I Codici Commerciali per la Termofluidodinamica Computazionale INTRODUZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I Codici Commerciali per la Termofluidodinamica Computazionale INTRODUZIONE"

Transcript

1 UNIONE ITALIANA DI TERMOFLUIDODINAMICA TERZA SCUOLA ESTIVA DI TERMOFLUIDODINAMICA Termofluidodinamica Computazionale Certosa di Pontignano, Siena 2 8 Settembre 2001 I Codici Commerciali per la Termofluidodinamica Computazionale INTRODUZIONE SOMMARIO G.S. Barozzi e M.A. Corticelli Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia 1. INTRODUZIONE ALLA CFD COMMERCIALE 1.1. CFDC che cosa 1.2. CFDC perché 1.3. CFDC potenzialità pregi limiti e rischi 2. L APPROCCIO CFDC 2.1. Come affrontare un nuovo caso 2.2. Problemi tecnici 2.3. Opzioni 3. SUGGERIMENTI 3.1. Realtà e modello 3.2. Sperimentazione e benchmarking 4. RESUME

2 1. INTRODUZIONE ALLA CFD COMMERCIALE 1.1. CFDC che cosa La fluidodinamica o termofluidodinamica computazionale nella sua versione commerciale (qui acronimizzata in CFDC) si basa sull impiego di prodotti software posti in commercio da software house specializzate che operano su scala mondiale e che dispongono in genere di agenzie e di servizi assistenza delocalizzati. I prodotti CFD commerciali sono forniti completi di preprocessori, solutori delle equazioni di conservazione e postprocessori. Alcuni dei più noti software CFDC di tipo multi-purpose sono elencati di seguito: FLOW3D/CFX (AEA Technology, Harwell, UK) FLUENT/FIDAP/POLYFLOW (Fluent Inc., Lebanon, NH, USA) PHOENICS (Flowsolve Ltd., London, UK) STAR-CD (Computational Dynamics Ltd., London, UK) Ai software di uso generale se ne affiancano altri dedicati, sviluppati cioè con specifico riferimento ad un preciso ambito applicativo. Esempi di questo genere sono: ICEPAK (Fluent Inc., Lebanon, NH, USA) controllo termico in elettronica MIXSIM (Fluent Inc., Lebanon, NH, USA) reattori chimici FLOWTHERM (Flomerics, Southborough, Tx, USA) controllo termico in elettronica KIVA (Los Alamos Nat. Lab., Oak Ridge, Tn, USA) motori a combustione interna VECTIS (Ricardo Software, Chicago, Ill, USA) motori a combustione interna Un elenco completo dei prodotti commerciali CFD è reperibile al sito Oggi i codici CFDC sono in grado di trattare numericamente: - le equazioni del moto in forma incomprimibile e comprimibile; - le equazioni dello scambio termico - le equazioni di conservazione delle specie chimiche - i regimi stazionari e i transitori; - i moti turbolenti (mediante svariati modelli di turbolenza); - i flussi multifase; - la presenza di effetti radiativi; - la variabilità delle proprietà termofisiche; - i fluidi non-newtoniani; - gli effetti di coniugazione termica conduttiva-convettiva; - le reazioni chimiche; - i processi di combustione; - le interazioni fluido-struttura; - la presenza di superfici libere. Non tutti gli aspetti sopra indicati sono tuttavia trattabili mediante un singolo prodotto software e non tutti i prodotti software presentano il medesimo livello di approfondimento delle tematiche più specialistiche.

3 1.2. CFDC perché La prima domanda che sorge spontanea nell affrontare il tema della CFD commerciale è relativa alla sua reale utilità ed efficacia in campo industriale e nell ambito della ricerca e della didattica la CFDC è utile per gli usi industriali? La fluidodinamica computazionale nelle sue versioni commerciali è decisamente utile in ambito industriale, come testimoniato dal suo rapido diffondersi dai settori a più alta tecnologia, via via ad ambiti a minore valore aggiunto.in altri termini, se la CFDC non presentasse ritorno economico, assai difficilmente le aziende si renderebbero disponibili a sostenerne gli oneri non irrilevanti, connessi all acquisto e alla gestione/manutenzione/aggiornamento dello strumento. Si può anzi ia soffre in ciò di un certo ritardo rispetto alla concorrenza industriale europea e mondiale, presumibilmente a causa delle dimensioni prevalentemente medio-piccole delle aziende manifatturiere e della loro ancor insufficiente propensione all innovazione di prodotto. Virtualmente un software CFDC è in grado di affrontare problemi termofluidodinamici di qualsivoglia livello di complessità, ciò rende lo strumento CFDC particolarmente appetibile per gli usi industriali. Altri caratteri apprezzati a livello industriale sono: - la presenza di interfacce user friendly ; - la possibilità di definizione interattiva del problema in corso di esame; - la disponibilità di preprocessori e postprocessori potenti e di uso ragionevolmente semplice e sicuro; - la possibilità di importare files CAD prodotti da sistemi già utilizzati per la progettazione in azienda; - la robustezza del software; - l efficacia e la prontezza di intervento dell assistenza tecnica e scientifica; - la possibilità di personalizzazione/specializzazione del software. I vantaggi attesi dall uso della CFDC in ambito industriale sono principalmente: - il miglioramento dei processi produttivi mediante diagnostica e analisi di processo; - la riduzione del numero di prototipi da sottoporre a sperimentazione; - il dimensionamento di impianti e di componenti di impianto; - l esecuzione di test preliminari su prodotti e tecnologie di nuova ideazione; - la presentazione di prototipi virtuali a potenziali clienti; - la dimostrazione di un elevato livello tecnologico da parte dell azienda. I settori produttivi cui la CFDC si rivolge oggi prevalentemente sono: - chimica (es.: trasferimento e manipolazione di reagenti, modellazione di reattori, sistemi di ventilazione e di sicurezza) - energia (es.: bruciatori, scambiatori di calore, valvole e dispositivi d impianto) - materiali (produzione e lavorazione di materiali polimerici, processi di formatura, stampaggio, estrusione, deposizione di strati sottili) - veicolistico (es.: aerodinamica esterna, condotti di alimentazione e scarico, disegno di valvole, camera di combustione, sistema di raffreddamento, climatizzazione) - ambiente/sicurezza (es.: dispersione di inquinanti, simulazione di eventi incidentali e di incendi, flussi attorno ad edifici/strutture, depolverazione) - impiantistica RVC (es.: flussi e circolazioni in ambienti, corpi scaldanti, refrigerazione) - aeronautica (es.: aerodinamica del velivolo, interazioni rotore fusoliera) - elettronica (es.: controllo termico di rack e schede, raffreddamento di componenti e sistemi, processi CVD)

