DGR DEL. DPCM del 27 febbraio 2004.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DGR DEL. DPCM del 27 febbraio 2004."

Transcript

1 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/11 DGR DEL. DPCM del 27 febbraio Affidamento ad ARPAV delle attività di supporto al funzionamento del Centro Funzionale Decentrato presso la Protezione Civile Regionale presso la Protezione Civile Regionale CONVENZIONE L'anno duemilaundici, il giorno del mese di, in Venezia-Marghera, via A. Paolucci n. 34, presso la sede regionale di Protezione Civile, sono presenti i signori: - Ing. Roberto Tonellato, nato a Treviso, il 26/09/1953 domiciliato per la carica in Venezia, presso la Giunta Regionale del Veneto, Dorsoduro 3901, C.F , il quale interviene nel presente atto in nome e per conto della Regione del Veneto, in qualità di Dirigente dell Unità di Progetto Protezione Civile e Responsabile del Centro Funzionale Decentrato, delegato alla sottoscrizione della presenta Convenzione, giusta Delibera di Giunta Regionale n.2340 in data 28/09/2010 esecutiva ai sensi di legge; - Dr. Carlo Emanuele Pepe nato a Padova, il 10/01/1964, domiciliato per la carica in Padova, presso l ARPAV Direzione Generale, via Matteotti, 27, C.F , il quale interviene nel presente atto in nome e per conto dell ARPAV, in qualità di Direttore Generale; Le parti, come sopra convenute, premettono che: - con deliberazione n. 20 del 18 gennaio 2002, la Giunta Regionale del Veneto ha aderito all iniziativa per la realizzazione del Progetto Centri Funzionali per il monitoraggio meteo-idropluviometrico, nonché per la previsione e l allerta meteorologica ai fini di protezione civile, coordinata dalla Regione Basilicata sulla base delle specifiche tecniche concordate a livello nazionale, per consentire l allertamento preventivo delle popolazioni sottoposte al rischio idrogeologico; - con Convenzione tra la Regione Basilicata, il Dipartimento della Protezione Civile e la Regione del Veneto per la realizzazione del progetto dei Centri Funzionali, sottoscritta in data 10

2 ALLEGATO A Dgr n. del pag. 2/11 ottobre 2003, sono stati, tra l altro, previsti alcuni obblighi a carico della Regione e in particolare l impegno a garantire il funzionamento del Centro Funzionale su tutto l arco delle 24 ore, a seconda delle modalità stabilite nei propri disciplinari di allertamento, ovvero, in mancanza dei disciplinari, su richiesta motivata del Dipartimento della Protezione Civile; - sulla base delle direttive nazionali in materia di previsione del rischio, secondo le determinazioni del tavolo politico costituito dai referenti politici di settore di tutte le regioni e presieduto dall assessore della Regione capofila Friuli Venezia Giulia, condivise in sede di confronto con i rappresentanti del Dipartimento e della compagine politica nazionale, con deliberazione di Giunta Regionale n in data 27 giugno 2006, è stato costituito il Centro Funzionale Decentrato (di seguito C.F.D. ); - alla Segreteria Regionale per l Ambiente Unità di Progetto Protezione Civile compete, attraverso il C.F.D. l onere di mantenere i rapporti con le altre strutture di protezione civile, regionali e statali, ivi compresi i restanti Centri Funzionali regionali, nonché l emissione e la diffusione dell avviso di criticità; - per ottenere l autorizzazione all attivazione del C.F.D., così come previsto dalla Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27 febbraio 2004 e successive modifiche ed integrazioni, è stato necessario dotare il centro stesso di un organigramma funzionale per l espletamento dei compiti di sorveglianza e monitoraggio e sufficiente a garantire le attività conseguenti a un possibile stato di allerta regionale o nazionale (anche in H24); - la Segreteria Regionale per l Ambiente Unità di Progetto Protezione Civile, nell ambito delle competenze previste dalla succitata deliberazione n in data 27/06/2006, ha provveduto all assunzione di personale idoneo per l espletamento delle attività inerenti al presidio e al funzionamento della sala operativa del C.F.D., con una serie di contratti a tempo determinato e attingendo da graduatorie utili già a disposizione dell Amministrazione; - stante le caratteristiche dei contratti di cui sopra, riferiti a personale non stabilizzabile a norma delle vigenti disposizioni statali e regionali, il personale impiegato non è più in servizio presso l Amministrazione Regionale; conseguentemente, con deliberazione della Giunta Regionale n in data 28/12/2007, è stato affidato ad ARPAV la fornitura di prestazioni di servizi per

3 ALLEGATO A Dgr n. del pag. 3/11 garantire le attività del C.F.D., attraverso la sottoscrizione di apposita convenzione, rimanendo in capo all Unità di Progetto Protezione Civile l intera funzione decisionale, il coordinamento e il controllo; - con nota n in data 01/02/2008 l ARPAV ha rilevato l impossibilità di provvedere alla prestazione richiesta in quanto la Legge Finanziaria statale 2008 non consentiva l assunzione di personale a tempo determinato, ma unicamente a tempo indeterminato; - altra struttura fondamentale dell Unità di Progetto Protezione Civile è la sala operativa del Coordinamento Regionale in Emergenza (Co.R.Em.) che è attualmente presidiata in H12 e in servizio di reperibilità per le ulteriori 12 ore giornaliere. Per questa specifica competenza a tutt oggi si è provveduto per il servizio di pronta disponibilità con il personale dell Unità di Progetto Protezione Civile e per il presidio con una serie di contratti a tempo determinato e attingendo da graduatorie utili già a disposizione dell Amministrazione; anche questo personale non è più in servizio presso l Amministrazione Regionale, per le stesse motivazioni sopra descritte; - attualmente il funzionamento della terza area del C.F.D. e della sala operativa del Co.R.Em. è garantito con un modello di presenza giornaliera in H12 e programma di reperibilità per l orario rimanente. Tale modello garantisce, sia in situazioni normali che in emergenza, la gestione del sistema di scambio informativo, il funzionamento dei sistemi di comunicazione e di interscambio dati, la gestione dei sistemi HW e SW, la visualizzazione e interpretazione dei dati relativi a fenomeni in atto e la predisposizione degli avvisi, la relativa asseverazione e diffusione agli enti territoriali interessati; - con deliberazione n in data 29/07/2008, la Giunta Regionale ha affidato ad ARPAV le prestazioni di servizi per sostenere le attività di supporto al pieno funzionamento del C.F.D. e al presidio della sala operativa del Co.R.Em, attraverso l assunzione di 17 specifiche figure professionali a tempo indeterminato e la messa a disposizione di ulteriori 4 unità per l espletamento delle attività nell ambito della terza area funzionale del C.F.D.; - mediante apposite convenzioni, stipulate annualmente tra la Regione del Veneto ed ARPAV per le annualità , e , sono stati, tra l altro, concordati i compiti

