle imbarcazioni e tipologia di attrezzi utilizzati nell area del GAC Terre di Mare Nell ambito del compartimento di Molfetta, che possiede una delle flotte pescherecce più grandi dell intero territorio regionale, la flotta dei tre comuni interessati dal GAC assume una importanza particolare, come dimostra la tabella successiva. In particolare rispetto all intero compartimento essa conta il 59% in termini di numero di unità, il 75% per il tonnellaggio ed il 65% della potenza motore impiegata. n unità 233 Tonnellaggio (tls) 8.239,34 Potenza motore (kw) ,50 Tonnellaggio medio (tls/battello) 35,36 Potenza media (kw/battello) 199,80 Tabella n 1: caratteristiche strutturali della flotta peschereccia del compartimento marittimo di Molfetta Anno 2006 n unità 137 Tonnellaggio (tls) 6.182,7 Potenza motore (kw) ,93 Tonnellaggio medio (tls/battello) 45,13 Potenza media (kw/battello) 219,53 Tabella n 2: caratteristiche strutturali della flotta peschereccia della zona di pesca Molfetta, Biseglie, Giovinazzo Anno 2006 Sono presenti 137 unità per TSL pari a 6.182,7 tonnellate ed una potenza motore pari a ,93 kw; il TSL medio è pari a 45,13 e la potenza media è di 219,53 Kw. 17

18 Il GAC ha la flotta peschereccia più grande di tutta la Puglia per quel che concerne le caratteristiche strutturali, poiché possiede i valori maggiori in termini di TSL e di potenza motore. Classi TSL barche (n ) barche (%) TSL totale TSL % 0-5, , , , , , , , ,93 27 Tabella n 3: suddivisione per classi di TSL della flotta peschereccia della zona di pesca Molfetta, Biseglie, Giovinazzo Anno Il dato interessante riguarda per l appunto l aspetto strutturale della flotta molfettese. Dalla tabella n 3 si evince che le unità che fanno capo a questo compartimento sono suddivise in maniera più o meno uniforme nelle cinque classi di TSL. La classe di tonnellaggio più numerosa è quella compresa tra 50 e 99,9 tonnellate mentre le prime tre sono pressoché identiche, ad indicare che è ben rappresentata la pesca costiera, ma è diffusa anche la pesca mediterranea. In più ci sono 14 unità con un TSL superiore a 100 tonnellate. Le imbarcazioni che possiedono un TSL inferiore a 6 tonnellate sono 24, un numero irrisorio se paragonato al resto dei compartimenti, in cui più della metà delle imbarcazioni appartiene a questa classe di tonnellaggio. I battelli con TSL compreso tra 50 e 99,9 TSL forniscono un contributo del 33,6 % al TSL totale. 18

19 ZONA DI PESCA MOLFETTA, BISCEGLIE, GIOVINAZZO CLASSI TSL 0-5,9 6-9, , , TOTALE % ARPIONE STRASCICO VOLANTE CIRCUIZIONE DRAGHE POLIVALENTI POLIVALENTI PASSIVI PALANGARI ATTREZZI A POSTA LENZE TRAINO MOLLUSCHI PESCA SUB TOTALE Tabella n 4: classi di TSL per attrezzo nel GAC Molfetta, Bisceglie, Giovinazzo Anno Infine la suddivisione in classi di TSL per attrezzo mostra che la flotta del GAC utilizza una limitata tipologia di attrezzo. Sono numerose le imbarcazioni armate a strascico ben 92 su un totale di 137 pari al 68% del totale della flotta; questa tipologia di attrezzo viene utilizzata a sia su battelli di modeste dimensioni (non superiori a 10 TSL) che su pescherecci di oltre 100 TSL. Un dato interessante riguarda gli attrezzi da posta, che in queste marinerie rappresentano il 18 % del totale, ben 6 punti percentuali superiore al 12 % rappresentato sull intera flotta del compartimento Produzioni La flotta afferente al GAC Terre di Mare si distingue per il tipo di produzione, che vede una netta prevalenza di pesci; essi rappresentano il 92% del totale; mentre soltanto l 8% è composto da molluschi e crostacei. 19

20 4% 5% Pesci Molluschi Crostacei 91% Grafico n 1: percentuale delle catture per categoria di specie zona di pesca Molfetta, Bisceglie, Giovinazzo Anno Pesci Per quanto attiene al pescato afferente al gruppo dei pesci, il grafico sottostante mostra un elevata produzione di alici e sarde; se ne deduce che l elevata produzione pugliese deriva dagli alti quantitativi sbarcati nel compartimento di Molfetta; in particolare nella sola area del GAC sono state prodotte tonnellate di alici e tonnellate di sarde. Lo sbarcato più consistente in termini di biomassa oltre alle due specie menzionate, è rappresentato da sgombri (1.243,9 tonnellate), merluzzi (1.075,5 tonnellate) e cefali (868,5 tonnellate). Tra le specie di maggiore importanza commerciale meritano di essere menzionate le triglie e le rane pescatrici il cui sbarcato è stato pari a 148,7 tonnellate e 176,7 tonnellate. Poco importanti sul mercato, ma degne di nota per le quantità prodotte sono state le boghe (251,4 tonnellate) e i sugarelli (436,8 tonnellate) 20

