Copyright Esselibri S.p.A.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Copyright Esselibri S.p.A."

Transcript

1 PARTE PRIMA ORIGINI STORICHE E STRUTTURA ISTITUZIONALE DELL ONU Capitolo Primo: La Società delle Nazioni (SdN)... Pag. 17 Capitolo Secondo: L Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU)..» 29 Capitolo Terzo: Gli organi statutari dell ONU: struttura ed atti..» 48 Capitolo Quarto: Gli organi sussidiari dell ONU...» 73 CAPITOLO PRIMO LA SOCIETÀ DELLE NAZIONI (SDN) Sommario: 1. La nascita della Società delle Nazioni Gli Stati membri Gli organi Le competenze La caduta della Società delle Nazioni. 1. LA NASCITA DELLA SOCIETÀ DELLE NAZIONI La Società delle Nazioni (SdN) era un organizzazione internazionale a carattere generale ed universale, il cui atto istitutivo (detto Covenant) fu inserito nei testi dei trattati di pace che definirono il nuovo assetto internazionale all indomani della prima guerra mondiale (1919). L organizzazione rispondeva al bisogno, profondamente sentito dalle popolazioni vittime della guerra, di assicurare una futura pace fondata su basi durevoli (DUROSELLE), cercando di istituzionalizzare i rapporti di forza fra gli Stati. Essa fu voluta soprattutto dal Presidente degli Stati Uniti Woodrow Wilson, il quale riteneva che la causa principale delle guerre si trovasse nel principio dell equilibrio delle potenze e nel sistema del Direttorio europeo, con il quale le grandi potenze imponevano la loro volontà alle piccole. Ed infatti il Patto riconosceva ad ogni Stato una posizione di uguaglianza rispetto agli altri, sancita dall attribuzione di un voto per ogni Stato in seno agli organi statutari. Nell elaborazione del trattato si confrontarono due tesi diverse circa la natura che avrebbe assunto la costituenda SdN, ovvero: la teoria internazionalista, sostenuta dagli USA e dalla Gran Bretagna tendeva a dar vita ad un organizzazione che istituisse una mera unione di Stati finalizza-

2 18 Parte Prima: Origini storiche e struttura istituzionale dell ONU ta al mantenimento della pace internazionale. Come recitava l art. XIV dei 14 punti americani (l atto nel quale gli USA avevano indicato i loro obiettivi di guerra) «un associazione generale delle Nazioni deve essere costituita, sulla base di accordi specifici, allo scopo di giungere a garanzie reciproche di indipendenza politica ed integrità territoriale per tutti i paesi grandi e piccoli»; la teoria costituzionalista, sostenuta dal delegato francese e da quello italiano durante i lavori preparatori del Patto, era volta a dar vita a una organizzazione con più vaste competenze. In particolare il delegato francese Léon Bourgeois aveva insistito affinché la SdN fosse addirittura dotata di un esercito internazionale e che essa potesse adottare autonomamente misure coercitive contro uno Stato colpevole di aggressioni. Tra i due punti di vista prevalse quello anglo-americano, più realista e vicino ai tempi, con la conseguenza che la SdN come notava ANZILOTTI «non segnò una trasformazione radicale dei rapporti internazionali quali esistevano precedentemente alla guerra, ma rappresentò soltanto uno sviluppo ed un integrazione di detti rapporti. Essa infatti, mirava semplicemente a stabilire condizioni più propizie alla pacifica coesistenza dei popoli e allo sviluppo di tutte le energie umane, sulla base dell indipendenza degli Stati, mediante un complesso di reciproci diritti e doveri, volontariamente assunti con la stipulazione di un patto, che rendono più salda ed intima la cooperazione per la tutela di comuni interessi ed in particolare di quello supremo della conservazione della pace». Dal punto di vista strutturale il Covenant era composto da un preambolo e 26 articoli, elaborati da un apposita Commissione presieduta dal Presidente Wilson. Il patto entrò in vigore il 10 gennaio del I 26 articoli disciplinavano: lo status dei Paesi membri (art. 1); gli organi (artt. 2-8); le competenze (artt. 9-26). 2. GLI STATI MEMBRI A) I membri originari La composizione dei membri era strettamente legata con il clima dei trattati di pace. Erano definiti membri originari quanti facevano parte della Società fin dalle origini, vincitori e neutrali, i 32 Stati firmatari più altri 13 (come, ad esempio, Spagna, Finlandia etc.) invitati ad aderire. Essi comprendevano: Stati europei: Francia, Gran Bretagna, Italia, Olanda, Belgio, Cecoslovacchia, Polonia, Jugoslavia, Albania, Romania, Grecia; Stati americani: USA, Brasile, Argentina, Perù, Bolivia e Costarica; Stati dell Africa e dell Asia: Liberia, Cina, Giappone e Siam; dominions del Commonwealth britannico: Canada, Australia, Africa del Sud, Nuova Zelanda e India.

3 Capitolo Primo: La Società delle Nazioni (SdN) I vinti (Germania, Austria-Ungheria, Turchia e Bulgaria) furono temporaneamente esclusi, ma non era negata l ammissione futura, condizionata dall accettazione e dal rispetto verso le clausole del trattato di pace imposto. L Europa era così solo in parte rappresentata, per l assenza tedesca. Assente anche la Russia, non convocata alla conferenza della pace formalmente perché aveva concluso la pace separata con la Germania a Brest Litowsk e perché il governo instaurato da Lenin in quel momento storico non era riconosciuto dagli alleati. In realtà si pensava alla possibilità di un seggio per la Russia solo dopo l abbattimento del regime dei Soviet che si riteneva di breve durata. Pesante l assenza degli Stati Uniti, che, come la Cina, pur avendo firmato l atto costitutivo della SdN, non ne divennero membri, a causa della mancata ratifica da parte dei Parlamenti nazionali. B) Acquisto della qualità di membro La Società delle Nazioni era una OI a carattere universale della quale avrebbero potuto divenire parte tutti gli Stati del mondo che presentassero, a norma del Covenant, i seguenti requisiti: qualità di Stato, dominio o colonia; capacità di autogoverno e rispetto dei principi democratici; dichiarata intenzione di osservare gli obblighi internazionali; accettazione del regolamento societario sulla limitazione degli armamenti. L esistenza di questi requisiti in capo al soggetto richiedente veniva accertata in una delibera assembleare approvata a maggioranza di due terzi. Dal 1919 al 1939 gli Stati ammessi furono 20, tra cui 13 Stati europei. All atto della liquidazione gli Stati presenti erano 44. Particolarmente significativa era stata l ammissione: della Germania, avvenuta nel 1926 dopo la firma dei Patti di Locarno (1925), nei quali aveva riconosciuto nuova e territorialmente meno vantaggiosa la frontiera con la Francia; dell Unione Sovietica nel Fino a quel momento l URSS aveva criticato fortemente il sistema stabilito con il Covenant, ritenendolo il mezzo attraverso il quale gli Stati imperialisti cercavano di conservare e rafforzare il loro potere. Il cambiamento di rotta sovietica costituì una reazione all avvento del nazismo in Germania e al pericolo che esso rappresentava per l integrità territoriale dello Stato sovietico. C) Perdita della qualità di membro Secondo il trattato istitutivo della SdN la perdita della qualità di membro da parte di uno Stato poteva essere la conseguenza: di un provvedimento di esclusione (art. 16) adottato da tutti i componenti del Consiglio contro quello Stato membro che si fosse reso responsabile di una grave violazione di un obbligo statutario; 19

