Studio del decadimento B s φφ emisuradelsuobranching r

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Studio del decadimento B s φφ emisuradelsuobranching r"

Transcript

1 Studio del decadimento B s φφ e misura del suo branching ratio acdfii Relatore Correlatore dott.ssa Anna Maria Zanetti dott. Marco Rescigno Giovedì, 18 Dicembre

2 (pag 1) Scopo dell analisi Lo scopo dell analisi svolta èstudiareildecadimentob s φφ e misurare il suo branching ratio normalizzato a quello del B s J/ψφ a CDF II su 2.9 fb 1 di dati.

3 (pag 2) Il contesto dell analisi: la fisica del B La fisica del B è importante: per determinare i parametri della CKM e studiare la violazione di CP;

4 (pag 2) Il contesto dell analisi: la fisica del B La fisica del B è importante: per determinare i parametri della CKM e studiare la violazione di CP; per investigare la dinamica QCD usando decadimenti deboli in stati adronici;

5 (pag 2) Il contesto dell analisi: la fisica del B La fisica del B è importante: per determinare i parametri della CKM e studiare la violazione di CP; per investigare la dinamica QCD usando decadimenti deboli in stati adronici; per studiare il fenomeno del mixing dei mesoni neutri;

6 (pag. 3) Il decadimento B s φφ è dominato da un diagramma a pinguino;

7 (pag. 3) Il decadimento B s φφ è un decadimento di un mesone pseudoscalare B in due mesoni vettori e quindi permette: una misura delle polarizzazioni; una misura della violazione di CP dipendente dal tempo;

8 (pag. 3) Il decadimento B s φφ è un decadimento altamente soppresso, e permette di andare avederepossibilitàdinuovafisica: nella misura del branching ratio, se molto diverso da quello calcolato teoricamente;

9 (pag. 3) Il decadimento B s φφ è un decadimento altamente soppresso, e permette di andare avederepossibilitàdinuovafisica: nella misura del branching ratio, se molto diverso da quello calcolato teoricamente; nel confronto delle ampiezze di polarizzazione misurate con quelle del B d φk ;

10 (pag. 3) Il decadimento B s φφ è un decadimento altamente soppresso, e permette di andare avederepossibilitàdinuovafisica: nella misura del branching ratio, se molto diverso da quello calcolato teoricamente; nel confronto delle ampiezze di polarizzazione misurate con quelle del B d φk ; nella determinazione della violazione di CP, paragonata a quella misurata in B s J/ψφ, esattamente come paragoniamo la misura di beta in B d φk s con quella in B d J/ψK s ;

11 (pag. 3) Il decadimento B s φφ è un decadimento altamente soppresso, e permette di andare avederepossibilitàdinuovafisica: nella misura del branching ratio, se molto diverso da quello calcolato teoricamente; nel confronto delle ampiezze di polarizzazione misurate con quelle del B d φk ; nella determinazione della violazione di CP, paragonata a quella misurata in B s J/ψφ, esattamente come paragoniamo la misura di beta in B d φk s con quella in B d J/ψK s ; nella misura del ΔΓ s del mixing se risulta diverso da quello ottenuto con il B s J/ψφ.

12 (pag. 4) Gli obiettivi a CDF per questo decadimento sono: l aggiornamento della misura del BR, confrontata con: l unica misura per ora esistente (CDF 2005): BR(B s φφ) =[1.4 ± 0.6(stat) ± 0.6(syst)] 10 5 elaprevisioneteorica 1 : BR(B s φφ) = la misura delle polarizzazioni Da calcoli teorici ci si aspetterebbe che la componente trasversa sia molto piccola rispetto a quella longitudinale, mentre misure come quelle per il B d φk evidenziano l opposto. 1 Beneke et other, Branching fractions, polarization and asymmetry of B VV decays, 2006.

13 (pag. 5) Il quadro sperimentale: TeVatron e CDF II Il TeVatron è: un collisionatore p p; s =1.96 TeV; L ist = cm 2 s 1 ; 6-8 fb 1 alla fine del 2009.

14 (pag. 6) CDF II

15 (pag. 6) CDF II Le peculiarità principali di CDF II per la fisica del B sono: posizione del vertice primario conosciuta con un incertezza di 25μm; buona accettanza per i muoni; sistema di tracciatura con una ottima risoluzione δp t /p 2 t =10 3 [(GeV /c) 1 ];

16 (pag. 7) Il sistema di Trigger di CDF II tracciatore a L1 (XFT) ricostruzione delle tracce a L2 (SVT)

17 (pag 8) Il Silicon Vertex Trigger (SVT) è un sistema di trigger in grado di processare tutti gli hits del rivelatore al silicio e le tracce di XFT; ricostruisce le tracce a livello 2 del trigger con una risoluzione paragonabile a quella offline; sistema molto veloce 20 μs; efficienza del 90 % sulle tracce ricostruite.

18 (pag. 9) Il Two Tracks Trigger (TTT) Il TTT è un trigger sviluppato per i decadimenti adronici del B. Le principali richieste di questo trigger sono: due tracce con p T 2.04 GeV/c; L xy 200μm; un taglio nel parametro di impatto; due tracce con Δφ 90 ; χ 2 SVT 15; Questo trigger è quello usato in questa analisi.

19 L ANALISI

20 (pag. 10) Strategia dell analisi Abbiamo ideato una misura del BR normalizzata a quella del B s J/ψφ e non assoluta: per ridurre le incertezze sistematiche che si semplificano nel rapporto; Si è scelto di utilizzare per la normalizzazione il B s J/ψφ perchè decadimento topologicamente molto simile. Inoltre non si è usato il B d φk per evitare di considerare le incertezze delle sezioni d urto di produzione dei mesoni B s e B d. Quindi la misura consiste nella determinazione del seguente rapporto: BR(B s φφ) BR(B s J/ψ φ) = N φφ N J/ψφ ɛ(b s J/ψφ) ɛ (Bs φφ) BR(J/ψ μμ) BR(φ KK) ɛ μ

21 (pag. 11) Ricostruzione del segnale: I due segnali vengono ricostruiti a partire dalle quattro tracce presenti nel loro stato finale, utilizzando delle selezioni sulla qualità della traccia standard. In più: viene vincolata la massa della J/ψ al momento del fit nel trigger in modo da migliorarne la risoluzione; non viene fatta richiesta a questo livello sui muoni;

22 (pag. 12) I dati utilizzati sono quelli del Two Tracks Trigger. In particolare ci sono tre tipologie di questo trigger che selezionano gli eventi interessanti in relazione alla luminosità instantanea: B CHARM LOWPT ( p T 4.0 GeV/c); B CHARM L1 or Scenario A ( p T 5.5 GeV/c); B CHARM HIGHPT ( p T 6.5 GeV/c);

23 (pag. 12) I dati utilizzati sono quelli del Two Tracks Trigger. La determinazione degli eventi per trigger esclusivo permette di determinare i fattori di prescalo che entrano in diversi punti dell analisi.