GRUPPO DI AZIONE COSTIERA JONICO - SALENTINO

GRUPPO DI AZIONE COSTIERA JONICO - SALENTINO BANDO DI ATTUAZIONE DELLA MISURA 4.1 Sviluppo sostenibile delle zone di pesca (Artt. 43-45 Reg. 1198/06) GRUPPO DI AZIONE COSTIERA JONICO - SALENTINO Segreteria tecnica: hydracoop@hydracoop.it 1 Finalità

Dettagli

La pesca e l acquacoltura in Friuli Venezia Giulia. Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico

La pesca e l acquacoltura in Friuli Venezia Giulia. Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico La pesca e l acquacoltura in Friuli Venezia Giulia Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico 1 Lavoro realizzato dall Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico. È

Dettagli

La pesca e l acquacoltura in Emilia Romagna

La pesca e l acquacoltura in Emilia Romagna La pesca e l acquacoltura in Emilia Romagna Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico 1 Lavoro realizzato dall Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico. È consentita

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

POR Campania 2000-2006 Complemento di programmazione Capitolo 3 Misura 4.13 *

POR Campania 2000-2006 Complemento di programmazione Capitolo 3 Misura 4.13 * Interventi per favorire la diversificazione delle attività agricole e lo sviluppo di quelle affini allo scopo di implementare fonti alternative di reddito (art.33 comma 2 - trattino 7 del Reg. (CE) 1257/99)

Dettagli

II 2007 NEWSLETTER TRIMESTRALE SULLA PESCA PUGLIESE

II 2007 NEWSLETTER TRIMESTRALE SULLA PESCA PUGLIESE NEWSLETTER TRIMESTRALE SULLA PESCA PUGLIESE II 2007 Caratteristiche tecniche della flotta Questa sezione viene, di norma, aggiorna una volta all anno, nella newsletter relativa al quarto trimestre. Riportiamo

Dettagli

Art. 1 Oggetto e finalità

Art. 1 Oggetto e finalità REGOLAMENTO del, n. Regolamento di attuazione della legge regionale 8 agosto 2014, n. 20 Riconoscimento e costituzione dei distretti rurali, dei distretti agroalimentari di qualità e dei distretti di filiera

Dettagli

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002).

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002). Commissione Agricoltura Senato - Roma, 25 Luglio 2013 Presentazione ISA è una società di intermediazione finanziaria, partecipata al 100% dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf),

Dettagli

SCHEDA PSL GAC NORD SARDEGNA

SCHEDA PSL GAC NORD SARDEGNA SCHEDA DESCRITTIVA DELL AZIONE GAC Gruppo di Azione Costiera GAC Nord Sardegna PSL Pesca e sviluppo sostenibile nel Nord Sardegna CUP H86D13000190007 Numero Azione (riferimento PSL) 4.3.2 Titolo Azione

Dettagli

2. ASPETTI DEMOGRAFICI e SOCIO-ECONOMICI. 2.1. Inquadramento. 2.2. Fonte dei dati ed informazioni disponibili. 2.3. Indicatori selezionati

2. ASPETTI DEMOGRAFICI e SOCIO-ECONOMICI. 2.1. Inquadramento. 2.2. Fonte dei dati ed informazioni disponibili. 2.3. Indicatori selezionati 2. ASPETTI DEMOGRAFICI e SOCIO-ECONOMICI 2.1. Inquadramento L inquadramento socio - economico del territorio oggetto di analisi permette di cogliere alcuni suoi aspetti fondamentali. Anche se non direttamente

Dettagli

Il territorio, l economia, le imprese

Il territorio, l economia, le imprese Il territorio, l economia, le imprese Il territorio e la popolazione La Puglia è suddivisa dal punto di vista amministrativo in cinque province e 258 comuni, distribuiti su un territorio di oltre 300.000

Dettagli

100% del totale della spesa ammessa. Max. 150.000,00 per singolo progetto. Il contributo può essere liquidato secondo le seguenti modalità:

100% del totale della spesa ammessa. Max. 150.000,00 per singolo progetto. Il contributo può essere liquidato secondo le seguenti modalità: REGIONE SICILIA ASSESSORATO DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI ****************************************************** Programma operativo FEP 2007/2013 DECRETO 01 del 27 gennaio 2010. Bando relativo ai

Dettagli

SOTTOMISURA 9.1. Costituzione di associazioni e organizzazioni di produttori nei settori agricolo e forestale.

