PORTFOLIO 7 BUONE PRATICHE PER LA RIDUZIONE, IL RICICLO E IL RIUTILIZZO DEI RIFIUTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PORTFOLIO 7 BUONE PRATICHE PER LA RIDUZIONE, IL RICICLO E IL RIUTILIZZO DEI RIFIUTI"

Transcript

1 LIFE10 ENV/IT/ PORTFOLIO 7 BUONE PRATICHE PER LA RIDUZIONE, IL RICICLO E IL RIUTILIZZO DEI RIFIUTI

2 Buone pratiche di gestione sostenibile dei rifiuti: l esperienza di Sustainable Cruise Sustainable Cruise è un progetto pilota dedicato alla gestione dei rifiuti a bordo delle navi da crociera. E stato co-finanziato dalla Commissione europea attraverso LIFE+, il programma di sostegno alle azioni in ambito ambientale (50% di finanziamento su un totale di 2,7 milioni di euro). L obiettivo del progetto era quello di sperimentare, nell ambito di una nave pilota, Costa Pacifica, modelli di gestione e tecnologie innovative che rispondessero agli obiettivi stabiliti dalla Direttiva europea sui rifiuti, che possono essere riassunti nelle cosiddette 3R: Riduzione, Recupero, Riciclo. Il punto di partenza delle azioni realizzate da Sustainable Cruise è la consapevolezza che i rifiuti sono una risorsa che, se opportunamente valorizzati, portano vantaggi importanti dal punto di vista ambientale, economico e sociale. Al fine di ottenere risultati il più possibile efficaci e concreti l attività di Sustainable Cruise si è concentrata su tre specifiche tipologie di rifiuti: residui biodegradabili, imballaggi e carta. La scelta di concentrare l attività su tre categorie di rifiuti tra le più diffuse e quella di sperimentare azioni di riduzione, recupero e riciclo nell ambito di un sistema chiuso come quello vigente a bordo di Costa Pacifica hanno reso alcune delle azioni intraprese nell ambito di Sustainable Cruise un esempio di buona pratica, cioè un azione, esportabile in altre realtà, che permette ad un Comune, ad una comunità o ad una qualsiasi amministrazione locale, di muoversi verso forme di gestione sostenibile a livello locale (Fonte: Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca ambientale). Costa Pacifica, infatti, per numero di passeggeri e volume di rifiuti prodotti (è in grado di ospitare fino a passeggeri e componenti dell equipaggio) può essere assimilata, per esempio, ad un piccolo Comune oppure ad un villaggio turistico di grandi dimensioni o ad un hotel o catena di hotel. Lo scopo di questo documento è dunque quello di descrivere quelle azioni sperimentate nell ambito di Sustainable Cruise che possono essere esportate in ambiti affini ottenendo i medesimi risultati. Si tratta di azioni che consentono concretamente di ridurre la quantità di rifiuti prodotti e offrono importanti possibilità di recupero e riutilizzo degli stessi, in linea con le più recenti indicazioni dell Unione europee sul tema, fondate sul modello dell economia circolare, basata su una società che ricicla allo scopo di ridurre la produzione di rifiuti e utilizzarli come risorsa. I partner di Sustainable Cruise

3 Life Cycle Assessment: l analisi del ciclo di vita dei prodotti per operare scelte sostenibili Alla base delle scelte realizzate nell ambito di Sustainable Cruise c è l elaborazione LCA (Life Cycle Assessment). Il Life Cycle Assessment è uno strumento di gestione ambientale per valutare gli effetti di un sistema di produzione sull ambiente. In particolare è un procedimento oggettivo di valutazione dei carichi energetici ed ambientali relativi ad un processo o un attività, effettuato attraverso l identificazione dell energia e dei materiali usati e dei rifiuti rilasciati nell ambiente. La valutazione include l intero ciclo di vita del processo o attività, comprendendo l estrazione ed il trasporto delle materie prime, la fabbricazione, il trasporto, la distribuzione, l uso, il riuso, il riciclo e lo smaltimento finale (Fonte: Society of Enviromental Toxicology and Chemistry, 1993). Nell ambito di Sustainable Cruise la metodologia LCA è stata applicata ai flussi di imballaggi, rifiuti bio e carta presenti a bordo con lo scopo di trovare soluzioni utili a ridurne l impatto sull ambiente. L analisi LCA ha consentito ai partner di progetto di studiare azioni efficaci e replicabili, alcune delle quali sono state poi sperimentate a bordo e hanno prodotti risultati importanti. Per esempio, nell ambito delle azioni relative alla carta sono stati valutati diversi scenari, tra cui la digitalizzazione del Today, uno degli strumenti di comunicazione più diffusi a bordo, la riduzione del consumo di asciugamani di carta e carta igienica, attraverso l installazione di distributori a singola estrazione, e la riduzione della carta utilizzata presso gli uffici attraverso la definizione di Linee guida dedicate al personale Costa Crociere. Si è così scoperto che l aggiunta a bordo di totem digitali presso cui consultare le informazioni non avrebbe inciso particolarmente sull impatto ambientale, mentre l utilizzo di asciugamani o carta igienica auto-cut avrebbe consentito un risparmio di circa 58 kg di CO 2 equivalente per ogni giorno di crociera. Lo stesso tipo di approccio è stato utilizzato per il packaging e per i rifiuti bio. In questo ultimo caso è stato paragonato lo scenario di riferimento dello smaltimento in discarica a due ipotesi: l utilizzo del prodotto derivante dal trattamento a bordo dei rifiuti bio tramite il turboessicatore VOMM, installato su Costa Pacifica, per la produzione di cibo per animali domestici e la produzione di rifiuto-combustibile derivato. Non tutte le soluzioni proposte sono state poi realizzate, per motivi logistici ed economici, ma le indicazioni fornite hanno permesso di orientare l attività e ottenere risultati misurabili.

4 DAL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI BIO UNA NUOVA RISORSA CON UN SUO MERCATO Uno dei principali ambiti di intervento del progetto Sustainable Cruise ha riguardato il trattamento e la valorizzazione dei rifiuti biodegradabili. La legislazione internazionale sul tema permette alle navi da crociera di triturare i resti di cibo prodotti a bordo e successivamente gettarli in mare. Se da un lato questa pratica rende nullo l impatto dei rifiuti bio sulla sostenibilità della nave dall altro non promuove la valorizzazione di una tipologia di rifiuti che, invece, offre interessanti possibilità di riutilizzo. I partner di Sustainable Cruise hanno quindi deciso di sperimentare a bordo di Costa Pacifica un sistema innovativo di trattamento e valorizzazione in grado di trasformare i rifiuti bio in una nuova risorsa potenzialmente commercializzabile. Dopo una serie di campionamenti e analisi sui residui provenienti dalle cucine che ne hanno certificato le qualità proteiche e nutritive è stato montato a bordo della nave pilota un prototipo di turboessicatore, preventivamente testato in laboratorio, che, attraverso un processo di cottura ed essicazione, trasforma i residui bio senza alterarne le caratteristiche, in un potenziale prodotto finito. Tra i possibili utilizzi di questo prodotto l impiego nella produzione di fertilizzanti, di cibo per animali domestici o come materiale da combustione. La possibilità di trattare i residui bio e utilizzarli per successive lavorazioni apre scenari interessanti dal punto di vista ambientale ma anche economico. Il mercato del pet food, per esempio, valeva a livello globale circa 58 miliardi di dollari nel 2011 e dovrebbe raggiungere il valore di circa 74 miliardi di dollari nel 2017, crescendo del 4,2% l anno. L Europa copre in questo settore una quota di mercato globale pari al 30,8%. In ambiti diversi rispetto alla nave - un contesto unico, limitato sotto il punto di vista degli spazi (il turboessicatore a bordo è in grado di trattare circa 17 m 3 di rifiuti bio al giorno) - questa modalità di trattamento e valorizzazione può essere ulteriormente implementata.

