IMPRESE. Inizia domani una nuova. Itassisti fiorentini s arrabbiano con il Comune TOSCANA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IMPRESE. Inizia domani una nuova. Itassisti fiorentini s arrabbiano con il Comune TOSCANA"

Transcript

1 Lunedì, 14 Settembre 2015 Il punto Occasione «Europa» per il porto di Livorno Con Rossi sponsor 2 Le locomotive Magenta, un software e una telecamera per muoversi meglio 5 I distretti Arezzo cambia l oro: design, alta gioielleria e prodotti per le griffe 7 TOSCANA UOMINI, AZIENDE, TERRITORI IMPRESE Via alla nuova era Normalità in vista sul Monte di Silvia Ognibene Poste Italiane Sped. in A.P. D.L. 353/2003 conv. L.46/2004 art. 1, c1 DCB Milano. Non può essere distribuito separatamente dal Corriere della Sera Inizia domani una nuova era per il Monte dei Paschi: l assemblea dei soci nominerà al vertice Massimo Tononi, uomo esperto in fusioni e acquisizioni. Se ne va da Siena anche il Cfo Bernardo Mingrone. Finita con uno choc l era Mussari, nella stagione di Profumo sono arrivati i piani industriali lacrime e sangue, le ricapitalizzazioni e l ingresso dello Stato nel capitale, infine, il ritorno all utile. Il Monte è di nuovo in piedi. Ma a Francoforte restano convinti che Siena debba comunque andare in sposa a qualcuno. Tutti i principi azzurri indicati dalle voci di corridoio hanno però smentito ogni interesse. «Non c è la fila dei pretendenti», ha detto il presidente della Fondazione, Marcello Clarich, che ha anche ribadito che non sarà certo Palazzo Sansedoni a condizionare le scelte future della banca, avendo ormai in mano meno dell 1,50%; da quando, con Gabriello Mancini, controllava il 55% di Mps e ne difendeva la non scalabilità a prezzo della pelle, il mondo è cambiato. La Fondazione rappresenta ancora il filo che lega banca e territorio, un filo sempre più sottile. Anche qui è tempo di partenze e arrivi: il nuovo Provveditore, Davide Usai, tra le altre cose, è un esperto fundraiser, come dire che la Fondazione che un tempo dava (tanti) soldi, ora li cerca. Mentre Mps si avvia a diventare sostanzialmente una public company. A diventare, forse, una banca normale. Un cambiamento epocale, di cui dopo i traumi la città del Palio aveva bisogno. Sguardi SUPERATI DA UNA APP (SE IL TAXI NON VA AVANTI) di David Allegranti Folla di turisti su Ponte Vecchio a Firenze (foto Gasperini/Sestini) Turismo, caccia al tesoro La Regione vuole redistribuire i milioni ottenuti dalla tassa di soggiorno e utilizzare quelle risorse per promuovere anche i territori meno conosciuti Firenze guida la rivolta delle città d arte contro il modello Robin Hood «Una follia far pesare i costi di tutti sui Comuni più consumati dai visitatori» Itassisti fiorentini s arrabbiano con il Comune perché l assessore alle attività economiche Giovanni Bettarini vuole aprire anche se non si è capito bene come a Uber. Con la app di Uber richiedi, via cellulare, un auto e in pochi minuti vieni messo in contatto con un autista che fa parte del servizio (in Italia è attivo solo con gli Ncc, Noleggio con conducente). Protesta il presidente di Uritaxi Claudio Giudici: «Sarebbe un paradosso se, a dispetto del servizio taxi fiorentino, Bettarini si dimostrasse collaborativo con chi ha fatto parlare di sé a livello mondiale per la mancata supervisione dei propri guidatori». Sarebbe paradossale, piuttosto, se la politica non si ponesse il problema, per lentezza o incapacità, di come affrontare la sfida lanciata da Uber e da tutti gli altri «disintermediatori» frutto delle rivoluzioni tecnologiche. E finora, dice Stefano Feltri nel suo ultimo saggio La politica non serve a niente, appena pubblicato da Rizzoli, è stato così. Non spetta solo alla politica accettare il confronto, ma anche alle associazioni di categoria. A Singapore, la più importante cooperativa di radiotaxi ha sfidato Uber con una sua applicazione («GrabTaxi»), che ha avuto successo. A Firenze quantomeno si può discutere di licenze da aumentare (ora a pagina 3