SOTTOMISURA 9.1. Costituzione di associazioni e organizzazioni di produttori nei settori agricolo e forestale. SOTTOMISURA 9.1 Costituzione di associazioni e organizzazioni di produttori nei settori agricolo e forestale. La Sottomisura intende favorire la costituzione di Associazioni e Organizzazioni di Produttori

Dettagli

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA 2015 Cooperazione agroalimentare La cooperativa è un associazione autonoma di persone unite volontariamente per soddisfare le loro aspirazioni e bisogni economici,

Dettagli

MISURA 112. 1. Titolo della Misura Insediamento di giovani agricoltori

MISURA 112. 1. Titolo della Misura Insediamento di giovani agricoltori MISURA 112 1. Titolo della Misura Insediamento di giovani agricoltori 2. Articoli di riferimento Titolo IV, Capo I, sezione 1, Articolo 20 lettera a) punto ii e sottosezione 1, Articolo 22 del Regolamento

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali D.M. 58/2014 Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE, DELLA QUALITA AGROALIMENTARE, IPPICHE E DELLA PESCA DIREZIONE GENERALE DELLA PESCA MARITTIMA

Dettagli

Tab. B Caratteristiche tecniche e composizione % della flotta peschereccia per sistemi di pesca, Puglia, 2010

Tab. B Caratteristiche tecniche e composizione % della flotta peschereccia per sistemi di pesca, Puglia, 2010 Tab. B.6.1 - Caratteristiche tecniche e composizione % della flotta peschereccia per sistemi di pesca, Puglia, 2010 Unità Tonnellaggio Potenza Equipaggio num. % GT % kw % N % Strascico 595 35,2 15.512

Dettagli

MISURA 311. 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento

MISURA 311. 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento 1. Titolo della misura Diversificazione in attività non agricole. 2. Articoli di riferimento MISURA 311 Titolo IV, Capo 1, sezione 3, Articolo 52 lettera a) punto i e sottosezione 1, Articolo 53 del Regolamento

Dettagli

Il sistema economico locale: industria e terziario

Il sistema economico locale: industria e terziario Capitolo 6 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 6 Il sistema economico locale: industria e terziario In questo capitolo sono presentati gli indicatori

Dettagli

Note brevi. Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1. L economia reale attraverso il contributo dei giovani

Note brevi. Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1. L economia reale attraverso il contributo dei giovani Note Brevi vi danno appuntamento alla seconda metà di Gennaio 2014 Note brevi n 14 / Dicembre 2013 www.cslegacoop.coop centrostudi@legacoop.coop Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1 L economia reale

Dettagli

Europa, sostegno ed. ecomusei. Interessa? Partecipazione e reti. Con chi? In che ambiti? Con chi? Punti critici

Europa, sostegno ed. ecomusei. Interessa? Partecipazione e reti. Con chi? In che ambiti? Con chi? Punti critici Europa, sostegno ed Partecipazione e reti ecomusei Interessa? Cagliero, Maggi, Retilunghe. Gli ecomusei e l integrazione europea In che ambiti? Con chi? Cagliero, Maggi, Retilunghe. Gli ecomusei e l integrazione

Dettagli

5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori

5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori 5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (ii) e 22 del Reg. (CE) N 1698/2005. Art. 13 e punto 5.3.1.1.2. dell allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

TRA. La Regione Sardegna, in persona del rappresentante legale pro tempore.

TRA. La Regione Sardegna, in persona del rappresentante legale pro tempore. SCHEMA DI CONVENZIONE - TIPO PER FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DEGLI IMPRENDITORI DEL SETTORE AGRICOLO E DELLA PESCA VOLTO AD AGEVOLARE LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI PREVISTI DAL PSR REGIONE SARDEGNA

Dettagli

STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO

STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO Art. 1 Denominazione E costituita, anche ai sensi dell art. 13 della L.R. 7/98, una associazione, senza scopo di lucro, denominata

Dettagli

ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- PREMESSO:

ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- PREMESSO: ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- RITORIALE DEL SISTEMA AMBIENTALE E CULTURALE DI [INSERIRE DENOMINAZIONE SAC] PREMESSO: che il Programma Operativo (PO)

Dettagli

REGIONE PUGLIA UNIONE EUROPEA

REGIONE PUGLIA UNIONE EUROPEA Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 29 del 24-02-2011 6329 ALLEGATO A REGIONE PUGLIA UNIONE EUROPEA Unione Europea Repubblica Italiana Regione Puglia MINISTERO PER LE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI

Dettagli

GAL CONSORZIO SVILUPPO LUNIGIANA LEADER

GAL CONSORZIO SVILUPPO LUNIGIANA LEADER CODICE MISURA: 133 TITOLO: Sostegno alle associazioni di produttori per attività di informazioni e promozione riguardo ai prodotti che rientrano nei sistemi di qualità alimentari CONTRIBUTO: 200.000,00

Dettagli

Misura 4.1 Sviluppo sostenibile delle zone di pesca

Misura 4.1 Sviluppo sostenibile delle zone di pesca Misura 4.1 Sviluppo sostenibile delle zone di pesca Allegato C Regione Siciliana Assessorato Regionale delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento degli interventi per la pesca ASSE IV SVILUPPO SOSTENIBILE

Dettagli

Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013

Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013 Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013 INTEGRAZIONI AL PIANO DEGLI INTERVENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLE POLITICHE DELL ISTRUZIONE, DELLA FORMAZIONE E DEL LAVORO INDICAZIONI

Dettagli

Piano nazionale di edilizia abitativa

Piano nazionale di edilizia abitativa ALLEGATO Piano nazionale di edilizia abitativa Art. 1 (Linee d intervento) 1. Il piano è articolato in sei linee di intervento, di seguito indicate: a) costituzione di un sistema integrato nazionale e

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Premessa L Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia considera la formazione e l aggiornamento

Dettagli

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza 5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza Riferimenti normativi Articolo 20 lettera a) punto iv) ed articolo 24 Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 15 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane LEGGE REGIONALE 16 dicembre 1996, N. 34 Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane (BURL n. 51, 1º suppl. ord. del 19 Dicembre 1996 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1996-12-16;34

Dettagli

M A N S I O N A R I O

M A N S I O N A R I O MA0 / Redazione e Verifica Direzione Generale Rev. del 05/08/20 Natura della modifica Approvazione Presidente Copia Controllata Copia Non Controllata Prima emissione Approvazione: Prima emissione : CDA

Dettagli

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011)

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011) Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO (Anno 2011) INDICE: Art. 1 Costituzione, natura e sede Art. 2 Competenze e funzioni Art. 3 Rapporti

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO:

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: che le strategie della Regione Puglia nel campo della cultura, dell ambiente e del

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA di PARMA ANNUALITA 2015

LINEE GUIDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA di PARMA ANNUALITA 2015 LINEE GUIDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA di PARMA ANNUALITA 2015 ART. 1 - FINALITA E DESTINATARI La Camera di commercio di

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA

UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA Regione Puglia FEASR 2007 -- 2013 Programma di Sviluppo Rurale 22 00 00 77 -- 22 00 11 33 M aa rr zz oo 22 00 11 00 MISURA 114 1. Titolo della Misura Utilizzo

Dettagli

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue.

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue. OGGETTO: Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2014-2020. Apertura dei termini di presentazione delle domande di aiuto per i tipi d intervento 1.1.1, 3.1.1, 3.2.1, 4.1.1, 4.2.1, 5.2.1, 6.1.1 e 6.4.1

Dettagli

MISURA 112 - INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI

MISURA 112 - INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI MISURA 112 - INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI Riferimento normativo Articolo 22 del regolamento (CE) n. 1698/2005 RAGIONI DELL INTERVENTO La misura punta a incentivare il primo insediamento di giovani

Dettagli

BANDO PER IL SOSTEGNO DEI PROGETTI SOCIALI PROPOSTI DALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

BANDO PER IL SOSTEGNO DEI PROGETTI SOCIALI PROPOSTI DALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO Pagina 1 di 6 BANDO PER IL SOSTEGNO DEI PROGETTI SOCIALI PROPOSTI DALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO Premessa Il Centro di Servizio al volontariato CESAVO emana il presente bando finalizzato al sostegno

Dettagli

La rete dei Gac Pugliesi

La rete dei Gac Pugliesi La rete dei Gac Pugliesi I Gruppi di Azione Costiera (GAC) nascono per l attuazione del cosiddetto Piano di Sviluppo Costiero (PSC), ovvero quell insieme di azioni, programmi e progetti finalizzati allo

Dettagli

5.3.3.1.1 MISURA 311 Diversificazione verso attività non agricole

5.3.3.1.1 MISURA 311 Diversificazione verso attività non agricole 5.3.3.1 MISURE INTESE A DIVERSIFICARE L ECONOMIA RURALE 5.3.3.1.1 MISURA 311 Diversificazione verso attività non agricole Riferimenti normativi Articolo 53 del Regolamento CE n.1698/05. Articolo 35 del