5 DAGLI SCARTI DEL TRATTAMENTO DEI RESIDUI BIO UN BIOCOMBUSTIBILE Nel corso del progetto i partner che hanno effettuato le analisi di laboratorio sui rifiuti biodegradabili hanno deciso di approfondire lo studio estendendolo anche alle acque reflue derivanti dal processo di trattamento dei rifiuti bio, di cui rappresentano un sottoprodotto. L analisi di queste acque è stata realizzata attraverso una particolare tecnologia: un processo di separazione assistita termo-meccanica (DIC - Istantaneous Controlled Decompression) che consente una rimozione rapida di olio e grassi. Una prima fase di test ha rivelato la presenza di un 2-3% di olio grasso in questo flusso. Un secondo turno di prove, realizzate prima e dopo il processo di disidratazione dei residui biodegradabili, ha evidenziato invece la presenza di una percentuale di olio pari all 1.9%. Si tratta di un olio vegetale idrotrattato (HVO) composto da grasso animale e olio vegetale, riconosciuto dall Agenzia internazionale per l Energia come parte della seconda generazione di biocarburanti. Sono risultati importanti che potrebbero essere ulteriormente implementati creando un sistema integrato che comprenda una prima fase di trattamento delle acque attraverso la tecnologia DIC e una seconda fase di trattamento del residuo solido per mezzo del turboessicatore, riuscendo così a valorizzare tutte le componenti presenti nei rifiuti biodegradabili. L estrazione del biocarburante è stata testata solo in laboratorio, anche a causa delle difficoltà logistiche e organizzative che la sua sperimentazione a bordo avrebbe comportato, ma a partire da questi primi risultati è possibile prevederne un utilizzo su scala più ampia in contesti differenti. Il trattamento di circa kg di acqua proveniente dal sistema di trattamento dei rifiuti bio consentirebbe quindi di ottenere: 6,52 kg di biocarburante. 202,60 kg di solidi centrifugati privi di solventi (da immettere nel turboessicatore). 787,96 kg di acqua pulita.

6 DAL VETRO AL PET, DAL PET AI GRANULI: 2 MOSSE PER LA RIDUZIONE E IL RIUSO DEGLI IMBALLAGGI Una delle azioni più significative realizzate nell ambito di Sustainable Cruise ha riguardato gli imballaggi. L analisi LCA realizzata su questo flusso di rifiuti ha suggerito una interessante azione utile a ridurne l impatto ambientale all interno della nave: si è scoperto infatti che le sole bottiglie in vetro per acqua minerale rappresentavano il 50% del vetro presente a bordo ed avevano un impatto importante, tenuto conto del fatto che il vetro viene prodotto con un processo altamente energivoro, ovvero con un ingente consumo energetico per effetto delle alte temperature di fusione delle materie prime. Per questo è stato ritenuto più efficace in termini ambientali passare alle bottiglie in plastica PET. Si è dunque proceduto alla sostituzione di oltre bottiglie di vetro per crociera, che corrispondono a kg di vetro risparmiati (differenza media 2011/2014). Tradotto in termini di GWP (Global Warming Potential) - vale a dire in termini di contributo all effetto serra - questo passaggio ha permesso una riduzione delle emissioni di gas serra del 50% del ciclo di vita delle bottiglie, pari a circa 120 gr di CO 2 equivalente in meno al giorno per ciascun passeggero e di 342 kg di CO 2 equivalente per giorno di crociera. Inoltre, la sostituzione del vetro con il PET ha consentito un risparmio di circa il 50% sul costo di acquisto delle bottiglie di acqua. La sostituzione del vetro con il PET apre interessanti scenari futuri: sono stati realizzati alcuni test in laboratorio per trattare il PET per mezzo del turboessicatore già utilizzato per il trattamento dei residui biodegradabili al fine di produrre granuli riutilizzabili. Si tratta in questo caso di attivare un processo di rigradazione mediante una linea di trattamento anaerobico, che prevede diverse fasi: sminuzzamento del prodotto, trattamento termico in atmosfera controllata e successivo raffreddamento. Secondo i dati dell elaborazione LCA realizzata su questo flusso la rigranulazione del PET è in grado di apportare una ulteriore riduzione delle emissioni di gas serra pari al 58%, che corrisponde a 20 gr di CO 2 equivalente in meno al giorno per ciascun passeggero e di 42 kg di CO 2 equivalente per giorno di crociera. Inoltre, questo processo permetterebbe di ottenere in uscita un prodotto pronto per essere immesso in nuovi cicli di vita di materiali plastici, con ulteriori benefici sul bilancio ambientale globale e con possibili ricadute positive in termini economici.

7 GRANDE è MEGLIO DI PICCOLO - PICCOLO è MEGLIO DI GRANde Dai vasetti di yogurt ai brik in tetrapak Altra azione interessante realizzata nel campo degli imballaggi è stata la sostituzione dei vasetti di yogurt (se ne consumavano circa in un mese) con brik in tetrapak da 1 litro. Anche in questo caso l azione è stata suggerita da una precedente analisi LCA che prevedeva però la sostituzione dei vasetti con dispenser riempiti con appositi bag-in-box della capacità di 5 kg. Secondo i dati forniti la sostituzione di vasetti con bag-inbox avrebbe comportato una riduzione del 90% del Global Warming Potential per ogni vasetto di yogurt con un risparmio di 16 gr di CO 2 equivalente al giorno per passeggero e di 58 kg di CO 2 equivalente per ogni giorno di crociera. La mancanza di un prodotto sul mercato in grado di mantenere anche nel dispenser le caratteristiche dello yogurt ha portato i partner ad optare per l utilizzo dei brik in tetrapak da 1 litro. Si tratta in ogni caso di un azione che consente una diminuzione degli imballaggi alla fonte e dell impatto ambientale degli stessi. In particolare, sono stati sostituiti circa vasetti di yogurt per crociera che corrispondano a circa 33 kg di plastica (differenza media 2011/2014). Risparmiare carta riducendo i formati Anche nell ambito della terza tipologia di rifiuti oggetto di sperimentazione, la carta, sono state realizzate una serie di azioni volte a ridurre, recuperare e riciclare. In particolare è stata sperimentata a bordo di Costa Pacifica, per un periodo di 6 settimane a partire dal gennaio 2014, la riduzione dei formato del Today, il programma giornaliero delle attività che rappresenta uno dei principali strumenti di comunicazione distribuiti a bordo. Circa Today sono stati stampati in A4 invece che in A3 con un risparmio di 127 kg di carta. Si tratta di un azione importante se si pensa che ogni anno vengono utilizzati a bordo circa fogli A3 e fogli A4 (fonte Costa Crociere, dati luglio 2009 e luglio 2010). Una riduzione del 50% delle stampe per entrambi i formati consentirebbe di risparmiare circa 75 kg di CO 2 equivalente per ogni giorno di crociera. Anche la carta è stata oggetto di test di laboratorio per verificare il suo possibile trattamento per mezzo del turboessicatore creando un prodotto semilavorato igienizzato adatto al conferimento in cartiera o utilizzabile come additivo o biomassa.

