Sistemi lineari. 1. Generalità. a 1 x 1 + a 2 x 2 + a 3 x a n x n = k (matrice completa)

Save this PDF as:
Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi lineari. 1. Generalità. a 1 x 1 + a 2 x 2 + a 3 x a n x n = k (matrice completa)"

Transcript

1 Sistemi lineari. Generalità La teoria dei sistemi di equaioni lineari costituisce uno dei capitoli molto importanti della matematica pura e applicata. Infatti molte questioni teoriche o tecniche si traducono agevolmente in sistemi di equaioni lineari che si risolvono con la regola di Cramer o col metodo di Gauss. Le difficoltà di risoluione dei sistemi aumentano all aumentare del numero delle equaioni e delle incognite. I sistemi di due equaioni con due incognite si risolvono facilmente applicando uno qualsiasi dei quattro metodi, di sostituione, di confronto, di riduione o di Cramer, che si studiano sin dai primi anni delle scuole medie superiori. La risoluione di un sistema di tre equaioni a tre incognite comincia invece a essere piuttosto laboriosa. Lo studio delle matrici e dei determinanti agevola notevolmente la ricerca delle soluioni di un sistema con più di tre equaioni e tre incognite. Poiché un sistema può essere tale da non ammettere soluioni, sarebbe bene sapere a priori se esso sia di questo tipo. Così, se le soluioni esistono, si può procedere con i calcoli per pervenire al risultato; se non esistono, invece, si rinuncia allo svolgimento delle operaioni. Il problema circa l esistena o meno delle soluioni di un sistema di equaioni lineari viene risolto molto bene dal teorema di ouché Capelli. Prima di enunciare tale teorema si rendono necessarie alcune precisaioni. Un equaione lineare o di primo grado è una relaione del tipo: a a a a n n dove,,,, n si dicono incognite e a, a, a,, a n si dicono coefficienti delle incognite. Mentre le i sono delle variabili, le a i e sono delle costanti, ossia dei numeri reali. Il numero è detto termine noto dell equaione. Se il termine noto è nullo, l equaione si dice omogenea, altrimenti non omogenea. Un insieme di m equaioni lineari a n incognite costituisce un sistema di equaioni lineari. Generalmente un sistema di tale tipo viene rappresentato nel modo seguente: a a... a n a a... ann... am am... amnn n m dove a ij è il coefficiente dell incognita j dell iesima equaione. Se m, il sistema si dice omogeneo; se, invece, almeno uno dei termini i è diverso da ero, il sistema si dice non omogeneo. Si chiama matrice incompleta di un sistema la matrice formata con i coefficienti delle incognite. Si chiama matrice completa di un sistema la matrice formata con i coefficienti delle incognite e con i termini noti. Se si indica con A la prima e con B la seconda, in questo caso, si ha: a a... a a a... a n a a... an A... am am... amn n a a... an B... am am... amn m Sistemi lineari

2 Si chiama soluione di un sistema di m equaioni lineari a n incognite ogni n pla ordinata (m, m,, m n ) di numeri che trasforma ogni equaione del sistema in una identità quando si pone m, m,, n m n. Il sistema si dice compatibile se ammette almeno una soluione, incompatibile nel caso contrario. ESEMPI. Il sistema: soluione:,,. In seguito si vedrà che un tale sistema ammette infinite soluioni.. è compatibile perché ammette la Il sistema: è manifestamente incompatibile. Non esiste, cioè, nessuna terna di numeri che trasformi in identità entrambe le equaioni.. Teorema di ouché Capelli Condiione necessaria e sufficiente affinché un sistema di equaioni lineari ammetta soluioni è che le matrici completa e incompleta abbiano lo stesso rango (o caratteristica). Si omette la dimostraione. Si consideri il sistema del primo esempio del paragrafo precedente. Le due matrici incompleta e completa sono rispettivamente: A e B Si calcoli prima il rango della matrice incompleta. Il rango della matrice A al massimo può essere perché è proprio l ordine massimo dei minori non nulli che da tale matrice possono essere estratti. Si consideri il minore del secondo ordine formato con le prime due colonne. Si ha: Essendo diverso da ero il minore di ordine estratto dalla matrice A, si ha: rang (A) Si calcoli ora il rango della matrice completa B del sistema. Si osservi che il rango della matrice completa non può essere minore di quello della matrice incompleta perché dalla prima può essere estratto lo stesso minore della seconda. Quindi il rango della matrice completa è maggiore o uguale a quello della matrice incompleta del medesimo sistema.in questo caso il rango della matrice B non può essere maggiore di perché da essa non possono essere estratti minori di ordine maggiore di. Infatti essa ha due righe soltanto. Si ha, quindi: rang (B) Essendo: rang (A) rang (B) Sistemi lineari

3 per il teorema di ouché Capelli, il sistema è compatibile. Si applichi ora il teorema di ouché Capelli al secondo sistema del paragrafo precedente. Si ha: A B Poiché la matrice A è formata da due righe uguali, tutti i minori di ordine che da essa possono essere estratti sono nulli. Non essendo A una matrice nulla, i minori del primo ordine non sono tutti nulli. Si ha, perciò: rang (A ) Poiché dalla matrice B si può estrarre un minore del secondo ordine diverso da ero, il suo rango è. Infatti, si ha: Mentre tutti i minori del secondo ordine estratti da A sono nulli, fra quelli estratti da B ve ne è almeno uno che è diverso da ero. Si ha, perciò: rang (B ) Essendo: rang (A ) rang (B ) per il teorema di ouché Capelli, il sistema è incompatibile.. Determinaione delle soluioni di un sistema lineare In questo paragrafo vengono presentati alcuni esempi esplicativi mediante i quali si vuole mettere in risalto l importana del teorema di ouché Capelli per la risoluione dei sistemi lineari. ESEMPI. isolvere il sistema: 8 Il numero delle incognite supera quello delle equaioni. Il sistema può essere indeterminato o impossibile. Cioè: o esistono infinite terne di numeri che verificano il sistema oppure nessuna. Per stabilire a priori quale delle due condiioni sussista, si considerino le due matrici del sistema: A 8 B E facile constatare che il rango della matrice incompleta è. Infatti, preso il minore formato con le prime due colonne, si ha: 9 Sistemi lineari

4 Poiché il rango della matrice completa non può essere maggiore di, si ha: rang (A) rang (B) Il sistema allora è compatibile. Poiché, come si è detto prima, il numero delle incognite supera il rango delle due matrici, il sistema è indeterminato. La differena fra il numero delle incognite e il rango esprime il grado di indeterminaione del sistema. In questo caso il grado di indeterminaione è perché, essendo il numero delle incognite. Si dice che il sistema ammette (infinito alla ) soluioni. Per determinarle si attribuisce a una delle incognite, ad esempio, un valore arbitrario. Posto Z m, il sistema diviene: 8 m m Si trovano così i valori delle incognite e in funione di m. Si risolve ora il sistema con la regola di Cramer: 8 m m 8 m m 8 m 9 8 m m m m m 9 La soluione del sistema è: 8 m m m dove m può assumere un valore arbitrario. Ad esempio: per m si ha la soluione: 8 per m si ha la soluione: per m si ha la soluione: 9 8 per m si ha la soluione: 8 per m si ha la soluione: E possibile ora dare un interpretaione geometrica dei sistemi di due equaioni a tre incognite. Come è noto, un equaione di primo grado a due incognite rappresenta una retta di un piano riferito a un sistema di assi cartesiani ortogonali. Un sistema di due equaioni a due incognite rappresenta l interseione di due rette, ossia un punto del piano.ad esempio, il sistema: a b c a' b' c' Sistemi lineari

