Solutori per le equazioni di Navier-Stokes in un ambiente di calcolo ad oggetti per le equazioni differenziali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Solutori per le equazioni di Navier-Stokes in un ambiente di calcolo ad oggetti per le equazioni differenziali"

Transcript

1 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria dei Modelli e dei Sistemi Tesi di Laurea Solutori per le equazioni di Navier-Stokes in un ambiente di calcolo ad oggetti per le equazioni differenziali Laureando Daniele Paoli Relatore Prof. Ing. Giuseppe Tomassetti Correlatore Prof. Ing. Salvatore Filippone A.A

2 Indice 1 Introduzione La Meccanica del Continuo NEMO, un codice per CCM Motivazioni per un nuovo codice Principali caratteristiche Obbietivi e contributo personale Struttura del lavoro NEMO La programmazione O-O Interfaccia vs implementazione Procedurale vs OO NEMO e le PSBLAS Partizionamento e riordinamento Partizionamento Riordinamento La gestione della mesh Pde solver: high level interface Le equazioni di Navier-Stokes e gli algoritmi risolutivi Le equazioni

3 INDICE i 3.2 La correzione della pressione Un semplice schema esplicito Un semplice schema implicito Implicit Pressure-Correction Methods SIMPLE PISO L approssimazione di Rhie-Chow Correzioni di non ortogonalità Le implementazioni in NEMO Le classi field e pde La struttura dei files sorgenti Le equazioni del momento Le equazioni di correzione della pressione Test e risultati Lid-driven cavity Costruzione cavity: la mesh e le condizioni al bordo Test SIMPLE test PISO Il canale di Poiseuille Costruzione canale: la mesh e le condizioni al bordo test SIMPLE test PISO Non orth lid-driven cavity Cavity a gradi alpha : la costruzione della mesh test SIMPLE Conclusioni 88

4 Capitolo 1 Introduzione La fisica dei continui è descritta per mezzo di equazioni differenziali alle derivate parziali (P DEs), che vengono risolte attraverso diversi algoritmi, usando metodi numerici. Il presente lavoro di tesi si propone di contribuire allo sviluppo di NEMO (Numerical Engine per Multiphysics Operators), un nuovo pacchetto software progettato per la risoluzione di equazioni differenziali alle derivate parziali mediante il metodo dei volumi finiti, in grado di girare in parallelo su computer a memoria distribuita. Al fine di realizzare un codice interdisciplinare (multiphysics code), capace di risolvere PDEs che regolano diversi fenomeni di meccanica dei continui (ad esempio il trasferimento di calore, la fluidodinamica, ecc.) e la loro interazione (ad esempio, interazione fluido-struttura, magneto-fluidodinamica, ecc.), è stato seguito un innovativo approccio object-oriented. Questo si basa sulla definizione di classi, che rappresentano i diversi elementi costitutivi di un problema di PDE (ad esempio PDE, Field, Mesh, Boundary Conditions, ecc.), e di operatori differenziali, procedure numeriche che nascondono, dietro la loro interfaccia, gli schemi di discretizzazione e la

5 1.1 La Meccanica del Continuo 2 specifica implementazione del prescelto metodo ai volumi finiti. Il codice è scritto in Fortran 95; questo linguaggio supporta le caratteristiche fondamentali della progettazione orientata agli oggetti, come data hiding, incapsulamento, polimorfismo, e garantisce generalmente una buona efficienza del codice prodotto ed un interfacciamento naturale con altre applicazioni. Il software utilizza il metodo dei volumi finiti per l integrazione delle equazioni alle derivate parziali, e si basa su un approccio co-located, con incognite del problema posizionate a centro cella, e supporta mesh ibride, con celle poligonali (2D) e poliedriche (3D) del tutto generiche, per poter affrontare le complesse geometrie che tipicamente si incontrano in applicazioni ingegneristiche. Particolare cura è stata dedicata al rendimento complessivo computazionale, grazie all integrazione con le librerie P SBLAS, che implementano un set di precondizionatori altamente efficienti e di metodi iterativi per la risoluzione di sistemi lineari con grandi matrici sparse, seguendo il message-passing paradigm. 1.1 La Meccanica del Continuo Un continuo è una quantità di materia la cui fisica può essere indagata ignorando le discontinuità a livello microscopico legate alla struttura e ai moti delle molecole. Quando si studia un liquido o un solido ipotizzando che sia un continuo, si descrive il suo comportamento in termini di proprietà macroscopiche, come la velocità, la pressione, la densità, la temperatura e le loro derivate spaziali e temporali. Queste possono essere pensate come medie su un sufficientemente grande numero di molecole. Un punto in un continuo è allora la più piccolo elemento di materia le cui proprietà macroscopiche non sono influenzate dalle singole molecole.

