Simulazione - Fase preliminare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Simulazione - Fase preliminare"

Transcript

1 Agenda I due approcci alla sicurezza antincendio Riferimenti Normativi Il processo di applicazione della FSE Simulazione - Fase preliminare Simulazione - Fase operativa Simulazione - Risultati

2 Simulazione - Fase preliminare Modelli disponibili Modellazione numerica Set-up preliminare del sistema Modellazione fisico-chimica Modellazione operativa Fase di verifica della congruità del modello Definizione della serie di simulazioni

3 Modelli disponibili Modelli a zone Modelli CFD

4 Modelli a zone Modello semplificato applicabile a grandi ambienti di semplice geometria con scenari d'incendio semplici e con l'obiettivo di verificare la stabilità strutturale Il modello è generalmente suddiviso in due zone di cui la superiore è interessata dagli effetti della combustione (fumi e gas della combustione). Le variabili misurate sono mediate sull'unica zona superiore

5 Vantaggi: Modelli a zone Brevi tempi di modellazione Brevi tempi di calcolo Valutazione rapida di fumi e temperature Manuale di 10 pagine Svantaggi: Valutazione grossolana di fumi e temperature Modellazione rudimentale (gli ambienti sono schematizzati come cubi vuoti) Non fornisce parametri significativi per la valutazione dell'esodo Sconsigliato per ambienti la cui altezza non é confrontabile con le altre dimensioni

6 Modelli CFD CFD = Computational Fluid Dynamics (fluidodinamica numerica) La CFD è una materia che si propone di risolvere problemi termo-chimico-fisici in cui siano coinvolti fluidi. La CFD non si propone necessariamente di simulare virtualmente ciò che avviene realmente, ma ha come obiettivo quello di implementare gli effetti di un determinato fenomeno fisico, in modo tale che GLI EFFETTI FINALI SIMULATI SIANO EQUIVALENTI A QUELLI REALI.

7 Modelli CFD Vantaggi: Livello di rappresentazione degli scenari più aderente alla realtà Valutazione dettagliata degli effetti della simulazione Le variabili misurabili possono essere infinite Svantaggi Tempo di modellazione elevato Tempo di calcolo molto elevato Potenza di hardware elevata Elevata quantità di dati da processare

8 Modelli CFD - esempi di output Densità di particolato solido (sd) per t=t1, con un fondo-scala graduato (sd_min sd_max). Particolare propagazione fumi.

9 Modelli CFD - esempi di output Campo di temperatura (T) per t=t2, con un fondo-scala graduato (T_min T_max). Particolare innesco.

10 Modelli CFD - esempi di output Campo di velocità (v) per t=t3, con un fondo-scala graduato (v_min v_max). Influenza geometria del ceiling.

11 Modelli CFD CFD models should not be used as black boxes. One should have a good understanding of the underlying numerics to avoid generating results that are pretty pictures but not accurate. (Jason Floyd).

12 Simulazione - Fase preliminare Modelli disponibili Modellazione numerica Set-up preliminare del sistema Modellazione fisico-chimica Modellazione operativa Fase di verifica della congruità del modello Definizione della serie di simulazioni

13 Tipo di solutore Modellazione numerica NAVIER-STOKES EQUATIONS. Risolve direttamente le equazioni di Navier-Stokes; a causa dell'alta complessità è praticamente quasi mai utilizzabile (potenze di calcolo richieste spesso non disponibili) (DNS). FLUSSO POTENZIALE; STRATO LIMITE (LES) ; etc. RANS (REYNOLDS AVERAGED NAVIER-STOKES equations). Risolve una forma approssimata delle equazioni di Navier-Stokes. Per chiudere il problema ha bisogno di introdurre un modello prettamente numerico (modello di turbolenza) che influenza i risultati dell'integrazione. Ogni solutore è caratterizzato dal tipo di equazioni che risolve, dai modelli che utilizza per far questo, dalle caratteristiche di complessità del set-up iniziale nonchè dei risultati e, soprattutto, dalla precisione, completezza e facilità di utilizzare gli outputs.

14 Modellazione numerica Macchina disponibile Il solutore deve essere compatibile con la potenza di calcolo disponibile, e deve essere scelto anche tenendo conto della possibilità di effettuare calcoli di tipo MPI, RAM. La RAM disponibile influenza la quantità di dati che può essere memorizzata sia durante il calcolo, che come risultato in output. CPU e TEMPI DI CALCOLO. Ordine di grandezza numero di celle. Dovrebbe essere effettuata una analisi di sensibilità della soluzione alla griglia di calcolo,

15 Modellazione numerica Modello di turbolenza Il modello di turbolenza è uno strumento esclusivamente numerico. DNS. Modello di turbolenza più complesso e completo. Richiede risorse computazionali e temporali molto alte. LES. LARGE EDDY SIMULATION. Vengono considerati solo i vortici la cui scala è confrontabile con quella del problema numerico. KAPPA-EPSILON. KAPPA è l'energia cinetica della turbolenza ed EPSILON è il rateo di dissipazione.

16 Modellazione numerica Dimensioni della Mesh (Delta x) Delta x, con Delta t, è il parametro numerico più importante. Influenza la precisione e il livello di dettaglio dei risultati, la convergenza della soluzione e la stabilità dell'integrazione numerica. Solitamente Delta x è fisso ed è stabilito dall'utente, mentre Delta t è calcolato ad ogni iterazione dal software. In alcuni casi, esistono degli algoritmi che permettono di determinare il Delta x ottimale, che dipende dai valori di alcune grandezze termo-fisiche che governano il problema. Il valore di Delta x così determinato può essere non un valore assoluto, ma un intervallo all'interno del quale la soluzione può essere più o meno raffinata.

17 Simulazione - Fase preliminare Modelli disponibili Modellazione numerica Set-up preliminare del sistema Modellazione fisico-chimica Modellazione operativa Fase di verifica della congruità del modello Definizione della serie di simulazioni

18 Set-up preliminare del sistema Tipo di solutore scelto: RANS. I software di tipo RANS sono diversi, e possono essere di tipo general purpose (Fluent, Star-CD) o per una applicazione specifica. E' stato scelto il software ritenuto migliore per il problema in esame (FDS+EVAC) Macchina disponibile: Cluster IBM 24 processori in parallelo, GB di RAM Per il modello di turbolenza occorre fare una analisi di sensibilità. Per la dimensione della mesh occorre fare una analisi di sensibilità

19 MODELLO VIRTUALE DELL'AMBIENTE Dominio computazionale. Geometria esterna complessiva. Dimensioni massime [m]: 29 x 9 x 4.

20 MODELLO VIRTUALE DELL'AMBIENTE Particolare geometria interna. Innesco, arredi, banco bar. Vista da poppa.

21 MODELLO VIRTUALE DELL'AMBIENTE Particolare geometria interna

22 MODELLO VIRTUALE DELL'AMBIENTE Particolare geometria interna

23 MODELLO VIRTUALE DELL'AMBIENTE In base ad esso, e al software scelto, si sono poste una serie di scelte da effettuare Approssimazione geometrica di alcuni particolari (dipendente anche da Deltax) Scelta di modelli legati alla combustione Scelta di modellazione di fenomeni legati all'evento fuoco

24 Dimensione della mesh. Algoritmo per il calcolo della dimensione ottimale: Delta x (range) = cm. a) 6 cm b) 12 cm c) 24 cm

25 Tempo di simulazione Parametro che può essere modificato anche in una fase successiva, ma è bene definire all'inizio e mantenere il suo valore per potere effettuare stime sui tempi-macchina necessari. 900 secondi (15 minuti).

