PROGRAMMA DI COOPERAZIONE ALCOTRA PROGETTO STRATEGICO AERA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA DI COOPERAZIONE ALCOTRA PROGETTO STRATEGICO AERA"

Transcript

1 PROGRAMMA DI COOPERAZIONE ALCOTRA PROGETTO STRATEGICO AERA AZIONE 2.3 ANALISI DEI MODELLI ESISTENTI PER LO STUDIO DELLA QUALITÀ DELL ARIA

2

3 SINTESI L azione 2.3 del progetto strategico AERA, intitolata «Analisi dei modelli esistenti per lo studio della qualità dell aria» è stata condotta dalla Regione Rhône-Alpes. Questa azione, il cui obiettivo era attuare un protocollo metodologico e organizzativo tra i vari partner sugli strumenti di modellizzazione della qualità dell aria già esistenti all interno delle diverse reti di monitoraggio, ha consentito di raccogliere informazioni sulla climatologia e la meteorologia delle regioni partecipanti a questo programma di cooperazione italo-francese. Il questionario, elaborato a cura della Regione Rhône-Alpes, e compilato successivamente da tutti i partner, ha permesso di stilare un elenco completo delle pratiche di modellizzazione della qualità dell aria nei vari territori: per l Italia, le regioni Liguria, Piemonte e Valle d Aosta, e per la Francia, le regioni Rhône-Alpes e Provence-Alpes-Côte d Azur (PACA). Il questionario ha consentito di evidenziare che le regioni Rhône-Alpes, PACA, Piemonte e Valle d Aosta utilizzano già strumenti di modellizzazione, mentre nella regione Liguria il loro uso è ancora limitato. L analisi dei dati raccolti attraverso i questionari ha permesso di individuare alcune caratteristiche: Solo le regioni italiane del Piemonte e della Valle d Aosta utilizzano modellizzazioni industriali basate su software di tipo SPRAY. La modellizzazione urbana (modelli SIRANE, SPRAY e ADMS Urban) viene utilizzata da tutte le regioni, tranne dalla regione Liguria. Solo le regioni Rhône-Alpes, PACA e Piemonte ricorrono alla modellizzazione regionale (modelli CHIMERE e FARM). Le schede metodologiche sulle diverse modellizzazioni sono state elaborate allo scopo di fornire elementi di miglioramento ai partner del progetto che desiderano dotarsi di strumenti di modellizzazione della qualità dell aria o migliorare gli strumenti esistenti. Questo inventario sarà utilizzato allo scopo di orientare l azione 3.3, intitolata «Modellizzazione per la valutazione della qualità dell aria», il cui obiettivo è sviluppare un modello regionale in tutta l area Alcotra e migliorare gli strumenti di modellizzazione esistenti. 1

4 INDICE SINTESI...1 INDICE ANALISI DELLE PECULIARITÀ REGIONALI CON UN IMPATTO SULLA MODELLIZZAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA PROBLEMATICA SUL TERRITORIO ALCOTRA TERRITORIO IN ESAME ANALISI DELLE SPECIFICITÀ GEOGRAFICHE TIPOLOGIE REGIONALI E MODELLI PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA REGIONI LITORANEE REGIONI MONTUOSE E VALLATE ALPINE REGIONI PIANEGGIANTI AGGLOMERATI URBANI CONCLUSIONE SCHEDA METODOLOGICA: LA MODELLIZZAZIONE INDUSTRIALE PROBLEMATICA SITUAZIONE INIZIALE GLI AGENTI INQUINANTI CONSIDERATI I DATI DI INPUT LE SORGENTI IL SITO E LA METEOROLOGIA I SOFTWARE DISPONIBILI MODELLO GAUSSIANO MODELLI EULERIANI 3D I MODELLI LAGRANGIANI CONCLUSIONI SCHEDA METODOLOGICA: LA MODELLIZZAZIONE URBANA INTRODUZIONE SOFTWARE INSTALLATI NELL AREA ALCOTRA AREA URBANA E INQUINAMENTO COSTITUZIONE DI UNA RETE STRADALE PER I MODELLI URBANI PRESA IN CONSIDERAZIONE DELL EDIFICATO URBANO I MODELLI DI DISPERSIONE IL MODELLO ARIA-IMPACT IL MODELLO ADMS URBAN IL MODELLO SIRANE LE EMISSIONI STRADALI DATI METEOROLOGICI DATI NECESSARI E SUFFICIENTI MISURE E/O OUTPUT DEI MODELLI COSTITUZIONE DI UNA RETE DI TRAFFICO E DEFINIZIONE DEI DATI CONNESSI DATI DI CONTEGGIO RICOSTITUZIONE TEMPORALE DEI FLUSSI DI TRAFFICO...25 METODO DELLE ANNESSIONI CONTEGGI PRECEDENTI

5 - OUTPUT DEI MODELLI DISGREGAZIONE ORARIA DEI FLUSSI DI TRAFFICO CONVALIDA DEI RISULTATI CRITERI DI ACCETTAZIONE DEGLI SCORE: REQUISITI E VALORI GUIDA CONFRONTO MISURA/MODELLO SU UNA GRIGLIA DI RICETTORI FASE DI IMPLEMENTAZIONE E FASE OPERATIVA FASE DI IMPLEMENTAZIONE PROCEDURA RELATIVA ALLA FASE OPERATIVA CONCLUSIONE SCHEDA METODOLOGICA: LA MODELLIZZAZIONE REGIONALE INTRODUZIONE SITUAZIONE NELL AREA ALCOTRA INFLUENZE ANTROPICHE L ESSENZIALE PER UNA MODELLIZZAZIONE REGIONALE RACCOMANDAZIONI PER LE MODELLIZZAZIONI METEOROLOGICHE LE GRIGLIE DI CALCOLO ESTENSIONE DELLE GRIGLIE SCELTA DELLA RISOLUZIONE RISOLUZIONE VERTICALE SCELTA DELLE CONFIGURAZIONI IN WRF ASSIMILAZIONE DI DATI METEOROLOGICI UTILIZZO DELLO SCHEMA DI CANOPEA URBANA IMPLEMENTAZIONE DI UN PASSO DI TEMPO AUTOADATTATIVO DESCRIZIONE IMPATTO SUGLI OUTPUT RACCOMANDAZIONI PER LE MODELLIZZAZIONI CHIMICHE DETERMINAZIONE DELLE GRIGLIE DI CALCOLO ESTENSIONE DELLE GRIGLIE SCELTA DELLA RISOLUZIONE RISOLUZIONE VERTICALE SCELTA DELLE CONDIZIONI AL CONTORNO CONDIZIONI AL CONTORNO CHIMICHE PER LE SCALE REGIONALI CONDIZIONI AL CONTORNO CHIMICHE PER LA SCALA NAZIONALE O CONTINENTALE CATASTO DELLE EMISSIONI VALUTAZIONE, CALCOLO DEGLI SCORE E CONVALIDA INDICATORI DA CALCOLARE DIRETTIVE EUROPEE ALTRI INDICATORI CONCLUSIONE CONCLUSIONE GENERALE