5 rappresenta il punto comune alle rette corrispondenti alle due equaioni. Se il determinante della matrice incompleta o dei coefficienti è diverso da ero, il sistema è compatibile e la coppia (, ) di numeri, soluione del sistema, rappresenta le coordinate del punto di interseione delle due rette. La condiione di compatibilità è espressa dalla relaione: a b ab' a' b a' b' Se, invece, tale determinante è nullo, il rango della matrice incompleta è. In tal caso bisogna trovare il rango della matrice completa. Se è uguale a, il sistema è incompatibile. Ciò significa che le due rette sono parallele. Se il rango delle due matrici è, il sistema è indeterminato. Ciò significa che le due rette sono coincidenti. Nello spaio, un equaione lineare a tre incognite rappresenta un piano, mentre un sistema di due equaioni a tre incognite rappresenta l interseione di due piani. Se i due piani si intersecano, tale interseione è una retta e il sistema è compatibile. Le infinite terne che verificano il sistema sono le coordinaste dei punti della retta. E opportuno precisare che un punto nello spaio è individuato da una terna di numeri. Se i due piani sono paralleli, non si intersecano e perciò il sistema è incompatibile. Si consideri allora il sistema: a b c d a' bì c' d' a) Se il rango delle matrici è, il sistema è compatibile e i due piani si intersecano lungo una retta; b) Se il rango delle due matrici è, il sistema è compatibile e i due piani sono coincidenti; c) Se il rango della matrice incompleta è e quello della matrice completa è, il sistema è incompatibile e i due piani risultano paralleli.. 9 Si considerino le matrici del sistema: A B 9 Poiché gli elementi della seconda riga di A sono proporionali ai corrispondenti elementi della prima riga, tutti i minori del secondo ordine sono nulli. Si ha, perciò: rang (A) Il rango della matrice B, invece, è. Infatti, si ha: 8 Quindi: rang (B) 9 Non essendo uguali i due ranghi, il sistema è incompatibile. I due piani sono paralleli.. 8 Il numero delle equaioni supera quello delle incognite. Sistemi lineari

6 Si considerino le matrici del sistema: a eq. O A 8 B Il rango della matrice incompleta è. Infatti, preso il minore formato con le prime due righe, si ha: 8 9 Si calcola ora il determinante della matrice completa: a eq. Fig. 8 a eq. Quindi: rang (A) 8 ( ) (8 ) 8( 8). Poiché è nullo l unico minore del tero ordine che può essere estratto dalla matrice completa, si ha: rang (B) Essendo uguali i due ranghi, il sistema è compatibile. Considerando il sistema formato con le prime due equaioni, cioè quelle corrispondenti al minore del secondo ordine diverso da ero, si ha: 8 La soluione di questo sistema è anche la soluione della tera equaione, che perciò può essere trascurata. Ciò significa che la retta rappresentata dalla tera equaione passa per il punto di interseione delle due rette rappresentate dalle prime due equaioni. Le tre rette appartengono dunque a un medesimo fascio di rette passanti per uno stesso punto. Questa situaione si presenta allorché una delle tre equaioni si ottiene sommando membro a membro le altre due dopo averle moltiplicate rispettivamente per due numeri. In questo caso la tera equaione è uguale alla somma della prima moltiplicata per e della seconda. isolvendo il sistema, si trova:, Si provi ora se anche la tera equaione viene verificata. Si ha: 8 Si può allora dire che un sistema di n equaioni lineari a due incognite è compatibile se i ranghi delle due matrici sono uguali a oppure a. Nel primo caso, il sistema ammette un unica soluione che si trova risolvendo il sistema di due delle equaioni date. Le rette appartengono al medesimo fascio il cui centro è un punto del piano. Nel secondo caso le rette sono tutte coincidenti e il sistema è indeterminato, ossia tutte le coppie di numeri che verificano una delle equaioni date verificano anche tutte le altre. Sistemi lineari

7 Se il rango della matrice incompleta è e quello della matrice completa è, il sistema è incompatibile. Ciò significa che le rette non appartengono a un medesimo fascio.. a eq. a eq. a eq. O Si considerino le matrici del sistema. A Fig. B Si calcolano i minori del secondo ordine che possono essere estratti dalla matrice A. ; ; Poiché almeno uno dei tre minori del secondo ordine è diverso da ero, si ha: rang (A).. 8 Si calcola il determinante della matrice B. Si ha: Si costruiscono le due matrici del sistema: A Quindi: rang (B). Essendo rang (A) rang (B), il sistema è incompatibile. Le tre rette non appartengono al medesimo fascio. Poiché soltanto due dei minori del secondo ordine sono diversi da ero, non tutte le rette si incontrano a due a due. Infatti, la prima e la tera sono parallele. 8 B Si trovano i minori del secondo ordine estratti dalla matrice A. ; ; Tutti i minori del secondo ordine sono diversi da ero. isulta: rang (A) Sistemi lineari

8 a eq. O a eq. a eq. Fig. Si calcola ora il determinante della matrice B. 8 isulta, così: rang (B). Essendo disuguali i ranghi delle due matrici, il sistema è incompatibile. Poiché inoltre i tre minori del secondo ordine della matrice incompleta sono diversi da ero, le tre rette si intersecano a due a due. Individuano cioè un triangolo.. 8 Si costruiscono le due matrici del sistema. Si ha: A Si calcola il determinante della matrice A. isulta: rang (A). B 8 ( ) ( ). Poiché il rango della matrice completa non può essere minore di quello della matrice incoompleta, si ha: rang (B). Il sistema è compatibile. Essendo inoltre nulla la differena fra il numero delle incognite () e il rango (), esiste una terna soltanto che verifica simultanreamente ler tre equaioni del sistema. Cioè, il grado di indeterminaione è ero. Il sistema quindi è determinato. I tre piani passano per uno stesso punto dello spaio. La soluione del sistema rappresenta le coordinate di tale punto. Si risolve il sistema con la formula di Cramer. Il determinante della matrice dei coefficienti delle incognite è già stato calcolato. Si ha, cioè: Δ A Si calcolano ora i determinanti delle matrici che si ottengono sostituendo una delle colonne della matrice incompleta con la colonna dei termini noti. Si ha: Δ ; Δ 9 ; Δ Sistemi lineari

9 Sistemi lineari 9 isulta: Δ Δ 9 Δ Δ Δ Δ. Si costruiscono le due matrici del sistema. Si ha: A B Si può notare subito che le tere righe di entrambe le matrici sono uguali al doppio della prima sommata alla seconda. Tali righe sono dunque combinaioni lineari delle prime due. Ciò significa che tutti i minori del tero ordine sono nulli. Invece i minori del secondo ordine non sono tutti nulli. Infatti, considerando il minore formato con le prime due righe e le prime due colonne, si ha: isulta, così: rang (A) rang (B) Il sistema è compatibile. Il grado di indeterminaione è perché la differena tra il numero delle incognite e il rango è proprio ( ). Si considerano le prime due equaioni ponendo. Si ha: Si trova: 8 Attribuendo a tutti i valori reali, si ottengono le infinite terne ordinate di numeri che verificano il sistema. Poiché il grado di indeterminaione del sistema è, esso ammette soluioni. I piani rappresentati dalle tre equaioni passano tutti per una stessa retta; i tre piani appartengono quindi allo stesso fascio. Le infinite soluioni del sistema rappresentano le coordinate di tutti i punti della retta interseione dei tre piani Si costruiscono le due matrici del sistema. Si ha: 9 A 9 B