4 20 Parte Prima: Origini storiche e struttura istituzionale dell ONU dell esercizio del diritto di recesso da parte di uno Stato membro. Disciplinato dal par. 3 dell art. 1, il recesso diveniva operativo in seguito al decorrere di due anni dal preavviso e a condizione che lo Stato recedente avesse adempiuto agli obblighi statutari. Gli episodi di recesso furono numerosi e segnarono la fine del sistema creato dalla SdN. Essi, al di là delle motivazioni formali, dipesero generalmente dalla volontà degli Stati recedenti di liberarsi dagli impegni statutari e di potere, pertanto, perseguire una politica espansionistica e aggressiva. Tra questi episodi ricordiamo, il recesso: a) della Germania nel 1933, dopo che, alla conferenza del disarmo, Hitler si era sentito negare il consenso delle altre potenze europee al riarmo; b) del Giappone (1933). L abbandono fu la conseguenza della condanna da parte della SdN dell aggressione giapponese in Manciuria; c) dell Italia (1936). In seguito all adozione di sanzioni economiche da parte della SdN, volte a condannare l aggressione unilateralmente decisiva dell Etiopia, Mussolini dichiarò la sua volontà di recedere dall istituzione ginevrina. 3. GLI ORGANI I principali organi della SdN erano: l Assemblea. Prevista dall art. 3 del Covenant, essa era l organo plenario della SdN nella quale, quindi, erano presenti tutti i membri dell organizzazione. Ogni membro aveva diritto a un voto e non poteva avere più di 3 rappresentanti. All Assemblea erano attribuite: a) competenze generali, coincidenti con quelle rientranti nella sfera di attività della SdN; b) competenze specifiche relative al controllo del bilancio, all elezione dei membri non permanenti del Consiglio, all elezione dei giudici della Corte Permanente di Giustizia Internazionale e all ammissione di nuovi membri. Per esercitare le sue competenze l Assemblea poteva adottare, all unanimità, risoluzioni e raccomandazioni prive di carattere obbligatorio; il Consiglio. Era l organo a composizione ristretta, nel quale sedevano esclusivamente: a) i membri permanenti. Secondo il trattato essi sarebbero dovuti essere 5 (Gran Bretagna, Italia, Francia, Giappone e USA), ma furono in realtà soltanto 4, data l assenza degli Stati Uniti. Nel 1926 fu attribuito un seggio permanente alla Germania e nel 1934 all Unione Sovietica; b) i membri eletti a rotazione dall Assemblea. Ogni Stato aveva diritto ad un voto, in perfetta parità con gli altri Stati (non era riconosciuto dunque ai membri permanenti alcun diritto di veto come succederà nell ONU). Le decisioni del Consiglio, adottate all unanimità, potevano, pertanto, essere bloccate dal voto contrario di qualsiasi membro.

5 Capitolo Primo: La Società delle Nazioni (SdN) Il Consiglio aveva: a) competenze generali, che esercitava congiuntamente all Assemblea. Secondo l art. 4 infatti «il Consiglio conosce di tutte le questioni rientranti nella sfera di attività della società o concernenti la pace nel mondo»; b) competenze specifiche. Il Consiglio doveva predisporre progetti per la riduzione degli armamenti, controllare l amministrazione dei mandati, governare il territorio della Saar (ritornato alla Germania con un plebiscito nel 1935) e la città libera di Danzica e tutelare i diritti delle minoranze; il Segretariato permanente. Era l organo amministrativo dell organizzazione che controllava e dirigeva tutta l attività della SdN. A capo del Segretariato era posto il Segretario generale eletto dal Consiglio e dall Assemblea, il quale procedeva alla nomina degli altri componenti il Segretariato. Tutti i membri del Segretariato erano funzionari internazionali, indipendenti dagli Stati membri e dotati di immunità e privilegi diplomatici. Accanto agli organi principali il Covenant prevedeva la creazione di: organi ausiliari, che assistevano il Consiglio e l Assemblea nell assolvere a funzioni specifiche. Gli organi ausiliari erano organizzazioni tecniche, come l organizzazione economica e finanziaria e l organizzazione d igiene volta a favorire la protezione della pubblica salute, o commissioni consultive, incaricate di fornire agli organi politici della Società pareri ed informazioni nei campi di rispettiva competenza; istituti speciali, ovvero organi autonomi, creati sotto l auspicio della SdN, che avevano lo scopo di promuovere la cooperazione internazionale in settori determinati. Tra questi ricordiamo la Corte Permanente di Giustizia Internazionale (CPGI) organo giurisdizionale la cui attività era regolata da un apposito statuto. Le funzioni della Corte consistevano nel: a) decidere le controversie internazionali sottopostegli dalle parti; b) rendere pareri su controversie o su specifici problemi giuridici, su richiesta dell Assemblea o del Consiglio. 4. LE COMPETENZE A) Il mantenimento della pace Il mantenimento della pace era il principale obiettivo che si posero i redattori del Patto della SdN. Esso era strettamente collegato ai principi stabiliti nell art. 10 per cui «i Membri della Società si impegnano a rispettare e a mantenere, contro ogni aggressione esterna, l integrità territoriale e l indipendenza politica di tutti i Membri della Società». I mezzi previsti dal Patto per scongiurare una guerra o una minaccia di guerra consistevano: nel disconoscimento da parte di tutti i Membri di ogni azione di annessione compiuta in violazione dell integrità territoriale di un altro membro della Società; nell obbligo per ogni Stato membro della Società di sottoporre le controversie suscettibili di provocare una rottura della pace, ad una procedura arbitrale davanti 21

6 22 Parte Prima: Origini storiche e struttura istituzionale dell ONU alla Corte Permanente di Giustizia Internazionale o al Consiglio della Società, per ottenere una sentenza vincolante o un rapporto non vincolante (art. 12). La procedura prevista dall art. 12 fu utilizzata più volte, sia in relazione a controversie giuridiche risolte dalla CPGI, come fu quella per le isole Aaland fra Finlandia e Svezia, sia in relazione a controversie di carattere politico sottoposte all esame del Consiglio come la controversia nata fra Italia e Grecia dopo il bombardamento italiano di Corfù; nell adozione di sanzioni economiche. Secondo l art. 16 «se un membro della Società ricorre alla guerra contrariamente agli impegni presi», è ipso facto considerato colpevole di aver commesso un atto di guerra contro tutti gli altri membri. Questi si impegnano a rompere immediatamente tutte le relazioni commerciali o finanziarie, a proibire ogni rapporto fra i loro nazionali e quelli dello Stato aggressore e a far cessare ogni comunicazione finanziaria, commerciale o personale». Sanzioni economiche e finanziarie furono adottate contro l Italia dopo l aggressione all Etiopia anch esso membro della SdN. Queste sanzioni non ebbero tuttavia alcun effetto rilevante soprattutto perché l Italia poté continuare le sue relazioni commerciali con gli Stati non membri tra cui la Germania e gli Stati Uniti. Constatato il fallimento delle sanzioni anche i membri della SdN si affrettarono a revocarle e prima la Gran Bretagna poi la Francia riconobbero anche la conquista italiana; nell adozione di misure di assistenza e di solidarietà in favore degli Stati che sanzionavano gli aggressori; nell adozione contro lo Stato aggressore di misure militari. Queste ultime erano raccomandate (e non ordinate) dal Consiglio e adottate all unanimità. La SdN non era dotata di forze armate proprie, cosicché qualsiasi azione armata che fosse stata raccomandata dal Consiglio, doveva essere intrapresa dai singoli Stati membri del Covenant. Il Patto non bandiva in maniera definitiva la guerra: infatti oltre all esercizio della legittima difesa, l art. 12 riconosceva ad ogni Stato il diritto di ricorrere alla forza armata una volta trascorsi 3 mesi dopo che era stata pronunziata una sentenza o l inchiesta preventiva aveva prodotto il suo rapporto. In Europa tra gli accordi a carattere regionale ricordiamo: il Patto Renano del 1925, che stabiliva una garanzia reciproca delle frontiere francotedesche e tedesco-belghe, sotto la garanzia dell Inghilterra e della Francia; la Piccola Intesa del 1921 formata da tre trattati bilaterali conclusi tra Cecoslovacchia, Jugoslavia e Romania e volti al mantenimento dello status quo; l Unione baltica del 1934 conclusa tra Estonia, Lettonia e Lituania. Nel continente americano ebbe un forte sviluppo il movimento dell Unione panamericana, detta anche la Società americana delle Nazioni, denominazione che metteva in luce quella tendenza a costituire sistemi alternativi a quelli della SdN. Tra gli accordi propiziati dall Unione ricordiamo: il Trattato di Gondra (1923) per la risoluzione pacifica delle controversie fra gli Stati americani; il Trattato di Savedra Lamas (1933) di non aggressione e di conciliazione.