24 (pag. 13) Simulazione Abbiamo utilizzato eventi di Monte Carlo prodotti con BGenerator ed EvtGen: per ottimizzare i tagli del segnale; per studiare il miglior modo di parametrizzare il segnale e il fondo; per calcolare le efficienze di trigger e ricostruzione;

25 (pag. 14) La validazione del Monte Carlo Nel Monte Carlo non sono simulati i prescali abbiamo ripesato gli eventi simulati in funzione delle frazioni di trigger presenti nei dati. Si è ottenuto un buon accordo Monte Carlo-dati. Un esempio è riportato di seguito:

26 IL NUMERO DEGLI EVENTI BR(B s φφ) BR(B s J/ψ φ) = N φφ N J/ψφ ɛ(b s J/ψφ) ɛ (Bs φφ) BR(J/ψ μμ) BR(φ KK) ɛ μ

27 (pag. 15) La procedura di ottimizzazione: S massimizza la scorefunction S+B dove S sono gli eventi di segnale valutati col Monte Carlo, mentre B è il fondo valutato dalle sidebands nei dati; minimizza gli errori statistici.

28 (pag. 16) Le osservabili dell ottimizzazione:

29 (pag. 17) I tagli ottimizzati B s φφ Variabile taglio L xy P K T min > 330μm > 0.7 GeV/c χ 2 xy < 17 d0(b) < 65μm > 85μm d0 φ max B s J/ψφ Variabile taglio L xy > 290μm P φ T > 1.4 GeV/c χ 2 xy < 15 d0(b) < 80μm P J/ψ T > 2.0 GeV/c

30 (pag. 17) I tagli ottimizzati In più perilb s J/ψφ viene richiesta l identificazione di almeno un muone: per massimizzare gli per sopprimere il fondo da eventi di segnale J/ψ ee; selezionati. 2 candidates / 5 MeV/c CDF Run II Preliminary -1 = 2.9 fb L int m(j/ψ KK) [GeV/c ] 2 candidates / 5 MeV/c CDF Run II Preliminary -1 = 2.9 fb L int m(j/ψ KK) [GeV/c ]

31 (pag. 18) Segnale ottenuto 2 candidates / 10 MeV/c CDF Run II Preliminary -1 = 2.9 fb L int B s φ φ 2 candidates / 5 MeV/c CDF Run II Preliminary 0 B s J/ψ φ -1 = 2.9 fb L int m(kkkk) [GeV/c ] m(j/ψkk) [GeV/c ] Sono stati ottenuti 300 eventi di B s φφ = la prima e finora unica pubblicazione per questo segnale riporta 8eventi.

32 (pag. 19) B s J/ψφ nel TTT. Una delle analisi più importanti a CDF II è lo studio del decadimento B s J/ψφ e viene effettuato utilizzando un trigger specifico che richiede la ricostruzione della J/ψ dai due muoni. Noi abbiamo stimato il campione aggiuntivo ed esclusivo del TTT 25% di statistica in più. 2 candidates / 5 MeV/c CDF Run II Preliminary = 2.9 fb 0 B s J/ψ φ L int S = 1210 ± 40 ev m(j/ψkk) [GeV/c ]

il gruppo CDF di Roma al Fermilab di Chicago Proposte di Tesi di Laurea presso il

il gruppo CDF di Roma al Fermilab di Chicago Proposte di Tesi di Laurea presso il Proposte di Tesi di Laurea presso il il gruppo CDF di Roma al Fermilab di Chicago Carlo Dionisi Dipartimento di Fisica Univ. di Roma La Sapienza INFN Sezione di Roma Dove si trova Fermilab? Cosa e' Fermilab?

Dettagli

W e Z a LHC. M. Malberti (INFN Milano Bicocca) per le collaborazioni ATLAS e CMS

W e Z a LHC. M. Malberti (INFN Milano Bicocca) per le collaborazioni ATLAS e CMS W e Z a LHC M. Malberti (INFN Milano Bicocca) per le collaborazioni ATLAS e CMS Incontri sulla Fisica delle Alte Energie IFAE 2009 Bari, 15 17 Aprile 2009 Introduzione LHC è una W/Z factory Process s n.

Dettagli

Allinemento, stato dell'attivita' e impatto sui primi dati per Atlas e CMS DISCUSSIONE

Allinemento, stato dell'attivita' e impatto sui primi dati per Atlas e CMS DISCUSSIONE III Workshop Fisica di Atlas e CMS Allinemento, stato dell'attivita' e impatto sui primi dati per Atlas e CMS DISCUSSIONE G. Cerminara (Universita' ed INFN Torino) M. Della Pietra (Universita' ed INFN

Dettagli

The Compact Muon Solenoid Experiment. Conference Report. Mailing address: CMS CERN, CH-1211 GENEVA 23, Switzerland

The Compact Muon Solenoid Experiment. Conference Report. Mailing address: CMS CERN, CH-1211 GENEVA 23, Switzerland Available on CMS information server CMS CR -011/18 The Compact Muon Solenoid Experiment Conference Report Mailing address: CMS CERN, CH-111 GENEVA 3, Switzerland 19 September 011 Studio del processo Z-

Dettagli

Masterclass LHCb: misura della vita media della particella D 0 a LHC

Masterclass LHCb: misura della vita media della particella D 0 a LHC Masterclass LHCb: misura della vita media della particella D 0 a LHC 1 Introduzione Il Large Hadron Collider (LHC) non è solo uno strumento per cercare nuove particelle, ma anche una fabbrica di particelle

Dettagli

Studio dell identificazione di elettroni a CMS

Studio dell identificazione di elettroni a CMS UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Laurea Specialistica in Fisica TESI DI LAUREA Studio dell identificazione di elettroni a CMS Relatore: Dott. GIUSEPPE