4 ALLEGATO A Dgr n. del pag. 4/11 dell ARPAV in relazione alle attività di supporto al pieno funzionamento del C.F.D. e al presidio della sala operativa del Co.R.Em.; - con deliberazione n. 837 in data , la Giunta Regionale del Veneto ha dichiarato attivo e operativo il C.F.D. della Regione del Veneto per il rischio idrogeologico ed idraulico, a decorrere dal 2 aprile A partire da novembre 2009 il C.F.D. svolge, inoltre, un servizio di previsione e monitoraggio della criticità valanghiva per il periodo da novembre a maggio. - con lettera in data 20/07/2011 prot. n , il Direttore Generale di ARPAV ha proposto, al Dirigente Regionale dell Unità di Progetto Protezione Civile, un nuovo modello di presidio della sala operativa del C.F.D. al fine di un migliore utilizzo delle risorse di personale disponibili ed ha segnalato l impossibilità di garantire, per l annualità , il presidio della sala operativa del Co.R.Em. per la carenza di personale tecnico dedicato. Infatti a seguito della situazione di difficoltà economico finanziaria di ARPAV non è stato possibile dar seguito alla sostituzione di n. 3 unità di personale turnista, assunto a seguito della succitata deliberazione n in data 29/07/2008 e cessato a vario titolo o in aspettativa alla data di rinnovo del presente contratto (8 agosto 2011); - con la medesima nota, il Direttore Generale di ARPAV ha assicurato che con il nuovo modello organizzativo proposto e con le risorse di personale disponibili, è possibile garantire la copertura dei turni di pronta disponibilità descritti nel successivo articolo 2, nonché mettere a disposizione una maggiore quantità di ore lavoro di tecnici specializzati da dedicare a specifici programmi di sviluppo. Tra quest ultimi è di rilevante importanza per l Amministrazione Regionale e per l aumento della funzionalità del C.F.D., l implementazione, sviluppo e formazione nel settore della modellistica idrologica e idraulica; - il costo stimato per il personale ARPAV e di struttura, necessario per l espletamento delle attività previste nella presente convenzione per il periodo , è complessivamente valutato, forfettariamente, pari a ,00 Euro annui. Ciò premesso tra le parti contraenti, come sopra rappresentate, in conformità alle deliberazioni della Giunta Regionale già citate nelle premesse e, da ultima, alla deliberazione n del 27/07/2010, si conviene e si stipula quanto segue:

5 ALLEGATO A Dgr n. del pag. 5/11 Articolo 1 Oggetto La Regione del Veneto affida all ARPAV le attività tecnico-operative di cui ai successivi articoli 2, 3 e 4 relative alla terza area funzionale del Centro Funzionale Decentrato (C.F.D.) di cui alla deliberazione della Giunta Regionale n del 27 giugno 2006, al fine di garantire il pieno funzionamento del C.F.D., quale supporto tecnico-operativo alla Segreteria Regionale per l Ambiente Unità di Progetto Protezione Civile. Articolo 2 Principali compiti dell ARPAV (attività ordinaria) L ARPAV deve: A. Garantire, in assenza oppure, di norma, in presenza di criticità idrogeologica o idraulica ordinaria, il presidio, nei giorni ferali, della sala operativa del C.F.D. in modalità H8 con n. 2 unità di personale nella fascia oraria dalle ore 8.00 alle ore È previsto inoltre un turnista di supporto (sempre nella fascia oraria ) che potrà entrare in servizio in caso di necessità particolari, imprevisti o altro. Tre turnisti saranno, inoltre, in pronta disponibilità dalle ore alle ore B. Garantire, in assenza oppure, di norma, in presenza di criticità idrogeologica o idraulica ordinaria, il presidio, nei giorni di sabato e festivi, della sala operativa del C.F.D. in modalità H6 con n. 2 unità di personale nella fascia oraria dalle ore 8.00 alle ore È previsto inoltre un turnista di supporto (sempre nella fascia oraria ) che potrà entrare in servizio in caso di necessità particolari, imprevisti o altro. Tre turnisti saranno, inoltre, in pronta disponibilità dalle ore alle ore C. Garantire, tutti i giorni dell anno, un servizio di pronta disponibilità notturna nella fascia oraria dalle ore alle ore 8.00 del giorno successivo, assicurato da n. 3 unità di personale. D. Garantire, tutti i giorni dell anno, il servizio di risposta alle chiamate indirizzate al numero telefonico: (recapito della sala operativa del C.F.D.), sia nelle fasce orarie presidiate, sia nelle fasce orarie coperte con il servizio di pronta disponibilità, in quest ultimo caso mediante deviazione verso il cellulare di reperibilità del capo turno.

6 ALLEGATO A Dgr n. del pag. 6/11 E. Garantire il presidio H24 della sala operativa del C.F.D. in caso di criticità idrogeologica o idraulica moderata o elevata, con la presenza costante di n. 3 unità di personale. F. Effettuare le seguenti attività della Terza Area Funzionale del Centro stesso a supporto tecnicooperativo della Segreteria Regionale per l Ambiente Unità di Progetto Protezione Civile: 1) la predisposizione degli atti relativi al procedimento per l individuazione e successivo affidamento dei servizi di manutenzione ordinaria, integrativa e correttiva delle dotazioni hardware e software del C.F.D.; 2) la gestione e il controllo delle dotazioni hardware e software del C.F.D.; 3) la manutenzione ordinaria della logistica della sala operativa del C.F.D.; 4) l acquisizione e presa visione quotidiana delle previsioni meteorologiche a scala sinottica e regionale adottate rispettivamente dal Capo del Dipartimento della Protezione Civile e dall ARPAV Dipartimento Regionale per la Sicurezza del Territorio Centro Meteorologico di Teolo (ARPAV DRST CMT) e delle valutazioni degli effetti al suolo attesi e delle criticità previste per le diverse zone di allerta, predisposte dalla componente della seconda area funzionale preposta alla determinazione degli scenari di rischio idrogeologico e idraulico; 5) l acquisizione e la presa visione quotidiana delle previsioni di criticità valanghiva adottate dall ARPAV Dipartimento Regionale per la Sicurezza del Territorio Centro Valanghe di Arabba (ARPAV DRST CVA) per le diverse zone di allerta; 6) la predisposizione per l Unità di Progetto Protezione Civile dell informativa giornaliera da inviare al Dipartimento della Protezione Civile che riporterà le previsioni sulla situazione meteorologica regionale e sugli effetti al suolo attesi, sulla base delle valutazioni effettuate e trasmesse dall ARPAV-DRST-CMT e/o CVA e dalla componente della seconda area funzionale preposta alla determinazione degli scenari di rischio idrogeologico e idraulico; 7) l invio al Dipartimento della Protezione Civile dell informativa giornaliera asseverata dal Responsabile del C.F.D. o del soggetto da questi delegato.; 8) la gestione delle chiamate da e verso gli enti esterni e la gestione dello scambio informativo verso le altre strutture componenti il C.F.D.

7 ALLEGATO A Dgr n. del pag. 7/11 G. Garantire i servizi sopraindicati con un numero complessivo di almeno 18 operatori adeguatamente qualificati nelle procedure operative previste per il funzionamento della sala operativa del C.F.D. H. Garantire la gestione e l aggiornamento del sito internet regionale dell Unità di Progetto Protezione Civile C.F.D., dedicato all informazione per gli utenti sia in situazioni ordinarie, sia in allerta. I. Garantire, in accordo con l Unità di Progetto Protezione Civile, la gestione e l aggiornamento del database generale con i riferimenti e i recapiti telefonici e fax degli enti e degli utenti destinatari rispettivamente dei prodotti e dei servizi resi dal C.F.D. J. Ottemperare alle richieste formulate dal Responsabile del C.F.D. K. Assicurare per quanto di competenza l operatività e l efficienza dei sistemi che forniscono i dati necessari al C.F.D. per il sistema di allertamento regionale, nei limiti delle risorse messe a disposizione dalla Regione del Veneto per lo scopo specifico. L. Fornire annualmente alla Regione del Veneto - Unità di Progetto Protezione Civile apposita relazione sul lavoro svolto per l attività ordinaria (Art. 2, 3) e straordinaria (Art. 4) e rendicontazione dei costi sostenuti. Articolo 3 Ulteriori compiti dell ARPAV (attività ordinaria) In caso di proposta di emissione di avvisi di criticità, l ARPAV dovrà inoltre: A. Sottoporre gli avvisi stessi all asseverazione da parte del Responsabile del C.F.D. o del soggetto da questi delegato. B. Inviare i documenti ai soggetti individuati nelle liste di distribuzione predisposte e aggiornate con le modalità specificate nell art. 2, comma 1, lettera I. C. Gestire i controlli di invio e recepimento della messaggistica. D. Gestire le chiamate da e verso gli enti esterni e lo scambio informativo verso le altre strutture componenti il C.F.D. E. Gestire le comunicazioni e lo scambio informativo tra la sala operativa del C.F.D. e il Dipartimento della Protezione Civile e le altre sale operative dei C.F.D. limitrofi. F. Gestire le comunicazioni con il referente reperibile dell Unità di Progetto Protezione Civile. G. Gestire la registrazione di tutti gli scambi informativi relativamente all evento.