6 1.1 La Meccanica del Continuo 3 La Computational Continuum Mechanics (CCM) è la scienza che studia i continui mediante simulazioni numeriche. Essa comprende, tra gli altri, la Computational Fluid Dynamics (CFD) e la Computational Solid Mechanics (CSM), la prima relativa alla stima dei campi di flusso, la seconda alla valutazione delle tensioni e delle deformazioni che agiscono sui corpi deformabili. Quando si è di fronte a un problema di CCM il primo passo da affrontare è la modellazione matematica del problema fisico di interesse. Le Equazioni Differenziali alle Derivate Parziali (PDEs) sono gli evidenti strumenti matematici necessari per la modellazione dell equilibrio o dell evoluzione nello spazio e nel tempo di un sistema continuo. Inoltre è facile vedere che anche fenomeni diversi, come ad esempio quelli di fluido dinamica e quelli strutturali, possono essere classificati in maniera uniforme, grazie alle analogie nelle equazioni alle derivate parziali che li governano. Una volta che un fenomeno fisico è stato matematicamente descritto mediante una PDE, si deve applicare un metodo specifico, al fine di trovare una soluzione numerica di tale problema. Finora sono stati sviluppati molti metodi, ciascuno con le sue peculiarità e campi di applicazione preferiti. Tra i più importanti citiamo: Metodo delle Differenze Finite (FDM); Metodo degli Elementi Finiti (FEM); Metodo dei Volumi Finiti (FVM) ; Metodi SpettraliSpectral Methods. Come spiegato da Versteeg e Malalasekera (1995), la linea guida comune a tutti questi metodi percorre tre tappe fondamentali:

7 1.1 La Meccanica del Continuo 4 1. approssimazione delle variabili incognite per mezzo di funzioni semplici; 2. discretizzazione delle equazioni di governo attraverso la sostituzione delle approssimazioni e successive manipolazioni matematiche; 3. soluzione delle equazioni algebriche derivate nel passaggio precedente. Le principali differenze tra i quattro schemi di cui sopra sono relative al modo in cui le variabili vengono approssimate nel processo di discretizzazione. Con particolare riferimento al volume finiti metodo, il più importante tra quelli applicati in CFD e utilizzato in NEMO, possiamo riconoscere le seguenti operazioni: - integrazione formale delle PDEs che governano tutti i volumi di controllo (CV) in cui il dominio di soluzione è stato suddiviso; - possibile applicazione del teorema di Gauss per la conversione di integrali di volume in integrali di superficie; - discretizzazione nelle equazioni integrali dei termini che rappresentano i processi di flusso, come la convezione, la diffusione e le sorgenti, per mezzo di una tra le possibili approssimazioni alle differenze finite. Questo trasforma le equazioni integrali in un sistema di equazioni algebriche; - soluzione delle equazioni algebriche per mezzo di un metodo iterativo; l algoritmo principale include la soluzione di un sistema lineare con matrice dei coefficienti generalmente sparsa. In sintesi, il processo di modellazione di un fenomeno fisico e la sua risoluzione per mezzo di uno dei metodi di cui sopra, può essere rappresentato dalla seguente sequenza di problemi:

8 1.2 NEMO, un codice per CCM 5 1. Problema fisico: un fenomeno di interesse per uno scienziato o un ingegnere. Nel nostro caso riguarda il cambiamento di dello stato dei continui. 2. Problema matematico: la modellazione mediante PDE con adeguate condizioni iniziali e al contorno. 3. Problema Numerico: l applicazione del metodo che trasforma le PDEs in equazioni algebriche, vale a dire FDM, FEM, FVM, ecc. 4. Problema di programmazione: l implementazione del prescelto metodo numerico, seguendo uno specifico paradigma (in serie o in parallelo, procedurale o object-oriented), con un adeguato linguaggio adeguato di programmazione (C, C++, Fortran 95, ecc.) 1.2 NEMO, un codice per CCM Motivazioni per un nuovo codice In origine questo progetto era nato con l obiettivo di sviluppare un codice parallelo per la CFD in grado di essere utilizzato per simulazioni complesse come quelle relative ai motori a combustione interna. L obiettivo era di sviluppare un codice : - estremamente efficiente, grazie ad una struttura parallela adatta per girare sui sistemi a memoria distribuita; - scritto in Fortran 95; - che implementasse molti dei migliori algoritmi di CFD disponibili in letteratura.

9 1.2 NEMO, un codice per CCM 6 Negli ultimi anni l esperienza con vari strumenti di programmazione, tra cui OpenFOAM, ha dimostrato che l utilizzo di tecniche object-oriented può portare a vantaggi significativi nello sviluppo di applicazioni su larga scala. Si è quindi pensato di sviluppare un nuovo codice progettato con tecniche ad oggetti, basato su Fortran 95 e sulle librerie di supporto PSBLAS; per coniugare efficienza paralleliusmo e mantenibilita- il suo nome è NEMO e sta per Numerical Engine for Multiphysics Operators Principali caratteristiche Nel resto del capitolo descriveremo le principali caratteristiche del codice, che qui riassumiamo brevemente: - è un framework object-oriented per la soluzione di PDEs nell ambito di CCM; - scritto in standard Fortran 95; - approccio ai volumi finiti; - supporta meshes ibride con celle poliedriche del tutto generiche; - approccio co-located (cell-centered); - è dotato di schemi di discretizzazione con un accuratezza del secondo ordine; - lavora in parallelo seguendo il message-passing paradigm; - utilizza un efficiente set di precondizionatori e risolutori paralleli; - notevole portabilità su piattaforme Unix-like.