7 Capitolo Primo: La Società delle Nazioni (SdN) B) La riduzione degli armamenti I redattori del Patto ritennero che la riduzione degli armamenti, navali e terrestri, fosse condizione indispensabile per il mantenimento della pace. Secondo l art. 8 «il mantenimento della pace esige la riduzione degli armamenti nazionali al punto più basso possibile, compatibile con la sicurezza nazionale». Così fin dall inizio della sua attività l Assemblea istituì una Commissione permanente consultiva incaricata di esaminare la questione degli armamenti e nel 1921 adottò la Risoluzione XIV secondo la quale: la riduzione degli armamenti doveva essere generale; la riduzione degli armamenti doveva essere, per i vari Stati, in funzione della loro sicurezza; un accordo generale difensivo avrebbe dovuto garantire la sicurezza di tutti; esso avrebbe impegnato le parti a prestare assistenza effettiva ed immediata nel caso in cui una di esse fosse stata attaccata. Sulla base di quanto stabilito nella risoluzione si arrivò nel 1924 ad esaminare un progetto del Ministro cecoslovacco Edvard Benes, detto Protocollo di Ginevra, secondo il quale: gli Stati firmatari accettavano di sottoporre ad arbitrato o alla CPGI le loro controversie; lo Stato che avesse rifiutato l arbitrato, o il suo verdetto, sarebbe stato considerato, per questo solo fatto, aggressore; il Consiglio a maggioranza di 2/3, avrebbe stabilito con decisione vincolante per tutti gli Stati membri quali sanzioni economiche e militari adottare contro lo Stato aggressore. Quest ultimo punto rappresentava la vera innovazione del Protocollo di Ginevra rispetto al Patto della SdN secondo cui misure militari potevano essere solo raccomandate dal Consiglio. Proprio per queste sue importanti innovazioni il Protocollo di Ginevra fu fatto cadere dalla Gran Bretagna, la quale temeva che, data l importanza della sua flotta, sarebbe stata obbligata ad intervenire in continuazione in nome della SdN. In seguito al fallimento del Progetto di Benes il Consiglio della SdN nominò una Commissione con il compito di preparare una Conferenza sul disarmo. Questa conferenza si tenne a Ginevra solo nel 1932 e si dimostrò un fallimento totale per il rifiuto francese di accettare il riarmo della Germania. C) La gestione e il controllo dei mandati internazionali Tra le competenze della SdN rientrava anche quella di amministrare alcuni territori. All indomani della prima guerra mondiale, la Società assumeva la sovranità su quei territori che erano stati in precedenza colonie tedesche o territori appartenenti all impero ottomano, e li assegnava, a titolo di mandato, ad una potenza considerata più avanzata (prevalentemente vincitrice del primo conflitto mondiale). Come stabiliva l art. 22 «per condurre alcuni popoli, non in grado di autogovernarsi, al loro completo sviluppo, alcune potenze, grazie alle loro risorse, alla loro 23

8 24 Parte Prima: Origini storiche e struttura istituzionale dell ONU esperienza e alla loro posizione geografica, dovevano esercitare su di essi una tutela come mandatarie in nome della SdN». La potenza mandataria aveva l obbligo di: amministrare i territori affidatigli in maniera da prepararne l indipendenza in nome della SdN; redigere un rapporto annuale da inviare alla Società circa lo stato dei territori amministrati; rispondere della sua amministrazione verso la SdN. I mandati furono suddivisi, secondo il grado di sviluppo delle popolazioni indigene, in: mandati di tipo A, di cui facevano parte alcuni Paesi appartenenti alla Turchia, che erano quasi in grado di amministrarsi da soli (Siria, Palestina e Iraq); mandati di tipo B, di cui facevano parte vari Paesi africani ex colonie tedesche ritenuti incapaci di autogovernare (Camerun, Togo); mandati di tipo C, di cui facevano parte alcuni Paesi dell Africa del Sud-ovest ed alcune isole del Pacifico, poco sviluppate, con popolazione scarsa e dispersa, che avrebbero potuto essere amministrati dalla potenza mandataria secondo le proprie leggi, come parte integrante del proprio territorio. D) Competenze in materia socio-economica Al momento della creazione della Società delle Nazioni non vi fu accordo sull importanza da attribuire alle materie non politiche, ma dietro insistenza inglese furono introdotti nel Covenant gli articoli 23-25, che stabilivano un vago mandato alla Lega per escursioni nell area funzionale. L azione della Società doveva, cioè, anche essere indirizzata anche allo sviluppo della cooperazione internazionale nel settore umanitario, sociale e culturale. Secondo il Patto, queste funzioni potevano essere esercitate: dagli stessi Stati sotto la direzione o il coordinamento della Società; da apposite organizzazioni specializzate create dagli stessi organi societari (commissioni tecniche, istituti etc.); da organizzazioni volontarie nazionali controllate dalla Società. Nonostante il proposito di sviluppare la cooperazione tra le nazioni fu considerato all inizio di minore importanza, nel corso degli anni l opera economica e umanitaria della SdN produsse effetti ben più positivi, duraturi e fecondi di sviluppi dei magri risultati politici. L organizzazione pose, infatti, le basi per la moderna cooperazione internazionale, lo fece soprattutto attraverso la promozione e lo sviluppo di diversi organismi internazionale, tra i quali ricordiamo: l OIL (Organizzazione Internazionale del Lavoro), nata per promuovere il miglioramento delle condizioni di lavoro; l organizzazione internazionale per le comunicazioni e il transito, sotto il controllo generale dell Assemblea e del Consiglio;

9 Capitolo Primo: La Società delle Nazioni (SdN) i comitati tecnici (trasporti ferroviari, navigazione, porti ecc.) nonché gli accordi internazionali promossi in queste materie; l organizzazione sanitaria permanente, costituita da un consiglio consultivo di rappresentanti governativi, da un comitato di specialisti e da una sezione del Segretariato; il comitato economico ed il comitato delle finanze, incaricati di migliorare le relazioni economiche internazionali; il consiglio permanente centrale dell oppio, istituito allo scopo di elaborare un accordo che disciplinasse la produzione (strettamente limitata a fini scientifici) e il commercio del principale stupefacente dell epoca; il comitato per la cooperazione intellettuale, incaricato di favorire i contatti fra scienziati ed artisti degli Stati membri; le commissioni ad hoc per la tutela dei diritti dell infanzia e delle donne. E) I limiti alle competenze delle SdN L unico limite alla competenza societaria era rappresentato dal rispetto della domestic jurisdiction (competenza interna o dominio riservato) degli Stati. L art. 15 par. 8 stabiliva infatti «se una delle Parti sostiene ed il Consiglio riconosce che la controversia riguarda materie che, secondo il diritto internazionale, appartengono esclusivamente alla domestic jurisdiction di detta parte, il Consiglio constaterà ciò in un rapporto, senza fare alcuna raccomandazione circa la soluzione della controversia». Dall art. 15 si desume dunque che il limite della domestic jurisdiction riguardava esclusivamente l attività del Consiglio (e non quella degli altri organi societari) e limitatamente alle questioni relative alla soluzione pacifica della controversie, importando il divieto per il Consiglio di non intervenire in dette materie. Come la dottrina unanimemente riconosce il Covenant accoglieva la nozione giuridica di domestic jurisdiction, secondo la quale l ambito di essa resta determinato dalle regole del diritto internazionale; rientravano pertanto nella sfera del dominio riservato tutti quei settori non disciplinati da norme generali e da obblighi internazionali assunti dallo Stato. Questo orientamento era stato sostenuto anche dalla Corte Permanente di Giustizia Internazionale in un parere consultivo del 1923 dove si sottolineava che «il problema di sapere se una certa materia rientri o meno nella competenza esclusiva di uno Stato, è un problema essenzialmente relativo: esso dipende dallo sviluppo dei rapporti internazionali Così ben può darsi, che, in una materia come quella della nazionalità che non è in linea di principio regolata dal diritto internazionale, la libertà dello Stato sia nondimeno ristretta dagli obblighi che esso può avere assunto nei confronti degli altri Stati». 5. LA CADUTA DELLA SOCIETÀ DELLE NAZIONI La Società delle Nazioni dal punto di vista tecnico costituì un importante progresso nell ambito delle Organizzazioni internazionali. Con essa infatti, per la prima volta, la società internazionale cercava di darsi un ordine creando, anche se in maniera embrionale, una sorta di governo internazionale per risolvere i conflitti fra gli Stati senza ricorrere all uso della forza. «In tale ottica si dotava, per la prima volta, di un apparato completo di governo comprensivo non 25