26 Simulazione - Fase preliminare Modelli disponibili Modellazione numerica Set-up preliminare del sistema Modellazione fisico-chimica Modellazione operativa Fase di verifica della congruità del modello Definizione della serie di simulazioni

27 Modellazione fisico-chimica Caratteristiche geometriche Caratteristiche termo chimiche Curva rilascio termico Caratteristiche termofisiche

28 Caratteristiche geometriche MODELLAZIONE CEILING PIANO. Semplice da realizzare, ottimizzato per ogni valore di Deltax. REALE. Complesso da realizzare. Da ottimizzare per i diversi valori di Deltax. Per valori troppo elevati, non può essere modellato. Il problema si pone in quanto la caratteristica conformazione del ceiling potrebbe indirizzare in modo preciso i flussi di fumi caldi, piuttosto che una superficie piana. APPROSSIMAZIONE DIMENSIONE SOLIDI Tutti le pareti, gli oggetti, le aperture, devono avere dimensioni multiple di Deltax.

29 Caratteristiche termo-chimiche MODELLO DI COMBUSTIONE MF (MIXTURE FRACTION). Calcola l'immissione di "fuel gases" nel campo fluidodinamico a partire dalla superficie di origine (innesco), attraverso i processi di combustione e reazione chimica. FR (FINITE RATE). Ogni specie chimica coinvolta nella combustione è definita individualmente e trattata separatamente dalle altre. E' molto costoso e complicato. Tipo di reazione chimica di ossidazione.

30 Curva di rilascio termico. SPERIMENTALE. Dati disponibili da esperimenti effettuati presso il BFRL (Building and Fire Research Laboratory) del NIST (National Institute of Standards and Technology) e riportati sull'sfpe Handbook of Fire Protection Engineering. TEORICA. Curva di tipo alpha_t_square, con dati di rateo di crescita e picco di HRR dall'sfpe Handbook; il valore massimo è tenuto costante fino a fine simulazione. Essa è relativa ad una determinata tipologia di divano in poliuretano.

31 Curva di rilascio termico Confronto curva sperimentale vs curva teorica (alpha, t0, HRR_max).

32 Caratteristiche termo-fisiche Tipologia dei materiali Comportamento termico dei materiali

33 TIPOLOGIA DI MATERIALI Valori di input Materiali non combustibili. densità, calore specifico, conducibilità, emissività. Materiali combustibili temperatura di ignizione, calore di combustione, potenza termica rilasciata. Valori adottati Sono stati attinti dall' SFPE Handbook of Fire Protection Engineering

34 Comportamento termico dei materiali Occorre definire quali materiali partecipano alla combustione. Quali sono i prodotti che sviluppano. Nei casi incerti potrebbe essere scelto il caso peggiore ai fini dell'esodo delle persone.

35 Simulazione - Fase preliminare Modelli disponibili Modellazione numerica Set-up preliminare del sistema Modellazione fisico-chimica Modellazione operativa Fase di verifica della congruità del modello Definizione della serie di simulazioni

36 Modellazione operativa Condizioni operative Esodo Variabili da indagare Mappa dei sensori

37 Condizioni Operative E' stata valutata l'influenza del meccanismo di chiusura delle serrande dei supply con le due seguenti modalità: Modalità di chiusura supply: SIMULTANEA A 60 C Modalità di chiusura supply: INDIPENDENTE A 80 C

38 ESODO Tipologie di persone coinvolte Tempi di reazione delle diverse tipologie di persone Velocità di esodo delle diverse tipologie di persone Disposizione delle persone (definita dall'utente) Per tener conto della casualità degli umani, tutte le caratteristiche ad essi associate sono caratterizzate da: valore medio, valore minimo, valore massimo; la distribuzione di valori è di tipo gaussiano standard

39 ESODO L'accoppiata esodo-fumi produce risultati specifici, che un normale software di esodo non potrebbe in alcun modo determinare

40 Disposizione iniziale

41 Traiettorie d'esodo

42 Traiettorie d'esodo

43 Tipologia di persone

44 Variabili da indagare Parametri legati al metabolismo umano FED CO CO2 O2 HCN Particolato solido Parametri legati al campo fluidodinamico Velocità Pressione Densità Temperatura

45 Variabili da indagare Parametri legati alla combustione e al rilascio di energia HRR Burning Rate Flussi termici Radiant Intensity Pirolizzazione del combustibile

46 Mappa sensori variabili da indagare Piani orizzontali e verticali (risultato grafico) Sensori per la temperatura Sensori per la visibilità Sensori per il flusso radiante Sensori per la concentrazione di ossigeno Sensori per la concentrazione delle specie tossiche I sensori sono disposti in prossimità del ceiling, degli oblo, delle fire stations, e delle uscite.

47 Sensori a soffitto

48 Sensori Fire Station e Porta

49 Simulazione - Fase preliminare Modelli disponibili Modellazione numerica Set-up preliminare del sistema Modellazione fisico-chimica Modellazione operativa Fase di verifica della congruità del modello Definizione della serie di simulazioni

50 Fase di verifica congruità del modello SIMULAZIONE VALIDAZIONE MODELLO (SERIE ALPHA) OBIETTIVO. Valutare la coerenza e la plausibilità dei risultati, nonchè l'effettiva diversità tra i risultati delle diverse simulazioni. Sono state valutate diverse combinazioni tra tipologia di materiali, modello di combustione, cura di rilascio termico, meccanismo di chiusura delle vents di supply. Per semplicità il ceiling è stato modellato come piatto, Deltax=24 cm.

51 Fase di verifica congruità del modello PARAMETRI FISSI. Ceiling (piatto), LES, Deltax 0.24, 3 (1+2) divani combustibili. PARAMETRI VARIABILI: Curva di rilascio termico, modello di combustione, meccanismo di chiusura supply. La serie alpha è composta da otto simulazioni: alpha 1 - MF - EXP - IND alpha 2 - MF - EXP - NOT alpha 3 - FR - EXP - IND alpha 4 - FR - EXP - NOT alpha 5 - MF - TEO - IND alpha 6 - MF - TEO - NOT alpha 7 - FR - TEO - IND alpha 8 - FR - TEO -NOT

52 ANALISI RISULTATI I risultati dipendono dai parametri valutati e sono coerenti con la realtà. IL MODELLO FUNZIONA CORRETTAMENTE Esempio campo di T=T(t); 4 sensori; alpha2 vs alpha1.

53 ANALISI RISULTATI Esempio campo di T=T(t); 4 sensori; alpha2 vs alpha4.

54 ANALISI RISULTATI Esempio campo di T=T(t); 4 sensori; alpha2 vs alpha6. Occorre quindi definire una serie di valutazioni e verifiche per studiare l'influenza dei parametri/fenomeni inclusi nel modello.

55 Simulazione - Fase preliminare Modelli disponibili Modellazione numerica Set-up preliminare del sistema Modellazione fisico-chimica Modellazione operativa Fase di verifica della congruità del modello Definizione della serie di simulazioni

56 SERIE BETA SERIE: BETA OBIETTIVO. Analisi di sensibilità (ALPHA 24 cm, BETA 12 cm, KAPPA 6 cm). Valutazione del meccanismo di chiusura supply. PARAMETRI FISSI: Ceiling piatto, Deltax 0.12, LES, 3 (1+2) divani combustibili. PARAMETRI VARIABILI: Curva di rilascio termico, modello di combustione, meccanismo di chiusura supply. SIMULAZIONI: beta 1 - MF - EXP - IND beta 2 - MF - EXP - NOT beta 3 - FR - EXP - IND beta 4 - FR - EXP - NOT beta 5 - MF - TEO - IND beta 6 - MF - TEO - NOT beta 7 - FR - TEO - IND beta 8 - FR - TEO -NOT

57 SERIE KAPPA OBIETTIVO. Analisi di sensibilità (ALPHA 24 cm, BETA 12 cm, KAPPA 6 cm). Valutazione del meccanismo di chiusura supply. PARAMETRI FISSI: Ceiling piatto, Deltax 0.06, LES, 3 (1+2) divani combustibili. PARAMETRI VARIABILI: Curva di rilascio termico, modello di combustione, meccanismo di chiusura supply. SIMULAZIONI: kappa 1 - MF - EXP - IND kappa 2 - MF - EXP - NOT kappa 3 - FR - EXP - IND kappa 4 - FR - EXP - NOT kappa 5 - MF - TEO - IND kappa 6 - MF - TEO - NOT kappa 7 - FR - TEO - IND kappa 8 - FR - TEO -NOT

58 SERIE BETA E KAPPA CONCLUSIONI. Il meccanismo di chiusura supply influenza notevolmente i risultati. Si opta per quello più vicino alla realtà o comunque peggiorativo ai fini della valutazione della FED e quindi dell'esodo delle persone. SCELTE. Meccanismo di chiusura supply NOT. DIMENSIONE DELLA MESH: 0.12 m.

