PROGRAMMA DI COOPERAZIONE ALCOTRA PROGETTO STRATEGICO AERA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA DI COOPERAZIONE ALCOTRA PROGETTO STRATEGICO AERA"

Transcript

1 PROGRAMMA DI COOPERAZIONE ALCOTRA PROGETTO STRATEGICO AERA AZIONE 2.3 ANALISI DEI MODELLI ESISTENTI PER LO STUDIO DELLA QUALITÀ DELL ARIA

2

3 SINTESI L azione 2.3 del progetto strategico AERA, intitolata «Analisi dei modelli esistenti per lo studio della qualità dell aria» è stata condotta dalla Regione Rhône-Alpes. Questa azione, il cui obiettivo era attuare un protocollo metodologico e organizzativo tra i vari partner sugli strumenti di modellizzazione della qualità dell aria già esistenti all interno delle diverse reti di monitoraggio, ha consentito di raccogliere informazioni sulla climatologia e la meteorologia delle regioni partecipanti a questo programma di cooperazione italo-francese. Il questionario, elaborato a cura della Regione Rhône-Alpes, e compilato successivamente da tutti i partner, ha permesso di stilare un elenco completo delle pratiche di modellizzazione della qualità dell aria nei vari territori: per l Italia, le regioni Liguria, Piemonte e Valle d Aosta, e per la Francia, le regioni Rhône-Alpes e Provence-Alpes-Côte d Azur (PACA). Il questionario ha consentito di evidenziare che le regioni Rhône-Alpes, PACA, Piemonte e Valle d Aosta utilizzano già strumenti di modellizzazione, mentre nella regione Liguria il loro uso è ancora limitato. L analisi dei dati raccolti attraverso i questionari ha permesso di individuare alcune caratteristiche: Solo le regioni italiane del Piemonte e della Valle d Aosta utilizzano modellizzazioni industriali basate su software di tipo SPRAY. La modellizzazione urbana (modelli SIRANE, SPRAY e ADMS Urban) viene utilizzata da tutte le regioni, tranne dalla regione Liguria. Solo le regioni Rhône-Alpes, PACA e Piemonte ricorrono alla modellizzazione regionale (modelli CHIMERE e FARM). Le schede metodologiche sulle diverse modellizzazioni sono state elaborate allo scopo di fornire elementi di miglioramento ai partner del progetto che desiderano dotarsi di strumenti di modellizzazione della qualità dell aria o migliorare gli strumenti esistenti. Questo inventario sarà utilizzato allo scopo di orientare l azione 3.3, intitolata «Modellizzazione per la valutazione della qualità dell aria», il cui obiettivo è sviluppare un modello regionale in tutta l area Alcotra e migliorare gli strumenti di modellizzazione esistenti. 1

4 INDICE SINTESI...1 INDICE ANALISI DELLE PECULIARITÀ REGIONALI CON UN IMPATTO SULLA MODELLIZZAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA PROBLEMATICA SUL TERRITORIO ALCOTRA TERRITORIO IN ESAME ANALISI DELLE SPECIFICITÀ GEOGRAFICHE TIPOLOGIE REGIONALI E MODELLI PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA REGIONI LITORANEE REGIONI MONTUOSE E VALLATE ALPINE REGIONI PIANEGGIANTI AGGLOMERATI URBANI CONCLUSIONE SCHEDA METODOLOGICA: LA MODELLIZZAZIONE INDUSTRIALE PROBLEMATICA SITUAZIONE INIZIALE GLI AGENTI INQUINANTI CONSIDERATI I DATI DI INPUT LE SORGENTI IL SITO E LA METEOROLOGIA I SOFTWARE DISPONIBILI MODELLO GAUSSIANO MODELLI EULERIANI 3D I MODELLI LAGRANGIANI CONCLUSIONI SCHEDA METODOLOGICA: LA MODELLIZZAZIONE URBANA INTRODUZIONE SOFTWARE INSTALLATI NELL AREA ALCOTRA AREA URBANA E INQUINAMENTO COSTITUZIONE DI UNA RETE STRADALE PER I MODELLI URBANI PRESA IN CONSIDERAZIONE DELL EDIFICATO URBANO I MODELLI DI DISPERSIONE IL MODELLO ARIA-IMPACT IL MODELLO ADMS URBAN IL MODELLO SIRANE LE EMISSIONI STRADALI DATI METEOROLOGICI DATI NECESSARI E SUFFICIENTI MISURE E/O OUTPUT DEI MODELLI COSTITUZIONE DI UNA RETE DI TRAFFICO E DEFINIZIONE DEI DATI CONNESSI DATI DI CONTEGGIO RICOSTITUZIONE TEMPORALE DEI FLUSSI DI TRAFFICO...25 METODO DELLE ANNESSIONI CONTEGGI PRECEDENTI

5 - OUTPUT DEI MODELLI DISGREGAZIONE ORARIA DEI FLUSSI DI TRAFFICO CONVALIDA DEI RISULTATI CRITERI DI ACCETTAZIONE DEGLI SCORE: REQUISITI E VALORI GUIDA CONFRONTO MISURA/MODELLO SU UNA GRIGLIA DI RICETTORI FASE DI IMPLEMENTAZIONE E FASE OPERATIVA FASE DI IMPLEMENTAZIONE PROCEDURA RELATIVA ALLA FASE OPERATIVA CONCLUSIONE SCHEDA METODOLOGICA: LA MODELLIZZAZIONE REGIONALE INTRODUZIONE SITUAZIONE NELL AREA ALCOTRA INFLUENZE ANTROPICHE L ESSENZIALE PER UNA MODELLIZZAZIONE REGIONALE RACCOMANDAZIONI PER LE MODELLIZZAZIONI METEOROLOGICHE LE GRIGLIE DI CALCOLO ESTENSIONE DELLE GRIGLIE SCELTA DELLA RISOLUZIONE RISOLUZIONE VERTICALE SCELTA DELLE CONFIGURAZIONI IN WRF ASSIMILAZIONE DI DATI METEOROLOGICI UTILIZZO DELLO SCHEMA DI CANOPEA URBANA IMPLEMENTAZIONE DI UN PASSO DI TEMPO AUTOADATTATIVO DESCRIZIONE IMPATTO SUGLI OUTPUT RACCOMANDAZIONI PER LE MODELLIZZAZIONI CHIMICHE DETERMINAZIONE DELLE GRIGLIE DI CALCOLO ESTENSIONE DELLE GRIGLIE SCELTA DELLA RISOLUZIONE RISOLUZIONE VERTICALE SCELTA DELLE CONDIZIONI AL CONTORNO CONDIZIONI AL CONTORNO CHIMICHE PER LE SCALE REGIONALI CONDIZIONI AL CONTORNO CHIMICHE PER LA SCALA NAZIONALE O CONTINENTALE CATASTO DELLE EMISSIONI VALUTAZIONE, CALCOLO DEGLI SCORE E CONVALIDA INDICATORI DA CALCOLARE DIRETTIVE EUROPEE ALTRI INDICATORI CONCLUSIONE CONCLUSIONE GENERALE

6 1 ANALISI DELLE PECULIARITÀ REGIONALI CON UN IMPATTO SULLA MODELLIZZAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA Le specificità geografiche di una regione rappresentano i principali elementi determinanti della qualità dell aria. La modellizzazione di tutti i fenomeni fisico-chimici che disciplinano la troposfera risulta impossibile, perché tutti questi fenomeni non sono ancora noti con precisione e il tempo di calcolo ad una risoluzione spaziale accettabile risulterebbe smisurato. È quindi opportuno trascurare alcuni fenomeni meteorologici per alcune scale o utilizzare parametrizzazioni. Per altre scale spaziali, invece, alcuni fenomeni diventano preponderanti nell evoluzione delle masse d aria ed dunque è opportuno renderli con precisione. È quindi necessario procedere ad un inventario delle specificità locali che disciplinano la fisicochimica della massa d aria sul territorio Alcotra, allo scopo di scegliere e adattare al meglio i modelli per ottenere il miglior compromesso possibile tra precisione del risultato e tempi di calcolo. 1.1 PROBLEMATICA SUL TERRITORIO ALCOTRA Territorio in esame Il progetto Alcotra AERA copre tutta l area alpina di confine tra la Francia e l Italia. Più precisamente, sono interessate tre regioni italiane (Valle d Aosta, Piemonte, Liguria) e due regioni francesi (Rhône-Alpes, Provence-Alpes-Côte d'azur). Figura1. Cartina dell area Alcotra centrale (grigio scuro) e di tutte le regioni Alcotra interessate (grigio chiaro) Legenda: Dipartimenti e provincie ammissibili Confine 4

7 La Figura1. Cartina dell area Alcotra centrale (grigio scuro) e di tutte le regioni Alcotra interessate (grigio chiaro) Legenda: Dipartimenti e provincie ammissibili Confine distingue l area Alcotra centrale dalle aree adiacenti. L area Alcotra centrale copre: la Regione Autonoma della Valle d Aosta; le Provincie di Torino e Cuneo (per il Piemonte); la Provincia d Imperia (per la Liguria); i Dipartimenti della Savoia e dell Alta Savoia (per Rhône-Alpes); i Dipartimenti delle Alte Alpi, delle Alpi d Alta Provenza e delle Alpi Marittime (per Provence-Alpes-Côte d'azur). Nell ambito della presente relazione sulla modellizzazione della qualità dell aria, prenderemo in esame l intero territorio occupato dalle regioni partecipanti al progetto AERA, vale a dire l area centrale e le aree adiacenti Alcotra. Quest area sarà denominata «area Alcotra» Analisi delle specificità geografiche Come indicato sulla cartina della figura 2, l area oggetto dello studio Alcotra è molto eterogenea dal punto di vista dell uso del suolo. L'arco alpino si trova al centro del territorio, con zone boschive ai piedi della catena montuosa, sia sul versante italiano che su quello francese. Ad est e ad ovest del territorio si estendono le pianure in cui si trovano le aree maggiormente urbanizzate. I grandi centri urbani sono circondati da terreni coltivati. 5