10 26 Parte Prima: Origini storiche e struttura istituzionale dell ONU solo di politici diplomatici, ma anche di funzionari e giudici internazionali» (PEN- NETTA-PANEBIANCO) i quali valevano a distinguere la nuova organizzazione dalle conferenze diplomatiche del passato. Al successo dal punto di vista tecnico non corrispose un egual successo sotto il profilo politico: la SdN non riuscì, infatti, ad assolvere alla sua funzione primaria, quella, cioè, del mantenimento della pace. Vari furono i fattori che determinarono tale fallimento. Gli storici concordano nel considerare che il rifiuto del Senato americano di ratificare i trattati di pace e quindi la mancata accettazione del Covenant minò nelle fondamenta il progetto di Wilson: da un punto di vista geopolitico, la 1ª guerra mondiale aveva consacrato gli Stati Uniti come una delle maggiori potenze mondiali; la loro assenza nel Consiglio della SdN non poteva, pertanto, non avere pesanti riflessi sull autorevolezza di quest ultima; da un punto di vista più strettamente militare, gli Stati Uniti costituivano una delle maggiori potenze navali (insieme a Gran Bretagna e Giappone) del mondo; il fatto che rifiutassero a priori di partecipare al sistema di sicurezza collettivo, significava che Paesi come la Gran Bretagna avrebbero dovuto sopportare, praticamente da soli, il peso di eventuali blocchi navali decisi dal Consiglio, come forme di sanzione contro lo Stato aggressore; non meno nefaste furono le conseguenze della mancata ratifica americana sui rapporti fra Germania e Francia; poiché a quest ultima era venuta a mancare la garanzia statunitense, e di conseguenza anche quella britannica, i francesi si convinsero che il pericolo della rinascita tedesca doveva essere assolutamente evitato, e non desistettero dal richiedere gravose riparazioni neanche quando fu chiaro che la Germania mai avrebbe potuto farvi fronte. Al di là della mancata ratifica americana ulteriori motivi di debolezza vanno rinvenuti nel Covenant stesso: originariamente la SdN era stata concepita (dal comitato di redazione in cui la presenza inglese ed americana era stata predominante) come un associazione a carattere più politico che giuridico, più vicina al «concerto europeo» che non ad organismi come la Conferenza dell Aja. Si trattava in effetti di un organizzazione istituzionalmente non dotata di un potere distinto da quello dei suoi membri basata sul principio di unanimità e per il cui funzionamento era indispensabile la cooperazione e la decisa volontà delle grandi potenze. Inoltre, se il patto aveva disciplinato in modo dettagliato e perentorio le misure economiche da imporre come sanzione all aggressore, era stato molto meno preciso nel prevedere le misure militari, tanto che alcuni Stati giunsero a dubitare che il patto imponesse ai membri un impegno effettivo. Ultima, e forse più importante lacuna, il ricorso alla forza; e cioè, la guerra non venne mai esclusa né resa illegale: se il Consiglio non raggiungeva l unanimità, o se la questione era considerata «di rilevanza interna» di una delle due parti, ciascun Stato membro poteva spostare sul piano militare una controversia senza timori di sanzioni. Analogo sbocco potevano avere le controversie sottoposte all arbitrato del Consiglio, alla procedura di composizione della Corte Permanente Internazionale di Giustizia o all inchiesta del Consiglio se, trascorsi i prescritti 3 mesi, una delle parti non accettava il verdetto.

11 Capitolo Primo: La Società delle Nazioni (SdN) Si trattava di lacune di non poco conto e gli Stati firmatari ne erano consapevoli. Le diverse iniziative presa a sostegno del Covenant, però, fallirono pressoché tutte miseramente: la Conferenza sul disarmo non decollò mai seriamente, anche perché il suo oggetto (il disarmo, appunto) era troppo collegato ad un sistema di sicurezza collettivo della cui efficacia si dubitava sempre più; i trattati di Locarno del 1925 (accordi multilaterali fra Francia, Germania, Belgio, Gran Bretagna ed Italia) si svolsero al di fuori della SdN (di cui la Germania non era membro), così che il prestigio di quest ultima ne uscì ridimensionato; i patti e le intese fra Stati membri, concepiti come mezzo per colmare le lacune del Covenant, finirono con l indebolirne la portata. Così ad esempio, il patto Briand-Kellogg per la rinuncia alla guerra (1928) portò gli Stati firmatari ad operare parallelamente in due sistemi alternativi per il mantenimento della pace; di questi due sistemi, uno (quello del patto di Parigi) proibiva qualsiasi ricorso alla guerra, a differenza di quanto previsto dal Covenant. D altra parte, l operato di autorità in qualche modo rivali come la Conferenza degli ambasciatori, istituita a Parigi per esaminare le questioni lasciate insolute dai trattati, comportò l esclusione della SdN, o un suo tardivo intervento (come accadde nel 1920 e nel 1923 per due controversie fra la Polonia e la Lituania). Date queste premesse solo pochi e marginali furono i successi della SdN nella soluzione pacifica delle controversie: 1920, isole Aaland contese fra Svezia e Finlandia; 1925, Grecia e Bulgaria. In entrambi i casi, l azione della SdN era stata coronata dal successo perché nessuna grande potenza era interessata alla questione. Quando, come nel 1931, in occasione dell invasione giapponese della Manciuria, una grande potenza aveva violato il Covenant, il meccanismo di sicurezza collettiva diveniva molto difficoltoso: l invasione ebbe inizio nel settembre 1931, ma solo nel febbraio 1933 l Assemblea poté discutere il rapporto della Commissione d inchiesta; nel frattempo il Giappone aveva insediato un governo fantoccio nel neonato Stato del Manchukuo e, un mese più tardi, annunciò il proprio ritiro dalla SdN. Il prestigio della SdN, già duramente messo alla prova, fu definitivamente azzerato dall invasione dell Etiopia da parte dell Italia (1936). Temendo che una troppo decisa presa di posizione contro l Italia avvicinasse quest ultima alla Germania nazista, Francia e Gran Bretagna temporeggiarono. Quando, anche sotto la spinta dell opinione pubblica internazionale, la SdN fu costretta a riconoscere che l Italia «aveva fatto ricorso alla guerra violando gli impegni presi secondo l art. 12», le sanzioni furono applicate solo gradualmente e parzialmente (in ciò attenendosi ad una risoluzione del 1921) che non impedirono all Italia di piegare (maggio 1936) la resistenza etiopica. Il 4 luglio dello stesso anno la SdN accettò il dato di fatto ed abolì le sanzioni, mentre poco dopo l Italia abbandonava l organizzazione. Da questa ultima dimostrazione di incapacità e debolezza la SdN non si riprese più; dopo di allora solo una volta fu chiamata a cercare di risolvere pacificamente una controversia internazionale (nel 1939, in occasione dell invasione sovietica della Finlandia). In quel caso l Assemblea si riunì per votare l espulsione dell Unione Sovietica ma, due mesi prima, Hitler aveva già invaso la Polonia. Per tutta la durata della seconda guerra mondiale l Assemblea non si riunì più e quando lo fece, il 18 aprile 1946, fu per dichiarare il proprio autoscioglimento. 27

12 28 Glossario Parte Prima: Origini storiche e struttura istituzionale dell ONU Ratifica: atto con il quale uno Stato conferma la propria volontà di aderire ad un trattato internazionale e si concretizza nell approvazione del testo del trattato fatta dal competente organo costituzionale dello Stato. Veto: Termine latino che indica la facoltà di un soggetto, in un contesto regolato da una condivisione della gestione politica, di bloccare una deliberazione.

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

0.120. Statuto delle Nazioni Unite. Traduzione 1. (Stato 24 ottobre 2006)

0.120. Statuto delle Nazioni Unite. Traduzione 1. (Stato 24 ottobre 2006) Traduzione 1 Statuto delle Nazioni Unite 0.120 Fatto a San Francisco il 26 giugno 1945 Approvato dall Assemblea federale il 5 ottobre 2001 2 Dichiarazione d accettazione degli obblighi contenuti nello

Dettagli

NATALINO RONZITTI INTRODUZIONE AL INTERNAZIONALE. Quarta edizione

NATALINO RONZITTI INTRODUZIONE AL INTERNAZIONALE. Quarta edizione NATALINO RONZITTI INTRODUZIONE AL DIRITTO INTERNAZIONALE Quarta edizione G. Giappichelli Editore Torino Indice-Sommario Premessa alla quarta edizione Premessa alla terza edizione Premessa alla seconda

Dettagli

GIAPPONE. ideologia nazionalista (kokutai) società armonica, paese ricco, esercito forte

GIAPPONE. ideologia nazionalista (kokutai) società armonica, paese ricco, esercito forte GIAPPONE ideologia nazionalista (kokutai) società armonica, paese ricco, esercito forte 1913/1920 grande sviluppo industriale e urbano: occupazione mercato asiatico Con la pace: crisi economica, revanchismo.

