I Codici Commerciali per la Termofluidodinamica Computazionale INTRODUZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I Codici Commerciali per la Termofluidodinamica Computazionale INTRODUZIONE"

Transcript

1 UNIONE ITALIANA DI TERMOFLUIDODINAMICA TERZA SCUOLA ESTIVA DI TERMOFLUIDODINAMICA Termofluidodinamica Computazionale Certosa di Pontignano, Siena 2 8 Settembre 2001 I Codici Commerciali per la Termofluidodinamica Computazionale INTRODUZIONE SOMMARIO G.S. Barozzi e M.A. Corticelli Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia 1. INTRODUZIONE ALLA CFD COMMERCIALE 1.1. CFDC che cosa 1.2. CFDC perché 1.3. CFDC potenzialità pregi limiti e rischi 2. L APPROCCIO CFDC 2.1. Come affrontare un nuovo caso 2.2. Problemi tecnici 2.3. Opzioni 3. SUGGERIMENTI 3.1. Realtà e modello 3.2. Sperimentazione e benchmarking 4. RESUME

2 1. INTRODUZIONE ALLA CFD COMMERCIALE 1.1. CFDC che cosa La fluidodinamica o termofluidodinamica computazionale nella sua versione commerciale (qui acronimizzata in CFDC) si basa sull impiego di prodotti software posti in commercio da software house specializzate che operano su scala mondiale e che dispongono in genere di agenzie e di servizi assistenza delocalizzati. I prodotti CFD commerciali sono forniti completi di preprocessori, solutori delle equazioni di conservazione e postprocessori. Alcuni dei più noti software CFDC di tipo multi-purpose sono elencati di seguito: FLOW3D/CFX (AEA Technology, Harwell, UK) FLUENT/FIDAP/POLYFLOW (Fluent Inc., Lebanon, NH, USA) PHOENICS (Flowsolve Ltd., London, UK) STAR-CD (Computational Dynamics Ltd., London, UK) Ai software di uso generale se ne affiancano altri dedicati, sviluppati cioè con specifico riferimento ad un preciso ambito applicativo. Esempi di questo genere sono: ICEPAK (Fluent Inc., Lebanon, NH, USA) controllo termico in elettronica MIXSIM (Fluent Inc., Lebanon, NH, USA) reattori chimici FLOWTHERM (Flomerics, Southborough, Tx, USA) controllo termico in elettronica KIVA (Los Alamos Nat. Lab., Oak Ridge, Tn, USA) motori a combustione interna VECTIS (Ricardo Software, Chicago, Ill, USA) motori a combustione interna Un elenco completo dei prodotti commerciali CFD è reperibile al sito Oggi i codici CFDC sono in grado di trattare numericamente: - le equazioni del moto in forma incomprimibile e comprimibile; - le equazioni dello scambio termico - le equazioni di conservazione delle specie chimiche - i regimi stazionari e i transitori; - i moti turbolenti (mediante svariati modelli di turbolenza); - i flussi multifase; - la presenza di effetti radiativi; - la variabilità delle proprietà termofisiche; - i fluidi non-newtoniani; - gli effetti di coniugazione termica conduttiva-convettiva; - le reazioni chimiche; - i processi di combustione; - le interazioni fluido-struttura; - la presenza di superfici libere. Non tutti gli aspetti sopra indicati sono tuttavia trattabili mediante un singolo prodotto software e non tutti i prodotti software presentano il medesimo livello di approfondimento delle tematiche più specialistiche.