8 ALLEGATO A Dgr n. del pag. 8/11 H. Predisporre l analisi a posteriori dell attività svolta dal C.F.D., a seguito di un evento verificatosi e dichiarato concluso, mediante la redazione di una relazione in collaborazione con le altre Strutture componenti il C.F.D. I. Inviare mensilmente all Unità di Progetto Protezione Civile e alla Direzione Difesa del Suolo il calendario con i nominativi del personale in presidio presso la sala operativa del C.F.D. e in pronta disponibilità. J. Inviare mensilmente al Responsabile del C.F.D. una breve nota sulla attività svolta da ARPAV. Articolo 4 Ulteriori compiti dell ARPAV (attività straordinaria) L ARPAV, d intesa con la Regione del Veneto Unità di Progetto Protezione Civile, predispone un piano annuale delle attività da sviluppare a favore della funzionalità del C.F.D. da presentare entro trenta giorni dalla stipula della presente convenzione. Tra le attività che ARPAV è tenuta a svolgere si individuano le seguenti: A. Effettuazione di misure di portata e di rilievi topobatimetrici sui corsi d acqua, propedeutici allo sviluppo e formazione della modellistica idrologica e idraulica. B. Implementazione, sviluppo e formazione della modellistica idrologica ed idraulica e sua utilizzazione nella sala operativa del C.F.D. per la valutazione degli effetti al suolo attesi. In particolare dovrà essere sviluppato il modello idrologico e idraulico afferente ad almeno un bacino idrografico di un corso d acqua principale. C. Sviluppo e formazione del Bollettino Multirischio per un suo utilizzo nel sistema di allertamento regionale. Tra le attività che ARPAV potrà svolgere si individuano le seguenti: A. Attività di formazione e aggiornamento di personale di altre strutture su indicazione dell Unità di Progetto di Protezione Civile. B. Partecipazione a gruppi di lavoro e/o ad incontri sia a livello regionale che nazionale, per trattare tematiche di interesse per la protezione civile in riferimento al C.F.D. sia per i rischi idrogeologicoidraulico-valanghivo, sia per altri rischi naturali. C. Predisporre rapporti e note tecniche in relazione alla precedente lettera B.

9 ALLEGATO A Dgr n. del pag. 9/11 D. In caso di sismi di una certa rilevanza sul territorio regionale (magnitudo superiore a 3,5 ML Richter), aggiornare il sito internet regionale del C.F.D. con apposita informativa da inviare anche ai territori interessati. Articolo 5 Compiti della Regione del Veneto Unità di Progetto Protezione Civile La Regione del Veneto, attraverso l Unità di Progetto Protezione Civile, garantisce la supervisione, la funzione decisionale e il controllo delle prestazioni oggetto della presente convenzione. Il Responsabile del C.F.D., in particolare: A. Bilancia e coordina tutte le attività anche tramite il coinvolgimento diretto delle figure professionali del C.F.D. stesso presenti in sala operativa; B. Svolge le funzioni di indirizzo e controllo delle attività del C.F.D.; C. Mantiene i rapporti con le Strutture del Sistema di Protezione Civile quali Comuni, Province, Regioni, Dipartimento della Protezione Civile ivi compresi il Centro Funzionale Centrale e i restanti Centri Funzionali Decentrati. D. Assevera i prodotti emessi dal C.F.D. (bollettini informativi giornalieri, avvisi di condizioni meteorologiche avverse e relativi aggiornamenti, avvisi di criticità e relativi aggiornamenti, avvisi di cessata criticità, ecc.). E. Approva la relazione annuale di cui all art. 2, comma 1, lettera L. Articolo 6 Compensi Il compenso annuale forfettario e omnicomprensivo, previsto a favore di ARPAV, pari ad ,00 (ogni onere incluso), deve intendersi costituito da due importi distinti, pari a ,00 ed ,00 riferiti, rispettivamente, ad attività di supporto di natura ordinaria (Art. 2 e 3) e straordinaria (Art. 4). Articolo 7 Liquidazione compensi Per la liquidazione dei compensi annui di cui all art. 6 si procederà nel seguente modo:

10 ALLEGATO A Dgr n. del pag. 10/11-30% (pari a ,00) entro 90 giorni naturali e consecutivi dalla sottoscrizione della presente convenzione e a seguito della presentazione di relazione metodologica del servizio che dovrà essere presentata da ARPAV entro 30 giorni dalla sottoscrizione stessa; - 60% per la voce attività ordinarie (pari a ,00) in rate trimestrali (ciascuna pari a ,00); - i compensi per l espletamento delle attività straordinarie saranno erogati ad avanzamento lavori, su richiesta motivata di ARPAV, e fino alla concorrenza del 90%. - il saldo, entro 90 giorni dall approvazione della relazione di cui all art. 2, comma 1, lettera L. Articolo 8 Durata della convenzione La presente convenzione ha la durata di anni uno dall 8/08/2011 al 7/08/2012 ed è rinnovata al termine di tale periodo per concorde ed espressa volontà delle parti e previa autorizzazione della Giunta Regionale. Articolo 9 Cessazione della convenzione La presente convenzione è risolta qualora non siano rispettati, senza giustificato motivo, i termini previsti e gli adempimenti stabiliti per ciascuno degli Enti sottoscrittori. L Ente sottoscrittore è considerato inadempiente quando, sollecitato per iscritto dall altro Ente, non riprende a svolgere i propri compiti e/o non presenta adeguate giustificazioni, entro 120 giorni naturali e consecutivi dalla ricezione della notifica d inadempimento ovvero di ritardo ingiustificato. Articolo 10 Spese Sono a carico dell ARPAV le spese inerenti e conseguenti al presente atto, ogni onere incluso. Articolo 11 Foro competente Per ogni controversia il Foro competente è quello di Venezia. Articolo 12 Normativa A tutti gli effetti e per quanto non previsto nel presente atto valgono le norme in materia analoghe per le Pubbliche Amministrazioni e in particolare la Legge e il Regolamento sull Amministrazione del Patrimonio e sulla Contabilità Generale dello Stato.

11 ALLEGATO A Dgr n. del pag. 11/11 Articolo 13 Registrazione La presente convenzione è fuori campo IVA ai sensi dell art. 4 del DPR 633/72 in quanto regola attività istituzionali proprie di enti pubblici non in regime di impresa e comunque non verrà registrata in quanto esente in forza di quanto previsto dall art. 3, lett. A della tabella allegata al DPR 26 aprile 1986 n Venezia,. Per la Regione del Veneto Il Dirigente dell Unità di Progetto Protezione Civile Per l ARPAV Il Direttore Generale Dr. Carlo Emanuele Pepe Ing. Roberto Tonellato

Secondo ciclo di incontri di consultazione pubblica Focal Point: Venezia Bacino di riferimento: Bacino Scolante della Laguna di Venezia

Secondo ciclo di incontri di consultazione pubblica Focal Point: Venezia Bacino di riferimento: Bacino Scolante della Laguna di Venezia Secondo ciclo di incontri di consultazione pubblica Focal Point: Venezia Bacino di riferimento: Bacino Scolante della Laguna di Venezia Le azioni previsionali e di monitoraggio della Protezione Civile

Dettagli

ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6

ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6 SCHEMA DI ACCORDO Tra la PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE, l AGENZIA INTERREGIONALE PER IL FIUME