Dettagli

CARTA DELLE NAZIONI UNITE (1945)

CARTA DELLE NAZIONI UNITE (1945) CARTA DELLE NAZIONI UNITE (1945) Statuto delle Nazioni Unite, adottato il 26 giugno 1945 a San Francisco, a conclusione della Conferenza delle Nazioni Unite sull Organizzazione Internazionale. Entrata

Dettagli

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE L ordinamento giuridico internazionale Diritto internazionale generale e diritto internazionale particolare L adattamento del diritto interno

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale CAUSE POLITICHE 1. Le cause Contrasti Francia Germania per l Alsazia Lorena Contrasto Italia Impero Austro Ungarico per Trento e Trieste Espansionismo di Austria, Russia e Italia

Dettagli

PROTOCOLLO FACOLTATIVO ALLA CONVENZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA RIGUARDANTE IL

PROTOCOLLO FACOLTATIVO ALLA CONVENZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA RIGUARDANTE IL PROTOCOLLO FACOLTATIVO ALLA CONVENZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA RIGUARDANTE IL COINVOLGIMENTO DEI BAMBINI NEI CONFLITTI ARMATI Gli Stati Contraenti il presente Protocollo, Incoraggiati dal travolgente

Dettagli

L inizio del conflitto: l invasione della Polonia

L inizio del conflitto: l invasione della Polonia L inizio del conflitto: l invasione della Polonia La seconda Guerra Mondiale scoppiò nel 1939 dopo l invasione della Polonia da parte dei Tedeschi. La Repubblica Polacca non accettò le imposizioni tedesche

Dettagli

Accordo europeo relativo al trasporto internazionale su strada delle merci pericolose (ADR)

Accordo europeo relativo al trasporto internazionale su strada delle merci pericolose (ADR) Traduzione 1 Accordo europeo relativo al trasporto internazionale su strada delle merci pericolose (ADR) 0.741.621 Conchiuso a Ginevra, il 30 settembre 1957 Approvato dall Assemblea federale il 4 dicembre

Dettagli

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Storia contemporanea n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Anno Accademico 2011/2012 1 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

Benedetto Conforti. Riflessioni sul diritto internazionale contemporaneo

Benedetto Conforti. Riflessioni sul diritto internazionale contemporaneo 1 Benedetto Conforti Riflessioni sul diritto internazionale contemporaneo Non è facile descrivere sinteticamente i progressi che, pur tra non poche ombre, sono stati compiuti dal diritto internazionale

Dettagli

IL CONTENUTO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE COME INSIEME DI LIMITI ALL USO DELLA FORZA INTERNAZIONALE ED INTERNA DEGLI STATI

IL CONTENUTO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE COME INSIEME DI LIMITI ALL USO DELLA FORZA INTERNAZIONALE ED INTERNA DEGLI STATI IL CONTENUTO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE COME INSIEME DI LIMITI ALL USO DELLA FORZA INTERNAZIONALE ED INTERNA DEGLI STATI PROF. GIUSEPPE CATALDI Indice 1 IL CONTENUTO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE COME INSIEME

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

INDICE. Parte I LA PRASSI DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA E LA SUA LOGICA. Capitolo I PROFILI INTRODUTTIVI

INDICE. Parte I LA PRASSI DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA E LA SUA LOGICA. Capitolo I PROFILI INTRODUTTIVI INDICE Presentazione... Abbreviazioni... Premessa... vii xv xix Parte I LA PRASSI DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA E LA SUA LOGICA Capitolo I PROFILI INTRODUTTIVI 1. Posizione del problema e piano dell indagine........

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

La gestione aziendale dei cambiamenti economico-sociali in Francia dopo la riforma del lavoro

La gestione aziendale dei cambiamenti economico-sociali in Francia dopo la riforma del lavoro La gestione aziendale dei cambiamenti economico-sociali in Francia dopo la riforma del lavoro di Giulia Tolve Il potenziamento della gestione contrattata dei mutamenti tecnologici ed economici Il terzo

Dettagli

Convenzione sull istituzione di un controllo di sicurezza nel campo dell energia nucleare

Convenzione sull istituzione di un controllo di sicurezza nel campo dell energia nucleare Testo originale Convenzione sull istituzione di un controllo di sicurezza nel campo dell energia nucleare 0.732.021 Conchiusa a Parigi il 20 dicembre 1957 Approvata dall Assemblea federale il 3 ottobre

Dettagli

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2015 di Roberto Garofoli

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2015 di Roberto Garofoli SCRITTI ESAME AVVOCATO 2015 di Roberto Garofoli SOMMARIO SEZIONE I Persone Scheda n. 1 Diritti civili dello straniero e condizione di reciprocità ex art. 16 preleggi (Cass. civ., sez. II, 30 giugno 2014,

Dettagli

STATUTO Associazione Studenti Bicocca

STATUTO Associazione Studenti Bicocca STATUTO Associazione Studenti Bicocca Art.1 Costituzione 1.1 E costituita l associazione culturale studentesca denominata Associazione Studenti Bicocca, di seguito indicata come organizzazione. 1.2 I contenuti

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it OSSERVATORIO SULLA GIURISPRUDENZA IN TEMA DI TUTELA DEI DIRITTI UMANI Aggiornato al 31 ottobre 2014

www.ildirittoamministrativo.it OSSERVATORIO SULLA GIURISPRUDENZA IN TEMA DI TUTELA DEI DIRITTI UMANI Aggiornato al 31 ottobre 2014 OSSERVATORIO SULLA GIURISPRUDENZA IN TEMA DI TUTELA DEI DIRITTI UMANI Aggiornato al 31 ottobre 2014 A cura di LUCIA SIPALA H. c. Regno Unito, Corte Europea dei Diritti dell' Uomo, 16 Settembre 2014 Questa

Dettagli

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati Traduzione 1 Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati 0.111 Conclusa a Vienna il 23 maggio 1969 Approvata dall Assemblea federale il 15 dicembre 1989 2 Istrumento d adesione depositato dalla Svizzera

Dettagli

LE ISTITUZIONI DELL UNIONE EUROPEA

LE ISTITUZIONI DELL UNIONE EUROPEA LE ISTITUZIONI DELL UNIONE EUROPEA L UE è uno Stato, una confederazione, una federazione, un organizzazione internazionale? È un organizzazione internazionale dotata di ampi poteri che configurano cessioni

Dettagli

DATI CONSORZIATI RAFFRONTO DATI STORICI GENN- SETT 14 VS GENN- SETT 13

DATI CONSORZIATI RAFFRONTO DATI STORICI GENN- SETT 14 VS GENN- SETT 13 DATI CONSORZIATI RAFFRONTO DATI STORICI GENN- SETT 14 VS GENN- SETT 13 - VENDITE PER PRODOTTO GENN- SETT 14 VS 13 2013 2014 var. var % Asti docg 38.220.269 37.358.438-861.831-2,3% Moscato d'asti docg 14.082.178

Dettagli

TRADUZIONE NON UFFICIALE

TRADUZIONE NON UFFICIALE TRADUZIONE NON UFFICIALE PROGETTO DI PROTOCOLLO ADDIZIONALE ALLE CONVENZIONI DI GINEVRA DEL 12 AGOSTO 1949 RELATIVO ALL ADOZIONE DI UN SIMBOLO DISTINTIVO ADDIZIONALE III PROTOCOLLO Testo preparato dal

Dettagli

Emendamenti allo Statuto di Roma della Corte penale internazionale relativi al crimine di aggressione

Emendamenti allo Statuto di Roma della Corte penale internazionale relativi al crimine di aggressione Traduzione 1 Emendamenti allo Statuto di Roma della Corte penale internazionale relativi al crimine di aggressione Adottati a Kampala il 11 giugno 2010 2 Approvati dall'assemblea federale il... 3 Strumenti

Dettagli

L uso dell arbitrato internazionale nelle controversie commerciali: un indagine presso le imprese 1

L uso dell arbitrato internazionale nelle controversie commerciali: un indagine presso le imprese 1 L uso dell arbitrato internazionale nelle controversie commerciali: un indagine presso le imprese 1 Nello sviluppo e nelle dinamiche del commercio internazionale la sicurezza delle transazioni e la certezza

Dettagli

APPROCCIO RAGIONATO ALLE CLAUSOLE DI SCELTA DEL FORO, ARBITRATO E LEGGE APPLICABILE. LA LEGGE APPLICABILE ALLE OBBLIGAZIONI CONTRATTUALI (ROMA I)

APPROCCIO RAGIONATO ALLE CLAUSOLE DI SCELTA DEL FORO, ARBITRATO E LEGGE APPLICABILE. LA LEGGE APPLICABILE ALLE OBBLIGAZIONI CONTRATTUALI (ROMA I) L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO TERZO MODULO - IL CONTRATTO COMMERCIALE CON L ESTERO 26 maggio 2015 APPROCCIO RAGIONATO ALLE CLAUSOLE DI SCELTA DEL FORO, ARBITRATO E LEGGE APPLICABILE.