10 1.3 Obbietivi e contributo personale Obbietivi e contributo personale Questo lavoro di tesi mira a contribuire allo sviluppo di NEMO, un pacchetto software in via di sviluppo per la risoluzione di problemi di CCM. L obbiettivo primario è realizzare un programma capace di risolvere problemi di CCM accoppiati, che coinvolgono l interazione di due o più fenomeni differenti, come la dinamica dei fluidi e trasferimento di calore. Per far questo è necessario che il codice riesca a gestire più equazioni differenziali nello stesso momento. All inizio del lavoro di tesi il codice NEMO era in uno stadio prototipale in cui era possibile gestire separatamente equazioni scalari e vettoriali; infatti è stato già utilizzato con successo per: 1. la simulazione di anomalie di pressione in fluidi (ingranaggi in olio); 2. l ottimizzazione di mesh (modellizzata come equazione differenziale nel campo vettoriale che descrive le posizioni dei nodi). Obiettivo del lavoro di tesi è stato impostare l accoppiamento tra equazioni scalari e vettoriali necessario alla soluzione delle equazioni di Navier Stokes; si è cominciato affrontando il caso semplice di fluido incomprimibile in regime laminare. In particolare, si è scelto di implementare due metodi iterativi, noti in letteratura e implementati in molti codici di fluidodinamica, facenti parte della famiglia dei projection methods: SIMPLE e PISO. Il funzionamento, l accuratezza ed efficienza di tali algoritmi sono stati testati in tre differenti situazioni bidimensionali in cui vengono analizzati fluidi incomprimibili in regime laminare: - lid-driven cavity: un quadrato in cui il flusso viene generato da una delle quattro pareti che scorre parallelamente a se stessa;

11 1.4 Struttura del lavoro 8 - il canale di Poiseuille: un tubo circolare lungo, rigido e privo di anse in cui si anzlizza un flusso stazionario generato da una differenza di pressione alle estremità del canale; - non orthogonal lid-driven cavity: l angolo tra le pareti differisce da 90. I risultati ottenuti nei primi due tests sono più che soddisfacenti e testimoniano un perfetto funzionamento di entrambi gli algoritmi. Le correzioni apportate ai codici per supportare griglie non ortogonali, invece, funzionano in maniera efficiente solo per determinati angoli. La rifinitura di queste correzioni rappresenta sicuramente il primo passo da compiere per ottenere un solutore completo ed affidabile per lo studio di problemi di fluidodinamica. 1.4 Struttura del lavoro Questo lavoro di tesi è strutturata nel seguente modo. Ogni capitolo è introdotto da una piccola panoramica dei suoi contenuti. CAPITOLO 1 - Introduzione preliminare alla Computational Continuum Mechanics e a Nemo, codice parallelo Object-Oriented per CCM scritto in Fortran 95. Il capitolo si conclude con gli obbiettivi della tesi e il contributo personale apportato allo sviluppo del software. CAPITOLO 2 - NEMO: descrizione del software. CAPITOLO 3 - Descrizione delle equazioni di Navier-Stokes, dei metodi impliciti che usualmente vengono utilizzati per risolverle numericamente. Descrizione di SIMPLE e PISO, dalle idee base alle implementazioni in NEMO.

12 1.4 Struttura del lavoro 9 CAPITOLO 4 - Descrizione di tests per gli algoritmi di SIMPLE e PISO e risultati ottenuti. CAPITOLO 5 - Conclusioni, stato corrente e sviluppi futuri.

13 Capitolo 2 NEMO In questo capitolo viene brevemente descritta la struttura di NEMO. Considereremo in primo luogo l approccio Object-oriented per un software per CCM e come viene eseguito in NEMO. Passeremo, successivamente, a descrivere alcune delle caratteristiche del software, nell ordine: il rapporto con le librerie PSBLAS, che rappresentano il kernel numerico del codice; le strategie di partizionamento per l assegnazione dei dati a diversi processori che lavorano in parallelo e gli algoritmi di riordinamento per la riduzione della larghezza di banda della matrice sparsa associata alla mesh computazionale; la gestione della mesh. Analizzeremo infine il modo in cui il codice svolge il suo compito principale: la risoluzione delle PDEs algebriche. Per un lettore interessato, una descrizione più dettagliata può essere trovata in Toninel [5].