6 1 ANALISI DELLE PECULIARITÀ REGIONALI CON UN IMPATTO SULLA MODELLIZZAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA Le specificità geografiche di una regione rappresentano i principali elementi determinanti della qualità dell aria. La modellizzazione di tutti i fenomeni fisico-chimici che disciplinano la troposfera risulta impossibile, perché tutti questi fenomeni non sono ancora noti con precisione e il tempo di calcolo ad una risoluzione spaziale accettabile risulterebbe smisurato. È quindi opportuno trascurare alcuni fenomeni meteorologici per alcune scale o utilizzare parametrizzazioni. Per altre scale spaziali, invece, alcuni fenomeni diventano preponderanti nell evoluzione delle masse d aria ed dunque è opportuno renderli con precisione. È quindi necessario procedere ad un inventario delle specificità locali che disciplinano la fisicochimica della massa d aria sul territorio Alcotra, allo scopo di scegliere e adattare al meglio i modelli per ottenere il miglior compromesso possibile tra precisione del risultato e tempi di calcolo. 1.1 PROBLEMATICA SUL TERRITORIO ALCOTRA Territorio in esame Il progetto Alcotra AERA copre tutta l area alpina di confine tra la Francia e l Italia. Più precisamente, sono interessate tre regioni italiane (Valle d Aosta, Piemonte, Liguria) e due regioni francesi (Rhône-Alpes, Provence-Alpes-Côte d'azur). Figura1. Cartina dell area Alcotra centrale (grigio scuro) e di tutte le regioni Alcotra interessate (grigio chiaro) Legenda: Dipartimenti e provincie ammissibili Confine 4

7 La Figura1. Cartina dell area Alcotra centrale (grigio scuro) e di tutte le regioni Alcotra interessate (grigio chiaro) Legenda: Dipartimenti e provincie ammissibili Confine distingue l area Alcotra centrale dalle aree adiacenti. L area Alcotra centrale copre: la Regione Autonoma della Valle d Aosta; le Provincie di Torino e Cuneo (per il Piemonte); la Provincia d Imperia (per la Liguria); i Dipartimenti della Savoia e dell Alta Savoia (per Rhône-Alpes); i Dipartimenti delle Alte Alpi, delle Alpi d Alta Provenza e delle Alpi Marittime (per Provence-Alpes-Côte d'azur). Nell ambito della presente relazione sulla modellizzazione della qualità dell aria, prenderemo in esame l intero territorio occupato dalle regioni partecipanti al progetto AERA, vale a dire l area centrale e le aree adiacenti Alcotra. Quest area sarà denominata «area Alcotra» Analisi delle specificità geografiche Come indicato sulla cartina della figura 2, l area oggetto dello studio Alcotra è molto eterogenea dal punto di vista dell uso del suolo. L'arco alpino si trova al centro del territorio, con zone boschive ai piedi della catena montuosa, sia sul versante italiano che su quello francese. Ad est e ad ovest del territorio si estendono le pianure in cui si trovano le aree maggiormente urbanizzate. I grandi centri urbani sono circondati da terreni coltivati. 5

8 Rhône-Alpes Val d Aosta Piemonte Liguria PACA Figura2. Occupazione del territorio nell area Alcotra (dati CORINE Land Cover) Legenda: Acqua Palude Ghiacciaio Terreno montuoso Terreno di media altitudine Aree boschive Aree coltivate Centri urbani Da un punto di vista della modellizzazione della qualità dell aria, si distinguono 4 tipologie di regioni, in particolare: Le regioni litoranee (es.: regione Liguria, costa mediterranea della regione PACA); Le regioni montuose: le vallate alpine (es.: vallata della Valle d Aosta, vallata della Maurienne); Le regioni pianeggianti (es.: pianura del Po, valle del Rodano); Il territorio urbano (es.: città di Lione, Torino, Marsiglia). La parte che segue fornisce una descrizione di queste 4 tipologie di territorio. 6

9 1.2 TIPOLOGIE REGIONALI E MODELLI PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA Nella parte che segue, sono descritte le 4 regioni identificate per la modellizzazione della qualità dell aria. A ciascuna tipologia corrispondono tecniche di modellizzazione specifiche Regioni litoranee La presenza del mar Mediterraneo modifica le condizioni di dispersione dell inquinamento atmosferico rispetto alle condizioni meteorologiche sinottiche, vale a dire alle condizioni generali di circolazione delle masse d aria. Le condizioni anticicloniche impediscono che si installino queste situazioni sinottiche, lasciando il posto a fenomeni meteorologici più locali (regimi di brezze di terra, di mare, di lago). Queste brezze sono favorevoli alla comparsa di picchi d inquinamento, secondo processi di ricircolo delle masse d aria. Formazione della brezza marina Formazione della brezza terrestre Queste regioni possono anche essere soggette ai seguenti fenomeni: Foschie costiere, Altezza dello strato limite elevata/bassa, in funzione dell ora, Venti sinottici regionali che permettono una buona dispersione. La modellizzazione di queste aree dovrà prendere in considerazione in modo preciso la meteorologia locale per descrivere correttamente le diverse masse d aria in gioco e le altezze dello strato limite che possono variare rapidamente. La descrizione dell occupazione del territorio (mare o terra) in queste regioni avrà un importanza determinante. Il ricorso a un numero maggiore di misure meteorologiche in queste regioni permetterà di migliorare la descrizione della meteorologia. I modelli di dispersione dovranno prendere in considerazione la dimensione verticale allo scopo di includere i fenomeni di variazione dello strato limite atmosferico. I modelli di valutazione della qualità dell aria utilizzati per descrivere queste regioni sono: modelli regionali ad alta risoluzione (qualche chilometro) e tridimensionali, tipo MM5 e CHIMERE; modelli industriali, destinati a studiare la dispersione delle sorgenti occasionali o diffuse, prendendo in considerazione una meteorologia tridimensionale e che ricorrono a dati di misurazione meteorologica. 7