8 LABORATORI CREATIVI E LINEE GUIDA PER UN USO CONSAPEVOLE DELLA CARTA Le attività di riduzione e recupero della carta previste nell ambito di Sustainable Cruise sono state affiancate da alcune attività di educazione e sensibilizzazione volte a coinvolgere attivamente gli ospiti nel raggiungimento dell obiettivo di riduzione dei materiali cartacei previsto dal progetto. Due in particolare la attività scelte: Laboratori creativi e Quiz. I primi sono veri e propri laboratori manuali dedicati ad adulti e bambini che prevedono l utilizzo della carta destinata a diventare rifiuto per produrre collage, diorami, bracciali, cornici, ecc. Si tratta di un modo divertente per riutilizzare la carta, per socializzare e l occasione di offrire agli ospiti un ricordo sostenibile della propria vacanza. Per realizzarli sono stati creati dei brevi manuali che sono stati distribuiti al personale che a bordo si occupa delle attività di intrattenimento dedicate agli ospiti. I quiz sono invece composti da 27 domande a risposta multipla sul tema della gestione dei rifiuti divise in 3 categorie (imballaggi, rifiuti bio e carta) a cui i passeggeri sono chiamati a rispondere, guidati da un animatore, misurando così il proprio grado di sostenibilità. Anche in questo caso si tratta di un metodo simpatico e alternativo per informare su riduzione, recupero e riciclo dei rifiuti a bordo e nella vita di tutti i giorni e per veicolare i messaggi di Sustainable Cruise. Queste attività hanno coinvolto dall ottobre 2013 più di passeggeri. L attività di sensibilizzazione rispetto all utilizzo della carta ha coinvolto anche gli oltre dipendenti Costa Crociere, sia a bordo che presso gli uffici a terra. In particolare, sono state elaborate nel corso del progetto le Linee guida per l uso sostenibile della carta. Al vero e proprio manuale, messo a disposizione di tutti i dipendenti attraverso la rete intranet aziendale, sono state affiancate una serie di azioni. Innanzitutto i messaggi contenuti nelle Linee guida sono stati sintetizzati in 10 regole - tra cui, per esempio, Stampa solo quando strettamente necessario, Stampa sempre fronte/retro e utilizza quando possibile le funzioni di combinazione e riduzione, Conduci paperless meeting - accessibili direttamente dal sito intranet Costa Crociere tramite un banner in home page. Alcune di queste regole sono state poi utilizzate per creare degli adesivi che sono stati affissi nei pressi di circa 200 stampanti. Gli stessi messaggi, declinati in forme diverse, sono poi stati veicolati attraverso la newsletter interna e i social network del gruppo.

9 Per informazioni Project manager: Elisabetta Pinna Secretary s office: I PARTNER DI SUSTAINABLE CRUISE

LAYMAN S REPORT LIFE10 ENV/IT/000367. www.sustainablecruise.eu

LAYMAN S REPORT LIFE10 ENV/IT/000367. www.sustainablecruise.eu LAYMAN S REPORT LIFE10 ENV/IT/000367 www.sustainablecruise.eu IL PROGETTO Riduzione, Recupero e Riciclo dei rifiuti prodotti a bordo GLI OBIETTIVI GLI IMBALLAGGI Bottiglie di vetro e di plastica, alluminio

Dettagli

Sustainable Cruise. LCA nel progetto Sustainable Cruise. CE.Si.S.P. Dott.ssa Michela Gallo. Genova, 12 dicembre 2012

Sustainable Cruise. LCA nel progetto Sustainable Cruise. CE.Si.S.P. Dott.ssa Michela Gallo. Genova, 12 dicembre 2012 Sustainable Cruise LCA nel progetto Sustainable Cruise CE.Si.S.P. Dott.ssa Michela Gallo Genova, 12 dicembre 2012 Origini e sviluppo del LCA Risalgono agli anni '60 i primi studi sull'analisi del ciclo

Dettagli

Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI

Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI Roberto Magnaghi Responsabile Area Tecnica Treviso, 25 novembre 2010 1 Chi siamo L attività di prevenzione e CONAI Il Dossier

Dettagli

Salone internazionale del Gusto e Terra Madre. Partner istituzionali

Salone internazionale del Gusto e Terra Madre. Partner istituzionali Salone internazionale del Gusto e Terra Madre Partner istituzionali L iniziativa fa parte del Calendario di Torino World Design Capital 2008 Salone Internazionale del Gusto e Terra Madre, coerentemente

Dettagli

GUIDA A UNA VITA CON MENO RIFIUTI SPAZIO PER LOGO PARTNER

GUIDA A UNA VITA CON MENO RIFIUTI SPAZIO PER LOGO PARTNER GUIDA A UNA VITA CON MENO RIFIUTI SPAZIO PER LOGO PARTNER IL PROGETTO ZEROWASTE PRO IL TEMA DEI RIFIUTI Il tema dei rifiuti riguarda tutti noi. Stiamo producendo una sempre maggiore Per ulteriori informazioni

Dettagli

Obiettivo Prevenzione L ecosostenibilità degli imballaggi nel settore alimentare

Obiettivo Prevenzione L ecosostenibilità degli imballaggi nel settore alimentare Obiettivo Prevenzione L ecosostenibilità degli imballaggi nel settore alimentare Simona Fontana Responsabile Centro Studi Area Prevenzione CONAI 27 febbraio 2015 Il Sistema CONAI, Consorzio Nazionale Imballaggi

Dettagli

Le tre R in Coop: strategia ed esempi per la sostenibilità

Le tre R in Coop: strategia ed esempi per la sostenibilità Le tre R in Coop: strategia ed esempi per la sostenibilità Workshop MILANO 15 NOVEMBRE 2011 Valter Molinaro Coop Lombardia per l ambiente e la sostenibilità Il cittadino può determinare le dinamiche che

Dettagli

Linee Guida per la gestione consapevole della carta

Linee Guida per la gestione consapevole della carta Linee Guida per la gestione consapevole della carta www.sustainablecruise.eu INDICE Scopo pag. 3 Quadro di riferimento pag. 3 Linee Guida per il personale di terra e di bordo pag. 3 Scopo Scopo delle Linee

Dettagli

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 La gestione degli imballaggi è impostata su due cardini legislativi

Dettagli

Progetto per il recupero dell olio alimentare domestico. Valter Molinaro Responsabile innovazione e gestione servizi

Progetto per il recupero dell olio alimentare domestico. Valter Molinaro Responsabile innovazione e gestione servizi Progetto per il recupero dell olio alimentare domestico Valter Molinaro Responsabile innovazione e gestione servizi Coop per l ambiente e la sostenibilità Stiamo consumando più risorse di quanto la Terra

Dettagli

Rifiuti & riciclaggio

Rifiuti & riciclaggio Rifiuti & riciclaggio Ridurre e riutilizzare i rifiuti e rendere gli imballaggi sempre più ecologici: ecco i principi di Migros. Nel 214 l impresa ha ampliato il proprio sistema di riciclaggio, si è impegnata

Dettagli

AIM Magazine Pagina 1 di 6 MONOUSO O RIUSO? M. Marino, S. Rossi

AIM Magazine Pagina 1 di 6 MONOUSO O RIUSO? M. Marino, S. Rossi AIM Magazine Pagina 1 di 6 MONOUSO O RIUSO? M. Marino, S. Rossi PREMESSA Il costante incremento dell utilizzo di materiali plastici nel settore alimentare permette innegabili vantaggi di praticità. Trascurando