59 SERIE THETA OBIETTIVO. Valutazione modello di turbolenza, da ottenere come confronto con la SERIE ALPHA. PARAMETRI FISSI: Ceiling piatto, Deltax 0.24, DNS, 3 (1+2) divani combustibili. PARAMETRI VARIABILI: Curva di rilascio termico, modello di combustione, meccanismo di chiusura supply. SIMULAZIONI: theta 1 - MF - EXP - IND theta 2 - MF - EXP - NOT theta 3 - FR - EXP - IND theta 4 - FR - EXP - NOT theta 5 - MF - TEO - IND theta 6 - MF - TEO - NOT theta 7 - FR - TEO - IND theta 8 - FR - TEO -NOT

60 SERIE THETA CONCLUSIONI. Il meccanismo di chiusura supply influenza notevolmente i risultati. Si opta per quello più vicino alla realtà o comunque peggiorativo ai fini della valutazione della FED e quindi dell'esodo delle persone. SCELTE. Modello di turbolenza: LES

61 Valutazione tempi di calcolo Dipende da numero di celle (Deltax), Deltat, quantità di dati da memorizzare, modelli utilizzati (DNS o LES, MF o FR, ecc.), tipologia di flusso (HRR exp o teo). In linea teorica, con un rapporto di Deltax 2:1, i tempi di calcolo attesi sono del tipo 1:16

62 Valutazione tempi di calcolo Valutazione preliminare tempo di calcolo: retta con pendenza 16.

63 SERIE GAMMA OBIETTIVO. Valutare se la modellazione del ceiling influenza i risultati (confronto SERIE BETA-SERIE GAMMA). Scegliere il modello di combustione. PARAMETRI FISSI: Ceiling modellato, Deltax 0.12, LES, 3 (1+2) divani combustibili, meccanismo di chiusura supply: NOT. PARAMETRI VARIABILI: Curva di rilascio termico, modello di combustione. SIMULAZIONI: gamma 2 - MF - EXP - NOT gamma 4 - FR - EXP - NOT gamma 6 - MF - TEO - NOT gamma 8 - FR - TEO -NOT

64 SERIE GAMMA CONCLUSONI. La geometria del ceiling influenza notevolmente i risultati. Il modello MF dà risultati più realistici e più conservativi in relazione alla valutazione dell'esodo delle persone, oltre che numericamente più sstabili, robusti e convergenti. SCELTE. Modello di combustione: MF. Modellazione ceiling: reale.

65 SERIE EPSILON OBIETTIVO. Valutare i risultati in seguito a variazioni del carico combustibile (confronto SERIE EPSILON - SERIE GAMMA) PARAMETRI FISSI: Ceiling modellato, Deltax 0.12, LES, MF, 10 (1+9) divani combustibili, meccanismo di chiusura supply: NOT,. PARAMETRI VARIABILI: Curva di rilascio termico. SIMULAZIONI: epsilon 2 - MF - EXP - NOT epsilon 6 - MF - TEO - NOT

66 SERIE EPSILON CONCLUSONI. Il carico combustibile influeza notevolmente la produzione di specie tossiche, e quindi le concentrazioni di ossigeno e gas che influiscono sul metabolismo umano durante le fasi di esodo. Occorre quindi schematizzare tutti i divani come combustibili, per tener conto della quantità di tossicità massima che potrebbe essere prodotta. SCELTE. Numero di divani combustibili: 1+9.

67 SERIE ETA OBIETTIVO. Scegliere una curva di rilascio termico. Valutare l'influenza di gaps sul ceiling per il possibile deflusso di una minima quantità di fumi. PARAMETRI FISSI: Ceiling modellato, Deltax 0.12, LES, MF, 10 (1+9) divani combustibili, meccanismo di chiusura supply: NOT, ceiling gaps. PARAMETRI VARIABILI: Curva di rilascio termico. SIMULAZIONI: eta 2 - MF - EXP - NOT eta 6 - MF - TEO - NOT

68 SERIE ETA CONCLUSONI. I gaps influenzano notevolmente i risultati. Occorre infatti ottimizzare la loro superficie e la loro posizione. La curva di rislascio termico più consona al caso in esame è quella TEO (di tipo alpha_t_square) in quanto conservativa per l'obiettivo generale riguardo l'esodo delle persone. SCELTE. Curva di rilascio termico: TEO.

69 SERIE IOTA OBIETTIVO. Ottimizzazione del livello di dettaglio. Scelta delle posizione e delle tipologie di celing gaps conseguentemente ai risultati della SERIE ETA: PARAMETRI FISSI: Ceiling modellato, Deltax 0.12, LES, MF, 10 (1+9) divani combustibili, meccanismo di chiusura supply: NOT, ceiling gaps. PARAMETRI VARIABILI: nessuno. SIMULAZIONI: iota 6 - MF - TEO - NOT CONCLUSIONI. Il flusso sembra essere ottimale per la seguente valutazione dell'esodo. Occorre valutare diverse condizioni operative per poter confrontare diverse dosi di tossicità. SCELTE: nessuna.

70 SERIE LAMBDA E' stata così definita la serie lambda, caratterizzata da parametri descritti in precedenza, che si propone di valutare il variare delle condizioni di esodo al variare delle condizioni operative.

71 Agenda I due approcci alla sicurezza antincendio Riferimenti Normativi Il processo di applicazione della FSE Simulazione - Fase preliminare Simulazione - Fase operativa Simulazione - Risultati

FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile, PhD Direttore del Corpo Nazionale dei Vigili Del Fuoco

FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile, PhD Direttore del Corpo Nazionale dei Vigili Del Fuoco DIPARIMENTO DEI VIGLI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVULE Ordine degli Ingegneri Provincia di Latina FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile,

Dettagli

Benchmark Ansys Fluent su CRESCO

Benchmark Ansys Fluent su CRESCO Benchmark Ansys Fluent su CRESCO NOTA TECNICA ENEA GRID/CRESCO: NTN201003 NOME FILE: NTN201003-BenchmarkFluentCresco-v1_0.doc DATA: 30/07/2010 STATO: Versione iniziale AUTORE: F. Ambrosino Abstract: Questa

Dettagli

Tecnologie avanzate e modelli matematici a garanzia della sicurezza equivalente negli edifici storici

Tecnologie avanzate e modelli matematici a garanzia della sicurezza equivalente negli edifici storici Tecnologie avanzate e modelli matematici a garanzia della sicurezza equivalente negli edifici storici Due sono le esigenze che la relazione tenterà di conciliare: da un lato l obbligo di garantire la protezione

Dettagli

Computing-ANalysis-Technologies ENErgy Saving CASE STUDIES

Computing-ANalysis-Technologies ENErgy Saving CASE STUDIES Computing-ANalysis-Technologies ENErgy Saving CASE STUDIES MUSEO SCIENZE NATURALI TRENTO COMMITTENTE: RPBW S.P.A (RENZO PIANO BUILDING WORKSHOP) L'attività di CANTENE è stata svolta con il contributo dell'ing.giuseppe