3 1.2. CFDC perché La prima domanda che sorge spontanea nell affrontare il tema della CFD commerciale è relativa alla sua reale utilità ed efficacia in campo industriale e nell ambito della ricerca e della didattica la CFDC è utile per gli usi industriali? La fluidodinamica computazionale nelle sue versioni commerciali è decisamente utile in ambito industriale, come testimoniato dal suo rapido diffondersi dai settori a più alta tecnologia, via via ad ambiti a minore valore aggiunto.in altri termini, se la CFDC non presentasse ritorno economico, assai difficilmente le aziende si renderebbero disponibili a sostenerne gli oneri non irrilevanti, connessi all acquisto e alla gestione/manutenzione/aggiornamento dello strumento. Si può anzi ia soffre in ciò di un certo ritardo rispetto alla concorrenza industriale europea e mondiale, presumibilmente a causa delle dimensioni prevalentemente medio-piccole delle aziende manifatturiere e della loro ancor insufficiente propensione all innovazione di prodotto. Virtualmente un software CFDC è in grado di affrontare problemi termofluidodinamici di qualsivoglia livello di complessità, ciò rende lo strumento CFDC particolarmente appetibile per gli usi industriali. Altri caratteri apprezzati a livello industriale sono: - la presenza di interfacce user friendly ; - la possibilità di definizione interattiva del problema in corso di esame; - la disponibilità di preprocessori e postprocessori potenti e di uso ragionevolmente semplice e sicuro; - la possibilità di importare files CAD prodotti da sistemi già utilizzati per la progettazione in azienda; - la robustezza del software; - l efficacia e la prontezza di intervento dell assistenza tecnica e scientifica; - la possibilità di personalizzazione/specializzazione del software. I vantaggi attesi dall uso della CFDC in ambito industriale sono principalmente: - il miglioramento dei processi produttivi mediante diagnostica e analisi di processo; - la riduzione del numero di prototipi da sottoporre a sperimentazione; - il dimensionamento di impianti e di componenti di impianto; - l esecuzione di test preliminari su prodotti e tecnologie di nuova ideazione; - la presentazione di prototipi virtuali a potenziali clienti; - la dimostrazione di un elevato livello tecnologico da parte dell azienda. I settori produttivi cui la CFDC si rivolge oggi prevalentemente sono: - chimica (es.: trasferimento e manipolazione di reagenti, modellazione di reattori, sistemi di ventilazione e di sicurezza) - energia (es.: bruciatori, scambiatori di calore, valvole e dispositivi d impianto) - materiali (produzione e lavorazione di materiali polimerici, processi di formatura, stampaggio, estrusione, deposizione di strati sottili) - veicolistico (es.: aerodinamica esterna, condotti di alimentazione e scarico, disegno di valvole, camera di combustione, sistema di raffreddamento, climatizzazione) - ambiente/sicurezza (es.: dispersione di inquinanti, simulazione di eventi incidentali e di incendi, flussi attorno ad edifici/strutture, depolverazione) - impiantistica RVC (es.: flussi e circolazioni in ambienti, corpi scaldanti, refrigerazione) - aeronautica (es.: aerodinamica del velivolo, interazioni rotore fusoliera) - elettronica (es.: controllo termico di rack e schede, raffreddamento di componenti e sistemi, processi CVD)