10 1.2.2 Regioni montuose e vallate alpine Il confine tra la Francia e l Italia si colloca sul versante meridionale del massiccio alpino, al centro dell area Alcotra, come indicato sulla cartina della Figura3. Il massiccio alpino è attraversato da numerose vallate che presentano diverse configurazioni (profondità, orientamento, pendenza, lunghezza, ecc.). Rhône-Alpes Val d Aosta Piemonte Liguria PACA Figura3. Cartina dell altitudine dell area Alcotra (dati USGS GTOPO30) Queste regioni sono soggette ai seguenti fenomeni, accentuati secondo il carattere accidentato del rilievo: Dispersione limitata, in particolare in inverno, a causa della presenza di sbalzi di temperatura sul fondo delle vallate scoscese. Variazione della temperatura con l altitudine in un atmosfera classica : gli inquinanti si disperdono correttamente. Legenda: Variazione di temperatura con l altitudine nel caso di un inversione di temperatura: questa situazione è favorevole all accumulo di inquinanti. 8

11 Altitudine Temperatura dell aria strato d inversione Effetto di canalizzazione delle masse d aria nelle vallate; Effetto di Phon provocato dall essiccazione delle masse d aria al di sopra dei rilievi. Questo fenomeno può avere un importante impatto sulla dispersione degli inquinanti; Effetti canyon in presenza di alcuni altopiani; Brezze di pendio e venti di vallata. Schema semplificato di generazione dei venti di pendio e di vallata di giorno (a sinistra) e di notte (a destra). Come per le regioni litoranee, la modellizzazione delle regioni montuose e delle vallate dovrà prendere in considerazione regimi di venti complessi. La stratificazione verticale dell atmosfera e la presenza delle inversioni di temperatura comportano l uso di una modellizzazione tridimensionale. La modellizzazione della qualità dell aria applicata alle vallate richiede pertanto necessariamente che venga preso in considerazione il rilievo. Sono opportune misure meteorologiche a diverse altitudini per poter considerare i fenomeni più complessi. I modelli di valutazione della qualità dell aria utilizzati per descrivere queste regioni sono: modelli regionali ad alta risoluzione (qualche chilometro) e tridimensionali, tipo MM5, WRF e CHIMERE; modelli industriali, destinati a studiare la dispersione delle sorgenti puntuali o diffuse, prendendo in considerazione una meteorologia tridimensionale e che ricorrono a dati di misure meteorologiche Regioni pianeggianti Le aree di pianura (con qualche eccezione per quelle situate tra due massicci montuosi) non sono soggette a condizioni meteorologiche regionali particolari: la meteorologia sarà quindi influenzata essenzialmente dalle condizioni sinottiche (grande scala). In termini di inquinamento atmosferico, i livelli saranno influenzati dalle sorgenti locali di emissione di inquinanti, ma anche dal trasporto di inquinanti provenienti dalle regioni limitrofe. La modellizzazione di queste regioni poggia su modelli di valutazione della qualità dell aria che si avvalgono di formule semplici, verificate in numerosi casi. Il numero di punti di misurazione necessari ai calcoli meteorologici può essere limitato. I modelli utilizzati saranno di tre tipi: modelli regionali di tipo CHIMERE, per studiare l inquinamento di fondo; 9

12 modelli industriali, destinati a studiare la dispersione delle sorgenti occasionali o diffuse, con una meteorologia eventualmente uniforme (misure meteorologiche a una stazione); modelli stradali di tipo STREET, per valutare l inquinamento delle grandi arterie stradali interurbane Agglomerati urbani Per i grandi agglomerati urbani, il fenomeno di isola di calore urbano può influenzare in modo significativo la dispersione degli inquinanti. L aumento localizzato delle temperature (in particolare le massime diurne e notturne) diminuirà la rugiada e le nebbie urbane che contribuiscono a depurare l aria dalle polveri in sospensione, ma questo aumento rafforzerà anche gli effetti di inversione termica e quindi favorirà l accumulo degli inquinanti nelle aree urbane. La circolazione della massa d aria all interno di una strada canyon (edifici più alti della larghezza della strada) è relativamente complessa e specifica e può generare accumuli localizzati, come mostrato in Figura 4. Schema semplificato del flusso dell aria in una strada canyon Legenda: Vento incidente Inquinamento di fondo Ricircolo dell aria Lato sottovento Contributo diretto dei gas di scarico Lato sopravento Figura 4. Schema semplificato del flusso dell aria in una strada canyon Legenda: Vento incidente Inquinamento di fondo Ricircolo dell aria Lato sottovento Contributo diretto dei gas di scarico Lato sopravento 10

13 La rete formata dalle strade può inoltre generare effetti canyon con canalizzazioni e accelerazioni dei venti sinottici. Occorre quindi utilizzare modellizzazioni più fini allo scopo di descrivere in modo opportuno le influenze dei fabbricati sulla dispersione. I modelli che trattano questi casi sono: modelli stradali, tipo STREET, o urbani, come SIRANE o ADMS Urban, per la dispersione degli inquinanti attorno alle arterie stradali. modelli industriali, destinati a studiare la dispersione delle sorgenti occasionali o diffuse, prendendo in considerazione l impatto dei fabbricati sulla dispersione. Per conoscere le emissioni dei veicoli in modo preciso, deve essere disponibile le emissioni su una rete di vie e strade Conclusione Questa analisi delle specificità regionali per la modellizzazione della qualità dell aria nell area Alcotra ha dimostrato la coesistenza di varie tipologie di regioni che richiedono approcci diversi per la modellizzazione della qualità dell aria. Allo scopo di descrivere nel dettaglio le diverse modellizzazioni attuate nelle regioni dell area Alcotra, nella seconda parte della presente relazione vengono trattate tre tipologie di modellizzazioni: La modellizzazione industriale; La modellizzazione urbana; La modellizzazione regionale. 11