2 2 Lunedì 14 Settembre 2015 Corriere Imprese di Marzio Fatucchi Il governatore Enrico Rossi volerà a Bruxelles dove domani per presentare un anteprima del bando per il project financing sulla «Darsena Europa» di Livorno. Con lui, oltre ai vertici dell Autorità portuale, due vice presidenti del Parlamento europeo (David Sassoli, Pd, e Antonio Tajani, Forza Italia), i responsabili della Direzione generale mobilità e trasporti della Commissione europea, CUCINA TUTTI ITALIANI CON GLI SPAGHETTI MODELLO IKEA Gift s House, piccola azienda pisana con una ventina di dipendenti, alla conquista del mondo con gli spaghetti modello Ikea. «Io cuoco» è una scatola di cartone che contiene tutto il necessario per farsi un piatto di pasta, tranne l acqua e il tempo: sale grosso, spezie, base di pomodoro, pasta, olive, capperi o altro, secondo le ricette. Ciascun ingrediente è numerato e nella scatola MERCATI si trova anche il tutorial per procedere passo dopo passo. La differenza rispetto alla pasta pronta già nei supermercati di mezzo mondo è l alta qualità delle materie e il fatto che chiunque può imparare a cucinare da solo. Il kit «Io cuoco» è stato lanciato sul mercato nel maggio scorso e già sono attive trattative commerciali con Francia, Spagna, Stati Uniti e Cina. R.E. VINO MENO UVA, MA IN EQUILIBRIO PERFETTO Dai grandi produttori ai piccoli, da chi è vocato all export a chi commercializza poche bottiglie, sono tuti d accordo: ci sono le premesse perché la vendemmia 2015 in Toscana sia eccezionale, per tutte le uve. «Possiamo già classificare questa vendemmia tra le migliori degli ultimi 20 anni ha sottolineato Francesco Colpizzi, presidente della federazione vitivinicola di Confagricoltura Toscana Abbiamo uve sane, in perfetto equilibrio, capaci di esprimere vini con un carattere straordinario, anche se il ICONE quantitativo sarà inferiore di un 5%». «Sperando in un tempo ancora clemente per un paio di settimane, avremo una grande annata, sia per i bianchi che per i rossi ha detto Lamberto Frescobaldi A vendemmia appena iniziata prevediamo un annata di grande qualità». Mauro Bonciani IL PUNTO ROSSI, LIVORNO E L OCCASIONE EUROPA E Piazza Affari B & C Speakers S.p.A. 7,42 7,40 7,42 7,40 Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. 1,815 1,891 1,905 1,811 Banca Etruria BioDue Spa N S W Borgosesia 0,709 0,709 0,709 Settimana dal 7 al 11 settembre SOSPESA 6,14 6,15 6,15 6,18 Briefing La bussola della settimana 0,705 e l ambasciatore italiano all Ue Marco Perona. Ma più di chi è sul «palco», conta chi è in sala: sono stati infatti convocati i principali operatori di terminal e movimentazione merci internazionali, i loro portavoce saranno il segretario dell Associazione europea armatori, Patrick Verhoeven e quello della Federazione europea degli operatori portuali, Lamia Belkaid. Dall interesse dei 7,40 6,07 CHL S.p.A. Piaggio & C. S.p.A. 0,0392 0,0394 0,0397 0,0396 0,0393 2,41 2,44 2,48 2,47 Dada S.p.A. 2,61 2,63 2,66 2,63 El.En. S.p.A. 41,60 Ergy Capital 41,77 0,0905 0,0903 Eukedos 1,105 1,070 41,89 1,078 41,24 1,052 2,55 41,50 1,087 FrendyEnergy 0,780 0,770 0,779 0,779 0,760 Intek Spa 0,304 0,294 Softec Spa, società attiva nei settori del marketing e della comunicazione digitale, nata a Firenze nel 1997 e quotata dal 2012, sarà acquisita da FullSix Spa che si incarica di portarla fuori dalla crisi registrata nell ultimo periodo (ricavi 2014 in calo di quasi il 19% e situazione finanziaria netta negativa per oltre 2 milioni). L integrazione avverrà attraverso un aumento di capitale a SOFTWARE UN ALGORITMO PER IL MEYER E UNO PER LA FERRARI Algoritmi per l affidabilità e l organizzazione: dal laboratorio universitario al mercato mondiale, in due mosse. Filippo Visintin, pratese doc, ha studiato in Italia e negli Stati Uniti. È dottore di ricerca di ingegneria industriale, al pari dei sette soci fondatori di Smart Operations, l azienda nata lo scorso anno dal laboratorio di ricerca dell ateneo di Firenze Ibis (che ha sede a Prato). La società produce software, ed è tecnicamente uno spin off dell ateneo. Sul loro marchio c è il logo dell Università, ma Smart Operations è una Srl a tutti gli effetti. Che vanta già clienti di livello. Le due principali linee di prodotto sono nate entrambe da progetti di ricerca: la prima è uno strumento utile a compiere indagini sull affidabilità, sviluppato per Ferrari-gestione sportiva; la seconda è la «Smart operating room», software che consente di pianificare l attività chirurgica (non urgente) in una struttura sanitaria, ordinando le risorse di personale e strumenti. Giorgio Bernardini Sesa 0,0924 0,0903 0,0903 0,295 0,298 0,300 Rosss S.p.A. 1,090 Salvatore Ferragamo S.p.A. 23,42 23,42 23,64 23,33 23,38 14,18 Softec S.p.A. 1,078 14,27 Toscana Aeroporti S.p.A. 1,063 14,60 1,058 14,89 2,43 1,051 14,83 Snai S.p.A. 1,175 1,181 1,180 1,161 1,175 SOSPESA 15,31 15,40 15,66 15,30 pagamento di Softec riservato a FullSix (4,14 euro per azione) che acquisirà così il 70% della società e poi procederà all Opa. Da venerdì le azioni Softec sono sospese dalle negoziazioni. Al termine dell operazione la sede legale di Softec sarà trasferita da Firenze a Milano. RICERCA AGRICOLTURA L INTEGRAZIONE CON L OLIO D OLIVA NELL AZIENDA BIO Iprofughi fanno l olio d oliva. Succede alla fattoria di Maiano, a Fiesole, dove cinque giovani africani raccolgono le olive e le lavorano nel frantoio dell azienda agricola. Dove si occupano anche di curare i vitelli e il giardino botanico. Uno di loro è assunto a tempo indeterminato, un altro lo sarà a breve. Mentre un altro ha un contratto a ore e gli altri stanno concludendo il periodo di tirocinio. Si muovono fra i 300 ettari della fattoria biologica, portando all azienda una ventata di efficienza. Ed è anche grazie a loro se la fattoria di Maiano non conosce crisi. Spiega il responsabile Tommaso Miari Fulcis: «Questi ragazzi lavorano con grande dedizione e passione». Alcuni hanno già dimestichezza con gli animali, visti i loro trascorsi nelle aree rurali dell Africa subsahariana. Altri hanno mosso i primi passi grazie alla cooperativa sociale «Il Cenacolo», che si è occupata del loro inserimento insieme ai padri rogazionisti di via Poggio Gherardo. Jacopo Storni privati infatti passeranno i 300 milioni di investimenti per completare il progetto per cui Regione, Governo e Autorità portuale hanno pronti 500 milioni. Ma la sfida non finisce qua. Con questa operazione, la Regione deve dimostrare (anche per convincere i privati) che Livorno è davvero uno dei porti su cui l Italia punta, che Ferrovie sono pronte a rendere le tratte dalla Toscana verso il Nord Europa compatibili con il trasporto dei container (i finanziamenti servono anche a questo). E che il nostro Paese, per una volta, lavora con un indirizzo unico, dal livello locale (fondamentale sarà il ruolo del Comune di Livorno, da cui passano le scelte urbanistiche) fino al Governo, che deve ora dire cosa davvero intendere fare sulla riforma dell Authority portuali, in 15,50 SOCIALE 5I profughi assunti dalla Fattoria di Maiano della famiglia Miari Fulcis fase di modifica. Cioè se la riforma sarà il parto di interessi locali (così sembrava, quando in un primo momento si prospettava uno «spezzatino» per i porti toscani, divisi tra Lazio e Liguria) o invece di una unità di programmazione su un settore, quello del trasporto merci e passeggeri via nave, su cui l Italia vanta un atavico ritardo. BANCHE UNA HOLDING PER ETRURIA SE LA UE DICE SI Si gioca tra Roma e Bruxelles il futuro di Banca Etruria, un tempo forziere degli orafi aretini e oggi commissariata dalla Banca d Italia per gravi insufficienze patrimoniali. Il possibile ruolo del Fondo interbancario di garanzia dei depositi nella gestione delle crisi bancarie è stato infatti tra i temi del colloquio che il ministro dell Economia Pier Carlo Padoan ha avuto con la Commissaria europea alla concorrenza, Margrethe Vestager, giovedì a Roma. Dopo l intervento nella Cassa di Risparmio di Ferrara, il Fondo interbancario, consorzio al quale aderiscono tutte le banche italiane, avrebbe sul tavolo anche l ingresso nel capitale di Banca Etruria. In sostanza, le banche sane dovrebbero creare una holding per salvare, rilan- BRUXELLES ciare e poi rivendere quelle in crisi; dovrebbero insomma mettere mano al portafogli per scommettere sul rilancio delle banche malmesse e 526 Milioni di euro il «rosso» di Banca Etruria nei conti del 2014 puntare ad una plusvalenza (o per lo meno a non rimetterci) al momento in cui, dopo essere state risanate, verranno nuovamente cedute. Una partita che va giocata in tempi molto stretti, prima di gennaio, quando a livello europeo diventerà operativo il nuovo meccanismo del bail-in, ovvero il salvataggio forzoso delle banche in crisi da parte di azionisti, obbligazionisti e correntisti con depositi oltre 100 mila euro. Pochi giorni fa il Consiglio dei ministri ha avviato l esame del decreto legislativo che recepisce la legge europea sulle risoluzioni delle crisi bancarie (il bail-in, appunto). Il decreto, dopo l esame del Consiglio dei ministri, dovrà ricevere il parere delle competenti commissioni parlamentari prima del via libera definitivo da parte dell esecutivo. Se la mediazione sul fronte europeo andrà a buon fine prima che entri in vigore il meccanismo del salvataggio forzoso, soci e correntisti di Banca Etruria potranno dormire sonni più tranquilli. S.O.