10 Si nota subito che entrambe le matrici hanno la tera riga uguale alla somma delle prime due. Ciò significa che tutti i minori del tero ordine sono nulli. Si constata facilmente che risultano nulli anche tuti i minori del secondo ordine. Di conseguena le caratteristiche di entrambe le matrici sono uguali a. Si ha, cioè: rang (A) rang (B) Il sistema è compatibile. Essendo la differena tra il numero delle incognite e il rango, il sistema è indeterminato con grado di indetereminaione. Ciò significa che due equaioni si possono eliminare. Si considera allora solamente la prima equaione; ponendo e h, si ha: h Il risultato del sistema è: h h Attribuendo tutti i possibili valori reali a e h, si trovano leinfinite terne ordinate di numeri che verificano il sistema. Poiché le soluioni sono funioni di due parametri, il sistema ammette una doppia infinità di soluioni, ossia ammette soluioni. I tre piani sono coincidenti Le matrici del sistema sono: A, B 8 Nella prima matrice la quarta riga è uguale alla somma della prima e della tera moltiplicata per. Inoltre la tera riga è uguale alla somma della prima e della seconda moltiplicata per. Ciò significa che sono tutti nulli i minori del quarto e del tero ordine che possono essere estratti da tale matrice. Poiché il minore del secondo ordine:, si ha: rang(a). Nella seconda matrice tutti i minori del quarto ordine sono nulli perché la tera riga è combinaione lineare delle prime due. Infatti essa è uguale alla somma della prima riga e della seconda moltiplicata per. Con la regola di Cramer si sarebbe indotti a concludere che il sistema è indeterminato, essendo nulli tutti i determinanti del quarto ordine. Infatti, si avrebbe ero fratto ero. Ciò sarebbe vero se il sistema fosse compatibile, ossia se le matrici A e B avessero lo stesso rango. Si constata invece che il rango della matrice completa è. Infatti, si ha: 8 Ossia: rang(b). Il sistema è incompatibile, essendo diversi i ranghi dele due matrici. Applicando la regola di Cramer, invece, si sarebbe ottenuto: Sistemi lineari

11 Sistemi lineari e avremmo concluso che il sistema è indeterminato e quindi compatibile. Da ciò si può comprendere l importana del teorema di ouché Capelli.. Le matrici del sistema sono: A B Il rango della matrice completa è. Infatti preso il minore formato con la prima, la seconda e la quarta colonna, si ha: 8) ( Affinché il sistema sia compatibile, dev essere: Sviluppando, si ottiene: 8, 8. Si può concludere allora che: per 8 il sistema è incompatibile; per 8 il sistema è compatibile e ammette un unica soluione.. Determinare il parametro in modo che il sistema: sia compatibile. Dev essere: ; ; ( ) ( ) ( ) ; ; 8 ; ± ±

12 . Sistemi omogenei DEFINIZIONE In simboli, si ha: Sistemi lineari Un sistema lineare di n equaioni ad n incognite si dice omogeneo se sono nulli tutti i termini noti. a a... a n n a a... an n... an an... ann n Se il determinante della matrice dei coefficienti è diverso da ero, il sistema ammette soltanto la soluione banale: n Se il determinante della matrice dei coefficienti è nullo, il sistema ammette la soluione generale: j A ij (j,,, n) (dove i è un qualunque numero compreso fra e n; fattore di proporionalità; A ij complemento algebrico del termine a ij della matrice dei coefficienti). Quanto detto vale soltanto se non sono tutti nulli i complementi algebrici della riga considerata. Infatti, tenuto conto della regola di Laplace e della proprietà 9 dei determinanti, sussistono le seguenti identità: aai aai... a nain aai aai... an Ain... aiai ai Ai... ain Ain... anai anai... ann Ain Si dimostra facilmente che i sistemi lineari omogenei sono sempre compatibili. Considerando le matrici del sistema, si ha: a a... a n a a... a A... an an... a n nn a a... a n a a... an B... an an... ann Poiché l ultima colonna della matrice completa è formata tutta di eri, il rango di questa matrice è sempre uguale a quello della matrice dei coefficienti. Ecco provato che un sistema lineare omogeneo è sempre compatibile. Il sistema è determinato se il rango della matrice dei coefficienti è uguale al numero delle incognite. La soluione è quella banale formata tutta di eri. Il sistema è indeterminato se il rango della matrice dei coefficienti è minore del numero delle incognite. ESEMPI isolvere il sistema:. ()

13 Sistemi lineari Si calcola il determinante della matrice dei coefficienti. Si ha: Essendo diverso da ero il determinante della matrice dei coefficienti, il sistema ammette soltanto la soluione banale:,,.. Si calcola il determinante della matrice dei coefficienti. Si ha: Essendo nullo il determinante della matrice dei coefficienti, il sistema è indeterminato. Si calcolano i complementi algebrici dei termini della prima riga della matrice dei coefficienti. Si ha: A ) ( A A La terna:,, è una soluione del sistema. La soluione generale del sistema è:,, dove è un qualunque numero reale. La soluione generale di un sistema lineare omogeneo viene denominata anche soluione propria o autosoluione del sistema. Le soluioni espresse nella forma vettoriale:, esprimono il fatto che esse formino un sottospaio di di dimensione : è lo spaio generato dal vettore che ne rappresenta una base.

14 Sistemi lineari. t t t Si calcola il determinante della matrice dei coefficienti. Si ha: perché la quarta colonna è uguale alla somma delle prime due. Si calcolano ora i complementi algebrici della prima riga. Si ha: A 9 A 9 A A 9 Una soluione particolare del sistema è: 9, 9,, t 9. La soluione generale del sistema è: 9, 9,, t 9. In forma vettoriale, si può scrivere. t.. 8 Si trasforma la matrice dei coefficienti, in modo da leggerne il rango. 8 Il rango della matrice dei coefficienti del sistema è. Poiché le incognite sono, le soluioni formano un sottospaio di dimensione. Si risolve l equaione.

15 Sistemi lineari Posto: e h, si ha: h. La soluione del sistema è:, h, h. In forma vettoriale, si ha: h,, h.. Il rango della matrice dei coefficienti è. Infatti, si ha: Poiché il numero delle incognite del sistema è lo stesso di quello che denota il rango della matrice dei coefficienti, il sistema è determinato e ammette perciò soltanto la soluione banale:,. TEOEMA Sia AX B un sistema lineare. Se X è una sua soluione particolare e Z una soluione del sistema omogeneo associato AX O, la soluione del sistema dato può essere espressa nella forma X X Z. IPOTESI AX B, AZ O. TESI X X Z. Sommando membro a membro le due espressioni dell ipotesi, si ha: AX AZ B O. Da cui: A(X Z) B. C.V.D.. 9 Una soluione particolare del sistema è rappresentata dalla terna:,. Si consideri il sistema omogeneo associato : Si trasforma la matrice dei coefficienti, in modo da leggerne il rango.

16 Sistemi lineari Il rango della matrice dei coefficienti del sistema è. Poiché le incognite sono, le soluioni formano un sottospaio di dimensione. Posto, si risolve il sistema: Si trova:., La soluione del sistema omogeneo è: Ossia: h La soluione del sistema dato è: X (,, ) (,, ) h(,, ).

SISTEMI LINEARI: APPROFONDIMENTI ED ESEMPI

SISTEMI LINEARI: APPROFONDIMENTI ED ESEMPI SISTEMI LINEARI: APPROFONDIMENTI ED ESEMPI Appunti presi dalle lezioni del prof. Nedo Checcaglini Liceo Scientifico di Castiglion Fiorentino (Classe 4B) January 17, 005 1 SISTEMI LINEARI Se a ik, b i R,

Dettagli

Equazioni lineari con due o più incognite

Equazioni lineari con due o più incognite Equazioni lineari con due o più incognite Siano date le uguaglianze: k 0; x + y = 6; 3a + b c = 8. La prima ha un termine incognito rappresentato dal simbolo letterale k; la seconda ha due termini incogniti

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI LA SAPIENZA DI ROMA POLO DI RIETI FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELL AMBIENTE E DEL TERRITORIO

UNIVERSITA DEGLI STUDI LA SAPIENZA DI ROMA POLO DI RIETI FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELL AMBIENTE E DEL TERRITORIO UNIVERSITA DEGLI STUDI LA SAPIENZA DI ROMA POLO DI RIETI FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELL AMBIENTE E DEL TERRITORIO Geometria III esonero pariale A.A. 6 Cognome Nome Matricola Codice

Dettagli

Corso di Matematica e Statistica 3 Algebra delle matrici. Una tabella rettangolare: la matrice. Una tabella rettangolare: la matrice

Corso di Matematica e Statistica 3 Algebra delle matrici. Una tabella rettangolare: la matrice. Una tabella rettangolare: la matrice Pordenone Corso di Matematica e Statistica 3 Algebra delle UNIVERSITAS STUDIORUM UTINENSIS Giorgio T. Bagni Facoltà di Scienze della Formazione Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine

Dettagli

FONDAMENTI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA

FONDAMENTI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA Cognome Nome Matricola FONDAMENTI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA Ciarellotto, Esposito, Garuti Prova del 21 settembre 2013 Dire se è vero o falso (giustificare le risposte. Bisogna necessariamente rispondere

Dettagli

Il teorema di Rouché-Capelli

Il teorema di Rouché-Capelli Luciano Battaia Questi appunti (1), ad uso degli studenti del corso di Matematica (A-La) del corso di laurea in Commercio Estero dell Università Ca Foscari di Venezia, campus di Treviso, contengono un

Dettagli

Esercizi sui sistemi di equazioni lineari.