4 - bioingegneria (es.: modellazione del sistema circolatorio, del sistema respiratorio, del bulbo oculare) - turbomacchine (es.: turbine, pompe, ventilatori, compressori) In conclusione, sembra ormai assodato che la CFDC presenti di norma un buon ritorno, economico e di immagine, per le aziende. Il fattore determinante del crescente successo della CFDC in ambito industriale è certamente il buon rapporto costo/prestazioni che essa presenta, rendendo disponibili a prezzi ragionevoli strumenti di indagine estremamente sofisticati e costantemente aggiornati, cui si aggiunge la possibilità di fruire dell assistenza diretta da parte del produttore nella fase di impostazione di un nuovo problema. Ciò comporta tuttavia il rischio di far apparire impropriamente le cose più semplici di quanto non siano. Da un punto di vista industriale, ad esempio, il costo della CFD non si riferisce tanto all acquisto/gestione del software in quanto tale, né a quello delle relative piattaforme (investimento in beni strumentali), quanto piuttosto alla necessità imprescindibile di dedicare alla CFD unità di personale a tempo pieno, possibilmente dotato di adeguata di preparazione di base (investimento in conoscenza). Di ciò le MPI dei settori manifatturieri spesso non hanno inizialmente piena consapevolezza (l acquisto di un software CFD da parte di un azienda può in questo caso essere paragonato a quello di una vettura ad alte prestazioni da parte di un comune guidatore). Un aspetto positivo, mai sufficientemente rilevato, connesso all impiego industriale della CFD risiede nel fatto che essa, per sua natura e struttura, produce crescita culturale all interno dell azienda e apre canali di comunicazione con gli ambienti della ricerca. L acquisizione di software CFD da parte di Enti ed Imprese è pertanto da considerare con favore, essendo indicatore della propensione aziendale allo sviluppo la CFDC è utile per gli usi didattici e di ricerca? Le seguenti argomentazioni possono essere portate a favore dell impiego di software CFDC in ambito didattico e di ricerca, con riferimento specifico all ambiente universitario: - le Università stanno cambiando rapidamente e sempre più tendono (o sono forzate) a proporsi quali agenzie formative e di ricerca per il modo reale ed in particolare per la loro realtà territoriale. Ciò è particolarmente vero per le Facoltà di Ingegneria. La CFDC rappresenta un importante strumento di relazione tra Università/ricerca e impresa/territorio, creando, attraverso la condivisione dello strumento, un comune terreno di confronto ed un comune linguaggio; - la CFDC rappresenta un essenziale strumento didattico: 'essenziale' in quanto 'moderno' e 'moderno' in quanto rende disponibili allo studente in tempi ragionevolmente ridotti strumenti di analisi evoluti, esattamente nel formato informatizzato che egli oggi predilige; - la CFDC dà senso pratico-economico all attività di ricerca e di sviluppo di algoritmi che numerosi gruppi di ricerca svolgono anche in Italia; - la CFDC rende possibile la simulazione completa di esperimenti. Anche un ricercatore non particolarmente esperto nel calcolo numerico può porsi in grado di affrontare la simulazione del proprio apparato sperimentale in tempi ragionevoli, completando così i dati sperimentali diretti con quelli simulati (si ricordi che ciascun nodo o elemento della griglia equivale ad un sensore delle variabili di campo). La CFDC non sostituisce l esperimento ma è essa stessa un elemento della sperimentazione. E anzi opportuno prevedere la simulazione CFD di un esperimento già nella fase di progettazione dell esperimento stesso, sfruttando

5 pienamente la capacità della CFD nell esecuzione di analisi di sensibilità (ad es. alle condizioni termiche al contorno); - la CFDC si presta anche quale strumento di ricerca diretta per via numerica, anche se in ciò può facilmente mostrare limiti ed insufficienze; - la conoscenza e l uso di software CFDC in ambito didattico e di ricerca può costituire premessa di proficue collaborazioni con i produttori del software CFDC potenzialità limiti pregi difetti e rischi potenzialità e limiti Le potenzialità della CFDC sono virtualmente illimitate dato il costante aumento dell efficienza e della velocità del calcolo, lo sviluppo continuo di nuovi algoritmi e procedure, e il progredire delle conoscenze in ogni settore. Non esiste problema termofluidodinamico di cui non si possa oggi prevedere la possibilità di approccio entro un ragionevole numero di anni, come evidenziato dall elenco delle applicazioni già oggi possibili ( 1.1). I limiti attuali della CFDC corrispondono (con qualche ragionevole ritardo) ai limiti della modellazione fisica in ciascuno dei singoli domini applicativi e scientifici di pertinenza della termofluidodinamica pregi I principali pregi dei software CFDC sono: - semplicità di approccio; - velocità di apprendimento delle istruzioni base, con relativa immediatezza nell attivazione del lavoro; - possibilità di uso su piattaforme diverse, ivi inclusi i PC, con possibilità di training casalingo; - robustezza (quindi facilità di convergenza); - disponibilità immediata di opzioni alternative (tipologia di griglia, solutore, discretizzazione, modello di turbolenza); - disponibilità di conoscenze di acquisizione recente (nuovi modelli di turbolenza, modelli reologici ecc.); - possibilità di scambio di dati, griglie, esperienze intra ed interistituzionale difetti Tra i principali difetti comuni a molti dei prodotti software commerciali si possono annoverare: - eccesso di offerta di opzioni, quindi confusione ed incertezza (operatori inesperti); - limiti di offerta di opzioni (operatori scientifici); - eccessiva facilità di convergenza (falso senso di sicurezza) data la robustezza degli algoritmi e dei solver; - disponibilità di moli enormi di dati, con la necessità di saper gestire graficamente i risultati; - manualistica di solito desolantemente inadeguato (si indica il come, quasi mai si giustifica il perché) ed informazione scientifica tendenzialmente sempre più scarsa con il procedere del tempo. Cresce la potenza di calcolo e la varietà dei problemi affrontabili e decresce la capacità autonoma di comprensione da parte dell utente. La documentazione scientifica si riduce sostanzialmente a poche istruzioni e a modesti elementi introduttivi al tema, mentre spesso non vengono neppure forniti riferimenti bibliografici, quando essi dovrebbero invece far parte della