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il D.P.R. 2 ottobre 1968, n. 1639, recante il Regolamento per l'esecuzione della legge 14 luglio 1965, n. 963, concernente la disciplina della pesca marittima ; VISTO il Decreto del Ministero delle

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO 1 REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Partenariato del Programma Operativo FESR Basilicata 2014-2020 (art. 5 Regolamento UE n. 1303/2/13; Regolamento Delegato (UE) n. 240/2014; D.G.R. n. 906 del 21 luglio 2014)

Dettagli

PROTOCOLLO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE AGLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA DELLE ZONE DI RIPOPOLAMENTO E CATTURA DELLA PROVINCIA DI FIRENZE

PROTOCOLLO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE AGLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA DELLE ZONE DI RIPOPOLAMENTO E CATTURA DELLA PROVINCIA DI FIRENZE Allegato A alla Deliberazione della Giunta Provinciale n. 513 del 19.12.2002 PROTOCOLLO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE AGLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA DELLE ZONE DI RIPOPOLAMENTO E CATTURA DELLA PROVINCIA

Dettagli

SOTTOMISURA 3.2. Sostegno per attività di informazione e promozione, svolte da associazioni di produttori nel mercato interno.

SOTTOMISURA 3.2. Sostegno per attività di informazione e promozione, svolte da associazioni di produttori nel mercato interno. SOTTOMISURA 3.2 Sostegno per attività di informazione e promozione, svolte da associazioni di produttori nel mercato interno. La Sottomisura concede un sostegno, a copertura dei costi derivanti da attività

Dettagli

Modalità Attuative Fondo Prestiti Rimborsabili

Modalità Attuative Fondo Prestiti Rimborsabili OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO 2007-2013 REGIONE LIGURIA Parte Competitività COFINANZIATO DAL F.E.S.R. - FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE ASSE 1 INNOVAZIONE E COMPETITIVITA

Dettagli

Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014

Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014 Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA, DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA MEDITERRANEA - DIPARTIMENTO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA

Dettagli

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Piano Nazionale di edilizia abitativa Visto il decreto legge 25 giugno 2008, n 112 convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n 133, recante

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2113 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI VANNUCCI, BERSANI Agevolazioni per l arredo della prima casa di abitazione e dell ufficio,

Dettagli

L.R. 11/2014, art. 40 B.U.R. 14/10/2015, n. 41 L.R. 80/1982, art. 5, comma primo. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 2 ottobre 2015, n. 0205/Pres.

L.R. 11/2014, art. 40 B.U.R. 14/10/2015, n. 41 L.R. 80/1982, art. 5, comma primo. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 2 ottobre 2015, n. 0205/Pres. L.R. 11/2014, art. 40 B.U.R. 14/10/2015, n. 41 L.R. 80/1982, art. 5, comma primo DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 2 ottobre 2015, n. 0205/Pres. Regolamento recante criteri e modalità applicabili nella

Dettagli

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE DELLA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio LA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE La Fondazione

Dettagli

REGOLAMENTO. (Presentato all Assemblea del 30/04/2013)

REGOLAMENTO. (Presentato all Assemblea del 30/04/2013) REGOLAMENTO (Presentato all Assemblea del 30/04/2013) Articolo 1 Funzionamento del Fondo 1. Il presente Regolamento disciplina il funzionamento: degli organi del Fondo paritetico interprofessionale nazionale

Dettagli

Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia. Sintesi Rapporto finale

Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia. Sintesi Rapporto finale Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia Sintesi Rapporto finale Dicembre 2010 EXECUTIVE SUMMARY Il dodicesimo rapporto della Conferenza degli Enti per il Servizio Civile si compone di due approfondimenti:

Dettagli

Presentazione intermediazione finanziaria finanziamenti partecipazioni sostegno di nuovi investimenti e/o di progetti di sviluppo supporto al Mipaaf

Presentazione intermediazione finanziaria finanziamenti partecipazioni sostegno di nuovi investimenti e/o di progetti di sviluppo supporto al Mipaaf Reggio Emilia, 13 febbraio 2014 Presentazione è una società di intermediazione finanziaria, partecipata al 100% dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf), iscritta agli artt.

Dettagli

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO Fondo Crescita: bandi per progetti di R&S nei settori ICT e Industria Sostenibile Il Ministero dello Sviluppo Economico, con decreto del 15 ottobre 2014, pubblicato nella

Dettagli

ALLEGATO 8) Si riportano di seguito le regole comunitarie che disciplinano l ammissibilità agli aiuti di Stato da parte delle imprese.

