A cura di: Maurizio Marceca Silvia Casagrande Amina Pasquarella Gabriella Guasticchi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A cura di: Maurizio Marceca Silvia Casagrande Amina Pasquarella Gabriella Guasticchi"

Transcript

1 A cura di: Maurizio Marceca Silvia Casagrande Amina Pasquarella Gabriella Guasticchi

2 Si ringrazia, per la collaborazione fornita: la Dott.ssa Serena Botticelli Azienda Usl Roma A 2/19

3 INDICE 1. Accessibilità 2. Accettabilità 3. Accoglienza 4. Accreditamento 5. Appropriatezza 6. Assegno di cura (buono o voucher sociosanitario) 7. Assegno sociale 8. Assistenza Domiciliare 9. Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) 10. Assistenza Domiciliare Programmata (ADP) 11. Assistenza Domiciliare Sociale 12. Assistenza respiratoria domiciliare 13. Audit clinico 14. Azienda sanitaria 15. Bacino d utenza 16. Bisogno (di salute) 17. Budget 18. Caregiver 19. Case management 20. Case manager 21. Centro di costo 22. Centro di responsabilità 23. Certificazione 24. Compliance 25. Consenso informato 26. Continuità assistenziale (Assistenza continuativa) 27. Controllo di gestione 28. Costo 29. Cure domiciliari 30. Cure palliative 31. Delega (o delegazione) 32. Dimissione protetta (deospedalizzazione) 33. Dipartimento 34. Disabilità 35. Distretto 36. Domanda (di assistenza sanitaria) 37. Domicilio 38. Efficacia 39. Efficienza 40. Esito (Outcome) 41. Evento sentinella 42. Finanziamento 43. Formazione 44. Formazione continua (Educazione continua in medicina ECM) 45. Governo clinico 46. Indennità di accompagnamento (Assegno di accompagnamento) 47. Indicatore sanitario 48. Integrazione socio-sanitaria 49. Intensità assistenziale 50. Invalidità civile 51. ISO / UNI 52. Linee guida 53. Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) 54. Lungodegenza (strutture di) 55. Medicina basata sulle evidenze (Evidence based medicine - EBM) 56. Non autosufficienza 57. Nutrizione artificiale domiciliare (NAD) 58. Offerta (di assistenza sanitaria) 59. Ospedalizzazione a domicilio 60. Percorso diagnostico-terapeutico (clinical pathway) 61. Performance 62. Piano di Zona 63. Piano Individualizzato di Assistenza (Piano di trattamento) 64. Presa in carico 65. Privacy 66. Procedura 67. Prodotto (Output) 68. Profilo assistenziale/di cura o Percorso diagnostico-terapeutico (PDT) 69. Programma per le attività territoriali (PAT) 70. Protocollo d intesa 71. Qualità 72. QALY (Quality Adjusted Life Years) 73. Quota capitaria 74. Requisito 75. Rete sociale 76. Revisione tra pari (Peer Review) 77. Risorse 78. Residenze Sanitarie Assistenziali (RSA) 79. Scale e strumenti di valutazione 80. Scheda di dimissione ospedaliera (SDO) 81. Servizio (sanitario) 82. Sicurezza 83. Soddisfazione del paziente 84. Standard 85. Telemedicina 86. Terzo Settore 87. Unità Operativa 88. Unità Valutativa Alzheimer (UVA) 89. Unità Valutativa Multidisciplinare (UVM) o Territoriale (UVT) o Geriatrica (UVG) 90. Valutazione 91. Valutazione multidimensionale (VMD)

4 Accessibilità Agenzia di Sanità Pubblica del Lazio Componente della qualità dell assistenza sanitaria - facente parte della più ampia categoria dell adeguatezza - relativa alla possibilità per l utente di usufruire del servizio/prestazione di cui ha bisogno, non incontrando significativi ostacoli relativi a: dimensione economica, attesa temporale, distanza geografica, mobilità fisica, dimensione organizzativo-amministrativa, dimensione relazionale. (Osservatorio per l appropriatezza , modificato) Accettabilità Rappresenta l opinione espressa dalla società, dagli utenti o dai professionisti nei confronti di servizi sanitari o di prestazioni, formulata sulla base del loro livello di coerenza con i principi morali ed etici di riferimento (Zanetti et al , modificata) Accoglienza Insieme di procedure adottate e di comportamenti agiti dagli operatori per accogliere il cittadino al momento del suo ingresso ad un servizio sociosanitario, ascoltando i bisogni da questi espressi e accettandone la richiesta di prestazioni o ridefinendone la domanda. (Regione Lazio , modificato) Accreditamento Processo formale tramite il quale un Ente autorizzato valuta periodicamente un organizzazione, un programma, un gruppo o un individuo e ne riconosce l aderenza a requisiti espressi come standard o criteri, collegati alla qualità dell assistenza. Si distinguono un Accreditamento Istituzionale ed un Accreditamento Professionale. (Osservatorio per l appropriatezza ) A. Istituzionale: si ha quando è un organismo governativo (nel caso italiano la Regione) a gestire e conferire l accreditamento ai soggetti pubblici e privati che intendano operare nell ambito del Servizio sanitario regionale, stabilendo le modalità e i requisiti per la valutazione, sia in merito a caratteristiche strutturali, tecnologiche e organizzative che ai risultati conseguiti relativamente alla qualità e all appropriatezza delle cure, oltre che alla soddisfazione del paziente. (Osservatorio per l appropriatezza , modificato) A. Professionale: * si ha quando è un organismo non governativo di natura scientifica (di norma una o più Società Scientifiche) a gestire e conferire l accreditamento ai soggetti pubblici e privati che ne abbiano fatto richiesta volontariamente. (Osservatorio per l appropriatezza, 2003) * anche detto volontario o di eccellenza Appropriatezza Caratteristica di un servizio (o prestazione) che qualifica lo stesso come adatto, pertinente, coerente e conveniente per lo scopo per cui è erogato, alla persona che ne ha bisogno. (Osservatorio per l appropriatezza ) Un livello assistenziale viene definito inappropriato quando, per l erogazione di una data prestazione, esiste un regime alternativo che permette un identico beneficio per il paziente ed un minore impiego di risorse. A. clinica: * indica in che misura un particolare intervento (preventivo, diagnostico, terapeutico, riabilitativo) è al tempo stesso efficace e indicato per la persona che lo riceve. (Osservatorio per l appropriatezza ) * o specifica A. organizzativa: * indica in che modo una prestazione - appropriata da un punto di vista clinico - viene erogata e a quale livello (ad es. ricovero ordinario, in DH, intervento ambulatoriale) (Osservatorio per l appropriatezza ) * o generica 4/19

5 Assegno di cura (o buono o voucher sociosanitario) Agenzia di Sanità Pubblica del Lazio Contributo economico erogato a soggetti, di norma familiari, che si fanno carico dell'accudimento a casa di persone non autosufficienti o con ridotta autosufficienza residua, a conclamato rischio di istituzionalizzazione. Usualmente i beneficiari sottoscrivono un contratto che definisce gli impegni assistenziali da loro assunti. L'ammontare dell'assegno è variabile ed è generalmente correlato al reddito e al bisogno della persona non autosufficiente e della famiglia. (Casagrande S, Marceca M ). Assegno sociale Provvidenza che ha sostituito, a partire dal 1996, la Pensione Sociale, e che spetta ai cittadini ultrasessantacinquenni italiani o, se residenti in Italia, dei Paesi dell'ue sprovvisti di reddito e non titolari di altro trattamento pensionistico, L assegno sociale può essere riconosciuto in misura intera o in una quota ridotta, sulla base del livello di reddito posseduto dall'interessato e dall'eventuale coniuge. (www.consitaliabsas.org.ar/pensioni.htm -2003, modificato) Assistenza domiciliare Insieme eterogeneo di interventi assistenziali di natura sanitaria e/o sociale effettuati al domicilio del paziente (Casagrande, Marceca e Pasquarella ). Assistenza domiciliare Integrata (ADI) Insieme coordinato di attività sanitarie (mediche, infermieristiche, riabilitative), integrate fra loro e/o con prestazioni socio-assistenziali, rese al domicilio del paziente, sulla base di criteri di eleggibilità e di condizioni ambientali verificate e secondo Piani individuali programmati per l assistenza, definiti con la partecipazione delle diverse figure professionali coinvolte nella presa in carico. (Casagrande, Marceca e Pasquarella 2004, modificato da diverse fonti: PO anziani ; Arzese et al ; Manuale Home Care ). Assistenza domiciliare Programmata (ADP) Complesso di prestazioni erogate dal Medico di medicina generale a domicilio di un proprio assistito non ambulabile e comprese tra quelle previste dall Accordo collettivo nazionale di categoria e da eventuali Accordi integrativi regionali vigenti; tali prestazioni vengono autorizzate e retribuite dall Azienda sanitaria locale competente ed effettuate con periodicità concordata. (Casagrande, Marceca e Pasquarella ). Assistenza domiciliare Sociale Complesso di interventi erogati dal Comune/Municipio (o dalla ASL su loro delega) a persone non autosufficienti, o a rischio di emarginazione, quali: sostegno psico-sociale, cura e igiene della persona, aiuto nella gestione dell abitazione, disbrigo di pratiche burocratiche, sostegno economico. (Casagrande, Marceca ) Assistenza respiratoria domiciliare Complesso delle diverse prestazioni diagnostico-terapeutiche di natura pneumologica erogabili a domicilio, rivolte a soggetti affetti da insufficienza respiratoria cronica ad eziopatogenesi diversa, totalmente o parzialmente non autosufficienti. (Asp Lazio ) Audit clinico Attività di verifica/revisione della qualità di tipo professionale - all interno di uno stesso contesto assistenziale - basata sulla documentazione clinica, volta a valutare, in modo volontario, retrospettivo e in base a criteri predefiniti, le azioni compiute in contesti e tempi determinati. Di solito l Audit è svolto da un gruppo di colleghi (gruppo di pari). (Osservatorio per l appropriatezza ) 5/19

6 Azienda sanitaria Agenzia di Sanità Pubblica del Lazio Soggetto giuridico, pubblico o privato, che offre attività o prestazioni sanitarie (DPR ). (SiTi, GISIO ) A. S. locale (Asl) Soggetto giuridico pubblico dotato di autonomia giuridica, patrimoniale, contabile, organizzativa, amministrativa, gestionale e tecnica (riconosciutegli a partire dal D.Lgs. 502/92), senza finalità di reddito (no profit), deputato a tutelare la salute dei cittadini ed a garantire loro i livelli di assistenza definiti dalla programmazione nazionale e regionale, avvalendosi dei propri presidi e servizi, nonché dei servizi sanitari e socio-assitenziali accreditati o convenzionati. (Cinotti et al , modificato) Bacino d utenza Popolazione potenzialmente interessata alle prestazioni di un servizio o di una struttura sanitaria. (Osservatorio per l appropriatezza ) Bisogno (di salute) Condizione individuale o collettiva caratterizzata dalla carenza totale o parziale (percepita o non percepita) di un intervento di verifica e/o di modificazione dei comportamenti o della salute fisica, sensoriale o psichica. (Osservatorio per l appropriatezza , modificato) Budget In gestione aziendale, indica un particolare tipo di bilancio economico di previsione, periodicamente formalizzato, che associa obiettivi condivisi - realizzabili e misurabili - con risorse disponibili identificate, tempi definiti per raggiungerli, individuazione di precise responsabilità. (Osservatorio per l appropriatezza ) Caregiver Il termine (letteralmente: chi presta le cure"), identifica la persona che si prende cura del paziente con maggior continuità e intensità. Si distingue tra caregiver informale (il figlio, il coniuge, o, più raramente, un altro familiare o amico o volontario), e caregiver formale (il professionista sanitario o sociale, più frequentemente l'infermiere). (http://www.aimaroma.it/glossario.htm, modificato) Case management Processo integrato volto a ottimizzare la gestione dei singoli casi assistenziali garantendone l equità del trattamento, l efficacia assistenziale e l efficienza nell utilizzo delle risorse disponibili; tale ruolo viene espletato - tramite la responsabilizzazione operativa di uno dei professionisti facenti parte dell equipe multidisciplinare - con una regia centrale che vigila sulla corretta e tempestiva articolazione degli interventi previsti dal Piano assistenziale. (Casagrande, Marceca, Pasquarella ) Case manager Nel campo dell assistenza domiciliare, figura professionale (più frequentemente infermieristica) individuata quale responsabile della gestione del singolo caso per tutta la durata del processo assistenziale (dalla presa in carico alla dimissione), con prevalenti funzioni di coordinamento e verifica degli adempimenti assegnati ai diversi operatori coinvolti. (Casagrande, Marceca, Pasquarella ) 6/19

7 Centro di costo Agenzia di Sanità Pubblica del Lazio Unità aziendale elementare, ovvero unità organizzativa alla quale è possibile attribuire in modo completo ed esclusivo i costi di fattori produttivi impiegati. (Osservatorio per l appropriatezza : da Zanetti, modificato) Centro di responsabilità Unità organizzativa composta da uno o più Centri di costo, il cui responsabile dispone di risorse aziendali da rivolgere al raggiungimento di uno o più obiettivi negoziati con la Direzione Generale. (Osservatorio per l appropriatezza ) Certificazione Procedimento con cui un organismo indipendente riconosciuto attesta formalmente la conformità di una struttura/servizio a requisiti di qualità definiti da specifiche norme nazionali e internazionali (ad es. UNI, EN, ISO 9000). (Osservatorio per l appropriatezza ) Compliance In campo sanitario questo termine viene utilizzato per connotare il grado di adesione del paziente alle prescrizioni/istruzioni date dal curante. Più estensivamente, indica la disponibilità/conformità del comportamento di un soggetto rispetto a regole, prescrizioni, suggerimenti, richieste di un altro soggetto individuale o collettivo. (Regione Lazio , modificato) Consenso informato Atto obbligatorio di registrazione formale della decisione del paziente (o, in casi particolari, di chi ne ha la tutela) di acconsentire l effettuazione sulla propria persona di uno specifico intervento/trattamento medicochirurgico, dopo essere stato debitamente informato - secondo modalità che ne garantiscano la comprensione - dei vantaggi, dei possibili rischi e dei trattamenti alternativi. (Casagrande, Marceca, Pasquarella ) Continuità assistenziale (Assistenza continuativa) Garanzia nel passaggio di presa in carico di un paziente in trattamento, tale da offrire continuità temporale nell erogazione del complesso di prestazioni e servizi di natura sanitaria e socioassistenziale di cui necessita - da un ambito assistenziale all altro. (Arzese et al , modificato) Il concetto ha quindi un accezione più ampia di quella, abitualmente utilizzata, di garanzia dell assistenza primaria al cittadino nell arco delle 24 ore. Controllo di gestione Insieme di attività interne all organizzazione con le quali la Direzione aziendale si accerta, ai vari livelli, che la conduzione delle attività si sta svolgendo in modo efficace ed efficiente, secondo gli obiettivi, le strategie, le politiche e i piani prestabiliti, anche al fine di adottare interventi correttivi in adeguamento ai mutamenti dell ambiente. (Zanetti e coll ) Costo Il costo è il valore, non necessariamente in denaro, delle risorse utilizzate in una attività, compresi i benefici cui si rinuncia scegliendo di compiere una azione piuttosto di un altra. In sanità esistono vari tipi e forme di costo: 7/19

8 alberghiero: costo sostenuto da una struttura sanitaria che non rappresenta un costo clinico (mensa, riscaldamento, ecc ) diretto: costo direttamente imputabile ad un intervento sanitario (es. medicazioni) fisso: costo che non varia al variare dell attività produttiva indiretto: costo derivante da un intervento sanitario ma non direttamente imputabile ad un trattamento specifico sul paziente Con tale termine si cerca di quantificare, tramite diverse tecniche, il costo per il paziente inteso come giornate lavorative perse a causa della malattia o disagi arrecati dalla malattia al paziente stesso ed ai suoi familiari intangibile: costo associato ad un intervento sanitario non direttamente monetizzabile (dolore, ansia, etc.) marginale: costo addizionale (o incrementale) risultante dall aumento di una unità di output o di consumo medio: rapporto fra costo totale complessivo e quantità di output prodotto sociale: risorse economiche ulteriori, rispetto ai costi sanitari, assorbite alla società a causa dell esistenza di una patologia storico: prezzo iniziale per l acquisto di una risorsa totale: costo dato dalla sommatoria dei costi diretti ed indiretti connessi all intervento sanitario unitario: spesa che comporta la realizzazione di una unità produttiva variabile: costo che varia al variare delle quantità prodotte (Osservatorio per l appropriatezza ) Cure domiciliari Termine generico con cui si intende l intervento assistenziale presso il domicilio del paziente. Le prestazioni, di varia natura e complessità, possono essere effettuate tanto da operatori territoriali appartenenti al servizio dedicato, quanto da professionisti di natura privata, da operatori volontari, oppure da operatori di appartenenza ospedaliera. In quest ultimo caso, che configura un intervento di più rilevante impegno tecnologico, è più opportuno parlare di Ospedalizzazione domiciliare. (Casagrande, Marceca, Pasquarella ) Cure palliative Insieme di interventi di natura prettamente medica e psicologica, rivolti a pazienti in fase terminale, con lo scopo di alleviare le sofferenze fisiche (ad esempio migliorando la mobilizzazione, l idratazione, riducendo la stipsi, la nausea, la dispnea ed in particolare minimizzando il dolore) e psichiche, in un processo di accompagnamento alla morte; a tal fine dovrebbero prevedere usualmente anche la possibilità di forme di supporto spirituali. (Casagrande, Marceca ) Delega (o delegazione) Atto amministrativo con il quale un organo o un ente (delegante), investito in via originaria della competenza a provvedere in una determinata materia, conferisce per iscritto ad un altro organo (delegato) l esercizio di un potere di cui resta titolare; la delega è revocabile. Nel campo dell assistenza domiciliare, è di particolare interesse la possibilità che vengano delegate alla Asl, da parte dell Ente Locale o Municipio competente territorialmente, le competenze gestionali relative alla erogazione delle prestazioni domiciliari di natura sociale. (Casagrande, Marceca ) Dimissione protetta (deospedalizzazione) Modalità organizzativa volta a garantire, in casi selezionati di una certa complessità, la continuità assistenziale del paziente in seguito ad un episodio di ricovero, che richiede lo sviluppo di protocolli clinici ed organizzativi tra l ambito ospedaliero e quello territoriale. La dimissione può dirsi veramente protetta quando 8/19

9 comunicata in tempi e in forme utili ad organizzare adeguatamente gli interventi territoriali necessari nella fase post-ospedaliera. (Casagrande, Marceca ) Dipartimento Insieme di unità operative omogenee, affini o complementari, che perseguono comuni finalità e sono quindi fra loro interdipendenti, pur mantenendo la propria autonomia e responsabilità professionale. (Osservatorio per l appropriatezza ) Disabilità Qualsiasi limitazione o restrizione (conseguente ad una menomazione strutturale o funzionale) della capacità di svolgere un'attività nel modo o nei limiti ritenuti normali per un essere umano. L Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha recentemente pubblicato la nuova "Classificazione Internazionale delle Menomazioni, delle Attività personali (che, nella versione precedente, erano definite disabilità ) e della Partecipazione sociale (nella versione precedente, handicap o svantaggio esistenziale )" (ICIDH-2). Più precisamente: con menomazioni si intende qualsiasi perdita o anomalia permanente a carico di una struttura anatomica o di una funzione psicologica, fisiologica o anatomica; con attività personali si considerano le limitazioni di natura, durata e qualità che una persona subisce nelle proprie attività, a qualsiasi livello di complessità, a causa di una menomazione strutturale o funzionale. Sulla base di questa definizione ogni persona è diversamente abile; con partecipazione sociale si considerano le restrizioni di natura, durata e qualità che una persona subisce in tutte le aree o gli aspetti della propria vita (sfere), a causa dell interazione fra le menomazioni, le attività ed i fattori contestuali. Si noti come, nella nuova Classificazione dell'oms, il termine "handicap" venga definitivamente accantonato. (http://www.educare.it ) Distretto Articolazione territoriale organizzativa e funzionale, cui la normativa riconosce autonomia gestionale e cui è affidata la gestione della rete dei servizi ubicati nel territorio di competenza (con l eccezione di quelli relativi ai Dipartimenti della Prevenzione e della Salute Mentale). (Arzese et al , modificato) Domanda (di assistenza sanitaria) Richiesta esplicita, da parte del cittadino, di specifici servizi/prestazioni finalizzata al soddisfacimento di una esigenza soggettiva. (Osservatorio per l appropriatezza , modificata) Domicilio Luogo di vita del cittadino/paziente, riferibile sia alla sua abitazione vera e propria, che alla struttura ove questi viene temporaneamente o stabilmente assistito, ma priva di una propria autonoma organizzazione sanitaria (ad esempio: casa di riposo). (DCR Lazio 114/ PSR , modificato) Efficacia Capacità/grado di raggiungimento degli obiettivi prefissati. In sanità prevale il significato di capacità di un intervento di migliorare gli esiti di una determinata condizione. Può essere di due tipi: teorica o assoluta (Efficacy): capacità di raggiungere il risultato desiderato in condizioni operative ideali: con casistiche selezionate, variabili di contesto e condizioni organizzative controllate e migliori di quelle presenti nella pratica routinaria; 9/19

10 pratica (Effectiveness): capacità di raggiungere il risultato desiderato in condizioni operative reali. L efficacia di un servizio si identifica con la sua capacità di raggiungere gli obiettivi che ne contraddistinguono il mandato. (Osservatorio per l appropriatezza 2003, modificato con GISIO ) Efficienza Capacità di ottimizzare l uso delle risorse disponibili in vista dei risultati. Si realizza sia attraverso la capacità di ottenere i risultati attesi con il minor impiego di risorse, sia quando da una data disponibilità di risorse si ottiene il massimo risultato possibile. Tra i vari tipi di efficienza si possono menzionare: tecnica: miglior risultato con la migliore combinazione di risorse utilizzate; allocativa: capacità di distribuire in modo proporzionato le risorse disponibili nei diversi ambiti di azione. (Osservatorio per l appropriatezza 2003, modificato con GISIO ) Esito (Outcome) Modificazione, stabile a distanza, delle condizioni di salute, prodotta nei destinatari degli interventi sanitari Evento sentinella (Zanetti e coll , modificato) Fenomeno epidemiologico di natura clinica od organizzativa che è indicatore del manifestarsi di un evento critico che si sarebbe dovuto evitare. (Osservatorio per l appropriatezza, 2003) Finanziamento Quantità di risorse monetarie di cui è necessario disporre in un certo periodo di tempo per poter dare seguito alle azioni previste. (Arzese et al. 2004, modificato) Formazione Insieme dei processi formali o informali di insegnamento/apprendimento finalizzati a dotare l individuo delle conoscenze e delle competenze necessarie per lo svolgimento di un determinato ruolo o dei compiti connessi con le sue attività nell ambito dell organizzazione di cui fa parte. (Osservatorio per l appropriatezza , modificato) Formazione continua (Educazione continua in Medicina ECM) Insieme organizzato e controllato di tutte quelle attività formative, teoriche e/o pratiche, di carattere obbligatorio - sulla base di una quota di crediti formativi da conseguire annualmente - promosse da diverse organizzazioni (società scientifiche o professionali, aziende sanitarie, strutture specificatamente dedicate alla formazione in campo sanitario, etc.), con lo scopo di mantenere elevata e al passo con i tempi la professionalità degli operatori della Sanità. (Ministero della Salute , modificato) Governo clinico Contesto (analisi, valutazioni, interventi) in cui i servizi sanitari si rendono responsabili del miglioramento continuo della qualità dell assistenza e mantengono elevati livelli di prestazioni creando un ambiente che favorisce l espressione dell eccellenza clinica (Department of Health 1998, liberamente tradotto da Grilli , modificato). 10/19

11 Indennità di accompagnamento (Assegno di accompagnamento) Agenzia di Sanità Pubblica del Lazio Provvidenza economica (istituita con Legge n. 18/1980), erogata dallo Stato tramite l INPS a favore dei cittadini la cui situazione di invalidità, per minorazioni o menomazioni, fisiche o psichiche, sia tale per cui necessitano di un'assistenza continua; in particolare, per coloro che non sono in grado di deambulare senza l'assistenza continua di una persona oppure che non sono in grado di compiere autonomamente gli atti quotidiani della vita. La domanda e la documentazione allegata vanno presentate alla Commissione Medica per gli Invalidi Civili della Asl di residenza. Essendo dovuta per il solo titolo della invalidità totale, l indennità viene erogata indipendentemente dall'età e dal reddito del beneficiario o del suo nucleo familiare; è esente da imposte; non è cumulabile con altre indennità simili (è possibile scegliere il sussidio più conveniente); non è reversibile; non è incompatibile con lo svolgimento di attività lavorativa e spetta anche in caso di ricovero a pagamento privato in strutture residenziali. L importo viene aggiornato ogni anno dal Ministero dell'interno: nel 2004 è stato di Euro 436,77 per 12 mensilità. (Casagrande, Marceca ) Indicatore sanitario Variabile ad elevato contenuto informativo che consente una lettura sintetica di fenomeni complessi a scopo descrittivo, valutativo o predittivo. I principali requisiti di un buon indicatore sono: a) pertinenza; b) misurabilità; c) sensibilità; d) specificità; e) riproducibilità; f) facilità di rilevazione. (Osservatorio per l appropriatezza 2003, modificato) Integrazione socio-sanitaria Coordinamento tra interventi di natura sanitaria e interventi di natura sociale, a fronte di bisogni di salute molteplici e complessi, sulla base di progetti assistenziali personalizzati. Il raccordo tra politiche sociali e politiche sanitarie consente di dare risposte unitarie all interno di percorsi assistenziali integrati, con il coinvolgimento e la valorizzazione di tutte le competenze e le risorse, istituzionali e non, presenti sul territorio. L integrazione socio-sanitaria si attua a tre livelli: istituzionale, gestionale e professionale. Secondo la normativa vigente (DPCM 14 febbraio 2001), le prestazioni integrate comprendono: a) prestazioni sanitarie a rilevanza sociale: le attività finalizzate alla promozione della salute, alla prevenzione, individuazione, rimozione e contenimento di esiti degenerativi o invalidanti di patologie congenite e acquisite; sono di competenza delle Aziende Usl ed a carico delle stesse. b) prestazioni sociali a rilevanza sanitaria: le attività del sistema sociale che hanno l'obiettivo di supportare la persona in stato di bisogno, con problemi di disabilità o di emarginazione condizionanti lo stato di salute. Tali attività, di competenza dei comuni, sono prestate, con partecipazione alla spesa da parte dei cittadini, stabilita dai comuni stessi. c) prestazioni socio-sanitarie ad elevata integrazione sanitaria: le prestazioni caratterizzate da particolare rilevanza terapeutica e intensità della componente sanitaria. Sono erogate dalle aziende sanitarie e sono a carico del fondo sanitario. (Casagrande, Marceca ) Intensità assistenziale Grado di impegno quali-quantitativo di natura professionale, tecnologica e organizzativa richiesto dagli specifici bisogni assistenziali del paziente. (Marceca, Casagrande ) Nell ambito dell assistenza domiciliare possono essere distinti i seguenti livelli: Bassa intensità assistenziale: è rivolta ai soggetti non autosufficienti affetti da patologie croniche in buon compenso globale; è previsto un lungo periodo di assistenza nell ambito del quale, di norma, l intervento medico di monitoraggio è periodico, l assistenza infermieristica è estemporanea, il supporto socioassistenziale è garantito dalla famiglia, in maniera autonoma o supportata. Media intensità assistenziale: è rivolta a pazienti multiproblematici affetti da patologie croniche in labile compenso; è richiesto un programma assistenziale personalizzato multidisciplinare di norma con accessi 11/19

12 medici settimanali, interventi infermieristici e/o riabilitativi plurisettimanali, consulenze specialistiche, tutela familiare e socio-assistenziale intensa. Alta intensità assistenziale: è riservata a malati affetti da patologie croniche evolutive (neoplasie, AIDS, malattie neurologiche nel loro ultimo periodo di vita) e pazienti critici (stato di coma, ventiloterapia, nutrizione artificiale, accesso venoso centrale); è richiesto un intervento coordinato e intensivo di norma con accessi plurisettimanali sia infermieristici sia medici, pronta disponibilità notturna e festiva, supporto psicosociale adeguato sia per il malato che per la famiglia. (Manuale Home Care - Guida all Assistenza Domiciliare Integrata , modificato) Invalidità civile Condizione giuridicamente riconosciuta agli individui affetti da minorazioni congenite o acquisite - di natura fisica e/o psichica - tali da indurre una riduzione permanente della capacità complessiva di autosufficienza. Viene stabilita, previa domanda di riconoscimento, da parte di Commissioni medico-legali insediate presso le Asl, che ne definiscono contestualmente il livello di gravità, esprimendolo in termini percentuali: la soglia minima richiesta per la qualifica di invalido civile è quella di un terzo (33%). La normativa in vigore (L. 118/ DPR 698/1994 L. 326/2003) considera varie soglie di invalidità, prevedendo diversi benefici corrispettivi: la soglia del 33% dà diritto alle prestazioni protesiche ed ortopediche; la soglia del 46% è prevista per l'iscrizione nelle liste speciali per l'assunzione obbligatoria al lavoro; a partire dalla soglia del 74% la normativa prevede provvidenze economiche (in particolare, l assegno mensile); il riconoscimento del 100% di invalidità (invalidità totale) dà invece diritto ad ulteriori provvidenze (compresa, in casi di incapacità a deambulare senza l'aiuto permanente di un accompagnatore o di non autosufficienza in quanto bisognosi di assistenza continuativa, l indennità di accompagnamento). (Casagrande, Marceca ) ISO / UNI Organizzazione Internazionale di Normazione, che fornisce requisiti, criteri, standard, indicazioni e linee guida sulla Gestione per la qualità e assicurazione della qualità, sulla cui valutazione di adesione di base viene conferita o meno la certificazione. La sua discendenza italiana è rappresentata dall Ente Nazionale Italiano di Unificazione (UNI), con sede a Milano. (Arzese et al , modificato) Linee guida Insieme di indicazioni procedurali, prodotte attraverso un processo sistematico, suggerite agli operatori e finalizzate ad assisterli nel decidere quali siano le modalità assistenziali più adeguate in specifiche circostanze cliniche. I requisiti essenziali delle Linee guida sono: fondatezza; validità e riproducibilità; flessibilità e adattabilità; multidisciplinarietà degli esperti che le producono; esplicitazione del grado di evidenza scientifica (forza) della raccomandazione (evidenza di grado A, B o C); appropriata diffusione; regolare aggiornamento. (Cinotti R et al e Arzese et al , modificati) Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) Insieme di prestazioni e attività garantite dal servizio sanitario pubblico a tutti i cittadini, a titolo gratuito o con partecipazione alla spesa, la cui determinazione è attribuita dal nuovo art. 117 della Costituzione alla competenza legislativa statale. Le prestazioni sono classificate per macroaree relative ai diversi ambiti assistenziali: ambiente di vita e di lavoro, distrettuale e ospedaliero, a loro volta suddivise in microlivelli. 12/19

13 La loro definizione ed i principi da rispettare nella loro individuazione sono stati stabiliti dal D.Lgs. 229/99. I LEA, individuati nell ambito di un accordo fra Governo, Regioni e province Autonome di Trento e Bolzano, sono definiti dal DPCM 29 novembre 2001, che comprende, oltre un elenco di LEA garantiti (Allegato 1), anche le prestazioni e i servizi esclusi dai LEA (Allegato 2A), quelli erogabili solo secondo specifiche indicazioni cliniche (Allegato 2B), quelli per i quali è necessaria una maggiore appropriatezza di erogazione (Allegato 2C). (Osservatorio per l appropriatezza , modificato) Lungodegenza (strutture di) Modalità assistenziale erogata in specifiche strutture sanitarie residenziali, rivolta a pazienti che, conclusa la fase acuta del ricovero, necessitano di un prolungamento dell intervento assistenziale ospedaliero in quanto presentano una situazione funzionale compromessa da cui ha origine una riduzione delle condizioni di autosufficienza psico-fisica. Tali strutture assicurano prestazioni di: assistenza diagnostica, medica e terapeutica; assistenza infermieristica; trattamenti riabilitativi; servizio di radiologia e laboratorio di analisi; servizio di guardia medica interno, diurno e notturno; consulenze specialistiche; assistenza alberghiera e cura della persona. (Casagrande, Marceca ) Medicina basata sull evidenza (Evidence based medicine - EBM)* Approccio all'assistenza sanitaria fondato sulle migliori evidenze scientifiche disponibili. * o Medicina basata sulle prove di efficacia (Osservatorio per l appropriatezza ) Non autosufficienza Limitazione, con diversi possibili livelli di gravità, alla piena espressione delle proprie capacità di autonomia, in particolare con riferimento alla capacità funzionale, valutabile attraverso la possibilità di deambulazione autonoma e la capacità di compiere gli atti quotidiani della vita. Il livello di gravità di non autosufficienza (usualmente distinto in parziale o totale ) è direttamente proporzionale alle necessità di assistenza continuativa. (Casagrande, Marceca ) Nutrizione artificiale domiciliare (NAD) Insieme di interventi attuati a domicilio, volti a reintegrare o mantenere un idoneo stato nutrizionale e di equilibrio metabolico in soggetti per i quali l alimentazione autonoma non è possibile o non è adeguata. Si attua mediante accessi artificiali al tubo digerente (Nutrizione Enterale - NE) o al sistema circolatorio (Nutrizione Parenterale - NP, a sua volta distinta in periferica - NPP, o centrale - NPC), attraverso cui vengono somministrate idonee miscele. (Casagrande, Marceca ) Offerta (di assistenza sanitaria) Messa a disposizione di servizi/prestazioni sanitarie. Comunemente, identifica la distribuzione delle diverse tipologie di servizi sanitari all interno di un determinato territorio. (Osservatorio per l appropriatezza ) Ospedalizzazione a domicilio Effettuazione, a domicilio del malato, di interventi diagnostici e terapeutici normalmente erogati in ospedale, praticati con tecnologie e da professionisti di prevalente appartenenza ospedaliera, sotto la responsabilità clinica di questi ultimi. (PO anziani , modificato da Casagrande e Marceca ) Percorso diagnostico-terapeutico (PDT) o Profilo assistenziale /di cura Pianificazione interdisciplinare e coordinamento di sistemi di cura complessi rivolti a pazienti con diagnosi e condizioni definite, allo scopo di ridurre la variabilità delle procedure o degli esiti di salute. Ciò implica, per chi organizza e per chi eroga le prestazioni sanitarie, la possibilità di utilizzo di strumenti di gestione clinica che definiscano, sulla base delle prove di efficacia, la più opportuna sequenza di azioni, la loro temporizzazione e la loro collocazione ottimali. L elaborazione di un profilo di assistenza dovrebbe 13/19

14 pertanto avere le seguenti caratteristiche: essere multidisciplinare, con la partecipazione di tutte le figure professionali coinvolte nella sua applicazione; essere fondato su linee guida il più possibile basate sulle evidenze; portare ad eliminare tutte le azioni non necessarie e ridondanti; comprendere misure di esito clinico, valutato con strumenti standardizzati, e della soddisfazione dei pazienti. (Osservatorio per l Appropriatezza 2003, modificato con Panella, Morosini ) Performance Livello di rendimento quali-quantitativo che un individuo o un organizzazione ottengono, svolgendo le funzioni fondamentali loro proprie. (Zanetti , modificato) Piano di Zona Documento programmatico a validità triennale definito dall Ente Locale (in forma singola o associata) d intesa con la Asl, avente come finalità principale la definizione degli obiettivi strategici, delle priorità d intervento e delle modalità organizzative dei servizi necessari a garantire i Livelli essenziali delle prestazioni sociali (LIVEAS), così come previsto dalla L. 328/00 e configurato nel Piano sociale nazionale vigente. Il Piano di zona è quindi lo strumento attraverso il quale si deve, di volta in volta, ridisegnare il sistema integrato dei servizi sociali territoriali, con il concorso di tutti i soggetti coinvolti. (Casagrande, Marceca ) Piano Individualizzato di Assistenza (Piano di trattamento) Programma assistenziale personalizzato definito sulla base di una valutazione multidimensionale del soggetto da trattare e contenente: gli obiettivi da raggiungere, i soggetti coinvolti e le prestazioni da erogare, le modalità di intervento, nonché il piano delle verifiche in itinere e finali delle stesse. (Casagrande, Marceca ) Presa in carico Formalizzazione dell impegno ad assistere una persona, da parte di un professionista, un servizio o una struttura, previa verifica della coerenza tra i bisogni del primo soggetto e il mandato istituzionale del secondo. (Casagrande, Marceca ) Privacy Condizione relativa alla sfera privata dell individuo tale da determinare, per tutti i soggetti che - direttamente o indirettamente - ne vengano a contatto, precisi obblighi di tutela o rispetto della stessa. Il diritto alla riservatezza è sancito dalla legge n. 675 del (Casagrande, Marceca, Pasquarella ) Procedura Documento formalizzato, elaborato secondo regole definite, che descrive l insieme di azioni professionali finalizzate ad un preciso obiettivo con lo scopo di facilitare l uniformità di comportamento da parte dei diversi operatori, di evitare variazioni di comportamento ingiustificate e quindi di prevenirne gli errori. Vi sono esplicitati: soggetto, oggetto, modalità, ambiti, tempi e responsabilità delle singole azioni da intraprendere. (SITI, Arzese 2001, modificati) Prodotto (Output) Il risultato finale delle azioni all interno di un processo. In ambito sanitario si configura come prestazione erogata - output (per es. ricoveri ospedalieri, visite ambulatoriali, esami di laboratorio), o come esito dell assistenza - outcome (per es. percentuale di sopravvivenza a 5 anni, riduzione della pressione arteriosa sistolica in millimetri di mercurio). (Osservatorio per l appropriatezza ) Programma per le attività territoriali (PAT) Documento di pianificazione territoriale proposto dal direttore di distretto ed approvato dal direttore generale della Asl - d'intesa, limitatamente alle attivita' sociosanitarie, con il Comitato dei sindaci di distretto - basato 14/19

15 sul principio della intersettorialita' degli interventi, i cui contenuti fondamentali riguardano la localizzazione dei servizi e delle attività distrettuali e la definizione delle risorse per l'integrazione socio-sanitaria. (Casagrande, Marceca ) Protocollo d intesa Documento formale sottoscritto da più soggetti giuridici che esplicita finalità, modalità attuative, condizioni e rispettivi ruoli ed adempimenti dei contraenti. (Casagrande, Marceca ) Qualità Insieme delle caratteristiche di un servizio/prestazione che esprimono la capacità di soddisfare bisogni espliciti e/o impliciti (idoneità all uso, idoneità allo scopo, soddisfazione del fruitore, conformità a specifici requisiti). Per il suo perseguimento, e possibile distinguere i seguenti approcci: Controllo della Qualità: parte della gestione per la qualità mirata a misurare il rispetto dei requisiti per la qualità. Miglioramento continuo della qualità (MCQ): insieme di attività volte a misurare, valutare e migliorare i processi e gli esiti. Politica per la qualità: obiettivi ed indirizzi generali di un'organizzazione, relativi alla qualità, espressi in modo formale dall'alta direzione. Sistema di gestione della qualità: insieme di elementi tra loro correlati o interagenti per guidare e tenere sotto controllo un'organizzazione con riferimento alla qualità. Verifica e revisione della qualità (VRQ): metodica finalizzata al miglioramento continuo della qualità degli interventi forniti, che si sostanzia in un processo ciclico mediante il quale questi vengono sottoposti a sistematica valutazione, rispetto a predefiniti requisiti di qualità, e sono oggetto di eventuali correttivi. (Osservatorio per l appropriatezza , modificato) Qualità totale (TQM): E un sistema di management innovativo rivolto al miglioramento continuo e diretto a ottenere la soddisfazione del cliente (inteso come destinatario del prodotto / servizio / prestazione) mediante il coinvolgimento organizzato di tutti i membri di ogni settore aziendale. Lo scopo della qualità totale è quello di raggiungere gli obiettivi dell organizzazione attraverso un ampia gamma di attività, metodologie e tecniche applicate a tutti gli aspetti delle operazioni aziendali (progettazione, produzione, distribuzione, etc.). (Zanetti e coll ) QALY (Quality Adjusted Life Years) Indicatore dello stato di salute, utilizzato per esprimere e confrontare i vantaggi conseguenti ad un intervento sanitario, che mette in relazione gli anni di vita guadagnati con la qualità degli stessi, espressa attraverso un coefficiente che può assumere valori compresi tra 1 (condizioni ottimali di salute) e 0 (morte). (Casagrande, Marceca ) Quota capitaria Valore economico medio stimato e virtualmente assegnato per ogni anno ad ogni cittadino residente, necessario a garantire l erogazione delle prestazioni previste dai Livelli essenziali di assistenza, sulla cui base vengono finanziate le Aziende sanitarie locali. (Casagrande, Marceca ) Requisito Caratteristica richiesta affinché un prodotto/servizio risponda allo scopo. E qualificato dall essere misurabile (correlato a specifici indicatori), specifico (identifica correttamente l elemento di interesse dell oggetto), congruo (pertinente e corretto nella formulazione in rapporto agli obiettivi), dimensionato (riferito ad un 15/19

16 livello adeguato, non di dettaglio) e accessibile (è ragionevolmente ottenibile). Il rispetto di ciascun requisito viene di norma valutato attraverso criteri condivisi e trasparenti e appropriati indicatori. (SITI , modificato con Osservatorio per l appropriatezza ) Requisito specifico: particolare riferimento che deve essere rispettato perché la qualità del servizio sia giudicata accettabile. Può riguardare entità delle risorse, modalità organizzative, procedure ed esiti. (Arzese et al ) Rete sociale Sistema complesso i cui nodi sono costituiti sia dalla struttura delle relazioni interpersonali che caratterizza la vita quotidiana degli individui, che dall intreccio delle risorse sociali, istituzionali e spontanee presenti nella comunità. (Arzese et al , modificato) Revisione tra pari (Peer Review) Tecnica di valutazione e miglioramento della qualità dell erogazione delle cure, effettuata in modo collegiale da gruppi monodisciplinari di clinici che, attraverso l analisi della documentazione clinica e l utilizzo di criteri espliciti derivati da linee guida, letteratura scientifica ed esperienza professionale, valutano la performance professionale di colleghi. L enfasi è posta sull apprendimento piuttosto che sul controllo; non sono contemplati giudizi di merito e non si prevede la diffusione pubblica dei risultati. (Cinotti e SITI , modificati) Risorse Ogni elemento disponibile e/o attivabile per il raggiungimento degli obiettivi di un organizzazione (persone, disponibilità finanziarie e temporali, informazioni, modelli organizzativi, procedure, esperienze, strutture, tecnologie e materiali). (SITI , modificato) Residenze Sanitarie Assistenziali (RSA) Le Residenze Sanitarie Assistenziali (RSA) sono strutture sanitarie residenziali di diversa tipologia, che garantiscono un livello alto di assistenza tutelare ed alberghiera ed un livello di assistenza medica, infermieristica e riabilitativa modulate in base alla normativa regionale vigente. Ne sono destinatari soggetti adulti non autosufficienti, non curabili a domicilio, portatori di patologie stabilizzate di natura fisica, psichica, sensoriale o mista. Per tali destinatari le RSA offrono ospitalità permanente. Le RSA sono articolate in nuclei omogenei per tipologie di pazienti e distinti per livello di intensità assistenziale. In ciascuna RSA non può essere presente più di un nucleo destinato a soggetti affetti da disturbi psichici (incluse le demenze). E prevista altresì l assistenza con finalità di sollievo alla famiglia (per un periodo non superiore ai 30 giorni) e di completamento di cicli riabilitativi eventualmente iniziati in altri presidi del Servizio sanitario regionale. (ASP Lazio ) Scale e strumenti di valutazione Liste di quesiti (o items) volti ad indagare una o più dimensioni relative alla salute di un individuo, per determinarne con esattezza il livello qualitativo. Le dimensioni usualmente approfondite sono: la salute fisica; lo stato cognitivo (o salute mentale); lo stato funzionale; la condizione economica e la condizione sociale. La valutazione può essere limitata ad un unica area d indagine/dimensione o ad una specifica articolazione di essa (es. piaghe da decubito, equilibrio, stato nutrizionale ), o riguardare contemporaneamente più dimensioni (valutazione multidimensionale); nel primo caso si fa ricorso a strumenti specificamente concepiti e validati, detti scale (ne sono un esempio, in ambito medico, le scale ADL Activities of Daily Living - e le scale IADL - Instrumental Activities of Daily Living, con i loro vari indici); nel secondo caso si può far ricorso alternativamente ad una somma di scale o a strumenti multidimensionali veri e propri (es. SVAMA, VAOR-ADI e VALGRAF). (Casagrande, Marceca ) 16/19

17 Scheda di dimissione ospedaliera (SDO) Strumento ordinario per la raccolta delle informazioni di natura clinica (diagnosi, interventi chirurgici e procedure diagnostico-terapeutiche identificate secondo i codici ICD9CM) ed organizzativa, relative a ogni paziente dimesso dagli istituti di ricovero pubblici e privati in tutto il territorio nazionale. E parte integrante della cartella clinica, di cui assume le medesime valenze di carattere medico legale, ed è la fonte sulla base della quale viene calcolato il DRG, e la relativa tariffa, da remunerare alla struttura ospedaliera. Istituita con Decreto Ministeriale , è effettivamente operativa dall 1 gennaio (SITI , modificato) Servizio (sanitario) Insieme delle risorse umane, materiali e finanziarie utilizzate in modo strutturato per produrre prestazioni finalizzate a mantenere o migliorare lo stato di salute. (Zanetti et coll ) Sicurezza Stato in cui il rischio di danno alle persone o alle cose è limitato a un livello accettabile. (SITI ) Soddisfazione del paziente Giudizio espresso dal consumatore di servizi sanitari circa la qualità della prestazione ricevuta, riferita ai parametri percepibili dall utente. (Arzese et al ) Standard Specificazione quantitativa del livello soglia di riferimento della qualità di una prestazione sanitaria, riferita al criterio in oggetto. Inteso anche come riferimento ottimale in genere (esame standard, laboratorio standard, etc.). (Arzese et al ) Telemedicina Tipologia di assistenza medica a distanza che si avvale di sistemi informatici, reti informatiche e canali e mezzi di telecomunicazione, al fine di realizzare il monitoraggio e la gestione dei pazienti, nonché l'educazione degli stessi e del personale. (Casagrande e Marceca ) Terzo settore Secondo la terminologia economica, l insieme dei soggetti non profit. Questo insieme è terzo in quanto contrapposto e complementare ai due attori fondamentali del sistema economico: lo stato e il mercato. Le organizzazioni che vi appartengono sono soggetti di natura privata, ma volti alla produzione e alla allocazione di beni e servizi a valenza pubblica o collettiva. Al suo interno si distinguono: ASSOCIAZIONI L associazione si costituisce attraverso un contratto con cui le parti mirano a realizzare un interesse comune a tutti i soggetti che vi partecipano. Suo scopo è quello di soddisfare i bisogni di natura ideale o comunque non economica dei propri membri. I riferimenti legislativi sono contenuti negli artt. 12 e seguenti del Codice Civile. COOPERATIVE SOCIALI Sono cooperative costituite con lo scopo di sostenere la promozione umana e l'integrazione sociale e lavorativa dei cittadini appartenenti alle cosiddette categorie svantaggiate e deboli (ex carcerati, disabili, ragazze-madri etc.). Sono disciplinate dalla L. n. 381/1991, che le suddivide in due tipologie: Tipo A - perseguono l'interesse generale della comunità alla promozione umana e all'integrazione sociale attraverso la gestione dei servizi socio sanitari ed educativi Tipo B - svolgono attività agricole, industriali, commerciali o di servizi, finalizzate all'inserimento lavorativo di persone svantaggiate 17/19

18 FONDAZIONI Sono organizzazioni senza fine di lucro, dotate di proprio patrimonio, impegnate in molteplici settori: assistenza, istruzione, ricerca scientifica, erogazioni premi e riconoscimenti, formazione, etc.. La loro esistenza è prevista dal Codice Civile negli artt. 12 e seguenti e la loro struttura giuridica può variare a seconda della tipologia. ONLUS - Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale Costituiscono una categoria di enti rilevante solo ai fini fiscali, destinataria di un regime tributario di favore in materia di imposte sui redditi, di imposta sul valore aggiunto, di altre imposte dirette nonché di ulteriori specifici tributi. Ai sensi del D. Lgs. n. 460/1997 che le disciplina, possono diventare ONLUS associazioni, fondazioni, comitati, società cooperative, altri enti privati con o senza personalità giuridica operanti in determinati settori. ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO Organismi riconosciuti dalla legge quadro n. 266/1991, liberamente costituiti per svolgere attività senza fine di lucro per scopi esclusivi di solidarietà, che si avvalgono in modo determinante e prevalente delle prestazioni personali, volontarie e gratuite dei propri aderenti. Ogni Regione gestisce un Registro delle organizzazioni di volontariato riconosciute sul proprio territorio. (http://www.promotions.it/download/noprofit/glossariopromotions.pdf , modificato) Unità Operativa Articolazione organizzativa, dotata di autonomia tecnico-professionale ed organizzativo-gestionale che, utilizzando gli strumenti assegnati, eroga le prestazioni di competenza. Al suo interno possono essere individuati specifici settori di attività, configurati come moduli. Viene classificata come semplice o complessa. (SITI , modificato) Unità Valutativa Alzheimer (UVA) Costituite da Centri specializzati delle Divisioni di neurologia, psichiatria e geriatria ed eventuali altre strutture individuate dalle Regioni e dalle Province autonome, operano la diagnosi differenziale, definiscono il piano terapeutico e assicurano il trattamento farmacologico per i primi quattro mesi di terapia dei pazienti affetti da malattia di Alzheimer. (Casagrande, Marceca ). Unità Valutativa Multidisciplinare (UVM) o Territoriale (UVT) o Geriatrica (UVG) Équipe multiprofessionale, la cui composizione minima è data da: medico (geriatra nel caso dell UVG), assistente sociale e infermiere professionale, il cui compito è la valutazione collegiale, sulla base di strumenti di VMD validati, della persona non autosufficiente (per lo più anziana), al fine di stabilire se e quali interventi sono necessari e di definire un piano assistenziale individualizzato. Alla valutazione del paziente da esaminare, è sempre auspicabile la partecipazione del suo medico di medicina generale. Sulla base delle specifiche esigenze, il nucleo valutativo di base può essere integrato anche con altre figure, quali ad es. il fisioterapista, il neurologo, il terapista occupazionale, etc.. (Casagrande, Marceca ) Valutazione Processo scientifico e sistematico con cui un determinato intervento viene sottoposto ad analisi critica sulla base di criteri predefiniti di adeguatezza. (Regione Lazio , modificato) Valutazione multidimensionale (VMD) Processo di tipo dinamico ed interdisciplinare volto a identificare e descrivere, o predire, la natura e l entità dei problemi di salute di natura fisica, psichica e funzionale di una persona, e a caratterizzare il suo stato socio-economico ed ambientale. Questo approccio diagnostico globale, attraverso l utilizzo di scale e strumenti validati, consente di individuare un piano di intervento socio-sanitario coordinato e mirato al singolo individuo, anche in grado di sfruttare al meglio le sue risorse e potenzialità. (Marceca, Casagrande, Pasquarella ) 18/19

19 BIBLIOGRAFIA 1. Arzese M, Deriu PL, Ferrante E, Orecchia S, Visca G, Renga G. Glossario. In: Manuale di Accreditamento volontario tra pari per le Cure Domiciliari. Torino, Centro Scientifico Editore, Autori vari. Manuale Home Care. Guida all Assistenza Domiciliare Integrata. Milano, Meditor Italia Srl, Beccastrini S, Gardini A, Tonelli S. Piccolo dizionario della qualità. Ad uso degli operatori sociali e sanitari. Firenze, Editoriale Tosca, Cavicchioli A, Corbetta S, Marquez M, Petrucci BM, Springhetti I, Valsecchi L. Manuale di ausili e cure del paziente geriatrico a domicilio. Milano, Utet, Cinotti R, Prandi F. Definizioni e note per un glossario della qualità. Supplemento a De Sanitate, Allegato al n. 3 Settembre-Ottobre Roma, Nuovo Studio Tecna, Damiani G, Cicchetti A. Economia Sanitaria: Glossario. Enti Pubblici. Mensile di Diritto, Giurisprudenza e Legislazione. Roma, Macchia Editore, DPR n. 270 del 28 luglio Regolamento di esecuzione dell'accordo collettivo nazionale per la disciplina dei rapporti con i medici di medicina generale. Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 230 del Federici A, Damiani G, Davoli M, Marceca M, Mastrogiovanni P. Le parole della nuova sanità. Dizionario per gli operatori del sistema sanitario. Roma, Il Pensiero Scientifico Editore, Fernandez J, Davies B. Il case management: ottenere equità ed efficienza nell allocazione delle risorse. Prospettive Sociali e Sanitarie, 2001; 9: Ferrucci L, Marchionni N e il Gruppo di lavoro sulla Valutazione Multidimensionale. Linee Guida sull'utilizzazione della Valutazione Multidimensionale per l'anziano Fragile nella Rete dei Servizi. G Gerontol 2001; 49: Istat. Sistema sanitario e salute della popolazione. Glossario. 3 a edizione Ministero della Sanità. Servizio centrale della programmazione sanitaria. Progetto Obiettivo Tutela della salute degli Anziani , Osservatorio regionale per l Appropriatezza della Regione Lazio. Glossario sull Appropriatezza. Roma, Pettenati C, Spadin P, Villani D. Vademecum Alzheimer. Associazione Italiana Malattia di Alzheimer (AIMA), Milano, Pressato L, Cartabellotta A, Binetti P et al. Glossario. In: L educazione continua in medicina. Una guida per medici, operatori e dirigenti della sanità. Roma, Il Pensiero Scientifico editore, Regione Lazio Assessorato Salvaguardia e cura della salute. Glossario della qualità e della organizzazione. QS Qualità Salute. Materiali per la promozione della salute. Monografia n. 1. Roma, Ediesse, Società Italiana di Igiene, Medicina preventiva e Sanità Pubblica (SitI) Gruppo Italiano Studio Igiene Ospedaliera (GISIO); a cura di Pasquarella C. Glossario di Igiene Ospedaliera. Torino, Centro Scientifico Editore, Zanetti M, Montaguti U, Ricciarelli G et Al. Glossario. In: Il medico e il management. Guida ragionata alle funzioni gestionali. Accademia nazionale di Medicina, Genova, Forum Service Editore, /19

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE Adottato con delibera G. C. n. 108 del 24.2.2005 Articolo 1 - L INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI Raffaella Bonforte - Angelita Volpe "La R.S.A. è una struttura extra-ospedaliera per anziani disabili, prevalentemente non autosufficienti, non assistibili

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 III COMMISSIONE TESTO UNIFICATO DELLE PROPOSTE DI LEGGE NN. 117, 127 TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 SERVIZIO PER L'ASSISTENZA GIURIDICO-LEGISLATIVA IN MATERIA DI ATTIVITÀ SOCIALI

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.)

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) Disposizioni per la prevenzione e la cura dell Alzheimer e di altre malattie neurodegenerative legate all invecchiamento e per il sostegno delle

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina, all interno di un sistema integrato di interventi e servizi sociali di competenza dei comuni

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI Art. 1 - FINALITA In accordo con gli indirizzi nazionali fissati dal Piano nazionale degli interventi e dei servizi sociali 2001-2003

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H INDICE Articolo 1- Ambito di applicazione... 3 Articolo 2- Fonti normative... 3 Articolo 3- Definizione... 3 Articolo 4- Obiettivi e finalità del Distretto...

Dettagli

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte Appropriatezza clinico-organizzativa nella Regione Lazio I Decreti Commissariali: approfondimenti su DCA 206/2013, DCA 429 e 431 del 24/12/2012, DCA 71/12 I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12.

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. _45 DEL _19/4/2004 Pag. N. 1 INDICE Art.

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Testo aggiornato al 5 dicembre 2007 Decreto ministeriale 22 Febbraio 2007, n. 43 Gazzetta Ufficiale 6 Aprile 2007, n. 81 Regolamento recante Definizione degli standard relativi all assistenza ai malati

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi.

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi. DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE Servizio Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: servizio.comunicazione@aslbrescia.it

Dettagli

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna)

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO E LE MODALITA DI ACCESSO AGLI INTERVENTI DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO TITOLO I ATTIVITA SANITARIA. CAPO I Principi regolatori.

REGOLAMENTO TITOLO I ATTIVITA SANITARIA. CAPO I Principi regolatori. 1 REGOLAMENTO TITOLO I ATTIVITA SANITARIA CAPO I Principi regolatori. Articolo 1 Principi regolatori per realizzare lo scopo previsto dall art 4 Statuto - La promozione sociale della assistenza specialistica

Dettagli

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera n. 16 adottata dal Commissario Straordinario nella seduta del 13.09.2007 Articolo 1 -

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 18-02-2010 REGIONE PIEMONTE

LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 18-02-2010 REGIONE PIEMONTE LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 18-02-2010 REGIONE PIEMONTE Servizi domiciliari per persone non autosufficienti. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PIEMONTE N. 8 del 25 febbraio 2010 Il Consiglio regionale

Dettagli

LE CURE DOMICILIARI ASL 9 COeSO

LE CURE DOMICILIARI ASL 9 COeSO LE CURE DOMICILIARI ASL 9 COeSO La sperimentazione delle cure domiciliari promossa dai Comuni dell area grossetana d intesa con la ASL 9, trova l avvio in un analisi approfondita dei bisogni del territorio,

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 33/32. Istituzione della rete di cure palliative della d

DELIBERAZIONE N. 33/32. Istituzione della rete di cure palliative della d 32 Oggetto: Istituzione della rete di cure palliative della d Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto del

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto:

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto: 1) Titolo del progetto: Pronto Intervento Sociale 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Area: Assistenza Settori: Anziani (A01) Assistenza Disabili (A06)

Dettagli

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 PARTE SECONDA SOTTOMISURA 3.1 Interventi L.R. 20 / 2006 Regione Misura 3.1_Assistenza

Dettagli

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 93 del 22/12/2014 INDICE 1. I servizi domiciliari nel Sistema integrato sociale, socio-sanitario

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MISURACA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MISURACA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 572 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MISURACA Modifiche alla legge 16 marzo 1987, n. 115, recante disposizioni per la prevenzione

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Stefano Mantovani

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Stefano Mantovani RUOLO E RESPONSABILITA DEGLI INFERMIERI NELL INSERIMENTO DEGLI OPERATORI DI SUPPORTO NELLE EQUIPE ASSISTENZIALI BRESCIA 7 E 8 OTTOBRE 2013 ESPERIENZA ASCSP MAGENTA SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

Dettagli

Unità Valutativa Multidimensionale L esperienza della ASL RMC

Unità Valutativa Multidimensionale L esperienza della ASL RMC L esperienza della ASL RMC Mariella Masselli Responsabile U.O.S.D Tutela Salute Riabilitazione Disabili Adulti d. 12 - ASL RMC Roma, 11 settembre 2013 Appropriatezza clinico-organizzativa nella Regione

Dettagli

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di FORUMPA SANITA' 2001 A.S.L. della Provincia di Milano n 1 Dipartimento ASSI Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di Corsico e

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA 2. Nuovo Progetto o Si X 3. Progetto già avviato o Si X 4. Se il Progetto dà continuità a servizi/strutture già attivati, indicare se amplia l ambito territoriale

Dettagli

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA Barletta, 16/02/05 8.24 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida Piano Sociale dell Ambito Distrettuale di Barletta Anni 2005 2007 Protocollo operativo

Dettagli

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE O GG E TTO : Rimodulazione del Fondo di solidarietà per la gravi disabilità rinominato "CONTRIBUTO DI SOLIDARIETA' PER LA RESIDENZIALITA' E SEMIRESIDENZIALITA (DISABILI, PAZIENTI PSICHIATRICI E PERSONE

Dettagli

Sarà premura, dell Associazione, di fornire le informazioni necessarie per accedere a tali fondi, non appena in possesso delle informazioni necessarie

Sarà premura, dell Associazione, di fornire le informazioni necessarie per accedere a tali fondi, non appena in possesso delle informazioni necessarie La Regione Lombardia in data 06 agosto 2008 con D.G.R.n. 8/7915 ha pubblicato il decreto relativamente a Determinazione in ordine al miglioramento quali-quantitativo dell assistenza garantita a persone

Dettagli

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PREMESSA Il presente bando disciplina l erogazione di buoni sociali finanziati attraverso Fondo Non Autosufficienze (FNA). Il Buono Sociale si

Dettagli

Percorsi di cura e assistenza tra ospedale e territorio: Il ruolo dei professionisti della sanità a supporto della conciliazione famiglia - lavoro

Percorsi di cura e assistenza tra ospedale e territorio: Il ruolo dei professionisti della sanità a supporto della conciliazione famiglia - lavoro Percorsi di cura e assistenza tra ospedale e territorio: Il ruolo dei professionisti della sanità a supporto della conciliazione famiglia - lavoro Nuove forme di presa in carico infermieristica per accogliere

Dettagli

Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino

Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Anno 2014-2015 Un Sistema qualità per l eccellenza socio-sanitaria I piani ed i documenti di governo del sistema

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 14 febbraio 2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni socio-sanitarie (in GU 6 giugno 2001, n. 129) IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO

Dettagli

DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE

DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE Legge regionale 19 marzo 2009, n. 7 (BUR n. 25/2009) DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE Art. 1 - Finalità.

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 Il Centro Diurno Assistenziale è una Struttura semiresidenziale socio assistenziale e sanitaria che assiste,

Dettagli

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali EROGATA DALLE STRUTTURE ORGANIZZATIVE COMPLESSE DI PSICOLOGIA, TERRITORIALI ED OSPEDALIERE, DEL S. S. N. E PER GLI INTERVENTI A FAVORE DELLO SVILUPPO DELL INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA. a cura di: Società

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 TARGET persone non autosufficienti di norma anziani, con esiti di patologie fisici, psichici, sensoriali e misti non curabili a domicilio MISSION

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN)

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN) C O M U N E D I P O G G I O R U S C O c. a. p. 46025 T e l. 0386 / 51001 PROVINCIA DI MANTOVA CAP 46025 - Piazza 1 Maggio, 5 SERVIZI SOCIALI P a r t. I V A 0040203 020 9 Fax 0386/733009 Codice Ente 10860

Dettagli

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI per servizio di ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA REVISIONI N. Descrizione Data 0 Redazione documento 20 giugno 2012 1 Pagina 6, modifica prima riga 15

Dettagli

COMUNITA' MONTANA DEL VELINO VI ZONA PROVINCIA DI RIETI

COMUNITA' MONTANA DEL VELINO VI ZONA PROVINCIA DI RIETI COMUNITA' MONTANA DEL VELINO VI ZONA PROVINCIA DI RIETI Via Roma 103-02019 POSTA (RI) - Tel 0746/ 951402-Fax 0746/ 951403-C.F. 80018100570-Web: www.velino.it - info@velino.it info@pec.velino.it A V V I

Dettagli

Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi

Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi Dott. Fortunato Rao, Direttore Generale Azienda ULSS 16, Regione del Veneto DECRETO LEGISLATIVO 6

Dettagli

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI Regione del Veneto Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO DISTRETTO SOCIO SANITARIO OSPEDALE DI COMUNITA VALDAGNO CARTA DEI SERVIZI 1 Presentazione dell Ospedale di Comunità: L Ospedale

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI E SOGGETTI SVANTAGGIATI

OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI E SOGGETTI SVANTAGGIATI OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI E SOGGETTI SVANTAGGIATI I L C O N S I G L I O C O M U N A L E PREMESSO che l assistenza domiciliare

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO E RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 17 del 22.3.1999 Comune di Cusano Milanino CENTRO DIURNO INTEGRATO REGOLAMENTO

Dettagli

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione Perchè L A.S.L. deve farsi carico dei costi sanitari derivanti dagli interventi assistenziali rivolti ad anziani non autosufficienti, pertanto si avvale della Commissione per avere una valutazione tecnica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLA FORMAZIONE CONTINUA PER L INTEGRAZONE SOCIO SANITARIA E LA CONTINUITA DEI PROCESSI ASSISTENZIALI, RIFERITE AGLI ANZIANI

PROGRAMMAZIONE DELLA FORMAZIONE CONTINUA PER L INTEGRAZONE SOCIO SANITARIA E LA CONTINUITA DEI PROCESSI ASSISTENZIALI, RIFERITE AGLI ANZIANI Allegato parte integrante Programmazione della formazione ASSESSORATO ALLA SALUTE E POLITICHE SOCIALI Organizzazione e Qualità delle sanitarie Ufficio formazione e sviluppo delle risorse umane PROGRAMMAZIONE

Dettagli

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 42/11 DEL 4.10.2006 PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO 1 - Introduzione Il programma Ritornare a casa è finalizzato

Dettagli

Alzheimer a casa: buone prassi per l assistenza domiciliare

Alzheimer a casa: buone prassi per l assistenza domiciliare Alzheimer a casa: buone prassi per l assistenza domiciliare Un contributo di A. Zaro (Direttore Generale), E. Maccianti (Direttore Sanitario), T.Bernacchi (Psicologo) e M. Mainini (Assistente Sociale),

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e l Unione delle Province d Italia UPI VISTI il

Dettagli

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso Maria Angela Becchi Taranto

Dettagli

Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila

Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila 1 DISTRETTO SOCIO SANITARIO D12 Adrano Biancavilla S.M. Licodia ASP 3 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Art. 1

Dettagli

ADI (Assistenza Domiciliare Integrata)

ADI (Assistenza Domiciliare Integrata) Università degli Studi di Foggia C.di L. nella Professione Sanitaria di INFERMIERE ADI (Assistenza Domiciliare Integrata) Dott. Cristiano Capurso Definizione L'Assistenza Domiciliare Integrata è una forma

Dettagli

I DCA 429/12 e 431/12: l omogeneità delle funzioni valutative su tutto il territorio regionale e gli strumenti della valutazione

I DCA 429/12 e 431/12: l omogeneità delle funzioni valutative su tutto il territorio regionale e gli strumenti della valutazione I DCA 429/12 e 431/12: l omogeneità delle funzioni valutative su tutto il territorio regionale e gli strumenti della valutazione Dott. Gianni Vicario - Laziosanità ASP Contesto ELEVATA COMPLESSITA ASSISTENZIALE

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia.