Dettagli

Selezione online di eventi ai collider adronici mediante ricostruzione delle traiettorie di particelle cariche

Selezione online di eventi ai collider adronici mediante ricostruzione delle traiettorie di particelle cariche UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Specialistica in Scienze Fisiche Selezione online di eventi ai collider adronici mediante ricostruzione

Dettagli

Studi di produzione delle J/psi in CMS

Studi di produzione delle J/psi in CMS Studi di produzione delle J/psi in CMS (work in progress!) Aafke Kraan Introduzione/motivazione Mechanismi di produzione J/psi allʼlhc Osservabili Selezione e ricostruzione dei J/psi Studi di fondo J/psi

Dettagli

CURRICULUM VITAE del Dott. GIUSEPPE LATINO. Nato a Nardò (LE) il 31/08/67. Residente in Pisa, e-mail: giuseppe.latino@pi.infn.it

CURRICULUM VITAE del Dott. GIUSEPPE LATINO. Nato a Nardò (LE) il 31/08/67. Residente in Pisa, e-mail: giuseppe.latino@pi.infn.it CURRICULUM VITAE del Dott. GIUSEPPE LATINO Dati anagrafici Nato a Nardò (LE) il 31/08/67. Residente in Pisa, e-mail: giuseppe.latino@pi.infn.it Curriculum degli studi -1996 Laurea in Fisica presso l Università

Dettagli

Ottimizzazione di un Rivelatore a Tripla-GEM per l Esperimento LHCb

Ottimizzazione di un Rivelatore a Tripla-GEM per l Esperimento LHCb Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Fisica Ottimizzazione di un Rivelatore a Tripla-GEM per l Esperimento LHCb Tesi di Laurea Relatori:

Dettagli

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Fisica delle Particelle: esperimenti Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Il processo scientifico di conoscenza Esperimento Osservazione quantitativa di fenomeni riguardanti alcune particelle

Dettagli

Studio di fattibilità per la ricerca di eventi H b b accompagnati da un fotone ad alto p T col rivelatore CMS a LHC

Studio di fattibilità per la ricerca di eventi H b b accompagnati da un fotone ad alto p T col rivelatore CMS a LHC Alma Mater Studiorum Università di Bologna FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea Triennale in Fisica Studio di fattibilità per la ricerca di eventi H b b accompagnati da un

Dettagli

Scienziati per un giorno verificando la teoria della relatività ristretta di Einstein

Scienziati per un giorno verificando la teoria della relatività ristretta di Einstein Scienziati per un giorno verificando la teoria della relatività ristretta di Einstein MasterClass 2014 - Bologna Angelo Carbone Misura della vita media del D 0 ad LHCb Ma Einstein aveva ragione? Oggi voi

Dettagli

Fermione. Particella a spin semintero, che obbedisce alla statistica di Fermi-Dirac.

Fermione. Particella a spin semintero, che obbedisce alla statistica di Fermi-Dirac. Particelle ed Interazioni fondamentali Fermione. Particella a spin semintero, che obbedisce alla statistica di Fermi-Dirac. Bosone. Particella a spin intero, che obbedisce alla statistica di Bose-Einstein.

Dettagli

Fisica. Sistema di monitor e controllo della farm on-line e studio del dedadimentob 0 s J/

Fisica. Sistema di monitor e controllo della farm on-line e studio del dedadimentob 0 s J/ Alma Mater Studiorum Università di Bologna DOTTORATO DI RICERCA Fisica Ciclo XIX Settore scientifico disciplinare di afferenza: Fis/04 TITOLO TESI Sistema di monitor e controllo della farm on-line e studio

Dettagli

Lezione 22 Trigger. Trigger: seleziona gli eventi interessanti fra tutte le collisioni. Decide se l evento deve essere letto ed immagazzinato.

Lezione 22 Trigger. Trigger: seleziona gli eventi interessanti fra tutte le collisioni. Decide se l evento deve essere letto ed immagazzinato. : seleziona gli eventi interessanti fra tutte le collisioni. Decide se l evento deve essere letto ed immagazzinato. Sistema di acquisizione dati (DAQ): raccoglie i dati prodotti dall apparato e li immagazzina

Dettagli

8.16.1 Forme bilineari di fermioni di Dirac...231 8.16.2 Interazione debole corrente-corrente...235

8.16.1 Forme bilineari di fermioni di Dirac...231 8.16.2 Interazione debole corrente-corrente...235 Indice 1 Introduzione. Note storiche e concetti fondamentali... 1 1.1 Introduzione... 1 1.2 Notizie storiche. La scoperta delle particelle... 3 1.3 Il concetto di atomo. Indivisibilità... 5 1.4 Il Modello

Dettagli

Studio del rivelatore GEM per l upgrade dell esperimento LHCb

Studio del rivelatore GEM per l upgrade dell esperimento LHCb Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Studio del rivelatore GEM per l upgrade dell esperimento LHCb Tesi di Laurea Magistrale in Fisica CERN-THESIS-2013-296 19/12/2013 Candidato: Marco Santimaria

Dettagli

I gruppi ATLAS e CMS Pavia 19 Maggio 2015 1

I gruppi ATLAS e CMS Pavia 19 Maggio 2015 1 I gruppi ATLAS e CMS Pavia 19 Maggio 2015 1 The Large Hadron Collider The LHC is the largest machine in the world. It took thousands of scientists, engineers and technicians decades to plan and build,

Dettagli

PANDA Collaboration antiproton ANnihilations at DArmstadt. At present a group of 400 physicists from 53 institutions of 17 Countries

PANDA Collaboration antiproton ANnihilations at DArmstadt. At present a group of 400 physicists from 53 institutions of 17 Countries PANDA Collaboration antiproton ANnihilations at DArmstadt At present a group of 400 physicists from 53 institutions of 17 Countries Puzzling questions Quale è l origine del confinamento dei quark? Cosa

Dettagli

Realizzazione di un telescopio a raggi cosmici per lo studio delle prestazioni delle camere a deriva MDT per l esperimento ATLAS.