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI. Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI. Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO E. FERMI Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore Anno scolastico 2012/2013 INTRODUZIONE I ragazzi del Consiglio Comunale dei

Dettagli

Il Percorso al Biometano

Il Percorso al Biometano www.biogasmax.eu Biogasmax Training 1 Il Percorso al Biometano STEFANO PROIETTI ISTITUTO DI STUDI PER L INTEGRAZIONE DEI SISTEMI Biogasmax Training 2 Struttura della presentazione Raccolta dei rifiuti;

Dettagli

Quali modelli organizzativi efficaci

Quali modelli organizzativi efficaci Quali modelli organizzativi efficaci Il sistema CONAI Piero Perron Vicepresidente CONAI Intervento al VIII Forum G.I. Federalimentare 17 Settembre 2011 La gestione degli imballaggi Il sistema CONAI e i

Dettagli

Stefano Valentini Piattaforma Energia & Ambiente Rete Alta Tecnologia Emilia-Romagna

Stefano Valentini Piattaforma Energia & Ambiente Rete Alta Tecnologia Emilia-Romagna Il biometano in Regione Emilia-Romagna: il progetto Stefano Valentini Piattaforma Energia & Ambiente Rete Alta Tecnologia Emilia-Romagna Project cofinanced by the European Regional Development Fund (ERDF)

Dettagli

Il Protocollo di Kyoto

Il Protocollo di Kyoto Il Protocollo di Kyoto Con il Protocollo di Kyoto i paesi industrializzati si impegnano a ridurre, durante il primo periodo di applicazione, 2008-2012, il totale delle emissioni di sei gas ad effetto serra,

Dettagli

LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI IN AGENZIA. Risparmi ambientali e sensibilizzazione dei dipendenti

LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI IN AGENZIA. Risparmi ambientali e sensibilizzazione dei dipendenti LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI IN AGENZIA Risparmi ambientali e sensibilizzazione dei dipendenti SOSTENIBILITA AMBIENTALE ED ACQUISTI VERDI L Agenzia nello svolgimento delle proprie attività istituzionali concorre

Dettagli

Relazione LCA Comparativa Infissi in Legno, PVC ed Alluminio. Commissionata da

Relazione LCA Comparativa Infissi in Legno, PVC ed Alluminio. Commissionata da Relazione LCA Comparativa Infissi in Legno, PVC ed Alluminio Commissionata da Dicembre 2012 Sommario Elementi del Sistema...3 Infisso in Legno...8 Risultati...9 Infisso in PVC...13 Risultati...14 Infisso

Dettagli

PROGETTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE ECOCOMPATIBILE DI SAGRE, FESTE ED EVENTI

PROGETTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE ECOCOMPATIBILE DI SAGRE, FESTE ED EVENTI PROGETTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE ECOCOMPATIBILE DI SAGRE, FESTE ED EVENTI Promosso da Con il Contributo di Con il Patrocinio della L Ente di Bacino VR4 L Ente di Bacino VR4 intende incentivare

Dettagli

ECO-CONCORSO QUESTIONE DI STILE Relazione conclusiva

ECO-CONCORSO QUESTIONE DI STILE Relazione conclusiva ECO-CONCORSO QUESTIONE DI STILE Relazione conclusiva La campagna, la mostra, la festa, l eco questionario Lo scorso marzo Comune AcegasAps e Legambiente hanno lanciato una nuova campagna di sensibilizzazione

Dettagli

GUIDA PER GLI UFFICI A IMPATTO ZERO: COME RIDURRE LE EMISSIONI DI GAS AD EFFETTO SERRA

GUIDA PER GLI UFFICI A IMPATTO ZERO: COME RIDURRE LE EMISSIONI DI GAS AD EFFETTO SERRA GUIDA PER GLI UFFICI A IMPATTO ZERO: COME RIDURRE LE EMISSIONI DI GAS AD EFFETTO SERRA Gennaio 2010 GUIDA PER GLI UFFICI A IMPATTO ZERO: COME RIDURRE LE EMISSIONI DI GAS AD EFFETTO SERRA Questa Guida è

Dettagli

Nuove frontiere del biologico per la ristorazione scolastica

Nuove frontiere del biologico per la ristorazione scolastica Nuove frontiere del biologico per la ristorazione scolastica Scegliere Asso-Catering significa: > razionalizzare l assortimento e semplificare l acquisto dei prodotti necessari alla vostra azienda con

Dettagli

LA CARBON FOOT PRINT NEL MONDO DELL OLIO EXTRAVERGINE: LA CASE HISTORY MONINI

LA CARBON FOOT PRINT NEL MONDO DELL OLIO EXTRAVERGINE: LA CASE HISTORY MONINI LA CARBON FOOT PRINT NEL MONDO DELL OLIO EXTRAVERGINE: LA CASE HISTORY MONINI Temi della presentazione 1. Politica Ambientale e Certificazioni 2. Studio LCA sui prodotti Olio Extra Vergine di Oliva 3.

Dettagli

Caso studio sulle capsule in plastica per caffè espresso. Capannori 20 Novembre 2010

Caso studio sulle capsule in plastica per caffè espresso. Capannori 20 Novembre 2010 Caso studio sulle capsule in plastica per caffè espresso Capannori 20 Novembre 2010 Obiettivo dello studio: Proporre soluzioni al problema del conferimento in discarica delle capsule in plastica per caffè

Dettagli

Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte

Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte Bienergy Expo Usi termici da fonti rinnovabili: Il ruolo della filiera legno-energia Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte Vito Pignatelli, Presidente ITABIA ITABIA - Italian Biomass Association

Dettagli

La gestione integrata dei rifiuti di imballaggio: una opportunità per i comuni di risparmio e miglioramento dell ambiente

La gestione integrata dei rifiuti di imballaggio: una opportunità per i comuni di risparmio e miglioramento dell ambiente La gestione integrata dei rifiuti di imballaggio: una opportunità per i comuni di risparmio e miglioramento dell ambiente Eugenio Bora Milano, 15 febbraio 2006 Rifiuti e legislazione I rifiuti sono un

Dettagli

Filippo Lenzerini Servizio Ambiente e Difesa del Territorio Provincia di Ferrara. www.provincia.fe.it/agenda21/agenda.htm

Filippo Lenzerini Servizio Ambiente e Difesa del Territorio Provincia di Ferrara. www.provincia.fe.it/agenda21/agenda.htm Filippo Lenzerini Servizio Ambiente e Difesa del Territorio Provincia di Ferrara Agenda 21 Domestica Carta da ufficio e da appunti Acquistate carta riciclata Fate Block-notes con fogli di riuso sporchi

Dettagli

I.P. SOLUZIONI. PER IL VOSTRO SUCCESSO. Guardate il video. www.mondigroup.com/gogreen. Europe & International

I.P. SOLUZIONI. PER IL VOSTRO SUCCESSO. Guardate il video. www.mondigroup.com/gogreen. Europe & International I.P. Europe & International LA storia VErA degli IMBALLAGGI VErdI SOLUZIONI. PER IL VOSTRO SUCCESSO. /gogreen Guardate il video Una storia vera Affermazioni green Fatti green Green Range L IMBALLAGGIO