14 2 SCHEDA METODOLOGICA: LA MODELLIZZAZIONE INDUSTRIALE 2.1 PROBLEMATICA SITUAZIONE INIZIALE La modellizzazione industriale riguarda la valutazione dell impatto sull ambiente e sulle popolazioni vicine, di un impianto industriale o di un gruppo di impianti destinati ad emettere prodotti inquinanti nell aria. Questi effetti sono considerati da un punto di vista regolamentare nell ambito degli studi d impatto o degli studi di pericolosità, richiesti dalle autorità amministrative prima dell installazione o dello sviluppo di un impianto. Gli studi di pericolosità si prefiggono di valutare gli effetti consecutivi a un evento grave presso lo stabilimento (incendio, perdita di confinamento). In questo caso, le quantità di inquinanti emesse sono elevate, ma limitate a un periodo relativamente breve durante il quale viene attivato il servizio di sicurezza per neutralizzare l incidente. Le aree geografiche interessate sono spesso relativamente vicine alla sorgente. Queste applicazioni non rientrano nell ambito della presente scheda metodologica. Gli studi d impatto hanno lo scopo di valutare gli effetti sull ambiente dell impianto industriale in condizioni operative normali. Oggi comprendono anche un capitolo dedicato alla salute, destinato a valutare l esposizione delle popolazioni vicine. In questo caso, ci si pone in una logica di lungo periodo, ricercando le concentrazioni annuali o pluriennali che saranno introdotte nei modelli di esposizione. Una terza applicazione possibile riguarda le aree molto industrializzate, grandi emettitrici di agenti inquinanti. Può essere molto utile per gli amministratori considerare i diversi contributi degli emittenti ai livelli di inquinamento registrati nell area geografica. Si tratta di valutare con la simulazione di episodi di inquinamento l effetto delle emissioni industriali. La modellizzazione attorno a sorgenti puntuali, benché sia scientificamente la più antica e richieda limitate conoscenze tecniche, è poco utilizzata nelle reti di monitoraggio della rete Alcotra. Solo le regioni del Piemonte e della Valle d Aosta utilizzano il software SPRAY che verrà descritto in seguito. Questo tipo di modellizzazione tuttavia è interessante perché permette di determinare rapidamente le aree in cui l impatto di una o più sorgenti risulta maggiore e di individuare in modo più rigoroso i punti potenziali di installazione di strumenti di analisi della qualità dell aria nell ambito dell analisi. 2.2 GLI AGENTI INQUINANTI CONSIDERATI Gli inquinanti presi in considerazione in tale contesto sono principalmente: il biossido di zolfo (SO 2 ), emesso dagli impianti di combustione e nel corso di vari processi industriali, da una ventina d anni a questa parte oggetto di costanti sforzi di riduzione delle emissioni, gli ossidi di azoto(nox), emessi in generale dagli impianti di combustione, 12

15 le diossine, inquinanti particellari e gassosi, emesse da numerose industrie e oggetto di una severa sorveglianza, i metalli pesanti (sotto forma gassosa o di polveri), derivati da categorie ben individuate di processi industriali, anch essi sorvegliati a causa della loro elevata nocività (piombo, mercurio, cadmio, arsenico), prodotti specifici alle industrie considerate, se il loro effetto sulla salute umana presenta un rischio. Per gli inquinanti particellari e le polveri, la valutazione della dispersione e delle concentrazioni atmosferiche è completata dalla valutazione delle ricadute a terra, in particolare nell ambito degli studi d impatto. Infatti, la diffusione di inquinanti nel terreno e nei vegetali costituisce una via di esposizione che talvolta è indispensabile considerare. Dal punto di vista della modellizzazione, spesso è trattata con un modulo specifico incluso nel software incaricato di simulare il deposito. Il deposito secco (precipitazioni escluse) è configurato mediante una velocità di deposito che dipende dalla dimensione delle particelle e che permette di illustrare un flusso di deposito a terra. Quest ultimo è condizionato dalla gravità per le particelle più grosse, oppure dagli effetti di movimento browniani, per quelle più piccole. Il flusso di inquinanti che ricade a terra si scrive con la seguente formula: F(x, y) =VdC(x, y,0) dove Vd è la velocità di deposito e C(x, y,0) la concentrazione di inquinanti a livello del terreno. Per le emissioni industriali, il fenomeno di deposito è rappresentato nel modello con un impoverimento del pennacchio, in funzione del tempo e della distanza rispetto alla sorgente. Il deposito umido riflette il trasporto delle particelle da parte della pioggia, la nebbia, la foschia. Il flusso depositato dovuto a questi meccanismi spesso si traduce con il prodotto del tasso di precipitazioni per un coefficiente di lisciviazione; quest ultimo è difficile da valutare e ciò spiega le incertezze ammesse sulla quantificazione del deposito umido. In situazioni accidentali, gli inquinanti emessi possono essere gas pesanti. Ciò comporta un trattamento particolare del pennacchio e delle sue proprietà termodinamiche. Questo aspetto non è sviluppato nel presente documento poiché rientra in una problematica molto specifica che si allontana dai compiti delle reti di monitoraggio dell aria. Osservazione sullo stato dell arte: Lo studio dell impatto industriale ed in particolare delle emissioni derivanti dalle ciminiere di uno stabilimento è una delle applicazioni più antiche della dispersione atmosferica ed è alla base dello sviluppo dei primi modelli gaussiani. Si tratta però di un settore in cui esistono numerose riferimenti, relativi a campagne di misurazione di ampio respiro utilizzate per calibrare i modelli. È attorno a questo tipo di applicazione che si articola una parte importante degli obiettivi ricercati da iniziative come le Conferences on harmonization within atmospheric dispersion modelling for regulatory purposes. Questa manifestazione si svolge ogni due anni circa e rende conto delle iniziative miranti a promuovere una coerenza su scala europea dei codici numerici di modellizzazione della qualità dell aria (14 a conferenza in 13