8 Rhône-Alpes Val d Aosta Piemonte Liguria PACA Figura2. Occupazione del territorio nell area Alcotra (dati CORINE Land Cover) Legenda: Acqua Palude Ghiacciaio Terreno montuoso Terreno di media altitudine Aree boschive Aree coltivate Centri urbani Da un punto di vista della modellizzazione della qualità dell aria, si distinguono 4 tipologie di regioni, in particolare: Le regioni litoranee (es.: regione Liguria, costa mediterranea della regione PACA); Le regioni montuose: le vallate alpine (es.: vallata della Valle d Aosta, vallata della Maurienne); Le regioni pianeggianti (es.: pianura del Po, valle del Rodano); Il territorio urbano (es.: città di Lione, Torino, Marsiglia). La parte che segue fornisce una descrizione di queste 4 tipologie di territorio. 6

9 1.2 TIPOLOGIE REGIONALI E MODELLI PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA Nella parte che segue, sono descritte le 4 regioni identificate per la modellizzazione della qualità dell aria. A ciascuna tipologia corrispondono tecniche di modellizzazione specifiche Regioni litoranee La presenza del mar Mediterraneo modifica le condizioni di dispersione dell inquinamento atmosferico rispetto alle condizioni meteorologiche sinottiche, vale a dire alle condizioni generali di circolazione delle masse d aria. Le condizioni anticicloniche impediscono che si installino queste situazioni sinottiche, lasciando il posto a fenomeni meteorologici più locali (regimi di brezze di terra, di mare, di lago). Queste brezze sono favorevoli alla comparsa di picchi d inquinamento, secondo processi di ricircolo delle masse d aria. Formazione della brezza marina Formazione della brezza terrestre Queste regioni possono anche essere soggette ai seguenti fenomeni: Foschie costiere, Altezza dello strato limite elevata/bassa, in funzione dell ora, Venti sinottici regionali che permettono una buona dispersione. La modellizzazione di queste aree dovrà prendere in considerazione in modo preciso la meteorologia locale per descrivere correttamente le diverse masse d aria in gioco e le altezze dello strato limite che possono variare rapidamente. La descrizione dell occupazione del territorio (mare o terra) in queste regioni avrà un importanza determinante. Il ricorso a un numero maggiore di misure meteorologiche in queste regioni permetterà di migliorare la descrizione della meteorologia. I modelli di dispersione dovranno prendere in considerazione la dimensione verticale allo scopo di includere i fenomeni di variazione dello strato limite atmosferico. I modelli di valutazione della qualità dell aria utilizzati per descrivere queste regioni sono: modelli regionali ad alta risoluzione (qualche chilometro) e tridimensionali, tipo MM5 e CHIMERE; modelli industriali, destinati a studiare la dispersione delle sorgenti occasionali o diffuse, prendendo in considerazione una meteorologia tridimensionale e che ricorrono a dati di misurazione meteorologica. 7

10 1.2.2 Regioni montuose e vallate alpine Il confine tra la Francia e l Italia si colloca sul versante meridionale del massiccio alpino, al centro dell area Alcotra, come indicato sulla cartina della Figura3. Il massiccio alpino è attraversato da numerose vallate che presentano diverse configurazioni (profondità, orientamento, pendenza, lunghezza, ecc.). Rhône-Alpes Val d Aosta Piemonte Liguria PACA Figura3. Cartina dell altitudine dell area Alcotra (dati USGS GTOPO30) Queste regioni sono soggette ai seguenti fenomeni, accentuati secondo il carattere accidentato del rilievo: Dispersione limitata, in particolare in inverno, a causa della presenza di sbalzi di temperatura sul fondo delle vallate scoscese. Variazione della temperatura con l altitudine in un atmosfera classica : gli inquinanti si disperdono correttamente. Legenda: Variazione di temperatura con l altitudine nel caso di un inversione di temperatura: questa situazione è favorevole all accumulo di inquinanti. 8

11 Altitudine Temperatura dell aria strato d inversione Effetto di canalizzazione delle masse d aria nelle vallate; Effetto di Phon provocato dall essiccazione delle masse d aria al di sopra dei rilievi. Questo fenomeno può avere un importante impatto sulla dispersione degli inquinanti; Effetti canyon in presenza di alcuni altopiani; Brezze di pendio e venti di vallata. Schema semplificato di generazione dei venti di pendio e di vallata di giorno (a sinistra) e di notte (a destra). Come per le regioni litoranee, la modellizzazione delle regioni montuose e delle vallate dovrà prendere in considerazione regimi di venti complessi. La stratificazione verticale dell atmosfera e la presenza delle inversioni di temperatura comportano l uso di una modellizzazione tridimensionale. La modellizzazione della qualità dell aria applicata alle vallate richiede pertanto necessariamente che venga preso in considerazione il rilievo. Sono opportune misure meteorologiche a diverse altitudini per poter considerare i fenomeni più complessi. I modelli di valutazione della qualità dell aria utilizzati per descrivere queste regioni sono: modelli regionali ad alta risoluzione (qualche chilometro) e tridimensionali, tipo MM5, WRF e CHIMERE; modelli industriali, destinati a studiare la dispersione delle sorgenti puntuali o diffuse, prendendo in considerazione una meteorologia tridimensionale e che ricorrono a dati di misure meteorologiche Regioni pianeggianti Le aree di pianura (con qualche eccezione per quelle situate tra due massicci montuosi) non sono soggette a condizioni meteorologiche regionali particolari: la meteorologia sarà quindi influenzata essenzialmente dalle condizioni sinottiche (grande scala). In termini di inquinamento atmosferico, i livelli saranno influenzati dalle sorgenti locali di emissione di inquinanti, ma anche dal trasporto di inquinanti provenienti dalle regioni limitrofe. La modellizzazione di queste regioni poggia su modelli di valutazione della qualità dell aria che si avvalgono di formule semplici, verificate in numerosi casi. Il numero di punti di misurazione necessari ai calcoli meteorologici può essere limitato. I modelli utilizzati saranno di tre tipi: modelli regionali di tipo CHIMERE, per studiare l inquinamento di fondo; 9

12 modelli industriali, destinati a studiare la dispersione delle sorgenti occasionali o diffuse, con una meteorologia eventualmente uniforme (misure meteorologiche a una stazione); modelli stradali di tipo STREET, per valutare l inquinamento delle grandi arterie stradali interurbane Agglomerati urbani Per i grandi agglomerati urbani, il fenomeno di isola di calore urbano può influenzare in modo significativo la dispersione degli inquinanti. L aumento localizzato delle temperature (in particolare le massime diurne e notturne) diminuirà la rugiada e le nebbie urbane che contribuiscono a depurare l aria dalle polveri in sospensione, ma questo aumento rafforzerà anche gli effetti di inversione termica e quindi favorirà l accumulo degli inquinanti nelle aree urbane. La circolazione della massa d aria all interno di una strada canyon (edifici più alti della larghezza della strada) è relativamente complessa e specifica e può generare accumuli localizzati, come mostrato in Figura 4. Schema semplificato del flusso dell aria in una strada canyon Legenda: Vento incidente Inquinamento di fondo Ricircolo dell aria Lato sottovento Contributo diretto dei gas di scarico Lato sopravento Figura 4. Schema semplificato del flusso dell aria in una strada canyon Legenda: Vento incidente Inquinamento di fondo Ricircolo dell aria Lato sottovento Contributo diretto dei gas di scarico Lato sopravento 10

13 La rete formata dalle strade può inoltre generare effetti canyon con canalizzazioni e accelerazioni dei venti sinottici. Occorre quindi utilizzare modellizzazioni più fini allo scopo di descrivere in modo opportuno le influenze dei fabbricati sulla dispersione. I modelli che trattano questi casi sono: modelli stradali, tipo STREET, o urbani, come SIRANE o ADMS Urban, per la dispersione degli inquinanti attorno alle arterie stradali. modelli industriali, destinati a studiare la dispersione delle sorgenti occasionali o diffuse, prendendo in considerazione l impatto dei fabbricati sulla dispersione. Per conoscere le emissioni dei veicoli in modo preciso, deve essere disponibile le emissioni su una rete di vie e strade Conclusione Questa analisi delle specificità regionali per la modellizzazione della qualità dell aria nell area Alcotra ha dimostrato la coesistenza di varie tipologie di regioni che richiedono approcci diversi per la modellizzazione della qualità dell aria. Allo scopo di descrivere nel dettaglio le diverse modellizzazioni attuate nelle regioni dell area Alcotra, nella seconda parte della presente relazione vengono trattate tre tipologie di modellizzazioni: La modellizzazione industriale; La modellizzazione urbana; La modellizzazione regionale. 11