Dettagli

FSE: QUANDO APPLICARLA

FSE: QUANDO APPLICARLA Caratteristiche Tecniche FSE: QUANDO APPLICARLA In presenza di vincoli urbanistici, architettonici, strutturali o produttivi che rendono impossibile il rispetto delle norme tecniche prescrittive o nei

Dettagli

Descrizione e stima dell errore

Descrizione e stima dell errore Descrizione e stima dell errore Raccomandazioni per l analisi di accuratezza di una simulazione CFD: 1 Descrizione e stima dell errore Raccomandazioni per l analisi di accuratezza di una simulazione CFD:

Dettagli

L uso di modelli per la verifica della sicurezza antincendio delle facciate ventilate

L uso di modelli per la verifica della sicurezza antincendio delle facciate ventilate L uso di modelli per la verifica della sicurezza antincendio delle facciate ventilate Ing. Giovanni Longobardo Area V Protezione passiva giovanni.longobardo@vigilfuoco.it Negli ultimi decenni il numero

Dettagli

LA NUOVA ANALISI DEL RISCHIO INCENDIO

LA NUOVA ANALISI DEL RISCHIO INCENDIO LA NUOVA ANALISI DEL RISCHIO INCENDIO Linee guida sulla nuova normativa relativa alla prevenzione incendi Ing. Tiziano Zuccaro Bari, 23 giugno 2015 ATTIVITÀ SOGGETTE OGGI Attività normate Attività non

Dettagli

ANALISI DI RISCHIO INCENDIO IN STAZIONI METROPOLITANE PROFONDE

ANALISI DI RISCHIO INCENDIO IN STAZIONI METROPOLITANE PROFONDE ANALISI DI RISCHIO INCENDIO IN STAZIONI METROPOLITANE PROFONDE A. Raffetti *, B. Faragona D Appolonia SpA, via San Nazaro 19, Genova Introduzione I parametri progettuali ed i processi di gestione determinanti

Dettagli

Scenari Modellistici legati all Introduzione di Miscele di Metano e Idrogeno nei MCI (Progetto

Scenari Modellistici legati all Introduzione di Miscele di Metano e Idrogeno nei MCI (Progetto Università degli Studi di Roma Tor Vergata Scenari Modellistici legati all Introduzione di Miscele di Metano e Idrogeno nei MCI (Progetto BONG-HY) Prof. Stefano Cordiner Ing. Vincenzo Mulone Ing. Riccardo

Dettagli

Valutazione delle emissioni di una stazione di depressurizzazione rete gas

Valutazione delle emissioni di una stazione di depressurizzazione rete gas Università degli Studi di Firenze Scuola di Ingegneria Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per la Tutela dell Ambiente ed del Territorio Anno Accademico 2013/2014 Valutazione delle emissioni di una

Dettagli

Prevenzione Incendi L APPROCCIO PRESTAZIONALE

Prevenzione Incendi L APPROCCIO PRESTAZIONALE Prevenzione Incendi LA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA DI RESISTENZA AL FUOCO DELLE COSTRUZIONI E DI CLASSIFICAZIONE AI FINI DELLA RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE L APPROCCIO PRESTAZIONALE I REQUISITI DELLE

Dettagli

MODULO di FIRE INVESTIGATION

MODULO di FIRE INVESTIGATION MODULO di FIRE INVESTIGATION Italian Fire Investigation C.do Provinciale dei Vigili del Fuoco Milano Esempi con software applicativi Structural Fire Investigation Sapienza University of Rome School of

Dettagli

FIRE SAFETY ENGINEERING:

FIRE SAFETY ENGINEERING: MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DEIFESA CIVILE CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO DIREZIONE CENTRALE PER LA FORMAZIONE I E II CORSO DIRETTORI ANTINCENDI

Dettagli

Servizi di Analisi Termica Quali aspettative?

Servizi di Analisi Termica Quali aspettative? Servizi di Analisi Termica Quali aspettative? Con la miniaturizzazione dell elettronica, la sempre maggiore varietà di funzioni e le crescenti esigenze di velocità, ad ogni progettista elettronico accade,

Dettagli

Relazione di fine tirocinio

Relazione di fine tirocinio Relazione di fine tirocinio Tirocinante: Gianluca Gallone matricola: 281507 Tutor universitario: Prof. Roberto De Lieto Vollaro Toutor Aziendale: Prof. Andrea Vallati AA 2013/2014 1 2 Indice 1 Introduzione...5

Dettagli

Corso di alta formazione

Corso di alta formazione Corso di alta formazione Fire Safety Engineering: dal prescrittivo al prestazionale Applicazione della FSE per lo studio del fenomeno incendio, simulazione ed evacuazione delle persone verso luogo sicuro

Dettagli

D. Nicolini, A. Fontanella, E. Giovannini. Report RdS/PAR2013/173 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

D. Nicolini, A. Fontanella, E. Giovannini. Report RdS/PAR2013/173 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi fluidodinamica CFD su dispositivi a colonna d acqua oscillante OWC -

Dettagli

Capitolo 3 Flussaggio Stazionario di una Valvola Formula 1

Capitolo 3 Flussaggio Stazionario di una Valvola Formula 1 Capitolo 3 Flussaggio Stazionario di una Valvola Formula 1 3.1 Introduzione al problema In questa simulazione si vuole verificare il comportamento del fluido nel passaggio attraverso una valvola motoristica

Dettagli

Software SICUREZZA DEI TUNNEL FERROVIARI. Nell ambito della sicurezza ferroviaria e, in particolare, con riferimento

Software SICUREZZA DEI TUNNEL FERROVIARI. Nell ambito della sicurezza ferroviaria e, in particolare, con riferimento I modelli di simulazione per la quantificazione della gravità delle conseguenze associate ai possibili scenari incidentali Gallerie & Tunnelling SICUREZZA DEI TUNNEL FERROVIARI Salvatore Leonardi* Marco

Dettagli

La fluidodinamica computazionale permette di risolvere

La fluidodinamica computazionale permette di risolvere Evoluzione e storia della CFD: il ruolo di David Gosman Stephen Ferguson Come membro del gruppo di ricerca CFD del Prof. Brian Spalding all Imperial College, Gosman ha svolto un ruolo cruciale nello sviluppo

Dettagli

Massimo Rundo Politecnico di Torino Dipartimento Energia Fluid Power Research Laboratory

Massimo Rundo Politecnico di Torino Dipartimento Energia Fluid Power Research Laboratory La simulazione delle pompe oleodinamiche Massimo Rundo Politecnico di Torino Dipartimento Energia Fluid Power Research Laboratory Politecnico di Torino Dipartimento Energia Macchine a fluido Laboratorio

Dettagli

Procedure di prevenzione incendi con l approccio. ingegneristico alla sicurezza antincendi Modena 26 Giugno 2007

Procedure di prevenzione incendi con l approccio. ingegneristico alla sicurezza antincendi Modena 26 Giugno 2007 Procedure di prevenzione incendi con l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendi Modena 26 Giugno 2007 Ing. Gianfranco Tripi Direzione Regionale Vigili del Fuoco Emilia Romagna gianfranco.tripi@vigilfuoco.it

Dettagli

INGEGNERIA DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO

INGEGNERIA DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO collana Cultura e Tecnica per Energia Uomo e Ambiente INGEGNERIA DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO Guida all utilizzo di FDS Giuseppe Ascenzi Giacomo Villi Graziano Vulpiani INGEGNERIA DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO

Dettagli

cfd e sistemi hpc a&c - analisi e calcolo settembre/ottobre 2014 - num. 62

cfd e sistemi hpc a&c - analisi e calcolo settembre/ottobre 2014 - num. 62 u cfd e sistemi hpc Caratterizzazione fluidodinamica della camera di allagamento di una turbina rotante tramite modellazione CFD e sistemi HPC: prospettive per una progettazione integrata numerico-sperimentale