6 documentazione scientifica di accompagnamento al software, se non direttamente disponibili on-line rischi I rischi insiti nell uso di qualsiasi software CFD commerciale sono: - mancanza di consapevolezza (calcolo ergo sum?); - falso senso di semplicità (delirio di onnipotenza); - tendenza a saturare le disponibilità di risorse di calcolo; - facilità all eccesso di soluzioni; - tendenza a trascurare gli aspetti quantitativi (se non a livello di parametri globali) a favore degli aspetti qualitativi; - rischio di calcolare molto, sempre di più, e di capire poco, sempre meno; - complessità intrinseca della griglia e difficoltà di grigliatura (la grigliatura richiede esperienza) cui possono conseguire difficoltà di convergenza; - possibilità di accettare risultati non convergenti (anche la fase di accettazione di una soluzione richiede esperienza); - rischio di assumere per vera una soluzione in quanto convergente.

7 2. L APPROCCIO CFDC 2.1 Come affrontare un nuovo caso Un problema di termofluidodinamica è prima un problema fisico e solo poi un problema computazionale. La procedura di approccio ad ogni nuovo caso da studiare non è quindi differente da quella usuale per la formulazione di un problema fisico in forma numerica. I passi procedurali essenziali sono pertanto: - esame del problema fisico; - estrazione del modello fisico; - formulazione del modello matematico; - formulazione del modello numerico esame del problema fisico: si tratta di vagliare nel modo più accurato possibile le caratteristiche del problema da esaminare, alla luce di quello che si vuole sapere. Nell impostazione del problema così come nel corso dell elaborazione, è essenziale chiarirsi preliminarmente gli obiettivi dell indagine (studio scientifico, simulazione di esperimento, modellazione di un prodotto, progettazione, analisi parametrica, ecc.).dalla definizione degli obbiettivi deriva infatti la profondità dell analisi da svolgere, la maggiore o minore necessità di dettaglio geometrico, l opportunità di scartare aprioristicamente l eventualità del verificarsi di certi eventi (es. moti transizionali), la possibilità di introdurre semplificazioni. Nel caso si affrontino nuove geometrie è molto utile tentare di immaginare, sulla base dell esperienza e per via d intuito, la forma generale del campo di moto. L esercizio può rivelarsi di grande aiuto nelle successive fasi di costruzione della griglia e di analisi dei risultati. estrazione del modello fisico: passa per la semplificazione del problema, per la scelta delle condizioni al contorno (le equazioni del continuo sono comuni ad una molteplicità infinita di problemi, il loro contenuto informativo è quindi pressoché nullo; le condizioni al contorno specificano il problema), la definizione (in via preliminare) del dominio di calcolo. I livelli di semplificazione sono peraltro assai differenti a seconda della tipologia del problema fisico esaminato. In ambito CFDC può essere utile individuare le due seguenti macro categorie: - simulazione di caso reale di interesse industriale: si tratta normalmente di casi a geometria molto complessa, ulteriormente complicata dalla possibile compresenza di scale dimensionali molto differenti o di parti in movimento. Le semplificazioni di ordine geometrico sono in questo caso molto delicate da eseguire. In compenso il livello di accuratezza richiesto (così come il livello di accuratezza dei corrispondenti rilievi sperimentali) non è quasi mai elevato; - simulazione di esperimento di laboratorio o di caso di interesse scientifico: si tratta in genere di casi geometricamente semplici, facilmente modellabili mediante i generatori di griglia associati al software; in compenso il livello di accuratezza richiesto ai risultati è di gran lunga più elevato, così come particolarmente delicata è la scelta delle condizioni al contorno, sia termiche sia dinamiche. formulazione del modello matematico: la scelta delle equazioni del continuo e dei modelli matematici è ovviamente correlata alla natura del problema fisico originario ad ai risultati attesi (es. moto laminare o turbolento, modello di turbolenza, modello reologico, ecc.). Nell uso della CFDC questa fase è sempre molto facilitata.tutti i software CFDC prevedono infatti la possibilità di impiego delle principali equazioni di conservazione (quantità di moto, energia, specie) e dei più comuni modelli di turbolenza (K-ε, K-ε RNG, RSM). Essi consentono poi all operatore di sviluppare propri algoritmi e modelli (seppure con grado di difficoltà variabile da prodotto a prodotto);