3 Corriere Imprese Lunedì 14 Settembre PRIMO PIANO Tassa sui turisti, battaglia sul modello «Robin Hood» L idea della Regione: redistribuire i milioni ricavati dai Comuni con l imposta di soggiorno, togliendo una parte a Firenze, Siena e Pisa per promuovere anche l altra Toscana Palazzo Vecchio guida la protesta delle città d arte: «Una follia, noi abbiamo più costi» Cos è La tassa di soggiorno è un imposta che i Comuni possono applicare a carico di chi soggiorna nelle strutture ricettive. Fu istituita in Italia nel 1910, poi abolita dal 1º gennaio 1989 e quindi I numeri di Silvia Ognibene Redistribuire il ricavato della tassa di soggiorno su tutto il territorio regionale, per ridurre la distanza (siderale) fra gli incassi delle mete più gettonate e le ristrettezze in cui versano le casse delle località meno conosciute e, per questo, bisognose di promozione. Non ha dubbi l assessore regionale Stefano Ciuoffo, delega a turismo, attività produttive, commercio e credito: Comuni toscani ad aver attivato la tassa di soggiorno 40 in provincia di Firenze 109 istituita di nuovo con un decreto legislativo nel La cifra da pagare varia in relazione al livello della struttura in cui si alloggia, fino a un massimo di 5 euro a notte 22 in provincia di Siena Incassi 2014 Firenze 22 milioni di euro Siena Pisa 1 milione e 286mila 1 milione e 630mila «La Toscana è una regione, una comunità, non una sommatoria di Comuni. E per questo motivo i proventi della tassa di soggiorno vanno redistribuiti su tutto il territorio». «È una follia» replica senza mezzi termini l assessore al bilancio di Palazzo Vecchio, Lorenzo Perra. «È un imposta di scopo sulla quale non si può Regione Stefano Ciuoffo Firenze Lorenzo Perra Il gettito stimato in Italia nel 2014 stimato in circa 382milioni di euro + 33% rispetto al 2013 A Firenze la tassa varia da un minimo di 1,50 euro per gli alberghi a una stella e cresce di 50 centesimi fino a 5 euro per i 5 stelle, l importo massimo previsto dalla legge (eccetto Roma che può arrivare a 7, la più cara d Europa) fare perequazione». Sulla stessa linea i colleghi di Siena e Pisa, che seguono Firenze nella classifica delle città toscane con maggiore introito dalla presenza dei turisti. Il punto, ragiona Ciuoffo, «è che la Toscana, come molte altre regioni d Italia, ha alcune isole di eccellenza, basti pensare a Firenze e Siena, oppure alla Versilia e alla Maremma, e altre aree che invece hanno bisogno di essere promosse e valorizzate. Così si ottiene sviluppo per l intero territorio, ma per farlo servono soldi». E Estate 2015 in Toscana Pernottamenti +3,6% rispetto al mila turisti 450 mila italiani stranieri +3,2% +3,9% Alberghi Extralberghiero Agriturismo Mare Terme Montagna Città d arte +4,2% +2,9% +4,2% +3,9% +1,8% +4,1% +3,4% i soldi non ci sono perché, tranne qualche progetto specifico che si riesce a finanziare con fondi comunitari, le uniche risorse disponibili sono appunto quelle della tassa di soggiorno. «È l unica leva, l unica entrata corrente della quale possiamo disporre», prosegue Ciuoffo. Inevitabili i mal di pancia di chi rischia di vedersi «scippare» una parte dell incasso ed essere obbligato alla solidarietà per legge. In Toscana, infatti, si va da Firenze che nel 2014 ha incassato 22 milioni grazie alla tassa di scopo alle piccole località che non dispongono nemmeno di qualche centinaio di euro per tenere aperto lo sportello della pro loco. «Promuovendo i territori meno conosciuti al turismo si valorizza il sistema e quindi ne beneficiano tutti, anche coloro che nell immediato si vedranno diminuire un po di risorse», chiude Ciuoffo. «Sono fermamente contrario», ribadisce Perra. «Le imposte di scopo vengono elevate per una finalità specifica, che in questo caso è rappresentata dal consumo di un area dovuto alla pressione dei flussi turistici. La tassa di soggiorno non è l Imu, tassa fondata sulla ricchezza che per questo viene parzialmente redistribuita. Non trattandosi di un imposta generica, l ipotesi di una perequazione è assolutamente fuori logica. Tra l altro conclude l uomo delle finanze di Palazzo Vecchio tutti i Comuni hanno la possibilità di introdurre l imposta di soggiorno: non vedo per quale motivo chi ha indossato i panni dell esattore, facendosi carico di una responsabilità politica ad esempio nei confronti delle categorie economiche, debba adesso dare un beneficio a chi non ha voluto farlo». Troppo comodo, insomma. La linea dettata dalla Regione, però, è più di una mera indicazione di principio: al ministero dei Beni culturali è già attivo un tavolo al quale siedono le Regioni, i Comuni, le associazioni di categoria e lo stesso Ministero. Obiettivo è trovare le soluzioni tecniche per una gestione più equa dell imposta di scopo. «In occasione del primo incontro abbiamo registrato un no netto e irremovibile da parte dei sindaci che al tavolo sono rappresentati dal primo cittadino di Rimini dice Ciuoffo Stiamo ragionando sulla possibilità di allargare la base imponibile a tutte le attività coinvolte nell economia del turismo (mentre oggi l imposta viene riscossa solo dalle strutture dove i turisti pernottano, ndr). Non ci convince nemmeno la prospettiva disegnata dal ministero, cioè affi- Ciuoffo La Toscana ha eccellenze e altre aree che vanno valorizzate. Per farlo serve redistribuire quei soldi Perra Perché chi ha indossato i panni dell esattore deve dare benifici a chi non ha voluto farlo? dare all Enit una percentuale dell imposta di soggiorno affinché la utilizzi per attività di promozione turistica». La strada per trovare una soluzione che accontenti tutti sarà lunga e impervia, ma per l assessore toscano resta fermo l obiettivo da raggiungere: «Avere risorse per la promozione del territorio. Per raggiungere questo fine siamo disponibili a fungere da coordinamento nella gestione del denaro generato dalla tassa di soggiorno». Su un altro fronte, Beni culturali e Tesoro stanno ragionando sulla possibile introduzione di un incentivo fiscale che spinga all adozione della tassa di soggiorno anche le città che fino ad oggi non l hanno introdotta, slegando l importo dell imposta dal numero delle stelle dell albergo in favore di una percentuale sul costo del pernottamento. Secondo il ministero delle Finanze il gettito generato dalla tassa di soggiorno va incrementato e la platea dei Comuni ampliata perché ad oggi nelle casse pubbliche sono entrati circa 270 milioni (nulla in confronto ai tagli dei trasferimenti dallo stato centrale ai municipi) e solo un Comune italiano su dieci applica la tassa. «I Comuni che hanno più successo sono anche quelli che devono sopportare costi maggiori, generati proprio dalla pressione dei flussi turistici dice il sindaco di Siena, Bruno Valentini Spendiamo 15 milioni l anno per la gestione dei rifiuti: sarebbe come se io chiedessi ai Comuni vicini di darmi una mano a pagare questo costo perché i turisti che pernottano da loro poi vengono a visitare Siena e la sporcano». Redistribuire parte dei proventi, secondo Valentini «è semplicistico. Invece le punte di diamante del marketing turistico, come Firenze e Siena, potrebbero mettersi alla testa di progetti di valorizzazione di aree più ampie, anche contando sul lavoro dei dipendenti delle ex Province». Sulla stessa linea l assessore pisano, Andrea Serfogli: «C è sicuramente l esigenza di una strategia unica di promozione del territorio, ma che i costi debbano gravare interamente sui Comuni a maggior vocazione turistica non è certo la strada auspicabile». La tassa di soggiorno funziona solo per chi riesce ad attrarre numeri davvero imponenti di turisti: per il 2015 Firenze, che a marzo ha alzato l imposta, si attende circa 25 milioni di euro mentre Siena e Pisa contano di rimanere in linea con l incasso del 2014: un milione e 300 mila e un milione 600 mila euro. Resta da capire se e come parte di questa ricchezza verrà redistribuita ai luoghi meno blasonati della Toscana. E, magari, anche se il gioco valga la candela: la tassa di soggiorno, infatti, non è una novità ma è stata in vigore in Italia dal 1910 al 1989 quando fu abolita perché amministrarla costava più degli introiti che generava.

