Il prezzo di alcuni generi di largo consumo a Sondrio. Aprile 2013

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il prezzo di alcuni generi di largo consumo a Sondrio. Aprile 2013"

Transcript

1 Il prezzo di alcuni generi di largo consumo a Sondrio Aprile

2 La struttura della presentazione Caratteristiche dell indagine Il paniere di prodotti rilevati Risultati: La scala di prezzo: prodotti di marca, marchio del distributore e primi prezzi Il costo del carrello: prodotti di marca, marchio del distributore e primi prezzi Il costo del carrello: massimo, minimo e medio Un confronto sul costo della spesa: Sondrio vs Lombardia L andamento del costo del carrello nel tempo, cosa è cambiato nell arco di 6 mesi Un confronto con l evoluzione dei prezzi in Italia e Lombardia I prezzi di alcuni servizi e la loro evoluzione nel tempo Le novità introdotte nella rilevazione dal 2013: La messa a regime della rilevazione dei prezzi di un paniere di prodotti locali La messa a regime del benchmarking Sondrio vs Comuni montani 2

3 Le caratteristiche dell indagine L oggetto dell indagine è la rilevazione dei prezzi di alcuni beni di largo consumo nel Comune di Sondrio Prodotti che hanno un elevato valore simbolico e che più influenzano la percezione di inflazione delle famiglie: basso valore unitario elevata frequenza di acquisto Un operazione snella ma efficace e robusta dal punto di vista statistico Il monitoraggio è semestrale e misura: il livello dei prezzi ( /Kg, /Lt., /confezione) la loro variazione nel tempo (aumento/diminuzione %) Si tratta della settima rilevazione da gennaio

4 Il piano della rilevazione Il piano di rilevazione tiene conto dei diversi format distributivi (super, iper, superette, discount, negozi tradizionali) e rispecchia la loro importanza relativa nella Piazza di Sondrio I punti vendita visitati sono 27, di cui: 1 ipermercato 7 Supermercati 4 Superette 4 Hard Discount 3 esercizi del Dettaglio alimentare tradizionale 5 Macellerie 3 Panetterie In ciascun punto vendita il numero di referenze rilevate varia da 2 a 5, suddivise come segue: prodotti di marca marchio commerciale primo prezzo Nel complesso sono state raccolte circa 1100 quotazioni di prezzo 4

5 Il piano della rilevazione Rispetto alla rilevazione di luglio 2012, il piano conta 3 supermercati in meno Nella seconda metà del 2012 sono stati chiusi tre punti vendita: Crai, via Stelvio Pellicano, via Bonfadini Drogheria, via Torelli Si rilevano inoltre quattro cambi di insegna: crisi dei consumi e ripensamento delle abitudini alimentari stanno producendo un fenomeno di ristrutturazione della GDO ed una forte sofferenza per il settore del commercio al dettaglio Il contesto competitivo sulla Piazza risulta quindi modificato: le tendenze dei prezzi al consumo possono essere lette anche alla luce del nuovo scenario di mercato 5

6 Il territorio della rilevazione 6

7 I prodotti oggetto di rilevazione Il paniere di beni di largo consumo N. Prodotti Quote % del paniere 1 Pane 19.1% 2 Acqua minerale 4.8% 3 Carne fresca bovino adulto 6.6% 4 Olio extra vergine di oliva 5.2% 5 Pollo fresco 1.4% 6 Tonno in olio d'oliva 6.2% 7 Pasta di semola di grano duro 7.6% 8 Mozzarella 6.3% 9 Latte fresco 5.2% 10 Succo di frutta 3.2% 11 Prosciutto crudo 4.1% 12 Biscotti frollini 4.8% 13 Yogurt 5.7% 14 Parmigiano Reggiano 1.6% 15 Caffe' tostato 4.1% 16 Riso 1.4% 17 Uova di gallina 3.2% 18 Burro 2.3% 19 Zucchero 1.7% 20 Pomodori pelati 0.4% 21 Shampoo 1.8% 22 Detersivo per stoviglie a mano 1.4% 23 Dentifricio 2.0% TOTALE 100.0% 23 prodotti: 20 alimentari, 3 per la cura casa/persona Prodotti caratterizzati da elevato valore segnaletico e acquisto frequente Rappresentano circa il 40% della spesa per beni di largo consumo confezionato Pane, carne, acqua, olio e pasta pesano per oltre il 40% sulla spesa del carrello Per questi prodotti ogni famiglia italiana spende in media circa 2000 euro l anno 7

8 L esito della rilevazione Il paniere di beni di largo consumo a Sondrio - Gennaio 2013 N. Prodotti Misura Min Max Media Marca Comm Primo 1 Pane /Kg Acqua minerale conf. 6x1.5l Carne fresca bovino adulto /Kg Olio extra vergine di oliva /Lt Pollo fresco /Kg Tonno in olio d'oliva /Kg Pasta di semola di grano duro /Kg Mozzarella /Kg Latte fresco /Lt Succo di frutta /Lt Prosciutto crudo /Kg Biscotti frollini /Kg Yogurt /125gr Parmigiano Reggiano /Kg Caffe' tostato /Kg Riso /Kg Uova di gallina /conf Burro /Kg Zucchero /Kg Pomodori pelati /Kg Shampoo /250ml Detersivo per stoviglie a mano /Lt Dentifricio /100ml Prezzi 8

9 Il carrello della spesa a Sondrio Spesa al prezzo più basso: % (-43% a luglio 2012) Spesa al prezzo medio: Pagare sempre il prezzo massimo: % (+36% a luglio 2012) 9

10 La scala di prezzo: il risparmio rispetto alla marca Prodotti di marca -32% -56% Prodotti a marchio commerciale Rispetto alla rilevazione di luglio 2012, il prodotto a marchio commerciale garantisce un risparmio invariato. E cresciuta nel contempo la pressione dei prodotti di primo prezzo (dal 40% ad oltre il 50% di risparmio) Prodotti di primo prezzo 10

11 Come cambia la scala di prezzo con le promozioni Prodotti di marca -32% -45% -56% Prodotti a marchio commerciale Prodotti di marca promozionato Prodotti di primo prezzo N.B.: Nel calcolo sui prodotti di marca in promozione non sono compresi i prodotti di cui non esiste la referenza di marca o per il quale non sono registrate promozioni 11

12 2012: si intensifica il downgrading della spesa Il "downgrading" della spesa Variazioni % tendenziali Mix di acquisto (scala dx.) Costo della spesa Prezzi di listino 5% 4% 3% 2% 1% 0% -1% -2% 11 a l o 12 a l o 2.0% 1.6% 1.2% 0.8% 0.4% 0.0% -0.4% -0.8% su dati SymphonyIRI Le famiglie stanno cambiando abitudini di consumo : Crescente nomadismo tra i punti vendita della GDO Maggiore ricorso a offerte e promozioni e a formati distributivi a minore contenuto di servizio (discount) Scivolamento lungo la scala di prezzo verso prodotti a marchio commerciale e di primo prezzo 12

13 Continua a crescere la pressione promozionale nella GDO Pressione promozionale e vendite incrementali Pressione promozionale Vendite incrementali da promozioni (scala dx) Vendite di base a prezzi correnti - in % sul totale vendite 92% 30% 15.0% 90% 25% 10.0% 88% 20% 86% 15% 08 a l o 09 a l o 10 a l o 11 a l o 12 a l o 5.0% 84% 08 a l o 09 a l o 10 a l o 11 a l o 12 a l o su dati SymphonyIRI su dati SymphonyIRI Pressione promozionale arrivata alle soglie del 30% Il sostegno offerto dalle promozioni è cresciuto: quasi il 15% delle vendite senza promozioni non avrebbe luogo.. scivolano invece le vendite di base

14 Sondrio: opportunità di risparmio e pressione promozionale Sconto rispetto al prodotto di marca o a marchio commerciale Mozzarella Shampoo Olio extra vergine di oliva Riso Acqua minerale Succo di frutta Dentifricio 37% 35% 34% 34% 32% 32% 31% Sulle referenze in promozione, sconto compreso tra il 16% ed il 37% Massimo sconto possibile per mozzarella, shampoo e olio extra vergine Yogurt magro Uova di gallina Prosciutto crudo Caffe' tostato 28% 27% 27% 25% Percentuali più contenute per referenze che non presentano problemi di deperibilità (dentifricio, pasta, tonno, biscotti) Detersivo per stoviglie a mano Pasta di semola di grano duro Tonno in olio d'oliva Biscotti frollini Carne fresca bovino adulto 16% 16% 25% 25% 22% Cresce l ampiezza della pressione promozionale a Sondrio: a luglio erano 14 le referenze acquistabili con sconto, a gennaio 17 Burro 16% 10% 15% 20% 25% 30% 35% 40% 14

15 Sondrio e Lombardia a confronto Il paniere di beni di largo consumo Sondrio a confronto. Gennaio 2013 N. Prodotti Misura Lombardia(*) 1 Pane /Kg Acqua minerale conf. 6x1.5l Carne fresca bovino adulto /Kg Olio extra vergine di oliva /Lt Pollo fresco /Kg Tonno in olio d'oliva /Kg Pasta di semola di grano duro /Kg Mozzarella /Kg Latte fresco /Lt Succo di frutta /Lt Prosciutto crudo /Kg Biscotti frollini /Kg Yogurt /125gr Parmigiano Reggiano /Kg Caffe' tostato /Kg Riso /Kg Uova di gallina /conf Burro /Kg Zucchero /Kg Pomodori pelati /Kg Shampoo /250ml Detersivo per stoviglie a mano /Lt Dentifricio /100ml (*) Media aritmetica semplice dei prezzi per provincia: Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Milano, Varese, Lecco, Lodi, Pavia, Sondrio Sondrio Circa i due terzi dei prodotti del paniere presentano a Sondrio livelli medi dei prezzi superiori a quelli della media lombarda Molti di questi sono prodotti di primissima necessità come acqua minerale, olio, pasta Sondrio si segnala per una maggiore convenienza sui generi freschi (mozzarella, pollo, uova, burro) 15

16 La spesa alimentare nelle Province lombarde Posizionamento rispetto al paniere Lombardia (Gennaio 2013) MI 8.4% VA MN BS SO LO LC CR BG CO -5.6% -4.3% -1.1% -1.3% -1.4% -2.0% 0.9% 1.5% 5.0% -8% -6% -4% -2% 0% 2% 4% 6% 8% 10% Come nell ultima rilevazione di luglio, il costo della spesa a Sondrio si conferma sotto la media regionale: lo scarto è pari ad oltre 1 punto percentuali Milano è la città più cara, Como quella più economica 16

17 I prezzi alimentari a Sondrio 17

18 L andamento dei prezzi: l inflazione alimentare Inflazione alimentare: il confezionato Variazioni % tendenziali su dati Istat (NIC) In media nazionale, così come rilevato dall Istat, l inflazione dell alimentare ha iniziato a rallentare dalla primavera del 2012 Nel mese di febbraio 2013 l inflazione dell alimentare confezionato si è portata al 2.1% (un anno fa inflazione più elevata di oltre un punto) Sul resto dell anno pesa l incognita dell IVA dal prossimo mese di luglio 18

19 Materie prime alimentari: nonostante la correzione di inizio anno, siamo ancora sui massimi storici Materie prime alimentari in$ in I t 08 III t 08 I t 09 III t 09 I t 10 III t 10 I t 11 III t 11 I t 12 III t 12 I t 13 Indice Economist =100 su dati Thomson Reuters Secondo la FAO nuove pressioni potrebbero materializzarsi nei prossimi mesi: la produzione mondiale dei cereali dovrebbe contrarsi del 2.7% nel 2013 (-5.5% per il grano) alle avversità climatiche (siccità in Usa, Europa e Asia Centrale) si sommano politiche delle esportazioni di segno restrittivo per alcuni Paesi produttori (Ucraina per il grano, Thailandia per il riso) forti pressioni sulle scorte (i consumi eccedono la produzione) 19

20 L andamento dei prezzi a Sondrio La variazione dei prezzi dei beni di largo consumo a Sondrio N. Prodotti Misura Gen-13/ Gen-12 Anno Gen-13/ Lug-12 Semestre 1 Pane /Kg 2.1% 2.2% 2 Acqua minerale conf. 6x1.5l 1.0% 2.1% 3 Carne fresca bovino adulto /Kg 0.1% -0.2% 4 Olio extra vergine di oliva /Lt -0.7% 2.9% 5 Pollo fresco /Kg 2.3% 1.8% 6 Tonno in olio d'oliva /Kg 6.8% 6.0% 7 Pasta di semola di grano duro /Kg 2.5% 5.6% 8 Mozzarella /Kg 3.6% 2.8% 9 Latte fresco /Lt 1.5% 0.4% 10 Succo di frutta /Lt 1.4% 0.8% 11 Prosciutto crudo /Kg 1.8% 2.1% 12 Biscotti frollini /Kg 0.3% 1.0% 13 Yogurt /125gr 1.4% 0.3% 14 Parmigiano Reggiano /Kg 0.2% 0.8% 15 Caffe' tostato /Kg 5.4% 0.9% 16 Riso /Kg 1.5% 4.1% 17 Uova di gallina /conf 7.0% 3.7% 18 Burro /Kg -0.1% -0.5% 19 Zucchero /Kg 0.1% 0.0% 20 Pomodori pelati /Kg 2.6% 1.7% 21 Shampoo /250ml 1.0% 4.7% 22 Detersivo per stoviglie a mano /Lt 4.5% 5.1% 23 Dentifricio /100ml -2.1% 1.8% Totale 2.2% 2.3% Nell ultimo anno la spesa per il paniere è salita del 2.2% Nella seconda metà del 2012 si è assistito ad un forte recupero dei prezzi alimentari, dopo la lieve discesa del primo semestre Sull anno aumenti più rilevanti per tonno, uova, caffè, mozzarella Stabili o in lieve flessione i prezzi di carne, olio, burro, zucchero 20

21 Sondrio vs Lombardia vs Italia La variazione dei prezzi dei beni di largo consumo a Sondrio Sondrio Lombardia Italia Gen-13/ Gen-13/ Gen-13/ Gen-12 Gen-12 Gen-12 N. Prodotti Misura L inflazione a Sondrio è lievemente più elevata della media regionale e nazionale 1 Pane /Kg 2.1% 2.5% 1.9% 2 Acqua minerale conf. 6x1.5l 1.0% -0.6% 0.3% 3 Carne fresca bovino adulto /Kg 0.1% 4.2% 2.8% 4 Olio extra vergine di oliva /Lt -0.7% -0.9% 0.8% 5 Pollo fresco /Kg 2.3% 4.2% 3.2% 6 Tonno in olio d'oliva /Kg 6.8% 5.4% 4.7% 7 Pasta di semola di grano duro /Kg 2.5% 1.1% 1.4% 8 Mozzarella /Kg 3.6% -1.3% 0.4% 9 Latte fresco /Lt 1.5% 0.1% 0.5% 10 Succo di frutta /Lt 1.4% 4.2% 2.7% 11 Prosciutto crudo /Kg 1.8% 1.3% 1.5% 12 Biscotti frollini /Kg 0.3% 1.9% 2.2% 13 Yogurt /125gr 1.4% -0.5% 1.0% 14 Parmigiano Reggiano /Kg 0.2% 0.6% 0.7% 15 Caffe' tostato /Kg 5.4% 3.4% 3.4% 16 Riso /Kg 1.5% -0.4% 1.1% 17 Uova di gallina /conf 7.0% 7.3% 6.8% 18 Burro /Kg -0.1% 0.1% 0.0% 19 Zucchero /Kg 0.1% 2.0% 0.5% 20 Pomodori pelati /Kg 2.6% 5.6% 2.6% 21 Shampoo /250ml 1.0% -0.5% 2.4% 22 Detersivo per stoviglie a mano /Lt 4.5% -0.3% 2.3% 23 Dentifricio /100ml -2.1% -2.2% 0.5% Totale 2.2% 1.7% 2.0% Sondrio condivide in buona misura le tensioni che nell ultimo anno hanno colpito alcuni generi (es.: tonno, caffè, uova) 21

22 La memoria storica della rilevazione a Sondrio L'andamento dei prezzi del paniere Variazioni % semestrali 3.0% 2.5% 2.0% 1.5% 1.0% SO LO IT 2.5% 2.3% 2.1% 1.9% 1.8% 1.4% 1.4% 1.1% 0.9% 0.8% 0.9% 0.5% 0.4% 0.3% 0.0% 0.0% -0.5% -0.4% -0.2% -1.0% -0.7% -0.8% -1.5% -2.0% Gen10-Lug10 Lug10-Gen11 Gen11-Lug11 Lug11-Gen12 Gen12-Lug12 Lug12-Gen13 Dopo la discesa della seconda metà del 2012, l inflazione alimentare recupera e torna a crescere (a Sondrio più che negli altri territori) Si tratta di fenomeni non nuovi e già osservati in passato (si veda il periodo tra luglio 2010 e luglio 2011) Gli aumenti cumulati in tre anni: +4.9% a Sondrio, +5.2% in Lombardia, +5.6% in Italia 22

23 La spesa alimentare a Sondrio: principali evidenze In sintesi, le famiglie di Sondrio: La seconda metà del 2012 si è caratterizzata per un significativo recupero dei listini alimentari, che compensa il calo della prima parte dell anno. Tra gennaio 2012 e gennaio 2013 l inflazione del largo consumo si attesta al 2.2% Su base annua la dinamica dei prezzi è comunque condivisa anche dalla Lombardia e dall Italia. Sondrio attualmente fa registrare un tasso di inflazione marginalmente più sostenuto Complessivamente dall inizio dell attività di rilevazione, la variazione cumulata dal paniere di prodotti selezionati è pari al 4.9% a Sondrio, al 5.2% in Lombardia e al 5.6% in Italia. Le famiglie di Sondrio hanno dunque sopportato una minore inflazione Guardando ai livelli dei prezzi, per il carrello della spesa i consumatori residenti a Sondrio pagano un costo inferiore rispetto a quello medio lombardo di circa l 1% Le possibilità di risparmio aumentano tenendo conto anche delle offerte: rispetto ai prezzi delle referenze di marca, le promozioni permettono un risparmio che a gennaio 2013 supera il 40% per i prodotti rilevati 23

24 I prezzi dei servizi a Sondrio 24

25 Il piano della rilevazione Il piano di rilevazione tiene conto della distribuzione dei punti vendita sul territorio del Comune e nei comuni limitrofi A partire dalla rilevazione del luglio 2012 sono stati aggiunti (e confermati per il 2013) altri servizi alla persona: i servizi di lavatura e stiratura dell abito da uomo e della gonna I punti vendita visitati sono 64 di cui: 11Pizzerie 20 Bar 6 Lavaggi auto 6 Gommisti 10 Estetisti 11 Parrucchieri 6 lavanderie Nel complesso sono state raccolte circa 300 quotazioni di prezzo 25

26 I servizi oggetto della rilevazione Il paniere dei servizi N. Prodotti Quote % del paniere 1 Cappuccino al bar 4.3% 2 Caffè espresso al bar 10.7% 3 Aperitivo al bar 1.6% 4 Bevanda di essenza al bar 1.7% 5 Pasta lievitata al bar 1.8% 6 Spremuta d'arancia al bar 5.6% 7 Toast al bar 1.9% 8 Panino al bar al prosciutto crudo 0.6% 9 Birra al bar 4.4% 10 Pasto in pizzeria 32.1% 11 Taglio capelli uomo 3.5% 12 Taglio capelli donna 7.5% 13 Messa in piega 4.8% 14 Tintura capelli 6.8% 15 Estetista 2.5% 16 Lavatura e stiratura abito uomo 4.4% 17 Lavatura e stiratura gonna 1.2% 18 Riparazione auto-equilibratura e convergenza 3.9% 19 Lavaggio auto 0.6% Questo paniere rappresenta quasi un quinto della spesa media annua per servizi sostenuta da una famiglia tipo Per questi voci una famiglia spende mediamente circa 1600 euro l anno TOTALE 100.0% 26

27 Le consumazioni al bar: l esito della rilevazione I servizi a Sondrio - Gennaio 2013 N. Prodotti Misura Min Max Media 1 Cappuccino al bar unità Caffè espresso al bar unità Aperitivo al bar unità Bevanda di essenza al bar unità Pasta lievitata al bar unità Spremuta d'arancia al bar unità Toast al bar unità Panino al bar al prosciutto crudo unità Birra al bar unità Pasto in pizzeria unità Prezzi 27

28 Le consumazioni al bar: Sondrio vs Lombardia I servizi a Sondrio - Gennaio 2013 Sondrio a confronto N. Prodotti Misura Sondrio Lombardia* 1 Cappuccino al bar unità Caffè espresso al bar unità Aperitivo al bar unità Bevanda di essenza al bar unità Pasta lievitata al bar unità Spremuta d'arancia al bar unità Toast al bar unità Panino al bar al prosciutto crudo unità Birra al bar unità * Media aritmetica semplice dei prezzi per Provincia: Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Lecco, Mantova, Milano, Varese, Sondrio A Sondrio più economici rispetto alla media Lombardia la bevanda, la brioche, la spremuta ed il toast (si tratta di evidenze che confermano quanto osservato nelle ultime rilevazioni) 28

29 Le consumazioni al bar nelle Province lombarde Posizionamento rispetto al paniere Lombardia (Gennaio 2013) LC BG LO SO CR VA MI CO BS MN -3.5% -3.8% -3.9% -1.7% -0.4% 0.8% 1.8% 1.6% 2.6% 4.9% -5% -4% -3% -2% -1% 0% 1% 2% 3% 4% 5% 6% Le consumazioni al bar a Sondrio sono più care rispetto alla media lombarda 29

30 Le consumazioni al bar: le variazioni I servizi a Sondrio - Gennaio 2013 Sondrio a confronto Gen2013/Gen2012 Gen2013/Lug2012 N. Prodotti Misura Sondrio Lombardia* Sondrio Lombardia* 1 Cappuccino al bar unità 1.7% 2.1% 0.9% 0.6% 2 Caffè espresso al bar unità 2.6% 2.3% 1.6% 1.1% 3 Aperitivo al bar unità 9.4% -5.2% 5.5% -8.2% 4 Bevanda di essenza al bar unità 8.6% 5.7% 7.6% 4.7% 5 Pasta lievitata al bar unità 4.2% 4.3% 4.2% 2.0% 6 Spremuta d'arancia al bar unità 1.3% 9.5% 0.9% 9.7% 7 Toast al bar unità 5.0% 4.1% 5.4% 4.7% 8 Panino al bar al prosciutto crudo unità 6.0% 5.9% 7.6% 2.4% 9 Birra al bar unità 3.4% 3.8% 2.8% 2.4% TOTALE 3.3% 3.8% 2.5% 2.7% * Media aritmetica semplice dei prezzi per Provincia: Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Lecco, Mantova, Milano, Varese, Sondrio Nell ultimo anno i prezzi delle consumazioni al bar sono aumentati meno a Sondrio. I rincari principali sono associati all aperitivo e alla bevanda A Sondrio si registra un incremento del 3.3% (+3.8% in media regionale) I prezzi sono cresciuti in misura più accentuata nell ultimo semestre (+2.5%) 30

31 Il pasto in pizzeria: conviene mangiarla a Sondrio I servizi a Sondrio - Gennaio 2013 Sondrio a confronto N. Prodotti Misura Sondrio Lombardia* 10 Pasto in pizzeria unità * Media aritmetica semplice dei prezzi per Provincia: Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Lecco, Mantova, Milano, Varese, Sondrio I servizi a Sondrio - Gennaio 2013 Sondrio a confronto Gen2013/Gen2012 Gen2013/Lug2012 N. Prodotti Misura Sondrio Lombardia* Sondrio Lombardia* 10 Pasto in pizzeria unità 4.0% 5.6% 0.5% 4.3% * Media aritmetica semplice dei prezzi per Provincia: Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Lecco, Mantova, Milano, Varese, Sondrio A Sondrio prezzi più bassi della media lombarda I rincari nell ultimo anno, seppur importanti (+4%) sono inferiori alla media regionale 31

32 I servizi alla persona: Sondrio vs Lombardia I servizi a Sondrio - Gennaio 2013 Sondrio a confronto N. Prodotti Misura Sondrio Lombardia* 11 Taglio capelli uomo unità Taglio capelli donna unità Messa in piega unità Tintura capelli unità Estetista unità Lavatura e stiratura abito uomo unità Lavatura e stiratura gonna unità * Media aritmetica semplice dei prezzi per Provincia: Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Lecco, Mantova, Milano, Varese, Sondrio I servizi a Sondrio - Gennaio 2013 Sondrio a confronto Gen2013/Gen2012 Gen2013/Lug2012 N. Prodotti Misura Sondrio Lombardia* Sondrio Lombardia* 11 Taglio capelli uomo unità 0.4% 5.3% 0.0% 5.0% 12 Taglio capelli donna unità 12.1% 8.8% 9.6% 8.0% 13 Messa in piega unità 2.3% -1.0% -1.3% -2.0% 14 Tintura capelli unità 11.5% 5.9% 9.5% 5.0% 15 Estetista unità 2.3% -0.3% 16 Lavatura e stiratura abito uomo unità 0.5% 6.8% 17 Lavatura e stiratura gonna unità 5.4% 5.3% TOTALE 8.0% 5.3% 4.7% 4.5% * Media aritmetica semplice dei prezzi per Provincia: Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Lecco, Mantova, Milano, Varese, Sondrio 32

33 I servizi alla persona: un confronto territoriale Posizionamento rispetto al paniere Lombardia (Gennaio 2013) LC VA MN 6.8% 8.4% 8.0% MI 0.6% CR LO -2.5% -1.2% SO -4.4% BS -8.2% BG -11.2% -15% -10% -5% 0% 5% 10% I servizi alla persona sono nel complesso più convenienti a Sondrio, nonostante aumenti importanti nell ultimo anno In termini di livelli dei prezzi dei servizi alla persona, a Sondrio la spesa è di oltre il 4% più contenuta della media della Lombardia 33

34 La manutenzione dell auto: Sondrio vs Lombardia I servizi a Sondrio - Gennaio 2013 Sondrio a confronto N. Prodotti Misura Sondrio Lombardia* 18 Riparazione auto-equilibratura e convergenza unità Lavaggio auto unità * Media aritmetica semplice dei prezzi per Provincia: Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Lecco, Mantova, Milano, Varese, Sondrio I servizi a Sondrio - Gennaio 2013 Sondrio a confronto Gen2013/Gen2012 Gen2013/Lug2012 N. Prodotti Misura Sondrio Lombardia* Sondrio Lombardia* 18 Riparazione auto-equilibratura e convergenza unità -1.7% 8.4% -1.7% 8.2% 19 Lavaggio auto unità 4.8% -0.2% 4.8% -0.5% TOTALE -0.8% 7.2% -0.8% 7.1% * Media aritmetica semplice dei prezzi per Provincia: Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Lecco, Mantova, Milano, Varese, Sondrio 34

35 Il pasto in pizzeria: conviene mangiarla a Sondrio In sintesi, per i servizi rilevati: Nonostante gli aumenti dell ultimo anno, Sondrio è uno dei capoluoghi di provincia lombardi dove i servizi alla persona (parrucchiere, estetista) ed i servizi per la manutenzione dell auto risultano più convenienti I prezzi delle consumazioni al bar sono invece lievemente più cari se messi a confronto con quelli medi regionali (ma gli aumenti negli ultimi dodici mesi sono più contenuti: questo elemento suggerisce un progressivo fenomeno di convergenza) Pizza sempre più economica a Sondrio ma anche in questo caso non mancano gli aumenti Nonostante i rincari che si sono registrati tra gennaio 2012 e gennaio 2013, Sondrio rimane una delle città più virtuose dal punto di vista dei costi dei servizi, elemento che si conferma come una delle caratteristiche del territorio 35

36 Appendice (1): i prodotti tipici 36

37 Il paniere dei prodotti tipici del territorio valtellinese Il paniere di prodotti tipici del territorio - Gennaio 2013 N. Paniere Istat Prodotti tipici Misura Min Max Med 1 Formaggio Casera /Kg % 2.0% 2 Bresaola Bresaola /Kg % -0.5% 3 Pasta fresca Pizzoccheri /Kg % -4.4% 4 Prodotto di gastronomia Polenta /Kg % -0.2% 5 Prodotto di gastronomia Sciatt /Kg % -1.7% 6 Vino doc/docg Inferno /bott % 21.8% 7 Vino doc/docg Grumello /bott % 24.4% 8 Vino doc/docg Sassella /bott % 19.8% Prezzi Gen-13/ Gen-12 Gen-13/ Lug-12 Nei 12 mesi di monitoraggio (gennaio 2012/gennaio 2013) sono stati rilevati aumenti per casera, pizzoccheri e polenta (prodotto di gastronomia). Sono invece diminuiti i prezzi di bresaola e sciatt Un discorso ad hoc lo meritano i vini: i forti aumenti (i vini da tavola rilevati nel paniere Istat fanno segnare un aumento di poco inferiore al 10% nello stesso periodo) sono da ricondurre ai rincari all ingrosso che si sono registrati nel periodo autunnale complice la forte contrazione della produzione vinicola La spesa del turista: il costo del cesto* di prodotti tipici valtellinesi che i turisti possono acquistare è aumentato rispetto a gennaio In media esso è pari 73 euro, con un minimo di 61 euro e un massimo di 94 *1/5 kg di formaggio, di pasta, di bresaola e di prodotti di gastronomia; una bottiglia di inferno, di sassella, di grumello 37

38 Appendice (2): i Comuni montani 38

39 I prezzi dei prodotti alimentari nei Comuni montani Il paniere di beni di largo consumo Sondrio a confronto. Gennaio 2013 N. Prodotti Misura Comuni montani(*) Sondrio 1 Pane /Kg Acqua minerale conf. 6x1.5l Carne fresca bovino adulto /Kg Olio extra vergine di oliva /Lt Pollo fresco /Kg Tonno in olio d'oliva /Kg Pasta di semola di grano duro /Kg Mozzarella /Kg Latte fresco /Lt Succo di frutta /Lt Prosciutto crudo /Kg Biscotti frollini /Kg Yogurt /125gr Parmigiano Reggiano /Kg Caffe' tostato /Kg Riso /Kg Uova di gallina /conf Burro /Kg Zucchero /Kg Pomodori pelati /Kg Shampoo /250ml Detersivo per stoviglie a mano /Lt Dentifricio /100ml Circa metà dei prodotti del paniere presenta a Sondrio livelli medi dei prezzi, inferiori a quelli della media dei Comuni montani Molti di questi sono prodotti di primissima necessità come pane, acqua minerale, carne, uova (*) Media aritmetica semplice dei prezzi per Comune: Aosta, Belluno, Bolzano, Trento, Verbania, Sondrio 39

40 I prezzi dei prodotti alimentari nei Comuni montani Posizionamento rispetto ai Comuni montani (Gennaio 2013) BZ 11.4% AO 5.4% VCO 2.3% BL 0.8% TN 0.1% SO -0.9% -2% 0% 2% 4% 6% 8% 10% 12% 14% Rispetto alla media dei Comuni montani, Sondrio è la città più conveniente per la spesa alimentare 40

41 Grazie per l attenzione! Contatti: REF Ricerche 41

Il prezzo di alcuni generi di largo consumo a Monza. con il coordinamento scientifico di

Il prezzo di alcuni generi di largo consumo a Monza. con il coordinamento scientifico di Il prezzo di alcuni generi di largo consumo a Monza con il coordinamento scientifico di IL PIANO DELLA PRESENTAZIONE Caratteristiche dell Indagine Il paniere di prodotti Risultati: La scala di prezzo:

Dettagli

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza e Lombardia. con il coordinamento scientifico di:

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza e Lombardia. con il coordinamento scientifico di: Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza e Lombardia con il coordinamento scientifico di: La rilevazione 2 LA RILEVAZIONE DEI PREZZI Oggetto della rilevazione: Beni di largo consumo:

Dettagli

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza e in Lombardia. con il coordinamento scientifico di

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza e in Lombardia. con il coordinamento scientifico di Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza e in Lombardia con il coordinamento scientifico di IL PIANO DELLA PRESENTAZIONE Caratteristiche dell Indagine Il paniere dei prodotti, il paniere

Dettagli

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza e in Lombardia. con il coordinamento scientifico di

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza e in Lombardia. con il coordinamento scientifico di Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza e in Lombardia con il coordinamento scientifico di Dicembre 2012 La struttura della presentazione Caratteristiche dell indagine Il piano della

Dettagli

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza. con il coordinamento scientifico di

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza. con il coordinamento scientifico di Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza con il coordinamento scientifico di IL PIANO DELLA PRESENTAZIONE Caratteristiche dell Indagine Il paniere dei prodotti, il paniere dei servizi

Dettagli

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza e in Lombardia. Giugno 2014

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza e in Lombardia. Giugno 2014 Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza e in Lombardia Giugno 2014 1 Il prezzo di alcuni generi di largo consumo 2 La struttura della presentazione Caratteristiche dell indagine Il

Dettagli

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza. con il coordinamento scientifico di

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza. con il coordinamento scientifico di Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza con il coordinamento scientifico di IL PIANO DELLA PRESENTAZIONE Caratteristiche dell Indagine Il paniere dei prodotti, il paniere dei servizi

Dettagli

IL PIANO DELLA PRESENTAZIONE

IL PIANO DELLA PRESENTAZIONE Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza e in Lombardia con il coordinamento scientifico di: IL PIANO DELLA PRESENTAZIONE Caratteristiche dell Indagine Il paniere dei prodotti, il paniere

Dettagli

Il prezzo di alcuni generi di largo consumo a Sondrio

Il prezzo di alcuni generi di largo consumo a Sondrio Il prezzo di alcuni generi di largo consumo a Sondrio con il coordinamento scientifico di Novembre 2012 La struttura della presentazione Caratteristiche dell indagine Il paniere di prodotti rilevati Risultati:

Dettagli

Il prezzo di alcuni servizi a Monza. con il coordinamento scientifico di

Il prezzo di alcuni servizi a Monza. con il coordinamento scientifico di Il prezzo di alcuni servizi a Monza con il coordinamento scientifico di LE CARATTERISTICHE DELL INDAGINE L oggetto dell indagine è la rilevazione periodica dei prezzi di beni e servizi nel Comune di Monza

Dettagli

A MONZA E A MILANO PER RISPARMIARE RISCOPRONO LA SCHISCETTA E SCELGONO IL TAKE AWAY

A MONZA E A MILANO PER RISPARMIARE RISCOPRONO LA SCHISCETTA E SCELGONO IL TAKE AWAY 0392807521-0392807511 In Lombardia la spesa per il carrello è diminuita ad aprile del -1,7% su base annua e i lombardi si ritrovano con 34 euro in più nel portafoglio, i monzesi ne risparmiano 27 A MONZA

Dettagli

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza e in Lombardia. Dicembre 2013

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza e in Lombardia. Dicembre 2013 Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza e in Lombardia Dicembre 2013 1 Il prezzo di alcuni generi di largo consumo 2 La struttura della presentazione Caratteristiche dell indagine Il

Dettagli

Le tendenze dei prezzi al consumo nelle province del FVG

Le tendenze dei prezzi al consumo nelle province del FVG centro stam Le tendenze dei prezzi al consumo nelle province del FVG REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Assessore regionale alle finanze, patrimonio e programmazione Direzione centrale finanze, patrimonio

Dettagli

Rilevazione dei prezzi di un paniere di beni di largo consumo nella distribuzione organizzata della regione Lazio

Rilevazione dei prezzi di un paniere di beni di largo consumo nella distribuzione organizzata della regione Lazio Rilevazione dei prezzi di un paniere di beni di largo consumo nella distribuzione organizzata della regione Lazio Settimana di rilevazione: 4-8 Ottobre Regione Lazio Area Sistema Statistico SEZIONE 1 DATI

Dettagli

Rilevazione dei prezzi di un paniere di beni di largo consumo nella distribuzione organizzata della regione Lazio

Rilevazione dei prezzi di un paniere di beni di largo consumo nella distribuzione organizzata della regione Lazio Rilevazione dei prezzi di un paniere di beni di largo consumo nella distribuzione organizzata della regione Lazio Settimana di rilevazione: 18 22 Aprile 2011 Regione Lazio Area Sistema Statistico SEZIONE

Dettagli

Rilevazione dei prezzi di un paniere di beni di largo consumo nella distribuzione organizzata della regione Lazio

Rilevazione dei prezzi di un paniere di beni di largo consumo nella distribuzione organizzata della regione Lazio Rilevazione dei prezzi di un paniere di beni di largo consumo nella distribuzione organizzata della regione Lazio Settimana di rilevazione: 15-19 Novembre Regione Lazio Area Sistema Statistico SEZIONE

Dettagli

DATI OSSERVATORIO NAZIONALE GENNAIO 2017

DATI OSSERVATORIO NAZIONALE GENNAIO 2017 DATI OSSERVATORIO NAZIONALE GENNAIO 2017 Codice 01.1.1.1.0.00.01 Riso gr 1000 1,49 3,99 3,07 9 01.1.1.2.0.00.01 Farina di frumento gr 1000 0,35 1,10 0,68 9 01.1.1.3.1.00.01 Pane fresco gr 1000 2,80 4,50

Dettagli

A proposito di carrello della spesa!

A proposito di carrello della spesa! A proposito di carrello della spesa! L Ufficio Statistica del Comune di Lecco, nell ambito della rilevazione prezzi al consumo condotta mensilmente, ha realizzato un approfondimento sul costo di un ipotetico

Dettagli

LA DINAMICA DEI PREZZI AL DETTAGLIO DELL AGROALIMENTARE

LA DINAMICA DEI PREZZI AL DETTAGLIO DELL AGROALIMENTARE Settimana 16 lio 2012 numero 4/12 30 luglio 2012 LA DINAMICA DEI PREZZI AL DETTAGLIO DELL AGROALIMENTARE I prezzi al dettaglio della terza settimana di luglio (16 - lio) rispetto alla precedente (9-15

Dettagli

OSSERVATORIO PROVINCIALE PREZZI AL CONSUMO

OSSERVATORIO PROVINCIALE PREZZI AL CONSUMO COMUNE DI DUINO-AURISINA COMUNE DI TRIESTE COMUNE DI MUGGIA OSSERVATORIO PROVINCIALE PREZZI AL CONSUMO SETTEMBRE 2009 L osservatorio provinciale dei prezzi al consumo nel mese di settembre ha effettuato

Dettagli

LA DINAMICA DEI PREZZI AL DETTAGLIO DELL AGROALIMENTARE

LA DINAMICA DEI PREZZI AL DETTAGLIO DELL AGROALIMENTARE Settimana 24 tembre 2012 numero 7/12 LA DINAMICA DEI PREZZI AL DETTAGLIO DELL AGROALIMENTARE I prezzi al dettaglio del comparto agro-alimentare relativi all ultima settimana di settembre (24 30 settembre)

Dettagli

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza. con il coordinamento scientifico di:

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza. con il coordinamento scientifico di: Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza con il coordinamento scientifico di: La rilevazione 2 LA RILEVAZIONE DEI PREZZI Oggetto della rilevazione: Beni di largo consumo: prodotti alimentari

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Garante per la sorveglianza dei prezzi Con il supporto del Dipartimento per la Regolazione del Mercato Direzione Generale per la Concorrenza e i Consumatori UfficioV

Dettagli

DATI OSSERVATORIO NAZIONALE MARZO 2016

DATI OSSERVATORIO NAZIONALE MARZO 2016 DATI OSSERVATORIO NAZIONALE MARZO 2016 Codice 01.1.1.1.0.00.01 Riso gr 1000 1.49 3.99 3.15 9 01.1.1.2.0.00.01 Farina di frumento gr 1000 0.35 1.1 0.66 9 01.1.1.3.1.00.01 Pane fresco gr 1000 2.6 4.3 3.33

Dettagli

DATI OSSERVATORIO NAZIONALE SETTEMBRE 2016

DATI OSSERVATORIO NAZIONALE SETTEMBRE 2016 DATI OSSERVATORIO NAZIONALE SETTEMBRE 2016 Codice 01.1.1.1.0.00.01 Riso gr 1000 1.49 3.99 3.05 9 01.1.1.2.0.00.01 Farina di frumento gr 1000 0.35 1.1 0.68 9 01.1.1.3.1.00.01 Pane fresco gr 1000 2.6 4.3

Dettagli

DATI OSSERVATORIO NAZIONALE MAGGIO 2016

DATI OSSERVATORIO NAZIONALE MAGGIO 2016 DATI OSSERVATORIO NAZIONALE MAGGIO 2016 Codice 01.1.1.1.0.00.01 Riso gr 1000 1.49 3.99 3.09 9 01.1.1.2.0.00.01 Farina di frumento gr 1000 0.35 1.1 0.66 9 01.1.1.3.1.00.01 Pane fresco gr 1000 2.6 4.3 3.33

Dettagli

LA DINAMICA DEI PREZZI AL DETTAGLIO DELL AGROALIMENTARE

LA DINAMICA DEI PREZZI AL DETTAGLIO DELL AGROALIMENTARE Settimana 26 novembre 2 dicembre 2012 numero 15/12 LA DINAMICA DEI PREZZI AL DETTAGLIO DELL AGROALIMENTARE I prezzi al dettaglio del comparto agro-alimentare relativi alla quinta settimana di novembre

Dettagli

Comune di Bologna Settore Programmazione, Controlli e Statistica

Comune di Bologna Settore Programmazione, Controlli e Statistica Il Comune di Bologna ha costituito un tavolo tecnico sul caro prezzi, al quale partecipano sia soggetti istituzionali, sia organismi rappresentativi degli operatori economici dei diversi settori produttivi,

Dettagli

BIMESTRE MARZO-APRILE BIMESTRE GENNAIO-FEBBRAIO

BIMESTRE MARZO-APRILE BIMESTRE GENNAIO-FEBBRAIO VARIAZIONI PERCENTUALI DEI PREZZI PRATICATI DAI PRODUTTORI ALLE GRANDI CENTRALI Tav. 1 DI ACQUISTO PER I 39 PRODOTTI ALIMENTARI NEL PERIODO GENNAIO LUGLIO 2008 BIMESTRE GENNAIO-FEBBRAIO BIMESTRE MARZO-APRILE

Dettagli

OSSERVATORIO PROVINCIALE PREZZI AL CONSUMO

OSSERVATORIO PROVINCIALE PREZZI AL CONSUMO COMUNE DI DUINO-AURISINA COMUNE DI TRIESTE COMUNE DI MUGGIA OSSERVATORIO PROVINCIALE PREZZI AL CONSUMO OTTOBRE 2009 L osservatorio provinciale dei prezzi al consumo nel mese di ottobre ha effettuato le

Dettagli

OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE Città di Ferrara

OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE Città di Ferrara U.O. STATISTICA DEL COMUNE DI FERRARA OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE Città di Ferrara Mercato del lunedì foto: Caterina Malucelli Un occhio attento sui prezzi rilevati a Ferrara nei mesi di settembre 2008

Dettagli

OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE Città di Ferrara

OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE Città di Ferrara U.O. STATISTICA DEL COMUNE DI FERRARA OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE Città di Ferrara Mercato del lunedì foto: Caterina Malucelli Un occhio attento sui prezzi rilevati a Ferrara nei mesi di agosto 2008

Dettagli

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER Settore Sistema Statistico Regionale LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) NELLE CITTA TOSCANE. SETTEMBRE-OTTOBRE 2009 A cura di: - Settore Sistema Statistico

Dettagli

OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE Città di Ferrara

OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE Città di Ferrara U.O. STATISTICA DEL COMUNE DI FERRARA OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE Città di Ferrara Un occhio attento sui prezzi rilevati a Ferrara nei mesi di luglio 2008 relativi a: 65 prodotti alimentari e di somministrazione

Dettagli

Area Mercati AGROALIMENTARE NEWS. Prezzi e dei costi dei fattori produttivi, Consumi domestici, import, export e saldo. Report mensile - Luglio 2011

Area Mercati AGROALIMENTARE NEWS. Prezzi e dei costi dei fattori produttivi, Consumi domestici, import, export e saldo. Report mensile - Luglio 2011 AGROALIMENTARE NEWS Prezzi e dei costi dei fattori produttivi, Consumi domestici, import, export e saldo Report mensile - Luglio 2011 n. 2/2011 4 agosto 2011 I PREZZI DEI PRINCIPALI SETTORI AGRICOLI (osservatorio

Dettagli

INDICE DEI PREZZI ALL INGROSSO SETTORE AGROALIMENTARE III trimestre 2014

INDICE DEI PREZZI ALL INGROSSO SETTORE AGROALIMENTARE III trimestre 2014 1. Riso e Cereali Relativamente al segmento Riso e Cereali nel terzo trimestre del 2014 l indice nazionale dei prezzi all ingrosso dei risi lavorati ha subìto un ribasso del 3,6% nel mese di luglio, complice

Dettagli

ANTICIPAZIONE DEGLI INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO CITTA DI FERRARA Ottobre 2009 (dati provvisori)

ANTICIPAZIONE DEGLI INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO CITTA DI FERRARA Ottobre 2009 (dati provvisori) U.O. STATISTICA DEL COMUNE DI FERRARA ANTICIPAZIONE DEGLI INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO CITTA DI FERRARA Ottobre 2009 (dati provvisori) La rilevazione dei prezzi al consumo effettuata mensilmente dai comuni

Dettagli

Formati Distributivi e Sviluppo Marca Privata : panorama europeo ed opportunità

Formati Distributivi e Sviluppo Marca Privata : panorama europeo ed opportunità Formati Distributivi e Sviluppo Marca Privata : panorama europeo ed opportunità Epoca pre - moderna Autoconsumo Scambio di beni Ambulanti Fiere nei punti di passaggio Mercati settimanali (legati a fornitori

Dettagli

TAVOLO DI CONFRONTO SULLA TRASPARENZA DELLE DINAMICHE DEI PREZZI

TAVOLO DI CONFRONTO SULLA TRASPARENZA DELLE DINAMICHE DEI PREZZI Ministero dello Sviluppo Economico Garante per la Sorveglianza dei Prezzi Dipartimento per l Impresa e l internazionalizzazione TAVOLO DI CONFRONTO SULLA TRASPARENZA DELLE DINAMICHE DEI PREZZI 8 Novembre

Dettagli

I consumi alimentari in Italia in periodo di crisi

I consumi alimentari in Italia in periodo di crisi I consumi alimentari in Italia in periodo di crisi Alberto Franco Pozzolo (Università degli Studi del Molise e Gruppo 213) Le domande La Grande recessione, iniziata nel 28, è stata la peggiore crisi economica

Dettagli

Spesa alimentare delle famiglie italiane: nel periodo gennaio-aprile 2013, la flessione su base annua raggiunge il -3,4%

Spesa alimentare delle famiglie italiane: nel periodo gennaio-aprile 2013, la flessione su base annua raggiunge il -3,4% numero 1/13 3 luglio 2013 Spesa alimentare delle famiglie italiane: nel periodo gennaio-aprile 2013, la flessione su base annua raggiunge il -3,4% Cala la fiducia dei consumatori nei primi quattro mesi

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Garante per la sorveglianza dei prezzi Con il supporto del Dipartimento per l Impresa e l Internazionalizzazione Direzione Generale per il Mercato, la Concorrenza, il

Dettagli

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER Settore Sistema Statistico Regionale LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) NELLE CITTA TOSCANE. MAGGIO-GIUGNO 2009 A cura di: - Settore Sistema Statistico

Dettagli

Gli acquisti domestici di prodotti biologici confezionati in Italia nella GDO

Gli acquisti domestici di prodotti biologici confezionati in Italia nella GDO In sintesi Gli acquisti domestici di prodotti biologici confezionati in Italia nella GDO Continua la crescita della domanda di prodotti biologici confezionati nella GDO. Secondo i dati del Panel delle

Dettagli

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) NELLE CITTA TOSCANE. MAGGIO - GIUGNO 2006 A cura di: - Settore Sistema Regione Toscana - Settore Tutela dei Consumatori

Dettagli

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER Settore Sistema Statistico Regionale LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) NELLE CITTA TOSCANE. LUGLIO-AGOSTO 2009 A cura di: - Settore Sistema Statistico

Dettagli

METODOLOGIA DELL INDAGINE SUPERMERCATI 2017

METODOLOGIA DELL INDAGINE SUPERMERCATI 2017 METODOLOGIA DELL INDAGINE SUPERMERCATI 2017 L indagine è stata effettuata nel corso di 4 settimane, dalla fine di marzo all inizio di aprile 2017, su un campione predeterminato di punti vendita. Partendo

Dettagli

PROGETTO OCCHIO AL PREZZO MONITORAGGIO PREZZI AL CONSUMO NEL COMUNE DI PESARO

PROGETTO OCCHIO AL PREZZO MONITORAGGIO PREZZI AL CONSUMO NEL COMUNE DI PESARO PROGETTO OCCHIO AL PREZZO MONITORAGGIO PREZZI AL CONSUMO NEL COMUNE DI PESARO Marzo 2004 Direttore dell Ufficio Statistica: dr. Franco Gabellini Rilevazione Dati: dott.sa Daniela Piccinino Elaborazione

Dettagli

I flussi turistici in Lombardia nel 2016

I flussi turistici in Lombardia nel 2016 I flussi turistici in Lombardia nel 2016 Un analisi dell indagine ISTAT «Movimento dei clienti negli esercizi ricettivi» A cura di Cavedo Lorenzo Giugno 2017 I flussi turistici nel 2016 15.409.809 arrivi

Dettagli

Consumi alimentari: una famiglia su dieci ha tolto frutta e carne bovina dal carrello

Consumi alimentari: una famiglia su dieci ha tolto frutta e carne bovina dal carrello numero 2/13 24 luglio 2013 Consumi alimentari: una famiglia su dieci ha tolto frutta e carne bovina dal carrello Ancora in calo la fiducia dei consumatori nei primi cinque mesi del 2013. A rivelarlo è

Dettagli

Esercizi di vicinato Medie strutture vendita

Esercizi di vicinato Medie strutture vendita La ricerca si propone di fornire un aggiornamento della realtà distributiva al dettaglio della provincia di Brescia, alla data del 2005, evidenziando i dati sulla stessa, organizzati per tipologia di vendita,

Dettagli

Lombardia DATI REGIONALI. Panorama economico

Lombardia DATI REGIONALI. Panorama economico Lombardia L andamento del PIL è migliore rispetto a quello delle altre regioni, il reddito per abitante aumenta e sale anche la spesa complessiva per i beni durevoli. Milano continua a detenere il primato

Dettagli

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) NELLE CITTA TOSCANE. OTTOBRE-NOVEMBRE 2007 A cura di: - Settore Sistema Regione Toscana - Settore Tutela dei Consumatori

Dettagli

Agosto 2010 n. 1/10 15 ottobre 2010. 1. L andamento degli acquisti domestici mensili

Agosto 2010 n. 1/10 15 ottobre 2010. 1. L andamento degli acquisti domestici mensili Le tendenze degli acquisti domestici agroalimentari Consumi Agosto 2010 n. 1/10 15 ottobre 2010 1. L andamento degli acquisti domestici mensili Dopo la flessione tendenziale rilevata tra aprile e luglio,

Dettagli

Ristorante/trattoria pizza o due piatti 18,80 mese. Infra -settimanale almeno 3 volte a settimana

Ristorante/trattoria pizza o due piatti 18,80 mese. Infra -settimanale almeno 3 volte a settimana APPROFONDIMENTI IL FOCUS SULLA LOMBARDIA LOMBARDIA Consumatori Luoghi Prodotti Spesa media (euro) Colazione 800mila ogni giorno Bar caffè Bar pasticcerie 73,8%Una bevanda (caffè, latte, cappuccino, tè)

Dettagli

GLI SCENARI Francesco Daveri Università di Parma e Sda Bocconi. Bologna Fiere, 15 Gennaio 2014 IL CONTRIBUTO DELLA GDO E DELLA MARCA DEL

GLI SCENARI Francesco Daveri Università di Parma e Sda Bocconi. Bologna Fiere, 15 Gennaio 2014 IL CONTRIBUTO DELLA GDO E DELLA MARCA DEL GLI SCENARI 2014 IL CONTRIBUTO DELLA GDO E DELLA MARCA DEL DISTRIBUTORE 1 Francesco Daveri Università di Parma e Sda Bocconi Bologna Fiere, 15 Gennaio 2014 NEL SECONDO SEMESTRE 2013 È FINITA LA RECESSIONE

Dettagli

I PREZZI E I CONSUMI DI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA

I PREZZI E I CONSUMI DI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA I PREZZI E I CONSUMI DI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA Enrico De Ruvo Ismea Bologna, 9 settembre 2013 www.ismea.it www.ismeaservizi.it 09/09/2013 AGENDA Il contesto internazionale Le tendenze dei consumi

Dettagli

LA DINAMICA DEI PREZZI NEI PUBBLICI ESERCIZI. Alcune evidenze. Roma, 25 settembre 2007 Ufficio Studi

LA DINAMICA DEI PREZZI NEI PUBBLICI ESERCIZI. Alcune evidenze. Roma, 25 settembre 2007 Ufficio Studi LA DINAMICA DEI PREZZI NEI PUBBLICI ESERCIZI Alcune evidenze Roma, 25 settembre 2007 Ufficio Studi AGENDA 1. I PREZZI DEI PRODOTTI AGRICOLI E INDUSTRIALI 2. L INFLAZIONE MISURATA NEI SERVIZI DI RISTORAZIONE

Dettagli

Villa Celimontana settembre Albino Russo. Albino Russo Responsabile Commercio e Consumi Nomisma

Villa Celimontana settembre Albino Russo. Albino Russo Responsabile Commercio e Consumi Nomisma La filiera agroalimentare e l inflazione Villa Celimontana 19 19 settembre 2003 2003 Responsabile Commercio e Consumi Nomisma I prezzi sotto la lente Negli ultimi mesi l andamento l economico ha registrato

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Garante per la sorveglianza dei prezzi Con il supporto del Dipartimento per la Regolazione del Mercato Direzione Generale per la Concorrenza e i Consumatori UfficioV

Dettagli

Cosa spiega le differenze nei consumi

Cosa spiega le differenze nei consumi I consumi di prodotti agro-alimentari: differenziazioni nello spazio e nel tempo Cosa spiega le differenze nei consumi tra individui diversi tra paesi diversi per uno stesso individuo, o per uno stesso

Dettagli

LA DINAMICA DEI PREZZI NEI PUBBLICI ESERCIZI (maggio 2010) Indici nazionali dei prezzi al consumo per l intera collettività maggio 2010

LA DINAMICA DEI PREZZI NEI PUBBLICI ESERCIZI (maggio 2010) Indici nazionali dei prezzi al consumo per l intera collettività maggio 2010 P prezzi LA DINAMICA DEI PREZZI NEI PUBBLICI ESERCIZI (gio 2010) A gio i prezzi dei pubblici esercizi sono aumentati dello 0,2% rispetto al mese precedente e del % rispetto allo stesso mese di un anno

Dettagli

LE VENDITE AL DETTAGLIO DEI PRODOTTI BIOLOGICI. Area Agroalimentare - Nomisma

LE VENDITE AL DETTAGLIO DEI PRODOTTI BIOLOGICI. Area Agroalimentare - Nomisma LE VENDITE AL DETTAGLIO DEI PRODOTTI BIOLOGICI Area Agroalimentare - Nomisma IL MERCATO INTERNAZIONALE DEL BIO MONDO: LE VENDITE DI PRODOTTI BIO (mrd dollari) 70 60 FOOD 59,1 +258% 2000-2012 62,9 64,0

Dettagli

$ ()*+, $1 ' (*2+ -.*+/ & % $ % 3 % % $ 4$ % % $

$ ()*+, $1 ' (*2+ -.*+/ & % $ % 3 % % $ 4$ % % $ !"# $ & ' $ ()*+, -.*+/$ *-/ 0 $1 ' *$ (*2+ -.*+/ & $ 3 $ 4$ $ + -(0+/ -(0+/ -(2+/ $-(0+/ 5 (6+ (+ -.*0+/78-.0+/ -.0+/ *!"# 9 -/ 0 & Tabella 1 - L'andamento dei prezzi dei principali prodotti bio nel I

Dettagli

Osservatorio Prezzi Flash

Osservatorio Prezzi Flash Comune di Perugia Osservatorio Prezzi Flash Comune di Perugia ottobre 213 Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Economia, Finanza e Statistica N. 16 3 novembre 213 La presente pubblicazione

Dettagli

I consumi domestici di prodotti biologici nel primo semestre 2009

I consumi domestici di prodotti biologici nel primo semestre 2009 I consumi domestici di prodotti biologici nel primo semestre 2009 L andamento in termini di valore Secondo i dati provenienti dal panel di famiglie italiane Ismea/Nielsen, gli acquisti domestici di prodotti

Dettagli

La congiuntura in sintesi

La congiuntura in sintesi numero 2/12 24 aprile 2012 La congiuntura in sintesi LE TENDENZE DEL PERIODO L indice del clima di fiducia degli operatori della GDA si è attestato nel primo trimestre 2012 su un valore appena negativo

Dettagli

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) NELLE CITTA TOSCANE. FEBBRAIO-MARZO 2007 A cura di: - Settore Sistema Regione Toscana - Settore Tutela dei Consumatori

Dettagli

Osservatorio Prezzi Flash

Osservatorio Prezzi Flash Comune di Perugia Osservatorio Prezzi Flash Comune di Terni luglio 214 Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Economia, Finanza e Statistica N. 24 3 Agosto 214 N. 22 3 agosto214 La presente

Dettagli

Focus: il settore produttivo Monza - Brianza e Lombardia

Focus: il settore produttivo Monza - Brianza e Lombardia Focus: il settore produttivo Monza - Brianza e Lombardia Monza Vimercatese Caratese Cesanese Desiano Stefano Stanzani Responsabile scientifico Ufficio Studi Otib CCIAA Monza e Brianza Monza, 7 febbraio

Dettagli

CASA.IT LOMBARDIA MARKET REPORT OTTOBRE 2013

CASA.IT LOMBARDIA MARKET REPORT OTTOBRE 2013 CASA.IT LOMBARDIA MARKET REPORT OTTOBRE 2013 NOTA METODOLOGICA Prezzi di Offerta: sono i prezzi medi ricavati dall analisi dei 700.000 annunci immobiliari pubblicati su Casa.it Prezzi di Domanda: sono

Dettagli

Osservatorio Prezzi Flash

Osservatorio Prezzi Flash Comune di Perugia Osservatorio Prezzi Flash Comune di Perugia aprile 214 Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Economia, Finanza e Statistica N. 21 31 maggio 214 La presente pubblicazione mensile

Dettagli

L andamento del Prosecco Superiore Docg in GDO

L andamento del Prosecco Superiore Docg in GDO L andamento del Prosecco Superiore Docg in GDO Simonetta Melis Client Solutions Senior Manager Solighetto, 16 Dicembre 2016 Lo scenario economico e l andamento del Largo Consumo Si ridimensionano le aspettative

Dettagli

FOCUS CONSUMI ALIMENTARI E RISPARMI DI SPESA. a cura dell Ufficio Economico Confesercenti

FOCUS CONSUMI ALIMENTARI E RISPARMI DI SPESA. a cura dell Ufficio Economico Confesercenti FOCUS CONSUMI ALIMENTARI E RISPARMI DI SPESA a cura dell Ufficio Economico Confesercenti Roma 7 maggio 2009 1 CONSUMI ALIMENTARI: CONTINUERA ANCHE NEL 2009 LA RIDUZIONE Consumi e vendite Il 2008 ha manifestato

Dettagli

Le pillole di. IV trimestre Ufficio studi INDAGINE CONGIUNTURALE SULLA RISTORAZIONE COMMERCIALE. Numero

Le pillole di. IV trimestre Ufficio studi INDAGINE CONGIUNTURALE SULLA RISTORAZIONE COMMERCIALE. Numero Le pillole di Notizie, commenti, istruzioni ed altro Numero 08-2009 Direttore responsabile: Edi Sommariva INDAGINE CONGIUNTURALE SULLA RISTORAZIONE COMMERCIALE IV trimestre 2008 Ufficio studi A cura di

Dettagli

Osservatorio Prezzi Flash

Osservatorio Prezzi Flash Comune di Perugia Osservatorio Prezzi Flash Comune di Terni marzo 214 Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Economia, Finanza e Statistica N. 2 3 aprile 214 La presente pubblicazione mensile

Dettagli

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER Settore Sistema Statistico Regionale LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) NELLE CITTA TOSCANE. DICEMBRE 2008-GENNAIO 2009 A cura di: - Settore Sistema

Dettagli

LOMBARDIA EROGAZIONI TRIMESTRALI IN LOMBARDIA PRESTITI PER L'ACQUISTO DI ABITAZIONI A FAMIGLIE CONSUMATRICI -13% -6% 30/06/ /09/ /12/2007

LOMBARDIA EROGAZIONI TRIMESTRALI IN LOMBARDIA PRESTITI PER L'ACQUISTO DI ABITAZIONI A FAMIGLIE CONSUMATRICI -13% -6% 30/06/ /09/ /12/2007 LOMBARDIA 6.000 5.000 4.000 3.000 2.000 1.000 EROGAZIONI TRIMESTRALI IN LOMBARDIA 2 32% 9% 1 13% 1 3% 1 3% 9% 4% 4% 13% 11 4 3 1 1 Il mercato dei prestiti per l acquisto delle abitazioni destinato a famiglie

Dettagli

Osservatorio Prezzi Flash

Osservatorio Prezzi Flash Carne fresca bovino adulto, I taglio Carne fresca bovino adulto, II taglio Carne fresca bovino adulto, tritata Carne fresca suina Petto di pollo Petto di tacchino Pollo fresco Salsicce di carne tritata

Dettagli

Focus: il settore produttivo Monza - Brianza e Lombardia

Focus: il settore produttivo Monza - Brianza e Lombardia Focus: il settore produttivo Monza - Brianza e Lombardia Rilevazione Prezzi Monza e Brianza II semestre 2011 Monza Vimercatese Caratese Cesanese Desiano Stefano Stanzani Responsabile scientifico Ufficio

Dettagli

I consumi domestici di prodotti biologici nel 2008

I consumi domestici di prodotti biologici nel 2008 I consumi domestici di prodotti biologici nel 2008 L andamento in termini di valore Secondo i dati provenienti dal panel di famiglie italiane Ismea/Nielsen, gli acquisti domestici di prodotti biologici

Dettagli

I NUMERI DEL LATTE BIO

I NUMERI DEL LATTE BIO I NUMERI DEL LATTE BIO ENRICO DE RUVO ISMEA Bologna, 2 febbraio 2016 www.ismea.it www.ismeaservizi.it AGENDA Inumeristrutturalidelbio Il valore del mercato bio e le dinamicherecenti La struttura e la domanda

Dettagli

Osservatorio Prezzi Flash

Osservatorio Prezzi Flash Comune di Perugia Osservatorio Prezzi Flash Comune di Terni settembre 214 Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Economia, Finanza e Statistica N. 26 3 ottobre 214 La presente pubblicazione

Dettagli

Osservatorio Prezzi Flash

Osservatorio Prezzi Flash Comune di Perugia Osservatorio Prezzi Flash Comune di Terni gennaio 213 Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Economia, Finanza e Statistica N. 7 28 febbraio 213(revisione settembre 213 1 )

Dettagli

Osservatorio Prezzi Flash

Osservatorio Prezzi Flash Comune di Perugia Osservatorio Prezzi Flash Comune di Terni novembre 214 Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Economia, Finanza e Statistica N. 28 31 dicembre 214 La presente pubblicazione

Dettagli

i prezzi al consumo nella città di Napoli

i prezzi al consumo nella città di Napoli I prezzi rilevati nei mesi di ottobre e novembre Qui di seguito sono indicati i prezzi al consumo rilevati ed elaborati dall Ufficio Comunale di Statistica effettuati in circa mille punti vendita suddivisi

Dettagli

Osservatorio Prezzi Flash

Osservatorio Prezzi Flash Comune di Perugia Osservatorio Prezzi Flash Comune di Perugia agosto 214 Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Economia, Finanza e Statistica N. 25 3 settembre 214 La presente pubblicazione

Dettagli

Osservatorio Prezzi Flash

Osservatorio Prezzi Flash Comune di Perugia Osservatorio Prezzi Flash Comune di Perugia ottobre 214 Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Economia, Finanza e Statistica N. 27 28 novembre 214 La presente pubblicazione

Dettagli

I consumi alimentari: evoluzione strutturale, nuove tendenze, risposte alla crisi. Roma, 27 settembre 2011

I consumi alimentari: evoluzione strutturale, nuove tendenze, risposte alla crisi. Roma, 27 settembre 2011 I consumi alimentari: evoluzione strutturale, nuove tendenze, risposte alla crisi Roma, 27 settembre 2011 LA SPESA TRA PREZZI E QUANTITA 1) Quota in valore. Fonte: Ismea, Panel famiglie. IL PANIERE DELLA

Dettagli

SPAGNA Il settore alimentare

SPAGNA Il settore alimentare Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane (in gestione transitoria) Nota settoriale SPAGNA Il settore alimentare Ufficio ICE di Madrid Dott.ssa Carmen Barrantes

Dettagli

I prezzi delle Camere di Commercio CEREALI

I prezzi delle Camere di Commercio CEREALI I prezzi delle Camere di Commercio CEREALI Maggio 2016 in collaborazione con REF Ricerche FRUMENTO DURO - APRILE 2016 MERCATO NAZIONALE: STABILITA AD APRILE PER I PREZZI DEI FRUMENTI DURI Andamento dei

Dettagli

(riso 60 gr., brodo vegetale q.b., olio extra vergine di oliva gr.5, zafferano, parmigiano Reggiano 10 gr.)

(riso 60 gr., brodo vegetale q.b., olio extra vergine di oliva gr.5, zafferano, parmigiano Reggiano 10 gr.) Prima settimana Risotto alla milanese (riso 60 gr., brodo vegetale q.b., olio extra vergine di oliva gr.5, zafferano, parmigiano Reggiano 10 gr.) Cotoletta di petto di pollo al forno 100 gr (lattuga una

Dettagli

MARCO COSTAGUTA. Milano, 6 novembre 2015

MARCO COSTAGUTA. Milano, 6 novembre 2015 MARCO COSTAGUTA Milano, 6 novembre 2015 SCENARIO CONSUMI WPP Forum 2015 1 L anno scorso ci eravamo lasciati con Flessione consumi. In particolare sud, famiglie numerose, cura casa e cura persona,. Alta

Dettagli

I SOVRACCOSTI DELLE AREE MONTANE:

I SOVRACCOSTI DELLE AREE MONTANE: La montagna: metodi e criteri di misura degli svantaggi relativi I SOVRACCOSTI DELLE AREE MONTANE: il trasporto pubblico locale e i prezzi al dettaglio Saint-Vincent 9 dicembre 2005 Ufficio di Rappresentanza

Dettagli

LE FORZE DI LAVORO IN LOMBARDIA. Serie storica anni

LE FORZE DI LAVORO IN LOMBARDIA. Serie storica anni LE FORZE DI LAVORO IN LOMBARDIA anno 2011 Nel corso dell anno 2011 in Lombardia ci sono stati in media 4 milioni e 273mila occupati, numero che conferma quello dell anno precedente. Si è così arrestato

Dettagli

indicazioni sull andamento dei prezzi al consumo a Napoli Prezzi in euro minimo massimo medio minimo massimo medio

indicazioni sull andamento dei prezzi al consumo a Napoli Prezzi in euro minimo massimo medio minimo massimo medio I prezzi rilevati nel mese di e indicazioni sull andamento dei prezzi al consumo a Napoli Qui di seguito sono indicati i prezzi al consumo rilevati ed elaborati dall Ufficio Comunale di Statistica effettuati

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA A MEZZO BUONI PASTO AL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI TERNI

PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA A MEZZO BUONI PASTO AL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI TERNI Allegato A/2 Marca da bollo legale ( 14,62) PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA A MEZZO BUONI PASTO AL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI TERNI Modulo dell offerta economica

Dettagli

NOTA DI PRECISAZIONE DELLA TABELLA RILEVAZIONE NEL COMUNE DI VERONA DEI PREZZI AL MINUTO

NOTA DI PRECISAZIONE DELLA TABELLA RILEVAZIONE NEL COMUNE DI VERONA DEI PREZZI AL MINUTO NOTA DI PRECISAZIONE DELLA TABELLA RILEVAZIONE NEL COMUNE DI VERONA DEI PREZZI AL MINUTO La variazione dei prezzi medi e relative percentuali indicate tra i due periodi di riferimento (giugno 2009 su giugno

Dettagli

Le dinamiche recenti nel sistema agro-alimentare lombardo

Le dinamiche recenti nel sistema agro-alimentare lombardo Le dinamiche recenti nel sistema agro-alimentare lombardo Daniele Cavicchioli DEMM - Università degli Studi, Milano Renato Pieri SMEA Università Cattolica, Cremona La struttura del rapporto 2012 1. Il

Dettagli

Lombardia Statistiche Report

Lombardia Statistiche Report Lombardia Statistiche Report N 1 / 2017 9 febbraio 2017 I conti economici regionali: le performance della Lombardia La dinamica del prodotto interno lordo Secondo i più recenti dati della contabilità economica

Dettagli