8 modello numerico: anche in questo caso in ambiente CFDC la scelta è molto facilitata dalla presenza di diverse opzioni pronte all uso. Nella fase iniziale, in mancanza di specifiche indicazioni relative al caso esaminato, è sempre opportuno seguire le opzioni (discretizzazione, solver ecc.) di default previste dal software. Ovviamente la tecnica base di discretizzazione (volumi finiti, elementi finiti) è propria del software impiegato. 2.2 Problemi tecnici definizione del dominio La definizione del dominio di calcolo rappresenta spesso un problema in sè, particolarmente nei problemi di moto esterno, sia per quanto riguarda la forma del dominio stesso che per quanto riguarda l estensione; forma ed estensione del dominio condizionano infatti la costruzione della griglia (forma, numero, dimensioni dei volumi di controllo) e possono condizionare la bontà e la convergenza della soluzione. Problemi analoghi si pongono in casi di moto interno con contorni aperti, in particolare per quanto riguarda l applicazione corretta delle condizioni al contorno griglia di calcolo La griglia di calcolo deve essere, in termini quantitativi (numero di nodi) adeguata al problema fisico e, soprattutto, coerente con le aspettative (cioè con ciò che della soluzione si desidera sapere). I software CFDC offrono un ampia gamma di scelte relativamente alle modalità di discretizzazione del dominio. Ad esempio, le forme 3D tipiche dei software ai volumi di controllo sono: esaedro, tetraedro, prisma, piramide, poliedro. Le griglie possono poi essere costruite in forma strutturata o non-strutturata. La seconda tipologia offre indiscutibili vantaggi nella modellazione di geometrie complesse. Quando praticabile, la griglia strutturata è però in genere più efficiente (almeno per le tecniche ai volumi La regolarità della griglia costituisce (quasi) sempre un pregio ed è in genere da ricercare.di solito una griglia ordinata, uniforme o variabile con progressione, è anche migliore in termini di efficienza computazionale, a parità di numero di nodi. Di norma una griglia di aspetto piacevole è anche più efficace. Le geometrie contorte, specie con la presenza di angoli acuti, sono spesso fonte di problemi di modellazione della geometria, di difficoltà di costruzione della griglia e di convergenza. Il raffinamento di griglia ha in genere due scopi: A. esecuzione di test di convergenza volti ad assicurare la indipendenza di griglia della soluzione. La pratica è molto importante nelle applicazioni scientifiche del calcolo; diventa un po una chimera, ed è quindi assai poco diffusa, nelle applicazioni industriali a geometria complessa (queste, di per sé, tendono ad esaurire le risorse di memoria); B. come strumento di miglioramento della soluzione in particolari regioni del dominio: questa pratica è molto utile per indagare la presenza di fenomenologie di dettaglio (es. zone di parete, zone di ricircolo) e per migliorare la soluzione, di norma in presenza di elevati gradienti dei parametri di campo. L infittimento automatico della griglia, che i prodotti software CFDC offrono come opzione, deve essere impiegato con molta prudenza; esso infatti opera essenzialmente sui gradienti delle variabili, intervenendo (usualmente a parità di numero di nodi complessivo) ove questi sono più alti. Ciò può condurre ad effettivo miglioramento locale della soluzione, ma a detrimento della bontà complessiva del risultato. Di norma è preferibile agire manualmente, curando di conservare la regolarità e la progressività di variazione del passo di griglia.