Dettagli

ALLEGATO A. CAPO I Disposizioni Generali

ALLEGATO A. CAPO I Disposizioni Generali ALLEGATO A DISPOSIZIONI PER L ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Indirizzi Operativi per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento nazionale,

Dettagli

Il Servizio Sanitario Nazionale ROVIGO 29.09.2011. Dott. Francesco Bianchini Unità regionale di Protezione Civile

Il Servizio Sanitario Nazionale ROVIGO 29.09.2011. Dott. Francesco Bianchini Unità regionale di Protezione Civile Il Servizio Sanitario Nazionale nelle emergenze non epidemiche ROVIGO 29.09.2011 Dott. Francesco Bianchini Unità regionale di Protezione Civile La Protezione Civile Non è una attività affidata ad una sola

Dettagli

I programmi di attività della Regione del Veneto finalizzati alla previsione dei fenomeni geomorfologici ed idraulici

I programmi di attività della Regione del Veneto finalizzati alla previsione dei fenomeni geomorfologici ed idraulici I programmi di attività della Regione del Veneto finalizzati alla previsione dei fenomeni geomorfologici ed idraulici Relatore: Ing. MARIANO CARRARO Segretario Regionale per l Ambiente del Veneto Intervento

Dettagli

ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/7

ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/7 CONVENZIONE TRA LA REGIONE VENETO E L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DELLA RETE DI STAZIONI PERMANENTI GPS NEL

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 582 del 29 aprile 2014 pag. 1/6

ALLEGATOA alla Dgr n. 582 del 29 aprile 2014 pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 582 del 29 aprile 2014 pag. 1/6 CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO DI INTERVENTO IN MATERIA DI VITA INDIPENDENTE L

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 302 DEL 30-12-2014 Il Direttore Generale dell ARPAV, Dott. Carlo Emanuele Pepe, giusti i poteri conferiti con D.C.R.V. n. 3 del 20/01/2011, coadiuvato dal Direttore

Dettagli

TUTTO CIÒ PREMESSO TRA

TUTTO CIÒ PREMESSO TRA CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DI TORINO E L'ORGANIZZAZIONE DENOMINATA "COORDINAMENTO PROVINCIALE DI VOLONTARIATO DELLE ASSOCIAZIONI E DEI GRUPPI COMUNALI ED INTERCOMUNALI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

Dettagli

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 114 del 13/10/2011 Oggetto: ISTITUZIONE REPERIBILITÀ H24 PER PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE L anno duemilaundici

Dettagli

DELIBERA GIUNTA REGIONALE

DELIBERA GIUNTA REGIONALE Disposizioni in attuazione dell art. 3 bis della Legge 225/1992 e della Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27.02.2004 Sistema di Allertamento Regionale e Centro Funzionale Regionale

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEGLI INTERVENTI STRAORDINARI ED INTEGRATIVI DEL PROGRAMMA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEGLI INTERVENTI STRAORDINARI ED INTEGRATIVI DEL PROGRAMMA Allegato 2 SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEGLI INTERVENTI STRAORDINARI ED INTEGRATIVI DEL PROGRAMMA DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DI CUI ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

AZIENDA U.L.S.S. N. 16 DI PADOVA

AZIENDA U.L.S.S. N. 16 DI PADOVA REGIONE DEL VENETO AZIENDA U.L.S.S. N. 16 DI PADOVA DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n. 620 del 20/08/2012 OGGETTO: Attività assistenziale presso il SUEM 118. Determinazioni. Il Direttore Amministrativo

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE INDICE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE INDICE INDICE Scopo...2 Generalità...2 Mansionario Reperibile...3 Principi generali...3 Mansioni...3 Procedura Attivazione...3 Procedura reperibile... 12 Schede Segnalazione Criticità... 17 Schede Danni Ente

Dettagli

SISTEMA REGIONALE DI PRESIDIO TERRITORIALE IDROGEOLOGICO E IDRAULICO A SUPPORTO DELLA PIANIFICAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE

SISTEMA REGIONALE DI PRESIDIO TERRITORIALE IDROGEOLOGICO E IDRAULICO A SUPPORTO DELLA PIANIFICAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE SISTEMA REGIONALE DI PRESIDIO TERRITORIALE IDROGEOLOGICO E IDRAULICO A SUPPORTO DELLA PIANIFICAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE CAMPANIA E L ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI

Dettagli

ARPA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l'ambiente dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi

ARPA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l'ambiente dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi ARPA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l'ambiente dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi Determinazione dirigenziale n. DET-2015-104 del 18/02/2015 Oggetto Servizio Idro-Meteo-Clima. Rinnovo

Dettagli

Azienda Sanitaria Locale della provincia di Como Allegato A pagine 7 deliberazione n. del

Azienda Sanitaria Locale della provincia di Como Allegato A pagine 7 deliberazione n. del Azienda Sanitaria Locale della provincia di Como Allegato A pagine 7 deliberazione n. del Convenzione per la realizzazione dei progetti ai sensi DGR n. 392 del 12.07.2013 Attivazione di interventi a sostegno

Dettagli

Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 27 febbraio 2004

Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 27 febbraio 2004 Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 27 febbraio 2004 Indirizzi operativi per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento nazionale, statale e regionale per il rischio

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 1611/2014 ADOTTATA IN DATA 16/10/2014 IL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE N. 1611/2014 ADOTTATA IN DATA 16/10/2014 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. 1611/2014 ADOTTATA IN DATA 16/10/2014 OGGETTO: Convenzione con Rome American Hospital S.r.l. per l esecuzione di attività di consulenza del dott. Giovanni Danesi. IL DIRETTORE GENERALE

Dettagli

Unione di Comuni Unione dei Miracoli Sede di Casalbordino (CH) Piazza Umberto I Codice fiscale 02385890690 - tel. 0873/92191 - fax 0873/9219233

Unione di Comuni Unione dei Miracoli Sede di Casalbordino (CH) Piazza Umberto I Codice fiscale 02385890690 - tel. 0873/92191 - fax 0873/9219233 Unione di Comuni Unione dei Miracoli Sede di Casalbordino (CH) Piazza Umberto I Codice fiscale 02385890690 - tel. 0873/92191 - fax 0873/9219233 CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO CENTRALE

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 1608/2014 ADOTTATA IN DATA 16/10/2014

DELIBERAZIONE N. 1608/2014 ADOTTATA IN DATA 16/10/2014 DELIBERAZIONE N. 1608/2014 ADOTTATA IN DATA 16/10/2014 OGGETTO: Rinnovo convenzione con S.E.S.A.A.B. S.p.A. per attività di sorveglianza sanitaria e consulenza specialistica di medicina del lavoro IL DIRETTORE

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 1788/2014 ADOTTATA IN DATA 13/11/2014

DELIBERAZIONE N. 1788/2014 ADOTTATA IN DATA 13/11/2014 DELIBERAZIONE N. 1788/2014 ADOTTATA IN DATA 13/11/2014 OGGETTO: Convenzione con Poliambulatorio San Paolo S.r.l. di Alba (CN) per l esecuzione di attività di consulenza del dott. Claudio Bernucci. IL DIRETTORE

Dettagli

L anno 2011 il giorno.. del mese di., nelle sede dell Unione Pratiarcati ubicata ad Albignasego in Via Roma n. 224 TRA

L anno 2011 il giorno.. del mese di., nelle sede dell Unione Pratiarcati ubicata ad Albignasego in Via Roma n. 224 TRA CONVENZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DEL SERVIZIO DI GESTIONE GLOBALE DEL CICLO DELLE VIOLAZIONI AL CODICE DELLA STRADA IVI COMPRESA LA RISCOSSIONE DELLE STESSE. L anno 2011 il giorno.. del mese

Dettagli

COMUNE DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso

COMUNE DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso COMUNE DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso Prot. ---------------------------------------------------------------- CONVENZIONE PER LA PROMOZIONE E L ATTUAZIONE DI ATTIVITÀ DI PROTEZIONE CIVILE------------------------------------------