4 4 Lunedì 14 Settembre 2015 Corriere Imprese

5 Corriere Imprese Lunedì 14 Settembre LOCOMOTIVE Una telecamera su ogni auto Per capire come andiamo La Città metropolitana punta sul progetto «Chest» della fiorentina Magenta, un social network che controlla il traffico e aiuta a ridisegnare strade e cantieri Curriculum Il manager? In Toscana deve saper fare Pmi, realtà artigiane ed eccellenze del dettaglio, sono questi i mattoni su cui poggia parte dell economia toscana. Ma per fare il salto sui grandi mercati devono passare, con i manager, da una gestione familiare a una professionale. Fabio Sola, partner di Praxi e responsabile dell ufficio fiorentino della società di consulenza, spiega: «Siamo generalisti, ma spesso tra i nostri clienti ci sono Sola aziende del settore manifatturi ero e in particolare quelle del lusso e della moda. Al contrario di altre realtà dello stesso settore in altre regioni, dove sono presenti le direzioni stile e marketing, qui dove la produzione è ancora forte richiedono figure che conoscano e sappiano organizzare i flussi produttivi e la logistica». Insomma, meno tabelle e più prodotto. Come trovarli? «O cerchiamo, tramite networking (con i nostri moltissimi contatti nel settore), qualcuno già occupato in un ruolo simile, o qualcuno che venga da mondi diversi ma che sia motivato e pronto a un cambio di prospettiva così radicale». (Edoardo Lusena) In basso il software Magenta per la gestione delle informazioni sui flussi di traffico raccolte dalle telecamere sui mezzi Quando è nata, nel 2007, era una spin off ma la legislazione era così complicata che preferì partire come srl. Otto anni dopo, Magenta, società di ingegneria specializzata in software e soluzioni hardware, marcia con una media stabile di mezzo milione di fatturato, 12 dipendenti e lavora con giganti del calibro di Thales, Ge, Gilbarco. E ora si butta nel campo «social», con una tecnologia low cost che potrebbe risolvere uno dei problemi principali delle «smart cities»: il controllo e la gestione del traffico. Il progetto si chiama «Chest/Trafficflow», un vasto e possibile «Facebook della mobilità». Mille occhi puntati sulle strade, non per violare la nostra privacy, ma solo per conoscere «quanti», su che mezzo, dove. È qualcosa a metà tra un sistema di controllo dei flussi di traffico e un architettura «social». Il problema, nelle analisi della mobilità, è avere i dati veri e continuativi: ancora, a livello europeo, spesso si conta a mano il passaggio delle auto. «Noi Nunziati Il sistema può capire se sta passando uno scooter o una bici dal calore che emana Così saprò se lì serve una pista ciclabile, una rastrelliera oppure un parcheggio per motorini usiamo una videocamera partecipativa» spiega Walter Nunziati di Magenta. Basta una videocamera collegata al dispositivo Chest che si connette al software e al web: insieme, sono capaci di capire che mezzo sta passando, quanti ne stanno passando e se si tratta di un motorino o di una bici, poiché riconosce anche il calore. «Dati fondamentali per conoscere i reali flussi delle bici e costruire così, magari, piste ciclabili e posizionare rastrelliere dove servono» conclude Nunziati. Dati fondamentali, meno parziali (e meno costosi) per esempio di quelli elaborati in vista dei cantieri della tramvia. «Nel nostro caso, chiunque può mettere questa videocamera e condividere i dati» spiega Nunziati. Non solo in modo social, su Twitter o Facebook, ma anche con i sistemi centralizzati pubblici. «Per installare barriere antirumore, per esempio, occorre sapere quante auto passano davvero in una strada: o ci metti uno che le conta, o piazzi la nostra videocamera» insiste. «Inoltre, c è il senso civico: quando abbiamo presentato il progetto all Impact Hub, decine di studenti si sono detti pronti a usarlo». Chest, finanziato da fondi dell Unione europea, è stato approvato dalla Città metropolitana e presentato ai Comuni della ex Provincia. Quello di Rufina si è fatto avanti, perché deve cambiare la viabilità e ha bisogno di capire come fare, Castelfiorentino lo ha già adottato per la gestione dei flussi di traffico. A Firenze il varo ufficiale è atteso entro l autunno, ma il sistema è già stato sperimentato in occasione della festa di San Giovanni, per controllare i veicoli in entrata e in uscita dal centro, e durante il nubifragio del primo agosto. Marzio Fatucchi 12 I dipendenti della Magenta, fondata nel 2007 come spin off dell Università 500 Mila euro di fatturato medio dell azienda di hardware e software Il personaggio Un prof pisano guida la ricerca sulle smart cities Toscana, terra di future città «smart». Almeno secondo «Icity rate», la classifica nazionale che misura le vocazione dei territori a predisporre misure che migliorino la convivenza tramite le nuove tecnologie. Firenze è terza in Italia, Pisa ventesima. Un altro segnale arriva dalla nomina di un professore dell ateneo pisano, Giuseppe Anastasi, alla guida del laboratorio «Smart Cities and Communities» del Consorzio interuniversitario nazionale per l informatica. Da tempo la (ri)costruzione di città intelligenti, che sfruttino le facilitazioni che arrivano dalla ricerca, è un orizzonte degli amministratori locali. Ma cosa possono fare gli informatici per farlo diventare una realtà diffusa? «Non è semplice spiega il professor Anastasi si tratta di un problema complesso come l ecosistema di questi territori: non basta, insomma installare reti wireless. Il nostro obiettivo è appunto quello di mettere a servizio delle comunità le nostre conoscenze». Il consorzio è uno dei punti di riferimento Anastasi della ricerca nell informatica e dell information technology ed il nuovo laboratorio guidato da Anastasi annovera già 300 ricercatori sparsi in 25 Università del Paese. L obiettivo è quello di far diventare il gruppo un punto di riferimento per imprese ed amministrazioni. «Cercheremo di creare una rete nazionale per fare massa critica in vista dei prossimi bandi, ad esempio piani di attività sul turismo». Dice Anastasi che «storicamente» la Toscana è stata all avanguardia nel settore: «Pisa ha la densità di ricercatori del comparto più alta del Paese ed in città Pisa moover, il bike sharing, e il parcheggio di piazza Carrara gestito con un sensore per ogni posteggio sono un esempio di buone pratiche». Giorgio Bernardini

6 6 Lunedì 14 Settembre 2015 Corriere Imprese

7 Corriere Imprese Lunedì 14 Settembre DISTRETTI Arezzo, l età (nuova) dell oro Alta gioielleria e prodotti per le griffe, così gli anni neri hanno cambiato le aziende. E addio rivalità con Vicenza La Fiera Andrea Boldi, presidente di Arezzo Fiere, società i cui azionisti sono Regione, Provincia e Comune di Arezzo, la Camera di Commercio aretina e alcune banche. Prossimo appuntamento, dal 24 al 26 ottobre quando si terrà Gold Italy, fiera del gioiello Made in Italy pensato per i buyers e che punta su creatività, design e artigianalità L intervista di Mauro Bonciani Il primo semestre ha visto il distretto orafo in sofferenza (nei prime tre mesi del 2015 l export è calato del 14%, con un meno 30% negli Emirati Arabi) ma tante imprese aretine sono state protagoniste a Vicenza Oro, la mostra che si è chiusa il 9 settembre, e si stanno muovendo su nuovi mercati. Il distretto, complice la lunga crisi economica che ha ridotto addetti e aziende, soprattutto quelle piccole o artigianali, ha cambiato pelle: non è più catenine e fedi ma alta gioielleria e design, incrementando la produzione di accessori per le grandi griffe, da Chanel a Gucci. Il distretto sembra non aver timore della congiuntura, forte del riposizionamento sull alta gamma e del primato per export, 435 milioni contro i 361 di Vicenza nel primo trimestre. «La situazione in Medio Oriente e in Libia è ancora molto critica e il mese di settembre sarà fondamentale per capire se ci sarà una ripartenza su quei mercati, importanti anche perché sono piattaforme logistiche, la Libia per tutta l Africa, Dubai per tutto il Medio Oriente spiega Andrea Boldi, presidente di Arezzo Fiere e della Consulta orafa Abbiamo segnali buoni per l ultimo trimestre, ad esempio sul mercato Usa, anche se ciò non basterà a recuperare le perdite». Per Boldi oltre a quello dei mercati, è in atto un cambio in Italia: non c è più rivalità tra le fiere e i distretti di Arezzo e Vicenza, i più importanti del Paese per l oro. «Il nuovo governo ha puntato sul Made in Italy e con la Fiera di Vicenza c è già un rapporto per la promozione integrata che nel 2016 porterà a Vicenzaoro Dubai anche Style L orologio è smart, anche retrò Qualcuno aveva pensato che l avvento di Apple Watch e degli altri orologi hi-tech avrebbe segnato il declino, nel guardaroba maschile, dei più tradizionali segnatempo da polso. Errore. La passione per gli orologi con lancette e meccanismi (meglio se made in Swiss) si è rafforzata dando il la a creazioni sempre più sofisticate. Come quella della maison Parmigiani, con la collezione Transforma capace di vestire in un colpo solo ben tre diverse tipologie di orologio. Grazie ad un meccanismo ingegneristico l orologio da polso (in acciaio con cinturino in alligatore Hermès) diventa da tasca e da tavolo. Liberata la cassa e inserita l ora si potrà consultare con vezzo retrò facendo scivolare dalla tasca la catena d acciaio. E durante la notte lo stesso quadrante si può inserire in uno scrigno d ebano che si attiva appena posizionato l orologio. (Laura Antonini) «La crisi, un occasione Ora si lavora insieme» Giordini (Confindustria): nel 2016 la svolta Giordana Giordini, presidente Sezione oreficeria e gioielleria Confindustria Toscana Sud la nostra fiera e il nostro distretto. Dobbiamo agire meglio su mercati come il Pakistan o la Cina che chiedono oro a 24 carati», afferma Boldi. Le cifre mostrano la leadership del distretto, ma anche la sofferenza causata dalla lunga crisi. «Per noi le difficoltà sono iniziate nel 2005, ma alla fine sono state affrontate positivamente. Prima Arezzo pesava il 20% sull export di oro, ora il 33%, fatturava cento milioni meno di Vicenza adesso mille milioni in più ed è stata fermata anche l emorragia di aziende», Boldi aggiunge: «Nel risalire è stata decisiva anche l azione della Regione attraverso il supporto al credito e con l iniziativa del prestito d uso di 5 chili di oro o di 50 kg di argento per ogni nuovo assunto che ha permesso contratti per circa cento persone. Determinante il ricambio generazionale e il riposizionamento del prodotto e della tecnologia». «Adesso siamo meno pro- Da venticinque anni lavora nell azienda di famiglia, che oggi ha venti dipendenti, e da poco è presidente della sezione oreficeria e gioielleria di Confindustria Toscana Sud. Giordana Giordini è appena tornata da Vicenzaoro, come molti dei suoi colleghi. Presidente, il primo semestre ha fatto segnare un calo a due cifre per i distretto, come sono le prospettive per la seconda metà dell anno? «Gli alti e bassi del mercato non sono una novità. Da Vicenza e non solo arrivano segnali positivi e anche se la ripresa non sarà completa nel 2015 stiamo limitando i danni. Credo che il 2016 darà una nuova spinta ad export e fatturati. Le aziende orafe ormai si sono strutturate e pochi mesi di sofferenza non saranno un problema». State cercando di differenziare i mercati per rispondere alle crisi di Golfo e Cina? «Da sempre come Confindustria e come Fiera Arezzo abbiamo attenzione alla internazionalizzazione, alle tendenze dei mercati e adesso con la globalizzazione e una competizione sempre più serrata ed allargata ciò è ancora più importante. Il Made in Italy di qualità tiene ma per avere risultati occorre stare insieme, far circolare informazioni». Come è cambiato il distretto orafo negli ultimi anni e come ha affrontato la crisi? «Ha reagito tirandosi su le maniche. Agendo su innovazione, qualità, design, tecnologia, nuovi macchinari evoluti e creatività, interagendo più di prima con il sistema moda. Gli sforzi per essere competitivi sono stati notevoli. E la duttori e più gioiellieri, non lavoriamo solo oro e argento ma pezzi unici, basati sul design e sulla specializzazione e l identità dei marchi, la qualità è alta come dimostra la collaborazione con grandi griffe dice Giuseppe Angiolini, art director di Oro Arezzo e Gold Italy e presidente onorario della Camera Italiana dei buyers di moda E dobbiamo crescere ancora: nelle piccole imprese serve più cultura e preparazione. I numeri IMPRESE AREZZO ADDETTI Export (migliaia di euro) ITALIA Export nel mondo (migliaia di euro) Emirati Emirati Francia Stati Uniti Turchia Hong Kong Mondo Il lavoro di cesello di un artigiano orafo nella sua bottega Hong Kong Stati Uniti Francia Turchia Mondo Non bastano più le buone mani, ora servono preparazione e formazione del nostro personale Con il mercato globale se si sta fermi si muore». Per spingere sulla formazione si cerca di agire su più fronti dalla nascita di un Its, Istituto tecnico superiore, alla riattivazione due anni fa del corso orafo all Istituto Margaritone, e sul supporto alle imprese medio piccole che hanno sofferto di più. «È un momento difficile per noi, i primi segnali positivi non si sono ancora trasformati in ordinativi e il mercato italiano ormai è residuale sottolinea Nicola Tacchini, presidente provinciale orafi di Cna, che conta 400 associati E davanti alle difficoltà non si può più essere l individualismo del passato, tenere i cancelli chiusi della aziende. Occorre fare massa critica, agire insieme, per la prima volta a Vicenza c è stata una nostra collettiva di ben 35 imprese, anche per ridurre i costi necessari per andare sui nuovi mercati». M.B. crisi è stata quasi paradossalmente una occasione, ci ha aiutati a superare la mentalità individuale, l essere chiusi ognuno per se, rivale di ogni altro. Solo uniti si vince. E con la preparazione e la formazione del personale: non bastano più le buoni mani». Le banche vi hanno aiutato con il credito per gli investimenti necessari? «Tolti i primi anni della crisi sono state vicine alle aziende sane, strutturate, ci hanno supportato nell anticipo delle fatture, sul rischio del cambio del dollaro e del prezzo dell oro che ora è stabile ma in passato ha avuto sbalzi fortissimi. Certo occorre cercare di farsi appoggiare di più dalle banche, aggiornandole su mercati e fatturati per un rating delle imprese corretto». Una «succursale» degli Uffizi ad Arezzo è una buona idea? «Senza dubbio. Gli Uffizi hanno decine di opere nei depositi e portarli da noi è una idea positiva e valida. Intanto con la nuova amministrazione comunale il vecchio progetto di un museo dell oro è ripartito, a partire da spostare la collezione oro di autore che oggi è nella Fiera e visibile solo su appuntamento, nel cuore della città, nel Palazzo di Fraternità». IMPRESE A cura della redazione del Corriere Fiorentino Direttore responsabile: Paolo Ermini Vicedirettore: Eugenio Tassini Caporedattore centrale: Carlo Nicotra Editoriale Fiorentina s.r.l. Presidente: Marco Bassilichi Amministratore Delegato: Massimo Monzio Compagnoni Sede legale: Lungarno delle Grazie Firenze Reg. Trib. di Firenze n del 22/02/2008 Responsabile del trattamento dei dati (D.Lgs. 196/2003): Paolo Ermini COMITATO SCIENTICO Paolo Barberis fondatore di Nana Bianca e Dada, consigliere per l innovazione della Presidenza del Consiglio Fabio Filocamo Presidente Harvard Alumni Italia, CEO Dynamo Venture, Member of Board Principia SGR Fabio Pammolli Professore di Economia e Management IMT Alti Studi Lucca Alessandro Petretto Professore Ordinario di Economia Pubblica Università degli Studi di Firenze Copyright Editoriale Fiorentina s.r.l. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo quotidiano può essere riprodotta con mezzi grafici, meccanici, elettronici o digitali. Ogni violazione sarà perseguita a norma di legge. Stampa: RCS Produzioni S.p.A. Via Ciamarra 351/ Roma Tel Diffusione: m-dis Spa - Via Cazzaniga, Milano - Tel Pubblicità: Rcs MediaGroup S.p.A. Dir. Communication Solutions Via Rizzoli, Milano Tel Pubblicità locale: SpeeD Società Pubblicità Editoriale e Digitale S.p.A. Viale Giovine Italia, Firenze Tel Poste Italiane S.p.A. Sped. in Abbonamento Postale D.L. 353/2003 conv. L. 46/2004, Art.1, c.1, DCB Milano Supplemento gratuito al numero odierno del