Dettagli

CNR INSEAN - Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale

CNR INSEAN - Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale CNR INSEAN - Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale INSEAN 01 - Stabilità idrodinamica di scafi ad alta velocità... 2 INSEAN 02 - Stima delle caratteristiche di resistenza e

Dettagli

SEF 15 - Sicurezza ed esercizio ferroviario

SEF 15 - Sicurezza ed esercizio ferroviario SEF 15 - Sicurezza ed esercizio ferroviario Emergenza incendio in una linea metropolitana. Evacuazione della linea. Analisi e tempi di evacuazione Valter Di Mario ( 1) - Gabriele Malavasi (1) Roberto Recchia(2)

Dettagli

IL CODICE DI PREVENZIONE INCENDI: METODOLOGIE E PRINCIPALI INNOVAZIONI

IL CODICE DI PREVENZIONE INCENDI: METODOLOGIE E PRINCIPALI INNOVAZIONI XIV Incontro Convegno: LA SICUREZZA DEL LAVORO NEL XXI SECOLO: QUALI PROSPETTIVE? Ricordo del Prof. Ing. Werther Neri Aula 216 CNR Area della Ricerca di Bologna - Via Gobetti 101 Bologna IL CODICE DI PREVENZIONE

Dettagli

FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile, PhD Direttore del Corpo Nazionale dei Vigili Del Fuoco

FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile, PhD Direttore del Corpo Nazionale dei Vigili Del Fuoco DIPARIMENTO DEI VIGLI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVULE Ordine degli Ingegneri Provincia di Latina FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile,

Dettagli

Sintesi delle attività inerenti la Protezione attiva contro gli incendi

Sintesi delle attività inerenti la Protezione attiva contro gli incendi Sintesi delle attività inerenti la Protezione attiva contro gli incendi Giovanni Manzini (Applied Thermal Engineering prof. P. Andreini) Giornata Nazionale UIT dell Ingegneria Antincendio 1 Campi di interesse

Dettagli

Via E. Orabona, n.4-70125- Bari, Italia - Tel 080.5963.484-Fax 080.5963414 e-mail: p.masini@poliba.it,

Via E. Orabona, n.4-70125- Bari, Italia - Tel 080.5963.484-Fax 080.5963414 e-mail: p.masini@poliba.it, VERIFICA MEDIANTE APPROCCIO PRESTAZIONALE DI MISURE DI SICUREZZA EQUIVALENTI DI TIPO PRESCRITTIVO INDIVIDUATE IN MODO EMPIRICO NELL AMBITO DI UN PROCEDIMENTO DI DEROGA PER AUTORIMESSE. Prof. P. Masini

Dettagli

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE IN ACCIAIO

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE IN ACCIAIO SISTEMI DI CALCOLO DELLA RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE PORTANTI E SEPARANTI: ACCIAIO, LEGNO, MURATURA E CCA RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE IN ACCIAIO FSC Engineering srl :Samuele Sassi Torino

Dettagli

Analisi numerica del flusso all interno del diffusore troncoconico ERCOFTAC

Analisi numerica del flusso all interno del diffusore troncoconico ERCOFTAC UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Analisi numerica del flusso all interno del diffusore troncoconico ERCOFTAC Tesina di Termofluidodinamica Computazionale Docente: prof. Enrico Nobile

Dettagli

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte.

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte. Lezione n. 2 La Protezione Antincendio. 1 A parte. La Protezione Antincendio. Come già accennato la protezione antincendio consiste nell insieme delle misure finalizzate alla riduzione dei danni conseguenti

Dettagli

Conversione a biomassa di centrali a olio combustibile: Risultati delle simulazioni 3D. Lucia Giovannini -Sandro Merlini

Conversione a biomassa di centrali a olio combustibile: Risultati delle simulazioni 3D. Lucia Giovannini -Sandro Merlini Conversione a biomassa di centrali a olio combustibile: Risultati delle simulazioni 3D Lucia Giovannini -Sandro Merlini Attività svolte Messa a punto di strumenti di calcolo per la simulazione di sistemi

Dettagli

IL LEGNO: REAZIONE AL FUOCO

IL LEGNO: REAZIONE AL FUOCO PREMESSA Il legno è un materiale che, impiegato nelle costruzioni con diverse finalità (ad es. strutturali, decorativi o di arredamento ecc.), ha sempre posto il problema della sua combustibilità, intesa

Dettagli

u metallurgiau A. Diani, L. Rossetto

u metallurgiau A. Diani, L. Rossetto ANALISI NUMERICA DELLA CONVEZIONE FORZATA DI ARIA IN SCHIUME METALLICHE A. Diani, L. Rossetto Le schiume metalliche sono una promettente classe di materiali cellulari che consistono in una interconnessione

Dettagli

1. Ingegneria della sicurezza antincendio (fire safety engineering).

1. Ingegneria della sicurezza antincendio (fire safety engineering). 1. Ingegneria della sicurezza antincendio (fire safety engineering). 1.1 Che cos è l ingegneria antincendio? L ingegneria della sicurezza antincendio, o Fire Safety Engineering (FSE), è un moderno strumento

Dettagli

Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici

Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici ENERGY SOLUTIONS La forza del vento Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici L energia è diventata una priorità nella politica europea. Fino ad oggi

Dettagli

VALUTAZIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA DERIVANTE DALL APPLICAZIONE DI UN ELEMENTO BASSOEMISSIVO SU SUPPORTO OSB

VALUTAZIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA DERIVANTE DALL APPLICAZIONE DI UN ELEMENTO BASSOEMISSIVO SU SUPPORTO OSB UNIVERSA UNIVERSIS PATAVINA LIBERTAS UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DIREZIONE PROF. ROBERTO ZECCHIN TEL. +39 049 827 68 97 E-MAIL direzione.dft@unipd.it VIA VENEZIA, 1 (I) 35131 PADOVA TEL. +39 049 8276

Dettagli

La combustione ed i combustibili

La combustione ed i combustibili La combustione ed i combustibili Concetti di base Potere calorifico Aria teorica di combustione Fumi: volume e composizione Temperatura teorica di combustione Perdita al camino Combustibili Gassosi Solidi

Dettagli

Metodologie computazionali per la risoluzione di problemi termo-fluidodinamici in sistemi elettronici complessi

Metodologie computazionali per la risoluzione di problemi termo-fluidodinamici in sistemi elettronici complessi Metodologie computazionali per la risoluzione di problemi termo-fluidodinamici in sistemi elettronici complessi Michele Giannuzzi, Alessio Selci Adottando nuovi processi di packaging e di miniaturizzazione

Dettagli

ANALISI DEL RISCHIO INCENDIO

ANALISI DEL RISCHIO INCENDIO ANALISI DEL RISCHIO INCENDIO Quali incendi possono svilupparsi nell ambiente in relazione allo stato e tipologia di combustibile presente ed alle condizioni di ventilazione? Quale obiettivo deve essere

Dettagli

FIRE SAFETY ENGINEERING E CODICE DI PREVENZIONE (RTO): LE NUOVE FRONTIERE PER AFFRONTARE LA SICUREZZA ANTINCENDIO Prof. Ing.