Dettagli

Rivoluzione Francese

Rivoluzione Francese Rivoluzione Francese Alla fine degli anni 80 del XVIII secolo la Francia attraversata una grave crisi economica: la produzione agricola era calata, le spese militari viste le numerose guerre erano aumentate,

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

La società francese. Nobiltà

La società francese. Nobiltà 1. Nuovi ideali e crisi economica demoliscono l antico regime La Rivoluzione francese, insieme a quella americana, è giustamente considerata uno dei momenti essenziali della nostra storia e della nostra

Dettagli

Lo scoppio della guerra fredda

Lo scoppio della guerra fredda Lo scoppio della guerra fredda 1) 1945: muta la percezione americana dell URSS da alleato ad avversario e nemico 2) 1946: ambio dibattito interno all amministrazione Truman sulla svolta in politica estera

Dettagli

Indice-Sommario. Introduzione. Ius ad bellum, ius in bello, disarmo 19. Parte I La disciplina dell uso della forza nelle relazioni internazionali

Indice-Sommario. Introduzione. Ius ad bellum, ius in bello, disarmo 19. Parte I La disciplina dell uso della forza nelle relazioni internazionali Indice-Sommario Premessa alla quarta edizione XIII Premessa alla terza edizione XV Premessa alla seconda edizione XVII Premessa alla prima edizione XIX Abbreviazioni 1 Elenco delle opere citate (con il

Dettagli

CONVENZIONE SULLA RIDUZIONE DELLA APOLIDIA

CONVENZIONE SULLA RIDUZIONE DELLA APOLIDIA CONVENZIONE SULLA RIDUZIONE DELLA APOLIDIA Traduzione italiana non ufficiale a cura dell UNHCR CONVENZIONE sulla Riduzione dell Apolidia Adottata il 30 agosto 1961 da una Conferenza di Plenipotenziari

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE DENOMINATO CIRCOLO ACLI A. GRANDI - Art. 1 DENOMINAZIONE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE DENOMINATO CIRCOLO ACLI A. GRANDI - Art. 1 DENOMINAZIONE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE DENOMINATO CIRCOLO ACLI A. GRANDI - MELZO Art. 1 DENOMINAZIONE 1.1. E costituita l associazione di promozione sociale denominata: CIRCOLO ACLI A. GRANDI

Dettagli

FRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA REPUBBLICA ARGENTINA SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

FRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA REPUBBLICA ARGENTINA SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI FRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA REPUBBLICA ARGENTINA SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo della Repubblica Argentina, qui di seguito denominate

Dettagli

La Convenzione di Dublino

La Convenzione di Dublino La Convenzione di Dublino 2. Convenzione sulla determinazione dello stato competente per l esame di una domanda di asilo presentata in uno degli stati membri delle Comunità Europee. Sua Maestà il Re dei

Dettagli

TIPOLOGIE DI ISTITUZIONI E CODICI FUNZIONE

TIPOLOGIE DI ISTITUZIONI E CODICI FUNZIONE ALLEGATO n. 1 TIPOLOGIE DI ISTITUZIONI E CODICI FUNZIONE Il personale docente e ATA (limitatamente a direttori dei servizi generali e amministrativi e assistenti amministrativi) può partecipare alle prove

Dettagli

Convenzione di Dublino 97/C 254/01. 15 giugno 1990

Convenzione di Dublino 97/C 254/01. 15 giugno 1990 Convenzione di Dublino 97/C 254/01 15 giugno 1990 sulla determinazione dello stato competente per l esame di una domanda di asilo presentata in uno degli Stati membri delle Comunità Europee pubblicata

Dettagli

0.946.297.726. Traduzione 1 Convenzione Commerciale tra la Svizzera e la Lettonia

0.946.297.726. Traduzione 1 Convenzione Commerciale tra la Svizzera e la Lettonia Traduzione 1 Convenzione Commerciale tra la Svizzera e la Lettonia 0.946.297.726 Conchiusa il 4 dicembre 1924 Approvata dall Assemblea federale il 18 dicembre 1924 2 Ratificazioni scambiate il 2 maggio

Dettagli

L apogeo di Luigi XIV guerra di devoluzione guerra d Olanda supremazia francese La fine della supremazia francese coalizione antifrancese

L apogeo di Luigi XIV guerra di devoluzione guerra d Olanda supremazia francese La fine della supremazia francese coalizione antifrancese Dal 500 fino alla pace di Westfalia che mette fine alla guerra dei Trent anni (1618-48), Francia e Impero si sono scontrati, in Italia e nell area tedesca, per la supremazia in Europa. Impedendo agli Asburgo

Dettagli

Associazione Città dei Mestieri di Milano e della Lombardia STATUTO

Associazione Città dei Mestieri di Milano e della Lombardia STATUTO Art. 1 Denominazione, sede e durata È costituita un Associazione denominata Città dei Mestieri di Milano e della Lombardia con sede in Milano. Essa può costituire uffici esterni con le modalità che verranno

Dettagli

Ines Cavelli. 1945-1954 UNIONE EUROPEA: perché? Intrighi politici sulla via dell integrazione europea

Ines Cavelli. 1945-1954 UNIONE EUROPEA: perché? Intrighi politici sulla via dell integrazione europea Ines Cavelli 1945-1954 UNIONE EUROPEA: perché? Intrighi politici sulla via dell integrazione europea Alla mia piccola, preziosa famiglia. INDICE La situazione economica della Francia...10 La situazione

Dettagli

Art. 6 Durata del periodo di contribuzione. Art. 7 Diritti degli associati sul Patrimonio Sociale. Art. 8 Responsabilità ed assicurazione

Art. 6 Durata del periodo di contribuzione. Art. 7 Diritti degli associati sul Patrimonio Sociale. Art. 8 Responsabilità ed assicurazione STATUTO Titolo I Disposizioni generali Art. 1 Denominazione - Sede - Durata 1. E costituita un organizzazione non lucrativa di utilità sociale di volontariato denominata Società di Studi Carsici A.F.Lindner"

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

STATUTO DELLA CAMERA DI E DELL INDUSTRIA ITALIANA IN POLONIA

STATUTO DELLA CAMERA DI E DELL INDUSTRIA ITALIANA IN POLONIA STATUTO DELLA CAMERA DI COMMERCIO E DELL INDUSTRIA ITALIANA IN POLONIA In vigore dopo le modifiche approvate il 12 marzo 2015 Testo Unico Assemblea di Costituzione, 4 dicembre 1996, Varsavia Art. 1 Nome

Dettagli

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Traduzione 1 Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Conclusa a Parigi il 20 ottobre 2005 La Conferenza generale dell Organizzazione delle Nazioni Unite

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it OSSERVATORIO SULLA GIURISPRUDENZA IN TEMA DI TUTELA DEI DIRITTI UMANI Aggiornato al 31 dicembre 2014 A cura di LUCIA SIPALA Applicazione extra-territoriale della Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Disposizioni per conformare il diritto interno alla Decisione quadro 2008/909/GAI relativa all applicazione del principio del reciproco riconoscimento alle

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO TERZO LA SOGGETTIVITÀ INTERNAZIONALE DELLE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI Sommario: 1. Personalità di diritto internazionale. - 2. Personalità di diritto interno. - 3. Immunità e privilegi delle

Dettagli

Imperialismo imperialismo sovrapproduzione civiltà prestigio nazionalismo Gran Bretagna Francia Germania Africa Conferenza di Berlino Cina

Imperialismo imperialismo sovrapproduzione civiltà prestigio nazionalismo Gran Bretagna Francia Germania Africa Conferenza di Berlino Cina Imperialismo A partire dagli ultimi decenni dell'ottocento e fino alla Prima guerra mondiale, l'europa vive un periodo storico caratterizzato dal desiderio da parte di alcuni Stati del Vecchio continente

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE UN ALTRA TRIESTE Opinione ed impegno per Trieste. TITOLO I Costituzione e sede

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE UN ALTRA TRIESTE Opinione ed impegno per Trieste. TITOLO I Costituzione e sede STATUTO DELL ASSOCIAZIONE UN ALTRA TRIESTE Opinione ed impegno per Trieste TITOLO I Costituzione e sede Articolo 1 Costituzione È costituita, ai sensi degli artt. 14 e ss. c.c., l associazione UN ALTRA