Dettagli

Via De Gasperi, 28-80132 Napoli Tel. 081 796 3055 Fax 081 796 3060. www.regione.campania.it www.difesasuolo.regione.campania.it

Via De Gasperi, 28-80132 Napoli Tel. 081 796 3055 Fax 081 796 3060. www.regione.campania.it www.difesasuolo.regione.campania.it Regione Campania Assessorato alle Politiche Ambientali Area Ecologia, Tutela dell Ambiente, Disinquinamento, Protezione Civile Settore Ecologia Servizio Programmi per la Promozione della Natura e delle

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1136 del 01 settembre 2015 pag. 1/8

ALLEGATOA alla Dgr n. 1136 del 01 settembre 2015 pag. 1/8 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1136 del 01 settembre 2015 pag. 1/8 PROTOCOLLO D INTESA PER LA FORMAZIONE DELLE PROFESSIONI SANITARIE DI CUI ALLA L. 251/2000. TRA la Regione del Veneto

Dettagli

con sede a.. via.n.. C.f.. rappresentato da... nato a.. il.. abilitato alla sottoscrizione del presente atto con... n... del.

con sede a.. via.n.. C.f.. rappresentato da... nato a.. il.. abilitato alla sottoscrizione del presente atto con... n... del. Schema di convenzione tipo tra Ente Pubblico e Cooperativa Sociale ai sensi dell'art. 5 legge 381/91 dellart. 7 paragrafo b) L.R. 16/93 dell'art.5 comma 5 L.R. 14/97 L Ente. al fine di creare opportunità

Dettagli

2 euro per il Veneto: sms 45501

2 euro per il Veneto: sms 45501 ho perso in un minuto tutti i sacrifici compiuti da mio padre in 25 anni di lavoro. L officina si è allagata completamente i macchinari andati distrutti. Solo per miracolo siamo riusciti a mettere in salvo

Dettagli

SISTEMA DI ALLERTA PROVINCIALE

SISTEMA DI ALLERTA PROVINCIALE Provincia Autonoma di Trento SISTEMA DI ALLERTA PROVINCIALE (maggio 2005) FINALITA Il presente Sistema di Allerta costituisce parte essenziale delle attività di protezione civile a livello provinciale,

Dettagli

TRA. del Veneto (di seguito ARPAV), con sede legale in Padova, via. Matteotti n. 27, C.F. n. 92111430283 P.IVA 03382700288

TRA. del Veneto (di seguito ARPAV), con sede legale in Padova, via. Matteotti n. 27, C.F. n. 92111430283 P.IVA 03382700288 ACCORDO DI PROGRAMMA PER ATTIVITA IN.F.E.A. TRA L Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto (di seguito ARPAV), con sede legale in Padova, via Matteotti n. 2, C.F. n. 92111430283

Dettagli

CONVENZIONE TRA COMUNE DI SINNAI e ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO MA.SI.SE.

CONVENZIONE TRA COMUNE DI SINNAI e ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO MA.SI.SE. CONVENZIONE TRA COMUNE DI SINNAI e ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO MA.SI.SE. L'anno duemilaundici, il giorno del mese di nella sede Municipale, sono personalmente comparsi: l Ing. Silvia Serra, Responsabile

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNITA MONTANA DEL PINEROLESE EX VALLI CHISONE E GERMANASCA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE AGGIORNAMENTO 2011 Allegato 5 IL SISTEMA DI ALLERTAMENTO METEO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA CONCERNENTE GLI ARCHIVI DEI DOCUMENTI DELLA TRADIZIONE ORALE. tra

PROTOCOLLO D INTESA CONCERNENTE GLI ARCHIVI DEI DOCUMENTI DELLA TRADIZIONE ORALE. tra PROTOCOLLO D INTESA CONCERNENTE GLI ARCHIVI DEI DOCUMENTI DELLA TRADIZIONE ORALE tra la REGIONE VENETO, qui rappresentata dall Assessore alle Politiche per la Cultura e l Identità Veneta, Prof. Ermanno

Dettagli

Il sistema di allertamento per il rischio idraulico e le altre misure di Protezione civile previste nell ambito della Direttiva 2007/60/CE

Il sistema di allertamento per il rischio idraulico e le altre misure di Protezione civile previste nell ambito della Direttiva 2007/60/CE Il sistema di allertamento per il rischio idraulico e le altre misure di Protezione civile previste nell ambito della Direttiva 2007/60/CE Il piano di gestione del rischio di alluvioni Autorità di bacino

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 332/2015 ADOTTATA IN DATA 05/03/2015

DELIBERAZIONE N. 332/2015 ADOTTATA IN DATA 05/03/2015 DELIBERAZIONE N. 332/2015 ADOTTATA IN DATA 05/03/2015 OGGETTO: Convenzione con l Istituto Clinico Quarenghi s.r.l. di San Pellegrino Terme (Bg) per l erogazione di prestazioni concernenti la sorveglianza

Dettagli

PATTO DI SUSSIDIARIETÀ

PATTO DI SUSSIDIARIETÀ Azienda Sanitaria Locale della provincia di Como allegato A pagine 8 deliberazione n. del PATTO DI SUSSIDIARIETÀ Il Valore del Filo d Argento dalla sperimentazione alla messa a regime del servizio di Telefonia

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 1944/2015 ADOTTATA IN DATA 16/12/2015 IL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE N. 1944/2015 ADOTTATA IN DATA 16/12/2015 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. 1944/2015 ADOTTATA IN DATA 16/12/2015 OGGETTO: Convenzione con Bergamo Sanità Società Cooperativa Sociale Onlus di Nembro (BG) per l esecuzione di attività di consulenza del dott. Giampietro

Dettagli

CONVENZIONE PER IL TRASPORTO SOCIALE DI SOGGETTI HANDICAPPATI OSPITI DEI CENTRI DIURNI

CONVENZIONE PER IL TRASPORTO SOCIALE DI SOGGETTI HANDICAPPATI OSPITI DEI CENTRI DIURNI CONVENZIONE PER IL TRASPORTO SOCIALE DI SOGGETTI HANDICAPPATI OSPITI DEI CENTRI DIURNI Premesso che l Istituzione per i Servizi alla Persona del Comune di Livorno interviene per garantire il trasporto

Dettagli

CONVENZIONE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLE ATTIVITA' DI PROTEZIONE CIVILE E ALTRI SERVIZI NEL

CONVENZIONE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLE ATTIVITA' DI PROTEZIONE CIVILE E ALTRI SERVIZI NEL CONVENZIONE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLE ATTIVITA' DI PROTEZIONE CIVILE E ALTRI SERVIZI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI SANTA MARIA A MONTE TRA IL COMUNE DI SANTA MARIA A MONTE E LA CONFRATERNITA

Dettagli

CENTRALE DI COMMITTENZA SCHEMA CONVENZIONE ATTUATIVA

CENTRALE DI COMMITTENZA SCHEMA CONVENZIONE ATTUATIVA A l l e g a t o A ) CENTRALE DI COMMITTENZA SCHEMA CONVENZIONE ATTUATIVA L'anno... il giorno... del mese di... presso la sede della Comunità Montana dei Monti Sabini Tiburtini Cornicolani Prenestini, in

Dettagli

COMUNE DI CAPOLIVERI

COMUNE DI CAPOLIVERI COMUNE DI CAPOLIVERI PROVINCIA DI LIVORNO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A Comunicata ai Capigruppo Consiliari il 14/06/2011Nr. Prot. INCARICO ALL'ASSOCIAZIONE GENITORI DON MICHELE ALBERTOLLI