Dettagli

Innovazione e qualità

Innovazione e qualità Innovazione e qualità La filosofia dell azienda si basa fin dagli anni 70 sulla ricerca della qualità per garantire al consumatore finale un prodotto fresco e sano TEDALDI L azienda Tedaldi, con sede principale

Dettagli

Il progetto PVTRAIN: obiettivi e risultati raggiunti

Il progetto PVTRAIN: obiettivi e risultati raggiunti Il progetto PVTRAIN: obiettivi e risultati raggiunti Il PVTRAIN PhotovoltaicTrain - è un progetto pilota della durata di 3 anni (iniziato il 1 Novembre 2002 e terminato il 31 Ottobre 2005) realizzato dalla

Dettagli

http://www.prognos.com/fileadmin/pdf/aktuelles/results_co2_wasteproject.pdf Emissioni e risparmi di CO2 per tonnellata trattata (Prognos 2008)

http://www.prognos.com/fileadmin/pdf/aktuelles/results_co2_wasteproject.pdf Emissioni e risparmi di CO2 per tonnellata trattata (Prognos 2008) 1.2.1 Resource savings and CO2 reduction potential in waste management in Europe and the possible contribution to the CO2 reduction target in (Prognos, Ifeu, Infu 2008) http://www.prognos.com/fileadmin/pdf/aktuelles/results_co2_wasteproject.pdf

Dettagli

Monitoraggio efficacia delle azioni

Monitoraggio efficacia delle azioni GRISS Gruppo di Ricerca sullo sviluppo Sostenibile Università degli Studi di Milano Bicocca - www.disat.unimib.it/griss - Monitoraggio efficacia delle azioni Progetto Acqua senza macchia Fondazione Idra

Dettagli

La storia delle BOTTIGLIE DI PLASTICA

La storia delle BOTTIGLIE DI PLASTICA La storia delle BOTTIGLIE DI PLASTICA QUANTA ACQUA IN BOTTIGLIA SI CONSUMA IN ITALIA? Il consumo nazionale di acqua in bottiglia è molto elevato: nel 2007, gli italiani ne hanno acquistato 12,4 miliardi

Dettagli

ANALISI DEL CICLO DI VITA (LCA) DI STOVIGLIE PER USI ALIMENTARI

ANALISI DEL CICLO DI VITA (LCA) DI STOVIGLIE PER USI ALIMENTARI Università degli Studi di Trento Dipartimento di Ingegneria Industriale ANALISI DEL CICLO DI VITA (LCA) DI STOVIGLIE PER USI ALIMENTARI Relazione riassuntiva risultati del progetto OBIETTIVI DEL LAVORO

Dettagli

MANUALE DEI COMPORTAMENTI ECO-SOSTENIBILI

MANUALE DEI COMPORTAMENTI ECO-SOSTENIBILI MANUALE DEI COMPORTAMENTI ECO-SOSTENIBILI Come tutelare l ambiente ed accrescere lo sviluppo sostenibile attraverso i nostri comportamenti quotidiani Il manuale che state per leggere intende promuovere

Dettagli

ETICHETTE PER PRODOTTI VERDI E SISTEMI DI CERTIFICAZIONE AMBIENTALE DELLE IMPRESE: COME VALORIZZARE IL PROPRIO IMPEGNO DI SOSTENIBILITA SUL MERCATO

ETICHETTE PER PRODOTTI VERDI E SISTEMI DI CERTIFICAZIONE AMBIENTALE DELLE IMPRESE: COME VALORIZZARE IL PROPRIO IMPEGNO DI SOSTENIBILITA SUL MERCATO ETICHETTE PER PRODOTTI VERDI E SISTEMI DI CERTIFICAZIONE AMBIENTALE DELLE IMPRESE: COME VALORIZZARE IL PROPRIO IMPEGNO DI SOSTENIBILITA SUL MERCATO Giuseppe Bitonti Product Manager Lo scenario socio economico

Dettagli

Punti acqua. in provincia di brescia

Punti acqua. in provincia di brescia In Valletrompia Punti acqua in provincia di brescia Fontanella di Villa Carcina Fontanella di Sarezzo Fontanella di Lumezzane Fontanella di Collio Fonte d acqua L acqua in bottiglia fa bene all ambiente?

Dettagli

Sostenibilità della filiera agroalimentare regionale:

Sostenibilità della filiera agroalimentare regionale: LCA Food Lazio Sostenibilità della filiera agroalimentare regionale: le aziende del Lazio verso l EXPO Milano 2015 Fondo Euorpeo Agricolo per lo sviluppo: L Europa investe nelle zone rurali Regione Lazio

Dettagli

Latte fresco in Trentino: vuoto a rendere o vuoto a perdere? Qual è la soluzione più sostenibile?

Latte fresco in Trentino: vuoto a rendere o vuoto a perdere? Qual è la soluzione più sostenibile? Latte fresco in Trentino: vuoto a rendere o vuoto a perdere? Qual è la soluzione più sostenibile? Prima di rispondere a questa domanda esponendo i risultati di uno studio scientifico effettuato sulla problematica

Dettagli

La tutela dell Ambiente al Cavallino Bianco di Rumo Val di Non Trentino

La tutela dell Ambiente al Cavallino Bianco di Rumo Val di Non Trentino Albergo Cavallino Bianco*** La tutela dell Ambiente al Cavallino Bianco di Rumo Val di Non Trentino L Ecolabel Ecolabel, Ecolabel istituito dalla Commissione Europea con Regolamento CE 66/2010 del 25/11/2009,

Dettagli

Prova associata al percorso I rifiuti, una risorsa per l educazione sostenibile di Annalisa Salomone

Prova associata al percorso I rifiuti, una risorsa per l educazione sostenibile di Annalisa Salomone Prova associata al percorso I rifiuti, una risorsa per l educazione sostenibile di Annalisa Salomone Autore Annalisa Salomone Referente scientifico Michela Mayer Grado scolastico Scuola Secondaria di I

Dettagli

Milano, 14 settembre 2011

Milano, 14 settembre 2011 1 LA NUOVA DISCIPLINA IN MATERIA DI RIFIUTI ALLA LUCE DEL D. LGS. 3 DICEMBRE 2010, N. 205 Milano, 14 settembre 2011 2 1. I principi della gestione dei rifiuti Precauzione e quindi tutela dell ambiente

Dettagli

Il Caso di Studio del Vetro

Il Caso di Studio del Vetro Centro Studi e Ricerche MatER Materia & Energia da Rifiuti Il Caso di Studio del Vetro Riciclaggio e Ciclo di Recupero INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. IL RICICLAGGIO DEL VETRO...4 3. IL RUOLO DEL COREVE...5

Dettagli

Agricoltura Biologica e la sfida ai cambiamenti climatici. Sana 9 settembre 2011

Agricoltura Biologica e la sfida ai cambiamenti climatici. Sana 9 settembre 2011 Agricoltura Biologica e la sfida ai cambiamenti climatici La politica di Coop per l ambiente e il biologico Sana 9 settembre 2011 Claudio Mazzini, Resp. Sostenibilità e Innovazione Valori Coop Italia Coop

Dettagli

GHERL. GreenHouse Effect Reduction from Landfill

GHERL. GreenHouse Effect Reduction from Landfill LIFE ENVIRONMENT PROJECT LIFE05-ENV/IT/000874 GreenHouse Effect Reduction from Landfill Dipartimento di Energetica "Sergio Stecco", Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Scienze e Tecnologie