8 8 Lunedì 14 Settembre 2015 Corriere Imprese

III SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI LOCALI

III SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI LOCALI III SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI LOCALI Alessandro PROFUMO: Sarebbe stato un grande piacere essere qui con voi questa mattina, ma il Comitato esecutivo dell ABI mi ha impegnato

Dettagli

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 11 15/06/2014 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Pagina 5 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 9 DOSSIER CONFCOMMERCIO

Dettagli

Guardando alla data odierna, Milano, ha già superato il bonus di pm 10 dei 35 giorni.

Guardando alla data odierna, Milano, ha già superato il bonus di pm 10 dei 35 giorni. 1 Prima di qualsiasi altra valutazione, vorrei soffermarmi su tre considerazioni, per me fondamentali per meglio definire il contesto in cui si sviluppa la nostra azione o le nostre pratiche sindacali,

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per Verbale di Consiglio del 25 gennaio 2012 INTERPELLANZA DEI CONSIGLIERI PERNIGOTTI E OLIVERI IN MERITO AGLI STRUMENTI DA ADOTTARE PER COMUNICARE CON I PAESI EMERGENTI ED ECONOMICAMENTE FORTI COME LA CINA

Dettagli

Università, paradossale guerra ai fuori corso "Gli atenei finiranno per regalare gli esami"

Università, paradossale guerra ai fuori corso Gli atenei finiranno per regalare gli esami INCHIESTA Università, paradossale guerra ai fuori corso "Gli atenei finiranno per regalare gli esami" Il ministero, nell'erogare i fondi, adesso penalizza i centri con troppi studenti in ritardo con le

Dettagli

2014 : Fondi o Etf? Mono o multimarca?

2014 : Fondi o Etf? Mono o multimarca? 2014 : Fondi o Etf? Mono o multimarca? Venerdì 29 novembre 2013 In questo Diario di Bordo parliamo in sintesi: MERCATO OBBLIGAZIONARIO. MEGLIO FONDI O ETF? MEGLIO OPERARE CON UNA SOLA SOCIETA DI GESTIONE

Dettagli

Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni

Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni La nostra aspettativa è creare le condizioni di una autonomia del nostro territorio riguardante il ciclo dei rifiuti, attraverso una azienda di chiaro

Dettagli

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana.

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana. signore e signori, è un grande onore per il mio Paese, per l Italia, essere qui oggi. Vorrei ringraziare la Repubblica Federale Democratica d Etiopia e il Presidente dell Assemblea Generale, Sam Kutesa,

Dettagli

Attività dell Urban Center

Attività dell Urban Center Attività dell Urban Center Report dell incontro con i rappresentanti di associazioni e cooperative 14 giugno 2012 www.rosignanofacentro.it info@rosignanofacentro.it Percorso di partecipazione promosso

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

Promuovere il Brand Italia in Germania: si parte da Francoforte giugno 26, 2014

Promuovere il Brand Italia in Germania: si parte da Francoforte giugno 26, 2014 Promuovere il Brand Italia in Germania: si parte da Francoforte giugno 26, 2014 La Settimana Italiana è ormai un appuntamento fisso nell estate di Francoforte sul Meno, la capitale economica della Germania.