4 - bioingegneria (es.: modellazione del sistema circolatorio, del sistema respiratorio, del bulbo oculare) - turbomacchine (es.: turbine, pompe, ventilatori, compressori) In conclusione, sembra ormai assodato che la CFDC presenti di norma un buon ritorno, economico e di immagine, per le aziende. Il fattore determinante del crescente successo della CFDC in ambito industriale è certamente il buon rapporto costo/prestazioni che essa presenta, rendendo disponibili a prezzi ragionevoli strumenti di indagine estremamente sofisticati e costantemente aggiornati, cui si aggiunge la possibilità di fruire dell assistenza diretta da parte del produttore nella fase di impostazione di un nuovo problema. Ciò comporta tuttavia il rischio di far apparire impropriamente le cose più semplici di quanto non siano. Da un punto di vista industriale, ad esempio, il costo della CFD non si riferisce tanto all acquisto/gestione del software in quanto tale, né a quello delle relative piattaforme (investimento in beni strumentali), quanto piuttosto alla necessità imprescindibile di dedicare alla CFD unità di personale a tempo pieno, possibilmente dotato di adeguata di preparazione di base (investimento in conoscenza). Di ciò le MPI dei settori manifatturieri spesso non hanno inizialmente piena consapevolezza (l acquisto di un software CFD da parte di un azienda può in questo caso essere paragonato a quello di una vettura ad alte prestazioni da parte di un comune guidatore). Un aspetto positivo, mai sufficientemente rilevato, connesso all impiego industriale della CFD risiede nel fatto che essa, per sua natura e struttura, produce crescita culturale all interno dell azienda e apre canali di comunicazione con gli ambienti della ricerca. L acquisizione di software CFD da parte di Enti ed Imprese è pertanto da considerare con favore, essendo indicatore della propensione aziendale allo sviluppo la CFDC è utile per gli usi didattici e di ricerca? Le seguenti argomentazioni possono essere portate a favore dell impiego di software CFDC in ambito didattico e di ricerca, con riferimento specifico all ambiente universitario: - le Università stanno cambiando rapidamente e sempre più tendono (o sono forzate) a proporsi quali agenzie formative e di ricerca per il modo reale ed in particolare per la loro realtà territoriale. Ciò è particolarmente vero per le Facoltà di Ingegneria. La CFDC rappresenta un importante strumento di relazione tra Università/ricerca e impresa/territorio, creando, attraverso la condivisione dello strumento, un comune terreno di confronto ed un comune linguaggio; - la CFDC rappresenta un essenziale strumento didattico: 'essenziale' in quanto 'moderno' e 'moderno' in quanto rende disponibili allo studente in tempi ragionevolmente ridotti strumenti di analisi evoluti, esattamente nel formato informatizzato che egli oggi predilige; - la CFDC dà senso pratico-economico all attività di ricerca e di sviluppo di algoritmi che numerosi gruppi di ricerca svolgono anche in Italia; - la CFDC rende possibile la simulazione completa di esperimenti. Anche un ricercatore non particolarmente esperto nel calcolo numerico può porsi in grado di affrontare la simulazione del proprio apparato sperimentale in tempi ragionevoli, completando così i dati sperimentali diretti con quelli simulati (si ricordi che ciascun nodo o elemento della griglia equivale ad un sensore delle variabili di campo). La CFDC non sostituisce l esperimento ma è essa stessa un elemento della sperimentazione. E anzi opportuno prevedere la simulazione CFD di un esperimento già nella fase di progettazione dell esperimento stesso, sfruttando

5 pienamente la capacità della CFD nell esecuzione di analisi di sensibilità (ad es. alle condizioni termiche al contorno); - la CFDC si presta anche quale strumento di ricerca diretta per via numerica, anche se in ciò può facilmente mostrare limiti ed insufficienze; - la conoscenza e l uso di software CFDC in ambito didattico e di ricerca può costituire premessa di proficue collaborazioni con i produttori del software CFDC potenzialità limiti pregi difetti e rischi potenzialità e limiti Le potenzialità della CFDC sono virtualmente illimitate dato il costante aumento dell efficienza e della velocità del calcolo, lo sviluppo continuo di nuovi algoritmi e procedure, e il progredire delle conoscenze in ogni settore. Non esiste problema termofluidodinamico di cui non si possa oggi prevedere la possibilità di approccio entro un ragionevole numero di anni, come evidenziato dall elenco delle applicazioni già oggi possibili ( 1.1). I limiti attuali della CFDC corrispondono (con qualche ragionevole ritardo) ai limiti della modellazione fisica in ciascuno dei singoli domini applicativi e scientifici di pertinenza della termofluidodinamica pregi I principali pregi dei software CFDC sono: - semplicità di approccio; - velocità di apprendimento delle istruzioni base, con relativa immediatezza nell attivazione del lavoro; - possibilità di uso su piattaforme diverse, ivi inclusi i PC, con possibilità di training casalingo; - robustezza (quindi facilità di convergenza); - disponibilità immediata di opzioni alternative (tipologia di griglia, solutore, discretizzazione, modello di turbolenza); - disponibilità di conoscenze di acquisizione recente (nuovi modelli di turbolenza, modelli reologici ecc.); - possibilità di scambio di dati, griglie, esperienze intra ed interistituzionale difetti Tra i principali difetti comuni a molti dei prodotti software commerciali si possono annoverare: - eccesso di offerta di opzioni, quindi confusione ed incertezza (operatori inesperti); - limiti di offerta di opzioni (operatori scientifici); - eccessiva facilità di convergenza (falso senso di sicurezza) data la robustezza degli algoritmi e dei solver; - disponibilità di moli enormi di dati, con la necessità di saper gestire graficamente i risultati; - manualistica di solito desolantemente inadeguato (si indica il come, quasi mai si giustifica il perché) ed informazione scientifica tendenzialmente sempre più scarsa con il procedere del tempo. Cresce la potenza di calcolo e la varietà dei problemi affrontabili e decresce la capacità autonoma di comprensione da parte dell utente. La documentazione scientifica si riduce sostanzialmente a poche istruzioni e a modesti elementi introduttivi al tema, mentre spesso non vengono neppure forniti riferimenti bibliografici, quando essi dovrebbero invece far parte della

6 documentazione scientifica di accompagnamento al software, se non direttamente disponibili on-line rischi I rischi insiti nell uso di qualsiasi software CFD commerciale sono: - mancanza di consapevolezza (calcolo ergo sum?); - falso senso di semplicità (delirio di onnipotenza); - tendenza a saturare le disponibilità di risorse di calcolo; - facilità all eccesso di soluzioni; - tendenza a trascurare gli aspetti quantitativi (se non a livello di parametri globali) a favore degli aspetti qualitativi; - rischio di calcolare molto, sempre di più, e di capire poco, sempre meno; - complessità intrinseca della griglia e difficoltà di grigliatura (la grigliatura richiede esperienza) cui possono conseguire difficoltà di convergenza; - possibilità di accettare risultati non convergenti (anche la fase di accettazione di una soluzione richiede esperienza); - rischio di assumere per vera una soluzione in quanto convergente.