14 2.1 La programmazione O-O La programmazione O-O Interfaccia vs implementazione Prendiamo in considerazione la progettazione di un nuovo codice CCM per la risoluzione di equazioni differenziali alle derivate parziali applicate ai continui, non limitato al campo della CFD, ma adatto anche, per esempio, all analisi strutturale. Una delle prime cose di cui gli sviluppatori dovrebbero essere consapevoli è che ci sono due livelli completamente diversi di interesse: 1. il livello dell utente; 2. il livello dello sviluppatore. L utente vorrà avere la possibilità di risolvere una qualsiasi PDE semplicemente o costruendo l equazione che governa un particolare problema attraverso strumenti di programmazione a livello alto, che potrebbero riprodurre la sequenza di operatori differenziali applicati a determinati campi, come scritto nella stessa PDE. Lo sviluppatore dovrebbe invece aver cura che dietro un interfaccia userfriendly, il codice consista di un implementazione modulare del prescelto metodo risolutivo, possibilmente nascondendo ogni dettaglio in qualche modo collegato allo specifico schema di discretizzazione o algoritmo in uso. Questo approccio, cioè la separazione dell interfaccia dall implementazione porta molti vantaggi: - l utente non deve preoccuparsi di troppi dettagli di implementazione; - se l applicazione è completamente trasparente all utente, e le interfacce ri-

15 2.1 La programmazione O-O 12 mangono immutate, lo sviluppatore può applicare qualsiasi modifica al codice sorgente, senza alterare le applicazioni dell utente; - a seconda del caso specifico, sarebbe possibile applicare di volta in volta il miglior metodo numerico disponibile (ad esempio i volumi finiti per la CFD, elementi finiti per la CSM), utilizzando sempre la stessa interfaccia. Questa separazione riflette anche il modo in cui vengono risolte le PDEs in un codice CCM: c è una corrispondenza 1-1 tra ogni operatore differenziale applicato ad una variabile e il contributo di questo termine nell equazione algebrica che deriva dalla discretizzazione della PDE. La linea di confine tra gli operatori differenziali (nella PDE) e le equazioni algebriche (nel metodo numerico) dovrebbe corrispondere alla separazione tra gli strati dell utente e dello sviluppatore, così come tra interfaccia e implementazione Procedurale vs OO Le applicazioni classiche di CFD si basano su un approccio procedurale, che consiste in una cascata di chiamate a procedure dedite ad uno specifico task. Il vantaggio principale di questo tipo di programmazione consiste nello sviluppo di applicazioni che riproducono il diagramma di flusso dell algoritmo prescelto e le sue formule di soluzione. Inoltre, un applicazione procedurale si suppone essere progettata per un attività specifica e dovrebbe quindi essere ottimizzata per tale obiettivo. La modularità e la riutilizzabilità sono di poco interesse in un programma procedurale, perché spesso è più facile e veloce, per una diversa applicazione, sviluppare un nuovo codice a partire da zero. Oggi il paradigma più popolare nel campo della moderna ingegneria del software (SE) è la programmazione orientata a oggetti (OOP), basata sul

16 2.1 La programmazione O-O 13 concetto di classe. In questo contesto una classe è un costrutto di un linguaggio di programmazione usato come modello per creare oggetti. Il modello comprende attributi e metodi che saranno condivisi da tutti gli oggetti creati. Una classe è l astrazione di un concetto implementata in un programma per computer. Fondamentalmente essa definisce al proprio interno lo stato ed il comportamento dell entità di cui è rappresentazione. I dati che descrivono lo stato sono memorizzati nelle variabili membro, mentre il comportamento è descritto da blocchi di codice riutilizzabile chiamati metodi. Con particolare riferimento alla soluzione di PDEs in CCM, si potrebbe pensare ad una Pde come una classe, che interagisce con oggetti della classe Field, modellando il comportamento di un continuo, in accordo con le istanze della classe BoundaryCondition. Gli operatori differenziali possono essere implementati come procedure che modificano il contenuto di un oggetto P de, nascondendo, dietro ad un più alto livello di interfaccia, la traslazione nell equazione algebrica discretizzata del corrispondente termine nella PDE. La programmazione procedurale, che caratterizza le applicazioni scientifiche in Fortran 77, è focalizzata sulle azioni, mentre la programmazione orientata a oggetti è incentrata sui dati. Sebbene questa semplificazione potrebbe sembrare troppo forte, è vero che l approccio OO parte dall organizzazione di gruppi di dati, e richiede la definizione di ciò che essi contengono, come possono essere costruiti, distrutti, come si può avere accesso ad essi e come possono essere modificati. In passato, la maggior parte dei programmi di calcolo scientifici veniva realizzata solo attraverso linguaggi di programmazione procedurali, come il Fortran, che ha garantito codici altamente efficienti. Oggi le esigenze sono cambiate e la necessità di sviluppare le applicazioni