Dettagli

Milano, via Savona 15. Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè

Milano, via Savona 15. Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè EVENTO OLIVETTI Milano, via Savona 15 Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè Buon giorno a tutti, è per me un piacere oggi partecipare a questo evento organizzato per la presentazione della nuova

Dettagli

di Simona Facchini Foto di Carlo Pozzoni

di Simona Facchini Foto di Carlo Pozzoni di Simona Facchini Foto di Carlo Pozzoni L ESPERIENZA DI COM ON IDEATA DAI GIOVANI INDUSTRIALI. MARCO TAIANA: «MENTRE TANTI TALENTI ITALIANI SE NE VANNO, NOI ABBIAMO CREATO UN SISTEMA CHE LI ATTRAE. CREDIAMO

Dettagli

I DISTRETTI DI ECONOMIA SOLIDALE (DES)

I DISTRETTI DI ECONOMIA SOLIDALE (DES) E inoltre sicuramente utile leggere il capitolo che segue: I DISTRETTI DI ECONOMIA SOLIDALE (DES) a cura di Andrea Saroldi, tratto da: Guida all economia solidale progetto Economia Solidale Economia Partecipata

Dettagli

Poste Italiane S.p.A. Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27/02/2004 N. 46) Art. 1, Comma 1, Aut. C/RM/38/2011. consulenti.

Poste Italiane S.p.A. Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27/02/2004 N. 46) Art. 1, Comma 1, Aut. C/RM/38/2011. consulenti. Il mensile dell Unasca. L Unione Nazionale Autoscuole e Studi di Consulenza Automobilistica. Poste Italiane S.p.A. Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27/02/2004 N. 46) Art. 1,

Dettagli

PREMIO CASINO DI SANREMO-CONFINDUSTRIA CENTO ANNI DA QUI

PREMIO CASINO DI SANREMO-CONFINDUSTRIA CENTO ANNI DA QUI PREMIO CASINO DI SANREMO-CONFINDUSTRIA CENTO ANNI DA QUI LA GLOBALIZZAZIONE NEL TERZO MILLENNIO: LA SFIDA DELLE ECCELLENZE (SANREMO, 18 OTTOBRE 2008) INTERVENTO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON.

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

FUSIONE TRA CVS E POLESINE ACQUE: UN PROGETTO PER GARANTIRE CHE L ACQUA RESTI BENE COMUNE

FUSIONE TRA CVS E POLESINE ACQUE: UN PROGETTO PER GARANTIRE CHE L ACQUA RESTI BENE COMUNE PROGETTO DI FUSIONE CVS POLESINE ACQUE 26/08/2015 FUSIONE TRA CVS E POLESINE ACQUE: UN PROGETTO PER GARANTIRE CHE L ACQUA RESTI BENE COMUNE Avviata la gara per la due diligence, fotografia dello stato

Dettagli

Trasporto merci in Italia: i dati Confetra del 2014.

Trasporto merci in Italia: i dati Confetra del 2014. Trasporto merci in Italia: i dati Confetra del 2014. 28/04/2015 Sommario Premessa Dati e analisi dei settori Le performance migliori Spedizioni internazionali In breve L'andamento positivo del traffico

Dettagli

BORSA PROTETTA ARANCIO: DOLCETTO O SCHERZETTO? (25/10/2011)

BORSA PROTETTA ARANCIO: DOLCETTO O SCHERZETTO? (25/10/2011) BORSA PROTETTA ARANCIO: DOLCETTO O SCHERZETTO? (25/10/2011) E uno dei prodotti di maggior successo di Ing, un fondo d investimento lussemburghese collocato dal 2008 e caratterizzato secondo quanto riportato

Dettagli

ING DIRECT lancia Prendi Parte al Cambiamento : un iniziativa per stimolare il singolo e migliorare la collettività

ING DIRECT lancia Prendi Parte al Cambiamento : un iniziativa per stimolare il singolo e migliorare la collettività ING DIRECT lancia Prendi Parte al Cambiamento : un iniziativa per stimolare il singolo e migliorare la collettività Un progetto per premiare con 100.000 euro la start-up italiana più innovativa, un percorso

Dettagli

La Cassa Depositi e Prestiti viene da lontano ed il suo lungo percorso storico è caratterizzato da tre

La Cassa Depositi e Prestiti viene da lontano ed il suo lungo percorso storico è caratterizzato da tre (bozza non corretta) Accesso al credito: il ruolo di Cassa depositi e prestiti. Gli strumenti di sostegno alle PMI ed alle Pubbliche Amministrazioni" GIOVEDI' 14 GIUGNO 2012 FERMO (Sala dei Ritratti -

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014

Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014 Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014 La promozione del sistema industriale italiano all'estero: migliorare efficacia ed efficienza. Le azioni. Grazie dottor

Dettagli

Investire nella crescita. Questa è oggi la priorità di chi governa l Europa, e di chi governa i singoli Stati europei.

Investire nella crescita. Questa è oggi la priorità di chi governa l Europa, e di chi governa i singoli Stati europei. Rome Investment Forum 2015: Financing Long-Term Europe Roma - Centro Congressi Palazzo Rospigliosi, Via XXIV Maggio 43 Antonio Tajani Primo Vicepresidente del Parlamento Europeo ***** (Saluti) Investire

Dettagli

L IMPEGNO PER IL TERRITORIO

L IMPEGNO PER IL TERRITORIO #piufortintoscana Introduzione Quelli che ci siamo messi alle spalle sono stati anni duri per tutti, ma la Toscana ha sopportato meglio di altri l impatto con la crisi. E la Regione ha svolto un ruolo

Dettagli

Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti

Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti LAURA PAPALEO Sempre più donne risultano attive nel settore dell information technology e la salvaguardia dei loro diritti e delle

Dettagli

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Premessa Entro il 2050, la percentuale di cittadini europei residenti nelle aree urbane arriverà all 82%. La migrazione dalle città

Dettagli

Donne in impresa, una grande risorsa per il Paese

Donne in impresa, una grande risorsa per il Paese FORUM RIVISTA DELLA CNA DI EMILIA ROMAGNA MARCHE TOSCANA UMBRIA Le politiche femminili nelle regioni del centro nord Donne in impresa, una grande risorsa per il Paese a cura di Paola Morini Responsabile

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

i dossier TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com

i dossier TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com 065 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO 15 dicembre 2015 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE

Dettagli

LA PICCOLA BASILICATA GIOCA LA CARTA DELL INNOVAZIONE

LA PICCOLA BASILICATA GIOCA LA CARTA DELL INNOVAZIONE L intervista LA PICCOLA BASILICATA GIOCA LA CARTA DELL INNOVAZIONE IL PRESIDENTE DELLA REGIONE, VITO DE FILIPPO, SPIEGA LE RAGIONI CHE HANNO SPINTO IL GOVERNO REGIONALE A PROMUOVERE UNA LEGGE PER IL SOSTEGNO

Dettagli

RASSEGNA STAMPA 2014

RASSEGNA STAMPA 2014 RASSEGNA STAMPA 2014 Indice: 10.01.2014 LegaCoop Fundraising strumento su misura per la cooperazione 3 06.02.2014 Tiscali Social Il fundraiser figura chiave del non profit e non solo 4 07.02.2014 Avvenire

Dettagli

IV Commissione consiliare (Trasporti)

IV Commissione consiliare (Trasporti) IV Commissione consiliare (Trasporti) Lavori settima dal 7 all 11 gennaio 2008 In commissione Trasporti l audizione dei rappresentanti dell autotrasporto. I problemi dell autotrasporto sardo sono stati

Dettagli

Roberto Ciompi VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE FINANZIARIA DELLA TUA IMPRESA?

Roberto Ciompi VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE FINANZIARIA DELLA TUA IMPRESA? Roberto Ciompi VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE FINANZIARIA DELLA TUA IMPRESA? 7+1 suggerimenti per preparare una richiesta di ristrutturazione finanziaria dell impresa. 1 CIOMPI ROBERTO VUOI FARE LA RISTRUTTURAZIONE

Dettagli

... La Campania la Cambi mo d vvero con una nuova Regione!

... La Campania la Cambi mo d vvero con una nuova Regione! ... La Campania la Cambimo dvvero con una nuova Regione! La Campania la CambiAmo davvero con una nuova Regione E' finito il tempo della Regione concepita come un posto di potere, che gestisce soldi e poltrone.

Dettagli

In meno di dieci anni i social. Social Learning, la formazione 2.0

In meno di dieci anni i social. Social Learning, la formazione 2.0 Social Learning, la formazione 2.0 È IL MODO PIÙ NUOVO DI EROGARE CONTENUTI E INFORMAZIONI A DIPENDENTI, CLIENTI E FORNITORI, MA È ANCHE LA FORMA PIÙ ANTICA DI APPRENDIMENTO, CHE PASSA DALLE RELAZIONI,

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi.