7 2. L APPROCCIO CFDC 2.1 Come affrontare un nuovo caso Un problema di termofluidodinamica è prima un problema fisico e solo poi un problema computazionale. La procedura di approccio ad ogni nuovo caso da studiare non è quindi differente da quella usuale per la formulazione di un problema fisico in forma numerica. I passi procedurali essenziali sono pertanto: - esame del problema fisico; - estrazione del modello fisico; - formulazione del modello matematico; - formulazione del modello numerico esame del problema fisico: si tratta di vagliare nel modo più accurato possibile le caratteristiche del problema da esaminare, alla luce di quello che si vuole sapere. Nell impostazione del problema così come nel corso dell elaborazione, è essenziale chiarirsi preliminarmente gli obiettivi dell indagine (studio scientifico, simulazione di esperimento, modellazione di un prodotto, progettazione, analisi parametrica, ecc.).dalla definizione degli obbiettivi deriva infatti la profondità dell analisi da svolgere, la maggiore o minore necessità di dettaglio geometrico, l opportunità di scartare aprioristicamente l eventualità del verificarsi di certi eventi (es. moti transizionali), la possibilità di introdurre semplificazioni. Nel caso si affrontino nuove geometrie è molto utile tentare di immaginare, sulla base dell esperienza e per via d intuito, la forma generale del campo di moto. L esercizio può rivelarsi di grande aiuto nelle successive fasi di costruzione della griglia e di analisi dei risultati. estrazione del modello fisico: passa per la semplificazione del problema, per la scelta delle condizioni al contorno (le equazioni del continuo sono comuni ad una molteplicità infinita di problemi, il loro contenuto informativo è quindi pressoché nullo; le condizioni al contorno specificano il problema), la definizione (in via preliminare) del dominio di calcolo. I livelli di semplificazione sono peraltro assai differenti a seconda della tipologia del problema fisico esaminato. In ambito CFDC può essere utile individuare le due seguenti macro categorie: - simulazione di caso reale di interesse industriale: si tratta normalmente di casi a geometria molto complessa, ulteriormente complicata dalla possibile compresenza di scale dimensionali molto differenti o di parti in movimento. Le semplificazioni di ordine geometrico sono in questo caso molto delicate da eseguire. In compenso il livello di accuratezza richiesto (così come il livello di accuratezza dei corrispondenti rilievi sperimentali) non è quasi mai elevato; - simulazione di esperimento di laboratorio o di caso di interesse scientifico: si tratta in genere di casi geometricamente semplici, facilmente modellabili mediante i generatori di griglia associati al software; in compenso il livello di accuratezza richiesto ai risultati è di gran lunga più elevato, così come particolarmente delicata è la scelta delle condizioni al contorno, sia termiche sia dinamiche. formulazione del modello matematico: la scelta delle equazioni del continuo e dei modelli matematici è ovviamente correlata alla natura del problema fisico originario ad ai risultati attesi (es. moto laminare o turbolento, modello di turbolenza, modello reologico, ecc.). Nell uso della CFDC questa fase è sempre molto facilitata.tutti i software CFDC prevedono infatti la possibilità di impiego delle principali equazioni di conservazione (quantità di moto, energia, specie) e dei più comuni modelli di turbolenza (K-ε, K-ε RNG, RSM). Essi consentono poi all operatore di sviluppare propri algoritmi e modelli (seppure con grado di difficoltà variabile da prodotto a prodotto);

8 modello numerico: anche in questo caso in ambiente CFDC la scelta è molto facilitata dalla presenza di diverse opzioni pronte all uso. Nella fase iniziale, in mancanza di specifiche indicazioni relative al caso esaminato, è sempre opportuno seguire le opzioni (discretizzazione, solver ecc.) di default previste dal software. Ovviamente la tecnica base di discretizzazione (volumi finiti, elementi finiti) è propria del software impiegato. 2.2 Problemi tecnici definizione del dominio La definizione del dominio di calcolo rappresenta spesso un problema in sè, particolarmente nei problemi di moto esterno, sia per quanto riguarda la forma del dominio stesso che per quanto riguarda l estensione; forma ed estensione del dominio condizionano infatti la costruzione della griglia (forma, numero, dimensioni dei volumi di controllo) e possono condizionare la bontà e la convergenza della soluzione. Problemi analoghi si pongono in casi di moto interno con contorni aperti, in particolare per quanto riguarda l applicazione corretta delle condizioni al contorno griglia di calcolo La griglia di calcolo deve essere, in termini quantitativi (numero di nodi) adeguata al problema fisico e, soprattutto, coerente con le aspettative (cioè con ciò che della soluzione si desidera sapere). I software CFDC offrono un ampia gamma di scelte relativamente alle modalità di discretizzazione del dominio. Ad esempio, le forme 3D tipiche dei software ai volumi di controllo sono: esaedro, tetraedro, prisma, piramide, poliedro. Le griglie possono poi essere costruite in forma strutturata o non-strutturata. La seconda tipologia offre indiscutibili vantaggi nella modellazione di geometrie complesse. Quando praticabile, la griglia strutturata è però in genere più efficiente (almeno per le tecniche ai volumi La regolarità della griglia costituisce (quasi) sempre un pregio ed è in genere da ricercare.di solito una griglia ordinata, uniforme o variabile con progressione, è anche migliore in termini di efficienza computazionale, a parità di numero di nodi. Di norma una griglia di aspetto piacevole è anche più efficace. Le geometrie contorte, specie con la presenza di angoli acuti, sono spesso fonte di problemi di modellazione della geometria, di difficoltà di costruzione della griglia e di convergenza. Il raffinamento di griglia ha in genere due scopi: A. esecuzione di test di convergenza volti ad assicurare la indipendenza di griglia della soluzione. La pratica è molto importante nelle applicazioni scientifiche del calcolo; diventa un po una chimera, ed è quindi assai poco diffusa, nelle applicazioni industriali a geometria complessa (queste, di per sé, tendono ad esaurire le risorse di memoria); B. come strumento di miglioramento della soluzione in particolari regioni del dominio: questa pratica è molto utile per indagare la presenza di fenomenologie di dettaglio (es. zone di parete, zone di ricircolo) e per migliorare la soluzione, di norma in presenza di elevati gradienti dei parametri di campo. L infittimento automatico della griglia, che i prodotti software CFDC offrono come opzione, deve essere impiegato con molta prudenza; esso infatti opera essenzialmente sui gradienti delle variabili, intervenendo (usualmente a parità di numero di nodi complessivo) ove questi sono più alti. Ciò può condurre ad effettivo miglioramento locale della soluzione, ma a detrimento della bontà complessiva del risultato. Di norma è preferibile agire manualmente, curando di conservare la regolarità e la progressività di variazione del passo di griglia.

9 Condizioni al contorno Le condizioni al contorno devono essere applicate possibilmente ove effettivamente si verificano le condizioni fisiche previste: Ad esempio, una condizione dinamica di uscita dal dominio applicata troppo in anticipo tenderà a distorcere la soluzione; una condizione dinamica di tipo periodico applicata ad un passo non corretto produrrà una soluzione fisicamente inaccettabile (anche se eventualmente convergente). E sempre opportuno sfruttare la presenza di eventuali linee o piani di simmetria, al fine di e. Le condizioni termiche di contorno sono generalmente standardizzate dai software CFDC; ciò può rendere inaspettatamente laboriosa la simulazione di casi sperimentali di interesse scientifico le opzioni La CFDC offre opzioni, vale a dire possibilità alternative, praticamente ad ogni fase del processo di creazione/soluzione di un problema termofluidodinamico. Opzioni importanti riguardano ad esempio lo schema di discretizzazione, la risoluzione dell accoppiamento pressione-velocità, il solver, la modellazione di turbolenza. Questa caratteristica, certamente positiva, può indurre ai seguenti comportamenti: - l utente prova tutte le opzioni (di solito l utente non ha né voglia né tempo di studiare il significato delle opzioni stesse, egli si limita a provare e riprovare il suo caso di studio). Non è un gran metodo!infatti ad una scelta operata al generico passo A spesso conseguono sotto-opzioni (A1, A2, ecc.), ma, quel che è peggio, corrispondono diverse opzioni al passo B, producendo molteplicità inestricabili di combinazioni ed un processo potenzialmente infinito e certamente frustrante; - l utente si affida alle opzioni di default. E una buona scelta iniziale. Occorre tuttavia ricordare che le opzioni di default in un software commerciale sono di norma quelle che rendono la soluzione più robusta (tendono quindi a convergere ad una qualche soluzione), e anche questo è un rischio. Inutile dire che la via intermedia, consistente nel tentare, progressivamente e con ordine alcune delle opzioni, è da consigliare. In alternativa si può varare un lavoro sistematico di comparazione delle prestazioni di diverse combinazioni di opzioni su di un test-case accuratamente scelto. Occorre tuttavia precisare che la maggiore o minore efficacia di una scelta (o di una concatenazione di scelte) è spesso condizionata dal problema specifico e dalla griglia (tipo, distribuzione, dimensione). Un esperimento di questo tipo costituisce in sé un lavoro di ricerca molto utile per gli user groups di un prodotto software la resa grafica dei risultati La possibilità di visualizzazione grafica dei risultati dei prodotti CFD commerciali è sempre più estesa. La visualizzazione dei risultati non presenta di norma problemi tecnici; caso mai la sua potenza implica il rischio di ridurre la CFD a Colour-Full Dynamics.