Dettagli

Scaricato da. www.largoconsumo.info

Scaricato da. www.largoconsumo.info Scaricato da www.largoconsumo.info E Easy, la prima bottiglia di acqua minerale carbon neutral della San Benedetto Un prodotto che rientra nella mission e nella vocazione ambientale dell azienda Si chiama

Dettagli

Gli impegni ambientali di BTicino

Gli impegni ambientali di BTicino i Presso la Vostra consueta Agenzia Commerciale. Sito: Questo documento si basa sulla norma ISO 14020 relativa ai principi generali delle dichiarazioni ambientali e sul rapporto tecnico ISO TR/14025 relativo

Dettagli

POSITION PAPER. Carta CARTA VERGINE CARTA RICICLATA: CRITERI PER UN CONFRONTO AMBIENTALE. Position Paper 2010 www.studiolce.it

POSITION PAPER. Carta CARTA VERGINE CARTA RICICLATA: CRITERI PER UN CONFRONTO AMBIENTALE. Position Paper 2010 www.studiolce.it POSITION PAPER Carta CARTA VERGINE CARTA RICICLATA: CRITERI PER UN CONFRONTO AMBIENTALE 1 La sostenibilità ambientale della carta prodotta da fibre vergini o riciclate è oggi uno dei fattori in grado di

Dettagli

Gli impegni ambientali di BTicino

Gli impegni ambientali di BTicino i Presso la Vostra consueta Agenzia Commerciale. Sito: Questo documento si basa sulla norma ISO 14020 relativa ai principi generali delle dichiarazioni ambientali e sul rapporto tecnico ISO TR/14025 relativo

Dettagli

Rapporto di sostenibilità Conai 2013 12,5 12,2 11,4 10,9

Rapporto di sostenibilità Conai 2013 12,5 12,2 11,4 10,9 14 Rapporto di sostenibilità Conai 2013 La prevenzione Nella lista di priorità per la gestione dei rifiuti definita dall Unione europea al primo posto c è la prevenzione. Per il rifiuto di imballaggio

Dettagli

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI Corso di formazione sulla raccolta differenziata I rifiuti: un problema? Sono tanti Ogni italiano (neonati compresi) produce in media 532 Kg di rifiuti all anno

Dettagli

Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale

Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale La plastica: maestra nell arte dell imballaggio In Europa oltre il 50 % delle merci è imballato in materiali plastici, nonostante ciò, in

Dettagli

Il compostaggio all arrembaggio

Il compostaggio all arrembaggio Il compostaggio all arrembaggio Progetto di educazione ambientale per la scuola paritaria dell infanzia e primaria l isolachenonc era PREMESSA Il progetto ha al centro la prevenzione dei rifiuti urbani

Dettagli

Obiettivo Prevenzione, le iniziative CONAI

Obiettivo Prevenzione, le iniziative CONAI Obiettivo Prevenzione, le iniziative CONAI Simona Fontana Responsabile Centro Studi Area Prevenzione CONAI Fiorella Perrucci Centro Studi Area Prevenzione CONAI 7 ottobre 2014 Il Sistema CONAI, Consorzio

Dettagli

Gli impegni ambientali di BTicino

Gli impegni ambientali di BTicino i Presso la Vostra consueta Agenzia Commerciale. Sito: Questo documento si basa sulla norma ISO 14020 relativa ai principi generali delle dichiarazioni ambientali e sul rapporto tecnico ISO TR/14025 relativo

Dettagli

Guadagnare, lavorare e innovare: il ruolo del riciclo nella green economy

Guadagnare, lavorare e innovare: il ruolo del riciclo nella green economy n. 022 - Martedì 31 Gennaio 2012 Guadagnare, lavorare e innovare: il ruolo del riciclo nella green economy Questo breve report dell Agenzia Europea per l'ambiente prende in esame il ruolo del riciclo nella

Dettagli

PREVENZIONE, RACCOLTA E SELEZIONE

PREVENZIONE, RACCOLTA E SELEZIONE PREVENZIONE, RACCOLTA E SELEZIONE LA PREVENZIONE: LA PRIMA OPPORTUNITÀ La produzione di rifiuti rappresenta una perdita di risorse materiali e d'energia. Circa un terzo delle risorse usate in Europa viene

Dettagli

Etichettatura ambientale di prodotto: la proposta di Kyoto Club per qualificare e certificare i prodotti o servizi virtuosi per l'ambiente

Etichettatura ambientale di prodotto: la proposta di Kyoto Club per qualificare e certificare i prodotti o servizi virtuosi per l'ambiente + Etichettatura ambientale di prodotto: la proposta di Kyoto Club per qualificare e certificare i prodotti o servizi virtuosi per l'ambiente Annalisa Corrado - Coordinatrice Gruppo di Lavoro Multietichetta

Dettagli

PROGETTO PVRENEW. Nuova vita ai Pannelli Fotovoltaici

PROGETTO PVRENEW. Nuova vita ai Pannelli Fotovoltaici PROGETTO PVRENEW Nuova vita ai Pannelli Fotovoltaici Impianti PV (*) e Eco-sotenibilità/1 Le Installazione PV mondiali sono stimate in oltre 100 GW, risparmiando all atmosfera, ogni anno, ben 70 milioni

Dettagli

WASTE END Uno scenario di gestione dei rifiuti per l economia circolare. Duccio Bianchi

WASTE END Uno scenario di gestione dei rifiuti per l economia circolare. Duccio Bianchi WASTE END Uno scenario di gestione dei rifiuti per l economia circolare Duccio Bianchi Cosa abbiamo fatto a) Ricostruito il flusso dei prodotti nei rifiuti, sulla base delle banche dati Prodcom e Coeweb

Dettagli

PARTNERSHIP Gruppo AS & LIFEGATE

PARTNERSHIP Gruppo AS & LIFEGATE PARTNERSHIP Gruppo AS & LIFEGATE GRUPPO AMBIENTE SICUREZZA Gruppo Ambiente Sicurezza nasce dall esperienza di tecnici, ingegneri, formatori e consulenti. Gruppo offre servizi volti a costruire opportunità

Dettagli

Industria del recupero e packaging chain

Industria del recupero e packaging chain Gestione rifiuti, riciclo materiali, recupero energetico: il possibile contributo alla sfida di Kyoto Ecomondo, 3 novembre 2004 Giancarlo Longhi Direttore Generale 1 Le positive conseguenze dell industria

Dettagli

Campagna a cura dell Istituto per l Ambiente e l Educazione Scholé Futuro onlus. Con il patrocinio del Ministero dell Ambiente

Campagna a cura dell Istituto per l Ambiente e l Educazione Scholé Futuro onlus. Con il patrocinio del Ministero dell Ambiente Campagna a cura dell Istituto per l Ambiente e l Educazione Scholé Futuro onlus Con il patrocinio del Ministero dell Ambiente Ci vuole meno di un secondo per produrre un sacchetto di plastica ma 400 anni

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA:BIOPOWER

PRODUZIONE DI ENERGIA:BIOPOWER LE BIOMASSE Le biomasse sono le materie prime rinnovabili capaci di produrre energia che si ottengono sia dagli scarti che dai residui delle attività agricole, zootecniche e forestali. PRODUZIONE DI ENERGIA:BIOPOWER

Dettagli

TRACCIABILITA DEL VETRO RICICLATO E CERTIFICAZIONE DEI FLUSSI DI FILIERA QUADRO DI RIFERIMENTO

TRACCIABILITA DEL VETRO RICICLATO E CERTIFICAZIONE DEI FLUSSI DI FILIERA QUADRO DI RIFERIMENTO TRACCIABILITA DEL VETRO RICICLATO E CERTIFICAZIONE DEI FLUSSI DI FILIERA OBIETTIVO LA DECISIONE VERITAS VUOLE STRUTTURARE UN PROCESSO DI VERIFICA E VALIDAZIONE DELLA QUALITA E DELL AVVIO A RECUPERARE DEL

Dettagli

VIII Forum QualEnergia?