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. LA CENTRALE RISCHI Di Emanuele Bellano MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. Noi volevamo avere qualche informazione per un mutuo. Allora

Dettagli

Vi sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quanto se ne sognano nella vostra filosofia (Amleto William Shakespeare)

Vi sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quanto se ne sognano nella vostra filosofia (Amleto William Shakespeare) Vi sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quanto se ne sognano nella vostra filosofia (Amleto William Shakespeare) Oggi la qualità delle relazioni sociali, delle condizioni ambientali, dei processi

Dettagli

quality fashion shop

quality fashion shop Introduzione Il MADE IN ITALY è molto più di un marchio, è passione, lavoro, garanzia. Siamo noi, la nostra identità, la nostra cultura, la nostra storia. È l eccellenza del saper fare dei nostri stilisti

Dettagli

Turismo in Italia: meno tasse, non tasse di soggiorno

Turismo in Italia: meno tasse, non tasse di soggiorno 203 IBL Focus Turismo in Italia: meno tasse, non tasse di soggiorno Di Andrea Giuricin L Italia è sempre stata una potenza nel campo del turismo. Lo si dice spesso, ma purtroppo ciò trova sempre meno riscontro

Dettagli

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 OGGETTO: ADESIONE AL PROGETTO METANO PROMOSSO DAL COMUNE DI TORINO E PREORDINATO A LIMITARE GLI EFFETTI INQUINANTI SULL AMBIENTE DEI TRADIZIONALI GAS DI SCARICO.

Dettagli

BANCA ETRURIA. Cartella Stampa. In Amministrazione Straordinaria

BANCA ETRURIA. Cartella Stampa. In Amministrazione Straordinaria BANCA ETRURIA Cartella Stampa 1 In Amministrazione Straordinaria Banca Popolare dell Etruria e del Lazio Società Cooperativa in amministrazione straordinaria Il Ministero dell Economia e delle Finanze,

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Grazie, vi ringrazio molto di avermi invitato. Come Ministro dell Ambiente ho tratto più di uno stimolo dalla

Dettagli

Servizi per il turismo e la cultura

Servizi per il turismo e la cultura Servizi per il turismo e la cultura Servizi per il turismo e la cultura Il meglio dell Italia cresce ogni giorno insieme a noi. Marketing del territorio Siamo un network di professionisti che integrano

Dettagli

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO Verona 25 Novembre 2010 Le principali tappe del progetto Il Progetto del Fondo Italiano di Investimento (FII) è nato nel mese di dicembre 2009, su iniziativa del Ministero

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. M. ANGIOY CARBONIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. G. Ciaschetti Fin dall antichità, l uomo ha avuto il bisogno di rappresentare le quantità in modo simbolico. Sono nati

Dettagli

Un altro anno di crescita per Media Vending

Un altro anno di crescita per Media Vending edia Vending Un altro anno di crescita per edia Vending e i t e n d i v R l I e r c a t o d d e l V e n d i n g edia Vending è una dinamica rivendita che da alcuni anni opera con successo nella Provincia

Dettagli

- comunicato stampa -

- comunicato stampa - - comunicato stampa - SPESA PUBBLICA E FEDERALISMO : L ITALIA SPRECA 26 MILIARDI DI EURO Il presidente Tessari: Gli enti periferici gestiscono il 37% della spesa pubblica complessiva col 42% del personale,

Dettagli

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti 10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti Nel 2013 hanno chiuso in Italia oltre 50.000 aziende, con un aumento di oltre

Dettagli

INCUBATORE FIRENZE DALL IDEA ALL IMPRESA 5 ANNI DI ESPERIENZA

INCUBATORE FIRENZE DALL IDEA ALL IMPRESA 5 ANNI DI ESPERIENZA INCUBATORE FIRENZE DALL IDEA ALL IMPRESA 5 ANNI DI ESPERIENZA L esperienza di Incubatore Firenze, che dal 2004 ha aiutato la nascita e lo sviluppo di start-up di successo in settori tecnologicamente avanzati,

Dettagli

Presidenza Ing. Adriano Federici

Presidenza Ing. Adriano Federici Una completa ed accurata vetrina dell attività dell Unioncamere Marche, realizzata attraverso il volume Comunicati e Rassegna stampa. Il Centro Studi dell Unione presenta un lavoro profondamente rinnovato,

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

«Diamogli Credito» 1 Vedi «Allegato 2»

«Diamogli Credito» 1 Vedi «Allegato 2» «Diamogli Credito» Il Ministero per le Politiche Giovanili e le Attività Sportive (POGAS), il Ministero delle Riforme e Innovazioni nella Pubblica Amministrazione, il Ministero dell Università e della

Dettagli

vorrei anzitutto ringraziare la Camera di Commercio di Novara e l Università Amedeo Avogadro per avermi

vorrei anzitutto ringraziare la Camera di Commercio di Novara e l Università Amedeo Avogadro per avermi La responsabilità sociale delle imprese nel contesto del processo di internazionalizzazione e globalizzazione dei mercati Novara, 28 novembre 2005 Intervento Cari amici, vorrei anzitutto ringraziare la

Dettagli

XXII Convention Mondiale delle Camere di Commercio Italiane all Estero. Expo 2015, un opportunità e una sfida per le imprese e il Territorio

XXII Convention Mondiale delle Camere di Commercio Italiane all Estero. Expo 2015, un opportunità e una sfida per le imprese e il Territorio XXII Convention Mondiale delle Camere di Commercio Italiane all Estero Expo 2015, un opportunità e una sfida per le imprese e il Territorio Monza, 9 13 novembre 2013 ABSTRACT PREMESSA La crescita del nostro

Dettagli

Roberto Ciompi VUOI FINANZIARE LA TUA IMPRESA. 9+1 suggerimenti per richiedere i finanziamenti alle banche.

Roberto Ciompi VUOI FINANZIARE LA TUA IMPRESA. 9+1 suggerimenti per richiedere i finanziamenti alle banche. Roberto Ciompi VUOI FINANZIARE LA TUA IMPRESA 9+1 suggerimenti per richiedere i finanziamenti alle banche. 1 CIOMPI ROBERTO VUOI FINANZIARE LA TUA IMPRESA? 9+1 suggerimenti per richiedere i finanziamenti

Dettagli

Intervento di Anna Maria Artoni Spunti di discussione

Intervento di Anna Maria Artoni Spunti di discussione Lo sviluppo asiatico e il business logistico Roma, 24 gennaio 2007 Intervento di Anna Maria Artoni Spunti di discussione Il Mediterraneo torna al centro del mondo Nel mercato globale - e nella Grande Europa

Dettagli

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI Domenica 29 marzo 2009 Sala delle Conferenze Internazionali Ministero degli Affari Esteri Intervento del Vice Presidente

Dettagli

Relazione al bilancio 2012

Relazione al bilancio 2012 Relazione al bilancio 2012 L assemblea di oggi rappresenta una tappa importante sul cammino della nostra associazione in quanto segna un passaggio importante sulla sua esistenza e più ogni altro elemento

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005

Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005 Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005 slide 1 Introduzione Lo scopo di questo intervento è di presentare un iniziativa che sta muovendo i primi passi in queste settimane e che mira

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE T.GULLI

ISTITUTO MAGISTRALE T.GULLI PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE IT051PO003FSE ISTITUTO MAGISTRALE T.GULLI Anno scolastico 2012/2013 Pon Imprenditore DONNA Codice Progetto- C5 120h di Tirocinio e stage Simulazione aziendale, alternanza

Dettagli

Roma al 2015. Gli scenari per il futuro della città Auditorium 19 gennaio 2005

Roma al 2015. Gli scenari per il futuro della città Auditorium 19 gennaio 2005 Roma al 2015. Gli scenari per il futuro della città Auditorium 19 gennaio 2005 Nei prossimi anni Roma sarà chiamata a competere in un contesto internazionale ed in uno scenario dominato da alcune macrotendenze

Dettagli

Il canale duale tedesco: forme organizzative e soggetti della progettazione

Il canale duale tedesco: forme organizzative e soggetti della progettazione Heinrich Lintze - Brema Altes Gymnasium Il canale duale tedesco: forme organizzative e soggetti della progettazione 1 la struttura della pubblica istruzione in Germania e gli ultimi sviluppi 1.1 cultura

Dettagli

COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI

COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI SPECIAL REPORT COME FARE SOLDI E CARRIERA RA NEGLI ANNI DELLA CRISI Scopri i Segreti della Professione più richiesta in Italia nei prossimi anni. www.tagliabollette.com Complimenti! Se stai leggendo questo

Dettagli

L innovazione nell economia lecchese: dati e valori

L innovazione nell economia lecchese: dati e valori Nota informativa n. 6 del 26 giugno 2015 L innovazione nell economia lecchese: dati e valori A cura dell U.O. Studi, Programmazione, Statistica e Osservatori della Camera di Commercio di Lecco Carlo Guidotti