10 3. SUGGERIMENTI 3.1 Realtà e modello E impossibile che una simulazione numerica riproduca esattamente la realtà fisica di un esperimento/caso reale, specie se il problema è geometricamente e/o fisicamente complesso. I casi di interesse industriale sono generalmente geometricamente complessi, i casi di interesse scientifico sono generalmente fisicamente complessi. Spesso le due complessità si sommano. Ciò che possiamo attenderci da una soluzione CFDC è pertanto una ragionevole rappresentazione della fenomenologia; la ragionevolezza della soluzione dipende dagli obbiettivi che ci siamo posti. Mai credere troppo nel risultato di una simulazione CFDC, mai scartare troppo in fretta una soluzione CFDC (anche quando non convergente!) Pazienza ed attenzione sono le doti principali dell utente CFDC; è bene limitare al massimo l attività di calcolo (cosa non facile con la CFDC) e dedicare tempo ad osservare i risultati e a riflettere sul loro significato (costa molto meno e produce molto di più). 3.2 Sperimentazione e benchmarking Solo l accumulazione di esperienza consente un uso efficiente dei prodotti CFD commerciali. L acquisizione di un autonoma capacità di valutazione consente l uso confidente dello strumento CFDC, sino al livello di attività creativa (artigianale o artistica). L impiego consapevole di un software CFDC richiede invece anche studio e riflessione. Sia nell una fase che nell altra della propria formazione di utilizzatore di software CFDC, l attività di benchmarking svolge un ruolo fondamentale. Essa merita qualche breve considerazione: - il termine validazione non si riferisce al prodotto software, ma al singolo caso affrontato con quel software in quel particolare assetto (insieme di opzioni); - ogni nuovo caso richiede una fase di benchmarking. Il benchmarking non è da considerare come attività addizionale (= perdita di tempo), ma come parte integrante dell attività di analisi del problema; - il benchmarking è attività costante e fondamentale nell impiego di software CFDC, non episodica e secondaria. Rappresenta infatti il modo più semplice per rendere credibili, a se stessi e gli altri, i risultati di calcoli specialistici non condivisi con altri; - la scelta del/dei caso/i di benchmarking è cruciale per acquisire esperienza e per facilitare l impostazione del caso da studiare; - il caso benchmark può essere utilizzato nel corso del calcolo su casi complessi per testare nuove opzioni. Le caratteristiche che un test-case dovrebbe possedere sono: sufficiente semplicità (ad es. 2D), tale cioè da prestarsi all esecuzione di un elevato numero di simulazioni in tempi ragionevoli; buona documentazione (dalla letteratura o da altra fonte) relativa sia agli aspetti geometrici che a quelli fisici, tale da consentire una simulazione completa e corretta del caso di riferimento. E preferibile fare riferimento a casi studiati sperimentalmente, o, in alternativa, a simulazioni numeriche di alta accuratezza. La disponibilità di una documentazione ampia sul caso esaminato, specie se di origine sperimentale, è essenziale per testare il valore della propria simulazione e per verificarne la sensibilità alle variazioni dei parametri di lavoro; pertinenza al caso esaminato. Il test-case dovrebbe contenere alcune delle caratteristiche geometriche e fluidodinamiche attese nel caso da studiare.

11 4. RESUME La fluidodinamica computazionale nella sua accezione commerciale (CFDC) è oggi in grado di affrontare con successo problemi di termofluidodinamica complessi sia per quanto riguarda gli aspetti geometrici che fisici. Lo sviluppo della CFDC è strettamente correlato al progresso scientifico e tecnologico; le sue prospettive di sviluppo sono quindi virtualmente illimitate. La CFDC trova ormai largo impiego in ambito industriale. La CFDC può essere utilmente impiegata sia per scopi didattici che di ricerca. I prodotti software CFDC presentano notevoli caratteristiche in termini di semplicità d uso, velocità di apprendimento, flessibilità, robustezza, ampiezza delle opzioni disponibili, ati. Il difetto più comune è la carenza di informazione scientifica e la mancanza di guida rispetto alla scelta delle opzioni (grigliatura, discretizzazione, solver, modelli, ecc.). A seconda della filosofia alla base della sua creazione il prodotto software risulta più o meno aperto, cioè adattabile agli usi scientifici con diverso grado di difficoltà. L uso iniziale della CFDC può indurre mancanza di consapevolezza, scarsa valutazione delle difficoltà intrinseche alla modellazione CFD, eccesso di calcoli e ridondanza di risultati. L approccio ad un problema di termofluidodinamica mediante strumenti CFDC richiede sempre una ben chiara definizione iniziale degli obbiettivi. Per il resto esso non è troppo dissimile da quello usuale per le tecniche numeriche, includendo la semplificazione del problema fisico originale, la definizione delle condizioni al contorno e l identificazione del dominio computazionale e la formulazione del modello matematico. La creazione della griglia di calcolo rappresenta una delle fasi più critiche della risoluzione CFDC, specie per problemi a geometria complessa. Le dimensioni ottimali di griglia non dipendono solo dalla tipologia del problema, ma anche dal valore dei parametri fluidodinamica, dalla presenza di effetti di separazione e rotazione, dal modello di turbolenza adottato. Per la buona riuscita di simulazioni CFDC è necessaria una notevole esperienza e di molta pazienza. Gli sforzi maggiori sono da dedicare alla creazione ed ottimizzazione della griglia, alla comparazione di algoritmi, schemi di discretizzazione e solver alternativi. L attività di benchmarking è essenziale per acquisire esperienza ed è funzionale alla risoluzione di un qualsiasi problema CFD.