16 Grecia a ottobre 2011). Per quanto riguarda le emissioni industriali, è stato sviluppato uno strumento di convalida che si riferisce a campagne di misurazione di ampio respiro ( Model Validation Kit ) ed è quello maggiormente descritto nei paragrafi successivi. 2.3 I DATI DI INPUT Le sorgenti Dobbiamo distinguere due tipi di sorgenti nel campo dell impatto industriale: - le sorgenti canalizzate, che designano le ciminiere degli stabilimenti e le brecce create da eventuali incidenti. Le emissioni associate sono facilmente quantificabili. Infatti, la geometria della sorgente (forma, dimensione, altezza), nonché le proprietà fisiche e termodinamiche delle emissioni (velocità di emissione, densità, temperatura dell agente inquinante emesso) possono essere misurate o calcolate e fornite direttamente al codice di calcolo della dispersione. Il background scientifico più importante in termini di strumenti e di convalida riguarda tali emissioni. I modelli di tipo gaussiano sono perfettamente adatti alla loro elaborazione essendo stati inizialmente sviluppati a tale scopo; - le sorgenti diffuse (superficiali o volumetriche), che designano le emissioni situate spesso a livello del suolo, provenienti dall attività quotidiana presso lo stabilimento: aree di stoccaggio, circolazione dei veicoli, emissioni dei fabbricati. Il loro contributo può rivelarsi molto importante, in particolare nei pressi dell impianto. Pertanto, i modelli tridimensionali sono quelli più adatti al trattamento del comportamento di tali emissioni. Purtroppo, il problema sta nella quantificazione dell emissione associata, difficilmente misurabile. Tuttavia è essenziale superare questa difficoltà se si vuole realizzare una modellizzazione corretta dei fenomeni. Infine, è importante ricordare che le applicazioni industriali inducono la presenza di gas dalle proprietà termodinamiche particolari (gas pesanti) e di particolato, le cui proprietà devono essere considerate nella giusta misura. Pertanto, è essenziale ottenere informazioni sulla granulometria degli elementi emessi, allo scopo di rettificare adeguatamente i parametri che condizionano la modellizzazione delle ricadute atmosferiche Il sito e la meteorologia Oltre all ambito d applicazione, la scala di modellizzazione e il tipo di codice che si desidera utilizzare definiscono la natura dei dati orografici da fornire. Come indicato in introduzione, il contesto in cui le emissioni industriali sono modellizzate rientra spesso nell ambito degli studi di pericolosità (emissioni accidentali) o d impatto (emissioni croniche). Emissioni accidentali In questo primo caso, l interesse è valutare le conseguenze indotte dall emissione di una quantità molto importante di inquinante in condizioni meteorologiche penalizzanti per la dispersione. Poiché ciò spesso comporta calcoli in campo vicino (presso il sito dello stabilimento o nei quartieri adiacenti), sarà senza dubbio necessaria una descrizione relativamente precisa dei fabbricati circostanti e dei rilievi. 14

17 Invece, i dati meteorologici si limitano a situazioni abituali o, al contrario, a configurazioni occasionali molto negative per la dispersione (nessuna dispersione del pennacchio). Sono definiti da una temperatura media, un livello di umidità relativa, una velocità del vento e un grado di turbolenza (che peraltro può essere collegato alle classi di stabilità di tipo Pasquill). Un analisi della situazione orografica ed economica del sito considerato potrà contribuire a diagnosticare le situazioni pertinenti da esaminare: ricerca delle aree più popolose, presa in considerazione di effetti locali (vicinanza al mare, forte rilievo). Poiché questo problema non rientra nell ambito diretto che riguarda le reti di monitoraggio dell aria, non sarà ulteriormente sviluppato in questo studio. Emissioni croniche Gli studi d impatto, soprattutto se sono seguiti da una valutazione dei rischi sanitari, richiedono la ricerca di concentrazioni in media annuale che saranno fornite ai modelli di esposizione. È quindi logico integrare dati meteorologici annuali che riguardano la temperatura, la velocità e la direzione del vento e qualsiasi elemento che possa valutare la stabilità atmosferica. Su quest ultimo punto, alcune stazioni meteorologiche possono fornire la nebulosità (in Ottaticon un valore compreso tra 1 e 8) e il numero di ore di esposizione al sole o irraggiamento. È quindi possibile dedurre le classi di stabilità di Pasquill attraverso tabelle di corrispondenza. Può essere anche molto pertinente includere un informazione sull altezza dello strato di rimescolamento, in particolare in condizioni di inversione termica. Bisogna prestare una cura particolare alla scelta della stazione meteo utilizzata per rappresentare la meteorologia del luogo studiato. Il problema è prendere in considerazione gli effetti dei venti locali (in particolare in presenza di rilievo) che comportano che il vento sul posto non presenti le stesse caratteristiche di quello a livello della stazione. L unica soluzione ragionevole sarà in alcuni casi disporre di una stazione sul posto stesso e realizzare misure su un periodo dato. L esercizio di modellizzazione consiste allora nel simulare tutte le situazioni meteorologiche recensite su un periodo rappresentativo (ad esempio 5 anni) da cui dedurne una valutazione delle concentrazioni medie annuali. Le situazioni meteorologiche sono in via di principio riunite per classi di caratteristiche simili alle quali si assegnano frequenze di apparizione. I valori delle concentrazioni annuali sono ottenuti effettuando la media dei valori calcolati per ogni classe ponderata per la loro frequenza di apparizione. Il caso particolare delle sorgenti diffuse I punti citati nei precedenti paragrafi sono complessivamente validi per la modellizzazione delle sorgenti diffuse. Gli strumenti tridimensionali sono tuttavia più adatti al loro trattamento. Infatti, i metodi di integrazione dei termini di superficie nei modelli gaussiani non sono sempre efficienti. Il costo elevato di attuazione dei modelli tridimensionali ne limita l uso al calcolo delle situazioni meteo occasionali. Ciò non è molto rigoroso, tenuto conto della natura di tali sorgenti, spesso presenti tutto l anno (aree di stoccaggio, luoghi di circolazione dei veicoli, emissioni dovute alle aperture dei fabbricati), all origine di un inquinamento tipicamente cronico. L integrazione della rosa dei venti annuale sul posto rimane il miglior trattamento, ma presenta l inconveniente di essere costosa. 15