VIII Forum QualEnergia? VIII Forum QualEnergia? La rivoluzione energetica in atto: opportunità per le imprese ing. Annalisa Corrado, responsabile tecnico Roma, 01/12/2015 Profilo AzzeroCO 2 è una Energy Service Company (ESCo)

Dettagli

Analisi ambientale ed economica delle produzioni vivaistiche

Analisi ambientale ed economica delle produzioni vivaistiche Kick off meeting Progetto VIS Vivaismo Sostenibile Analisi ambientale ed economica delle produzioni vivaistiche F. P. Nicese G. Lazzerini Attività previste Task 1 Razionalizzazione dell irrigazione e della

Dettagli

preferire le comunicazioni via mail a quelle cartacee o via fax con fornitori, partecipanti e partners;

preferire le comunicazioni via mail a quelle cartacee o via fax con fornitori, partecipanti e partners; Azioni Segreteria organizzativa L organizzazione risulta essere una delle attività più impattanti a causa dell intensa produzione dei materiali e dei documenti che effettivamente costituiranno il nucleo

Dettagli

LA CODIGESTIONE ANAEROBICA PER LA PRODUZIONE DI BIOGAS: L ESPERIENZA DEL DEPURATORE DI VIAREGGIO. Relatore: Ing. Giuseppe Vitiello

LA CODIGESTIONE ANAEROBICA PER LA PRODUZIONE DI BIOGAS: L ESPERIENZA DEL DEPURATORE DI VIAREGGIO. Relatore: Ing. Giuseppe Vitiello LA CODIGESTIONE ANAEROBICA PER LA PRODUZIONE DI BIOGAS: L ESPERIENZA DEL DEPURATORE DI VIAREGGIO Relatore: Ing. Giuseppe Vitiello 1 Introduzione La co-digestione è un processo di stabilizzazione simultanea

Dettagli

Prima di chiedersi come si puliscono le città, bisognerebbe chiedersi come si sporcano. Guido Viale

Prima di chiedersi come si puliscono le città, bisognerebbe chiedersi come si sporcano. Guido Viale Prima di chiedersi come si puliscono le città, bisognerebbe chiedersi come si sporcano. Guido Viale fare la raccolta differenziata non è solo un obbligo di legge è un segno di rispetto e di grande civiltà!

Dettagli

EASY CASH: EASY ECO-CHOICE Green Globe Banking Award 2014. 23 Ottobre 2014

EASY CASH: EASY ECO-CHOICE Green Globe Banking Award 2014. 23 Ottobre 2014 EASY CASH: EASY ECO-CHOICE Green Globe Banking Award 2014 23 Ottobre 2014 1 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole Un organizzazione radicata nel territorio UN MODELLO FEDERALE FORTEMENTE RADICATO NEL TERRITORIO

Dettagli

LCA DEL SISTEMA RICICLO: RICICLO vs SMALTIMENTO, MONOUSO RICICLABILI vs LAVABILI

LCA DEL SISTEMA RICICLO: RICICLO vs SMALTIMENTO, MONOUSO RICICLABILI vs LAVABILI LCA DEL SISTEMA RICICLO: RICICLO vs SMALTIMENTO, MONOUSO RICICLABILI vs LAVABILI 28/10/2014 Duccio Bianchi, Ambiente Italia Ambiente Italia, istituto indipendente di analisi e ricerca ambientale, ha analizzato

Dettagli

Soluzioni AeroThermal: distribuite in tutto il mondo in cooperazione con VULCANES Ltd FISSORE Agency Monte Carlo

Soluzioni AeroThermal: distribuite in tutto il mondo in cooperazione con VULCANES Ltd FISSORE Agency Monte Carlo Soluzioni AeroThermal: distribuite in tutto il mondo in cooperazione con VULCANES Ltd FISSORE Agency Monte Carlo L autoclave AeroThermal è un vaso pressurizzato che tratta a vapore il suo contenuto a temperatura

Dettagli

COOP E LE BUSTE PER LA SPESA

COOP E LE BUSTE PER LA SPESA COOP E LE BUSTE PER LA SPESA Maurizio Zucchi Direttore Qualità - COOP ITALIA Convegno: Shopper: la Legge c è! Adesso chiarezza Roma, 11 Luglio 2012 COOP, in quanto catena di distribuzione, ha avuto da

Dettagli

Stato di avanzamento progetto Action 3 Paper Stream E. Missanelli, Design Innovation

Stato di avanzamento progetto Action 3 Paper Stream E. Missanelli, Design Innovation Stato di avanzamento progetto Action 3 Paper Stream E. Missanelli, Design Innovation 2 meeting Genoa, 28 & 29 March 2012 2 meeting Genoa, 28 March 2012 1 Project overview 2 meeting Genoa, 28 March 2012

Dettagli

Comunità Consumi e riduzione dei rifiuti DIARIO DI BORDO DEGLI ATTORI. per annotare i comportamenti adottati e le azioni realizzate

Comunità Consumi e riduzione dei rifiuti DIARIO DI BORDO DEGLI ATTORI. per annotare i comportamenti adottati e le azioni realizzate Comunità Consumi e riduzione dei rifiuti DIARIO DI BORDO DEGLI ATTORI per annotare i comportamenti adottati e le azioni realizzate dicembre 2012 aprile 2013 Il diario di bordo è il quaderno degli appunti

Dettagli

Certificazione energetica: situazione ed evoluzione

Certificazione energetica: situazione ed evoluzione Certificazione energetica: situazione ed evoluzione Il contributo dell industria del PVC Marco Piana Centro di Informazione sul PVC 2 3 4 5 6 7 8 9 Commenti 1. Certificazione energetica E evidente che

Dettagli

Carbon Footprint di un organizzazione

Carbon Footprint di un organizzazione CHE COSA E LA CARBON FOOTPRINT? La Carbon Footprint misura il contributo che le attività umane producono sull effetto serra, espresso in tonnellate di biossido di carbonio equivalente (CO 2 eq). Il tema

Dettagli

IL PROJECT LEASING. per. IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA

IL PROJECT LEASING. per. IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA IL PROJECT LEASING per IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA NUOVE opportunità di sviluppo PER LA TUA IMPRESA nel settore dell Energia 1 GLI IMPIANTI DI COGENERAZIONE La cogenerazione, CHP (Combined

Dettagli

Gli impegni ambientali di BTicino

Gli impegni ambientali di BTicino i Presso la Vostra consueta Agenzia Commerciale. Sito: Questo documento si basa sulla norma ISO 14020 relativa ai principi generali delle dichiarazioni ambientali e sul rapporto tecnico ISO TR/14025 relativo

Dettagli

EcoDesigne Sistemi di Gestione dell Energia Gian Piero Zattoni

EcoDesigne Sistemi di Gestione dell Energia Gian Piero Zattoni EcoDesigne Sistemi di Gestione dell Energia Gian Piero Zattoni Workshop Chi Siamo EQO S.r.l. da oltre 10 anni riunisce professionisti provenenti da diversi settori e con differenti esperienze professionali,