14 2 SCHEDA METODOLOGICA: LA MODELLIZZAZIONE INDUSTRIALE 2.1 PROBLEMATICA SITUAZIONE INIZIALE La modellizzazione industriale riguarda la valutazione dell impatto sull ambiente e sulle popolazioni vicine, di un impianto industriale o di un gruppo di impianti destinati ad emettere prodotti inquinanti nell aria. Questi effetti sono considerati da un punto di vista regolamentare nell ambito degli studi d impatto o degli studi di pericolosità, richiesti dalle autorità amministrative prima dell installazione o dello sviluppo di un impianto. Gli studi di pericolosità si prefiggono di valutare gli effetti consecutivi a un evento grave presso lo stabilimento (incendio, perdita di confinamento). In questo caso, le quantità di inquinanti emesse sono elevate, ma limitate a un periodo relativamente breve durante il quale viene attivato il servizio di sicurezza per neutralizzare l incidente. Le aree geografiche interessate sono spesso relativamente vicine alla sorgente. Queste applicazioni non rientrano nell ambito della presente scheda metodologica. Gli studi d impatto hanno lo scopo di valutare gli effetti sull ambiente dell impianto industriale in condizioni operative normali. Oggi comprendono anche un capitolo dedicato alla salute, destinato a valutare l esposizione delle popolazioni vicine. In questo caso, ci si pone in una logica di lungo periodo, ricercando le concentrazioni annuali o pluriennali che saranno introdotte nei modelli di esposizione. Una terza applicazione possibile riguarda le aree molto industrializzate, grandi emettitrici di agenti inquinanti. Può essere molto utile per gli amministratori considerare i diversi contributi degli emittenti ai livelli di inquinamento registrati nell area geografica. Si tratta di valutare con la simulazione di episodi di inquinamento l effetto delle emissioni industriali. La modellizzazione attorno a sorgenti puntuali, benché sia scientificamente la più antica e richieda limitate conoscenze tecniche, è poco utilizzata nelle reti di monitoraggio della rete Alcotra. Solo le regioni del Piemonte e della Valle d Aosta utilizzano il software SPRAY che verrà descritto in seguito. Questo tipo di modellizzazione tuttavia è interessante perché permette di determinare rapidamente le aree in cui l impatto di una o più sorgenti risulta maggiore e di individuare in modo più rigoroso i punti potenziali di installazione di strumenti di analisi della qualità dell aria nell ambito dell analisi. 2.2 GLI AGENTI INQUINANTI CONSIDERATI Gli inquinanti presi in considerazione in tale contesto sono principalmente: il biossido di zolfo (SO 2 ), emesso dagli impianti di combustione e nel corso di vari processi industriali, da una ventina d anni a questa parte oggetto di costanti sforzi di riduzione delle emissioni, gli ossidi di azoto(nox), emessi in generale dagli impianti di combustione, 12

15 le diossine, inquinanti particellari e gassosi, emesse da numerose industrie e oggetto di una severa sorveglianza, i metalli pesanti (sotto forma gassosa o di polveri), derivati da categorie ben individuate di processi industriali, anch essi sorvegliati a causa della loro elevata nocività (piombo, mercurio, cadmio, arsenico), prodotti specifici alle industrie considerate, se il loro effetto sulla salute umana presenta un rischio. Per gli inquinanti particellari e le polveri, la valutazione della dispersione e delle concentrazioni atmosferiche è completata dalla valutazione delle ricadute a terra, in particolare nell ambito degli studi d impatto. Infatti, la diffusione di inquinanti nel terreno e nei vegetali costituisce una via di esposizione che talvolta è indispensabile considerare. Dal punto di vista della modellizzazione, spesso è trattata con un modulo specifico incluso nel software incaricato di simulare il deposito. Il deposito secco (precipitazioni escluse) è configurato mediante una velocità di deposito che dipende dalla dimensione delle particelle e che permette di illustrare un flusso di deposito a terra. Quest ultimo è condizionato dalla gravità per le particelle più grosse, oppure dagli effetti di movimento browniani, per quelle più piccole. Il flusso di inquinanti che ricade a terra si scrive con la seguente formula: F(x, y) =VdC(x, y,0) dove Vd è la velocità di deposito e C(x, y,0) la concentrazione di inquinanti a livello del terreno. Per le emissioni industriali, il fenomeno di deposito è rappresentato nel modello con un impoverimento del pennacchio, in funzione del tempo e della distanza rispetto alla sorgente. Il deposito umido riflette il trasporto delle particelle da parte della pioggia, la nebbia, la foschia. Il flusso depositato dovuto a questi meccanismi spesso si traduce con il prodotto del tasso di precipitazioni per un coefficiente di lisciviazione; quest ultimo è difficile da valutare e ciò spiega le incertezze ammesse sulla quantificazione del deposito umido. In situazioni accidentali, gli inquinanti emessi possono essere gas pesanti. Ciò comporta un trattamento particolare del pennacchio e delle sue proprietà termodinamiche. Questo aspetto non è sviluppato nel presente documento poiché rientra in una problematica molto specifica che si allontana dai compiti delle reti di monitoraggio dell aria. Osservazione sullo stato dell arte: Lo studio dell impatto industriale ed in particolare delle emissioni derivanti dalle ciminiere di uno stabilimento è una delle applicazioni più antiche della dispersione atmosferica ed è alla base dello sviluppo dei primi modelli gaussiani. Si tratta però di un settore in cui esistono numerose riferimenti, relativi a campagne di misurazione di ampio respiro utilizzate per calibrare i modelli. È attorno a questo tipo di applicazione che si articola una parte importante degli obiettivi ricercati da iniziative come le Conferences on harmonization within atmospheric dispersion modelling for regulatory purposes. Questa manifestazione si svolge ogni due anni circa e rende conto delle iniziative miranti a promuovere una coerenza su scala europea dei codici numerici di modellizzazione della qualità dell aria (14 a conferenza in 13

16 Grecia a ottobre 2011). Per quanto riguarda le emissioni industriali, è stato sviluppato uno strumento di convalida che si riferisce a campagne di misurazione di ampio respiro ( Model Validation Kit ) ed è quello maggiormente descritto nei paragrafi successivi. 2.3 I DATI DI INPUT Le sorgenti Dobbiamo distinguere due tipi di sorgenti nel campo dell impatto industriale: - le sorgenti canalizzate, che designano le ciminiere degli stabilimenti e le brecce create da eventuali incidenti. Le emissioni associate sono facilmente quantificabili. Infatti, la geometria della sorgente (forma, dimensione, altezza), nonché le proprietà fisiche e termodinamiche delle emissioni (velocità di emissione, densità, temperatura dell agente inquinante emesso) possono essere misurate o calcolate e fornite direttamente al codice di calcolo della dispersione. Il background scientifico più importante in termini di strumenti e di convalida riguarda tali emissioni. I modelli di tipo gaussiano sono perfettamente adatti alla loro elaborazione essendo stati inizialmente sviluppati a tale scopo; - le sorgenti diffuse (superficiali o volumetriche), che designano le emissioni situate spesso a livello del suolo, provenienti dall attività quotidiana presso lo stabilimento: aree di stoccaggio, circolazione dei veicoli, emissioni dei fabbricati. Il loro contributo può rivelarsi molto importante, in particolare nei pressi dell impianto. Pertanto, i modelli tridimensionali sono quelli più adatti al trattamento del comportamento di tali emissioni. Purtroppo, il problema sta nella quantificazione dell emissione associata, difficilmente misurabile. Tuttavia è essenziale superare questa difficoltà se si vuole realizzare una modellizzazione corretta dei fenomeni. Infine, è importante ricordare che le applicazioni industriali inducono la presenza di gas dalle proprietà termodinamiche particolari (gas pesanti) e di particolato, le cui proprietà devono essere considerate nella giusta misura. Pertanto, è essenziale ottenere informazioni sulla granulometria degli elementi emessi, allo scopo di rettificare adeguatamente i parametri che condizionano la modellizzazione delle ricadute atmosferiche Il sito e la meteorologia Oltre all ambito d applicazione, la scala di modellizzazione e il tipo di codice che si desidera utilizzare definiscono la natura dei dati orografici da fornire. Come indicato in introduzione, il contesto in cui le emissioni industriali sono modellizzate rientra spesso nell ambito degli studi di pericolosità (emissioni accidentali) o d impatto (emissioni croniche). Emissioni accidentali In questo primo caso, l interesse è valutare le conseguenze indotte dall emissione di una quantità molto importante di inquinante in condizioni meteorologiche penalizzanti per la dispersione. Poiché ciò spesso comporta calcoli in campo vicino (presso il sito dello stabilimento o nei quartieri adiacenti), sarà senza dubbio necessaria una descrizione relativamente precisa dei fabbricati circostanti e dei rilievi. 14