Esercizi sui sistemi di equazioni lineari. Esercizi sui sistemi di equazioni lineari Risolvere il sistema di equazioni lineari x y + z 6 x + y z x y z Si tratta di un sistema di tre equazioni lineari nelle tre incognite x, y e z Poichè m n, la

Dettagli

= (cioè le due terne di numeri direttori ( devono essere ) proporzionali). Tale uguaglianza non è verificata, poiché risulta ρ

= (cioè le due terne di numeri direttori ( devono essere ) proporzionali). Tale uguaglianza non è verificata, poiché risulta ρ Alcuni esercizi sullo spazio euclideo R Nel seguito R indicherà lo spazio euclideo tridimensionale standard, dotato del riferimento cartesiano naturale (pag 56-57 del libro Nota: gli esercizi proposti

Dettagli

Appunti su Indipendenza Lineare di Vettori

Appunti su Indipendenza Lineare di Vettori Appunti su Indipendenza Lineare di Vettori Claudia Fassino a.a. Queste dispense, relative a una parte del corso di Matematica Computazionale (Laurea in Informatica), rappresentano solo un aiuto per lo

Dettagli

RETTE E PIANI NELLO SPAZIO

RETTE E PIANI NELLO SPAZIO VETTORI E GEOMETRIA ANALITICA 1 RETTE E PIANI NELLO SPAZIO Rette e piani in forma cartesiana e parametrica. Parallelismo e perpendicolarità, posizioni reciproche tra rette e piani, distanze. Esercizio

Dettagli

Sistemi lineari. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara

Sistemi lineari. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara Sistemi lineari Lorenzo Pareschi Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara http://utenti.unife.it/lorenzo.pareschi/ lorenzo.pareschi@unife.it Lorenzo Pareschi (Univ. Ferrara)

Dettagli

Condizione di allineamento di tre punti

Condizione di allineamento di tre punti LA RETTA L equazione lineare in x e y L equazione: 0 con,,, e non contemporaneamente nulli, si dice equazione lineare nelle due variabili e. Ogni coppia ; tale che: 0 si dice soluzione dell equazione.

Dettagli

La retta nel piano. Supponiamo che la retta r sia assegnata attraverso un suo punto P 0 (x 0, y 0 ) e un vettore v (l, m) che ne indichi la direzione.

La retta nel piano. Supponiamo che la retta r sia assegnata attraverso un suo punto P 0 (x 0, y 0 ) e un vettore v (l, m) che ne indichi la direzione. La retta nel piano Equazioni vettoriale e parametriche di una retta Supponiamo che la retta r sia assegnata attraverso un suo punto P 0 (x 0, y 0 ) e un vettore v (l, m) che ne indichi la direzione. Condizione

Dettagli

Argomento 13 Sistemi lineari

Argomento 13 Sistemi lineari Sistemi lineari: definizioni Argomento 3 Sistemi lineari I Un equazione nelle n incognite x,,x n della forma c x + + c n x n = b ove c,,c n sono numeri reali (detti coefficienti) eb è un numero reale (detto

Dettagli

SUI SISTEMI LINEARI. 1. Richiami.Il metodo di Gauss. Un equazione nelle incognite. si dice lineare o di primo grado se si può ridurre. R.

SUI SISTEMI LINEARI. 1. Richiami.Il metodo di Gauss. Un equazione nelle incognite. si dice lineare o di primo grado se si può ridurre. R. SUI SISTEMI LINEARI. Richiami.Il metodo di Gauss Un equaione nelle incognite..., n si dice lineare o di primo grado se si può ridurre alla forma: a a... an n b con a, a... an, b R. I numeri a, a... an

Dettagli

1 Ampliamento del piano e coordinate omogenee

1 Ampliamento del piano e coordinate omogenee 1 Ampliamento del piano e coordinate omogenee Vogliamo dare una idea, senza molte pretese, dei concetti che stanno alla base di alcuni calcoli svolti nella classificazione delle coniche. Supponiamo di

Dettagli

SISTEMI LINEARI. x y + 2t = 0 2x + y + z t = 0 x z t = 0 ; S 3 : ; S 5x 2y z = 1 4x 7y = 3

SISTEMI LINEARI. x y + 2t = 0 2x + y + z t = 0 x z t = 0 ; S 3 : ; S 5x 2y z = 1 4x 7y = 3 SISTEMI LINEARI. Esercizi Esercizio. Verificare se (,, ) è soluzione del sistema x y + z = x + y z = 3. Trovare poi tutte le soluzioni del sistema. Esercizio. Scrivere un sistema lineare di 3 equazioni

Dettagli

Chi non risolve esercizi non impara la matematica.

Chi non risolve esercizi non impara la matematica. 5.5 esercizi 9 Per trovare la seconda equazione ragioniamo così: la parte espropriata del primo terreno è x/00, la parte espropriata del secondo è y/00 e in totale sono stati espropriati 000 m, quindi

Dettagli

1. GRADO DI UN SISTEMA. METODI GENERALI DI RISOLUZIONE

1. GRADO DI UN SISTEMA. METODI GENERALI DI RISOLUZIONE 8 SISTEMI DI GRADO SUPERIORE AL. GRADO DI UN SISTEMA. METODI GENERALI DI RISOLUZIONE Si dice grado di un sistema il prodotto fra i gradi delle sue equaioni. + y ( grado) + y ( grado) sistema di 6 grado

Dettagli

EQUAZIONE DELLA RETTA

EQUAZIONE DELLA RETTA EQUAZIONE DELLA RETTA EQUAZIONE DEGLI ASSI L equazione dell asse x è 0. L equazione dell asse y è 0. EQUAZIONE DELLE RETTE PARALLELE AGLI ASSI L equazione di una retta r parallela all asse x è cioè è uguale

Dettagli

Sistemi di equazioni lineari

Sistemi di equazioni lineari Sistemi di equazioni lineari A. Bertapelle 25 ottobre 212 Cos è un sistema lineare? Definizione Un sistema di m equazioni lineari (o brevemente sistema lineare) nelle n incognite x 1,..., x n, a coefficienti

Dettagli

Ingegneria Meccanica; Algebra lineare e Geometria 2008/2009

Ingegneria Meccanica; Algebra lineare e Geometria 2008/2009 Capitolo Ingegneria Meccanica; Algebra lineare e Geometria 8/9. Esercii svolti su rette e piani Eserciio. Stabilire se le due rette r e s sono coincidenti oppure no: ( ( ( ( ( ( 7 r : = + t ; s : = + t

Dettagli

Pagine di Algebra lineare. di premessa al testo Pagine di Geometria di Sara Dragotti. Parte terza: SISTEMI LINEARI

Pagine di Algebra lineare. di premessa al testo Pagine di Geometria di Sara Dragotti. Parte terza: SISTEMI LINEARI Pagine di Algebra lineare di premessa al testo Pagine di Geometria di Sara Dragotti Parte terza: SISTEMI LINEARI 1. Definizioni Dato un campo K ed m 1 polinomi su K in n indeterminate di grado non superiore

Dettagli

Esercizi svolti. risolvere, se possibile, l equazione xa + B = O, essendo x un incognita reale