Realizzazione di un telescopio a raggi cosmici per lo studio delle prestazioni delle camere a deriva MDT per l esperimento ATLAS. Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di laurea in Fisica Anno Accademico 2002-2003 Tesi di Laurea Realizzazione di un telescopio a raggi cosmici

Dettagli

Z+b production at LHC with ATLAS

Z+b production at LHC with ATLAS Z+b production at LHC with ATLAS G. Chiodini, N. Orlando, S. Spagnolo test per pqcd e potenziale sensitivita alla pdf del b; misura di un background importante alla ricerca di Higgs in ZZ* con b nello

Dettagli

L esperimento LHCb al CERN e le attività del Gruppo di Ferrara

L esperimento LHCb al CERN e le attività del Gruppo di Ferrara L esperimento LHCb al CERN e le attività del Gruppo di Ferrara Massimiliano Fiorini per il Gruppo LHCb Ferrara Lavori in Corso a Fisica Ferrara, 4 Febbraio 2014 Il Modello Standard 12 particelle elementari,

Dettagli

Alla ricerca di particelle strane in ALICE. 1. Panoramica generale

Alla ricerca di particelle strane in ALICE. 1. Panoramica generale Alla ricerca di particelle strane in ALICE 1. Panoramica generale L esercizio proposto consiste nella ricerca di particelle strane (cioé dotate del numero quantico di stranezza) prodotte da collisioni

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. CLASSE quinta INDIRIZZO AFM-SIA-RIM-TUR UdA n. 1 Titolo: LE FUNZIONI DI DUE VARIABILI E L ECONOMIA Utilizzare le strategie del pensiero razionale negli aspetti dialettici e algoritmici per affrontare situazioni

Dettagli

ottobre 1998: laurea in Fisica, conseguita presso l Università degli studi di Roma La Sapienza ;

ottobre 1998: laurea in Fisica, conseguita presso l Università degli studi di Roma La Sapienza ; Curriculum di Barbara Sciascia 1 Curriculum formativo di Barbara Sciascia ottobre 1998: laurea in Fisica, conseguita presso l Università degli studi di Roma La Sapienza ; gennaio 2002: dottorato di ricerca

Dettagli

1. Panoramica generale

1. Panoramica generale 1. Panoramica generale L esercizio proposto consiste nella ricerca di particelle strane (cioé dotate del numero quantico di stranezza) prodotte da collisioni in LHC e registrate dall esperimento ALICE.

Dettagli

LHC : rivelatori. Paolo Bagnaia - I rivelatori di LHC 1

LHC : rivelatori. Paolo Bagnaia - I rivelatori di LHC 1 LHC : rivelatori Paolo Bagnaia - I rivelatori di LHC 1 I rivelatori di LHC (1) - sommario nota storica : ATLAS e CMS [anche ALICE, LHC-b, TOTEM] ; CMS : cenni (2) ; ATLAS : rivelatore centrale; calorimetro

Dettagli

Metodo coerente per la ricostruzione della posizione nel cielo di sistemi binari coalescenti con una rete di interferometri gravitazionali

Metodo coerente per la ricostruzione della posizione nel cielo di sistemi binari coalescenti con una rete di interferometri gravitazionali Metodo coerente per la ricostruzione della posizione nel cielo di sistemi binari coalescenti con una rete di interferometri gravitazionali Simona Birindelli Lavoro svolto con la collaborazione di: Andrea

Dettagli

Di Bolognesi Matteo e Neri Matteo

Di Bolognesi Matteo e Neri Matteo Di Bolognesi Matteo e Neri Matteo Di cosa si tratta Questo Febbraio si è tenuto, per la prima volta a Bologna (e in Italia anche a Catania, Ferrara, Lecce, Napoli, Padova, Pisa, Roma La Sapienza, RomaTre,,

Dettagli

Curriculum Sintetico Prof. Stefano Giagu

Curriculum Sintetico Prof. Stefano Giagu Curriculum Sintetico Prof. Stefano Giagu Curriculum studi: 1997: Dottorato in Fisica, Sapienza Università di Roma (giudizio complessivo Ottimo) Titolo Tesi: Search for Charginos at 130 GeV < s < 161 GeV,

Dettagli

Uso del preshower nella calibrazione con eventi π 0 γγ del calorimetro elettromagnetico di CMS

Uso del preshower nella calibrazione con eventi π 0 γγ del calorimetro elettromagnetico di CMS Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Dipartimento di Fisica Tesi Laurea Magistrale in Fisica Uso del preshower nella calibrazione con eventi π 0 γγ del calorimetro elettromagnetico di CMS

Dettagli

I giganti a caccia Due enormi esperimenti sono pronti nel sottosuolo di Ginevra.

I giganti a caccia Due enormi esperimenti sono pronti nel sottosuolo di Ginevra. I giganti a caccia Due enormi esperimenti sono pronti nel sottosuolo di Ginevra. di Maria Curatolo 24 > 25 Scoprire il bosone di Higgs è uno degli scopi principali del Large Hadron Collider (Lhc) e, in

Dettagli

Esperimento ATLAS INFN ed Università di Bologna MANUALE PER LAUREE TRIENNALI E SPECIALISTICHE PRESSO L ESPERIMENTO ATLAS

Esperimento ATLAS INFN ed Università di Bologna MANUALE PER LAUREE TRIENNALI E SPECIALISTICHE PRESSO L ESPERIMENTO ATLAS i Esperimento ATLAS INFN ed Università di Bologna MANUALE PER LAUREE TRIENNALI E SPECIALISTICHE PRESSO L ESPERIMENTO ATLAS Il testo si propone di spiegare gli aspetti più importanti degli studi di fisica

Dettagli

Studio di decadimenti rari del leptone utilizzando il rivelatore RICH

Studio di decadimenti rari del leptone utilizzando il rivelatore RICH UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA Dottorato di Ricerca in Fisica IX Ciclo Giulio Piana Tesi Studio di decadimenti rari del leptone utilizzando il rivelatore RICH dell esperimento DELPHI al LEP In adempimento

Dettagli

STUDIO DEL BOSONE DI HIGGS CON UNA SIMULAZIONE VELOCE DEL RIVELATORE CMS IN COLLISIONI P-P A s = 14 TeV

STUDIO DEL BOSONE DI HIGGS CON UNA SIMULAZIONE VELOCE DEL RIVELATORE CMS IN COLLISIONI P-P A s = 14 TeV ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Fisica STUDIO DEL BOSONE DI HIGGS CON UNA SIMULAZIONE VELOCE DEL RIVELATORE CMS IN COLLISIONI

Dettagli

Rivelatori a semiconduttore nella fisica di Sapore ( II a parte )