Descrizione e stima dell errore

Descrizione e stima dell errore Descrizione e stima dell errore Raccomandazioni per l analisi di accuratezza di una simulazione CFD: 1 Descrizione e stima dell errore Raccomandazioni per l analisi di accuratezza di una simulazione CFD:

Dettagli

Benchmark Ansys Fluent su CRESCO

Benchmark Ansys Fluent su CRESCO Benchmark Ansys Fluent su CRESCO NOTA TECNICA ENEA GRID/CRESCO: NTN201003 NOME FILE: NTN201003-BenchmarkFluentCresco-v1_0.doc DATA: 30/07/2010 STATO: Versione iniziale AUTORE: F. Ambrosino Abstract: Questa

Dettagli

Il ruolo della fluidodinamica computazionale nella progettazione

Il ruolo della fluidodinamica computazionale nella progettazione w h i t e p a p e r Il ruolo della fluidodinamica computazionale nella progettazione Prefazione Questo paper descrive due dissipatori di calore, un presidio medicale di aspirazione, un forno da cucina

Dettagli

Massimo Rundo Politecnico di Torino Dipartimento Energia Fluid Power Research Laboratory

Massimo Rundo Politecnico di Torino Dipartimento Energia Fluid Power Research Laboratory La simulazione delle pompe oleodinamiche Massimo Rundo Politecnico di Torino Dipartimento Energia Fluid Power Research Laboratory Politecnico di Torino Dipartimento Energia Macchine a fluido Laboratorio

Dettagli

3.2 LICEO SCIENTIFICO DELLE SCIENZE APPLICATE

3.2 LICEO SCIENTIFICO DELLE SCIENZE APPLICATE 3.2 LICEO SCIENTIFICO DELLE SCIENZE APPLICATE Il Liceo Scientifico delle Scienze Applicate è un articolazione del Liceo Scientifico. Oltre agli obiettivi propri del Liceo Scientifico tradizionale, il Liceo

Dettagli

Pietro Antonietti consulente del lavoro

Pietro Antonietti consulente del lavoro Pietro Antonietti consulente del lavoro Firenze 18 maggio 2011 1 La storia Lo studio è nato nel gennaio 1980 a Novara. L'idea di intraprendere questa attività è maturata dalla parziale insoddisfazione,

Dettagli

PROGETTO INNAUTIC. Azione 5.3: Addestramento di personale di PMI ai linguaggi ed agli strumenti di accesso all ambiente condiviso di progettazione

PROGETTO INNAUTIC. Azione 5.3: Addestramento di personale di PMI ai linguaggi ed agli strumenti di accesso all ambiente condiviso di progettazione PROGETTO INNAUTIC Azione 5.3: Addestramento di personale di PMI ai linguaggi ed agli strumenti di accesso all ambiente condiviso di progettazione Attività 5.3.1: Impostazione organizzativa dei corsi di

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente ISO 14001 e OHSAS 18001 nuovi traguardi per una raffineria ogni giorno più compatibile, innovativa, responsabile api raffineria di ancona S.p.A. DUE TRAGUARDI

Dettagli

v. il dimensionamento d impianto vi. l integrazione con la realtà produttiva 3. Le opportunità ambientale ed economica

v. il dimensionamento d impianto vi. l integrazione con la realtà produttiva 3. Le opportunità ambientale ed economica Workshop Rafforzare la competitività delle PMI: opportunità in Europa Investire nello sviluppo sostenibile: la cogenerazione ing. Giuseppe Starace Università del Salento LECCE (I) Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

Premessa... 1. Fasi del processo... 3. Zone di rischio... 4

Premessa... 1. Fasi del processo... 3. Zone di rischio... 4 Sommario Premessa... 1 Fasi del processo... 3 Zone di rischio... 4 Premessa Le tecnologie informatiche hanno rivoluzionato da tempo il modo in cui lavorano le aziende e le organizzazioni in genere. Gestire

Dettagli

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Genova, 16 marzo 2006 Via Balbi, 1a - 16126 GENOVA Tel. 010/2095962 Fax 010/2095961 e-mail: cared@unige.it Master

Dettagli

INTRODUZIONE AI SISTEMI CAD

INTRODUZIONE AI SISTEMI CAD INTRODUZIONE AI SISTEMI CAD 407 Introduzione Il termine CAD sta per Computer-aided Design. L interpretazione corretta del termine è quella di progettazione assistita dal calcolatore (e non di disegno assistito

Dettagli

LOGICA è l alternativa più avanzata nell ambito del condizionamento delle sale server

LOGICA è l alternativa più avanzata nell ambito del condizionamento delle sale server SYSTEM LOGICA è l alternativa più avanzata nell ambito del condizionamento delle sale server MONTAIR è il marchio che rappresenta l eccellenza sul mercato per la produzione di prodotti per applicazioni

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI

QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI Nel nostro Istituto sono attivi i seguenti indirizzi, articolati nelle classi e nei quadri orari di cui sotto. Meccanica, Meccatronica Elettrotecnica

Dettagli

Simulazioni accoppiate 1D-3D per scenari d incendio

Simulazioni accoppiate 1D-3D per scenari d incendio Simulazioni accoppiate 1D-3D per scenari d incendio Applicazione a tunnel stradali e linee metropolitane Luca Iannantuoni Dipartimento di Energia - Politecnico di Milano 29 Ottobre 2009 Luca Iannantuoni

Dettagli

Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale (INSEAN) Via di Vallerano, 139-00128 - Roma

Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale (INSEAN) Via di Vallerano, 139-00128 - Roma Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale (INSEAN) Via di Vallerano, 139-00128 - Roma Programma di Ricerca sulla sicurezza per il triennio 2006-2008 Rapporto INSEAN 2006-017 Previsione

Dettagli

Introduzione a ANSYS CFX-11

Introduzione a ANSYS CFX-11 Introduzione a ANSYS CFX-11 Enrico Nobile Francesco Pinto Dipartimento di Ingegneria Navale, del Mare e per l Ambiente DINMA, Sezione di Fisica Tecnica Facoltà di Ingegneria, Università di Trieste 1 Sommario

Dettagli

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale Le caratteristiche must have del software gestionale ideale ww.microsa Quali sono i principali elementi da tenere in considerazione per la scelta del Quali software sono i ottimale? principali elementi

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA UFFICIO AUTONOMIE LOCALI E DECENTRAMENTO AMMINISTRATIVO PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 COMITATO TECNICO CONSULTIVO PER LA POLIZIA LOCALE REGIONE BASILICATA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI TELEMATICA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI TELEMATICA D.R. n. 3 del 30/06/2009 IL RETTORE VISTO lo Statuto dell Università degli Studi Guglielmo Marconi pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 127 del 31 maggio 2008; VISTO il Regolamento Didattico

Dettagli

Convegno "LE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE IN ITALIA: ANALISI E PROSPETTIVE"

Convegno LE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE IN ITALIA: ANALISI E PROSPETTIVE Convegno "LE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE IN ITALIA: ANALISI E PROSPETTIVE" Alcune riflessioni sul tema della diffusione dell'ict nelle imprese Guido Mario Rey Facoltà di Economia

Dettagli

La valutazione critica. Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione. Università degli Studi di Padova.