FIRE SAFETY ENGINEERING E CODICE DI PREVENZIONE (RTO): LE NUOVE FRONTIERE PER AFFRONTARE LA SICUREZZA ANTINCENDIO Prof. Ing. Approccio ingegneristico alla sicurezza contro il rischio di incendio FIRE SAFETY ENGINEERING E CODICE DI PREVENZIONE (RTO): LE NUOVE FRONTIERE PER AFFRONTARE LA SICUREZZA ANTINCENDIO LA NECESSARIA EVOLUZIONE

Dettagli

STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI. Eolo-CISMA

STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI. Eolo-CISMA STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI Eolo-CISMA è un sistema di previsioni meteorologiche messo a punto da CISMA srl che ci permette di disporre di previsioni del potenziale eolico di un sito

Dettagli

SOMAIN SOTTOSISTEMI E MATERIALI INNOVATIVI PER LA GESTIONE INTEGRATA DEL CICLO DI VITA DELLE UNITÀ DA DIPORTO

SOMAIN SOTTOSISTEMI E MATERIALI INNOVATIVI PER LA GESTIONE INTEGRATA DEL CICLO DI VITA DELLE UNITÀ DA DIPORTO SOMAIN SOTTOSISTEMI E MATERIALI INNOVATIVI PER LA GESTIONE INTEGRATA DEL CICLO DI VITA DELLE UNITÀ DA DIPORTO A cura di: Prof. Ing. S. zanelli Componenti del gruppo di ricerca Fonoassorbenti per l assorbimento

Dettagli

CAPITOLO 5 IDRAULICA

CAPITOLO 5 IDRAULICA CAPITOLO 5 IDRAULICA Cap. 5 1 FLUIDODINAMICA STUDIA I FLUIDI, IL LORO EQUILIBRIO E IL LORO MOVIMENTO FLUIDO CORPO MATERIALE CHE, A CAUSA DELLA ELEVATA MOBILITA' DELLE PARTICELLE CHE LO COMPONGONO, PUO'

Dettagli

L approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio: assetto legislativo, strumenti operativi e case studies.

L approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio: assetto legislativo, strumenti operativi e case studies. Milano 19 Ottobre 2010 L approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio: assetto legislativo, strumenti operativi e case studies. ROL & eng hi Industriali HUGHES ASSOCIATES EUROPE, srl FIRE SCIENCE

Dettagli

1.3.8.3 Termogravimetro (TG)

1.3.8.3 Termogravimetro (TG) 1.3.8.3 Termogravimetro (TG) Il termogravimetro è un particolare strumento che tramite un'analisi termogravimetrica misura la variazione percentuale di peso di un materiale, quando esso viene riscaldato,

Dettagli

Simulazioni accoppiate 1D-3D per scenari d incendio

Simulazioni accoppiate 1D-3D per scenari d incendio Simulazioni accoppiate 1D-3D per scenari d incendio Applicazione a tunnel stradali e linee metropolitane Luca Iannantuoni Dipartimento di Energia - Politecnico di Milano 29 Ottobre 2009 Luca Iannantuoni

Dettagli

SIMULAZIONE DI INCENDIO IN EDIFICIO CIVILE CON PRESENZA DI PUBBLICO MEDIANTE MODELLO CFD FDS3 Applicato allo Studio dell'andamento dei Fumi

SIMULAZIONE DI INCENDIO IN EDIFICIO CIVILE CON PRESENZA DI PUBBLICO MEDIANTE MODELLO CFD FDS3 Applicato allo Studio dell'andamento dei Fumi SIMULAZIONE DI INCENDIO IN EDIFICIO CIVILE CON PRESENZA DI PUBBLICO MEDIANTE MODELLO CFD FDS3 Applicato allo Studio dell'andamento dei Fumi A. Ferrari, Andrea Ferrari Industrial Loss Control & Engineering

Dettagli

Le condizioni necessarie affinché si produca una combustione sono l esistenza

Le condizioni necessarie affinché si produca una combustione sono l esistenza INCENDI Nell industria di processo l incendio rappresenta il processo più frequente: il calore prodotto e irraggiato provoca generalmente notevoli danni all impianto e pone in serio pericolo l incolumità

Dettagli

Characterization of Gas Turbine Film Cooling Efficiency on High Performance Computing platforms: an Experimental/Numerical integrated approach

Characterization of Gas Turbine Film Cooling Efficiency on High Performance Computing platforms: an Experimental/Numerical integrated approach Characterization of Gas Turbine Film Cooling Efficiency on High Performance Computing platforms: an Experimental/Numerical integrated approach Silvia Ravelli Giovanna Barigozzi UNIVERSITA di BERGAMO Raffaele

Dettagli

Direttive per l attuazione dell approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio

Direttive per l attuazione dell approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Decreto del Ministro dell interno 9 maggio 2007 (G.U. n. 117 del 22/05/2007) Direttive per l attuazione dell approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Il Ministro dell interno VISTO il decreto

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA MODELLAZIONE ENERGETICA IN REGIME DINAMICO

INTRODUZIONE ALLA MODELLAZIONE ENERGETICA IN REGIME DINAMICO Dipartimento di Ingegneria Industriale MODELLAZIONE ENERGETICA IN REGIME DINAMICO La parola ai software Verona - 9 ottobre 2013 INTRODUZIONE ALLA MODELLAZIONE ENERGETICA IN REGIME DINAMICO Roberto Zecchin

Dettagli

Communication Technologu. Sensori. Principi di funzionamento Teoria degli errori. Bertinoro - June 12-14, 2002

Communication Technologu. Sensori. Principi di funzionamento Teoria degli errori. Bertinoro - June 12-14, 2002 Sensori Principi di funzionamento Teoria degli errori Sensori Un sensore è un oggetto che permette di convertire il valore di un parametro ambientale in un segnale elettrico Un sensore è composto da: Un

Dettagli

INFORMA - Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale. Seminario di progettazione

INFORMA - Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale. Seminario di progettazione INFORMA - Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale Seminario di progettazione RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE. III EDIZIONE D.M. 09.03.2007: Prestazioni di resistenza al fuoco delle costruzioni

Dettagli

SAVONA - febbraio 2013. L approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio. D.M.I. 9 maggio 2007 Linee Guida

SAVONA - febbraio 2013. L approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio. D.M.I. 9 maggio 2007 Linee Guida SAVONA - febbraio 2013 L approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio D.M.I. 9 maggio 2007 Linee Guida 1 Campo di applicazione (art. 2) In presenza di insediamenti di tipo complesso o a tecnologia

Dettagli

Validazione di un Codice Open-Source per la Progettazione in Ambito Navale

Validazione di un Codice Open-Source per la Progettazione in Ambito Navale LUNA ROSSA u p ro g e t ta z i o n e n ava l e u Validazione di un Codice Open-Source per la Progettazione in Ambito Navale La Coppa America, forse il più ambito trofeo velistico, si vince non solo sui

Dettagli

CAT2007 Laurea specialistica IngEdile. Complementi di Architettura Tecnica CAT2007 I ponti termici in Edilizia. Ing. Mainini Andrea giovanni

CAT2007 Laurea specialistica IngEdile. Complementi di Architettura Tecnica CAT2007 I ponti termici in Edilizia. Ing. Mainini Andrea giovanni CAT2007 Laurea specialistica IngEdile Complementi di Architettura Tecnica CAT2007 I ponti termici in Edilizia Ing. Mainini Andrea giovanni I ponti termici 2 Considerando l involucro edilizio si è in presenza

Dettagli

DRASTICITA DI TEMPRA DEI GAS E DEI LIQUIDI A CONFRONTO. Elio Gianotti Trattamenti Termici Ferioli e Gianotti SpA Rivoli To

DRASTICITA DI TEMPRA DEI GAS E DEI LIQUIDI A CONFRONTO. Elio Gianotti Trattamenti Termici Ferioli e Gianotti SpA Rivoli To DRASTICITA DI TEMPRA DEI GAS E DEI LIQUIDI A CONFRONTO Elio Gianotti Trattamenti Termici Ferioli e Gianotti SpA Rivoli To INTRODUZIONE La gamma dei gas e dei liquidi di tempra commercialmente disponibili

Dettagli

Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi

Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi Ing. Davide Palumbo Prof. Ing. Umberto Galietti Politecnico di Bari, Dipartimento di Meccanica, Matematica e Management

Dettagli

CONTROLLO DEL COEFFICIENTE DI TRASFERIMENTO DEL CARBONIO (BETA) E RIDUZIONE DEI COSTI DEI TRATTAMENTI TERMICI.