18 2.4 I SOFTWARE DISPONIBILI Modello gaussiano Introduzione In generale, i modelli più utilizzati per gli studi delle emissioni industriali sono i modelli gaussiani. Storicamente, sono stati sviluppati in quest ottica precisa (sorgenti diffuse escluse). La preoccupazione costante dei ricercatori rimane il loro adattamento per prendere meglio in considerazione le specificità per cui non sono stati inizialmente progettati (presenza di ostacoli e di fabbricati, rilievo). Tuttavia, il loro grado di maturità appare soddisfacente per le applicazioni mirate. Numerosi esercizi di convalida e di confronto incrociato attestano questo dato di fatto. La comunità scientifica europea ha messo a punto uno strumento di convalida, il Model Validation Kit, disponibile su Internet al seguente indirizzo: Si tratta di un insieme di dati relativi a 4 campagne di misura di emissioni prodotte dalle ciminiere di stabilimenti in diverse città (Copenaghen, Kinkaid, Lillestrom e Indianapolis). Sono inoltre proposti alcuni strumenti di analisi statistica delle performance del software rispetto a queste informazioni misurate. Il trattamento delle sorgenti non puntuali (es. lineari, superficiali o volumetriche) è oggetto di trattamenti specifici nei modelli gaussiani. Si riscontrano pertanto diversi metodi: - l integrazione digitale di un infinità di sorgenti puntuali che rappresentano la sorgente reale, - la suddivisione della sorgente in un numero finito di sorgenti puntuali rigorosamente collocate e configurate in funzione del vento e della posizione dei ricettori, - l assimilazione della sorgente superficiale a una sorgente puntuale che deve essere correttamente localizzata in modo da rispecchiare le caratteristiche della sorgente reale a livello della dispersione (principio della sorgente virtuale). Possono essere ottenuti risultati relativamente eterogenei secondo la situazione e i parametri adottati. Si tratta di un limite nell uso dei modelli gaussiani. In qualsiasi caso, il maggior vantaggio di questi strumenti rimane il loro costo di implementazione ridotto che permette di realizzare un importante numero di simulazioni e quindi di stabilire bilanci annuali o pluriannuali in numerosi punti sul posto. L investimento in mezzi umani e materiali è relativamente basso. Infatti, l uso pertinente di questi modelli poggia innanzitutto sull esperienza sul campo, e i concetti pragmatici su cui si fonda non richiedono conoscenze approfondite in termini di analisi numerica. Si tratta di software che funzionano nella maggior parte dei casi su PC, in Windows, o anche MSDOS. Il loro costo in termini di tempi di calcolo e spazio di memoria dipende solo dalle esigenze dell utente. I prodotti disponibili 16

19 Tra i modelli gaussiani tradizionali testati e riconosciuti, possiamo citare: AERMOD. Si tratta di un modello di riferimento dell US-EPA (Agenzia dell ambiente americana). È disponibile gratuitamente su Internet, insieme alla relativa documentazione, al seguente indirizzo: I programmi sorgente scritti in fortran sono inoltre aperti se si desidera investire in sviluppi specifici. Sono forniti anche i moduli di preprocessore meteo e di terreno. La società Aria Technologies (www.aria.fr) commercializza il modello gaussiano Impact con un interfaccia grafica e diversi pre- e post-processing integrati (elaborazione degli aspetti a lungo termine, rappresentazione cartografica dei pennacchi, elaborazione statistica) e adatta alle applicazioni mirate. ADMS commercializzato in Francia dalla società NUMTECH (www.numtech.fr) propone anche un software di dispersione. Anche in questo caso si tratta di uno strumento interfacciato. Diversi tipi di risultati I modelli gaussiani sono spesso utilizzati in configurazioni a lungo termine per estrarre medie su un periodo prestabilito di concentrazioni di inquinanti o analisi statistiche. In configurazioni a breve termine, sono ottenute medie di concentrazione su periodi ridotti a una o poche ore, o a una scala mensile. Le concentrazioni sono rappresentate in generale da sezioni orizzontali del pennacchio, che permettono di visualizzare la concentrazione degli inquinanti su tutto l ambito di studio, di solito a livello del suolo. Il sistema di rappresentazione, se è collegato con un sistema d informazione geografica, dà luogo alla creazione di cartografie facilmente interpretabili. La maggior parte dei software permette inoltre di rappresentare le concentrazioni nell asse del pennacchio, a un altezza data, in funzione della distanza dalla sorgente. Si tratta di un informazione preziosa per valutare le distanze d impatto dell inquinamento Modelli euleriani 3D Introduzione Questi modelli costituiscono l unica alternativa ragionevole per l elaborazione digitale di situazioni complesse come: - le aree a forte rilievo (in particolare le montagne), - le situazioni in cui si desidera valutare l impatto della sorgente in campo vicino e in presenza di ostacoli (fabbricati), - la presa in considerazione corretta delle sorgenti diffuse. Il loro contesto di utilizzo è radicalmente diverso da quello precedentemente illustrato, poiché: - questi modelli sono pesanti da utilizzare (spazio di memoria e tempo di calcolo), - traggono origine dall installazione digitale di tecniche sofisticate di approccio delle equazioni fisiche e pertanto possono essere applicati in modo pertinente da utenti esperti. Infatti, la generazione di una maglia coerente, l adattamento dei parametri digitali, l identificazione e la neutralizzazione di eventuali artefatti numerici sono altrettante difficoltà che non possono essere sormontate senza un esperienza adeguata, - il loro uso è spesso limitato alla simulazione di situazioni puntuali, caratteristiche di un tipo di condizione meteo. La scelta di queste situazioni è dettata dalla predominanza di un dato 17