La valutazione critica. Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione. Università degli Studi di Padova. La valutazione critica Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Università degli Studi di Padova Lucia Mason Prof.ssa ordinaria di Psicologia dello Sviluppo e dell Educazione Proposta

Dettagli

Usabilità dei Siti Web

Usabilità dei Siti Web Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Informazione Editoriale, Pubblica e Sociale Usabilità dei Siti Web Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Usabilità La efficacia, efficienza e soddisfazione con cui

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE Imparare a imparare è l abilità di perseverare nell, di organizzare il proprio anche mediante una gestione efficace del tempo

Dettagli

I BILANCI CERVED: FONTE DI INFORMAZIONI SUL MERCATO E STRUMENTO DI GESTIONE

I BILANCI CERVED: FONTE DI INFORMAZIONI SUL MERCATO E STRUMENTO DI GESTIONE I BILANCI CERVED: FONTE DI INFORMAZIONI SUL MERCATO E STRUMENTO DI GESTIONE Il Benchmarking sui bilanci è un fondamentale supporto alla gestione dell azienda Cerved ha appena pubblicato i dati di bilancio

Dettagli

PAVIA INGEGNERIA INDUSTRIALE

PAVIA INGEGNERIA INDUSTRIALE PAVIA INGEGNERIA INDUSTRIALE Campus CRAVINO PAVIA Ingegneria sostenibile per la società di oggi e di domani www.unipv.it/industriale Energia Elettrica Energetica Meccanica 1 I corsi di INGEGNERIA INDUSTRIALE

Dettagli

TradeLab per NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE

TradeLab per NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE Introduzione Il perché della ricerca La presenza di prodotti non alimentari nelle diverse formule della distribuzione

Dettagli

LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE TECNOLOGIA - INFORMATICA

LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE TECNOLOGIA - INFORMATICA LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE TECNOLOGIA - INFORMATICA FINALITA EDUCATIVE La tecnica è la struttura razionale del lavoro, cioè l uso consapevole e finalizzato di mezzi, materiali e procedimenti operativi

Dettagli

GREEN JOBS. Energy Modeling. Ing. Fabio Minchio, Ph.D. in energetica 3F-Engineering. Roma, 23 marzo 2013

GREEN JOBS. Energy Modeling. Ing. Fabio Minchio, Ph.D. in energetica 3F-Engineering. Roma, 23 marzo 2013 GREEN JOBS Energy Modeling Ing. Fabio Minchio, Ph.D. in energetica 3F-Engineering Roma, 23 marzo 2013 1 Energy Modeling? Modelizzazione dinamica attraverso codici di calcolo (software validati) del comportamento

Dettagli

Programmazione di dipartimento: INFORMATICA classe 5 A.S. 2014-2015

Programmazione di dipartimento: INFORMATICA classe 5 A.S. 2014-2015 Programmazione di dipartimento: INFORMATICA classe 5 A.S. 2014-2015 Obiettivi generali e specifici della disciplina Liceo scientifico e indirizzo Scienze applicate All interno del percorso quinquennale

Dettagli

Lo Sviluppo delle Capacità

Lo Sviluppo delle Capacità Lo Sviluppo delle Capacità 1 Come elaborare un Piano di sviluppo: premesse e processo 3 2 Appendice A: Una guida per la Diagnosi degli ostacoli 7 3 Appendice B: Una guida per la scelta delle Tecniche 8

Dettagli

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!!

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! MISSION La mission di CSR Solution è quella di supportare soluzioni software avanzate nei settori della progettazione e della produzione industriale per le aziende

Dettagli

Software per il calcolo termico

Software per il calcolo termico ISOVER TechCalc Thermal Calculation for Technical Insulation Isolamento tecnico ISOVER TechCalc Software per il calcolo termico Efficienza energetica e ridotte emissioni di CO 2 in applicazioni industriali

Dettagli

Percorsi didattici di geometria dello spazio: lavorando con CABRI 3D

Percorsi didattici di geometria dello spazio: lavorando con CABRI 3D Roma, 6-7 giugno 2007 Incontro su Ricerche in didattica della matematica con l uso dei DGS Percorsi didattici di geometria dello spazio: lavorando con CABRI 3D Luigi Tomasi L.S. G. Galilei Adria SSIS Ferrara

Dettagli

Profilo Ragioniere con diploma di Perito Commerciale

Profilo Ragioniere con diploma di Perito Commerciale Profilo Ragioniere con diploma di Perito Commerciale il corso di studi mira a formare diplomati in grado di ricoprire figure professionali polivalenti in cui si possano coniugare in modo equilibrato una

Dettagli

LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI

LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI Via I. De Blasi, 24 Alcamo 91011 (TP) LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI UNI EN ISO 19011!" #! UNI EN ISO 19011 Il punto 4 descrive i principi

Dettagli

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Indice Presentazione 4 Norme per il Corso di laurea specialistica in Disegno industriale del prodotto

Dettagli

Indice generale. OOA Analisi Orientata agli Oggetti. Introduzione. Analisi

Indice generale. OOA Analisi Orientata agli Oggetti. Introduzione. Analisi Indice generale OOA Analisi Orientata agli Oggetti Introduzione Analisi Metodi d' analisi Analisi funzionale Analisi del flusso dei dati Analisi delle informazioni Analisi Orientata agli Oggetti (OOA)

Dettagli

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi E-learning Vantaggi e svantaggi vantaggi Abbattimento delle barriere spazio-temporali Formazione disponibile sempre (posso connettermi quando voglio e tutte le volte che voglio) e a bassi costi di accesso

Dettagli

Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale

Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale Documento elaborato dall Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari Nell ambito

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE METODOLOGICO-DIDATTICA INERENTE LA REALIZZAZIONE DI UNA CLASSE DIGITALE Il Dirigente Scolastico

Dettagli

Tecnologie di conversione e gestione dei flussi energetici

Tecnologie di conversione e gestione dei flussi energetici Tecnologie di conversione e gestione dei flussi energetici Ravenna, 26 Settembre 2012 Tiziano Terlizzese NIER Ingegneria S.p.A. IL RAGGRUPPAMENTO La rete di imprese è composta da 3 PMI con un alta propensione

Dettagli

BLUE Engineering Via Albenga 98 Rivoli (To) ITALY Danilo LAZZERI Amministratore Delegato Phone +39 011 9504211 Fax +39 011 9504216 info@blue-group.

BLUE Engineering Via Albenga 98 Rivoli (To) ITALY Danilo LAZZERI Amministratore Delegato Phone +39 011 9504211 Fax +39 011 9504216 info@blue-group. BLUE Engineering Via Albenga 98 Rivoli (To) ITALY Danilo LAZZERI Amministratore Delegato Phone +39 011 9504211 Fax +39 011 9504216 E-mail info@blue-group.it Il Cilea, l Engineering nel settore dell industria

Dettagli

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business.

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. ACCREDITED PARTNER 2014 Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Gariboldi Alberto Group Srl è una realtà

Dettagli

I PERICOLI: CONOSCERLI PER EVITARLI PROCEDURE PER LAVORARE IN SICUREZZA Proposta per gli istituti tecnico-professionali

I PERICOLI: CONOSCERLI PER EVITARLI PROCEDURE PER LAVORARE IN SICUREZZA Proposta per gli istituti tecnico-professionali Presentazione I PERICOLI: CONOSCERLI PER EVITARLI PROCEDURE PER LAVORARE IN SICUREZZA Proposta per gli istituti tecnico-professionali Questa proposta consiste nel coinvolgimento di una classe nella valutazione

Dettagli

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore ADM Associazione Didattica Museale Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore EST a Scuola: mission impossible? Suddivisione degli insegnanti in 3 gruppi. Ogni gruppo deve affrontare 3 problemi

Dettagli

Progetto SOLAR. Prototipo Eliostato realizzato dall'unità Operativa di Catania

Progetto SOLAR. Prototipo Eliostato realizzato dall'unità Operativa di Catania Progetto SOLAR Prototipo Eliostato realizzato dall'unità Operativa di Catania L Unità Operativa di Catania, afferente al Dipartimento di Ingegneria Industriale, nell ambito del progetto SOLAR prevede lo

Dettagli

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO 92 Generazione dei concetti di prodotto Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica Analizzare i prodotti della concorrenza Costruire e collaudare