Esercizi svolti. risolvere, se possibile, l equazione xa + B = O, essendo x un incognita reale Esercizi svolti 1. Matrici e operazioni fra matrici 1.1 Date le matrici 1 2 1 6 A = B = 5 2 9 15 6 risolvere, se possibile, l equazione xa + B = O, essendo x un incognita reale Osservazione iniziale: qualunque

Dettagli

Esercizio 1 (sistema omogeneo) Discutere al variare del parametro k reale il sistema:

Esercizio 1 (sistema omogeneo) Discutere al variare del parametro k reale il sistema: Leione - esercitaioni di lgebra e Geometria - nno accademico 9- Eserciio (sistema omogeneo) Discutere al variare del parametro reale il sistema: ) ( ) ( e risolverlo per. n, m La matrice incompleta del

Dettagli

(x B x A, y B y A ) = (4, 2) ha modulo

(x B x A, y B y A ) = (4, 2) ha modulo GEOMETRIA PIANA 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(0, 4), e B(4, ) trovarne la distanza e trovare poi i punti C allineati con A e con B che verificano: (1) AC = CB (punto medio del segmento AB); ()

Dettagli

Esercizi svolti sui sistemi lineari

Esercizi svolti sui sistemi lineari Francesco Daddi - www.webalice.it/francesco.daddi Esercizi svolti sui sistemi lineari Esercizio 1. Risolvere il seguente sistema lineare al variare del parametro reale t: tx+(t 1)y + z =1 (t 1)y + tz =1

Dettagli

Analisi Matematica 1 e Matematica 1 Geometria Analitica: Rette

Analisi Matematica 1 e Matematica 1 Geometria Analitica: Rette Analisi Matematica 1 e Matematica 1 Geometria Analitica: Rette Annalisa Amadori e Benedetta Pellacci amadori@uniparthenope.it pellacci@uniparthenope.it Università di Napoli Parthenope Contenuti Nel Piano

Dettagli

SISTEMI LINEARI MATRICI E SISTEMI 1

SISTEMI LINEARI MATRICI E SISTEMI 1 MATRICI E SISTEMI SISTEMI LINEARI Sistemi lineari e forma matriciale (definizioni e risoluzione). Teorema di Rouché-Capelli. Sistemi lineari parametrici. Esercizio Risolvere il sistema omogeneo la cui

Dettagli

Corso di Geometria Ing. Informatica e Automatica Test 1: soluzioni

Corso di Geometria Ing. Informatica e Automatica Test 1: soluzioni Corso di Geometria Ing. Informatica e Automatica Test : soluzioni k Esercizio Data la matrice A = k dipendente dal parametro k, si consideri il k sistema lineare omogeneo AX =, con X = x x. Determinare

Dettagli

Metodi per la risoluzione di sistemi lineari

Metodi per la risoluzione di sistemi lineari Metodi per la risoluzione di sistemi lineari Sistemi di equazioni lineari. Rango di matrici Come è noto (vedi [] sez.0.8), ad ogni matrice quadrata A è associato un numero reale det(a) detto determinante

Dettagli

Corso di Geometria BIAR, BSIR Esercizi 10: soluzioni

Corso di Geometria BIAR, BSIR Esercizi 10: soluzioni Corso di Geometria 2010-11 BIAR, BSIR Esercizi 10: soluzioni 1 Geometria dello spazio Esercizio 1. Dato il punto P 0 = ( 1, 0, 1) e il piano π : x + y + z 2 = 0, determinare: a) Le equazioni parametriche

Dettagli

Si consideri il sistema a coefficienti reali di m equazioni lineari in n incognite

Si consideri il sistema a coefficienti reali di m equazioni lineari in n incognite 3 Sistemi lineari 3 Generalità Si consideri il sistema a coefficienti reali di m equazioni lineari in n incognite ovvero, in forma matriciale, a x + a 2 x 2 + + a n x n = b a 2 x + a 22 x 2 + + a 2n x

Dettagli

Esercitazione 6 - Soluzione

Esercitazione 6 - Soluzione Anno Accademico 28-29 Corso di Algebra Lineare e Calcolo Numerico per Ingegneria Meccanica Esercitazione 6 - Soluzione Immagine, nucleo. Teorema di Rouché-Capelli. Esercizio Sia L : R 3 R 3 l applicazione

Dettagli

y 5z = 7 y +8z = 10 +3z = 3

y 5z = 7 y +8z = 10 +3z = 3 Sistemi lineari Sistemi lineari in tre incognite; esempi tipici Tre equazioni incognite x, y, z Consideriamo il seguente sistema di tre equazioni lineari nelle tre x 2y +6z = 11 x +3y 11z = 18 2x 5y +20z

Dettagli

( ) TEORIA DELLE MATRICI. A. Scimone a.s pag 1

( ) TEORIA DELLE MATRICI. A. Scimone a.s pag 1 . Scimone a.s 1997 98 pag 1 TEORI DELLE MTRICI Dato un campo K, definiamo matrice ad elementi in K di tipo (m, n) un insieme di numeri ordinati secondo righe e colonne in una tabella rettangolare del tipo

Dettagli

Sistemi lineari - Parte Seconda - Esercizi

Sistemi lineari - Parte Seconda - Esercizi Sistemi lineari - Parte Seconda - Esercizi Terminologia Operazioni elementari sulle righe. Equivalenza per righe. Riduzione a scala per righe. Rango di una matrice. Forma canonica per righe. Eliminazione

Dettagli

Alcuni esercizi sulla diagonalizzazione di matrici. campo dei reali. Se lo è calcolare una base spettrale e la relativa forma diagonale di A.

Alcuni esercizi sulla diagonalizzazione di matrici. campo dei reali. Se lo è calcolare una base spettrale e la relativa forma diagonale di A. Alcuni esercii sulla diagonaliaione di matrici Eserciio Dire se la matrice A 4 8 è diagonaliabile sul 3 3 campo dei reali Se lo è calcolare una base spettrale e la relativa forma diagonale di A Svolgimento

Dettagli

SISTEMI LINEARI, METODO DI GAUSS

SISTEMI LINEARI, METODO DI GAUSS SISTEMI LINEARI, METODO DI GAUSS Abbiamo visto che un sistema di m equazioni lineari in n incognite si può rappresentare in forma matriciale come A x = b dove: A è la matrice di tipo (m, n) dei coefficienti

Dettagli

1.1 Coordinate sulla retta e nel piano; rette nel piano

1.1 Coordinate sulla retta e nel piano; rette nel piano 1 Sistemi lineari 11 Coordinate sulla retta e nel piano; rette nel piano Coordinate sulla retta Scelti su una retta un primo punto O (origine) ed un diverso secondo punto U (unita ), l identificazione

Dettagli

2. FUNZIONI REALI DI n VARIABILI REALI

2. FUNZIONI REALI DI n VARIABILI REALI FUNZIONI REALI DI n VARIABILI REALI Determinaione del dominio Y Sia D un sottoinsieme dell insieme R R indicato anche con R Graficamente possiamo pensare a D come ad una ona del piano cartesiano secondo

Dettagli

Esercitazione di Analisi Matematica II

Esercitazione di Analisi Matematica II Esercitazione di Analisi Matematica II Barbara Balossi 06/04/2017 Esercizi di ripasso Esercizio 1 Sia data l applicazione lineare f : R 3 R 3 definita come f(x, y, z) = ( 2x + y z, x 2y + z, x y). a) Calcolare

Dettagli

I. Foglio di esercizi su vettori linearmente dipendenti e linearmente indipendenti. , v 2 = α v 1 + β v 2 + γ v 3. α v 1 + β v 2 + γ v 3 = 0. + γ.

I. Foglio di esercizi su vettori linearmente dipendenti e linearmente indipendenti. , v 2 = α v 1 + β v 2 + γ v 3. α v 1 + β v 2 + γ v 3 = 0. + γ. ESERCIZI SVOLTI DI ALGEBRA LINEARE (Sono svolti alcune degli esercizi proposti nei fogli di esercizi su vettori linearmente dipendenti e vettori linearmente indipendenti e su sistemi lineari ) I. Foglio

Dettagli

PIANO CARTESIANO e RETTE classi 2 A/D 2009/2010

PIANO CARTESIANO e RETTE classi 2 A/D 2009/2010 PIANO CARTESIANO e RETTE classi 2 A/D 2009/2010 1) PIANO CARTESIANO serve per indicare, identificare, chiamare... ogni PUNTO del piano (ente geometrico) con una coppia di valori numerici (detti COORDINATE).