20 vento sul posto (previa analisi della rosa dei venti), la ricerca di scenari penalizzanti dal punto di vista della dispersione, la vicinanza di zone sensibili (centro abitato, scuole, ospedale, ecc.). Questi modelli sono oggetto di numerose convalide, spesso basate sul confronto con misure effettuate nella galleria del vento. In questo caso, i ricercatori verificano che sia correttamente riprodotto l impatto degli ostacoli che perturbano il pennacchio e che creano turbolenze, zone di accumulo di inquinanti o zone morte. Pertanto, esistono dati teorici dedotti da osservazioni che permettono di qualificare le aree turbolente che si creano attorno a un fabbricato assimilato a un isolato, situato nel flusso atmosferico. Queste formule permettono in particolare di verificare il corretto comportamento del modello nella simulazione degli effetti di turbolenza. Come sopra indicato, questi strumenti possono rivelarsi molto efficienti se si accetta di utilizzare una maglia sufficientemente fine per il calcolo. Il problema è trovare il giusto compromesso tra il numero di maglie consentito e il prezzo che ciò comporta in termini di tempi di calcolo e difficoltà numeriche. La maggior parte di questi strumenti è stata sviluppata su working station UNIX. I prodotti disponibili Si distinguono due classi di software tridimensionali disponibili sul mercato: quelli la cui finalità è la dispersione atmosferica e quelli che trattano complessivamente i problemi di meccanica dei fluidi, detti software di CFD (Computational Fluid Dynamics). Le equazioni e i metodi implementati sono complessivamente analoghi in entrambi i casi. Tuttavia, mentre la prima categoria include le specificità proprie al calcolo atmosferico (variabili meteorologiche), le altre trattano questo aspetto attraverso moduli indipendenti attivati secondo le necessità dell utente. Questi ultimi si integrano in un tool più globale il cui obiettivo va al di là del problema della dispersione (calcoli di combustione, interazione fluidostruttura, ecc.). Tra i software 3D specifici al calcolo di dispersione citiamo: ANSWER commercializzato dalla società ACRI (www.acri.fr) ARIA Local (o MERCURE) distribuito dalla società Aria Technologies (www.aria.fr) FLUIDYN Panache, commercializzato dalla società Transoft (www.fluidyn.com) I principi su cui sono sviluppati questi software si equivalgono nel complesso. Tra i software di meccanica dei fluidi più generali e comunque utilizzabili nel campo della dispersione (tool «CFD»), quelli più noti sono: CFX Tascflow (http://www.softscout.com/software/engineering/computational-fluid- Dynamics-CFD/CFX-TASCflow.html) è anche un prodotto molto diffuso in diversi settori industriali. FLUENT (www.fluent.com) è un software molto conosciuto ed efficiente nel campo dell industria aerospaziale e delle turbomacchine. È meno adatto ai problemi ambientali. PHOENICS (www.cham.uk) è un software molto aperto, che dispone di moduli specifici per l elaborazione della dispersione. STAR-CD (www.cd.co.uk) è uno dei software di CFD più noti sul mercato internazionale. 18

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi Appendice III (articolo 5, comma 1 e art. 22 commi 5 e 7) Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi 1. Tecniche di modellizzazione 1.1 Introduzione. In generale,

Dettagli

ANPA. Agenzia Nazionale per la Protezione dell'ambiente

ANPA. Agenzia Nazionale per la Protezione dell'ambiente ANPA Agenzia Nazionale per la Protezione dell'ambiente LINEE GUIDA PER LA SELEZIONE E L'APPLICAZIONE DEI MODELLI DI DISPERSIONE ATMOSFERICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA RTI CTN_ACE 4/2001

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

STRUTTURA COMPLESSA 05 AREA PREVISIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE. Struttura Semplice 06 Sistemi elaborativi e modellistica

STRUTTURA COMPLESSA 05 AREA PREVISIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE. Struttura Semplice 06 Sistemi elaborativi e modellistica STRUTTURA COMPLESSA 05 AREA PREVISIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE Struttura Semplice 06 Sistemi elaborativi e modellistica OGGETTO: STUDIO DI CARATTERIZZAZIONE DEL BIANCO AMBIENTALE CONNESSO ALLA REALIZZAZIONE

Dettagli

Valutazione del rischio sanitario dovuto all esposizione della popolazione all inquinamento atmosferico in area urbana

Valutazione del rischio sanitario dovuto all esposizione della popolazione all inquinamento atmosferico in area urbana Valutazione del rischio sanitario dovuto all esposizione della popolazione all inquinamento atmosferico in area urbana Valeria Garbero vgarbero@golder.it Politecnico di Torino e Golder Associates, Natasa

Dettagli

La modellistica fotochimica nel Piano della qualità dell aria in Umbria

La modellistica fotochimica nel Piano della qualità dell aria in Umbria La modellistica fotochimica nel Piano della qualità dell aria in Umbria Marco Vecchiocattivi Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale dell Umbria Sommario Introduzione Modellistica fotochimica Applicazione

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Paolo Prati Dipartimento di Fisica Università di Genova Modelli a RECETTORE

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Treviso

Dipartimento Provinciale di Treviso Dipartimento Provinciale di Treviso Modellistica di dispersione degli inquinanti atmosferici emessi dal cementificio Industria Cementi Giovanni Rossi SpA nel Comune di Pederobba (Treviso) anno 2008 valutazione

Dettagli

VALUTAZIONE QUALITA ARIA

VALUTAZIONE QUALITA ARIA COMUNE di CASTELLARANO (loc. Roteglia) Provincia di REGGIO EMILIA VALUTAZIONE QUALITA ARIA STUDIO DI RICADUTA INQUINANTI riferito all attività svolta da COTTO PETRUS S.r.l. Roteglia Castellarano (RE) Luglio

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO

1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO 1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO Il progresso ha portato l uomo a condurre regimi di vita per i quali il superfluo è diventato necessario, soprattutto nell ultimo dopoguerra e nei Paesi più evoluti.

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Sistema modellistico multiscala per la qualità dell'aria. Stefano Bande Dipartimento tematico Sistemi Previsionali Qualità dell'aria Arpa Piemonte

Sistema modellistico multiscala per la qualità dell'aria. Stefano Bande Dipartimento tematico Sistemi Previsionali Qualità dell'aria Arpa Piemonte Sistema modellistico multiscala per la qualità dell'aria Stefano Bande Dipartimento tematico Sistemi Previsionali Qualità dell'aria Arpa Piemonte Simulare Conviene, I modelli ambientali strumento di previsione

Dettagli

ANALISI COMPLESSIVA DELLA QUALITÀ DELL ARIA NEL SITO DI MONFALCONE CON VALUTAZIONE DEL CONTRIBUTO DELLE DIVERSE SORGENTI EMISSIVE

ANALISI COMPLESSIVA DELLA QUALITÀ DELL ARIA NEL SITO DI MONFALCONE CON VALUTAZIONE DEL CONTRIBUTO DELLE DIVERSE SORGENTI EMISSIVE CENTRALE TERMOELETTRICA DI MONFALCONE ANALISI COMPLESSIVA DELLA QUALITÀ DELL ARIA NEL SITO DI MONFALCONE CON VALUTAZIONE DEL CONTRIBUTO DELLE DIVERSE SORGENTI EMISSIVE Autori G. Brusasca, G. Tinarelli,

Dettagli

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO CENTRO NIVO METEOROLOGICO ARPA BORMIO I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO Corso 2 A- AINEVA Guide Alpine della Lombardia Bormio 25-29 gennaio 2010 A cura di Flavio Berbenni MARCATO FORTE

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Nuovi limiti di qualità dell aria

Nuovi limiti di qualità dell aria Nuovi limiti di qualità dell aria DEA - Dipartimento di Energia e Ambiente - CISM http://www.cism.it/departments/energy-and-environment/ Premessa Le emissioni inquinanti si traducono in concentrazioni

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point P. Bonanni*, F.Fornasier*, A. De Marco * ISPRA, ENEA Carico critico Stima quantitativa dell esposizione ad uno o più inquinanti

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni.