CONTROLLO DEL COEFFICIENTE DI TRASFERIMENTO DEL CARBONIO (BETA) E RIDUZIONE DEI COSTI DEI TRATTAMENTI TERMICI. CONTROLLO DEL COEFFICIENTE DI TRASFERIMENTO DEL CARBONIO (BETA) E RIDUZIONE DEI COSTI DEI TRATTAMENTI TERMICI. Karl-Michael Winter, Jens Baumann, Process Electronic GmbH, Heiningen (Germania) Sommario

Dettagli

0,209. formula che si risolve facilmente una volta misurata, con adatte apparecchiature, la percentuale in volume di CO 2

0,209. formula che si risolve facilmente una volta misurata, con adatte apparecchiature, la percentuale in volume di CO 2 Approfondimento Analisi dei fumi La regolazione della combustione basata su regole pratiche pecca evidentemente di precisione anche se presenta l indubbio vantaggio dell immediatezza di esecuzione; una

Dettagli

L isolamento termico dei vetrocamera con gas

L isolamento termico dei vetrocamera con gas L isolamento termico dei vetrocamera con gas Considerazioni controintuitive sull isolamento termico dei vetrocamera con gas Autori Antonio Daneo, Alberto D Este Stazione Sperimentale del Vetro, Murano

Dettagli

SVILUPPO DI UNA PIATTAFORMA INTEGRATA PER LA SIMULAZIONE DI SCENARI D INCENDIO

SVILUPPO DI UNA PIATTAFORMA INTEGRATA PER LA SIMULAZIONE DI SCENARI D INCENDIO SVILUPPO DI UNA PIATTAFORMA INTEGRATA PER LA SIMULAZIONE DI SCENARI D INCENDIO N. De Santis¹, F.Micchetti², V.Primavera², R. Lala³, P. Cinnella¹ 1 Università del Salento, Dip. di Ingegneria dell Innovazione,Via

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento Vigili del Fuoco Soccorso Pubblico e Difesa Civile Comando Provinciale di Savona

Ministero dell Interno Dipartimento Vigili del Fuoco Soccorso Pubblico e Difesa Civile Comando Provinciale di Savona PROROGA APPLICAZIONE D.P.R. 151/11: D.L. 21 giugno 2013, n. 69. Disposizioni urgenti per il rilancio dell'economia. Pubblicato nella Gazz. Uff. 21 giugno 2013, n. 144, S.O. Art. 38 Disposizioni in materia

Dettagli

Osservatorio per l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio

Osservatorio per l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Osservatorio per l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Segnaliamo infine che il decreto introduce un organo destinato al monitoraggio dell uso del nuovo approccio a livello nazionale, l

Dettagli

metodologie computazionali per la risoluzione di problemi termo-fluidodinamici in sistemi elettronici complessi

metodologie computazionali per la risoluzione di problemi termo-fluidodinamici in sistemi elettronici complessi metodologie computazionali per la risoluzione di problemi termo-fluidodinamici in sistemi elettronici complessi michele giannuzzi, Alessio selci Fig. 1 - Nodo infotelematico Adottando nuovi processi di

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI

SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI Filippo Licenziati SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI qualità dei dati QUALITA' DEI DATI NEI SIT 2 INDICE concetti generali controllo di qualità acquisizione, elaborazione, restituzione test di qualità esigenze

Dettagli

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una LA TERMOLOGIA La termologia è la parte della fisica che si occupa dello studio del calore e dei fenomeni legati alle variazioni di temperatura subite dai corpi. Essa si può distinguere in: Termometria

Dettagli

Ingegneria della Sicurezza Antincendio (Fire Safety Engineering) Dott. Ing. Francesco Fazzari

Ingegneria della Sicurezza Antincendio (Fire Safety Engineering) Dott. Ing. Francesco Fazzari Ingegneria della Sicurezza Antincendio (Fire Safety Engineering) Ingegneria della sicurezza antincendio (dal prescrittivo al prestazionale) Illustrazione del D.M. 9 maggio 2007 recante direttive per l

Dettagli

UNI 10531 Ventilatori Industriali: Metodi di prova e di accettazione

UNI 10531 Ventilatori Industriali: Metodi di prova e di accettazione CORSO DI SPERIMENTAZIONE E PROVE SULLE MACCHINE Docente Prof. L. Postrioti UNI 10531 Ventilatori Industriali: Metodi di prova e di accettazione 1- Generalità La Norma descrive le procedure di prova delle

Dettagli

Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D

Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D 2 Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D Introduzione Questo documento riporta un confronto tra i risultati di un analisi di risposta sismica locale condotta con il codice di calcolo LSR2D (Stacec

Dettagli

La ventilazione nei parcheggi chiusi. Presente e futuro in Europa. FORUM di PREVENZIONE INCENDI 2012 Milano, 27 SETTEMBRE 2012

La ventilazione nei parcheggi chiusi. Presente e futuro in Europa. FORUM di PREVENZIONE INCENDI 2012 Milano, 27 SETTEMBRE 2012 La ventilazione nei parcheggi chiusi. Presente e futuro in Europa. FORUM di PREVENZIONE INCENDI 2012 Milano, 27 SETTEMBRE 2012 OBIETTIVI DELLA VENTILAZIONE NEI PARCHEGGI Salubrità Sicurezza contro l esplosione

Dettagli

Energia nelle reazioni chimiche. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti

Energia nelle reazioni chimiche. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti Energia nelle reazioni chimiche Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti VIDEO Introduzione (I) L energia chimica è dovuta al particolare arrangiamento degli atomi nei composti chimici e le varie forme di

Dettagli

SIMULAZIONE DI UN INCENDIO IN GALLERIA CON IL SOFTWARE FDS

SIMULAZIONE DI UN INCENDIO IN GALLERIA CON IL SOFTWARE FDS UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Dipartimento di Ingegneria Industriale CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA AEROSPAZIALE Tesi di Laurea magistrale SIMULAZIONE DI UN INCENDIO IN GALLERIA CON IL SOFTWARE

Dettagli

LEGGI DEI GAS / CALORI SPECIFICI. Introduzione 1

LEGGI DEI GAS / CALORI SPECIFICI. Introduzione 1 LEGGI DEI GAS / CALORI SPECIFICI Introduzione 1 1 - TRASFORMAZIONE ISOBARA (p = costante) LA PRESSIONE RIMANE COSTANTE DURANTE TUTTA LA TRASFORMAZIONE V/T = costante (m, p costanti) Q = m c p (Tf - Ti)

Dettagli

Prestazioni computazionali di OpenFOAM sul. sistema HPC CRESCO di ENEA GRID

Prestazioni computazionali di OpenFOAM sul. sistema HPC CRESCO di ENEA GRID Prestazioni computazionali di OpenFOAM sul sistema HPC CRESCO di ENEA GRID NOTA TECNICA ENEA GRID/CRESCO: NEPTUNIUS PROJECT 201001 NOME FILE: NEPTUNIUS201001.doc DATA: 03/08/10 STATO: Versione rivista

Dettagli

PROGETTO INNAUTIC. Azione 5.3: Addestramento di personale di PMI ai linguaggi ed agli strumenti di accesso all ambiente condiviso di progettazione

PROGETTO INNAUTIC. Azione 5.3: Addestramento di personale di PMI ai linguaggi ed agli strumenti di accesso all ambiente condiviso di progettazione PROGETTO INNAUTIC Azione 5.3: Addestramento di personale di PMI ai linguaggi ed agli strumenti di accesso all ambiente condiviso di progettazione Attività 5.3.1: Impostazione organizzativa dei corsi di