Dettagli

La retta nel piano cartesiano

La retta nel piano cartesiano La retta nel piano cartesiano Se proviamo a disporre, sul piano cartesiano, una retta vediamo che le sue possibili posizioni sono sei: a) Coincidente con l asse delle y; b) Coincidente con l asse delle

Dettagli

Esercizi di Matematica di Base Scienze biologiche e Scienze e Tecnologie dell Ambiente

Esercizi di Matematica di Base Scienze biologiche e Scienze e Tecnologie dell Ambiente Esercizi di Matematica di Base Scienze biologiche e Scienze e Tecnologie dell Ambiente Dati i vettori di R (i) Calcolare il prodotto scalare v w, (ii) Stabilire se v e w sono ortogonali, (ii) Stabilire

Dettagli

che sommato ai vettori v

che sommato ai vettori v CALCOLO VETTORIALE EX 1 Due vettori a e b soddisfano le seguenti condiioni: i) a b 1, ii) ( a + b ) a 1, iii) ( a + b ) b 8. Calcolare i moduli dei vettori e l angolo compreso. EX Un vettore a di modulo

Dettagli

Prodotto scalare e ortogonalità

Prodotto scalare e ortogonalità Prodotto scalare e ortogonalità 12 Novembre 1 Il prodotto scalare 1.1 Definizione Possiamo estendere la definizione di prodotto scalare, già data per i vettori del piano, ai vettori dello spazio. Siano

Dettagli

Per equazione lineare nelle incognite x, y intendo un equazione del tipo. ax = b,

Per equazione lineare nelle incognite x, y intendo un equazione del tipo. ax = b, Matematica II 161110 1 Equazioni lineari in una incognita Per equazione lineare nell incognita x intendo un equazione del tipo ax = b dove a b sono due costanti reali a e il coefficiente e b e il termine

Dettagli

C I R C O N F E R E N Z A...

C I R C O N F E R E N Z A... C I R C O N F E R E N Z A... ESERCITAZIONI SVOLTE 3 Equazione della circonferenza di noto centro C e raggio r... 3 Equazione della circonferenza di centro C passante per un punto A... 3 Equazione della

Dettagli

1 Definizione di sistema lineare non-omogeneo.

1 Definizione di sistema lineare non-omogeneo. Geometria Lingotto LeLing: Sistemi lineari non-omogenei Ārgomenti svolti: Sistemi lineari non-omogenei Il metodo di Gauss-Jordan per sistemi non-omogenei Scrittura della soluzione generale Soluzione generale

Dettagli

Geometria analitica del piano pag 12 Adolfo Scimone

Geometria analitica del piano pag 12 Adolfo Scimone Geometria analitica del piano pag 12 Adolfo Scimone Fasci di rette Siano r e r' due rette distinte di equazioni r: ax + by + c r': a' x + b' y + c' Consideriamo la retta combinazione lineare delle due

Dettagli

MATRICI E VETTORI APPROFONDIMENTO PER IL CORSO DI LABORATORIO DI INFORMATICA SARA POLTRONIERI

MATRICI E VETTORI APPROFONDIMENTO PER IL CORSO DI LABORATORIO DI INFORMATICA SARA POLTRONIERI MATRICI E VETTORI APPROFONDIMENTO PER IL CORSO DI LABORATORIO DI INFORMATICA SARA POLTRONIERI LE MATRICI DEFINIZIONE: Una matrice è un insieme di numeri disposti su righe e colonne. 1 3 7 M = 2 5 1 M è

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA 5 LA RETTA

UNITÀ DIDATTICA 5 LA RETTA UNITÀ DIDATTICA 5 LA RETTA 5.1 - La retta Equazione generica della retta Dalle considerazioni emerse nel precedente capitolo abbiamo compreso come una funzione possa essere rappresentata da un insieme

Dettagli

GEOMETRIA PIANA. 1) sia verificata l uguaglianza di segmenti AC = CB (ossia C è punto medio del segmento AB);

GEOMETRIA PIANA. 1) sia verificata l uguaglianza di segmenti AC = CB (ossia C è punto medio del segmento AB); VETTORI E GEOMETRIA ANALITICA 1 GEOMETRIA PIANA Segmenti e distanza tra punti. Rette in forma cartesiana e parametrica. Posizioni reciproche di due rette, parallelismo e perpendicolarità. Angoli e distanze.

Dettagli

Parte 10. Geometria dello spazio I

Parte 10. Geometria dello spazio I Parte 10. Geometria dello spazio I A. Savo Appunti del Corso di Geometria 2013-14 Indice delle sezioni 1 Lo spazio vettoriale V 3 O, 1 2 Dipendenza e indipendenza lineare in V 3 O, 2 3 Sistema di riferimento

Dettagli

Geometria BATR-BCVR Esercizi 9

Geometria BATR-BCVR Esercizi 9 Geometria BATR-BCVR 2015-16 Esercizi 9 Esercizio 1. Per ognuna delle matrici A i si trovi una matrice ortogonale M i tale che Mi ta im sia diagonale. ( ) 1 1 2 3 2 A 1 = A 2 1 2 = 1 1 0 2 0 1 Esercizio

Dettagli

Esercizi sulla retta. Gruppo 1 (4A TSS SER, 4B TSS SER, 4A AM )

Esercizi sulla retta. Gruppo 1 (4A TSS SER, 4B TSS SER, 4A AM ) Esercizi sulla retta. Gruppo 1 (4A TSS SER, 4B TSS SER, 4A AM ) 1. Scrivere l'equazione della retta passante per i punti P1(-3,1), P2(2,-2). Dobbiamo applicare l'equazione di una retta passante per due

Dettagli

SOTTOSPAZI E OPERAZIONI IN SPAZI DIVERSI DA R n

SOTTOSPAZI E OPERAZIONI IN SPAZI DIVERSI DA R n SPAZI E SOTTOSPAZI 1 SOTTOSPAZI E OPERAZIONI IN SPAZI DIVERSI DA R n Spazi di matrici. Spazi di polinomi. Generatori, dipendenza e indipendenza lineare, basi e dimensione. Intersezione e somma di sottospazi,

Dettagli

Geometria Analitica Domande e Risposte

Geometria Analitica Domande e Risposte Geometria Analitica Domande e Risposte A. Il Piano Cartesiano. Qual è la formula della distanza tra due punti nel piano cartesiano? Per calcolare la formula della distanza tra due punti nel piano cartesiano

Dettagli

GEOMETRIA LINEARE E CONICHE - GIUGNO 2002. 1. Nello spazio ordinario, assegnato un riferimento ortonormale si considerino le rette: x = z 2 y = z

GEOMETRIA LINEARE E CONICHE - GIUGNO 2002. 1. Nello spazio ordinario, assegnato un riferimento ortonormale si considerino le rette: x = z 2 y = z GEOMETRIA LINEARE E CONICHE - GIUGNO 2002 1. Nello spazio ordinario, assegnato un riferimento ortonormale si considerino le rette: r : x = z y = 0 x = z 2, s : y = z. Dopo aver provato che r ed s sono

Dettagli

2x 5y +4z = 3 x 2y + z =5 x 4y +6z = A =

2x 5y +4z = 3 x 2y + z =5 x 4y +6z = A = Esercizio 1. Risolvere il sistema lineare 2x 5y +4z = x 2y + z =5 x 4y +6z =10 (1) Soluz. La matrice dei coefficienti è 1 4 6, calcoliamone il rango. Il determinante di A è (applico la regola di Sarrus):

Dettagli

1 Equazioni parametriche e cartesiane di sottospazi affini di R n

1 Equazioni parametriche e cartesiane di sottospazi affini di R n 2 Trapani Dispensa di Geometria, Equazioni parametriche e cartesiane di sottospazi affini di R n Un sottospazio affine Σ di R n e il traslato di un sottospazio vettoriale. Cioe esiste un sottospazio vettoriale

Dettagli

Dipendenza e indipendenza lineare

Dipendenza e indipendenza lineare Dipendenza e indipendenza lineare Luciano Battaia Questi appunti () ad uso degli studenti del corso di Matematica (A-La) del corso di laurea in Commercio Estero dell Università Ca Foscari di Venezia campus

Dettagli

SISTEMI LINEARI. x 2y 2z = 0. Svolgimento. Procediamo con operazioni elementari di riga sulla matrice del primo sistema: 1 1 1 3 1 2 R 2 R 2 3R 0 4 5.