9 Condizioni al contorno Le condizioni al contorno devono essere applicate possibilmente ove effettivamente si verificano le condizioni fisiche previste: Ad esempio, una condizione dinamica di uscita dal dominio applicata troppo in anticipo tenderà a distorcere la soluzione; una condizione dinamica di tipo periodico applicata ad un passo non corretto produrrà una soluzione fisicamente inaccettabile (anche se eventualmente convergente). E sempre opportuno sfruttare la presenza di eventuali linee o piani di simmetria, al fine di e. Le condizioni termiche di contorno sono generalmente standardizzate dai software CFDC; ciò può rendere inaspettatamente laboriosa la simulazione di casi sperimentali di interesse scientifico le opzioni La CFDC offre opzioni, vale a dire possibilità alternative, praticamente ad ogni fase del processo di creazione/soluzione di un problema termofluidodinamico. Opzioni importanti riguardano ad esempio lo schema di discretizzazione, la risoluzione dell accoppiamento pressione-velocità, il solver, la modellazione di turbolenza. Questa caratteristica, certamente positiva, può indurre ai seguenti comportamenti: - l utente prova tutte le opzioni (di solito l utente non ha né voglia né tempo di studiare il significato delle opzioni stesse, egli si limita a provare e riprovare il suo caso di studio). Non è un gran metodo!infatti ad una scelta operata al generico passo A spesso conseguono sotto-opzioni (A1, A2, ecc.), ma, quel che è peggio, corrispondono diverse opzioni al passo B, producendo molteplicità inestricabili di combinazioni ed un processo potenzialmente infinito e certamente frustrante; - l utente si affida alle opzioni di default. E una buona scelta iniziale. Occorre tuttavia ricordare che le opzioni di default in un software commerciale sono di norma quelle che rendono la soluzione più robusta (tendono quindi a convergere ad una qualche soluzione), e anche questo è un rischio. Inutile dire che la via intermedia, consistente nel tentare, progressivamente e con ordine alcune delle opzioni, è da consigliare. In alternativa si può varare un lavoro sistematico di comparazione delle prestazioni di diverse combinazioni di opzioni su di un test-case accuratamente scelto. Occorre tuttavia precisare che la maggiore o minore efficacia di una scelta (o di una concatenazione di scelte) è spesso condizionata dal problema specifico e dalla griglia (tipo, distribuzione, dimensione). Un esperimento di questo tipo costituisce in sé un lavoro di ricerca molto utile per gli user groups di un prodotto software la resa grafica dei risultati La possibilità di visualizzazione grafica dei risultati dei prodotti CFD commerciali è sempre più estesa. La visualizzazione dei risultati non presenta di norma problemi tecnici; caso mai la sua potenza implica il rischio di ridurre la CFD a Colour-Full Dynamics.

10 3. SUGGERIMENTI 3.1 Realtà e modello E impossibile che una simulazione numerica riproduca esattamente la realtà fisica di un esperimento/caso reale, specie se il problema è geometricamente e/o fisicamente complesso. I casi di interesse industriale sono generalmente geometricamente complessi, i casi di interesse scientifico sono generalmente fisicamente complessi. Spesso le due complessità si sommano. Ciò che possiamo attenderci da una soluzione CFDC è pertanto una ragionevole rappresentazione della fenomenologia; la ragionevolezza della soluzione dipende dagli obbiettivi che ci siamo posti. Mai credere troppo nel risultato di una simulazione CFDC, mai scartare troppo in fretta una soluzione CFDC (anche quando non convergente!) Pazienza ed attenzione sono le doti principali dell utente CFDC; è bene limitare al massimo l attività di calcolo (cosa non facile con la CFDC) e dedicare tempo ad osservare i risultati e a riflettere sul loro significato (costa molto meno e produce molto di più). 3.2 Sperimentazione e benchmarking Solo l accumulazione di esperienza consente un uso efficiente dei prodotti CFD commerciali. L acquisizione di un autonoma capacità di valutazione consente l uso confidente dello strumento CFDC, sino al livello di attività creativa (artigianale o artistica). L impiego consapevole di un software CFDC richiede invece anche studio e riflessione. Sia nell una fase che nell altra della propria formazione di utilizzatore di software CFDC, l attività di benchmarking svolge un ruolo fondamentale. Essa merita qualche breve considerazione: - il termine validazione non si riferisce al prodotto software, ma al singolo caso affrontato con quel software in quel particolare assetto (insieme di opzioni); - ogni nuovo caso richiede una fase di benchmarking. Il benchmarking non è da considerare come attività addizionale (= perdita di tempo), ma come parte integrante dell attività di analisi del problema; - il benchmarking è attività costante e fondamentale nell impiego di software CFDC, non episodica e secondaria. Rappresenta infatti il modo più semplice per rendere credibili, a se stessi e gli altri, i risultati di calcoli specialistici non condivisi con altri; - la scelta del/dei caso/i di benchmarking è cruciale per acquisire esperienza e per facilitare l impostazione del caso da studiare; - il caso benchmark può essere utilizzato nel corso del calcolo su casi complessi per testare nuove opzioni. Le caratteristiche che un test-case dovrebbe possedere sono: sufficiente semplicità (ad es. 2D), tale cioè da prestarsi all esecuzione di un elevato numero di simulazioni in tempi ragionevoli; buona documentazione (dalla letteratura o da altra fonte) relativa sia agli aspetti geometrici che a quelli fisici, tale da consentire una simulazione completa e corretta del caso di riferimento. E preferibile fare riferimento a casi studiati sperimentalmente, o, in alternativa, a simulazioni numeriche di alta accuratezza. La disponibilità di una documentazione ampia sul caso esaminato, specie se di origine sperimentale, è essenziale per testare il valore della propria simulazione e per verificarne la sensibilità alle variazioni dei parametri di lavoro; pertinenza al caso esaminato. Il test-case dovrebbe contenere alcune delle caratteristiche geometriche e fluidodinamiche attese nel caso da studiare.