Dettagli

COMUNE DI DOLO **** PROVINCIA DI VENEZIA DETERMINA N. 949 DEL 31.08.2012

COMUNE DI DOLO **** PROVINCIA DI VENEZIA DETERMINA N. 949 DEL 31.08.2012 COMUNE DI DOLO **** PROVINCIA DI VENEZIA DETERMINA N. 949 DEL 31.08.2012 Oggetto : Rinnovo convenzione con l Associazione FCD DOLO 1909 di Dolo per servizio trasporto e consegna pasti a domicilio. Impegno

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA REALIZZAZIONE DI ALCUNE FASI DELLE MACROATTIVITA 2,3,4 DEL PROGETTO PER FARE UN TAVOLO CI

DISCIPLINARE PER LA REALIZZAZIONE DI ALCUNE FASI DELLE MACROATTIVITA 2,3,4 DEL PROGETTO PER FARE UN TAVOLO CI Reg. n. Pordenone, DISCIPLINARE PER LA REALIZZAZIONE DI ALCUNE FASI DELLE MACROATTIVITA 2,3,4 DEL PROGETTO PER FARE UN TAVOLO CI VUOLE :LA RISCOPERTA DEI VECCHI MESTIERI E NUOVE OPPORTUNITA LEGATE AL LEGNO

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI RESOCONTAZIONE MEDIANTE STENOTIPIA DELLE RIUNIONI DEGLI ORGANI ISTITUZIONALI DEL CONSIGLIO REGIONALE

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI RESOCONTAZIONE MEDIANTE STENOTIPIA DELLE RIUNIONI DEGLI ORGANI ISTITUZIONALI DEL CONSIGLIO REGIONALE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO VIII LEGISLATURA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI RESOCONTAZIONE MEDIANTE STENOTIPIA DELLE RIUNIONI DEGLI ORGANI ISTITUZIONALI DEL CONSIGLIO REGIONALE Art.

Dettagli

Consorzio S.I.R. Umbria (L.r. 31 luglio 1998, n.27)

Consorzio S.I.R. Umbria (L.r. 31 luglio 1998, n.27) CONVENZIONE TRA LA REGIONE DELL UMBRIA, LE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI DI PERUGIA E TERNI, I COMUNI DELL UMBRIA LE COMUNITÀ MONTANE DELL UMBRIA PREMESSO CHE: - La legge regionale 31 luglio 1998, n. 27

Dettagli

AZIENDA U.L.SS "Alto Vicentino"

AZIENDA U.L.SS Alto Vicentino Direttore U.O.C. SERVIZIO PERSONALE : Ufficio Giuridico - dott.ssa Patrizia Simionato AZIENDA U.L.SS SS. n. 4 "Alto Vicentino" Via Rasa, 9-36016 Thiene (VI) N. 908/2013 di reg. DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE

Dettagli

OGGETTO: SISTEMA INFORMATIVO PER LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE E L ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI POLIZIA MUNICIPALE

OGGETTO: SISTEMA INFORMATIVO PER LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE E L ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI POLIZIA MUNICIPALE CITTÀ DI RAGUSA www.comune.ragusa.it SETTORE XIV Corpo di Polizia Municipale Via M. Spadola n 56 97100 Ragusa Tel. 0932 244211 676771 Fax 0932 248826 e mail polizia.municipale@comune.ragusa.it OGGETTO:

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 483/2015 ADOTTATA IN DATA 26/03/2015

DELIBERAZIONE N. 483/2015 ADOTTATA IN DATA 26/03/2015 DELIBERAZIONE N. 483/2015 ADOTTATA IN DATA 26/03/2015 OGGETTO: Convenzione con Centro medico Santagostino - Società e Salute S.p.A. per attività di consulenza del dott. Lorenzo Rocchini. IL DIRETTORE GENERALE

Dettagli

Il rischio idrogeologico e l'emanazione degli avvisi di allerta. Terralba 31 gennaio 2014

Il rischio idrogeologico e l'emanazione degli avvisi di allerta. Terralba 31 gennaio 2014 PRESIDENZA Direzione Generale della Protezione Civile Il rischio idrogeologico e l'emanazione degli avvisi di allerta Ing. Salvatore Cinus scinus@regione.sardegna.it Terralba 31 gennaio 2014 Inquadramento

Dettagli

PROCEDURE SISTEMA DI ALLERTA METEO SALA OPERATIVA COMUNALE CENTRO SITUAZIONI

PROCEDURE SISTEMA DI ALLERTA METEO SALA OPERATIVA COMUNALE CENTRO SITUAZIONI Procedura B04 ALLERTA 1-2 Pag. 1 di 8 OVE VENGA ADOTTATO UN AVVISO DI CRITICITÀ MODERATA O ELEVATA CON PREAVVISO INFERIORE ALLE 12 ORE DALL INIZIO DELLA CRITICITÀ (INIZIO DELLA CRITICITÀ PREVISTO PER IL

Dettagli

Regolamento sull orario del personale del comparto ARPAV

Regolamento sull orario del personale del comparto ARPAV Raccolta Regolamenti ARPAV n. 28 Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto Regolamento sull orario del personale del comparto ARPAV Approvato con deliberazione del Decreto

Dettagli

Scheda progetto Redazione di una Sintesi ragionata del Sesto Rapporto di coesione economica, sociale e territoriale dell Unione Europea.

Scheda progetto Redazione di una Sintesi ragionata del Sesto Rapporto di coesione economica, sociale e territoriale dell Unione Europea. Allegato 1) Scheda progetto Redazione di una Sintesi ragionata del Sesto Rapporto di coesione economica, sociale e territoriale dell Unione Europea. PREMESSA Ogni tre anni l'unione Europea pubblica una

Dettagli

GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO DEL COMUNE DI CINISELLO BALSAMO

GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO DEL COMUNE DI CINISELLO BALSAMO COMUNE DI CINISELLO BALSAMO Via XXV Aprile n. 4 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIE E AZIENDE PARTECIPATE SERVIZIO ECONOMATO Tel. 0266023226-Fax 0266023244 e-mail alessia.peraboni@comune.cinisello-balsamo.mi.it

Dettagli

COMUNE DI AURANO Provincia del Verbano Cusio Ossola

COMUNE DI AURANO Provincia del Verbano Cusio Ossola COMUNE DI AURANO Provincia del Verbano Cusio Ossola D E T E R M I N A Z I O N E D I L I Q U I D A Z I O N E N. 18 Data: 16/4/2013 OGGETTO: APPROVAZIONE E LIQUIDAZIONE PARCELLA DELLE SPESE TECNICHE PER

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 571 del 11-8-2015 O G G E T T O

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 571 del 11-8-2015 O G G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n. 571 del 11-8-2015 O G G E T T O Convenzione per attività di consulenza libero-professionale in radioprotezione con

Dettagli

PROPOSTA DI CONVENZIONE

PROPOSTA DI CONVENZIONE EMERGENZA IDROGEOLOGICA IN CALABRIA CONVENZIONE TRA Il Dirigente del Settore Regionale della Protezione Civile Dipartimento n 2 Presidenza, Dott. Salvatore Mazzeo, per conto della Protezione Civile Regione

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE REGIONE DEL VENETO Azienda Unità Locale Socio Sanitaria n. 9 Treviso Sede Legale Borgo Cavalli, 42 31100 Treviso DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE 13/12/2013, n. 1062 Il Direttore generale di questa

Dettagli

Consorzio Universitario della Provincia di Palermo

Consorzio Universitario della Provincia di Palermo Consorzio Universitario della Provincia di Palermo SCHEMA DI DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO DELL INCARICO DI RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (RSPP), AI SENSI DEL D.L.vo

Dettagli

VISTI. gli articoli 1, 2, 4, 5, 8, 9 della Legge 381/91 e l articolo 11 della Legge Regionale 21/2003 PREMESSO