ALLEGATO 8) Si riportano di seguito le regole comunitarie che disciplinano l ammissibilità agli aiuti di Stato da parte delle imprese. ALLEGATO 8) Si riportano di seguito le regole comunitarie che disciplinano l ammissibilità agli aiuti di Stato da parte delle imprese. Articoli 38 e 39 del Regolamento generale di esenzione per gli aiuti

Dettagli

Progetto Corto Circuito dei contadini

Progetto Corto Circuito dei contadini AGGIUNGI VALORE AL TUO TERRITORIO FONDO EUROPEO AGRICOLO PER LO SVILUPPO RURALE: L EUROPA INVESTE NELLE ZONE RURALI REPUBBLICA ITALIANA REGIONE PUGLIA La ruralità locale tra innovazione e sviluppo Progetto

Dettagli

Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE

Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE 1. PREMESSA Manital, con la collaborazione della Compagnia di San Paolo ha istituito il Fondo Risorsa Canavese, con

Dettagli

Istituto Statale d Istruzione Superiore Miraglia LAURIA - dsga D. Di Lascio

Istituto Statale d Istruzione Superiore Miraglia LAURIA - dsga D. Di Lascio - dsga D. Di Lascio Promemoria per il personale amministrativo assegnato ai progetti P.O.N. 2000/2006 A cura del Direttore Servizi Generali e Amministrativi DI LASCIO Domenico Ogni progetto dovrà essere

Dettagli

DIRETTIVE DI ATTUAZIONE. Art. 1 Costituzione e finalità del fondo

DIRETTIVE DI ATTUAZIONE. Art. 1 Costituzione e finalità del fondo Allegato alla Delib.G.R. n. 46/14 del 22.9.2015 FONDO DI CAPITALE DI RISCHIO (VENTURE CAPITAL) PER INVESTIMENTI IN EQUITY PER LA CREAZIONE E LO SVILUPPO DI IMPRESE INNOVATIVE Legge regionale 29 maggio

Dettagli

CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI

CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI Un decennio di profonde trasformazioni: l agricoltura Campana ha affrontato un periodo di grandi cambiamenti nello scenario socio-economico

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA L'anno duemilasette, addì 6 del mese di luglio TRA la Regione Puglia, di seguito indicata come Regione, con sede in Bari, Via Caduti di Tutte le Guerre 15 (C.F. ), rappresentata dagli

Dettagli

ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA

ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA I. Le principali sfide da affrontare con il CLLD Il Community-led local development (CLLD) è uno strumento normato dai regolamenti

Dettagli

SETTORE TURISMO, CULTURA, POLITICHE SOCIALI E GIOVANILI. Servizio Amministrativo. D. Lgs. 33/2013 Art. 35 - Schema di procedure amministrative

SETTORE TURISMO, CULTURA, POLITICHE SOCIALI E GIOVANILI. Servizio Amministrativo. D. Lgs. 33/2013 Art. 35 - Schema di procedure amministrative SETTORE TURISMO, CULTURA, POLITICHE SOCIALI E GIOVANILI Servizio Amministrativo D. Lgs. 33/2013 Art. 35 - Schema di procedure amministrative per l ammissione ai contributi di cui alla L.R. 7/2003 Oggetto

Dettagli

Originale DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA

Originale DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA CITTÀ DI GIUGLIANO IN CAMPANIA Provincia di Napoli Originale DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA N. 50. Data 03/04/2014 OGGETTO: AVVISO PUBBLICO PER INTERVENTI FINALIZZATI ALLA PREDISPOSIZIONE,

Dettagli

Umbria Innovazione. Programma di animazione per lo sviluppo di progetti. aziendali di innovazione nelle PMI umbre annualità 2013

Umbria Innovazione. Programma di animazione per lo sviluppo di progetti. aziendali di innovazione nelle PMI umbre annualità 2013 Umbria Innovazione Programma di animazione per lo sviluppo di progetti aziendali di innovazione nelle PMI umbre annualità 2013 Progetti di innovazione rivolti a cluster di imprese ------- AVVISO Nell ambito

Dettagli

REGIONE CAMPANIA CONTRATTO DI PROGRAMMA REGIONALE

REGIONE CAMPANIA CONTRATTO DI PROGRAMMA REGIONALE REGIONE CAMPANIA CONTRATTO DI PROGRAMMA REGIONALE FONTI LEGISLATIVE 1. Decreto Legislativo 31 marzo 1998, n. 123: "Disposizioni per la razionalizzazione degli interventi di sostegno pubblico alle imprese,

Dettagli

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE Le linee guida di seguito illustrate rappresentano un primo risultato dell

Dettagli

BANDO PER IL SOSTEGNO DELLA PICCOLA IMPRENDITORIA INNOVATIVA

BANDO PER IL SOSTEGNO DELLA PICCOLA IMPRENDITORIA INNOVATIVA BANDO PER IL SOSTEGNO DELLA PICCOLA IMPRENDITORIA INNOVATIVA PREMESSE MagVenezia e Consorzio Finanza Solidale realizzano da 20 anni sul territorio del veneziano un attività finanziaria a sostegno dello