Dettagli

LO STUDIO LCA DEL SUGHERO CORKPAN Numeri ed indicatori ambientali che confermano l'elevata eco-sostenibilità del sughero tostato Amorim

LO STUDIO LCA DEL SUGHERO CORKPAN Numeri ed indicatori ambientali che confermano l'elevata eco-sostenibilità del sughero tostato Amorim LO STUDIO LCA DEL SUGHERO CORKPAN Numeri ed indicatori ambientali che confermano l'elevata eco-sostenibilità del sughero tostato Amorim PREMESSA Negli ultimi anni il settore delle costruzioni è stato interessato

Dettagli

CiAl Consorzio Imballaggi Alluminio. Recupero Alluminio da scorie di combustione da impianti di incenerimento dei rifiuti urbani

CiAl Consorzio Imballaggi Alluminio. Recupero Alluminio da scorie di combustione da impianti di incenerimento dei rifiuti urbani CiAl Consorzio Imballaggi Alluminio Recupero Alluminio da scorie di combustione da impianti di incenerimento dei rifiuti urbani RECUPERO ALLUMINIO DALLE SCORIE POST-COMBUSTIONE L impianto BSB per il trattamento

Dettagli

Dicomano 5 Giugno 2015. Mauro Moretti Amministratore Delegato Centro Raccolta Cento Materie Srl Terranuova Bracciolini (AR

Dicomano 5 Giugno 2015. Mauro Moretti Amministratore Delegato Centro Raccolta Cento Materie Srl Terranuova Bracciolini (AR Dicomano 5 Giugno 2015 Mauro Moretti Amministratore Delegato Centro Raccolta Cento Materie Srl Terranuova Bracciolini (AR Il ciclo (e riciclo) della carta Raccolta - Riciclo - Recupero la carta: produzione

Dettagli

RIFIUTI ZERO Si può e conviene

RIFIUTI ZERO Si può e conviene RIFIUTI ZERO Si può e conviene Federico Valerio Comitato Tecnico-Scientifico LIP Rifiuti Zero Rifiuti Zero è la strategia vincente di tutti gli ecosistemi naturali, sin da quando la Vita ha colonizzato

Dettagli

Salvaguardiamo il nostro pianeta. Tecnologie e strumenti per la cura dell ambiente. Informazione Attivita Ambientali

Salvaguardiamo il nostro pianeta. Tecnologie e strumenti per la cura dell ambiente. Informazione Attivita Ambientali Salvaguardiamo il nostro pianeta Tecnologie e strumenti per la cura dell ambiente Informazione Attivita Ambientali Konica Minolta: la societa che rispetta l ambiente In qualita di produttore leader nelle

Dettagli

LE BIOMASSE PER L ENERGIA

LE BIOMASSE PER L ENERGIA Aula Magna dell Istituto Tecnico Agrario Statale F.lli Navarra Martedì 12 Aprile 2011 LE SPERIMENTAZIONI SUL CAMPO DI AGRIUNIFE: RICERCHE APPLICATE ALL AGRICOLTURA ING. ANNA VACCARI DI COSA PARLEREMO Il

Dettagli

Il destino dei RIFIUTI

Il destino dei RIFIUTI Comune di Padova Settore Ambiente Il destino dei RIFIUTI Osservatorio Ambientale sull inceneritore DEFINIZIONI RIFIUTO: Qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 - Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: WASTELESS IN CHIANTI Promotore/i: Provincia di Firenze Soggetti partner: Ente Ente pubblico/gdo

Dettagli

Impariamo insieme cosa sono i rifiuti e come si possono riciclare!

Impariamo insieme cosa sono i rifiuti e come si possono riciclare! Impariamo insieme cosa sono i rifiuti e come si possono riciclare! Ogni nostra azione produce inquinamento Leggere un giornale o bere un'aranciata, non sarebbe nulla, se non considerassimo che ogni giorno

Dettagli

Gestione e riduzione dei rifiuti, con un focus sulle stoviglie e sugli imballaggi. Clelia Lombardi Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino

Gestione e riduzione dei rifiuti, con un focus sulle stoviglie e sugli imballaggi. Clelia Lombardi Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino Gestione e riduzione dei rifiuti, con un focus sulle stoviglie e sugli imballaggi Clelia Lombardi Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino Obiettivo Possibili soluzioni eco-innovative Ridurre la

Dettagli

SMALTIMENTO PNEUMATICI USATI

SMALTIMENTO PNEUMATICI USATI SMALTIMENTO PNEUMATICI USATI PNEUSRECYCLE: l idea ASPIRECO Luglio 2011 1 Il settore In Europa si producono annualmente circa 3.250.000 ton. di pneumatici usati. In Italia circa 400.00 ton. In Europa circa

Dettagli

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI Corso di formazione sulla raccolta differenziata I rifiuti: un problema? Sono tanti Ogni italiano (neonati compresi) produce in media 532 Kg di rifiuti all anno

Dettagli

CAPANNORI: IL PRIMO COMUNE IN ITALIA VERSO RIFIUTI ZERO I

CAPANNORI: IL PRIMO COMUNE IN ITALIA VERSO RIFIUTI ZERO I CAPANNORI: IL PRIMO COMUNE IN ITALIA VERSO RIFIUTI ZERO I parte Introduzione Generale Acqua, rifiuti ed energia rappresentano tre questioni fondamentali per il futuro del nostro pianeta. Emergenze ambientali

Dettagli

AcegasAps e le sfide della Green Economy

AcegasAps e le sfide della Green Economy AcegasAps e le sfide della Green Economy Il programma INDICE Il Gruppo AcegasAps Spa L economia Green AcegasAps le attività AcegasAps l Efficienza energetica Il Gruppo Hera Il Gruppo AcegasAps La Capogruppo,

Dettagli

«Sfruttamento di residui di cibo» Scheda informativa

«Sfruttamento di residui di cibo» Scheda informativa «Sfruttamento di residui di cibo» Scheda informativa Versione aggiornata aprile 2016 Situazione di partenza Dal 1 luglio 2011 in Svizzera è vietato nutrire i suini con residui di cibo. Per tale motivo

Dettagli

LA CODIGESTIONE ANAEROBICA PER LA PRODUZIONE DI BIOGAS: L ESPERIENZA DEL DEPURATORE DI VIAREGGIO. Relatore: Ing. Giuseppe Vitiello

LA CODIGESTIONE ANAEROBICA PER LA PRODUZIONE DI BIOGAS: L ESPERIENZA DEL DEPURATORE DI VIAREGGIO. Relatore: Ing. Giuseppe Vitiello LA CODIGESTIONE ANAEROBICA PER LA PRODUZIONE DI BIOGAS: L ESPERIENZA DEL DEPURATORE DI VIAREGGIO Relatore: Ing. Giuseppe Vitiello Introduzione La co-digestione è un processo di stabilizzazione simultanea

Dettagli

Le prime esperienze di Life Cycle Analysis nel mondo della detergenza

Le prime esperienze di Life Cycle Analysis nel mondo della detergenza Le prime esperienze di Life Cycle Analysis nel mondo della detergenza 7 Conferenza Annuale Responsible Care Giuseppe Abello ASSOCASA Assocasa Associazione Nazionale Detergenti e Specialità per l Industria

Dettagli