17 Invece, i dati meteorologici si limitano a situazioni abituali o, al contrario, a configurazioni occasionali molto negative per la dispersione (nessuna dispersione del pennacchio). Sono definiti da una temperatura media, un livello di umidità relativa, una velocità del vento e un grado di turbolenza (che peraltro può essere collegato alle classi di stabilità di tipo Pasquill). Un analisi della situazione orografica ed economica del sito considerato potrà contribuire a diagnosticare le situazioni pertinenti da esaminare: ricerca delle aree più popolose, presa in considerazione di effetti locali (vicinanza al mare, forte rilievo). Poiché questo problema non rientra nell ambito diretto che riguarda le reti di monitoraggio dell aria, non sarà ulteriormente sviluppato in questo studio. Emissioni croniche Gli studi d impatto, soprattutto se sono seguiti da una valutazione dei rischi sanitari, richiedono la ricerca di concentrazioni in media annuale che saranno fornite ai modelli di esposizione. È quindi logico integrare dati meteorologici annuali che riguardano la temperatura, la velocità e la direzione del vento e qualsiasi elemento che possa valutare la stabilità atmosferica. Su quest ultimo punto, alcune stazioni meteorologiche possono fornire la nebulosità (in Ottaticon un valore compreso tra 1 e 8) e il numero di ore di esposizione al sole o irraggiamento. È quindi possibile dedurre le classi di stabilità di Pasquill attraverso tabelle di corrispondenza. Può essere anche molto pertinente includere un informazione sull altezza dello strato di rimescolamento, in particolare in condizioni di inversione termica. Bisogna prestare una cura particolare alla scelta della stazione meteo utilizzata per rappresentare la meteorologia del luogo studiato. Il problema è prendere in considerazione gli effetti dei venti locali (in particolare in presenza di rilievo) che comportano che il vento sul posto non presenti le stesse caratteristiche di quello a livello della stazione. L unica soluzione ragionevole sarà in alcuni casi disporre di una stazione sul posto stesso e realizzare misure su un periodo dato. L esercizio di modellizzazione consiste allora nel simulare tutte le situazioni meteorologiche recensite su un periodo rappresentativo (ad esempio 5 anni) da cui dedurne una valutazione delle concentrazioni medie annuali. Le situazioni meteorologiche sono in via di principio riunite per classi di caratteristiche simili alle quali si assegnano frequenze di apparizione. I valori delle concentrazioni annuali sono ottenuti effettuando la media dei valori calcolati per ogni classe ponderata per la loro frequenza di apparizione. Il caso particolare delle sorgenti diffuse I punti citati nei precedenti paragrafi sono complessivamente validi per la modellizzazione delle sorgenti diffuse. Gli strumenti tridimensionali sono tuttavia più adatti al loro trattamento. Infatti, i metodi di integrazione dei termini di superficie nei modelli gaussiani non sono sempre efficienti. Il costo elevato di attuazione dei modelli tridimensionali ne limita l uso al calcolo delle situazioni meteo occasionali. Ciò non è molto rigoroso, tenuto conto della natura di tali sorgenti, spesso presenti tutto l anno (aree di stoccaggio, luoghi di circolazione dei veicoli, emissioni dovute alle aperture dei fabbricati), all origine di un inquinamento tipicamente cronico. L integrazione della rosa dei venti annuale sul posto rimane il miglior trattamento, ma presenta l inconveniente di essere costosa. 15

18 2.4 I SOFTWARE DISPONIBILI Modello gaussiano Introduzione In generale, i modelli più utilizzati per gli studi delle emissioni industriali sono i modelli gaussiani. Storicamente, sono stati sviluppati in quest ottica precisa (sorgenti diffuse escluse). La preoccupazione costante dei ricercatori rimane il loro adattamento per prendere meglio in considerazione le specificità per cui non sono stati inizialmente progettati (presenza di ostacoli e di fabbricati, rilievo). Tuttavia, il loro grado di maturità appare soddisfacente per le applicazioni mirate. Numerosi esercizi di convalida e di confronto incrociato attestano questo dato di fatto. La comunità scientifica europea ha messo a punto uno strumento di convalida, il Model Validation Kit, disponibile su Internet al seguente indirizzo: Si tratta di un insieme di dati relativi a 4 campagne di misura di emissioni prodotte dalle ciminiere di stabilimenti in diverse città (Copenaghen, Kinkaid, Lillestrom e Indianapolis). Sono inoltre proposti alcuni strumenti di analisi statistica delle performance del software rispetto a queste informazioni misurate. Il trattamento delle sorgenti non puntuali (es. lineari, superficiali o volumetriche) è oggetto di trattamenti specifici nei modelli gaussiani. Si riscontrano pertanto diversi metodi: - l integrazione digitale di un infinità di sorgenti puntuali che rappresentano la sorgente reale, - la suddivisione della sorgente in un numero finito di sorgenti puntuali rigorosamente collocate e configurate in funzione del vento e della posizione dei ricettori, - l assimilazione della sorgente superficiale a una sorgente puntuale che deve essere correttamente localizzata in modo da rispecchiare le caratteristiche della sorgente reale a livello della dispersione (principio della sorgente virtuale). Possono essere ottenuti risultati relativamente eterogenei secondo la situazione e i parametri adottati. Si tratta di un limite nell uso dei modelli gaussiani. In qualsiasi caso, il maggior vantaggio di questi strumenti rimane il loro costo di implementazione ridotto che permette di realizzare un importante numero di simulazioni e quindi di stabilire bilanci annuali o pluriannuali in numerosi punti sul posto. L investimento in mezzi umani e materiali è relativamente basso. Infatti, l uso pertinente di questi modelli poggia innanzitutto sull esperienza sul campo, e i concetti pragmatici su cui si fonda non richiedono conoscenze approfondite in termini di analisi numerica. Si tratta di software che funzionano nella maggior parte dei casi su PC, in Windows, o anche MSDOS. Il loro costo in termini di tempi di calcolo e spazio di memoria dipende solo dalle esigenze dell utente. I prodotti disponibili 16

19 Tra i modelli gaussiani tradizionali testati e riconosciuti, possiamo citare: AERMOD. Si tratta di un modello di riferimento dell US-EPA (Agenzia dell ambiente americana). È disponibile gratuitamente su Internet, insieme alla relativa documentazione, al seguente indirizzo: I programmi sorgente scritti in fortran sono inoltre aperti se si desidera investire in sviluppi specifici. Sono forniti anche i moduli di preprocessore meteo e di terreno. La società Aria Technologies (www.aria.fr) commercializza il modello gaussiano Impact con un interfaccia grafica e diversi pre- e post-processing integrati (elaborazione degli aspetti a lungo termine, rappresentazione cartografica dei pennacchi, elaborazione statistica) e adatta alle applicazioni mirate. ADMS commercializzato in Francia dalla società NUMTECH (www.numtech.fr) propone anche un software di dispersione. Anche in questo caso si tratta di uno strumento interfacciato. Diversi tipi di risultati I modelli gaussiani sono spesso utilizzati in configurazioni a lungo termine per estrarre medie su un periodo prestabilito di concentrazioni di inquinanti o analisi statistiche. In configurazioni a breve termine, sono ottenute medie di concentrazione su periodi ridotti a una o poche ore, o a una scala mensile. Le concentrazioni sono rappresentate in generale da sezioni orizzontali del pennacchio, che permettono di visualizzare la concentrazione degli inquinanti su tutto l ambito di studio, di solito a livello del suolo. Il sistema di rappresentazione, se è collegato con un sistema d informazione geografica, dà luogo alla creazione di cartografie facilmente interpretabili. La maggior parte dei software permette inoltre di rappresentare le concentrazioni nell asse del pennacchio, a un altezza data, in funzione della distanza dalla sorgente. Si tratta di un informazione preziosa per valutare le distanze d impatto dell inquinamento Modelli euleriani 3D Introduzione Questi modelli costituiscono l unica alternativa ragionevole per l elaborazione digitale di situazioni complesse come: - le aree a forte rilievo (in particolare le montagne), - le situazioni in cui si desidera valutare l impatto della sorgente in campo vicino e in presenza di ostacoli (fabbricati), - la presa in considerazione corretta delle sorgenti diffuse. Il loro contesto di utilizzo è radicalmente diverso da quello precedentemente illustrato, poiché: - questi modelli sono pesanti da utilizzare (spazio di memoria e tempo di calcolo), - traggono origine dall installazione digitale di tecniche sofisticate di approccio delle equazioni fisiche e pertanto possono essere applicati in modo pertinente da utenti esperti. Infatti, la generazione di una maglia coerente, l adattamento dei parametri digitali, l identificazione e la neutralizzazione di eventuali artefatti numerici sono altrettante difficoltà che non possono essere sormontate senza un esperienza adeguata, - il loro uso è spesso limitato alla simulazione di situazioni puntuali, caratteristiche di un tipo di condizione meteo. La scelta di queste situazioni è dettata dalla predominanza di un dato 17

20 vento sul posto (previa analisi della rosa dei venti), la ricerca di scenari penalizzanti dal punto di vista della dispersione, la vicinanza di zone sensibili (centro abitato, scuole, ospedale, ecc.). Questi modelli sono oggetto di numerose convalide, spesso basate sul confronto con misure effettuate nella galleria del vento. In questo caso, i ricercatori verificano che sia correttamente riprodotto l impatto degli ostacoli che perturbano il pennacchio e che creano turbolenze, zone di accumulo di inquinanti o zone morte. Pertanto, esistono dati teorici dedotti da osservazioni che permettono di qualificare le aree turbolente che si creano attorno a un fabbricato assimilato a un isolato, situato nel flusso atmosferico. Queste formule permettono in particolare di verificare il corretto comportamento del modello nella simulazione degli effetti di turbolenza. Come sopra indicato, questi strumenti possono rivelarsi molto efficienti se si accetta di utilizzare una maglia sufficientemente fine per il calcolo. Il problema è trovare il giusto compromesso tra il numero di maglie consentito e il prezzo che ciò comporta in termini di tempi di calcolo e difficoltà numeriche. La maggior parte di questi strumenti è stata sviluppata su working station UNIX. I prodotti disponibili Si distinguono due classi di software tridimensionali disponibili sul mercato: quelli la cui finalità è la dispersione atmosferica e quelli che trattano complessivamente i problemi di meccanica dei fluidi, detti software di CFD (Computational Fluid Dynamics). Le equazioni e i metodi implementati sono complessivamente analoghi in entrambi i casi. Tuttavia, mentre la prima categoria include le specificità proprie al calcolo atmosferico (variabili meteorologiche), le altre trattano questo aspetto attraverso moduli indipendenti attivati secondo le necessità dell utente. Questi ultimi si integrano in un tool più globale il cui obiettivo va al di là del problema della dispersione (calcoli di combustione, interazione fluidostruttura, ecc.). Tra i software 3D specifici al calcolo di dispersione citiamo: ANSWER commercializzato dalla società ACRI (www.acri.fr) ARIA Local (o MERCURE) distribuito dalla società Aria Technologies (www.aria.fr) FLUIDYN Panache, commercializzato dalla società Transoft (www.fluidyn.com) I principi su cui sono sviluppati questi software si equivalgono nel complesso. Tra i software di meccanica dei fluidi più generali e comunque utilizzabili nel campo della dispersione (tool «CFD»), quelli più noti sono: CFX Tascflow (http://www.softscout.com/software/engineering/computational-fluid- Dynamics-CFD/CFX-TASCflow.html) è anche un prodotto molto diffuso in diversi settori industriali. FLUENT (www.fluent.com) è un software molto conosciuto ed efficiente nel campo dell industria aerospaziale e delle turbomacchine. È meno adatto ai problemi ambientali. PHOENICS (www.cham.uk) è un software molto aperto, che dispone di moduli specifici per l elaborazione della dispersione. STAR-CD (www.cd.co.uk) è uno dei software di CFD più noti sul mercato internazionale. 18