Dettagli

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione 5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) N 1698/2005. Punto 5.3.1.1.1. dell allegato II

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Agricole e Valorizzazione dei Prodotti Locali;

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Agricole e Valorizzazione dei Prodotti Locali; DGR N. 184 DEL 6 MAGGIO 2011 OGGETTO: Reg. CE 1698/2005. Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007/2013 del Lazio. Misure 211, 212 e 214 - Disposizioni per il finanziamento delle domande di aiuto/pagamento

Dettagli

Giunta Regionale della Campania. Decreto

Giunta Regionale della Campania. Decreto Decreto Area Generale di Coordinamento: A.G.C. 11 Sviluppo Attività Settore Primario N 11 Del A.G.C. Settore Servizio 12/03/2013 11 0 0 Oggetto: PSR Campania 2007/2013 - Progetti Integrati Rurali per le

Dettagli

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing 1 Premessa Nel processo di armonizzazione dell Ingegneria Europea, il Consiglio Nazionale degli Ingegneri,

Dettagli

Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale - L EUROPA INVESTE NELLE ZONE RURALI PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007 2013 ASSE 4 LEADER

Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale - L EUROPA INVESTE NELLE ZONE RURALI PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007 2013 ASSE 4 LEADER FEASR Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale - L EUROPA INVESTE NELLE ZONE RURALI SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvato dal CDA del GAL della Pianura Veronese con delibera 42 del 05.07.2013 PROGRAMMA

Dettagli

DocUP ABRUZZO 2000-2006

DocUP ABRUZZO 2000-2006 DocUP ABRUZZO 2000-2006 SCHEDA DELLA MISURA 2.3. RICERCA E SVILUPPO, INNOVAZIONE E TRASFERIMENTO TECNOLOGICO I. IDENTIFICAZIONE DELLA MISURA I.1. Asse Asse II Competitività del sistema imprese I.2. Titolo

Dettagli

La dotazione finanziaria prevista dal Fondo PMI Misura Intervento straordinario per la competitività è pari a 120.000.000 di Euro.

La dotazione finanziaria prevista dal Fondo PMI Misura Intervento straordinario per la competitività è pari a 120.000.000 di Euro. AVVISO per la selezione di progetti da ammettere al finanziamento del Fondo Regionale per lo sviluppo delle PMI campane misura Intervento straordinario per la competitività Sul BURC del 2 novembre 2015

Dettagli

Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale - L EUROPA INVESTE NELLE ZONE RURALI PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007 2013 ASSE 4 LEADER

Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale - L EUROPA INVESTE NELLE ZONE RURALI PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007 2013 ASSE 4 LEADER FEASR Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale - L EUROPA INVESTE NELLE ZONE RURALI SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvato dal CDA del GAL della Pianura Veronese con delibera n. 5 del 0.08.03 PROGRAMMA

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 15 - Martedì 10 aprile 2012

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 15 - Martedì 10 aprile 2012 7 D.g.r. 4 aprile 2012 - n. IX/3225 Determinazioni in merito al settore produttivo della moda con particolare riferimento all imprenditoria giovanile e femminile. Istituzione linea di azione Start up moda

Dettagli

Aiuti all'avviamento di imprese per i giovani agricoltori

Aiuti all'avviamento di imprese per i giovani agricoltori BOZZA DIRETTIVE REGIONALI PER L ATTUAZIONE DELLA SOTTOMISURA 6.1 Aiuti all'avviamento di imprese per i giovani agricoltori PORTATA FINANZIARIA Le risorse disponibili per il presente bando ammontano a 20.000.000,00.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NASTRI. Disciplina degli itinerari turistici denominati «percorsi delle castagne»

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NASTRI. Disciplina degli itinerari turistici denominati «percorsi delle castagne» Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4645 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NASTRI Disciplina degli itinerari turistici denominati «percorsi delle castagne» Presentata

Dettagli

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico L analisi che il CRESME ha condotto, sulla base dell incarico ricevuto da ANCE COMO, con il contributo dalla CAMERA DI COMMERCIO DI COMO e sostenuto da Ordine degli Architetti, Ordine degli Ingegneri di

Dettagli

Allegato al Decreto dell Assessore dell Agricoltura e Riforma Agro-pastorale n. 1624/DecA/43 del 10.11.2014

Allegato al Decreto dell Assessore dell Agricoltura e Riforma Agro-pastorale n. 1624/DecA/43 del 10.11.2014 Allegato al Decreto dell Assessore dell Agricoltura e Riforma Agro-pastorale n. 1624/DecA/43 del 10.11.2014 Direttive per l azione amministrativa e la gestione della Misura 2.3 dell Asse II del Fondo Europeo

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

A relazione del Presidente Cota: Premesso che:

A relazione del Presidente Cota: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU11 13/03/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 10 febbraio 2014, n. 4-7082 Programma operativo regionale 2007/2013 finanziato dal F.E.S.R. a titolo dell'obiettivo "Competitivita'

Dettagli

L.R. 4/2001, art. 7 B.U.R n. 3/10/2001, n. 40. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 26 luglio 2001, n. 0281/Pres.