Rivelatori a semiconduttore nella fisica di Sapore ( II a parte ) Rivelatori a semiconduttore nella fisica di Sapore ( II a parte ) Marcello A Giorgi Villa Gualino 25-26,02,2010 2/25/2010 M.A.Giorgi Villa Gualino 1 Outline Motivazioni Inizio dell avventura Principio

Dettagli

Attività presente e futura a JLab

Attività presente e futura a JLab Attività presente e futura a JLab E. Cisbani, C. Coluzza, F. Cusanno, S. Frullani, F. Garibaldi, F. Ghio, G.M. Urciuoli, S. Colilli, F. Giuliani, M. Gricia, M. Lucentini, F. Santavenere, P. Veneroni, +

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Fisica

Università degli Studi di Ferrara Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Fisica Università degli Studi di Ferrara Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Fisica Misura del Fattore di Forma del Protone nella Regione Timelike a Grande Quadrimpulso Trasferito

Dettagli

MILESTONES stato a meta 2003

MILESTONES stato a meta 2003 MILESTONES stato a meta 2003 ATLAS 28/02/2003 RPC: 45% dei volumi di gas prodotti 90 100% raggiunto il 31/03/2003 31/01/2003 RPC: Risultati preliminari test GIF 100 e' stato deciso di proseguire l'irraggiamento

Dettagli

Produzione e caratterizzazione dei rivelatori a microstrisce per il tracciatore interno di ALICE

Produzione e caratterizzazione dei rivelatori a microstrisce per il tracciatore interno di ALICE Università degli Studi di Trieste Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Tesi di Laurea Specialistica in Fisica Produzione e caratterizzazione dei rivelatori a microstrisce per il tracciatore

Dettagli

E evidente che le carattteristiche dell OPAMP ideale non possono essere raggiunte da nessun circuito reale. Gli amplificatori operazionali reali

E evidente che le carattteristiche dell OPAMP ideale non possono essere raggiunte da nessun circuito reale. Gli amplificatori operazionali reali E evidente che le carattteristiche dell OPAMP ideale non possono essere raggiunte da nessun circuito reale. Gli amplificatori operazionali reali hanno però caratteristiche che approssimano molto bene il

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Fisica Tesi di Laurea Triennale La ricostruzione del vertice primario di interazione nell esperimento

Dettagli

A. Di Mauro (CERN) Italia al CERN, 10/10/14

A. Di Mauro (CERN) Italia al CERN, 10/10/14 A. Di Mauro (CERN) Italia al CERN, 10/10/14 Alcune defnizioni RIVELATORE E un dispositivo che conta, traccia o identifica le particelle prodotte dai decadimenti radioattivi, dalle radiazioni cosmiche o

Dettagli

elettrone positrone e viceversa una coppia elettrone positrone si annichila tipicamente in due (o più) fotoni. Partendola un fotone di alta energia

elettrone positrone e viceversa una coppia elettrone positrone si annichila tipicamente in due (o più) fotoni. Partendola un fotone di alta energia ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI 9 febbraio 2007-02-09 Italo Mannelli Scuola Normale Superiore di Pisa MATERIA E ANTIMATERIA Ricerca e applicazioni (Riassunto) GENERALITA L esistenza di coppie di oggetti,

Dettagli

Analisi del decadimento W τν in CMS a LHC

Analisi del decadimento W τν in CMS a LHC FACOLTÀ Università degli Studi di Pisa DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea Magistrale in Scienze Fisiche Tesi di laurea magistrale Analisi del decadimento W τν in CMS a LHC Candidato:

Dettagli

Lezione 6 scoperta dei bosoni intermedi LEP

Lezione 6 scoperta dei bosoni intermedi LEP Lezione 6 scoperta dei bosoni intermedi LEP LEP ha lavorato allo Z dal 1989 al 1995, raccogliendo oltre 15 milioni di eventi tra 88 e 94 GeV su quattro esperimenti, ALEPH, DELPHI, L3 e OPAL. La luminosità

Dettagli

Fisica pp a LHC A Colaleo Introduzione alla fisica dei collisionatori adronici Detector

Fisica pp a LHC A Colaleo Introduzione alla fisica dei collisionatori adronici Detector Fisica pp a LHC A. Colaleo Introduzione alla fisica dei collisionatori adronici Detector Trigger and DAQ - High Level Trigger (HLT) Test Standard Model - Misure di W- e top-quark mass Ricerca del Bosone

Dettagli

Acceleratori e Rivelatori Introduzione:due passi indietro Rivelatori

Acceleratori e Rivelatori Introduzione:due passi indietro Rivelatori Acceleratori Acceleratori e Rivelatori Introduzione:due passi indietro Rivelatori Perché alte energie? Generazione di particelle Cavità a radiofrequenza Tipologie di acceleratori Modo di utilizzo Tipologie

Dettagli

A CACCIA DI PARTICELLE. Una breve introduzione alla fisica delle particelle. Sara Furcas (sfurcas@gmail.com)

A CACCIA DI PARTICELLE. Una breve introduzione alla fisica delle particelle. Sara Furcas (sfurcas@gmail.com) A CACCIA DI PARTICELLE Una breve introduzione alla fisica delle particelle Sara Furcas (sfurcas@gmail.com) Liceo Donatelli Pascal - 30 Maggio 2013 SOMMARIO Cosa sono le particelle? Il Bosone più famoso

Dettagli

Complemento alle Esercitazione sui Rivelatori al Silicio

Complemento alle Esercitazione sui Rivelatori al Silicio Complemento alle Esercitazione sui Rivelatori al Silicio 12-14 Nov. 2007 Particelle I (liberamente tratto dal Seminario di G.Rizzo) 1 Applicazione del Si cometarghetta Attiva UN TELESCOPIO DI RIVELATORI,

Dettagli

La scoperta del bosone di Higgs. I cieli di Brera 17 aprile 2013 Corrado Lamberti

La scoperta del bosone di Higgs. I cieli di Brera 17 aprile 2013 Corrado Lamberti La scoperta del bosone di Higgs I cieli di Brera 17 aprile 2013 Corrado Lamberti Stazione dell esperimento ATLAS in costruzione. Si vedono 6 degli 8 magneti toroidali. La stazione sperimentale ha un diametro

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Fisica STEFANO SPATARO CARATTERIZZAZIONE DEL RIVELATORE TOF DELLO SPETTROMETRO HADES TESI DI LAUREA

Dettagli

Università degli Studi La Sapienza di Roma

Università degli Studi La Sapienza di Roma Università degli Studi La Sapienza di Roma Tesi per il Corso di Laurea in Fisica, ord. 1997 Indirizzo: Fisica Nucleare e Subnucleare Misura del rapporto tra le sezioni d urto di W ± e ± ν e Z 0 e + e con

Dettagli

APPUNTI SUI METODI PERT-C.P.M.