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni. Al Sig.Sindaco del Comune di di... e pc. All'ARPA, Servizio Territoriale Distretto di.. Il sottoscritto nato a.il./.. /19. e residente a.in (Via, Piazza).n in qualità di titolare/legale rappresentante

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE FOCUS TECNICO IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE ADEGUAMENTO ALLE NORMATIVE DETRAZIONI FISCALI SUDDIVISIONE PIÙ EQUA DELLE SPESE RISPARMIO IN BOLLETTA MINOR CONSUMO GLOBALE DI TUTTO IL CONDOMINIO COSTO

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

APAT. Linee guida per la predisposizione delle reti di monitoraggio della qualità dell aria in Italia

APAT. Linee guida per la predisposizione delle reti di monitoraggio della qualità dell aria in Italia APAT Agenzia per la Protezione dell Ambiente e per i servizi Tecnici Linee guida per la predisposizione delle reti di monitoraggio della qualità dell aria in Italia Eriberto de Munari 1, Ivo Allegrini

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

SOFTWARE PV*SOL. Programma di simulazione dinamica per calcolare dimensionamento e rendimento di impianti fotovoltaici

SOFTWARE PV*SOL. Programma di simulazione dinamica per calcolare dimensionamento e rendimento di impianti fotovoltaici SOFTWARE PV*SOL Programma di simulazione dinamica per calcolare dimensionamento e rendimento di impianti fotovoltaici Introduzione PV*SOL è un software per il dimensionamento e la simulazione dinamica,

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPATTO SULLA QUALITÀ DELL ARIA DEI PRINCIPALI IMPIANTI

VALUTAZIONE DELL IMPATTO SULLA QUALITÀ DELL ARIA DEI PRINCIPALI IMPIANTI VALUTAZIONE DELL IMPATTO SULLA QUALITÀ DELL ARIA DEI PRINCIPALI IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA E TERMICA ALIMENTATI A BIOMASSA SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI TORINO 1 PREMESSA Le iniziative

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog.

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. MASSA) Davide Damato, Michele Morelli, Luca Lanteri, Daniele Bormioli, Rocco

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO

UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO Cosa si intende per giorno con neve al suolo? Se può essere relativamente semplice definirlo per un territorio pianeggiante ampio e distante da

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Keywords: dighe a gravità in calcestruzzo, verifica sismica, metodi semplificati, programmi di calcolo. Autore: L. Furgoni, Relatore: Prof. C. Nuti,

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA ISTITUTO DI EDILIZIA ISTITUTO DI SCIENZA E TECNICA DELLE COSTRUZIONI TESI

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Comune di TORINO DI SANGRO (CH) INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3

Comune di TORINO DI SANGRO (CH) INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3 INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3 1.1 Il QUADRO NORMATIVO...5 1.2 COSA E UN PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE...8 2.0 LA CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO. AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.EU Tra le giornate di martedì 7 e venerdì 10 Settembre 2010, il Veneto è stato interessato

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

L aria che respiro. L inquinamento atmosferico locale e globale. Dal cittadino alle Istituzioni: insieme per migliorare la qualità dell aria

L aria che respiro. L inquinamento atmosferico locale e globale. Dal cittadino alle Istituzioni: insieme per migliorare la qualità dell aria L inquinamento atmosferico locale e globale L aria che respiro Dal cittadino alle Istituzioni: insieme per migliorare la qualità dell aria www.regione.lombardia.it L aria che respiro L inquinamento atmosferico

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

Consigli per la compilazione del questionario

Consigli per la compilazione del questionario Istruzioni per l accesso al SIAD e la compilazione della scheda Normativa Il Decreto Ministeriale del 14 gennaio 2012 ha definito che il GSE si occupi della rilevazione degli impianti con potenza fino

Dettagli

Vedere ciò che non si vede

Vedere ciò che non si vede Vedere ciò che non si vede LA LUCE UV È INVISIBILE Tuttavia essa influenza l aspetto finale dei prodotti stampati. Pertanto è importante conoscere le condizioni di visualizzazione in cui sono destinati

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

General Linear Model. Esercizio

General Linear Model. Esercizio Esercizio General Linear Model Una delle molteplici applicazioni del General Linear Model è la Trend Surface Analysis. Questa tecnica cerca di individuare, in un modello di superficie, quale tendenza segue

Dettagli

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante trasporto pesante Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante www.brembo.com trasporto pesante L i m p i a n t o f r e n a n t e d i u n v e i c ol o pesante per trasporto d i m e r

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

Esposizioni in condizioni complesse. Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it

Esposizioni in condizioni complesse. Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it Esposizioni in condizioni complesse Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it Valutazione dell esposizione a CEM La valutazione pratica dell esposizione ai campi elettrici

Dettagli

RAPPRESENTATIVITÀ SPAZIALE DI MISURE DI QUALITÀ DELL'ARIA

RAPPRESENTATIVITÀ SPAZIALE DI MISURE DI QUALITÀ DELL'ARIA RAPPRESENTATIVITÀ SPAZIALE DI MISURE DI QUALITÀ DELL'ARIA Valutazione di un metodo di stima basato sull uso di dati emissivi spazializzati G. CREMONA, L. CIANCARELLA, A. CAPPELLETTI, A. CIUCCI, A. PIERSANTI,

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO Variazioni ecografiche- numerazione civica esterna Numerazione civica interna Riferimenti normativi: Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 artt. 9 e 10 D.P.R.

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli