Filippo Moreschi Lezioni di storia delle relazioni internazionali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Filippo Moreschi Lezioni di storia delle relazioni internazionali"

Transcript

1 Strumenti 1

2

3 Filippo Moreschi Lezioni di storia delle relazioni internazionali universitas studiorum

4 2012, Universitas Studiorum S.r.l. via Angelo Scarsellini Mantova (MN), Italy P. IVA tel./fax 0376/ Prima edizione 2012 Finito di stampare nel febbraio 2012 presso Pixartprinting S.r.l., Quarto d Altino (VE) ISBN

5 Premessa La presente raccolta nasce dall esigenza, in principio esoterica, di dotare gli studenti della Scuola Universitaria per Mediatori Linguistici di Mantova di dispense per il corso semestrale di Storia delle Relazioni Internazionali, articolato in dieci lezioni. Il lavoro che ne è conseguito, come si potrà vedere, ha ben presto abbandonato la natura informale delle semplici note, redatte a complemento degli appunti del corso, per diventare un testo organico, sicuramente un po più complesso ma ugualmente fedele al lavoro e al programma svolto a lezione. Per quanto abbia potuto ricercare, non ho rinvenuto alcuna pubblicazione, al di fuori della prestigiosa manualistica istituzionale in parte citata nella bibliografia che si calibri alle necessità degli studenti dei corsi di lingue e di mediazione linguistica, o di altri corsi di laurea che non siano di area strettamente giuridica. Ciò comporta per il docente l esigenza e la difficoltà di estrapolare, dagli argomenti classici del diritto internazionale, i concetti essenziali per corsi di breve durata, per lo più di trenta ore semestrali, frequentati da studenti che in molti casi faranno delle lingue, e non del diritto, l oggetto e lo strumento principale della loro attività professionale. Per questi motivi, pur seguendo il percorso tracciato dai testi canonici, ho cercato di dare allo stesso tempo al presente lavoro un taglio pratico, sviluppando singoli argomenti, riferimenti storici, e traendo dai testi normativi citati qualche spunto interessante anche per gli studenti di discipline linguistiche, come ad esempio quello legato alla traduzione dei trattati internazionali. Tan- 1

6 to, nella cosapevolezza che l approccio al diritto internazionale pubblico è per sua natura storico, anche per l importanza della consuetudine e per il radicale mutamento di alcuni dei suoi princìpi (come quello sull uso della forza), avvenuto negli ultimi due secoli di realzioni internazionali. Ho sentito anche la necessità di inserire brevi voci di glossario, nelle quali si illustrano alcuni concetti, principalmente giuridici, esattamente come viene fatto a lezione. 2

7 Lezione 1 I soggetti del diritto internazionale: gli Stati sovrani 1. Definizione Il diritto internazionale pubblico è l ordinamento giuridico della Comunità internazionale. Si tratta di un sistema giuridico, un insieme di norme e di regole, diverso da quello dei singoli Stati. Per questo motivo il diritto internazionale va distinto nettamente da altri sistemi di diritto. Il diritto internazionale di cui qui ci si occupa è innanzitutto diritto pubblico, cioè un sistema di norme giuridiche che disciplinano i rapporti tra soggetti pubblici: in questo caso, i cosiddetti soggetti di diritto internazionale, in particolare gli Stati e le organizzazioni internazionali. Va dunque in primo luogo distinto dal diritto internazionale privato, ossia da quell insieme di norme, parte del diritto interno di ciascuno Stato, che disciplina i rapporti privati dei cittadini che presentano collegamenti con l ordinamento di Stati stranieri; esso può riguardare, ad esempio, la successione ereditaria di un cittadino straniero residente in Italia e qui deceduto. L oggetto del nostro studio è il diritto internazionale, perché le norme che ne costituiscono l insieme non fanno parte dell ordinamento interno dei singoli Stati, ma sono le regole della comunità internazionale, ossia di una realtà sociale composta non da 3

8 LEZIONI DI STORIA DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI individui ma da Stati sovrani, in primo luogo, e da quei pochi altri enti o soggetti in grado di rapportarsi con gli Stati su un piano di parità. Questi enti (Stati e soggetti diversi), nel diritto pubblico internazionale, divengono titolari di diritti e assumono obblighi che discendono dalle norme dell ordinamento giuridico internazionale. Sono essi, perciò, quelli che si definiscono soggetti di diritto internazionale. 2. I soggetti di diritto internazionale Soggetti di diritto internazionale sono in primo luogo gli Stati sovrani, tradizionalmente i membri principali della società internazionale. La nascita delle moderne strutture statali è il risultato di un processo storico molto lungo, iniziato, per alcune esperienze, nel Medioevo, evolutosi quindi nei secoli XVI-XVIII (il periodo delle monarchie assolute) e solcato da molte tappe significative; tra di esse, convenzionalmente si segnala la Pace di Westfalia del 1648, che pose fine alla guerra dei trent anni, sancì l affermazione delle moderne monarchie nazionali e segnò il tramonto delle pretese sovranazionali e universalistiche del Papato e dell Impero. Oggi, tuttavia, agli Stati sovrani si affiancano altri soggetti ed enti, costituiti su un piano di parità con gli Stati sovrani: tra questi, principalmente, le organizzazioni internazionali, realtà create dagli Stati per favorire e rendere stabile la cooperazione tra di essi. Questione ancora dibattuta è, invece, se gli individui (persone fisiche) siano soggetti di diritto internazionale. La concezione tradizionale del diritto pubblico internazionale lo nega: gli individui, infatti, sono soggetti al potere dello Stato e non sono perciò soggetti sovrani. Oggi, tuttavia, si prende atto che gli individui sono destinatari di numerose norme, pattizie e consuetu- 4

9 1. I SOGGETTI DEL DIRITTO INTERNAZIONALE: GLI STATI SOVRANI dinarie, del diritto internazionale, volte principalmente alla tutela dei diritti dell uomo. Tali norme impongono anche agli Stati sovrani comportamenti e obblighi di rispetto. Qualche Autore ha parlato a tal proposito di limitata soggettività internazionale dell individuo. Non di meno, è impossibile non osservare che se pure l uomo, il soggetto individuale, oggi emerge nel diritto internazionale quale oggetto di tutela, egli non è il protagonista principale dell ordinamento pubblico internazionale, ruolo riservato agli Stati sovrani e ai soggetti ad essi in qualche modo equiparati. 3. Gli Stati: elementi costitutivi e criteri identificativi Lo Stato è l organizzazione di governo di una determinata comunità territoriale. In tale definizione si ritrovano gli elementi costitutivi dello Stato secondo la dottrina classica, che è stata elaborata applicando i criteri della Convenzione di Montevideo sui diritti e doveri degli Stati del 26 /12/1933: popolo, territorio, organizzazione di governo. Pur se la Convenzione citata ha carattere regionale, poiché è stata stipulata e sottoscritta dai soli Stati americani, la definizione di Stato in essa contenuta è stata accettata su scala universale. Ai criteri menzionati dalla convenzione di Montevideo si affiancano, nella definizione di Stato, altri due parametri, detti criteri identificativi: la sovranità esterna e la sovranità interna. In altre parole, non tutti gli Stati (o soggetti assimilabili ad essi sulla scorta dei tre elementi costitutivi) sono soggetti di diritto internazionale: lo sono solamente gli Stati sovrani. La sovranità esterna è l indipendenza, l autonomia del soggetto-stato che non riconosce un autorità statale o politica superiore, ma soltanto altri Stati indipendenti, su un piano di parità (superiorem non recognoscens). Uno Stato è sovrano, infatti, quan- 5

10 LEZIONI DI STORIA DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI do è in grado di dotarsi di un ordinamento giuridico originario, come possono essere una Costituzione e delle norme che non traggano la loro forza giuridica dall ordinamento di un altro Stato o di un soggetto politico superiore. La sovranità interna è altrimenti detta effettività, ossia l esercizio di fatto e in concreto dei poteri di governo su una comunità territoriale. Tale esercizio deve poi essere stabile, o quanto meno possedere l attitudine a durare. Sotto il profilo dell effettività, ai cosiddetti Stati fantoccio non è riconosciuta alcuna soggettività internazionale, giacché il potere effettivo è in realtà quello dello Stato controllante che influenza il potere di governo del controllato; esempio storico di Stato fantoccio è la Repubblica Sociale Italiana, instaurata nella parte di territorio italiano occupata dall esercito tedesco dopo l armistizio dell 8 settembre Si parla di Stato fantoccio anche con riguardo alla Francia di Vichy, lo Stato collaborazionista costituitosi a seguito dell invazione tedesca del Viceversa, sono ritenuti pienamente effettivi, e dunque indipendenti e sovrani, i micro-stati, ossia quelle entità statali di piccolissime dimensioni territoriali e di limitato numero di abitanti. Nonostante qualche dubbio in passato, oggi tali realtà sono per lo più riconosciute come Stati indipendenti a tutti gli effetti, e molti di essi sono membri a pieno titolo dell ONU, come il Principato di Monaco, la Repubblica di San Marino e Andorra. Approfondimento: effettività e legittimità Al principio dell effettività, come definito dalla dottrina classica dello Stato, si è affiancato più recentemente il diverso e per certi versi opposto criterio della legittimità. Secondo la dottrina tradizionale, uno Stato è una realtà politica che nasce e si sviluppa in forza di un processo storico più o meno lungo. Lo Stato, è la tesi classica, non viene creato dal diritto internazionale, ma è piuttosto una realtà naturale, di fatto (principio dell effettività), di cui l ordinamento giuridico internazionale si limita 6

11 1. I SOGGETTI DEL DIRITTO INTERNAZIONALE: GLI STATI SOVRANI a prendere atto. Oggi tuttavia questa tesi viene contemperata dal principio di legittimità: uno Stato nasce e acquista personalità per effetto dell applicazione di norme giuridiche internazionali (consuetudinarie o positive). In altre parole, nel mondo contemporaneo non si può dichiarare automaticamente legittimo qualunque processo storico che porti alla nascita di un nuovo Stato. Uno Stato, infatti, nasce e viene accolto nella Comunità internazionale non solo quando è effettivo e sovrano, ma anche quando il processo storico che ha portato alla sua nascita non contrasta con le più importanti norme internazionali, soprattutto di natura consuetudinaria. 4. Il riconoscimento In relazione al rapporto tra il principio dell effettività, che privilegia l effettivo e concreto esercizio del governo su una comunità territoriale, e quello di legittimità, che concede lo status di soggetto sovrano sulla base dell origine legale o meno del potere costituito, viene valutato il riconoscimento, ossia l atto mediante il quale uno Stato ammette che un determinato ente statale è in possesso dei requisiti per ottenere la piena soggettività internazionale. Si discute, in particolare, se il riconoscimento di uno Stato da parte di un altro Stato abbia valore costitutivo o dichiarativo. Il riconoscimento ha valore costitutivo se è condizione necessaria per l acquisizione della soggettività internazionale dello Stato riconosciuto; viceversa, ha valore dichiarativo se con esso lo Stato si limita a constatare una soggettività internazionale già acquisita dal soggetto statale che viene riconosciuto. La dottrina classica, aderente al principio dell effettività, tende a sostenere l efficacia solo dichiarativa del riconoscimento. La realtà delle relazioni tra gli Stati, infatti, evidenzia e denuncia la natura essenzialmente discrezionale del riconoscimento stesso, che appare come un atto a forte rilevanza politica. Tuttavia il riconoscimento, soprattutto se effettuato da un numero rilevante di Stati in un periodo ristretto, ha l effetto naturale di accogliere 7

12 LEZIONI DI STORIA DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI il nuovo Stato, da pari, nella Comunità internazionale. Perciò la dottrina lo considera come la prova della soggettività internazionale del nuovo Stato. Approfondimento: le federazioni tra Stati Gli Stati membri di Stati federali (i cosiddetti Stati federati) non sono comunemente ritenuti soggetti di diritto internazionale, perché il loro ordinamento viene considerato derivato rispetto a un ordinamento superiore, quello cioè dello Stato federale, al quale tali enti sono sottoposti. In altre parole, essi non sono considerati indipendenti. Tra gli esempi, comunque molti, troviamo naturalmente gli Stati Uniti d America e altri soggetti federali quali la Repubblica Federale di Germania. Proprio la Germania è da ritenersi uno Stato federale, se pure in una forma costituzionale diversa dall attuale, fin dalla proclamazione del Reich unitario tedesco nel 1871 (noto come secondo Reich ) ad opera di Bismarck, nonostante la sopravvivenza, all interno di esso, di alcune monarchie pre-unitarie come ad esempio la Baviera e la Prussia. Se si nega l indipendenza ai soggetti enti pubblici federati, facenti parte degli Stati federali, a maggior ragione si nega indipendenza e sovranità a quegli enti che sono semplici articolazioni dello Stato territoriale, pur se dotati di autonomia anche legislativa in alcune materie, come ad esempio le Regioni italiane. Le eccezioni a tale principio sono rare. Molto si discute, tuttavia, sulla personalità internazionale di alcune province del Canada, prima tra tutte il Québec che, avendo una storia diversa da quella del resto dello Stato (fu colonia francese acquisita dall Inghilterra alla fine della guerra dei sette anni), ha rappresentanti presso alcuni Stati esteri con cui intrattiene anche relazioni internazionali. Secondo l impostazione tradizionale, invece, gli Stati confederati membri delle Confederazioni conservano la loro indipendenza, poiché sono Stati sovrani che attraverso un accordo internazionale creano una struttura unica per alcune materie o per perseguire scopi comuni. Alla data odierna, l esperienza delle Confederazioni può dirsi largamente in declino. Tuttavia la storia ha conosciuto una fase in cui si sono sviluppati molti fenomeni confederali: tra gli esempi più noti vi è la Confederazione Elvetica, divenuta Stato federale svizzero nel Di contro, di 8

13 1. I SOGGETTI DEL DIRITTO INTERNAZIONALE: GLI STATI SOVRANI breve durata fu la Confederazione Americana, ossia la struttura scelta inizialmente dalle ex colonie britanniche d America dalla data della dichiarazione di indipendenza (1776) sino all entrata in vigore dell attuale Costituzione federale degli Stati Uniti d America nel Gli elementi costitutivi dello Stato: dettagli Come detto sopra, elementi costitutivi dello Stato sono il popolo, il governo e il territorio. Per popolazione (o popolo) si intende la comunità di persone stabilmente stanziata nel territorio su cui lo Stato si costituisce. Di conseguenza, non si ammette l esistenza di un governo dello Stato su popolazioni nomadi, slegate da un territorio di riferimento. La popolazione comprende i soli cittadini dello Stato, ma allo stesso tempo non coincide con essi; la cittadinanza, infatti, presuppone l esistenza dello Stato ed è regolata dal suo diritto interno. Per governo si intende la struttura istituzionale che esercita effettivamente e in maniera stabile e organizzata il potere su uno Stato e non solo l organo che, nell ambito dell ordinamento costituzionale dello Stato, è titolare del cosiddetto potere esecutivo.non è indispensabile che l organizzazione di governo sia culturalmente avanzata o aderisca a modelli occidentali : è sufficiente, infatti, anche un organizzazione di natura tribale. Il mutamento di governo, se avviene nel quadro e nel rispetto delle regole istituzionali e in conformità con il diritto interno, non è rilevante dal punto di vista del diritto internazionale. Molte volte, invece, si assiste a quello che si definisce colpo di Stato, ossia a un fenomeno rivoluzionario interno che sovverte il sistema di governo e il quadro istituzionale dello Stato, in modo anche violento, sostituendolo con un ordinamento totalmente o parzialmente nuovo. In questi casi, storicamente la prassi internazionale preferisce ritenere che il mutamento (rivoluzionario) del governo non incida sulla personalità internazionale dello Stato. Insomma, non si crea uno Stato nuo- 9

14 LEZIONI DI STORIA DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI vo per effetto di una rivoluzione, soprattutto se il mutamento di governo non si accompagna a radicali mutamenti degli altri due elementi (popolazione e territorio). Tale atteggiamento ha avuto plurime conferme storiche nel caso della Francia, considerata, da sempre, lo stesso soggetto internazionale nonostante i mutamenti anche traumatici della sua organizzazione istituzionale, verificatisi a più riprese a partire dalla rivoluzione del Questo comportamento è stato storicamente rafforzato dall azione degli stessi governi rivoluzionari che, mentre proclamavano la novità dello Stato, sul piano internazionale accettavano di fatto la regola della continuità. Se, infatti, lo Stato è il medesimo nonostante la rivoluzione, esso sarà vincolato dagli stessi obblighi e vanterà gli stessi diritti derivanti dalle convenzioni internazionali stipulate prima del colpo di Stato. Tant è vero che anche quando le autorità di governo rivoluzionarie affermano, per motivi principalmente propagandistici, l assoluta novità dello Stato rivoluzionario, di fatto poi finiscono per accettare il punto di vista dell identità con lo Stato preesistente; un caso emblematico in tal senso si verificò quando l Unione Sovietica bolscevica affermò l assoluta novità, anche sul piano internazionale, del nascente Stato sovietico rispetto all Impero zarista, per poi cambiare repentinamente posizione. I casi estremi sono quelli nei quali il governo non esiste oppure lo Stato è temporaneamente privo di un organizzazione di governo effettiva. Se il governo non esiste, viene meno uno degli elementi costitutivi dello Stato e dunque dovrebbe venir meno anche la soggettività internazionale dello Stato. Tuttavia questo accade solo quando la mancanza di un governo è da considerarsi definitiva. Un caso rarissimo. Quando invece l assenza di un organizzazione di governo è prolungata, generalmente per il perdurare di una guerra civile di incerto esito, si entra nell ipotesi dell anarchia. In questi casi, è decisivo l atteggiamento della Comunità internazionale che, soprattutto oggi, può intervenire con 10

15 1. I SOGGETTI DEL DIRITTO INTERNAZIONALE: GLI STATI SOVRANI gli strumenti a disposizione delle Nazioni Unite, in particolare con le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza, ai sensi del Cap. VII della Carta dell ONU. Approfondimento: la guerra civile in Somalia Dal 1991 la Somalia è in preda a una guerra civile tra i signori della guerra, che ha impedito di fatto la nascita di una forma di governo stabile. In più, dal 2006 una parte del territorio è sotto il diretto controllo delle cosiddette corti islamiche, organizzazioni per lo più considerate vicine ad al-qaida, e alcune zone costiere sono utilizzate come basi da organizzazioni di pirateria. In questo contesto, la Comunità internazionale non ha cessato di considerare la Somalia uno Stato, nella sua integrità, tant è vero che l ONU, nel 2000, ha riconosciuto un Governo transitorio somalo, con il quale ha invitato tutti gli Stati a operare per la lotta alle forme di pirateria nell Oceano Indiano (Risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell ONU n. 1851/2008). Approfondimento: l occupazione bellica Una situazione analoga a quella dell anarchia è quella dell occupazione bellica totale. Secondo la tradizione, l occupazione bellica determinava, alla fine della guerra, l estinzione dello Stato totalmente occupato. Oggi, a fronte delle norme internazionali e della consuetudine che vietano l uso della forza nei rapporti internazionali, l occupazione militare di uno Stato non ne determina l estinzione; anzi, se l operazione bellica è stata autorizzata dalle competenti organizzazioni internazionali, essa è finalizzata alla ricostituzione di un organizzazione di governo stabile sul territorio. Piuttosto, c è da chiedersi se lo Stato che nasce alla fine dell occupazione sia uno Stato nuovo o se al contrario esso costituisca la continuazione dello Stato precedente. Anche in questi casi è decisivo l atteggiamento della Comunità internazionale. Dal punto di vista storico, è interessante il caso della Germania, occupata dalle potenze vincitrici dell ultima guerra mondiale fino al 1949, poi smembrata; dalla divisione post-bellica nacquero, come è noto, la Germania Est (Repubblica Democratica Tedesca) e la Germania Ovest (Repubblica Federale Tedesca), due Stati totalmente diversi tra loro e molto differenti rispetto alla Germania pre-bellica. Sia la dottrina, sia il governo tedesco occidentale, sia la Comunità internazionale (soprattutto occidentale) hanno sempre considerato la Germania Ovest la reale continuatrice della Germania pre-bellica. 11

16 LEZIONI DI STORIA DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI Il territorio è lo spazio sul quale si esercita la sovranità dello Stato: esso si distingue in territorio terrestre, marittimo e aereo. I mutamenti territoriali a volte determinano solamente l aumento della superficie del territorio di uno Stato e la corrispondente diminuzione di quello di un altro Stato, ma non causano l estinzione dell uno o dell altro Stato; ciò avviene, in pratica, per effetto del trasferimento di una porzione di territorio da uno Stato ad un altro. Tale trasferimento può avvenire per effetto di un trattato internazionale, come un trattato di pace che pone fine ad una guerra, oppure mediante altri atti giuridici in tutto e per tutto simili ai contratti privati, come il caso della vendita dell Alaska dalla Russia agli Stati Uniti, avvenuta nel In altri casi, invece, i mutamenti territoriali determinano anche la sparizione di uno o più Stati o, nel caso opposto, la creazione di uno o più Stati nuovi. L unificazione determina la sparizione degli Stati preesistenti e la creazione di uno Stato nuovo, che governa sul territorio unificato (e spesso assume la struttura dello Stato federale); quale esempio si può ricordare la fusione dello Yemen del Nord e di quello del Sud, che ha portato alla creazione nel 1990 della Repubblica Yemenita. L incorporazione (o annessione) comporta invece la sparizione dello Stato incorporato, il cui territorio viene inglobato nello Stato incorporante. L incorporazione è la modalità tipica dell acquisto del territorio conseguito mediante conquiste militari; nella storia, pertanto, gli esempi sono moltissimi: tra di essi vi è la formazione dell Italia Unita ( ), consistita nella progressiva annessione da parte del Regno di Sardegna degli Stati pre-unitari attraverso la conquista militare o l acquisizione politica. Il Regno di Sardegna, per effetto del processo unitario, non è sparito, ma ha progressivamente esteso le proprie strutture (politiche, legislative e amministrative) agli Stati acquisiti, 12

17 1. I SOGGETTI DEL DIRITTO INTERNAZIONALE: GLI STATI SOVRANI cambiando denominazione in Regno d Italia. Il cambiamento di nome dello Stato, quindi, non sempre è indicativo di un soggetto internazionale nuovo. Ha costituito invece un annessione soltanto politica, e non bellica, il processo impropriamente conosciuto come riunificazione tedesca, avvenuto nel 1990 dopo la caduta del muro di Berlino. In questo caso, infatti, la ex Germania Est è sparita ed è stata inglobata dalla Germania Ovest, che ad essa ha esteso la propria struttura politica, amministrativa ed economica. All opposto ci sono fenomeni storici e politici che, attraverso mutamenti territoriali, comportano la creazione di Stati nuovi: essi sono la secessione e la dissoluzione. La secessione (o separazione o distacco) è il processo per cui una parte del territorio dello Stato si separa da esso e si proclama indipendente, costituendo uno Stato nuovo; lo Stato precedente, di conseguenza, non sparisce ma sopravvive, seppur territorialmente mutilato. Gli esempi di secessione sono moltissimi, a cominciare dalla rivoluzione americana della fine del sec. XVIII, che ha portato alla nascita degli Stati Uniti d America. La secessione non è per il diritto internazionale un fatto lecito o illecito: è solo un fatto storico-politico. Molto dipende, infatti, da come essa avviene e da quali principi vengono invocati dallo Stato secessionista; naturalmente in tempi recenti essa è vista per lo più con scarso favore. La dissoluzione (o smembramento) si ha invece quando da un unico Stato si determina la formazione di due o più Stati nuovi, con la completa sparizione dello Stato preesistente. Di dissoluzione si può parlare nel caso della divisione consensuale della Cecoslovacchia in Repubblica Ceca e Slovacchia nel Entrambi gli Stati, come risultato, sono stati ammessi all ONU in qualità di nuovi Stati membri. 13

18 LEZIONI DI STORIA DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI Approfondimento: la Jugoslavia, dissoluzione o secessione? Il caso della Jugoslavia è indicativo della difficoltà di decidere se il processo storico-politico di creazione dei nuovi Stati balcanici sia stato un processo di dissoluzione o piuttosto di secessione da quello Stato che prima delle guerre civili jugoslave, iniziate nel 1991, era conosciuto come Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia (comprendente le sei repubbliche di Serbia, Croazia, Slovenia, Bosnia-Erzegovina, Montenegro e Macedonia). La Serbia, assumendo ufficialmente nel 1992 nel pieno dello scontro armato con la Croazia il nome di Repubblica Federale di Jugoslavia, aveva inizialmente preteso di continuare la personalità internazionale dello Stato preesistente, ma tale pretesa era fortemente osteggiata dagli altri Stati ex jugoslavi. Il Consiglio di Sicurezza dell ONU, con la risoluzione n. 777 del 1992, invitò la Repubblica Federale di Jugoslavia a presentare una nuova domanda di ammissione all ONU al pari degli altri Stati ex jugoslavi, sostenendo che la vecchia Jugoslavia aveva cessato di esistere e che pertanto tutti gli Stati ex jugoslavi derivavano da uno smembramento e non da una secessione. La Serbia, dopo alcuni anni, ha accettato tale punto di vista e vi si è adeguata, venendo ammessa all ONU nel 2000 e cambiando la propria denominazione in Unione Statale di Serbia e Montenegro (dal 2003) e successivamente in Repubblica di Serbia (dal 2006 ad oggi), dopo il referendum che ha sancito la rottura della precedente confederazione con il Montenegro. Il territorio è componente necessaria e indispensabile dello Stato: se non c è territorio, non c è lo Stato. Tuttavia, lo Stato può esistere anche se il territorio non è esattamente definito nei suoi confini: ad esempio, sul piano internazionale si riconosce l esistenza dello Stato d Israele anche se i suoi confini risultano internazionalmente contestati, soprattutto dopo la guerra dei sei giorni del Il principio dell uti possidetis è un particolare modo di acquisto del territorio da parte degli Stati usciti dalla dominazione coloniale. È il principio in base al quale i confini del nuovo Stato ex colonia vengono ricalcati sui confini delle entità amministrative in cui si ripartiva la colonia. Tale principio trovò applicazione, 14

19 1. I SOGGETTI DEL DIRITTO INTERNAZIONALE: GLI STATI SOVRANI ad esempio, nel processo di indipendenza delle ex colonie sudamericane della Spagna ed è poi diventato consuetudine internazionale venendo utilizzato, fra i tanti casi, anche nel processo di decolonizzazione dei Paesi dell Africa. 6. La successione dello Stato nei trattati Nel caso di nascita di nuovo Stato, ossia nel caso di subentro di uno Stato a un altro nel governo di un territorio, ci si chiede quali degli obblighi e degli impegni assunti mediante trattati dallo Stato precedente continuino a vincolare il nuovo Stato. Il principio classico è quello della tabula rasa: uno Stato nuovo non è vincolato in linea di principio a nessun trattato preesistente, per cui esso sceglie liberamente a quali trattati aderire, con l eccezione dei trattati localizzati, relativi cioè a una specifica porzione di territorio, per i quali è pacifico il subentro automatico nei diritti e negli obblighi assunti dallo Stato precedente. L indirizzo del Diritto internazionale è tuttavia mutato anche per effetto della Convenzione di Vienna del 1978 sulla Successione degli Stati rispetto ai trattati; anche grazie ad essa, oggi si tende a orientarsi in deroga alla regola della tabula rasa verso il subentro automatico degli Stati di nuova formazione nei trattati multilaterali relativi alla protezione dei diritti dell uomo. La novità o meno di uno Stato non è un fatto puramente teorico, ma una questione che ha notevoli risvolti pratici, come ad esempio la definzione del ruolo dello Stato nelle organizzazioni internazionali, la questione della titolarità e della gestione del patrimonio dello Stato predecessore (come gli archivi di Stato, i beni mobili ad esempio l arsenale militare e i beni immobili), nonché, da ultimo, il problema del debito pubblico, da intendersi come l insieme delle obbligazioni economiche contratte dallo Stato predecessore nei confronti di altri Stati o di qualsiasi altro 15

20 LEZIONI DI STORIA DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI soggetto internazionale. Si capisce agevolmente che il nuovo Stato, applicando il principio della tabula rasa, non potrà dichiararsi titolare dei beni dello Stato predecessore né, tanto meno, potrà succedergli nel ruolo da esso precedentemente ricoperto nelle organizzazioni internazionali, occupandone ad esempio il seggio all ONU; al massimo, esso potrà concorrere con gli altri Stati derivati dallo smembramento dello Stato predecessore alla spartizione delle sue spoglie, come è avvenuto con la ex Jugoslavia e, in più larga scala, con l eredità dell Unione Sovietica che è stata oggetto di accordi divisori tra i singoli Stati ex sovietici. 16

21 1. I SOGGETTI DEL DIRITTO INTERNAZIONALE: GLI STATI SOVRANI Otto von Bismarck ( ), cancelliere di Prussia. A lui va il merito dell unificazione della Germania nel Il maresciallo Philippe Pétain ( ), capo del governo collaborazionista della Francia di Vichy ( ). Un immagine di profughi in Somalia, dove la guerra civile continua dal

GLI STATI COME ENTI A SOGGETTIVITÀ PIENA

GLI STATI COME ENTI A SOGGETTIVITÀ PIENA GLI STATI COME ENTI A SOGGETTIVITÀ PIENA Definizione di Stato secondo il diritto internazionale Lo Stato è il complesso di organi di governo statali che in un dato momento esercita effettivamente e a titolo

Dettagli

NATALINO RONZITTI INTRODUZIONE AL INTERNAZIONALE. Quarta edizione

NATALINO RONZITTI INTRODUZIONE AL INTERNAZIONALE. Quarta edizione NATALINO RONZITTI INTRODUZIONE AL DIRITTO INTERNAZIONALE Quarta edizione G. Giappichelli Editore Torino Indice-Sommario Premessa alla quarta edizione Premessa alla terza edizione Premessa alla seconda

Dettagli

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA DIRITTO INTERNAZIONALE

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA DIRITTO INTERNAZIONALE IX Presentazione... Elenco delle principali abbreviazioni... VII XIX PARTE PRIMA DIRITTO INTERNAZIONALE CAPITOLO I L ORDINAMENTO GIURIDICO INTERNAZIONALE 1. Il diritto internazionale come espressione di

Dettagli

IL CONTENUTO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE COME INSIEME DI LIMITI ALL USO DELLA FORZA INTERNAZIONALE ED INTERNA DEGLI STATI

IL CONTENUTO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE COME INSIEME DI LIMITI ALL USO DELLA FORZA INTERNAZIONALE ED INTERNA DEGLI STATI IL CONTENUTO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE COME INSIEME DI LIMITI ALL USO DELLA FORZA INTERNAZIONALE ED INTERNA DEGLI STATI PROF. GIUSEPPE CATALDI Indice 1 IL CONTENUTO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE COME INSIEME

Dettagli

2.- l opinio iuris ac necessitatis (elemento psicologico), ossia la convinzione generale che tale comportamento sia conforme al diritto.

2.- l opinio iuris ac necessitatis (elemento psicologico), ossia la convinzione generale che tale comportamento sia conforme al diritto. .Mentre la consuetudine internazionale crea diritto internazionale generale, l accordo crea diritto internazionale particolare che crea diritti ed obblighi solo per gli Stati parte. Può accadere che una

Dettagli

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE L ordinamento giuridico internazionale Diritto internazionale generale e diritto internazionale particolare L adattamento del diritto interno

Dettagli

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RR RISOLUZIONE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2005 OGGETTO: Istanza di interpello. X S.r.l. Trasformazione di società di capitali in società di persone e deducibilità

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

LO STATO. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli)

LO STATO. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) LO STATO (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) DALLA SOCIETA' ALLO STATO La nascita di uno Stato è il risultato di un lungo processo storico; nel corso dei secoli la società si

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Premessa... INTRODUZIONE

INDICE-SOMMARIO. Premessa... INTRODUZIONE INDICE-SOMMARIO Premessa... V INTRODUZIONE 1. Sistema inter-statale, diritto internazionale e valori comuni dell umanità... 1 2. Piano del lavoro e linee direttrici... 2 PARTE I SISTEMA DEGLI STATI E GOVERNO

Dettagli

Tutela dei diritti umani e influenze sul diritto internazionale

Tutela dei diritti umani e influenze sul diritto internazionale Tutela dei diritti umani e influenze sul diritto internazionale lezione del 4 novembre 2015 Considerazioni introduttive Il diffuso consenso tra gli Stati e le organizzazioni internazionali, l azione di

Dettagli

ACCORDO FRA LA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL REGNO DI NORVEGIA CONCERNENTE LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO FRA LA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL REGNO DI NORVEGIA CONCERNENTE LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE TRADUZIONE NON UFFICIALE ACCORDO FRA LA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL REGNO DI NORVEGIA CONCERNENTE LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Il Governo della Repubblica di San Marino e il Governo

Dettagli

CAPITOLO IV -------------------------------------------------------- GLI ORDINAMENTI E LE FONTI SOVRANAZIONALI

CAPITOLO IV -------------------------------------------------------- GLI ORDINAMENTI E LE FONTI SOVRANAZIONALI CAPITOLO IV GLI ORDINAMENTI E LE FONTI SOVRANAZIONALI CAPITOLO IV -------------------------------------------------------- GLI ORDINAMENTI E LE FONTI SOVRANAZIONALI SEZIONE I L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE

Dettagli

Indice. Unità 2. Unità 1. Unità 3. L Unione Europea 39. Gli stati, i popoli, le culture in europa 9

Indice. Unità 2. Unità 1. Unità 3. L Unione Europea 39. Gli stati, i popoli, le culture in europa 9 Unità 1 Gli stati, i popoli, le culture in europa 9 Itinerario 1 Il cammino degli Stati europei 10 Le origini dell Europa 10 Un continente diverso dagli altri 10 L Europa romana e medievale 12 L Impero

Dettagli

DIRITTO INTERNAZIONALE (curr.: Storico politico, St. internazionali, Governo locale e III settore)

DIRITTO INTERNAZIONALE (curr.: Storico politico, St. internazionali, Governo locale e III settore) DIRITTO INTERNAZIONALE (curr.: Storico politico, St. internazionali, Governo locale e III settore) Docente: RICCARDO PISILLO MAZZESCHI Numero ore: 60 Periodo: Primo semestre Crediti: 9 Settori: IUS/13

Dettagli

0.975.232.3. Traduzione 1. (Stato il 24 novembre 1998)

0.975.232.3. Traduzione 1. (Stato il 24 novembre 1998) Traduzione 1 0.975.232.3 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica di El Salvador concernente la promozione e la protezione reciproche degli investimenti Concluso l 8 dicembre 1994 Entrato

Dettagli

DA SUDDITI A CITTADINI

DA SUDDITI A CITTADINI DA SUDDITI A CITTADINI LO STATO ASSOLUTO 1) L'assolutismo. Lo Stato nasce in Europa a partire dal 15 secolo: i sovrani stabilirono il loro poteri su territori che avevano in comune razza, lingua, religione

Dettagli

INDICE. Parte I LA PRASSI DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA E LA SUA LOGICA. Capitolo I PROFILI INTRODUTTIVI

INDICE. Parte I LA PRASSI DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA E LA SUA LOGICA. Capitolo I PROFILI INTRODUTTIVI INDICE Presentazione... Abbreviazioni... Premessa... vii xv xix Parte I LA PRASSI DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA E LA SUA LOGICA Capitolo I PROFILI INTRODUTTIVI 1. Posizione del problema e piano dell indagine........

Dettagli

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2015 di Roberto Garofoli

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2015 di Roberto Garofoli SCRITTI ESAME AVVOCATO 2015 di Roberto Garofoli SOMMARIO SEZIONE I Persone Scheda n. 1 Diritti civili dello straniero e condizione di reciprocità ex art. 16 preleggi (Cass. civ., sez. II, 30 giugno 2014,

Dettagli

L apogeo di Luigi XIV guerra di devoluzione guerra d Olanda supremazia francese La fine della supremazia francese coalizione antifrancese

L apogeo di Luigi XIV guerra di devoluzione guerra d Olanda supremazia francese La fine della supremazia francese coalizione antifrancese Dal 500 fino alla pace di Westfalia che mette fine alla guerra dei Trent anni (1618-48), Francia e Impero si sono scontrati, in Italia e nell area tedesca, per la supremazia in Europa. Impedendo agli Asburgo

Dettagli

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo La problematica. L introduzione dell informatica in azienda, in particolare nei processi produttivi modifica i rapporti

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DEL LIECHTENSTEIN SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DEL LIECHTENSTEIN SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DEL LIECHTENSTEIN SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Il Governo della Repubblica Italiana e il Governo del Principato

Dettagli

La formazione dello stato moderno. Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini

La formazione dello stato moderno. Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini La formazione dello stato moderno Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini Un solo stato cristiano? Il Medioevo aveva teorizzato l unità politica e religiosa

Dettagli

Indice-Sommario. Introduzione. Ius ad bellum, ius in bello, disarmo 19. Parte I La disciplina dell uso della forza nelle relazioni internazionali

Indice-Sommario. Introduzione. Ius ad bellum, ius in bello, disarmo 19. Parte I La disciplina dell uso della forza nelle relazioni internazionali Indice-Sommario Premessa alla quarta edizione XIII Premessa alla terza edizione XV Premessa alla seconda edizione XVII Premessa alla prima edizione XIX Abbreviazioni 1 Elenco delle opere citate (con il

Dettagli

ATTI AMMINISTRATIVI E ATTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1 REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA. (Febbraio 2011) Prof. Carlo MARZUOLI

ATTI AMMINISTRATIVI E ATTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1 REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA. (Febbraio 2011) Prof. Carlo MARZUOLI ATTI AMMINISTRATIVI E ATTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1 REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Febbraio 2011) Prof. Carlo MARZUOLI 1. La Pubblica Amministrazione può agire mediante atti amministrativi e mediante

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale CAUSE POLITICHE 1. Le cause Contrasti Francia Germania per l Alsazia Lorena Contrasto Italia Impero Austro Ungarico per Trento e Trieste Espansionismo di Austria, Russia e Italia

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE ALLA FINE DEL XIX SECOLO I RAPPORTI FRA GLI STATI DIVENTANO SEMPRE PIÙ TESI CAUSE COMPETIZIONE ECONOMICA RIVALITA COLONIALI POLITICHE NAZIONALISTICHE

Dettagli

DIRITTO INTERNAZIONALE

DIRITTO INTERNAZIONALE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI A.A. 2015/2016 DIRITTO INTERNAZIONALE Prof. Cesare Pitea email cesare.pitea@unipr.it ricevimento mercoledì 9:30/11:30 1 PARTE I: LA

Dettagli

Le Organizzazioni internazionali come enti a soggettività parziale. Corso di Diritto internazionale (A.A. 2008/2009) Andrea Caligiuri

Le Organizzazioni internazionali come enti a soggettività parziale. Corso di Diritto internazionale (A.A. 2008/2009) Andrea Caligiuri Le Organizzazioni internazionali come enti a soggettività parziale Corso di Diritto internazionale (A.A. 2008/2009) Andrea Caligiuri 1. DEFINIZIONE Convenzioni di Vienna sul diritto dei trattati del 1969

Dettagli

LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI E DELLE PERSONE NELL UNIONE EUROPEA

LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI E DELLE PERSONE NELL UNIONE EUROPEA LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI E DELLE PERSONE NELL UNIONE EUROPEA Perché si parla di libera circolazione dei lavoratori e delle persone? Sono due aspetti distinti? Al momento della sua nascita,

Dettagli

L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo

L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo Con la sentenza della Corte di Cassazione Sez. III, del 15 aprile 2011, n. 8733, la Corte di Cassazione si è pronunciata

Dettagli

CONVENZIONE SULLA LIBERTÀ SINDACALE E LA PROTEZIONE DEL DIRITTO SINDACALE, 1948 1

CONVENZIONE SULLA LIBERTÀ SINDACALE E LA PROTEZIONE DEL DIRITTO SINDACALE, 1948 1 Convenzione 87 CONVENZIONE SULLA LIBERTÀ SINDACALE E LA PROTEZIONE DEL DIRITTO SINDACALE, 1948 1 La Conferenza generale dell Organizzazione Internazionale del Lavoro, convocata a San Francisco dal Consiglio

Dettagli

TRADUZIONE NON UFFICIALE

TRADUZIONE NON UFFICIALE TRADUZIONE NON UFFICIALE PROGETTO DI PROTOCOLLO ADDIZIONALE ALLE CONVENZIONI DI GINEVRA DEL 12 AGOSTO 1949 RELATIVO ALL ADOZIONE DI UN SIMBOLO DISTINTIVO ADDIZIONALE III PROTOCOLLO Testo preparato dal

Dettagli

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO Il tribunale per i minorenni, considerato che il minore Tizietto, di sette anni, già riconosciuto dalla madre Caia, era stato successivamente riconosciuto

Dettagli

Emendamenti allo Statuto di Roma della Corte penale internazionale relativi al crimine di aggressione

Emendamenti allo Statuto di Roma della Corte penale internazionale relativi al crimine di aggressione Traduzione 1 Emendamenti allo Statuto di Roma della Corte penale internazionale relativi al crimine di aggressione Adottati a Kampala il 11 giugno 2010 2 Approvati dall'assemblea federale il... 3 Strumenti

Dettagli

Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica.

Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica. Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica. Premessa Il Dipartimento per le pari opportunità ha tra le sue competenze

Dettagli

CAPITOLO III I SOGGETTI RELIGIOSI

CAPITOLO III I SOGGETTI RELIGIOSI CAPITOLO III I SOGGETTI RELIGIOSI SOMMARIO: 1. I soggetti religiosi. Premessa 2. Le persone fisiche 3. Gli enti religiosi (rinvio) 4. Le confessioni religiose *** 1. I SOGGETTI RELIGIOSI. PREMESSA I soggetti

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

La questione curda CHI SONO I CURDI?

La questione curda CHI SONO I CURDI? Il conflitto politico culturale tra il governo turco e la minoranza curda nel paese ha una lunga storia alle spalle, che risale agli accordi di pace dopo il primo conflitto mondiale quando, dopo lo scioglimento

Dettagli

Intervento dell Avv. Nicolino De Cantis - Componente della Commissione Giuridica Provinciale dell Automobile Club di Verona

Intervento dell Avv. Nicolino De Cantis - Componente della Commissione Giuridica Provinciale dell Automobile Club di Verona Intervento dell Avv. Nicolino De Cantis - Componente della Commissione Giuridica Provinciale dell Automobile Club di Verona Congresso Commissioni giuridiche ACI- Napoli - Riflessioni su : Patente di guida

Dettagli

SOCIETÀ, STATO E DIRITTO

SOCIETÀ, STATO E DIRITTO 27 SOCIETÀ, STATO E DIRITTO Caratteri dello Stato Dal feudalesimo alla nascita dello Stato moderno Le idee del filosofo Immanuel Kant Le idee del filosofo greco Aristotele Il moderno Stato di diritto La

Dettagli

A cura di Laura Galli

A cura di Laura Galli LA TUTELA RISARCITORIA NELLE RELAZIONI FAMILIARI A cura di Laura Galli Da anni dottrina e giurisprudenza affrontano il problema della tutela risarcitoria dell illecito qualora la vittima sia uno dei congiunti.

Dettagli

Protocollo facoltativo del 25 maggio 2000 alla Convenzione sui diritti del fanciullo relativo alla partecipazione di fanciulli a conflitti armati

Protocollo facoltativo del 25 maggio 2000 alla Convenzione sui diritti del fanciullo relativo alla partecipazione di fanciulli a conflitti armati Protocollo facoltativo del 25 maggio 2000 alla Convenzione sui diritti del fanciullo relativo alla partecipazione di fanciulli a conflitti armati RS 0.107.1; RU 2002 3579 I Campo di applicazione del protocollo

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE Premessa: Le nazioni europee più forti Vogliono imporsi sulle altre Rafforzano il proprio esercito Conquistano le ultime zone rimaste libere in Africa e Asia (colonie) Si creano

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

L IMPRENDITORE MIGRANTE

L IMPRENDITORE MIGRANTE 1 L IMPRENDITORE MIGRANTE Relatore: Maurizio GALLO ORSI In questa breve chiacchierata cercheremo di esaminare la posizione dell imprenditore migrante cioè di colui che intende aprire un azienda all estero

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE

LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA SOCIETÀ FRANCESE NEL 1700 In Francia, nel 1700, il re Luigi XVI ha tutti i poteri. I nobili sono amici del re. I nobili hanno molti privilegi. Anche il clero (vescovi e cardinali)

Dettagli

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE DPR 131/86 1 Prassi C.M. 11.7.91 n. 37; Circ. Agenzia delle Entrate 22.1.2008 n. 3 Giurisprudenza Cass. 5.2.90 n. 1963

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

Commercio internazionale e norme applicabili ai contratti internazionali

Commercio internazionale e norme applicabili ai contratti internazionali STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis)

Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis) Portabilità del mutuo e surrogazione dopo l articolo 8 del D.L. sulla concorrenza (cd. Bersani-bis) Decreto Legge 25 gennaio 2007 Misure urgenti per la tutela dei consumatori, la promozione della concorrenza,

Dettagli

01 CONCETTI BASE. Infatti, il concetto di trasferta comporta la sussistenza di due requisiti:

01 CONCETTI BASE. Infatti, il concetto di trasferta comporta la sussistenza di due requisiti: 1.1 TRASFERTA O MISSIONE 01 CONCETTI BASE Si intende per trasferta lo spostamento provvisorio e temporaneo del lavoratore in una sede diversa da quella da cui gerarchicamente e funzionalmente dipende,

Dettagli

Verbale di mediazione e accordo di conciliazione

Verbale di mediazione e accordo di conciliazione Verbale di mediazione e accordo di conciliazione PASQUALE MACCHIARELLI Notaio Il procedimento di mediazione può avere tre diverse conclusioni: - le prime due positive, se le parti raggiungono un accordo

Dettagli

Convenzione sulla legge applicabile in materia di incidenti della circolazione stradale

Convenzione sulla legge applicabile in materia di incidenti della circolazione stradale Traduzione 1 Convenzione sulla legge applicabile in materia di incidenti della circolazione stradale 0.741.31 Conchiusa all Aia il 4 maggio 1971 Approvata dall Assemblea federale il 4 ottobre 1985 2 Istrumenti

Dettagli

La successione. Obiettivi

La successione. Obiettivi La successione Prof.ssa Elisa Esposito Obiettivi In questa lezione ci occuperemo delle vicende che possono condurre alla modifica delle parti originarie del rapporto processuale, in particolare, della

Dettagli

CONVENZIONE DI SICUREZZA SOCIALE FRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA REPUBBLICA DEL VENEZUELA

CONVENZIONE DI SICUREZZA SOCIALE FRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA REPUBBLICA DEL VENEZUELA CONVENZIONE DI SICUREZZA SOCIALE FRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA REPUBBLICA DEL VENEZUELA CONVENZIONE DI SICUREZZA SOCIALE FRA LA REPUBBLICA ITALIANA E LA REPUBBLICA DEL VENEZUELA La Repubblica italiana

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Regione Lazio 25/11/2015 Oggetto: AG 84/2015/AC - Regione Lazio fusione di società interamente partecipate dalla regione - nomina del consiglio di amministrazione e del presidente della società Lazio Crea

Dettagli

Le consulte di garanzia statutaria tra amministrazione e giurisdizione (*)

Le consulte di garanzia statutaria tra amministrazione e giurisdizione (*) NOTE E COMMENTI 801 Le consulte di garanzia statutaria tra amministrazione e giurisdizione (*) Bernardo Giorgio Mattarella Rispetto alle consulte di garanzia statutarie, la sentenza 200/2008 della Corte

Dettagli

www.gaglione.it La successione a causa di morte Normativa di diritto civile

www.gaglione.it La successione a causa di morte Normativa di diritto civile La successione a causa di morte Normativa di diritto civile Le regole della successione a causa di morte disciplinano il passaggio del patrimonio e la continuazione di tutti i rapporti giuridici attivi

Dettagli

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79.

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. di Cristina Gazzetta Il libro che qui si segnala al lettore è il risultato

Dettagli

Convenzione delle Nazioni Unite sulle immunità giurisdizionali degli Stati e dei loro beni

Convenzione delle Nazioni Unite sulle immunità giurisdizionali degli Stati e dei loro beni Traduzione 1 Convenzione delle Nazioni Unite sulle immunità giurisdizionali del 2 dicembre 2004 Gli Stati Parte alla presente Convenzione, considerando che le immunità giurisdizionali derivano da un principio

Dettagli

Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05

Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05 Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05 di Marco Giardetti* La tematica del silenzio della PA è di certo una delle più dibattute e problematiche del diritto amministrativo e questo non solo perché

Dettagli

IL MUTAMENTO DELLA DESTINAZIONE D USO DEGLI IMMOBILI

IL MUTAMENTO DELLA DESTINAZIONE D USO DEGLI IMMOBILI 7 IL MUTAMENTO DELLA DESTINAZIONE D USO DEGLI IMMOBILI In questo capitolo, dopo aver ripercorso l evoluzione legislativa e giurisprudenziale della fattispecie oggetto di trattazione, si dirà del diverso

Dettagli

Le lingue di lavoro nell ambito della cooperazione sono l italiano e il tedesco, o, in alternativa, l inglese (articolo 32).

Le lingue di lavoro nell ambito della cooperazione sono l italiano e il tedesco, o, in alternativa, l inglese (articolo 32). DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELL ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA D AUSTRIA IN MATERIA IN MATERIA DI COOPERAZIONE DI POLIZIA, FATTO A VIENNA

Dettagli

L evoluzione delle leggi sulla cittadinanza Un quadro comparativo

L evoluzione delle leggi sulla cittadinanza Un quadro comparativo L evoluzione delle leggi sulla cittadinanza Un quadro comparativo Graziella Bertocchi e Chiara Strozzi Università di Modena e Reggio Emilia - Dipartimento di Economia Marco Biagi Seminario Nazionale MIUR

Dettagli

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE M. POIARES MADURO presentate il 14 dicembre 2006. Causa C-134/05

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE M. POIARES MADURO presentate il 14 dicembre 2006. Causa C-134/05 CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE M. POIARES MADURO presentate il 14 dicembre 2006 Causa C-134/05 Commissione delle Comunità europee contro Repubblica italiana «Inadempimento di uno Stato Artt. 43 CE

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it LE DEROGHE LEGALI E CONVENZIONALI ALL EFFICACIA DEL CONTRATTO: l art.1372 c.c. ed il principio pacta sunt servanda

www.ildirittoamministrativo.it LE DEROGHE LEGALI E CONVENZIONALI ALL EFFICACIA DEL CONTRATTO: l art.1372 c.c. ed il principio pacta sunt servanda LE DEROGHE LEGALI E CONVENZIONALI ALL EFFICACIA DEL CONTRATTO: l art.1372 c.c. ed il principio pacta sunt servanda A cura di CLAUDIA CARICASOLE Ai sensi dell art. 1372 c.c. il contratto, quale esplicazione

Dettagli

Indice. 1 Direttive, Costituzione, codici, leggi ------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Direttive, Costituzione, codici, leggi ------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL ECONOMIA LEZIONE III FONTI DEL DIRITTO DELL IMPRESA PROF. MARIA ROSARIA NADDEO Indice 1 Direttive, Costituzione, codici, leggi ------------------------------------------------------------------

Dettagli

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Edizioni Simone - Vol. 45/1 Compendio di Diritto Internazionale privato e processuale Parte seconda Cenni di parte speciale Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Sommario Z 1. La filiazione. - 2. L adozione.

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO Provincia di Lucca

COMUNE DI CAMPORGIANO Provincia di Lucca COMUNE DI CAMPORGIANO Provincia di Lucca Piazza Roma, 1 55031 CAMPORGIANO (Lucca) Telefono (0583) 618888/9 Fax n. (0583) 618433 Questa guida vuole essere d aiuto ai tanti cittadini comunitari che, alle

Dettagli

Diritto in diretta ogni venerdì alle ore 9,00

Diritto in diretta ogni venerdì alle ore 9,00 Diritto in diretta l'avv. Daniela Bardoni risponderà ai quesiti degli ascoltatori. Per aiutarvi nelle controversie grandi e piccole della vita quotidiana Partecipa in diretta 06 899291 Sms/Wapp 393 8992913

Dettagli

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Nota a : Cassazione Civile, 16 Febbraio 2010, n. 3589, sez. III. A cura del Dott. Matteo Smacchi, LL.M. 1 La sentenza della Corte di Cassazione Civile n. 3589

Dettagli

APPALTI, SERVIZI E FORNITURE

APPALTI, SERVIZI E FORNITURE APPALTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE PROF. SERGIO PERONGINI Indice 1 APPALTI, SERVIZI E FORNITURE -------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 di 9 1 Appalti,

Dettagli

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE Nel corso del 2009 sono state pubblicate numerose sentenze delle Sezioni Unite della Suprema

Dettagli

Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015

Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015 Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015 Signori Giudici del Tribunale, Nelle conclusioni di questa mattina,

Dettagli

Nuova disciplina in tema di notifica di atti giudiziari a mezzo posta

Nuova disciplina in tema di notifica di atti giudiziari a mezzo posta Parere sul disegno di legge recante: Nuova disciplina in tema di notifica di atti giudiziari a mezzo posta Il Consiglio Superiore della Magistratura, nella sedute del 10 febbraio 1999, ha deliberato di

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

Convenzione sui conflitti di legge relativi alla forma delle disposizioni testamentarie

Convenzione sui conflitti di legge relativi alla forma delle disposizioni testamentarie Traduzione 1 Convenzione sui conflitti di legge relativi alla forma delle disposizioni testamentarie 0.211.312.1 Conchiusa all Aia il 5 ottobre 1961 Approvata dall Assemblea federale l 8 giugno 1971 2

Dettagli

LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO

LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO PROF. ANGELO SCALA Indice 1 LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO ---------------------------------------------- 3 Per il proficuo studio

Dettagli

Imperialismo imperialismo sovrapproduzione civiltà prestigio nazionalismo Gran Bretagna Francia Germania Africa Conferenza di Berlino Cina

Imperialismo imperialismo sovrapproduzione civiltà prestigio nazionalismo Gran Bretagna Francia Germania Africa Conferenza di Berlino Cina Imperialismo A partire dagli ultimi decenni dell'ottocento e fino alla Prima guerra mondiale, l'europa vive un periodo storico caratterizzato dal desiderio da parte di alcuni Stati del Vecchio continente

Dettagli

Sentenza della Corte del 13 febbraio 1985

Sentenza della Corte del 13 febbraio 1985 Sentenza della Corte del 13 febbraio 1985 Aissatou Diatta contro Land Berlino - (Domanda di pronunzia pregiudiziale, proposta dal Bundesverwaltunhgd Gericht). Lavoratori migranti Diritto di soggiorno della

Dettagli

CONVENZIONE SULLA RIDUZIONE DELLA APOLIDIA

CONVENZIONE SULLA RIDUZIONE DELLA APOLIDIA CONVENZIONE SULLA RIDUZIONE DELLA APOLIDIA Traduzione italiana non ufficiale a cura dell UNHCR CONVENZIONE sulla Riduzione dell Apolidia Adottata il 30 agosto 1961 da una Conferenza di Plenipotenziari

Dettagli

1. Concetti chiave della formazione

1. Concetti chiave della formazione 1. Concetti chiave della formazione Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - l ONU e le istituzioni internazionali competenti sulla disabilità ed i diritti -

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO TERZO LA SOGGETTIVITÀ INTERNAZIONALE DELLE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI Sommario: 1. Personalità di diritto internazionale. - 2. Personalità di diritto interno. - 3. Immunità e privilegi delle

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 17 settembre 2014

SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 17 settembre 2014 SENTENZA DELLA CORTE (Seconda Sezione) 17 settembre 2014 «Rinvio pregiudiziale Sistema comune d imposta sul valore aggiunto Direttiva 2006/112/CE Gruppo IVA Fatturazione interna per i servizi forniti da

Dettagli

La Collazione Ereditaria.

La Collazione Ereditaria. Avv. Monica La Rocca monica.larocca@ssalex.com La collazione è l atto con il quale determinati soggetti, che hanno accettato l eredità conferiscono alla massa ereditaria le liberalità ricevute in vita

Dettagli

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore.

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore. Pagina 1 di 6 SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 31 marzo 2011 (*) «Inadempimento di uno Stato Ambiente Direttiva 2008/1/CE Prevenzione e riduzione integrate dell inquinamento Condizioni di autorizzazione

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA POPOLARE CINESE SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA POPOLARE CINESE SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA POPOLARE CINESE SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Il Governo della Repubblica di San Marino e il Governo

Dettagli

LEZIONE 10 GENNAIO 2014

LEZIONE 10 GENNAIO 2014 LEZIONE 10 GENNAIO 2014 SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA> Come noto, è un ente dotato di personalità giuridica che rientra nel novero delle società di capitali. La riforma ha portato un integrale revisione

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

I Soggetti responsabili.

I Soggetti responsabili. I Soggetti responsabili. Scorrendo l articolato, prima relativo al D.Lgs. n. 626/1994 ed ora al D.Lgs. n. 81/2008, risulta come alla chiara esposizione delle responsabilità di legge (D.Lgs. n. 81/2008

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 13.09.2005 COM(2005) 426 definitivo Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO concernente la firma, a nome della Comunità europea, della convenzione n. 198 del Consiglio

Dettagli

Capitolo I (Angela Del Vecchio) Analisi introduttiva ed evoluzione storica del fenomeno dell organizzazione

Capitolo I (Angela Del Vecchio) Analisi introduttiva ed evoluzione storica del fenomeno dell organizzazione Sommario Premessa 11 Elenco degli acronimi 15 Capitolo I (Angela Del Vecchio) Analisi introduttiva ed evoluzione storica del fenomeno dell organizzazione internazionale 1. Nozione e sviluppo storico delle

Dettagli

LA SURROGA DELL ASSICURATORE

LA SURROGA DELL ASSICURATORE LA SURROGA DELL ASSICURATORE L ASSICURATORE CHE HA PAGATO L INDENNITÀ È SURROGATO, FINO ALLA CONCORRENZA DELL AMMONTARE DI ESSA NEI DIRITTI DELL ASSICURATO VERSO I TERZI RESPONSABILI. (Art. 1916 C.C.)

Dettagli

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale del Veneto Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Il visto di conformità, disciplinato dall

Dettagli

obiettivi 1,2,3 sì obiettivi 4,5,6,7,8 una parte della classe

obiettivi 1,2,3 sì obiettivi 4,5,6,7,8 una parte della classe PQ 11.3 Ed. 3 del 1/9/2007 ISTITUTO MAGISTRALE STATALE ERASMO DA ROTTERDAM ATTIVITÀ DEL DOCENTE. SEZIONE C : RELAZIONE A CONSUNTIVO DOCENTE Andrea Inglese MATERIA Storia DESTINATARI 4 DSO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Possesso e usucapione dell azienda

Possesso e usucapione dell azienda 14. Cassazione Civile, Sezioni Unite, 5 marzo 2014, n. 5087 Possesso e usucapione dell azienda Articoli dei quali si consiglia la lettura prima dell approfondimento giurisprudenziale: Artt. 816 cod. civ.

Dettagli