APPUNTI SUI METODI PERT-C.P.M. APPUNTI SUI METODI PERT-C.P.M. (corso di ricerca operativa) A cura di: Antonio Scalera 1 PERT/C.P.M. I metodi Pert e C.P.M. studiano lo sviluppo di un progetto attraverso la programmazione delle attività

Dettagli

Il Modello Standard. Giuseppe Salamanna Università Roma Tre Master Classes 27 marzo 2015

Il Modello Standard. Giuseppe Salamanna Università Roma Tre Master Classes 27 marzo 2015 Il Modello Standard Giuseppe Salamanna Università Roma Tre Master Classes 27 marzo 2015 1 Sommario I costituenti elementari della materia Tre famiglie di mattoni elementari Quattro forze fondamentali:

Dettagli

UNIVERSITA` DEGLI STUDI DI ROMA "TOR VERGATA" Macroarea di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

UNIVERSITA` DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Macroarea di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali UNIVERSITA` DEGLI STUDI DI ROMA "TOR VERGATA" Macroarea di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Prot. n. 317/2014 Roma, 06 Ottobre 2014 Al Magnifico Rettore Prof. Giuseppe Novelli Sede Ai Professori

Dettagli

Semplici esempi di ROOT&LaTex per il Corso di Laboratorio di Interazioni Fondamentali

Semplici esempi di ROOT&LaTex per il Corso di Laboratorio di Interazioni Fondamentali Semplici esempi di ROOT&LaTex per il Corso di Laboratorio di Interazioni Fondamentali 14 e 17 Novembre 2014 Michael J. Morello 1 Introduzione! Le esperienze di Laboratorio sono la parte essenziale del

Dettagli

SOCIETA' SPORTIVA CALCIO NAPOLI S.P.A. O IN BREVE "S.S.C. NAPOLI S.P.A." OPPURE "SSC NAPOLI S.P.A." codice fiscale: 04855461218

SOCIETA' SPORTIVA CALCIO NAPOLI S.P.A. O IN BREVE S.S.C. NAPOLI S.P.A. OPPURE SSC NAPOLI S.P.A. codice fiscale: 04855461218 Capitolo 2 - NOTA INTEGRATIVA Pagina 61 di 92 Capitolo 2 - NOTA INTEGRATIVA Pagina 62 di 92 Capitolo 2 - NOTA INTEGRATIVA Pagina 63 di 92 Capitolo 2 - NOTA INTEGRATIVA Pagina 64 di 92 Capitolo 2 - NOTA

Dettagli

Determinazione della composizione elementare dello ione molecolare. Metodo dell abbondanza isotopica. Misure di massa esatta

Determinazione della composizione elementare dello ione molecolare. Metodo dell abbondanza isotopica. Misure di massa esatta Determinazione della composizione elementare dello ione molecolare Metodo dell abbondanza isotopica Misure di massa esatta PREMESSA: ISOTOPI PICCHI ISOTOPICI Il picco dello ione molecolare è spesso accompagnato

Dettagli

STUDIO DEL BOSONE DI HIGGS NEL CANALE γγ CON IL RIVELATORE ATLAS AD LHC

STUDIO DEL BOSONE DI HIGGS NEL CANALE γγ CON IL RIVELATORE ATLAS AD LHC UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Corso di Laurea in Fisica STUDIO DEL BOSONE DI HIGGS NEL CANALE γγ CON IL RIVELATORE ATLAS AD LHC Codice P.A.C.S.: 14.80.Bn Relatore: Prof.

Dettagli

Laboratorio di Meccanica (Canale C Prof. C.Bini): Prova in Itinere 26/05/09.

Laboratorio di Meccanica (Canale C Prof. C.Bini): Prova in Itinere 26/05/09. (1) Sapendo che la distribuzione delle altezze dei bambini maschi di 10 anni del Lazio è ben approssimata da una distribuzione di Gauss di parametri µ = 131.8 cm e σ = 11.3 cm, determinare la probabilità

Dettagli

MISURA DEL FLUSSO DI RAGGI COSMICI IN FUNZIONE DELL ANGOLO DI INCIDENZA

MISURA DEL FLUSSO DI RAGGI COSMICI IN FUNZIONE DELL ANGOLO DI INCIDENZA MISURA DEL FLUSSO DI RAGGI COSMICI IN FUNZIONE DELL ANGOLO DI INCIDENZA Scopo dell esperienza Misura mediante calorimetro (lead glass) a luce Čerenkov del flusso di muoni cosmici Studenti: Balata Claudio

Dettagli

Università degli Studi di Siena. Tesi di Laurea Triennale

Università degli Studi di Siena. Tesi di Laurea Triennale Università degli Studi di Siena Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Fisica e Tecnologie Avanzate Tesi di Laurea Triennale Analisi preliminare sui dati a s = 8 TeV relativi

Dettagli

PRELIMINARY STUDY FOR A MEASUREMENT OF THE CKM ANGLE γ USING THE TREE B ± D ( )0 K ± DECAYS WITH THE LHCb DETECTOR AT CERN

PRELIMINARY STUDY FOR A MEASUREMENT OF THE CKM ANGLE γ USING THE TREE B ± D ( )0 K ± DECAYS WITH THE LHCb DETECTOR AT CERN Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea Magistrale in Fisica PRELIMINARY STUDY FOR A MEASUREMENT OF THE CKM ANGLE γ USING THE

Dettagli

Lezione 21 Cenni di elettronica

Lezione 21 Cenni di elettronica Cenni di elettronica Elettronica Acquisizione dati Rivelatori di Particelle 1 Cenni di elettronica Gli apparati del giorno d oggi, sia che siano per targhetta fissa o Collider sono fatti a cipolla ( o

Dettagli

Misure Elettroniche 10BSP-04BSP-02FUX Misure di frequenza

Misure Elettroniche 10BSP-04BSP-02FUX Misure di frequenza Misure Elettroniche 10BSP-04BSP-02FUX Misure di frequenza Valeria Teppati October 6, 2004 1 1 Materiale a disposizione Oltre agli strumenti comunemente presenti in laboratorio, per questa esercitazione