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

Modellistica di Qualità dell'aria a supporto del D. lgs 155/2010. Mauro M. Grosa

Modellistica di Qualità dell'aria a supporto del D. lgs 155/2010. Mauro M. Grosa Modellistica di Qualità dell'aria a supporto del D. lgs 155/2010 Mauro M. Grosa Responsabile del coordinamento delle attività di qualità dell aria di Arpa Piemonte Regione Piemonte nel 2000 ha avviato

Dettagli

ESPERIENZE DELL ARPA VALLE D AOSTA NELLA VALUTAZIONE INTEGRATA DELLA QUALITA DELL ARIA

ESPERIENZE DELL ARPA VALLE D AOSTA NELLA VALUTAZIONE INTEGRATA DELLA QUALITA DELL ARIA ESPERIENZE DELL ARPA VALLE D AOSTA NELLA VALUTAZIONE INTEGRATA DELLA QUALITA DELL ARIA Manuela Zublena, Giordano Pession Italia Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Valle d Aosta Sezione

Dettagli

10 anni di modellistica operativa di qualità dell'aria in Emilia-Romagna

10 anni di modellistica operativa di qualità dell'aria in Emilia-Romagna 10 anni di modellistica operativa di qualità dell'aria in Emilia-Romagna Michele Stortini, Giovanni Bonafè, Marco Deserti, Simona Maccaferri, Enrico Minguzzi, Antonella Morgillo Centro Tematico Regionale

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE DELLO STATO DI QUALITA DELL ARIA ZONA INDUSTRIALE DI ASTI CORSO ALESSANDRIA/QUARTO D ASTI

CARATTERIZZAZIONE DELLO STATO DI QUALITA DELL ARIA ZONA INDUSTRIALE DI ASTI CORSO ALESSANDRIA/QUARTO D ASTI STRUTTURA COMPLESSA - Dipartimento di Asti STRUTTURA SEMPLICE - Produzione RELAZIONE PRELIMINARE n. 07_12_B5.16 CARATTERIZZAZIONE DELLO STATO DI QUALITA DELL ARIA ZONA INDUSTRIALE DI ASTI CORSO ALESSANDRIA/QUARTO

Dettagli

Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici

Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici ENERGY SOLUTIONS La forza del vento Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici L energia è diventata una priorità nella politica europea. Fino ad oggi

Dettagli

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI Indice 1. Introduzione... 2 2. Metodologia... 3 3. Temperatura... 3 4. Vento... 10 5. Installazione stazione portatile e campagna di misura... 11 6. Elaborazione dati

Dettagli

ARPA Puglia. Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Barletta Via Trani 10.07.2015-10.11.2015. Centro Regionale Aria

ARPA Puglia. Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Barletta Via Trani 10.07.2015-10.11.2015. Centro Regionale Aria Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile 10.07.2015-10.11.2015 ARPA Puglia Centro Regionale Aria Ufficio Qualità dell Aria di Bari Corso Trieste 27 Bari 1. Contenuto del

Dettagli

STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI. Eolo-CISMA

STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI. Eolo-CISMA STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI Eolo-CISMA è un sistema di previsioni meteorologiche messo a punto da CISMA srl che ci permette di disporre di previsioni del potenziale eolico di un sito

Dettagli

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi Appendice III (articolo 5, comma 1 e art. 22 commi 5 e 7) Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi 1. Tecniche di modellizzazione 1.1 Introduzione. In generale,

Dettagli

VALUTAZIONE DI CLIMA ACUSTICO DELL AREA DESTINATA ALL INSEDIAMENTO DELL ISTITUTO NEUROLOGICO C. BESTA DI MILANO

VALUTAZIONE DI CLIMA ACUSTICO DELL AREA DESTINATA ALL INSEDIAMENTO DELL ISTITUTO NEUROLOGICO C. BESTA DI MILANO VALUTAZIONE DI CLIMA ACUSTICO DELL AREA DESTINATA ALL INSEDIAMENTO DELL ISTITUTO NEUROLOGICO C. BESTA DI MILANO Giovanni Zambon, Alessandro Bisceglie, Filippo Beltramini, Elio Sindoni DISAT Dipartimento

Dettagli

Sistema modellistico previsionale della qualità dell'aria

Sistema modellistico previsionale della qualità dell'aria Sistema modellistico previsionale della qualità dell'aria La qualità dell'aria nell'agglomerato Torinese, Situazione e Prospettive, Torino 30 novembre 2011 ARPA Piemonte, su incarico del competente Settore

Dettagli

6.1. Risultati simulazioni termovalorizzatore Osmannoro2000

6.1. Risultati simulazioni termovalorizzatore Osmannoro2000 pag. 217 6. Risultati Di seguito si riportano i risultati relativi alle diverse simulazioni di diffusione atmosferica degli inquinanti effettuate. In particolare sono riportati i risultati sotto forma

Dettagli

ArRISK RILASCIO E DISPERSIONE DI GAS TOSSICI, INFIAMMABILI, ODORIGENI

ArRISK RILASCIO E DISPERSIONE DI GAS TOSSICI, INFIAMMABILI, ODORIGENI OBIETTIVI. ArRISK È UN SISTEMA MODELLISTICO SVILUPPATO PER SIMULARE LA DISPERSIONE IN ATMOSFERA DI AERIFORMI, E PER LA VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI IN TERMINI DI TOSSICITA, INFIAMMABILITA E IMPATTO ODORIGENO.

Dettagli

Qualità dell aria. Il monitoraggio ambientale

Qualità dell aria. Il monitoraggio ambientale Il monitoraggio ambientale Qualità dell aria Obiettivo primario: garantire a tutto il territorio livelli di qualità dell aria compatibili con la salute umana e dell ambiente Il monitoraggio della qualità

Dettagli

Quadro di riferimento ambientale Allegato QAMB.A3. Interventi di adeguamento tecnico - funzionale del Porto commerciale di Salerno

Quadro di riferimento ambientale Allegato QAMB.A3. Interventi di adeguamento tecnico - funzionale del Porto commerciale di Salerno Interventi di adeguamento tecnico - funzionale Quadro di riferimento ambientale Allegato QAMB.A3 G i u g n o 2 0 1 3 In copertina: Vue de la ville de Salerno, (1763) disegno di Claude Louis Chatelet incisione

Dettagli

REGIONE LIGURIA Protezione Civile

REGIONE LIGURIA Protezione Civile ALLEGATO 2 REGIONE LIGURIA Protezione Civile INCENDIO DELLE ZONE DI INTERFACCIA DEFINIZIONE SCENARI Febbraio 2007 2 DEFINIZIONE SCENARIO DI INCENDI DI INTERFACCIA Per valutare il rischio conseguente agli

Dettagli

Qualità dell aria Torino, 8 febbraio 2011

Qualità dell aria Torino, 8 febbraio 2011 Qualità dell aria La rilevanza del fenomeno dell accumulo di biossido di azoto nella Pianura Padana rilevato da misure satellitari Concentrazione di biossido di azoto sull Europa tra Gennaio 2003 e Giugno

Dettagli

ArRISK RILASCIO E DISPERSIONE DI GAS TOSSICI O INFIAMMABILI

ArRISK RILASCIO E DISPERSIONE DI GAS TOSSICI O INFIAMMABILI OBIETTIVI. ArRISK È UN SISTEMA MODELLISTICO PER L ANALISI DELLE CONSEGUENZE IN ATMOSFERA DI RILASCI TOSSICI O INFIAMMABILI. È DOTATO DI UN INTERFACCIA GRAFICA CHE PERMETTE ALL UTENTE DI PREDISPORRE ED

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

IL PRE-PROCESSORE METEOROLOGICO CALMET-SMR. Una breve descrizione: caratteristiche, input, output, limiti

IL PRE-PROCESSORE METEOROLOGICO CALMET-SMR. Una breve descrizione: caratteristiche, input, output, limiti IL PRE-PROCESSORE METEOROLOGICO CALMET-SMR Una breve descrizione: caratteristiche, input, output, limiti Meteorologia per la qualità dell aria la valutazione della qualità dell aria e in particolare l

Dettagli

5 - Indicatori di stato: la valutazione del rumore da traffico

5 - Indicatori di stato: la valutazione del rumore da traffico 5 - Indicatori di stato: la valutazione del rumore da traffico Conformemente a quanto riportato nella proposta di Direttiva Europea sulla valutazione e gestione del rumore ambientale, il rumore ambientale

Dettagli

Committente: GRUPPO MASTROTTO SpA. Località: Sede: Via IV Strada n. 7 Arzignano Stabil.: Via III Strada n.15 Arzignano. Data: 20 giugno 2014

Committente: GRUPPO MASTROTTO SpA. Località: Sede: Via IV Strada n. 7 Arzignano Stabil.: Via III Strada n.15 Arzignano. Data: 20 giugno 2014 Progetto: MODELLAZIONE PROGNOSTICA DEL TRASPORTO AEREO E DISPERSIONE INQUINANTI DALLE EMISSIONI Committente: GRUPPO MASTROTTO SpA Località: Sede: Via IV Strada n. 7 Arzignano Stabil.: Via III Strada n.15