17 2.2 NEMO e le PSBLAS 14 multiuso, migliorando la riutilizzabilità e la flessibilità dei codici, richiede l impiego dell OOP anche nel calcolo ad alte prestazioni. Tuttavia, c è da fare una considerazione, che parzialmente ridimensiona le capacità solitamente attribuite alla programmazione OO. L OOP non è la soluzione ad ogni tipo di applicazione numerica; inoltre il guadagno in termini di flessibilità ha un proprio prezzo da pagare in termini di prestazione pura. Questo è il motivo per cui un buon sviluppatore dovrebbe differenziare le aree del suo codice dove si può usare la programmazione a oggetti e dove, invece, è meglio dare la priorità all efficienza computazionale utilizzando un approccio procedurale. 2.2 NEMO e le PSBLAS Come anticipato all inizio del capitolo, NEMO è stato progettato per l esecuzione in parallelo su sistemi a memoria distribuita, secondo il message passing paradigm. Questa soluzione garantisce la portabilità su una vasta gamma di macchine. L applicazione del metodo dei volumi finiti porta alla discretizzazione delle PDEs. Se le risultanti equazioni algebriche vengono scritte in forma implicita per ogni nodo computazionale della mesh, quello che bisogna fare è risolvere un sistema lineare del tipo Ax = b, con A matrice sparsa. Per risolvere tale sistema i metodi diretti non sono appropriati. Bisogna ricorrere a metodi iterativi, la cui parallelizzazione richiede grande sforzo. In NEMO questo compito è assegnato alle librerie P SBLAS (P arallel Sparse Basic Linear Algebra Subprograms), sviluppate da Filippone e Colajanni [2].

18 2.3 Partizionamento e riordinamento 15 Queste librerie forniscono un framework per consentire implementazioni di solutori iterativi per sistemi lineari, nascondendo all utente la maggior parte della loro parallelizzazione. In particolare, le PSBLAS forniscono un ampio set di precondizionatori molto efficienti e di metodi iterativi non-stazionari del sottospazio di Krylov. Per fornire gli elementi costitutivi di questi algoritmi complessi e di alto livello, è stata utilizzata un applicazione parallela delle BLAS (Basic Linear Algebra Subprograms). I precondizionatori e i metodi iterativi vengono invocati chiamando singole subroutines in maniera completamente trasparente all utente. Sarebbe impossibile separare il kernel numerico di NEMO dalle PSBLAS, perché NEMO è disegnato intorno alle PSBLAS. Ad esempio, il modo in cui le PSBLAS gestiscono gli halos, cioè i buffers al bordo numerico di un processo, che svolgono un ruolo chiave per la soluzione parallela di un sistema lineare, influenza la strategia per l immagazzinamento di dati locali, relativi alla geometria e topologia della meshes. In sintesi, l attuale struttura di NEMO non esisterebbe senza le PSBLAS. 2.3 Partizionamento e riordinamento Partizionamento In ogni applicazione che lavora in parallelo, è di fondamentale importanza la strategia secondo cui si assegnano i dati da elaborare ai differenti processi. Questo partizionamento deve soddisfare due richieste: - bilanciare il piú possibile il numero di operazioni svolte da ogni processo; - minimizzare il numero di informazioni che devono scambiarsi i processi.

19 2.3 Partizionamento e riordinamento 16 Nelle PSBLAS il criterio di assegnamento dei dati ai differenti processi è basato sulla corrispondenza tra il grafo di adiacenza della mesh di discretizzazione e lo sparsity pattern della matrice dei coefficienti del sistema lineare Ax = b che deve essere risolto. Ripartire i dati nei differenti processi equivale a ripartire le equazioni algebriche di tale sistema. Ognuna di queste fa riferimento ad una cella della mesh di discretizzazione. Quindi assegnare dati ai diversi processi equivale ad assegnare celle ai diversi processi, ed il partizionamento risulta una suddivisione dell intero dominio in sottodomini. Se si considera la sequenza di steps computazionali eseguiti nella risoluzione iterativa di un sistema lineare, si ha che l ammontare delle operazioni floatingpoint in ogni processo è proporzionale al numero di celle assegnate al processo stesso, mentre l ammontare di dati che i processi devono scambiarsi è proporzionale al numero di celle che giacciono sul bordo numerico tra due o più processi adiacenti. In altre parole, il carico computazionale è proporzionale al volume di ogni sottodominio, mentre la comunicazione è proporzionale alla superficie di contatto tra i vari sottodomini. La scelta ottima per l allocazione dei dati quindi è equivalente al problema del partizionamento di un grafo, ossia al problema di assegnare i nodi di un grafo a distinti subsets (che non si intersecano tra di loro) in modo tale che: - l assegnamento dei nodi ai vari sottodomini sia omogeneo e ben bilanciato; - il numero di archi che connettono nodi in differenti subsets, attraversando la loro superficie di contatto, sia minimo. Il problema appena descritto è NP Complete: appartiene cioè a quella classe di problemi per cui non si puó, in generale, trovare una soluzione ottima.