11 4. RESUME La fluidodinamica computazionale nella sua accezione commerciale (CFDC) è oggi in grado di affrontare con successo problemi di termofluidodinamica complessi sia per quanto riguarda gli aspetti geometrici che fisici. Lo sviluppo della CFDC è strettamente correlato al progresso scientifico e tecnologico; le sue prospettive di sviluppo sono quindi virtualmente illimitate. La CFDC trova ormai largo impiego in ambito industriale. La CFDC può essere utilmente impiegata sia per scopi didattici che di ricerca. I prodotti software CFDC presentano notevoli caratteristiche in termini di semplicità d uso, velocità di apprendimento, flessibilità, robustezza, ampiezza delle opzioni disponibili, ati. Il difetto più comune è la carenza di informazione scientifica e la mancanza di guida rispetto alla scelta delle opzioni (grigliatura, discretizzazione, solver, modelli, ecc.). A seconda della filosofia alla base della sua creazione il prodotto software risulta più o meno aperto, cioè adattabile agli usi scientifici con diverso grado di difficoltà. L uso iniziale della CFDC può indurre mancanza di consapevolezza, scarsa valutazione delle difficoltà intrinseche alla modellazione CFD, eccesso di calcoli e ridondanza di risultati. L approccio ad un problema di termofluidodinamica mediante strumenti CFDC richiede sempre una ben chiara definizione iniziale degli obbiettivi. Per il resto esso non è troppo dissimile da quello usuale per le tecniche numeriche, includendo la semplificazione del problema fisico originale, la definizione delle condizioni al contorno e l identificazione del dominio computazionale e la formulazione del modello matematico. La creazione della griglia di calcolo rappresenta una delle fasi più critiche della risoluzione CFDC, specie per problemi a geometria complessa. Le dimensioni ottimali di griglia non dipendono solo dalla tipologia del problema, ma anche dal valore dei parametri fluidodinamica, dalla presenza di effetti di separazione e rotazione, dal modello di turbolenza adottato. Per la buona riuscita di simulazioni CFDC è necessaria una notevole esperienza e di molta pazienza. Gli sforzi maggiori sono da dedicare alla creazione ed ottimizzazione della griglia, alla comparazione di algoritmi, schemi di discretizzazione e solver alternativi. L attività di benchmarking è essenziale per acquisire esperienza ed è funzionale alla risoluzione di un qualsiasi problema CFD.

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale.