Dettagli

Focus Valutazione degli impatti in atmosfera

Focus Valutazione degli impatti in atmosfera Focus Valutazione degli impatti in atmosfera VALUTAZIONE di IMPATTO AMBIENTALE ai sensi del D. Lgs 152/2006 e smi e Legge Regionale 9/99 di un Impianto per la valorizzazione energetica di sottoprodotti

Dettagli

Studio della qualità dell'aria locale nell'area di Carmagnola: stato attuale e scenari

Studio della qualità dell'aria locale nell'area di Carmagnola: stato attuale e scenari Studio della qualità dell'aria locale nell'area di Carmagnola: stato attuale e scenari Autori P.Radice, T.Pittini, G.Calori, G.Tinarelli Riferimento ARIANET R2006.07 Febbraio 2006 ARIANET s.r.l. via Gilino,

Dettagli

Contribution of Emission Sources on the Air quality of the POrt-cities in Greece and Italy CESAPO

Contribution of Emission Sources on the Air quality of the POrt-cities in Greece and Italy CESAPO Contribution of Emission Sources on the Air quality of the POrt-cities in Greece and Italy CESAPO Le attività svolte dai tre partners italiani del progetto CESAPO, l Istituto di Scienze dell Atmosfera

Dettagli

ANALISI DELL'IMPATTO DEL TRAFFICO VEICOLARE SULLA QUALITÀ DELL'ARIA IN UN AGGLOMERATO URBANO DI PICCOLE DIMENSIONI

ANALISI DELL'IMPATTO DEL TRAFFICO VEICOLARE SULLA QUALITÀ DELL'ARIA IN UN AGGLOMERATO URBANO DI PICCOLE DIMENSIONI 8 Congresso Nazionale CIRIAF Perugia, 5 aprile 2008 ANALISI DELL'IMPATTO DEL TRAFFICO VEICOLARE SULLA QUALITÀ DELL'ARIA IN UN AGGLOMERATO URBANO DI PICCOLE DIMENSIONI Rossella Prandi A. Bertello, E. Bracco,

Dettagli

Relazione previsionale di impatto atmosferico Committente: Solenergia Srl

Relazione previsionale di impatto atmosferico Committente: Solenergia Srl SOMMARIO 1 Premessa...3 2 Inquadramento dell area ed elaborazione dei dati orografici...5 3 Caratterizzazione meteorologica dell area ed elabo-razione dei dati meteo...8 4 Situazione di progetto... 12

Dettagli

CAPITOLO 4. LA GRIGLIA DEL VALORE ECONOMICO

CAPITOLO 4. LA GRIGLIA DEL VALORE ECONOMICO CAPITOLO 4. LA GRIGLIA DEL VALORE ECONOMICO INDICE CAPITOLO 4. LA GRIGLIA DEL VALORE ECONOMICO... 1 1. LA GRIGLIA DEL VALORE ECONOMICO... 3 1.1 METODOLOGIA DI ANALISI... 3 1.2 LE COMPONENTI DELLA GRIGLIA

Dettagli

Emissioni dei veicoli in autostrada e simulazione dell impatto sulla qualità dell aria nell area metropolitana bresciana

Emissioni dei veicoli in autostrada e simulazione dell impatto sulla qualità dell aria nell area metropolitana bresciana Contratto di Ricerca tra Comune di Brescia e Dipartimento di Elettronica per l Automazione (Università degli Studi di Brescia) Responsabile scientifico: prof. Giovanna Finzi Emissioni dei veicoli in autostrada

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Giornate di Orientamento Unica Open Day 2009

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Giornate di Orientamento Unica Open Day 2009 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Giornate di Orientamento Unica Open Day 009 Test di accesso/verifica della preparazione iniziale Facoltà di ECONOMIA L Era Moderna che viviamo attualmente da un centinaio

Dettagli

FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile, PhD Direttore del Corpo Nazionale dei Vigili Del Fuoco

FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile, PhD Direttore del Corpo Nazionale dei Vigili Del Fuoco DIPARIMENTO DEI VIGLI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVULE Ordine degli Ingegneri Provincia di Latina FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile,

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE

LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI ED ELIPORTUALI LECTURE 08 METEOROLOGIA NELLA PROGETTAZIONE

Dettagli

PROVINCIA DI RAVENNA (Con la collaborazione di ARPA - SIMC)

PROVINCIA DI RAVENNA (Con la collaborazione di ARPA - SIMC) laborazione dati della qualità dell aria Provincia di Ravenna - Rapporto 213 3 - L ONIZIONI MTOROLOGIH NL TRRITORIO LL PROVINI I RVNN (on la collaborazione di RP - SIM) 3.1 - Gli indicatori meteorologici

Dettagli

Modellazione delle emissioni in atmosfera della centrale termoelettrica Tirreno Power S.p.A. di Vado Ligure: stato dell'attività.

Modellazione delle emissioni in atmosfera della centrale termoelettrica Tirreno Power S.p.A. di Vado Ligure: stato dell'attività. Modellazione delle emissioni in atmosfera della centrale termoelettrica Tirreno Power S.p.A. di Vado Ligure: stato dell'attività. La prima catena modellistica: SAFE_AIR II Nell'ambito di un progetto di

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

Attività di monitoraggio della qualità dell aria effettuato da ARPA FVG nel Comune di Cormons Gennaio Aprile 2014

Attività di monitoraggio della qualità dell aria effettuato da ARPA FVG nel Comune di Cormons Gennaio Aprile 2014 Attività di monitoraggio della qualità dell aria effettuato da ARPA FVG nel Comune di Cormons Gennaio Aprile 2014 Cormons, 27 marzo 2015 La normativa sulla qualità dell ambiente Decreto legislativo. n.

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Comune di Noale Via S. Andrea e via Cerva Periodo di attuazione: 11 gennaio 11 febbraio 2014 13 febbraio 16 marzo 2014 RELAZIONE TECNICA INDICE 1. Introduzione

Dettagli

Impatto sulla qualità dell'aria della centrale elettrica a biomasse di Bazzano: valutazione modellistica e suggerimenti per un sito di monitoraggio

Impatto sulla qualità dell'aria della centrale elettrica a biomasse di Bazzano: valutazione modellistica e suggerimenti per un sito di monitoraggio Impatto sulla qualità dell'aria della centrale elettrica a biomasse di Bazzano: valutazione modellistica e suggerimenti per un sito di monitoraggio Gabriele Curci 1, Paolo Tuccella 1, Giovanni Cinque 2,

Dettagli

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Lucera ( FG )

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Lucera ( FG ) Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE AMBIENTALE Sito di monitoraggio: Lucera ( FG ) Periodo di osservazione: 5/2/21-11/3/21

Dettagli

[ ] [ ] 5.2. Statistiche descrittive

[ ] [ ] 5.2. Statistiche descrittive traffico nei tratti stradali limitrofi (deficienza non trascurabile data la fitta tessitura che caratterizza la rete stradale mestrina). I dati ottenuti, però, possono fornire una stima del fenomeno ed

Dettagli

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10 5.1 Introduzione Tra gli interventi finanziati dalla Regione Emilia Romagna per il 2004, ai fini della messa a punto di strumenti conoscitivi utili per

Dettagli

Monitoraggio della qualità dell aria nei Comuni di Vedelago e Riese Pio X, in relazione alla ditta Mepol srl di Riese Pio X RELAZIONE TECNICA

Monitoraggio della qualità dell aria nei Comuni di Vedelago e Riese Pio X, in relazione alla ditta Mepol srl di Riese Pio X RELAZIONE TECNICA Treviso 27/03/2015 Monitoraggio della qualità dell aria nei, in relazione alla ditta Mepol srl di Riese Pio X Gli inquinanti ricercati RELAZIONE TECNICA La problematica relativa agli odori, purtroppo sempre

Dettagli

Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta

Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta Il clima delle Alpi Il clima della Valle d Aosta Precipitazioni durante l alluvione del 2000 Temperature estreme registrate in Valle d Aosta Il ruolo delle montagne

Dettagli

Modelli per la simulazione dell inquinamento atmosferico da traffico

Modelli per la simulazione dell inquinamento atmosferico da traffico Modelli per la simulazione dell inquinamento atmosferico da traffico VEICOLI, CONDIZIONI DI DEFLUSSO EMISSIONE INQUINANTI FATTORI METEOROLOGICI, TURBOLENZA DOVUTA AL TRAFFICO DISPERSIONE INQUINANTI CONCENTRAZIONE

Dettagli

Maind S.r.l Milano P.za L. Da Vinci, 7 20133 Milano C.F. e P.IVA 09596850157 Informazioni: info@maindsupport.it. LandUse.

Maind S.r.l Milano P.za L. Da Vinci, 7 20133 Milano C.F. e P.IVA 09596850157 Informazioni: info@maindsupport.it. LandUse. Maind S.r.l Milano P.za L. Da Vinci, 7 20133 Milano C.F. e P.IVA 09596850157 Informazioni: info@maindsupport.it LandUse Manuale utente Aggiornamento 15/02/2013 Sommario 1. Introduzione... 3 2. Requisiti

Dettagli

Progetto SESPIR - Sorveglianza epidemiologica sullo stato di salute della popolazione residente intorno agli impianti di trattamento rifiuti

Progetto SESPIR - Sorveglianza epidemiologica sullo stato di salute della popolazione residente intorno agli impianti di trattamento rifiuti Progetto SESPIR - Sorveglianza epidemiologica sullo stato di salute della popolazione residente intorno agli impianti di trattamento rifiuti ALLEGATO 9 Descrizione attività svolte dal Dipartimento di Epidemiologia

Dettagli

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ. tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ. tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ Radarmeteo srl a socio unico Via Mezzavia, 115/5 35020 Due Carrare (PD) Italia tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com

Dettagli

Sezione Provinciale di Bologna Via F. Rocchi, 19 40138 Bologna Tel. 051 396211 Fax 051 342642 PEC: aoobo@cert.arpa.emr.it e-mail: sezbo@arpa.emr.