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO. Ufficio Stampa. Rassegna Stampa. Roma 3 dicembre 2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO. Ufficio Stampa. Rassegna Stampa. Roma 3 dicembre 2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA Ufficio Stampa Rassegna Stampa Roma 3 dicembre 2015 Argomento Testata Titolo Pag. Università Scuola24 Dalle imprese alla PA fino alla scuola: i dottori di ricerca vanno valorizzati

Dettagli

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 -

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - Sono 96.369 le imprese registrate alla Camera di commercio al 30 giugno 2015,

Dettagli

FORMARE, CONNETTERE, INNOVARE COME CONSOLIDARE IL CLUSTER ICT PRATESE RAPPORTO DI RICERCA

FORMARE, CONNETTERE, INNOVARE COME CONSOLIDARE IL CLUSTER ICT PRATESE RAPPORTO DI RICERCA FORMARE, CONNETTERE, INNOVARE COME CONSOLIDARE IL CLUSTER ICT PRATESE RAPPORTO DI RICERCA Marco Betti @marcobetti_ Alberto Gherardini @albgherardini IL RAPPORTO 2013 Obiettivo: Raccogliere e sistematizzare

Dettagli

RESTARTAPP. Missione. Obiettivo. Destinatari. Formula e contenuti

RESTARTAPP. Missione. Obiettivo. Destinatari. Formula e contenuti RESTARTAPP ReStartApp è il primo campus per le nuove imprese dell Appennino: un progetto dedicato ai giovani in possesso di idee d impresa o start up originali e innovative, che vedono nel territorio appenninico

Dettagli

VERBALE N. 94 del 22.12.2014

VERBALE N. 94 del 22.12.2014 VERBALE N. 94 del 22.12.2014 . Prego Assessore Mauro Scroccaro. Ancora grazie. Anche questo

Dettagli

CONFERENZA FINALE PROGETTO PITAGORA

CONFERENZA FINALE PROGETTO PITAGORA CONFERENZA FINALE PROGETTO PITAGORA Martedì 28 aprile 2015, Le Murate Sala delle Vetrate, Piazza della Madonna della Neve, Firenze RASSEGNA STAMPA Contatti finalevent@pitagora-project.eu www.pitagora-project.eu

Dettagli

CHINA BUSINESS LAB. 6-12 Giugno 2013 Ningbo/Shanghai. Promosso da

CHINA BUSINESS LAB. 6-12 Giugno 2013 Ningbo/Shanghai. Promosso da CHINA BUSINESS LAB 6-12 Giugno 2013 Ningbo/Shanghai Promosso da China Business Lab un evento unico ed esclusivo per iniziare a fare business in China Partner CHINA BUSINESS LAB Shanghai Chamber of Commerce

Dettagli

La ristrutturazione dell impresa come opportunità di sviluppo e creazione di valore IL FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO

La ristrutturazione dell impresa come opportunità di sviluppo e creazione di valore IL FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO La ristrutturazione dell impresa come opportunità di sviluppo e creazione di valore IL FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO TopLegal Roma, 23 settembre 2010 Il progetto Nel mese di dicembre 2009, su iniziativa

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

CR Volterra, una banca sempre più solida e. Home Primo Piano Cultura & Arte Rubriche Spettacoli Fiorentina Sport Concorso Giornalismo

CR Volterra, una banca sempre più solida e. Home Primo Piano Cultura & Arte Rubriche Spettacoli Fiorentina Sport Concorso Giornalismo Home Primo Piano Cultura & Arte Rubriche Spettacoli Fiorentina Sport Concorso Giornalismo! Arezzo Firenze Grosseto Livorno Lucca Massa Carrara Pisa Pistoia Prato Siena CR Volterra, una banca sempre più

Dettagli

Grazie davvero al Presidente Guzzetti e grazie a tutti voi, al. Sindaco di Lucca, al Presidente della Fondazione per questo invito

Grazie davvero al Presidente Guzzetti e grazie a tutti voi, al. Sindaco di Lucca, al Presidente della Fondazione per questo invito Testo dell intervento del Presidente dell Anci Piero Fassino Grazie davvero al Presidente Guzzetti e grazie a tutti voi, al Sindaco di Lucca, al Presidente della Fondazione per questo invito e, per non

Dettagli

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Comunicato stampa EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Le imprese associate a Eurogroup sono quasi 37 mila (+8,6% rispetto al 2006) L avanzo di gestione ante imposte è di 6,3

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Gentili ospiti Signore e Signori, Autorità e colleghi Costruttori, vi ringrazio della vostra presenza oggi alla

Dettagli

Sardegna Piattaforma Logistica del Mediterraneo?

Sardegna Piattaforma Logistica del Mediterraneo? Sardegna Piattaforma Logistica del Mediterraneo? Quando durante il convegno C è posto nel Med? La Sardegna fra Europa e Mediterraneo organizzato nel febbraio scorso da Sardegna 2050 e OpenMed mi è stata

Dettagli

i dossier ALITALIA: PARLA IL MINISTRO LUPI www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 16 ottobre 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier ALITALIA: PARLA IL MINISTRO LUPI www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 16 ottobre 2013 a cura di Renato Brunetta 661 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ALITALIA: PARLA IL MINISTRO LUPI 16 ottobre 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 L intervista al Corriere della Sera Sull entrata di Poste

Dettagli

Ed eccoci all aggiornamento per stamattina.

Ed eccoci all aggiornamento per stamattina. Ed eccoci all aggiornamento per stamattina. La Fed ieri ha tranquillizzato i mercato dicendo che terrà i tassi bassi fino al 2013. La conseguenza è stata che il T-note è schizzato a 131 il suo massimo

Dettagli

UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO

UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO MC n 68 I protagonisti LUCA SCOLARI UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO di Simona Calvi Insieme a Fabio e Marco è alla guida della società creata dal padre negli anni Cinquanta, specializzata

Dettagli

1.300 2.500 10.000 5.000

1.300 2.500 10.000 5.000 ORDINE DEI PREZZI RITAGLIA I CARTELLINI DEI PREZZI E INCOLLALI NEL QUADERNO METTENDO I NUMERI IN ORDINE DAL PIÙ PICCOLO AL PIÙ GRANDE. SPIEGA COME HAI FATTO A DECIDERE QUALE NUMERO ANDAVA PRIMA E QUALE

Dettagli

Newsletter Luglio 2014

Newsletter Luglio 2014 Newsletter Luglio 2014 Finanza Agevolata Notizie MACCHINARI E BENI STRUMENTALI GODRANNO DI UN CREDITO DI IMPOSTA DEL 15% Macchinari e beni strumentali godranno di un credito d imposta del 15% di cui però

Dettagli

QUANDO CRISI E CONCORRENZA AUMENTANO, COSA BISOGNA FARE PER MIGLIORARE I RISULTATI AZIENDALI? PER REAGIRE CON SUCCESSO BISOGNA SAPERE PER DECIDERE

QUANDO CRISI E CONCORRENZA AUMENTANO, COSA BISOGNA FARE PER MIGLIORARE I RISULTATI AZIENDALI? PER REAGIRE CON SUCCESSO BISOGNA SAPERE PER DECIDERE QUANDO CRISI E CONCORRENZA AUMENTANO, COSA BISOGNA FARE PER MIGLIORARE I RISULTATI AZIENDALI? PER REAGIRE CON SUCCESSO BISOGNA SAPERE PER DECIDERE Da sempre nascono periodicamente problemi che riguardano

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

20 EDIZIONE 12-13 MAGGIO 2015. Hotel Paggeria Medicea Artimino, Carmignano (PO)

20 EDIZIONE 12-13 MAGGIO 2015. Hotel Paggeria Medicea Artimino, Carmignano (PO) 20 a 12-13 MAGGIO 2015 Hotel Paggeria Medicea Artimino, Carmignano (PO) Richmond Italia è parte di un consolidato network internazionale, che opera da ben 20 anni, specializzato nell organizzazione di

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 3 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web MISURAZIONE ED OBIETTIVI INDEX 3 7 13 Strumenti di controllo e analisi Perché faccio un sito web? Definisci

Dettagli

Assemblea dei soci 29 gennaio 2011

Assemblea dei soci 29 gennaio 2011 Assemblea dei soci 29 gennaio 2011 Iniziamo ricordando che il 27 scorso è stata la giornata della memoria; quest anno non abbiamo fatto in tempo a organizzare qualche iniziativa come lo scorso anno ma

Dettagli

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Mercoledì, 09 aprile 2014

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Mercoledì, 09 aprile 2014 DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Mercoledì, 09 aprile 2014 09/04/2014 Gazzetta di Modena Pagina 12 DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Mercoledì, 09 aprile 2014 Dossier Confcommercio Modena «Il Palatipico in piazza

Dettagli