Dettagli

ASSOVERNICI S T A T U T O

ASSOVERNICI S T A T U T O ASSOVERNICI S T A T U T O 1 I N D I C E Premesse pag. 4 TITOLO I - COSTITUZIONE E SCOPI Art. 1 - Costituzione e denominazione 4 Art. 2 - Sede 4 Art. 3 - Scopi 4 TITOLO II - ASSOCIATI Art. 4 - Requisiti

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE SOCI GIOVANI BCC DON RIZZO CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI

STATUTO ASSOCIAZIONE SOCI GIOVANI BCC DON RIZZO CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI STATUTO ASSOCIAZIONE SOCI GIOVANI BCC DON RIZZO CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI Art. 1 Costituzione e sede L Associazione SOCI GIOVANI BCC Don Rizzo costituitasi in Alcamo per volere di un gruppo di giovani

Dettagli

LA SOCIETA EUROPEA Procedura di costituzione e struttura organizzativa

LA SOCIETA EUROPEA Procedura di costituzione e struttura organizzativa LA SOCIETA EUROPEA Procedura di costituzione e struttura organizzativa Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Normativa di riferimento. 3. La società europea e la delega nazionale. 4. Le procedure

Dettagli

COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA

COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA CRC/C/OPAC/ITA/1 Quarantaduesima sessione 15 maggio 2 giugno 2006 OSSERVAZIONI CONCLUSIVE Analisi dei Rapporti presentati dall Italia ai sensi dell art. 8 del Protocollo

Dettagli

Sono la disillusione, disse la vecchia, e domino il mondo, perché ogni sogno umano è sogno breve..(a. Tabucchi, Sogni di sogni)

Sono la disillusione, disse la vecchia, e domino il mondo, perché ogni sogno umano è sogno breve..(a. Tabucchi, Sogni di sogni) Sono la disillusione, disse la vecchia, e domino il mondo, perché ogni sogno umano è sogno breve..(a. Tabucchi, Sogni di sogni) Ti invio queste mie ultime rose rosse che si muteranno in tante gocce di

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE EDITUM TITOLO I

STATUTO ASSOCIAZIONE EDITUM TITOLO I STATUTO ASSOCIAZIONE EDITUM TITOLO I Art. 1 Costituzione E costituita una Associazione denominata "Editum", con sede in Ariccia (RM) L Associazione è senza fine di lucro e con divieto di distribuzione

Dettagli

Struttura giuridica e sede del Tribunale

Struttura giuridica e sede del Tribunale Bundesgericht Tribunal fédéral Benvenuti! Visita del Tribunale federale Tribunale federale Tribunal federal Vista della facciata frontale, Tribunale federale Losanna Foto: Philippe Dudouit L organizzazione

Dettagli

STATUTO ART. 1 DENOMINAZIONE E costituita l associazione denominata Emmanuel-Family Fondazione Italia Associazione di Volontariato O.N.L.U.S.

STATUTO ART. 1 DENOMINAZIONE E costituita l associazione denominata Emmanuel-Family Fondazione Italia Associazione di Volontariato O.N.L.U.S. 1 STATUTO ART. 1 DENOMINAZIONE E costituita l associazione denominata Emmanuel-Family Fondazione Italia Associazione di Volontariato O.N.L.U.S. (Associazione di volontariato ex legge n. 266/91 - O.N.L.U.S.

Dettagli

Associazione di Volontariato La Dimora Accogliente STATUTO

Associazione di Volontariato La Dimora Accogliente STATUTO Associazione di Volontariato La Dimora Accogliente STATUTO Art. 1 Costituzione 1. E costituita l Associazione di volontariato denominata La Dimora Accogliente, che in seguito sarà denominata l Organizzazione:

Dettagli

STATUTO - ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO ONLUS COMITATO PAVIA ASTI SENEGAL - IN FORMA D ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

STATUTO - ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO ONLUS COMITATO PAVIA ASTI SENEGAL - IN FORMA D ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI STATUTO - ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO ONLUS COMITATO PAVIA ASTI SENEGAL - IN FORMA D ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART 1: Costituzione E costituita l Organizzazione di

Dettagli

STORIA DELLA CROCE ROSSA

STORIA DELLA CROCE ROSSA STORIA DELLA CROCE ROSSA Corso Base Volontari Trento 28 gennaio 2013 Istruttore DIU Michele Beretta Perché?!?! Battaglia di Solferino/San Martino 24.06.1859 JEAN HENRY DUNANT (08.05.1828 30.10.1910) Creazione

Dettagli

BCC LAB Associazione Giovani Soci BCC San Vincenzo de Paoli di Casagiove

BCC LAB Associazione Giovani Soci BCC San Vincenzo de Paoli di Casagiove BCC LAB Associazione Giovani Soci BCC San Vincenzo de Paoli di Casagiove STATUTO SOCIALE Art. 1 - Costituzione e sede Ai sensi delle disposizioni del Codice Civile in tema di Associazioni, e delle leggi

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone :

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone : LA RIVOLUZIONE FRANCESE In Francia la società è divisa in tre ordini o stati: 1) Nobiltà 2) Clero 3) Terzo Stato Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie

Dettagli

Preliminari di guerra

Preliminari di guerra Preliminari di guerra Le vittorie diplomatiche di Hitler Marzo 1938. L Austria viene annessa al Reich (ANSCHLUSS) Questione dei Sudeti. Accordi di Monaco (29-30 settembre 1938) Entro il marzo 1939 tutta

Dettagli

CONVENZIONE SULLA CESSAZIONE DELLA RELAZIONE DI LAVORO AD INIZIATIVA DEL DATORE DI LAVORO, 1982 1

CONVENZIONE SULLA CESSAZIONE DELLA RELAZIONE DI LAVORO AD INIZIATIVA DEL DATORE DI LAVORO, 1982 1 Convenzione 158 CONVENZIONE SULLA CESSAZIONE DELLA RELAZIONE DI LAVORO AD INIZIATIVA DEL DATORE DI LAVORO, 1982 1 La Conferenza generale dell Organizzazione Internazionale del Lavoro, Convocata a Ginevra

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE BORGO A QUATTRO ZAMPE. ART. 1 (La denominazione, la sede e la durata dell Associazione)

STATUTO ASSOCIAZIONE BORGO A QUATTRO ZAMPE. ART. 1 (La denominazione, la sede e la durata dell Associazione) STATUTO ASSOCIAZIONE BORGO A QUATTRO ZAMPE ART. 1 (La denominazione, la sede e la durata dell Associazione) 1. L Associazione di Volontariato denominata Borgo a quattro zampe la sua attività e i rapporti

Dettagli

Articolo 1 Nuovo tenore della Convenzione

Articolo 1 Nuovo tenore della Convenzione PROTOCOLLO DEL 3 GIUGNO 1999 RECANTE MODIFICA DELLA CONVENZIONE RELATIVA AI TRASPORTI INTERNAZIONALI FERROVIARI (COTIF) DEL 9 MAGGIO 1980 (PROTOCOLLO 1999) In applicazione degli articoli 6 e 19 2 della

Dettagli

Il divorzio nel diritto cinese: confronto con il divorzio italiano

Il divorzio nel diritto cinese: confronto con il divorzio italiano STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo

Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo così come modificata dai Protocolli nn. 11 e 14 Protocolli nn. 1, 4, 6, 7, 12 e 13 Il testo della Convenzione è presentato

Dettagli

Associazione culturale e sportiva

Associazione culturale e sportiva STATUTO Pag.1 TITOLO I - Denominazione - Sede Art.1 Nello spirito della Costituzione della Repubblica italiana ed in ossequio a quanto previsto dagli artt.36 e seguenti del Codice civile è costituita,

Dettagli

I N D I C E TITOLO I PRINCIPI E FINALITA DEL REGOLAMENTO. Art. 1 principi fondamentali TITOLO II L ALBO E LE CONSULTE

I N D I C E TITOLO I PRINCIPI E FINALITA DEL REGOLAMENTO. Art. 1 principi fondamentali TITOLO II L ALBO E LE CONSULTE Regolamento comunale per il riconoscimento, la promozione e la valorizzazione delle libere forme associative e delle organizzazioni di volontariato (Approvato con delibera n.110/cc del 18.10.1999) I N

Dettagli

Panorama Internazionale

Panorama Internazionale Panorama Internazionale 22 INFORMAZIONI DELLA DIFESA 2/2012 TAIWANRODOLFO BASTIANELLI LO STATUS INTERNAZIONALE DI PANORAMA INTERNAZIONALE 23 Uno dei temi politici più delicati che la Cina si è trovata

Dettagli

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Edizioni Simone - Vol. 45/1 Compendio di Diritto Internazionale privato e processuale Parte seconda Cenni di parte speciale Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Sommario Z 1. La filiazione. - 2. L adozione.