Sezione Provinciale di Bologna Via F. Rocchi, 19 40138 Bologna Tel. 051 396211 Fax 051 342642 PEC: aoobo@cert.arpa.emr.it e-mail: sezbo@arpa.emr. Sezione Provinciale di Bologna Via F. Rocchi, 19 40138 Bologna Tel. 051 396211 Fax 051 342642 PEC: aoobo@cert.arpa.emr.it e-mail: sezbo@arpa.emr.it Servizio Sistemi Ambientali Bologna Area Monitoraggio

Dettagli

GidasADM (Calcolo e monitoraggio della diffusione degli odori) Manuale utente

GidasADM (Calcolo e monitoraggio della diffusione degli odori) Manuale utente GidasADM (Calcolo e monitoraggio della diffusione degli odori) Manuale utente Aggiornamento 20/05/2013 Cod. SWUM_01029_it Sommario 1. Introduzione... 3 1.1. Il modello di calcolo applicato... 3 2. Requisiti

Dettagli

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica Corso di laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Fisica dell Atmosfera e del Clima Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Dettagli

MISURE DI VELOCITA OTTICHE

MISURE DI VELOCITA OTTICHE MISURE DI VELOCITA OTTICHE SOMMARIO VISUALIZZAZIONI ANALISI DI IMMAGINI 1) METODO DELLA SOGLIA 2) PARTICLE TRACKING VELOCIMETRY (PTV) 3) PARTICLE IMAGE VELOCIMETRY (PIV) 2 VISUALIZZAZIONI 1. INIEZIONE

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

2 ESPOSIZIONE AL RUMORE URBANO GENERATO DAL TRAFFICO STRADALE PER LA CITTA DI VERONA

2 ESPOSIZIONE AL RUMORE URBANO GENERATO DAL TRAFFICO STRADALE PER LA CITTA DI VERONA 2 ESPOSIZIONE AL RUMORE URBANO GENERATO DAL TRAFFICO STRADALE PER LA CITTA DI VERONA 2.1 Presentazione La conoscenza dei livelli di rumore che caratterizzano un determinato territorio costituisce un passo

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO Allegato A2.11 ANALISI DELLE POTENZIALITA DI SVILUPPO DI PRODUZIONE EOLICA Riferimento al capitolo 3.3 della Relazione di sintesi PEAP GR A cura

Dettagli

Tecnologia degli impianti di aspirazione e ventilazione Tipologie di sorgenti e variabili di progetto

Tecnologia degli impianti di aspirazione e ventilazione Tipologie di sorgenti e variabili di progetto Tecnologia degli impianti di aspirazione e ventilazione di Renato Rota - Politecnico di Milano Dipartimento di Chimica, Materiali e Ingegneria chimica G. Natta Tra le numerose postazioni presenti negli

Dettagli

Un analisi di dettaglio della qualità dell aria in provincia di Torino

Un analisi di dettaglio della qualità dell aria in provincia di Torino Un analisi di dettaglio della qualità dell aria in provincia di Torino Antonella Pannocchia Arpa Piemonte La provincia di Torino nel contesto territoriale della pianura padana La provincia di Torino è

Dettagli

Evoluzione della rete Regionale di monitoraggio e analisi dei dati delle polveri nel periodo 2005-2010. M. Angelucci, G. Marchetti Arpa Umbria

Evoluzione della rete Regionale di monitoraggio e analisi dei dati delle polveri nel periodo 2005-2010. M. Angelucci, G. Marchetti Arpa Umbria Evoluzione della rete Regionale di monitoraggio e analisi dei dati delle polveri nel periodo 2005-2010 M. Angelucci, G. Marchetti Arpa Umbria Qualità dell Aria Inventario delle emissioni Inventario delle

Dettagli

SCENARIO ESPLORATIVO DOMENICHE A PIEDI

SCENARIO ESPLORATIVO DOMENICHE A PIEDI MISURE DI RIDUZIONE DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO SCENARIO ESPLORATIVO DOMENICHE A PIEDI Elementi di sintesi ARPA PIEMONTE DIPARTIMENTO TEMATICO SISTEMI PREVISIONALI - Struttura Semplice Qualità dell Aria

Dettagli

Ottobre 2014. Il Clima in Piemonte. Arpa Piemonte Sistemi Previsionali

Ottobre 2014. Il Clima in Piemonte. Arpa Piemonte Sistemi Previsionali Il Clima in Piemonte Ottobre 2014 In Piemonte il mese di Ottobre 2014 è stato caratterizzato da temperature superiori alla norma e precipitazioni inferiori alla climatologia del periodo 1971-2000. E risultato

Dettagli

LA RESTITUZIONE DEI DATI AMBIENTALI: DALLA VERSIONE INTEGRALE ALLA CONSULTAZIONE TELEMATICA

LA RESTITUZIONE DEI DATI AMBIENTALI: DALLA VERSIONE INTEGRALE ALLA CONSULTAZIONE TELEMATICA LA RESTITUZIONE DEI DATI AMBIENTALI: DALLA VERSIONE INTEGRALE ALLA CONSULTAZIONE TELEMATICA Ing. Sergio Marino Direttore Generale ARPA Sicilia Ogni Ente Pubblico deve garantire il diritto d accesso, la

Dettagli

ITM srl - Informatica Telematica Meridionale

ITM srl - Informatica Telematica Meridionale ITM srl - Informatica Telematica Meridionale Programma Operativo Regionale (POR) Misura 3.17 ITM 474925 Sistema Informatico, di supporto per la valutazione dell impatto ambientale preventivo sulla qualità

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

INQUINAMENTO ACUSTICO

INQUINAMENTO ACUSTICO Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria INQUINAMENTO ACUSTICO Ing. Giorgio Baldinelli RIFERIMENTI NORMATIVI NAZIONALI: D.P.C.M. 01/03/91 Limiti massimi di esposizione al rumore negli ambienti

Dettagli

ANPA. Agenzia Nazionale per la Protezione dell'ambiente

ANPA. Agenzia Nazionale per la Protezione dell'ambiente ANPA Agenzia Nazionale per la Protezione dell'ambiente LINEE GUIDA PER LA SELEZIONE E L'APPLICAZIONE DEI MODELLI DI DISPERSIONE ATMOSFERICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA RTI CTN_ACE 4/2001

Dettagli

ATTIVITA 5 Modellistica

ATTIVITA 5 Modellistica ATTIVITA 5 Modellistica qualità dell aria Giuseppe Maffeis Giampiero Malvasi consulenti ARPAV-ORAR ATTIVITA' 1 Stima delle emissioni in atmosfera ATTIVITA' 5 Modellistica qualità dell'aria ATTIVITA' 4

Dettagli

7 LA RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA

7 LA RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA 7 LA RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA 7.1 LA RETE REGIONALE ESISTENTE La Regione Emilia Romagna ha iniziato le attività di rilevamento sistematico della qualità dell aria nella prima metà degli

Dettagli

Figura 1. Approccio sistemico per l applicazione modellistica. Inquadramento Socio-economico. Caratterizzazione orografica

Figura 1. Approccio sistemico per l applicazione modellistica. Inquadramento Socio-economico. Caratterizzazione orografica APPLICAZIONE DI UN MODELLO GAUSSIANO IBRIDO AD UN SITO INDUSTRIALE CARATTERIZZATO DA OROGRAFIA COMPLESSA. Bruno Bove, Anna Maria Crisci, Lucia Mangiamele, Mario Scarciolla, Lucilla Ticconi Italia Agenzia

Dettagli

6.5. Risultati simulazioni sistema rifiuti e riscaldamento

6.5. Risultati simulazioni sistema rifiuti e riscaldamento Capitolo 6 Risultati pag. 301 6.5. Risultati simulazioni sistema rifiuti e riscaldamento Come già detto nel paragrafo 5.8, i risultati riportati in questo paragrafo fanno riferimento alle concentrazione

Dettagli

Cooperazione transfrontaliera INTERREG Italia / Francia

Cooperazione transfrontaliera INTERREG Italia / Francia Cooperazione transfrontaliera INTERREG Italia / Francia Contesto storico Il Programma ALCOTRA 2007-2013 Nell'ambito dell'obiettivo Cooperazione Territoriale 2007-2013 la Commissione europea ha approvato,

Dettagli

Impianto di compostaggio: applicazione del modello di dispersione dell odore. Cireddu-Barbato

Impianto di compostaggio: applicazione del modello di dispersione dell odore. Cireddu-Barbato Impianto di compostaggio: applicazione del modello di dispersione dell odore Cireddu-Barbato Ruolo della modellista nella valutazione Cos è un modello degli impatti odorigeni Modelli matematici: Deterministici:

Dettagli

Campagna di monitoraggio di Meina Verifica effetto del provvedimento di Deviazione traffico pesante (5 agosto 29 settembre 2008)

Campagna di monitoraggio di Meina Verifica effetto del provvedimento di Deviazione traffico pesante (5 agosto 29 settembre 2008) STRUTTURA COMPLESSA 11 DIPARTIMENTO DI NOVARA Struttura Semplice SS 11.2 Campagna di monitoraggio di Meina Verifica effetto del provvedimento di Deviazione traffico pesante (5 agosto 29 settembre 28) Redazione

Dettagli

Capitolo 4 QUADRO CONOSCITIVO E SISTEMA DI MONITORAGGIO

Capitolo 4 QUADRO CONOSCITIVO E SISTEMA DI MONITORAGGIO Capitolo 4 QUADRO CONOSCITIVO E SISTEMA DI MONITORAGGIO Presentazione Il capitolo riprende in modo organico gli aspetti metodologici e procedurali affrontati nel corso del lavoro con l obiettivo di definire