VISTI. gli articoli 1, 2, 4, 5, 8, 9 della Legge 381/91 e l articolo 11 della Legge Regionale 21/2003 PREMESSO SCHEMA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI CREMONA E LA SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE L ARCA AI SENSI DELL ART. 5, COMMA 1, DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 1991, N. 381 (ESENTE DA BOLLO AI SENSI D.L. 4.12.1997 N. 460

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 2488 Prot. n. 28/04/D327 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Approvazione del Sistema di Allerta Provinciale per fini di protezione

Dettagli

IL NUOVO SISTEMA DI ALLERTAMENTO AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI TORINO

IL NUOVO SISTEMA DI ALLERTAMENTO AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI TORINO IL NUOVO SISTEMA DI ALLERTAMENTO AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI TORINO 5 maggio 2010 WWW.PROVINCIA.TORINO.IT 1 PREMESSA...3 IL DISCIPLINARE REGIONALE...4 LE PROCEDURE OPERATIVE DEL SISTEMA

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 1225 Prot. n. 269/14-D VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Autorizzazione alla sottoscrizione definitiva dell'ipotesi di accordo di

Dettagli

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER EMERGENZA IDRAULICA

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER EMERGENZA IDRAULICA Comune di Padova Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER Procedura di emergenza DISTRETTO PROVINCIALE PADOVA CITTÀ Aggiorna e sostituisce il

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE. Figura professionale Responsabile finanziario 1 Assistente al coordinamento 2 Responsabile della comunicazione 3

AVVISO DI SELEZIONE. Figura professionale Responsabile finanziario 1 Assistente al coordinamento 2 Responsabile della comunicazione 3 AVVISO DI SELEZIONE SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER IL PROGETTO MED-PHARES STRATÉGIES DE GESTION INTÉGRÉE POUR LA MISE EN VALEUR DU PATRIMOINE

Dettagli

Regolamento per l attuazione del Programma operativo regionale (POR) FESR 2014 2020 Investimenti a favore della crescita e dell occupazione

Regolamento per l attuazione del Programma operativo regionale (POR) FESR 2014 2020 Investimenti a favore della crescita e dell occupazione Regolamento per l attuazione del Programma operativo regionale (POR) FESR 2014 2020 Investimenti a favore della crescita e dell occupazione Articolo 1 Finalità Articolo 2 Definizioni CAPO I FINALITÀ E

Dettagli

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Approvato dal CONSIGLIO DIRETTIVO nella seduta del 3 marzo 2009,

Dettagli

COMUNE DI BARI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO. Pag. 1 di 9

COMUNE DI BARI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO. Pag. 1 di 9 COMUNE DI BARI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO Pag. 1 di 9 Art. 1 Finalità Il presente capitolato ha per oggetto l affidamento del servizio di brokeraggio e consulenza

Dettagli

DISCIPLINARE DI INCARICO

DISCIPLINARE DI INCARICO Regione Autonoma Friuli - Venezia Giulia ENTE PARCO NATURALE DELLE PREALPI GIULIE DISCIPLINARE DI INCARICO PER IL C OORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN F ASE DI ESECUZI ONE, PER I LAVORI DI REALIZZAZI ONE

Dettagli

IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PREVISIONE Attività diretta allo studio ed alla determinazione dei fenomeni calamitosi, alla identificazione dei rischi, ed alla individuazione delle zone

Dettagli

Comune di Alonte PROVINCIA DI VICENZA

Comune di Alonte PROVINCIA DI VICENZA Comune di Alonte PROVINCIA DI VICENZA P.zza S.Savina, 9 - C.A.P. 36045 Tel. 0444/439203 Fax 0444/835229 C.F e P.I. 00534310248 N.ro 16 Reg. Area Tecnica OGGETTO: LL.PP. - REALIZZAZIONE DI UN CENTRO SOCIALE

Dettagli

L anno duemila..., il giorno del mese di ( xx/xx/xxxx), nella sede del Comune di Lastra a Signa, con la presente scrittura privata a valere ad

L anno duemila..., il giorno del mese di ( xx/xx/xxxx), nella sede del Comune di Lastra a Signa, con la presente scrittura privata a valere ad Allegato A CONVENZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELLA BANCA DATI DELLE POSIZIONI ASSICURATIVE DEI LAVORATORI ISCRITTI ALLA GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI DELL INPS (EX INPDAP) TRA I COMUNI DI CALENZANO,

Dettagli

N. 18/14 del 30 giugno 2014

N. 18/14 del 30 giugno 2014 COPIA EDUCATORIO DELLA PROVVIDENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 18/14 del 30 giugno 2014 OGGETTO: INCARICO DI RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE R S P

Dettagli

ACCORDO QUADRO PER L INSERIMENTO DI MINORI E MADRI CON BAMBINI IN STRUTTURE RESIDENZIALI E SEMI-RESIDENZIALI TRA

ACCORDO QUADRO PER L INSERIMENTO DI MINORI E MADRI CON BAMBINI IN STRUTTURE RESIDENZIALI E SEMI-RESIDENZIALI TRA ACCORDO QUADRO PER L INSERIMENTO DI MINORI E MADRI CON BAMBINI IN STRUTTURE RESIDENZIALI E SEMI-RESIDENZIALI L anno 2015, il mese di., il giorno TRA la struttura residenziale/semiresidenziale denominata....

Dettagli

Schema di contratto per servizi di Project Management

Schema di contratto per servizi di Project Management Parte integrante e sostanziale di cui al punto 1) della determinazione del Presidente del Comitato paritetico per l Intesa n. 3 del 18 settembre 2015 Schema di contratto per servizi di Project Management

Dettagli

RIUNIONE DEL TAVOLO TECNICO INTERREGIONALE DEI DIRETTORI ALLA P.C. (12 novembre)

RIUNIONE DEL TAVOLO TECNICO INTERREGIONALE DEI DIRETTORI ALLA P.C. (12 novembre) AGENZIA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE IL DIRETTORE DEMETRIO EGIDI RIUNIONE DEL TAVOLO TECNICO INTERREGIONALE DEI DIRETTORI ALLA P.C. (12 novembre) Proposte relative ai primi 3 punti all ordine del giorno

Dettagli

DITTA SINET ITALIA S.R.L.

DITTA SINET ITALIA S.R.L. COMUNE DI SPINEA (Provincia di Venezia) CONVENZIONE CON LA DITTA SINET ITALIA S.R.L. DI PORTOGRUARO PER LA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA PER LA TRACCIABILITA E RINTRACCIABILITA DELLE INFORMAZIONI MARKETING

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA AREA PROGRAMMAZIONE E GESTIONE TERRITORIO COPIA DETERMINAZIONE N. 101 del 17/09/2012 OGGETTO AFFIDAMENTO INCARICO PER LA REDAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE

Dettagli

COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO Provincia di Treviso Determinazione del Dirigente del settore Servizi ai cittadini

COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO Provincia di Treviso Determinazione del Dirigente del settore Servizi ai cittadini COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO Provincia di Treviso Determinazione del Dirigente del settore Servizi ai cittadini N generale 526 Data 01/09/2010 N di Protocollo: Oggetto: AFFIDAMENTO INCARICO DI COORDINATORE

Dettagli

ALLEGATO C Dgr n. del pag. 1/5

ALLEGATO C Dgr n. del pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO C Dgr n. del pag. 1/5 PROGETTO LA GRANDE GUERRA/DER ERSTE WELTKRIEG INTERREG IV ITALIA AUSTRIA Interventi di completamento edificio pubblico ed aree di pertinenza

Dettagli

Determina Servizi Sociali ed Educativi/0000042 del 04/02/2013

Determina Servizi Sociali ed Educativi/0000042 del 04/02/2013 Comune di Novara Determina Servizi Sociali ed Educativi/0000042 del 04/02/2013 Area / Servizio Servizi Sociali Educativi (23.UdO) Proposta Istruttoria Unità Servizi Sociali Educativi (23.UdO) Proponente