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

STATUTO. L Associazione opera prevalentemente nel territorio della Diocesi di Vicenza.

STATUTO. L Associazione opera prevalentemente nel territorio della Diocesi di Vicenza. STATUTO ART. 1 COSTITUZIONE E costituita in Vicenza l Associazione DIAKONIA ONLUS, con sede in Vicenza, Contrà Torretti n. 38. L Associazione è strumento operativo della CARITAS DIOCESANA VICENTINA (di

Dettagli

Lo Statuto UNICMI. Approvato all Assemblea Generale dei Soci del 15 giugno 2013 a Milano

Lo Statuto UNICMI. Approvato all Assemblea Generale dei Soci del 15 giugno 2013 a Milano Lo Statuto UNICMI Approvato all Assemblea Generale dei Soci del 15 giugno 2013 a Milano Lo Statuto UNICMI INDICE Articolo 1 - Costituzione, Sede e Durata 3 Articolo 2 - Scopi 3 Articolo 3 - Soci 3 Articolo

Dettagli

Terzo ciclo di valutazione

Terzo ciclo di valutazione INOFFICIAL TRANSLATION / TRADUCTION INOFICIELLE Adozione: 19 giugno 2015 Pubblico Pubblicazione: 17 agosto 2015 Greco RC-III (2015) 6 Rapporto intermedio Terzo ciclo di valutazione Secondo rapporto intermedio

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE NON PROFIT NETWORK

STATUTO ASSOCIAZIONE NON PROFIT NETWORK STATUTO ASSOCIAZIONE NON PROFIT NETWORK Articolo 1: COSTITUZIONE Ai sensi degli artt. 14 ss. del Codice Civile e della Legge 11 agosto 1991, n.266, è costituita, con sede legale a Trento, l Associazione

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE CULTURALE. L anno 2012 il giorno 15 ( quindici) del mese di marzo si conviene e si stipula quanto segue:

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE CULTURALE. L anno 2012 il giorno 15 ( quindici) del mese di marzo si conviene e si stipula quanto segue: ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE CULTURALE L anno 2012 il giorno 15 ( quindici) del mese di marzo si conviene e si stipula quanto segue: tra i signori NAPOLITANO GIANFILIPPO PITTANA ANDREA NAPOLITANO GIANPINO

Dettagli

S T A T U T O DELL'ASSOCIAZIONE CULTURALE AGORA MEDITERRANEA. Articolo 1. Costituzione, denominazione sede e durata

S T A T U T O DELL'ASSOCIAZIONE CULTURALE AGORA MEDITERRANEA. Articolo 1. Costituzione, denominazione sede e durata S T A T U T O DELL'ASSOCIAZIONE CULTURALE AGORA MEDITERRANEA Articolo 1 Costituzione, denominazione sede e durata E' costituita l'associazione Culturale denominata Agorà Mediterranea con sede legale in

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ART. 1 ART. 2

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ART. 1 ART. 2 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO A.V.G. FANCONI ART. 1 1. È costituita ai sensi della legge n. 266 del 1991 l organizzazione di volontariato, denominata: «A.V.G. Fanconi» 2. L organizzazione ha

Dettagli

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE E. SHARPSTON presentate il 29 marzo 2007 1 (1) Causa C-260/04. Commissione contro Repubblica italiana

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE E. SHARPSTON presentate il 29 marzo 2007 1 (1) Causa C-260/04. Commissione contro Repubblica italiana CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE E. SHARPSTON presentate il 29 marzo 2007 1 (1) Causa C-260/04 Commissione contro Repubblica italiana «Inadempimento di uno Stato Libertà di stabilimento e libera prestazione

Dettagli

FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI

FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI C 95/22 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 21.3.2015 FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI STATUTO DEL FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI adottato il 14 giugno 1994 e modificato dall assemblea generale

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE "ABILIATOUR O.N.L.U.S. TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ABILIATOUR O.N.L.U.S. TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI STATUTO DELL ASSOCIAZIONE "ABILIATOUR O.N.L.U.S. TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Denominazione È costituita, nel rispetto del D.Lgs 460/97, un associazione senza scopo di lucro, indipendente, aconfessionale

Dettagli

CASA DEL VOLONTARIATO SOCIO-SANITARIO e dell AMA

CASA DEL VOLONTARIATO SOCIO-SANITARIO e dell AMA Esente da imposta di bollo e di registro ai sensi dell art.8, c.1 della L. 266/91 STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO CASA DEL VOLONTARIATO SOCIO-SANITARIO e dell AMA Art. 1 DENOMINAZIONE E SCOPI

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE La seconda guerra mondiale iniziò quando Hitler nel primo settembre del 1939 attaccò la Polonia.

LA SECONDA GUERRA MONDIALE La seconda guerra mondiale iniziò quando Hitler nel primo settembre del 1939 attaccò la Polonia. LA SECONDA GUERRA MONDIALE La seconda guerra mondiale iniziò quando Hitler nel primo settembre del 1939 attaccò la Polonia. La Francia e l Inghilterra a loro volta intervennero a sua difesa. Cosi Hitler

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Prefazione alla VII edizione... Abbreviazioni... I COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA PARTE I DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI

INDICE SOMMARIO. Prefazione alla VII edizione... Abbreviazioni... I COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA PARTE I DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI INDICE SOMMARIO Prefazione alla VII edizione... Abbreviazioni... pag. V VII I COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA Principi fondamentali... 3 PARTE I DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI Titolo I Rapporti civili...

Dettagli

DECRETI PRESIDENZIALI

DECRETI PRESIDENZIALI DECRETI PRESIDENZIALI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 24 gennaio 2013. Direttiva recante indirizzi per la protezione cibernetica e la sicurezza informatica nazionale. IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

Accordo che istituisce l Organizzazione internazionale della vigna e del vino

Accordo che istituisce l Organizzazione internazionale della vigna e del vino Traduzione 1 Appendice 2 Accordo che istituisce l Organizzazione internazionale della vigna e del vino (Organisation Internationale de la Vigne et du Vin) Concluso a Parigi il 3 aprile 2001 Preambolo I

Dettagli

0.748.127.193.32 Accordo concernente i servizi aerei tra la Svizzera e la Spagna

0.748.127.193.32 Accordo concernente i servizi aerei tra la Svizzera e la Spagna Traduzione 1 0.748.127.193.32 Accordo concernente i servizi aerei tra la Svizzera e la Spagna Conchiuso il 3 agosto 1950 Approvata dall Assemblea federale il 26 aprile 1951 2 Entrata in vigore il 3 agosto

Dettagli

Il Consiglio d'europa: attività e opportunità per i giovani. Lezioni d'europa Siena 24 Marzo 2014. Silvia Volpi

Il Consiglio d'europa: attività e opportunità per i giovani. Lezioni d'europa Siena 24 Marzo 2014. Silvia Volpi Il Consiglio d'europa: attività e opportunità per i giovani Lezioni d'europa Siena 24 Marzo 2014 Silvia Volpi Argomenti Cenni sul Consiglio d'europa e suoi organi La Corte Europea dei diritti umani Cenni

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE. Sentenza 29 settembre - 11 novembre 2010, n. 22909. Svolgimento del processo

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE. Sentenza 29 settembre - 11 novembre 2010, n. 22909. Svolgimento del processo SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE Sentenza 29 settembre - 11 novembre 2010, n. 22909 Svolgimento del processo Il Tribunale di Benevento con sentenza del 15 settembre 2004 condannava i coniugi

Dettagli

Nuova Appendice I ( approvata dal Comitato Esecutivo il 4 e 5 marzo 2004)

Nuova Appendice I ( approvata dal Comitato Esecutivo il 4 e 5 marzo 2004) Nuova Appendice I ( approvata dal Comitato Esecutivo il 4 e 5 marzo 2004) Lingue: Interpretariato a) Le lingue per le quali si avrà un interpretazione attiva nelle riunioni statutarie e nelle conferenze

Dettagli

SISTEMA TERRITORIALE PAVESE PER LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE STATUTO

SISTEMA TERRITORIALE PAVESE PER LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE STATUTO SISTEMA TERRITORIALE PAVESE PER LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE STATUTO INDICE Art. 1 Costituzione Denominazione Sede...3 Art. 2 Carattere dell Associazione...3 Art. 3

Dettagli