L.R. 4/2001, art. 7 B.U.R n. 3/10/2001, n. 40. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 26 luglio 2001, n. 0281/Pres. L.R. 4/2001, art. 7 B.U.R n. 3/10/2001, n. 40 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 26 luglio 2001, n. 0281/Pres. Regolamento per l attuazione dei prestiti partecipativi a favore delle imprese commerciali,

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 Attività di preparazione Ottobre 2010: La Commissione licenzia il Documento Europa 2020: per una crescita intelligente,

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il Reg. CE n. 834/2007 del Consiglio del 28 giugno 2007, pubblicato nella GUCE 20 luglio 2007, che detta gli obiettivi ed i principi della produzione biologica nonché le norme di produzione, di etichettatura

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 2 3 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

Problematiche di approvvigionamento e commercializzazione delle aziende di prima trasformazione del comparto oleario

Problematiche di approvvigionamento e commercializzazione delle aziende di prima trasformazione del comparto oleario Panel agroalimentare Indagini monografiche Panel Agroalimentare Ismea Problematiche di approvvigionamento e commercializzazione delle aziende di prima trasformazione del comparto oleario Novembre 2006

Dettagli

Art. 1 (Finalità e ambito di applicazione)

Art. 1 (Finalità e ambito di applicazione) REGOLAMENTO di ESECUZIONE dell articolo 8, comma 72, della legge regionale 18 gennaio 2006, n. 2, (legge finanziaria 2006), riguardante i criteri e le modalità di presentazione delle domande, di erogazione

Dettagli

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto.

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto. BANDO I PARCHI E LE AREE MARINE PROTETTE: UN PATRIMONIO UNICO DELL ITALIA Il contesto Il sistema delle Aree Naturali Protette in Italia (disciplinato dalla legge 394 del 6 dicembre 1991) rappresenta una

Dettagli

Dal FEP al FEAMP: quale transizione

Dal FEP al FEAMP: quale transizione L attuazione della Politica Europea per la Pesca: Dal FEP al FEAMP Bologna, 08 ottobre 2014 Regione Emilia Romagna FEP: Misura 5.1 Assistenza tecnica Dal FEP al FEAMP: quale transizione Giulio Malorgio

Dettagli

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015).

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). L agricoltura biologica nel mondo ha registrato negli ultimi venti anni un trend

Dettagli

Gruppo Azione Locale GAL GRAN SASSO-VELINO

Gruppo Azione Locale GAL GRAN SASSO-VELINO Gruppo Azione Locale GAL GRAN SASSO-VELINO PSR ABRUZZO 2007-2013 ASSE IV LEADER AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE O DI PRESTAZIONI PROFESSIONALI PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

DIRITTO DEL TURISMO LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA

DIRITTO DEL TURISMO LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA 1 LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA 2 I PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI L.R. n. 28/78 Interventi della Regione per la promozione del turismo pugliese L.R. n. 12/89 Incentivazione regionale

Dettagli

8.2.1.2 Descrizione della Misura, inclusa la logica di intervento ed il contributo alle FA ed agli obiettivi trasversali

8.2.1.2 Descrizione della Misura, inclusa la logica di intervento ed il contributo alle FA ed agli obiettivi trasversali 8.2 Descrizione della Misura 8.2.1 Codice e titolo della Misura Regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari. Cod. Misura 3. 8.2.1.1 Basi giuridiche Base giuridica della Misura 3 è l Art. 16 del

Dettagli

BANDO IMPRENDITORIA INNOVATIVA 2014

BANDO IMPRENDITORIA INNOVATIVA 2014 BANDO IMPRENDITORIA INNOVATIVA 2014 PREMESSE MagVenezia e Consorzio Finanza Solidale realizzano da oltre 20 anni sul territorio del veneziano un attività finanziaria a sostegno dello sviluppo dell imprenditoria

Dettagli

100 milioni di euro per i nuovi bandi

100 milioni di euro per i nuovi bandi Seminario - Lamezia Terme - venerdì 28 gennaio 2011 100 milioni di euro per i nuovi bandi Misure 1.2.1 e 1.2.3 Miglioramento della competitività del settore agricolo e forestale BANDI 121-123 ISTRUZIONI

Dettagli