Dettagli

LA FRIZIONE È UN APPARATO CHE SI INTERPONE TRA MOTORE E CAMBIO E PERMETTE DI PORRE PROGRESSIVAMENTE IN CONTATTO IL MOTORE, GIÀ ACCESO, CON GLI ORGANI DI TRASMISSIONE. LA FORZA ESERCITATA SUL PEDALE DAL

Dettagli

IL MINISTERO DELL INTERNO. della Difesa Civile

IL MINISTERO DELL INTERNO. della Difesa Civile IL MINISTERO DELL INTERNO tramite Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Emana le norme contenenti le misure di Prevenzione e di Protezione contro gli Incendi che

Dettagli

misura e sensori Parametri fondamentali sono: Scelta del dispositivo (caratteristica intrinseca) Localizzazione nel processo Modalità di installazione

misura e sensori Parametri fondamentali sono: Scelta del dispositivo (caratteristica intrinseca) Localizzazione nel processo Modalità di installazione misura e sensori Introduzione I dispositivi di misura rivestono un ruolo fondamentale nei sistemi di controllo di processo Vanno limitati i ritardi e il rumore di misura Elementi particolarmente critici

Dettagli

Introduzione a ANSYS CFX-11

Introduzione a ANSYS CFX-11 Introduzione a ANSYS CFX-11 Enrico Nobile Francesco Pinto Dipartimento di Ingegneria Navale, del Mare e per l Ambiente DINMA, Sezione di Fisica Tecnica Facoltà di Ingegneria, Università di Trieste 1 Sommario

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO

VALUTAZIONE DEL RISCHIO VALUTAZIONE DEL RISCHIO PROFILO DI RISCHIO VITA Esempio: Determinazione profilo di rischio per attività ufficio aperto al pubblico R vita = B2 VALUTAZIONE DEL RISCHIO PROFILO DI RISCHIO BENE SI CALCOLA

Dettagli

Studio del potenziale eolico e stima di producibilità degli impianti

Studio del potenziale eolico e stima di producibilità degli impianti Legislazione ambientale e tecnica delle fonti energetiche rinnovabili Torraca (SA), 5 novembre 2004 Studio del potenziale eolico e stima di producibilità degli impianti Studio Rinnovabili Srl Contenuto

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI PREMESSA

INFORMAZIONI GENERALI PREMESSA Mod.07.02.01.AA brochure_corso_aggiornamento rev. 01 del 19/11/2012 Resistenza al fuoco delle strutture - (16 ore) I Nuovi Eurocodici strutturali Parte fuoco Il nuovo Regolamento Prodotti da Costruzione

Dettagli

I criteri di calcolo previsti dalla normativa nazionale vigente

I criteri di calcolo previsti dalla normativa nazionale vigente 11. Verifica e validazione dei criteri di calcolo per la valutazione della sicurezza strutturale in caso di incendio mediante l applicazione dell approccio ingegneristico. A cura di: Premessa L applicazione

Dettagli

Sistema di misura automatico per la caratterizzazione di sensori di gas a stato solido

Sistema di misura automatico per la caratterizzazione di sensori di gas a stato solido Sistema di misura automatico per la caratterizzazione di sensori di gas a stato solido Consente di caratterizzare sensori chimici a variazione di resistenza (ad ossido di metallo - MOX), a variazione di

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile IL QUADRO DELLA REAZIONE AL FUOCO NEL CODICE DI PREVENZIONE INCENDI 2 Conferenza Nazionale Poliuretano

Dettagli

Argomento Evacuatori Fumo e Calore Norma UNI 9494-2: 2012 SEFFC

Argomento Evacuatori Fumo e Calore Norma UNI 9494-2: 2012 SEFFC Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» A.A. 2014-2015 Argomento Evacuatori Fumo e Calore Norma UNI 9494-2: 2012 SEFFC Docente NICOLA MAROTTA nicola.marotta@dic.unipi.it

Dettagli

OBIETTIVO CFD L UTILIZZO OTTIMALE DI CODICI CFD NELL AMBIENTE DELLA GRIGLIA COMPUTAZIONALE ENEA.IT

OBIETTIVO CFD L UTILIZZO OTTIMALE DI CODICI CFD NELL AMBIENTE DELLA GRIGLIA COMPUTAZIONALE ENEA.IT OBIETTIVO CFD L UTILIZZO OTTIMALE DI CODICI CFD NELL AMBIENTE DELLA GRIGLIA COMPUTAZIONALE ENEA.IT Allo stato attuale i codici CFD sono in grado di valutare il campo termo-fluidodinamico associato a flussi

Dettagli

Corso di specializzazione Strumenti per la Progettazione e Simulazione Avanzata nei settori navale e nautico

Corso di specializzazione Strumenti per la Progettazione e Simulazione Avanzata nei settori navale e nautico Ente organizzatore: CISITA Formazione Superiore Realizzato in collaborazione con Corso di specializzazione Strumenti per la Progettazione e Simulazione Avanzata nei settori navale e nautico OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

Approccio prestazionale nello sviluppo del progetto Stazione Termini di roma - Ampliamento dell area servizi ai passeggeri

Approccio prestazionale nello sviluppo del progetto Stazione Termini di roma - Ampliamento dell area servizi ai passeggeri Approccio prestazionale nello sviluppo del progetto Stazione Termini di roma - Ampliamento dell area servizi ai passeggeri 1. Aspetti generali Il progetto di ampliamento dell area servizi della stazione

Dettagli

L IDENTIFICAZIONE STRUTTURALE

L IDENTIFICAZIONE STRUTTURALE e L IDENTIFICAZIONE STRUTTURALE I problemi legati alla manutenzione e all adeguamento del patrimonio edilizio d interesse storico ed artistico sono da alcuni anni oggetto di crescente interesse e studio.

Dettagli

PRESTAZIONI del. SISTEMA AUTOMATICO di SPEGNIMENTO. con MONITORI TELECOMANDATI. in INCENDI in GALLERIA

PRESTAZIONI del. SISTEMA AUTOMATICO di SPEGNIMENTO. con MONITORI TELECOMANDATI. in INCENDI in GALLERIA PRESTAZIONI del SISTEMA AUTOMATICO di SPEGNIMENTO con MONITORI TELECOMANDATI in INCENDI in GALLERIA 19-03-2013 rev.2 P_gal_6_IT pag. 1 Generalità Il sistema di spegnimento con monitori telecomandati rappresenta

Dettagli

Modellazione CFD di una palettatura di turbina a gas con bordo di uscita raffreddato

Modellazione CFD di una palettatura di turbina a gas con bordo di uscita raffreddato Modellazione CFD di una palettatura di turbina a gas con bordo di uscita raffreddato Responsabile scientifico: S. Ravelli Dipartimento di Ingegneria Tutor di progetto: R. Ponzini 18 Febbraio 2014 MILANO

Dettagli

Anno scolastico 2015/2016

Anno scolastico 2015/2016 Tel. 0124/45.45.11 - Fax 0124/45.45.45 Cod. Fisc. 85502120018 E-mail: segreteria@istitutomoro.it URL: www.istitutomoro.it ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ALDO MORO Liceo Scientifico Istituto Tecnico Industriale

Dettagli

Il ruolo della fluidodinamica computazionale nella progettazione

Il ruolo della fluidodinamica computazionale nella progettazione w h i t e p a p e r Il ruolo della fluidodinamica computazionale nella progettazione Prefazione Questo paper descrive due dissipatori di calore, un presidio medicale di aspirazione, un forno da cucina

Dettagli

Reazione al fuoco dei materiali

Reazione al fuoco dei materiali Reazione al fuoco dei materiali Definizione Reazione al fuoco grado di partecipazione di un materiale combustibile al fuoco al quale è sottoposto. In relazione a ciò i materiali sono assegnati alle classi

Dettagli