Dettagli

Considerazioni tecniche in merito alla formazione e alla presenza degli inquinanti atmosferici nel centro storico di Bologna

Considerazioni tecniche in merito alla formazione e alla presenza degli inquinanti atmosferici nel centro storico di Bologna Considerazioni tecniche in merito alla formazione e alla presenza degli inquinanti atmosferici nel centro storico di Bologna Il traffico veicolare è responsabile di circa il 50% del PM10 totale (primario

Dettagli

La scuola integra culture. Scheda3c

La scuola integra culture. Scheda3c Scheda3c Gli ELEMENTI DEL CLIMA che caratterizzano le condizioni meteorologiche di una regione sono: la temperatura, la pressione atmosferica, i venti, l umidità e le precipitazioni. La temperatura è data

Dettagli

Modelli meteorologici

Modelli meteorologici Fondamenti di meteorologia e climatologia Cenni storici Vilhelm Bjerknes (1904): L evoluzione degli stati atmosferici é controllata da leggi fisiche, quindi condizioni necessarie e sufficienti per risolvere

Dettagli

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DI BRESCIA

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DI BRESCIA VAUTAZIONE AMBIENTAE STRATEGICA DE PIANO DI GOVERNO DE TERRITORIO DI BRESCIA Committente Comune di Brescia Determinazione n. 2896 del 15/10/2007 Periodo 2007 2008 Tipologia di studio Valutazione Ambientale

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Corso di TRASPORTI E TERRITORIO. Prof. Ing. Agostino Nuzzolo

Corso di TRASPORTI E TERRITORIO. Prof. Ing. Agostino Nuzzolo Corso di TRASPORTI E TERRITORIO Prof. Ing. Agostino Nuzzolo Costi Esterni corso di Trasporti e Territorio 2 1 Componenti delle emissioni Principali componenti delle emissioni dei veicoli con motore a combustione

Dettagli

Modelli di dispersione

Modelli di dispersione Modelli di dispersione Cristina Mangia ISAC-CNR c.mangia@isac.cnr.it 0832 298 817 Commessa CNR TA.P05.018. Processi di trasporto turbolento e dispersione in atmosfera per la qualità dell'aria e il clima:

Dettagli

Traffico Nel seguente paragrafo si analizzano le problematiche attinenti al sistema della viabilità analizzando la rete infrastrutturale in cui è

Traffico Nel seguente paragrafo si analizzano le problematiche attinenti al sistema della viabilità analizzando la rete infrastrutturale in cui è Traffico Nel seguente paragrafo si analizzano le problematiche attinenti al sistema della viabilità analizzando la rete infrastrutturale in cui è inserita l area di trasformazione. L accesso all area avviene

Dettagli

Il progetto APICE. Verso la mitigazione dell inquinamento atmosferico prodotto da attività portuali a Genova. e in altre città del Mediterraneo.

Il progetto APICE. Verso la mitigazione dell inquinamento atmosferico prodotto da attività portuali a Genova. e in altre città del Mediterraneo. Il progetto APICE. Verso la mitigazione dell inquinamento atmosferico prodotto da attività portuali a Genova e in altre città del Mediterraneo. Il progetto APICE. Verso la mitigazione dell inquinamento

Dettagli

UTILIZZO DELLA MODELLISTICA PER L INSTALLAZIONE DI BARRIERE ACUSTICHE AUTOSTRADALI

UTILIZZO DELLA MODELLISTICA PER L INSTALLAZIONE DI BARRIERE ACUSTICHE AUTOSTRADALI UTILIZZO DELLA MODELLISTICA PER L INSTALLAZIONE DI BARRIERE ACUSTICHE AUTOSTRADALI Simulare conviene! I modelli ambientali strumento di previsione e pianificazione SESSIONE RUMORE D.ssa Barbieri Cinzia,

Dettagli

4 Azioni sulle costruzioni

4 Azioni sulle costruzioni 4 Azioni sulle costruzioni Classificazione delle azioni 1/2 Si definisce azione ogni causa o insieme di cause capace di indurre stati limite in una struttura. Si definisce sollecitazione ogni effetto interno

Dettagli

LINEA GUIDA PER L INDIVIDUAZIONE DELLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA' DELL ARIA (D.Lgs. 155/2010)

LINEA GUIDA PER L INDIVIDUAZIONE DELLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA' DELL ARIA (D.Lgs. 155/2010) LINEA GUIDA PER L INDIVIDUAZIONE DELLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA' DELL ARIA (D.Lgs. 155/21) Gruppo di lavoro costituito nell ambito del Coordinamento ex art. 2 del d.lgs. 155/21 (nota Prot. DVA-211-4178

Dettagli

Valutazione comparativa delle tecnologie di termovalorizzazione dei rifiuti urbani attraverso l incenerimento diretto o dopo trasformazione in CDR

Valutazione comparativa delle tecnologie di termovalorizzazione dei rifiuti urbani attraverso l incenerimento diretto o dopo trasformazione in CDR Valutazione comparativa delle tecnologie di termovalorizzazione dei rifiuti urbani attraverso l incenerimento diretto o dopo trasformazione in CDR Angelo Bonomi Consulente ambientale Verbania (VB) angelo.bonomi2@tin.it

Dettagli

Il geopotenziale, significato e suo uso nelle carte meteorologiche

Il geopotenziale, significato e suo uso nelle carte meteorologiche Il geopotenziale, significato e suo uso nelle carte meteorologiche A cura di Fabio Turetti Leggiamo spesso nelle previsioni e in articoli di meteorologia il termine geopotenziale. Vediamo di chiarire un

Dettagli

IMPIANTI di RISCALDAMENTO

IMPIANTI di RISCALDAMENTO ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI Di Vittorio Docente: GILBERTO GENOVESE IMPIANTI di RISCALDAMENTO Carico termico invernale Anno Scolastico 2008-2009 CORSO: Impianti CONTENUTI: Sistema clima impianto - edificio

Dettagli

16 APRILE 2014 SEMINARIO TECNICO EMISSIONI ODORIGENE IMPIANTO DI COMPOSTAGGIO: APPLICAZIONE DEL MODELLO DI DISPERSIONE DELL ODORE

16 APRILE 2014 SEMINARIO TECNICO EMISSIONI ODORIGENE IMPIANTO DI COMPOSTAGGIO: APPLICAZIONE DEL MODELLO DI DISPERSIONE DELL ODORE 16 APRILE 2014 SEMINARIO TECNICO EMISSIONI ODORIGENE IMPIANTO DI COMPOSTAGGIO: APPLICAZIONE DEL MODELLO DI DISPERSIONE DELL ODORE Ing. Elena Barbato Dott. Giacomo Cireddu RUOLO DELLA MODELLISTICA NELLA

Dettagli

TITOLO Programma di previsione MITHRA: principi di calcolo ed applicazione al caso di un tratto di tangenziale nell area Nord Est di Padova

TITOLO Programma di previsione MITHRA: principi di calcolo ed applicazione al caso di un tratto di tangenziale nell area Nord Est di Padova TITOLO Programma di previsione MITHRA: principi di calcolo ed applicazione al caso di un tratto di tangenziale nell area Nord Est di Padova Amadasi G. (1), Mossa G. (1), Riva D. (1) 1) S.C.S. controlli

Dettagli

Relazione di fine tirocinio

Relazione di fine tirocinio Relazione di fine tirocinio Tirocinante: Gianluca Gallone matricola: 281507 Tutor universitario: Prof. Roberto De Lieto Vollaro Toutor Aziendale: Prof. Andrea Vallati AA 2013/2014 1 2 Indice 1 Introduzione...5

Dettagli

EED Sonde Geotermiche

EED Sonde Geotermiche EED Sonde Geotermiche EED è un software per il calcolo delle sonde geotermiche verticali - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Dettagli

Caratteristiche degli impianti di aspirazione a servizio delle lavorazioni del legno

Caratteristiche degli impianti di aspirazione a servizio delle lavorazioni del legno La salute negli ambienti di lavoro Caratteristiche degli impianti di aspirazione a servizio delle lavorazioni del legno Servizio di Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro ASS6 Friuli Occidentale

Dettagli

Applicazione del modello ADMS URBAN a Ferrara

Applicazione del modello ADMS URBAN a Ferrara SCHEDA SOURCE - Dominio INPUT = 15 X 12 km, OUTPUT = 13 X 10 Km SORGENTE GRIGLIA PARAMETRI: georef.. Celle 250mX250m (ArcView( ArcView), h griglia (m), emissioni (t/a) La sorgente griglia contiene la sommatoria

Dettagli

3. Igiene del lavoro 6. Impianti di ventilazione e aspirazione localizzata

3. Igiene del lavoro 6. Impianti di ventilazione e aspirazione localizzata Depuratore dell aria (Filtro) Dispositivo destinato a trattenere gli inquinanti trasportati dal fluido. Ha lo scopo di abbattere i materiali trasportati dall aria aspirata sotto forma sia di particolato

Dettagli

DI COSA ABBIAMO PARLATO:

DI COSA ABBIAMO PARLATO: Giovedì 27 novembre 2014 (1 C) siamo andati alla centralina dell A.R.P.A. in via Giovanni XXIII, Borgo S.Dalmazzo, (che verrà chiusa a fine dicembre) accompagnati dalle prof Bagnus (matematica e scienze)

Dettagli

CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE 514 CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE 515 Conclusioni Le Considerazioni conclusive sulla Fase 2 della VIS possono essere sintetizzate in tre punti: 1. La seconda fase dopo lo screening ha approfondito in primo

Dettagli