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia. Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Linee guida del Ministero della sanità 1 febbraio 1996 Gazzetta Ufficiale 20 febbraio 1996, n. 42 Linee guida in applicazione di quanto previsto nel Piano sanitario

Dettagli

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale «Da RSA a centro di servizi: una sfida da vincere» OSSERVATORIO SETTORIALE SULLE RSA 7 CONVEGNO ANNUALE RSA aperte al territorio nella prospettiva di Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia, Solidarietà

Dettagli

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 L'invalidità è la difficoltà a svolgere alcune funzioni tipiche della vita quotidiana o di relazione a causa di una menomazione o di un deficit fisico,

Dettagli

Carta dei Servizi ADI rev. 2 del 12.01.2015 - ADIvoucher pag. 1 di 7

Carta dei Servizi ADI rev. 2 del 12.01.2015 - ADIvoucher pag. 1 di 7 Struttura accreditata con le AASSLL di BERGAMO, BRESCIA, COMO, CREMONA, LECCO, LODI, MANTOVA, MILANO, MILANO 1, MILANO 2, MONZA e BRIANZA, PAVIA e VARESE per offrire il servizio di Assistenza Domiciliare

Dettagli

Linee guida per i diritti dei malati di cancro in Europa

Linee guida per i diritti dei malati di cancro in Europa LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI Linee guida per i diritti dei malati di cancro in Europa A cura della Rete europea per i diritti e i doveri dei pazienti e degli operatori sanitari della Association

Dettagli

Provenienza degli Ospiti Caratteristiche degli Ospiti Età

Provenienza degli Ospiti Caratteristiche degli Ospiti Età 1 La Fondazione Molina ha realizzato un Nucleo NeuroPsicoGeriatrico (NPG) per sostenere persone e famiglie verso le quali, allo stato attuale, non sono stati ancora organizzati servizi specifici da parte

Dettagli

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Lezione 8 Interventi socio assistenziali nell anziano Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri L invecchiamento

Dettagli

LA RIFORMA INPS SULL INVALIDITA CIVILE Brescia, 19.06.10 INVALIDITA CIVILE, HANDICAP E DISABILITA : DEFINIZIONI E ACCESSO AI DIRITTI

LA RIFORMA INPS SULL INVALIDITA CIVILE Brescia, 19.06.10 INVALIDITA CIVILE, HANDICAP E DISABILITA : DEFINIZIONI E ACCESSO AI DIRITTI BRESCIA onlus DESENZANO onlus VALLECAMONICA onlus LA RIFORMA INPS SULL INVALIDITA CIVILE Brescia, 19.06.10 INVALIDITA CIVILE, HANDICAP E DISABILITA : DEFINIZIONI E ACCESSO AI DIRITTI Simona Rapicavoli

Dettagli

Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA

Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA PREMESSA La Malattia di Alzheimer (MA) rappresenta un problema sanitario e sociale di primaria importanza

Dettagli

L innovazione dei servizi per la cura delle malattie croniche

L innovazione dei servizi per la cura delle malattie croniche Cooperativa Sociale Nòmos onlus Bagno a Ripoli, 2011 Convegno L evoluzione dei bisogni degli anziani: Le risposte dei servizi alle esigenze emergenti L innovazione dei servizi per la cura delle malattie

Dettagli

COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI

COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI (Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 43 in data 09/03/1995)

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

D.P.C.M. 14 febbraio 2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni socio-sanitarie. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

D.P.C.M. 14 febbraio 2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni socio-sanitarie. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Testo vigente alla data del 22 febbraio 2013 D.P.C.M. 14 febbraio 2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni socio-sanitarie. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l'art.

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

Problemi ancora aperti nella gestione del malato di Alzheimer

Problemi ancora aperti nella gestione del malato di Alzheimer Giornate Mediche Fiorentine Firenze, 2 3 dicembre 2011 Problemi ancora aperti nella gestione del malato di Alzheimer Manlio Matera Associazione Italiana Malattia di Alzheimer Atti di indirizzo della Regione

Dettagli

Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D.

Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D. Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D. (Approvato con Delibera Consiglio Comunale n. 11 del 22/01/08 ) Indice Art. 1 Definizione del servizio pag. 2 Art. 2 Finalità ed obiettivi pag. 2 Art. 3 Destinatari

Dettagli

Nota Esplicativa. Home Care Premium 2012. Home Care Premium 2012 Nota Esplicativa del 2 luglio 2013

Nota Esplicativa. Home Care Premium 2012. Home Care Premium 2012 Nota Esplicativa del 2 luglio 2013 1 Home Care Premium 2012 Nota Esplicativa 2 luglio 2013 2 Gentili Colleghi, sulla base delle richieste di chiarimento da parte degli utenti e degli Ambiti convenzionati si è proceduto con la pubblicazione

Dettagli

SERVIZIO DISTRETTUALE DI ASSISTENZA DOMICILARE INTEGRATA SOCIO SANITARIAPER LE PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI Esercizio finanziario 2009

SERVIZIO DISTRETTUALE DI ASSISTENZA DOMICILARE INTEGRATA SOCIO SANITARIAPER LE PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI Esercizio finanziario 2009 PIANO DISTRETTUALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO VT 4 Comune Capofila VETRALLA Esercizio Finanziario 2009 SERVIZIO DISTRETTUALE DI ASSISTENZA DOMICILARE INTEGRATA SOCIO SANITARIAPER

Dettagli

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Lecco 27 Febbraio 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI

Dettagli

Le politiche integrate per l accesso ai servizi socio-assistenziali e sanitari. Raffaella Vitale Direttore Politiche Sociali Regione Piemonte

Le politiche integrate per l accesso ai servizi socio-assistenziali e sanitari. Raffaella Vitale Direttore Politiche Sociali Regione Piemonte Le politiche integrate per l accesso ai servizi socio-assistenziali e sanitari Raffaella Vitale Direttore Politiche Sociali Regione Piemonte 1 Integrazione socio-sanitaria Per integrazione socio-sanitaria

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Delibera di Giunta - N.ro 2004/1016 - approvato il 31/5/2004 Oggetto: LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Prot. n. (SAM/03/27628) LA GIUNTA DELLA REGIONE

Dettagli

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer CARTA DEI SERVIZI INDICE 1. PREMESSA 2. PRINCIPI FONDAMENTALI 3. FINALITA DEL SERVIZIO 4. OBIETTIVO 5. DESTINATARI 6. ACCESSO AL SERVIZIO 7. ORARI DI APERTURA 8.

Dettagli

L assegno di cura: uno strumento dell integrazione socio sanitaria a supporto dell assistenza a domicilio per le persone non autosufficienti

L assegno di cura: uno strumento dell integrazione socio sanitaria a supporto dell assistenza a domicilio per le persone non autosufficienti L assegno di cura: uno strumento dell integrazione socio sanitaria a supporto dell assistenza a domicilio per le persone non autosufficienti Paola Maccani Direttore Integrazione socio sanitaria APSS Valeria

Dettagli

SERVIZI ALLA PERSONA THIENE ROMA PARMA CUNEO BARI TRENTO SASSARI UK POLAND CROATIA TURKEY

SERVIZI ALLA PERSONA THIENE ROMA PARMA CUNEO BARI TRENTO SASSARI UK POLAND CROATIA TURKEY SERVIZI ALLA PERSONA THIENE ROMA PARMA CUNEO BARI TRENTO SASSARI UK POLAND CROATIA TURKEY PRESENTAZIONE SERVIZI ALLA PERSONA Il nostro servizio è nell'impostare le attività dei nostri clienti in modo tale

Dettagli

L integrazione dell Operatore Socio Sanitario nel processo assistenziale Ruolo dell O.S.S nell ambito del piano assistenziale

L integrazione dell Operatore Socio Sanitario nel processo assistenziale Ruolo dell O.S.S nell ambito del piano assistenziale L integrazione dell Operatore Socio Sanitario nel processo assistenziale Ruolo dell O.S.S nell ambito del piano assistenziale Vito Petrara Principi di riferimento per l assistenza I principi di riferimento

Dettagli

L infermiere casemanager

L infermiere casemanager L infermiere casemanager Valentina Sangiorgi U.C.S.C. di Roma Policlinico Universitario A.Gemelli Firenze 29-11/1-12-2007 La riorganizzazione delle cure primarie e l integrazione del sistema L aumento

Dettagli

Corso La complessità in geriatria

Corso La complessità in geriatria Corso La complessità in geriatria Argomento La complessità dell assistenza domiciliare Materiale didattico Dott.ssa Fausta Podavitte Direttore del Dipartimento ASSI 11 marzo 2011 Dalle cure domiciliari

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA ASSOCIAZIONE ITALIANA FISIOTERAPISTI

PROTOCOLLO DI INTESA TRA ASSOCIAZIONE ITALIANA FISIOTERAPISTI PROTOCOLLO DI INTESA TRA ASSOCIAZIONE ITALIANA FISIOTERAPISTI E CITTADINANZATTIVA TRIBUNALE PER I DIRITTI DEL MALATO Premesso che: è convinzione comune delle parti che il servizio sanitario pubblico rappresenti

Dettagli

ATTIVITA SPECIALISTICA

ATTIVITA SPECIALISTICA Allegato A) Profilo di Ruolo del Direttore di Struttura complessa ATTIVITA SPECIALISTICA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO SUD Titolo dell incarico Direttore di struttura complessa di Attività Specialistica Luogo

Dettagli

Punto Unico di Accesso. Violetta Ferrari Emanuela Malagoli 17 Maggio 2012 Bologna

Punto Unico di Accesso. Violetta Ferrari Emanuela Malagoli 17 Maggio 2012 Bologna Punto Unico di Accesso Socio-SanitaroSanitaro nella provincia di Modena Violetta Ferrari Emanuela Malagoli 17 Maggio 2012 Bologna Il Punto Unico d'accesso Socio Sanitario (PUASS) è una modalità organizzativa

Dettagli

Catalogo Welfare. Attività formative e servizi

Catalogo Welfare. Attività formative e servizi Catalogo Welfare Attività formative e servizi Irecoop Emilia Romagna, in qualità di ente di formazione di emanazione di Confcooperative Emilia Romagna, dal 1979 sviluppa progetti di formazione a servizio

Dettagli

Titolo: La Rete Ligure di Cure Palliative

Titolo: La Rete Ligure di Cure Palliative Titolo: La Rete Ligure di Cure Palliative Partecipanti al gruppo di redazione: Massimo Costantini, Responsabile SC Coordinamento Regionale Cure Palliative, Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro,

Dettagli