SISTEMI LINEARI. x 2y 2z = 0. Svolgimento. Procediamo con operazioni elementari di riga sulla matrice del primo sistema: 1 1 1 3 1 2 R 2 R 2 3R 0 4 5. SISTEMI LINEARI Esercizi Esercizio. Risolvere, se possibile, i seguenti sistemi: x y z = 0 x + y + z = 3x + y + z = 0 x y = 4x + z = 0, x y z = 0. Svolgimento. Procediamo con operazioni elementari di riga

Dettagli

Sottospazi vettoriali. Nota Bene: Questo materiale non deve essere considerato come sostituto delle lezioni.

Sottospazi vettoriali. Nota Bene: Questo materiale non deve essere considerato come sostituto delle lezioni. Politecnico di Torino. Sottospazi vettoriali. Nota Bene: Questo materiale non deve essere considerato come sostituto delle lezioni. Argomenti: Sottospazi. Generatori. Confrontando sottospazi: intersezione.

Dettagli

Esercizi svolti. Geometria analitica: rette e piani

Esercizi svolti. Geometria analitica: rette e piani Esercizi svolti. Sistemi di riferimento e vettori. Dati i vettori v = i + j k, u =i + j + k determinare:. il vettore v + u ;. gli angoli formati da v e u;. i vettore paralleli alle bisettrici di tali angoli;

Dettagli

Lezione 10: Teorema di Rouchè-Capelli e la classificazione dei sistemi lineari

Lezione 10: Teorema di Rouchè-Capelli e la classificazione dei sistemi lineari Lezione 10: Teorema di Rouchè-Capelli e la classificazione dei sistemi lineari In questa lezione ci dedicheremo a studiare a fondo quali proprietà della matrice dei coefficienti di un sistema (e della

Dettagli

RETTE E PIANI. ove h R. Determinare i valori di h per cui (1) r h e α sono incidenti ed, in tal caso, determinare l angolo ϑ h da essi formato;

RETTE E PIANI. ove h R. Determinare i valori di h per cui (1) r h e α sono incidenti ed, in tal caso, determinare l angolo ϑ h da essi formato; RETTE E PIANI Esercizi Esercizio 1. Nello spazio con riferimento cartesiano ortogonale Oxyz si considerino la retta r h ed il piano α rispettivamente di equazioni x = 1 + t r h : y = 1 t α : x + y + z

Dettagli

Metodo di Gauss-Jordan 1

Metodo di Gauss-Jordan 1 Metodo di Gauss-Jordan 1 Nota Bene: Questo materiale non debe essere considerato come sostituto delle lezioni. Ārgomenti svolti: Riduzione per righe e matrici equivalenti per righe. Forma echelon e sistemi

Dettagli

x1 + 2x 2 + 3x 3 = 0 nelle tre incognite x 1, x 2, x 3. Possiamo risolvere l equazione ricavando l incognita x 1 x 1 = 2x 2 3x 3 2r 1 3r 2 x 2 x 3

x1 + 2x 2 + 3x 3 = 0 nelle tre incognite x 1, x 2, x 3. Possiamo risolvere l equazione ricavando l incognita x 1 x 1 = 2x 2 3x 3 2r 1 3r 2 x 2 x 3 Matematica II -..9 Spazio delle soluzioni di un sistema lineare omogeneo.. Consideriamo l equazione lineare omogenea nelle tre incognite x, x, x 3. x + x + 3x 3 = Possiamo risolvere l equazione ricavando

Dettagli

misura. Adesso, ad un arbitrario punto P dello spazio associamo una terna di numeri reali x

misura. Adesso, ad un arbitrario punto P dello spazio associamo una terna di numeri reali x 4. Geometria di R 3. Questo paragrafo è molto simile al paragrafo : tratta infatti delle proprietà geometriche elementari dello spazio R 3. Per assegnare delle coordinate nello spazio, fissiamo innanzitutto

Dettagli

LA PARABOLA. Parabola con asse di simmetria coincidente con l asse y e passante per l origine. Equazione canonica Vertice V ( 0,0) Fuoco

LA PARABOLA. Parabola con asse di simmetria coincidente con l asse y e passante per l origine. Equazione canonica Vertice V ( 0,0) Fuoco LA PARABOLA La parabola è il luogo geometrico dei punti del piano equidistanti da un punto fisso F detto fuoco e da una retta fissa detta direttrice. Parabola con asse di simmetria coincidente con l asse

Dettagli

La riduzione a gradini e i sistemi lineari (senza il concetto di rango)

La riduzione a gradini e i sistemi lineari (senza il concetto di rango) CAPITOLO 4 La riduzione a gradini e i sistemi lineari (senza il concetto di rango) Esercizio 4.1. Risolvere il seguente sistema non omogeneo: 2x+4y +4z = 4 x z = 1 x+3y +4z = 3 Esercizio 4.2. Risolvere

Dettagli

Sistemi di 1 grado in due incognite

Sistemi di 1 grado in due incognite Sistemi di 1 grado in due incognite Problema In un cortile ci sono polli e conigli: in totale le teste sono 7 e zampe 18. Quanti polli e quanti conigli ci sono nel cortile? Soluzione Indichiamo con e con

Dettagli

Appunti: il piano cartesiano. Distanza tra due punti

Appunti: il piano cartesiano. Distanza tra due punti ppunti: il piano cartesiano Distanza tra due punti Come determinare la distanza tra i punti ( ; ) e ( ; ): Se i due punti e hanno la stessa ascissa = allora (-3;1) (-3; 5) d()= d()= 1 5 4 4 Se i due punti

Dettagli

Esercizi di Geometria e Algebra Lineare C.d.L. Ingegneria Meccanica

Esercizi di Geometria e Algebra Lineare C.d.L. Ingegneria Meccanica Esercizi di Geometria e Algebra Lineare C.d.L. Ingegneria Meccanica 1) Dati i vettori a = (2, 4), b = (1, 2), c = ( 1, 1), d = (3, 6), stabilire se c e d appartengono a Span(a, b}). 2) Nello spazio vettoriale

Dettagli

ESERCIZI SULLE MATRICI

ESERCIZI SULLE MATRICI ESERCIZI SULLE MATRICI Consideriamo il sistema lineare a, x + a, x + + a,n x n = b a, x + a, x + + a,n x n = b a m, x + a m, x + + a m,n x n = b m di m equazioni in n incognite che ha a, a,n A = a m, a

Dettagli

MODULO 3 TITOLO EQUAZIONI E DISEQUAZIONI ALGEBRICHE DI PRIMO GRADO FINALITA OBIETTIVI

MODULO 3 TITOLO EQUAZIONI E DISEQUAZIONI ALGEBRICHE DI PRIMO GRADO FINALITA OBIETTIVI MODULO TITOLO FINALITA EQUAZIONI E DISEQUAZIONI ALGEBRICHE DI PRIMO GRADO Risoluzione delle equazioni e delle disequazioni algebriche di primo grado con una o più incognite e loro applicazioni PREREQUISITI

Dettagli

LA RETTA NEL PIANO CARTESIANO

LA RETTA NEL PIANO CARTESIANO LA RETTA NEL PIANO CARTESIANO LE COORDINATE CARTESIANE Quando si vuole fissare un sistema di coordinate cartesiane su una retta r, è necessario considerare: un punto O detto origine; un verso di percorrenza;