Dettagli

SECONDO BIENNIO ISTITUTO TECNICO

SECONDO BIENNIO ISTITUTO TECNICO SETTORE DOCUMENTI PER LA DISCUSSIONE ISTITUTO TECNICO INDIRIZZO ARTICOLAZIONE ELETTROTECNICA TECNOLOGICO ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA ESITI DI APPRENDIMENTO (competenze, abilità, conoscenze) Regolamento,

Dettagli

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA Parte III : R&S nella piccola e media impresa Angelo Bonomi PICCOLE E MEDIE IMPRESE E R&S Esistono varie definizioni di piccole e

Dettagli

Istituto San Tomaso d Aquino

Istituto San Tomaso d Aquino Istituto San Tomaso d Aquino alba pratalia aràba Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella didattica a.s. 2013 2014 a.s. 2014 2015 0 Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

2. e i risultati che si vogliono conseguire

2. e i risultati che si vogliono conseguire L obiettivo di questo intervento consiste nel mostrare come trarre la massima efficienza nelle operazioni multi-canale di vendita e sincronizzazione online. Per efficienza si intende la migliore coniugazione

Dettagli

SIMULAZIONE E ANALISI SOFTWARE PER MACCHINE UTENSILI

SIMULAZIONE E ANALISI SOFTWARE PER MACCHINE UTENSILI SIMULAZIONE E ANALISI SOFTWARE PER MACCHINE UTENSILI Antonio Scippa u macchine utensili u Ottimizzare i parametri per una lavorazione di fresatura su macchina a controllo numerico significa sfruttare in

Dettagli

Struttura e modalità di compilazione del RAV

Struttura e modalità di compilazione del RAV Struttura e modalità di compilazione del RAV Massimo Faggioli Dirigente di Ricerca Area valutazione e miglioramento INDIRE Firenze m.faggioli@indire.it Struttura del rapporto di autovalutazione è articolato

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO MASTER: MISSB. UDA di Fisica

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO MASTER: MISSB. UDA di Fisica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO MASTER: MISSB UDA di Fisica CLASSE V Scheda di Fisica di: Rosalia Rinaldi Prof.ssa Sperandeo 1 PREMESSA: Calore e temperatura sono concetti che ricorrono frequentemente

Dettagli

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO Livello di base non raggiunto Non ha raggiunto tutte le competenze minime previste nel livello di base Riconosce ed utilizza le strutture linguistiche di base Comprende

Dettagli

Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server

Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server La nuova generazione di soluzioni per le piccole imprese Vantaggi per le piccole imprese Progettato per le piccole imprese e commercializzato

Dettagli

se è importante quello che si insegna, lo è ancora di più come lo si insegna Ubaldo Pernigo 5 marzo 2014

se è importante quello che si insegna, lo è ancora di più come lo si insegna Ubaldo Pernigo 5 marzo 2014 Autore con Marco Tarocco di UbiMath Matematica per il tuo futuro Ed. Le Monnier 2014 Autore diel sito aperto UbiMath www.ubimath.org se è importante quello che si insegna, lo è ancora di più come lo si

Dettagli

Percorso didattico del Tecnico Superiore per la gestione e la verifica di impianti energetici. secondo l European Qualification Framework - EQF

Percorso didattico del Tecnico Superiore per la gestione e la verifica di impianti energetici. secondo l European Qualification Framework - EQF Percorso didattico del Tecnico Superiore per la gestione e la verifica di impianti energetici secondo l European Qualification Framework - EQF matrice EQF del Percorso in Risorse energetiche, valutazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA SETTORE ORIENTAMENTO - Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA SETTORE ORIENTAMENTO - Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio FACOLTÀ DI SCIENZE MM.FF.NN. COMO Matematica Corsi di laurea in: MATEMATICA - triennale (Classe n. 32 Scienze Matematiche) MATEMATICA - specialistica (Classe n. 45/S Matematica) Caratteristiche e obiettivi

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2011-2012

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2011-2012 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

1. Premesse metodologiche Raccomandazioni

1. Premesse metodologiche Raccomandazioni Il Gruppo di Lavoro Italiano per la definizione dei Criteri di Qualità dei Siti Web della Cultura nella prima riunione tenutasi a Roma l 11 novembre 2002, ha fissato il proprio programma di lavoro come

Dettagli

Alpiq EcoServices Con sicurezza verso l obiettivo energetico.

Alpiq EcoServices Con sicurezza verso l obiettivo energetico. Alpiq EcoServices Con sicurezza verso l obiettivo energetico. Assumersi responsabilità. Con provvedimenti energeticamente efficienti. L efficienza energetica è una strategia efficace per la protezione

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

VisualTailor. Il software di configurazione tecnico commerciale ad hoc

VisualTailor. Il software di configurazione tecnico commerciale ad hoc VisualTailor Il software di configurazione tecnico commerciale ad hoc devo creare le specifiche per realizzare un prodotto personalizzato su richiesta dei miei clienti!!! Come devo fare????? Visual Tailor

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

Introduzione alla Progettazione per Componenti

Introduzione alla Progettazione per Componenti Introduzione alla Progettazione per Componenti Alessandro Martinelli 6 ottobre 2014 Obiettivo del Corso Il Progetto Software Reale Il Componente Software La Programmazione Ad Oggetti Fondamenti di Informatica

Dettagli

CICLO DELLE PRENOTAZIONI

CICLO DELLE PRENOTAZIONI CICLO DELLE PRENOTAZIONI UNA SFIDA ANTICA Quando nuove tecnologie raggiungono un alto livello di diffusione, si aprono solitamente nuovi campi di applicazione. La combinazione della diffusione della Telefonia

Dettagli

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Premessa L Audit organizzativo si fonda sull ascolto organizzativo che presenta come obiettivo primario la valorizzazione

Dettagli

Principi per la vigilanza sugli stabilimenti esteri delle banche

Principi per la vigilanza sugli stabilimenti esteri delle banche Principi per la vigilanza sugli stabilimenti esteri delle banche (Maggio 1983) I. Introduzione Il presente documento 1 delinea alcuni principi ai quali il Comitato ritiene dovrebbe essere informata la

Dettagli

L UFFICIO PER IL PROCESSO

L UFFICIO PER IL PROCESSO L UFFICIO PER IL PROCESSO Il progetto: uno staff di supporto al lavoro del magistrato e uno strumento per migliorare la qualità del servizio ai cittadini. Alle luce di numerose e positive esperienze maturate

Dettagli

Elettronica ed Elettrotecnica. Tecnico in Elettronica ed Elettrotecnica

Elettronica ed Elettrotecnica. Tecnico in Elettronica ed Elettrotecnica DIPLOMATO INDIRIZZO Elettronica ed Elettrotecnica FIGURA PROFESSIONALE Tecnico in Elettronica ed Elettrotecnica con specializzazione in domotica Denominazione della figura professionale Descrizione sintetica

Dettagli

u metallurgiau A. Diani, L. Rossetto

u metallurgiau A. Diani, L. Rossetto ANALISI NUMERICA DELLA CONVEZIONE FORZATA DI ARIA IN SCHIUME METALLICHE A. Diani, L. Rossetto Le schiume metalliche sono una promettente classe di materiali cellulari che consistono in una interconnessione

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO INDIRIZZO MECCANICA, MECCATRONICA ed ENERGIA Meccanica e Meccatronica Energia Materie plastiche