20 2.3 Partizionamento e riordinamento 17 Bisogna quindi usare una strategia euristica per trovare un giusto compromesso tra il tempo necessario per trovare una soluzione e la qualità della stessa. La caratteristica principale del progetto PSBLAS è quella di lasciare l utente libero di scegliere liberamante la strategia di partizionamento del dominio di simulazione. Questo perchè le strategie di partizionamento possono essere molto diverse tra di loro, e sarebbe stato quindi troppo restrittivo, nella definizione del protocollo delle PSBLAS, forzare l utente ad adottarne una specifica. Il partizionamento a blocchi Un primo tipo di decomposizione dei dati è il partizionamento a blocchi, che si basa semplicemente sulla grandezza dello spazio degli indici del vettore di stato x e sul numero di processi paralleli disponibili; lo sparsity pattern della matrice dei coefficienti viene completamente trascurato. Se np è il numero dei processi disponibili, lo spazio degli indici i 1...N viene splittato in np blocchi composti di indici contigui. i i/l L = N/np Come mostrato in Fig. (2.1), il criterio di bilanciamento dei carichi consiste essenzialmente nel creare blocchi più omogenei possibili; essendo una suddivisione molto semplice e diretta, non assicura efficienza perchè non considera minimamente la topologia di discretizzazione della mesh. Buoni risultati possono essere ottenuti quindi nel caso di meshes strutturate, come mostrato in Fig (2.2); viceversa è chiaro che se la numerazione è irregolare, come in Fig.

21 2.3 Partizionamento e riordinamento 18 Figura 2.1: Partizionamento a blocchi in 3 subsets di un vettore di 8 elementi. (2.3), si ottiene un effetto a scacchiera, che per quanto detto è l opposto di ciò che si desidera. Metis e Parmetis Quando si ha a che fare con meshes complesse, non strutturate, è necessaria una decomposizione dei dati basata su tecniche più complesse, come gli algoritmi di graph partitioning. Come abbiamo accennato in precedenza, c è una corrispondenza 1-1 tra lo sparsity pattern della matrice dei coefficienti del sistema lineare derivante dalla discretizzazione di una PDE, A, e la mesh di discretizzazione; con riferimento al metodo dei volumi finiti, si può costruire un grafo di adiacenza a partire dalla mesh associando un nodo ad ogni volume di controllo e collegando tramite un arco ogni coppia di nodi, diciamo N1 e N2, tali che l equazione di bilancio per N1 contiene anche la variabile incognita in N2.

22 2.3 Partizionamento e riordinamento 19 Figura 2.2: Partizionamento a blocchi in 4 subsets di una mesh strutturata. Figura 2.3: Partizionamento a blocchi in 4 subsets di una mesh non strutturata.

23 2.3 Partizionamento e riordinamento 20 I coefficienti non nulli a ij corrispondono al contributo della variabile immagazzinata nel nodo j al bilancio espresso dalla PDE discretizzata scritta per il nodo i. E quindi chiaro che il grafo di adiacenza così costruito coincide esattamente con lo sparsity pattern di A. Per questo motivo è più che ragionevole usare un algoritmo di graph partitioning per risolvere il problema della decomposizione dei dati. Al momento, uno dei tools più utilizzati a tal proposito è il pacchetto METIS, sviluppato da Karypis e Kumar (1998). Seguendo il processo di decomposizione schematizzato in Fig.(2.4), METIS riesce a dominare la complessità del grafo di adiacenza riducendo drasticamente le superfici di comunicazione rispetto alla decomposizione a blocchi, come mostrato dalle figure (2.5) e (2.6).

24 2.3 Partizionamento e riordinamento 21 Figura 2.4: Schema di partizionamento di un grafo attraverso il software METIS NEMO supporta ParMETIS (ParallelMETIS), un tool di partizionamento della famiglia METIS che lavora in parallelo e utilizza le librerie MPI per le attività di comunicazione. ParMetis è più recente e meglio supportato di METIS, e rappresenta quindi la miglior scelta per un complesso framework parallelo multidisciplinare come NEMO.

25 2.3 Partizionamento e riordinamento 22 Figura 2.5: Partizionamento a blocchi di una mesh di un pistone di un motore Diesel. Figura 2.6: Partizionamento con METIS di una mesh di un pistone di un motore Diesel.

26 2.3 Partizionamento e riordinamento Riordinamento La numerazione iniziale delle celle influenza il grafo di adiacenza della mesh, e quindi il pattern della matrice associata A. Nel caso di meshes non strutturate, i generatori commerciali di griglie producono numerazioni molto disordinate, a seconda del particolare algoritmo di meshing utilizzato. Questa situazione può compromettere la performance di tutta l applicazione, qualunque strategia di partizionamento si usi. Nel caso di Metis e Parmetis la qualità finale della decomposizione è fortemente influenzata dalla numerazione iniziale dei nodi, che costituisce il punto di partenza per l algoritmo di graph partitioning. Figura 2.7: Sparsity pattern della Fig.(2.5) In questi casi prima del partizionamento è utile applicare un algoritmo di riordinamento.