Dettagli

CONVENZIONE, EX ART. 30 TUEL D. LGS. N. 267/2000, TRA I COMUNI RICOMPRESI NELL AMBITO TERRITORIALE BERGAMO 2 NORD EST AL

CONVENZIONE, EX ART. 30 TUEL D. LGS. N. 267/2000, TRA I COMUNI RICOMPRESI NELL AMBITO TERRITORIALE BERGAMO 2 NORD EST AL CONVENZIONE, EX ART. 30 TUEL D. LGS. N. 267/2000, TRA I COMUNI RICOMPRESI NELL AMBITO TERRITORIALE BERGAMO 2 NORD EST AL FINE DI DEMANDARE AL COMUNE DI LOVERE IL RUOLO DI STAZIONE APPALTANTE PER LA GESTIONE

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n. 42-37122 Verona - tel. 045/8075511 Fax 045/8075640

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n. 42-37122 Verona - tel. 045/8075511 Fax 045/8075640 AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n. 42-37122 Verona - tel. 045/8075511 Fax 045/8075640 Deliberazione del Direttore Generale n. 480 del 06/08/2015 Il Direttore Generale dell.azienda U.L.S.S.

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO SETTORE SS.DD.PARTECIP.POP./FRAZIONI,RISORSE UMANE,CULTURA UNITA' AMMINISTRATIVA/CONTABILE MUSEO

COMUNE DI ROVIGO SETTORE SS.DD.PARTECIP.POP./FRAZIONI,RISORSE UMANE,CULTURA UNITA' AMMINISTRATIVA/CONTABILE MUSEO COMUNE DI ROVIGO SETTORE SS.DD.PARTECIP.POP./FRAZIONI,RISORSE UMANE,CULTURA UNITA' AMMINISTRATIVA/CONTABILE MUSEO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE REP. N. DTD/2011/451 DATA 22/02/2011 OGGETTO Museo dei Grandi

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Il Direttore Emilio Grassi

Il Direttore Emilio Grassi Determinazione n 05/2016 AGENZIA per il TRASPORTO PUBBLICO LOCALE del Bacino di Bergamo Via Sora 4, 24121 Bergamo CF e PIVA 04083130163 PEC: agenziatplbergamo@pec.it Tel. 035/387706 Il Direttore Emilio

Dettagli

Schema di disciplinare di incarico professionale-------------------------------------------------

Schema di disciplinare di incarico professionale------------------------------------------------- PROT. N.. del. Schema di disciplinare di incarico professionale------------------------------------------------- Disciplinare di incarico professionale per Redazione progetto definitivo, progetto esecutivo,

Dettagli

DETERMINAZIONE NUMERO: 27 DEL 30/01/2014

DETERMINAZIONE NUMERO: 27 DEL 30/01/2014 DETERMINAZIONE NUMERO: 27 DEL 30/01/2014 OGGETTO: Conferimento al Rag. Alessandro Francese di attività di formazione ed assistenza al personale dell Autorità d Ambito preposto alla gestione della contabilità

Dettagli

Regione Calabria DIPARTIMENTO n.2 PRESIDENZA SETTORE PROTEZIONE CIVILE ARTICOLAZIONE PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI

Regione Calabria DIPARTIMENTO n.2 PRESIDENZA SETTORE PROTEZIONE CIVILE ARTICOLAZIONE PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI DOCUMENTO SINTETICO Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri recante indirizzi operativi la predisposizione della parte dei piani di gestione relativa al sistema di allertamento nazionale, statale

Dettagli

P R O V I N C I A D I NOVARA

P R O V I N C I A D I NOVARA P R O V I N C I A D I NOVARA SETTORE PROTEZIONE CIVILE CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DI NOVARA e CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI NOVARA CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DI NOVARA e CROCE ROSSA

Dettagli

CONVENZIONE PER LA RISCOSSIONE DELLE ENTRATE PATRIMONIALI ENTI LOCALI VARI. L anno, il giorno del mese di, in. tra

CONVENZIONE PER LA RISCOSSIONE DELLE ENTRATE PATRIMONIALI ENTI LOCALI VARI. L anno, il giorno del mese di, in. tra CONVENZIONE PER LA RISCOSSIONE DELLE ENTRATE PATRIMONIALI ENTI LOCALI VARI L anno, il giorno del mese di, in tra la Società ASP Rossi Sidoli. di seguito Ente con sede in Compiano, Via Duca degli Abruzzi,

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE. n. 50 del 26 gennaio 2012

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE. n. 50 del 26 gennaio 2012 DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE n. 50 del 26 gennaio 2012 OGGETTO: INCARICO PROFESSIONALE DI IMPORTO INFERIORE A 100.000,00 EURO PER PROGETTAZIONE E DIREZIONE LAVORI DI REALIZZAZIONE IMPIANTI

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE Dott. Carlo Nicora

IL DIRETTORE GENERALE Dott. Carlo Nicora DELIBERAZIONE N. 1786/2014 ADOTTATA IN DATA 13/11/2014 OGGETTO: Convenzione con l azienda ospedaliera di Padova per l esecuzione di indagini molecolari in campo ematologico. IL DIRETTORE GENERALE Assistito

Dettagli

LA GESTIONE DELL EMERGENZA IDRAULICA Dagli stati di allarme alle alluvioni

LA GESTIONE DELL EMERGENZA IDRAULICA Dagli stati di allarme alle alluvioni Istituto Veneto SS. LL.AA. Accademia Nazionale dei Lincei LA GESTIONE DELL EMERGENZA IDRAULICA Dagli stati di allarme alle alluvioni Luigi D Alpaos Venezia, 21 marzo 2014 La grande alluvione Il 4-5 Novembre

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 262/2015 ADOTTATA IN DATA 19/02/2015

DELIBERAZIONE N. 262/2015 ADOTTATA IN DATA 19/02/2015 DELIBERAZIONE N. 262/2015 ADOTTATA IN DATA 19/02/2015 OGGETTO: Convenzione con lo studio dentistico Dental & C. s.r.l. di Vaprio d Adda (MI) per l esecuzione di attività di consulenza del dott. Umberto

Dettagli

Piano regionale di informazione e sensibilizzazione sulla donazione di organi e tessuti a scopo di trapianto. 1^ Fase.

Piano regionale di informazione e sensibilizzazione sulla donazione di organi e tessuti a scopo di trapianto. 1^ Fase. 8^ legislatura Deliberazione della Giunta n. 2610 del 07-08-2007 Presidente V. Presidente Assessori Segretario Giancarlo Luca Renato Giancarlo Marialuisa Oscar Elena Fabio Massimo Renzo Francesca Flavio

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI GRANCONA PROVINCIA DI VICENZA

REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI GRANCONA PROVINCIA DI VICENZA REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI GRANCONA PROVINCIA DI VICENZA Rep. n. del SCHEMA DI CONTRATTO LOCAZIONE FINANZIARIA PER LA REALIZZAZIONE DI UNA STRUTTURA POLIVALENTE CON COPERTURA FOTOVOLTAICA DI 200 KWP.

Dettagli

ARPA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l'ambiente dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi

ARPA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l'ambiente dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi ARPA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l'ambiente dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi Determinazione dirigenziale n. DET-2015-174 del 24/03/2015 Oggetto Servizio Idro-Meteo-Clima. Accordo

Dettagli

Riferimenti normativi

Riferimenti normativi CRITERI E MODALITÀ PER IL RIMBORSO DELLE SPESE DIRETTAMENTE SOSTENUTE DALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI REGOLAMENTATI DA CONVENZIONE I Progetti possono essere integrativi

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA PROTOCOLLO DI INTESA In tema di Istruzione e Formazione presso l Istituto Penale Minorile di Treviso Nell ambito degli interventi educativi, formativi, di prevenzione della dispersione scolastica, di lotta

Dettagli