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO INDIRIZZO MECCANICA, MECCATRONICA ed ENERGIA Meccanica e Meccatronica Energia Materie plastiche IIS GIULIO NATTA RIVOLI (To) IL PRIMO BIENNIO ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO INDIRIZZO MECCANICA, MECCATRONICA ed ENERGIA Meccanica e Meccatronica Energia Materie plastiche Il primo biennio ha carattere

Dettagli

cfd e sistemi hpc a&c - analisi e calcolo settembre/ottobre 2014 - num. 62

cfd e sistemi hpc a&c - analisi e calcolo settembre/ottobre 2014 - num. 62 u cfd e sistemi hpc Caratterizzazione fluidodinamica della camera di allagamento di una turbina rotante tramite modellazione CFD e sistemi HPC: prospettive per una progettazione integrata numerico-sperimentale

Dettagli

ESERCITAZIONE. La Rete come risorsa per l educazione interculturale PREMESSA

ESERCITAZIONE. La Rete come risorsa per l educazione interculturale PREMESSA ESERCITAZIONE La Rete come risorsa per l educazione interculturale PREMESSA Il World Wide Web, come abbiamo visto, costituisce sicuramente un ambiente che offre importanti opportunità e risorse per lo

Dettagli

Egregio Dirigente, INVALSI Villa Falconieri - Via Borromini, 5-00044 Frascati RM tel. 06 941851 - fax 06 94185215 www.invalsi.it - c.f.

Egregio Dirigente, INVALSI Villa Falconieri - Via Borromini, 5-00044 Frascati RM tel. 06 941851 - fax 06 94185215 www.invalsi.it - c.f. Egregio Dirigente, Le scrivo per informarla che sono state avviate le procedure per la realizzazione della rilevazione degli apprendimenti degli studenti per l anno scolastico 2009/10 nell ambito del Servizio

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE

ISTITUTO PROFESSIONALE Via Resistenza,800 41058 Vignola (Modena) tel. 059 771195 fax. 059 764354 e-mail: mois00200c@istruzione.it www.istitutolevi.it ISTITUTO PROFESSIONALE MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA (con qualifica di

Dettagli

Informazioni sulla verifica di codici a barre 1D e 2D mediante l'elaborazione elettronica delle immagini

Informazioni sulla verifica di codici a barre 1D e 2D mediante l'elaborazione elettronica delle immagini Informazioni sulla verifica di codici a barre 1D e 2D mediante l'elaborazione elettronica delle immagini Nozioni fondamentali sulla verifica della leggibilità dei codici a barre per una maggiore affidabilità

Dettagli

AUDIT ENERGETICO. I passi dell Audit

AUDIT ENERGETICO. I passi dell Audit GET Energy Srl Sede Operativa: Via G. Avolio, 14 10023 CHIERI (TO) P.IVA e C.F 10797930012 info@getenergy.it - www.getenergy.it AUDIT ENERGETICO I passi dell Audit 1 Definizione di Audit Un Audit Energetico

Dettagli

Descrizione Sistemi Fotovoltaici a Concentrazione

Descrizione Sistemi Fotovoltaici a Concentrazione Descrizione Sistemi Fotovoltaici a Concentrazione Sommario Le energie rinnovabili ed il fotovoltaico I sistemi fotovoltaici a concentrazione e la loro potenziale convenienza Struttura di un sistema a concentrazione

Dettagli

Un mestiere difficile

Un mestiere difficile Un mestiere difficile.forse troppo? a cura di Beatrice Chirivì INTRODUZIONE Sono in media 1.300 all anno le persone che inviano il proprio curriculum al COSV. In gran parte si tratta di candidature di

Dettagli

Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA. CLASSE 4 LSA SEZ. C e E

Liceo Scientifico  C. CATTANEO  PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA. CLASSE 4 LSA SEZ. C e E Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 4 LSA SEZ. C e E Sommario PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA... 1 INDICAZIONI GENERALI... 2 PREREQUISITI... 2 CONOSCENZE, COMPETENZE

Dettagli

La riforma degli Istituti Tecnici

La riforma degli Istituti Tecnici La riforma degli Istituti Tecnici Il progetto di riordino dell istruzione tecnica intende rilanciare a pieno titolo gli Istituti Tecnici quale migliore risposta della scuola alla crisi, perché favorisce

Dettagli

I4M LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA

I4M LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA Ordine degli Studi a.a. 2015/201 I4M LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA 1. CARATTERISTICHE DEL CORSO CLASSE DI CORSO: LM-33 Ingegneria meccanica NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DM 270/2004 DIPARTIMENTO

Dettagli

FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile, PhD Direttore del Corpo Nazionale dei Vigili Del Fuoco

FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile, PhD Direttore del Corpo Nazionale dei Vigili Del Fuoco DIPARIMENTO DEI VIGLI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVULE Ordine degli Ingegneri Provincia di Latina FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile,

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

www.interaviosup.it ias@interaviosup.it tel. +39 0831 555625 GALLERIA DEL VENTO SUBSONICA

www.interaviosup.it ias@interaviosup.it tel. +39 0831 555625 GALLERIA DEL VENTO SUBSONICA www.interaviosup.it ias@interaviosup.it tel. +39 0831 555625 GALLERIA DEL VENTO SUBSONICA L azienda Nata nel 1985 come fornitore internazionale di ricambi aeronautici, sia per il settore militare che per

Dettagli

Strategie e metodi per un apprendimento efficace

Strategie e metodi per un apprendimento efficace Strategie e metodi per un apprendimento efficace In più di 100 anni, gli psicologi cognitivi dell apprendimento hanno sviluppato parecchie tecniche di studio: alcune accelerano l apprendimento, altre invece

Dettagli

Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Dipartimento di Ingegneria

Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Dipartimento di Ingegneria UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Dipartimento di Ingegneria Obiettivi didattici INGEGNERIA MECCANICA ll Corso di studio ha l obiettivo di fornire agli

Dettagli

Schumacher Precision Tools GmbH

Schumacher Precision Tools GmbH Image-Broschure Tecnologia della Filettatura Schumacher Precision Tools GmbH Prodotti Applicazioni Servizi L impresa Utensili di precisione dal 1918 Schumacher produce utensili di alta qualità e precisione

Dettagli

Il soddisfacimento dei fabbisogni energetici con la cogenerazione

Il soddisfacimento dei fabbisogni energetici con la cogenerazione COGENERAZIONE & TRIGENERAZIONE RISPARMIO ENERGETICO = RISPARMIO ECONOMICO Il soddisfacimento dei fabbisogni energetici con la cogenerazione Domenico Laforgia Magnifico Rettore Professore ordinario di Sistemi

Dettagli

Parametri di dimensionamento SENFC

Parametri di dimensionamento SENFC Parametri di dimensionamento SENFC Determinato il gruppo di dimensionamento, è possibile calcolare la Superficie Utile Efficace (SUT), cioè la somma delle superfici utili di apertura degli evacuatori naturali

Dettagli

Problem Posing & Solving for 100 schools. per l innovazione didattica

Problem Posing & Solving for 100 schools. per l innovazione didattica Problem Posing & Solving for 100 schools per l innovazione didattica Diffusione della cultura del Problem Posing & Solving Destinatari del progetto: Istituti Superiori di Secondo Grado Si propone come

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Focus sull autista. Dall esperienza all eccellenza

Focus sull autista. Dall esperienza all eccellenza Focus sull autista Dall esperienza all eccellenza L equazione della formazione L equazione della formazione: piccoli miglioramenti equivalgono a grandi risultati. La formazione è solitamente un investimento

Dettagli