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale RUOLO DELLA MODELLAZIONE GEOMETRICA E LIVELLI DI MODELLAZIONE PARTE 2 Prof. Caterina Rizzi... IN QUESTA LEZIONE Modelli 2D/3D Modelli 3D/3D Dimensione delle primitive di modellazione Dimensione dell oggettoy

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto

Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto Capitolo 2 Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto 2.1 Forze Le forze che agiscono su un elemento B n del corpo B sono essenzialmente di due tipi: a) forze di massa che agiscono

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI

SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE SISTEMI LINEARI QUADRATI:METODI ITERATIVI p./54 RICHIAMI di ALGEBRA LINEARE DEFINIZIONI A R n n simmetrica se A = A T ; A C

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Alessio Porretta Universita di Roma Tor Vergata Gli elementi tipici di un gioco: -un numero di agenti (o giocatori): 1,..., N -Un insieme di strategie

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 CONTROLLI DIGITALI Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica SISTEMI A TEMPO DISCRETO Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: cristian.secchi@unimore.it http://www.dismi.unimo.it/members/csecchi Richiami di Controlli

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

Flusso a costo minimo e simplesso su reti

Flusso a costo minimo e simplesso su reti Flusso a costo minimo e simplesso su reti La particolare struttura di alcuni problemi di PL può essere talvolta utilizzata per la progettazione di tecniche risolutive molto più efficienti dell algoritmo

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015 Compito di SISTEMI E MODELLI 9 Febbraio 5 Non é ammessa la consultazione di libri o quaderni. Le risposte vanno giustificate. Saranno rilevanti per la valutazione anche l ordine e la chiarezza di esposizione.

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A.

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A. Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270 Relazione di fine tirocinio A.A. 2013-2014 Analisi Strutturale tramite il Metodo agli Elementi Discreti Relatore:

Dettagli

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera L. De Giovanni AVVERTENZA: le note presentate di seguito non hanno alcuna pretesa di completezza, né hanno lo scopo di sostituirsi

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Corso di Programmazione ad Oggetti

Corso di Programmazione ad Oggetti Corso di Programmazione ad Oggetti Introduzione alla programmazione ad oggetti a.a. 2008/2009 Claudio De Stefano 1 La programmazione modulare Un programma può essere visto come un insieme di moduli che

Dettagli

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Maurizio Palesi Maurizio Palesi 1 Introduzione Obiettivo della sintesi logica: ottimizzazione delle cifre di merito area e prestazioni Prestazioni:

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara Esercizi di Algebra Lineare Claretta Carrara Indice Capitolo 1. Operazioni tra matrici e n-uple 1 1. Soluzioni 3 Capitolo. Rette e piani 15 1. Suggerimenti 19. Soluzioni 1 Capitolo 3. Gruppi, spazi e

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA Prerequisiti - Impiego di Multipli e Sottomultipli nelle equazioni - Equazioni lineari di primo grado e capacità di ricavare le formule inverse - nozioni base di fisica

Dettagli

Sistemi e modelli matematici

Sistemi e modelli matematici 0.0.. Sistemi e modelli matematici L automazione è un complesso di tecniche volte a sostituire l intervento umano, o a migliorarne l efficienza, nell esercizio di dispositivi e impianti. Un importante

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Esercizi su lineare indipendenza e generatori

Esercizi su lineare indipendenza e generatori Esercizi su lineare indipendenza e generatori Per tutto il seguito, se non specificato esplicitamente K indicherà un campo e V uno spazio vettoriale su K Cose da ricordare Definizione Dei vettori v,,v

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Studente: SANTORO MC. Matricola : 528

Studente: SANTORO MC. Matricola : 528 CORSO di LAUREA in INFORMATICA Corso di CALCOLO NUMERICO a.a. 2004-05 Studente: SANTORO MC. Matricola : 528 PROGETTO PER L ESAME 1. Sviluppare una versione dell algoritmo di Gauss per sistemi con matrice

Dettagli

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale 4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale Spazi Metrici Ricordiamo che uno spazio metrico è una coppia (X, d) dove X è un insieme e d : X X [0, + [ è una funzione, detta metrica,

Dettagli

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1 LEZIONE 14 141 Dimensione di uno spazio vettoriale Abbiamo visto come l esistenza di una base in uno spazio vettoriale V su k = R, C, permetta di sostituire a V, che può essere complicato da trattare,

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

x (x i ) (x 1, x 2, x 3 ) dx 1 + f x 2 dx 2 + f x 3 dx i x i

x (x i ) (x 1, x 2, x 3 ) dx 1 + f x 2 dx 2 + f x 3 dx i x i NA. Operatore nabla Consideriamo una funzione scalare: f : A R, A R 3 differenziabile, di classe C (2) almeno. Il valore di questa funzione dipende dalle tre variabili: Il suo differenziale si scrive allora:

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

x 1 + x 2 3x 4 = 0 x1 + x 2 + x 3 = 0 x 1 + x 2 3x 4 = 0.

x 1 + x 2 3x 4 = 0 x1 + x 2 + x 3 = 0 x 1 + x 2 3x 4 = 0. Problema. Sia W il sottospazio dello spazio vettoriale R 4 dato da tutte le soluzioni dell equazione x + x 2 + x = 0. (a. Sia U R 4 il sottospazio dato da tutte le soluzioni dell equazione Si determini

Dettagli

Dinamica e Misura delle Vibrazioni

Dinamica e Misura delle Vibrazioni Dinamica e Misura delle Vibrazioni Prof. Giovanni Moschioni Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica Sezione di Misure e Tecniche Sperimentali giovanni.moschioni@polimi.it VibrazionI 2 Il termine