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. L analisi modale è un approccio molto efficace al comportamento dinamico delle strutture, alla verifica di modelli di calcolo

Dettagli

La modellistica fotochimica nel Piano della qualità dell aria in Umbria

La modellistica fotochimica nel Piano della qualità dell aria in Umbria La modellistica fotochimica nel Piano della qualità dell aria in Umbria Marco Vecchiocattivi Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale dell Umbria Sommario Introduzione Modellistica fotochimica Applicazione

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante trasporto pesante Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante www.brembo.com trasporto pesante L i m p i a n t o f r e n a n t e d i u n v e i c ol o pesante per trasporto d i m e r

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale RUOLO DELLA MODELLAZIONE GEOMETRICA E LIVELLI DI MODELLAZIONE PARTE 2 Prof. Caterina Rizzi... IN QUESTA LEZIONE Modelli 2D/3D Modelli 3D/3D Dimensione delle primitive di modellazione Dimensione dell oggettoy

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE SULL INDAGINE OCSE-PISA E ALTRE RICERCHE NAZIONALI E INTERNAZIONALI Seminario provinciale rivolto ai docenti del Primo Ciclo La prova di matematica nelle indagini IEA

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia L indirizzo Meccanica, meccatronica ed energia ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale,

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO 92 Generazione dei concetti di prodotto Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica Analizzare i prodotti della concorrenza Costruire e collaudare

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza?

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Con ALLIANCE Uvitec di Eppendorf Italia risparmi tempo e materiale di consumo, ottieni immagini quantificabili e ci guadagni anche in salute.

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

12. LO SCAMBIO TERMICO PER CONVEZIONE

12. LO SCAMBIO TERMICO PER CONVEZIONE 12. LO SCAMBIO TERMICO PER CONVEZIONE 12.1 Introduzione Una seconda modalità di trasmissione del calore, detta convezione termica, ha luogo quando almeno uno dei due corpi che si scambiano calore è un

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE > MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE WorkNC V21 multicore 64 bits : Benefici di WorkNC Aumento generale della produttività, grazie alle nuove tecnologie multi-core, 64 bit e Windows 7 Calcolo di

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Compilazione con WinEdt

Compilazione con WinEdt Luciano Battaia Sommario Guida rapida ed elementare ai diversi modi di compilazione di un file L A TEX, usando WinEdt, con alcune indicazioni di base sui formati immagine supportati. Gli output standard

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo Aggreko Process Services Soluzioni rapide per il miglioramento dei processi Aggreko può consentire rapidi miglioramenti dei processi

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale D. Prattichizzo G.L. Mariottini F. Moneti M. Orlandesi M. Fei M. de Pascale A. Formaglio F. Morbidi S. Mulatto SIRSLab Laboratorio

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Se si insiste non si vince

Se si insiste non si vince Se si insiste non si vince Livello scolare: 2 biennio Abilità interessate Valutare la probabilità in diversi contesti problematici. Distinguere tra eventi indipendenti e non. Valutare criticamente le informazioni

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Progetto macchina con tetto fotovoltaico

Progetto macchina con tetto fotovoltaico ITIS A.PACINOTTI Via Montaione 15 Progetto macchina con tetto fotovoltaico Classe 2 C Informatica Docente referente: Prof.ssa Leccesi Progetto: Educarsi al futuro Premessa Motivazione per la partecipazione

Dettagli

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio «La questione non è ciò che guardate, bensì ciò che vedete.» Henry David Thoreau, scrittore e filosofo statunitense Noi mettiamo in discussione l'esistente. Voi usufruite

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Premesso che A) IL CONTESTO POLITICO - CULTURALE 1. Col Quarto Programma d azione (1996-2000) la politica europea

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

Misure di temperatura nei processi biotecnologici

Misure di temperatura nei processi biotecnologici Misure di temperatura nei processi biotecnologici L industria chimica sta mostrando una tendenza verso la fabbricazione di elementi chimici di base tramite processi biotecnologici. Questi elementi sono

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Piacenza Liceo Respighi 17 e 24 marzo 2015

Piacenza Liceo Respighi 17 e 24 marzo 2015 Piacenza Liceo Respighi 17 e 24 marzo 2015 Paolo Montagna, Paolo Vitulo Dipartimento di Fisica Università di Pavia INFN Sezione di Pavia paolo.montagna@unipv.it, it paolo.vitulo@unipv.it http://fisica.unipv.it/fisnucl/

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA SVILUPPO DI METODI DECONVOLUTIVI PER L INDIVIDUAZIONE DI SORGENTI INDIPENDENTI

Dettagli