Dettagli

Caratterizzazione di fotosensori al silicio connessi a fibre ottiche e scintillatori per sviluppi di calorimetria elettromagnetica

Caratterizzazione di fotosensori al silicio connessi a fibre ottiche e scintillatori per sviluppi di calorimetria elettromagnetica Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea Specialistica in Fisica Indirizzo Elettronica e Cibernetica Anno Accademico 2007/2008 TESI DI

Dettagli

Studio sperimentale dell influenza del processo fusorio e dei trattamenti del metallo liquido sulla qualità della lega EN46400 colata in conchiglia

Studio sperimentale dell influenza del processo fusorio e dei trattamenti del metallo liquido sulla qualità della lega EN46400 colata in conchiglia Studio sperimentale dell influenza del processo fusorio e dei trattamenti del metallo liquido sulla qualità della lega EN46400 colata in conchiglia Relatore: Ing. ANNALISA POLA Correlatore: Dott.ssa MARIATERESA

Dettagli

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Esercizio 1 Il 24 10 Ne (T 1/2 =3.38 min) decade β - in 24 11 Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Mg. Dire quali livelli sono raggiungibili dal decadimento beta e indicare lo schema di

Dettagli

Tecniche di riduzione del fondo strumentale per il telescopio gamma AGILE e applicazione a sorgenti astrofisiche

Tecniche di riduzione del fondo strumentale per il telescopio gamma AGILE e applicazione a sorgenti astrofisiche Tecniche di riduzione del fondo strumentale per il telescopio gamma AGILE e applicazione a sorgenti astrofisiche Tesi svolta presso IASF/INAF di Milano Fabio Fornari Indice l astrofisica gamma e il satellite

Dettagli

Una reazione a due corpi in generale è rappresentata dall espressione: a + X Y + b

Una reazione a due corpi in generale è rappresentata dall espressione: a + X Y + b Le reazioni nucleari bilancio energetico: Q della reazione Le reazioni nucleari sono analizzate quantitativamente in termini di massa ed energia dei nuclei e delle particelle interessate (bilancio energetico).

Dettagli

Risultati di CMS dopo i primi due anni di presa dati ad LHC

Risultati di CMS dopo i primi due anni di presa dati ad LHC Risultati di CMS dopo i primi due anni di presa dati ad LHC Andrea Rizzi, Rizzi, INFN e Universita' di Pisa a nome della collaborazione CMS 23 Settembre 2013 1 Sommario Panoramica di 2 anni di presa dati

Dettagli

Monitoraggio della stabilità di edifici storici mediante l utilizzo dei raggi cosmici

Monitoraggio della stabilità di edifici storici mediante l utilizzo dei raggi cosmici XCIX Congresso Nazionale SIF - Trieste, 23-27 settembre 2013 Monitoraggio della stabilità di edifici storici mediante l utilizzo dei raggi cosmici Brescia, Palazzo della Loggia, 1574 PROGETTO MONSTER&CO

Dettagli

Modellistica e Simulazione del Comportamento Dinamico di Beccheggio di un Trattore Agricolo

Modellistica e Simulazione del Comportamento Dinamico di Beccheggio di un Trattore Agricolo Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Modellistica e Simulazione del Comportamento Dinamico di Beccheggio di un Trattore Agricolo Relatore: Prof. Roberto Zanasi Correlatori:

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO TESI DI LAUREA

POLITECNICO DI TORINO TESI DI LAUREA POLITECNICO DI TORINO I Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Nucleare TESI DI LAUREA CERN-THESIS-2002-043 14/10/2002 Studio della risposta di dosimetri a stato solido da utilizzare per la

Dettagli

ESEMPI APPLICATIVI DI VALUTAZIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI ELETTRICHE

ESEMPI APPLICATIVI DI VALUTAZIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI ELETTRICHE SISTEMA NAZIONALE PER L'ACCREDITAMENTO DI LABORATORI DT-000/ ESEMPI APPLICATIVI DI VALUTAZIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI ELETTRICHE INDICE parte sezione pagina. Misurazione di una corrente continua

Dettagli

RD50 Sviluppo di rivelatori a semiconduttore resistenti alla radiazione

RD50 Sviluppo di rivelatori a semiconduttore resistenti alla radiazione Sviluppo di rivelatori a semiconduttore resistenti alla radiazione Anna Macchiolo Università degli Studi di Firenze e INFN Firenze in rappresentanza della Collaborazione RD50 (http://rd50.web.cern.ch/rd50/)

Dettagli

Dipendenza delle misure di segnali GSM dai parametri di impostazione dell analizzatore di spettro digitale

Dipendenza delle misure di segnali GSM dai parametri di impostazione dell analizzatore di spettro digitale Dipendenza delle misure di segnali GSM dai parametri di impostazione dell analizzatore di spettro digitale Barellini A. 1,Bogi L. 2, Licitra G. 3, Silvi A.M. 2 1 ARPA Toscana Dip. Prov.le Pisa via V.Veneto,

Dettagli

Un algoritmo per la valutazione e la gestione ottimale dei crediti in sofferenza

Un algoritmo per la valutazione e la gestione ottimale dei crediti in sofferenza Un algoritmo per la valutazione e la gestione ottimale dei crediti in sofferenza Andrea Gamba DSE - Università di Verona e SAFE con la collaborazione e il contributo di UGC Banca SpA IAS/IFRS e non performing

Dettagli

Studio delle prestazioni di prototipi di MRPC (Multigap Resistive Plate Chamber) con un telescopio per raggi cosmici

Studio delle prestazioni di prototipi di MRPC (Multigap Resistive Plate Chamber) con un telescopio per raggi cosmici UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN FISICA Studio delle prestazioni di prototipi di MRPC (Multigap Resistive Plate Chamber) con un telescopio

Dettagli

Misura delle frazioni di produzione degli adroni charmati carichi in interazioni indotte da neutrini nelle emulsioni dell esperimento CHORUS

Misura delle frazioni di produzione degli adroni charmati carichi in interazioni indotte da neutrini nelle emulsioni dell esperimento CHORUS Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Tesi di Laurea in Fisica Misura delle frazioni di produzione degli adroni charmati carichi in interazioni

Dettagli

Studio delle caratteristiche delle fibre scintillanti del calorimetro magnetizzato di ICANOE

Studio delle caratteristiche delle fibre scintillanti del calorimetro magnetizzato di ICANOE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI LECCE FACOLTÀ DI SCIENZE MM. FF. NN. Corso di Laurea in Fisica TESI DI LAUREA Studio delle caratteristiche delle fibre scintillanti del calorimetro magnetizzato di ICANOE Relatore:

Dettagli

Elettronica di front-end per gli RPC dell esperimento NESSiE

Elettronica di front-end per gli RPC dell esperimento NESSiE Università degli studi di Bari Aldo Moro Facoltà di scienze matematiche, fisiche e naturali Corso di Laurea Magistrale in Fisica Tesi di Laurea Elettronica di front-end per gli RPC dell esperimento NESSiE

Dettagli

Universita degli Studi di Milano

Universita degli Studi di Milano Universita degli Studi di Milano - Dottorato di Ricerca in Fisica - Misura dell'elemento vtb della matrice CKM a CDF Dr. Giuseppe Francesco Tartarelli il Tutore Dr. L. Moroni il Coordinatore Prof. A. Pullia

Dettagli

3.1 La visualizzazione del rivelatore e degli eventi

3.1 La visualizzazione del rivelatore e degli eventi Chapter 3 La Visualizzazione 3.1 La visualizzazione del rivelatore e degli eventi 3.1.1 L Event Display Gli esperimenti di fisica delle alte energie investigano le reazioni tra le particelle elementari

Dettagli

Correzione dell Esame di Statistica Descrittiva (Mod. B) 1 Appello - 28 Marzo 2007 Facoltà di Astronomia

Correzione dell Esame di Statistica Descrittiva (Mod. B) 1 Appello - 28 Marzo 2007 Facoltà di Astronomia Correzione dell Esame di Statistica Descrittiva (Mod. B) 1 Appello - 8 Marzo 007 Facoltà di Astronomia ESERCIZIO 1 La seguente tabella riporta la distribuzione congiunta della situazione lavorativa e dello

Dettagli

Cover Page. The handle http://hdl.handle.net/1887/25771 holds various files of this Leiden University dissertation.

Cover Page. The handle http://hdl.handle.net/1887/25771 holds various files of this Leiden University dissertation. Cover Page The handle http://hdl.handle.net/1887/25771 holds various files of this Leiden University dissertation. Author: Bogazzi, Claudio Title: Search for cosmic neutrinos with ANTARES Issue Date: 2014-05-15

Dettagli

Dario Barberis Curriculum Vitae

Dario Barberis Curriculum Vitae Dario Barberis Curriculum Vitae Nato il 26/11/1956 a Milano (Italia). Cittadino italiano. Educazione: 1970 1975: Liceo scientifico "Vittorio Veneto", Milano. Maturità scientifica con voto 60/60. 1975 1980:

Dettagli

Risultati sperimentali da 2 anni di presa dati con i cristalli prototipo di GERDA

Risultati sperimentali da 2 anni di presa dati con i cristalli prototipo di GERDA Risultati sperimentali da 2 anni di presa dati con i cristalli prototipo di GERDA M. Barnabè Heider, C. Cattadori, O. Chkvorets, A. di Vacri, K. Gusev, M. Junker, S. Schonert, M. Shirchenko XCIV Congresso

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE ISTITUTO: liceo scienze applicate liceo classico X Itc I.Enogastronomia/ospitalità Liceo artistico Scuola media annessa INSEGNANTE: MONICA BIANCHI MATERIA DI INSEGNAMENTO: MATEMATICA

Dettagli

Analisi bivariata. Dott. Cazzaniga Paolo. Dip. di Scienze Umane e Sociali paolo.cazzaniga@unibg.it

Analisi bivariata. Dott. Cazzaniga Paolo. Dip. di Scienze Umane e Sociali paolo.cazzaniga@unibg.it Dip. di Scienze Umane e Sociali paolo.cazzaniga@unibg.it Introduzione : analisi delle relazioni tra due caratteristiche osservate sulle stesse unità statistiche studio del comportamento di due caratteri

Dettagli

Capitolo 9: Le Particelle Elementari II

Capitolo 9: Le Particelle Elementari II Capitolo 9: Le Particelle Elementari II Corso di Fisica Nucleare e Subnucleare I Professor Carlo Dionisi A.A. 2004-2005 1 Le Risonanze Adroniche ed il Modello a Quark 1) Le Risonanze Nucleari; 2) La Formazione

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

Sistema di Trigger e di Acquisizione dati di CMS c 2008 by Antonio Pierro November 3, 2008

Sistema di Trigger e di Acquisizione dati di CMS c 2008 by Antonio Pierro November 3, 2008 Sistema di Trigger e di Acquisizione dati di CMS c 2008 by Antonio Pierro November 3, 2008 1 Introduzione Dal punto di vista del computing, il DAQ di CMS consiste in un grande ambiente di calcolo distribuito,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO FACOLTA DI INGEGNERIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO FACOLTA DI INGEGNERIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO TESI DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO STUDIO SPERIMENTALE SUI

Dettagli

Da Galileo a Higgs: un viaggio lungo 400 anni

Da Galileo a Higgs: un viaggio lungo 400 anni Da Galileo a Higgs: un viaggio lungo 400 anni Riccardo Torre Dipartimento di Fisica - Università di Padova 12 Febbraio 2015 Masterclass 2015 Liceo L. Stefanini, Venezia-Mestre Prerequisiti un po di fisica

Dettagli

CURRICULUM VITAE DELLA DOTT. MARIA AGNESE CIOCCI

CURRICULUM VITAE DELLA DOTT. MARIA AGNESE CIOCCI CURRICULUM VITAE DELLA DOTT. MARIA AGNESE CIOCCI Nata a Marino (Roma) il 13 agosto 1959, frequenta il corso di laurea in Fisica dell'università degli Studi di Roma dove segue il piano di studi in Fisica

Dettagli

Atomo: Particelle sub atomiche (appunti prof. Paolo Marchesi)

Atomo: Particelle sub atomiche (appunti prof. Paolo Marchesi) Atomo: Particelle sub atomiche (appunti prof. Paolo Marchesi) Il presente documento schematizza le principali particelle sub atomiche. Lo scopo di questa dispensa è fornire una schematizzazione sintetica

Dettagli