Dettagli

Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto

Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA Esistenza di funzioni continue non differenziabili in alcun punto Relatore Prof. Andrea

Dettagli

12. LO SCAMBIO TERMICO PER CONVEZIONE

12. LO SCAMBIO TERMICO PER CONVEZIONE 12. LO SCAMBIO TERMICO PER CONVEZIONE 12.1 Introduzione Una seconda modalità di trasmissione del calore, detta convezione termica, ha luogo quando almeno uno dei due corpi che si scambiano calore è un

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Equazioni differenziali ordinarie

Equazioni differenziali ordinarie Capitolo 2 Equazioni differenziali ordinarie 2.1 Formulazione del problema In questa sezione formuleremo matematicamente il problema delle equazioni differenziali ordinarie e faremo alcune osservazioni

Dettagli

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Circuiti Elettrici Corrente elettrica Legge di Ohm Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Leggi di Kirchhoff Elementi di circuito: voltmetri, amperometri, condensatori

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Analisi e controllo di uno scambiatore di calore

Analisi e controllo di uno scambiatore di calore Università degli Studi di Roma Tor Vergata FACOLTÀ DI INGNEGNERIA Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria dell automazione Progetto per il corso di controllo dei processi Analisi e controllo di uno scambiatore

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

Metodi numerici per la risoluzione di equazioni. Equazioni differenziali ordinarie

Metodi numerici per la risoluzione di equazioni. Equazioni differenziali ordinarie Metodi numerici per la risoluzione di equazioni differenziali ordinarie Dipartimento di Matematica, http://dm.ing.unibs.it/gastaldi/ Lezione 5-31 ottobre 2005 Outline 1 Il problema di Cauchy Il problema

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

Lezione 4: Principi di Conservazione Conservazione della quantità di moto e del momento della quantità di moto

Lezione 4: Principi di Conservazione Conservazione della quantità di moto e del momento della quantità di moto Lezione 4: Principi di Conservazione Conservazione della quantità di moto e del momento della quantità di moto Claudio Tamagnini Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Università degli Studi di

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Elaborato di Meccanica delle Strutture

Elaborato di Meccanica delle Strutture Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Meccanica ed Aeronautica Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica Elaborato di Meccanica delle Strutture Docente

Dettagli

Nota su Crescita e Convergenza

Nota su Crescita e Convergenza Nota su Crescita e Convergenza S. Modica 28 Ottobre 2007 Nella prima sezione si considerano crescita lineare ed esponenziale e le loro proprietà elementari. Nella seconda sezione si spiega la misura di

Dettagli

19. Inclusioni tra spazi L p.

19. Inclusioni tra spazi L p. 19. Inclusioni tra spazi L p. Nel n. 15.1 abbiamo provato (Teorema 15.1.1) che, se la misura µ è finita, allora tra i corispondenti spazi L p (µ) si hanno le seguenti inclusioni: ( ) p, r ]0, + [ : p

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A.

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A. Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. SRZO n. ata la travatura reticolare piana triangolata semplice illustrata in Figura, determinare gli sforzi normali nelle

Dettagli

Approssimazione polinomiale di funzioni e dati

Approssimazione polinomiale di funzioni e dati Approssimazione polinomiale di funzioni e dati Approssimare una funzione f significa trovare una funzione f di forma più semplice che possa essere usata al posto di f. Questa strategia è utilizzata nell

Dettagli

La MKT (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura

La MKT (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura La (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura Come funzionano i criteri di valutazione sulla temperatura Vi sono 5 parametri usati per la valutazione del

Dettagli

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto.

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto. 29 giugno 2009 - PROVA D ESAME - Geometria e Algebra T NOME: MATRICOLA: a=, b=, c= Sostituire ai parametri a, b, c rispettivamente la terzultima, penultima e ultima cifra del proprio numero di matricola

Dettagli

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale.

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. L analisi modale è un approccio molto efficace al comportamento dinamico delle strutture, alla verifica di modelli di calcolo

Dettagli

Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa?

Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa? Può la descrizione quantomeccanica della realtà fisica considerarsi completa? A. Einstein, B. Podolsky, N. Rosen 25/03/1935 Abstract In una teoria completa c è un elemento corrispondente ad ogni elemento

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali.

Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. CAPITOLO 7 Rango: Rouchè-Capelli, dimensione e basi di spazi vettoriali. Esercizio 7.1. Determinare il rango delle seguenti matrici al variare del parametro t R. 1 4 2 1 4 2 A 1 = 0 t+1 1 A 2 = 0 t+1 1

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

FASCI DI RETTE. scrivere la retta in forma esplicita: 2y = 3x + 4 y = 3 2 x 2. scrivere l equazione del fascio di rette:

FASCI DI RETTE. scrivere la retta in forma esplicita: 2y = 3x + 4 y = 3 2 x 2. scrivere l equazione del fascio di rette: FASCI DI RETTE DEFINIZIONE: Si chiama fascio di rette parallele o fascio improprio [erroneamente data la somiglianza effettiva con un fascio!] un insieme di rette che hanno tutte lo stesso coefficiente

Dettagli