Dettagli

B6. Sistemi di primo grado

B6. Sistemi di primo grado B6. Sistemi di primo grado Nelle equazioni l obiettivo è determinare il valore dell incognita che verifica l equazione. Tale valore, se c è, è detto soluzione. In un sistema di equazioni l obiettivo è

Dettagli

7. Integrazione delle funzioni di più variabili (II)

7. Integrazione delle funzioni di più variabili (II) 7. Integraione delle funioni di più variabili (II) http://eulero.ing.unibo.it/~baroi/scam/scam-tr.7b.pdf 7.5 Area del parallelogramma costruito su due vettori. Volume del parallelepipedo costruito su tre

Dettagli

Applicazioni lineari e diagonalizzazione. Esercizi svolti

Applicazioni lineari e diagonalizzazione. Esercizi svolti . Applicazioni lineari Esercizi svolti. Si consideri l applicazione f : K -> K definita da f(x,y) = x + y e si stabilisca se è lineare. Non è lineare. Possibile verifica: f(,) = 4; f(,4) = 6; quindi f(,4)

Dettagli

Algebra Lineare (Matematica C.I.), 12.11.13. Sistemi di equazioni lineari. 1. Un equazione lineare in una incognita reale x e un equazione del tipo

Algebra Lineare (Matematica C.I.), 12.11.13. Sistemi di equazioni lineari. 1. Un equazione lineare in una incognita reale x e un equazione del tipo Algebra Lineare (Matematica C.I.), 12.11.13 Sistemi di equazioni lineari 1. Un equazione lineare in una incognita reale x e un equazione del tipo ax = b, dove a e b sono numeri reali dati; a e il coefficiente

Dettagli

ESERCIZI MATEMATICA GENERALE - Canale III

ESERCIZI MATEMATICA GENERALE - Canale III ESERCIZI MATEMATICA GENERALE - Canale III Vettori Prof. A. Fabretti 1 A.A. 009/010 1 Dati in R i vettori v = (1,,, u = (,, 1 e w = (,, calcolare: a la combinazione lineare u + v + 4 w b il prodotto scalare

Dettagli

Geometria analitica di base. Equazioni di primo grado nel piano cartesiano Funzioni quadratiche Funzioni a tratti Funzioni di proporzionalità inversa

Geometria analitica di base. Equazioni di primo grado nel piano cartesiano Funzioni quadratiche Funzioni a tratti Funzioni di proporzionalità inversa Equazioni di primo grado nel piano cartesiano Funzioni quadratiche Funzioni a tratti Funzioni di proporzionalità inversa Equazioni di primo grado nel piano cartesiano Risoluzione grafica di un equazione

Dettagli

Prof. I. Savoia. SISTEMI LINEARI E RETTA (VERSIONE PROVVISORIA NON ULTIMATA)

Prof. I. Savoia. SISTEMI LINEARI E RETTA (VERSIONE PROVVISORIA NON ULTIMATA) SISTEMI LINEARI E RETTA 1 Proprietà e rappresentazione grafica dei sistemi lineari. I sistemi lineari in due incognite sono insiemi di due equazioni di primo grado, nei qualiciascuna di esse rappresenta

Dettagli

LE EQUAZIONI DI SECONDO GRADO

LE EQUAZIONI DI SECONDO GRADO LE EQUAZIONI DI SECONDO GRADO Definizione: un equazione è di secondo grado se, dopo aver applicato i principi di equivalenza, si può scrivere nella forma, detta normale: ax + bx + c 0!!!!!con!a 0 Le lettere

Dettagli

CONTENUTI. Ci proponiamo un ripasso di argomenti sicuramente svolti nelle scuole superiori e quindi noti a tutti. I grado II grado

CONTENUTI. Ci proponiamo un ripasso di argomenti sicuramente svolti nelle scuole superiori e quindi noti a tutti. I grado II grado CONTENUTI Ci proponiamo un ripasso di argomenti sicuramente svolti nelle scuole superiori e quindi noti a tutti EQUAZIONI I grado II grado intere fratte intere fratte EQUAZIONI ALGEBRICHE generalità Dicesi

Dettagli

Esercizi per Geometria II Geometria euclidea e proiettiva

Esercizi per Geometria II Geometria euclidea e proiettiva Esercizi per Geometria II Geometria euclidea e proiettiva Filippo F. Favale 8 aprile 014 Esercizio 1 Si consideri E dotato di un riferimento cartesiano ortonormale di coordinate (x, y) e origine O. Si

Dettagli

Matematica II,

Matematica II, Matematica II,.05.04 Diamo qui la nozione di determinante di una matrice quadrata, le sue prime proprieta, e ne deriviamo una caratterizzazione delle matrici non singolari e una formula per l inversa di

Dettagli

Geometria analitica di base (seconda parte)

Geometria analitica di base (seconda parte) SAPERE Al termine di questo capitolo, avrai appreso: il concetto di luogo geometrico la definizione di funzione quadratica l interpretazione geometrica di un particolare sistema di equazioni di secondo

Dettagli

Inversa di una matrice

Inversa di una matrice Geometria Lingotto. LeLing: La matrice inversa. Ārgomenti svolti: Inversa di una matrice. Unicita e calcolo della inversa. La inversa di una matrice. Il gruppo delle matrici invertibili. Ēsercizi consigliati:

Dettagli

Circonferenze del piano

Circonferenze del piano Circonferenze del piano 1 novembre 1 Circonferenze del piano 1.1 Definizione Una circonferenza è il luogo dei punti equidistanti da un punto fisso, detto centro. La distanza di un qualunque punto della

Dettagli

Esercitazione di Geometria I 13 dicembre Esercizio 1. Esercizio 2. Esercizio 3

Esercitazione di Geometria I 13 dicembre Esercizio 1. Esercizio 2. Esercizio 3 Esercitazione di Geometria I 13 dicembre 2008 a. Completa la seguente definizione: i vettori v 1, v 2,..., v n del K-spazio vettoriale V si dicono linearmente dipendenti se... b. Siano w 1, w 2, w 3 vettori

Dettagli

LA PARABOLA E LA SUA EQUAZIONE

LA PARABOLA E LA SUA EQUAZIONE LA PARABOLA E LA SUA EQUAZIONE Prof. Giovanni Ianne CHE COS È LA PARABOLA DEFINIZIONE Parabola Scegliamo sul piano un punto F e una retta d. Possiamo tracciare sul piano i punti equidistanti da F e da

Dettagli

Vettori e geometria analitica in R 3 1 / 25

Vettori e geometria analitica in R 3 1 / 25 Vettori e geometria analitica in R 3 1 / 25 Sistemi di riferimento in R 3 e vettori 2 / 25 In fisica, grandezze fondamentali come forze, velocità, campi elettrici e magnetici vengono convenientemente descritte

Dettagli

1 Riduzione per righe e matrici equivalenti per righe.

1 Riduzione per righe e matrici equivalenti per righe. Geometria Lingotto. LeLing2: Sistemi lineari omogenei. Ārgomenti svolti: Riduzione per righe e matrici equivalenti per righe. Forma echelon e sistemi gia risolti. Il metodo di Gauss-Jordan e la forma echelon.

Dettagli

Dipendenza e indipendenza lineare (senza il concetto di rango)

Dipendenza e indipendenza lineare (senza il concetto di rango) CAPITOLO 5 Dipendenza e indipendenza lineare (senza il concetto di rango) Esercizio 5.1. Scrivere un vettore w R 3 linearmente dipendente dal vettore v ( 1, 9, 0). Esercizio 5.2. Stabilire se i vettori

Dettagli

Algebra lineare Geometria 1 11 luglio 2008

Algebra lineare Geometria 1 11 luglio 2008 Algebra lineare Geometria 1 11 luglio 2008 Esercizio 1. Si considerino la funzione: { R f : 3 R 3 (α, β, γ) ( 2β α γ, (k 1)β + (1 k)γ α, 3β + (k 2)γ ) dove k è un parametro reale, e il sottospazio U =

Dettagli